- Classificazione del neonato - Punteggio di Apgar - Esame obiettivo del neonato - Screening neonatale e vaccinazioni - Adattamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- Classificazione del neonato - Punteggio di Apgar - Esame obiettivo del neonato - Screening neonatale e vaccinazioni - Adattamento"

Transcript

1 - Classificazione del neonato - Punteggio di Apgar - Esame obiettivo del neonato - Screening neonatale e vaccinazioni - Adattamento cardiocircolatorio alla nascita - Ipertensione polmonare del neonato - Asfissia perinatale - Encefalopatia ipossico-ischemica - Distress respiratorio del neonato - Ittero - Sepsi neonatali - Rianimazione neonatale in sala parto

2 Classificazione del neonato E. Gitto, E. Cusumano, G. D Angelo, S. Aversa, I. Barberi I parametri comunemente utilizzati per la classificazione del neonato sono essenzialmente due: il peso alla nascita e l età gestazionale. L importanza di una corretta classificazione del neonato consiste soprattutto nel fatto che le varie classi di neonati, identificabili in base a questi parametri, presentano un diverso rischio di morbosità e mortalità, la cui conoscenza è di estrema utilità sia per la programmazione assistenziale che per la formulazione prognostica immediata e a distanza. In base al peso alla nascita i neonati possono essere classificati in: Neonati di peso normale PN gr; Neonati di peso basso (LBW = Low Birth Weight ): PN gr; Neonati di peso molto basso (VLBW = Very Low Birth Weight ) PN gr; Neonati di peso estremamente basso (ELBW = Exstremely Low Birth Weight ): PN gr; In base all età gestazionale (EG) al parto i neonati vengono distinti in tre gruppi : Neonati a termine :EG 37 e < 42settimane; Pretermine :EG <37 settimane; Post-termine: > 42 settimane; Per il completo inquadramento del neonato è, necessario correlare i due parametri rapportando il peso all età gestazionale. A questo scopo sono state realizzate carte antropometriche, in cui sull asse delle ascisse è riportata l età gestazionale e su quello delle ordinate il peso neonatale.

3 In base al rapporto del peso alla nascita con l età gestazionale i neonati possono essere classificati in: Appropriati per l età gestazionale (AGA = Appropriate For Gestional Age): con PN compreso tra 10 e 90 percentile per l EG; Piccoli per l età gestazionale (SGA = Small for Gestational Age): con PN <10 percentile per l EG; Grossi per l età gestazionale (LGA = Large for Gestional Age): con PN >90 percentile per l EG. Infine un altra particolare categoria di neonati è quella dei late preterm ovvero dei nati tra 34 settimane e 36 settimane più 6 giorni di età gestazionale. Bibliografia 1. Gilbert WM; Nesbitt TS; Danielsen B The cost of prematurity: quantification by gestational age and birth weight. Obstet Gynecol 2003 Sep;102(3): R. E. Behrman and A. S. Butler, Preterm Birth: Causes, Consequences, and Prevention, National Academies Press, Washington, DC, USA, 2007.

4 Punteggio di Apgar E. Gitto, G. D Angelo, E. Cusumano, S. Aversa, I. Barberi La prima valutazione del neonato viene effettuata in sala parto al momento della nascita con la valutazione dell indice di APGAR. Esso prende il nome da Virginia Apgar, un anestesista statunitense che lo ideò nel 1952, e consiste nella rilevazione, a 1, 5 e se necessario 10 minuti dopo la nascita, di 5 parametri ai quali può essere attribuito un punteggio che varia da 0 a 2. Parametro 0 punti 1 punto 2 punti Battito cardiaco assente < 100 bpm >100 bpm Respirazione assente Debole o irregolare Vigorosa con pianto Tono muscolare Assente (atonia) Flessione arti Movimenti attivi Riflessi (risposta al catetere assente scarsa Starnuto, pianto vivace, tosse nasofaringeo) Colore della pelle Cianotico o pallido Estremità normale cianotiche Il test viene effettuato ad 1 min, a 5 min e se necessario a 10 min può essere ripetuto se il punteggio rimane basso. I neonati con punteggio alla nascita compreso tra 7 e 10 sono considerati normali, quelli con punteggio tra 4 e 6 sono considerati moderatamente depressi, per cui necessitano di adeguata assistenza con determinazione di un nuovo punteggio ogni 5 minuti. Infine quelli con punteggio inferiore a 4 sono considerati gravemente depressi e necessitano di rianimazione primaria immediata.

5 Il sistema proposto da Apgar appare tutt oggi, da un punto di vista pratico, quello più valido per una valutazione obiettiva degli elementi clinici fondamentali da rilevare alla nascita, anche se non è in grado di predire lo sviluppo intellettivo e comportamentale del bambino. Bibliografia 1. Bause GS. The 20-cent Virginia Apgar Stamp. Anesthesiology Oct;113(4): Wiberg N, Källén K, Herbst A, Olofsson P. Relation between umbilical cord blood ph, base deficit, lactate, 5-minute Apgar score and development of hypoxic ischemic encephalopathy. Acta Obstet Gynecol Scand Oct;89(10): American Academy of Pediatrics; Committee on Fetus and Newborn; American College of Obstetricians and Gynecologists; Committee on Obstetric Practice. The Apgar score. Adv Neonatal Care Aug;6(4):220-3

6 Esame obiettivo del neonato E. Gitto, E. Cusumano,G. D Angelo, S. Aversa, M. Manfrida, I. Barberi Il primo esame obiettivo del neonato dovrebbe essere praticato nella sala parto, prima possibile, allo scopo di verificare la presenza di anomalie congenite e/o situazioni di emergenza in modo da poter decidere sul tipo di assistenza che il bambino necessita. Successivamente, l esame obiettivo potrà essere più dettagliato ed avrà lo scopo di valutare l adattamento del bambino all ambiente esterno ed il suo stato di salute post-partum. Esso richiede pazienza, delicatezza, e flessibilità nel procedimento. Per prima cosa è fondamentale valutare le condizioni generali del neonato. Se il bambino è calmo e rilassato, conviene procedere all ascoltazione del cuore ed alla palpazione dell addome, rinviando a tempi successivi altre valutazioni che richiedono manipolazioni. L attività motoria spontanea può non essere evidente a causa di uno stato di sonno, di malattia o di effetti di medicamenti. Gli arti possono essere scarsamente attivi per risparmiare energia più utile durante lo sforzo respiratorio oppure essere in movimento in occasione del pianto. Movimenti più fini di tipo mioclonico a carico della mandibola e delle caviglie e polsi sono molto comuni nel neonato e non hanno necessariamente un significato patologico. Vanno sistematicamente determinati il peso, la lunghezza e la circonferenza cranica e vanno valutate in relazione all età gestazionale che va determinata in maniera il più possibile precisa per ciascun neonato. La cute è normalmente di colorito roseo tendente al rosso (non marezzato). Nelle prime 24 ore di vita può essere presente una cianosi periferica a carico delle estremità (acrocianosi). Durante i primi giorni si possono avere secchezza e desquamazione, specialmente a carico delle pieghe dei polsi e delle caviglie. In caso di presentazione di vertice, a causa della pressione esercitata durante il parto, possono essere presenti petecchie sul cuoio capelluto e sul volto, ma non sono normalmente

7 presenti al di sotto della regione ombelicale. La vernice caseosa ricopre la maggior parte del corpo dopo le 24 sett. di gestazione e si riduce dalle 40 sett. in poi. La cute del neonato pretermine si presenta sottile e delicata e tende ad essere intensamente rossa, nei neonati estremamente pretermine la cute appare quasi gelatinosa, sanguina facilmente, e viene contusa. Il colorito eritrosico può essere normale in un neonato pretermine (cute sottile) mentre nel neonato a termine può essere indice di policitemia. Il pallore e la cute marezzata sono segni di anemia, ipossiemia, o di scarsa perfusione periferica. La presenza di cianosi è sempre un segno di ipossiemia grave (saturazione di O2<85%) o di grave compromissione della perfusione. Una cianosi significativa può essere mascherata dal pallore dell insufficienza circolatoria o dall anemia, alti livelli di Hb possono determinare alla cute un colorito cianotico che non corrisponde alla realtà. La cute del neonato può presentarsi giallastra ossia itterica per un accumulo di bile nella circolazione sanguigna. Molti neonati sviluppano 1-3 giorni dopo la nascita piccole papule bianche, talvolta vescicopustolose, su base eritematosa. Questo rash benigno, eritema tossico persiste anche per una settimana contiene eosinofili ed è solitamente distribuito sul viso, sul tronco e sulle estremità. Per quanto riguarda l esame obiettivo del capo vanno valutate forma e dimensioni. Nel parto in presentazione di vertice, la testa può subire rimodellamenti con sovrapposizione delle ossa craniche a livello delle suture e può essere presente tumefazione e/o ecchimosi del cuoio capelluto (caput succedaneum). Nel parto in presentazione podalica, il capo non si modifica, mentre si verificano tumefazioni ed ecchimosi a carico della parte presentata (cioè glutei, genitali o piedi). Il diametro delle fontanelle può variare dall'ampiezza di un dito fino a vari centimetri. Il cefaloematoma è una raccolta di sangue localizzata fra il periostio e l'osso, che determina una tumefazione non oltrepassante le linee di sutura. Può essere presente a livello di uno o entrambe le ossa parietali, occasionalmente è presente a livello dell'osso occipitale. Bisogna sospettare la paralisi del nervo facciale quando durante il pianto si notano asimmetrie delle commessure naso-labiali e grinze intorno agli occhi.

8 Gli occhi devono aprirsi simmetricamente. Le pupille devono essere di uguale dimensione e devono reagire alla luce; deve essere esplorato il fundus. Se all'esame oftalmoscopico si ottiene un riflesso rosso, si possono escludere eventuali opacità del cristallino. Sono frequenti le emorragie della sclera. Le orecchie vengono esaminate per determinare l'età gestazionale e per osservarne la posizione; un basso impianto è spesso segno di anomalie renali o genetiche. I canali uditivi devono essere pervi e le membrane timpaniche devono essere visibili. sebbene alcuni strumenti portatili poco costosi possano valutare la funzione uditiva neonatale, la loro affidabilità e validità non è stata dimostrata nell'ambito di screening di massa. I potenziali uditivi evocati del tronco encefalico devono essere utilizzati nei pazienti ad alto rischio, che devono essere identificati mediante attenta ricerca anamnestica di sordità familiare, rosolia congenita, ittero neonatale o terapia con aminoglicosidi della madre o del neonato. Si deve esaminare la bocca per escludere malformazioni del palato e dell'ugola, eventuali cisti delle gengive e frenulo corto congenito (lingua legata). Piccole escrescenze simili a perle (perle di Epstein) e piccole ulcerazioni (afte di Bednar) sul palato duro rappresentano reperti normali. Deve essere valutata la capacità di suzione del lattante. L esame del collo comprende principalmente: - la palpazione bilaterale delle clavicole, per ricercare eventuali fratture ostetriche - la palpazione dello sternocleidomastoideo e l osservazione di eventuale rotazione e inclinazione laterale del collo e della testa,possibile espressione di torcicollo miogeno congenito - la ricerca di eventuali masse, che possono essere dovute a gozzo congenito, cisti del dotto tireoglosso, cisti brachiali. La presenza di pterigio (ala cutanea ai lati del collo) in soggetti di sesso femminile deve far sospettare una sindrome di Turner. La dimensione del cuore è difficile da valutare a causa delle normali variazioni nella dimensione e nella forma del torace. La posizione del cuore dovrebbe essere determinata alla ricerca di una

9 destrocardia. Per quanto riguarda la frequenza cardiaca essa varia da 110 a 160 battiti al minuto nel neonato a termine sano mentre è più elevata nel pretermine. Durante le fasi di agitazione motoria e di pianto sono fisiologicamente presenti accelerazioni di bpm. Tuttavia essa può ridursi significativamente durante il sonno (fino a bpm). I Toni Cardiaci: se Parafonici, sono suggestivi di rotture alveolari (Pneumotorace, Pneumomediastino) o di versamento pericardico. Se Ectopici sono suggestivi di pneumotorace ipertensivo sx, ernia diaframmatica sx, atelettasia massiva del polmone sx e destrocardia vera. I soffi riscontrati nelle prime 48 ore di vita sono piuttosto frequenti, ma molto spesso essi sono transitori. Si apprezzano soprattutto nel pretermine e sono dovuti a chiusura ritardata del dotto arterioso, a piccoli difetti interventricolari. Solo il 10% dei casi di un soffio udito alla nascita è effettivamente espressione di una malattia del cuore. I Polsi Periferici possono essere apprezzati a livello delle arterie femorali, pedidie, radiali, e brachiali. Un polso ampio può essere presente in caso di PDA, tronco arterioso, e malformazioni artero venose. I polsi sono assenti o molto deboli nella sindrome del cuore sx ipoplasico, mentre l assenza dei polsi femorali caratterizza la coartazione dell aorta. La respirazione del neonato, la frequenza e il ritmo variano significativamente in rapporto all attività fisica, al pianto, allo stato di veglia o di sonno. La frequenza respiratoria di un neonato a termine normalmente varia tra 40 e 60 atti/min. Nel neonato il respiro è quasi esclusivamente addominale, cioè diaframmatico a causa soprattutto della cedevolezza delle costole e dello scarso sviluppo dei muscoli respiratori.tipico di questa età è il respiro regolare, della durata di circa 1

10 min, intervallati da brevi pause respiratorie, di circa 1 minuto, intervallati da brevi pause respiratorie, di circa 5-10 secondi. All ascoltazione i suoni respiratori sono di norma bronco vescicolari. Il respiro può essere accompagnato da rumori: di tipo prevalentemente inspiratorio nello stridore laringeo congenito spesso causato dal ridotto calibro delle vie aeree neonatali o di tipo prevalentemente espiratorio grunting che rappresenta un segnale di grave sofferenza cardiopolmonare. Il respiro spasmodico gasping è indicativo di danno lesivo dei centri regolatori del respiro. La tachipnea (transitoria o persistente) è l alterazione più frequente ed è di solito legata a patologie respiratorie o cardiache, mentre la bradipnea può presentarsi nel neonato molto immaturo o in caso di depressione centrale. Il respiro periodico rappresenta un pattern respiratorio tipico del neonato, sia a termine che pretermine, ed è caratterizzato da periodi di respiro regolare (della durata di circa 1min) intervallati da brevi pause respiratorie (di circa 5-10 secondi). L apnea, invece, ha un significato clinico importante e si manifesta con cessazione del respiro per un periodo superiore a 20 secondi oppure inferiore a 20 secondi, ma associata a bradicardia, cianosi o pallore. La dispnea è caratterizzata da rientramenti inspiratori (intercostali, al giugulo ed all epigastrio), gemito espiratorio, alitamento delle pinne nasali, respirazione a bocca aperta e/o movimenti asincroni o paradossi del torace e dell addome. Attraverso l ispezione del torace dobbiamo valutare inoltre: - le mammelle che nel neonato a termine normalmente un diametro di circa 1 cm, per escludere la presenza di turgore mammario, abbastanza frequente nel neonato a termine di entrambi i sessi, legato alla crisi genitale del neonato; - la presenza di capezzoli soprannumerari, in genere rudimentali, lungo la linea mediana. - inoltre dobbiamo valutare la distanza intermammaria in quanto essa è aumentata nella sindrome di Turner. Per ciò che riguarda l addome, il 10% di tutti i neonati presenta anomalie o sintomi che richiedono uno stretto controllo durante i primi giorni di vita, volto a evidenziare anomalie di forma, dimensioni o posizione dei reni o di altri organi. Normalmente il fegato deborda di 1-2 cm

11 dall'arcata costale e il polo inferiore della milza è facilmente palpabile. Normalmente sono palpabili entrambi i reni, il sinistro più facilmente del destro; qualora non vengano palpati, può essere presente una ipoplasia o un'agenesia. Un grosso rene si può avere per ostruzione delle vie urinarie, per un tumore o per una malattia cistica. L'incapacità dei lattanti maschi a urinare può indicare la presenza di valvole uretrali posteriori. È frequente un'ernia ombelicale, da debolezza della muscolatura circolare della parete addominale, che raramente determina la presenza di sintomi o richiede terapia. Nel maschio a termine, i testicoli devono essere presenti nello scroto. Nel neonato si verificano spesso idrocele ed ernia inguinale. Una massa scrotale solida ed ecchimotica deve far pensare alla torsione testicolare, specialmente nel nato da presentazione podalica. Sebbene rara e apparentemente non dolorosa nel neonato, la torsione rappresenta un'urgenza chirurgica. La torsione può essere differenziata da una semplice contusione per la distribuzione delle ecchimosi e per la consistenza dura del testicolo. Nell'idrocele la tumefazione sarà transilluminabile. Nelle femmine, le grandi labbra sono prominenti. Può aversi una secrezione mucoide o occasionalmente sieroematica (pseudomestruazione), comunque transitoria e non irritante. I coaguli ematici, tuttavia, meritano una valutazione. Un piccolo frammento di tessuto a livello della forchetta vulvare posteriore si pensa sia dovuto a stimolazione ormonale materna e scomparirà dopo alcune settimane di vita. Generalmente la prima evacuazione avviene entro 12 ore nel 99% dei neonati a termine e nel 95% dei prematuri. Questo evento tuttavia non esclude completamente un atresia anale in quanto potrebbe coesistere una fistola retto- vaginale che permette in ogni modo la fuoriuscita di feci. Le anomalie ortopediche dovrebbero essere diagnosticate o sospettate nella prima settimana di vita. L esame delle anche comprende essenzialmente le manovre di ortolani e di Barlow per lo screening della displasia congenita dell anca: deve essere praticato alla nascita e ripetuto in seguito, nelle visite di controllo.

12 L esame degli arti consiste nella valutazione delle dimensioni, della simmetria e della presenza di anomalie congenite. Il piede torto rappresenta l anomalia scheletrica di più comune riscontro: deve essere distinta da mal posizione, riducibile, che non richiede alcun intervento, dalla malformazione, che richiede l intervento di un ortopedico pediatra. L esame neurologico è un esame finalizzato a valutare l integrità del sistema nervoso e la sua organizzazione funzionale. L esame va preceduto da un attenta raccolta anamnestica finalizzata a valutare l anamnesi familiare ed in particolare il decorso della gravidanza (dinamica del travaglio, del parto e sulle condizioni del neonato dopo il parto). Vanno ulteriormente ed attentamente valutati: l età gestazionale ed il peso alla nascita. Dopo queste premesse si passa ad individuare gli elementi clinici che caratterizzano l esame neurologico. Si procede alla valutazione del tono muscolare. Le indicazioni derivano sia dalla semplice ispezione, osservando cioè la postura del neonato, sia mobilizzando passivamente i vari segmenti corporei. Il tono muscolare può essere passivo o reattivo. In seguito vanno valutati i riflessi arcaici. In epoca neonatale il bambino presenta comportamenti motori molto elementari che riflettono il livello di maturazione raggiunto dal sistema nervoso centrale alla nascita. Tali comportamenti vengono definiti come riflessi arcaici o automatismi primari o riflessi primari. Quei riflessi che assumono un significato clinico sono: RIFLESSO DI MORO: Si verifica a seguito di una brusca modificazione del capo rispetto al tronco. La reazione si articola in due fasi: 1) Improvvisa estensione e abduzione degli arti superiori 2) flessione e abduzione degli arti superiori

13 RIFLESSO DI PRENSIONE PALMARE: Si determina per stimolazione della superficie palmare. La risposta è rappresentata dalla flessione delle dita sull oggetto stimolante con chiusura a pugno. Esso realizza l aggrappamento a qualcuno o qualcosa nel caso di brusca destabilizzazione della postura. RIFLESSO DELLA MARCIA AUTOMATICA: Rappresentato dalla presenza di movimenti alternati di flesso-estensione degli arti inferiori. Questo riflesso tende a scomparire. Si pensa che esso permetta i movimenti intrauterini del feto. RIFLESSO DI PIAZZAMENTO: Definito anche riflesso dello scalino e consiste nel movimento di disimpegno del piede quando viene stimolata la sua superficie dorsale. L importanza di tale reazione risulta critica nella dinamica del parto: la contrazione del fondo uterino sollecita i piedi ed innesca una reazione estensoria producendo una spinta attiva da parte del feto.

14 RIFLESSO DI SUZIONE: Consiste in una serie di movimenti ritmici della muscolature orale. RIFLESSO DEI PUNTI CARDINALI: Detto anche riflesso di ricerca, consiste in un movimento di rotazione del capo in risposta ad una stimolazione della cute periorale (es. stimolando l angolo dx il capo ruota verso sinistra ). Il riflesso dei punti cardinali è una componente del comportamento alimentare. RIFLESSO DI FUGA: Consiste nella comparsa di movimenti di retrazione o allontanamento di parti del corpo su cui venga applicato uno stimolo fastidioso. Abbiamo due tipi di riflessi: 1) incurvamento del tronco 2) triplice flessione dell arco inferiore. RIFLESSO TONICO ASIMMETRICO DEL COLLO: Consiste nella comparsa di uno schema posturale molto caratteristico in risposta alla rotazione del capo (atteggiamento a schermitore). Svolge un ruolo critico nel controllo della postura.

15 PRINCIPALI SINDROMI NEUROLOGICHE NEONATALI Sindrome da ipereccitabilità: Caratterizzata da un aumento della reattività lo stato prevalente è il 4/5, lo stato di massima agitazione è facilmente raggiunto, consolabilità scarsa. Risulta di solito legata a situazioni di lieve sofferenza encefalica o a disturbi metabolici. Sindrome ipertonica: L elemento caratterizzante è rappresentato da un aumento generalizzato del tono muscolare. Le due sindromi sopra citate sono da considerarsi benigne e transitorie. Sindrome apatica: Rappresenta l espressione di una sofferenza encefalica di maggiore entità. Si manifesta una riduzione della reattività (stato 2) e lo stato di massima agitazione non è mai raggiunto. Sindrome ipotonica: Particolare attenzione andrà rivolta alle malattie neuromuscolari. Emisindrome: È caratterizzata da differenze a carico dei due emilati: asimmetrie nell atteggiamento, nel tono, nella motilità. Bibliografia 1. Upadhyay S, Law S, Kholwadwala D. A newborn with cardiomegaly. J Emerg Trauma Shock Jul;3(3): Ohlin A, Björkqvist M, Montgomery SM, Schollin J. Clinical signs and CRP values associated with blood culture results in neonates evaluated for suspected sepsis. Acta Paediatr Jun Yurdak X K M. Transient tachypnea of the newborn: what is new? J Matern Fetal Neonatal Med.2010 Oct;23(S3):24-26.

16 Screening neonatali e Vaccinazioni E. Gitto, G. D'Angelo, S. Aversa, E. Cusumano, I. Barberi Vaccinazioni Col nome vaccino viene indicato qualunque prodotto biologico capace d indurre un immunità attiva. È classico suddividere l immunizzazione in: immunizzazione passiva ed immunizzazione attiva. L immunizzazione passiva si basa sull uso di un anticorpo preformato, anche appartenente a una specie diversa, in un soggetto a rischio di avere o che abbia già in atto una malattia infettiva. Lo scopo dell immunizzazione passiva è quello di fornire una difesa, già confezionata, per risolvere situazioni per lo più di tipo contingente. La difesa offerta in tal modo sarà ovviamente di breve durata (qualche mese). L immunizzazione attiva si basa sull uso di parte o di tutto un agente infettivo, al quale sia stato tolto ogni effetto patogeno e al quale sia stata mantenuta la completa capacità antigene, cioè la capacità d indurre la sintesi di anticorpi. I vaccini, riguardo alla loro natura, possono essere suddivisi in vaccini costituiti da agenti infettivi interi e vaccini costituiti da componenti del microrganismo. I vaccini costituiti dall agente infettivo intero si possono suddividere a loro volta in due grandi gruppi: quelli costituiti da virus o batteri attenuati e quelli costituiti da virus o batteri inattivati, cioè uccisi. D altra parte i vaccini costituiti da componenti del microrganismo vengono suddivisi in: vaccini costituiti da componenti naturali del microrganismo o da sostanze da lui stesso sintetizzate (tossine) e vaccini preparati con proteine, ottenute sinteticamente, spesso con la tecnica DNA ricombinante. Un enorme progresso nella preparazione dei vaccini fu ottenuto quando si giunse alla preparazione dei vaccini coniugati. La maggior parte dei polisaccaridi, inclusi quelli dell Haemophilus influenzae tipo b (Hib), dello pneumococco e del meningococco, è poco immunogena, specialmente nei

17 bambini di età inferiore ai 2 anni. Applicando i principi della teoria aptene-supporto, il polisaccaride specifico è stato legato, in modo covalente, a una proteina di supporto. L immunizzazione con questi coniugati aumenta fortemente la produzione di anticorpi anche nei lattanti. Soprattutto negli ultimi anni, con lo sviluppo di numerosi vaccini, è stato dimostrato che i bambini che non completano o che ritardano il ciclo vaccinale sono proprio quelli che sono chiamati a un numero più alto di sedute vaccinali. A questi inconvenienti è possibile ovviare combinando nella stessa siringa antigeni diversi di microrganismi diversi (vaccini combinati) o somministrando nella stessa seduta vaccini diversi, con siringhe diverse in sedi diverse (co-somministrazioni). È d uso suddividere le vaccinazioni in due grandi gruppi: quelle obbligatorie e quelle raccomandate; il pediatra pratico le suddivide più opportunamente in vaccinazioni necessarie e quindi utili, e in vaccinazioni poco necessarie e quindi poco utili. Il Ministero della Sanità ha emesso un Decreto nel quale è riportato il calendario delle vaccinazioni in Italia (vedi tabella). Le iniezioni sottocutanee sono generalmente impiegate per i vaccini virali, vivi, attenuati. La via intradermica è seguita più di rado come via esclusiva (BCG). Per la via intramuscolare va scelta la sede nella quale la massa muscolare sia maggiore, anche in rapporto alla quantità di liquido da iniettare. Oggi per l iniezione intramuscolare la scelta della sede, nei primi 2 anni di vita, deve cadere sulla faccia antero-laterale della coscia, che assicura la presenza di un muscolo sufficientemente spesso fin dalla nascita (quadricipite). I tessuti nei quali verrà praticata l iniezione vanno sollevati con la mano libera (la sinistra), in modo da aumentare la massa muscolare e tener ferma la gamba. Nei bambini di età superiore ai 2 anni il deltoide è abbastanza voluminoso per assicurare la massa necessaria per l esecuzione di un iniezione intramuscolare. Le iniezioni sottocutanee sono nella maggior parte dei casi eseguite nella parte antero-laterale del braccio o della coscia, nello spessore di una piega cutanea, attivamente ottenuta. Per la via intradermica viene consigliata la faccia volare dell avambraccio. Con questa tecnica la quantità di antigene somministrata è ridotta, quindi bisogna fare molta attenzione che il materiale

18 non sia iniettato sottocute. Anche il vaccino più sicuro e più efficace può risultare di scarsa utilità nel ridurre la diffusione della malattia se non vengono rispettate le regole nella sua conservazione. L attuale calendario delle vaccinazioni obbligatorie e raccomandate per l'età evolutiva, il cui ultimo aggiornamento è stato effettuato sulla base del Piano Nazionale Vaccini , è il seguente: Vaccino nascita Età DTP mese DTaP 1 mese DTaP mese mese mese DTaP mese mese mese mese DTaP anni anni Tdap anni IPV IPV IPV IPV IPV Epatite B HB2 HB HB HB Hib Hib Hib Hib MPR MPR1 MPR2 PCV Men C Men C PCV Varicella Varicella Varicella Legenda DTaP: vaccinazione antidifterico-tetanico-pertossica (Pertossica = quest'ultimo vaccino NON è obbligatorio) Tdap: vaccino difto-tetanico-pertossico acellulare per adulti (Pertossico = quest'ultimo vaccino NON è obbligatorio) IPV: vaccino antipoliomielitico iniettabile - inattivato (obbligatorio) HB: vaccino antiepatite B (obbligatorio) Hib: vaccino contro le infezioni invasive da Haemophilus influenzae b (NON obbligatorio) MPR: vaccino antimorbillo-parotite-rosolia (NON obbligatori) PCV: vaccino pneumococcico coniugato eptavalente (NON obbligatorio) Men C: vaccino meningococcico C coniugato (NON obbligatorio)

19 Vaccinazione antinfluenzale L OMS fra il 1960 e il 1970 ha creato una rete di sorveglianza internazionale per individuare precocemente i ceppi che siano prevalenti o che presentino una mutazione antigenica di grado elevato; sulla base dei dati raccolti, l OMS suggerisce alle diverse nazioni quali siano i ceppi da inserire nei vaccini da introdurre in commercio per la campagna vaccinale dell anno in corso: in genere vengono suggeriti due ceppi di virus A e un ceppo di virus B. I ceppi consigliati sono quelli che si prevede più facilmente daranno malattia nella popolazione dal dicembre del corrente anno all aprile del successivo. La somministrazione del vaccino deve essere ripetuta ogni anno, preferibilmente all inizio della stagione epidemica, da metà ottobre e metà dicembre. Una sola dose è sufficiente quando si supponga che il vaccinato, per l età, abbia già un esperienza immunologica, come avviene in soggetti già vaccinati in precedenza o in soggetti con età superiore ai 9 anni. Due dosi, distanziate da circa 1 mese, sono invece necessarie per garantire con ragionevole sicurezza la protezione ai bambini in età inferiore ai 9 anni, mai vaccinati in precedenza. Due dosi per tutti, indipendentemente dall età e dalle precedenti immunizzazioni, sono necessarie quando compaia un nuovo sottotipo e ci si trovi di fronte a una pandemia. Il vaccino deve essere somministrato per via intramuscolare. È ormai ritenuto da tutti che per la vaccinazione contro l influenza non sia indicata una vaccinazione di massa: essa potrebbe essere presa in considerazione soltanto quando fossimo di fronte a una pandemia. L orientamento generale è oggi quello di vaccinare tutti i soggetti di età superiore ai 6 mesi, appartenenti ai seguenti gruppi a rischio: 1. pazienti con malattie croniche cardio-vascolari, renali o polmonari, emoglobinopatie, asma bronchiale; 2. pazienti infettati da HIV; 3. pazienti con malattie emo-proliferative o neoplasie; 4. pazienti in terapia immunosoppressiva; 5. soggetti con diabete mellito; 6. soggetti che richiedano una frequente ospedalizzazione;

20 7. pazienti (da 6 mesi a 18 anni) in trattamento continuativo con aspirina, per il rischio di sindrome di Reye, dopo influenza; 8. soggetti in età superiore ai 65 anni. Screening neonatali Per screening neonatale si intende la ricerca, in una popolazione apparentemente sana di neonati, di una situazione patologica definita fino a quel momento asintomatica o non riconosciuta. Si tratta di una diagnosi molto precoce, spesso prima che siano insorti i sintomi evidenti.; siamo quindi nel campo della prevenzione secondaria. Lo scopo è diagnosticare precocemente alcune malattie già evidenziabili alla nascita con analisi di laboratorio, ma non clinicamente evidenti in periodo neonatale. Lo screening neonatale delle malattie endocrino-metaboliche è considerato fra gli strumenti di primaria importanza della medicina preventiva, tanto da essere paragonato alle vaccinazioni obbligatorie. Ad ogni neonato, fra la terza e la quinta giornata di vita, viene d abitudine punto il tallone, e alcune gocce di sangue vengono raccolte su speciale carta da filtro: si tratta di carta Schleicher e Schuell, di due diversi tipi di qua e di là dall Oceano, ma che hanno dimostrato avere caratteristiche di assorbimento del sangue identiche. La puntura del tallone avviene abitualmente sulla porzione mediale o su quella laterale del tallone stesso, utilizzando una lancetta pungidito. La disinfezione avviene mediante alcool isopropilico al 70% o altri disinfettanti comunemente utilizzati per la disinfezione della cute. Occorre lasciare asciugare completamente la cute prima di pungere il tallone, ed eliminare con garza sterile la prima goccia di sangue, al fine di evitare commistioni di sangue e disinfettante, che possono interferire con le determinazioni analitiche. Le malattie di cui è oggi tecnicamente possibile eseguire lo screening su cartina da filtro sono numerosissime: si tratta di dosaggi ormonali (T4, TSH, etc.), dosaggi di metaboliti (fenilalanina,

21 galattosio, omocistina, tripsina immunoreattiva, e così via), dosaggi di attività enzimatiche (galattosio-1-fosfato uridil transferasi, etc.), fino all analisi del DNA. Nei Paesi a struttura sanitaria più avanzata, sono entrati nella routine gli screening di fenilchetonuria, galattosemia, ipotiroidismo congenito. Nonostante le raccomandazioni di alcune organizzazioni internazionali o di gruppi di esperti specialisti, per molte altre malattie esistono seri dubbi, che rendono la validità dello screening incerta per affidabilità, rapporto costo/beneficio, utilità clinica. Si tratta di malattie di dubbia malignità (istidinemia), o di malattie gravi, ma di difficile diagnosi precoce e con effetti terapeutici dubbi (tirosinemia), o malattie molto rare e con risultati terapeutici dubbi, o infine prive di terapia specifica (distrofia muscolare di Duchenne). Le regole che ogni programma di screening deve rispettare sono ormai codificate: - la malattia della quale si esegue lo screening deve essere nota dal punto di vista fisio-patologico, della eziologia, della patogenesi, e della storia naturale; - la malattia deve essere relativamente frequente; - la malattia deve essere difficilmente o per nulla diagnosticabile clinicamente, ma biochimicamente evidenziabile in periodo asintomatico; - la malattia deve essere grave, con danni irreversibili se non trattata precocemente; - la malattia deve essere curabile se diagnosticata precocemente, in periodo asintomatico; - il prelievo deve essere accettabile dalla popolazione, cioé non eccessivamente invasivo; - devono esistere metodi di laboratorio sufficientemente accurati, precisi, cioé validi a garantire il minor numero possibile di casi falsi positivi e nessun caso falso negativo; - deve essere valutato il rapporto costo/beneficio dell intero programma, e tale rapporto deve essere favorevole all esecuzione dello screening. Infine, ogni programma di screening neonatale deve essere screening di massa, cioé di tutta la popolazione neonatale. Non devono essere sottoposti a screening solamente gli individui sospetti o a rischio per determinate patologie.

22 Bibliografia 1. Advances in the vaccination of the elderly against influenza: role of a high-dose vaccine. Sullivan SJ, Jacobson R, Poland GA. Expert Rev Vaccines Oct;9(10): Virus-like particles in vaccine development. Rold X00e3 O AX, Mellado MC, Castilho LR, Carrondo MJ, Alves PM. Expert Rev Vaccines Oct;9(10): Neonatal CD8(+) T-cell differentiation is dependent on interleukin-12. McCarron MJ, Reen DJ. Hum Immunol Sep Pneumococcal conjugate vaccination and nasopharyngeal acquisition of pneumococcal serotype 19A strains. van Gils EJ, Veenhoven RH, Hak E, Rodenburg GD, Keijzers WC, Bogaert D, Trzcinski K, Bruin JP, van Alphen L, van der Ende A, Sanders EA. JAMA Sep 8;304(10): Congenital hypothyroidism: an evolving common clinical conundrum. Rapaport R. J Clin Endocrinol Metab Sep;95(9): Preliminary Report on Neonatal Screening for Congenital Hypothyroidism, Congenital Adrenal Hyperplasia and Glucose-6-Phosphate Dehydrogenase Deficiency: A Chandigarh Experience. Kaur G, Srivastav J, Jain S, Chawla D, Chavan BS, Atwal R, Randhawa G, Kaur A, Prasad R. Indian J Pediatr Aug 27.

23 Adattamento cardiocircolatorio del neonato E. Gitto, S. Aversa,C. Moscheo, A. Arco, V. Cordaro Durante la vita fetale, la placenta è l organo deputato alla ossigenazione e nutrizione del feto. Nella circolazione fetale le resistenze vascolari polmonari sono elevate e le resistenze vascolari sistemiche sono basse. Il sangue passa da destra a sinistra attraverso il forame ovale ed il dotto arterioso, bypassando il polmone che risulta essere ripieno di liquido. Solo il 5-10% dell output cardiaco fetale giunge al polmone e ciò è appunto legato alle elevate pressioni polmonari. Fig. 1 Circolazione fetale Dopo la nascita, il polmone diventa l organo deputato alla respirazione sostituendo la placenta. Con i primi atti respiratori alla nascita i polmoni incominciano ad espandersi. Il liquido presente negli alveoli polmonari viene riassorbito e sostituito da aria e la tensione di ossigeno a livello alveolare incomincia ad aumentare. Le arterie e la vena ombelicale vengono clampati con conseguente

ADATTAMENTO DEL NEONATO ALLA VITA EXTRAUTERINA

ADATTAMENTO DEL NEONATO ALLA VITA EXTRAUTERINA ADATTAMENTO DEL NEONATO ALLA VITA EXTRAUTERINA U.O.C. di NEONATOLOGIA E TERAPIA INTENSIVA NEONATALE DIRETTORE: DOTT. FRANCESCO LOMBARDO OSPEDALE UMBERTO I - SIRACUSA ADATTAMENTO NEONATALE Per adattamento

Dettagli

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile

Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile UNIVERSITA DEGLI STUDI di CAGLIARI Corso di Laurea in Infermieristica Sede di Nuoro Infermieristica clinica applicata alla medicina materno infantile Docente: Dott.ssa INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA MATERNO

Dettagli

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Quali sono i Parametri Vitali? ATTIVITA RESPIRATORIA ATTIVITA CIRCOLATORIA - RILEVAZIONE DEL POLSO - RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

ASSISTENZA PERINATALE

ASSISTENZA PERINATALE ASSISTENZA PERINATALE ALESSANDRO VOLTA Responsabile Assistenza Neonatale Ospedale di Montecchio Emilia (RE) ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

Il vostro bambino e lo Screening Neonatale

Il vostro bambino e lo Screening Neonatale Il vostro bambino e lo Screening Neonatale Guida per i Genitori A cura di: Centro Fibrosi Cistica e Centro Malattie Metaboliche AOU A. Meyer, Firenze Cari genitori, la Regione Toscana, secondo un programma

Dettagli

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009

VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009 VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009 1. Quando sarà disponibile il vaccino pandemico per il nuovo virus A(H1N1)? Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0 Le vaccinazioni Lezioni di igiene ed educazione sanitaria Anno accademico: 2008-20092009 Le vaccinazioni Costituiscono un intervento per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive Cos è un

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016)

INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) INFLUENZA E VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE (Campagna vaccinale antinfluenzale 2015-2016) L influenza è un infezione respiratoria provocata da un virus. È molto contagiosa, perché si trasmette facilmente attraverso

Dettagli

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012 SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE RIPASSO anno 2012 OBIETTIVI 1. RICONOSCERE I PRINCIPALI SINTOMI DELLE PRINCIPALI SINTOMATOLOGIE MEDICHI 2. IMPOSTARE IL GIUSTO TRATTAMENTO IMA SINTOMATOLOGIA? IMA Retrosternale,

Dettagli

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI DIABETE E GRAVIDANZA SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI ALESSANDRO VOLTA Alessandro.Volta@ausl.re.it ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

Cause di malattia Genetiche:

Cause di malattia Genetiche: omeostasi Cause di malattia Genetiche: relativamente poche e derivano da alterazioni a carico di uno o più geni. Esempio: sindrome di Down (dovuta a trisomia del cromosoma 21); sindrome di Turner (dovuta

Dettagli

Valutazione delle condizioni dell infortunato

Valutazione delle condizioni dell infortunato Definizione Definizione di valutazione Valutazione delle condizioni dell infortunato Raccolta delle informazioni e insieme delle manovre atte a stabilire il tipo di assistenza necessaria per non fare aggravare

Dettagli

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Stenosi polmonare www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Arteria polmonare L arteria polmonare è il vaso sanguigno che porta il sangue dal ventricolo destro ai polmoni dove

Dettagli

Malattie da Pneumococco

Malattie da Pneumococco 1 Malattie da Pneumococco La Circolare Ministeriale relativa alla vaccinazione Antipneumococcica si riporta come aggiornamento ritenendo corretto spendere qualche parola in più vista la novità legislativa

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Dott. Nicola Gasparetto

Dott. Nicola Gasparetto PAEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT Supporto di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida AHA 2010 Croce Verde Montebelluna 28/04/2011 Dott. Nicola Gasparetto MEDICO CHIRURGO Terapia

Dettagli

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s Metodo adeguato di valutazione, valorizzazione e gestione della complessità??

Dettagli

Relatore: Basigli Sonia PARAMETRI VITALI ETA PEDIATRICA. Temperatura Frequenza cardiaca Frequenza respiratoria SaO2 P.A.

Relatore: Basigli Sonia PARAMETRI VITALI ETA PEDIATRICA. Temperatura Frequenza cardiaca Frequenza respiratoria SaO2 P.A. Relatore: Basigli Sonia PARAMETRI VITALI ETA PEDIATRICA Temperatura Frequenza cardiaca Frequenza respiratoria SaO2 P.A. SEGNI DI ALLARME IN ETA PEDIATRICA APNEA > 10 sec. FR > 60 atti/min: distress respiratorio

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Croce Bianca Milano sez. di Legnano ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Davide Dell Acqua dellacquadavide@alice.it Il parto generalmente si verifica dopo 30-40

Dettagli

APPARATO NEUROLOGICO. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

APPARATO NEUROLOGICO. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna APPARATO NEUROLOGICO Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna OBIETTIVI Conoscere l anatomia e la fisiologia del sistema nervoso Riconoscere le principali patologie del Sistema nervoso Effettuare

Dettagli

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria Le vaccinazioni Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione Igiene LE VACCINAZIONI 1 Introduzione ARTICOLAZIONE

Dettagli

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ANNEGAMENTO PROF.SSA A. SCAFURO DEFINIZIONE L annegamento è una sindrome asfittica caratterizzata t dall alterazione lt degli scambi

Dettagli

L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti

L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti L ovulo prima del concepimento: solo uno di questi spermatozoi

Dettagli

Apparato respiratorio: anatomia,fisiologia e patologia. Anatomia (2) Anatomia (1) Anatomia (3) Anatomia (4) O 2 CO 2

Apparato respiratorio: anatomia,fisiologia e patologia. Anatomia (2) Anatomia (1) Anatomia (3) Anatomia (4) O 2 CO 2 P.A. Lombardia Soccorso Corso di Formazione Base per Volontari-Soccorritori A cosa serve? Apparato respiratorio: anatomia,fisiologia e patologia F. Sangalli APPARATO RESPIRATORIO: Insieme di organi che

Dettagli

Assistenza al neonato in ipotermia

Assistenza al neonato in ipotermia Assistenza al neonato in ipotermia Laura Brombin Sabrina Gibin NEONATO CON ENCEFALOPATIA IPOSSICO ISCHEMICA AFISSIA PERINATALE è un evento raro ( 3-5 neonati / 1.000 nati vivi ) Conseguenze su vari organi

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

PROGRESSIONE DELLE MODIFICAZIONI BIOFISICHE DALL IPOSSIA ALL EXITUS

PROGRESSIONE DELLE MODIFICAZIONI BIOFISICHE DALL IPOSSIA ALL EXITUS PROGRESSIONE DELLE MODIFICAZIONI BIOFISICHE DALL IPOSSIA ALL EXITUS Fase del compenso 1 Il dotto venoso, nel proseguo della gravidanza fisiologica tende a ridurre la sua portata, passando dal 70% fino

Dettagli

L importanza della prono - supinazione nell Insufficienza Respiratoria Acuta

L importanza della prono - supinazione nell Insufficienza Respiratoria Acuta L importanza della prono - supinazione nell Insufficienza Respiratoria Acuta Riccardo Francesconi CENNI ESSENZIALI DI FISIOPATOLOGIA POLMONARE APPLICATA ALLA RIANIMAZIONE Sistema di conduzione Sistema

Dettagli

DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH

DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH = facioscapulohomeral muscolar daystrophy) Detta anche distrofia di Landouzy-Dejerine che per primi la descrissero nel 1884. Definizione La distrofia FSH è la terza

Dettagli

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori Prevenzione delle malattie cardiovascolari Percorso per le classi quinte superiori Per cominciare qualche cenno di anatomia Il cuore Il cuore è un organo di tessuto muscolare striato, detto miocardio,

Dettagli

INFORMATIVA VACCINAZIONE ANTIINFLUENZALE 2014-2015

INFORMATIVA VACCINAZIONE ANTIINFLUENZALE 2014-2015 INFORMATIVA VACCINAZIONE ANTIINFLUENZALE 2014-2015 PERCHÈ VACCINARSI La composizione dei vaccini antinfluenzali viene aggiornata di anno in anno. Le finalità della vaccinazione sono duplici: protezione

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Francesca Russo Servizio Sanità Pubblica e Screening Regione Veneto Formatore Azienda Ospedaliera: Dott.ssa Silvana Lauriola Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. LUNG FAILURE (EPA, ARDS, etc.) Compromissione dello scambio gassoso IPOSSIEMIA PUMP FAILURE (BPCO, cifoscoliosi, etc.) Compromissione della ventilazione IPOSSIEMIA

Dettagli

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE (aggiornamento del 9 ottobre 2009) PREMESSA La Circolare ministeriale del 1 ottobre 2009 definisce la gestione

Dettagli

Approfondimenti sulle principali patologie pretermine

Approfondimenti sulle principali patologie pretermine Approfondimenti sulle principali patologie pretermine a cura di: NEO Associazione Amici della Neonatologia dell Ospedale Niguarda Onlus www.amicineomatologia.org Sindrome da distress respiratorio (RDS)

Dettagli

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme OBIETTIVI: Anatomia del cuore Fisiologia del cuore Patologie dell apparato cardiaco Sangue e vasi sanguigni Come funziona la circolazione del sangue

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAP 5 LA MORTALITA EVITABILE 5.1 LA MORTALITA EVITABILE PER TIPOLOGIA D INTERVENTO In accordo con quanto indicato dalla letteratura internazionale più recente e accreditata,

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

IN UN CICLO RESPIRATORIO SI HA UNA DIMINUZIONE DI OSSIGENO ED UN AUMENTO DI ANIDRIDE CARBONICA. CORSO OSS DISCIPLINA: PRIMO SOCCORSO MASSIMO FRANZIN

IN UN CICLO RESPIRATORIO SI HA UNA DIMINUZIONE DI OSSIGENO ED UN AUMENTO DI ANIDRIDE CARBONICA. CORSO OSS DISCIPLINA: PRIMO SOCCORSO MASSIMO FRANZIN PRIMO SOCCORSO PATOLOGIE RESPIRATORIE ANATOMIA E FISIOLOGIA LA FUNZIONE PRINCIPALE DELL APPARATO RESPIRATORIO È DI FORNIRE AI TESSUTI UN SUFFICIENTE APPORTO DI OSSIGENO PER SODDISFARNE LE RICHIESTE ENERGETICHE

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

Riabilitazione Respiratoria in Chirurgia Toracica

Riabilitazione Respiratoria in Chirurgia Toracica Riabilitazione Respiratoria in Chirurgia Toracica Gli Interventi di Chirurgia Toracica o Addominale alta favoriscono la comparsa di : Complicanze respiratorie polmonari. 1) Atelectasie. 2) Ingombro di

Dettagli

Rianimazione Neonatale. rianimazione alla nascita Circa l 80% l < 1500 g. deve essere rianimato

Rianimazione Neonatale. rianimazione alla nascita Circa l 80% l < 1500 g. deve essere rianimato Rianimazione Neonatale Circa il 10% dei neonati necessita di rianimazione alla nascita Circa l 80% l dei neonati con peso alla nascita < 1500 g. deve essere rianimato La necessita di rianimazione puo essere

Dettagli

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale A cura di Andrea Franci FRATTURE VERTEBRALI Il paziente traumatizzato deve essere sempre considerato come portatore di una lesione vertebrale

Dettagli

VARIAZIONI CODICI ICD9-CM

VARIAZIONI CODICI ICD9-CM 1997 2002 Var.% DIAGNOSI 11.493 11.745 +2.19 INTERVENTI 3.543 3.582 +1.10 TOTALE 15.036 15.327 +1.94 Diagnosi Interventi Nuovi codici Nuove descrizioni Diagnosi Capitoli Nuovi Nuove Codici codici descrizioni

Dettagli

I Traumi del torace. Evenienza possibile sia in spiaggia che in barca che in piscina.

I Traumi del torace. Evenienza possibile sia in spiaggia che in barca che in piscina. I Traumi del torace. Evenienza possibile sia in spiaggia che in barca che in piscina. Dott. Marcello costa Angeli Chirurgo toracico Le lesioni traumatiche nei percorsi ludici o lavorativi sono piuttosto

Dettagli

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Corso Base Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Cardiopatia ischemica Definisce un quadro di malattie a diversa eziologia che interessano l integrita del cuore nelle quali il fattore

Dettagli

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA INFORTUNATO INCOSCIENTE SHOCK OBIETTIVO DELLA LEZIONE Riconoscere lo stato di incoscienza Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti

Dettagli

Disabilità reumatologiche SCLERODERMIA SCLEROSI SISTEMICA

Disabilità reumatologiche SCLERODERMIA SCLEROSI SISTEMICA SCLERODERMIA SCLEROSI SISTEMICA SCLERODERMIA SCLERODERMIA - Polmoni - Apparato digerente - Cuore - Reni SCLERODERMIA - incidenza SCLERODERMIA - cause AUTOIMMUNITA SCONOSCIUTE MULTIFATTORIALI PREDISPOSIZIONE

Dettagli

LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO

LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO Laura Gardenghi Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene Pubblica area Profilassi Malattie Infettive Modena, 17 novembre 2014 VACCINAZIONI

Dettagli

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne?

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne? Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Le malattie cardiovascolari sono tutte quelle patologie che colpiscono il cuore e/o i vasi sanguigni. In caso di malattia si verifica una lesione in uno o più

Dettagli

STAN -sorveglianza fetale

STAN -sorveglianza fetale STAN -sorveglianza fetale info@it.neoventa.com www.it.neoventa.com Prefazione Il materiale didattico e di formazione Sorveglianza fetale è stato sviluppato per consentire al personale ostetrico il facile

Dettagli

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità.

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Le vaccinazioni prioritarie che sono evidenziate in grassetto dovrebbero prevedere dei programmi organici ed efficaci di offerta attiva. 13 19 (*)

Dettagli

Insegnamento di Psicologia delle disabilità e dell integrazione scolastica (Prof.ssa Ottavia Albanese)

Insegnamento di Psicologia delle disabilità e dell integrazione scolastica (Prof.ssa Ottavia Albanese) Insegnamento di Psicologia delle disabilità e dell integrazione scolastica (Prof.ssa Ottavia Albanese) Benessere e compromissione delle capacità motorie: aspetti teorici e riflessioni Dott.ssa Nicoletta

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale!

Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale! Ambulatorio neurochirurgico per la malformazione di Chiari tipo I- Siringomielia e delle patologie della giunzione cranio-cervicale La malformazione di Chiari tipo I (CMI) è un alterazione della giunzione

Dettagli

Dr. Mentasti Riccardo

Dr. Mentasti Riccardo APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Anatomia, fisiologia e principali patologie Dr. Mentasti Riccardo Apparato cardiocircolatorio Apparato costituito da cuore e vasi della circolazione sistemica e polmonare avente

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera MALORI IMPROVVISI PERDITE DI SENSI MALORI DOVUTI A DISTURBI DEL S.N. MALORI PER CAUSE AMBIENTALI 1. Perdite di coscienza transitorie Lipotimia (debolezza con o senza perdita coscienza) Sincope (improvvisa

Dettagli

ALLEGATO 1 - II parte

ALLEGATO 1 - II parte CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DELLE MALATTIE - ICD-9-CM MALATTIE E CONDIZIONI CHE DANNO DIRITTO ALL'ESENZIONE DALLA PARTECIPAZIONE AL Codice Definizione di malattia Codice esenzione 394 MALATTIE DELLA

Dettagli

Corso di Primo Soccorso. Dolore. Gonfiore. Turgore. Calore. Funzione lesa. Corso di Primo Soccorso. contrazione in eccentrica

Corso di Primo Soccorso. Dolore. Gonfiore. Turgore. Calore. Funzione lesa. Corso di Primo Soccorso. contrazione in eccentrica Patologie dell apparato locomotore Traumatologia Traumatologia Ossa Fratture Definizioni Per trauma si intende una lesione fisica di natura violenta che si manifesta in maniera più o meno improvvisa. Articolazioni

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it 1

scaricato da www.sunhope.it 1 INSUFFICIENZA RESPIRATORIA Situazione clinico-laboratoristica laboratoristica complessa, di vario livello ed entità, espressione di una utilizzazione endocellulare dell ossigeno non rispondente alle esigenze

Dettagli

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT Anatomia Arterie coronarie Le arterie coronarie principali sono due: la coronaria sinistra e la coronaria destra Coronaria sinistra: il primo tratto della coronaria sinistra, viene denominato tronco comune;

Dettagli

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL PAZIENTE IPERTESO NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA Traduzione Pratica Ho idea del livello di rischio cardiovascolare del paziente iperteso che

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI

PROGETTO AREA PEDIATRICA DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE DEI NEONATI A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

PATOLOGIE IN ETA PRENATALE

PATOLOGIE IN ETA PRENATALE PATOLOGIE IN ETA PRENATALE PREMATURITA La WHO definisce il parto pretermine come il parto che avviene prima delle 37 settimane di gravidanza 6-10% dei parti sono pretermine ma di questi 50% > 35 settimane.

Dettagli

APPARATO RESPIRATORIO RESPIRATORIO

APPARATO RESPIRATORIO RESPIRATORIO APPARATO RESPIRATORIO TURBE del RESPIRO SINDROME da ANNEGAMENTO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APPARATO RESPIRATORIO Le TURBE DEL RESPIRO: INSUFFICIENZA

Dettagli

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari Patologie muscolo - scheletriche ed articolari La struttura ossea Ossa lunghe Ossa corte Ossa piatte Struttura dell 0sso Tessuto spugnoso Tessuto compatto Struttura dell 0sso La struttura tridimensionale

Dettagli

I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO

I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO Descrizione, definizione e richiami anatomici e fisiopatologici www.fisiokinesiterapia.biz Emoftoe o emottisi Si tratta dell emissione

Dettagli

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough LA TOSSE DEI CANILI Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough DEFINIZIONE Malattia infettiva contagiosa ad andamento acuto del cane, caratterizzata da tosse e scolo oculo-nasale Malattia ad eziologia

Dettagli

PREVENZIONE SECONDARIA

PREVENZIONE SECONDARIA PREVENZIONE PREVENZIONE SECONDARIA 1 LIVELLO DELLA PREVENZIONE SECONDARIA Con il termine di screening, si intende un esame sistematico condotto con mezzi clinici, strumentali o laboratoristici nella popolazione

Dettagli

Orario disponibile nel calendario ufficiale del corso di Laurea di Fisioterapia ORARIO DI RICEVIMENTO DEGLI STUDENTI

Orario disponibile nel calendario ufficiale del corso di Laurea di Fisioterapia ORARIO DI RICEVIMENTO DEGLI STUDENTI FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 201/2014 CORSO DI LAUREA (o LAUREA Laurea Fisioterapia MAGISTRALE) CORSO INTEGRATO Riabilitazione Fisioterapica in ambito pediatrico TIPO DI ATTIVITÀ Caratterizzante

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

Il Bambino con dispnea

Il Bambino con dispnea Il Bambino con dispnea PARAMETRI VITALI PEDIATRICI FC VEGLIA FC SONNO FR P.A. SISTOLICA P.A. DIASTOLICA NEONATO 100-180 80-160 40-60 60-90 20-60 LATTANTE (1-12 mesi) 100-160 75-160 30-60 87-105 53-66 INFANZIA

Dettagli

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006 Capitolo 8 P-BLS Paediatric Basic Life Support RegioneLombardia 2006 Obiettivi Acquisire conoscenze teoriche, abilità pratiche e schemi di comportamento Prevenire i danni cerebrali da mancanza di ossigeno

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Sintomi e segni legati all apparato cardiocircolatorio: - dispnea, tachipnea - dolore precordiale (=in regione del cuore) - dolore toracico, dolore alla spalla

Dettagli

L'apparato cardiocircolatorio. I disturbi della circolazione CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI

L'apparato cardiocircolatorio. I disturbi della circolazione CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI L'apparato cardiocircolatorio I disturbi della circolazione Cultura della sicurezza patrimonio comune del mondo del lavoro: impresa, lavoratori

Dettagli

Urgenza nella donna gravida

Urgenza nella donna gravida Capitolo 11 Urgenza nella donna gravida A cura di Stefano Stipa 1 1 Medico 1 1. Urgenza nella donna gravida Obiettivi Formativi: 1) Assistenza al parto; 2) Primo Soccorso alla donna gravida e al neonato.

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI TRENTO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO V.d.S. I.P. Franco Onere CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO Il sistema circolatorio è preposto alla circolazione del sangue ed

Dettagli

Problemi respiratori nella Malattia di Pompe

Problemi respiratori nella Malattia di Pompe Problemi respiratori nella Malattia di Pompe Molti neonati, bambini e adulti affetti dalla Malattia di Pompe presentano sintomi precoci di difficoltà respiratoria, che può aggravarsi con il progressivo

Dettagli

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 Importanza dell identificazione precoce del paziente critico Cause dell arresto cardiorespiratorio nell adulto Identificare e

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana Quando si pratica il PBLS Il PBLS deve essere praticato

Dettagli