Sesta edizione- MIP Politecnico di Milano Marzo Luglio Programma dettagliato del corso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sesta edizione- MIP Politecnico di Milano Marzo Luglio 2011. Programma dettagliato del corso"

Transcript

1 Corso di Alta Formazione in Energy Finance Fonti Energetiche Convenzionali e Rinnovabili, Negoziazione di Commodity, Allocazione di Portafoglio e Gestione del Rischio Sesta edizione- MIP Politecnico di Milano Marzo Luglio 2011 Programma dettagliato del corso MODULI FONDATIVI Modulo FIN FINANZA DEI MERCATI DI COMMODITY FIN1 Teoria Finanziaria della Valutazione I FIN2 Teoria Finanziaria della Valutazione II FIN3 Mercati Energetici e di Commodity FIN4 Modelli e Simulazione di Prezzi FIN5 Normativa IAS e Contabilizzazione delle Coperture Modulo ECO - ECONOMIA DEI MERCATI ENERGETICI ECO1 Economia e Regolamentazione dei Settori Energetici ECO2 Microstruttura dei Mercati Energetici ECO3 Diritto dei Contratti Energetici ECO4 Fiscalità dei Contratti Energetici Modulo ING - INGEGNERIA DELLE FONTI ENERGETICHE ING1 Ingegneria dell Energia Elettrica ING2 Ingegneria delle Energie Fossili: Petrolio ING3 Ingegneria delle Energie Fossili: Gas ING4 Ingegneria delle Fonti Energetiche Rinnovabili Modulo MAT - METODI QUANTITATIVI PER LA FINANZA MAT1 Statistica e Analisi dei Dati MAT2 Metodi Stocastici per la Finanza MAT3 Programmazione in Matlab MAT4 Implementazione di Modelli MAT5 Econometria Finanziaria

2 MODULI OPERATIVI Modulo ENE MERCATI DI ENERGIA ENE1 Mercati a Pronti di Elettricità ENE2 Mercati a Termine di Elettricità ENE3 Mercati di Gas Naturale ENE4 Mercati Petroliferi e Derivati ENE5 Valutazione Quantitativa dei Permessi ad Emettere Modulo COM - MERCATI DI COMMODITY COM1 Simulazione di Negoziazione di Commodity COM2 Prodotti Derivati Climatici COM3 Mercati di Metalli Industriali COM4 Mercati di Metalli Preziosi COM5 Gestione di Posizioni Multi-Commodity COM6 Strategie di Meta-negoziazione e Tecniche di Allocazione dei Capitali Modulo RIS GESTIONE DEL RISCHIO RIS1 Gestione del Rischio di Prodotti Finanziari Derivati RIS2 Gestione del Rischio di Tasso di Cambio RIS3 Gestione del Rischio di Controparte RIS4 Gestione Avanzata del Rischio di Prodotti Derivati RIS5 Gestione del Rischio di Portafogli Industriali e Tecniche di Ottimizzazione degli Attivi Modulo ALC NEGOZIAZIONE E ALLOCAZIONE DI COMMODITY ALC1 Teoria dell Allocazione di Portafoglio ALC2 Simulazione di Gestione di Portafoglio ALC3 Allocazione di Portafoglio con Commodity ALC4 Arbitraggio Statistico su Commodity ALC5 Negoziazione Attiva nei Mercati Energetici ALC6 Simulazione di Negoziazione di Opzioni

3 FIN1 Teoria Finanziaria della Valutazione I FIN2 Teoria Finanziaria della Valutazione II E MILIO BARUCCI M ASSIMO M ORINI - Politecnico di Milano - - Gruppo IMI - Il corso intende offrire una visione sintetica e operativa della moderna teoria sulla valutazione di prodotti finanziari in assenza di opportunità di arbitraggio. Partendo da semplici modelli in due istanti di tempo con prezzi dei titoli che prevedono un evoluzione con un numero finito di possibili valori (modello binomiale), si affronta il pricing di opzioni europee e americane. In tempo continuo si analizza il prezzo di opzioni in un contesto lognormale (formula di Black&Scholes) con cenni al pricing di opzioni esotiche e in un contesto di mercati incompleti. -Teoremi fondamentali di non arbitraggio -Modello binomiale in due e più istanti di tempo -Opzioni e Futures -Opzioni europee e americane -Modelli in tempo continuo -Valutazione di opzioni in un modello lognormale (formula di Black&Scholes) -Hedging -Cenni sul pricing di opzioni esotiche - Raccolta di articoli e capitoli di libri a cura del docente. - Barucci, Marsala, Nencini, Sgarra, Ingegneria Finanziaria, EGEA editore.

