Il processo di management della corporate communication: un framework *

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il processo di management della corporate communication: un framework *"

Transcript

1 Il processo di management della corporate communication: un framework * ALFONSO SIANO ** AGOSTINO VOLLERO *** Abstract Obiettivi del paper: Il paper intende colmare un gap in letteratura, individuando un framework che integri le attività e le decisioni di corporate communication, a livello di management strategico e di management operativo. Metodologia: La costruzione del framework è basata su concetti chiave derivati dalla literature review, in una prospettiva interdisciplinare. Dalla Resource-Based View vengono attinti i requisiti di rarità, durevolezza, imperfetta imitabilità e non perfetta sostituibilità, per caratterizzare in senso firm-specific le risorse di corporate identity. Dalla Sociologia delle Organizzazioni viene ereditata la tassonomia delle categorie decisionali parsonsiane (decisioni policy, allocative e di coordinamento), per delineare l architettura delle decisioni strategiche e operative di comunicazione. Risultati: Il framework proposto pone in luce il ruolo strategico delle attività di comunicazione nell ambito della coalizione dominante, ai fini del governo delle organizzazioni complesse. Parallelamente, si focalizza sulla strategia di comunicazione e sulle decisioni di creazione, innovazione e utilizzo delle risorse di comunicazione. Limiti della ricerca: Trattandosi di un conceptual paper, esso presenta i tipici limiti dell approccio deduttivo literature-based. Implicazioni pratiche: Il framework proposto offre al Chief Communication Officer un utile guida circa le attività e le decisioni di corporate communication, a livello sia di management strategico sia di management operativo. Originalità del lavoro: Il framework integra, per la prima volta in letteratura, le attività e le decisioni strategiche e operative di corporate communication. Il modello prende in considerazione il ruolo proattivo degli stakeholder nella creazione e/o innovazione di risorse di corporate identity. Lo studio contribuisce al dibattito sulla connotazione manageriale della disciplina di corporate communication. Parole chiave: governo e gestione della comunicazione d impresa; comunicazione strategica; strategia di comunicazione; risorse di comunicazione * Pur essendo il lavoro frutto di riflessioni comuni, i paragrafi 2, 3, 4, e 5 sono da attribuire ad Alfonso Siano, i paragrafi 1, 4.1 e 4.2 ad Agostino Vollero. ** Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese - Università degli Studi di Salerno *** Assegnista di Ricerca - Università degli Studi di Salerno sinergie, rivista di studi e ricerche n. 88, Maggio-Agosto 2012, pp ISSN

2 74 IL PROCESSO DI MANAGEMENT DELLA CORPORATE COMMUNICATION Purposes of the paper: This paper aims to fill a gap in literature by identifying a framework that integrates the activities and decisions of corporate communication, at level of strategic and operational management. Methodology: The construction of the framework is based on key concepts derived from literature review, in an interdisciplinary perspective. The study draws from the Resource- Based View the requirements of rarity, durability, imperfect imitability and imperfect substitutability, in order to characterize the resources of corporate identity as firm-specific resources. The study inherits from the Sociology of Organizations the taxonomy of Parsons decisions (policy, allocation, coordination), in order to outline the architecture of strategic and operational decisions of communication. Findings: The proposed framework highlights the strategic role of communication activities within the dominant coalition, for governing complex organizations. In parallel, it focuses on communication strategy and decisions of creation, innovation and utilization of communication resources. Research limitations: The conceptual paper presents the typical limitations of the deductive approach based on literature review. Practical implications: The proposed framework provides a useful guide to the Chief Communication Officer about the activities and the decisions of corporate communication, at level of strategic and operational management. Originality of the study: The framework integrates, for the first time in literature, the activities and decisions of corporate communication at strategic and operational level. The model takes into account the proactive role of stakeholders in creating and innovating corporate identity resources. This study contributes to the debate on corporate communication as a managerial discipline. Key words: corporate communication management; strategic communication; communication strategy; communication resources 1. Introduzione Il management della corporate communication necessita di un approccio integrato (Cornelissen, 2008). I modelli di management della comunicazione aziendale proposti in letteratura sono stati sviluppati con riguardo soprattutto all immagine e alla corporate identity (Kennedy, 1977; Dowling, 1986; Abratt, 1989; Markwick e Fill, 1997; van Riel e Balmer, 1997; Stuart, 1999; Melewar e Jenkins, 2002; Cornelissen e Elving, 2003). Tali modelli forniscono una vasta gamma di pratiche e di strumenti efficaci per la gestione della corporate identity (Stuart, 1999). Tuttavia, essi non riguardano il processo di Corporate Communication Management (CCM) in quanto tale. Tale processo non si limita esclusivamente alla gestione della corporate identity ma si estende al contributo della comunicazione alle decisioni di strategia aziendale (Gregory et al., 2010; Invernizzi e Romenti, 2011a, 2011b) e alla gestione delle relazioni con gli stakeholder e della corporate reputation (Gray e Balmer, 1998; van Riel e Fombrun, 2007). In letteratura manca un framework che offra una prospettiva approfondita sulle attività e le decisioni di comunicazione nell ambito del corporate communication management. Scopo del paper è tentare di colmare questo gap.

3 ALFONSO SIANO - AGOSTINO VOLLERO Le attività di comunicazione strategica Nel corso degli ultimi anni, a partire dagli studi di PR, si è condivisa la necessità di affrontare la comunicazione in base ad un approccio strategico stakeholderoriented (Hallahan et al., 2007; Sriramesh e Vercic, 2009). In un epoca in cui i ricercatori stanno cercando di definire la comunicazione aziendale come una disciplina autonoma di management, sviluppare il suddetto approccio diviene una questione di primaria importanza (Cornelissen, 2008). A livello di management strategico, la letteratura ha evidenziato il ruolo rilevante e attivo del responsabile e dei consulenti di comunicazione (Holm, 2006; Hallahan et al., 2007; van Riel e Fombrun, 2007; Cornelissen, 2008) ai fini del governo delle organizzazioni complesse (Invernizzi e Romenti, 2009). Alla comunicazione è stata, infatti, via via attribuita la capacità di orientare i principali processi decisionali aziendali, di supportare le decisioni di governo dell organizzazione, al punto che si è coniata in letteratura l espressione comunicazione strategica (Lurati e Eppler, 2006; Hallahan et al., 2007; Gregory et al., 2010; Invernizzi e Romenti, 2011a, 2011b). Pur operando nell ambito della funzione/dipartimento di comunicazione aziendale (Steyn, 2003; van Riel e Fombrun, 2007; Cornelissen, 2008), il responsabile (Chief Communication Officer) e/o i consulenti di comunicazione sono entrati a pieno titolo nella coalizione dominante (White e Mazur, 1995; Dolphin e Fan, 2000; Bowen, 2009; Johansson e Ottestig, 2011), chiamati a partecipare alle decisioni strategiche e a contribuire al successo delle imprese (van Riel, 1995; Grunig et al., 2002; Argenti et al., 2005; Goodman, 2006; Invernizzi e Romenti, 2009). Le principali attività di comunicazione strategica svolte dal responsabile e/o dai consulenti di corporate communication consistono nell ascolto organizzato (Invernizzi, 2004, 2005; Cornelissen, 2008; Golinelli, 2011) e nella reflective communication (van Ruler e Verčič, 2005). In un epoca caratterizzata dallo stakeholder management (Freeman, 1984, Donaldson e Preston, 1995; Berman et al., 1999), la reflective communication consente di prendere in considerazione i problemi e le aspettative degli stakeholder e di individuare le modalità di adeguata interazione con gli stessi. La comunicazione aziendale riesce così ad essere strettamente legata alla gestione strategica dell impresa e alle sue relazioni con gli stakeholder (Steyn, 2003). La concezione del ruolo strategico della comunicazione si contrappone alla visione tradizionale che vede la comunicazione come un attività, o meglio una funzione organizzativa, sostanzialmente tattica (White e Dozier, 1992), che fa largo ricorso ai practitioner e alle technicality di cui questi sono dotati (Cornelissen, 2008). Ridotta a questa funzione meramente esecutiva, la comunicazione ha il compito di definire programmi operativi e di preparare e produrre i materiali per le campagne promozionali, di organizzare eventi e conferenze stampa, di allestire lo stand aziendale nelle fiere, ecc. Sono ancora molte le organizzazioni, tuttavia, che limitano le proprie attività al coordinamento tattico delle attività promozionali e poche le

4 76 IL PROCESSO DI MANAGEMENT DELLA CORPORATE COMMUNICATION organizzazioni che tendono, invece, a gestire a livello strategico tali iniziative (Kitchen e Schultz, 2000). L evoluzione della concezione della comunicazione ha suggerito la necessità del passaggio da un management della comunicazione di tipo tattico ad uno di tipo strategico (Holm, 2006). L idea di integrare il marketing e le public relation nell ambito di un unico strategic managing system di corporate communication (Varey, 1998; Varey e White, 2000) contribuisce al dibattito sul management strategico della comunicazione. In tale sistema, le attività di comunicazione sono costruite intorno a relazioni forti, durature e paritarie con i diversi stakeholder group (Ledingham e Bruning, 2000; Grunig, 2001; Ledingham, 2003). Tali relazioni si focalizzano sul coinvolgimento e sulla collaborazione degli stakeholder (Bronn e Bronn, 2003; Podnar e Jančič, 2006; Welch e Jackson, 2007) attraverso l adozione di un interactive approach (Varey, 1998). La varietà derivante dalle esperienze dei diversi soggetti coinvolti e il dialogo con i diversi pubblici contribuiscono alla definizione delle priorità nel processo di comunicazione e sostengono il ruolo attivo del CCO (Holtzhausen, 2002). 3. Le decisioni strategiche e operative di comunicazione Accanto allo svolgimento di attività di comunicazione strategica, lo strategic management nel campo della comunicazione comporta l assunzione di decisioni di governo (strategiche) (Tibble, 1997; Steyn, 2003). A livello tattico-operativo, il processo di CCM comporta decisioni di gestione. Per l architettura delle decisioni di CCM, la classificazione delle decisioni organizzative proposta da Parsons (1956) offre utili indicazioni. Parsons individua tre tipi di scelte organizzative riguardanti la creazione, l utilizzo e il coordinamento delle risorse: - decisioni di policy, - decisioni allocative, - decisioni di coordinamento. Le policy decision, in quanto decisioni strategiche, impegnano l organizzazione nel tempo comportando scelte strutturali. Esse riguardano la creazione e/o l innovazione delle risorse di comunicazione di cui l impresa dispone (es. il brand). Le decisioni di allocazione riguardano, invece, le scelte relative all utilizzo e all implementazione sia delle risorse di comunicazione dell impresa sia di quelle reperibili sul mercato (es. un banner su un sito/portale in internet). Le decisioni di coordinamento, infine, si collocano a livello sia strategico che operativo e mirano a conseguire l integrazione e gli effetti sinergici nell uso combinato delle risorse di comunicazione, sia in sede di creazione che di utilizzo delle stesse. Si è parlato di risorse a proposito delle decisioni in quanto il processo decisionale nelle organizzazioni è connesso all uso delle risorse (Chandler, 1962; Ansoff, 1965) e dunque anche in materia di strategia di comunicazione. Negli studi di strategic management, la Resource-Based View (RBV) stabilisce che per avere valore, le

5 ALFONSO SIANO - AGOSTINO VOLLERO 77 risorse dell organizzazione devono essere rare, durevoli, imperfettamente imitabili, e non perfettamente sostituibili (Barney, 1986a, 1986b e 1991). Tali requisiti sono validi anche per le risorse aziendali di comunicazione, primo tra tutte il brand. Difatti, il marchio d impresa, quando è forte e ben gestito, soddisfa i criteri di rarità, durevolezza, imperfetta imitabilità e non perfetta sostituibilità posti dalla RBV che lo qualificano come risorsa strategica per l organizzazione (Balmer e Gray, 2003). Un marchio aziendale è una risorsa rara per il fatto di essere frutto di uno specifico sviluppo storico, espresso sia dagli elementi simbolici che dalle caratteristiche funzionali dei prodotti a cui è abbinato (qualità, prestazioni, affidabilità) (Balmer e Gray, 2003). Tali valori hanno radici nell identità di un organizzazione (De Chernatony, 1999; Balmer, 2001; Hatch e Schultz, 1997). Un marchio aziendale è durevole perché, escluse situazioni di crisi, tende a perdere di valore in modo relativamente lento e in tempi lunghi (Grant, 1991). Inoltre è imperfettamente imitabile perché è protetto. Infine, non è perfettamente sostituibile a motivo del fatto che per la sua costruzione occorre un lento processo nel corso del tempo. In linea con alcuni presupposti basilari della richiamata RBV, le risorse di comunicazione firm-specific esprimono le capacità distintive, i punti di forza, i valori fondamentali e/o i riferimenti storici relativi ad una particolare organizzazione. Esse sono radicate nel concetto di identità che consente ad un impresa e ai suoi prodotti di essere riconosciuti dagli stakeholder. Pertanto, le risorse di comunicazione firm-specific hanno valore per il loro carattere di unicità e sostengono in modo considerevole la creazione e il mantenimento del vantaggio competitivo. Le risorse di comunicazione non firm-specific sono acquisite all esterno dell organizzazione, attraverso transazioni di mercato. Tipiche risorse non firmspecific sono i media (quotidiani, magazine, canali televisivi, ecc.) e i servizi e le competenze specialistiche del settore della comunicazione (skill dei copywriter, degli art director, dei storyteller, ecc.). 4. Il processo di corporate communication management: un framework Come detto in apertura, in letteratura manca un framework delle attività e delle decisioni di comunicazione, a cavallo tra il management strategico e il management operativo. In questo paragrafo si propone un modello che mira a coprire questo gap. Il processo di corporate communication management comporta varie fasi, alcune delle quali consistono nello svolgimento delle attività di comunicazione (strategica e operativa) e altre che comportano l assunzione delle decisioni in materia di comunicazione (strategiche e operative) (v. fig. 1).

6 78 IL PROCESSO DI MANAGEMENT DELLA CORPORATE COMMUNICATION Fig. 1: Il processo di corporate communication management (CCM): un framework Management strategico (governo) Coalizione dominante ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE attività strategico-riflettiva Controllo (gap analysis) CEO, CCO, altri top executive 1, consulenti di comunicazione Corporate culture Corporate vision Corporate/business strategy ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE attività di ascolto STRATEGIA DI COMUNICAZIONE - INTENTO STRATEGICO Obiettivi di reputazione (e di reputational risk) - DECISIONI DI DOTAZIONE STRUTTURALE DI RISORSE DI CORPORATE IDENTITY 2 Stakeholder Management operativo (gestione) ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE attività relazionale e di stimolo all estroversione IMPIEGO DELLE RISORSE DI CORPORATE IDENTITY Comunicazione emergente Comunicazione pianificata Implementazione del piano di comunicazione CEO = Chief Executive Officer CCO = Chief Communications Officer 1 2 Chief Operating Officer (CCO), Chief Financial Officer (CFO), Chief Human Resources Officer (CHRO), Chief Production Officer (CPO), Chief Marketing Officer (CMO). Simboli (brand), key word, slogan, storytelling, ecc. Fonte: Adattata da Siano et al. (forthcoming) Il processo ha inizio a livello di management strategico (governo) con l accennata attività di ascolto organizzato (environmental scanning), destinata alla conoscenza delle aspettative dei pubblici esterni e interni all impresa e del loro giudizio circa la reputazione di quest ultima. In un ambiente sempre più interconnesso e interattivo si rende necessario un approccio di tipo sense-adapt-

7 ALFONSO SIANO - AGOSTINO VOLLERO 79 respond (Schultz e Kitchen, 2004), in cui i communication director e i consultant sono in costante ascolto dei differenti stakeholder group e rispondono loro attraverso le forme ed i canali di comunicazione più appropriati. L approccio senseadapt-respond favorisce la diffusione delle abilità di comunicazione che valorizzano la comunicazione bidirezionale, il dialogo e la cooperazione con gli stakeholder. All attività di ascolto segue l attività strategico-riflettiva (reflective communication), con funzione di information support in quanto ha la finalità di trasferire ai membri della coalizione dominante le indicazioni sulle aspettative e sulle percezioni dei pubblici, per orientare la vision aziendale, per stimolare eventualmente la revisione del sistema dei valori guida condivisi dai membri dell organizzazione a base della corporate culture, per consentire l assunzione di strategie corporate e di business in linea con le attese dei resource-holder. L attività di ascolto organizzato e l attività riflettiva rappresentano le due fondamentali attività di comunicazione strategica, per il fatto di coinvolgere membri della coalizione dominante e di supportare le decisioni di quest organismo di governance (v. tab. 1). Tab. 1: Principali attività di comunicazione strategica svolte dai membri della coalizione dominante Membri della coalizione dominante coinvolti Tutti i membri (soprattutto il CEO, il CCO, il CMO, i consulenti di comunicazione) CEO, CCO, CMO, consulenti di comunicazione Attività strategiche di comunicazione Attività di ascolto organizzato (environmental scanning): - conoscenza del contesto, identificazione degli stakeholder group e dei pubblici influenti - comprensione e interpretazione delle aspettative dei pubblici, rilevazione della percezione e del giudizio dei pubblici in merito alla reputazione dell organizzazione Attività strategico-riflettiva (information support): - apporto di informazioni, nell ambito della coalizione dominante, circa le aspettative dei pubblici influenti, per consentire opportuni cambiamenti e adeguamenti dell organizzazione - contributo alla definizione dei valori guida (corporate culture), della vision e della strategia di corporate/business Fonte: ns. elaborazione La vision, il sistema dei valori guida e la corporate/business strategy vanno tradotti in elementi di comunicazione, per essere veicolati ai pubblici interni ed esterni. In tal modo, la comunicazione contribuisce all attuazione della mission e della vision dell organizzazione e al raggiungimento degli obiettivi aziendali stabiliti nella strategia aziendale (Steyn, 2003; Argenti, 2007; Hallahan et al., 2007). La traduzione della vision, dei valori della corporate culture e della strategia aziendale in elementi di comunicazione avviene nell ambito della communication

8 80 IL PROCESSO DI MANAGEMENT DELLA CORPORATE COMMUNICATION strategy elaborata dal CCO e dai consulenti di comunicazione e condivisa dai restanti membri della coalizione dominante, primo tra tutti il CEO (Chief Executive Officer). Trattasi di una strategia in senso lato (Hofer e Schendel, 1978), di natura duale (Siano et al., forthcoming), in quanto comporta due fondamentali tipi di policy decision, strettamente connessi: - l intento strategico, - la dotazione strutturale di risorse di corporate identity. L intento strategico riguarda la posizione desiderata dall organizzazione in termini di reputazione presso i vari stakeholder group da cui dipende (Cornelissen, 2008). Questa decisione deriva dalla vision aziendale e comporta il consolidamento o il cambiamento del livello di reputazione aziendale presso i pubblici target. Nell intento strategico, inoltre, viene espresso anche il livello di reputational risk dell organizzazione. La costruzione, la salvaguardia e il consolidamento di una buona reputazione aziendale sono le finalità della comunicazione aziendale (van Riel, 1995; Dolphin, 1999; Invernizzi, 2004; van Riel e Fombrun, 2007; Cornelissen, 2008) e alcuni degli obiettivi strategici più importanti dell organizzazione. La dotazione strutturale di risorse di corporate identity, d altra parte, consente all impresa di dotarsi di elementi identitari destinati a creare una base favorevole per i rapporti con gli stakeholder group prioritari (van Riel, 1995), comunicare con essi e realizzare l intento strategico. La decisione di dotazione strutturale è una decisione strategica perché riguarda risorse durevoli, destinate ad avere implicazioni nel medio-lungo termine. Essa riguarda la creazione e/o l innovazione di risorse di corporate identity (fasi di pianificazione, organizzazione e coordinamento delle risorse). Le scelte di dotazione strutturale comportano anche decisioni di coordinamento, destinate ad armonizzare e rendere sinergiche le risorse di corporate identity, secondo i principi della comunicazione integrata (Kitchen e Schultz, 2000). Tipiche risorse di comunicazione che rientrano nella dotazione strutturale di corporate identity sono: - le parole chiave (key word), quali i common starting point (CSP), i themed message, e i brand mantra (van Riel, 1995; van Riel e Fombrun, 2007; Cornelissen, 2008; Keller, 1999), da cui derivano i messaggi distintivi (slogan/tagline) usati nelle campagne di comunicazione (van Riel e Fombrun, 2007); - i meccanismi di partecipazione, come, ad esempio, i common process rule (CPR) (Christensen et al., 2008) che stabiliscono norme comuni di processo in materia di comunicazione che permettono ai membri dell organizzazione il costante ascolto dei vari stakeholder group e il dialogo interattivo con essi (Schultz e Kitchen, 2004); - gli elementi di identità visiva (i simboli, primo tra tutti il brand) e i jingle aziendali (Birkigt e Stadler, 1986; Bernstein, 1984; Abratt e Shee, 1989; Olins, 1989; van Riel, 1995; van Riel e Balmer, 1997; Melewar e Saunders, 1998; van Riel e Fombrun, 2007);

9 ALFONSO SIANO - AGOSTINO VOLLERO 81 - il set di regole (o euristiche) relative alla gestione e all espressione del brand (Tilley, 1999; Balmer e Gray, 2003; Punj e Hillyer, 2004); - lo storytelling dell organizzazione (Czarniawska, 1997; Czarniawska, 1998; Gabriel, 2000; Brown et al., 2004) derivante dalle diverse storie aziendali (Myrsiades, 1987; Larsen, 2000; Smith e Keyton, 2001; van Riel e Fombrun, 2007; Blombäck e Brunninge, 2009); - i metodi e le tecniche di misurazione dei risultati della comunicazione, nel caso siano sviluppati o adattati ad hoc all interno dell organizzazione; - i value statement e i codici di condotta aziendale e di etica (codici di corporate governance), destinati ad orientare i comportamenti dei membri dell impresa e le iniziative di comunicazione, sia all interno che all esterno dell organizzazione (Schwartz, 2001). Nell ambito del framework, la strategia di comunicazione trova attuazione attraverso le decisioni e le attività operative di comunicazione (v. tab. 2). È compito del management operativo sviluppare e gestire l attività relazionale e di stimolo all estroversione. Le prime sono destinate a creare e instaurare relazioni simmetriche e durevoli con gli stakeholder (Ledingham e Bruning, 2000; Grunig, 2001; Ledingham, 2003). Le seconde servono a stimolare la partecipazione attiva dei clienti e degli altri stakeholder, nell ambito per lo più dei social media e delle brand community. Questo stimolo mira ad indurre la produzione di contenuti multimediali generati direttamente dagli utenti (user generated) (Nova24 Le Idee, 2011). Tab. 2: Principali attività di comunicazione operativa svolte dai membri della coalizione dominante Membri della coalizione dominante coinvolti CEO, CCO, CHRO, consulenti di comunicazione CEO, CCO, CMO, consulenti di comunicazione Tutti i membri CCO, CMO, consulenti di comunicazione Attività operative di comunicazione Attività relazionale: - diffusione dei valori guida, della mission e della vision (all interno e all esterno dell organizzazione) - diffusione dei contenuti della strategia di corporate/business (all interno dell organizzazione) - sviluppo di relazioni simmetriche con gli stakeholder - attuazione di programmi di branding (ethical branding, employer branding, retail branding, brand extension, corporate trademark licensing, co-branding, ingredient branding, ecc.) Attività di stimolo all estroversione: CCO, CMO, consulenti di comunicazione stimolare la partecipazione attiva dei clienti nei social media e nelle brand community, ai fini della produzione di contenuti user generated (contenuti multimediali generati dagli utenti) Fonte: ns. elaborazione

10 82 IL PROCESSO DI MANAGEMENT DELLA CORPORATE COMMUNICATION Le attività operative di comunicazione vengono svolte attraverso l utilizzo delle risorse di comunicazione (di corporate identity e non firm-specific). L uso di queste risorse avviene con le decisioni allocative che, compatibilmente al budget a disposizione, definiscono specifici programmi di breve termine (campagne di comunicazione). Le decisioni allocative si combinano con le decisioni di coordinamento, secondo i principi della comunicazione integrata, nel definire il mix di comunicazione, l integrazione e l armonizzazione dei messaggi, ecc. A livello di attività operative di corporate communication, il rispetto dei requisiti di un adeguata comunicazione - visibilità, distintività, autenticità, trasparenza e coerenza (Fombrun e Van Riel, 2004) - nella formulazione dei messaggi rivolti ai pubblici, è fondamentale per la buona riuscita delle stakeholder relationship e per lo sviluppo del capitale reputazionale (van den Bosch et al., 2005). Il rispetto di tali requisiti risulta ancor più decisivo nel caso della corporate social responsibility communication (Morsing e Schultz, 2006). Le comunicazioni aziendali pianificate consistono in flussi di comunicazione unidirezionali e bidirezionali (personali e non personali) (Hartley e Pickton, 1999), implementati mediante l utilizzo di elementi simbolici della corporate visual identity e attraverso forme pianificate di comunicazione di marketing e di relazioni pubbliche (sponsorizzazioni, advertising, promozione delle vendite, personal selling, ecc.). Il comportamento socialmente responsabile d impresa può essere visto, in buona parte, come comunicazione pianificata; ad esempio, la pubblicità legata alla CSR e i sustainability report e le iniziative e le pratiche manageriali dell organizzazione mirate in tale direzione (Lewis, 2003; Dawkins e Lewis, 2003; McWilliams et al., 2005). Le attività emergenti poste in essere attraverso la condotta dei membri dell organizzazione, a tutti i livelli, risultano solo in parte orientabili dalla coalizione dominante, mentre non lo sono per la restante parte (v. par. 4.1) Con l implementazione della strategia di comunicazione, la fase di controllo dei risultati della corporate communication prevede la valutazione degli effetti della comunicazione attraverso appositi metodi e tecniche di misurazione (van Riel e Fombrun, 2007). In questa fase, una gap analysis, resa possibile da un attività di ascolto mirata, consente di verificare il grado di allineamento tra la reputazione aziendale (espressa dal giudizio dei vari stakeholder) e la posizione desiderata dall organizzazione (Cornelissen, 2008). La gap analysis offre utili feedback informativi ai fini decisionali, in particolare in merito all intento strategico. A questo punto del processo riportato nella figura 1, l attività di comunicazione strategica relativa all ascolto organizzato ricostituisce la ciclicità del CCM, facendo ripartire il processo con l attività strategico-riflettiva, con tutti gli effetti che essa produce, discussi in precedenza. 4.1 Il ruolo della comunicazione emergente Si è parlato in precedenza di gap analysis. Per completezza, va considerato che il giudizio di reputazione relativo ad un organizzazione, frutto della percezione degli stakeholder, è condizionato non solo dalla comunicazione pianificata ma anche da

11 ALFONSO SIANO - AGOSTINO VOLLERO 83 vari tipi di comunicazione emergente, non pianificabili dall impresa, che sfuggono quindi al processo di CCM. Si tratta: - dei comportamenti dei membri dell organizzazione all atto dell interazione con gli stakeholder (Van Riel e Balmer, 1997; Balmer, 2001; Cornelissen e Elving, 2003); - dei ricordi e delle conseguenze psicologiche dei singoli individui, appartenenti a diversi stakeholder group (clienti, investitori, dipendenti, ecc.), a seguito di esperienze personali dirette maturate nel consumo dei prodotti e nella fruizione di servizi offerti dall impresa (Cornelissen, 2000; Grönroos, 2000b), nel finanziamento a favore di quest ultima, nel prestare il proprio contributo lavorativo nell ambito dell organizzazione, ecc. Si tratta degli effetti sul singolo derivanti dalle percezioni delle performance di prodotto e delle performance aziendali in genere; - delle comunicazioni interpersonali e il passaparola online (Duncan e Moriarty, 1997; Grönroos, 2000a, 2000b); - delle comunicazioni mediate da soggetti terzi (mass media, opinion-leader, Istituzioni e Organizzazioni Non Governative, quali le associazioni dei consumatori, gli attivisti, i movimenti di protesta, ecc.); - della pubblicità comparativa da parte dei competitor. Tutte queste forme di comunicazione emergente possono, dunque, ripercuotersi in modo (positivo o negativo) sull'organizzazione e influenzare le percezioni degli stakeholder e la costruzione e lo sviluppo della corporate reputation (Melewar e Jenkins, 2002). In particolare, i comportamenti descrivono le condotte tenute dai dipendenti, dai manager e dal CEO nei confronti dei pubblici esterni. Tipico esempio, il comportamento del personale di front-office. Le comunicazioni face-toface sono fondamentali nella trasmissione dei valori del brand, valori che, per l appunto, sono riconoscibili attraverso il comportamento e l attività dell impresa (Balmer e Gray, 2003). In effetti, il CEO, i manager e il personale svolgono tutti un ruolo importante nella percezione di un organizzazione da parte degli stakeholder (Ind, 1990; Gray e Balmer, 1998), in quanto il loro comportamento proietta all esterno l immagine aziendale e diffonde i valori della marca (Kennedy, 1977; Dowling, 1986; Hatch e Schultz, 2001; Rao et al., 2004). Soprattutto il top management [ ] has a special role to play in representing the organisation to internal and external audiences. In particular, the [ ] CEO plays an important symbolic role as the spiritual and emotional leader of the organization (van Riel e Fombrun 2007, p. 16). Proprio per il fatto che, come precisato, la coalizione dominante è in grado solo in parte di orientare la comunicazione emergente, quest ultima può dar vita a segnali accidentali (Grönroos 2000a). Si pensi alle comunicazioni informali e non ufficiali e al comportamento spontaneo del personale di un organizzazione (Melewar e Jenkins, 2002). Tali tipi di comunicazione sono spesso intenzionalmente trascurati dall organizzazione e molto spesso indesiderati e sgraditi (Markwick e Fill, 1997; Fill, 2005), in quanto possono dar vita a percezioni negative da parte degli stakeholder.

12 84 IL PROCESSO DI MANAGEMENT DELLA CORPORATE COMMUNICATION 4.2 Il processo di creazione, innovazione e impiego delle risorse di corporate identity Nell ambito del processo di CCM, la creazione, l innovazione e l impiego di risorse di corporate identity avviene attraverso il coinvolgimento di diversi attori. Non solo i membri della coalizione dominante, ma anche gli stakeholder interni ed esterni possono contribuire a creare e innovare risorse di corporate identity e possono farne uso nelle loro comunicazioni/conversazioni (v. fig. 2). Fig. 2: Il processo di creazione, innovazione e impiego delle risorse di corporate identity Coalizione dominante CEO, CCO, altri top executive 1, consulenti di comunicazione F l u s s i d i c o m u n i c a z i o n e stimoli e suggerimenti che impattano sulla creazione e innovazione delle risorse di corporate identity Creazione e innovazione di risorse di corporate identity Restanti membri dell organizzazione Stakeholder esterni I m p i e g o d i r i s o r s e d i c o r p o r a t e i d e n t i t y Set di risorse di corporate identity 2 CEO = Chief Executive Officer. CCO = Chief Communications Officer. 1 2 Chief Operating Officer (CCO), Chief Financial Officer (CFO), Chief Human Resources Officer (CHRO), Chief Production Officer (CPO), Chief Marketing Officer (CMO). Simboli (brand), key word, slogan, storytelling, ecc. Fonte: Adattata da Siano et al. (forthcoming) Con la partecipazione degli stakeholder nel processo di creazione, innovazione e utilizzo delle risorse di corporate identity si ha la convergenza delle comunicazioni pianificate e non pianificate (Varey, 1998). Gli stakeholder interni ed esterni ricercano informazioni e creano flussi di comunicazione, grazie ai mezzi di

13 ALFONSO SIANO - AGOSTINO VOLLERO 85 comunicazione digitali interattivi (De Bussy et al., 2003). Un ruolo decisivo in tal senso è svolto dai consumer-generated media (Pires et al., 2006; Kucuk e Krishnamurthy, 2007), da cui derivano pareri, esperienze, proposte, consigli e commenti su prodotti, marche, aziende e servizi. Ad esempio, la creazione di una pagina in un social network da parte di un impresa può rappresentare per i clienti una piattaforma su cui sviluppare conversazioni con l impresa stessa. Da tale risorsa possono derivare spunti per la creazione di nuove risorse di corporate identity. Nelle conversazioni i clienti possono, infatti, coniare nuove key word associate al corporate/product brand che il communication manager può decidere di adottare, se ritenute interessanti. Il caso Gap chiarisce più ampiamente il ruolo svolto dai consumer-generated media. Gap, azienda americana di abbigliamento proprietaria anche di altri marchi noti a livello mondiale, quali Banana Republic e Old Navy, nel settembre 2010 ha deciso di ringiovanire la propria immagine commissionando la creazione di un nuovo logo all agenzia newyorkese Laird and Partners. Il fashion retailer americano ha proposto in anteprima il nuovo logo sul sito aziendale e su Facebook. Da subito, la fan page di Gap sul popolare sito di social network è stata sommersa da un elevato numero di risposte da parte degli utenti (oltre 1100): circa il 75% dei commenti ricevuti sono stati negativi. Il nuovo logo Gap era percepito come freddo, poco professionale e distante dai tratti identitari del brand (Persson, 2010). I pochi commenti positivi, più che apprezzare il nuovo logo, giudicavano interessante la scelta di richiamare l attenzione sul brand con un abile mossa di marketing. In un primo momento, l impresa ha cercato di difendere la propria scelta, sia eliminando i commenti offensivi dalla propria Facebook page, sia attraverso un articolo scritto dal Presidente, Marka Hansen, sul noto giornale online Huffington Post (Hansen, 2010), in cui si annunciava che l azienda intendeva rimediare all errore attraverso il coinvolgimento dei consumatori nel design del nuovo logo. Questa iniziativa di crowdsourcing - sintesi di crowd (folla) e outsourcing (esternalizzazione delle attività) - non ha avuto molto successo, in quanto si erano già sviluppati, in maniera indipendente dall impresa, diversi progetti user-generated, tra cui: un finto concorso sul logo, una caricatura tramite un account Twitter un sito parodia (Crap Logo), tutti con lo scopo di prendere in giro l azienda e il nuovo logo. In questo modo, si è creato un significativo effetto di passaparola negativo, con tantissimi messaggi spontanei che ponevano in cattiva luce l immagine aziendale. In pochi giorni, Gap si è resa conto degli errori commessi e ha deciso di tornare sui propri passi, ri-utilizzando il vecchio e rassicurante logo. Nel caso di Gap, le scelte relative alla creazione e/o alla modifica delle risorse di comunicazione firm-specific sono state influenzate dai feedback che sono arrivati dal basso, da parte dei consumatori. Ciò dimostra che i contributi degli stakeholder esterni possono essere particolarmente rilevanti nel momento in cui si decide di utilizzare i social media come piattaforme di discussione e di conversazione aperta tra impresa e stakeholder. Attraverso i social media (social network, forum, blog, ecc.) gli individui nelle loro conversazioni diffondono, ad esempio, le key words e gli slogan che identificano un organizzazione e ne coniano di nuovi, offrendo in tal modo elementi di suggerimento per la creazione o l innovazione di nuove risorse di corporate identity.

14 86 IL PROCESSO DI MANAGEMENT DELLA CORPORATE COMMUNICATION Caratterizzandosi come consumer-generated media, i social media comportano alcuni importanti effetti: la tendenza alla ricerca di contatti diretti e tempestivi; l edemocracy, derivante dagli user/consumer-generated content e dal consumer/stakeholder empowerment (Pires et al., 2006; Kucuk e Krishnamurthy, 2007); la drastica riduzione dei tempi di risposta in rete, per la pervasività e la velocità di propagazione della comunicazione emergente e del passaparola (buzz) online, sia esso positivo o negativo per l impresa (Melewar e Smith, 2003). Il progressivo empowerment degli stakeholder aziendali e la nascita di ambienti di discussione intorno all impresa sostenibile, modificano sostanzialmente il modo in cui le organizzazioni pianificano e realizzano le proprie attività di comunicazione (Vollero, 2010). Lo sviluppo e la diffusione delle applicazioni del web 2.0 comportano, parallelamente, la perdita del controllo dei contenuti della comunicazione da parte dell impresa (Gorry e Westbrook, 2009). Emergono in tal senso alcuni elementi del postmodernismo (Stroh, 2007) che attribuiscono ai soggetti interessati un ruolo proattivo e suggeriscono l opportunità di un approccio non-lineare e interattivo. Attraverso il coinvolgimento e il dialogo, i diversi pubblici contribuiscono alla definizione delle priorità nel processo di comunicazione, sostenendo il ruolo attivo ( the activist role ) del responsabile della comunicazione aziendale (Holtzhausen, 2002). Il dialogo continuo tra l impresa e stakeholder group determina la crescente dipendenza dall interscambio comunicativo (Schultz e Kitchen, 2004). Trattasi di spunti creativi che possono supportare il responsabile e/o i consulenti di comunicazione nell attività di codifica e/o ricodifica delle risorse di corporate identity di un organizzazione. Questi stimoli possono così contribuire ad un più efficace processo di CCM. 5. Sommario e conclusioni Il framework di corporate communication management presentato nel paper si propone di contribuire all ulteriore sviluppo della comunicazione aziendale come area autonoma di management. Il framework si concentra sulle attività di comunicazione strategica, sulle risorse di comunicazione firm-specific e sulle decisioni riguardanti la creazione e l utilizzo di queste ultime. Le caratteristiche distintive del framework possono essere sintetizzate nei seguenti punti: - le attività di ascolto e riflettiva, nell ambito della comunicazione strategica; - la differenziazione delle risorse di comunicazione in firm-specific e non firmspecific; - la contestualizzazione delle decisioni organizzative parsonsiane al processo decisionale del CCM, con la distinzione tra due tipi di decisioni in materia di risorse di comunicazione: le decisioni di policy e di coordinamento a livello strategico e le decisioni allocative e di coordinamento a livello tattico-operativo; - la caratterizzazione della strategia di comunicazione come decisione duale ;

15 ALFONSO SIANO - AGOSTINO VOLLERO 87 - l impatto del fenomeno del postmodernismo relativo al ruolo proattivo degli stakeholder nella creazione, innovazione e utilizzazione di risorse di comunicazione firm-specific. L impostazione della strategia di comunicazione come decisione duale e il ruolo delle risorse di comunicazione contribuiscono alla concezione della comunicazione d impresa come un area separata del management. Gli approfondimenti forniti dallo studio possono essere considerati come uno stimolo per favorire un cambiamento nella percezione della comunicazione aziendale come una funzione di management basata su conoscenze e competenze professionali, piuttosto che come un area manageriale periferica e di secondo piano, fondata esclusivamente sulle competenze e sulle tecniche possedute dai practitioner. Bibliografia ABRATT R. (1989), A new approach to the corporate image management process, Journal of Marketing Management, vol. 5, n. 1, pp ABRATT R., SHEE P.S.B. (1989), A new approach to the corporate image management process, Journal of Marketing Management, vol. 5, n. 1, pp ANSOFF H.I. (1965), Corporate strategy: an analytic approach to business policy for growth and expansion, McGraw-Hill, New York. ARGENTI P.A., HOWELL R.A., BECK K.A. (2005), The Strategic Communication Imperative, MIT Sloan Management Review, vol. 46, n. 3, pp ARGENTI P.A. (2007), Corporate communication, McGraw-Hill, New York. BALMER J.M.T. (2001), The three virtues and seven deadly sins of corporate branding, Journal of General Management, vol. 27, n. 1, pp BALMER J.M.T., GRAY E.R. (2003), Corporate brands: what are they? What of them?, European Journal of Marketing, vol. 37, n. 7/8, pp BARNEY J.B. (1986a), Strategic factor markets: expectations, luck and business strategy, Management Science, vol. 32, n. 10, pp BARNEY J.B. (1986b), Organizational culture: can it be a source of sustained competitive advantage?, Academy of Management Review, vol. 11, n. 3, pp BARNEY J.B. (1991), Firm resources and sustained competitive advantage, Journal of Management, vol. 17, pp BERMAN S., WIDS A., KOTHA S., JONES T. (1999), Does stakeholder orientation matter? The relationship between stakeholder management models and firm financial performance, Academy of Management Journal, vol. 42, pp BERNSTEIN D. (1984), Company image & reality. A critique of corporate communications, Holt, Rinehart and Winston, Eastbourne. BIRKIGT K., STADLER M. (1986), Corporate identity: grundlagen, funktionen, fallbeispiele, Moderne Industrie, Landsberg am Lech. BLOMBÄCK A., BRUNNINGE O. (2009), Corporate identity manifested through historical references, Corporate Communications: An International Journal, vol. 14, n. 4, pp BOWEN S.A. (2009), What communication professionals tell us regarding dominant coalition access and gaining membership, Journal of Applied Communication Research, vol. 37, n. 4, pp

16 88 IL PROCESSO DI MANAGEMENT DELLA CORPORATE COMMUNICATION BRONN P.S., BRONN C. (2003), A reflective stakeholder approach: co-orientation as a basis for communication and learning, Journal of Communication Management, vol. 7, n. 4, pp BROWN J.S., DENNING S., GROH K., PRUSAK L. (2004), Storytelling in organizations: why storytelling is transforming 21st century organizations and management, Butterworth Heinemann, Boston. CHANDLER A.D. (1962), Strategy and structure, MIT Press, Cambridge. CHRISTENSEN L.T., FIRAT A.F., TORP S. (2008), The organisation of integrated communications: toward flexible integration, European Journal of Marketing, vol. 42, n. 3-4, pp CORNELISSEN J. (2000), Corporate image: an audience centred model, Corporate Communications: An International Journal, vol. 5, n. 2, pp CORNELISSEN J. (2008), Corporate communication. A guide to theory and practice, Sage, London. CORNELISSEN J.P., ELVING W.J.L. (2003), Managing corporate identity: an integrative framework of dimensions and determinants, Corporate Communications: An International Journal, vol. 8, n. 2, pp CZARNIAWSKA B. (1997), Narrating the organization: dramas of institutional identity, University of Chicago Press, Chicago. CZARNIAWSKA B. (1998), A narrative approach to organization studies, Sage Publications, Thousand Oaks. DAWKINS J., LEWIS S. (2003), CSR in stakeholder expectations: and their implication for company strategy, Journal of Business Ethics, vol. 44, nn. 2-3, pp DE CHERNATONY L. (1999), Brand management through narrowing the gap between brand identity and brand reputation, Journal of Marketing Management, vol. 15, n. 1-3, pp DE BUSSY N.M., EWING M.T., PITT L.F. (2003), Stakeholder theory and internal marketing communications: a framework for analyzing the influence of new media, Journal of Marketing Communications, vol. 9, n. 3, pp DOLPHIN R. (1999), The Fundamentals of Corporate Communications, Butterworth- Heinemann, Oxford, UK. DOLPHIN P., FAN Y. (2000), Is Corporate Communications a Strategic Function?, Management Decision, vol. 38, n. 2, pp DONALDSON T., PRESTON L.E. (1995), The stakeholder theory of the corporation: concepts, evidence, and implications, Academy of Management Review, vol. 20, pp DOWLING G.R. (1986), Managing your corporate image, Industrial Marketing Management, vol. 15, pp DUNCAN T., MORIARTY S. (1997), Driving Brand Value, McGraw-Hill, New York. FILL C. (2005), Marketing communications: engagement, strategies and practice, Pearson Education, Harlow. FOMBRUN C.J., van RIEL C.B.M. (2004), Fame & fortune. how successful companies build winning reputations, Prentice-Hall, New Jersey. FREEMAN R.E. (1984), Strategic management: a stakeholder approach, Pitman, Boston. GABRIEL Y. (2000), Storytelling in organizations: facts, fictions, and fantasies, Oxford University Press, New York. GOLINELLI G.M. (2011), L Approccio Sistemico Vitale (ASV) al governo dell impresa. Verso la scientificazione dell azione di governo, vol. II, Cedam, Padova.

17 ALFONSO SIANO - AGOSTINO VOLLERO 89 GOODMAN M.B. (2006), Corporate communication practice and pedagogy at the dawn of the new millennium, Corporate Communications: An International Journal, vol. 11, n. 3, pp GORRY G.A., WESTBROOK R.A. (2009), Winning the Internet Confidence Game, Corporate Reputation Review, vol. 12, pp GRANT R.M. (1991), The resource-based theory of competitive advantage: implications for strategy formulation, California Management Review, vol. 33, n. 3, pp GRAY E.R., BALMER J.M.T. (1998), Managing corporate image and corporate reputation, Long Range Planning, vol. 31, n. 5, pp GREGORY A., INVERNIZZI E., ROMENTI S. (2010), The Contribution of Communicating in Organisational Strategies: a Managerial and Communication Perspective, Paper presented at the Euprera 2010 Congress, September, Jyväskylä, Finland. GRÖNROOS C. (2000a), Service management and marketing: a customer relationship management approach, Wiley, New York. GRÖNROOS C. (2000b), Creating a relationship dialogue: communication, interaction, value, Marketing Review, vol. 1, n. 1, pp GRUNIG J. (2001), Two-way symmetrical public relations: Past, present and future, in: R.L. Heath (Ed.), Handbook of public relations, Sage, London. GRUNIG L.A., GRUNIG J.E., DOZIER D.M. (2002), Excellent organizations and effective organizations: a study of communication management in three countries, Lawrence Erlbaum Associates, New Jersey. HALLAHAN K., HOLTZHAUSEN D., VAN RULER B., VERČIČ D., SRIRAMESH K. (2007), Defining Strategic Communication, International Journal of Strategic Communication, vol. 1, n. 1, pp HANSEN M., (2010), The Gap s New Logo, Huffington Post, 7th October 2010, disponibile all indirizzo [ultimo accesso: 14/06/2011]. HARTLEY B., PICKTON D. (1999), Integrated marketing communications requires a new way of thinking, Journal of Marketing Communications, vol. 5, pp HATCH M.J., SCHULTZ M. (1997), Relations between organizational culture, identity and image, European Journal of Marketing, vol. 31, n. 5, pp HATCH M.J., SCHULTZ M. (2001), Are the strategic stars aligned for your corporate brand?, Harvard Business Review, vol. 79, n. 2, pp HOFER C.W., SCHENDEL D. (1978), Strategy Formulation: Analytical Concepts, St. Paul, Minnesota, West Publishing Company. HOLM O. (2006), Integrated marketing communication: from tactics to strategy, Corporate Communications: An International Journal, vol. 11, n. 1, pp HOLTZHAUSEN D.R. (2002), Towards a postmodern research agenda for public relations, Journal of Public Relations Research, vol. 28, n. 3, pp IND N. (1990), The Corporate Image. Strategies for Effective Identity Programmes, Kogan Page, London. INVERNIZZI E. (2004), Relazioni pubbliche e comunicazione aziendale, Sviluppo e organizzazione, n INVERNIZZI E. (a cura di), (2005), Manuale di relazioni pubbliche. Le tecniche e i servizi di base, McGraw-Hill, Milano. INVERNIZZI E., ROMENTI S. (2009), Institutionalization and Evaluation of Corporate Communication in Italian Companies, International Journal of Strategic Communication, vol. 3, n. 2, pp

18 90 IL PROCESSO DI MANAGEMENT DELLA CORPORATE COMMUNICATION INVERNIZZI E., ROMENTI S. (2011a), Adopting an Entrepreneurial Perspective to the Study of Strategic Communication, ICA Preconference on Strategic Communication, Boston, USA, May 26. INVERNIZZI E., ROMENTI S. (2011b), Strategic Communication and Decision-Making Processes. Toward the Communication Oriented Organisation, Academicus - International Scientific Journal, n. 3. JOHANSSON C., OTTESTIG A.T. (2011), Communication executives in a changing world: Legitimacy beyond organizational borders, Journal of Communication Management, vol. 15, n. 2, pp KELLER K.L. (1999), Brand mantras: rationale, criteria and examples, Journal of Marketing Management, vol. 15, n. 1-3, pp KENNEDY S.H. (1977), Nurturing corporate images: total communication or ego trip?, European Journal of Marketing, vol. 11, n. 1, pp KITCHEN P.J., SCHULTZ D.E. (2000), A response to theoretical concept or management fashion, Journal of Advertising Research, vol. 40, n. 5, pp KUCUK S.U., KRISHNAMURTHY S. (2007), An Analysis of Consumer Power on the Internet, Technovation, vol. 27, n. 1-2, pp LARSEN M.H. (2000), Managing the corporate story, in The expressive organization - linking identity, reputation, and the corporate brand, ed. M. Schultz, M.J. Hatch, M.H. Larsen, Oxford University Press, Oxford. LEDINGHAM J.A., BRUNING S.D. (eds.) (2000), Public relations as relationship management: A relational approach to public relations, Lawrence Erlbaum Associates, Inc., Mahwah, NJ. LEDINGHAM J.A. (2003), Explicating Relationship Management as a General Theory of Public Relations, Journal of Public Relations Research, vol. 15, n. 2, pp LEWIS S. (2003), Reputation and corporate responsibility, Journal of Communication Management, vol. 7, n. 4, pp LURATI F., EPPLER M.J. (2006), Communication and management: researching corporate communication and knowledge communication in organizational setting, Studies in Communication Sciences, vol. 6, n. 2, pp MARKWICK N., FILL C. (1997), Towards a framework for managing corporate identity, European Journal of Marketing, vol. 31, n. 5/6, pp McWILLIAMS A., SIEGEL D.S., WRIGHT P.M. (2005), Corporate social responsibility: strategic implications, Working Papers in Economics, n. 506, May, Department of Economics, Rensselaer Polytechnic Institute, New York. MELEWAR T.C., SAUNDERS J. (1998), Global corporate visual identity systems: standardisation, control and benefits, International Marketing Review, vol. 15, n. 4, pp MELEWAR T.C., JENKINS E. (2002), Defining the corporate identity construct, Corporate Reputation Review, vol. 5, n. 1, pp MELEWAR T.C., SMITH N. (2003), The Internet Revolution: Some Global Marketing Implications, Marketing Intelligence and Planning, vol. 21, n. 6, pp MORSING M., SCHULTZ M. (2006), Corporate social responsibility communication: stakeholder information, response and involvement strategies, Business Ethics: An European Review, vol. 15, n. 4, pp MYRSIADES L.S. (1987), Corporate stories as cultural communications in the organizational setting, Management Communication Quarterly, vol. 1, n. 1, pp NOVA24 LE IDEE, L estroversione degli utenti, Il Sole 24 Ore,

19 ALFONSO SIANO - AGOSTINO VOLLERO 91 OLINS W. (1989), Corporate identity - making business strategy visible through design, Thames & Hudson, London. PARSONS T. (1956), Suggestions for a sociological approach to the theory of organizations, Administrative Science Quarterly, vol. 1, n. 1, pp PERSSON S. (2010), Social media criticism says new Gap logo damaged brand reputation, Wavemetrix, 12/10/2010, disponibile all indirizzo content/social-media-criticism-says-new-gap-logo-damaged-brand-reputation [ultimo accesso: 14/06/2011]. PIRES G.D., STANTON J., RITA P., (2006), The internet, consumer empowerment and marketing strategies, European Journal of Marketing, vol. 40, n. 9-10, pp PODNAR K., JANČIČ Z. (2006), Towards a categorization of stakeholder groups: an empirical verification of a three-level model, Journal of Marketing Communications, vol. 12, n. 4, pp PUNJ G.N., HILLYER C.L. (2004), A Cognitive Model of Customer-Based Brand Equity for Frequently Purchased Products: Conceptual Framework and Empirical Results, Journal of Consumer Psychology, vol. 14, n. 1/2, pp RAO V.R., AGARWAL M.K., DAHLOFF D. (2004), How is manifested branding strategy related to the intangible value of a corporation?, Journal of Marketing, vol. 68, n. 4, pp SCHULTZ D.E., KITCHEN P.J. (2004), Managing the changes in corporate branding and communication: closing and re-opening the corporate umbrella, Corporate Reputation Review, vol. 6, n. 4, pp SCHWARTZ M.S. (2001), The Nature of the Relationship Between Corporate Codes of Ethics and Behavior, Journal of Business Ethics, vol. 32, n. 3, pp SIANO A., VOLLERO A., CONFETTO M.G., SIGLIOCCOLO M., Corporate communication management: A framework based on decision making with reference to communication resources, Journal of Marketing Communications, forthcoming. SMITH F.L., KEYTON J. (2001), Organizational storytelling: metaphors for relational power and identity struggles, Management Communication Quarterly, vol. 15, n. 2, pp SRIRAMESH K., VERCIC D. (2009), The global public relations handbook. Theory, research and practice, Routledge, New York. STEYN B. (2003), From strategy to corporate communication strategy: a conceptualisation, Journal of Communication Management, vol. 8, n. 2, pp STROH U. (2007), An Alternative Postmodern Approach to Corporate Communication Strategy, in TOTH E.L. (ed.), The Future of Excellence in Public Relations and Communication Management, Routledge, London. STUART H. (1999), Towards a definitive model of the corporate identity management process, Corporate Communications: An International Journal, vol. 4, n. 4, pp TIBBLE S. (1997), Developing communications strategy, Journal of Communication Management, vol. 1, n. 4, pp TILLEY C. (1999), Built-in branding: how to engineer a leadership brand, Journal of Marketing Management, vol. 15, n. 1-3, pp VAN DEN BOSCH A.L.M., DE JONG M.D.T., ELVING, W.J.L. (2005), How corporate visual identity supports reputation, Corporate Communications: An International Journal, vol. 10, n. 2, pp VAN RIEL C.B.M. (1995), Principles of corporate communication, Prentice-Hall, Hemel Hempstead.

20 92 IL PROCESSO DI MANAGEMENT DELLA CORPORATE COMMUNICATION VAN RIEL C.B.M., BALMER J.M.T. (1997), Corporate identity: the concept, its measurement and management, European Journal of Marketing, vol. 31, n. 5/6, pp VAN RIEL C.B.M., FOMBRUN C.J. (2007), Essentials of corporate communication, Routledge, Abingdon. VAN RULER B., VERČIČ D. (2005), Reflective communication management: Future ways for public relations research, in Kalbfleisch P.J., ed., Communication yearbook, n. 29, Erlbaum, Mahwah, NJ, pp VAREY R.J. (1998), Locating marketing within the corporate communication managing system, Journal of Marketing Communications, vol. 4, n. 2, pp VAREY R.J., WHITE J., (2000), The Corporate Communication System of Managing, Corporate Communications: An International Journal, vol. 5, n. 1, pp VOLLERO A. (2010), E-marketing e Web communication. Verso la gestione della corporate reputation online, Giappichelli, Torino. WELCH M., JACKSON P.R. (2007), Rethinking internal communication: a stakeholder approach, Corporate Communications: An International Journal, vol. 12, n. 2, pp WHITE J., DOZIER D.M. (1992), Public relations and management decision-making, in Excellence in public relations and communications management, ed. Grunig J.E., Hillsdale L., Lawrence Erlbaum Associates, New Jersey. WHITE J., MAZUR L. (1995), Strategic Communication Management, Addison-Wesley, Wokingham.

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication A.A. 2011/2012 Master specialistico

Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication A.A. 2011/2012 Master specialistico Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication A.A. 2011/2012 Master specialistico Il Master in Unconventional Marketing and Interactive Communication è un percorso formativo post-laurea

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

gtld: i nuovi domini web gtld strategies

gtld: i nuovi domini web gtld strategies gtld: i nuovi domini web gtld strategies CEO MEMO 2011 INNOVA ET BELLA 2011 - Riproduzione vietata - www.i-b.com p. 1 gtld: i nuovi domini web gtld strategies Con una decisione rivoluzionaria l ICANN,

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015. Prof. Alessandro Minichilli. Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi.

40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015. Prof. Alessandro Minichilli. Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi. 40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015 Prof. Alessandro Minichilli Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi.it Descrizione del corso. Obiettivi: il corso intende fornire

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE te eti Vendita eting Strategico As nter Sviluppo Reti Vendita ting Operativo Marketing Strategic ssessment Center Sviluppo Reti Vendita M eti Vendita Marketing Operativo Marketing Strategic Marketing Strategico

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

IBM Global Business Services Executive Report. IBM Institute for Business Value. CMO e CIO. Conoscenti o alleati?

IBM Global Business Services Executive Report. IBM Institute for Business Value. CMO e CIO. Conoscenti o alleati? IBM Global Business Services Executive Report IBM Institute for Business Value CMO e CIO Conoscenti o alleati? IBM Institute for Business Value Nell ambito di IBM Global Business Services, l IBM Institute

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

l Engagement del Paziente e la Brand Awareness Digitale Milano, 2 Luglio 2015

l Engagement del Paziente e la Brand Awareness Digitale Milano, 2 Luglio 2015 1 EDIZIONE Digital Pharma Confrontati con le migliori Best Practices per rafforzare l Engagement del Paziente e la Brand Awareness Digitale Milano, 2 Luglio 2015 Ascolta le aziende che stanno vivendo il

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome. Data di nascita 28 gennaio 1969 Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome FARHANG DAREHSHURI, NUSHIN Nazionalità Italiana Data di nascita 28 gennaio 1969 Titolo di studio Laurea in Ingegneria Elettronica conseguita presso il politecnico

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

LA TUA ASSICURAZIONE SULLA CARRIERA: FAR LAVORARE I SOCIAL MEDIA PER TE

LA TUA ASSICURAZIONE SULLA CARRIERA: FAR LAVORARE I SOCIAL MEDIA PER TE LA TUA ASSICURAZIONE SULLA CARRIERA: FAR LAVORARE I SOCIAL MEDIA PER TE LA TUA POLIZZA D ASSICURAZIONE SULLA CARRIERA: FAR LAVORARE I SOCIAL MEDIA PER TE I social media impattano praticamente su ogni parte

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Roberto Minella, Livio Rolle. Business intelligence per l azienda snella. Sviluppo e governo del business ECONOMIA. & FrancoAngeli MANAGEMENT

Roberto Minella, Livio Rolle. Business intelligence per l azienda snella. Sviluppo e governo del business ECONOMIA. & FrancoAngeli MANAGEMENT Roberto Minella, Livio Rolle Business intelligence per l azienda snella Sviluppo e governo del business ECONOMIA & FrancoAngeli MANAGEMENT I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da

Dettagli

Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane

Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane Area di pratica professionale PSICOLOGIA PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELL ORGANIZZAZIONE E DELLE RISORSE UMANE Lo Psicologo del lavoro, dell organizzazione e delle risorse umane Classificazione EUROPSY Work

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli