FORI IMPERIALI, UNA MOBILITA NUOVA PER UNA NUOVA ROMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FORI IMPERIALI, UNA MOBILITA NUOVA PER UNA NUOVA ROMA"

Transcript

1 FORI IMPERIALI, UNA MOBILITA NUOVA PER UNA NUOVA ROMA Presentata oggi la proposta di riorganizzazione della viabilità nel quadrante del Colosseo elaborata dai tecnici di Rete Mobilità Nuova, Legambiente e #salvaiciclisti Pedonalizzazione da Piazza Venezia a via Labicana e una nuova Ztl dai Fori all Esquilino Trasformare l area nel laboratorio di una città a basso tasso di motorizzazione Chiediamo a Marino un incontro per elaborare insieme una road map della mobilità Fori Imperiali, pedonalizzazione, Roma. Queste tre parole chiave hanno introdotto, stamane, la presentazione del progetto di riorganizzazione della mobilità nell area del Colosseo elaborato dai tecnici di Rete Mobilità Nuova, coalizione di circa 200 associazioni nazionali e locali, Legambiente e #salvaiciclisti. All incontro hanno partecipato Alberto Fiorillo, portavoce nazionale di Rete Mobilità Nuova, Maurizio Gubbiotti, della segreteria nazionale di Legambiente, Valeria Pulieri, di #Salvaiciclisti. Sono intervenuti, fra gli altri, Carlo Carminucci, presidente dell Istituto di ricerche sui trasporti Isfort, e Lorenzo Bertuccio, direttore scientifico di Euromobility, l associazione nazionale dei mobility manager.

2 I Fori Imperiali, è stato subito sottolineato, partono da piazza Venezia ed è chiudendo al traffico anche il tratto di strada tra l Altare della Patria e largo Corrado Ricci che è possibile riconsegnare all area archeologica quella continuità oggi negata dal traffico. Inoltre bisogna evidenziare che il Colosseo non ha un lato A e un lato B. Dunque anche via di San Gregorio e l accesso al Palatino devono essere interessati da una riorganizzazione della mobilità. Pedonalizzazione. Pedonalizzare (o ciclopedonalizzare) vuol dire restituire il Colosseo e i Fori Imperiali all uso esclusivo di chi si sposta a piedi o in bicicletta. Una chiusura parziale (accompagnata da una lista più o meno lunga di deroghe) sicuramente alleggerirà il traffico, ma nello stesso tempo lascia che i Fori restino un arteria di transito per i veicoli a motore. Roma. L imminente riorganizzazione della mobilità intorno al Colosseo è stata finora affrontata concentrandosi esclusivamente sulla ricerca di un percorso alternativo per quegli autoveicoli che non potranno più attraversare i Fori. Una soluzione miope, che sposta il traffico da una parte all altra. Per Rete Mobilità Nuova, #Salvaiciclisti e Legambiente, al contrario, bisogna essere in grado di non guardare alle singole strade, ma riuscire ad avere una visione avanzata della città nel suo insieme. Serve in altre parole un piano più ambizioso teso a ridurre la pressione automobilistica in quel quadrante urbano e a ridisegnare la viabilità a misura di pedoni, ciclisti e utenti del trasporto pubblico che trasformi l intervento sui Fori nella prima tessera del mosaico di una nuova Roma, di una città che mette finalmente in campo le migliori soluzioni per garantire spostamenti sicuri, efficienti, moderni, puliti e migliorare la qualità del tessuto urbano e la qualità della vita per cittadini e turisti. Una città dove la domanda di mobilità viene soddisfatta dal trasporto pubblico, dai piedi e dalle biciclette e dove all auto privata è lasciata solo una quota residuale degli spostamenti. Apprezziamo lo spirito positivo che ha portato il sindaco Marino a mettere in campo e ad avviare in poco tempo un azione che Roma aspetta da anni hanno sottolineato Rete Mobilità Nuova, Legambiente e #Salvaiciclisti Così come è apprezzabile l impegno del primo cittadino ad arrivare in futuro a una completa pedonalizzazione. Pensiamo tuttavia che sia possibile realizzare già all inizio di settembre una serie di azioni che intervengano su tutta l area archeologica e sui quartieri circostanti e non solo sui 1000 metri di via dei Fori Imperiali. Nella convinzione che - una volta individuato con chiarezza l obiettivo di consegnare alla Capitale una dimensione europea liberandola dalla schiavitù dell auto e dell ingorgo - sarà possibile estendere dal Colosseo all intera città la visione di una città nuova, in grado di immaginarsi e di diventare radicalmente diversa rispetto al centro urbano caotico e inefficiente col quale tutti sono quotidianamente costretti a fare i conti. Di questi temi vorremmo ragionare insieme a Marino, in un incontro che serva soprattutto a definire con precisione la tipologia, le scadenza temporali e la qualità degli interventi futuri.

3 La proposta. La proposta presentata stamane, realizzata sotto la supervisione dell architetto Matteo Dondé, prevede l attivazione di una nuova Zona a traffico limitato racchiusa entro i confini segnati da via Cavour, piazza dell Esquilino, via Merulana, via Labicana dove introdurre da subito la moderazione della velocità (30kmh) per dar vita a uno standard replicabile dove lo spostamento umano sia privilegiato rispetto a quello motorizzato. Un nuovo modello di Ztl che consenta davvero l accesso soltanto ai residenti, ai mezzi pubblici e ai mezzi di soccorso, in funzione 24 ore su 24, fatta salva una piccola finestra oraria per il carico e lo scarico delle merci. Il progetto, le relative infrastrutture e la messa a regime della Ztl Colosseo potrebbero e dovrebbero essere completati entro la fine dell anno. Nello stesso periodo si deve definire la road map per la completa pedonalizzazione di via dei Fori Imperiali, da piazza Venezia a via Labicana, sottraendo inoltre una carreggiata a via San Gregorio (quella lato Palatino) e trasformando l altra carreggiata in una strada a priorità pedonale (con limite di velocità a 20kmh). Diventa così possibile proporre la completa trasformazione di via Labicana, lasciando al traffico privato (ridotto) la corsia sud in direzione Merulana e trasformando la corsia nord in un percorso ciclabile bidirezionale, una vera e propria ciclovia, un asse portante che consenta il collegamento diretto e senza dislivelli, tra la zona Termini/Porta Maggiore e p.za Venezia/centro. L intervento, realizzabile in tempi brevi e a costi contenuti, prevede inoltre la necessaria eliminazione della sosta esistente nel tratto nord di via Labicana. Come ci insegnano le migliori esperienze europee, non è possibile riqualificare gli spazi pubblici, incentivare la mobilità ciclistica e pedonale, favorire il trasporto pubblico ed aumentare la sicurezza delle strade senza puntare alla riduzione dell uso del mezzo privato, senza ridurre gli spazi a disposizione delle automobili. Intervenire su via dei Fori Imperiali senza un ragionamento complessivo sulla riqualificazione generale dell intera area, valutando semplicemente lo spostamento degli attuali flussi, significa spostare il problema del traffico nelle vie limitrofe, significa non avere spazi da mettere a disposizione di pedoni e ciclisti, significa perdere l occasione di ragionare sulla vera e propria riqualificazione delle aree pubbliche, sulla redistribuzione delle risorse per soddisfare tutte le modalità di spostamento senza privilegiare ancora una volta il solo veicolo privato.

4 Nelle immagini il lato sud di via Labicana prima e dopo. Questa carreggiata diventa a priorità pedonale, l altra diventa corsia ciclabile Via dei Fori Imperiali, la lunga strada della pedonalizzazione Parte da lontano la proposta di pedonalizzare l area dei Fori, ma non ha mai fatto molta strada. I primi ad avanzarla furono 35 anni fa quattro grandi intellettuali: Giulio Carlo Argan, sindaco dal 1976 al 1978, Leonardo Benevolo, Adriano La Regina, Antonio Cederna. Scriveva Cederna nel 1979: E assolutamente necessario eliminare il traffico dal centro archeologico di Roma, e costituire una spina verde che dal Colosseo a dall Arco di Costantino si spinga fin verso piazza Venezia. E il sindaco Luigi Petroselli a cercare di tradurre in realtà la proposta degli intellettuali. E il 30 dicembre 1980 la Giunta comunale capitolina approva il nuovo assetto stradale dell area dei Fori Imperiali, vietando la circolazione delle automobili a ridosso del Colosseo e istituendo un isola pedonale. Anzi, la prima isola pedonale urbana italiana. Questa iniziativa, spiegava il Campidoglio, si inserisce in un più vasto programma del Comune che prevede la chiusura domenicale del primo tratto di via dei Fori Imperiali tra Piazza Venezia e Largo Corrado Ricci e, in prospettiva, la chiusura definitiva dello stesso tratto. Ciò consentirebbe di eseguire gli scavi progettati che dovrebbero portare alla luce altri quattro degli antichi Fori Romani formando, senza soluzione di continuità, il vagheggiato Parco Archeologico che si estenderà dal Campidoglio fino a tutto il Colosseo e l Arco di Costantino. Petroselli istituisce anche una Commissione Fori composta dai Soprintendenti nazionale e romano alle Belle Arti, da ingegneri e tecnici del traffico, che ha il compito di presentare la migliore soluzione progettuale per la totale pedonalizzazione dell area. Partiamo in questa operazione da una situazione di emergenza dovuta ai gas di scarico degli automezzi e alle vibrazioni causate dal traffico, diceva il sindaco Petroselli. Una situazione di allarme gettato da fonti autorevoli sul destino del patrimonio archeologico e storico di Roma, un patrimonio della cultura del mondo intero. Abbiamo la responsabilità della sua conservazione, di fare tutto quanto è possibile per bloccare un processo di degrado che, in pochi decenni, potrebbe distruggere quanto si è conservato per secoli. Nel futuro parco archeologico e in quest isola pedonale i romani potranno trovare un momento di ricerca e di approfondimento culturale, di incontro in una dimensione più umana di quanto consente normalmente una moderna grande città. La morte di Petroselli raffreddò l entusiasmo iniziale e gli ambiziosi progetti illustrati alla città all inizio del In seguito nessun altro primo cittadino è stato in grado di raccogliere il suo testimone portando a compimento l ampliamento dell originaria isola pedonale e il vagheggiato Parco Archeologico. Le promesse dei sindaci capitolini, però, non sono mai mancate. Francesco Rutelli (che nel 1992 da esponente dei Verdi sottolineava la follia di non pedonalizzare immediatamente il Colosseo), una volta diventato sindaco lancia nel 1994 l isola pedonale domenicale annunciando che sarebbe stata propedeutica alla definitiva chiusura al traffico dell area. Due mandati, però, non bastano a Rutelli per trasformare l esperimento in qualcosa di più. Nel 2001 il candidato al Campidoglio è Walter Veltroni: Chiudere al traffico via dei Fori Imperiali da metà luglio a fine agosto dice Veltroni nel 2001 sarà il primo passo verso la completa pedonalizzazione della via. Ma niente da fare nemmeno con lui. E allora è la volta di Alemanno, che non ha la minima intenzione di chiudere i Fori però ha in mente un Colosseo diverso: Mi impegno a rimuovere la vergogna dei

5 tubi innocenti sul Colosseo e a evitare che un suq lo circondi. Inutile dire che il suq e i tubi innocenti sono ancora lì

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU (redatto il 4 dicembre 2014) 1 SINTESI... 1 2 IL PGTU... 1 2.1 IL PGTU IN BREVE... 2 2.2 LE 6 AREE DI ROMA...

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 «Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 Our streets, our choice Ovvero «Le nostre strade, la nostra scelta»: lo slogan scelto quest'anno per la Settimana della Mobilità

Dettagli

proposta per Le forme della Riqualificazione

proposta per Le forme della Riqualificazione proposta per In Urbe Le forme della Riqualificazione 20 anni di esperienza per 10 milioni di mq costruiti. In questa unica frase si racchiude la chiave del successo di Vibrotek, azienda specializzata nella

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

Matteo Dondé Architetto 06/02/2014

Matteo Dondé Architetto 06/02/2014 «La bicicletta è il veicolo più rapido nella via della delinquenza perchè la passione del pedale trascina al furto, alla truffa, alla grassazione!» Cesare Lombroso Nuova città mobile senz auto? Per raggiungere

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DEL TRAFFICO DELL AREA CENTRALE

PIANO ESECUTIVO DEL TRAFFICO DELL AREA CENTRALE PIANO ESECUTIVO DEL TRAFFICO DELL AREA CENTRALE Torino, 6 aprile 2004 PUT 2001 Il nuovo Piano Urbano dei Traffico (P.U.T. 2001), approvato dal Consiglio Comunale il 19.06.2002, ha previsto nel documento

Dettagli

RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano

RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano prima edizione gennaio 2006 ultimo aggiornamento 14-06-2011 1 La mobilità ciclistica Tutti, a ragione, ritengono che l

Dettagli

COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA

COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA OGGETTO: Proposta di riqualificazione di Piazza S.Maria dei Battuti. Treviso, 17.06.2015 Visto quanto previsto dal Programma integrato di

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. I tipi spaziali di mobilità

Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. I tipi spaziali di mobilità Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. Ancona, capoluogo delle Marche, ha un estensione territoriale di 125,60 Kmq. con 102.816 abitanti. La sua parte

Dettagli

Cagliari e la pedonalizzazione dei quartieri storici

Cagliari e la pedonalizzazione dei quartieri storici 1 Cagliari e la pedonalizzazione dei quartieri storici Le opinioni dei cagliaritani e gli effetti della pedonalizzazione di Marina e Villanova in una prospettiva multitarget Modulo popolazione Cagliari,

Dettagli

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO Popolazione/Inhabitants 1,800,000 1,700,000 1,600,000 1,500,000 1,400,000 1,300,000 1,200,000 1,100,000 1,000,000 Residenti a Milano

Dettagli

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale A. PARTE DESCRITTIVA Si richiede la conferma / aggiornamento dei dati riportati nelle analoghe caselle della scheda di

Dettagli

Percorsi Palermo. microinterventi di ricucitura del tessuto urbano. risultati del questionario. arch. Michelangelo Pavia.

Percorsi Palermo. microinterventi di ricucitura del tessuto urbano. risultati del questionario. arch. Michelangelo Pavia. Percorsi Palermo microinterventi di ricucitura del tessuto urbano Pedonalizzare il centro storico di Palermo: cosa ne pensi? risultati del questionario arch. Michelangelo Pavia febbraio 2013 spazio al

Dettagli

Il disegno di legge per una mobilità nuova

Il disegno di legge per una mobilità nuova Il disegno di legge per una mobilità nuova Dopo l incredibile giornata di sabato 4 Maggio, che ha visto le strade di Milano invase da decine di migliaia di persone a piedi e in bici, oggi vi presentiamo

Dettagli

INTERVENTI DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO e MOBILITÀ CICLISTICA

INTERVENTI DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO e MOBILITÀ CICLISTICA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE INTERVENTI DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO e MOBILITÀ CICLISTICA Visione d insieme Nelle aree residenziali con poco traffico lo spazio

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici

Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Quartieri liberi dalle auto, Città amiche dei pedoni e della bici Maria Berrini, Presidente AMBIENTE ITALIA Consigliere dell Ordine degli Architetti di Milano e Provincia Membro del Consiglio di Indirizzo

Dettagli

Pedonalizzazione di Via dei Fori Imperiali

Pedonalizzazione di Via dei Fori Imperiali Pedonalizzazione di Via dei Fori Imperiali Al fine di definire ogni intervento, minimale o di ampio respiro, orientato alla pedonalizzazione dell area del Colosseo e specificamente a Via dei Fori Imperiali,

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia PREMESSA Il tema della mobilità sostenibile è divenuto ormai oggetto quotidiano di confronto e di impegno istituzionale. Il Nuovo Codice della

Dettagli

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi.

Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico. Piazza verdi Progetto degli arredi. Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città U.i. Tutela e Gestione del Centro Storico Piazza verdi Progetto degli arredi Relazione PIAZZA VERDI: UTILIZZAZIONE, TUTELA E ARREDO Descrizione tecnica

Dettagli

I p ri r n i ci c p i alil iri r f i l f e l s e si idel e llib i ro r bia i nco c o sullla l mob o iliilt i à re r g e io i n o ale l, e,

I p ri r n i ci c p i alil iri r f i l f e l s e si idel e llib i ro r bia i nco c o sullla l mob o iliilt i à re r g e io i n o ale l, e, I principali riflessi del Libro bianco sulla mobilità regionale, locale e urbana in Italia Carlo Carminucci, Isfort Roma, 17 giugno 2011 Dove eravamo rimasti: la mobilità locale nella programmazione europea.

Dettagli

Il traffico privato strangola la Capitale, rumore sempre oltre i limiti

Il traffico privato strangola la Capitale, rumore sempre oltre i limiti Roma, 7 marzo 2014 Comunicato stampa Il traffico privato strangola la Capitale, rumore sempre oltre i limiti Nei tre giorni di monitoraggio a Corso Sempione il Pm10 è nei limiti solo grazie a pioggia e

Dettagli

Verso la città relazionale: ripensare le strade per una Mobilità Nuova

Verso la città relazionale: ripensare le strade per una Mobilità Nuova Verso la città relazionale: ripensare le strade per una Mobilità Nuova Che cos'è lo spazio pubblico? Lo spazio pubblico è un luogo fisico caratterizzato da un uso sociale collettivo ove chiunque ha il

Dettagli

Pedoni, Pedali e Pendolari al centro delle politiche urbane per la Mobilità Nuova

Pedoni, Pedali e Pendolari al centro delle politiche urbane per la Mobilità Nuova STATI GENERALI DELLA MOBILITA NUOVA A Bologna la seconda edizione della tre-giorni nazionale, per rimettere al centro delle politiche urbane la mobilità di pedoni, ciclisti e utenti del trasporto pubblico,

Dettagli

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile

Costruiamo insieme la città di domani. Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Costruiamo insieme la città di domani Servizi e innovazione per favorire la mobilità sostenibile Chi è SABA Il mondo del parcheggio, in mani esperte Siamo una grande realtà nel settore dei parcheggi pubblici

Dettagli

STATI GENERALI DELLA MOBILITA NUOVA. Quadro conoscitivo

STATI GENERALI DELLA MOBILITA NUOVA. Quadro conoscitivo STATI GENERALI DELLA MOBILITA NUOVA Quadro conoscitivo BOLOGNA 10-11-12 aprile 2015 A Bologna la seconda edizione della tre-giorni nazionale, per rimettere al centro delle politiche urbane la mobilità

Dettagli

Manifesto per la Mobilità Nuova a Perugia

Manifesto per la Mobilità Nuova a Perugia 1/6 Forum Nuova Mobilità Umbria, Salviamo il Paesaggio Perugia, Legambiente Umbria, ACU Umbria, Unione Nazionale Consumatori, Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada, Monimbò Bottega del

Dettagli

PISTOIA ED IL COMMERCIO

PISTOIA ED IL COMMERCIO Pistoia PISTOIA ED IL COMMERCIO FAR VIVERE E RILANCIARE IL COMMERCIO NEL CENTRO STORICO È NECESSARIO UN ACCORDO CONDIVISO Pistoia Confesercenti ha dimostrato di avere a cuore il commercio del centro storico.