4 FIN3 - Mercati Energetici e di Commodity A NDREA R ONCORONI - ESSEC Business School - L obiettivo del corso è di presentare i principali aspetti fondamentali dei mercati a pronti e a termine di commodity. Le caratteristiche della catena del valore e degli strumenti finanziari negoziabili sono descritte per i mercati di commodity energetiche (petrolio, gas e energia) e non. Il focus verte sulle modalità attraversole quali i prodotti finanziari lineari sono utilizzati per la gestione del rischio e per la valutazione di investimenti. Vengono presentate le principali strutture derivate unitamente ad alcuni prodotti complessi e titoli dipendenti da prezzi di commodity. - Che cos è una commodity? Definizioni alternative. - Prezzi delle commodity e strategia cash-and-carry - La parità spot-forward: derivazione analitica - Mercati di gas, petrolio e prodotti derivati - Elettricità: produzione e problemi di competizione - Contratti a termine su elettricità e noli marittimi - Prodotti derivati su commodity - Posizioni di copertura: contratti di carico, swap, coperture cracking e strutture quanto - Opzioni su gas e petrolio - Prodotti strutturati su commodity: TRS e CCO - Note del corso a cura del docente. - Helyette Geman: Commodities and Commodity Derivatives, Wiley - Davis Edwards: Energy Trading and Investing: Trading, Risk Management and Structuring Deals in the Energy Market - E-book - Chris Harris: Electricity Markets: Pricing, Structures and Economics, Wiley - E-book - Fletcher J. Sturm: Trading Natural Gas: Cash, Futures, Options and Swaps - Markus Burger, Bernhard Graeber, Gero Schindlmayr: Managing Energy Risk: An Integrated View on Power and Other Energy Markets, Wiley - Deron Wagner: Trading ETFs: Gaining an Edge with Technical Analysis

5 FIN4 - Modelli e Simulazione di Prezzi A NDREA R ONCORONI - ESSEC Business School - Il corso presenta gli strumenti fondamentali e i modelli per rappresentare e simulare gli scenarii per i mercati a pronti e a termine di commodity energetiche. Particolare attenzione è attribuita agli aspetti relativi all implementazione delle strutture esaminate, quali ad esempio la determinazione del prezzo, la valutazione della volatilità, la stima statistica, la calibrazione dei modelli, l analisi di robustezza la simulazione Monte Carlo. Inoltre, il corso tratta metodi per intergrare informazioni di mercato ad esperimenti di simulazione (es. volatilità implicita, curva dei prezzi a termine, correlazione storica). - Teorie di negoziazione di commodity e allocazione di capitali - Speculazione, copertura commerciale e ipotesi net-hedging pressure - Modellizzazione per arbitraggio di prezzi di commodity - Struttura di modello: modelli spot-convenience yield - Struttura di modello: modelli della curva dei prezzi a termine - Costruzione della curva dei prezzi a termine a partire dalle quotazioni a pronti - Stima della volatilità: analisi delle componenti principali su dati stagionali - Applicazione: valorizzazione di opzioni su commodity - Applicazione: misurazione del rischio di contratti energetici - Applicazione: mitigazione del rischio di contratti energetici - Applicazione: simulazione di scenarii di movimenti di mercato - Opzioni asiatiche: valorizzazione attraverso la trasformata di Laplace - Contratti volumetrici: opzioni swing e stoccaggio - Valutazione per simulazioni di opzioni di tipo americano - Note del relatore, articoli e materiale didattico saranno distribuiti in aula. - Eydeland, A, Wolyniec, K. (2003): Energy and Power Risk Management, Wiley. - Fusai G., Roncoroni, A. (2007): Implementing Models in Quantitative Finance: Methods and Cases, Springer-Verlag.

6 FIN5 Normativa IAS e Contabilizzazione delle Coperture - Parte 1- G IANLUCA F USAI - Università del Piemonte Orientale - Il seminario affronta il problema della rilevazione, secondo la normativa IAS, al fair value dei derivati in bilancio e delle regole di Hedge Accounting. Sono discussi casi con riferimento al mercato energetico. o o o o IAS e Derivati: il principio del Fair Value Fair-Value e Hedge Accounting Cash Flow Hedging Test di efficacia R IFERIMENTI B IBLIOGRAFICI Materiale a cura del docente ed altri indicati a lezione. FIN5 - Normativa IAS e Contabilizzazione delle Coperture - Parte 2- M ARCO V ALENTINI - Poyry Management Consulting - Il Corso trasferirà competenze sulla normativa IAS39 e sul suo impatto sulle attività di trading nel settore energetico. Saranno inoltre presentati casi reali relativi all industria petrolifera. Principali argomenti trattati: - Introduzione agli IAS e IAS39 - Identificazione dell impatto sulle attività di trading e sulla struttura del portafoglio - Descrizione degli aspetti operativi: held for trading, own use exemption and hedge accounting - Presentazione di casi concreti dall industria petrolifera (Oil&Refining)

7 ECO1 Economia e Regolazione dei Settori Energetici G IANCARLO P IREDDU -Università di Pavia- Il corso intende offrire una presentazione sistemica di alcuni aspetti fondamentali dell interdipendenza tra il sistema energetico e il sistema economico, con particolare riguardo alla problematica della regolazione dei settori elettrico e gas. Dopo aver considerato le implicazioni, per l analisi economica, dell essere l energia allo stesso tempo una commodity, una necessità sociale, una risorsa geopolitica ed una risorsa ambientale, il corso considera le caratteristiche economiche sia della domanda sia dell offerta di energia. Infine la problematica della regolazione dei settori che trasportano energia a mezzo di reti fisse viene affrontata secondo l evoluzione del processo e degli strumenti della regolazione. - I concetti sociali di energia. - Caratteristiche economiche della domanda (intensità, rigidità al prezzo, domanda di potenza, domanda diretta e incorporata, domanda di risparmio energetico). - Caratteristiche economiche dell offerta (struttura e incertezza del costo di produzione, controllo e internalizzazione dei costi, natura degli investimenti in risorse specializzate e condizioni di monopolio naturale). - Regolazione del settore elettrico e del gas (separazione delle attività regolate da quelle competitive, evoluzione storica del sistema di regolazione). - Teoria della regolazione tariffaria: strategia del prezzo ottimo, strategia dell incentivo ottimo ; gli strumenti della regolazione tariffaria. - La transizione dalla liberalizzazione alla concorrenza (stranded costs, privatizzazione delle imprese pubbliche energetiche). - La regolazione tariffaria dell Autorità per l energia elettrica e il gas. - G. Pireddu, Economia dell Energia. I Fondamenti, Pavia University Press, Pavia, S. Agnoli, G. Pireddu, Il prezzo da pagare. L Italia e i conflitti del panorama energetico mondiale, Baldini Castoldi Dalai Editore, Milano, 2008.

8 ECO2 Microstruttura dei Mercati Energetici - Parte 1 - E LENA F UMAGALLI - Politecnico di Milano - Il corso intende offrire una visione sintetica ed operativa degli aspetti economici fondamentali della Borsa Elettrica Italiana. In particolare si descrivono i meccanismi di asta sul mercato del giorno prima (market clearing) e i meccanismi di assegnazione della capacità di trasporto sulla rete nazionale (congestion management) e i potenziali comportamenti strategici degli operatori in questi mercati. Il corso prevede anche una sumulazione semplificata di una Borsa Elettrica del giorno prima dove gli studenti competono tra loro in qualità di produttori. Il dispacciamento di merito economico e il sistema delle offerte sul mercato del giorno prima: significato economico dei risultati Congestioni di rete e segmentazione spaziale del mercato Diritti di trasporto (assegnazione implicita ed esplicita) Simulazione del mercato del giorno prima, nell'ipotesi di assenza di vincoli di trasmissione con partecipazione attiva degli studenti. Comportamenti strategici di base degli operatori. Raccolta lucidi delle lezioni distribuiti a cura del docente. AEEG, Autorità per l'energia elettrica e il gas, AGCM, Autorità garante della concorrenza e il mercato, (2005), "Indagine conoscitiva sullo stato della liberalizzazione del settore dell'energia elettrica", Allegato A della Delibera n. 19/05, disponibile sul sito: Capitolo 2, pag

9 ECO2 Microstruttura dei Mercati Energetici- Parte 2- C RISTIAN B OVO - Politecnico di Milano - Organizzazione del Mercato dei Servizi di Dispacciamento in Italia Il corso intende offrire una descrizione del Mercato dei Servizi di Dispacciamento (MSD) attivo in Italia, alla luce anche delle recenti modifiche normative. In particolare, saranno definite le principali Risorse di Rete, i relativi fornitori e le caratteristiche tecniche che devono essere possedute dagli impianti, con particolare riferimento a quelli di generazione, per essere abilitati alla loro fornitura. Successivamente, si illustrerà la struttura del MSD: modalità di offerta, di selezione e di gestione delle offerte da parte di Terna. Particolare rilevanza sarà posta all interazione tra le esigenze tecniche ed economiche che caratterizzano questo mercato. Infine, sarà fornita una sintetica descrizione dell andamento del mercato dalla sua attivazione ad oggi. - Definizione delle Risorse di Rete. - Modalità ed obblighi di offerta sul MSD. - Fase di programmazione del MSD. - Gestione delle risorse per il servizio di dispacciamento. - Descrizione generale dell andamento del MSD. - Dispense a cura del docente. - Codice di Rete, Terna Spa, disponibile su - Allegati al Codice di Rete, Terna Spa, disponibili su

10 ECO3 Diritto e Contratti nei Mercati dell'energia A VV. L ORENZO P AROLA - Dewey & LeBoeuf Studio Legale- Il corso fornisce una conoscenza di base: dei profili regolamentari afferenti ai contratti bilaterali, del trading finanziario e riserva di attività, delle principali strutture contrattuali nei settori dell'energia elettrica, del gas naturale e delle quote di emissione e della negoziazione degli standard contrattuali EFET. Project financing e contratti di progetto - Contratti di offtake di energia elettrica - Contratti EPC e O&M - Gas Sales Agreement (GSA) - Esercitazione pratica: negoziazione di un term-sheet di GTA Rischio di credito e strumenti di tutela: - Master Agreement - Standard contrattuali EFET e prassi negoziali - Trading finanziario e riserva di attività - Principali aspetti della contrattualistica ISDA La fornitura ai clienti finali Vincoli regolamentari Condizioni contrattuali Tutela del consumatore Dispensa e articoli forniti durante il corso.

11 ECO4 Fiscalità dei Contratti Energetici P IETRO B RACCO - Studio Legale Fantozzi e Associati - Il corso fornisce una conoscenza di base dei profili tributari attinenti ai principali istituti del mercato dell energia. La finalità del corso è quella di dotare i partecipati di una visione d insieme dei diversi tributi con cui le imprese del settore energetico si devono confrontare, come l Ires, la cd. Robin Hood Tax, l Irap, l Iva, le accise, i dazi doganali, l ICI e le cd. imposte sull inquinamento. - L'imposizione sui redditi delle società del settore energetico: La Robin Hood Tax - Irap e aziende del mercato dell energia - L'Iva negli scambi di energia elettrica e di gas - Le accise - I profili doganali dell'importazione di energia elettrica e di gas - L'obbligo di comunicazione dei dati catastali dei clienti finali - Tassa sull emissione di SO2 e NOx - L ICI sulle centrali elettriche - Regime fiscale dei contratti derivati dell'energia: OTC e mercati strutturati - Regime fiscale degli scambi certificati verdi e CO2 - Regime fiscale degli interconnector virtuali - Regime fiscale dei contratti di tolling Verranno forniti durante il corso.

12 ING1 Ingegneria dell Energia Elettrica A LBERTO B ERIZZI - Politecnico di Milano - Il corso intende offrire una visione sintetica ed operativa dei più importanti elementi tecnici che costituiscono un bagaglio indispensabile per operare sul mercato dell energia elettrica. Saranno presentate le nozioni fondamentali relative alla generazione dell energia elettrica nelle centrali elettriche, con particolare riferimento agli impianti idroelettrici e termoelettrici, al trasporto e alla distribuzione dell energia elettrica. Particolare cura sarà dedicata alla spiegazione delle ragioni per cui nascono le congestioni di rete e per cui sono necessari i servizi di dispacciamento, che costituiscono due aspetti peculiari ed economicamente rilevanti - del mercato elettrico. Principi di elettrotecnica e caratteristiche dell energia elettrica. Statistiche sulla produzione, trasmissione e distribuzione dell energia elettrica. Generazione dell energia elettrica: centrali idroelettriche e termoelettriche: caratteristiche tecniche e impatto sull esercizio delle reti elettriche. Trasmissione dell energia elettrica: caratteristiche delle reti, flussi di potenza nelle reti, congestioni di rete e loro impatto sul mercato elettrico zonale, modalità di controllo dei flussi di potenza. Regolazioni di frequenza e delle tensioni. Economia della produzione: costi di produzione, costi marginali, costi medi. Modalità di ottimizzazione della produzione. Servizi di dispacciamento: caratteristiche tecniche dinamiche degli impianti e delle reti. - Slides del docente - S.Stoft: Power systems economics: Designing markets of Electricity. IEEE Press, New York, USA (2002). - A.J.Wood, B.F.Wollenberg: Power generation, operation and control. John Wiley & Sons, New York, USA (1996).

13 ING2 Ingegneria delle Energie Fossili: Petrolio D AVIDE T ABARELLI - Nomisma Energia - Scopo del modulo è quello di descrivere l intera filiera del petrolio dalla fase esplorativa al consumo finale dei diversi prodotti ottenuti dalla raffinazione. L analisi riguarderà i punti critici dove si creano discontinuità della catena integrata che hanno portato a negoziazioni fra controparti distinte e alla creazione di mercati spot. Verranno evidenziati gli aspetti critici dell industria, in particolare l alta intensità di capitale della fase a monte, la centralità del trasporto e la complessità della raffinazione. Verrà discussa l esperienza italiana quale uno dei principali centri di raffinazione. I principali fattori che vanno a definire la domanda finale di prodotti verranno analizzati, in particolare relativamente ai consumi di carburanti nel settore dei trasporti, con lo scopo di disegnare scenari futuri a lungo termine. Il tutto verrà condotto soffermandosi sugli sviluppi tecnologici più interessanti che hanno permesso di ridurre i costi, di sfruttare le economie di scala e di affrontare le nuove sfide ambientali. Alle forme di negoziazione del petrolio e alla raffinazione verrà dedicata particolare attenzione. La fase a monte - Esplorazione di petrolio e accenni di geologia; Aspetti economici relativi alla fase esplorativa; Riserve, risorse e capacità produttiva di greggio; Dislocazione delle riserve mondiali di greggio. Aspetti qualitativi - Il problema dei greggi pesanti; Principali parametri qualitativi; Le diverse qualità e differenziali di prezzo I contratti del greggio - Breve storia delle forme di fissazione dei prezzi del greggio; Attuale metodologia di fissazione dei prezzi; Centralità di Brent, WTI e Dubai; Prezzi spot e prezzi a consegna differita (forward); La crescita dei contratti a termine (futures) L industria di raffinazione - La raffinazione del petrolio greggio; Accenni alla chimica del petrolio; Tipologie impiantistiche ed economia della raffinazione; L industria italiana della raffinazione: Calcolo dei margini di raffinazione. Distribuzione e mercati finali - Distribuzione dei carburanti e degli altri prodotti; Margini di distribuzione sulle vendite. Gli scenari futuri - Scenari futuri di domanda di carburanti; Le nuove tecnologie nella fase a monte per i greggi pesanti Yergin D., Il premio. L epica storia della corsa al petrolio, Sperling & Kupfer Editori, 1995 ClòA.,Interdipendenzaeinstabilitàdell oligopoliopetrolifero,cuslbologna,1990

14 ING3 Ingegneria delle Energie Fossili: Gas A LESSANDRO B IANCHI - Nomisma Energia - Il modulo si propone di presentare gli aspetti principali della filiera del gas naturale: produzione, trasporto, stoccaggio, distribuzione e vendita. Si fornirà un ampia visione del mercato mondiale del gas naturale, con particolare attenzione per il mercato europeo e nazionale. L analisi verrà condotta anche prospetticamente per cogliere i trend evolutivi di mercato nel lungo periodo. Inoltre, non si trascurerà, per le diverse fasi, l aspetto regolatorio e normativo, con gli impatti economici sulla filiera nazionale. Esplorazione e produzione del gas naturale (GN) Scenari di produzione Trasporto del GN via tubo La filiera del GN Liquefatto L importazione di GN in Italia: aspetti normativi Scenari europei di commercio internazionale del GN La rete di metanodotti italiana La rete di trasporto del GN in Europa Procedure e tariffe della rigassificazione in Italia Lo stoccaggio del GN Tariffe di stoccaggio in Italia HUB e Market Center negli USA e in Europa La distribuzione del gas La vendita: aspetti normativi e regolatori - Raccolta di articoli e capitoli di libri a cura del docente.

15 ING4 - Ingegneria delle Fonti Energetiche Rinnovabili M ARCO M ERLO M AURIZIO D ELFANTI - Politecnico di Milano - Il modulo presenta sinteticamente il panorama mondiale in termini di fabbisogno energetico, con riferimento alla produzione/trasmissione/utilizzazione di energia elettrica; richiama le principali caratteristiche che differenziano tale commodity da altre di uso comune (in particolare confrontando la rete elettrica con la rete dati, fonia mobile, ecc.). Tale introduzione è propedeutica ad una descrizione delle principali tecnologie per lo sfruttamento delle fonti rinnovabili, a chiarirne il peso, attuale e/o prospettico, nella copertura del fabbisogno energetico, e l impatto legato alla necessità di operare in un sistema regolato, e su infrastrutture condivise, come appunto le rete elettriche. Nell ambito del corso viene approfondita la presentazione delle risorse fotovoltaiche ed eoliche, con diretto riferimento alla normativa nazionale (e confronti anche all ambito internazionale) specialmente in termini di normativa per la connessione alla rete elettrica. - Panorama internazionale per la produzione di energia elettrica. - Connessione alla rete di utenze attive: partecipazione ai servizi ancillari. - Fonti Energetiche Rinnovabili: -Idroelettrico / Mini-idroelettrico -Eolico / micro-eolico -Fotovoltaico -Biomasse / Biogas -Geotermia / Geotermia a bassa Entalpia -Moto Ondoso / Maree - Dettaglio sulla tecnologica di conversione dell energia Eolica e sulla normativa per la connessione alla rete. - Dettaglio sulla tecnologica Fotovoltaica e sulla normativa per la connessione alla rete. - Cenni alla produzione di energia elettrica sulla reti a tensione minore: Smart Grids. - Raccolta di articoli e capitoli di libri a cura del docente. - Raccolta di siti Web (agenzie internazionali, operatori di rete elettrica, Autorità di regolazione) a cura del docente. - Norma CEI Norma CEI Norma CEI 0-16.

16 MAT1 Statistica e Analisi dei Dati L AURA M ARIA S ANGALLI -SIMONE V ANTINI - Politecnico di Milano - Obiettivi del corso sono: introduzione alle tecniche e procedure per la descrizione sintetica e grafica delle informazioni fornite da insiemi di dati; introduzione ai metodi e agli strumenti dell inferenza statistica. La trattazione di ciascun argomento del programma avverrà tramite: la presentazione dei concetti teorici fondamentali sottostanti le metodologie introdotte; l utilizzo delle stesse metodologie per l'analisi statistica di insiemi di dati reali di natura economico-finanziaria mediante l utilizzo di Microsoft Excel. Statistica descrittiva. Popolazione e campioni casuali. Tabelle e rappresentazioni grafiche di distribuzioni di frequenza. Indici di posizione: media, moda, mediana, quantili campionari. Indici di dispersione: varianza campionaria e scarto interquantile. Istogrammi. Box-Plot. Statistica Inferenziale (stima puntuale). Il problema della stima puntuale di un parametro. Stima e stimatori: distorsione, errore quadratico medio, efficienza relativa. Statistica Inferenziale (verifica delle ipotesi e stima intervallare). Stima intervallare. Confidenza ed errore di stima. Criteri di decisione per la scelta tra due ipotesi. Errori di I e II tipo. Test: regione di rifiuto, livello e funzione potenza. Potenza e dimensione campionaria. Valori p. Inferenza per una popolazione. Test t e intervalli di confidenza (IC) per la media di una distribuzione normale. Test chi-quadrato e IC per la varianza di una distribuzione normale. Test z e IC per la media di una distribuzione. Test e IC su una proporzione. Inferenza per il confronto tra due popolazioni (campioni indipendenti). Test t per il confronto tra due medie di due distribuzioni normali (ANOVA per due gruppi). Test F di confronto tra due varianze di due distribuzioni normali. Test z e IC per il confronto tra due medie. Test e IC per il confronto di due proporzioni. - Montgomery, D.C., Runger, G.C. e Hubele N.F. (2004). Statistica per Ingegneria. Egea, Milano. - Ross, S.M. (2003). Probabilità e statistica per l'ingegneria e le scienze. Apogeo, Milano.

17 MAT2 - Metodi Stocastici per la Finanza P IERCESARE S ECCHI - M ARCO F UHRMAN - Politecnico di Milano - Il corso si propone l'obiettivo di fornire gli strumenti probabilistici fondamentali per la comprensione, lo sviluppo e l'utilizzo di modelli statici e dinamici utilizzati presso i trading floor dei principali operatori nei settori finanziari ed energetici. - Richiami di calcolo delle probabilità: variabili aleatorie, distribuzioni, valori attesi condizionati. - Processi stocastici a tempo discreto. Filtrazioni e tempi di arresto. Martingale e teorema di arresto opzionale. - Moto browniano. Integrale stocastico di Ito. Equazioni differenziali stocastiche. Relazione dei processi stocastici con le equazioni a derivate parziali. Teorema di Girsanov. Modello di Black-Scholes. - T. Mikosch, Elementary Stochastic Calculus with Finance in View. World Scientific, S. Ross, Stochastic Processes. 2nd edition, Wiley (Capitoli 1 e 6).

18 MAT3 Programmazione in Matlab E DIE MIGLIO - Politecnico di Milano - Il corso si propone come obiettivo quello di introdurre i fondamenti della programmazione Matlab e l implementazione di algoritmi di calcolo comunemente impiegati in ambito finanziario: in particolare verranno trattati gli alberi binomiali e verranno introdotte le idee di base del metodo Monte Carlo. - Introduzione a Matlab; - Trattamento di vettori e matrici; - Grafica 2D e 3D con Matlab; - Function e script; - Esempio di applicazione: valutazione di una opzione con albero binomiale; - Introduzione al metodo Monte Carlo; - Esempi di metodo Monte Carlo in Matlab. - Note a cura dei docenti - Dispense Matlab reperibili al seguente indirizzo:

19 MAT4 Implementazione di Modelli DANIELE MARAZZINA - Politecnico di Milano - Il corso intende offrire una panoramica dei principali metodi numerici utilizzati in finanza. In particolare, dopo una rapidissima introduzione alle simulazioni Montecarlo e agli alberi binomiali e trinomiali, saranno affrontati vari case-study in cui la problematica finanziaria viene risolta mediante opportune tecniche numeriche. Tutti i modelli presentati verranno inoltre implementati in MATLAB. - simulare il payoff di un basket e spark-spread e stimarne il prezzo - stimare il prezzo di opzioni path-dependent (Asian-style) - simulazioni MC di processi (con e senza salti, curve) - simulazioni MC di processi a code spesse (modello di Merton) - incorporare le informazioni di mercato (mean reversion, curve forward, volatilità storica) - calcolare la probabilità di perdita e il VAR (statico e dinamico) - Articoli segnalati a lezione - Brandimarte, Numerical Methods in Finance and Economics: a MATLAB-based Introduction, John Wiley & Sons - Fusai & Roncoroni, Implementing Models in Quantitative Finance: Methods and Cases, Sprinter-Verlag

20 MAT5 Econometria Finanziaria R OCCO M OSCONI - Politecnico di Milano Il corso intende offrire una visione sintetica ed operativa dei più importanti strumenti statistici impiegati in econometria, con particolare enfasi su quelli di maggiore interesse in ambito finanziario. In particolare varrano discussi il modello di regressione lineare e i metodi di analisi delle serie storiche. Infine verrà anche fornito un panorama dei più recenti metodi econometrici utili per l'analisi dei dati finanziari. Tali metodi sono ormai divenuti patrimonio comune di tutti i centri dove si gestiscono prodotti finanziari e si valutano i problemi di copertura dal rischio insito nell'andamento dei loro prezzi e della loro volatilità. - Il modello di regressione multipla sotto le ipotesi classiche: stima, tesi, previsione. Violazione delle ipotesi: multicollinearità, analisi della forma funzionale, eteroschedasticità, correlazione seriale. - Analisi delle serie storiche: Processi stocastici e loro proprietà. Modelli AR, MA e ARMA. Previsione di serie storiche economiche. - Econometria della finanza: Studio delle caratteristiche e delle regolarità empiriche dei prezzi e dei rendimenti delle attività finanziarie in un'ottica "time series" (Modellistica ARCH e GARCH). Valutazione empirica delle principali teorie sul comportamento degli agenti economici e sui meccanismi di formazione dei prezzi (Modelli di equilibrio, CAPM, Econometria della frontiera efficiente, Econometria dei derivati). - Raccolta di articoli e capitoli di libri a cura del docente. - Greene W.H, Econometric Analysis, 5 th edition. - Campbell J.Y., Lo A.W., McKinlay A.C., The Econometrics of Financial Markets.

21 ENE1 Mercati Spot di Elettricità C OSIMO C AMPIDOGLIO - Gestore dei Mercati Energetici (GME) - Il corso intende offrire una visione complessiva delle problematiche di organizzazione e funzionamento dei mercati elettrici wholesale, a partire dai vincoli tecnico-economici di funzionamento delle attività di generazione e dispacciamento dell energia, alle possibili soluzioni di market design e ai relativi trade-off semplicità-efficienza della microstruttura, ai problemi di potere di mercato. Particolare attenzione è posta all organizzazione complessiva del settore elettrico in Italia e della borsa del GME, con particolare riferimento sugli esiti delle contrattazioni di borsa nei primi cinque anni di operatività. A. Aspetti tecnici ed economici del settore elettrico: Domanda come vincolo di volatilità, inelasticità, non escludibilità, load profile. Generazione come concorrenza limitata: non immagazzinabilità, capacità come bene pubblico, economie di scala e di diversificazione, rendimenti crescenti di industria - Dispacciamento come monopolio naturale: esternalità di rete, riserva, bilanciamento - Prezzi ottimi dell energia: i prezzi nodali - Trasmissione, Distribuzione, Vendita: cenni B. Microstruttura del mercato elettrico - Elementi necessari alla liberalizzazione: ISO, open access, spot market - Microstruttura dei mercati elettrici - Modalità di contrattazione: OTC vs contrattazione continua vs mercato d asta - Regola di prezzo: MCP vs PAB, prezzo unico vs prezzi zonali - Organizzazione: Power pool vs power exchange - Interazione tra microstruttura e problematiche di settore - Recupero costi fissi, potere di mercato - Volatilità del prezzo: contratti fisici vs contratti finanziari C. Organizzazione del mercato elettrico in Italia - La liberalizzazione del settore: dl Bersani - L organizzazione della borsa elettrica: disciplina del mercato elettrico del GME; - Esiti di contrattazione di borsa: Relazioni annuali e rapporti mensili del GME Relazione annuale dell AEEG Raccolta lucidi delle lezioni distribuiti a cura dei docenti.

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa

Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa 2 a EDIZIONE MILANO NOVEMBRE 2011 - MAGGIO 2012 In collaborazione con Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa NOVEMBRE 2011 - MAGGIO 2012 orso

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

I regolamenti europei EMIR e REMIT

I regolamenti europei EMIR e REMIT I regolamenti europei EMIR e REMIT Implementazione pratica per un azienda NFC- Sommario I. L EMIR ed i suoi obblighi II. REMIT e i suoi obblighi III. EMIR: l implementazione pratica in azienda Che cos

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 Martin Scheicher +43 1 40420 7418 martin.scheicher@oenb.at Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 I prezzi azionari oscillano al

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica

Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica Materiale didattico di supporto al corso di Complementi di macchine Statistiche su produzione e consumo di energia primaria e di energia elettrica Michele Manno Dipartimento di Ingegneria Industriale Università

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 2 Agenda 17.00 17.15 Introduzione Matteo Carcano Orc Software 17.15 17.30 Le opportunità di

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Rischio e Volatilità

Rischio e Volatilità 2 Meeting annuale SellaAdvice Trading Rho,, 20 novembre 2004 Rischio e Volatilità Relatore: Maurizio Milano Da dove deve partire un analisi tecnica operativa a supporto di un attività di trading? L elemento

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità Cristiana Brocchetti Milano, 17 dicembre 2012 1 Tradizionale o Alternativo? Due le principali aree che caratterizzano le tipologie di investimento: Tradizionali

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA IL TRADING DI STRUMENTI DERIVATI. RELAZIONE DI STAGE PRESSO LA T4T. RELATORE: CH.MO PROF.

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli