RIPRODUZIONE, PRODUZIONE, BENESSERE ANIMALE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore: Prof. Giovanni Garippa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIPRODUZIONE, PRODUZIONE, BENESSERE ANIMALE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore: Prof. Giovanni Garippa"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI SCUOLA DI DOTTORATO IN RIPRODUZIONE, PRODUZIONE, BENESSERE ANIMALE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore: Prof. Giovanni Garippa INDIRIZZO: Riproduzione, Produzione e Benessere Animale (XXV CICLO) (coordinatore: prof. Sergio Ledda) EFFETTO DEL POLIMORFISMO DEL GENE GH OVINO SULLA PRODUZIONE DI LATTE Docente Guida Prof. Giuseppe Massimo Vacca Direttore Prof. Giovanni Garippa Tesi di dottorato del Dr. Filippo Balia ANNO ACCADEMICO

2 Indice 1 Introduzione pag La pecora L allevamento della pecora La pecora di razza Sarda Il ciclo produttivo della pecora di razza Sarda La lattogenesi Il GH: funzioni fisiologiche Il gene del GH ovino 41 2 Scopo della ricerca 46 3 Materiali e metodi 49 4 Risultati 55 5 Discussione 72 6 Conclusioni 82 7 Bibliografia 84 Filippo Balia, 1

3 1. Introduzione Filippo Balia, 2

4 La pecora La pecora, assieme alla capra, è una delle prime specie allevate dall uomo nell antichità. La domesticazione della pecora avvenne della nella regione della Mezzaluna Fertile circa 10 mila anni fa, cioè circa mille anni dopo l inizio della coltivazione delle prime colture (Zeder, 2008). Inizialmente la pecora era allevata principalmente per la produzione di carne, ma a partire da 5000 anni fa in Medio Oriente, venne indirizzata per la produzione di altri prodotti, quali la lana e il latte. Un recente studio basato sull analisi del retrotipo, cioè delle integrazioni retrovirali (Chessa et al. 2009), ha portato ulteriori e numerose informazioni sull introduzione della pecora in Europa. Da questo lavoro risulta che prima è avvenuta l immissione nei vari territori delle pecore primitive come il Muflone o le pecore delle isole del Nord Europa, e successivamente l arrivo delle pecore selezionate per lana e latte. Nel corso dei millenni si è assistito alla diffusione dell allevamento della pecora in tutti i continenti, in concomitanza con le migrazioni umane. Le ragioni di questa diffusione sono da ricercare principalmente nelle capacità di adattamento di questa specie e quindi di produrre nonostante le difficili condizioni climatiche e territoriali Filippo Balia, 3

5 che caratterizzano molte aree del pianeta (scarsa vegetazione, terreni impervi, scarsa disponibilità idrica). La pecora domestica (Ovis aries) appartiene al genere Ovis, cui fanno parte anche diverse specie selvatiche, che differiscono fra loro per distribuzione geografica, tratti morfologici, taglia, forma delle corna, colore e tipo di mantello (Fedosenko & Blank, 2005), ma anche per numero diploide di cromosomi (Nadler et al., 1973; Bunch et al., 2006). A dispetto di queste differenze, è possibile l incrocio di animali appartenenti all una o all altra specie, con la generazione di prole fertile (Nadler et al., 1971; Valdez et al., 1978). Ad esempio, in alcune zone dell Iran, dove coesistono allo stato selvatico il Muflone asiatico e l Urial, è stato descritta anche la presenza dell ibrido, con numero cromosomico che può variare da 54 a 58 (Valdez et al., 1978). La classificazione sistematica del genere Ovis nel corso degli anni si è dimostrato quindi un esercizio abbastanza complesso. Nel corso degli anni sono state proposte diverse classificazioni e numerose sono state le revisioni (Hiendleder et al., 2002). La classificazione cui facciamo riferimento è quella proposta da Nadler et al. (1973): il Muflone europeo (O. musimon Pallas 1762, 2n = 54), presente in Europa, compresa la Sardegna; Filippo Balia, 4

