Sesta edizione- MIP Politecnico di Milano Marzo Luglio Programma dettagliato del corso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sesta edizione- MIP Politecnico di Milano Marzo Luglio 2011. Programma dettagliato del corso"

Transcript

1 Corso di Alta Formazione in Energy Finance Fonti Energetiche Convenzionali e Rinnovabili, Negoziazione di Commodity, Allocazione di Portafoglio e Gestione del Rischio Sesta edizione- MIP Politecnico di Milano Marzo Luglio 2011 Programma dettagliato del corso MODULI FONDATIVI Modulo FIN FINANZA DEI MERCATI DI COMMODITY FIN1 Teoria Finanziaria della Valutazione I FIN2 Teoria Finanziaria della Valutazione II FIN3 Mercati Energetici e di Commodity FIN4 Modelli e Simulazione di Prezzi FIN5 Normativa IAS e Contabilizzazione delle Coperture Modulo ECO - ECONOMIA DEI MERCATI ENERGETICI ECO1 Economia e Regolamentazione dei Settori Energetici ECO2 Microstruttura dei Mercati Energetici ECO3 Diritto dei Contratti Energetici ECO4 Fiscalità dei Contratti Energetici Modulo ING - INGEGNERIA DELLE FONTI ENERGETICHE ING1 Ingegneria dell Energia Elettrica ING2 Ingegneria delle Energie Fossili: Petrolio ING3 Ingegneria delle Energie Fossili: Gas ING4 Ingegneria delle Fonti Energetiche Rinnovabili Modulo MAT - METODI QUANTITATIVI PER LA FINANZA MAT1 Statistica e Analisi dei Dati MAT2 Metodi Stocastici per la Finanza MAT3 Programmazione in Matlab MAT4 Implementazione di Modelli MAT5 Econometria Finanziaria

2 MODULI OPERATIVI Modulo ENE MERCATI DI ENERGIA ENE1 Mercati a Pronti di Elettricità ENE2 Mercati a Termine di Elettricità ENE3 Mercati di Gas Naturale ENE4 Mercati Petroliferi e Derivati ENE5 Valutazione Quantitativa dei Permessi ad Emettere Modulo COM - MERCATI DI COMMODITY COM1 Simulazione di Negoziazione di Commodity COM2 Prodotti Derivati Climatici COM3 Mercati di Metalli Industriali COM4 Mercati di Metalli Preziosi COM5 Gestione di Posizioni Multi-Commodity COM6 Strategie di Meta-negoziazione e Tecniche di Allocazione dei Capitali Modulo RIS GESTIONE DEL RISCHIO RIS1 Gestione del Rischio di Prodotti Finanziari Derivati RIS2 Gestione del Rischio di Tasso di Cambio RIS3 Gestione del Rischio di Controparte RIS4 Gestione Avanzata del Rischio di Prodotti Derivati RIS5 Gestione del Rischio di Portafogli Industriali e Tecniche di Ottimizzazione degli Attivi Modulo ALC NEGOZIAZIONE E ALLOCAZIONE DI COMMODITY ALC1 Teoria dell Allocazione di Portafoglio ALC2 Simulazione di Gestione di Portafoglio ALC3 Allocazione di Portafoglio con Commodity ALC4 Arbitraggio Statistico su Commodity ALC5 Negoziazione Attiva nei Mercati Energetici ALC6 Simulazione di Negoziazione di Opzioni

3 FIN1 Teoria Finanziaria della Valutazione I FIN2 Teoria Finanziaria della Valutazione II E MILIO BARUCCI M ASSIMO M ORINI - Politecnico di Milano - - Gruppo IMI - Il corso intende offrire una visione sintetica e operativa della moderna teoria sulla valutazione di prodotti finanziari in assenza di opportunità di arbitraggio. Partendo da semplici modelli in due istanti di tempo con prezzi dei titoli che prevedono un evoluzione con un numero finito di possibili valori (modello binomiale), si affronta il pricing di opzioni europee e americane. In tempo continuo si analizza il prezzo di opzioni in un contesto lognormale (formula di Black&Scholes) con cenni al pricing di opzioni esotiche e in un contesto di mercati incompleti. -Teoremi fondamentali di non arbitraggio -Modello binomiale in due e più istanti di tempo -Opzioni e Futures -Opzioni europee e americane -Modelli in tempo continuo -Valutazione di opzioni in un modello lognormale (formula di Black&Scholes) -Hedging -Cenni sul pricing di opzioni esotiche - Raccolta di articoli e capitoli di libri a cura del docente. - Barucci, Marsala, Nencini, Sgarra, Ingegneria Finanziaria, EGEA editore.

4 FIN3 - Mercati Energetici e di Commodity A NDREA R ONCORONI - ESSEC Business School - L obiettivo del corso è di presentare i principali aspetti fondamentali dei mercati a pronti e a termine di commodity. Le caratteristiche della catena del valore e degli strumenti finanziari negoziabili sono descritte per i mercati di commodity energetiche (petrolio, gas e energia) e non. Il focus verte sulle modalità attraversole quali i prodotti finanziari lineari sono utilizzati per la gestione del rischio e per la valutazione di investimenti. Vengono presentate le principali strutture derivate unitamente ad alcuni prodotti complessi e titoli dipendenti da prezzi di commodity. - Che cos è una commodity? Definizioni alternative. - Prezzi delle commodity e strategia cash-and-carry - La parità spot-forward: derivazione analitica - Mercati di gas, petrolio e prodotti derivati - Elettricità: produzione e problemi di competizione - Contratti a termine su elettricità e noli marittimi - Prodotti derivati su commodity - Posizioni di copertura: contratti di carico, swap, coperture cracking e strutture quanto - Opzioni su gas e petrolio - Prodotti strutturati su commodity: TRS e CCO - Note del corso a cura del docente. - Helyette Geman: Commodities and Commodity Derivatives, Wiley - Davis Edwards: Energy Trading and Investing: Trading, Risk Management and Structuring Deals in the Energy Market - E-book - Chris Harris: Electricity Markets: Pricing, Structures and Economics, Wiley - E-book - Fletcher J. Sturm: Trading Natural Gas: Cash, Futures, Options and Swaps - Markus Burger, Bernhard Graeber, Gero Schindlmayr: Managing Energy Risk: An Integrated View on Power and Other Energy Markets, Wiley - Deron Wagner: Trading ETFs: Gaining an Edge with Technical Analysis

5 FIN4 - Modelli e Simulazione di Prezzi A NDREA R ONCORONI - ESSEC Business School - Il corso presenta gli strumenti fondamentali e i modelli per rappresentare e simulare gli scenarii per i mercati a pronti e a termine di commodity energetiche. Particolare attenzione è attribuita agli aspetti relativi all implementazione delle strutture esaminate, quali ad esempio la determinazione del prezzo, la valutazione della volatilità, la stima statistica, la calibrazione dei modelli, l analisi di robustezza la simulazione Monte Carlo. Inoltre, il corso tratta metodi per intergrare informazioni di mercato ad esperimenti di simulazione (es. volatilità implicita, curva dei prezzi a termine, correlazione storica). - Teorie di negoziazione di commodity e allocazione di capitali - Speculazione, copertura commerciale e ipotesi net-hedging pressure - Modellizzazione per arbitraggio di prezzi di commodity - Struttura di modello: modelli spot-convenience yield - Struttura di modello: modelli della curva dei prezzi a termine - Costruzione della curva dei prezzi a termine a partire dalle quotazioni a pronti - Stima della volatilità: analisi delle componenti principali su dati stagionali - Applicazione: valorizzazione di opzioni su commodity - Applicazione: misurazione del rischio di contratti energetici - Applicazione: mitigazione del rischio di contratti energetici - Applicazione: simulazione di scenarii di movimenti di mercato - Opzioni asiatiche: valorizzazione attraverso la trasformata di Laplace - Contratti volumetrici: opzioni swing e stoccaggio - Valutazione per simulazioni di opzioni di tipo americano - Note del relatore, articoli e materiale didattico saranno distribuiti in aula. - Eydeland, A, Wolyniec, K. (2003): Energy and Power Risk Management, Wiley. - Fusai G., Roncoroni, A. (2007): Implementing Models in Quantitative Finance: Methods and Cases, Springer-Verlag.

6 FIN5 Normativa IAS e Contabilizzazione delle Coperture - Parte 1- G IANLUCA F USAI - Università del Piemonte Orientale - Il seminario affronta il problema della rilevazione, secondo la normativa IAS, al fair value dei derivati in bilancio e delle regole di Hedge Accounting. Sono discussi casi con riferimento al mercato energetico. o o o o IAS e Derivati: il principio del Fair Value Fair-Value e Hedge Accounting Cash Flow Hedging Test di efficacia R IFERIMENTI B IBLIOGRAFICI Materiale a cura del docente ed altri indicati a lezione. FIN5 - Normativa IAS e Contabilizzazione delle Coperture - Parte 2- M ARCO V ALENTINI - Poyry Management Consulting - Il Corso trasferirà competenze sulla normativa IAS39 e sul suo impatto sulle attività di trading nel settore energetico. Saranno inoltre presentati casi reali relativi all industria petrolifera. Principali argomenti trattati: - Introduzione agli IAS e IAS39 - Identificazione dell impatto sulle attività di trading e sulla struttura del portafoglio - Descrizione degli aspetti operativi: held for trading, own use exemption and hedge accounting - Presentazione di casi concreti dall industria petrolifera (Oil&Refining)

7 ECO1 Economia e Regolazione dei Settori Energetici G IANCARLO P IREDDU -Università di Pavia- Il corso intende offrire una presentazione sistemica di alcuni aspetti fondamentali dell interdipendenza tra il sistema energetico e il sistema economico, con particolare riguardo alla problematica della regolazione dei settori elettrico e gas. Dopo aver considerato le implicazioni, per l analisi economica, dell essere l energia allo stesso tempo una commodity, una necessità sociale, una risorsa geopolitica ed una risorsa ambientale, il corso considera le caratteristiche economiche sia della domanda sia dell offerta di energia. Infine la problematica della regolazione dei settori che trasportano energia a mezzo di reti fisse viene affrontata secondo l evoluzione del processo e degli strumenti della regolazione. - I concetti sociali di energia. - Caratteristiche economiche della domanda (intensità, rigidità al prezzo, domanda di potenza, domanda diretta e incorporata, domanda di risparmio energetico). - Caratteristiche economiche dell offerta (struttura e incertezza del costo di produzione, controllo e internalizzazione dei costi, natura degli investimenti in risorse specializzate e condizioni di monopolio naturale). - Regolazione del settore elettrico e del gas (separazione delle attività regolate da quelle competitive, evoluzione storica del sistema di regolazione). - Teoria della regolazione tariffaria: strategia del prezzo ottimo, strategia dell incentivo ottimo ; gli strumenti della regolazione tariffaria. - La transizione dalla liberalizzazione alla concorrenza (stranded costs, privatizzazione delle imprese pubbliche energetiche). - La regolazione tariffaria dell Autorità per l energia elettrica e il gas. - G. Pireddu, Economia dell Energia. I Fondamenti, Pavia University Press, Pavia, S. Agnoli, G. Pireddu, Il prezzo da pagare. L Italia e i conflitti del panorama energetico mondiale, Baldini Castoldi Dalai Editore, Milano, 2008.

8 ECO2 Microstruttura dei Mercati Energetici - Parte 1 - E LENA F UMAGALLI - Politecnico di Milano - Il corso intende offrire una visione sintetica ed operativa degli aspetti economici fondamentali della Borsa Elettrica Italiana. In particolare si descrivono i meccanismi di asta sul mercato del giorno prima (market clearing) e i meccanismi di assegnazione della capacità di trasporto sulla rete nazionale (congestion management) e i potenziali comportamenti strategici degli operatori in questi mercati. Il corso prevede anche una sumulazione semplificata di una Borsa Elettrica del giorno prima dove gli studenti competono tra loro in qualità di produttori. Il dispacciamento di merito economico e il sistema delle offerte sul mercato del giorno prima: significato economico dei risultati Congestioni di rete e segmentazione spaziale del mercato Diritti di trasporto (assegnazione implicita ed esplicita) Simulazione del mercato del giorno prima, nell'ipotesi di assenza di vincoli di trasmissione con partecipazione attiva degli studenti. Comportamenti strategici di base degli operatori. Raccolta lucidi delle lezioni distribuiti a cura del docente. AEEG, Autorità per l'energia elettrica e il gas, AGCM, Autorità garante della concorrenza e il mercato, (2005), "Indagine conoscitiva sullo stato della liberalizzazione del settore dell'energia elettrica", Allegato A della Delibera n. 19/05, disponibile sul sito: Capitolo 2, pag

9 ECO2 Microstruttura dei Mercati Energetici- Parte 2- C RISTIAN B OVO - Politecnico di Milano - Organizzazione del Mercato dei Servizi di Dispacciamento in Italia Il corso intende offrire una descrizione del Mercato dei Servizi di Dispacciamento (MSD) attivo in Italia, alla luce anche delle recenti modifiche normative. In particolare, saranno definite le principali Risorse di Rete, i relativi fornitori e le caratteristiche tecniche che devono essere possedute dagli impianti, con particolare riferimento a quelli di generazione, per essere abilitati alla loro fornitura. Successivamente, si illustrerà la struttura del MSD: modalità di offerta, di selezione e di gestione delle offerte da parte di Terna. Particolare rilevanza sarà posta all interazione tra le esigenze tecniche ed economiche che caratterizzano questo mercato. Infine, sarà fornita una sintetica descrizione dell andamento del mercato dalla sua attivazione ad oggi. - Definizione delle Risorse di Rete. - Modalità ed obblighi di offerta sul MSD. - Fase di programmazione del MSD. - Gestione delle risorse per il servizio di dispacciamento. - Descrizione generale dell andamento del MSD. - Dispense a cura del docente. - Codice di Rete, Terna Spa, disponibile su - Allegati al Codice di Rete, Terna Spa, disponibili su

10 ECO3 Diritto e Contratti nei Mercati dell'energia A VV. L ORENZO P AROLA - Dewey & LeBoeuf Studio Legale- Il corso fornisce una conoscenza di base: dei profili regolamentari afferenti ai contratti bilaterali, del trading finanziario e riserva di attività, delle principali strutture contrattuali nei settori dell'energia elettrica, del gas naturale e delle quote di emissione e della negoziazione degli standard contrattuali EFET. Project financing e contratti di progetto - Contratti di offtake di energia elettrica - Contratti EPC e O&M - Gas Sales Agreement (GSA) - Esercitazione pratica: negoziazione di un term-sheet di GTA Rischio di credito e strumenti di tutela: - Master Agreement - Standard contrattuali EFET e prassi negoziali - Trading finanziario e riserva di attività - Principali aspetti della contrattualistica ISDA La fornitura ai clienti finali Vincoli regolamentari Condizioni contrattuali Tutela del consumatore Dispensa e articoli forniti durante il corso.

11 ECO4 Fiscalità dei Contratti Energetici P IETRO B RACCO - Studio Legale Fantozzi e Associati - Il corso fornisce una conoscenza di base dei profili tributari attinenti ai principali istituti del mercato dell energia. La finalità del corso è quella di dotare i partecipati di una visione d insieme dei diversi tributi con cui le imprese del settore energetico si devono confrontare, come l Ires, la cd. Robin Hood Tax, l Irap, l Iva, le accise, i dazi doganali, l ICI e le cd. imposte sull inquinamento. - L'imposizione sui redditi delle società del settore energetico: La Robin Hood Tax - Irap e aziende del mercato dell energia - L'Iva negli scambi di energia elettrica e di gas - Le accise - I profili doganali dell'importazione di energia elettrica e di gas - L'obbligo di comunicazione dei dati catastali dei clienti finali - Tassa sull emissione di SO2 e NOx - L ICI sulle centrali elettriche - Regime fiscale dei contratti derivati dell'energia: OTC e mercati strutturati - Regime fiscale degli scambi certificati verdi e CO2 - Regime fiscale degli interconnector virtuali - Regime fiscale dei contratti di tolling Verranno forniti durante il corso.

12 ING1 Ingegneria dell Energia Elettrica A LBERTO B ERIZZI - Politecnico di Milano - Il corso intende offrire una visione sintetica ed operativa dei più importanti elementi tecnici che costituiscono un bagaglio indispensabile per operare sul mercato dell energia elettrica. Saranno presentate le nozioni fondamentali relative alla generazione dell energia elettrica nelle centrali elettriche, con particolare riferimento agli impianti idroelettrici e termoelettrici, al trasporto e alla distribuzione dell energia elettrica. Particolare cura sarà dedicata alla spiegazione delle ragioni per cui nascono le congestioni di rete e per cui sono necessari i servizi di dispacciamento, che costituiscono due aspetti peculiari ed economicamente rilevanti - del mercato elettrico. Principi di elettrotecnica e caratteristiche dell energia elettrica. Statistiche sulla produzione, trasmissione e distribuzione dell energia elettrica. Generazione dell energia elettrica: centrali idroelettriche e termoelettriche: caratteristiche tecniche e impatto sull esercizio delle reti elettriche. Trasmissione dell energia elettrica: caratteristiche delle reti, flussi di potenza nelle reti, congestioni di rete e loro impatto sul mercato elettrico zonale, modalità di controllo dei flussi di potenza. Regolazioni di frequenza e delle tensioni. Economia della produzione: costi di produzione, costi marginali, costi medi. Modalità di ottimizzazione della produzione. Servizi di dispacciamento: caratteristiche tecniche dinamiche degli impianti e delle reti. - Slides del docente - S.Stoft: Power systems economics: Designing markets of Electricity. IEEE Press, New York, USA (2002). - A.J.Wood, B.F.Wollenberg: Power generation, operation and control. John Wiley & Sons, New York, USA (1996).

13 ING2 Ingegneria delle Energie Fossili: Petrolio D AVIDE T ABARELLI - Nomisma Energia - Scopo del modulo è quello di descrivere l intera filiera del petrolio dalla fase esplorativa al consumo finale dei diversi prodotti ottenuti dalla raffinazione. L analisi riguarderà i punti critici dove si creano discontinuità della catena integrata che hanno portato a negoziazioni fra controparti distinte e alla creazione di mercati spot. Verranno evidenziati gli aspetti critici dell industria, in particolare l alta intensità di capitale della fase a monte, la centralità del trasporto e la complessità della raffinazione. Verrà discussa l esperienza italiana quale uno dei principali centri di raffinazione. I principali fattori che vanno a definire la domanda finale di prodotti verranno analizzati, in particolare relativamente ai consumi di carburanti nel settore dei trasporti, con lo scopo di disegnare scenari futuri a lungo termine. Il tutto verrà condotto soffermandosi sugli sviluppi tecnologici più interessanti che hanno permesso di ridurre i costi, di sfruttare le economie di scala e di affrontare le nuove sfide ambientali. Alle forme di negoziazione del petrolio e alla raffinazione verrà dedicata particolare attenzione. La fase a monte - Esplorazione di petrolio e accenni di geologia; Aspetti economici relativi alla fase esplorativa; Riserve, risorse e capacità produttiva di greggio; Dislocazione delle riserve mondiali di greggio. Aspetti qualitativi - Il problema dei greggi pesanti; Principali parametri qualitativi; Le diverse qualità e differenziali di prezzo I contratti del greggio - Breve storia delle forme di fissazione dei prezzi del greggio; Attuale metodologia di fissazione dei prezzi; Centralità di Brent, WTI e Dubai; Prezzi spot e prezzi a consegna differita (forward); La crescita dei contratti a termine (futures) L industria di raffinazione - La raffinazione del petrolio greggio; Accenni alla chimica del petrolio; Tipologie impiantistiche ed economia della raffinazione; L industria italiana della raffinazione: Calcolo dei margini di raffinazione. Distribuzione e mercati finali - Distribuzione dei carburanti e degli altri prodotti; Margini di distribuzione sulle vendite. Gli scenari futuri - Scenari futuri di domanda di carburanti; Le nuove tecnologie nella fase a monte per i greggi pesanti Yergin D., Il premio. L epica storia della corsa al petrolio, Sperling & Kupfer Editori, 1995 ClòA.,Interdipendenzaeinstabilitàdell oligopoliopetrolifero,cuslbologna,1990

14 ING3 Ingegneria delle Energie Fossili: Gas A LESSANDRO B IANCHI - Nomisma Energia - Il modulo si propone di presentare gli aspetti principali della filiera del gas naturale: produzione, trasporto, stoccaggio, distribuzione e vendita. Si fornirà un ampia visione del mercato mondiale del gas naturale, con particolare attenzione per il mercato europeo e nazionale. L analisi verrà condotta anche prospetticamente per cogliere i trend evolutivi di mercato nel lungo periodo. Inoltre, non si trascurerà, per le diverse fasi, l aspetto regolatorio e normativo, con gli impatti economici sulla filiera nazionale. Esplorazione e produzione del gas naturale (GN) Scenari di produzione Trasporto del GN via tubo La filiera del GN Liquefatto L importazione di GN in Italia: aspetti normativi Scenari europei di commercio internazionale del GN La rete di metanodotti italiana La rete di trasporto del GN in Europa Procedure e tariffe della rigassificazione in Italia Lo stoccaggio del GN Tariffe di stoccaggio in Italia HUB e Market Center negli USA e in Europa La distribuzione del gas La vendita: aspetti normativi e regolatori - Raccolta di articoli e capitoli di libri a cura del docente.

15 ING4 - Ingegneria delle Fonti Energetiche Rinnovabili M ARCO M ERLO M AURIZIO D ELFANTI - Politecnico di Milano - Il modulo presenta sinteticamente il panorama mondiale in termini di fabbisogno energetico, con riferimento alla produzione/trasmissione/utilizzazione di energia elettrica; richiama le principali caratteristiche che differenziano tale commodity da altre di uso comune (in particolare confrontando la rete elettrica con la rete dati, fonia mobile, ecc.). Tale introduzione è propedeutica ad una descrizione delle principali tecnologie per lo sfruttamento delle fonti rinnovabili, a chiarirne il peso, attuale e/o prospettico, nella copertura del fabbisogno energetico, e l impatto legato alla necessità di operare in un sistema regolato, e su infrastrutture condivise, come appunto le rete elettriche. Nell ambito del corso viene approfondita la presentazione delle risorse fotovoltaiche ed eoliche, con diretto riferimento alla normativa nazionale (e confronti anche all ambito internazionale) specialmente in termini di normativa per la connessione alla rete elettrica. - Panorama internazionale per la produzione di energia elettrica. - Connessione alla rete di utenze attive: partecipazione ai servizi ancillari. - Fonti Energetiche Rinnovabili: -Idroelettrico / Mini-idroelettrico -Eolico / micro-eolico -Fotovoltaico -Biomasse / Biogas -Geotermia / Geotermia a bassa Entalpia -Moto Ondoso / Maree - Dettaglio sulla tecnologica di conversione dell energia Eolica e sulla normativa per la connessione alla rete. - Dettaglio sulla tecnologica Fotovoltaica e sulla normativa per la connessione alla rete. - Cenni alla produzione di energia elettrica sulla reti a tensione minore: Smart Grids. - Raccolta di articoli e capitoli di libri a cura del docente. - Raccolta di siti Web (agenzie internazionali, operatori di rete elettrica, Autorità di regolazione) a cura del docente. - Norma CEI Norma CEI Norma CEI 0-16.

16 MAT1 Statistica e Analisi dei Dati L AURA M ARIA S ANGALLI -SIMONE V ANTINI - Politecnico di Milano - Obiettivi del corso sono: introduzione alle tecniche e procedure per la descrizione sintetica e grafica delle informazioni fornite da insiemi di dati; introduzione ai metodi e agli strumenti dell inferenza statistica. La trattazione di ciascun argomento del programma avverrà tramite: la presentazione dei concetti teorici fondamentali sottostanti le metodologie introdotte; l utilizzo delle stesse metodologie per l'analisi statistica di insiemi di dati reali di natura economico-finanziaria mediante l utilizzo di Microsoft Excel. Statistica descrittiva. Popolazione e campioni casuali. Tabelle e rappresentazioni grafiche di distribuzioni di frequenza. Indici di posizione: media, moda, mediana, quantili campionari. Indici di dispersione: varianza campionaria e scarto interquantile. Istogrammi. Box-Plot. Statistica Inferenziale (stima puntuale). Il problema della stima puntuale di un parametro. Stima e stimatori: distorsione, errore quadratico medio, efficienza relativa. Statistica Inferenziale (verifica delle ipotesi e stima intervallare). Stima intervallare. Confidenza ed errore di stima. Criteri di decisione per la scelta tra due ipotesi. Errori di I e II tipo. Test: regione di rifiuto, livello e funzione potenza. Potenza e dimensione campionaria. Valori p. Inferenza per una popolazione. Test t e intervalli di confidenza (IC) per la media di una distribuzione normale. Test chi-quadrato e IC per la varianza di una distribuzione normale. Test z e IC per la media di una distribuzione. Test e IC su una proporzione. Inferenza per il confronto tra due popolazioni (campioni indipendenti). Test t per il confronto tra due medie di due distribuzioni normali (ANOVA per due gruppi). Test F di confronto tra due varianze di due distribuzioni normali. Test z e IC per il confronto tra due medie. Test e IC per il confronto di due proporzioni. - Montgomery, D.C., Runger, G.C. e Hubele N.F. (2004). Statistica per Ingegneria. Egea, Milano. - Ross, S.M. (2003). Probabilità e statistica per l'ingegneria e le scienze. Apogeo, Milano.

17 MAT2 - Metodi Stocastici per la Finanza P IERCESARE S ECCHI - M ARCO F UHRMAN - Politecnico di Milano - Il corso si propone l'obiettivo di fornire gli strumenti probabilistici fondamentali per la comprensione, lo sviluppo e l'utilizzo di modelli statici e dinamici utilizzati presso i trading floor dei principali operatori nei settori finanziari ed energetici. - Richiami di calcolo delle probabilità: variabili aleatorie, distribuzioni, valori attesi condizionati. - Processi stocastici a tempo discreto. Filtrazioni e tempi di arresto. Martingale e teorema di arresto opzionale. - Moto browniano. Integrale stocastico di Ito. Equazioni differenziali stocastiche. Relazione dei processi stocastici con le equazioni a derivate parziali. Teorema di Girsanov. Modello di Black-Scholes. - T. Mikosch, Elementary Stochastic Calculus with Finance in View. World Scientific, S. Ross, Stochastic Processes. 2nd edition, Wiley (Capitoli 1 e 6).

18 MAT3 Programmazione in Matlab E DIE MIGLIO - Politecnico di Milano - Il corso si propone come obiettivo quello di introdurre i fondamenti della programmazione Matlab e l implementazione di algoritmi di calcolo comunemente impiegati in ambito finanziario: in particolare verranno trattati gli alberi binomiali e verranno introdotte le idee di base del metodo Monte Carlo. - Introduzione a Matlab; - Trattamento di vettori e matrici; - Grafica 2D e 3D con Matlab; - Function e script; - Esempio di applicazione: valutazione di una opzione con albero binomiale; - Introduzione al metodo Monte Carlo; - Esempi di metodo Monte Carlo in Matlab. - Note a cura dei docenti - Dispense Matlab reperibili al seguente indirizzo:

19 MAT4 Implementazione di Modelli DANIELE MARAZZINA - Politecnico di Milano - Il corso intende offrire una panoramica dei principali metodi numerici utilizzati in finanza. In particolare, dopo una rapidissima introduzione alle simulazioni Montecarlo e agli alberi binomiali e trinomiali, saranno affrontati vari case-study in cui la problematica finanziaria viene risolta mediante opportune tecniche numeriche. Tutti i modelli presentati verranno inoltre implementati in MATLAB. - simulare il payoff di un basket e spark-spread e stimarne il prezzo - stimare il prezzo di opzioni path-dependent (Asian-style) - simulazioni MC di processi (con e senza salti, curve) - simulazioni MC di processi a code spesse (modello di Merton) - incorporare le informazioni di mercato (mean reversion, curve forward, volatilità storica) - calcolare la probabilità di perdita e il VAR (statico e dinamico) - Articoli segnalati a lezione - Brandimarte, Numerical Methods in Finance and Economics: a MATLAB-based Introduction, John Wiley & Sons - Fusai & Roncoroni, Implementing Models in Quantitative Finance: Methods and Cases, Sprinter-Verlag

20 MAT5 Econometria Finanziaria R OCCO M OSCONI - Politecnico di Milano Il corso intende offrire una visione sintetica ed operativa dei più importanti strumenti statistici impiegati in econometria, con particolare enfasi su quelli di maggiore interesse in ambito finanziario. In particolare varrano discussi il modello di regressione lineare e i metodi di analisi delle serie storiche. Infine verrà anche fornito un panorama dei più recenti metodi econometrici utili per l'analisi dei dati finanziari. Tali metodi sono ormai divenuti patrimonio comune di tutti i centri dove si gestiscono prodotti finanziari e si valutano i problemi di copertura dal rischio insito nell'andamento dei loro prezzi e della loro volatilità. - Il modello di regressione multipla sotto le ipotesi classiche: stima, tesi, previsione. Violazione delle ipotesi: multicollinearità, analisi della forma funzionale, eteroschedasticità, correlazione seriale. - Analisi delle serie storiche: Processi stocastici e loro proprietà. Modelli AR, MA e ARMA. Previsione di serie storiche economiche. - Econometria della finanza: Studio delle caratteristiche e delle regolarità empiriche dei prezzi e dei rendimenti delle attività finanziarie in un'ottica "time series" (Modellistica ARCH e GARCH). Valutazione empirica delle principali teorie sul comportamento degli agenti economici e sui meccanismi di formazione dei prezzi (Modelli di equilibrio, CAPM, Econometria della frontiera efficiente, Econometria dei derivati). - Raccolta di articoli e capitoli di libri a cura del docente. - Greene W.H, Econometric Analysis, 5 th edition. - Campbell J.Y., Lo A.W., McKinlay A.C., The Econometrics of Financial Markets.

21 ENE1 Mercati Spot di Elettricità C OSIMO C AMPIDOGLIO - Gestore dei Mercati Energetici (GME) - Il corso intende offrire una visione complessiva delle problematiche di organizzazione e funzionamento dei mercati elettrici wholesale, a partire dai vincoli tecnico-economici di funzionamento delle attività di generazione e dispacciamento dell energia, alle possibili soluzioni di market design e ai relativi trade-off semplicità-efficienza della microstruttura, ai problemi di potere di mercato. Particolare attenzione è posta all organizzazione complessiva del settore elettrico in Italia e della borsa del GME, con particolare riferimento sugli esiti delle contrattazioni di borsa nei primi cinque anni di operatività. A. Aspetti tecnici ed economici del settore elettrico: Domanda come vincolo di volatilità, inelasticità, non escludibilità, load profile. Generazione come concorrenza limitata: non immagazzinabilità, capacità come bene pubblico, economie di scala e di diversificazione, rendimenti crescenti di industria - Dispacciamento come monopolio naturale: esternalità di rete, riserva, bilanciamento - Prezzi ottimi dell energia: i prezzi nodali - Trasmissione, Distribuzione, Vendita: cenni B. Microstruttura del mercato elettrico - Elementi necessari alla liberalizzazione: ISO, open access, spot market - Microstruttura dei mercati elettrici - Modalità di contrattazione: OTC vs contrattazione continua vs mercato d asta - Regola di prezzo: MCP vs PAB, prezzo unico vs prezzi zonali - Organizzazione: Power pool vs power exchange - Interazione tra microstruttura e problematiche di settore - Recupero costi fissi, potere di mercato - Volatilità del prezzo: contratti fisici vs contratti finanziari C. Organizzazione del mercato elettrico in Italia - La liberalizzazione del settore: dl Bersani - L organizzazione della borsa elettrica: disciplina del mercato elettrico del GME; - Esiti di contrattazione di borsa: Relazioni annuali e rapporti mensili del GME Relazione annuale dell AEEG Raccolta lucidi delle lezioni distribuiti a cura dei docenti.

I Corsi di Formazione

I Corsi di Formazione I Corsi di Formazione Borsa Italiana Spa Piazza degli Affari, 6 20123 MI www.borsaitaliana.it Strumenti derivati per la gestione del rischio nel mercato dell energia: modelli di pricing e strategie di

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo I CENNI GENERALI SUI MERCATI A TERMINE (di Davide Mare e Alessandro Fiorini) I. MERCATI A TERMINE II. STRUMENTI DERIVATI

SOMMARIO. Capitolo I CENNI GENERALI SUI MERCATI A TERMINE (di Davide Mare e Alessandro Fiorini) I. MERCATI A TERMINE II. STRUMENTI DERIVATI SOMMARIO Capitolo I CENNI GENERALI SUI MERCATI A TERMINE (di Davide Mare e Alessandro Fiorini) I. MERCATI A TERMINE 1. Introduzione... 3 2. Caratteristiche istituzionali e funzionamento dei mercati...

Dettagli

Corso di Alta Formazione in Energy Finance, Renewables & Commodity Trading. 4 a EDIZIONE

Corso di Alta Formazione in Energy Finance, Renewables & Commodity Trading. 4 a EDIZIONE Corso di Alta Formazione in Energy Finance, Renewables & Commodity Trading 4 a EDIZIONE MILANO MARZO - LUGLIO 2009 Corso di Alta Formazione in Energy Finance, Renewables & Commodity Trading 4 Corso di

Dettagli

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Prof. Fabio Bellini fabio.bellini@unimib.it Università di Milano Bicocca Dipartimento di Metodi Quantitativi www.dimequant.unimib.it

Dettagli

TRADING DI COMMODITY E PRODOTTI DERIVATI NEI MERCATI DELL'ENERGIA E NEL MERCATO ELETTRICO ITALIANO

TRADING DI COMMODITY E PRODOTTI DERIVATI NEI MERCATI DELL'ENERGIA E NEL MERCATO ELETTRICO ITALIANO AREA FINANZA MERCATO: I CORSI DI FORMAZIONE TRADING DI COMMODITY E PRODOTTI DERIVATI NEI MERCATI DELL'ENERGIA E NEL MERCATO ELETTRICO ITALIANO terza edizione Milano, 11 e 12 aprile 2005 Congress and Training

Dettagli

Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa. 1 a EDIZIONE

Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa. 1 a EDIZIONE Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa 1 a EDIZIONE MILANO NOVEMBRE 2010 - APRILE 2011 Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa NOVEMBRE 2010 - APRILE 2011 Corso di Alta Formazione in

Dettagli

TRADING DI COMMODITY E PRODOTTI DERIVATI NEI MERCATI DELL'ENERGIA E NEL MERCATO ELETTRICO ITALIANO

TRADING DI COMMODITY E PRODOTTI DERIVATI NEI MERCATI DELL'ENERGIA E NEL MERCATO ELETTRICO ITALIANO AREA FINANZA MERCATO: I CORSI DI FORMAZIONE TRADING DI COMMODITY E PRODOTTI DERIVATI NEI MERCATI DELL'ENERGIA E NEL MERCATO ELETTRICO ITALIANO quarta edizione Milano, 22 e 23 giugno 2005 Palazzo Affari

Dettagli

Energy Derivatives ENERGY FUTURES ENERGY SWAPS ENERGY OPTIONS

Energy Derivatives ENERGY FUTURES ENERGY SWAPS ENERGY OPTIONS CORSO Come valutare le diverse tipologie di Derivati e impostare una corretta gestione dei rischi per operare in sicurezza nel mercato energetico Energy Derivatives ENERGY FUTURES ENERGY SWAPS ENERGY OPTIONS

Dettagli

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Roma, 27 giugno 2013 Contenuti Nozioni sulla filiera elettrica Il servizio di dispacciamento e l integrazione con la borsa elettrica Il modello

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Prefazione XV Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Capitolo 2 Il mercato delle opzioni azionarie 11 2.1 Le opzioni sui singoli titoli azionari 11 2.2 Il mercato telematico delle

Dettagli

MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI. Calcolo del fair value e misurazione dei rischi

MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI. Calcolo del fair value e misurazione dei rischi Corso tecnico - pratico MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI Calcolo del fair value e misurazione dei rischi Modulo 1 (base): 22-23 aprile 2015 Modulo 2 (avanzato):

Dettagli

Corso di Alta Formazione in Energy Finance

Corso di Alta Formazione in Energy Finance Corso di Alta Formazione in Energy Finance Conventional and Renewable Sources, Commodity Trading, and Risk Management 5 a EDIZIONE MILANO MARZO - LUGLIO 2010 Corso di Alta Formazione in Energy Finance

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT PERCORSI EXECUTIVE FINANZA QUANTITATIVA

POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT PERCORSI EXECUTIVE FINANZA QUANTITATIVA POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT PERCORSI EXECUTIVE FINANZA QUANTITATIVA 3 EDIZIONE NOVEMBRE 2012 MAGGIO 2013 PERCORSI EXECUTIVE - FINANZA QUANTITATIVA CONTESTO FORMATIVO A seguito del processo

Dettagli

Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa

Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa 2 a EDIZIONE MILANO NOVEMBRE 2011 - MAGGIO 2012 In collaborazione con Corso di Alta Formazione in Finanza Quantitativa NOVEMBRE 2011 - MAGGIO 2012 orso

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

Edison. Cambia l energia.

Edison. Cambia l energia. Edison Trading Ricavi di Vendita mln di euro Potenza installata* Gw Quota di produzione energia elettrica su tot. Italia Vendite energia elettrica Italia twh 8.867 12,3 15% 60,4 Vendite idrocarburi italia

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA

GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA GLI STRUMENTI FINANZIARI PER LA COPERTURA DEL RISCHIO DI PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA Stefano Alaimo Convegno LRA Energy Trading e Risk Management Milano, 15 febbraio 2002 Indice Alcune implicazioni della

Dettagli

La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti

La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti Corso tecnico e pratico La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti Calcolo delle expected losses e del credit VaR Valutazione di congruità degli spread contrattuali

Dettagli

Corso di alta Formazione in EnErgy FinanCE

Corso di alta Formazione in EnErgy FinanCE Corso di alta Formazione in EnErgy FinanCE Fonti Energetiche Convenzionali e rinnovabili, negoziazione di Commodity, allocazione di Portafoglio e gestione del rischio 6 a EdizionE Milano Marzo - luglio

Dettagli

Emissions Trading Esperienza di un grande Gruppo A2A. Milano, 22 aprile 2010

Emissions Trading Esperienza di un grande Gruppo A2A. Milano, 22 aprile 2010 Emissions Trading Esperienza di un grande Gruppo A2A Milano, 22 aprile 2010 Agenda - 1 A2A, mercati ambientali ed Emissions Trading Un giorno al mercato This information was prepared by A2A and it is not

Dettagli

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 Indice Prefazione Introduzione XIII XV Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 1.1 Definizione e tipologie di investimento 1 1.1.1 Caratteristiche degli investimenti produttivi 3 1.1.2 Caratteristiche

Dettagli

Metodologia per la gestione del rischio. Energy Risk, Italy

Metodologia per la gestione del rischio. Energy Risk, Italy Metodologia per la gestione del rischio Energy Risk, Italy Frank Peper, ifs Italia Metodologia per la gestione del rischio I take this evanescence and lubricity of all objects, which lets them slip through

Dettagli

Mercato elettrico italiano: spot versus forward Opportunità e rischi nelle dinamiche di prezzo di un mercato in sviluppo

Mercato elettrico italiano: spot versus forward Opportunità e rischi nelle dinamiche di prezzo di un mercato in sviluppo Mercato elettrico italiano: spot versus forward Opportunità e rischi nelle dinamiche di prezzo di un mercato in sviluppo Analisi di Stefano Fiorenzani e Samuele Ravelli A cura di Silvia Berri Le recenti

Dettagli

Corso di Risk Management S

Corso di Risk Management S Corso di Risk Management S Marco Bee marco.bee@economia.unitn.it Dipartimento di Economia Università di Trento Anno Accademico 2007-2008 Struttura del corso Il corso può essere suddiviso come segue: 1.

Dettagli

Trading e gestione del rischio nei mercati dell energia

Trading e gestione del rischio nei mercati dell energia Trading e gestione del rischio nei mercati dell energia Milano, 16 e 17 aprile 2014 Un corso per approfondire le conoscenze in materia di energy trading Academy Gli strumenti della formazione Metodologia

Dettagli

Indice Generale. Introduzione Concetti di energia 1 Le transizioni energetiche 4 Obiettivi del libro 7 Struttura 8

Indice Generale. Introduzione Concetti di energia 1 Le transizioni energetiche 4 Obiettivi del libro 7 Struttura 8 Indice Generale Indice delle figure Indice delle tabelle XVIII XXI Introduzione Concetti di energia 1 Le transizioni energetiche 4 Obiettivi del libro 7 Struttura 8 Capitolo 1: Il sistema energetico 1.1

Dettagli

IL MERCATO ELETTRICO:STRUTTURA, MECCANISMI E FORMAZIONE DEL PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA

IL MERCATO ELETTRICO:STRUTTURA, MECCANISMI E FORMAZIONE DEL PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA IL MERCATO ELETTRICO:STRUTTURA, MECCANISMI E FORMAZIONE DEL PREZZO DELL ENERGIA ELETTRICA I Mercati Finanziari dell Energia FRANCESCO BERTUSI Università degli Studi di Ferrara, 29 Giugno 2011 COMMODITY

Dettagli

Tavolo di Lavoro e Confronto Il rischio di prezzo delle materie prime: come

Tavolo di Lavoro e Confronto Il rischio di prezzo delle materie prime: come Tavolo di Lavoro e Confronto Il rischio di prezzo delle materie prime: come misurarlo e gestirlo Introduzione di: Maurizio Belli ed Emanuele Facile - Financial Innovations Udine, 31 maggio 2012 AGENDA

Dettagli

2 a Conferenza Nazionale su Chimica e Energia

2 a Conferenza Nazionale su Chimica e Energia 2 a Conferenza Nazionale su Chimica e Energia EU-ETS: Le esperienze nelle transazioni come incentivo finanziario per l industria chimica 11 Ottobre 2011, Federchimica Guido Busato, Managing Director P.

Dettagli

Indice Introduzione all economia del mercato mobiliare Il lessico dei mercati mobiliari

Indice Introduzione all economia del mercato mobiliare Il lessico dei mercati mobiliari Indice Pag. 1. Introduzione all economia del mercato mobiliare 1 Antonio Fasano 1.1 Il sistema finanziario e il mercato mobiliare 1 1.1.1 Gli strumenti finanziari 2 1.1.2 Gli intermediari finanziari 4

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA

SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 1 SOCIETA GROSSISTA PER LA VENDITA DI ENERGIA 2 1. Chi è è una nuova società di commercializzazione del gas e dell energia elettrica nata a Pordenone, ma presente su tutto il nord Italia. Il capitale sociale

Dettagli

Modellistica e simulazione ad agente dei mercati liberi dell'energia elettrica

Modellistica e simulazione ad agente dei mercati liberi dell'energia elettrica Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Modellistica e simulazione ad agente dei mercati liberi dell'energia elettrica Candidato: Luigi Mauro Benvenuto

Dettagli

Metodi Quantitativi per la Finanza

Metodi Quantitativi per la Finanza Metodi Quantitativi per la Finanza Metodi Quantitativi per la Finanza http://www.economia.unimi.it/finance S.M. Iacus Ricevimento: Gio 9:00-12:00, III Piano DEAS stefano.iacus@unimi.it Programma del corso

Dettagli

Da quest anno: Sistema Elettrico e Mercato dell Energia è un corso del tutto indipendente

Da quest anno: Sistema Elettrico e Mercato dell Energia è un corso del tutto indipendente Sistema elettrico e mercato dell energia (Introduzione al Corso) Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale, 6cfu Anni scorsi: Analisi Tecnico Economica del Sistema Elettrico (12 cfu) si componeva di due

Dettagli

GAS TRADING. Come gestire il portafoglio e approfondire le tecniche del. Iscriviti ora! 02.83847627 iscrizioni@iir-italy.it www.iir-italy.

GAS TRADING. Come gestire il portafoglio e approfondire le tecniche del. Iscriviti ora! 02.83847627 iscrizioni@iir-italy.it www.iir-italy. NUOVO CORSO Come gestire il portafoglio e approfondire le tecniche del SPECIALE: 2 case study di successo di Trading e Portfolio management Docenti delle 2 giornate: 2 giornate esclusive per: Comprendere

Dettagli

STRATEGIE ANZIENDALI DI GESTIONE DELLE QUOTE EUA/CER

STRATEGIE ANZIENDALI DI GESTIONE DELLE QUOTE EUA/CER STRATEGIE ANZIENDALI DI GESTIONE DELLE QUOTE EUA/CER OBIETTIVI Presentare il mercato della CO2 e la sua evoluzione e introdurre agli strumenti per gestire, valorizzare e ridurre il maggior costo del portafoglio

Dettagli

ESPERTO NEL SETTORE ENERGETICO

ESPERTO NEL SETTORE ENERGETICO Partecipanti 15 Requisiti Figura professionale ESPERTO NEL SETTORE ENERGETICO Stato di disoccupazione/inoccupazione; Età compresa tra i 21 e i 34 anni Laurea triennale e/o magistrale Esperto nel settore

Dettagli

Relazione sull Attività Scientifica e Didattica

Relazione sull Attività Scientifica e Didattica Dott. Roberto Monte, Ricercatore di Matematica per le Scienze Economiche e Sociali, Settore SECS-S/06, Dipartimento di Studi Economico-Finanziari e Metodi Quantitativi, Facoltà di Economia, Università

Dettagli

IL CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA FINASS NELL'AMBITO DELLE ULTERIORI ATTIVITA' FORMATIVE HA ORGANIZZATO I SEGUENTI CORSI A.A.

IL CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA FINASS NELL'AMBITO DELLE ULTERIORI ATTIVITA' FORMATIVE HA ORGANIZZATO I SEGUENTI CORSI A.A. IL CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA FINASS NELL'AMBITO DELLE ULTERIORI ATTIVITA' FORMATIVE HA ORGANIZZATO I SEGUENTI CORSI A.A. 2013-14 PERCORSO FINANZA 1. Banche, Liquidità e Mercato dei Tassi di Interesse.

Dettagli

The Adam Smith Society Regulatory Lectures 2003: Mercati dell energia e mercati finanziari

The Adam Smith Society Regulatory Lectures 2003: Mercati dell energia e mercati finanziari The Adam Smith Society Regulatory Lectures 2003: Mercati dell energia e mercati finanziari Fulvio Conti Direttore Amministrazione Finanza e Controllo, ENEL Milano, 24 Febbraio 2003 Contenuti Situazione

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Fondamentali, prezzi, mercati, flussi transfrontalieri Stefano Verde Responsabile Mercato Energia Elettrica Università degli Studi di Ferrara 1 I fondamentali

Dettagli

Laurea Magistrale in Electronics and Communications Engineering, 6cfu

Laurea Magistrale in Electronics and Communications Engineering, 6cfu Sistema elettrico e mercato dell energia (Introduzione al Corso) Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale, 6cfu Electric system and energy market Laurea Magistrale in Electronics and Communications Engineering,

Dettagli

Energy Risk Management

Energy Risk Management QUALITY ENERGY SOLUTIONS Energy Risk Management Rischi e opportunità della liberalizzazione del mercato dell'energia: l'attività di Energy Risk Management Attila Tarocchi Milano, 23 gennaio 2003 Indice

Dettagli

Università degli studi di Genova

Università degli studi di Genova Università degli studi di Genova Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Tesi di laurea STUDIO ED IMPLEMENTAZIONE DI MODELLI MATEMATICI NELLA GESTIONE BANCARIA: METODOLOGIE DI PRICING

Dettagli

"La valutazione degli investimenti nel settore delle energie rinnovabili: dal business plan alla bancabilità dei progetti"

La valutazione degli investimenti nel settore delle energie rinnovabili: dal business plan alla bancabilità dei progetti In collaborazione con la Commissione Finanza e Controllo di Gestione Ciclo di Incontri Finanza e gestione per le imprese lombarde degli anni 10 Terzo Seminario ENERGIA E SOSTEGNO FINANZIARIO AGLI INVESTIMENTI

Dettagli

Come gestire il portafoglio e approfondire le Tecniche di. Milano, Atahotel Executive 21 e 22 aprile 2015

Come gestire il portafoglio e approfondire le Tecniche di. Milano, Atahotel Executive 21 e 22 aprile 2015 CORSO AGGIORNATO Come gestire il portafoglio e approfondire le Tecniche di WHAT S NEW: come cambieranno le attività del Trader con l attuazione del Network Code Balancing 4 Docenti: Angela Martella, AXPO

Dettagli

Via Vittor Pisani 12 20124 Milano Tel. +39 02 36599910 - Fax. - +39 02 36636390 COMPLIANCE CO2

Via Vittor Pisani 12 20124 Milano Tel. +39 02 36599910 - Fax. - +39 02 36636390 COMPLIANCE CO2 Via Vittor Pisani 12 20124 Milano Tel. +39 02 36599910 - Fax. - +39 02 36636390 COMPLIANCE CO2 icasco IT S YOUR DESK PROFILO icasco è una delle società leader in Italia per il trading dei crediti ambientali.

Dettagli

GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO

GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO DEFINIZIONE DEI RISCHI L esigenza per le Corporate di ricorrere ad un adeguato processo di gestione dei rischi finanziari di mercato (Corporate Financial

Dettagli

Via Vittor Pisani 12 20124 Milano Tel. +39 02 36599910 - Fax. - +39 02 36636390 COMPLIANCE TEE

Via Vittor Pisani 12 20124 Milano Tel. +39 02 36599910 - Fax. - +39 02 36636390 COMPLIANCE TEE Via Vittor Pisani 12 20124 Milano Tel. +39 02 36599910 - Fax. - +39 02 36636390 COMPLIANCE TEE SERVIZI GRATUITI icasco offre gratuitamente a tutti i Soggetti Obbligati la newsletter settimanale inews che

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT FINANZA QUANTITATIVA PERCORSI EXECUTIVE 4 EDIZIONE NOVEMBRE 2013 MAGGIO 2014

POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT FINANZA QUANTITATIVA PERCORSI EXECUTIVE 4 EDIZIONE NOVEMBRE 2013 MAGGIO 2014 POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT PERCORSI EXECUTIVE FINANZA QUANTITATIVA 4 EDIZIONE NOVEMBRE 2013 MAGGIO 2014 PERCORSI EXECUTIVE - FINANZA QUANTITATIVA CONTESTO FORMATIVO A seguito del processo

Dettagli

Via Vittor Pisani 12 20124 Milano Tel. +39 02 36599910 - Fax. - +39 02 36636390 TRADING DESK MULTICOMMODITY

Via Vittor Pisani 12 20124 Milano Tel. +39 02 36599910 - Fax. - +39 02 36636390 TRADING DESK MULTICOMMODITY Via Vittor Pisani 12 20124 Milano Tel. +39 02 36599910 - Fax. - +39 02 36636390 TRADING DESK MULTICOMMODITY PROFILO IT S YOUR DESK icasco è la società leader in Italia per il trading dei crediti ambientali.

Dettagli

Energie Convenzionali e Rinnovabili, Negoziazione e Allocazione di Commodity, Gestione del Rischio

Energie Convenzionali e Rinnovabili, Negoziazione e Allocazione di Commodity, Gestione del Rischio ENERGIA E FINANZA Energie Convenzionali e Rinnovabili, Negoziazione e Allocazione di Commodity, Gestione del Rischio DRAFT Corso di Alta Formazione e integrazione a Master Universitario PEGASO 7 a EDIZIONE

Dettagli

Il lancio, la gestione e la distribuzione di fondi alternativi

Il lancio, la gestione e la distribuzione di fondi alternativi Il lancio, la gestione e la distribuzione di fondi alternativi Hedge funds, fondi di private equity e fondi commodities: aspetti tecnici, regolamentari e fiscali I Edizione Presentazione Pur differenziandosi

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Vicenza, 6 luglio 2005 2 2 Contenuti Il mercato elettrico: il contesto normativo Il Gestore

Dettagli

Indice. Notazioni generali

Indice. Notazioni generali Indice Notazioni generali XIII 1 Derivati e arbitraggi 1 1.1 Opzioni 1 1.1.1 Finalità 3 1.1.2 Problemi 4 1.1.3 Leggi di capitalizzazione 4 1.1.4 Arbitraggi e formula di Put-Call Parity 5 1.2 Prezzo neutrale

Dettagli

La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF

La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF La costruzione di un portafoglio ed il ruolo degli ETF Prof. Elena Beccalli, Milano ETF DAY Milano, 24 ottobre 2013 Il problema dell'investitore Condizioni di incertezza: riferimento ai dati storici, ma

Dettagli

Jacopo Ceccatelli JC & Associati S.I.M. * S.p.A.

Jacopo Ceccatelli JC & Associati S.I.M. * S.p.A. I prodotti derivati: utilizzo proprio e improprio come strumento di gestione del rischio aziendale. Jacopo Ceccatelli JC & Associati S.I.M. * S.p.A. *In attesa di autorizzazione Indice degli argomenti

Dettagli

Pure Solutions, Sustainable Energy

Pure Solutions, Sustainable Energy Pure Solutions, Sustainable Energy Puraction supporta le aziende e le amministrazioni pubbliche che, per obbligo normativo o per libera scelta, vogliono ridurre l impatto ambientale delle loro attività,

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

G I A N L U C A C A S S E S E

G I A N L U C A C A S S E S E G I A N L U C A C A S S E S E DIPARTIMENTO DI STATISTICA Università Milano Bicocca U7-2081, via Bicocca degli Arcimboldi, 8, 20126 Milano - Italy DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI GENERALI: Luogo e data di

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Indice Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 L economia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi» 1 1.1 Premessa» 1 1.2 L esercizio semantico» 1 1.3 La collocazione della disciplina» 4 Bibliogra

Dettagli

Giuseppe Di Martino. CONTATTI e-mail: giuseppe.dimartino@unibocconi.it FORMAZIONE

Giuseppe Di Martino. CONTATTI e-mail: giuseppe.dimartino@unibocconi.it FORMAZIONE Giuseppe Di Martino CONTATTI e-mail: giuseppe.dimartino@unibocconi.it FORMAZIONE Aprile 2012, Università Statale degli Studi di Trieste Dottorato di Ricerca in Finanza Aziendale SECS-P/09 Titolo e Descrizione

Dettagli

Struttura dell industria liberalizzata

Struttura dell industria liberalizzata Struttura dell industria liberalizzata GENERATORI Sono aperte alla concorrenza le fasi di generazione e fornitura ai clienti finali. Le MERCATO ALL INGROSSO GME GRTN AU attività di trasmissione e distribuzione

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI RELAZIONE

ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI RELAZIONE ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI Doc. CXLI n. 2 RELAZIONE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS (Al 31 marzo 2007) (Articolo

Dettagli

Percorso didattico del Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici. secondo l European Qualification Framework - EQF

Percorso didattico del Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici. secondo l European Qualification Framework - EQF Percorso didattico del Tecnico Superiore per la gestione e la verifica di impianti energetici secondo l European Qualification Framework - EQF matrice EQF del Percorso in Risorse energetiche, valutazione

Dettagli

IL RUOLO DEL GROSSISTA NEL NUOVO SCENARIO DI BORSA DELL ENERGIA. Dr. Maurizio SARECCHIA

IL RUOLO DEL GROSSISTA NEL NUOVO SCENARIO DI BORSA DELL ENERGIA. Dr. Maurizio SARECCHIA IL RUOLO DEL GROSSISTA NEL NUOVO SCENARIO DI BORSA DELL ENERGIA Dr. Maurizio SARECCHIA SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL SETTORE L Acquirente Unico (AU): Acquista energia per i clienti vincolati Acquista prodotti

Dettagli

call europea viene esercitata, consentendo un guadagno pari a

call europea viene esercitata, consentendo un guadagno pari a INTRODUZIONE Un opzione è un contratto derivato che conferisce al proprio detentore il diritto di disporre del titolo sottostante ad esso. Più precisamente, l acquisto di un opzione call (put) conferisce

Dettagli

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI

LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI LA GESTIONE DEI RISCHI FINANZIARI Convegno Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Fabio Massoli, Corporate Treasury Sales Italy Vicenza, 26 ottobre 2011 L impatto dei rischi sul bilancio aziendale

Dettagli

Previsione BT dei prezzi MGP nazionale e zonali: Il progetto PriceCast in collaborazione con l Università di Verona

Previsione BT dei prezzi MGP nazionale e zonali: Il progetto PriceCast in collaborazione con l Università di Verona Previsione BT dei prezzi MGP nazionale e zonali: Il progetto PriceCast in collaborazione con l Università di Verona Fany Nan ifs Italia Università di Verona Mercati energetici e metodi quantitativi: un

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

La strada maestra per un Europa elettrica: fonti rinnovabili, smart grid ed efficienza energetica

La strada maestra per un Europa elettrica: fonti rinnovabili, smart grid ed efficienza energetica La strada maestra per un Europa elettrica: fonti rinnovabili, smart grid ed efficienza energetica Daniele Agostini Responsabile Regolamentazione wholesale markets, fonti rinnovabili ed efficienza energetica

Dettagli

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati

Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati LS FIME a.a. 2008-2009 2009 Teoria delle opzioni e Prodotti strutturati Giorgio Consigli giorgio.consigli@unibg.it Uff 258 ricevimento merc: 11.00-13.00 1 Programma 1. Mercato delle opzioni e contratti

Dettagli

ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024

ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024 ENERGY MANAGER QUALIFICATO ODC CHE OPERA AI SENSI UNI CEI EN ISO/IEC 17024 DURATA CORSO: 30 Ore CREDITI FORMATIVI PROFESSIONALI RILASCIATI DAL CORSO: PERITI AGRARI 15 CFP ARCHITETTI 15 CFP PERITI INDUSTRIALI

Dettagli

Roma 25.06.2013. L importanza dei Carbon Markets

Roma 25.06.2013. L importanza dei Carbon Markets Roma 25.06.2013 L importanza dei Carbon Markets Fine della prima fase di lancio delle energie rinnovabili Crescita selvaggia di impianti di produzione (overcapacity produttiva in Italia 30%; 40%) in gran

Dettagli

Percorso formativo su energia e mercato elettrico: organizzazione, caratteristiche e trading

Percorso formativo su energia e mercato elettrico: organizzazione, caratteristiche e trading Percorso formativo su energia e mercato elettrico: organizzazione, caratteristiche e trading Un percorso articolato in tre moduli distinti rivolti a junior, trader, analisti ed executive COMPETEN ZE E

Dettagli

LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI.

LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI. LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI. IL GRUPPO ERG UNA REALTÀ MULTIENERGY DA OLTRE 70 ANNI IL GRUPPO ERG È UN PUNTO DI RIFERIMENTO NEL MERCATO ENERGETICO ITALIANO Il Gruppo, dal 2002, si è articolato in

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

Politecnico di Milano

Politecnico di Milano Politecnico di Milano Statistica e Calcolo delle Probabilità prof. Cesare Svelto prof.sa Carla Cattaneo Corso integrato Corso 5+5 = 10 CFU in 2 moduli emisemestrali 1 modulo Statistica 2 modulo Calcolo

Dettagli

Analisi fondamentale dei mercati. Lezione 1

Analisi fondamentale dei mercati. Lezione 1 Analisi fondamentale dei mercati Lezione 1 Definizione di commodity Il termine commodity indica ogni materiale di base (prodotti agricoli, minerari, energetici, ecc.) con caratteristiche di elevata standardizzazione

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEL CORSO

LE CARATTERISTICHE DEL CORSO LE CARATTERISTICHE DEL CORSO Obiettivo dei corsi è fornire opportunità di specializzazione nel campo della green economy, proprie di figure professionali nei settori dell'ingegneria, dell'architettura

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets SeDeX, MOT ed EuroMOT Mauro Giangrande Borsa Italiana Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 2 Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 3 Mercato SeDeX SeDeX: il mercato telematico dei securitised derivatives SeDeX è il mercato

Dettagli

Riassunto 24 Parole chiave 24 Commenti e curiosità 25 Esercizi 27 Appendice

Riassunto 24 Parole chiave 24 Commenti e curiosità 25 Esercizi 27 Appendice cap 0 Romane - def_layout 1 12/06/12 07.51 Pagina V Prefazione xiii Capitolo 1 Nozioni introduttive 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Cenni storici sullo sviluppo della Statistica 2 1.3 La Statistica nelle scienze

Dettagli

- Corporate l ment -

- Corporate l ment - Enrico Paracchini - Corporate Financial Piccola Industria Risk Management Genova - 11 Introduzione Aspetti teorici: Le transazioni vs l estero e il rischio finanziario (cambio) Corporate Financial Risk

Dettagli

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo

Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo Consumi Energetici nelle aziende: Conoscenza Razionalizzazione Interventi di Efficientamento Monitoraggio Continuo GREEN ENERGY PLUS S.R.L. Via della Ricerca Scientifica snc c/o Parco Scientifico Romano

Dettagli

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA RASSEGNA BIBLIOGRAFICA Recensione del volume: The Microstructure of Financial Markets F. DE JONG E B. RINDI Cambridge University Press, 2009 a cura di Emilio Barucci * Politecnico di Milano Il libro di

Dettagli

136000 Euro (dichiarata all'atto della domanda)

136000 Euro (dichiarata all'atto della domanda) MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA PROGRAMMI DI RICERCA ANNO 2003 COMPITI E SUDDIVISIONE DELLE UNITÀ DI RICERCA Dipartimento Affari Economici Coordinatore LORENZO PECCATI Titolo

Dettagli

Energia e ambiente: le fonti rinnovabili

Energia e ambiente: le fonti rinnovabili Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA UNDICESIMA SETTIMANA Energia e ambiente: le fonti rinnovabili Premesse (1) DEFINIZIONE di esternalità:

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife,

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri

Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri Gianfilippo Mancini Divisione Generazione, Energy Management e Mercato Italia Convegno Assocarboni 28 marzo 2014 Evoluzione domanda e parco Italia

Dettagli

FINANCE PERCORSO EXECUTIVE IN FINANZA QUANTITATIVA

FINANCE PERCORSO EXECUTIVE IN FINANZA QUANTITATIVA FINANCE PERCORSO EXECUTIVE IN FINANZA QUANTITATIVA SPONSOR Information Provider PERCORSO EXECUTIVE IN FINANZA QUANTITATIVA DIREZIONE Direttore, Emilio Barucci Emilio Barucci è Professore ordinario di Matematica

Dettagli

Investire in Commodities con Certificati ed ETC

Investire in Commodities con Certificati ed ETC Napoli, 23 Novembre 2011 Investire in Commodities con Certificati ed ETC Mauro Giangrande, Head of db-x financial products Italy 1 Sommario Il mercato delle commodities Certificati di investimento Exchange

Dettagli