Dettagli

LA MOBILITÀ ROMANA TRA PATOLOGIA URBANISTICA, E CURA DELL ACCESSIBILITÀ

LA MOBILITÀ ROMANA TRA PATOLOGIA URBANISTICA, E CURA DELL ACCESSIBILITÀ Federico Tomassi economista, lavora presso il Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica del ministero dello Sviluppo economico LA MOBILITÀ ROMANA TRA PATOLOGIA URBANISTICA, Il governo della

Dettagli

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag.

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag. Una visione di città, per essere completa, non può tralasciare tutto ciò che riguarda il tema dei trasporti. Gli spostamenti, infatti, sono alla base della moderna vita sociale e di relazione, ci spostiamo

Dettagli

Dom. c) Per muoversi in città quale mezzo utilizza principalmente? L auto La moto/ il motorino I mezzi pubblici La bici Va a piedi Altro

Dom. c) Per muoversi in città quale mezzo utilizza principalmente? L auto La moto/ il motorino I mezzi pubblici La bici Va a piedi Altro Dom. a) L area in cui risiede è: Nel centro storico In centro città ma non nel centro storico In altri quartieri Dom. b) Nell area in cui risiede, attualmente: C'è una ZTL (zona a traffico limitato) Non

Dettagli

Scheda n. 09 DISSUASORI ELETTRONICI DI VELOCITA

Scheda n. 09 DISSUASORI ELETTRONICI DI VELOCITA PROVINCIA DI TORINO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Progetto Strade più belle e sicure Scheda n. 09 DISSUASORI ELETTRONICI DI VELOCITA Descrizione e caratteristiche

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

Primo Incontro di ascolto in Zona 2

Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Primo Incontro di ascolto in Zona 2 Cascina Cattabrega,via Trasimeno 49 20 luglio 2015 All incontro hanno preso parte 36 persone. I partecipanti sono stati 25

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

Tesi Sistema di monitoraggio e condivisione delle problematiche legate alla ciclo-mobilità urbana

Tesi Sistema di monitoraggio e condivisione delle problematiche legate alla ciclo-mobilità urbana Università IUAV di Venezia Facoltà di Pianificazione del Territorio Laurea magistrale in Sistemi Informativi Territoriali e Telerilevamento Tesi Sistema di monitoraggio e condivisione delle problematiche

Dettagli

PROPOSTA PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA MERCATO VECCHIO

PROPOSTA PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA MERCATO VECCHIO PROPOSTA PER LA RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA MERCATO VECCHIO PRESIDENTE Nell analizzare le criticità e le potenzialità per una riqualificazione del centro antico di Fasano, l associazione ha fatto emergere

Dettagli

Progettazione della circolazione urbana

Progettazione della circolazione urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

La mobilità sostenibile ha fatto strada. > Percorsi europei per la mobilità sostenibile - Torino 25-26 Febbraio 2009

La mobilità sostenibile ha fatto strada. > Percorsi europei per la mobilità sostenibile - Torino 25-26 Febbraio 2009 La mobilità sostenibile ha fatto strada > Percorsi europei per la mobilità sostenibile - Torino 25-26 Febbraio 2009 La S.V. è invitata a Percorsi Europei per la Mobilità Sostenibile Torino, 25-26 febbraio

Dettagli

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO Inaugurazione 17 settembre 2009 Inizio lavori 28 gennaio 2008 Inaugurazione 17 settembre 2009 Importo contrattuale 10.800.000 Stazione appaltante:

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno Sintesi degli incontri di ascolto di Zona 4 Molise Calvairate, Ortomercato Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno spazio di aggregazione, di promozione culturale e di documentazione,

Dettagli

Pedoni, Pedali e Pendolari al centro delle politiche urbane e del turismo sostenibile per la Mobilità Nuova

Pedoni, Pedali e Pendolari al centro delle politiche urbane e del turismo sostenibile per la Mobilità Nuova STATI GENERALI DELLA MOBILITÀ NUOVA 2015 A Bologna la seconda edizione della tre-giorni nazionale, per rimettere al centro delle politiche urbane la mobilità di pedoni, ciclisti e utenti del trasporto

Dettagli

AMI Agenzia Mobilità Impianti FERRARA

AMI Agenzia Mobilità Impianti FERRARA AMI Agenzia Mobilità Impianti FERRARA Ferrara Mobility and Equipment Agency Alcuni elementi della politica della mobilità di Burgos in Spagna GUTS Benchmark Visit, Burgos, Spagna 22 nd -23 rd of November

Dettagli

Materiali Didattici «Mobilità sostenibile» MATERIALI DI APPROFONDIMENTO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Materiali Didattici «Mobilità sostenibile» MATERIALI DI APPROFONDIMENTO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Materiali Didattici «Mobilità sostenibile» MATERIALI DI APPROFONDIMENTO GREEN JOBS Formazione e Orientamento Libro Bianco. Tabella di marcia verso uno spazio unico europeo dei trasporti- Per una politica

Dettagli

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini

Motilità Elettrica l energia che sposta le persone. Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità Elettrica l energia che sposta le persone Comune di Cento Assessorato all Ambiente 5 maggio 2013 Palazzo Panini Motilità ecologica? L automazione elettrica delocalizza l inquinamento? polveri

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche)

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI IDROLOGICHE, IDRAULICHE, GEOTECNICHE, SISMICHE E ARCHEOLOGICHE

Dettagli

Claudio Masi Direttore Agenzia Milanese Mobilità Ambiente

Claudio Masi Direttore Agenzia Milanese Mobilità Ambiente Intervento Claudio Masi Direttore Agenzia Milanese Mobilità Ambiente Convegno LA GESTIONE DELLA MOBILITA NELLA CITTA METROPOLITANA: PROPOSTE, PROGETTI E RISORSE PER MILANO Sala Conferenze Camera di Commercio

Dettagli

Il nuovo Piano del Traffico di Trieste. Auditorium del Museo Revoltella Trieste, 18 luglio 2013

Il nuovo Piano del Traffico di Trieste. Auditorium del Museo Revoltella Trieste, 18 luglio 2013 Il nuovo Piano del Traffico di Trieste Auditorium del Museo Revoltella Trieste, 18 luglio 2013 Il Percorso di Piano Un piano partecipato Approvazione della Bozza di Piano Febbraio 2012 Fase di partecipazione

Dettagli

Ciclabilità teoria e tecnica

Ciclabilità teoria e tecnica City Ferrara 22 ottobre 2010 Ciclabilità teoria e tecnica Ing. Marco Passigato Mobility Manager dell Università degli studi di Verona Consigliere nazionale Federazione Italiana Amici della Bicicletta www://marco.passigato.free.fr

Dettagli

IL VERO DEGRADO E IL TRAFFICO, ANCHE NEL SALOTTO BUONO DI FIRENZE.

IL VERO DEGRADO E IL TRAFFICO, ANCHE NEL SALOTTO BUONO DI FIRENZE. IL VERO DEGRADO E IL TRAFFICO, ANCHE NEL SALOTTO BUONO DI FIRENZE. A rischio e senza regole piazza Duomo, via Martelli, via Tornabuoni, via della Vigna Nuova e la stessa ZTL più grande e più colabrodo

Dettagli

Treno Verde 2013. L auto slow vince l inedito Trofeo 30 e lode. Legambiente lancia l appello per l introduzione del limite 30 km/h in città

Treno Verde 2013. L auto slow vince l inedito Trofeo 30 e lode. Legambiente lancia l appello per l introduzione del limite 30 km/h in città Comunicato Stampa Treno Verde 2013 L auto slow vince l inedito Trofeo 30 e lode Legambiente lancia l appello per l introduzione del limite 30 km/h in città Limiti di velocità sistematicamente violati a

Dettagli

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1

STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali STUDENTI DELL UNIVERSITA DI PAVIA: LE RISPOSTE APERTE AL QUESTIONARIO SPOSTAMENTI CASA-UNIVERSITA 1 Sabrina Spaghi Università

Dettagli

LIFE BETWEEN BUILDINGS La dimensione Giuseppe Caldarola

LIFE BETWEEN BUILDINGS La dimensione Giuseppe Caldarola Università IUAV di Venezia LIFE BETWEEN BUILDINGS La dimensione Giuseppe Caldarola sociale dei luoghi Jan Gehl pubblica per la prima volta il testo Life Between Buildings nel 1971. In esso suggerisce un

Dettagli

L ATTEGGIAMENTO DEGLI ITALIANI RISPETTO ALL INQUINAMENTO AMBIENTALE

L ATTEGGIAMENTO DEGLI ITALIANI RISPETTO ALL INQUINAMENTO AMBIENTALE L ATTEGGIAMENTO DEGLI ITALIANI RISPETTO ALL INQUINAMENTO AMBIENTALE CAUSATO DAL TRAFFICO Fig. 1 - La percezione rispetto all inquinamento (Fonte: ISPO) VOTI MEDI 8,2 7,9 7,3 7,2 7,1 7,1 7,0 6,9 44 SONDAGGIO

Dettagli

COMITATO TERRITORIALE MODENA VERSO LE AMMINISTRATIVE 2014. IDEE, RICHIESTE, PROPOSTE DI UISP MODENA

COMITATO TERRITORIALE MODENA VERSO LE AMMINISTRATIVE 2014. IDEE, RICHIESTE, PROPOSTE DI UISP MODENA COMITATO TERRITORIALE MODENA VERSO LE AMMINISTRATIVE 2014. IDEE, RICHIESTE, PROPOSTE DI UISP MODENA L iniziativa degli enti locali, i loro programmi, le modalità del loro rapporto con l associazionismo

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA Allegato A COMUNE DI TREVISO PROTOCOLLO DI INTESA tra Comune di Treviso e Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A., Rete Ferroviaria Italiana S.p.A., Trenitalia S.p.A., FS Logistica S.p.A., FS Sistemi Urbani

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

Progettazione della mobilità urbana

Progettazione della mobilità urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma. La nostra città mi piace molto, ma negli ultimi

Dettagli

Provvedimenti di adozione e approvazione:

Provvedimenti di adozione e approvazione: Provvedimenti di adozione e approvazione: Delibera n.161 d'ordine della GIUNTA COMUNALE assunta nella seduta del 12 marzo 2002, pubblicata all'albo Pretorio per quindici giorni consecutivi dal 18/03/2002

Dettagli

PIANO di GOVERNO del TERRITORIO

PIANO di GOVERNO del TERRITORIO Comune di Albairate Comune di Albairate via C. Battisti 2-20080 Albairate (MI) Ufficio Tecnico: tel. 02/94.981.326 fax 02/94.981.324 e-mail: sportello.utc@comune.albairate.mi.it PIANO di GOVERNO del TERRITORIO

Dettagli

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE Tabella A. area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistente pendolarismo caratterizzato da uno scarso uso del mezzo pubblico (gli

Dettagli

COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE

COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE Comune di Piacenza Direzione Operativa Riqualificazione e Sviluppo del Territorio Servizio Manutenzione Controllo Ordinanza n 184 del 06/03/2013 OGGETTO: disciplina della circolazione stradale all interno

Dettagli

RELAZIONE ARTICOLATA

RELAZIONE ARTICOLATA Il presente DDL persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di accessibilità e di mobilità nelle aree urbane del territorio ligure e a tal fine, detta disposizioni per la definizione e il finanziamento

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

PIANO AREE PEDONALI E Z.T.L.

PIANO AREE PEDONALI E Z.T.L. COMUNE DI TERMOLI Provincia di Campobasso REGIONE MOLISE SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE PIANO AREE PEDONALI E Z.T.L. VIABILITA CENTRO CITTADINO SISTEMAZIONE PARCHEGGI RELAZIONE DATA MARZO 2007 REDAZIONE

Dettagli

Programma Urbano Mobilità

Programma Urbano Mobilità Programma Urbano Mobilità Interventi 2004-2006 Parte 3 GRADAZIONE PRIORITA La graduazione delle priorità! La sintesi tra l analisi della situazione attuale della mobilità, le sue necessità di incremento

Dettagli

Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale

Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale Ing. Enrico Chiarini Premessa Questo documento, redatto in forma personale, raccoglie alcune richieste di parere e alcune richieste di chiarimento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

Muoversi in città Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia

Muoversi in città Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia Muoversi in città Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia di Anna Donati e Francesco Petracchini Prefazione di Gianni Silvestrini e postfazione di Maria Rosa Vittadini INDICE Prefazione. Di

Dettagli

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI 3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI Per descrivere lo stato attuale del sistema della mobilità è stata predisposta una banca dati che ha sistematizzato su supporti informatici condivisi tutte le informazioni

Dettagli

Cerca. pensieri a 18 kmh. bicisnob. chi sono L Automobilista è Cattivo La Bici Perfetta. 24 apr

Cerca. pensieri a 18 kmh. bicisnob. chi sono L Automobilista è Cattivo La Bici Perfetta. 24 apr 1 di 18 26/04/2011 11.44 pensieri a 18 kmh Cerca Search... Cerca bicisnob chi sono L Automobilista è Cattivo La Bici Perfetta 24 apr La prova provata che le piste ciclabili le progettano automobilisti-sindaci

Dettagli

OSSERVAZIONE AL PIANO URBANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE DI MILANO

OSSERVAZIONE AL PIANO URBANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE DI MILANO OSSERVAZIONE AL PIANO URBANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE DI MILANO CIRCOLO ARCOBALENO LEGAMBIENTE 20/04/2015 OSSERVAZIONI AL PUMS DELLA CITTA DI MILANO Il Circolo Arcobaleno di Legambiente, con sede a Melegnano

Dettagli

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020 ELEZIONI COMUNALI DI CIVIDALE DEL FRIULI DOMENICA 31 MAGGIO 2015 Candidato Sindaco: MASSIMO MARTINA Liste a sostegno: Partito Democratico Cittadini per Massimo Martina Sindaco Alternativa Libera Cividale

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9.

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 2. Casa delle Associazioni, via Miramare 9. Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 2 Casa delle Associazioni, via Miramare 9 16 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della zona 2 ha avuto

Dettagli

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti Negli ultimi anni i livelli di traffico e di inquinamento atmosferico registrati a Cuneo hanno indotto istituzioni e cittadini all adozione di nuove e più sostenibili modalità di spostamento. Il Comune

Dettagli

Proposte della CNA Rieti per la valorizzazione e la viabilità del centro storico

Proposte della CNA Rieti per la valorizzazione e la viabilità del centro storico Rieti Associazione Provinciale 02100 Rieti P.zza Cavour, 54 Tel. (0746) 251082 Fax (0746) 498598 E-Mail: cna.rieti@tiscali.it www.cnarieti.it Proposte della CNA Rieti per la valorizzazione e la viabilità

Dettagli

Comune di Ceggia. Parco della MEMORIA. Analisi dei siti proposti. Dott. Stefano Roman - Paesaggista Società Terra

Comune di Ceggia. Parco della MEMORIA. Analisi dei siti proposti. Dott. Stefano Roman - Paesaggista Società Terra Comune di Ceggia arco della MEMORIA Analisi dei siti proposti Dott. Stefano Roman - aesaggista Società Terra 05 ottobre 2012 Simbologia Come spesso si è avuto modo di sottolineare, il progetto arco della

Dettagli

ALCUNI ESEMPI DI DOPPIO PIO SENSO DI MARCIA PER LE BICI IN VIE A SENSO UNICO, O IN INTERE ZONE A CICLABILITÀ DIFFUSA. In Italia e in Europa

ALCUNI ESEMPI DI DOPPIO PIO SENSO DI MARCIA PER LE BICI IN VIE A SENSO UNICO, O IN INTERE ZONE A CICLABILITÀ DIFFUSA. In Italia e in Europa ALCUNI ESEMPI DI DOPPIO PIO SENSO DI MARCIA PER LE BICI IN VIE A SENSO UNICO, O IN INTERE ZONE A CICLABILITÀ DIFFUSA In Italia e in Europa In tutta Europa esistono aree delle città, come i centri storici

Dettagli

Indagine sulle principali 50 città

Indagine sulle principali 50 città Indagine sulle principali 50 città Lorenzo Bertuccio Direttore Scientifico Euromobility Gruppo di lavoro: Emanuela Cafarelli Marianna Rossetti L indagine prende in considerazione 50 Comuni: - tutti i capoluoghi

Dettagli

0. Premessa..pag. 2. 1. Situazione attuale e di progetto della viabilità all interno del territorio comunale.pag. 4. 2. Il quadro delle azioni..pag.

0. Premessa..pag. 2. 1. Situazione attuale e di progetto della viabilità all interno del territorio comunale.pag. 4. 2. Il quadro delle azioni..pag. 1 Indice dati generali: 0. Premessa..pag. 2 1. Situazione attuale e di progetto della viabilità all interno del territorio comunale.pag. 4 2. Il quadro delle azioni..pag. 9 3. Verifiche percorrenze e generazione

Dettagli

1.5. Il centro storico 1.5.1. Un ambito urbano di pregio La ristretta fascia compresa fra la SP342dir. e la linea ferroviaria Carnate-Lecco è occupata dal centro storico, impostato sull unico asse viario

Dettagli

Piano Generale del Traffico Urbano Diagnosi e strategie del Piano Progetto di Massima

Piano Generale del Traffico Urbano Diagnosi e strategie del Piano Progetto di Massima Comune di Busto Garolfo (Provincia di Milano) PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO Progetto di Massima π marzo 2008 POLINOMIA Comune di Busto Garolfo (Provincia di Milano) Piano Generale del Traffico Urbano

Dettagli

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo European Mobility Week Palermo 16/22 settembre Mobilità sostenibile a Palermo A A sampler (of benzene level) in a central street: Via Roma Zone a traffico limitato ZTL A = auto Euro 3 and Euro 4 e mezzi

Dettagli

Mobilità Sostenibile. Salute = Ing. Marco Passigato Verona 26/02/2013

Mobilità Sostenibile. Salute = Ing. Marco Passigato Verona 26/02/2013 Pianificare e promuovere la ciclabilità urbana, piste ciclabili e moderazione del traffico Ing. Marco Passigato Mobility Manager dell Università degli studi di Verona Consigliere nazionale Federazione

Dettagli

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2.1. Un processo graduale La messa in atto di un sistema di monitoraggio, quale quello sinteticamente delineato nel capitolo precedente, richiede un cambiamento

Dettagli

Città di Novi Ligure. ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 104 del 15/10/2010

Città di Novi Ligure. ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 104 del 15/10/2010 Sett. 7 - Polizia Municipale Ufficio proponente: Viabilità Proposta n. 153 del 15/10/2010 Città di Novi Ligure ORDINANZA DIRIGENZIALE N. 104 del 15/10/2010 Oggetto: CENTRO STORICO NORME VIABILI SPERIMENTALI

Dettagli

Il Coordinamento d Area dei Mobility Manager Aziendali e le attività del Comune di Catania

Il Coordinamento d Area dei Mobility Manager Aziendali e le attività del Comune di Catania Il Coordinamento d Area dei Mobility Manager Aziendali e le attività del Comune di Catania Il Mobility Management è un approccio ai problemi della mobilità; non si occupa della modifica della rete stradale

Dettagli

Progetto di introduzione nelle scuole superiori della figura del mobility manager studentesco

Progetto di introduzione nelle scuole superiori della figura del mobility manager studentesco Progetto di introduzione nelle scuole superiori della figura del mobility manager studentesco Ipotesi di lavoro Un progetto di Legambiente, Euromobility, Fiab e movimento #salvaiciclisti Presentazione

Dettagli