Invecchiamento attivo una sfida e una risorsa per la comunità Milano, 5 novembre 2012 Sala delle Colonne Banca Popolare di Milano Via San Paolo 12

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Invecchiamento attivo una sfida e una risorsa per la comunità Milano, 5 novembre 2012 Sala delle Colonne Banca Popolare di Milano Via San Paolo 12"

Transcript

1 Invecchiamento attivo una sfida e una risorsa per la comunità Milano, 5 novembre 2012 Sala delle Colonne Banca Popolare di Milano Via San Paolo 12 Promozione protezione - comunità: l impegno di Auser in Lombardia di Rino Campioni IL CONTESTO IN CUI VIVIAMO Lo scenario generale Abbiamo voluto organizzare l incontro di oggi ponendoci due obiettivi: creare un confronto con alcuni autorevoli esperti e fare il punto su quanto la nostra organizzazione sta realizzando e sui programmi futuri. Per introdurre i lavori di questo convegno provo a riassumere, brevemente, la situazione nella quale ci troviamo, guardando alle prospettive e partendo dall impegno di Auser in Lombardia per concorrere a disegnare un nuovo scenario. Abbiamo tutti la consapevolezza che stiamo vivendo una fase di antipolitica provocata dalla crisi non solo economica ma anche morale. Una parte della politica e delle istituzioni è attraversata da gravi fenomeni di malcostume, di corruzione, con pesanti infiltrazioni delle organizzazioni criminali. La crisi che colpisce il nostro paese ha conseguenze gravi per tutto il mondo del lavoro, per i giovani, le famiglie e, in particolare, per le persone anziane che vedono peggiorare in generale il livello della qualità della loro vita. In questo scenario le cosiddette categorie deboli in cui molti anziani rientrano devono sopportare le conseguenze più gravi. Certo, il problema riguarda non solo l Italia ma l intera Europa. In Italia le conseguenze sono più profonde che altrove. Oltre alle disuguaglianze già esistenti e agli squilibri territoriali e sociali conosciuti in precedenza, oggi sono in gravissime difficoltà intere categorie di persone e di soggetti sociali. Sono senza prospettive intere generazioni di giovani; il lavoro, il senso del suo valore universale di libertà e di prospettiva di vita, non è più in primo piano nell attenzione generale. In una società dove l invecchiamento della popolazione è un processo inarrestabile, trovare soluzioni adeguate per i milioni di anziani che si stanno rapidamente avvicinando alla soglia di povertà è una necessità non più rimandabile. Come sappiamo, in Italia nel 2030 la popolazione tra i 55 e i 75 anni aumenterà di circa quatto milioni, la metà dei bambini nati oggi supererà probabilmente i 100 anni, l aspettativa di vita sarà di 90 anni per le donne e di 85 per gli uomini. In questo clima di generale preoccupazione, non sembrano esserci ancora strategie adeguate per rispondere a quello che è definito un allarme sociale. La domanda è quindi come trovare soluzioni compatibili per risolvere un problema così importante?

2 La situazione in Lombardia Nella nostra regione la situazione è particolarmente complessa per le trasformazioni in atto e l aggravarsi di tutti gli indicatori economici e sociali. La Lombardia è anch essa investita dai fenomeni di malcostume, con conseguenze gravi sul sistema politico e istituzionale. La perdita di fiducia nella politica e nelle istituzioni è, purtroppo, in continua crescita. Non è così invece per il Terzo Settore: l annuale ricerca di Eurispes ha rilevato che il 77,4% delle persone si fida delle associazioni di volontariato mentre, per esempio, il livello di fiducia nella Pubblica Amministrazione è sceso al minimo storico del 17% e quello nei partiti è al 6,8% Da tempo sono in atto azioni per orientare, trasformare e innovare le politiche di welfare, ma ci troviamo comunque di fronte alla necessità di definire urgentemente nuove strategie e nuovi provvedimenti per la comunità e per il singolo cittadino. Gestire il cambiamento a tutti i livelli significa essere consapevoli che lo scenario è rapidamente mutato: il sistema di welfare è in significativa evoluzione, le difficoltà economiche sono crescenti, le relazioni familiari assumono connotazioni diverse anche rispetto al passato recente, la domanda di servizi è in forte e continuo aumento non possiamo rimandare oltre le scelte capaci di dare risposta a tante inquietanti incognite. L invecchiamento attivo Nell Anno Europeo dell Invecchiamento Attivo e della Solidarietà tra Generazioni, Auser Lombardia non poteva non essere presente nel dibattito in corso su tale argomento. È necessario che la società civile, la politica e le istituzioni prendano coscienza che i cambiamenti demografici sono un processo irreversibile, da assumere come sfida positiva. A tal fine, affermiamo subito che Auser coltiva una visione dell invecchiamento attivo particolarmente impegnativa, innanzi tutto sul piano culturale. Vogliamo evitare di farci coinvolgere dalle celebrazioni, pur ritenendo il tema di assoluta attualità. Intanto precisiamo che l invecchiamento deve riferirsi alla pluralità, alle differenze (donne e uomini, nord e sud, Italiani e immigrati ecc.), alle diverse dimensioni economiche, sociali, familiari, professionali delle generazioni che occupano le fasce d età considerate anziane. Parliamo degli anziani di oggi e quelli di domani. Di coloro che oggi sono adulti, ma anche dei giovani. Il tema dell invecchiamento attivo riguarda l intero arco della vita. L invecchiamento attivo significa che le persone avanti negli anni non perdono la possibilità e il desiderio di progettare nuove esperienze di vita attiva, e vanno aiutate a coltivare speranze, interessi, propositi e progetti di vita, rendendo permanente e strutturale la formazione e l educazione degli adulti. L invecchiamento attivo va considerato, soprattutto, un obiettivo sociale e politico, con le specificità, considerando tutti gli aspetti della realtà sociale ed economica. Insomma, non una questione degli anziani - fissati in una categoria definita in termini anagrafici - bensì una questione che riguarda i fondamentali del modo in cui viviamo, tanto sul versante oggettivo delle strutture sociali, quanto su quello soggettivo delle dinamiche esistenziali.

3 L anziano non è un emergenza o un nuovo target da considerare come potenziale consumatore. Vogliamo proporre un modo nuovo di percepire l invecchiamento e di considerare i costi dei servizi sanitari, socio-sanitari, assistenziali, sociali e previdenziali sconfiggendo ogni tentazione di usare le difficoltà economiche per mettere in discussione tutele e diritti e destrutturare così il sistema del welfare, che va sì innovato, ma non ridimensionato. Bisogna favorire la famiglia, come prima elementare comunità; essa è il primo soccorso e l ultimo ricorso delle persone. In questo, un compito efficace compete al sindacato, al suo ruolo e alla sua capacità negoziale, sia sul versante organizzativo e produttivo dei servizi, sia nelle politiche orizzontali territoriali. Si registra la forte esigenza di allargare la visione e ampliare l attenzione verso le trasformazioni produttive, economiche e sociali e alle ricadute sulle condizioni di vita delle singole persone e delle famiglie. Il peso e l equilibrio degli ammortizzatori e delle tutele sociali vanno organizzati e integrati sempre più, a livello territoriale, attraverso il riassetto dei sistemi di welfare, riconfermando la centralità della presa in carico pubblica. Vanno valorizzate tutte le risorse delle comunità, a partire dalla cittadinanza attiva, riconoscendo e rafforzando il ruolo complementare dell associazionismo, del Terzo Settore e del no-profit. Vanno sviluppati tutti i fattori della coesione; rafforzati gli strumenti di socializzazione, indicando nella comunità territoriale l ambito nel quale si formano e s intrecciano le dinamiche sociali. Il territorio è il luogo dove si sviluppano le reti di solidarietà; dove è possibile, è opportuno sperimentare un welfare che, mantenendo la titolarità della funzione pubblica, valorizzi i beni relazionali e il ruolo della cittadinanza attiva, dando vita ad un sistema a rete che si avvalga del contributo fondamentale del privato sociale. Il nostro modello di sussidiarietà Auser s identifica nel modello di sussidiarietà prevista dall art. 118 della Costituzione, che valorizza e affida alle formazioni di terzo settore (associazionismo, volontariato, cooperazione e impresa sociale) l esercizio della funzione pubblica, svolta nell interesse generale dei cittadini. Riaffermiamo il valore e i contenuti dell art. 1 della Legge 328, giacché rappresentano il nostro modello di riferimento, attraverso il quale confermare e rafforzare i fondamentali dell integrazione dei ruoli dei soggetti pubblici e privati. Intendiamo valorizzare, concretamente, il ruolo della cittadinanza attiva, rendendo protagoniste le persone nella costruzione di percorsi e attività che facilitano un sistema di reti, che a loro volta si organizzano all interno del mondo associativo e del privato sociale. Vanno favoriti il rinnovamento e la riqualificazione delle funzioni pubbliche, il semplice arretramento è controproducente. Si pensa a una ridefinizione dei sistemi di protezione sociale che mantengano la titolarità della funzione pubblica, in particolare nell allocazione delle risorse, nell individuazione delle priorità e degli obiettivi, nella definizione e nel controllo delle regole. Si vuole concorrere a costruire un sistema innovativo dei servizi sociali e socio-sanitari integrati ed integrativi, attraverso la co-programmazione e la co-progettazione contenuta nella legge 328/00, immettendo risorse umane e finanziarie e rifiutando ogni logica di semplice esternalizzazione dei servizi. All interno di tale disegno, affermiamo la nostra vocazione a essere soggetto protagonista del sistema pubblico di protezione e promozione sociale, con particolare riguardo alla condizione degli anziani.

4 La nostra associazione In Lombardia, Auser è in una fase di rinnovamento: sta entrando nel vivo il dibattito congressuale, un occasione importante per definire la strategia che guiderà l associazione nei prossimi anni. Uno dei problemi che stiamo affrontando è il modello di crescita (caso raro in Italia), affiancato alla riorganizzazione delle nostre attività; è un argomento che affronterò tra poco. Per suggerire un idea delle dimensioni del nostro impegno in Lombardia, voglio ricordare solo alcuni numeri riguardanti le attività del 2011; sottolineo che si tratta di riferimenti in difetto rispetto al dato reale (in occasione di questo convegno è stata distribuita la bozza del report di missione, che sarà ultimato nelle prossime settimane). Sono gli interventi realizzati dal Filo d Argento e le persone assistite, per il 70% donne; i chilometri percorsi dai nostri volontari; - oltre le persone coinvolte nelle altre diverse attività (volontariato civico/ contributo alla tutela dei beni della comunità, promozione e socializzazione, integrazione degli immigrati, turismo sociale, esercizio fisico, Università degli Adulti, attività culturali ecc.); ore di volontariato (non è possibile assegnare un valore finanziario al benessere sociale, ma sono evidenti le ricadute, anche a livello economico, di tali attività); Associazioni Locali Affiliate (ALA) a fine 2011; i soci. Purtroppo non tutti i dati portano il segno + : per esempio, le convenzioni con gli enti locali sono calate del 22%, riducendo così la possibilità di garantire attività e strumenti a disposizione dei cittadini e della collettività (in particolare sono diminuiti gli accordi concernenti i servizi per la comunità, al tempo libero e il turismo sociale, ecc.). Questa è una tendenza che va esplorata, che va decifrata accuratamente: bisogna ragionare su quanto effettivamente incidano le condizioni economiche, le risorse degli enti locali, la contrazione dei servizi e il taglio delle prestazioni. Nonostante tutto, Auser sta cercando di rispondere a una richiesta di servizi in continua crescita (specialmente per quanto riguarda i servizi alla persona) e al sempre più marcato bisogno di socialità. IL NOSTRO IMPEGNO Coniugare protezione e promozione Ci siamo posti alcuni obiettivi negli ultimi due anni e il Congresso avrà il compito di definire le condizioni per realizzarli.

5 Uno degli obiettivi considerati prioritari da Auser a beneficio e sostegno della comunità è rafforzare i servizi finalizzati alla protezione, in particolare delle persone anziane più fragili e delle famiglie; contemporaneamente, è fondamentale offrire importanti e non occasionali strumenti di socialità. Vogliamo qualificare la proposta, il lavoro e l organizzazione di Auser per favorire e potenziare processi in grado di elaborare proposte di promozione sociale, qualificate e integrate all interno della progettazione territoriale. Queste, in sintesi, sono le ragioni che spingono Auser a porre al centro delle proprie iniziativa la Persona, cercando di rispondere ai suoi diversi e crescenti bisogni, desideri e aspirazioni. Le parole chiave della nostra mission sono dunque Protezione Promozione Comunità. Per vincere questa importante sfida Auser deve consolidare la propria identità associativa, qualificare, potenziare e comporre la propria rete, migliorare ulteriormente la capacità di risposta integrata dei bisogni, rafforzare le collaborazioni territoriali, condividere progetti e programmi con i diversi soggetti Pubblici, collaborare in modo strutturato e continuato con tutto il Terzo Settore e i diversi operatori del no-profit. Auser è un associazione peculiare e complessa. In Lombardia sono attive 300 associazioni di volontariato e 150 di promozione sociale. Si è ormai consolidata l esperienza di intrecciare i due settori (volontariato promozione, normate da leggi diverse: 266/91 e 383/00), componendo un assetto, anche sul piano strutturale e normativo, in grado di integrare concretamente e organizzare contemporaneamente le diverse attività, ricomponendo e unificando l intervento verso la persona e il territorio, con il fine di valorizzare, appunto, protezione, promozione e comunità. Questo modello di associazione, che svolge attività diverse di aiuto e di coesione sociale, va assunto come obiettivo strategico e va, quindi, esteso all insieme delle Associazioni Locali, arricchendo ed estendo le diverse attività rispetto alla domanda delle rispettive comunità. Questa è la nuova direzione di marcia: ribadiamo che le associazioni esistenti e quelle che si formeranno dovranno guardare alla ricomposizione dei bisogni, prevalentemente degli anziani e delle famiglie. Occorre superare le iniziative monotematiche, sempre meno efficaci e adeguate alle esigenze primarie e secondarie delle persone e delle comunità. Le trasformazioni sociali in atto rendono sempre più importante il ruolo dei centri di aggregazione sociale, che in futuro dovranno diventare sempre più luoghi della comunità dove tutti non solo le persone anziane possano trovare un punto di riferimento. Per questa ragione stiamo sperimentando un nuovo modello di luogo della comunità con un offerta articolata di servizi alla persona, con proposte che favoriscono l invecchiamento attivo e idee innovative finalizzate a sviluppare la collaborazione tra generazioni, ma anche tra nativi e migranti. Ruolo centrale e fondamentale di questo percorso risiede nell ente locale; la presa in carico integrata e condivisa del cittadino passa da un rinnovato impegno e dalla responsabilità dei comuni e degli ambiti territoriali, riducendo in modo significativo le eccessive autonomie presenti oggi nell organizzazione dei servizi, in particolare tra sanitario, socio-sanitario e assistenziale.

6 La nuova strategia parte dalla necessità di rafforzare la centralità della persona e legare strettamente l attività di protezione e di promozione, dando sostanza al percorso di invecchiamento attivo e correggendo l orientamento prevalente di fare attività PER i cittadini attraverso la nuova prospettiva di agire CON i cittadini. È una bella sfida che ci attende, ma proprio di stimoli come questo si è nutrita Auser in tanti anni. La Telefonia Sociale - da sperimentazione a integrazione dei servizi In questi anni Auser ha lavorato per confermare il valore di un idea: che sia possibile cioè realizzare un associazione strutturata e organizzata (cioè con gestione articolata e senso di appartenenza generale), capace di radicarsi con i propri valori all interno delle diverse comunità, con forme che valorizzano identità e autonomia. Siamo ancora in viaggio. Dobbiamo ancora spendere molta della nostra visione laica e aperta a tutte le diversità per avvalorare la convinzione ogni persona che abbraccia la scelta di dedicarsi al volontariato (espressione della massima libertà individuale) possa riconoscersi e mettersi in relazione con tante altre persone libere, con obiettivi comuni, condivisi e resi possibili da un concetto organizzativo, democratico e partecipativo che considera l alto significato del dono verso il ben-essere e il vivere comune. Dal 2001 abbiamo lavorato assiduamente per creare, diffondere e consolidare un sistema di telefonia sociale che chiamiamo Filo d Argento. Il Filo è il segno distintivo di Auser, è un modello d intervento di aiuto alla persona fragile, prevalentemente anziana, e alla famiglia. È stato organizzato un complesso impianto telefonico e telematico, caratterizzato dal numero verde gratuito nazionale ( ), attivo 24 ore per 365 giorni e integrato da tutti i recapiti telefonici delle nostre 450 Associazioni Locali. Sono stati progettati, pianificati e regolati 20 punti d ascolto, in rete permanente con l intero sistema, che coprono tutti i prefissi telefonici della Lombardia. Il sistema permette di rispondere alla domanda d aiuto nel luogo più prossimo a chi chiama e dove è più facile organizzare la presa in carico, con le risorse interne o attraverso la rete pubblica e del privato sociale nel contesto comunale o nell Ambito territoriale. Ciò consente di essere vicini alla domanda, conoscere i servizi presenti sul territorio utili e coerenti con il bisogno espresso. Il Filo d Argento rappresenta l intreccio e la connessione tra l ascolto, la presa in carico del bisogno (o, se l affermazione può essere fraintesa: mi faccio carico del bisogno, I care ), la ricerca e organizzazione della risposta. Il Filo d Argento è sistema e luogo di ascolto, accoglienza, relazione, orientamento prevenzione; è strumento per l esercizio dei diritti, supporto personale e famigliare, integrazione e miglioramento del sistema sociale locale. Nel 2003 Auser, insieme a alcuni importanti partner lombardi, ha presentato un proprio progetto per concorrere ad un bando della Regione Lombardia per la selezione di un progetto in materia di servizi di telefonia sociale rivolti agli anziani, che è stato finanziato. Da quel momento, e per sette anni, si è sviluppata un articolata, complessa, reciproca e attiva collaborazione con la Regione e, in particolare, con l Assessorato alla Famiglia, Conciliazione, Integrazione e Solidarietà Sociale. È stata condivisa l idea della telefonia sociale di Auser, che si non si limita al solo ascolto delle diffuse, crescenti e differenti difficoltà personali e familiari bensì che assume il bisogno espresso per trovare la dimensione e le condizioni del suo soddisfacimento.

7 Sono stati distinti i ruoli dei rispettivi ambiti Istituzionali e associativi: la Regione ha partecipato al co-finanziamento del complesso sistema d ascolto, contribuendo a rafforzare il decentramento e la struttura dei 20 punti d ascolto, che sono in rete con il numero verde e attivi permanentemente; le Associazioni Territoriali e Locali operano in diretta connessione con le Istituzioni locali (Comuni, Ambiti, Aziende Speciali) concorrendo, in maniera convenzionata, a programmare, co-progettare e sostenere la risposta, attraverso i servizi Pubblici e con compartecipazioni economiche finalizzate; l associazione ha garantito il governo e la gestione del sistema, l organizzazione della rete attraverso l attività volontaria e le proprie strutture territoriali. In questa dimensione, la telefonia sociale del Filo d Argento, non è e non sarà più (o meglio, non sarà soltanto) un servizio che riceve e prova a soddisfare le richieste dei cittadini, ma è diventato - e diventerà sempre più - un antenna importante, che concorre a rilevare i bisogni delle persone e delle famiglie. È - e dovrà sempre più farsi - strumento al servizio delle istituzioni e delle parti sociali che si occupano delle fasce deboli della popolazione, di rilevanza strategica per ottenere in tempo reale la mappatura dei bisogni e definire, di conseguenza, le strategie d intervento e i servizi da attivare o potenziare. I risultati di questa collaborazione e di tale sfida stanno nei numeri e nel valore aggiunto indicati nel report delle attività. A conferma di tutto ciò, nel 2011 la Giunta regionale ha emesso la delibera n. IX/1976 per la messa a regime della Telefonia Sociale di Auser nella Programmazione Territoriale con la regia delle rispettive ASL. La delibera recita: [ ] la sperimentazione pluriennale realizzata dall'associazione AUSER Lombardia in collaborazione con Regione Lombardia ha prodotto un servizio capillare di telefonia sociale, rivolto in particolare alle persone anziane che vivono al proprio domicilio, offrendo un sostegno concreto non solo nel fornire informazioni e orientamento alla rete territoriale dei servizi, ma anche attivando servizi e interventi domiciliari, quali ad esempio trasporto, consegna farmaci o spesa, ecc. [ ] In seguito, l Assessorato alla Famiglia ha emanato il decreto che definisce i criteri di gestione delle diverse attività della telefonia sociale del Filo d Argento, con la sottoscrizione degli accordi con le singole ASL e delle intese con i rispettivi ambiti territoriali, tra cui sono indicate le ripartizioni economiche delle risorse in modo tale da garantire la tenuta del sistema telefonico e telematico all attuale livello. Finora sono state sottoscritti 15 accordi con le singole ASL, coinvolgendo direttamente 83 dei 98 Ambiti Territoriali presenti in Lombardia. Tutto ciò è il frutto di un lavoro prezioso che Auser, nel complesso, ha saputo svolgere nel costruire un sistema all avanguardia sul piano tecnico e telematico, fortemente strutturato nel territorio, attraverso i propri Punti di Ascolto e la presenza organizzata delle proprie Associazioni. È un sistema che ha rappresentato, per la Regione e per l Assessorato alla Famiglia, un osservatorio privilegiato fatto di partecipazione, comunicazione, reportistiche periodiche sempre più articolate e offerte dalla banca dati generale del Filo d Argento, che a sua volta può rappresentare un riferimento importante nella programmazione territoriale e comunale, almeno per quanto riguarda la popolazione anziana.

8 Non ci siamo limitati a consolidare l esistente, ma è stato compiuto uno sforzo importante per immaginare le possibili e auspicabili innovazioni del Filo d Argento; esse saranno frutto anche di una ricca sperimentazione messa in campo dai Comprensori e dalle stesse ALA. Da una sola telefonia passiva, orizzontale, che risponde a chi chiama, si passa a una telefonia anche attiva, che interviene in modo verticale e può coinvolgere diversi soggetti e, in particolare, le categorie più a rischio di fragilità e di emarginazione. Monitorare per prevenire, dunque, a partire dalle persone anziane, dai soggetti e target a noi più prossimi. Definire obiettivi, strumenti e opportunità, capaci di favorire l autonomia possibile, attraverso l informazione corretta e diffusa dei servizi pubblici e privati presenti nel territorio. Attivare la relazione partecipata, informata e possibilmente continuata, in grado di offrire il quadro più preciso possibile dello stato di ben-essere del cittadino, ( mappe della fragilità ). Migliorare la capacità di orientamento ai servizi, limitando le situazioni di emergenza e le conseguenti ripercussioni morali e materiali. Dal trasporto all accompagnamento protetto Anche su un tema importante come la mobilità, Auser arriva al proprio Congresso con un idea originale sulla garanzia delle prestazioni ai cittadini, ma anche sul valore, sulla sostenibilità sociale ed economica dei servizi alla persona. Anche se poco muta nel servizio di mobilità sociale, cambiano il contenuto, il senso e la qualità del rapporto con la persona. Il trasporto assume il carattere dell accompagnamento protetto per la differenza che si riscontra tra mobilità tradizionale e valore della relazione con i soggetti in difficoltà. Per i volontari Auser questa è la discriminante e ne fanno il punto più alto del dono e del loro rapporto con le fragilità, perché anche le parole possono facilitare il cambiamento e sostenere le trasformazioni in atto. VERSO IL FUTURO Al centro la persona Non è frequente che un attività, promossa dall auto-organizzazione dei cittadini, con una grande valenza sussidiaria, sia riconosciuta come associazione di interesse generale. La migliore rappresentazione di Auser è descritta dall immagine che spesso ne è data: affidabile, attendibile, esigibile, capace di leggere e tradurre i bisogni, competente e con dimensioni progettuali rilevanti. Pensiamo al futuro di Auser, che dovrà sempre più concentrare la propria attenzione sulla riconferma della centralità della persona, e non tanto o non solo dai servizi che può offrire. Questo nuovo approccio condizionerà anche l organizzazione interna dell associazione e coinvolgerà tutte le diverse strutture. Si sta già riconsiderando la nuova dimensione dei problemi, sempre più complessi, che coinvolgono gli anziani e le famiglie. Stiamo ragionando sulle dimensioni e sui ruoli delle nostre strutture, comprensoriali e locali, anche alla luce della ricomposizione istituzionale e dei confini delle nuove aggregazioni territoriali.

9 In concreto, intendiamo che cittadinanza e invecchiamento attivo, valorizzazione dell autonomia possibile diventino le parole chiave della nuova strategia dell Associazione. Dobbiamo diventare sempre più proattivi: in questo scenario Auser è consapevole che idee, progetti e attività devono essere ripensati alla luce di un welfare profondamente mutato, che vede trasformazioni continue e spesso non prevedibili. Anche per questo abbiamo voluto sentire cosa pensano gli altri di noi e come ci vedono: abbiamo chiesto ad Aaster di realizzare una ricerca e abbiamo coinvolto alcune studentesse dell Università Bocconi in un progetto finalizzato a capire come le nostre realtà possano diventare sempre più luoghi della comunità. Anticipo solo che entrambi i lavori hanno messo in luce un aspetto importante: i cambiamenti in atto nel welfare lombardo e le maggiori attese della comunità rendono il ruolo dell associazione ancor più importante per garantire alle persone livelli di protezione e promozione sociale adeguata. Lo stesso professor Fiorentini, in questo convegno, ha affrontato il tema del futuro dell economia, dell impresa sociale e del Terzo Settore. Il ruolo della formazione Per rispondere al cambiamento, Auser Lombardia crede nella necessità di investire tempo e risorse nella formazione dei propri dirigenti e dei volontari. Abbiamo avviato, quindi, un importante attività di aggiornamento destinata a coloro che hanno (o avranno) un ruolo attivo nei piani di zona. Il corso è iniziato la scorsa settimana e terminerà a dicembre. Nei primi mesi del 2013 avvieremo anche un ciclo di nove seminari utilizzando il web. In questo percorso, per noi assolutamente innovativo, ci avvarremo delle competenze e della collaborazione dell Università Bocconi. A queste iniziative si affiancano, naturalmente, i programmi di formazione dei nuovi volontari che l associazione porta avanti con continuità. Sono progetti vecchi e nuovi che crescono e si sviluppano, facendo tesoro dell esperienza maturata in oltre venti anni di attività. La nuova Auser Prima di terminare, permettetemi di affermare con orgoglio che Auser in Lombardia è diventata sempre più un associazione proattiva, coraggiosa, aperta. Questi tre aggettivi ben si coniugano con le parole chiave che per anni abbiamo fatto nostre: accoglienza, autonomia, cittadinanza attiva, comunità, condivisione, educazione, identità, inclusione, intercultura, intergenerazionalità, partecipazione, relazione, responsabilità, solidarietà, sussidiarietà. Come detto, negli anni a venire Auser in Lombardia metterà sempre più al centro la persona con i suoi bisogni; questo nuovo approccio condizionerà anche l organizzazione interna e le strategie a livello nazionale e locale. Anche la ricerca dei volontari cambierà, aprendo le porte a un numero sempre maggiore di giovani e di migranti in quello spirito intergenerazionale e interculturale di cui siamo profondamente convinti. Noi non vogliamo solo parlare di invecchiamento attivo, desideriamo una cittadinanza sempre più attiva.

10 Infine voglio raccontarvi una storia che, in parte, mi coinvolge e mi assomiglia. Tanti anni fa avevamo un sogno: come mettere a disposizione degli anziani soli un numero di telefono cui rivolgersi per trovare qualcuno che ascoltasse i loro bisogni. Fin da subito ci siamo accorti che non era sufficiente un telefono amico e che bisognava anche organizzare i servizi necessari a dare risposta alle tante esigenze segnalate, prima fra tutti la mobilità. Era il momento di proporre una nostra idea di presa in carico dei bisogni. Le nostre forze non bastavano per rispondere alle richieste crescenti, dovevamo trovare collaborazioni. Abbiamo cercato e trovato gli strumenti, anche economici, per organizzare il Filo d Argento. Abbiamo concorso a più bandi, ottenendo i relativi finanziamenti: in più occasioni abbiamo avuto conferma di come la stessa Regione abbia compreso il valore e l importanza del progetto e lo abbia, infatti, sostenuto nel tempo. Quel sogno in buona misura si è realizzato; ma la storia continua e, la parte più bella è quella dei giorni nostri. Con il passare degli anni le attese sono diventate sempre più grandi L esperienza sul campo ci ha insegnato molto e fornito numerosi spunti; abbiamo quindi pensato che la telefonia sociale poteva, o meglio, doveva andare oltre. Abbiamo capito, per esempio, che non è sufficiente ascoltare e prendersi carico della persona e delle sue esigenze. È necessario fare un passo in più cercando di conoscere, indagare, monitorare le situazioni di difficoltà che non emergono da sole. Bisogna prevenire il più possibile il disagio, anziché cercare di risolvere i problemi quando sono già diventati disagio. Abbiamo capito che è necessario rafforzare il legame con il territorio e con le esigenze delle comunità locali, senza rompere la filiera del Filo. Abbiamo capito, e questa è la cosa più importante, che non si deve partire dai servizi che offriamo ma dalle esigenze delle persone. Quando diciamo la persona al centro intendiamo infatti proprio questo. Io mi sono identificato in questo sogno, e oggi mi sento particolarmente coinvolto, ma sereno. La storia non finisce; anch io non intendo fermarmi qui, anzi. Inizia oggi un nuovo capitolo Con il concorso di molti, istituzioni e interlocutori sociali, abbiamo avviato un discorso importante e costruttivo. Scriveremo tutti insieme le prossime puntate della storia. Grazie a tutti per l attenzione.

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

Invecchiamento attivo: una sfida e una risorsa per la comunità Milano, 5 novembre 2012 Sala delle Colonne Banca Popolare di Milano

Invecchiamento attivo: una sfida e una risorsa per la comunità Milano, 5 novembre 2012 Sala delle Colonne Banca Popolare di Milano Invecchiamento attivo: una sfida e una risorsa per la comunità Milano, 5 novembre 2012 Sala delle Colonne Banca Popolare di Milano Sergio Veneziani Presidente Auser Lombardia Bruno Marasà Responsabile

Dettagli

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico.

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Assumersi responsabilità. Con provvedimenti energeticamente efficienti. L efficienza energetica è una strategia efficace per la protezione

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

Famiglie e welfare comunitario. Stefania Mazza 11 febbraio 2015

Famiglie e welfare comunitario. Stefania Mazza 11 febbraio 2015 Famiglie e welfare comunitario Stefania Mazza 11 febbraio 2015 LE COMPETENZE A) Analizzare I bisogni B) Creare C) Progettare D) Realizzare E) Valutare IL FARE QUALE SENSO DELLA PROGETTAZIONE Che cosa ci

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

Il micro credito etico sociale nella prospettiva del credito cooperativo EVERARDO MINARDI

Il micro credito etico sociale nella prospettiva del credito cooperativo EVERARDO MINARDI Il micro credito etico sociale nella prospettiva del credito cooperativo EVERARDO MINARDI Il nostro percorso Le parole chiave per decifrare la nostra storia La persona e i suoi bisogni relazionali Il dono,

Dettagli

Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30

Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30 Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30 Da dove siamo partiti La Diocesi e la Caritas hanno cercato sempre più di configurarsi come

Dettagli

GIORNATA DEL VOLONTARIATO. Torino 7 aprile 2013. regionale a tutti i volontari piemontesi che hanno accolto l invito a

GIORNATA DEL VOLONTARIATO. Torino 7 aprile 2013. regionale a tutti i volontari piemontesi che hanno accolto l invito a GIORNATA DEL VOLONTARIATO Torino 7 aprile 2013 Desidero porgere un caloroso saluto a nome dell intera Assemblea regionale a tutti i volontari piemontesi che hanno accolto l invito a partecipare a questa

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

Centro di servizi per il volontariato del Lazio. Presidente Paola Capoleva

Centro di servizi per il volontariato del Lazio. Presidente Paola Capoleva Centro di servizi per il volontariato del Lazio Presidente Paola Capoleva Più punti di vista Più punti di vista esistono in un popolo, dai quali esaminare il mondo che tutti ospita in eguale misura e a

Dettagli

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA

LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA Milano Milano LINEE GUIDA PER I PIANI DI ZONA La legge 328/00 attribuisce agli enti locali, alle regioni ed allo Stato il compito di realizzare la programmazione degli interventi e delle risorse del sistema

Dettagli

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA PROGETTO IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA Anno 2010 1 Progetto In-Contro Nuovi spazi di comunicazione. Percorsi di partecipazione giovanile

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE

LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE www.riccardograssi.it info@riccardograssi.it Master interuniversitario Joventut i Societat Condizione giovanile e politiche giovanili nel sud Europa LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus

Centro Polifunzionale di Gavirate. Centro di Accoglienza di Cittiglio. Fondazione FELICITA MORANDI. Associazione IL PASSO onlus Centro di Accoglienza di Cittiglio Centro Polifunzionale di Gavirate Fondazione FELICITA MORANDI Associazione IL PASSO onlus Luglio 2012 FONDAZIONE FELICITA MORANDI Servizi e interventi a favore dei minori

Dettagli

SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA. Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO

SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA. Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e lavoro NOTA di contesto: la scuola attiva da anni un

Dettagli

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO

GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO DAL LAVORO AL PENSIONAMENTO 1 GLI OBIETTIVI, I CONTENUTI E LE ATTIVITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO Chiara Cassurino, Genova Modulo 1 Il Percorso formativo dal lavoro al pensionamento : a chi si rivolge e perché?

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

Linee guida per la realizzazione degli Uffici di Promozione sociale

Linee guida per la realizzazione degli Uffici di Promozione sociale G I U N T A R E G I O N E M A R C H E DIPARTIMENTO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITÅ SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Linee guida per la realizzazione degli Uffici di Promozione sociale Ancona, maggio 2003

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento

Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Disabilità: nuovi servizi e nuovi sistemi di finanziamento Area Disabilità La politica regionale lombarda in quest area è particolarmente attiva, con servizi ed interventi a carattere educativo, formativo

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE Milano, 19 dicembre 2012 1 Premessa L agenda digitale italiana, con le prime misure

Dettagli

Le nuove geografie del lavoro di comunità. Università degli Studi di Bergamo Dipartimento scienze umane e sociali 21 ottobre 2013

Le nuove geografie del lavoro di comunità. Università degli Studi di Bergamo Dipartimento scienze umane e sociali 21 ottobre 2013 Le nuove geografie del lavoro di comunità Università degli Studi di Bergamo Dipartimento scienze umane e sociali 21 ottobre 2013 Il contesto nel quale si collocano le politiche di welfare L evoluzione

Dettagli

I Gas palestre di democrazia

I Gas palestre di democrazia I Gas palestre di democrazia Alcune riflessioni a partire da una ricerca sull associazionismo in Lombardia Francesca Forno Università degli Studi di Bergamo Gruppo di Studio e di conricerca Cittadinanza

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

LA FORMULA. TERZA PARTE: DOVE TROVARLI Indirizzi e recapiti per viaggiare sicuri. I QUADERNI SI ARTICOLANO IN TRE PARTI:

LA FORMULA. TERZA PARTE: DOVE TROVARLI Indirizzi e recapiti per viaggiare sicuri. I QUADERNI SI ARTICOLANO IN TRE PARTI: LA FORMULA PROFILO EDITORIALE: La collana de I Quaderni della Comunicazione nasce come una guida mensile rivolta alle Aziende per aiutarle a orientarsi nei diversi meandri della comunicazione commerciale.

Dettagli

La mediazione sociale di comunità

La mediazione sociale di comunità La mediazione sociale di comunità Percorso di formazione destinato agli operatori e alle operatrici del numero verde contro la tratta della Provincia di Milano Elvio Raffaello Martini Agosto 2008 MartiniAssociati

Dettagli

MILANO ALTRUISTA IL VOLONTARIATO FLESSIBILE DEI PRIVATI

MILANO ALTRUISTA IL VOLONTARIATO FLESSIBILE DEI PRIVATI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INNOVAZIONE NEL TERZO SETTORE, UNA SFIDA POSSIBILE MILANO ALTRUISTA IL VOLONTARIATO FLESSIBILE DEI PRIVATI ODILE ROBOTTI 10 aprile 2014 Sala Convegni C.so

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori. Anno 2001

E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori. Anno 2001 E nato per dare un impronta educativa/pastorale agli Oratori Anno 2001 Il Forum degli oratori italiani è un organo di coordinamento nazionale degli organismi ecclesiali che dedicano speciale cura all

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

la storia aziendale ha inoltre portato a lavorare insieme persone provenienti da esperienze diverse.

la storia aziendale ha inoltre portato a lavorare insieme persone provenienti da esperienze diverse. Marzo 2012 ACTA Consulting S.r.l. P.IVA: 08697660010 Sede legale: Via Des Ambrois 4 Sede Uffici: Via Cavour 1 10123 TORINO Tel. +39 011 08 88 190 Fax: +39 011 08 88 181 http://www.actaconsulting.it acta@actaconsulting.it

Dettagli

PROGETTO SORVEGLIANZA ATTIVA ALLA PERSONA ANZIANA FRAGILE PER L ANNO 2009

PROGETTO SORVEGLIANZA ATTIVA ALLA PERSONA ANZIANA FRAGILE PER L ANNO 2009 PROGETTO SORVEGLIANZA ATTIVA ALLA PERSONA ANZIANA FRAGILE PER L ANNO 2009 Denominazione del progetto Sorveglianza attiva della persona anziana fragile. Soggetto titolare/gestore Soggetto Titolare: Società

Dettagli

Come nasce il Filo d Arianna e quale valore ha per il territorio

Come nasce il Filo d Arianna e quale valore ha per il territorio Come nasce il Filo d Arianna e quale valore ha per il territorio PERCHE NASCE IL FILO D ARIANNA? Per informare e orientare le persone anziane, ma più ancora di più loro familiari, sui servizi e le opportunità

Dettagli

I principali servizi educativi gestiti direttamente dal comune sono i nidi, le scuole dell infanzia e i ricreatori.

I principali servizi educativi gestiti direttamente dal comune sono i nidi, le scuole dell infanzia e i ricreatori. I Servizi Educativi del Comune di Trieste rappresentano una tradizione storica, un patrimonio di tradizione culturale di cui la città e le famiglie vanno orgogliose. Un patrimonio storico che negli anni

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Rel. sig. Giancarlo Cavallin Volontarinsieme Coordinamento delle Associazioni di volontariato della provincia di Treviso. Gruppo Salute, ospedale

Dettagli

Relazione attività esercizio 2012

Relazione attività esercizio 2012 Relazione attività esercizio 2012 maggio 2013 Il Sentiero di Morena fonda le sue radici nella storia pluriennale di un gruppo di fami-glie della provincia di Ascoli Piceno che praticano direttamente o

Dettagli

154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363

154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363 154 31.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 DELIBERAZIONE 22 marzo 2010, n. 363 Protocollo d intesa Costituzione di un Centro regio nale per la promozione e lo sviluppo dell auto

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

COACHING. Bocconi Alumni Association. Presentazione

COACHING. Bocconi Alumni Association. Presentazione COACHING Bocconi Alumni Association Presentazione INDICE Perché il Coaching? Coaching e Mentoring: le differenze Ruoli, competenze e comportamenti del Coach e del Coachee (cliente) Regole del rapporto

Dettagli

Wired: http://blog.wired.it/codiceaperto/2013/06/30/e-se-linnovazione-passasse-dalluniversita.html

Wired: http://blog.wired.it/codiceaperto/2013/06/30/e-se-linnovazione-passasse-dalluniversita.html E se l'innovazione passasse dall'università? Intervista al nuovo rettore dell'università di Torino Intervistatrice: Flavia Marzano Wired: http://blog.wired.it/codiceaperto/2013/06/30/e-se-linnovazione-passasse-dalluniversita.html

Dettagli

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations Economic and Social Council ECOSOC United Nations 2010 Coordination segment New York, 6 July Address by Antonio MARZANO, President of AICESIS International Association of Economic and Social Councils and

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE SICUREZZA E RISPETTO DELLE REGOLE FINALITA e OBIETTIVI DEL PROGETTO Le direttive comunitarie in tema di salute e sicurezza sul luogo di lavoro sottolineano la necessità

Dettagli

Manifesto dei Giovani a confronto sulla riforma delle autonomie in Lombardia

Manifesto dei Giovani a confronto sulla riforma delle autonomie in Lombardia Manifesto dei Giovani a confronto sulla riforma delle autonomie in Lombardia Lo scenario Il contesto istituzionale, in seguito alla Legge Del Rio ed alla revisione Costituzionale e in forte mutamento.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. BESTA MILANO PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI INDICE: PREMESSA 1. FINALITA 2. CONTENUTI 3. LA COMMISSIONE ACCOGLIENZA 4. PRIMA FASE DI ACCOGLIENZA

Dettagli

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA 14. CITTA MULTIETNICA SUPPORTARE INSERIMENTO IMMIGRATI Confermando il ruolo che il Centro Servizi per Stranieri ha assunto all interno delle politiche per l immigrazione,

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

organizzazioni di volontariato

organizzazioni di volontariato Il bilancio sociale per le organizzazioni di volontariato Modena, 1 Ottobre 2009 Bilancio sociale Cosa ci viene in mente? Rendere conto Perché fare un bilancio? La relazione di fiducia Ti dico chiaramente

Dettagli

MODELLI E STRUMENTI PER L ATTUAZIONE DI POLITICHE PER LA FAMIGLIA EFFICACI E SUSSIDIARIE

MODELLI E STRUMENTI PER L ATTUAZIONE DI POLITICHE PER LA FAMIGLIA EFFICACI E SUSSIDIARIE MODELLI E STRUMENTI PER L ATTUAZIONE DI POLITICHE PER LA FAMIGLIA EFFICACI E SUSSIDIARIE PROGETTARE COOPERANDO La corresponsabilità della Famiglia oggi: una risorsa per il futuro della società Filomena

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili SETTORE e Area di Intervento: Assistenza - Anziani OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivi generali:

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA

LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Mirella Pezzin - Marinella Roviglione LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA DELL ACCOGLIENZA, DELLA RELAZIONE, DELLA CURA Nelle Indicazioni per il curricolo del 2007, alla sezione Centralità della persona

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 10 2. TITOLO AZIONE VINCERE LE DIPENDENZE SI PUO 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE La qualità del servizio passa attraverso la qualità delle persone 1. Lo scenario In presenza di una concorrenza

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Deliberazione legislativa n. 87/2014 2. Art. 1 Finalità

Deliberazione legislativa n. 87/2014 2. Art. 1 Finalità Deliberazione legislativa n. 87/2014 2 Art. 1 Finalità 1. La Regione Emilia-Romagna riconosce e promuove, nell ambito delle politiche del welfare, la cura familiare e la solidarietà come beni sociali,

Dettagli

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità Attuazione del Programma regionale per la promozione e tutela dei diritti, la protezione e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il sostegno alla genitorialità ai sensi della Legge regionale n. 14/08

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

i giovani non sono soggetti da integrare ma parte della comunità con propri ruoli, potenzialità e responsabilità

i giovani non sono soggetti da integrare ma parte della comunità con propri ruoli, potenzialità e responsabilità Chiara Criscuoli chiara.criscuoli@giovanisi.it Il Progetto Giovanisì: i motivi I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: -Il prolungamento della

Dettagli

V Convegno Internazionale Medico Cura Te Stesso Sopravviverà la medicina all abbandono della clinica? 25 27 giugno 2009

V Convegno Internazionale Medico Cura Te Stesso Sopravviverà la medicina all abbandono della clinica? 25 27 giugno 2009 Sessione Parallela OSPEDALI RELIGIOSI: UN OPERA PUBBLICA LA FONDAZIONE DON CARLO GNOCCHI Gianbattista Martinelli Vice Direttore Generale e Responsabile Area Formazione e Sviluppo della Fondazione Don Carlo

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRALISATION AND COORDINATION: THE TWIN CHALLENGES OF LABOUR

Dettagli

ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ASSOCIAZIONE MOSAICO CORSO DI FORMAZIONE PER VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Presentazione Il gruppo di formazione di Associazione Mosaico nasce per fornire la formazione agli obiettori di coscienza

Dettagli

L esperienza dell Università di Bologna

L esperienza dell Università di Bologna PON GOVERNANCE E AZIONI DI SISTEMA ASSE E Capacità Istituzionale Obiettivo specifico 5.1 Performance PA Linea 2 WEBINAR Ciclo delle Performance nelle Università: La programmazione della formazione e il

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

Nota della Uilca sul Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri l 1/4/2008 in attuazione della Legge delega 123/2007

Nota della Uilca sul Decreto Legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri l 1/4/2008 in attuazione della Legge delega 123/2007 DIPARTIMENTO SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO 00187 ROMA VIA LOMBARDIA 30 TEL. 06.420.35.91 FAX 06.484.704 e-mail: dssl@uilca.it pagina web: www.uilca.it UILCA UIL CREDITO, ESATTORIE E ASSICURAZIONI

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino

CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino CRITICITA, PRIORITA E PUNTI DI FORZA NELL AVVIO DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEL PERSONALE a cura di Andrea Pellegrino In un contesto normativo e sociale caratterizzato da una costante evoluzione, al Comune,

Dettagli

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale 1. Premessa. A partire dalle indicazione della Giunta Comunale, il Settore Lavori Pubblici

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

Intervento di Stefano Cuzzilla

Intervento di Stefano Cuzzilla Desenzano sul Garda, 25 marzo 2013 Intervento di Stefano Cuzzilla PRESIDENTE FASI Sono molto fiero di partecipare oggi a questo incontro perché qui, a Desenzano, abbiamo realizzato uno degli obiettivi

Dettagli

Lavorare in Rete. a cura di Nunzia Coppedé. Nulla su di Noi senza di Noi. Formazione EmpowerNet

Lavorare in Rete. a cura di Nunzia Coppedé. Nulla su di Noi senza di Noi. Formazione EmpowerNet Lavorare in Rete Nulla su di Noi senza di Noi a cura di Nunzia Coppedé Cosa significa lavorare in rete Significa lavorare con diversi attori per affrontare insieme una causa comune La rete informale Le

Dettagli

Anna Frank. C.T.P. Adulti

Anna Frank. C.T.P. Adulti Anna Frank Tito Maccio Plauto San Giorgio C.T.P. Adulti Scuola Secondaria di primo grado Via Anna Frank di Cesena Progetto Macramè MEDIATORI CULTURALI aa.ss. 2008/2009-2009/2010 2009/2011 Scuola Secondaria

Dettagli

1. Sei anni di Fondazione

1. Sei anni di Fondazione Relazione tecnica sui primi 6 anni di attività della Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati presentata in occasione dell Assemblea dei Soci di novembre 2011 Contenuti del documento 1. 6

Dettagli

PIANO CONTRO LA POVERTÀ

PIANO CONTRO LA POVERTÀ PIANO CONTRO LA POVERTÀ LE AZIONI DELLA REGIONE LAZIO PER CONTRASTARE ARE VECCHIE E NUOVE FORME DI VULNERABILITÀ ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA EMPORIO DELLA SOLIDARIETÀ Finanziamento del progetto

Dettagli

MODALITA DI RAPPORTO DELLA TERZO SETTORE OPPORTUNITA

MODALITA DI RAPPORTO DELLA TERZO SETTORE OPPORTUNITA Maria Maimone Direttore Politiche Sociali Comune di Genova MODALITA DI RAPPORTO DELLA CIVICA AMMINISTRAZIONE CON IL TERZO SETTORE REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI E

Dettagli

BSC Brescia Smart City

BSC Brescia Smart City BSC Brescia Smart City Ruolo, programma, obiettivi 2014 > 2020 Smart City : di cosa parliamo Con il termine Smart City/Community (SC) si intende quel luogo e/o contesto territoriale ove l'utilizzo pianificato

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

Relatore: Paula Eleta

Relatore: Paula Eleta A scuola nessuno è straniero Firenze, 30 settembre 2011 Sessione: L integrazione comincia dai più piccoli Una scuola aperta che guarda al futuro Percorsi interculturali e di integrazione presso le Scuole

Dettagli

Il disagio educativo dei docenti di fronte al disagio scolastico degli alunni Appunti Pierpaolo Triani (Università Cattolica del Sacro Cuore) Milano

Il disagio educativo dei docenti di fronte al disagio scolastico degli alunni Appunti Pierpaolo Triani (Università Cattolica del Sacro Cuore) Milano Il disagio educativo dei docenti di fronte al disagio scolastico degli alunni Appunti Pierpaolo Triani (Università Cattolica del Sacro Cuore) Milano 9 aprile 2014 Premessa Mi è stato chiesto di mettere

Dettagli

Il lavoro di comunità e l organizzazione dei servizi sociali nei nuovi assetti istituzionali

Il lavoro di comunità e l organizzazione dei servizi sociali nei nuovi assetti istituzionali Il lavoro di comunità e l organizzazione dei servizi sociali nei nuovi assetti istituzionali Maria Adele Mimmi Direttore Servizi Sociali - Comune di Bologna Bologna, 4 febbraio 2015 L.R. 12/2013 relativa

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli