ASL di Vallecamonica - Sebino - Iscr. Trib. di BS n. 10/2004 in data 8 marzo 2004 L Asl Informa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASL di Vallecamonica - Sebino - Iscr. Trib. di BS n. 10/2004 in data 8 marzo 2004 L Asl Informa"

Transcript

1 01/2008 Sanità Camuna Periodico trimestrale a carattere tecnico-informativo, ANNO V - N. 1 ASL di Vallecamonica - Sebino - Iscr. Trib. di BS n. 10/2004 in data 8 marzo 2004 L Asl Informa

2 sommario 2 3 AZIONI CONCRETE E SIGNIFICATIVE: OVVERO QUANTO DI IMPORTANTE È STATO FATTO NELLA PASSATA GESTIONE FOSCHINI 7 COSA C È DA FARE sommario ECCO GLI OBIETTIVI CHE LA NUOVA GESTIONE FOSCHINI SI È PREFISSATA 8 L EVENTO DI FINE ANNO di Matilde Comensoli 9 CAMBIO DELLA GUARDIA: ECCO LA NUOVA GESTIONE DEDICATO AI DIPENDENTI 10 LE INFEZIONI IN OSPEDALE PRESENTAZIONE DEL CIO (Comitato Infezioni Ospedaliere) 12 LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI LE INIZIATIVE REALIZZATE NEL 2007 L ANGOLO DELL INFORMAZIONE di Siro Casatti di Andrea Patroni di Elena Fanetti 14 PICCOLA STORIA DELLA MEDICINA di Daria Salvini 16 IL SERVIZIO DI NEUROPSICHIATRIA DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA DELLA NOSTRA ASL ECCO L OPINIONE DEI GENITORI 18 Breve commento dei genitori del Comitato Tecnico di Coordinam. del Servizio NPIA - Gruppo di lavoro genitori-operatori 19 INFORMATICA E DOMOTICA MIGLIORANO LA QUALITA DELLA VITA DELLE PERSONE di Silvia Cristina Bernardi CON DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E DISABILITÀ 21 INFORMA FAMIGLIA IL BULLISMO IL GRUPPO DEI PARI CHI TROVA UN AMICO TROVA SE STESSO L EDUCAZIONE TRA PARI 25 LA VALLECAMONICA PARTECIPA AD UN IMPORTANTE PROGETTO EUROPEO: IMPATTO SULLA SALUTE PUBBLICA DA ESPOSIZIONE A METALLI di Lino Boniotti di Silvia Cretti di Sabrina Tonni di Marta Baisotti di Silvia Pedretti di Arianna Savoldelli di Stefania Bellesi 29 NOMINATI TRE NUOVI PRIMARI a cura della Redazione 30 ANAGRAFE EQUINA E SANITà PUBBLICA INFORMAZIONI 33 NOTIZIE IN BREVE Curiosando qua e là di Enzo Antonini a cura dello Staff della Comunicazione Nuovi Obiettivi Dopo la riconferma alla guida della sanità camuna, Angelo Foschini poteva, per così dire, guardare al prossimo triennio in una logica di ordinaria tranquilla amministrazione. Dalla prima conferenza stampa, convocata e tenuta all indomani della riconferma, il Direttore ha dissolto ogni equivoco (qualora albergasse nella mente di qualcuno) e ha fatto chiaramente intendere che altri qualificanti traguardi lo attendono nella tornata appena avviata. Certo, il quinquennio che si è appena chiuso, ha visto importanti realizzazioni, ampiamente descritte nel primo articolo di questo numero. Accanto ai tanti obiettivi raggiunti, andrebbero citati anche i servizi incrementati sul territorio (specie sul fronte delicato della socialità), lo sforzo per ridurre consistentemente le liste d attesa, la copertura dei posti in organico mancanti, ecc. Insomma, dentro il panorama complicato e complesso quale è il mondo della nostra sanità, ci sono ragioni motivate per guardare con fiducia alla possibilità reale di essere curati e bene anche in Valle. Ma adesso, si diceva, bisogna guardare avanti. Nella citata conferenza stampa Foschini ha indicato altri traguardi (questi elencati a pag. 7) tra i quali voglio riprendere quello del Servizio di Radioterapia per la cui realizzazione la Fondazione Zaleski ha dato un generoso contributo finanziario, che però purtroppo non basta. Occorrono altre risorse. E così anche per gli altri importanti obiettivi, sono necessarie risorse finanziarie aggiuntive. Il Direttore ha scelto di impostare un azione a 360 : premere, come si suol dire, in Regione per avere finanziamenti adeguati, potendo in questo contare sulla sensibilità degli uomini delle istituzioni valligiane, regionali e nazionali in un costante rapporto di leale condivisa responsabilità. Ma occorre anche ottimizzare le risorse disponibili, ad esempio il lascito Sangalli che oggi non rende nulla e che invece potrebbe rappresentare un apporto significativo nel finanziamento di opere come quelle ricordate, senza per questo cancellare la memoria della Donatrice. Anzi, quella memoria rivivrebbe nella riconoscenza di tante donne costrette a rivolgersi a Brescia per la loro cura. E parlando dell ospedale di Edolo, dopo gli interventi di questi anni che l hanno decisamente riqualificato, quel presidio, nei programmi di Foschini, potrebbe e dovrebbe diventare avamposto di ricerca e di specializzazione universitaria, specie nella traumatologia, visto il contesto particolare e intervallivo nel quale opera. Come si vede, idee e azioni sono impostate nella sacrosanta, doverosa e obbligata direzione di fare della sanità camuna una sanità che risponda adeguatamente e tempestivamente a tutte le domande del territorio e della sua gente. Eugenio Fontana Direttore Responsabile: Eugenio Fontana Direttore Editoriale: Matilde Comensoli Comitato di Redazione Coordinatore: Gemma Torri Daniele Venia Dariella Salvini Loredana Sanzogni Editore ASL di Vallecamonica - Sebino via Nissolina, Breno (BS) Stampa Litografia Bressanelli - Manerbio (Bs)

3 Azioni concrete e significative Sanità Camuna 3 Ovvero quanto di importante È STATO FATTO nella passata gestione Foschini PRIMAVERA 2005: È ARRIVATA LA NAVIGAZIONE COMPUTER ASSISTITA NELLA CHIRURGIA PROTESICA E NELLA TRAU- MATOLOGIA AD ESINE è stato acquistato un Sistema navigatore Laptop completo di modulo ginocchio, per gli interventi di chirurgia dell anca e del ginocchio. Si tratta di un navigatore computerizzato a infrarossi, costruito negli USA, che permette di collocare in maniera precisa componenti protesiche con orientamento spaziale ottimale. È naturalmente collegato ad un computer, con sensori attivi ad infrarossi sugli strumenti, che guida il chirurgo mentre effettua tagli nelle ossa, mettendo in posizione protesi definitive. Inoltre permette di vedere l immagine tridimensionale dell osso, suggerendo come tagliare, controllando l esattezza della esecuzione ed indicando eventuali modifiche. Questo notevole sforzo economico permette alla cittadinanza di usufruire di un sistema altamente tecnologico e d avanguardia, per un genere di interventi che si dimostra necessario con sempre maggior frequenza. DICEMBRE 2005: INAUGURAZIONE DELLA RMN AD ESINE Il , presso l ospedale di Esine, è stata inaugurata la nuova Risonanza Magnetica Nucleare (RMN) aperta, acquisita a seguito di finanziamento regionale. L ospedale di Esine è stata la prima struttura pubblica, dopo quella di Brescia, a poter offrire questo strumento diagnostico, in tutta la provincia. Le prestazioni diagnostiche dell anno 2007 ammontano a L impianto è utilizzato da un team specializzato. ANNO 2006: INSTALLAZIONE DI TELEVISORI IN TUTTE LE DEGENZE DELL OSPEDALE DI ESINE Nell ottica del benessere del cittadino, accanto ai servizi di confort alberghiero, già offerti e collaudati, presso l ospedale di Esine si sono installati 200 televisori, nelle camere di degenza e in alcuni spazi comuni, con la possibilità, tramite una rete a circuito chiuso, di trasmettere filmati, documenti e notizie utili sia ai degenti, sia al personale dipendente. Lo stesso è stato poi fatto all ospedale Edolo, nel 2007, al termine della ristrutturazione.

4 4 Sanità Camuna MARZO 2007: FINE DEI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELL OSPEDALE DI EDOLO Il 26 Marzo 2007 è stata una giornata importante per la sanità camuna. Infatti è stata inaugurata la nuova struttura dell ospedale di Edolo, realizzata per offrire un servizio più efficiente e moderno. I lavori, completati nel dicembre 2006, per un totale di oltre 2 milioni di euro, hanno permesso di adeguare l ospedale alle norme antincendio e alle leggi per ottenere l accreditamento regionale. Le stanze di degenza sono state completamente rinnovate e dotate di bagni privati, nuovi impianti elettrici, gas medicali, illuminazione di sicurezza e rilevazione incendi. L ospedale di Edolo dispone attualmente di 61 posti letto suddivisi tra medicina, chirurgia e ortopedia, oltre a 3 posti letto di Day Hospital. SETTEMBRE 2007: APERTURA DEL REPARTO DI RIABILITAZIONE PRESSO L OSPEDALE DI ESINE Tra i principali obiettivi raggiunti dalla gestione Foschini vi è l autorizzazione all esercizio ed all accreditamento in ampliamento di una UO di Riabilitazione specialistica presso l Ospedale di Esine per 13 posti letto di degenza ordinaria e 2 posti letto di Day Hospital. L intervento riabilitativo precoce, reso possibile dall apertura del reparto, migliora il risultato finale delle patologie acute anche laddove la completa guarigione non possa essere raggiunta, accresce la qualità di vita delle persone con disabilità persistenti e comporta benefici anche per le famiglie dei pazienti, obiettivi che l ASL di Vallecamonica - Sebino ha voluto e si è impegnata ad offrire alla popolazione. NOVEMBRE 2007: ARRIVA LA TAC A EDOLO Lo scorso novembre è stata inaugurata la TAC presso l ospedale di Edolo: Un importante traguardo, raggiunto dopo la riqualificazione in termini strutturali e in materia di norme di sicurezza di tutto lo stabile. E ancor prima c era stata la soluzione dell annoso problema del reparto di traumatologia. Un ospedale, quello di Edolo, che sembrava perso, destinato a spegnersi lentamente, mentre invece in questi anni ha ripreso fiato e slancio.

5 Sanità Camuna 5 ISTITUZIONE REGISTRO MORBO CELIACO Quest ASL, nel giugno 2004, ha istituito il Registro della Malattia Celiaca e l istituzione di un Comitato Tecnico Scientifico dedicato. Prima dell istituzione del Registro i casi individuati erano 93, mentre a dicembre del 2006, i casi accertati sono 119, con un incremento del 28% in 18 mesi. Di questi 119, ben 88 sono femmine (74%) e 31 sono maschi (26%), l età media per i maschi è di circa 27 anni per le femmine di 30 anni. La prevalenza della malattia celiaca è dell 1,2 per mille sull intero territorio dell ASL. REALIZZAZIONE DEL PROGETTO TELEMACO L ASL di Vallecamonica-Sebino ha aderito in via sperimentale all attuazione del progetto Telemaco (Telemedicina ai piccoli Comuni Lombardi), promosso da Regione Lombardia, che finora ha visto sviluppare sul nostro territorio 2 ambiti di intervento: il primo prevede la possibilità per il medico di famiglia (MMG) di avvalersi di un Teleconsulto, tramite una semplice telefonata, con medici specialisti, qualora debba curare pazienti con problemi cardiologici, pneumologici, dermatologici o diabetologici. Il secondo servizio è costituito dalla Telesorveglianza domiciliare nei confronti dei pazienti affetti da Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) e da scompenso cardiaco cronico (SCC). Tali pazienti, infatti, senza spostarsi dalla loro abitazione, possono essere seguiti tramite telefono dallo Specialista Cardiologo e Pneumologo delle unità operative dell Ospedale di Esine. La Telesorveglianza, attiva dai primi mesi del 2007, ha visto arruolati fino ad ora 17 pazienti affetti da BPCO e 12 affetti da SCC, mentre il Teleconsulto specialistico MMG, attivo fin dal Gennaio 2006, ha visto coinvolti 47 Medici di MMG con 322 consulti erogati, di cui 312 in ambito Cardiologico e 10 in altre specialità. LE CAMPAGNE DI SCREENING ONCOLOGICI NEGLI ULTIMI 5 ANNI PROGRAMMA DI SCREENING MAMMOGRAFICO Il programma di screening mammografico è ormai attivo in quest ASL già dal In accordo con le linee guida italiane ed europee, il programma invita le donne in età compresa fra i 50 e i 69 anni a sottoporsi a mammografia ogni 2 anni. Considerando quindi la fascia di età anni, dal 2003 al 2007 sono state invitate donne ed eseguite oltre mammografie, con una adesione del 68%. Sono state sottoposte ad ulteriori approfondimenti diagnostici (2 livello) donne e identificati 160 tumori maligni di cui 24 in situ (non invasivi). Sono state operate presso il nostro centro 96 donne e 64 altrove. PROGRAMMA DI SCREENING CERVICALE L ASL di Vallecamonica-Sebino, tra le poche in Lombardia, ha attivato sul proprio territorio, a partire dal 2002, il programma di screening per il carcinoma della cervice uterina, previsto per le donne di età compresa tra i 25 e i 64 anni. Sono state invitate dal 2003 al 2007 complessivamente oltre donne, di cui circa il 60% hanno aderito al programma, con l esecuzione di oltre pap-test. Le donne che hanno eseguito la colposcopia (esame di 2 livello a seguito di paptest anormale), sono state complessivamente 1500, con 1250 biopsie, e 320 donne hanno effettuato trattamento terapeutico.

6 6 Sanità Camuna PROGRAMMA DI SCREENING COLORETTALE Lo screening per il carcinoma del colon-retto viene ormai diffusamente raccomandato a livello internazionale. Sul territorio dell ASL di Vallecamonica-Sebino, in accordo alle indicazioni regionali, lo SCR è condotto con il test per la ricerca del sangue occulto nelle feci (FOBT), in soggetti di età compresa fra i 50 e i 69 anni, di entrambi i sessi, con frequenza biennale. Il programma di screening è stato avviato nel dicembre Al le persone invitate sono state (100% del target previsto), con l esecuzione di test FOBT, il 5% dei quali sono risultati positivi. Sono state effettuate 680 colonscopie, con l individuazione di 360 neoplasie benigne e 33 maligne. PROMOZIONE DEGLI STILI DI VITA SANI Nel corso degli ultimi anni quest ASL ha sviluppato un forte impegno strategico nel sempre più importante campo della Prevenzione, attraverso l implementazione di una serie di Progetti per promuovere presso la popolazione l adozione di stili di vita corretti. In particolare, l obiettivo perseguito nel corso del 2007 è stato quello di valorizzare maggiormente lo sviluppo di progetti integrati, centrati sui bisogni del cittadino e non necessariamente sulle sole attività tradizionali dei Servizi. La strada intrapresa è stata quella di un forte coinvolgimento e stretta integrazione tra la componente Sanitaria e quella Socio-Sanitaria. Gli ambiti di interesse del piano per la promozione degli stili di vita sono stati: - lotta al tabagismo - promozione di una corretta alimentazione e salute orale - promozione dell attività fisica - controllo delle malattie infettive - promozione della sicurezza stradale e domestica. Le strategie d intervento hanno visto la creazione di alleanze, collaborazioni, sinergie in un ottica di rete, fra soggetti pubblici coinvolti nella promozione degli stili di vita. I soggetti interlocutori individuati sono il mondo della scuola, del terzo settore, assessorati delle amministrazioni comunali, ecc. Nella considerazione della gerarchia delle agenzie educative che trovano come elemento centrale la famiglia e, come struttura di supporto, la Scuola, infatti l ASL di Vallecamonica Sebino, con decreto n.338/2007, ha stipulato un protocollo d intesa con l Ufficio Scolastico Provinciale.

7 Sanità Camuna 7 COSA C È DA FARE ECCO GLI OBIETTIVI CHE LA NUOVA GESTIONE FOSCHINI SI È PREFISSATA Il Direttore Generale si sta fortemente attivando al fine di conseguire le necessarie risorse da investire in importanti progetti, indispensabili per un progressivo adeguamento e miglioramento dei servizi messi a disposizione dall Azienda, il tutto finalizzato ad una più puntuale risposta alle esigenze sanitarie del cittadino camuno. Ecco in sintesi i progetti che l Azienda intenderebbe realizzare nel corso dei prossimi anni: 1. Realizzazione nuovo edificio per CRT CPS e NPI: il progetto è in fase di esecuzione e prevede la costruzione di un edificio presso l Ospedale di Esine con lo scopo di ospitare gli utenti che prima affluivano al Centro di Malegno. 2. Realizzazione del Servizio di Radioterapia presso l Ospedale di Esine, con costruzione di apposito bunker e locali annessi: si tratta di un intervento di primaria importanza per qualificare maggiormente l Ospedale di Esine, anche se risulta essere molto oneroso; il finanziamento necessario ammonta infatti a ,00 euro. 3. Avvio della riabilitazione geriatrica dell Ospedale di Edolo: è un intervento per il quale si è ottenuta l autorizzazione ed il relativo accreditamento e per il cui funzionamento è necessario assumere personale dedicato. 4. Mantenimento degli standards quali-quantitativi: il mantenimento e il miglioramento della qualità dei servizi offerti dall ASL passa attraverso investimenti di riqualificazione come quelli relativi alla sostituzione e al rinnovo di attrezzature medicali e sanitarie, arredi, articoli tecnici, all adozione di nuovi sistemi informatici, alla messa a norma e all adeguamento di edifici. 5. Realizzazione dello svincolo stradale presso l Ospedale di Esine: risolvere i problemi di accesso e di viabilità intorno all Ospedale di Esine è un esigenza che si avverte ormai da molti anni. Ora gran parte del progetto è stata finanziata, si spera di riuscire a reperire gli ultimi fondi necessari per avviare l opera. 6. Realizzazione di una palazzina adibita a sede universitaria e sede di ambulatori per attività libero-professionali: si tratta di un progetto che prevede la realizzazione di un edificio polifunzionale vicino all Ospedale di Esine, destinato ad ospitare la Scuola di Laurea Infermieristica (che ora si trova a Darfo BT, presso il Conventone ) e spazi per visite ambulatoriali. Ciò permetterà al nostro territorio di avere una struttura adeguata ad ospitare la formazione e la qualificazione del personale infermieristico, nonché un centro funzionale per l attività ambulatoriale. 7. Creazione di una nuova, unica sede per le attività distrettuali dell Alta Valle: questo progetto, ancora da finanziare, prevede la creazione, nel Comune di Edolo, di una nuova sede dove far confluire tutte le attività territoriali/distrettuali dell Alta Valle, con la possibilità di avere a disposizione spazi funzionali per uffici, servizi ed ambulatori. di Matilde ComensolI Un particolare ringraziamento alla Ditta CISSVA di Capo di Ponte che, nell ambito del progetto Hospital Network proposto dalla Società Adam Projet Sas di San Zeno Naviglio, in occasione delle festività natalizie ha donato, a tutti i degenti del Presidio Ospedaliero sedi di Esine e Edolo, un panettoncino personalizzato con gli auguri.

8 8 Sanità Camuna DICEMBRE 2007 L EVENTO DI FINE ANNO L Azienda ha chiuso in una piacevole atmosfera anche il 2007, offrendo il rituale evento a tutti coloro, dipendenti e non, che hanno voluto presenziare, e, anche in questa occasione, l iniziativa ha riscosso un unanime plauso. Come lo scorso anno, la presenza dei bambini, premiati per il concorso Il mio Disegno, ed il concerto dei Solisti dell Accademia A. Vivaldi, hanno reso il clima particolarmente gioioso. Il Direttore Generale ha voluto cogliere l occasione per ringraziare, invitandoli, tutti i benefattori dell ASL che con le loro donazioni e/o collaborazioni, nel corso degli ultimi anni, hanno contribuito alla crescita dell Azienda. Fra coloro che gentilmente hanno accettato l invito e condiviso l evento ricordiamo la Signora Maria Teresa Lameri, le Signore Glisenti, Vecchia e Do, dell ANDOS, il Sig. Gianfranco Farisoglio, Presidente della Metalcam, che ha preso la parola in rappresentanza dei benefattori tutti, e Alberto Bonazzi. Numerose le autorità presenti sia istituzionali che politiche. Il Dr. Foschini, in quel momento prossimo alla scadenza del suo mandato, ha ripercorso le iniziative ed i progetti portati a termine durante l intero quinquennio, i cui punti salienti sono indicati nell articolo di apertura di questo numero. Al consueto significativo momento della premiazione dei neo - pensionati, quest anno è stata aggiunta la consegna dei certificati di qualità. Infine, per concludere degnamente il pomeriggio, i convenuti si sono scambiati opinioni ed auguri davanti ad un invitante buffet. Si ringrazia la Società SERMARK per il contributo in premi offerto ai piccoli vincitori del concorso, le piccole Silvia Merli e Giada Pedersoli, per averci allietato con la loro presenza, ed in fine il nostro pensiero va a Manuela. Matilde ComensolI Servizio fotografico di GB. Sedani - Breno

9 Sanità Camuna 9 CAMBIO DELLA GUARDIA ECCO LA NUOVA GESTIONE L inizio del 2008 ha portato significativi cambiamenti ai vertici dell ASL di Vallecamonica-Sebino: è infatti iniziato il cammino della nuova gestione per il triennio Il riconfermato Direttore generale, Dr. Angelo Foschini, ha nominato per coadiuvarlo nel comando della nave aziendale il Dr. Vanni Ligasacchi quale Direttore Sociale, la Dr.ssa Romana Coccaglio, Direttore Sanitario e la Dr.ssa Eva Colombo, Direttore Amministrativo. Per la Dr.ssa Coccaglio si tratta di una riconferma, mentre la Direzione Sociale e la Direzione Amministrativa hanno visto un cambio della guardia. Ecco un breve profilo dei componenti la Direzione strategica: Il Dr. Vanni Ligasacchi, è nato a Gavardo il e risiede a Vobarno (Bs). Dopo aver conseguito la Laurea in Sociologia all Università degli Studi di Urbino diviene nel 1994 Responsabile dei servizi sociali e in seguito Direttore della Casa di Riposo del comune di Sarezzo (BS). Dal 2004 lavora per l ASL di Brescia in qualità di Funzionario Amministrativo. Dal 1 di febbraio è Direttore Sociale dell ASL di Vallecamonica - Sebino. Dal 1990 al 1995 è stato Consigliere Provinciale della Provincia di Brescia, dal 1995 al 2000 Consigliere Regionale della Lombardia, dal 2000 al 2002 Commissario Straordinario Regionale. Dal 2003 è consigliere di amministrazione dell ALER (Azienda Lombarda Edilizia Residenziale) e della GEPIM (Gestione Patrimoni immobiliari) di Brescia. La Dr.ssa Romana Coccaglio, nata a Palazzolo S/O (Bs) risiede a Roccafranca, sempre in provincia di Brescia. Già Direttore Sanitario per il quinquennio , è stata riconfermata Direttore Sanitario dell ASL di Vallecamonica-Sebino per il triennio La Dr.ssa Eva Colombo è nata a Monza il e risiede a Roncello (Mi). Si è laureata in Economia e commercio presso l Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. In seguito ha frequentato numerosi corsi di formazione e specializzazione inerenti la gestione e la direzione di Aziende Pubbliche, fra cui il Corso biennale di management pubblico e formazione dirigenziale presso il CEIDA (Centro Italiano di Direzione Aziendale) di Roma. Dal 2002 ad oggi è stata Direttore Amministrativo della Fondazione Anni Sereni di Treviglio, Caravaggio e Fara Gera d Adda Onlus, Residenza sanitaria assistenziale con servizi di carattere residenziale e rivolti al territorio. Dal 1 di marzo è Direttore Amministrativo dell ASL di Vallecamonica-Sebino. Siro Casatti

10 10 Sanità Camuna Dedicato ai Dipendenti LE INFEZIONI IN OSPEDALE PRESENTAZIONE DEL CIO (Comitato Infezioni Ospedaliere) Durante la degenza in ospedale è possibile acquisire delle malattie di origine infettiva, a genesi microbica o virale, dette Infezioni Ospedaliere o Nosocomiali. Un infezione ospedaliera può colpire i malati, ma anche operatori sanitari, amici e parenti dei degenti. Le infezioni ospedaliere non sono certo una novità dei nostri giorni, sono sempre esistite e nel passato raggiungevano addirittura livelli estremi, con conseguenza spesso letali, a causa delle scarse conoscenze mediche e delle ridotte norme igieniche. Oggi la situazione, nella maggioranza dei casi, è sotto controllo, anche se la sopravvivenza di persone debilitate o sottoposte ad interventi chirurgici e con difese ridotte favorisce la diffusione di tali malattie. Nei paesi sviluppati, la percentuale dei pazienti che vengono colpiti da infezioni che non erano presenti o in fase di incubazione al momento dell ospedalizzazione, varia dal 5 al 10%, mentre nei paesi in via di sviluppo il tasso di infezioni può superare il 25%. Le infezioni ospedaliere si aggiungono al tasso di morbilità, alla mortalità ed ai costi previsti per la sola malattia di base dei singoli pazienti. A causa delle complicazioni, delle morti e degli ulteriori costi legati alle infezioni nosocomiali, il controllo di queste infezioni ha assunto negli ultimi trenta anni notevole importanza. Nonostante le stime sull incidenza delle infezioni nosocomiali considerate evitabili siano variabili, essa può arrivare fino al 20% nei paesi sviluppati ed al 40% nei paesi in via di sviluppo. ITALIA: il problema infezioni infezioni ospedaliere/anno Dal 5 all 8% dei pazienti ricoverati ( persone) è colpito da un infezione ospedaliera Per soggetti l infezione è la causa principale o accessoria di morte. ITALIA: l impatto economico L impatto economico sul Sistema Sanitario è superiore a di Euro all anno e l onere maggiore è rappresentato dal prolungamento della degenza infezioni ospedaliere/anno giornate di degenza aggiuntive Il 7,5% - 10% delle giornate di ricovero è imputabile all insorgenza di una complicanza infettiva Migliorare la qualità del servizio ospedaliero, ridurre la mortalità e i costi sono obiettivi centrali dei programmi di sorveglianza delle infezioni nosocomiali. In realtà, per quanto paradossale possa apparire, le infezioni ospedaliere, se sono a volte la conseguenza di inadeguatezze nell erogazione dei vari servizi ospedalieri, sul piano più generale sono anche segnale dell innovazione scientifica e tecnologica. L introduzione di tecnologie innovative nella cura dell ammalato, specie quelle ospedaliere, come è il caso delle tecniche invasive, comporta non solo migliori e spesso decisive prospettive di cura, ma anche rischi di infezione più alti. Il progresso tecnologico e la diversa tipologia di pazienti che afferiscono all ospedale hanno fatto evolvere le infezioni

11 Sanità Camuna 11 ospedaliere e anche il modo di affrontarle. Alcuni interventi di prevenzione e controllo sono di competenza istituzionale, ma molti altri spettano ai singoli operatori sanitari che devono conoscerli e metterli in pratica. Nelle misure individuali di controllo e prevenzione delle infezioni nosocomiali rientrano: igiene personale, adozione di tecniche di disinfezione e sterilizzazione, rispetto delle precauzioni universali per la sicurezza del personale in ospedale. Nelle misure collettive di controllo e prevenzione delle infezioni nosocomiali rientrano: controllo dell igiene e decontaminazione dell ambiente ospedaliero, disinfezione e sterilizzazione dello strumentario medicale, misure di isolamento ambientale dei pazienti per casi di infezioni isolate o epidemiche. Allo scopo di assicurare una operatività continua in materia di infezioni ospedaliere, in Italia sono state pubblicate due circolari del Ministero della Sanità, la n.52/1985 e la n.8/1988, le quali affermano che in ogni presidio ospedaliero sia istituita una commissione tecnica responsabile della lotta contro le infezioni. Con delibera n.514/2006, sono stati costituiti presso la nostra ASL il Comitato Infezioni Ospedaliere (CIO) ed il relativo Gruppo Operativo (GO), che si sono insediati nel dicembre Nel corso dell anno 2007 il CIO, grazie al lavoro del proprio Gruppo Operativo, ha potuto realizzare quanto segue: - Sistema di Sorveglianza basato sul laboratorio (report trimestrali di tutti gli isolati e segnalazione quotidiana dei germi più pericolosi per la loro facile trasmissione e/o la loro scarsa sensibilità agli antibiotici) e attraverso studio di prevalenza (scheda di rilevazione e segnalazione delle Infezioni Ospedaliere); - Linee Guida (LG) per la prevenzione delle Infezioni Ospedaliere LG CIO Isolamento del paziente in ospedale LG CIO Lavaggio delle mani LG CIO Gestione e corretto utilizzo dei guanti sterili e non sterili LG CIO Gestione del cateterismo vescicale LG CIO Prevenzione delle infezioni del sito chirurgico LG CIO Profilassi perioperatoria LG CIO Gestione dei germi sentinella LG CIO Gestione del catetere venoso centrale LG CIO Gestione del catetere venoso periferico LG CIO Gestione delle medicazioni delle ferite chirurgiche LG CIO Gestione della decontaminazione, detersione, confezionamento, sterilizzazione e stoccaggio del materiale sterilizzabile - Informazione e formazione del personale sanitario: Corso aziendale aperto a tutto il personale sanitario Le Infezioni in Ospedale: sorveglianza, prevenzione, controllo Partecipazione del personale infermieristico al Corso di formazione regionale Le Infezioni Ospedaliere Partecipazione del personale infermieristico al VII Congresso Nazionale ANIPIO Governare il rischio infettivo: il punto di vista degli infermieri - Adozione di una corretta politica degli antibiotici tramite la realizzazione di Linee Guida che tengano in considerazione sia le Linee Guida nazionali ed internazionali che l epidemiologia locale: LG CIO Profilassi perioperatoria LG CIO Gestione della meningite LG CIO Gestione delle infezioni delle vie urinarie LG CIO Gestione delle polmoniti LG CIO Gestione delle infezioni della cute e dei tessuti sottocutanei LG CIO Gestione della sepsi - Inserimento in Intranet di tutte le Linee Guida realizzate, affinché possano essere di facile ed immediata consultazione da parte di tutto il personale sanitario dell Azienda. Nel corso del 2008 il CIO intende verificare dell applicabilità da parte degli Operatori sanitari delle Linee Guida redatte, emettere altre Linee Guida, ma soprattutto ottenere una fotografia della situazione microbiologica dei due nosocomi di Esine e di Edolo. Ricordando che l approccio complessivo alle problematiche delle infezioni nosocomiali richiede l impegno articolato di molteplici professionalità e ogni sforzo ha probabilità di avere successo soltanto se tutto il personale sanitario si rende protagonista quotidiano della gestione delle Infezioni Ospedaliere, si ringraziano tutti coloro che credono e attivamente collaborano con il CIO e il suo Gruppo Operativo. Il Coordinatore Gruppo Operativo Dr. Andrea Patroni

12 12 Sanità Camuna LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI DELLA NOSTRA ASL LE INIZIATIVE REALIZZATE NEL 2007 L azienda Sanitaria Locale di VC-S riconosce alla formazione continua degli operatori un ruolo strategico e fondamentale per il raggiungimento di specifici obiettivi e per erogare al cittadino afferente ai servizi sanitari prestazioni costantemente aggiornate alla luce delle più recenti innovazioni tecniche e scientifiche. L aggiornamento costante è di supporto anche alla promozione di un opportuno cambiamento culturale, organizzativo e gestionale dell Azienda. Per il raggiungimento delle finalità descritte, ogni anno l Azienda richiede e ottiene dalla Regione Lombardia l accreditamento dell Ufficio Formazione che diventa Provider ECM-CPD, ovvero erogatore dei crediti formativi, sulla scorta del piano formativo aziendale e di ben precisi requisiti organizzativi e strutturali. Nel corso del 2007 sono stati realizzate ben 70 tipologie di eventi formativi residenziali e progetti di Formazione sul campo, per un totale di 135 iniziative, riguardanti sette aree formative: clinico-specialistica etico-deontologica legale organizzativo-gestionale informatica qualità prevenzione e protezione tecnico professionale comunicazione L attività è stata incrementata di 26 eventi rispetto a quella realizzata nel La Regione Lombardia ha previsto la possibilità di realizzare alcuni progetti di particolare rilievo scientifico, manageriale e organizzativo, accreditando le iniziative che hanno dimostrato di possedere alcuni specifici requisiti. Tali iniziative denominate Formazione sul Campo sono state valutate e accreditate offrendo ai partecipanti la possibilità di acquisire crediti formativi. L attività svolta dall Ufficio è stata davvero di notevole entità, proprio per consentire l erogazione di performances di alto livello e per costruire una cultura e un ambiente professionale permeabile alle più recenti acquisizioni scientifiche e validato dalle Linee Guida regionali e ministeriali. Per quanto riguarda il volume di crediti ECM CPD erogati e il numero dei partecipanti si rimanda ai grafici di seguito rappresentati. I destinatari del piano sono tutti i dipendenti dell azienda, sanitari e non, amministrativi, dirigenti, ruoli manageriali e gestionali intermedi, oltre ai Medici di Medicina Generale.

13 Sanità Camuna 13 Gli operatori hanno avuto anche la possibilità di partecipare ad iniziative di particolare rilievo al di fuori dell Azienda (Aggiornamento obbligatorio fuori sede), per acquisire nuove metodiche e contenuti specialistici o per partecipare ad eventi di portata nazionale, se non addirittura internazionale. Di seguito vengono riportati i dati relativi al numero delle richieste e le funzioni interessate agli eventi. RICHIESTE DI AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO: n.162 di cui 35,19 % per la Dirigenza e 64,81% per il Comparto RICHIESTE AUTORIZZATE ED USUFRUITE dalla dirigenza: n.57 di cui 78,95 % per i Medici - 15,79 % per i Veterinari e 5,26 % per i Farmacisti. Il Contratto Nazione dei Lavoratori della sanità riconosce al singolo professionista la possibilità di partecipare ad iniziative esterne inerenti le singole professionalità attraverso l istituto dell aggiornamento Facoltativo. Il ruolo dell Ufficio in materia è la valutazione delle richieste e la loro autorizzazione, nonché la registrazione della formazione acquisita nel curriculum informatico. Di seguito vengono riportati i dati relativi al numero delle richieste e il personale interessato. RICHIESTE TOTALI DI AGGIORNAMENTO FACOLTATIVO: n.479 di cui 83,72% usufruite -14,61 % non usufruite - 0,19 non autorizzate e 1,48% non retribuite. RICHIESTE AUTORIZZATE ED USUFRUITE: n.40 di cui il 60,13% per la Dirigenza ed il 39,87 % per il Comparto. VALUTAZIONE EVENTI FORMATIVI I tre livelli di verifica degli eventi formativi attuati dall Ufficio Aggiornamento e Formazione sono riferiti a: Gradimento - è verificato a fine corso attraverso un questionario che valuta il soddisfacimento delle aspettative del discente, l interesse per gli argomenti, la trasferibilità dei contenuti nell attività professionale, l organizzazione generale del corso, gli aspetti logistici e i docenti. Apprendimento - è verificato attraverso un test a risposte multiple o le prove pratiche previste a fine corso. Ricaduta organizzativa - viene prevista in fase di progettazione e valutata dal Responsabile Scientifico che relaziona nei tempi previsti all Ufficio aggiornamento e formazione. Il fiore all occhiello per il 2008 La Direzione Generale dell Azienda ha voluto rendere concreta e oggettiva l attività inerente la valutazione delle iniziative realizzate, istituendo il Nucleo di Valutazione della Formazione. Questo importante organismo ha il difficile ma sfidante mandato di mettere in atto tutti gli strumenti necessari alla stima, il più oggettiva e concreta possibile, degli effetti che la formazione ha o ha avuto sull Organizzazione. Le risultanze della valutazione della ricaduta organizzativa saranno un bagaglio culturale e tecnico utilizzabile per migliorare la fase di progettazione, di raccolta del fabbisogno e di realizzazione dei futuri eventi formativi. Ufficio Aggiornamento e Formazione La Responsabile Dr.ssa Elena Fanetti

14 14 Sanità Camuna L angolo dell Informazione PICCOLA STORIA DELLA MEDICINA Questo breve excursus nella medicina delle varie ere, partendo addirittura dall uomo delle caverne, intende dimostrare come il bisogno di capire e quindi curare disturbi e malattie sia sempre stato presente e prioritario nella storia dell umanità. Il problema c è sempre stato. è cambiato nel tempo solo il tipo di approccio. Se per medicina si intende un procedimento finalizzato all allontanamento di un agente patogeno, di un sintomo, di un qualsiasi elemento che turbi lo stato di salute o il benessere psicofisico, allora si può affermare che l origine della medicina coincida con l origine dell uomo e che sia strettamente correlata a tutto ciò che lo riguarda intimamente, ovvero alla religione, alla filosofia, alla paleontologia, all etnologia e alle scienze umanistiche. Risulta tuttavia molto difficile fare puntuale ricostruzione scientifica dei primi atti curativi in età preistorica, poiché i reperti di medicina vera e propria non sono sufficienti. Gli unici reperti di paleopatologia a disposizione sono infatti relativi al rinvenimento di crani trapanati risalenti a non prima di anni fa e che presentano processi di rigenerazione ossea, per cui si può affermare che l intervento veniva effettuato su un individuo vivo. Incisioni e dipinti rupestri, statue, oggetti propiziatori, ossa umane giunte fino a noi permettono di immaginare le pratiche mediche dei nostri antenati. L osservazione diretta delle popolazioni primitive fornisce altre preziose informazioni sulla medicina preistorica. Residui della medicina preistorica possono essere osservati ancora oggi nella medicina popolare. Lo storiografia è ormai concorde sulla identificazione di alcune specifiche fasi della medicina arcaica: Fase magico-demoniaca: è la forma più antica di medicina. Si basa sul presupposto che le malattie abbiano un origine magica. Influenze astrali negative e demoni maligni sono gli agenti patogeni. Le cure consistono in amuleti, talismani e riti magici. Fase ateistica: le malattie sono flagelli mandati dagli dei ed hanno lo scopo di punire gli uomini, colpevoli di non rispettare il volere delle divinità. Per questo la guarigione può essere ottenuta solo attraverso preghiere e riti religiosi. Fase empirica: l uomo comincia a cercare nella natura le cause e le cure delle sue malattie. Per tentativi ed errori seleziona piante e sostanze capaci di guarire i suoi disturbi. Queste conoscenze sono tramandate da guaritore in guaritore. Residui di tutte queste concezioni persistono nella medicina popolare. I più antichi reperti della medicina arcaica - In un fossile di allosauro vissuto 80 milioni di anni fa (e conservato al British Museum di Londra) sono visibili tracce di tumore della coda. - Zanzare fossili, veicoli della malaria, sono state trovate nei giacimenti di circa 30 milioni di anni fa e si fa risalire tra i 6 e i 10 milioni di anni la comparsa del plasmodium falciparum. - In uno scheletro umano datato 2 milioni di anni sono stati riscontrati segni di osteoartrosi. - Si fa risalire a circa anni fa la cottura dei cibi che elimina i parassiti e i batteri. - L uomo di Neanderthal, circa anni fa, introduce la sepoltura dei cadaveri. - Lo scheletro dell uomo preistorico di Giava ( anni orsono) mostra segni di osteoartrosi alla colonna. - Il difetto genetico legato all enzima G6PDH sembra sia comparso tra i e gli anni fa nelle popolazioni africane. Più recente, attorno ai anni orsono, quello legato alle popolazioni mediterranee. I nostri antenati conoscono le proprietà dell oppio. Resti fossili di semi e di capsule di papavero da oppio, risalenti al periodo Neolitico e all Antica Età del Bronzo, sono stati trovati nelle caverne e nei villaggi lacustri in Svizzera, in Spagna, in Francia e in vari siti nei bacini del Po, del Reno e del Danubio. In Spagna, nella necropoli neolitica scoperta nella Cueva de los Murciélagos di Albuñol, presso Granada, sono state ritrovate capsule di papavero.

15 Sanità Camuna a C: Gli Assiri praticano un metodo efficace per anestetizzare : comprimono la carotide a livello del collo provocando ischemia cerebrale ed uno stato semicomatoso che prepara all intervento chirurgico. I Sumeri praticano l estrazione dei denti e in Egitto si tenta di salvare i denti malfermi con l applicazione di sottili legature di filo metallico. Nasce l Ayurveda, la più antica medicina tradizionale indiana. Più che una medicina è una filosofia di vita (Ayur e Veda in sanscrito significano vita e conoscenza). Vata, Pitta e Khapa sono i tre elementi umorali da cui nasce la nostra salute. Esistono poi i sette tipi di tessuto che compongono il nostro corpo (Dhatus) e i Mala, i prodotti di rifiuto. La visita medica si basa sull esame del viso, polso, occhi, unghie e colore delle urine. Per l Ayurveda ogni cosa che si trova al mondo, dalle piante ai minerali, è terapeuticamente valida a C: Nei geroglifici della tomba dell egiziano Hirkouf sono rappresentate le grucce ortopediche. Gli Egizi iniziano le pratiche di imbalsamazione durante la prima dinastia, affinandole con il passare dei secoli. Alcuni papiri egizi riportano casi di patologia neoplastica mammaria, e tracce di tumori sono riscontrati in mummie dello stesso periodo. Ma-Huang è il nome di un estratto dall Efedra vulgaris che ha proprietà simile all efedrina e che è utilizzato nella cura dell asma e come stimolante dai medici cinesi. Nelle popolazioni del Tigri e dell Eufrate l anestesia viene indotta con canapa indiana e mandragola, importati dalla Persia e dall India. Il più antico trattato cinese sui farmaci, Pen T sao, scritto dall imperatore Shen Nung, cita la canapa indiana come un farmaco particolarmente importante, dotato contemporaneamente di qualità yin (femminili) e yang (maschili), e utile in malattie assai diverse come la gotta, il reumatismo, la malaria, il beri-beri, la stitichezza, la debolezza femminile (dolori mestruali), la mancanza di concentrazione. Ufficio Qualità - Dr.ssa Daria Salvini Bibliografia - Ceccarelli G. e Coll. - Saggio di storia dei tumori, Delfino, Roma Cosmacini Giorgio - Medicina e mondo ebraico. Dalla Bibbia al secolo dei ghetti. Ed. Laterza, Cosmacini Giorgio - Storia della medicina e della sanità in Italia. Ed. Laterza, Levi Montalcini R. - Elogio dell imperfezione. Garzanti, Milano Penso G., Gentile da Foligno Grande Dizionario Enciclopedico UTET IX (Torino 1994) pp Riveccio G. - Enciclopedia cronologica delle scoperte e delle invenzioni. Rusconi, Milano Rizzi R. - Storia della Terapia antalgica, Ed. Ciba Rossi, Documenti per la storia dell Università di Perugia, con l albo dei professori ad ogni quarto di secolo, estratto dal Giornale di erudizione artistica, (Perugia ).

16 16 Sanità Camuna IL SERVIZIO DI NEUROPSICHIATRIA DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA DELLA NOSTRA ASL ECCO L OPINIONE DEI GENITORI Prendendo spunto da uno studio precedentemente pubblicato da altri Servizi di Neuropsichiatria dell infanzia e dell adolescenza, è stato somministrato il questionario Orbetello Satisfaction Scale-for Child and Adolescents Mental Health Services (oss). Con questo lavoro, il Servizio di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza, si pone l obiettivo di valutare la soddisfazione dei genitori degli utenti, presupponendo che avere una consapevolezza su quella che è la percezione esterna del Servizio sia un elemento fondamentale per lo sviluppo e il miglioramento del Servizio stesso. Lo strumento Il questionario è composto da 46 item, raggruppati in 7 sezioni di cui le prime 6 contengono da 5 a 7 domande specifiche più una di giudizio complessivo, e l ultima contiene 3 domande generali conclusive. Il compilatore è invitato a riferirsi a quanto successo negli ultimi 12 mesi. Gli item della prima sezione del questionario richiedono un opinione sulla comodità di Accesso al Servizio: distanza da casa, disponibilità di mezzi pubblici e strade agevolmente percorribili; possibilità di parcheggio; facilità di accesso per disabili; comodità e pulizia delle sale d attesa; informazioni sui tempi di attesa per ottenere una visita; semplicità delle procedure amministrative; giudizio complessivo sulla comodità di accesso al Servizio. La successiva sezione riguarda la Valutazione degli ambienti: spazi e arredamento; pulizia e manutenzione dei locali; tranquillità degli ambienti (assenza di rumori fastidiosi); rispetto del divieto di fumare; disponibilità di giochi; disponibilità di materiale necessario per l abilitazione; giudizio complessivo sugli ambienti del Servizio. Gli item della terza sezione riguardano lo Stile di lavoro degli operatori: semplicità e chiarezza del linguaggio; puntualità; riservatezza; capacità di ascolto; professionalità, competenza; capacità di stabilire un buon rapporto con il paziente; cortesia; giudizio complessivo sugli operatori. La quarta sezione riguarda l Organizzazione del Servizio: orari di apertura; informazioni ricevute sui diritti del paziente; risposta alle emergenze; mancanza di conflitto e contraddizioni tra gli operatori; supporto del Servizio fornito alla scuola; scambio di informazioni tra il Servizio ed i reparti ospedalieri, scambio di informazioni tra il Servizio e il medico di famiglia; tempi di attesa per visite concordate; giudizio complessivo sull organizzazione del Servizio. La quinta sezione comprende domande sul Coinvolgimento dei genitori: informazioni ricevute sulla malattia; informazioni sulla cura e l abilitazione; informazioni sulla prognosi; avere voce in capitolo nella definizione del programma terapeutico; partecipazione agli incontri del personale del Servizio con quello della scuola; coinvolgimento nella relazione tra operatori del Servizio ed operatori di altri servizi sanitari; giudizio complessivo sul coinvolgimento. La sesta sezione valuta i Risultati dell intervento: sentirsi più sicuri grazie all intervento; sentirsi meno soli; miglioramento delle capacità di affrontare la situazione, separatamente per familiare e paziente; miglioramento della qualità di vita del paziente; giudizio complessivo sui risultati dell intervento. L ultima sezione sulle Conclusioni generali si compone di tre domande in cui si chiede al genitore di dare un giudizio complessivo sulla sua esperienza con il Servizio e sulla soddisfazione delle aspettative; una terza domanda richiede se il familiare raccomanderebbe il Servizio ad altri genitori con gli stessi problemi. Applicazione nella pratica Il questionario è stato proposto dagli operatori del Servizio a tutti i genitori di bambini ed adolescenti in trattamento presso il Servizio. I questionari sono stati accompagnati da una lettera di presentazione in cui il Responsabile del Sevizio spiegava gli obiettivi dello studio e assicurava l assoluta confidenza delle risposte fornite. Il questionario è stato messo a disposizione nelle sale d attesa della sede centrale di Esine presso il presidio ospedaliero e della sede distaccata di Cedegolo. Discussione dei risultati Prima di esporre i risultati è opportuno sottolineare la percentuale di adesione

17 Sanità Camuna 17 a questa iniziativa. I genitori che hanno compilato il questionario sono, in totale, 61, che equivale al 12% circa dei genitori che si sono rivolti al Servizio. Questo dato, pur condizionando negativamente le possibilità di generalizzazione, non inficia l attendibilità dell analisi dei dati che andiamo ad esporre. Per quanto riguarda entrambe le sedi del Servizio, Esine e Cedegolo, i giudizi dei genitori sono stati positivi tranne per la prima scala accesso al Servizio ove la percentuale maggiore di risposte si attesta nella fascia di insufficienza (tab.1). Andando ad analizzare nel dettaglio le risposte ai singoli item notiamo che gli aspetti meno graditi dai genitori sono i tempi di attesa, il necessario percorso per raggiungere il Servizio e la complessità delle procedure amministrative, mentre aspetti come la pulizia delle sedi, la possibilità di parcheggio e la facilità di accesso per disabili sono stati maggiormente apprezzati. Tab. 1: Percentuali per la scala: Accesso al Servizio. La scala che ottiene le medie più alte è quella relativa a lo stile di lavoro degli operatori (tab.2) in cui i dati ottenuti sia per il giudizio complessivo sia per i singoli item permettono di affermare che questo aspetto è quello maggiormente gradito dai genitori. Tab. 2: Percentuali per la scala: Stile di lavoro degli operatori. La scala organizzazione del Servizio pur raggiungendo un giudizio positivo ottiene un punteggio percentuale non troppo elevato e una percentuale di giudizi insufficienti comunque alta (tab. 3). Tab. 3: Organizzazione del Servizio

18 18 Sanità Camuna Tab. 4: Medie riassuntive del questionario. Esaminando più approfonditamente i singoli item notiamo che quelli che ottengono questa peculiarità di punteggio sono la brevità dei tempi di attesa e L adeguatezza del numero di operatori. Dato che, questi due item, sono speculari (un adeguato numero di operatori accorcia i tempi di attesa e viceversa), si può supporre che alcuni genitori ritengano più rilevante il numero di operatori piuttosto che la brevità dei tempi di attesa. Le scale ambienti del Servizio (44%), coinvolgimento dei genitori (39%), risultato dell intervento (43%) ottengono tutte un giudizio sostanzialmente positivo il che sottolinea l approvazione da parte dei genitori per la gestione di questi aspetti da parte degli operatori del Servizio. Nel complesso si può dedurre che l aspetto maggiormente apprezzato dai genitori è lo stile di lavoro degli operatori. In secondo luogo, i genitori puntualizzano il bisogno di adeguare il Servizio in termini di accesso ed organizzazione, di numerosità di operatori e brevità di tempi di attesa, aspetti che, gli stessi operatori, avevano già focalizzato e considerato. Sintetizzando i principali suggerimenti forniti dai genitori (il questionario prevedeva anche uno spazio per dei commenti), possiamo puntualizzare il loro scontento per la difficoltà di accesso alle sedi, lo scarso numero di operatori in proporzione al bisogno ed i tempi di attesa troppo lunghi per gli interventi abilitativi e per la presa in carico. In conclusione, pur avendo ottenuto risposte attendibili, il numero ridotto di genitori che hanno partecipato all iniziativa rappresenta di per sé una criticità che dovrà essere sviluppata con i genitori stessi, valutando diverse strategie di somministrazione del questionario. Per il Servizio di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza La Psicologa tirocinante Dr.ssa Silvia Cristina Bernardi Breve commento dei genitori del Comitato Tecnico di Coordinamento del Servizio di NPIA Gruppo di lavoro GenitoriOperatori Relativamente ai dati sopra riportati si ritiene che il numero dei genitori che hanno compilato il questionario sia esiguo in rapporto al numero di bambini e di ragazzi disabili in carico al Servizio e a quello dei bambini e degli adolescenti che effettuano visite presso il Servizio di Neuropsichiatria. Forse la mancanza di tempo o la sfiducia nelle possibilità di incidere sul Servizio hanno trattenuto molti utenti dall esprimere la propria idea sul servizio erogato dall Istituzione? O è stato semplicemente lo spavento davanti ad un numero tanto elevato di quesiti a trattenere molti utenti dall esprimere un proprio parere? E noi genitori, collaborando con la Neuropsichiatria, persevereremo nel proporre ancora i quesiti e chiedere che nel prossimo futuro i genitori continuino a dare il loro parere su quanto il Servizio di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza offre. Su alcuni aspetti si procede bene e ciò avviene dove c è interessamento e buona volontà, mentre ci sono ancora ambiti che fanno sorgere delle perplessità. I genitori chiedono quindi al sistema istituzionale di porre attenzione sugli aspetti rilevati dal questionario sui quali si ritiene indispensabile intervenire a vari livelli. Il Servizio migliorerà nel tempo? È quello che ci auguriamo! Certamente c è molto su cui lavorare poiché motivi di insoddisfazione esistono nonostante alcuni buoni propositi e comportamenti positivi da parte sia dei genitori, sia degli operatori del Servizio, sia delle cariche Istituzionali. Ne consegue la necessità di interventi sempre più mirati. Il raggiungimento di satisfaction è sentito da parte di tutti ed è per questo che resta un obiettivo perseguibile nel prossimo futuro grazie anche alla presenza di un nucleo di genitori che in Vallecamonica è fortemente motivato ad operare. Il Presidente del Comitato Tecnico Genitori-Operatori Lino Boniotti

19 Sanità Camuna 19 INFORMATICA E DOMOTICA MIGLIORANO LA QUALITà DELLA VITA DELLE PERSONE CON DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E DISABILITÀ Studi recenti ritengono che circa il 5 % dei bambini in età scolare presenti Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) nella fattispecie di: dislessia (difficoltà di lettura), discalculia (difficoltà nell area matematica), disortografia (difficoltà nell applicazione delle regole ortografiche) e disgrafia (difficoltà nell aspetto esecutivo della scrittura). Tali disturbi comportano difficoltà nella letto-scittura non imputabili a deficit cognitivi, né ad inibizione affettiva, né a svantaggio culturale, né a deficit di tipo sensoriale o neurologico. Si è riscontrato che nei bambini che presentano tali disturbi, l impiego di adeguati supporti informatici corredati da programmi didattici e riabilitativi, utilizzati all interno di una specifica programmazione in ambito scolastico e famigliare, facilitino gli apprendimenti scolastici ed assicurino maggiore autonomia nella esecuzione dei compiti. Tali strumenti si collocano in un continuum di acquisizione di sempre maggiori competenze che accompagnano il bambino nello sviluppo della comunicazione e quindi delle abilità relazionali e sociali. Il vantaggio dell uso del personal computer (pc) per questi bambini è legato al fatto che la video scrittura permette di produrre dettati o autodettati di parole specifiche mirate all acquisizione dei fonemi. Conseguentemente la ricerca dei tasti consente di scrivere le parole e di soffermarsi lettera su lettera, in modo da rielaborare e costruire mentalmente le parole riducendo le difficoltà ortografiche e rendendo possibile la scoperta del legame che esiste in una parola fra segno-suono-significato. Scrivere con la tastiera facilita i movimenti fini della mano e quindi prepara ad una migliore agilità anche nella scrittura manuale. L uso del pc permette di migliorare la lettura e potenziare il colpo d occhio, perfezionare la discriminazione visiva e favorire perciò la lettura rapida ed espressiva. La scelta di utilizzo del computer dà un riscontro anche sul piano motivazionale: la curiosità e la spinta ad esplorare e a capire, uniti al gusto della scoperta, hanno fatto del mezzo informatico multimediale uno strumento di apprendimento che non ha concorrenti. Lo strumento ha inoltre contribuito a far maturare la fiducia nelle capacità di ogni bambino e a sviluppare in esso l impegno verso le attività scolastiche. Cosa offre la normativa regionale. A partire dal 2000 la Regione Lombardia stanzia annualmente fondi per l erogazione di contributi in favore delle famiglie di persone con disabilità o al singolo soggetto disabile, di età compresa tra 0 e 64 anni, per l acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati. La Legge quadro sull handicap (L.104/92) ha testualmente definito che: è persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione. In seguito a questa definizione, l obiettivo che si tende a perseguire è quello di migliorare la qualità della vita delle persone disabili e delle loro famiglie attraverso l utilizzo di uno strumento tecnologicamente avanzato individuato come necessario all interno di un progetto sociale e/o educativo, che deve prioritariamente: - contribuire all autonomia della persona disabile, con particolare riferimento al miglioramento dell ambiente domestico; - sviluppare le potenzialità della persona disabile; - compensare le diverse limitazioni funzionali, siano esse motorie, visive, uditive, intellettive e del linguaggio. Tramite la legge 23/99 la Regione Lombardia ha cercato di sensibilizzare le persone con disabilità all acquisto di Dispositivi o servizi a contenuto tecnologico che rientrino nel concetto di ausilio, ovvero qualsiasi prodotto, strumento, attrezzatura o sistema tecnologico, di produzione specializzata o di comune commercio, utilizzato per prevenire, compensare, alleviare, eliminare una menomazione, una disabilità. Sono compresi ausili / dispositivi domotici, applicativi informatici, programmi e adattamenti del computer sviluppati per compensare le diverse disabilità.

20 20 Sanità Camuna Negli ultimi due anni la Regione ha voluto dare la possibilità di ricevere un contributo per strumenti tecnologici complessi e costosi per il cittadino, rappresentati dalla domotica. La domotica è la disciplina che si occupa dell integrazione dei dispositivi elettronici, degli elettrodomestici e dei sistemi di comunicazione e di controllo che si trovano nelle nostre abitazioni. Il termine domotica deriva dal neologismo francese domotique, a sua volta contrazione della parola greca domos (casa) ed informatique. In una casa domotica i dispositivi elettronici ed elettrici sono in grado di comunicare tra di loro permettendo alla persona con disabilità di eseguire attività complesse con semplici comandi. Rivolta a persone con disabilità, la domotica può aiutare a raggiungere un incremento del livello di autonomia portando ad un evidente miglioramento della qualità della vita. In una casa domotica una persona con gravi difficoltà motorie, ad esempio, può utilizzare un telecomando a scansione per aprire i serramenti, accendere le luci, controllare la televisione o lo stereo. La domotica rappresenta quindi un utile strumento per l autonomia delle persone disabili che richiede però un attenta ed accurata analisi delle problematiche caso per caso. È importante, infatti, non lasciarsi abbagliare dagli effetti speciali di alcuni dispositivi ma scegliere le automazioni in base alle reali esigenze della persona con disabilità. (per ulteriori informazioni visitare il sito web ) In particolar modo la realtà del nostro territorio ha visto un altissima richiesta di strumenti informatici compresi quelli supportati da applicativi volti a compensare deficit uditivi, visivi e software specifici, utili a ridurre le difficoltà di bambini in età scolare con Disturbi Specifici dell Apprendimento. Nel 2007 sono stati assegnati contributi per un valore di circa ,00 euro, attualmente in fase di liquidazione, con prevalenza di richieste di computer di base, ed un notevole incremento di computer con applicativi. (Tab.1) Tab. 1 Le richieste di contributo sono state esaminate da un apposito Nucleo Tecnico di Valutazione. Elemento portante della richiesta per ottenere il contributo, è il Progetto individualizzato. La quasi totalità delle richieste sono risultate pertinenti ai criteri del bando regionale, ed è stato possibile liquidarne ben 38. (Tab. 2). Tab. 2 Anche per l anno in corso la Regione assegnerà contributi al fine di motivare e agevolare le persone all acquisto di strumenti tecnologici che possano migliorare la qualità di vita e compensare le difficoltà di persone con disabilità. Per ulteriori informazioni rivolgersi al Servizio - Anziani - Disabili, Responsabile Dr. Ermanno Scotti, c/o l ASL di Vallecamonica-Sebino sede di Breno, tel , o visitare il sito web: nella sezione Primo piano. Psicologa del Servizio Anziani-Disabili Dr.ssa Silvia Cretti

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA PROTOCOLLO D INTESA FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE FIMMG E EUROPA DONNA ITALIA Protocollo d intesa tra FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI di MEDICINA GENERALE e EUROPA DONNA ITALIA Il giorno

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA Disturbi Specifici dell apprendimento - Coinvolgono oltre 1,5 mln di persone in Italia. PARI A: - Oltre il 4,5% degli studenti. I DSA NON POSSONO DUNQUE ESSERE IGNORATI

Dettagli

DGR 1232 dd. 14.5.2004

DGR 1232 dd. 14.5.2004 DGR 1232 dd. 14.5.2004 VISTA la rilevazione del fabbisogno occupazionale e formativo di operatori sociali in Regione, promossa dalla Direzione Centrale della Salute e della Protezione Sociale, condotta

Dettagli

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007 Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007 PRIMA BOZZA DI OSSERVAZIONI ANCI PIEMONTE SULLA BOZZA DI LEGGE DELEGA AL GOVERNO IN MATERIA DI PROTEZIONE SOCIALE E CURA DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI (TESTO DEL 6.11.2007)

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 24 Gennaio 2007. Campagna di prevenzione a favore dello screening per la ricerca del tumore colon rettale

CONFERENZA STAMPA 24 Gennaio 2007. Campagna di prevenzione a favore dello screening per la ricerca del tumore colon rettale CONFERENZA STAMPA 24 Gennaio 2007 Campagna di prevenzione a favore dello screening per la ricerca del tumore colon rettale Conferenza stampa per la presentazione della Campagna di prevenzione a favore

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

Il bambino ospedalizzato: competenze socio-psico-pedagogiche per attività in reparti ospedalieri

Il bambino ospedalizzato: competenze socio-psico-pedagogiche per attività in reparti ospedalieri Il bambino ospedalizzato: competenze socio-psico-pedagogiche per attività in reparti ospedalieri Master Universitario di primo livello Facoltà di Scienze della Formazione Direzione: prof. Clemente Lanzetti,

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Area per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità

Area per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità Area per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità Assessorato alle Politiche della Salute Servizio Programmazione Assistenza Territoriale e Prevenzione Il presente allegato, parte

Dettagli

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie Testo aggiornato al 13 novembre 2012 Decreto ministeriale 4 aprile 2012 Gazzetta Ufficiale 16 aprile 2012, n. 89 Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOTE 3

AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Azioni finalizzate al sostegno all occupazione dei lavoratori con disabilità psichica o intellettiva

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n.

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. 244 del 18-10- 2010 ). La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI

REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI REPORT DI SINTESI RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE AOU SASSARI Settembre/Ottobre 2009 QUESTIONARIO: Analisi della soddisfazione del paziente sul servizio. U.O. coinvolte

Dettagli

La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra

La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra La professione infermieristica e la complessità assistenziale: l Unità di Degenza Infermieristica nella realtà umbra INTRODUZIONE Negli ultimi anni il sistema sanitario italiano ha subito profonde modificazioni:

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati 2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati Per tracciare un primo quadro dei contesti indagati si presentano di seguito alcuni macro indicatori riguardanti

Dettagli

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti

Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Questionario per la rilevazionedel grado di soddisfazione degli utenti Gentile Signora, gentile Signore, La nostra Azienda sta conducendo un indagine tra i pazienti ricoverati per valutare la qualità dei

Dettagli

Modalità operative per l ingresso, l accoglienza e il percorso scolastico degli alunni DSA

Modalità operative per l ingresso, l accoglienza e il percorso scolastico degli alunni DSA Doc.: PQ14 Rev.: 1 Data: 13/05/14 Pag.: 1 di 8 Modalità operative per l ingresso, l accoglienza e il percorso scolastico degli alunni DSA EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA DA: Cazzaniga Laura Romeo Massimiliano

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento Esame abbinato p.l. 82/9^- 153/9^ disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento RELATORE: NAZZARENO SALERNO Il Dirigente F.TO ANTONIO CORTELLARO Il Presidente F.TO Nazzareno

Dettagli

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27 B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Articolo 1 Finalità della legge In attuazione dei principi e delle

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD Il bambino con malattie rare, croniche e complesse, presenta

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CLAUDIA LEPRATTO Indirizzo ASL AL SEDI DI OVADA E ACQUI TERME Telefono 0143/826402-0144 777374 Fax 0143 /826404-0144

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

Legge 8 ottobre 2010, n. 170

Legge 8 ottobre 2010, n. 170 Legge 8 ottobre 2010, n. 170 Legge 8 ottobre 2010, n. 170 (in G.U. n. 244 del 18 ottobre 2010) Nuove norme in materia di disturbi specifici d apprendimento in ambito scolastico Art. 1. (Riconoscimento

Dettagli

DSA NORMATIVA DI RIFERIMENTO

DSA NORMATIVA DI RIFERIMENTO DSA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Nota ministeriale n. 26 del 05 gennaio 2005 Atto di indirizzo e coordinamento relativo ai compiti delle UnitàSanitarie Locali in materia di alunni portatori di handicap Nota

Dettagli

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma)

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Febbraio Agosto 2011 Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFERMIERISTICA

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta Piano di Integrazione di Istituto Valido per il triennio scolastico 2015 / 2018 PREMESSA Con il Progetto d Istituto per l Integrazione Scolastica degli

Dettagli

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili

PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili PROGETTO COMES Servizio di assistenza specialistica per gli alunni disabili ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Piano d intervento Il piano di lavoro elaborato per l anno scolastico 2011/2012 dallo specialista dell

Dettagli

SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO. Impatto sulla Medicina Generale

SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO. Impatto sulla Medicina Generale SCREENING DEL CARCINOMA DEL COLON-RETTO Impatto sulla Medicina Generale SCOPI DEGLI SCREENING ONCOLOGICI Uno screening è un esame sistematico della popolazione per individuare le persone affette da una

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE.

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE. DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI PER GARANTIRE AI BAMBINI ED ADOLESCENTI CON PATOLOGIE CRONICHE UNA VITA SCOLASTICA NORMALE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente disegno di legge nasce dalla triste

Dettagli

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento Esame abbinato disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento RELATORE: NAZZARENO SALERNO IL DIRIGENTE Piero Modafferi IL PRESIDENTE Nazzareno Salerno Art. 1 (Obiettivi e definizioni)

Dettagli

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 2041 Torino 5 dicembre 2007

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 2041 Torino 5 dicembre 2007 Prot. 2041 Torino 5 dicembre 2007 Osservazioni Anci Piemonte sullo schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia. Approvato

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI, VECCHIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI, VECCHIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1485 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VARGIU, CAPUA, OLIARO, VEZZALI, CAUSIN, CIMMINO, LIBRANDI, MATARRESE, PIEPOLI, QUINTARELLI,

Dettagli

Strumenti normativi per l inclusione degli alunni con DSA. Maria Rosa Raimondi 5 aprile 2011

Strumenti normativi per l inclusione degli alunni con DSA. Maria Rosa Raimondi 5 aprile 2011 Strumenti normativi per l inclusione degli alunni con DSA Maria Rosa Raimondi 5 aprile 2011 Norme generali Norme specifiche L autonomia delle istituzioni scolastiche ègaranzia di libertàdi insegnamento

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

I bisogni del paziente oncologico

I bisogni del paziente oncologico I bisogni del paziente oncologico F Manzin, G Fabbroni, P Silli, MG Todisco, V de Pangher Manzini Unità Operativa di Oncologia Ospedali di Gorizia e di Monfalcone ASS n. 2 Isontina Lavoro condotto con

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per l assistenza globale dei pazienti

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI DISABILI

LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI DISABILI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PAOLO FRISI Via Giardino, 69 20077 Melegnano (MI) Scuole dell Infanzia

Dettagli

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione

Bologna, 25-26 febbraio 2008 Palazzo dei Congressi, Piazza della Costituzione Dott. Giovanni Battista Bochicchio Direttore Centro Integrato Medicina dell Invecchia Dott. Gianvito Corona Resp. Unità di Terapia del Dolore, Cure Palliative e Oncologia Critica Terr Un punto unico di

Dettagli

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti L Università Unitelma Sapienza nel corso dell a.a. 2013/2014 ha attivato i 2 questionari previsti dall ANVUR relativi alla valutazione

Dettagli

Integrazione Scuola-Famiglia-Centro per i Disturbi Pervasivi dello Sviluppo. Esperienze di percorsi riabilitativi nei Disturbi dello Spettro Autistico

Integrazione Scuola-Famiglia-Centro per i Disturbi Pervasivi dello Sviluppo. Esperienze di percorsi riabilitativi nei Disturbi dello Spettro Autistico Integrazione Scuola-Famiglia-Centro per i Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Esperienze di percorsi riabilitativi nei Disturbi dello Spettro Autistico Dott.ssa G. Pozio Centro per i Disturbi Pervasivi dello

Dettagli

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013 Le Cure Palliative Dr.ssa M.Grazia Rusconi UniTre 2013 DEFINIZIONE L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce le Cure Palliative come la cura totale prestata alla persona affetta da una malattia

Dettagli

Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp

Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp V.Corridori Regione Toscana - Azienda Ospedaliera Universitaria Senese A.Monti Direttore UOC NPI Empoli-Membro gruppo di lavoro Riferimenti nazionali Legge

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Il ruolo dell Infermiere in sanità pubblica

Il ruolo dell Infermiere in sanità pubblica Il ruolo dell Infermiere in sanità pubblica L infermiere in sanità pubblica: (Master in sanità pubblica) Ha competenze specifiche nell area della prevenzione allo scopo di attuare interventi volti al miglioramento

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Casa di Cura privata Villa Silvana - Aprilia U.O. Cure Palliative- Hospice

Casa di Cura privata Villa Silvana - Aprilia U.O. Cure Palliative- Hospice Casa di Cura privata Villa Silvana - Aprilia U.O. Cure Palliative- Hospice Responsabile Medico: Medici di Reparto: Caposala: Dott. Alberto SINISCALCHI Dott. Andrea LIGUORI Dott. Gian Paolo SPINELLI Sig.ra

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona

L Assistente Sociale in Provincia di Cremona L Assistente Sociale in Provincia di Cremona Indagine sulla condizione professionale e lavorativa della Assistente Sociale nella Provincia di Cremona Questa indagine è nata dall impegno che ci siamo presi

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O.

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE U.O. Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA

Dettagli

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 1 2 INDICE Premessa pag. 3 Piano e Obiettivi formativi pag. 3 Popolazione destinataria pag. 4 Metodologia pag. 5 Valutazione della formazione

Dettagli

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori)

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del programma: Consolidamento e qualificazione dei programmi di screening organizzati Identificativo

Dettagli

DISLESSIA: i percorsi alla luce delle nuove normative. Incontro con la Scuola

DISLESSIA: i percorsi alla luce delle nuove normative. Incontro con la Scuola DISLESSIA: i percorsi alla luce delle nuove normative Incontro con la Scuola Brescia 14 Marzo 2013 Dott.ssa Mariarosaria Venturini - Responsabile U.O. Disabilità Normative di riferimento DSA L.R. n. 4

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 50/20 DEL 3.12.2013

DELIBERAZIONE N. 50/20 DEL 3.12.2013 Oggetto: Piano regionale della Prevenzione 2010-2012. 2012. Stato di attuazione e ripartizione tra le Aziende Sanitarie della Sardegna delle somme disponibili nel Bilancio regionale 2013 (UPB S02.04.010

Dettagli

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. H A N D I C A P E S C U O L A Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. L INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP L art. 3 della

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 MODIFICATO CON D.C.C. N. 265 DEL 07/11/2002 Natura, destinatari e finalità del servizio Il Centro Diurno

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA:

AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: Unità Spinale Unità Gravi Cerebrolesioni A.ULSS n.6 Vicenza AFFRONTARE UNA LESIONE CEREBRALE ACQUISITA: GUIDA AI DIRITTI ALL ASSISTENZA E AI SERVIZI TERRITORIALI L obiettivo di questa guida è aiutare le

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

Le iniziative di Promozione Salute in eni

Le iniziative di Promozione Salute in eni Convegno Progetto Ricerca Stargate People Care: dalle malattie critiche alle prassi relazionali aziendali Le iniziative di Promozione Salute in eni www.eni.it Milano 26 ottobre 2011 Auditorium Assolombarda

Dettagli

Brescia, 11 febbraio 2012

Brescia, 11 febbraio 2012 Brescia, 11 febbraio 2012 Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Requisiti per l ammissione al Corso di Laurea

Dettagli

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Attività Informa - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale opera dal 1988. Certificato ISO 9001 dal dicembre 1997. E la scuola per dirigenti,

Dettagli

Gentile signora, Giovanni Bissoni Assessore alle politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna

Gentile signora, Giovanni Bissoni Assessore alle politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna Gentile signora, dal 1 gennaio 2010 in Emilia Romagna il programma di screening per la diagnosi precoce dei tumori della mammella è esteso a tutte le donne dai 45 ai 74 anni. La Giunta regionale ha preso

Dettagli

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi

Anni di Cure e Amore 2004-2014. Carta dei Servizi Anni di Cure e Amore 2004-2014 Carta dei Servizi Anniversario 2004-2014 GENTILE OSPITE, BENVENUTO NELLA RESIDENZA SMERALDA. La carta dei servizi è, oltre che un impegno, uno strumento utile per orientare

Dettagli

Progetti di marketing sociale 2011

Progetti di marketing sociale 2011 Progetti di marketing sociale 2011 Clown in corsia La medicina del buonumore Il sorriso e il buonumore portati da un clown possono incidere positivamente sui tempi di guarigione del paziente. Il progetto

Dettagli

ASL TO3 : 84.500 CITTADINI VENGONO INVITATI ALLO SCREENING DEL COLON RETTO

ASL TO3 : 84.500 CITTADINI VENGONO INVITATI ALLO SCREENING DEL COLON RETTO COMUNICATO STAMPA LA PREVENZIONE PUO SALVARE LA VITA : APPELLO DELL ASL A PRESENTARSI ALL INVITO. RISULTANO POSITIVI CIRCA IL 6% DI ESAMI (162 SU 2.840), SUBITO INVIATI ALLA COLONSCOPIA DI APPROFONDIMENTO

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM)

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) (Approvata nella seduta del 20 DICEMBRE 2013) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA

Dettagli

IL QUADRO LEGISLATIVO

IL QUADRO LEGISLATIVO CAPITOLO TERZO IL QUADRO LEGISLATIVO 1. LA COSTITUZIONE Le leggi riportate in questo capitolo sono ordinate in senso cronologico per meglio mettere in evidenza la crescente sensibilità del legislatore

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE PROGETTO TRIENNALE DI POTENZIAMENTO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE NEL LAZIO, ANNI 1998/2000. Premessa Il programma di assistenza

Dettagli

PASSI e l adesione ai programmi di prevenzione:

PASSI e l adesione ai programmi di prevenzione: PASSI e l adesione ai programmi di prevenzione: vaccinazioni e screening oncologici salute percepita e consigli dei sanitari Franca Mazzoli Marradi Coordinamento Regionale PASSI Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 LEZIONE LA FORMAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE DOTT.SSA MARIA ANTONIETTA DE LUCA Indice 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 1.1.

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi Programma a finanziamento ministeriale Percezione di qualità e risultato delle cure: costituzione di una rete integrata di osservatori regionali Seminario interregionale IL CIRCOLO VIRTUOSO DEL RECLAMO

Dettagli