RIPRODUZIONE, PRODUZIONE, BENESSERE ANIMALE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore: Prof. Giovanni Garippa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIPRODUZIONE, PRODUZIONE, BENESSERE ANIMALE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore: Prof. Giovanni Garippa"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI SCUOLA DI DOTTORATO IN RIPRODUZIONE, PRODUZIONE, BENESSERE ANIMALE E SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore: Prof. Giovanni Garippa INDIRIZZO: Riproduzione, Produzione e Benessere Animale (XXV CICLO) (coordinatore: prof. Sergio Ledda) EFFETTO DEL POLIMORFISMO DEL GENE GH OVINO SULLA PRODUZIONE DI LATTE Docente Guida Prof. Giuseppe Massimo Vacca Direttore Prof. Giovanni Garippa Tesi di dottorato del Dr. Filippo Balia ANNO ACCADEMICO

2 Indice 1 Introduzione pag La pecora L allevamento della pecora La pecora di razza Sarda Il ciclo produttivo della pecora di razza Sarda La lattogenesi Il GH: funzioni fisiologiche Il gene del GH ovino 41 2 Scopo della ricerca 46 3 Materiali e metodi 49 4 Risultati 55 5 Discussione 72 6 Conclusioni 82 7 Bibliografia 84 Filippo Balia, 1

3 1. Introduzione Filippo Balia, 2

4 La pecora La pecora, assieme alla capra, è una delle prime specie allevate dall uomo nell antichità. La domesticazione della pecora avvenne della nella regione della Mezzaluna Fertile circa 10 mila anni fa, cioè circa mille anni dopo l inizio della coltivazione delle prime colture (Zeder, 2008). Inizialmente la pecora era allevata principalmente per la produzione di carne, ma a partire da 5000 anni fa in Medio Oriente, venne indirizzata per la produzione di altri prodotti, quali la lana e il latte. Un recente studio basato sull analisi del retrotipo, cioè delle integrazioni retrovirali (Chessa et al. 2009), ha portato ulteriori e numerose informazioni sull introduzione della pecora in Europa. Da questo lavoro risulta che prima è avvenuta l immissione nei vari territori delle pecore primitive come il Muflone o le pecore delle isole del Nord Europa, e successivamente l arrivo delle pecore selezionate per lana e latte. Nel corso dei millenni si è assistito alla diffusione dell allevamento della pecora in tutti i continenti, in concomitanza con le migrazioni umane. Le ragioni di questa diffusione sono da ricercare principalmente nelle capacità di adattamento di questa specie e quindi di produrre nonostante le difficili condizioni climatiche e territoriali Filippo Balia, 3

5 che caratterizzano molte aree del pianeta (scarsa vegetazione, terreni impervi, scarsa disponibilità idrica). La pecora domestica (Ovis aries) appartiene al genere Ovis, cui fanno parte anche diverse specie selvatiche, che differiscono fra loro per distribuzione geografica, tratti morfologici, taglia, forma delle corna, colore e tipo di mantello (Fedosenko & Blank, 2005), ma anche per numero diploide di cromosomi (Nadler et al., 1973; Bunch et al., 2006). A dispetto di queste differenze, è possibile l incrocio di animali appartenenti all una o all altra specie, con la generazione di prole fertile (Nadler et al., 1971; Valdez et al., 1978). Ad esempio, in alcune zone dell Iran, dove coesistono allo stato selvatico il Muflone asiatico e l Urial, è stato descritta anche la presenza dell ibrido, con numero cromosomico che può variare da 54 a 58 (Valdez et al., 1978). La classificazione sistematica del genere Ovis nel corso degli anni si è dimostrato quindi un esercizio abbastanza complesso. Nel corso degli anni sono state proposte diverse classificazioni e numerose sono state le revisioni (Hiendleder et al., 2002). La classificazione cui facciamo riferimento è quella proposta da Nadler et al. (1973): il Muflone europeo (O. musimon Pallas 1762, 2n = 54), presente in Europa, compresa la Sardegna; Filippo Balia, 4

6 il Muflone asiatico (O. orientalis Gmelin 1774, 2n = 54) presente in Turchia e Medio Oriente; l Argali (O. ammon L. 1758, 2n = 56) che vive nelle aree montagnose dell Asia centrale (Kazakistan, Cina e Mongolia); l Urial (O. vignei Blyth 1841, 2n = 58) largamente distribuito in Asia Minore; la Pecora di Dall (O. dalli Nelson 1884, 2n = 54) che vive nelle regioni montagnose della parte occidentale di Canada e Stati Uniti; il Big-horn (O. canadensis Shaw 1804, 2n = 54) che si rinviene nelle Montagne Rocciose fra il Canada e il Colorado e a sud fino al Messico; la Pecora delle Nevi (O. nivicola Eschscholtz 1829, 2n = 52) che si rinviene principalmente nel nord est dell Asia (Siberia). Negli ultimi anni lo studio tassonomico si è avvalso dell ausilio della biologia molecolare: infatti, attraverso l utilizzo di diversi markers, la situazione generale appare più chiara che in passato. Studi di filogenesi molecolare, assieme alla conoscenza approfondita dell etologia e della morfologia, hanno dimostrato che il genere Ovis è monofilico e si è distinto dal genere Capra circa 2-3 milioni di anni fa. In accordo con la paleontologia, ciò dovrebbe essere avvenuto in Asia. Filippo Balia, 5

7 Un recente studio basato sull utilizzo di markers mitocondriali e nucleari (Rezaei et al., 2010) ha confermato la validità della classificazione proposta da Nadler et al. (1973), ad l eccezione di Ovis musimon, cui è stata proposta l inclusione come sottospecie del genere Ovis orientalis. Grazie a studi basati sull analisi del DNA mitocondriale quest ultimo è stato identificato come il progenitore della pecora domestica (Groeneveld et al, 2010). L allevamento della pecora Attualmente l allevamento della pecora è pratica diffusa in tutto il mondo, a tutte le latitudini, con condizioni climatiche vanno dall arido semidesertico al freddo subpolare. Diverse sono le tipologie di allevamento, che variano dall intensivo all estensivo. Inoltre, la specializzazione produttiva e l adattamento alle diverse condizioni di allevamento ha portato alla diversificazione della specie in differenti razze, caratterizzate da un estrema variabilità delle caratteristiche fenotipiche. Oggigiorno nel mondo sono allevate oltre un miliardo di pecore, la maggior parte delle quali si trova in Asia (oltre 450 milioni di capi), seguita da Africa (circa 300 milioni), Europa (circa 130 milioni), Filippo Balia, 6

8 Oceania (circa 100 milioni) e infine America (circa 93 milioni) (FAO, 2010). Il dato asiatico è fortemente influenzato dalla Cina, che con oltre 130 milioni di capi detiene anche il primato mondiale di capi allevati. La quasi totalità della consistenza dell Oceania è invece appannaggio di due soli stati, cioè Australia (oltre 68 milioni di capi), terzo paese al mondo dopo la Cina e l India, e Nuova Zelanda (oltre 32 milioni di capi). In Europa il primato appartiene al Regno Unito (31 milioni di capi), seguito da Spagna (oltre 18 milioni) e Grecia (quasi 9 milioni). L Italia, con oltre 8 milioni di capi si classifica quarta in questa speciale classifica, seguita dalla Francia che invece non raggiunge gli 8 milioni di capi. Al di là delle consistenze, è interessante verificare la differenza nei dati produttivi dei vari paesi: ad esempio, Cina e Australia sono i maggiori produttori al mondo di lana, con quantità molto simili. In Europa la più alta produzione di lana appartiene al Regno Unito, seguito da Spagna, Romania e Irlanda. Il primato di carne prodotta appartiene sempre alla Cina che da sola produce quasi un quarto del totale mondiale; in Europa il primato va al Regno Unito, seguito rispettivamente da Spagna e Francia. Discorso a parte merita il latte, che con una produzione mondiale di 10 milioni di tonnellate nel 2010 risulta essere molto inferiore non solo alla produzione di latte vaccino (quasi 600 milioni di tonnellate) e Filippo Balia, 7

9 bufalino (oltre 92 milioni di tonnellate), ma anche al latte caprino (oltre 16,5 milioni di tonnellate). Quest ultimo dato può sorprendere, perché la situazione in Italia si capovolge: 600 mila tonnellate di latte ovino contro le 34 mila del latte caprino. Ciò è da evidenziare, poiché nel nostro paese si produce all incirca il 6% del totale mondiale (10 milioni di tonnellate di latte di pecora per anno), nonostante una consistenza di animali che non raggiunge l 1% del totale mondiale. Ciò è dovuto al fatto che, nonostante in Italia si allevino anche alcune razze specializzate per la carne e per la lana, il maggior numero di animali appartiene a razze da latte; inoltre recenti piani di selezione genetica e alti livelli di gestione zootecnica hanno fatto sì che si raggiungessero livelli produttivi molto alti (la produzione media nel nostro paese è di 1055 hg/anno contro la media mondiale di 477, considerando anche le razze non specializzate) (FAO, 2010). Circa il 46% del latte ovino mondiale proviene dall area mediterranea. Infatti, oltre all Italia, i più importanti Paesi in termini numerici di pecore e produzione di latte sono la Grecia (750 mila tonnellate e di animali in produzione), Spagna (360 mila tonnellate e di animali in produzione), e Francia (254 mila tonnellate e di animali in produzione) (Carta et al., 2009). Anche alla luce di questi dati, ne consegue che in Italia il latte è il principale prodotto dell allevamento della pecora, il quale viene quasi Filippo Balia, 8

10 completamente utilizzato per la trasformazione casearia (Bittante et al., 2005); nel 2010 in Italia sono state prodotte circa 88 mila tonnellate di formaggio ovino (FAO, 2010). La produzione di latte di pecora è concentrata soprattutto in Sardegna, che da sola fornisce circa il 40% del totale nazionale (Bittante et al, 2005), seguita da Lazio (14%), Toscana (11%), Sicilia (9%) e Puglia (6%). Questo dato è il riflesso della situazione nazionale dell allevamento ovino, che risulta molto diversificato fra le varie aree del Paese. Infatti, l allevamento ovino, così come quello caprino, è legato soprattutto allo sfruttamento delle aree più aride e impervie (Bittante et al, 2005). Secondo i dati dell anagrafe zootecnica dell Istituto Zooprofilattico di Teramo (IZS, 2012), la Sardegna conta da sola più di un terzo del patrimonio ovino nazionale (circa 3,3 milioni di animali). L Italia insulare (Sicilia e Sardegna) assomma oltre la metà degli ovini allevati, mentre il restante patrimonio zootecnico appartiene alle Regioni del Centro (circa il 25%), del Sud (meno del 15%) e in minima parte del Nord (6%). In Italia sono allevate diverse razze ufficialmente riconosciute, con differenti attitudini produttive (carne, latte e a duplice attitudine carne e lana), più una serie di razze e popolazioni di in numero limitato, che allo stato attuale rivestono esclusivamente un interesse locale (Bittante et al, 2005). Le razze da latte in generale rappresentano la maggior Filippo Balia, 9

11 parte del patrimonio ovino nazionale, ulteriore conferma di quanto nel nostro Paese sia sempre stata presente una grande attenzione per la selezione alla produzione di latte. Le razze da carne italiane riconosciute sono (ASSONAPA, 2012): Bergamasca; Biellese; Appenninica; Fabrianese; Laticauda; Barbaresca. Le razze italiane da latte: Delle Langhe; Massese; Altamurana; Leccese; Comisana; Sarda; Valle del Belice; Pinzirita. Razze italiane a duplice attitudine: Gentile di Puglia; Sopravissana; Filippo Balia, 10

12 Merinizzata Italiana. Da un punto di vista numerico, le principali razze allevate in Italia sono la Sarda e la Comisana, originaria della Sicilia. Sono entrambe ad attitudine lattifera e nessun altra razza allevata in Italia raggiunge tali consistenze. Nelle razze italiane da latte sono stati introdotti i programmi di miglioramento genetico negli anni 60 del secolo scorso. Lo schema più efficiente di selezione per le razze da latte è basato su un sistema piramidale, dove al vertice sono presenti le greggi iscritte al libro genealogico, delle quali vengono registrate le produzioni lattee, condotti programmi di inseminazione artificiale o di monta naturale programmata e infine stimato il breeding value. Il progresso genetico viene quindi trasferito alle altre greggi commerciali attraverso l inseminazione artificiale o con la monta naturale degli arieti selezionati. L obiettivo di selezione per la maggior parte delle razze è tuttora rappresentato dell incremento della produzione lattea. Poiché quasi tutto il latte è destinato alla produzione di formaggio, molto importanti sono anche i parametri qualitativi e quantitativi. Inoltre, altri parametri d interesse sono: morfologia della mammella e attitudine alla mungitura meccanica, resistenza alle malattie (mastite, parassiti intestinali, Scrapie) e parametri di interesse nutrizionale per il consumatore, come la composizione del profilo degli acidi grassi. I Filippo Balia, 11

13 programmi di miglioramento genetico basati sul tradizionale approccio quantitativo hanno ottenuto apprezzabili risultati in termini produttivi (Carta et al., 2009). Negli ultimi anni si stanno studiando schemi di selezione basati sulla biologia molecolare, che potrebbero dare un contributo di miglioramento sia ai parametri selettivi tradizionali, sia ad altri nuovi, di difficile attuazione per gli alti costi di registrazione. Attualmente la strategia più efficace appare essere quella di concentrare gli sforzi sulla ricerca di mutazioni casuali nei geni che influenzano i parametri di importanza economica (Carta et al., 2009). La pecora di razza Sarda La pecora di razza Sarda (Figura 1), con una consistenza di oltre 4 milioni di capi solo in Italia, è la razza ovina italiana più numerosa. Originaria della Sardegna, si è gradualmente diffusa nelle altre regioni italiane, in particolare in Lazio, Umbria e Toscana, e attualmente si sta espandendo anche in altri Paesi dell Area Mediterranea (Carcangiu & Vacca, 2005). Si tratta di una razza autoctona, presente in Sardegna probabilmente da millenni, che condivide le proprie origini con numerose razze mediterranee (Chessa et al., 2009). Filippo Balia, 12

14 Figura 1 Pecora di razza Sarda Diffusa in origine esclusivamente nelle aree collinari, oggi è allevata praticamente in tutte le aree dell isola, comprese le pianure irrigue, dove, a causa delle migliori condizioni di allevamento, si raggiungono livelli produttivi superiori alla media (Carcangiu & Vacca, 2005). In Sardegna sono presenti circa 15 mila aziende ovine, che allevano in media poco più di 200 capi. La consistenza media del gregge e quindi la dimensione dell azienda, tuttavia, varia da zona a zona. Infatti, se le dimensioni aziendali delle province di Cagliari e Nuoro si attestano sulla media regionale, nella provincia di Sassari (dove sono allevati circa un terzo degli animali totali dell isola) la media sale a 243; invece, nella provincia di Oristano la dimensione media aziendale scende a circa 170 capi (IZS, 2012). Filippo Balia, 13

15 Il sistema di allevamento più diffuso è quello brado e semibrado, basato sullo sfruttamento del pascolo naturale. La produzione principale della pecora Sarda è il latte. La produzione della carne, costituita dagli animali a fine carriera e dall agnello da latte, macellato ad un peso vivo di 8/10 kg, rappresenta un prodotto di importanza marginale, così come la produzione della lana. In passato, fino agli inizi del secolo scorso, vennero tentati incroci con pecore di altre razze, con lo scopo di aumentare la taglia e migliorare le caratteristiche del vello. Tuttavia queste immissioni di sangue non ebbero tuttavia molto successo, poiché, essendo tali razze in genere dotate di scarsa attitudine lattifera, con l incrocio si diminuiva la produzione di latte, che invece era considerato il prodotto più importante dell allevamento. Inoltre, nei primi anni del secolo scorso in provincia di Cagliari vennero effettuati incroci con arieti di provenienza siciliana, ma di probabile origine maltese. Nei primi anni 70 presso l allora Istituto Zootecnico Caseario della Sardegna, ora confluito in AGRIS (Agenzia per la Ricerca in Agricoltura della Regione Autonoma della Sardegna), sono stati effettuati incroci fra arieti di razza Frisona e pecore indigene (Sanna et al., 2001). Allo stato attuale non è facile precisare quale importanza abbiano avuto nella formazione della razza Sarda questi apporti di sangue dall esterno, tuttavia in molte greggi si Filippo Balia, 14

16 possono tuttora osservare differenze morfologiche, pur rimanendo nell ambito della stessa razza (figura 2). Figura 2 Ovini di razza Sarda Il miglioramento genetico della razza Sarda si realizza attraverso l istituzione del Libro Genealogico, avvenuta nel 1928, e con i conseguenti controlli funzionali. Attualmente sono iscritti al libro genealogico capi e 2591 aziende (ASSONAPA, 2008), rispettivamente l 8% e il 16% del totale in Sardegna. A livello nazionale questo dato rappresenta il 50% degli ovini iscritti a libro genealogico. Quello della razza Sarda è un libro aperto, al quale possono essere iscritti anche soggetti non nati in selezione, purché in possesso di determinati requisiti. Dato che l obiettivo principale della selezione è il miglioramento dell attitudine lattifera, tutte le pecore iscritte Filippo Balia, 15

17 vengono sottoposte al controllo della produzione del latte, effettuato con frequenza mensile per tutta la durata della lattazione. Viene preso inoltre in considerazione anche il miglioramento della composizione del latte, con particolare riguardo al contenuto in grasso ed in proteine. Secondo lo standard di razza, la pecora Sarda viene descritta come una razza di taglia media (circa 71 e 63 cm al garrese e 59 e 42 kg di peso, rispettivamente per maschio e femmina), con vello bianco, aperto, esteso fino a metà dell avambraccio e poco sopra il garretto. La pelle deve essere sottile, elastica e di colore bianco rosato, talora con lieve picchiettatura nera o marrone sulla testa, negli arti e, in genere, nelle parti prive di lana. Presenta una testa distinta e leggera, solitamente un po allungata con profilo diritto o leggermente convesso (montonino) nei maschi, faccia uniformemente bianca con espressione vivace, occhi grandi e vivaci con leggero rigonfiamento palpebrale; narici larghe, bocca ampia; orecchie di media grandezza o piccole, mobili, portate orizzontalmente e talvolta anche un po pendenti; corna assenti nelle femmine o poco sviluppate, assenti o rudimentali nei maschi. Il collo è ben unito alle spalle ed al petto, lungo ed esile nelle femmine, più forte e più robusto nei maschi. Il tronco è allungato e di forma tronco-conica; il garrese ben serrato, leggermente pronunciato e piuttosto affilato nella pecora, più muscoloso nell ariete; il torace è profondo e leggermente piatto, le spalle ben attaccate, leggere, Filippo Balia, 16

18 giustamente inclinate ed in armonia con le regioni circostanti; il dorso forte e diritto; la linea superiore corretta; i lombi larghi e robusti, allineati con il dorso; il ventre capace, arrotondato e ben modellato; i fianchi pieni, larghi e profondi; la groppa leggermente spiovente, più lunga che larga; la coscia piatta, scarna e ben discesa; la coda esile e lunga. La mammella è sferica, larga, ben sostenuta, forte negli attacchi; con tessitura morbida, spugnosa, elastica e quasi floscia dopo la mungitura; bene irrorata dalla corrente sanguigna periferica, con capezzoli proporzionati e ben diretti. I caratteri riproduttivi propri della razza Sarda sono: fertilità annua (intesa come rapporto percentuale tra il numero delle pecore partorite ed il numero delle pecore matricine): 96%; prolificità (intesa come rapporto percentuale tra gli agnelli nati ed il numero delle pecore partorite) da 110% (in condizioni estensive) a 150% (in condizioni intensive); fecondità annua (intesa come rapporto percentuale tra gli agnelli nati ed il numero delle pecore matricine): da 106% (condizioni estensive) a 144% (in condizioni intensive). Per quanto riguarda i caratteri produttivi, sempre secondo lo standard di razza, si valutano: Filippo Balia, 17

19 la produzione di latte (produzioni medie di razza al netto del latte poppato dall agnello): le primipare producono in media 60 litri in allevamento estensivo e 130 litri in allevamento intensivo in 100 giorni di lattazione; le secondipare rispettivamente 90 e 170 litri in 180 giorni; le pluripare 100 e 180 litri in 180 giorni. La percentuale media di grasso nel latte durante la lattazione è del 6,0%; percentuale media di proteine è del 5,3%. Per quanto concerne invece la produzione di carne, gli agnelli nascono a un peso di circa 3,5-3,8 kg (rispettivamente per maschio e femmina), e 3,1-3,3 in caso di parto gemellare; il peso di 10 kg viene raggiunto all età di un mese, qualche giorno dopo in caso di gemelli. La lana, come abbiamo già visto, è di qualità grossolana; adatta più che altro per tappeti e materassi. La produzione media è di. 2,5 kg annui nell ariete e di 1,1 kg nella pecora. Gli indirizzi di miglioramento, come già detto, sono rivolti ad esaltare l attitudine alla produzione del latte sotto l aspetto quantitativo e qualitativo; a migliorare le caratteristiche della mammella per facilitare la mungitura; ad incrementare la prolificità. Nella scelta dei riproduttori, difetti tollerabili sono la presenza nel vello di pelo morto, la presenza di ciuffo di lana sulla fronte, la presenza di corna nelle femmine e di corna rudimentali nei maschi; difetti da eliminare, Filippo Balia, 18

20 invece, sono la lana merinizzata, il vello nero o marrone, la groppa eccessivamente spiovente, la scarsa fecondità, la difficoltà alla mungitura. Per poter essere ammessi all azione selettiva, i soggetti di razza Sarda devono soddisfare dei requisiti minimi, e cioè: presentare i caratteri esteriori tipici della razza; raggiungere il punteggio minimo in una scheda di valutazione morfologica, dove vengono assegnati dei punteggi alle caratteristiche di razza, alla conformazione, allo sviluppo e alla mole, alle caratteristiche attitudinali; inoltre, devono raggiungere produzioni minime di latte in almeno una lattazione ufficialmente controllata, e cioè di 80 litri in 100 giorni nelle primipare, 160 litri in 180 giorni nelle secondipare, 180 litri in 180 giorni nelle pluripare. Per quanto riguarda l iscrizione al libro genealogico, gli arieti in possesso dei requisiti stabiliti dalla Commissione Tecnica Centrale del Libro Genealogico delle razze ovine, su proposta del Comitato di razza, sono iscritti al Registro Genealogico degli Arieti, dove vengono inseriti i maschi che abbiano raggiunto l età minima di 8 mesi e siano provenienti dal Registro Genealogico del Giovane Bestiame. Il Registro Genealogico degli Arieti consta di tre Sezioni denominate A, B e C. Nella Sezione A vengono iscritti gli arieti definitivamente iscritti al registro Genealogico Giovane Bestiame, che abbiano Filippo Balia, 19

21 riportato nella valutazione morfologica almeno 60 punti su un massimo di 100. Nella sezione B vengono iscritti gli arieti provenienti dal Registro Genealogico del Giovane Bestiame che hanno riportato 70 punti nella valutazione morfologica, dei quali sono note almeno due generazioni ed essere figli di pecore in possesso dei requisiti per il Registro Genealogico Avanzato che abbiano raggiunto i minimi di produzione richiesti in una lattazione successiva alla prima. Nella sezione C sono iscritti gli arieti miglioratori cioè gli arieti provenienti dal Registro Genealogico Giovane Bestiame, con esito positivo della prova di progenie attuata secondo le norme fissate dalla Commissione Tecnica Centrale, su proposta del Comitato di Razza. Al Registro Genealogico delle Pecore sono iscritti i soggetti provenienti dal Registro Genealogico del Giovane Bestiame ed in possesso dei requisiti morfologici, funzionali e genealogici individuali stabiliti dalla Commissione Tecnica Centrale del Libro Genealogico delle razze ovine su proposta del Comitato di Razza. Il registro delle pecore può essere ordinario o avanzato. Nel registro ordinario vengono iscritte le pecore che abbiano partorito almeno una volta, di ascendenza sconosciuta purché abbiano riportato nella valutazione morfologica almeno 60 punti e abbiano prodotto, se primipare, almeno 80 litri di latte in 100 giorni di una lattazione standard ufficialmente controllata (dal 31mo al 130mo giorno dal parto), oppure 160 e 180 Filippo Balia, 20

22 litri in 180 giorni (dal 31mo al 210mo giorno dal parto) rispettivamente per secondipare e pluripare. Al Registro Genealogico Pecore Avanzato vengono iscritte le pecore già iscritte nel Registro Genealogico Ordinario in possesso di ulteriori requisiti genealogici, morfologici e funzionali. Tali requisiti genealogici sono: due generazioni di ascendenti note oppure una generazione purché la madre sia in possesso dei requisiti funzionali per l iscrizione al Libro Genealogico Avanzato; requisiti morfologici: aver riportato nella valutazione morfologica almeno 70 punti, con non meno di 40 nel giudizio sulle Caratteristiche Attitudinali, cioè nella valutazione dell apparato mammario; requisiti funzionali: se primipare, aver prodotto almeno 130 litri di latte in 100 giorni di una lattazione standard ufficialmente controllata (dal 31mo al 130mo giorno dal parto) con 5,8% di grasso e 5% di proteine, oppure 220 e 250 litri in 180 giorni (dal 31mo al 210mo giorno dal parto) con 6% di grasso e 5,3% di proteine rispettivamente per secondipare e pluripare. Al Registro Genealogico del Giovane Bestiame sono iscritti, alla nascita, i soggetti di sesso femminile nati negli allevamenti del Libro Filippo Balia, 21

23 Genealogico ed in quelli sottoposti ai Controlli Funzionali e discendenti da padre con requisiti richiesti per l iscrizione alla Sezione B del Registro Genealogico Arieti e madre con i requisiti richiesti per l iscrizione al Libro Genealogico Pecore ordinario o avanzato. Come abbiamo visto, possono essere iscritte in via provvisoria anche le agnelle con ascendenza paterna sconosciuta. Le stesse potranno essere iscritte al Registro Genealogico Pecore Ordinario solo nel caso che raggiungano i minimi produttivi richiesti per l iscrizione. Sono iscritti inoltre i maschi nati negli allevamenti del Libro Genealogico ed in quelli sottoposti ai Controlli Funzionali e discendenti da: padre con i requisiti richiesti per l iscrizione alla Sezione B del Registro Genealogico Arieti; madre con i requisiti previsti per l iscrizione al Registro Genealogico Pecore ordinario o avanzato in possesso dei seguenti requisiti: se primipare, aver prodotto almeno 100 litri di latte in 100 giorni di una lattazione standard ufficialmente controllata (dal 31mo al 130mo giorno dal parto), oppure 200 e 220 litri in 180 giorni (dal 31mo al 210mo giorno dal parto) con 6% di grasso e 5,3% di proteine rispettivamente per secondipare e pluripare. Filippo Balia, 22

24 Gli animali registrati provvisoriamente sono eliminati dal registro nel caso in cui la madre non ottenga l iscrizione o non raggiunga i minimi entro le lattazioni standard sopracitate. Fra i prodotti derivati dalla pecora sarda si annoverano tre formaggi DOP: il Pecorino Romano (reg. CE 1107/1996), il Pecorino Sardo e il Fiore Sardo (reg. CE 1263/1996); inoltre anche l agnello di Sardegna è inserito nei prodotti IGP (reg. CE 138/2001). Il ciclo produttivo della pecora di razza Sarda Il ciclo produttivo della pecora è influenzato da fattori fisiologici e da fattori ambientali. Ciò che condiziona la data del parto, e quindi l instaurarsi della lattazione, è infatti la fase fondamentale della riproduzione. Fisiologicamente la pecora, come del resto anche altre specie, ha sviluppato un ciclo sessuale sincrono con le variazioni climatiche stagionali (Carcangiu & Vacca, 2005). Tale andamento determina la nascita dell agnello in un periodo dell anno dove le temperature ideali e la maggiore disponibilità di cibo consentono una più alta possibilità di sopravvivenza e di sviluppo del neonato, attraverso una migliore produzione lattea della madre. Il fattore che consente questa sincronia è fondamentalmente legato al fotoperiodo. Gli ovini sono infatti una Filippo Balia, 23

25 specie nella quale il fotoperiodo decrescente determina l inizio dell attività sessuale. Questo fenomeno è particolarmente marcato alle alte latitudini, dove si hanno ampie variazioni del rapporto ore di luce/ore di buio durante l anno: a queste latitudini, nei periodi di giorni lunghi, le femmine presentano un lungo periodo di anaestro e i maschi scarsa libido e scadimento della qualità del seme. Invece, a latitudini inferiori, questa stagionalità è meno marcata e il periodo di anaestro è decisamente più breve (circa 50 giorni) (Chemineau et al., 1995); nelle zone subtropicali l attività sessuale è praticamente continua, poiché il fotoperiodo è pressoché costante. Il meccanismo che determina questo fenomeno è essenzialmente di tipo neuroendocrino, che schematicamente può essere riassunto così: il segnale luminoso percepito dalla retina viene tradotto in impulso nervoso che stimola i pituiciti dell epifisi a secernere la melatonina, la quale a sua volta stimola l attività riproduttiva attraverso la liberazione di GnRH. Tale comportamento è essenziale per la conservazione della specie, ma è poco funzionale per gli animali in produzione zootecnica. Infatti, sebbene in alcune specie come i bovini e i suini l addomesticamento ha portato alla scomparsa della stagionalità riproduttiva, negli ovini in parte è ancora presente, forse perché la tipologia di allevamento brado e semibrado espone gli animali alle stesse condizioni ambientali e alimentari che sono presenti in natura. Ciò determina uno sfruttamento Filippo Balia, 24

26 non ottimale della pecora da un punto di vista zootecnico, in quanto i parti in primavera consentono solo pochi mesi di lattazione, poiché in estate sopraggiungono le condizioni di alte temperature e di scarsità di pascolo che determinano un progressivo calo della produzione lattea fino all asciutta. Nel corso degli ultimi decenni sono state migliorate le strategie che consentono di poter anticipare i parti all autunno, e quindi aumentare di parecchi mesi la durata della lattazione. Importanti sono stati gli interventi di tipo manageriale, come ad esempio la costruzione di ricoveri adeguati e il miglioramento dell alimentazione, fattori che in parte hanno determinato la riduzione del periodo anaestrale attraverso una minore sensibilità verso il fotoperiodo. Attraverso l utilizzo del flushing in combinazione con il cosiddetto effetto maschio circa il 70% dei parti avviene in autunno, che è un buon risultato, ma non sempre in grado di soddisfare le esigenze dell allevamento. Negli ultimi decenni sono stati quindi introdotti i trattamenti ormonali nell allevamento ovino, anche allo scopo di sincronizzare i cicli, che è pratica necessaria in caso di inseminazione artificiale. I trattamenti ormonali più diffusi sono quelli che si basano sui derivati del progesterone, associati alla somministrazione di PMSG. Inoltre, negli ultimi anni si sta diffondendo la somministrazione di melatonina, sottoforma di impianti sottocutanei a lento rilascio, che consente di simulare le Filippo Balia, 25

Il sistema endocrino

Il sistema endocrino Il sistema endocrino 0 I messaggeri chimici 0 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo Gli animali regolano le proprie attività per mezzo di messaggeri chimici. Un ormone è una

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA NORME TECNICHE CAPITOLO I. Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE

DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA NORME TECNICHE CAPITOLO I. Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA CAPITOLO I Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE La selezione dei bovini della razza Grigio Alpina ha lo scopo di produrre soggetti precoci

Dettagli

MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE. Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea

MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE. Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea MIGLIORAMENTO GENETICO OVINI DA LATTE Ovini da latte allevati prevalentemente nei paesi dell area Mediteranea Nazione Italia Francia Grecia Israele Portogallo Spagna Tunisia n. pecore 6.104.900 1.235.000

Dettagli

Relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso

Relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso Relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso Meccanismi di comunicazione cellulare Classificazione degli ormoni Tipologie di recettori ghiandola ormone/i principali azioni fisiologiche ipotalamo

Dettagli

FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE SOMATOTROPO. Richiami anatomo-fisiologici Funzionamento dell asse Principali patologie dell asse

FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE SOMATOTROPO. Richiami anatomo-fisiologici Funzionamento dell asse Principali patologie dell asse FISIOPATOLOGIA E NEUROREGOLAZIONE DELL ASSE SOMATOTROPO Richiami anatomo-fisiologici Funzionamento dell asse Principali patologie dell asse Richiami anatomo-fisiologici IPOTALAMO GHRH IPOFISI GH IGF-1

Dettagli

La mammella e il latte

La mammella e il latte La mammella e il latte Cenni di anatomia della ghiandola mammaria e suo sviluppo L escrezione e la secrezione dei componenti del latte L eiezione e la modalità di mungitura e i riflessi sulla qualità del

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA GENERALE

ENDOCRINOLOGIA GENERALE ENDOCRINOLOGIA GENERALE Obiettivi Al termine del corso di endocrinologia lo studente dovrebbe conoscere i meccanismi di azione degli ormoni e dovrebbe essere in grado di riconoscere i segni ed i sintomi

Dettagli

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse.

Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 7 PANCREAS Le due porzioni del pancreas, esocrino ed endocrino, sono anatomicamente e funzionalmente diverse. Isole del Langherans Contengono da poche centinaia

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE)

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ORMONI FEMMINILI Altri effetti Gli estrogeni hanno inoltre importanti effetti metabolici: ad alte concentrazioni riducono

Dettagli

ALLEGATO 7 PSR SICILIA 2014/2020 SCHEDE DESCRITTIVE DELLE RAZZE ANIMALI IN VIA DI ESTINZIONE

ALLEGATO 7 PSR SICILIA 2014/2020 SCHEDE DESCRITTIVE DELLE RAZZE ANIMALI IN VIA DI ESTINZIONE ALLEGATO 7 PSR SICILIA 2014/2020 SCHEDE DESCRITTIVE DELLE RAZZE ANIMALI IN VIA DI ESTINZIONE Palermo, Luglio 2014 SCHEDE DESCRITTIVE DELLE RAZZE ANIMALI IN VIA DI ESTINZIONE Studi CE sulle piccole razze

Dettagli

CHECK UP TIROIDE (Valutazione dell'equilibrio ormonale) ORMONI E TIROIDE ORMONI TIROIDEI TSH FT3 FT4 GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST CONSIGLI UTILI

CHECK UP TIROIDE (Valutazione dell'equilibrio ormonale) ORMONI E TIROIDE ORMONI TIROIDEI TSH FT3 FT4 GUIDA ALLA LETTURA DEL TEST CONSIGLI UTILI Paziente: Mario Rossi Cod. Prodotto: 00000 Codice Accettazione: 00000 CCV: 000 Data: 24/12/2015 CHECK UP TIROIDE (Valutazione dell'equilibrio ormonale) ORMONI E TIROIDE ORMONI TIROIDEI TSH FT3 FT4 GUIDA

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1)

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) Età alla Pubertà (mesi) Femmine Maschi Conigli 5 5 Cani piccola taglia 6-10 6-10 Cani grossa taglia 8-14 8-14 Gatti a pelo corto 6-8 6-8 Gatti a

Dettagli

Antonello Carta, Marco Pittau, Marino Contu, Riccardo Negrini, Maria Filippa Addis

Antonello Carta, Marco Pittau, Marino Contu, Riccardo Negrini, Maria Filippa Addis Antonello Carta, Marco Pittau, Marino Contu, Riccardo Negrini, Maria Filippa Addis È la tecnica che consente di incrementare il livello delle performance delle nuove generazioni rispetto alla generazione

Dettagli

Unità 13 Il sistema endocrino

Unità 13 Il sistema endocrino Unità 13 Il sistema endocrino Obiettivi Comprendere il ruolo del sistema endocrino nel controllo dell organismo Capire le relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso Saper distinguere i principali

Dettagli

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio

Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio Macomer 19 Novembre 2008 Giornata divulgativa Progetto Equizoobio Allevamento ovino biologico in Italia ed in Sardegna: criticità emerse dalla indagine Equizoobio N. Fois, M. Sitzia AGRIS DiRPA Bonassai

Dettagli

La nutrizione e il metabolismo

La nutrizione e il metabolismo La nutrizione e il metabolismo 1. Le sostanze nutritive, o nutrienti 2. Definizione di metabolismo 3. Il metabolismo dei carboidrati 4. Il metabolismo dei lipidi 1 L apparato respiratorio 5. Il metabolismo

Dettagli

La gestione zootecnica del gregge

La gestione zootecnica del gregge La gestione zootecnica del gregge Introduzione Per una corretta gestione del gregge l azione zootecnica è incisiva negli allevamenti stanziali o semi-stanziali Dove si possono controllare i seguenti aspetti

Dettagli

Allevamento del Bufalo

Allevamento del Bufalo Allevamento del Bufalo Dott. Francesco Vacirca Cenni storici Incremento numerico in Italia (Zicarelli 2001) 1948 12.000 capi 2001 200.000 capi (1700 % ) Secondo al mondo dopo il Brasile (1900 %) Animale

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM 2 INTRODUZIONE Scopo di queste pagine è di fornire alcune informazioni di carattere generale, ma scientificamente corrette, circa il trattamento ormonale che viene somministrato alle persone affette da

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

Miglioramento genetico: il capitale del futuro. Antonello Carta, Sara Casu, Sotero Salaris AGRIS Sardegna

Miglioramento genetico: il capitale del futuro. Antonello Carta, Sara Casu, Sotero Salaris AGRIS Sardegna Miglioramento genetico: il capitale del futuro Antonello Carta, Sara Casu, Sotero Salaris AGRIS Sardegna Obiettivi del miglioramento genetico negli ovini da latte Consumatori: tendenza al consumo di prodotti

Dettagli

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO. Ost. Giovo Maura

ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO. Ost. Giovo Maura ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO Ost. Giovo Maura Come il latte va dal seno al bambino SESSIONE 6 2 Per aiutare una mamma con l'allattamento al seno bisogna sapere come è prodotto il latte

Dettagli

Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 4. Ormoni tiroidei Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Tiroide: tiroide e follicoli tiroidei Biosintesi, meccanismi cellulari, iodio tiroideo, trasporto

Dettagli

Gli ormoni sessuali e il differenziamento cerebrale. In che modo?

Gli ormoni sessuali e il differenziamento cerebrale. In che modo? Gli ormoni sessuali e il differenziamento cerebrale L esposizione agli androgeni porta allo sviluppo di differenze nelle strutture cerebrali, oltre che degli organi sessuali interni ed esterni, che porterà

Dettagli

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano LATTE E DERIVATI E TUMORE Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano MEDIE (g/die) DI CONSUMO DI LATTICINI IN ITALIA: INDAGINE INRAN-SCAI 2005

Dettagli

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti

16.1 Generalità. 16.1.1 Caratteristiche degli allevamenti 16 L utile lordo di stalla Generalità Calcolo dell Uls La disponibilità di foraggi L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da latte L utile lordo di stalla nell allevamento dei bovini da carne

Dettagli

La Pezzata Rossa nel mondo

La Pezzata Rossa nel mondo La Pezzata Rossa nel mondo La P.R.I. appartiene al gruppo di razze che fanno riferimento alla popolazione Simmental, numericamente una fra le più importanti nel mondo; diverse stime indicano che la consistenza

Dettagli

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA Ruolo fisiologico del calcio Omeostasi del calcio ASSORBIMENTO INTESTINALE DEL CALCIO OMEOSTASI GLICEMICA Il livello normale di glicemia? 90 mg/100 ml Pancreas

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA L IPOFISI: IL GH. Prof. F. Carandente L IPOFISI E SITUATA NELLA SELLA TURCICA CHE E UN INCAVO DELL OSSO SFENOIDE DEL CRANIO

ENDOCRINOLOGIA L IPOFISI: IL GH. Prof. F. Carandente L IPOFISI E SITUATA NELLA SELLA TURCICA CHE E UN INCAVO DELL OSSO SFENOIDE DEL CRANIO ENDOCRINOLOGIA L IPOFISI: IL GH Prof. F. Carandente L IPOFISI E SITUATA NELLA SELLA TURCICA CHE E UN INCAVO DELL OSSO SFENOIDE DEL CRANIO E COSTITUITA DA: LOBO ANTERIORE (ADENOIPOFISI) PARTE INTERMEDIA

Dettagli

Alimentazione Fabbisogni 4.8

Alimentazione Fabbisogni 4.8 08/2000 Alimentazione Fabbisogni 4.8 IL FOSFORO P di Cosmino Giovanni Basile Lo scheletro è la parte più ricca di fosforo di tutto l organismo. Nel tessuto osseo il P si trova sotto forma di fosfato tricalcico

Dettagli

Sistema endocrino 5. Pancreas endocrino. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona

Sistema endocrino 5. Pancreas endocrino. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona Sistema endocrino 5. Pancreas endocrino Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di Verona Obiettivi Pancreas endocrino: anatomia fisiologica delle

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI.

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI. IL CORPO UMANO FUNZIONA CORRETTAMENTE SOLO SE TIENE CONTO DELLE CARATTERISTICHE DELL AMBIENTE SIA INTERNO CHE ESTERNO E SE GLI ORGANI DEI SUOI DIVERSI APPARATI SONO COORDINATI TRA LORO. IL SISTEMA NERVOSO

Dettagli

Embrio transfer per una fertilità migliore

Embrio transfer per una fertilità migliore TECNICA Embrio transfer per una fertilità migliore Le bovine moderne, a causa delle grandi quantità di latte prodotte, sono molto sensibili alle temperature elevate, che inducono un innalzamento di quella

Dettagli

Biologia Cellulare e DNA «Bigino»

Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Giulio Barigelletti www.baveno.net Premesse 2 Sempre più frequentemente si sente parlare di DNA, Proteine, Amminoacidi, etc., relazionati all esistenza dell essere umano.

Dettagli

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: inglese. ORIGINE: Brasile DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

Ordinanza concernente l allevamento di animali

Ordinanza concernente l allevamento di animali Ordinanza concernente l allevamento di animali 916.310 del 7 dicembre 1998 (Stato 5 dicembre 2006) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 10, 24 capoverso 1, 144 capoverso 2, 145 capoverso

Dettagli

Regolazione del metabolismo del glucosio

Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione del metabolismo del glucosio Regolazione coordinata di glicolisi e gluconeogenesi Glicolisi e gluconeogenesi sono regolate in modo reciproco La regolazione è a livello dei punti di deviazione

Dettagli

forme diabetiche Diabete di tipo I o magro o giovanile (IDDM): carenza primaria di insulina, più frequente nei giovani e nei bambini. Il deficit insulinico consegue (per predisposizione ereditaria o per

Dettagli

1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione. 3.Registrazione fenotipi e parentele. 5.Programmazione accoppiamenti

1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione. 3.Registrazione fenotipi e parentele. 5.Programmazione accoppiamenti Fasi essenziali di un programma di selezione intrarazza 1.Definizione degli obiettivi di selezione 2.Descrizione della popolazione 3.Registrazione fenotipi e parentele 4.Valutazioni genetiche 5.Programmazione

Dettagli

La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare.

La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare. FOSFATIDILSERINA La Fosfatidilserina (PS) è uno dei fosfolipidi contenuti nella struttura della membrana cellulare. I Fosfolipidi sono dei grassi simili ai trigliceridi, hanno quindi una struttura di glicerolo

Dettagli

E GIORGIO ZANATTA TECNICO SPECIALISTA SATA GUIDO BRUNI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI

E GIORGIO ZANATTA TECNICO SPECIALISTA SATA GUIDO BRUNI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI 6 SEMINARIO CAPRINI E OVINI IN COLLABORAZIONE CON PROGETTO INTERREG NERA DI VERZASCA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA APPROCCIO GESTIONALE NELL ALLEVAMENTO DELLA CAPRA DA LATTE : LA CONSERVAZIONE

Dettagli

29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. x B. i nervi. D. le vene.

29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. x B. i nervi. D. le vene. Tema 2. Corpo umano 29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. 30 Quale delle seguenti NON è una

Dettagli

di glucosio da parte di tutte le cellule, facilitandone il trasporto transmembranario 2. aumenta l utilizzazione

di glucosio da parte di tutte le cellule, facilitandone il trasporto transmembranario 2. aumenta l utilizzazione non c Ormone ipoglicemizzante, causa un forte abbassamento della glicemia (70-100 mg/100 ml) perché esalta i processi responsabili della sottrazione di glucosio dal sangue e inibisce i processi responsabili

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

SCIENZE SCUOLA SECONDARIA CLASSE TERZA

SCIENZE SCUOLA SECONDARIA CLASSE TERZA SCIENZE SCUOLA SECONDARIA CLASSE TERZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI A FISICA E CHIMICA L alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all aperto, lo svolgersi dei più comuni fenomeni,

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA. Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007

RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA. Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007 RAZZE SUINE ALLEVATE IN ITALIA Zootecnica Generale e Miglioramento Genetico A.A. 2006-2007 IL SUINO (filogenesi) ORDINE: SOTTORDINE: FAMIGLIA: GENERE: SPECIE: Artiodattili Suiformi Suidae Sus Sus scrofa

Dettagli

Associazione El Ouali Bologna per la libertà del Sahara Occidentale

Associazione El Ouali Bologna per la libertà del Sahara Occidentale PROGETTO PER LA PREVENZIONE SANITARIA MATERNO-INFANTILE E PER L EMERGENZA ALIMENTARE PRESSO I CAMPI PROFUGHI SAHARAWI. ACQUISTO DI DROMEDARI DA LATTE E LORO MANTENIMENTO NELLA WYLAIA DI DAJLA PER ALIMENTAZIONE

Dettagli

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di

Dettagli

Schede descrittive delle razze autoctone siciliane a rischio di estinzione o di abbandono

Schede descrittive delle razze autoctone siciliane a rischio di estinzione o di abbandono REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI ALLEGATO 2 PSR SICILIA 2007/2013 Schede descrittive delle razze autoctone siciliane a rischio di estinzione o di abbandono

Dettagli

PROFILO DONNA MENOPAUSA (Valutazione dell equilibrio ormonale)

PROFILO DONNA MENOPAUSA (Valutazione dell equilibrio ormonale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 53480 CCV: 1ad Data: 07/11/2012

Dettagli

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene.

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. Tema 2. Corpo umano 29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. 30 Quale delle seguenti NON è una

Dettagli

LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA

LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA LA RAZZA BOVINA MARCHIGIANA Cenni storici La razza bovina Marchigiana deriva dal bovino dalle grandi corna che giunse in Italia nel anno 500 d.c. a seguito delle invasioni barbariche. Inizialmente nelle

Dettagli

Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che

Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che Per la specie Bufalina, la Razza Mediterranea è quella che riscuote maggior interesse al mondo per i suoi elevati standard produttivi che nessun'altra razza bufalina riesce ad avere. Per questo motivo

Dettagli

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla

LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI. di Andrea Formigoni. Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione delle vitelle dalla LA GESTIONE DELLO SVEZZAMENTO DEI VITELLI di Andrea Formigoni Universita degli Studi di Bologna Facolta di Medicina Veterinaria Introduzione Nel moderno allevamento della vacca da latte la corretta gestione

Dettagli

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A

Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART. Cod. 121 D NOTA TECNICA. Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A Agribrands Europe Italia S.p.A. Ottobre 2001 MANZART Cod. 121 D NOTA TECNICA Linea Bovini Latte - Codice DI 3267 1A MANZART: L ARTE DI ALLEVARE MANZE FORTI E ROBUSTE AL MINORE COSTO Il Programma Purina

Dettagli

Campi di applicazione degli animali transgenici. Miglioramento delle caratteristiche produttive delle specie da allevamento

Campi di applicazione degli animali transgenici. Miglioramento delle caratteristiche produttive delle specie da allevamento Campi di applicazione degli animali transgenici Miglioramento delle caratteristiche produttive delle specie da allevamento Bioreattori per la produzione di proteine di interesse biotecnologico e farmaceutico

Dettagli

La selezione delle razze del suino pesante

La selezione delle razze del suino pesante Mantova, 22 maggio 2009 La selezione delle razze del suino pesante Luca Buttazzoni & Maurizio Gallo Il Libro genealogico ha scelto di orientare i propri schemi di miglioramento genetico alla qualità delle

Dettagli

Test di s(molo ipofisario in età pediatrica

Test di s(molo ipofisario in età pediatrica Test di s(molo ipofisario in età pediatrica Anatomia dell ipofisi Ormoni della adenoipofisi Adrenocorticotropo o ACTH Somatotropo o GH Follicolostimolante o FSH Luteinizzante o LH Prolattina o PRL Tireotropina

Dettagli

Viaggio di istruzione in Israele

Viaggio di istruzione in Israele Viaggio di istruzione in Israele dal 17 al 22 luglio 2012 www.tredi-italia.it Introduzione Nelle pagine seguenti troverete alcune note e fotografie che sono il riassunto del viaggio che i tecnici di Tredì

Dettagli

PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE DI PECORA: VARIAZIONI STAGIONALI E RELAZIONI CON LA COMPOSIZIONE CHIMICA

PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE DI PECORA: VARIAZIONI STAGIONALI E RELAZIONI CON LA COMPOSIZIONE CHIMICA ITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA NTRO NAZIONALE DI REFERENZA PER LA QUALITA DEL LATTE E DEI PRODOTTI RIVATI DEGLI OVINI E DEI CAPRINI (CRELDOC) PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

CORSO DI ENDOCRINOLOGIA SCIENZE INFERMIERISTICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI

CORSO DI ENDOCRINOLOGIA SCIENZE INFERMIERISTICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI CORSO DI ENDOCRINOLOGIA SCIENZE INFERMIERISTICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI DR. R. GIANNATTASIO ASL NA1 CENTRO LEZIONE 3 IPERPROLATTINEMIA DEFICIT DI HGH NAPOLI, 08/03/2011 PROLATTINA 198 AMINOACIDI

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

GENETICA ed EREDITARIETÀ

GENETICA ed EREDITARIETÀ GENETICA ed EREDITARIETÀ 1. Introduzione L Epidermolisi Bollosa (EB) è una malattia di carattere genetico, la cui causa è pertanto da ricercare nei caratteri ereditari di un individuo. I processi che avvengono

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni

IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO. Dott. Francesco Braccioni IL TUMORE DELLA MAMMELLA EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO Dott. Francesco Braccioni LE DIMENSIONI DEL PROBLEMA E il tumore più frequente nelle donne e quello che provoca più decessi Solo in alcuni paesi

Dettagli

Sul piano istopatologico, i NET si suddividono in NET ben differenziati e scarsamente differenziati.

Sul piano istopatologico, i NET si suddividono in NET ben differenziati e scarsamente differenziati. I tumori neuroendocrini sono un gruppo eterogeneo di tumori rari, con incidenza annuale di 4-5 nuovi casi ogni 100.000 abitanti. Colpiscono le cellule del sistema neuroendocrino diffuso, specializzate

Dettagli

Laurea Magistrale in Scienze Motorie - Programma di Endocrinologia -

Laurea Magistrale in Scienze Motorie - Programma di Endocrinologia - Laurea Magistrale in Scienze Motorie - Programma di Endocrinologia - Attività fisica nell anziano: benefici e problematiche Alterazioni nell adattamento ormonale all esercizio fisico nell anziano sano

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Veneto Agricoltura, Corte Benedettina 20 febbraio 2013 Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività

Dettagli

SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI

SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI SELEZIONE: VALUTAZIONE E SCELTA DEI RIPRODUTTORI Il miglioramento genetico degli animali di interesse zootecnico è basato sulla scelta dei riproduttori. La valutazione dei riproduttori si può distinguere

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Riproduzione - aspetti ginecologici; La trasformazione morfologica in adulto (pubertà) avviene nei cani in un periodo che può variare dai 6 ai 24 mesi a seconda della razza e della taglia. Il pieno sviluppo

Dettagli

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI Carmine Correale CHE COS E La Selezione Assistita dei Marcatori (MAS Marker Assisted Selection) è una tecnica che accelera e semplifica la

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori www.ala-avicoltori.it info@ala-avicoltori.it MOROSETA

Associazione Lombarda Avicoltori www.ala-avicoltori.it info@ala-avicoltori.it MOROSETA MOROSETA I GENERALITA Origine: Asia dell'est, probabilmente la Cina. Per alcuni ricercatori è stata selezionata in Giappone, secondo altri è originaria dell' Africa del Sud. Nei trattati letterari è menzionata

Dettagli

La regolazione genica nei eucarioti

La regolazione genica nei eucarioti La regolazione genica nei eucarioti Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri Differenziamento negli eucarioti pluricellulari Negli eucarioti le cellule specializzate dei vari tessuti contengono

Dettagli

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria Commento di Luisa Salinas UTILIZZAZIONE: questo cane robusto e resistente alle intemperie viene utilizzato dal cacciatore in

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina. Organi interni frattaglie

Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina. Organi interni frattaglie Le produzione zootecniche: LA CARNE Carne Parti commestibili dei muscoli scheletrici degli animali da macello e della selvaggina Comprende tessuto muscolare, adiposo, osseo cartilagineo e con nettivale

Dettagli

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE. Art.1

DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE. Art.1 DISCIPLINARE DEL LIBRO GENEALOGICO DELLE RAZZE BOVINE CHAROLAISE E LIMOUSINE Art.1 1. Ai sensi dell articolo 3 della Legge 15 gennaio 1991 n. 30 sulla disciplina della riproduzione animale, il libro Genealogico

Dettagli

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di LE BIOMOLECOLE LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI LE BIOMOLECOLE sono LIPIDI PROTEINE ACIDI NUCLEICI molecole complesse = POLIMERI formate dall'unione di molecole semplici = MONOMERI

Dettagli

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte

Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Dalle strategie della conduzione dell allevamento All ottimizzazione della gestione della produzione del latte Codeluppi dottor Mauro Incontri tecnico scientifici con i Produttori Gioia del Colle, 20 Giugno

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

FAME, APPETITO E SAZIETA

FAME, APPETITO E SAZIETA FAME, APPETITO E SAZIETA 1 FAME Necessità di un organismo ad assumere cibo Nel sistema nervoso centrale, a livello ipotalamico, si distinguono due zone il centro della fame il centro della sazietà La prima

Dettagli

Scopo del lavoro è. Studio dell Istituto zooprofilattico di Brescia Rapporto tra acidi grassi saturi e insaturi nel latte bovino

Scopo del lavoro è. Studio dell Istituto zooprofilattico di Brescia Rapporto tra acidi grassi saturi e insaturi nel latte bovino Un valore che influenza la qualità nutrizionale, tecnologica e soprattutto organolettica dei prodotti finiti di Giuseppe Delle Donne, Antonio Marcolini, Giorgio Zanardi, Giuseppe Bolzoni Studio dell Istituto

Dettagli

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali HORMONAL PROFILES Valutazione degli equilibri ormonali Quando l organismo è sottoposto a malattie, infiammazione, sforzi fisici, stili di vita scorretti, oppure durante periodi particolari della vita (menopausa,

Dettagli

PROFILO DIMAGRIMENTO BASIC (Valutazione dell equilibrio ormonale)

PROFILO DIMAGRIMENTO BASIC (Valutazione dell equilibrio ormonale) ALLEGATO: Note informative a corredo del risultato analitico utili al paziente ed al suo medico al quale comunque si rimanda per una corretta interpretazione dei dati. Cod. ID: 123456 CCV: 460 Data: 01/01/2013

Dettagli

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO

BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO BERTELLE, BROMBAL, CESA, COLMANET, CURTO, DA ROS, TREVE, VERGERIO Per lo stato di salute dell animale Esame generale Auscultazione cuore e intestino Controllando: Esami del sangue Temperatura e peso Bocca

Dettagli

.Morire di fatica e di fame

.Morire di fatica e di fame .Morire di fatica e di fame cause di mortalità indigenza malattie infettive ed epidemie morti per parto e guerre Il cancro era raro e si pensava che l origine fosse genetico o virale e si rapportasse poco

Dettagli

ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE)

ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE) Allegato A. 3 Scheda III Indagine epidemiologica focolaio ENCEFALOPATIA SPONGIFORME BOVINA (BSE) SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA ALLEVAMENTO COMUNE. Pagina 1 di 16 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH

STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH Management gestionale Metodo di gestione 4.5.1 STRATEGIE PER CONTENERE GLI SCARTI COME INTERVENIRE NELLA FASE DA LATTAZIONE A MAGRONCELLO di JAN LE DIVIDICH I suinetti lattanti e svezzati hanno un potenziale

Dettagli

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte II: Meiosi

La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte II: Meiosi La divisione cellulare e la riproduzione degli organismi Parte II: Meiosi 1 Cromosomi omologhi I cromosomi in un corredo cromosomico diploide sono presenti come coppie di omologhi Negli animali le cellule

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

MiPAAF.SVIRIS.REGISTRO UFFICIALE.0024281.21-10-2009

MiPAAF.SVIRIS.REGISTRO UFFICIALE.0024281.21-10-2009 MiPAAF.SVIRIS.REGISTRO UFFICIALE.0024281.21-10-2009 ALLEGATO 1 Norme tecniche dei libri genealogici dei cavalli delle razze: Anglo-Araba e Sella italiano A. Libro II : Anglo Arabo 1. Standard di razza

Dettagli

7 Minutes Project Manager

7 Minutes Project Manager 7 Minutes Project Manager Alimentazione 7 regole d oro per un alimentazione corretta Un alimentazione corretta è la base per far si che tutta l attività motoria svolta da un soggetto si traduca in reali

Dettagli