LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO"

Transcript

1 LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO La segmentazione Considerato l insieme dei clienti che costituiscono il mercato potenziale, occorre trovare dei tratti, omogenei a più clienti, che determinano risposte simili agli stimoli di marketing ed un atteggiamento comune verso le caratteristiche del prodotto. Segmentare significa cioè scomporre il mercato in sottoinsiemi omogenei in termini di bisogni, aspettative e comportamenti d acquisto rispetto ad un dato prodotto/servizio e si realizza individuando una o più caratteristiche simili, che fanno sì che i clienti abbiano bisogni relativamente simili rispetto ad un dato prodotto/servizio. Un segmento di mercato è quindi un gruppo di clienti accumunati da alcuni elementi ed è un gruppo omogeneo al suo interno, ma normalmente fortemente disomogeneo rispetto agli altri segmenti. Facciamo un esempio e, riferendoci per semplicità ad un familiare esempio B2C, consideriamo il mercato delle auto. Ovviamente i potenziali clienti non sono tutti uguali e le persone hanno bisogni e desideri diversificati, oltre ad avere gusti e possibilità di spesa diversi. In corrispondenza di ogni combinazione delle dimensioni citate si colloca un segmento preciso: acquirenti interessati all acquisto di auto di lusso, sportive, station wagon, utilitarie, citycar, ecc. Il gruppo di clienti di ogni segmento presenta caratteristiche comuni, all interno del mercato complessivo: richiedono dei prodotti simili ed hanno un atteggiamento omogeneo nei confronti delle caratteristiche del prodotto (tra cui il prezzo) e delle azioni di promozione. Risulta quindi chiara l importanza di identificare correttamente i segmenti e non trascurare di considerare delle dimensioni, magari inconsuete, che potrebbero evidenziare nuovi segmenti o nicchie. A volte il riuscire ad individuare nuove dimensioni di segmentazione permette all azienda di considerare aspetti significativi del comportamento d acquisto dei clienti che i concorrenti hanno invece trascurato e quindi consente di mettere a punto una proposta mirata e differenziata da quella dei concorrenti, in grado di soddisfare al meglio i bisogni della clientela di quel particolare segmento. In poche parole: conosci i tuoi clienti! Il processo di segmentazione classico prevede due processi separati di segmentazione: macro-segmentazione - analisi strategica che consiste nell individuare i prodottimercati (il prodotto-mercato e un mercato dove i venditori offrono prodotti sostituibili gli uni agli altri e molto simili sia per le caratteristiche che per la loro destinazione) di riferimento per l azienda, considerando la sua mission micro-segmentazione - analisi dei bisogni dei diversi gruppi di clienti all interno dei prodotti-mercati individuati: considera i bisogni dei clienti e si occupa di individuare e raggruppare in sottoinsieme i gruppi di clienti interessati allo stesso insieme di funzioni Per completezza segue un breve cenno alla macro-segmentazione (che spesso però risulta superflua quando, specialmente per piccole-medie imprese, il prodotto-mercato è già noto), per dedicare poi più attenzione alla micro-segmentazione (che sarà indicata semplicemente come segmentazione ), di più diretto interesse e dove l applicazione per i casi B2B è più specifica. Marzo /5

2 Macro-segmentazione: il modello di Abell Il modello di segmentazione di Abell si utilizza in genere nella fase di macrosegmentazione per definire le aree di business e prevede la suddivisione del mercato secondo tre variabili. Prodotto: (tecnologie) il mercato viene suddiviso in funzione delle diverse caratteristiche legate alla produzione del prodotto (materie prime impiegate, processo) o alla tecnologia (prestazioni nominali). In senso allargato a questa dimensione possono essere associate anche caratteristiche come i tempi di consegna, le garanzie, l assistenza post-vendita, ecc. Bisogno: (funzioni d uso) il mercato viene suddiviso secondo le caratteristiche relative alla funzione d uso del prodotto/servizio percepite dal cliente Cliente: il mercato viene suddiviso in funzione delle caratteristiche dei potenziali clienti che ne condizionano il processo d'acquisto Per esempio, una possibile segmentazione del mercato delle automobili secondo il modello di Abell potrebbe prevedere: Prodotto: tipo (utilitaria, sportiva, lusso, station vagon, berlina, ), potenza, consumo, Bisogno: per lavoro, per divertimento, per i figli, Cliente: reddito (alto, medio, basso) In pratica questo approccio richiede di rispondere alle seguenti domande: Cosa? (bisogni da soddisfare) Chi? (clienti interessati) Come? (tecnologie in grado di realizzare funzioni) Alle variabili considerate dal modello di Abell se ne possono aggiungere altre, specifiche del prodotto-mercato considerato (es. il canale distributivo, ) Marzo /5

3 Criteri di (micro-)segmentazione L azione di segmentazione richiede quindi di individuare i criteri di segmentazione, vale a dire le variabili secondo le quali ripartire l insieme dei clienti. Sulla scelta dei criteri di segmentazione esiste una vastissima letteratura, specialmente nel B2C, dove il mercato viene normalmente segmentato su base: Geografica Demografica (età, sesso, livello di reddito, occupazione, dimensione della famiglia, istruzione, religione, ) Psicografica (classe sociale, stile di vita, personalità, ) Comportamentale (conoscenza del prodotto, atteggiamento verso il prodotto, uso che ne fanno, fedeltà alla marca ) In funzione del prodotto in esame si considerano varie delle caratteristiche sopra riportate e basandosi su dati d acquisto di prodotti simili o ricerche di mercato le si esaminano con tecniche di analisi statistica piuttosto sofisticate cercando parametri adatti a raggruppare i clienti (analisi a posteriori - analisi di cluster) per suddividere i consumatori in segmenti. In questo modo scoprirò per esempio che il 5,3% dei sottoscrittori di un abbonamento annuale ad una generica rivista di giardinaggio è costituito da maschi di età compresa tra 40 e 50 anni, impiegati, residenti in regioni del centro Italia, che vivono famiglie di 3-4 persone, ecc. e tutti questi dati mi consentono di intraprendere le opportune azioni di promozione. Nella micro-segmentazione per i mercati industriali e nel B2B in generale le cose sono abbastanza diverse, in quanto le variabili secondo le quali segmentare il mercato vengono generalmente indicate dall esperienza (analisi a priori). Inoltre nel B2C le persone acquistano per un bisogno/desiderio, mentre nel B2B le organizzazioni generalmente acquistano per realizzare un profitto (rivendere il prodotto, utilizzarlo nella produzione o utilizzarlo nella gestione ordinaria) che si traduce (a parte rare eccezioni) in un bisogno che non ha caratteristiche di emozionalità, ma di razionalità. Le funzioni d uso del prodotto B2B (beni strumentali principali o secondari, prodotti intermedi semilavorati, componenti, prodotti di consumo, materie grezze) o del servizio posso essere lepiù varie ed anche queso influenza il particolare modo di approcciare il mercato. Le differenze più rilevanti tra B2C e B2B possono essere individuate nella microsegmentazione. segmentazione per vantaggi perseguiti: nei mercati industriali, a differenza di quanto solitamente avviene nel B2C, la motivazione all acquisto è razionale, i bisogni specifici sono in linea di massima chiari e quindi tale segmentazione è solitamente prioritaria. Individuare correttamente i benefici attesi dal cliente (qualità, servizio, prezzo, ) è l elemento decisivo ed in questo occorre valutare tutti gli aspetti caratterizzanti delle aziende clienti (cosa producono e come lo producono, chi sono i loro clienti finali) per determinarne i bisogni anche inespressi segmentazione per localizzazione geografica (paese, lingua) e dimensione (addetti, fatturato): influenza sulla modalità dei rapporti (diretti o attraverso distributori) Marzo /5

4 L analogo a quella che viene indicata come segmentazione comportamentale nel B2C, nel B2B riflette le caratteristiche del processo d acquisto dei clienti industriali, che sarà delineata successivamente. Matrice di segmentazione Una volta individuate le variabili di segmentazione occorre costruire una matrice di segmentazione, che serve ad individuare le combinazioni significative tra le variabili che identificano il cliente. Per costruirla, si prendono inizialmente in considerazione tutte le variabili di segmentazione che sembrano applicabili (caratteristiche che identificano la tipologia del cliente, parametri qualitativi, come la dimensione e il fatturato, paramentri qualitativi) e via via le si selezionano, seguendo un procedimento tipo il seguente: tenere in magiore considerazione le variabili più strategiche raggruppare quelle che sono in qualche modo correlate eliminare le combinazioni prive di senso o impossibili riunire od accorpare ad altri i raggruppamenti di dimensioni trascurabili Una volta ottenuta la matrice, la si verifica collocando nella ripartizione più adatta (segmento) i vari clienti conosciuti (ovviamente tutti i clienti devono trovare il loro posto). Per verificare la situazione attuale, possiamo notare se i nostri clienti si collocano in un segmento particolare, od in doversi segmenti. Possiamo inoltre verificare su quali segmenti insistono i concorrenti e la nostra stessa azienda (i concorrenti che più spesso si troveranno a condividere la nostra posizione nei segmenti sono i concorrenti diretti). Oltre a queste informazioni, è utilie cercare di catalogare le potenzialità dei segmenti dal punto di vista delle dimensioni, della crescita, valutando inoltre la quota di mercato detenuta dall impresa e dalla concorrenza. Si identificano quindi i segmenti, vale a dire porzioni di mercato caratterizzate da caratteristiche omogenee (nell esempio delle automobili, un segmento può essere rappresentato dagli acquirenti di automobili a reddito elevato). Si identificano anche le cosiddette nicchie di mercato, vale a dire gruppi ristretti all interno di un segmento (proseguentdo nell esempio delle automobili, una nicchia può essere identificata come l insieme degli acquirenti a reddito elevato ed interessati all acquisto di macchine sportive). La nicchia si contraddistingue per l estrema specificità ed intensità dei bisogni dei clienti e non per le dimensioni, che possono anche essere tutt altro che ridotte. Individuare una nicchia aggredibile e profittevole può consentire anche ad un azienda di medio-piccole dimensioni di affrontare concorrenti dimensionalmente molto più forti, in quanto ci si concentra su particolari aspetti, presentandosi come specialista di quella particolare situazione/soluzione, senza competere su tutti i segmenti (se vendo utilitarie mi confronto con tutti i principali costruttori, se mi specializzo nelle Jeep la situazione sarà diversa). Le condizioni di segmentazione La segmentazione ottenuta per poter essere efficacemente impiegata nell analisi dovrebbe presentare alcune caratteristiche: Marzo /5

5 differenziabilità: ogni segmento deve essere distinguibile dagli altri e deve rispondere in modo differente all azione di marketing. Le differenze devono essere massime tra i segmenti, mentre devono essere minime le differenze fra clienti in uno stesso segmento misurabilità: possibilità di disporre di informazioni di carattere quantitativo per ogni segmento (dimensioni, volumi d acquisto comportamento di acquisto) durabilità: il segmento non è effimero e perdura nel tempo Facciamoci qualche domanda sulla segmentazione Quali sono le possibili variabili per segmentare il proprio mercato? Con la segmentazione individuata è misurabile in modo semplice il volume di acquisto dei clienti nei vari segmenti? Posizioniamo i nostri clienti nella griglia (ci sono tutti? Dove sono i più importanti?) ed i nostri concorrenti, verificando quali sono i nostri concorrenti diretti e quelli indiretti Osserviamo se i nostri clienti più importanti si posizionano in un segmento particolare Con la segmentazione individuata la numerosità edimportanza dei clienti è significativa in ogni segmento? Come si ritiene che la segmentazione adottata evolverà nel tempo? Per ogni macro-segmento individuato proviamo ad identificare le aspettative ed i bisogni in termini di prodotto, servizio, qualità, prezzo Marzo /5

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it 1 OBIETTIVI DELL AZIENDA Massimizzare l utilità risorse Aumentare redditività e profitto Soddisfare il cliente / costruire

Dettagli

Marketing, vendite e servizi post-vendita

Marketing, vendite e servizi post-vendita Marketing, vendite e servizi post-vendita L attività di marketing include: a) tutte le azioni che spingono il consumatore ad acquistare un dato prodotto Marca, pubblicità, promozione (servizi di assistenza

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari. Luca Petruzzellis. lu.petruzzellis@disag.uniba.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari. Luca Petruzzellis. lu.petruzzellis@disag.uniba. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Vende molteplici marche nell ambito della stessa categoria

Dettagli

Principi di Marketing Strategico

Principi di Marketing Strategico Fondamenti di Marketing Turistico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Principi di Marketing Strategico Dott. Mario Liguori 1 Dal Mktg Strategico a quello Operativo 1) Macro-Segmentazione, o Segmentazione

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Marketing. La segmentazione del mercato

Marketing. La segmentazione del mercato Marketing La segmentazione del mercato 1 Fase analitica e conoscitiva Analisi di settore e comportamenti concorrenziali Definizione del mercato e analisi della domanda Comportamento del consumatore Struttura

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1

Capitolo 7. Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo. Capitolo 7- slide 1 Capitolo 7 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Capitolo 7- slide 1 Strategia di marketing orientata al cliente Creare valore per il cliente obiettivo Obiettivi

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG87U ATTIVITÀ 70.22.09 ALTRE ATTIVITÀ DI CONSULENZA ATTIVITÀ 82.91.20 AGENZIE DI INFORMAZIONI COMMERCIALI

STUDIO DI SETTORE UG87U ATTIVITÀ 70.22.09 ALTRE ATTIVITÀ DI CONSULENZA ATTIVITÀ 82.91.20 AGENZIE DI INFORMAZIONI COMMERCIALI STUDIO DI SETTORE UG87U ATTIVITÀ 70.22.09 ALTRE ATTIVITÀ DI CONSULENZA IMPRENDITORIALE E ALTRA CONSULENZA AMMINISTRATIVO-GESTIONALE E PIANIFICAZIONE AZIENDALE ATTIVITÀ 82.91.20 AGENZIE DI INFORMAZIONI

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO. Importanza del posizionamento

IL POSIZIONAMENTO. Importanza del posizionamento Importanza del posizionamento IL POSIZIONAMENTO La conoscenza del posizionamento occupato da un prodotto nel suo mercato di riferimento è fondamentale per la definizione e la scelta dei segmenti di mercato

Dettagli

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo

La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo La segmentazione e la definizione dei mercati obiettivo Fasi nell evoluzione del rapporto con mercato Marketing di massa Sono curate la produzione e la promozione del prodotto a livello di massa, per tutti

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO LE FILOSOFIE ADOTTABILI DALL IMPRESA IN RELAZIONE AI MERCATI Sommario: 1. La filosofia della produzione. - 2. La filosofia del prodotto. - 3. La filosofia della vendita. - 4. La filosofia

Dettagli

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI ECONOMIA DELLE RETI MICHELE GRIMALDI A.A. 2010/2011 Analisi Strategica Analisi SWOT OBIETTIVI DELL ANALISI INDUSTRIALE TIPOLOGIE DI ANALISI INDUSTRIALE: IL MODELLO

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Analisi della concorrenza

Analisi della concorrenza Università degli Studi di Torino Facoltà di Economia Analisi della concorrenza Prof. GIUSEPPE TARDIVO Dott.ssa ANGELA SCILLA Impresa L impresa è un sistema costituito da risorse ed attori (interni ed esterni)

Dettagli

Marketing nel commercio elettronico Parte 1

Marketing nel commercio elettronico Parte 1 Marketing nel commercio elettronico Parte 1 Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Marketing Marketing: insieme

Dettagli

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica.

Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Piano di Marketing Come realizzare il piano di marketing, finalmente in pratica. Intro Introduzione: La pianificazione di marketing L obiettivo principale del piano di marketing strategico è quello di

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK16U

STUDIO DI SETTORE TK16U ALLEGATO 7 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TK16U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN L analisi della domanda ed il Piano di Marketing Dr.ssa Emanuela d

Dettagli

La scelta della strategia di marketing

La scelta della strategia di marketing LA SCELTA DELLA STRATEGIA DI L obiettivo che l impresa deve perseguire in questa fase è quello di individuare la strategia di marketing che sia in grado di offrire all impresa il mezzo per realizzare i

Dettagli

ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO

ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO ANALISI A CASCATA DELL AMBIENTE COMPETITIVO ANALISI DEL SETTORE ANALISI DEI CONCORRENTI ANALISI DELLA DOMANDA (POTENZIALI COMPRATORI) SEGMENTAZIONE E POSIZIONAMENTO Cap. 5: Analisi della domanda/ segmentazione

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG79U

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG79U ALLEGATO 16 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG79U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG79U

STUDIO DI SETTORE SG79U ALLEGATO 5 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG79U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

Nasce un impresa! Distribuzioni doppie di frequenza e tabelle a doppia entrata. Distribuzioni condizionate e marginali.

Nasce un impresa! Distribuzioni doppie di frequenza e tabelle a doppia entrata. Distribuzioni condizionate e marginali. Nasce un impresa! Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Predisporre la struttura della matrice dei dati grezzi con riguardo ad una rilevazione pianificata ed inserire i dati in un foglio elettronico.

Dettagli

ALLEGATO 7. Nota Tecnica e Metodologica SK16U

ALLEGATO 7. Nota Tecnica e Metodologica SK16U ALLEGATO 7 Nota Tecnica e Metodologica SK16U NOTA TECNICA E METODOLOGICA 1. CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione dello studio

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG60U ATTIVITÀ 92.72.1 GESTIONE DI STABILIMENTI BALNEARI: MARITTIMI, LACUALI E FLUVIALI

STUDIO DI SETTORE TG60U ATTIVITÀ 92.72.1 GESTIONE DI STABILIMENTI BALNEARI: MARITTIMI, LACUALI E FLUVIALI STUDIO DI SETTORE TG60U ATTIVITÀ 92.72.1 GESTIONE DI STABILIMENTI BALNEARI: MARITTIMI, LACUALI E FLUVIALI Ottobre 2005 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SG60U Stabilimenti balneari è stata

Dettagli

Le barriere all entrata

Le barriere all entrata Le barriere all entrata Derivano da: maggiori i costi minori ricavi della nuova entrante rispetto alle imprese già presenti nel settore Le nuove entranti devono considerare: Condizioni d ingresso: ostacoli

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG40U ATTIVITÀ 70.20.0 VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE IMMOBILIARE COMPRAVENDITA DI BENI IMMOBILI LOCAZIONE DI BENI IMMOBILI

STUDIO DI SETTORE TG40U ATTIVITÀ 70.20.0 VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE IMMOBILIARE COMPRAVENDITA DI BENI IMMOBILI LOCAZIONE DI BENI IMMOBILI STUDIO DI SETTORE TG40U ATTIVITÀ 70.11.0 VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE IMMOBILIARE ATTIVITÀ 70.12.0 COMPRAVENDITA DI BENI IMMOBILI ATTIVITÀ 70.20.0 LOCAZIONE DI BENI IMMOBILI Settembre 2006 PREMESSA L evoluzione

Dettagli

Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili. Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi

Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili. Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi LA STRATEGIA DI INTERNET FASI DELLA STRATEGIA Analisi MARKETING Segmentazione: identificazione di gruppi omogenei di consumatori con bisogni simili Targeting: scelta dei segmenti cui rivolgersi Posizionamento:

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG54U

STUDIO DI SETTORE SG54U ALLEGATO 5 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG54U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

LE STRATEGIE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE STRATEGIE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE STRATEGIE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero 1 STRUTTURA DEL PIANO DI MARKETING SOMMARIO ANALISI SCELTE STRATEGICHE PROGRAMMI OPERATIVI CONTO ECONOMICO CONTROLLI Prof. Giancarlo Ferrero 2 LA SEGMENTAZIONE

Dettagli

Il ruolo della comunicazione

Il ruolo della comunicazione IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE Affinché si realizzi lo scambio tra domanda e offerta non è sufficiente il verificarsi della concomitanza delle condizioni materiali dello scambio; è altrettanto necessario

Dettagli

I PRIMI PASSI PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI MARKETING

I PRIMI PASSI PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI MARKETING COME SI SCRIVE IL MARKETING PLAN I PRIMI PASSI PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI MARKETING di Antonio Ferrandina Marketing e vendite >> marketing e management INDICE DEL PIANO La determinazione dell oggetto

Dettagli

ALLEGATO 3. Nota Tecnica e Metodologica SD02U

ALLEGATO 3. Nota Tecnica e Metodologica SD02U ALLEGATO 3 Nota Tecnica e Metodologica SD02U NOTA TECNICA E METODOLOGICA 1. CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione dello studio

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WG82U ATTIVITÀ 70.21.00 PUBBLICHE RELAZIONI E COMUNICAZIONE ATTIVITÀ 73.11.01 IDEAZIONE DI CAMPAGNE PUBBLICITARIE ATTIVITÀ 73.11.02 CONDUZIONE DI CAMPAGNE DI MARKETING E ALTRI SERVIZI

Dettagli

Corso Principi di marketing prof. Michele Simoni

Corso Principi di marketing prof. Michele Simoni Corso Principi di marketing prof. Michele Simoni Orario di ricevimento: giovedì ore 15:00 - via Acton E-mail: simoni@uniparthenope.it III Blocco Prof. Simoni Lezione 4 Segmentazione del mercato III Blocco

Dettagli

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG53U ATTIVITÀ 74.30.00 TRADUZIONE E INTERPRETARIATO ATTIVITÀ 82.30.00 ORGANIZZAZIONE DI CONVEGNI E FIERE

STUDIO DI SETTORE UG53U ATTIVITÀ 74.30.00 TRADUZIONE E INTERPRETARIATO ATTIVITÀ 82.30.00 ORGANIZZAZIONE DI CONVEGNI E FIERE STUDIO DI SETTORE UG53U ATTIVITÀ 74.30.00 TRADUZIONE E INTERPRETARIATO ATTIVITÀ 82.30.00 ORGANIZZAZIONE DI CONVEGNI E FIERE Maggio 2009 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TG53U Organizzazione

Dettagli

Come elaborare un PIANO DI MARKETING

Come elaborare un PIANO DI MARKETING Corso di MARKETING A.A. 2011/2012 Come elaborare un PIANO DI MARKETING Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Benevento, 3 Ottobre 2011 IL PIANO DI MARKETING è lo strumento più diffuso a sostegno

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG42U

STUDIO DI SETTORE SG42U ALLEGATO 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 MARKETING SOCIALE Il Marketing Sociale è l'utilizzo delle strategie e delle tecniche del marketing per influenzare un gruppo target ad accettare, modificare o abbandonare

Dettagli

Corso Online: Marketing degli Eventi Culturali e dello Spettacolo

Corso Online: Marketing degli Eventi Culturali e dello Spettacolo Corso Online: Marketing degli Eventi Culturali e dello Spettacolo Programma (121 pagine tra dispense e slides) IL MARKETING IL MARKETING IN AZIENDA - AZIENDE MARKETING ORIENTED

Dettagli

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Dott. Gabriele Sabato Abstract Nel corso del processo di evoluzione della nostra società moderna si è riscontrato sempre più l insorgere di

Dettagli

ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE

ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE CORSO DI ORDINAMENTO ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE Indirizzo: TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Tema di: ECONOMIA E TECNICA DELL AZIENDA TURISTICA I prodotti turistici si configurano come il risultato

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA E I FONDAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA LEZIONE N. 2 L attività di Marketing e le Strategie d Impresa Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL CONCETTO DI STRATEGIA

Dettagli

Come. segmentare e valutare il mercato. e scegliere le strategie più efficaci

Come. segmentare e valutare il mercato. e scegliere le strategie più efficaci Alessandro Garro docente di marketing e progettista e-learning specialista nel marketing dei beni industriali www.formazionecommerciale.it CORSO DI MARKETING DEI BENI INDUSTRIALI Come segmentare e valutare

Dettagli

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Logo LegaCoop Imola 1 EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori Presentato da: Patrizia Andreani 2 DALL

Dettagli

Experiment 2013-2014 COME SVILUPPARE UN PROGETTO D IMPRESA. Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori DISPENSA

Experiment 2013-2014 COME SVILUPPARE UN PROGETTO D IMPRESA. Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori DISPENSA Experiment 2013-2014 COME SVILUPPARE UN PROGETTO D IMPRESA Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori DISPENSA 1 DALL IDEA AL PROGETTO IMPRENDITORIALE Per arrivare a

Dettagli

STRATEGIA COMPETITIVA. Gestione strategica ed operativa. Obiettivi strategici

STRATEGIA COMPETITIVA. Gestione strategica ed operativa. Obiettivi strategici STRATEGIA COMPETITIVA Nei confronti dell evoluzione dell ambiente esterno, l imprenditore può adottare differenti atteggiamenti: atteggiamento di attesa: risposta al verificarsi di cambiamenti ambientali;

Dettagli

Strategia di marketing

Strategia di marketing Strategia di marketing La strategia di marketing è il complesso di azioni coordinate che un impresa realizza per raggiungere i propri obiettivi di marketing Elementi fondamentali della strategia di marketing

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VK20U ATTIVITÀ 86.90.30 ATTIVITÀ SVOLTA DA PSICOLOGI Febbraio 2011 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore UK20U Attività professionale svolta da psicologi,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM44U

STUDIO DI SETTORE SM44U ALLEGATO 4 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM44U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG78U

STUDIO DI SETTORE SG78U ALLEGATO 8 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG78U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG91U

STUDIO DI SETTORE SG91U ALLEGATO 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG91U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE UM80U ATTIVITÀ 47.30.00 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI CARBURANTE PER AUTOTRAZIONE Marzo 2010 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TM80U Vendita al dettaglio

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. BRACCINI MARUSCA DISCIPLINA: MARKETING. Classe 5 Sezione CLM

PIANO DI LAVORO. Prof. BRACCINI MARUSCA DISCIPLINA: MARKETING. Classe 5 Sezione CLM PIANO DI LAVORO Prof. BRACCINI MARUSCA DISCIPLINA: MARKETING Classe 5 Sezione CLM MODULI DURATA (IN ORE) L ambiente economico competitivo dell impresa 25 Il marketing operativo 30 Il piano di marketing

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti I profondi e rapidi cambiamenti che in questi anni si sono manifestati in

Dettagli

PIANO DI MARKETING. Come elaborare un. De Nisco A., Napolitano M.R., Papa R., Riviezzo A.

PIANO DI MARKETING. Come elaborare un. De Nisco A., Napolitano M.R., Papa R., Riviezzo A. De Nisco A., Napolitano M.R., Papa R., Riviezzo A. Come elaborare un PIANO DI MARKETING PROGETTI PER INCENTIVAZIONE DELL IMPEGNO DIDATTICO DEI DOCENTI E DEI RICERCATORI AI SENSI DELL ART. 4 l. 19 OTTOBRE

Dettagli

Strategie competitive

Strategie competitive Lezione 12 Strategie competitive prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 L area strategica d Affari Il settore identificato mediante criteri di omogeneità costituisce

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni

Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni Il cliente a tutto tondo: una metodologia di targeting per bisogni Nell attuale contesto competitivo, la conoscenza del cliente e dei suoi bisogni di servizi e prodotti bancari a 360 diventa fondamentale

Dettagli

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing

Dettagli

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PERCHÉ ELABORARE UN MARKETING PLAN? Il marketing plan è un componente essenziale del vostro business. Quando si avvia una nuova azienda o si lanciano prodotti o servizi

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WM43U ATTIVITÀ 46.61.00 COMMERCIO ALL INGROSSO DI MACCHINE, ACCESSORI E UTENSILI AGRICOLI, INCLUSI I TRATTORI ATTIVITÀ 47.52.40 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI

Dettagli

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella

Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Lezione di Economia Aziendale del 14/03/2005 Docente: prof.ssa S. Spallini Studente: Mario Spontella Analisi delle aree funzionali produzione e marketing PRODUZIONE: Nelle precedenti lezioni abbiamo inteso

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG53U

STUDIO DI SETTORE UG53U ALLEGATO 9 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UG53U ORGANIZZAZIONE DI CONVEGNI ED ATTIVITA DI TRADUZIONI ED INTERPRETARIATO CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'obiettivo dell'applicazione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UK16U ATTIVITÀ 68.32.00 ATTIVITÀ 81.10.00 AMMINISTRAZIONE DI CONDOMINI E GESTIONE DI BENI IMMOBILI PER CONTO TERZI

STUDIO DI SETTORE UK16U ATTIVITÀ 68.32.00 ATTIVITÀ 81.10.00 AMMINISTRAZIONE DI CONDOMINI E GESTIONE DI BENI IMMOBILI PER CONTO TERZI STUDIO DI SETTORE UK16U ATTIVITÀ 68.32.00 AMMINISTRAZIONE DI CONDOMINI E GESTIONE DI BENI IMMOBILI PER CONTO TERZI ATTIVITÀ 81.10.00 SERVIZI INTEGRATI DI GESTIONE AGLI EDIFICI Maggio 2008 PREMESSA L evoluzione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM10U ATTIVITÀ 45.31.01 COMMERCIO ALL INGROSSO DI PARTI E ATTIVITÀ 45.31.02 INTERMEDIARI DEL COMMERCIO DI PARTI

STUDIO DI SETTORE UM10U ATTIVITÀ 45.31.01 COMMERCIO ALL INGROSSO DI PARTI E ATTIVITÀ 45.31.02 INTERMEDIARI DEL COMMERCIO DI PARTI STUDIO DI SETTORE UM10U ATTIVITÀ 45.31.01 COMMERCIO ALL INGROSSO DI PARTI E ACCESSORI DI AUTOVEICOLI ATTIVITÀ 45.31.02 INTERMEDIARI DEL COMMERCIO DI PARTI ED ACCESSORI DI AUTOVEICOLI ATTIVITÀ 45.32.00

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG53U ATTIVITÀ 74.85.2 ATTIVITÀ 74.87.6 TRADUZIONI E INTERPRETARIATO ORGANIZZAZIONE DI FIERE, ESPOSIZIONI, CONVEGNI

STUDIO DI SETTORE TG53U ATTIVITÀ 74.85.2 ATTIVITÀ 74.87.6 TRADUZIONI E INTERPRETARIATO ORGANIZZAZIONE DI FIERE, ESPOSIZIONI, CONVEGNI STUDIO DI SETTORE TG53U ATTIVITÀ 74.85.2 TRADUZIONI E INTERPRETARIATO ATTIVITÀ 74.87.6 ORGANIZZAZIONE DI FIERE, ESPOSIZIONI, CONVEGNI Aprile 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SG53U Organizzazione

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Marketing Industriale Prof. Ferruccio Piazzoni L analisi di attrattività dei segmenti I Mktg-L05 L ANALISI DI ATTRATTIVITA In ciascuna

Dettagli

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE. AREA STRATEGICA d AFFARI

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE. AREA STRATEGICA d AFFARI Prof. Francesco Albergo Docente di PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Corso di Laurea in Economia Aziendale Curriculum in Gestione Aziendale Organizzata UNIVERSITA degli Studi di Bari DOTTORE COMMERCIALISTA -

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG55U ATTIVITÀ 96.03.00 SERVIZI DI POMPE FUNEBRI E ATTIVITÀ CONNESSE

STUDIO DI SETTORE UG55U ATTIVITÀ 96.03.00 SERVIZI DI POMPE FUNEBRI E ATTIVITÀ CONNESSE STUDIO DI SETTORE UG55U ATTIVITÀ 96.03.00 SERVIZI DI POMPE FUNEBRI E ATTIVITÀ CONNESSE Marzo 2008 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TG55U Servizi di pompe funebri e attività connesse è stata

Dettagli

Concetto di marketing. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

Concetto di marketing. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa Concetto di marketing Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa Concetto di marketing Tutte le aziende si occupano di marketing perché tutte hanno un mercato con cui si rapportano

Dettagli

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 INDICE 1. Modalità di scrittura e stile del business plan... 3 2. Struttura di un business plan... 3 2.1 Sintesi...

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WK21U ATTIVITÀ 86.23.00 ATTIVITÀ DEGLI STUDI ODONTOIATRICI Luglio 2012 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore VK21U Attività degli studi odontoiatrici,

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

Marketing Introduzione al marketing strategico

Marketing Introduzione al marketing strategico http://www.dimeg.poliba.it/kmlab Marketing Introduzione al marketing strategico Prof. Michele Gorgoglione m.gorgoglione@poliba.it Sommario Quattro definizioni di marketing 1. Concetti di base dal bisogno

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK23U ATTIVITÀ 74.20.2 SERVIZI DI INGEGNERIA INTEGRATA

STUDIO DI SETTORE TK23U ATTIVITÀ 74.20.2 SERVIZI DI INGEGNERIA INTEGRATA STUDIO DI SETTORE TK23U ATTIVITÀ 74.20.2 SERVIZI DI INGEGNERIA INTEGRATA Settembre 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SK23U Servizi di ingegneria integrata - è stata condotta analizzando

Dettagli

DISPENSA MARKETING. Dispensa MARKETING. Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto

DISPENSA MARKETING. Dispensa MARKETING. Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto DISPENSA MARKETING Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Dispensa MARKETING ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA INDICE IL CONCETTO DI MARKETING...3 CONCETTI

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE

POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE Per prodotto s intende tutto ciò che può essere offerto ai consumatori per soddisfare un loro bisogno IN BASE ALLE ABITUDINI DEL CONSUMATORE I PRODOTTI

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG96U ATTIVITÀ 45.20.91 LAVAGGIO AUTO ATTIVITÀ 45.20.99 ALTRE ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE E DI

STUDIO DI SETTORE TG96U ATTIVITÀ 45.20.91 LAVAGGIO AUTO ATTIVITÀ 45.20.99 ALTRE ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE E DI STUDIO DI SETTORE TG96U ATTIVITÀ 45.20.91 LAVAGGIO AUTO ATTIVITÀ 45.20.99 ALTRE ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE E DI RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI ATTIVITÀ 52.21.60 ATTIVITÀ DI TRAINO E SOCCORSO STRADALE Aprile

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG87U ATTIVITÀ 74.14.1 - CONSULENZE FINANZIARIE ATTIVITÀ 74.14.4 - ATTIVITÀ DEGLI AMMINISTRATORI DI SOCIETÀ

STUDIO DI SETTORE SG87U ATTIVITÀ 74.14.1 - CONSULENZE FINANZIARIE ATTIVITÀ 74.14.4 - ATTIVITÀ DEGLI AMMINISTRATORI DI SOCIETÀ STUDIO DI SETTORE SG87U ATTIVITÀ 74.14.1 - CONSULENZE FINANZIARIE ATTIVITÀ 74.14.4 - ATTIVITÀ DEGLI AMMINISTRATORI DI SOCIETÀ ED ENTI, CONSULENZA AMMINISTRATIVO-GESTIONALE E PIANIFICAZIONE AZIENDALE ATTIVITÀ

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG55U ATTIVITÀ 96.03.00 SERVIZI DI POMPE FUNEBRI E ATTIVITÀ CONNESSE Gennaio 2011 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore UG55U Servizi di pompe funebri

Dettagli

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe Premessa Analisi dei progetti di Customer Il Customer Il data base per il marketing e per le : Come organizzare le informazioni Più di un terzo delle istituzioni non inserisce ancora in un unico data base

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM80U

STUDIO DI SETTORE UM80U A L L E G AT O 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UM80U C O M M E R C I O A L D E T T A G L I O D I C A R B U R A N T E P E R A U T O T R A Z I O N E CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO

Dettagli