ALLEGATO A 1 - PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEI TERRENI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO A 1 - PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEI TERRENI"

Transcript

1 ALLEGATO A MODALITÀ DI CALCOLO DEGLI INCREMENTI DI VALORE DEI TERRENI IN APPLICAZIONE ALL'ART DEL TESTO COORDINATO DELLE NORME DI P.S.C. P.O.C. R.U.E. 1 - PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE DEI VALORI DEI TERRENI Classi di destinazione urbanistica e valori medi degli immobili La determinazione dei valori medi degli immobili è stata effettuata dal Collegio Peritale del Servizio Patrimonio del Comune di Modena in collaborazione con il Settore Pianificazione Territoriale Trasporti e Mobilità. I valori medi indicati per tutte le tipologie di immobili, di cui al presente allegato, sono determinati all'esclusivo scopo di consentire l'effettuazione del calcolo degli incrementi di valore dei terreni, in applicazione dell'art del Testo coordinato delle Norme di PSC POC RUE. Tali valori medi, pertanto, sono indicativi e non utilizzabili a fini diversi da soggetti diversi ed in ambiti diversi dal presente regolamento. I valori medi di vendita degli immobili sono riferiti alle superfici commerciali, sono rappresentati in Euro/mq di superficie commerciale e sono stimati in riferimento ad immobili di tipologia media e di nuova costruzione. In particolare i valori medi delle abitazioni sono riferiti ad una palazzina di 8/12 unità. Le destinazioni d uso edilizie sono raggruppate, ai fini della applicazione delle modalità di calcolo, con le seguenti modalità e ad esse sono associate i corrispondenti valori medi. Ai sensi dell art. 5, comma 2 del Regolamento i valori medi degli immobili di cui alle Tabelle 1, 1B e alle Tavole 1, 2, 3, 4 sono stati approvati con deliberazione della Giunta Comunale n. 685 del 30/11/2010. TABELLA 1A - Raggruppamento delle destinazioni d uso edilizie in classi di destinazione urbanistica Destinazione urbanistica Destinazioni d uso edilizie Cartografia di riferimento Residenziale A/0 Tavola n. 1 Direzionale A/10 - D/5 Tavola n. 2 C/1 - D/8a - D/8b Tavola n. 3 Produttivo C/2 - C/3 - D/1 - D/7 Tavola n. 4 TABELLA 1 Residenziale - Classi di valore medio degli immobili Residenziali della Tavola n. 1 Residenziale Fascia / mq A B C

2 D E F G H 1900 TABELLA 1 Direzionale - Classi di valore medio degli immobili Direzionali della Tavola n. 2 Direzionale Fascia /mq A B C D E TABELLA 1 - Classi di valore medio degli immobili Commerciali della Tavola n. 3 Fascia Esercizi di vicinato Superficie di Vendita inferiore a 250 mq Medie superfici di vendita Superficie di vendita inferiore a mq Extra-alimentari alimentari A B C D E TABELLA 1 Produttivo - Classi di valore medio degli immobili Produttivi della Tavola n. 4 Produttivo Fascia Superficie Utile < 400 mq Superficie Utile > 400 mq A B C D E TABELLA 1B - Valori medi di immobili particolari riferiti all intero territorio comunale Destinazione urbanistica Destinazioni d uso edilizie Valori medi tutto il territorio comunale Alberghi - Pensioni D/

3 Edifici sportivi a fine di lucro D/ Case di cura D/ Teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli D/ Conversione della Superficie Utile in Superficie Per ogni immobile la superficie utile di riferimento per il calcolo della compensazione economica dovrà essere computata così come prescritto all art Testo coordinato delle Norme di PSC POC RUE, ad eccezione degli edifici esistenti in aree soggette a disciplina confermativa, per i quali, al solo fine del calcolo della compensazione economica: - la superficie utile sarà computata come sommatoria delle superfici lorde di tutti i piani fuori terra di ciascun edificio, con esclusione delle soffitte, dei volumi tecnici, delle autorimesse e ogni altra pertinenza; - il parametro per il calcolo della superficie commerciale è pari a 1. TABELLA 2 - Parametri di trasformazione da Superficie Utile a Superficie Destinazione d uso edilizia Parametro per il calcolo della Superficie degli immobili Residenziale 1,50 Direzionale 1,15 Esercizi di vicinato fino a 250 mq. 1,12 Medie sup. da 250 a 1500 mq. 1,07 Produttivo < di 400 mq. di superficie 1 Produttivo > di 400 mq. di superficie 1 Produttivo industriale 1 Alberghi - Pensioni 1 Edifici sportivi a fine di lucro 1,15 Case di cura 1,20 Teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli Presenza di edifici Questo parametro si applica alla valutazione del valore medio degli immobili nello stato attuale e consente di tenere conto degli oneri derivanti dalla demolizione di edifici 3

4 esistenti. Il parametro consente altresì di tenere conto degli oneri derivanti dalla conservazione e recupero unicamente di edifici esistenti soggetti a vincolo conservativo. TABELLA 3 - Parametri di adeguamento nel caso di presenza di fabbricati Assenza o presenza di rilevanti porzioni edificate Parametro per il calcolo Assenza di edifici 1,00 Presenza di edifici di cui si prevede la demolizione Presenza di edifici di cui si prevede la conservazione ( 1 ) 1,00-1,05 con applicazione lineare (*) 1,00-1,20 con applicazione lineare (*) (*) Il limite superiore è costituito dalla mera presenza di un edificato pari o superiore al massimo, in termini di Superficie Utile, consentito dal vigente POC-RUE, indipendentemente da valutazioni sulle caratteristiche, stato di conservazione e/o di utilizzo corrente o futuro di detti edifici. ( 1 ) Da valutare unicamente per edifici soggetti a vincolo conservativo I tempi delle trasformazioni edilizie Questo parametro si applica alla valutazione del valore medio degli immobili nello stato attuale e nella ipotesi di trasformazione; consente di tenere in conto degli oneri finanziari derivanti dal maggiore tempo di trasformazione edilizia nel caso di obbligo alla definizione di Permesso di costruire convenzionato o alla formazione di un Piano Urbanistico Attuativo (PUA). TABELLA 4 - Parametri correttivi rispetto ai tempi di attivazione dell'intervento Tipologia di intervento Parametro Intervento di tipo diretto 1,00 Intervento tramite convenzionamento 0,98 Intervento tramite formazione di un Piano Urbanistico Attuativo 0, Incidenza del terreno sul valore medio finale degli immobili TABELLA 5 - Parametri di incidenza del terreno sul valore medio degli immobili Destinazione d uso edilizia Residenziale Incidenza percentuale valore del terreno Fascia A Fascia B Fascia C e D Fascia E Fascia F e G 40% 38% 36% 34% 33% 4

5 Direzionale Fascia A e B Fascia C Esercizi di vicinato fino a 250 mq di superficie di vendita Medie superfici di vendita fino a 1500 mq di superficie di vendita non alimentari Medie superfici di vendita fino a 1500 mq di superficie di vendita alimentari Produttivo < di 400 mq di Superficie Utile Produttivo > di 400 mq di superficie Utile 35% Fascia A 40% Fascia A 38% Fascia A 42% Fascia A e B 32% Fascia A e B 30% 32% Fascia B e C 38% Fascia B e C 36% Fascia B e C 40% Fascia C 30% Fascia C 28% Alberghi - Pensioni 28% 31% 34% 32% 36% 28% 26% Edifici sportivi a fine di lucro 28% Case di cura 27% Teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli 26% 2 - PROCEDIMENTO DI CALCOLO DEL VALORE DEI TERRENI E DELLA COMPENSAZIONE ECONOMICA Il raffronto tra il valore attuale dei terreni oggetto di richiesta di applicazione dell art del Testo coordinato delle Norme di PSC POC RUE ed il loro valore nella ipotesi di trasformazione urbanistica proposta avviene applicando i parametri fin qui descritti con le seguenti modalità Calcolo del valore attuale Il calcolo del valore attuale viene computato nella ipotesi del massimo utilizzo delle superfici consentite dal POC-RUE vigente con le destinazioni edilizie più remunerative, secondo i valori medi sopra riportati e le zonizzazioni delle Tavole nn. 1, 2, 3 e 4. Le Superfici Utili massime consentite per ciascuna destinazione d uso saranno moltiplicate per: 5

6 1. il valore medio corrispondente (Tabelle 1A, 1 Residenziale, 1 Direzionale, 1, 1 Produttivo, 1B e Tavole nn. 1, 2, 3 e 4); 2. il parametro di ragguaglio alla Superficie (Tabella 2); 3. il parametro per la presenza (eventuale) di edifici (Tabella 3); 4. Il parametro correttivo rispetto ai tempi di attivazione dell'intervento (Tabella 4); 5. l incidenza del terreno sul valore medio degli immobili (Tabella 5); il risultato finale sarà costituito dal valore di mercato del terreno nello stato attuale della pianificazione del mercato Calcolo del valore della trasformazione urbanistica proposta Il calcolo del valore medio dell immobile viene computato nella ipotesi del massimo utilizzo delle superfici proposte dalla modifica urbanistica con le destinazioni edilizie più remunerative, secondo i valori medi sopra riportati e le zonizzazioni delle Tavole nn. 1, 2, 3 e 4. Le Superfici Utili massime per ciascuna destinazione d uso saranno moltiplicate per: 1. il valore medio corrispondente (Tabelle 1A, 1 Residenziale, 1 Direzionale, 1, 1 Produttivo, 1B e Tavole nn. 1, 2, 3 e 4); 2. il parametro di ragguaglio alla Superficie (Tabella 2); 3. Il parametro correttivo rispetto ai tempi di attivazione dell'intervento (Tabella 4); 4. l incidenza del terreno sul valore medio degli immobili (Tabella 5); il risultato finale sarà costituito dal valore di mercato del terreno nel nuovo assetto urbanistico proposto Calcolo della compensazione economica La compensazione economica (monetizzazione) di cui all'art. 14.1, comma 2, del Testo coordinato delle Norme di PSC POC RUE, è di norma commisurata ad ½ del maggior valore economico derivante dal raffronto del valore attuale e del valore della trasformazione urbanistica proposta, calcolati con le modalità di cui ai precedenti punti 2.1 e 2.2. La compensazione economica è comunque dovuta a prescindere dall'effettivo utilizzo della maggior potenzialità edificatoria o delle più vantaggiose destinazioni d uso edilizio, rispetto alle precedenti previsioni di POC-RUE, generate dalla proposta di accordo; nessuna compensazione è dovuta nel caso di importo negativo. Per gli immobili, o parti di immobili, con destinazione residenziale, già consentita dal vigente POC-RUE, ai soli fini del calcolo della compensazione economica, trovano altresì applicazione i criteri e le modalità di seguito riportate. 1. il valore attuale e il valore della trasformazione urbanistica proposta, di cui ai precedenti punti 2.1 e 2.2, sono determinati: 6

7 - sulla base di 150 mq per ogni abitazione ammessa dal vigente POC-RUE, per il calcolo del valore attuale, e 150 mq per ogni ulteriore abitazione prevista, rispetto al vigente POC-RUE, per il calcolo del valore della trasformazione urbanistica proposta, ove la capacità insediativa residenziale è espressa in abitazioni/ha; - sulla base dell effettiva superficie utile ammessa nelle aree soggette a prescrizione specifica; 2. Qualora la proposta di accordo preveda il solo aumento del numero delle abitazioni, senza incremento di Superficie Utile, il maggior valore economico generato da tali modifiche corrisponde al 15% del valore della Superficie Utile interessata dal frazionamento delle unità, da assumere convenzionalmente pari a mq 150 per ogni abitazione in aumento, calcolato come indicato al precedente punto 2.2. La compensazione economica dovuta, di cui all'art. 14.1, comma 2, del Testo coordinato delle Norme di PSC POC RUE è pertanto commisurata ad ½ del maggior valore economico come sopra calcolato. 3. Qualora la proposta di accordo preveda l aumento delle unità abitative associato ad un incremento di Superficie Utile, la compensazione economica dovuta, di cui all'art. 14.1, comma 2, del Testo coordinato delle Norme di PSC POC RUE è commisurata ad ½ del somma dei seguenti valori: - valore della trasformazione urbanistica proposta, corrispondente al valore della Superficie Utile in aumento, calcolata come indicato al precedente punto 2.2. All'incremento di Superficie Utile sarà associato un numero di abitazioni corrispondente all'intero più vicino derivante dal rapporto: Superficie Utile in aumento/75; - maggior valore economico generato dal solo aumento del numero delle abitazioni, calcolato come indicato al precedente punto 2. Per eventuali casistiche non contemplate dal presente Regolamento il maggior valore economico generato dalla proposta di accordo verrà determinato con apposita stima del Collegio dei periti del Comune. 3 - CARTOGRAFIA Tavola n. 1 destinazioni residenziali; Tavola n. 2 destinazioni direzionali; Tavola n. 3 destinazioni commerciali; Tavola n. 4 destinazioni produttive. 7

REGOLAMENTO CONTENENTE I CRITERI E LE MODALITÀ APPLICATIVE DELL'ART DEL TESTO COORDINATO DELLE NORME DI P.S.C. - P.O.C. - R.U.E.

REGOLAMENTO CONTENENTE I CRITERI E LE MODALITÀ APPLICATIVE DELL'ART DEL TESTO COORDINATO DELLE NORME DI P.S.C. - P.O.C. - R.U.E. REGOLAMENTO CONTENENTE I CRITERI E LE MODALITÀ APPLICATIVE DELL'ART. 14.1 DEL TESTO COORDINATO DELLE NORME DI P.S.C. - P.O.C. - R.U.E. ALLEGATO A LE MODALITÀ DI CALCOLO DEGLI INCREMENTI DI VALORE DEI TERRENI

Dettagli

CITTÀ DI VENARIA REALE PROVINCIA DI TORINO RELAZIONE DI STIMA PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DI MERCATO DELLE AREE EDIFICABILI SITE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VENARIA REALE (TO), INSERITE NELLA VARIANTE

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. B3$ Aree di particolare valore storico-ambientale Zona Monterosso B3 Aree ricadenti nel Perimetro del Parco, assoggettate

LA GIUNTA COMUNALE. B3$ Aree di particolare valore storico-ambientale Zona Monterosso B3 Aree ricadenti nel Perimetro del Parco, assoggettate LA GIUNTA COMUNALE VISTO che sulla proposta di deliberazione di cui trattasi è stato favorevolmente espresso il parere ai sensi dell art. 49 del D. Lgs. n. 267 del 18.8.2000 in ordine alla regolarità tecnica

Dettagli

CIRCOLARE ESPLICATIVA IN MERITO ALL ONEROSITA DEGLI INTERVENTI EDILIZI

CIRCOLARE ESPLICATIVA IN MERITO ALL ONEROSITA DEGLI INTERVENTI EDILIZI CIRCOLARE ESPLICATIVA IN MERITO ALL ONEROTA DEGLI INTERVENTI EDILIZI La presente circolare vuole effettuare una sintesi delle norme vigenti, al fine di rendere più chiare le modalità per il calcolo del

Dettagli

ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE

ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE ALLEGATO 2 B TABELLE DI CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE Definizioni Superficie di applicazione del contributo Ai sensi dell art.46 del regolamento regionale 18

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna Area Programmazione e Gestione del Territorio ALLEGATO 1 DETERMINAZIONE VALORI DI RIFERIMENTO DELLE AREE INSERITE NEGLI STRUMENTI URBANISTICI, AI FINI

Dettagli

Comune di Sezze Provincia di Latina Allegato A

Comune di Sezze Provincia di Latina Allegato A Comune di Sezze Provincia di Latina Allegato A Determinazione valore unitario aree edificabili e valore imponibile ai fini IMU L art. 5 del D.Lgs. 504/92 stabilisce che la base imponibile ai fini della

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone: N. 2007/120811 Disposizioni in materia di individuazione dei criteri utili per la determinazione del valore normale dei fabbricati di cui all articolo 1, comma 307 della legge 27 dicembre 2006, n. 296

Dettagli

Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141

Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141 COMUNE DI ORVIETO Provincia di Terni UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA UFFICIO SUAPE Regolamento Regionale 18/02/2015 n. 2, Art. 141 DEFINIZIONE NUOVI PARAMETRI IN MATERIA DI CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

il Consiglio Regionale ha approvato la deliberazione n. 271 del 30 settembre 2008;

il Consiglio Regionale ha approvato la deliberazione n. 271 del 30 settembre 2008; Regolamento regionale 10 ottobre 2008, n. 5. Regolamento dei canoni di locazione del patrimonio di Edilizia Residenziale Pubblica. (BUR N. 24 del 16 ottobre 2008) PREMESSO che: il Consiglio Regionale ha

Dettagli

COMUNE DI BUGUGGIATE Provincia di Varese

COMUNE DI BUGUGGIATE Provincia di Varese COMUNE DI BUGUGGIATE Provincia di Varese Determinazione delle tariffe relative agli oneri di Urbanizzazione Primaria e Secondaria ai sensi dell art. 44 della L.R. 12/05 Novembre 2015 Determinazione delle

Dettagli

COMUNE DI COLTURANO. Provincia di Milano. Allegato 1. DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Art. 44 comma 1 L.R. 11/03/2005 n.

COMUNE DI COLTURANO. Provincia di Milano. Allegato 1. DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Art. 44 comma 1 L.R. 11/03/2005 n. COMUNE DI COLTURANO Provincia di Milano Allegato 1 DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Art. 44 comma 1 L.R. 11/03/2005 n. 12 - Tabella degli oneri di urbanizzazione in vigore dal 15.05.2012 IL

Dettagli

Mutamenti di destinazione d uso e relativi titoli abilitativi

Mutamenti di destinazione d uso e relativi titoli abilitativi CASI E INTERPRETAZIONI Orvieto, 26.10.2015 Mutamenti di destinazione d uso e relativi titoli abilitativi Geom. Massimo Danti Orvieto, 26.10.2015 LEGGE REGIONALE 01/2015 (TESTO UNICO) Art. 155 (Mutamenti

Dettagli

TABELLE ONERI E CONTRIBUTI. aggiornamento Maggio 2010

TABELLE ONERI E CONTRIBUTI. aggiornamento Maggio 2010 Legge Regionale 03 Gennaio 2005 n 1 - Norme per il governo del territorio art. 120 e seguenti TABELLE ONERI E CONTRIBUTI allegate alla deliberazione del C.C. n 25 del 31/03/2005 aggiornamento Maggio 2010

Dettagli

Piano Regolatore Generale

Piano Regolatore Generale Comune di San Giuliano Terme Provincia di Pisa Piano Regolatore Generale Regolamento Urbanistico ADEGUAMENTO AL 31 DICEMBRE 2009 - Piano Alienazioni e Valorizzazioni Immobiliari dell Ente Variante al Regolamento

Dettagli

L anno, il giorno nella Residenza Municipale, via ; TRA:

L anno, il giorno nella Residenza Municipale, via ; TRA: ACCORDO AI SENSI DELL'ART. 18 DELLA LEGGE REGIONALE N. 20/2000 E S.M. PROPOSTA DI AUMENTO DELLA CAPACITÀ EDIFICATORIA RESIDENZIALE PER UN IMMOBILE SITO NEL COMUNE DI MODENA IN VIA ATTIRAGLIO CENTRO, CATASTALMENTE

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO

COMUNE DI FIRENZE DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNE DI FIRENZE DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO Numero: 2007/C/00073 - Proposta N. 2007/00786 Data Adozione: 26/11/2007 Oggetto: Determinazione dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione, ed aggiornamento

Dettagli

SOTTOZONA D5 - ZONA PER ATTIVITÀ COMMERCIALI E NUOVI. - per l ambito di P.L.4 inserito e modificato con Variante ex art.23/97

SOTTOZONA D5 - ZONA PER ATTIVITÀ COMMERCIALI E NUOVI. - per l ambito di P.L.4 inserito e modificato con Variante ex art.23/97 SOTTOZONA D5 - ZONA PER ATTIVITÀ COMMERCIALI E NUOVI INSEDIAMENTI MISTI PRODUTTIVI-COMMERCIALI. a.5.) - Destinazione: nella Sottozona D5 sono ammessi: - per l ambito di P.L.4 inserito e modificato con

Dettagli

COMUNE DI PIEVE EMANUELE Provincia di Milano

COMUNE DI PIEVE EMANUELE Provincia di Milano ORIGINALE AREA GOVERNO DEL TERRITORIO Determinazione n. 294 Del 26/05/2014 OGGETTO: DETERMINAZIONE VALORE VENALE DI RIFERIMENTO DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE

Dettagli

C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA

C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA originale Deliberazione N. 129 C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: DETERMINAZIONE DEI VALORI DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI I.M.U. PER

Dettagli

NORME SUL PROCEDIMENTO CONCERNENTE LE DOMANDE RELATIVE ALLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA

NORME SUL PROCEDIMENTO CONCERNENTE LE DOMANDE RELATIVE ALLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA Comune di Padova NORME SUL PROCEDIMENTO CONCERNENTE LE DOMANDE RELATIVE ALLE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 102 del 17 ottobre 2005 In vigore dal 4 novembre

Dettagli

COMUNE DI FOSSANO. D) AREE RESIDENZIALI A PARCO PRIVATO (Art N.d.A. P.R.G.C.) / mc. 6,28 8,49 14,77 1,8662 0,75 /mc.

COMUNE DI FOSSANO. D) AREE RESIDENZIALI A PARCO PRIVATO (Art N.d.A. P.R.G.C.) / mc. 6,28 8,49 14,77 1,8662 0,75 /mc. TABELLA 1 DESTIN / mc. PRIM. SEC. MENTO / mc. PRIM. SEC. P. 1 A) AREE IN TESSUTO EDILIZIO ESISTENTE: 1 - Area del Centro Storico 2 - Area dei tessuti di vecchi impianto di valore storico-ambientale (art.

Dettagli

COMUNE DI NEGRAR- Valori venali medi aree fabbricabili in comune commercio anno 2015

COMUNE DI NEGRAR- Valori venali medi aree fabbricabili in comune commercio anno 2015 Microzona 3 1 136,07 PI zona produttiva 136,07 Tipo D2 zone convenzionate: 1 136,07 Tipo D2 zone non convenzionate: 0.40 54,43 Microzona 3 163,29 Tipo A: 0.40 65,32 PI zona residenziale Tipo B: 1 163,29

Dettagli

COMUNE DI CITTADELLA Provincia di Padova

COMUNE DI CITTADELLA Provincia di Padova COMUNE DI CITTADELLA Provincia di Padova SETTORE - Urbanistica ed Edilizia Privata SCHEMA ANALITICO DELLE SUPERFICI E VOLUMI UTILI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DOVUTO AI SENSI DEGLI ARTT. 3 - -

Dettagli

CITTÀ DI BORGOSESIA. INFORMAZIONI: IMU - TASI - TARI - Tariffe definitive Anno 2016

CITTÀ DI BORGOSESIA. INFORMAZIONI: IMU - TASI - TARI - Tariffe definitive Anno 2016 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI VERCELLI CITTÀ DI BORGOSESIA INFORMAZIONI: IMU - TASI - TARI - Tariffe definitive Anno 2016 - IMU Abitazione Principale e pertinenze :.. NON dovuta ad eccezione di quelle

Dettagli

(art art. 19, T.U. 380/01)

(art art. 19, T.U. 380/01) CITTÀ DI MONCALIERI Area Territorio e Infrastrutture Servizio Edilizia Privata DATI NECESSARI ALLA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO CONCESSORIO (art. 16 - art. 19, T.U. 380/01) PREMESSA: CONTRIBUTO CONCESSORIO

Dettagli

ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015

ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015 PARTICOM UNO SPA OMISSIS ART. 17 bis - Ambito di trasformazione Accordo di Programma Alfa Romeo 2015 L ambito comprende le aree per la riqualificazione e la reindustrializzazione dell insediamento ex Alfa

Dettagli

COMUNE DI CAVEZZO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI CAVEZZO PROVINCIA DI MODENA CRITERI E VALUTAZIONE DELLE AREE FABBRICABILI, E DEI FABBRICATI IN RISTRUTTURAZIONE, AI FINI I.C.I. PER L ANNO 2009 La valutazione delle aree fabbricabili deve essere effettuata ai sensi dell art. 5 comma

Dettagli

Servizi tecnici e al patrimonio PERIZIA TECNICA DI STIMA SCHEDA SINOTTICA IMMOBILE

Servizi tecnici e al patrimonio PERIZIA TECNICA DI STIMA SCHEDA SINOTTICA IMMOBILE Servizi tecnici e al patrimonio PERIZIA TECNICA DI STIMA SCHEDA SINOTTICA IMMOBILE DENOMINAZIONE IMMOBILE INDIRIZZO ESTREMI CATASTALI Ex Circolo ENAL Piloni Via del Posatoio, Piloni Foglio 29 p.lla 392

Dettagli

COMUNE DI CREMENO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI CREMENO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI CREMENO PROVINCIA DI LECCO ESTRATTO DAL REGISTRO DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 52 Del 12-04-11 N. Reg.Pubblic. Oggetto: RICOGNIZIONE VALORE AREE EDIFICABILI AI FINI ICI L'anno duemilaundici

Dettagli

CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE SERVIZIO URBANISTICA -Sportello Unico Edilizia CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Pratica edilizia n Anno Richiedente Intervento: in via Oneri di Urbanizzazione: EDILIZIA RESIDENZIALE COMMERCIALE DIREZIONALE

Dettagli

T A B E L L A A L L E G A T O A

T A B E L L A A L L E G A T O A T A B E L L A A L L E G A T O A A R E E E D I F I C A B I L I AREA LIBERA : area di completamento all interno del PRG oppure lotto in un piano particolareggiato già collaudato. C A L C O L O I M P O N

Dettagli

Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 dd Il Segretario Comunale - SARTORI dr. Enrico -

Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 dd Il Segretario Comunale - SARTORI dr. Enrico - Comune di Lisignago PROVINCIA TRENTO VIA STRADA VECCHIA, 142 38030 LISIGNAGO (C.F.: 80006890224) 0461/683063 - FAX. 0461/682222 Sito Internet: www.comunelisignago.it E-mail: c.lisignago@comuni.infotn.it

Dettagli

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4

- Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 La VARIANTE interessa i seguenti Comparti: - Comparto D2.7 A - Comparto D2.7 B - Piano Particolareggiato 4 Per questi comparti è prevista la modifica sia della parte di testo che della parte grafica. Si

Dettagli

COMUNE DI PALAGIANELLO Provincia di Taranto

COMUNE DI PALAGIANELLO Provincia di Taranto DETERMINAZIONE DEL VALORE VENALE DELLE NUOVE AREE FABBRICABILI AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI - ANNO 2005 - (ART. 5 D. LGS. 504/1992) INDICE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PGT Piano di Governo del Territorio

PGT Piano di Governo del Territorio Comune di Torre de Busi (Provincia di Lecco) PGT Piano di Governo del Territorio Variante n 3 ESTRATTO NORME TECNICHE PIANO DELLE REGOLE Il progettista LEO arch. Domenico del T 1 INDICE NORME VARIATE 2.

Dettagli

CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Area SERVIZI TECNICI -Servizio SPORTELLO UNICO EDILIZIA CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE e MONETIZZAZIONE AREE PER STANDARD Pratica edilizia n Anno Richiedente Intervento: in via Oneri di Urbanizzazione:

Dettagli

VARIANTE EX ART. 44 L.U.R.

VARIANTE EX ART. 44 L.U.R. COMUNE DI ALASSIO Settore 4 -Servizio 4.' URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA VARIANTE EX ART. 44 L.U.R., f I \l:riante ART. 7 DELLE NORME DI A TTUAZIONE DEL PUC Alassio OTTOBRE 2011 IL DIRIGENTE DEL SETTORE

Dettagli

COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze

COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze COMUNE DI SCARPERIA Provincia di Firenze TABELLE PARAMETRICHE RELATIVE AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA, CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE E ONERI VERDI PER INTERVENTI SOTTOPOSTI A:

Dettagli

PERIZIA DI STIMA PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AREE EDIFICABILI AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

PERIZIA DI STIMA PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AREE EDIFICABILI AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO Provincia di Bergamo PERIZIA DI STIMA PER LA DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE AREE EDIFICABILI AI FINI DELL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI CONFERMA PER L ANNO

Dettagli

B) CRITERIO DI VALUTAZIONE

B) CRITERIO DI VALUTAZIONE Oggetto: SVINCOLO A ROTATORIA SU SS 32 TRA IL BIVIO DI VIA CARMINE E QUELLO DI VIA CASTELNOVATE Pr. 5 PRINCIPIO DI STIMA PER RICAVO VALORE INDENNITA D ESPROPRIO Il criterio di indennizzo applicabile alle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI

REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI Comune di Modena Settore Promozione dello sviluppo e innovazione economica REGOLAMENTO PER LE SALE GIOCHI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 128 del 11/2/1985 e modificato con deliberazione

Dettagli

ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009

ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009 ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 108 DEL 23.12.2009 1- DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE 1.1- Per i nuovi edifici il costo di costruzione al mq di superficie

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TRASFORMAZIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE IN DIRITTO DI PROPRIETÀ NELLE AREE PEEP ED ELIMINAZIONE DEI VINCOLI DI GODIMENTO

REGOLAMENTO PER LA TRASFORMAZIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE IN DIRITTO DI PROPRIETÀ NELLE AREE PEEP ED ELIMINAZIONE DEI VINCOLI DI GODIMENTO COMUNE DI SONA PROVINCIA DI VERONA REGIONE VENETO SETTORE LAVORI PUBBLICI - URBANISTICA REGOLAMENTO PER LA TRASFORMAZIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE IN DIRITTO DI PROPRIETÀ NELLE AREE PEEP ED ELIMINAZIONE

Dettagli

,/ &216,*/,2 &2081$/(

,/ &216,*/,2 &2081$/( Richiamata la propria deliberazione n. 119 del 18.12.2008 con la quale furono aggiornati gli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria, il costo di costruzione e la monetizzazione per aree a servizi

Dettagli

(Provincia di Treviso) Ufficio Edilizia Privata

(Provincia di Treviso) Ufficio Edilizia Privata CONTRIBUTO COMMISURATO ALL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E AL COSTO DI COSTRUZIONE A (ARTT. 82/83 L.R. 61/85 E smi E ART.16 D.P.R. 380/01 E smi) D.I.A. DITTA LAVORI RICHIESTI INDIRIZZO ESTREMI

Dettagli

Determinazione n 2067 /2008 del 16/12/2008. Criteri per la determinazione e applicazione delle sanzioni previste dal titolo VIII della L.R. n.

Determinazione n 2067 /2008 del 16/12/2008. Criteri per la determinazione e applicazione delle sanzioni previste dal titolo VIII della L.R. n. Governo del Territorio Tel. 0583/4281 Fax 0583/428399 e-mail comunedicapannori@comune.capannori.lu.it Piazza Aldo Moro, 1-55012 Capannori (LU) Italia (www.comune.capannori.lu.it) ORIGINALE Determinazione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1554 Prot. n. 216/13cdz VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Legge provinciale 4 marzo 2010, n. 1 (Pianificazione urbanistica e governo

Dettagli

PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO IPT 2 AMBITO 3

PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO IPT 2 AMBITO 3 PROVINCIA DI TORINO CITTA DI CUORGNE PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO IPT 2 AMBITO 3 Via Torino 33 AREA IPT2 area di trasformazione per impianti industriali da rilocalizzare AREA RC13b area residenziale urbanisticamente

Dettagli

Studio tecnico arch. Marielena Sgroi

Studio tecnico arch. Marielena Sgroi 0 NOTA : LE PARTI MODIFICATE SONO SCRITTE IN COLORE BLU LE PARTI MODIFICATE A SEGUITO ACCOGLIMENTO ERRORI MATERIALI VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE SONO SCRITTE IN COLORE BLU LE PARTI STRALCIO DEL P.T.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL'INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE in attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL'INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE in attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL'INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE in attuazione del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Art. 1 - Determinazione del costo base di urbanizzazione Ai sensi degli artt.

Dettagli

IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE:

IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE: IL PIANO CASA E GLI INCREMENTI VOLUMETRICI DI UN EDIFICIO ESISTENTE: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNALI ED INTERVENTI AMMISSIBILI BARI 22 FEBBRAIO 2013 Arch. Giacomo Losapio Dirigente Ripartizione Tecnica

Dettagli

SETTORE URBANISTICA Servizio di Pianificazione Territoriale

SETTORE URBANISTICA Servizio di Pianificazione Territoriale COMUNE DI MASSA Via Porta Fabbrica, 1, 54100 Massa Tel. 0585.4901 Fax 0585.41245 Cod i ce fiscale 00181760455 Partita iva 00181760455 www.comune.massa.ms.it SETTORE URBANISTICA Servizio di Pianificazione

Dettagli

IL P.U.C. DI MODENA (Piano Urbanistico Comunale)

IL P.U.C. DI MODENA (Piano Urbanistico Comunale) MODELLO DATI PER GLI STRUMENTI URBANISTICI COMUNALI IN FORMATO DIGITALE (LR 20/2000) Regione Emilia Romagna IL P.U.C. DI MODENA (Piano Urbanistico Comunale) LA CARTOGRAFIA DI BASE Cartografia catastale

Dettagli

Regolamento di monetizzazione delle aree destinate a parcheggio

Regolamento di monetizzazione delle aree destinate a parcheggio 2 Comune di Pesaro Regolamento di monetizzazione delle aree destinate a parcheggio ai sensi delle n.t.a. del vigente P.R.G. Documento redatto dal Servizio Urbanistica del Comune di Pesaro approvato con

Dettagli

Estratto NTA del Piano dei Servizi. con riportate le variazioni. Previsioni di Piano. Comune di Nembro Provincia di Bergamo

Estratto NTA del Piano dei Servizi. con riportate le variazioni. Previsioni di Piano. Comune di Nembro Provincia di Bergamo Comune di Nembro Provincia di Bergamo Eugenio Cavagnis Vincenzo De Filippis Mariarosa Perico - sindaco - segretario comunale - assessore territorio e lavori pubblici - Piano di Governo del Territorio Piano

Dettagli

Stima di area fabbricabile all interno della Lottizzazione PL1 PL13. Comune di Sesto Fiorentino (FI).

Stima di area fabbricabile all interno della Lottizzazione PL1 PL13. Comune di Sesto Fiorentino (FI). U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E AREA SERVIZI TECNICI AMBIENTE E SICUREZZA Ufficio Patrimonio Immobiliare Stima di area fabbricabile all interno della Lottizzazione PL1 PL13.

Dettagli

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma)

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA AREA EDILIZIA E MOBILITÀ (Art. 10, comma 10, del D.L. 18 gennaio 1993, n. 8, convertito nella legge 19 marzo

Dettagli

Art Gli assetti della grande distribuzione commerciale...1

Art Gli assetti della grande distribuzione commerciale...1 P T C P PROVINCIA DI FORLI'-CESENA VARIANTE SPECIFICA AL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE ai sensi dell'art27 bis LR20/2000 e ssmmii Approvato con delibera CP n68886/146 del 14/09/2006 Integrato

Dettagli

IL SECONDO PIANO CASA

IL SECONDO PIANO CASA COMUNE DI MARTELLAGO L.R. n. 14 del 08.07.2009 come integrata dalla L.R. n. 13 dell 8.7.2011 IL SECONDO PIANO CASA Seminario tecnico del 20.10.2011 Settore Assetto del Territorio Settore Edilizia Privata

Dettagli

TORINO Via Bistagno, 10. Palazzo uffici

TORINO Via Bistagno, 10. Palazzo uffici TORINO Via Bistagno, 10 Palazzo uffici Aprile 2013 Localizzazione 2 Descrizione Il complesso immobiliare occupa un intero isolato, di forma romboidale, delimitato a nord-est da Via Monbasiglio, a est da

Dettagli

COMUNE DI BUCCINASCO CITI A' METROPOLITANA DI MILANO

COMUNE DI BUCCINASCO CITI A' METROPOLITANA DI MILANO COMUNE DI BUCCINASCO CITI A' METROPOLITANA DI MILANO PROPOSTA DI DELIBERAZIONE AL CONSIGLIO COMUNALE DIPARTIMENTO IV AMBIENTE E TERRITORIO SETTORE OGGETTO: SETTORE URBANISTICA ED EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA

Dettagli

Specifiche Operative

Specifiche Operative Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara)

COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara) 1 COMUNE DI ARONA (Provincia di Novara) PIANO PARTICOLAREGGIATO UNITÀ DI INTERVENTO n. 3-5 DELL AMBITO NORMATIVO Br3 VIALE BERRINI VIA MARTIRI DELLA LIBERTÀ NORME DI ATTUAZIONE 1. OGGETTO DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO

Dettagli

Zona destinata a insediamenti produttivi artigianali e di attrezzature commerciali e ricettive alberghiere nonché attività produzione servizi.

Zona destinata a insediamenti produttivi artigianali e di attrezzature commerciali e ricettive alberghiere nonché attività produzione servizi. VARIANTE ALL ART.13 (zona omogenea D1-Insediamenti Produttivi), ART.14(zona omogenea D2-Insediamenti Produttivi), ART.16(zona omogenea F - Attrezzature Pubbliche di interesse Comprensoriale), ART.17(zona

Dettagli

Regolamento recante le modalità di determinazione del Costo di Costruzione di cui all articolo 16 D.P.R n. 380 e s.m.i..

Regolamento recante le modalità di determinazione del Costo di Costruzione di cui all articolo 16 D.P.R n. 380 e s.m.i.. UNIONE DEI COMUNI DI AIRASCA BURIASCO - SCALENGHE Città Metropolitana di Torino Sede legale: V. Roma 118 10060 Airasca Sede Servizi Tecnici: Via Umberto I, 1 10060 Scalenghe Tel. (011) 98.61.721 Fax (011)

Dettagli

COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico

COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico COMUNE DI ORTACESUS Servizio Tecnico CONCESIONE IN USO DI UN IMMOBILE COMUNALE IN VIA KENNEDY ADIBITO AD ALBERGO-RISTORANTE RELAZIONE DESCRITTIVA PREMESSO CHE: il Comune di Ortacesus è proprietario di

Dettagli

Il costo di produzione. Venezia, 8 maggio 2014

Il costo di produzione. Venezia, 8 maggio 2014 Il costo di produzione Venezia, 8 maggio 2014 Il costo di produzione Il costo di produzione rappresenta la somma delle spese che al momento della stima un imprenditore ordinario deve sostenere per realizzare

Dettagli

Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD DEL 19/02/2015

Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD DEL 19/02/2015 Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD-2015-287 DEL 19/02/2015 Inserita nel fascicolo: 2015.VI/3.26 Centro di Responsabilità: 51 5 0 0 - SETTORE PIANIFICAZIONE E SVILUPPO TERRITORIO - SERVIZIO

Dettagli

764,01 mq. 61,12 8% 15% 3 /3. interventi di recupero. interventi di recupero. nuova costruzione. nuova costruzione. RESIDENZA e attività affini

764,01 mq. 61,12 8% 15% 3 /3. interventi di recupero. interventi di recupero. nuova costruzione. nuova costruzione. RESIDENZA e attività affini Allegato parte integrante alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 di data 23 settembre 2015 TABELLA FUNZIONI, COSTO DI COSTRUZIONE E CONTRIBUTO DI CONCESSIONE art. 87 della L.P. 15/2015 CATEGORIE

Dettagli

COMUNE DI PRATO SESIA Provincia di Novara

COMUNE DI PRATO SESIA Provincia di Novara COMUNE DI PRATO SESIA Provincia di Novara ORIGINALE COPIA DELIBERAZIONE N. 44 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Attribuzione valori base di riferimento per le aree edificabili ai

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO: PIANO DEGLI INTERVENTI (PI) PEREQUAZIONE E ACCORDI PUBBLICO-PRIVATI AI SENSI ART. 6 L.R. 11/04

ATTO DI INDIRIZZO: PIANO DEGLI INTERVENTI (PI) PEREQUAZIONE E ACCORDI PUBBLICO-PRIVATI AI SENSI ART. 6 L.R. 11/04 Allegato 2 alla Delibera C.C. n 8 del 10.04.2013 ATTO DI INDIRIZZO: PIANO DEGLI INTERVENTI (PI) PEREQUAZIONE E ACCORDI PUBBLICO-PRIVATI AI SENSI ART. 6 L.R. 11/04 CRITERI PER LA DEFINIZIONE DEL CONTRIBUTO

Dettagli

Tabella B - Contributo di urbanizzazione per edifici residenzali: applicazione valori percentuali (aliquote)

Tabella B - Contributo di urbanizzazione per edifici residenzali: applicazione valori percentuali (aliquote) Tabella B - Contributo di per edifici residenzali: applicazione valori percentuali (aliquote) Ai sensi dell art.39 del R.R. 2/2015 la quota di contributo relativa agli e per edifici residenziali è determinata

Dettagli

Variante urbanistica per cambio destinazione d uso dei fabbricati o di 8.000,00

Variante urbanistica per cambio destinazione d uso dei fabbricati o di 8.000,00 ALLEGATO A: in vigore dal 1 Febbraio 2013 e non si applica per le pratiche in corso di istruttoria Di seguito sono indicate i diritti di istruttoria relativi alle prestazioni di competenza dello Sportello

Dettagli

Determinazione del valore delle aree fabbricabili a seguito dell approvazione dei POC e PUA

Determinazione del valore delle aree fabbricabili a seguito dell approvazione dei POC e PUA Comune di Maranello Provincia di Modena Determinazione del valore delle aree fabbricabili a seguito dell approvazione dei POC e PUA Prot.8966 del 5.05.009 Allegato a delibera G.C. 8 del 6/05/009 Arch.

Dettagli

(artt. 17 e 18 L.R. n. 11/2004) Atto di Indirizzo. Criteri perequativi per il Piano degli Interventi. - ottobre

(artt. 17 e 18 L.R. n. 11/2004) Atto di Indirizzo. Criteri perequativi per il Piano degli Interventi. - ottobre (artt. 17 e 18 L.R. n. 11/2004) Atto di Indirizzo Criteri perequativi per il - ottobre 2012 - COMUNE DI TEZZE SUL BRENTA PROVINCIA DI VICENZA Atto di Indirizzo - Criteri perequativi per il Piano degli

Dettagli

Relazione Programmatica estratti normativi estratti cartografici

Relazione Programmatica estratti normativi estratti cartografici Elaborato Comune di ARCOLE Provincia di Verona P.I. IV variante Scala Relazione Programmatica estratti normativi estratti cartografici Variante al Piano degli Interventi per approvazione del progetto preliminare

Dettagli

COMUNE DI ZERO BRANCO

COMUNE DI ZERO BRANCO AGGIORNAMENTO IMPORTI TABELLARI ONERI DI URBANIZZAZIONE LA NORMATIVA Legge 17 agosto 1942, n. 1150 Legge urbanistica LICENZA EDILIZIA GRATUITA Legge 27 gennaio 1977, n. 10 Norme in materia di edificabilità

Dettagli

VALUTAZIONE DEL VALORE DEI DIRITTI EDIFICATORI PREVISTI DAL PGT DI GANDINO ED ESPRESSI DA AREE DI PROPRIETA PUBBLICA

VALUTAZIONE DEL VALORE DEI DIRITTI EDIFICATORI PREVISTI DAL PGT DI GANDINO ED ESPRESSI DA AREE DI PROPRIETA PUBBLICA Amministrazione Comunale di Gandino Bergamo VALUTAZIONE DEL VALORE DEI DIRITTI EDIFICATORI PREVISTI DAL PGT DI GANDINO ED ESPRESSI DA AREE DI PROPRIETA PUBBLICA Bergamo 17.03.2014 VALUTAZIONE DEL VALORE

Dettagli

COMUNE DI COREGLIA ANTELMINELLI Provincia di Lucca Ufficio Tecnico --- * ---

COMUNE DI COREGLIA ANTELMINELLI Provincia di Lucca Ufficio Tecnico --- * --- COMUNE DI COREGLIA ANTELMINELLI Provincia di Lucca Ufficio Tecnico --- * --- SETTORE G TABELLA DEI VALORI MEDI DI MERCATO DELLE AREE EDIFICABILI ANNUALITA D IMPOSTA ANNO 2016 ai fini dell applicazione

Dettagli

Relazione tecnica per compravendita Lotto n. 31

Relazione tecnica per compravendita Lotto n. 31 Relazione tecnica per compravendita Lotto n. 31 Descrizione dell immobile: Il terreno in oggetto è situato in Comune di Pistoia, località Sant Agostino, alla fine di Via G. Salvemini e a lato di Via G.

Dettagli

ATTUAZIONE DEI PIANI DI GOVERNO DEL TERRITORIO NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA

ATTUAZIONE DEI PIANI DI GOVERNO DEL TERRITORIO NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA giovedì, 21 marzo 2013 ATTUAZIONE DEI PIANI DI GOVERNO DEL TERRITORIO NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA Ing. Bruno Cirant Dirigente dell Area Pianificazione del Territorio e S.I.T. Ufficio Pianificazione

Dettagli

Servizio Tecnico Urbanistico

Servizio Tecnico Urbanistico ALLEGATO A) alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 di data 29.03.2011 C O M U N E D I A L A Provincia di Trento Servizio Tecnico Urbanistico Piazza San Giovanni, 1-38061 ALA (Tel. 0464/678724-

Dettagli

Schedatura degli immobili di interesse storico-documentale. per la redazione del Quadro Conoscitivo del PSC, ai sensi della L.R.

Schedatura degli immobili di interesse storico-documentale. per la redazione del Quadro Conoscitivo del PSC, ai sensi della L.R. Schedatura degli immobili di interesse storico-documentale per la redazione del Quadro Conoscitivo del PSC, ai sensi della L.R. 20/2000 1 I IL PATRIMONIO Capo A-II Sistema insediativo storico dell Allegato

Dettagli

ONERI DI URBANIZZAZIONE

ONERI DI URBANIZZAZIONE ONERI DI URBANIZZAZIONE Il ritiro formale del Permesso di Costruire o l operatività della D.I.A., è subordinato al versamento degli Oneri di Urbanizzazione (previsti dall art. 16 del D.P.R. 380/1 e s.m.i.),

Dettagli

COMUNE DI SUMIRAGO. Ufficio Tributi. Tel Fax

COMUNE DI SUMIRAGO. Ufficio Tributi. Tel Fax COMUNE DI SUMIRAGO Ufficio Tributi Tel. 0331 909103 Fax 0331 909520 e-mail: settorecontabiletributi@comune.sumirago.va.it IMU 2014 L'Imposta Municipale Propria (IMU) è la nuova imposta sugli immobili in

Dettagli

COMUNE DI MELDOLA. Provincia di Forlì - Cesena SETTORE URBANISTICA - AMBIENTE - ATTIVITA' ECONOMICHE

COMUNE DI MELDOLA. Provincia di Forlì - Cesena SETTORE URBANISTICA - AMBIENTE - ATTIVITA' ECONOMICHE COMUNE DI MELDOLA Provincia di Forlì - Cesena SETTORE URBANISTICA - AMBIENTE - ATTIVITA' ECONOMICHE Approvato con delibera C.C. n. 36 del 3.5.99, rettificato con delibera C.C. n. 73 del 27.9.1999, integrato

Dettagli

3) Ampiezza del Comune abitanti residenti al 31 dicembre 1998

3) Ampiezza del Comune abitanti residenti al 31 dicembre 1998 Il Comune entro trenta giorni dalla comunicazione da parte della ditta concessionaria delle proposte di cessione, può esercitare il diritto di prelazione su tutto il complesso o per una parte significativa

Dettagli

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 30 DEL 30/04/2014

C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 30 DEL 30/04/2014 C O M U N E D I S A S S O M A R C O N I PROVINCIA DI BOLOGNA ESTRATTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 30 DEL 30/04/2014 OGGETTO: DETERMINAZIONE VALORI MEDI VENALI DELLE AREE FABBRICABILI

Dettagli

Domande poste frequentemente ( FAQ - Frequently Asked Questions)

Domande poste frequentemente ( FAQ - Frequently Asked Questions) 1 La richiesta di chiarimenti formulata dall Amm.ne Com.le di Potenza riguarda l applicazione delle limitazioni contenute nella norma regionale al comma 1-quater dell art. 6 della L.R. n. 25/2012 in sostituzione

Dettagli

COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO. Provincia di Firenze

COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO. Provincia di Firenze COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO Provincia di Firenze TABELLE PARAMETRICHE RELATIVE AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA, AL CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE ED ONERI VERDI PER INTERVENTI

Dettagli

COMUNE DI MORROVALLE Provincia di Macerata

COMUNE DI MORROVALLE Provincia di Macerata Provincia di Macerata DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE - COPIA - Oggetto: ADEGUAMENTO DELLA DETERMINAZIONE AI FINI I.M.U. DEI VALORI MINIMI DI MERCATO DELLE AREE EDIFICABILI SITUATE NEL COMUNE DI MORROVALLE.

Dettagli

COMUNE DI CASALE MARITTIMO (Provincia di Pisa)

COMUNE DI CASALE MARITTIMO (Provincia di Pisa) COMUNE DI CASALE MARITTIMO (Provincia di Pisa) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 1 del 25.0.2012 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA 1 INDICE Art. 1 Art. 2 Art.

Dettagli

COMUNE DI GIOIA DEL COLLE

COMUNE DI GIOIA DEL COLLE COMUNE DI GIOIA DEL COLLE PROVINCIA DI BARI C O P I A DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE OGGETTO DETERMINAZIONE VALORE DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI IMU. Nr. Gen. 968 Nr. Sett. 381 Data 22/11/2012

Dettagli

giugno 2016 TABELLA FUNZIONI E CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE COMUNE DI ROVERETO adeguata art. 87 comma 1 LP 15/2015

giugno 2016 TABELLA FUNZIONI E CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE COMUNE DI ROVERETO adeguata art. 87 comma 1 LP 15/2015 giugno 2016 TABELLA FUNZIONI E CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE COMUNE DI ROVERETO adeguata art. 87 comma 1 CATEGORIE ATTIVITA a titolo esemplificativo Percentuale di applicazione Primaria, secondaria e costo

Dettagli

Con le modifiche apportate a seguito dell accoglimento delle osservazioni 1) Ambito e contenuti dell intervento

Con le modifiche apportate a seguito dell accoglimento delle osservazioni 1) Ambito e contenuti dell intervento RELAZIONE ECONOMICA Con le modifiche apportate a seguito dell accoglimento delle osservazioni 1) Ambito e contenuti dell intervento L intervento proposto riguarda un programma integrato di intervento che

Dettagli

S c h e d a t e c n i c a

S c h e d a t e c n i c a Modello 2 Comune di SAN BENIGNO CANAVESE 10080 - P.zza Vittorio Emanuele II n 9 P.IVA 01875020016 Tel. 011-988.01.00 011.988.00.54 fax 011-988.77.99 e-mail: direzione.utc@comunesanbenigno.it Area Tecnica

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Aree cedibili in proprietà o con diritto di superficie ai sensi leggi n.167/62, n.865/71 e n.457/78. IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO: -che l'art.172 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n.267,

Dettagli

TRIBUNALE DI NAPOLI V SEZIONE CIVILE

TRIBUNALE DI NAPOLI V SEZIONE CIVILE TRIBUNALE DI NAPOLI V SEZIONE CIVILE OGGETTO: INTEGRAZIONE AL PUNTO 12 DELLA CONSULENZA TECNICA D UFFICIO NEL GIUDIZIO SGA Spa c/o ************** + 3 (R.G. n. 402/06). G. E.: Dott. M. PETRUZZIELLO C.T.U.:

Dettagli

COMUNE DI BONATE SOPRA

COMUNE DI BONATE SOPRA COMUNE DI BONATE SOPRA PROVINCIA DI BERGAMO PIANO DI ALIENAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE TRIENNIO 2016-2018 Adottato con deliberazione della G.C. n. 10 del 21-01-2016 Approvato con

Dettagli