6 il Muflone asiatico (O. orientalis Gmelin 1774, 2n = 54) presente in Turchia e Medio Oriente; l Argali (O. ammon L. 1758, 2n = 56) che vive nelle aree montagnose dell Asia centrale (Kazakistan, Cina e Mongolia); l Urial (O. vignei Blyth 1841, 2n = 58) largamente distribuito in Asia Minore; la Pecora di Dall (O. dalli Nelson 1884, 2n = 54) che vive nelle regioni montagnose della parte occidentale di Canada e Stati Uniti; il Big-horn (O. canadensis Shaw 1804, 2n = 54) che si rinviene nelle Montagne Rocciose fra il Canada e il Colorado e a sud fino al Messico; la Pecora delle Nevi (O. nivicola Eschscholtz 1829, 2n = 52) che si rinviene principalmente nel nord est dell Asia (Siberia). Negli ultimi anni lo studio tassonomico si è avvalso dell ausilio della biologia molecolare: infatti, attraverso l utilizzo di diversi markers, la situazione generale appare più chiara che in passato. Studi di filogenesi molecolare, assieme alla conoscenza approfondita dell etologia e della morfologia, hanno dimostrato che il genere Ovis è monofilico e si è distinto dal genere Capra circa 2-3 milioni di anni fa. In accordo con la paleontologia, ciò dovrebbe essere avvenuto in Asia. Filippo Balia, 5

7 Un recente studio basato sull utilizzo di markers mitocondriali e nucleari (Rezaei et al., 2010) ha confermato la validità della classificazione proposta da Nadler et al. (1973), ad l eccezione di Ovis musimon, cui è stata proposta l inclusione come sottospecie del genere Ovis orientalis. Grazie a studi basati sull analisi del DNA mitocondriale quest ultimo è stato identificato come il progenitore della pecora domestica (Groeneveld et al, 2010). L allevamento della pecora Attualmente l allevamento della pecora è pratica diffusa in tutto il mondo, a tutte le latitudini, con condizioni climatiche vanno dall arido semidesertico al freddo subpolare. Diverse sono le tipologie di allevamento, che variano dall intensivo all estensivo. Inoltre, la specializzazione produttiva e l adattamento alle diverse condizioni di allevamento ha portato alla diversificazione della specie in differenti razze, caratterizzate da un estrema variabilità delle caratteristiche fenotipiche. Oggigiorno nel mondo sono allevate oltre un miliardo di pecore, la maggior parte delle quali si trova in Asia (oltre 450 milioni di capi), seguita da Africa (circa 300 milioni), Europa (circa 130 milioni), Filippo Balia, 6

8 Oceania (circa 100 milioni) e infine America (circa 93 milioni) (FAO, 2010). Il dato asiatico è fortemente influenzato dalla Cina, che con oltre 130 milioni di capi detiene anche il primato mondiale di capi allevati. La quasi totalità della consistenza dell Oceania è invece appannaggio di due soli stati, cioè Australia (oltre 68 milioni di capi), terzo paese al mondo dopo la Cina e l India, e Nuova Zelanda (oltre 32 milioni di capi). In Europa il primato appartiene al Regno Unito (31 milioni di capi), seguito da Spagna (oltre 18 milioni) e Grecia (quasi 9 milioni). L Italia, con oltre 8 milioni di capi si classifica quarta in questa speciale classifica, seguita dalla Francia che invece non raggiunge gli 8 milioni di capi. Al di là delle consistenze, è interessante verificare la differenza nei dati produttivi dei vari paesi: ad esempio, Cina e Australia sono i maggiori produttori al mondo di lana, con quantità molto simili. In Europa la più alta produzione di lana appartiene al Regno Unito, seguito da Spagna, Romania e Irlanda. Il primato di carne prodotta appartiene sempre alla Cina che da sola produce quasi un quarto del totale mondiale; in Europa il primato va al Regno Unito, seguito rispettivamente da Spagna e Francia. Discorso a parte merita il latte, che con una produzione mondiale di 10 milioni di tonnellate nel 2010 risulta essere molto inferiore non solo alla produzione di latte vaccino (quasi 600 milioni di tonnellate) e Filippo Balia, 7

9 bufalino (oltre 92 milioni di tonnellate), ma anche al latte caprino (oltre 16,5 milioni di tonnellate). Quest ultimo dato può sorprendere, perché la situazione in Italia si capovolge: 600 mila tonnellate di latte ovino contro le 34 mila del latte caprino. Ciò è da evidenziare, poiché nel nostro paese si produce all incirca il 6% del totale mondiale (10 milioni di tonnellate di latte di pecora per anno), nonostante una consistenza di animali che non raggiunge l 1% del totale mondiale. Ciò è dovuto al fatto che, nonostante in Italia si allevino anche alcune razze specializzate per la carne e per la lana, il maggior numero di animali appartiene a razze da latte; inoltre recenti piani di selezione genetica e alti livelli di gestione zootecnica hanno fatto sì che si raggiungessero livelli produttivi molto alti (la produzione media nel nostro paese è di 1055 hg/anno contro la media mondiale di 477, considerando anche le razze non specializzate) (FAO, 2010). Circa il 46% del latte ovino mondiale proviene dall area mediterranea. Infatti, oltre all Italia, i più importanti Paesi in termini numerici di pecore e produzione di latte sono la Grecia (750 mila tonnellate e di animali in produzione), Spagna (360 mila tonnellate e di animali in produzione), e Francia (254 mila tonnellate e di animali in produzione) (Carta et al., 2009). Anche alla luce di questi dati, ne consegue che in Italia il latte è il principale prodotto dell allevamento della pecora, il quale viene quasi Filippo Balia, 8

10 completamente utilizzato per la trasformazione casearia (Bittante et al., 2005); nel 2010 in Italia sono state prodotte circa 88 mila tonnellate di formaggio ovino (FAO, 2010). La produzione di latte di pecora è concentrata soprattutto in Sardegna, che da sola fornisce circa il 40% del totale nazionale (Bittante et al, 2005), seguita da Lazio (14%), Toscana (11%), Sicilia (9%) e Puglia (6%). Questo dato è il riflesso della situazione nazionale dell allevamento ovino, che risulta molto diversificato fra le varie aree del Paese. Infatti, l allevamento ovino, così come quello caprino, è legato soprattutto allo sfruttamento delle aree più aride e impervie (Bittante et al, 2005). Secondo i dati dell anagrafe zootecnica dell Istituto Zooprofilattico di Teramo (IZS, 2012), la Sardegna conta da sola più di un terzo del patrimonio ovino nazionale (circa 3,3 milioni di animali). L Italia insulare (Sicilia e Sardegna) assomma oltre la metà degli ovini allevati, mentre il restante patrimonio zootecnico appartiene alle Regioni del Centro (circa il 25%), del Sud (meno del 15%) e in minima parte del Nord (6%). In Italia sono allevate diverse razze ufficialmente riconosciute, con differenti attitudini produttive (carne, latte e a duplice attitudine carne e lana), più una serie di razze e popolazioni di in numero limitato, che allo stato attuale rivestono esclusivamente un interesse locale (Bittante et al, 2005). Le razze da latte in generale rappresentano la maggior Filippo Balia, 9

11 parte del patrimonio ovino nazionale, ulteriore conferma di quanto nel nostro Paese sia sempre stata presente una grande attenzione per la selezione alla produzione di latte. Le razze da carne italiane riconosciute sono (ASSONAPA, 2012): Bergamasca; Biellese; Appenninica; Fabrianese; Laticauda; Barbaresca. Le razze italiane da latte: Delle Langhe; Massese; Altamurana; Leccese; Comisana; Sarda; Valle del Belice; Pinzirita. Razze italiane a duplice attitudine: Gentile di Puglia; Sopravissana; Filippo Balia, 10

12 Merinizzata Italiana. Da un punto di vista numerico, le principali razze allevate in Italia sono la Sarda e la Comisana, originaria della Sicilia. Sono entrambe ad attitudine lattifera e nessun altra razza allevata in Italia raggiunge tali consistenze. Nelle razze italiane da latte sono stati introdotti i programmi di miglioramento genetico negli anni 60 del secolo scorso. Lo schema più efficiente di selezione per le razze da latte è basato su un sistema piramidale, dove al vertice sono presenti le greggi iscritte al libro genealogico, delle quali vengono registrate le produzioni lattee, condotti programmi di inseminazione artificiale o di monta naturale programmata e infine stimato il breeding value. Il progresso genetico viene quindi trasferito alle altre greggi commerciali attraverso l inseminazione artificiale o con la monta naturale degli arieti selezionati. L obiettivo di selezione per la maggior parte delle razze è tuttora rappresentato dell incremento della produzione lattea. Poiché quasi tutto il latte è destinato alla produzione di formaggio, molto importanti sono anche i parametri qualitativi e quantitativi. Inoltre, altri parametri d interesse sono: morfologia della mammella e attitudine alla mungitura meccanica, resistenza alle malattie (mastite, parassiti intestinali, Scrapie) e parametri di interesse nutrizionale per il consumatore, come la composizione del profilo degli acidi grassi. I Filippo Balia, 11

