GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA"

Transcript

1 GUIDA ALLA COMPETITIVITÀ AMBIENTALE PER LE IMPRESE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1

2 SOMMARIO PREMESSA... 3 ECO-INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ AMBIENTALE... 3 L APPROCCIO PRO-ATTIVO DELL AZIENDA... 3 STRATEGIE... 4 STRUMENTI PER L ECO INNOVAZIONE... 6 VANTAGGI... 11

3 PREMESSA Competitività e sostenibilità vanno di pari passo per le imprese. La dichiarazione di Bilbao sull eco-innovazione nelle PMI (Piccole e Medie Imprese) raccomanda a Commissione e Stati membri di rendere l innovazione ambientale uno dei pilastri della crescita di piccole e medie imprese. In generale però le aziende sono talora confuse in mezzo a una marea di strumenti e soluzioni che vengono presentati come ecologici, sostenibili, a impatto zero. Nella presente guida trovi informazioni e consigli che ti aiuteranno a identificare la strategia ambientale più opportuna per la tua impresa. ECO-INNOVAZIONE E COMPETITIVITÀ AMBIENTALE Eco-innovare significare innovare approcci manageriali e tecnologie specifiche in modo da aumentare l efficienza nell utilizzo delle risorse. Spingere sull eco-efficienza significa innescare processi di miglioramento ambientale con una prospettiva rivolta a nuovi mercati particolarmente sensibili alla tematiche e ai prodotti eco-sostenibili. In sostanza l ambiente viene integrato nell insieme dei fattori di produzione di un azienda Ogni prodotto che la tua impresa produce ha delle caratteristiche che possono impattare sull ambiente, molte di queste si definiscono fin dalla fase di progettazione. Per ecoinnovare un prodotto è necessario partire dalla fase di progettazione e adeguare le tecnologie di produzione in funzione delle esigenze ambientali. Questo è un processo che può essere facilmente adottato dalle PMI. L APPROCCIO PRO-ATTIVO DELL AZIENDA Un impresa pro-attiva è capace di prevenire e anticipare i problemi e le esigenze future ed è in grado di gestire i cambiamenti. Dal punto di vista ambientale, ciò significa decidere di minimizzare progressivamente l impatto sull ambiente: è il concetto del miglioramento ambientale continuo. Per fare questo per esempio un azienda potrebbe decidere di procedere con: la progettazione di prodotti o di servizi verdi, che abbiano un ridotto impatto ambientale rispetto allo standard di mercato: questo può richiedere relazioni con i fornitori e i clienti lungo tutta la filiera;

4 l introduzione di tecnologie pulite, cioè che abbiano un ridotto impatto ambientale rispetto a quelle usualmente utilizzate allo stesso scopo; il riciclo delle acque ove possibile; il risparmio energetico; l approvvigionamento energetico da fonti rinnovabili; il recupero degli scarti di produzione; modifiche al packaging (materiale per il confezionamento) per renderlo meno impattante, ad esempio riducendo il peso degli imballaggi e usando quelli riutilizzabili; l eliminazione di trattamenti altamente impattanti; la riduzione delle sostanze tossiche (sostituzione dei materiali con alternative meno nocive e più riciclabili o rinnovabili); la ricerca di opportunità di mercato per la vendita di scarti, sfridi, parti di prodotti usati, non riutilizzabili all interno dell azienda (facendoli diventare delle materie prime secondarie o seconde); la comunicazione verso l esterno degli interventi ambientali effettuati e dei miglioramenti ottenuti. STRATEGIE Per decidere come orientare lo sviluppo della competitività ambientale della tua azienda, puoi fare una riflessione sulle strategie da cui ti vuoi far guidare in questa scelta. Per esempio le grandi aziende che producono beni per i consumatori finali danno particolare importanza alle strategie di prodotto o di mercato. Esse pertanto puntano sulla progettazione (e promozione con azioni mirate di marketing) di prodotti ecologici, cioè di prodotti che in tutte le fasi di vita rispettano l ambiente. Sono le stesse aziende che scelgono di aderire a un marchio ecologico, ossia di certificare la virtuosità del loro prodotto, differenziandolo, rispetto alla massa, attraverso il possesso di un etichetta ecologica, come ad esempio l'ecolabel (marchio comunitario di qualità ecologica secondo quanto previsto dal nuovo Regolamento CEE 66/2010). Dato che tutte le aziende sono attente ai consumi, la tua azienda potrebbe adottare una strategia di processo: sposare le tecnologie pulite e l uso razionale di risorse, la riduzione di emissioni, reflui e rifiuti.

5 Unitamente alle strategie di prodotto o di processo, solitamente le imprese che si impegnano in questa direzione hanno anche delle strategie di comunicazione, con le quali mirano a far conoscere il loro sforzo e le loro politiche ambientali. Il fine è ovviamente quello di vedere riconosciuta un'immagine verde presso i consumatori e avere anche un migliore rapporto con enti come le pubbliche amministrazioni, le assicurazioni e le banche. Per comunicare l impegno ambientale solitamente si ricorre a: strumenti di contabilità ambientale; certificazioni (Ecolabel, ISO 14000); dichiarazione ambientale prevista dall'emas (se l azienda ha un sistema di gestione ambientale registrato EMAS); strumenti tipici del marketing quali la pubblicità, la promozione, le pubbliche relazioni e la sponsorizzazione. Talora sono fondamentali anche le strategie di alleanza con cui si prevede un impegno comune nel raggiungimento degli obiettivi globali attraverso lo scambio di know how, e di esperienze. In sostanza si tratta di scegliere tra intervenire sul prodotto o sul processo: la tua impresa può scegliere entrambe le strade o puntare preferibilmente su una e poi estendere il miglioramento ambientale anche all altra. In ogni caso, questi saranno i passi da compiere: identificazione dei parametri ambientali rilevanti per la tua attività e/o il tuo prodotto; analisi dei dati ambientali; definizione della strategia con individuazione di obiettivi da raggiungere e programmazione di azioni finalizzate al conseguimento degli obiettivi; realizzazione degli interventi programmati; comunicazione verso l esterno degli interventi attuati e dei miglioramenti conseguiti; monitoraggio.

6 STRUMENTI PER L ECO INNOVAZIONE Le Tecnologie Pulite Le Tecnologie Pulite consentono di ridurre gli impatti ambientali delle produzioni o legati ad esse. Si parla di tecnologie pulite quando le aziende adottano le migliori tecniche disponibili, note come BAT (Best Available Techniques), che la Direttiva europea 96/61 definisce come la più efficiente e avanzata fase di sviluppo di attività e relativi metodi di esercizio indicanti l idoneità pratica di determinate tecniche a costituire, in linea di massima, la base dei valori limite di emissione intesi ad evitare oppure, ove ciò si riveli impossibile, a ridurre in modo generale le emissioni e l impatto sull ambiente nel suo complesso. Le BAT riguardano tutti gli aspetti delle attività di un industria che hanno degli impatti sull ambiente. Il termine tecniche è qui usato in senso lato per indicare anche modi di gestione di progettazione, costruzione, manutenzione ed esercizio dell impianto di produzione. Sono definite migliori perché sono le più efficaci al fine di proteggere l ambiente. Si chiamano disponibili perché sono diffuse e non si tratta di tecniche di costo talmente elevato da esser accessibile solo ad un numero ristretto di aziende ma di tecniche ormai sviluppate su larga scala. Grazie alle BAT, per esempio, le autorità competenti nel rilascio di un autorizzazione fanno direttamente riferimento ai valori di emissioni ottenibili con le BAT senza imporre una determinata tecnologia o una particolare misura: così è l azienda che assume parte attiva, decidendo in che modo rispettare il valore imposto. Con l applicazione delle BAT si possono ottimizzare i consumi delle materie prime, dell acqua e dell energia e minimizzare rifiuti e emissioni. Nel sito del EIPPCB (European Integrated Pollution Prevention and Control Bureau - Agenzia europea per la strategia integrata di controllo e prevenzione dell inquinamento), all indirizzo puoi consultare i documenti di riferimento delle migliori tecniche disponibili per i settori più rilevanti. I Sistemi di Gestione Ambientale (SGA). Un SGA è lo strumento ideale per tenere sotto controllo tutti gli aspetti ambientali legati alle attività della tua azienda. Per i Sistemi di Gestione Ambientale la norma internazionale di riferimento è la ISO ma esiste anche il Regolamento Comunitario EMAS III che include i punti della norma ISO ed in più richiede altre particolari caratteristiche aggiuntive.

7 Il SGA è composto da una serie di documenti: la politica ambientale e il programma dell Organizzazione; la descrizione del campo di applicazione del sistema, dei suoi principali elementi e il riferimento ai documenti correlati: l Analisi Ambientale Iniziale, le procedure operative e gestionali, magari un manuale che spieghi come funziona il Sistema; i documenti, comprese le registrazioni, che sono richiesti dalla norma di riferimento: ISO o Regolamento EMAS III; i documenti che sono necessari per il buon funzionamento del Sistema. Il sistema di gestione ambientale deve essere tagliato su misura per la strategia dell impresa. Gli obiettivi di un sistema di gestione ambientale derivano dalla politica ambientale dell azienda e si traducono nelle azioni da intraprendere per realizzare il programma ambientale. L azienda potrebbe, per esempio, stabilire nella sua politica di ridurre al minimo le proprie emissioni e quindi prevedere nel suo programma ambientale degli interventi mirati a raggiungere questo obiettivo: per esempio un frequente controllo dei fumi, un rinnovo delle caldaie con macchine meno inquinanti o altri tipi di interventi che vadano in questa direzione. Avere un SGA è poi particolarmente importante per quelle aziende che svolgono attività altamente impattanti: si pensi ad aziende che hanno a che fare con i rifiuti, aziende di pulizie, aziende che fanno bonifiche. In questi casi avere un metodo per tenere sotto occhio tutto ciò che può creare pregiudizio all ambiente diventa uno strumento di tutela dell azienda. Inoltre, quando queste aziende partecipano a bandi pubblici, molto spesso viene loro richiesto di dimostrare che hanno approntato delle misure di gestione degli aspetti ambientali tipo ISO o EMAS. Per ulteriori informazioni consulta la guida ai SGA

8 La comunicazione verso l esterno del miglioramento ambientale per le organizzazioni con SGA. Le aziende che hanno un sistema di gestione ambientale certificato e registrato, conforme al Regolamento EMAS, devono pubblicare la dichiarazione ambientale. La dichiarazione ambientale è un documento nel quale sono rese pubbliche le performance ambientali dell organizzazione, la sua politica ambientale e il suo programma. Periodicamente la dichiarazione viene aggiornata per rendere conto al pubblico degli avanzamenti nel processo di miglioramento ambientale continuo. Le organizzazioni che hanno un SGA conforme alla ISO 14001, ma non all EMAS, possono comunque pubblicizzare le proprie prestazioni e comunicare all esterno (su documenti ufficiali, sito web e vari media) il loro impegno nel rispetto dell ambiente, anche attraverso l utilizzo della frase che attesta il possesso della certificazione. Le etichette verdi. Le etichette ambientali si distinguono in: etichette ambientali di tipo I; etichette ambientali di tipo II; etichette ambientali di tipo III. Le etichette ambientali di tipo I fanno riferimento alla norma UNI EN ISO I requisiti sono basati su un sistema che considera l intero ciclo di vita del prodotto (i criteri sono dunque sviluppati da una parte terza). Il prodotto che richiede il marchio deve rispettare determinati valori limite stabiliti. Esempi di queste etichettature sono l Ecolabel europeo, il Blaue Engel (tedesco), il Nordic Swan (scandinavo), e alcune di settore come: l Energy Star, l FSC (gestione sostenibile delle foreste e relativa rintracciabilità dei prodotti), Oeko-Tex (sulla presenza di sostanze nocive sui prodotti tessili) ecc. La norma di riferimento per l Ecolabel Europeo è il Regolamento CEE 66/2010. L Ecolabel è il sistema comunitario di assegnazione del marchio di qualità ecologica e comprende i prodotti rispondenti ai requisiti di qualità ambientale definiti dalla UE per varie categorie di prodotto. Il marchio informa il consumatore della qualità ecologica del prodotto/servizio. Si tratta di un marchio di eccellenza e i prodotti che lo conseguono hanno i più alti livelli di prestazioni ambientali della categoria.

9 Le etichette ambientali di tipo II fanno riferimento alla norma UNI EN ISO Sono asserzioni ambientali auto-dichiarate e sono basate su un singolo criterio e non c è una verifica indipendente della veridicità. Sono strumenti di informazione che contengono dati dichiarati dal produttore per esempio su biodegradabilità e atossicità dei trattamenti. Un tipico esempio è l autodichiarazione della percentuale di materiale riciclato presente in un prodotto. Le etichette ambientali di tipo III fanno riferimento alle norme UNI ISO Sono Dichiarazioni ambientali che contengono una quantificazione degli impatti ambientali associati al prodotto lungo il suo ciclo di vita. Nella dichiarazione, gli impatti devono essere descritti in modo tale da facilitare il confronto tra prodotti. Un esempio sono le Dichiarazioni Ambientali di Prodotto (Environmental Product Declaration). Vedi sito Le DAP valutano il ciclo di vita del prodotto e in base a questo quantificano la prestazione ambientale complessiva, permettono anche alle aziende che hanno prodotti che non rientrano nella categorie coperte da Ecolabel di divulgare informazioni ambientali sui loro prodotti, facilitando il confronto con altri prodotti. Sul web trovi molte informazioni sulle etichette ecologiche. Sul sito patrocinato dal Ministero dell Ambiente, puoi trovare delle pubblicazioni mirate ad identificare le etichette adatte per i diversi prodotti. Per il settore dell edilizia esiste un interessante standard di costruzione americano denominato LEED Leadership in Energy and Environmental Design (che si può tradurre come Primato in efficienza energetica e progettazione ecocompatibile). Il LEED va sempre più diffondendosi e interessa gli edifici di nuova costruzione ma si può estendere anche ai prodotti per l edilizia, nel caso in cui le aziende produttrici richiedano la verifica di conformità allo standard ovvero quanto quel prodotto contribuisce a dare all edificio punteggio LEED. Per maggiori informazioni in proposito puoi consultare

10 La comunicazione del miglioramento delle performance ambientali del prodotto con etichetta ecologica. In questo caso la comunicazione verso l esterno avviene in modo immediato perché il consumatore si trova di fronte un prodotto con un marchio di qualità ecologica o con una dichiarazione ambientale di prodotto che ne specifica le caratteristiche ambientali. Si può ovviamente ricorrere anche ad altri strumenti di marketing per potenziarne l effetto. Analisi e valutazione del ciclo di vita (LCA - Life Cycle Assessment) Per la norma internazionale ISO 14040, il Life Cycle Assessment è la: compilazione e valutazione attraverso tutto il ciclo di vita dei flussi di entrata ed uscita, nonché i potenziali impatti ambientali, di un sistema di prodotto. Il ciclo di vita comincia con l estrazione delle materie prime e termina con lo smaltimento (dalla culla alla tomba) o il recupero e il riciclo (dalla culla alla culla). Con uno studio di LCA si può comprendere in quale fase della vita di un prodotto ci sono maggiori criticità ambientali e quindi conseguentemente si può intervenire per rendere il prodotto più verde dove serve, anziché magari spostare gli impatti da una fase all altra. La LCA è un approccio che sta alla base di etichette e dichiarazioni ambientali (Ecolabel, autodichiarazioni, EPD). Un azienda che applica l LCA per i suoi prodotti individua immediatamente le problematiche ambientali all interno di processi produttivi, sa quindi dove intervenire per migliorare la qualità del prodotto, risparmiare energia e materiali. Eco-design L eco-design considera i fattori ambientali nella progettazione e nello sviluppo di beni o servizi. Prima di tutto è necessario valutare gli impatti ambientali che possono essere generati da un prodotto e valutare alternative progettuali. Le decisioni assunte in fase di progettazione determinano gli impatti che avrà il prodotto lungo tutta la sua vita. I prodotti di questa ecoprogettazione risultano qualitativamente buoni almeno quanto quelli dello standard di mercato ma hanno prestazioni ambientali decisamente migliori. La riprogettazione tenendo conto degli aspetti ambientali di un prodotto esistente non produce tanta innovazione quanto l eco-progettazione da zero di un nuovo prodotto. Per alcuni settori esistono norme che si riferiscono alla responsabilità del produttore per gli impatti ambientali dei prodotti. Per esempio: Direttiva sugli imballaggi e sui rifiuti da imballaggio; Direttiva sulla gestione dei veicoli fuori uso (ELVs); Direttive sulle apparecchiature elettriche ed elettroniche (WEEE);

11 Direttiva quadro che definisce dei requisiti di ecodesign per le apparecchiature utilizzanti energia (EUP). Esiste inoltre uno standard per l ecodesign: il rapporto tecnico UNI EN ISO/TR Gestione ambientale - Integrazione degli aspetti ambientali nella progettazione e nello sviluppo del prodotto. Al seguente indirizzo trovi i Regolamenti europei (in applicazione della direttiva 2009/125/CE del Parlamento europeo e del Consiglio) che contengono le specifiche per la progettazione ecocompatibile per diversi gruppi di prodotti. Per cercare quelli che interessano la tua azienda: scegli il gruppo di prodotti, apri la documentazione e poi, nella pagina successiva, apri il file con il testo in italiano che si trova nella colonna IT. VANTAGGI Quanti e quali vantaggi può ottenere la tua azienda da una gestione attenta e pro-attiva? Di seguito solo alcuni dei benefici che puoi conseguire e che dipenderanno dagli strumenti scelti: minori costi di produzione (con l ecodesign, per esempio, identifichi i processi inefficienti); minori costi di smaltimento dei rifiuti e minori consumi di risorse; migliore immagine verso i clienti (perché hai intrapreso una strategia di comunicazione ambientale congiuntamente alla tua azione verde); accesso al mercato degli acquisti verdi (consulta la pagina web Tecnologie e prodotti green e il video sul GPP Le opportunità del Green Public Procurement (GPP) per le imprese presenti in questa sezione e le pagine di e maggiore apprezzamento nei confronti di clienti che adottano politiche di sostenibilità ambientale; preparazione maggiore per determinate gare d appalto in cui è richiesta una gestione degli aspetti ambientali (nel caso in cui la tua azienda abbia un SGA); migliore qualità del prodotto progettato con l ecodesign (perché questo ne ha aumentato la durata e la funzionalità); minori costi per rispettare la normativa a tutela dell'ambiente (perché con un sistema di gestione ambientale hai tutto sotto controllo); minori costi legati ad incidenti ambientali; migliori relazioni con i lavoratori grazie al coinvolgimento dei dipendenti;

12 migliori rapporti con le autorità pubbliche e la comunità locale grazie alla comunicazione dell impegno ambientale assunto e dei risultati conseguiti; maggiori possibilità di ottenere agevolazioni finanziarie, incentivi economici, semplificazioni o vantaggi nelle procedure amministrative; migliori rapporti con le banche e minori premi di assicurazione.

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI.

Strumenti di eco-innovazione. Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Strumenti di eco-innovazione Il processo di eco-innovazione nelle imprese. Gli strumenti ENEA per l eco-innovazione nelle PMI. Francesca Cappellaro Laboratorio LCA&Ecodesign Bologna, 28 aprile 2010 Contesto

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

QUALITÀ AMBIENTALE DEI PRODOTTI E SUA

QUALITÀ AMBIENTALE DEI PRODOTTI E SUA QUALITÀ AMBIENTALE DEI PRODOTTI E SUA CERTIFICAZIONE IL SISTEMA EPD Massimo Marino Life Cycle Engineering Torino; www.life-cycle-engineering.it PREMESSA Il crescente interesse nei confronti della protezione

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Come si misura la #greenicità

Come si misura la #greenicità Come si misura la #greenicità Le norme europee ed italiane sulla qualità ambientale dei prodotti e sull efficienza ambientale delle imprese Tullio Berlenghi Un po di storia La consapevolezza Il Club di

Dettagli

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA)

ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ALLEGATO 1: PROGRAMMI FORMATIVI EMAS (CORSO SE-RA) ATTIVITA FORMATIVE GRUPPO 0 FORMAZIONE PROPEDEUTICA DI BASE Generale Elementi di analisi matematica e geometria analitica Elementi di fisica Elementi

Dettagli

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi

Le certificazioni ambientali come forma di assicurazione della Qualità di Amalia Lucia Fazzari e Alessandro Pomponi Pubblicato il: 2 luglio 2012 Tutti i diritti riservati. Tutti gli articoli possono essere riprodotti con l'unica condizione di mettere in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.qtimes.it Registrazione

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi

Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi Applicazione della metodologia LCA e delle Etichette di tipo III al settore delle costruzioni Adriana Del Borghi CE.Si.S.P. Centro per lo Sviluppo della Sostenibilità dei Prodotti Università costituenti:

Dettagli

Il corso intede fornire le informazioni di base per la corretta. Aula 8 Base performance ambientali.

Il corso intede fornire le informazioni di base per la corretta. Aula 8 Base performance ambientali. MODALITA' AREA TEMATICA COD TITOLO CONTENUTI DURATA ORE TIPOLOGIA FORMATIVA N. LAVORATORI IN FORMAZIONE Il corso intede fornire le informazioni di base per la corretta 1 applicazione di un Sistema di Gestione

Dettagli

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Il settore strategico delle acque: come l innovazione chimica può aumentarne la sostenibilità Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Stefano Toffanin Ferrara, 21 maggio 2010 Quartiere

Dettagli

Questionario sul Manuale per la sostenibilità

Questionario sul Manuale per la sostenibilità Questionario sul Manuale per la sostenibilità Deliverable 4.1 Deliverable Progetto I.M.A.G.I.N.E. MAde Green IN Europe Il progetto IMAGINE Il progetto IMAGINE è finalizzato alla sperimentazione e diffusione

Dettagli

Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente

Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente + Etichettatura ambientale di prodotto: la proposta di Kyoto Club per qualificare e certificare i prodotti o servizi virtuosi per l'ambiente Annalisa Corrado - Coordinatrice Gruppo di Lavoro Multietichetta

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA REGOLAMENTAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DEGLI OBBLIGHI EMAS TRIESTE 10 DICEMBRE 2014 DOTT. ROBERTO CARIANI Presentazione

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

La garanzia che il tuo prodotto è davvero green.

La garanzia che il tuo prodotto è davvero green. Certificazione delle Asserzioni Ambientali di Prodotto La garanzia che il tuo prodotto è davvero green. Tutti dicono di essere green. Ma non tutti dicono la verità. GREEN VERO GREEN IMQ-ECO. LA CERTIFICAZIONE

Dettagli

BROCHURE INFORMATIVA SU EMAS E I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE

BROCHURE INFORMATIVA SU EMAS E I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE L INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA CONOSCENZA E DELLA PREVENZIONE Dai sistemi di monitoraggio alla diffusione della cultura ambientale Milano, 24 25 26 Novembre 2003 Teatro Dal Verme - Palazzo delle Stelline

Dettagli

Acquisti nelle scuole e settori prioritari del PAN GPP. Elementi chiave di una strategia di acquisti verdi nella scuola

Acquisti nelle scuole e settori prioritari del PAN GPP. Elementi chiave di una strategia di acquisti verdi nella scuola Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di SDI GROUP e del destinatario. Tali informazioni sono strettamente legate ai commenti orali che le hanno accompagnate, e possono essere

Dettagli

ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO

ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO ETICHETTE PER PRODOTTI VERDI E SISTEMI DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE DELLE IMPRESE: COME VALORIZZARE IL PROPRIO IMPEGNO DI SOSTENIBILITA SUL MERCATO Giuseppe Bitonti Product Manager Lo scenario socio economico

Dettagli

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI Prof. Ing. Cesare Saccani DIEM - Università degli

Dettagli

Il Green Public Procurement a Cinisello Balsamo

Il Green Public Procurement a Cinisello Balsamo COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Il Green Public Procurement a Cinisello Balsamo Green Public Procurement a Cinisello Balsamo Definizione: Sistema di acquisti di prodotti e servizi ambientalmente preferibili

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE MACCHINE UTENSILI

L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE MACCHINE UTENSILI L EFFICIENZA ENERGETICA NELLE MACCHINE UTENSILI STATO DELL ARTE E PROSSIMI SVILUPPI Enrico Annacondia Direzione Tecnica UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE Razionale della presentazione Gestione energetica: generalità

Dettagli

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni

EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni EcoDesigne Sistemi di Gestione dell Energia Gian Piero Zattoni Workshop Chi Siamo EQO S.r.l. da oltre 10 anni riunisce professionisti provenenti da diversi settori e con differenti esperienze professionali,

Dettagli

RICERCA, CONSULENZA E PROGETTAZIONE PER LA SOSTENIBILITÀ SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE LAVANDERIE INDUSTRIALI

RICERCA, CONSULENZA E PROGETTAZIONE PER LA SOSTENIBILITÀ SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE LAVANDERIE INDUSTRIALI RICERCA, CONSULENZA E PROGETTAZIONE PER LA SOSTENIBILITÀ SERVIZI DI ASSISTENZA E SUPPORTO PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE LAVANDERIE INDUSTRIALI AMBIENTE ITALIA IN SINTESI Ambiente Italia è un azienda

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

PIANO DI AZIONE NAZIONALE PER IL GPP DEFINIZIONE DEI CRITERI AMBIENTALI MINIMI (CAM) PER LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI

PIANO DI AZIONE NAZIONALE PER IL GPP DEFINIZIONE DEI CRITERI AMBIENTALI MINIMI (CAM) PER LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI PIANO DI AZIONE NAZIONALE PER IL GPP DEFINIZIONE DEI CRITERI AMBIENTALI MINIMI (CAM) PER LA COSTRUZIONE E LA MANUTENZIONE DEGLI EDIFICI Cosa significa GPP? 2 Adottare una politica di Green Public Procurement

Dettagli

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto

GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto GREEN TOOLS Armando Romaniello Direttore Marketing Industry Management e Certificazione di prodotto Mantova, 25 novembre 2015 Consumatore e mercato globale: ogni giorno più esigenti - Sicurezza (conditio

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare

Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Obiettivo Prevenzione L ecosostenibilità degli imballaggi nel settore alimentare Simona Fontana Responsabile Centro Studi Area Prevenzione CONAI 27 febbraio 2015 Il Sistema CONAI, Consorzio Nazionale Imballaggi

Dettagli

Linee Guida per gli Acquisti Verdi nel settore turistico ricettivo : l esperienza della Provincia di Rimini.

Linee Guida per gli Acquisti Verdi nel settore turistico ricettivo : l esperienza della Provincia di Rimini. Linee Guida per gli Acquisti Verdi nel settore turistico ricettivo : l esperienza della Provincia di Rimini. Rimini, 6 giugno 2008 a cura di Maria Berrini e Emanuela Manca Gli acquisti verdi nel settore

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future Roma - 25 novembre 2014 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti

Dettagli

GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT

GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT GUIDA AL GUIDA AL GREEN PUBLIC PROCUREMENT GREEN PUBLIC PROCUREMENT Il Green Public Procurement (GPP) o Acquisti Verdi è una modalità di acquisto, da parte delle pubbliche amministrazioni locali e nazionali,

Dettagli

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica In collaborazione con Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica Relatore: ing. M. Capuana Taomina,

Dettagli

QUALITA AMBIENTALE DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI

QUALITA AMBIENTALE DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI QUALITA DI ORGANIZZAZIONI, IMPRESE E PRODOTTI OBIETTIVI INDICATORI Descrivere l evoluzione della sensibilità ambientale delle organizzazioni e delle imprese e la trasparenza nella comunicazione con il

Dettagli

EA 03 Prospetto economico degli oneri complessivi 1

EA 03 Prospetto economico degli oneri complessivi 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA Fase 1: Analisi iniziale L analisi iniziale prevede uno studio dello stato attuale della gestione interna dell Ente. Metodo: si prevede l individuazione dei referenti

Dettagli

Bologna, 21 gennaio 2009 R. Raffaelli

Bologna, 21 gennaio 2009 R. Raffaelli Bologna, 21 gennaio 2009 R. Raffaelli va letto tramite CRITERI OGGETTIVI che si esprimono nelle Certificazioni/Strumenti individuati dal VI programma d Azione per l Ambiente UE (2002 2012) e e dalla Nuova

Dettagli

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade.

si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. si può fare di più La sostenibilità, il nuovo motore delle imprese. Più si ricercano soluzioni sostenibili e più si aprono nuove strade. Cloros è una società certificata ISO 9001 e UNI CEI 11352, che ha

Dettagli

Progettare oggetti di ecodesign

Progettare oggetti di ecodesign Intervento dal titolo Progettare oggetti di ecodesign A cura di Arch.Marco Capellini Ecodesigner dello studio Capellini design e consulting 77 78 Eco-biodesign nell edilizia 10 Ottobre 2008- Fiera Energy

Dettagli

IL DISTRETTO ECODOMUS

IL DISTRETTO ECODOMUS PREMESSA La Politica Integrata di Prodotto (IPP), la Strategia per la Produzione e il Consumo Sostenibili (SPC) e la Direttiva 2009/125/CE dell'unione Europea hanno come obiettivo principale la riduzione

Dettagli

L ECO-RISTORAZIONE: UNA NUOVA STRADA PER LA COMPETITIVITÀ DEGLI ALBERGHI

L ECO-RISTORAZIONE: UNA NUOVA STRADA PER LA COMPETITIVITÀ DEGLI ALBERGHI L ECO-RISTORAZIONE: UNA NUOVA STRADA PER LA COMPETITIVITÀ DEGLI ALBERGHI Dot. ECO-RISTORAZIONE ALBERGHIERA IN TRENTINO: VANTAGGI E NUOVE OPPORTUNITA Riva Expo Hotel Riva del Garda 30 gennaio 2012 Quali

Dettagli

Avviso 1.2014 Fondimpresa. Proposte percorsi Formativi AMBIENTE

Avviso 1.2014 Fondimpresa. Proposte percorsi Formativi AMBIENTE Avviso 1.2014 Fondimpresa Proposte percorsi Formativi AMBIENTE Queste sono alcune delle proposte possibili; qualora siano individuate dalle aziende ulteriori necessità si prega di contattare l Ufficio

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it

POSITION PAPER. Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE. Position Paper 2010 www.studiolce.it POSITION PAPER Carta CARTA VERGINE CARTA RICICLATA: CRITERI PER UN CONFRONTO AMBIENTALE 1 La sostenibilità ambientale della carta prodotta da fibre vergini o riciclate è oggi uno dei fattori in grado di

Dettagli

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Roberto Magnaghi Responsabile Area Tecnica Treviso, 25 novembre 2010 1 Chi siamo L attività di prevenzione e CONAI Il Dossier

Dettagli

2 incontro Gruppo di lavoro GP ENTI PUBBLICI E IMPRESE. 29 ottobre 2003. Partecipanti. Nome Cognome In rappresentanza di E mail Telefono

2 incontro Gruppo di lavoro GP ENTI PUBBLICI E IMPRESE. 29 ottobre 2003. Partecipanti. Nome Cognome In rappresentanza di E mail Telefono 2 incontro Gruppo di lavoro GP ENTI PUBBLICI E IMPRESE 29 ottobre 2003 Partecipanti Nome Cognome In rappresentanza di E mail Telefono Enzo Fazi Provincia Pesaro Urbino e.fazi@provincia.ps.it 0721.359332

Dettagli

Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena"

Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 Terre di Siena Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena" Secondo il WBCSD (World Business Council for Sustainable Development),

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008 ertificazione Ambientale ISO14001 Ottobre 2008 La certificazione ISO 14001 La certificazione ISO 14001 di un Sistema di gestione ambientale è la dichiarazione di un ente certificatore, accreditato dal

Dettagli

L Ecolabel dell Unione Europea per la Rubinetteria Sanitaria

L Ecolabel dell Unione Europea per la Rubinetteria Sanitaria L Ecolabel dell Unione Europea per la Rubinetteria Sanitaria Il Contesto legislativo europeo e italiano: Criticità e prospettive Novara, 08 novembre 2013 Federata Associazione italiana costruttori valvole

Dettagli

ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI

ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI Alla scoperta degli ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI Lugano 9 marzo 2006 Ing. Andrea Rigato Sviluppo sostenibile Vari significati, attribuiti in ambiti diversi Definizione più comune (e accettata) Uno sviluppo

Dettagli

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale La spirale perversa LEGGI SOCIALI ED AMBIENTALI PIÙ RESTRITTIVE POLITICI INDUSTRIA PERCEZIONE NEGATIVA DEGLI STAKEHOLDER PRESSIONE PER UNA MIGLIORE

Dettagli

Manuale di Gestione Integrata POLITICA AZIENDALE. 4.2 Politica Aziendale 2. Verifica RSGI Approvazione Direzione Emissione RSGI

Manuale di Gestione Integrata POLITICA AZIENDALE. 4.2 Politica Aziendale 2. Verifica RSGI Approvazione Direzione Emissione RSGI Pag.1 di 5 SOMMARIO 4.2 Politica Aziendale 2 Verifica RSGI Approvazione Direzione Emissione RSGI. Pag.2 di 5 4.2 Politica Aziendale La Direzione della FOMET SpA adotta e diffonde ad ogni livello della

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

09.11.2011. Pandora: climate change ed edifici sostenibili

09.11.2011. Pandora: climate change ed edifici sostenibili 09.11.2011 Pandora: climate change ed edifici sostenibili La direttiva 2010/31/UE Obiettivo: edifici a energia quasi zero La Direttiva promuove il miglioramento della prestazione energetica degli edifici

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona LA CERTIFICAZIONE Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona Qualità Grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000/00) Requisito Esigenza

Dettagli

Scheda di partecipazione

Scheda di partecipazione Scheda di partecipazione Reagire alla CRISI con la RSI Da compilare e inviare entro il 20 settembre 2011 a: Dott.ssa Manuela Caramanna email: manuela.caramanna@ge.camcom.it oppure per posta ordinaria in

Dettagli

Progetto CARBOMARK Il target delle aziende potenzialmente interessate all acquisto delle quote di CO2

Progetto CARBOMARK Il target delle aziende potenzialmente interessate all acquisto delle quote di CO2 Progetto CARBOMARK Il target delle aziende potenzialmente interessate all acquisto delle quote di CO2 Dr. Federico Balzan Divisione Ricerca & Sviluppo Castellavazzo, 10 marzo 2010 Certificazioni La certificazione

Dettagli

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment

IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI VERDI Life Cycle Assessment Forum Internazionale degli Acquisti Verdi terza edizione - Fiera di Cremona, 8-10 ottobre 2009 www.forumcompraverde.it IL Green Public Procurement DALLA A ALLA Z SEMINARI A CURA DEL Gruppo Di Lavoro ACQUISTI

Dettagli

Le novità della nuova UNI EN ISO 14001:2015. Daniele Pernigotti Delegato italiano in ISO/TC 207/SC1/WG5

Le novità della nuova UNI EN ISO 14001:2015. Daniele Pernigotti Delegato italiano in ISO/TC 207/SC1/WG5 Le novità della nuova UNI EN ISO 14001:2015 Daniele Pernigotti Delegato italiano in ISO/TC 207/SC1/WG5 Milano, 25/09/2015 Sommario 1. Perchè una nuova revisione 2. Le principali novità della ISO 14001:2015

Dettagli

La prospettiva italiana dell economia circolare nel contesto internazionale ed europeo

La prospettiva italiana dell economia circolare nel contesto internazionale ed europeo La prospettiva italiana dell economia circolare nel contesto internazionale ed europeo Benedetta Dell Anno Dipartimento per lo Sviluppo Sostenibile, Senior policy advisor TA Sogesid DIV IV Affari Europei

Dettagli

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Le certificazioni ambientali Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Evoluzione storica L attenzione alle questioni ambientali

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

presentato da Toni Federico

presentato da Toni Federico presentato da Toni Federico LE IMPRESE E L AMBIENTE La green economy non è un settore ma un modello generale di economia, capace di produrre un benessere di migliore qualità e più equamente distribuito

Dettagli

Innovations for a MAde Green IN Europe

Innovations for a MAde Green IN Europe PROGETTO IMAGINE Innovations for a MAde Green IN Europe SOGGETTO FINANZIATORE: Unione Europea Linea di finanziamento bandi CIP - EcoInnovation BENEFICIARIO: ASEV - AGENZIA PER LO SVILUPPO EMPOLESE VALDELSA

Dettagli

I vantaggi di una impresa eco - efficiente

I vantaggi di una impresa eco - efficiente I vantaggi di una impresa eco - efficiente Diminuiscono Impatti ambientali Incidenti Rischi di contenziosi Costi assicurativi Costi di smaltimento Aumentano Coinvolgimento operatori Immagine per le parti

Dettagli

Le ragioni e la logica dell approccio Life Cycle per la valutazione ambientale e l ottimizzazione l prodotti e processi

Le ragioni e la logica dell approccio Life Cycle per la valutazione ambientale e l ottimizzazione l prodotti e processi Le ragioni e la logica dell approccio Life Cycle per la valutazione ambientale e l ottimizzazione l di prodotti e processi Patrizia Buttol ENEA ACS, CR Bologna Cambiamento climatico e strategie d impresa:

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

COMUNE DI. (Provincia di.)

COMUNE DI. (Provincia di.) COMUNE DI (Provincia di.) Deliberazione della Giunta Comunale N... del Oggetto : Adozione della politica di Green Public Procurement (Acquisti Verdi GPP) L' anno duemilaedodici, il giorno del mese, nella

Dettagli

La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche

La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche La normativa sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) AIRI TUTORIAL MEETING TECNOLOGIE MODERNE ED EMERGENTI PER LE PMI Perché una regolamentazione La politica ambientale dell'unione

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Luisa Mulas Servizio Sostenibilità Ambientale, Assessorato della Difesa dell Ambiente, Regione Sardegna Scrivere

Dettagli

RETE AGENDE 21 LOCALI TOSCANA: PROGRAMMIAMOCI

RETE AGENDE 21 LOCALI TOSCANA: PROGRAMMIAMOCI COMUNE DI MASSA RETE AGENDE 21 LOCALI TOSCANA: PROGRAMMIAMOCI IL GRUPPO DI LAVORO GREEN PUBLIC PROCUREMENT RELATORE: DOTT.SSA GIORGI MARIA COMUNE DI MASSA Firenze, 14 ottobre 2008 ore 9,30 Direzione Ambiente

Dettagli

Macro GPP - Guida alla definizione di un modello di Green Public Procurement integrato con Emas ed Ecolabel

Macro GPP - Guida alla definizione di un modello di Green Public Procurement integrato con Emas ed Ecolabel Macro GPP - Guida alla definizione di un modello di Green Public Procurement integrato con Emas ed Ecolabel Ing. Massimo Guido Dott.ssa Valentina Bove Prof. Ing. Arch. Guido Dell Osso Politecnico di Bari

Dettagli

CORSO LIVELLO 400. Arch. Paola Moschini LEED AP BD+C Prodotti da costruzione per un Green Market : know-how essenziale per i produttori

CORSO LIVELLO 400. Arch. Paola Moschini LEED AP BD+C Prodotti da costruzione per un Green Market : know-how essenziale per i produttori CORSO LIVELLO 400 Arch. Paola Moschini LEED AP BD+C Prodotti da costruzione per un Green Market : know-how essenziale per i produttori 1 COPYRIGHT DIRITTI D AUTORE Questa presentazione è di esclusiva proprietà

Dettagli

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI RILEVATE DA LOW IMPACT:

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI RILEVATE DA LOW IMPACT: La carta utilizzata per stampare elenchi proviene tra il 30% ed il 40% di fibre riciclate e la restante parte è carta ecologica certificata FSC; La materia prima è acquistata presso Cartiere che adottano

Dettagli

SUSTAINABLE BUILDING DESIGN

SUSTAINABLE BUILDING DESIGN SUSTAINABLE BUILDING DESIGN UN NUOVO MODO DI PROGETTARE: - CONCETTO DI SOSTENIBILITA - ALTA EFFICIENZA ENERGETICA - INNOVAZIONE: (B.I.M.) Building Information Modeling IL CONCETTO DI EDIFICIO SOSTENIBILE

Dettagli

TERMOFISICA DEGLI EDIFICI (Ing. EDILE 06 CFU)

TERMOFISICA DEGLI EDIFICI (Ing. EDILE 06 CFU) Università degli Studi di Bergamo, Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Anno Accademico 2010-2011 CORSO TERMOFISICA DEGLI EDIFICI (Ing. EDILE 06 CFU) Prof.ssa Ing. Paola Zampiero

Dettagli

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ 3 Workshop di R&S Opportunità finanziarie per la ricerca delle Imprese Chimiche nei settori energetici e ambientali I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ Stefano Toffanin Milano,

Dettagli

Innovazione e qualità

Innovazione e qualità Innovazione e qualità La filosofia dell azienda si basa fin dagli anni 70 sulla ricerca della qualità per garantire al consumatore finale un prodotto fresco e sano TEDALDI L azienda Tedaldi, con sede principale

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA ASSESSORATO DELL INDUSTRIA Allegato alla Delib.G.R. n. 63/7 del 15.12.2015 PICCOLE E MEDIE IMPRESE EFFICIENTI Programma per migliorare l efficienza energetica nelle piccole e medie imprese RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Ambiente ed Energia: sinonimo di innovazione

Ambiente ed Energia: sinonimo di innovazione Ambiente ed Energia: sinonimo di innovazione Andrea Zanfini Bar-Camp: Jam Session di buone pratiche e progetti innovativi Le nostre Attività Business Process Reengineering Consulenza di Direzione Lean

Dettagli

Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione Aziendale. Clicca qui per l avvio

Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione Aziendale. Clicca qui per l avvio Titolo intervento Ambiente e sostenibilità per la tua Azienda sono un costo?.noi lo trasformiamo in ricchezza. Relatore: : Gian Piero Zattoni Consulenza di Direzione Ambiente & Innovazione Sistemi di Gestione

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

IL RUOLO DELL ENTE DI CERTIFICAZIONE NELLE COSTRUZIONI SOSTENIBILI

IL RUOLO DELL ENTE DI CERTIFICAZIONE NELLE COSTRUZIONI SOSTENIBILI FORUM DELLE TECNOLOGIE III SESSIONE IL RUOLO DELL ENTE DI CERTIFICAZIONE Ing. Massimo De Vincentiis La normativa di riferimento: il quadro normativo nazionale ed europeo Il Regolamento (UE) n. 305/2011

Dettagli

Figure Professionali «Eco-innovazioni»

Figure Professionali «Eco-innovazioni» Figure Professionali «Eco-innovazioni» ESPERTO DI ECO-CERTIFICAZIONI GREEN JOBS Formazione e Orientamento INTRODUZIONE DI CONTESTO E LEGAME CON I CONCETTI DI ECO-INNOVAZIONE Le cosiddette certificazioni

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL PREMIO La Sardegna verso la green economy

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL PREMIO La Sardegna verso la green economy ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE Direzione Generale dell Ambiente Servizio della Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti e Sistemi Informativi (SAVI) AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL

Dettagli

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale Azienda leader nel campo della nutrizione, della salute e del benessere, Nestlé ambisce a migliorare

Dettagli

ErP e nuove etichette energetiche

ErP e nuove etichette energetiche ErP e nuove etichette energetiche Tutto quello che devi sapere sull'efficienza energetica dei sistemi di riscaldamento. L energia che accende il futuro ErP e nuove etichette energetiche: il futuro dei

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

Documento di posizionamento tecnico 2/2007 del Gruppo di Lavoro Acquisti Verdi del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane

Documento di posizionamento tecnico 2/2007 del Gruppo di Lavoro Acquisti Verdi del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane Documento di posizionamento tecnico 2/2007 del Gruppo di Lavoro Acquisti Verdi del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane I riferimenti ai sistemi di etichettatura ecologica negli appalti pubblici (DPT

Dettagli

Green Public Procurement

Green Public Procurement Andrea Monsignori, Servizio Qualità dell Ambiente gestione rifiuti e attività estrattive Workshop: Procedure e opportunità del comprare verde Perugia, 24 Febbraio 2010 Green Public Procurement (Acquisti

Dettagli

CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP

CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP PREMESSO CHE: L art. 6 della versione consolidata del Trattato

Dettagli

LA GREEN ECONOMY Unep definisce la green economy OCSE l innovazione disaccoppiare

LA GREEN ECONOMY Unep definisce la green economy OCSE l innovazione disaccoppiare LA GREEN ECONOMY Nel rapporto del 2009 Verso una green economy l Unep definisce la green economy come un economia capace di produrre un benessere di migliore qualità e più equamente esteso, migliorando

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

Ferrara, 23 MAGGIO 2013 W.Bertozzi

Ferrara, 23 MAGGIO 2013 W.Bertozzi Standard qualitativi di prodotto (obbligatorietà e valore aggiunto): gli standard e i disciplinari di Remade in Italy Ferrara, 23 MAGGIO 2013 W.Bertozzi Come sono nate le certificazioni aziendali? Storicamente

Dettagli