13 programmi di miglioramento genetico basati sul tradizionale approccio quantitativo hanno ottenuto apprezzabili risultati in termini produttivi (Carta et al., 2009). Negli ultimi anni si stanno studiando schemi di selezione basati sulla biologia molecolare, che potrebbero dare un contributo di miglioramento sia ai parametri selettivi tradizionali, sia ad altri nuovi, di difficile attuazione per gli alti costi di registrazione. Attualmente la strategia più efficace appare essere quella di concentrare gli sforzi sulla ricerca di mutazioni casuali nei geni che influenzano i parametri di importanza economica (Carta et al., 2009). La pecora di razza Sarda La pecora di razza Sarda (Figura 1), con una consistenza di oltre 4 milioni di capi solo in Italia, è la razza ovina italiana più numerosa. Originaria della Sardegna, si è gradualmente diffusa nelle altre regioni italiane, in particolare in Lazio, Umbria e Toscana, e attualmente si sta espandendo anche in altri Paesi dell Area Mediterranea (Carcangiu & Vacca, 2005). Si tratta di una razza autoctona, presente in Sardegna probabilmente da millenni, che condivide le proprie origini con numerose razze mediterranee (Chessa et al., 2009). Filippo Balia, 12

14 Figura 1 Pecora di razza Sarda Diffusa in origine esclusivamente nelle aree collinari, oggi è allevata praticamente in tutte le aree dell isola, comprese le pianure irrigue, dove, a causa delle migliori condizioni di allevamento, si raggiungono livelli produttivi superiori alla media (Carcangiu & Vacca, 2005). In Sardegna sono presenti circa 15 mila aziende ovine, che allevano in media poco più di 200 capi. La consistenza media del gregge e quindi la dimensione dell azienda, tuttavia, varia da zona a zona. Infatti, se le dimensioni aziendali delle province di Cagliari e Nuoro si attestano sulla media regionale, nella provincia di Sassari (dove sono allevati circa un terzo degli animali totali dell isola) la media sale a 243; invece, nella provincia di Oristano la dimensione media aziendale scende a circa 170 capi (IZS, 2012). Filippo Balia, 13

15 Il sistema di allevamento più diffuso è quello brado e semibrado, basato sullo sfruttamento del pascolo naturale. La produzione principale della pecora Sarda è il latte. La produzione della carne, costituita dagli animali a fine carriera e dall agnello da latte, macellato ad un peso vivo di 8/10 kg, rappresenta un prodotto di importanza marginale, così come la produzione della lana. In passato, fino agli inizi del secolo scorso, vennero tentati incroci con pecore di altre razze, con lo scopo di aumentare la taglia e migliorare le caratteristiche del vello. Tuttavia queste immissioni di sangue non ebbero tuttavia molto successo, poiché, essendo tali razze in genere dotate di scarsa attitudine lattifera, con l incrocio si diminuiva la produzione di latte, che invece era considerato il prodotto più importante dell allevamento. Inoltre, nei primi anni del secolo scorso in provincia di Cagliari vennero effettuati incroci con arieti di provenienza siciliana, ma di probabile origine maltese. Nei primi anni 70 presso l allora Istituto Zootecnico Caseario della Sardegna, ora confluito in AGRIS (Agenzia per la Ricerca in Agricoltura della Regione Autonoma della Sardegna), sono stati effettuati incroci fra arieti di razza Frisona e pecore indigene (Sanna et al., 2001). Allo stato attuale non è facile precisare quale importanza abbiano avuto nella formazione della razza Sarda questi apporti di sangue dall esterno, tuttavia in molte greggi si Filippo Balia, 14

16 possono tuttora osservare differenze morfologiche, pur rimanendo nell ambito della stessa razza (figura 2). Figura 2 Ovini di razza Sarda Il miglioramento genetico della razza Sarda si realizza attraverso l istituzione del Libro Genealogico, avvenuta nel 1928, e con i conseguenti controlli funzionali. Attualmente sono iscritti al libro genealogico capi e 2591 aziende (ASSONAPA, 2008), rispettivamente l 8% e il 16% del totale in Sardegna. A livello nazionale questo dato rappresenta il 50% degli ovini iscritti a libro genealogico. Quello della razza Sarda è un libro aperto, al quale possono essere iscritti anche soggetti non nati in selezione, purché in possesso di determinati requisiti. Dato che l obiettivo principale della selezione è il miglioramento dell attitudine lattifera, tutte le pecore iscritte Filippo Balia, 15

17 vengono sottoposte al controllo della produzione del latte, effettuato con frequenza mensile per tutta la durata della lattazione. Viene preso inoltre in considerazione anche il miglioramento della composizione del latte, con particolare riguardo al contenuto in grasso ed in proteine. Secondo lo standard di razza, la pecora Sarda viene descritta come una razza di taglia media (circa 71 e 63 cm al garrese e 59 e 42 kg di peso, rispettivamente per maschio e femmina), con vello bianco, aperto, esteso fino a metà dell avambraccio e poco sopra il garretto. La pelle deve essere sottile, elastica e di colore bianco rosato, talora con lieve picchiettatura nera o marrone sulla testa, negli arti e, in genere, nelle parti prive di lana. Presenta una testa distinta e leggera, solitamente un po allungata con profilo diritto o leggermente convesso (montonino) nei maschi, faccia uniformemente bianca con espressione vivace, occhi grandi e vivaci con leggero rigonfiamento palpebrale; narici larghe, bocca ampia; orecchie di media grandezza o piccole, mobili, portate orizzontalmente e talvolta anche un po pendenti; corna assenti nelle femmine o poco sviluppate, assenti o rudimentali nei maschi. Il collo è ben unito alle spalle ed al petto, lungo ed esile nelle femmine, più forte e più robusto nei maschi. Il tronco è allungato e di forma tronco-conica; il garrese ben serrato, leggermente pronunciato e piuttosto affilato nella pecora, più muscoloso nell ariete; il torace è profondo e leggermente piatto, le spalle ben attaccate, leggere, Filippo Balia, 16

18 giustamente inclinate ed in armonia con le regioni circostanti; il dorso forte e diritto; la linea superiore corretta; i lombi larghi e robusti, allineati con il dorso; il ventre capace, arrotondato e ben modellato; i fianchi pieni, larghi e profondi; la groppa leggermente spiovente, più lunga che larga; la coscia piatta, scarna e ben discesa; la coda esile e lunga. La mammella è sferica, larga, ben sostenuta, forte negli attacchi; con tessitura morbida, spugnosa, elastica e quasi floscia dopo la mungitura; bene irrorata dalla corrente sanguigna periferica, con capezzoli proporzionati e ben diretti. I caratteri riproduttivi propri della razza Sarda sono: fertilità annua (intesa come rapporto percentuale tra il numero delle pecore partorite ed il numero delle pecore matricine): 96%; prolificità (intesa come rapporto percentuale tra gli agnelli nati ed il numero delle pecore partorite) da 110% (in condizioni estensive) a 150% (in condizioni intensive); fecondità annua (intesa come rapporto percentuale tra gli agnelli nati ed il numero delle pecore matricine): da 106% (condizioni estensive) a 144% (in condizioni intensive). Per quanto riguarda i caratteri produttivi, sempre secondo lo standard di razza, si valutano: Filippo Balia, 17

19 la produzione di latte (produzioni medie di razza al netto del latte poppato dall agnello): le primipare producono in media 60 litri in allevamento estensivo e 130 litri in allevamento intensivo in 100 giorni di lattazione; le secondipare rispettivamente 90 e 170 litri in 180 giorni; le pluripare 100 e 180 litri in 180 giorni. La percentuale media di grasso nel latte durante la lattazione è del 6,0%; percentuale media di proteine è del 5,3%. Per quanto concerne invece la produzione di carne, gli agnelli nascono a un peso di circa 3,5-3,8 kg (rispettivamente per maschio e femmina), e 3,1-3,3 in caso di parto gemellare; il peso di 10 kg viene raggiunto all età di un mese, qualche giorno dopo in caso di gemelli. La lana, come abbiamo già visto, è di qualità grossolana; adatta più che altro per tappeti e materassi. La produzione media è di. 2,5 kg annui nell ariete e di 1,1 kg nella pecora. Gli indirizzi di miglioramento, come già detto, sono rivolti ad esaltare l attitudine alla produzione del latte sotto l aspetto quantitativo e qualitativo; a migliorare le caratteristiche della mammella per facilitare la mungitura; ad incrementare la prolificità. Nella scelta dei riproduttori, difetti tollerabili sono la presenza nel vello di pelo morto, la presenza di ciuffo di lana sulla fronte, la presenza di corna nelle femmine e di corna rudimentali nei maschi; difetti da eliminare, Filippo Balia, 18

20 invece, sono la lana merinizzata, il vello nero o marrone, la groppa eccessivamente spiovente, la scarsa fecondità, la difficoltà alla mungitura. Per poter essere ammessi all azione selettiva, i soggetti di razza Sarda devono soddisfare dei requisiti minimi, e cioè: presentare i caratteri esteriori tipici della razza; raggiungere il punteggio minimo in una scheda di valutazione morfologica, dove vengono assegnati dei punteggi alle caratteristiche di razza, alla conformazione, allo sviluppo e alla mole, alle caratteristiche attitudinali; inoltre, devono raggiungere produzioni minime di latte in almeno una lattazione ufficialmente controllata, e cioè di 80 litri in 100 giorni nelle primipare, 160 litri in 180 giorni nelle secondipare, 180 litri in 180 giorni nelle pluripare. Per quanto riguarda l iscrizione al libro genealogico, gli arieti in possesso dei requisiti stabiliti dalla Commissione Tecnica Centrale del Libro Genealogico delle razze ovine, su proposta del Comitato di razza, sono iscritti al Registro Genealogico degli Arieti, dove vengono inseriti i maschi che abbiano raggiunto l età minima di 8 mesi e siano provenienti dal Registro Genealogico del Giovane Bestiame. Il Registro Genealogico degli Arieti consta di tre Sezioni denominate A, B e C. Nella Sezione A vengono iscritti gli arieti definitivamente iscritti al registro Genealogico Giovane Bestiame, che abbiano Filippo Balia, 19

21 riportato nella valutazione morfologica almeno 60 punti su un massimo di 100. Nella sezione B vengono iscritti gli arieti provenienti dal Registro Genealogico del Giovane Bestiame che hanno riportato 70 punti nella valutazione morfologica, dei quali sono note almeno due generazioni ed essere figli di pecore in possesso dei requisiti per il Registro Genealogico Avanzato che abbiano raggiunto i minimi di produzione richiesti in una lattazione successiva alla prima. Nella sezione C sono iscritti gli arieti miglioratori cioè gli arieti provenienti dal Registro Genealogico Giovane Bestiame, con esito positivo della prova di progenie attuata secondo le norme fissate dalla Commissione Tecnica Centrale, su proposta del Comitato di Razza. Al Registro Genealogico delle Pecore sono iscritti i soggetti provenienti dal Registro Genealogico del Giovane Bestiame ed in possesso dei requisiti morfologici, funzionali e genealogici individuali stabiliti dalla Commissione Tecnica Centrale del Libro Genealogico delle razze ovine su proposta del Comitato di Razza. Il registro delle pecore può essere ordinario o avanzato. Nel registro ordinario vengono iscritte le pecore che abbiano partorito almeno una volta, di ascendenza sconosciuta purché abbiano riportato nella valutazione morfologica almeno 60 punti e abbiano prodotto, se primipare, almeno 80 litri di latte in 100 giorni di una lattazione standard ufficialmente controllata (dal 31mo al 130mo giorno dal parto), oppure 160 e 180 Filippo Balia, 20

22 litri in 180 giorni (dal 31mo al 210mo giorno dal parto) rispettivamente per secondipare e pluripare. Al Registro Genealogico Pecore Avanzato vengono iscritte le pecore già iscritte nel Registro Genealogico Ordinario in possesso di ulteriori requisiti genealogici, morfologici e funzionali. Tali requisiti genealogici sono: due generazioni di ascendenti note oppure una generazione purché la madre sia in possesso dei requisiti funzionali per l iscrizione al Libro Genealogico Avanzato; requisiti morfologici: aver riportato nella valutazione morfologica almeno 70 punti, con non meno di 40 nel giudizio sulle Caratteristiche Attitudinali, cioè nella valutazione dell apparato mammario; requisiti funzionali: se primipare, aver prodotto almeno 130 litri di latte in 100 giorni di una lattazione standard ufficialmente controllata (dal 31mo al 130mo giorno dal parto) con 5,8% di grasso e 5% di proteine, oppure 220 e 250 litri in 180 giorni (dal 31mo al 210mo giorno dal parto) con 6% di grasso e 5,3% di proteine rispettivamente per secondipare e pluripare. Al Registro Genealogico del Giovane Bestiame sono iscritti, alla nascita, i soggetti di sesso femminile nati negli allevamenti del Libro Filippo Balia, 21

23 Genealogico ed in quelli sottoposti ai Controlli Funzionali e discendenti da padre con requisiti richiesti per l iscrizione alla Sezione B del Registro Genealogico Arieti e madre con i requisiti richiesti per l iscrizione al Libro Genealogico Pecore ordinario o avanzato. Come abbiamo visto, possono essere iscritte in via provvisoria anche le agnelle con ascendenza paterna sconosciuta. Le stesse potranno essere iscritte al Registro Genealogico Pecore Ordinario solo nel caso che raggiungano i minimi produttivi richiesti per l iscrizione. Sono iscritti inoltre i maschi nati negli allevamenti del Libro Genealogico ed in quelli sottoposti ai Controlli Funzionali e discendenti da: padre con i requisiti richiesti per l iscrizione alla Sezione B del Registro Genealogico Arieti; madre con i requisiti previsti per l iscrizione al Registro Genealogico Pecore ordinario o avanzato in possesso dei seguenti requisiti: se primipare, aver prodotto almeno 100 litri di latte in 100 giorni di una lattazione standard ufficialmente controllata (dal 31mo al 130mo giorno dal parto), oppure 200 e 220 litri in 180 giorni (dal 31mo al 210mo giorno dal parto) con 6% di grasso e 5,3% di proteine rispettivamente per secondipare e pluripare. Filippo Balia, 22

24 Gli animali registrati provvisoriamente sono eliminati dal registro nel caso in cui la madre non ottenga l iscrizione o non raggiunga i minimi entro le lattazioni standard sopracitate. Fra i prodotti derivati dalla pecora sarda si annoverano tre formaggi DOP: il Pecorino Romano (reg. CE 1107/1996), il Pecorino Sardo e il Fiore Sardo (reg. CE 1263/1996); inoltre anche l agnello di Sardegna è inserito nei prodotti IGP (reg. CE 138/2001). Il ciclo produttivo della pecora di razza Sarda Il ciclo produttivo della pecora è influenzato da fattori fisiologici e da fattori ambientali. Ciò che condiziona la data del parto, e quindi l instaurarsi della lattazione, è infatti la fase fondamentale della riproduzione. Fisiologicamente la pecora, come del resto anche altre specie, ha sviluppato un ciclo sessuale sincrono con le variazioni climatiche stagionali (Carcangiu & Vacca, 2005). Tale andamento determina la nascita dell agnello in un periodo dell anno dove le temperature ideali e la maggiore disponibilità di cibo consentono una più alta possibilità di sopravvivenza e di sviluppo del neonato, attraverso una migliore produzione lattea della madre. Il fattore che consente questa sincronia è fondamentalmente legato al fotoperiodo. Gli ovini sono infatti una Filippo Balia, 23

25 specie nella quale il fotoperiodo decrescente determina l inizio dell attività sessuale. Questo fenomeno è particolarmente marcato alle alte latitudini, dove si hanno ampie variazioni del rapporto ore di luce/ore di buio durante l anno: a queste latitudini, nei periodi di giorni lunghi, le femmine presentano un lungo periodo di anaestro e i maschi scarsa libido e scadimento della qualità del seme. Invece, a latitudini inferiori, questa stagionalità è meno marcata e il periodo di anaestro è decisamente più breve (circa 50 giorni) (Chemineau et al., 1995); nelle zone subtropicali l attività sessuale è praticamente continua, poiché il fotoperiodo è pressoché costante. Il meccanismo che determina questo fenomeno è essenzialmente di tipo neuroendocrino, che schematicamente può essere riassunto così: il segnale luminoso percepito dalla retina viene tradotto in impulso nervoso che stimola i pituiciti dell epifisi a secernere la melatonina, la quale a sua volta stimola l attività riproduttiva attraverso la liberazione di GnRH. Tale comportamento è essenziale per la conservazione della specie, ma è poco funzionale per gli animali in produzione zootecnica. Infatti, sebbene in alcune specie come i bovini e i suini l addomesticamento ha portato alla scomparsa della stagionalità riproduttiva, negli ovini in parte è ancora presente, forse perché la tipologia di allevamento brado e semibrado espone gli animali alle stesse condizioni ambientali e alimentari che sono presenti in natura. Ciò determina uno sfruttamento Filippo Balia, 24

26 non ottimale della pecora da un punto di vista zootecnico, in quanto i parti in primavera consentono solo pochi mesi di lattazione, poiché in estate sopraggiungono le condizioni di alte temperature e di scarsità di pascolo che determinano un progressivo calo della produzione lattea fino all asciutta. Nel corso degli ultimi decenni sono state migliorate le strategie che consentono di poter anticipare i parti all autunno, e quindi aumentare di parecchi mesi la durata della lattazione. Importanti sono stati gli interventi di tipo manageriale, come ad esempio la costruzione di ricoveri adeguati e il miglioramento dell alimentazione, fattori che in parte hanno determinato la riduzione del periodo anaestrale attraverso una minore sensibilità verso il fotoperiodo. Attraverso l utilizzo del flushing in combinazione con il cosiddetto effetto maschio circa il 70% dei parti avviene in autunno, che è un buon risultato, ma non sempre in grado di soddisfare le esigenze dell allevamento. Negli ultimi decenni sono stati quindi introdotti i trattamenti ormonali nell allevamento ovino, anche allo scopo di sincronizzare i cicli, che è pratica necessaria in caso di inseminazione artificiale. I trattamenti ormonali più diffusi sono quelli che si basano sui derivati del progesterone, associati alla somministrazione di PMSG. Inoltre, negli ultimi anni si sta diffondendo la somministrazione di melatonina, sottoforma di impianti sottocutanei a lento rilascio, che consente di simulare le Filippo Balia, 25

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it IPOTALAMO-FUNZIONI Termoregolazione Nel corpo, il calore viene prodotto dalla contrazione muscolare, dall assimilazione degli alimenti e da tutti i processi vitali che contribuiscono al metabolismo basale.

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Un second crop oltre ogni aspettativa

Un second crop oltre ogni aspettativa Prince Un second crop oltre ogni aspettativa Per i tecnici, i dati di second crop di Prince sono andati oltre ogni più rosea aspettativa, ma per molti allevatori in Italia non sono stati altro che una

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Acronimo: CoVAL Ente Proponente: Università degli Studi di Milano,

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b Schema presentazione La produzione di latte ovino Il costo di produzione del latte ovino: Costi aziendali Costi di sistema Interazione fra prezzo, costi di

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

La nuova PAC: le scelte nazionali

La nuova PAC: le scelte nazionali Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale Direzione generale delle politiche internazionali e dell'unione Europea La nuova PAC: le scelte nazionali Regolamento (UE)

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio

I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio I prodotti lattiero-caseari di origine ovina e caprina: esempio di valutazione rischio-beneficio Cinzia La Rocca Dip. Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Reparto di Tossicologia Alimentare

Dettagli

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile.

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ Statistica5 23/10/13 Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. Se si afferma che un vitello di razza chianina pesa 780 kg a 18

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete?

Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Fabbisogni vitaminici: ci sono le basi per ri-valutare le specifiche delle diete? Tratto da Vitamin requirements: is there basis for re-evaluating dietary specifications? S. LEESON 1 Tradotto, adattato

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli