Micotossine del mais

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Micotossine del mais"

Transcript

1 REGIONE PIEMONTE Micotossine del mais Prevenzione e controllo

2 Micotossine del mais Prevenzione e controllo Spiga ammuffita Nell ambito delle sostanze tossiche di origine microbica che possono pervenire all uomo o agli animali allevati attraverso i prodotti destinati all alimentazione, deve essere rivolta un attenzione particolare alle micotossine. Queste sostanze sono metaboliti secondari prodotti da funghi parassiti delle piante o agenti di ammuffimento delle derrate alimentari, in grado, se ingeriti dagli animali allevati o dall uomo, di dare a luogo a patologie acute o croniche note come micotossicosi. I cereali, e in particolare il mais, risultano essere tra i prodotti vegetali più soggetti alla contaminazione da parte di questi metaboliti. La produzione di micotossine può avvenire sia nella fase di coltivazione, sia nelle operazioni successive alla raccolta, nel momento in cui si vadano a realizzare condizioni favorevoli allo sviluppo fungino. I funghi tossigeni vengono quindi suddivisi in funghi di campo (genere Fusarium, produttori di zearalenone, tricoteceni e fumonisine) e di magazzino (generi Aspergillus e Penicillium, produttori di aflatossine ed ocratossine), sulla base delle loro esigenze in contenuto di umidità del substrato (tabella 1). In questa scheda sono riportate in sintesi alcune informazioni sulle principali micotossine e sui funghi produttori ed una serie di indicazioni, ottenute nel corso di una sperimentazione pluriennale finanziata dalla Regione Piemonte e iniziata nel 1996, utili per contenere la presenza di questi metaboliti nella granella di mais. Principali micotossine e funghi produttori I generi di funghi che rivestono importanza micotossicologica sono: Aspergillus, Penicillium, Fusarium, Alternaria e Claviceps. In realtà al momento sono stati individuati numerosi altri generi di funghi tossigeni e sono note oltre 300 micotossine: le più diffuse e preoccupanti tossine presenti nella granella di mais risultano essere le seguenti: Aflatossine: prodotte da ceppi di Aspergillus flavus e A. parasiticus, si ritrovano nelle colture e nelle derrate di mais, arachidi, semi oleaginosi, frutta secca, caffè e spezie, prevalentemente da aree tropicali e sub-tropicali. Nei nostri ambienti A. flavus e parasiticus sono molto comuni e agenti di ammuffimento delle granaglie specie in magazzino, essendo capaci di tollerare livelli bassi di umidità della granella (15-18 %). Le aflatossine più importanti dal punto di vista della diffusione e tossicità sono la B1 e la M1, quest ultima presente nel latte e derivati per conversione metabolica in seguito all assunzione della B1 presente negli alimenti. Queste molecole sono essenzialmente epatossine, dotate di elevata attività genotossica. Ocratossine: nei cereali sono prodotte da ceppi di Aspergillus ochraceus e Penicillium verrucosum. La più diffusa è l ocratossina A che si ritrova nei cereali, legumi, caffè, vino, nonché in alcuni prodotti zootecnici (reni, fegato, carne). Le ocratossine causano disfunzioni renali con la comparsa di carcinomi, epatiti e sono caratterizzate da attività genotossica. Tabella 1. Esigenze minime in fatto di umidità del substrato per lo sviluppo di funghi tossingeni, riportate come contenuto in acqua e come water activity (a w ) (Lacey, 1989; Ominski K.H. et al.,1994; Bottalico, 1999). SPECIE FUNGINA MICOTOSSINE PRODOTTE % H2O a w Aspergillus flavus e parasiticus Aflatossine 17,5-18,5 0,78-0,80 Aspergillus ochraceus Ocratossine 15-15,5 0,76-0,83 Penicillium verrucosum Ocratossine ,81-0,83 Fusarium culmorum DON e zearalenone ,89 Fusarium graminearum DON e zearalenone ,89 Fusarium equiseti Zearalenone ,92 Fusarium sporotrichioides Tossina T ,88 Fusarium avenaceum Moniliformina, fusarine ,89 Fusarium moniliforme Fumonisine, fusarine ,87

3 Zearalenone: è prodotto principalmente da ceppi di Fusarium graminearum e culmorum, agenti di fusariosi e marciume della spiga dei cereali. È responsabile della comparsa negli allevamenti zootecnici di iperestrismo dei suini e di ipofertilità dei bovini e delle specie aviarie. Tricoteceni: ne fanno parte numerose tossine prodotte da specie del genere Fusarium, ritrovabili principalmente nei prodotti cerealicoli. Tra i più importanti vi sono il deossinivalenolo (DON) e il nivalenolo prodotti da F. graminearum e F. culmorum e la tossina T-2, prodotta principalmente da F. sporotrichioides. I tricoteceni sono responsabili di sindromi emetiche (DON) e sindromi emorragiche (T-2) con forti diminuzioni delle produzioni zootecniche. Fumonisine: la molecola più importante per diffusione è tossicità, soprattutto nella granella di mais e derivati, è la fumonisina B1 prodotta in campo da ceppi di F. verticillioides e F. proliferatum. Non sembrano dotate di tossicità acuta, ma sono responsabili di ridotti accrescimenti ponderali dei capi allevati e, per continuate somministrazioni, di attività anche cancerogena e azione neurotossica. Data l elevata stabilità che caratterizza queste molecole, non sono ancora state individuate tecniche di detossificazione e risanamento efficaci ed economiche delle partite contaminate. Allo stato attuale, quindi, l unica strategia di controllo risulta essere la prevenzione, con misure che devono essere attuate nel corso di tutta la filiera dalla produzione in campo alla lavorazione del prodotto. Prevenzione in pre-raccolta La strategia più efficace in pre-raccolta si fonda essenzialmente sull applicazione di un agrotecnica volta a sfavorire la colonizzazione delle specie fungine e la loro tossinogenesi. Scelta ibrido e ciclo Molto rilevante è l effetto varietale sul contenuto in micotossine nella granella. Gli ibridi più tardivi (classe 600 e 700) presentano maggiori contaminazioni da zearalenone; al contrario, la presenza di fumonisine non risulta essere correlata con la precocità dell ibrido, ma è influenzata da altre caratteristiche varietali e in particolare con il peso ettolitrico della granella. Epoca di semina Le semine tardive (a partire dalla terza decade di aprile) sono più a rischio per maggiori contaminazione da fusarium-tossine, in particolare per ibridi a ciclo pieno (classe FAO 600). E quindi opportuno effettuare tempestivamente la semina nel momento in cui si presentano buone condizioni climatiche e agronomiche. Grafico 1. Effetto dell epoca di semina sul contenuto in fumonisina B1 Fumonisina B1 (valore indice) /3 9/4 24/4 9/5 24/5 Data di semina Densità di semina Per ibridi a ciclo pieno, in ambienti fertili, sono preferibili investimenti alla semina contenuti (6,5 pt/m 2 ) in quanto densità più elevate (maggiori di 7.5 pt/m 2 ) comportano condizioni microclimatiche più favorevoli ai funghi e tenori di tossine più elevati. Concimazione azotata Apporti di azoto di 200 kg/ha risultano essere la miglior soluzione per la sanità delle produzioni. Stress nutrizionali per carenze azotate comportano maggiori rischi di contaminazione da fumonisina; viceversa, i tenori di zearalenone, Don e ocratossina A tendono ad aumentare ad elevati apporti dell elemento nutritivo.

4 Grafico 2. Effetto concimazione azotata sul tenore in fumonisina B1, zearalenone e ocratossina A. Valore indice Fumonisina B1 Zearalenone Ocratossina A N kg/ha Difesa dalla piralide L attività larvale della piralide favorisce la contaminazione della granella da parte di funghi produttori di fumonisina B1, mentre la presenza di zearalenone non sembra essere influenzata dalla presenza del lepidottero. Forti riduzioni dei tenori di contaminazione di fumonisine, dell ordine del 90 %, sono possibili mediante il trattamento chimico di lotta al fitofago, effettuato, mediante macchine irroratrici munite di trampoli, 6/7 giorni dopo il picco di sfarfallamento della I generazione. Epoca di raccolta Le raccolte anticipate garantiscano un prodotto di sanità superiore, mentre, se la trebbiatura del campo viene ritardata nel corso della stagione autunnale, la probabilità di un peggioramento della qualità igienico-sanitaria delle produzioni risulta assai elevato per gli ibridi tardivi (classe 600), con possibili incrementi del % per zearalenone e fumonisine. Altri aspetti La precessione colturale e la concia del seme non sono risultati aspetti in grado di influenzare in modo apprezzabile la contaminazione, così la tecnica irrigua; al contrario, un elevato livello di piante infestanti influenza Spiga danneggiata dall attività della piralide negativamente la sanità della granella per l accentuazione degli stress alla pianta. Per i possibili stress nutrizionali e la più rilevante presenza di infestanti, la granella di mais da coltura biologica risulta presentare concentrazioni di micotossine simili o lievemente superiori a quelle da coltivazioni convenzionali. Prevenzione in post-raccolta Raccolta e prestoccaggio È importante che la raccolta e le operazioni successive siano effettuate in maniera tempestiva in modo da poter essiccare rapidamente il cereale ed evitare di mantenere per un lungo periodo condizioni molto favorevoli allo sviluppo dei patogeni fungini. Essiccazione L operazione deve garantire la conservazione della granella riducendo in modo uniforme l umidità al 13-14% così da impedire la proliferazione dei funghi tossigeni. È opportuno evitare sbalzi termici repentini che causano rotture dell endosperma delle cariossidi. Pulitura Effettuata in fase di caricamento dell essiccatoio e successivamente con ogni movimentazione dai silos di stoccaggio, la pulitura svolge un azione preventiva, in quanto permette l allontanamento del prodotto facilmente alterabile (chicchi spezzati, farina, polvere) e l abbattimento del contenuto di micotossine presenti in alte concentrazioni nei chicchi ammuffiti o alterati dall attività degli insetti. Impianto di essiccazione e stoccaggio

5 Stoccaggio Il processo di tossinogenesi, anche se limitato a zone del silo caratterizzate da un umidità superiore, può risultare comunque intenso. E quindi fondamentale riuscire a: mantenere condizioni omogenee nella massa stoccata con basse umidità e ridotta temperatura mediante la ventilazione forzata; avere un elevato livello igienico delle strutture; procedere al controllo degli insetti dannosi; operare un monitoraggio continuo. Diffusione delle micotossine Il livello di contaminazione è largamente dipendente dall andamento climatico dell annata e dalla località di coltivazione. Andamenti umidi e piovosi nel corso della maturazione (agosto-ottobre) favoriscono la diffusione delle muffe e una maggiore presenza di tossine. A questo riguardo, sono risultate annate generalmente favorevoli il 1997 e il 2000, mentre il 1996 e il 2002 sono risultate problematiche (tab. 2). Gli areali pedemontani più umidi sono quelli che in Piemonte hanno presentato più acuto il problema delle micotossine. Le fumonisine sono le micotossine riscontrate con maggiore frequenza nella granella di mais in tutte le annate, mentre la presenza di zearalenone, Don e ocratossina A aumenta nelle annate con frequenti precipitazioni durante la maturazione. Le aflatossine sono scarsamente prodotte nei nostri ambienti durante la fase di coltivazione. Tab. 2. Percentuale di campioni di granella di mais positivi alla presenza di micotossine in funzione dell annata. Anno Fumonisina B1 Zearalenone Deossiniva-lenolo Aflatossina B1 Ocratossina A ,6 61, Aspetti normativi In materia di micotossine, l Unione Europea ha emanato il regolamento CE n. 1525/98 ripreso e ampliato con il reg. 472/2002, che stabilisce i tenori massimi ammissibili di aflatossine e ocratossina A in diverse matrici alimentari (tab. 3). Per quanto riguarda le metodologie di prelievo dei campioni e le tecniche di analisi da utilizzare, si fa riferimento alle direttive CE n. 53/98, 27/02 e 26/02. Con riferimento alle matrici alimentari e alle micotossine non previste dai regolamenti comunitari, il Consiglio Superiore di Sanità italiano ha stabilito nella Circolare n. 10 del 9/6/1999 del Ministero della Sanità dei valori massimi ammissibili, indicandoli come valori guida per le autorità preposte al controllo ufficiale dei prodotti alimentari (tab. 4). Nei prossimi anni nuovi e più restrittivi limiti saranno imposti sui cereali, tali da poter dar luogo a problemi nella commercializzazioni delle partite di granella nelle annate più critiche. Tab. 3 Livelli massimi di aflatossina e ocratossina attualmente in vigore nell unione Europea (reg. CE 1525/98 e 472/02), dati espressi in ppb (µg/kg s.s.). Prodotto B1 Aflatossina (ppb) B1+B2+G1+G2 Ocratossina A (ppb) Arachidi, frutta in guscio, frutta secca e derivati Arachidi destinate a cernita o a trattamenti fisici Frutta in guscio e frutta secca destinata a cernita Cereali e derivati (consumo diretto) Cereali non lavorati Prodotti derivati dai cereali Frutti essiccati della vite

6 Cosa fare L accresciuta concorrenza internazionale e l imminente entrata in vigore di normative più restrittive richiedono uno sforzo congiunto per elevare il livello qualitativo e gli aspetti igienico-sanitari del mais prodotto in regione. Le indicazioni fornite sulle tecniche di coltivazione e sulle fasi di post raccolta devono essere urgentemente recepite nell ambito di progetti di filiera integrati in disciplinari HACCP. Tutti i soggetti devono essere coinvolti e responsabilizzati. Tab. 4. Indicazioni italiane per i limiti massimi ammissibili di micotossine (dati espressi in ppb, ovvero (µg/kg s.s) (Circolare n. 10 del 9 giugno 1999). Prodotto Aflatossina B1 Aflatossine totali Aflatossina M1 Ocratossina A Zearaleno ne Alimenti per l infanzia 0,1 0,01 0,5 20 Spezie Caffè crudo 8 Caffè tostato e solubile 4 Cacao e derivati 0,5 Birra 0,2 Succhi di frutta Carne suina e derivati 1 Cereali e derivati Piante infusionali 5 10 Latte 0,05 REGIONE PIEMONTE Micotossine del mais Prevenzione e controllo Direzione Sviluppo dell Agricoltura Coordinamento editoriale: Teodora Trevisan Coordinamento tecnico: Alberto Turletti Conduzione della ricerca e testi: Massimo Blandino e Amedeo Reyteri Dipartimento di Agronomia, selvicoltura e gestione del territorio dell Univeristà degli Studi di Torino Hanno collaborato alla ricerca: per gli aspetti agronomici: Amedeo Reyneri, Massimo, Blandino, Francesca Vanara - Dipartimento Agroselviter, Università degli Studi di Torino Carlo Ferrero, Luca Minelli - Aprocer Piemonte Andrea Cavallero - Agripiemonte Cereali per gli aspetti patologici: Alberto Matta, Alexandra Lazzari - Di.Va.P.R.A. sez. Patologia, Università degli Studi di Torino per gli aspetti entomologici: Alberto Alma, Federico Lessio - Di.Va.P.R.A. sez. Entomologia, Università degli Studi di Torino per gli aspetti agro-meteorologici: Federico Spanna - Assessorato Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Piemonte per gli aspetti analitici: Laura Bersani - Laboratorio chimico della C.C.I.A.A. di Torino Fotografie: Archivio del Dipartimento di Agronomia, selvicoltura e gestione del territorio. In copertina foto di Moreno Soster. E vietata la riproduzione dei testi e dei materiali iconografici senza autorizzazione e citazione della fonte. Ottobre Tiratura 3000 copie. Pubblicazione in distribuzione gratuita. Stampa: Ages Arti Grafiche - Torino Supplemento al n. 37 di Quaderni della Regione Piemonte - Agricoltura. Direttore responsabile: Roberto Salvio - Vice Direttore: Teodora Trevisan. Redazione presso Regione Piemonte - Assessorato Agricoltura - Corso Stati Uniti 21, Torino - Tel. 011/ /

Le micottossine del mais

Le micottossine del mais Le micottossine del mais Prevenzione, controllo in campo e in azienda 1 definizione Definizione Metaboliti secondari prodotti da funghi parassiti delle piante e agenti di ammuffimenti delle derrate alimentari

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS Il mais è tra i prodotti vegetali più soggetti alla contaminazione da parte delle micotossine. I principali funghi tossigeni

Dettagli

Virgilio Balmas Dipartimento di Agraria. Dai campi alle tavole e dai forconi alle forchette: il percorso dei nostri alimenti

Virgilio Balmas Dipartimento di Agraria. Dai campi alle tavole e dai forconi alle forchette: il percorso dei nostri alimenti Virgilio Balmas Dipartimento di Agraria Dai campi alle tavole e dai forconi alle forchette: il percorso dei nostri alimenti FRUMENTO tenero (Triticum aestivum) duro (Triticum durum) ISIDE DEMETRA CERERE

Dettagli

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella n. 14/2013 [ SPECIALE DIFESA MAIS ] Terra e Vita 45 Minimizzare la presenza di micotossine nella granella [ DI RICCARDO BUGIANI ] Le strategie agronomiche, il possibile contributo dei bio control agents

Dettagli

VALORIZZAZIONE DELLE PRODUZIONI CEREALICOLE IN PROVINCIA DI UDINE

VALORIZZAZIONE DELLE PRODUZIONI CEREALICOLE IN PROVINCIA DI UDINE PROGETTO VALORIZZAZIONE DELLE PRODUZIONI CEREALICOLE IN PROVINCIA DI UDINE MONITORAGGIO DELLE FUSARIUM-TOSSINE ANNO 2007 Risultati presentati nel Convegno tenutosi presso la Camera di Commercio di Udine

Dettagli

Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais

Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais Revisione Marzo 2013 Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais In Emilia-Romagna le micotossine più diffuse nel mais sono fumonisine (FB) e aflatossine (AF), mentre

Dettagli

Mais, funghi e micotossine: stato dell arte

Mais, funghi e micotossine: stato dell arte Mais, funghi e micotossine: stato dell arte UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Dipartimento di Biologia e Protezione delle Piante dott.ssa Emanuela Torelli Mondo microrganismi MACROMOLECOLE CELLULARI SOSTANZE

Dettagli

Il piano monitoraggio micotossine: alimenti di origine vegetale. Cecilia Bergamini cbergamini@arpa.emr.it

Il piano monitoraggio micotossine: alimenti di origine vegetale. Cecilia Bergamini cbergamini@arpa.emr.it Il piano monitoraggio micotossine: alimenti di origine vegetale Cecilia Bergamini cbergamini@arpa.emr.it Bologna 14 settembre 2006 Analisi del rischio ( libro bianco) L analisi del rischio deve costituire

Dettagli

Comunicato stampa IL RISCHIO MICOTOSSINE IN PIEMONTE

Comunicato stampa IL RISCHIO MICOTOSSINE IN PIEMONTE Torino, 3 marzo 2011 Comunicato stampa IL RISCHIO MICOTOSSINE IN PIEMONTE Il perché della conferenza stampa C è sembrato opportuno far conoscere le attività che vengono svolte da Istituto Zooprofilattico

Dettagli

Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare

Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare Università degli Studi di Torino DISAFA Molino Peila SpA Strategie di intervento per minimizzare i rischi sanitari nei cereali: esempio pratico di filiera sul mais alimentare Collegno 24 aprile 2015 Dr.

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO. Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino LA MISSIONE Essere di ausilio alla Camera di Commercio di Torino ed alle altre Camere di Commercio piemontesi

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

STUDIO DELLE PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA GESTIONE DELLA CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE IN PRODOTTI VEGETALI

STUDIO DELLE PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA GESTIONE DELLA CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE IN PRODOTTI VEGETALI STUDIO DELLE PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA GESTIONE DELLA CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE IN PRODOTTI VEGETALI In collaborazione con STUDIO DELLE PROBLEMATICHE CONNESSE ALLA GESTIONE DELLA CONTAMINAZIONE

Dettagli

Micotossine: problema di rilevanza globale

Micotossine: problema di rilevanza globale Micotossine Articolo 2 Ai fini della presente direttiva si intende per: a) «mangimi»: i prodotti di origine vegetale o animale, allo «sostanza indesiderabile»: qualsiasi sostanza o prodotto, ad eccezione

Dettagli

Mais: impianto e tecnica colturale

Mais: impianto e tecnica colturale Mais: impianto e tecnica colturale Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tipologie di ibridi 1 2 Impianto 3 3 Fertilizzazione 4 4 Cure colturali 4 5 Raccolta

Dettagli

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna

Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Attività di controllo ufficiale legata alla presenza di micotossine nei prodotti alimentari: l esperienza dell ARPA Emilia Romagna Cecilia Bergamini ARPA Sezione Provinciale di Bologna cbergamini@arpa.emr.it

Dettagli

Rete Qualità Mais: monitoraggio micotossine campagna 2014

Rete Qualità Mais: monitoraggio micotossine campagna 2014 Rete Qualità Mais: monitoraggio micotossine campagna 2014 A cura di Sabrina Locatelli Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l analisi dell economia agraria Unità di Ricerca per la Maiscoltura Bergamo

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

CAMPIONAMENTO DEI MOLINI A MAIS ITALIANI PER LA RICERCA DELLE FUMONISINE NEI PRODOTTI DELLA TRASFORMAZIONE INDUSTRIALE

CAMPIONAMENTO DEI MOLINI A MAIS ITALIANI PER LA RICERCA DELLE FUMONISINE NEI PRODOTTI DELLA TRASFORMAZIONE INDUSTRIALE CAMPIONAMENTO DEI MOLINI A MAIS ITALIANI PER LA RICERCA DELLE FUMONISINE NEI PRODOTTI DELLA TRASFORMAZIONE INDUSTRIALE II Congresso nazionale LE MICOTOSSINE NELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE ROMA 16-18 OTTOBRE

Dettagli

Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM

Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM Biorisanamento di mais contaminato da aflatossine con utilizzo tecnologia EM Alberton dr.antonio Medico Veterinario L.P. Seminario Fiera Millenaria Gonzaga (MN) 07 Settenbre 2013 Le Micotossine Sostanze

Dettagli

Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture TRATTAMENTO 2005 2006 2007

Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture TRATTAMENTO 2005 2006 2007 10 Terra e Vita [ APPROFONDIMENTI ] n. 19/2009 1 2 [ MICOTOSSINE MAIS ] Monitorare il volo degli adulti. Meglio applicazioni precoci che tardive Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais

MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais a cura del SATA Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA - Settore Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti Ottobre 2014 Come annunciato nello

Dettagli

MAIS: QUALITA E MICOTOSSINE

MAIS: QUALITA E MICOTOSSINE MAIS: QUALITA E MICOTOSSINE PRESENTATO DA A.I.R.E.S. ASSOCIAZIONE ITALIANA RACCOGLITORI, ESSICCATORI, STOCCATORI DI CEREALI E SEMI OLEOSI IN COLLABORAZIONE CON VENETO AGRICOLTURA REGIONE VENETO DIREZIONE

Dettagli

Legislazione comunitaria in materia di micotossine negli alimenti: limiti e attività di controllo

Legislazione comunitaria in materia di micotossine negli alimenti: limiti e attività di controllo Legislazione comunitaria in materia di micotossine negli alimenti: limiti e attività di controllo Ilaria De Leva Ministero della Salute Direzione Generale della Sicurezza degli Alimenti e della Nutrizione

Dettagli

CRITERI DEI CONTROLLI CHIMICI DEGLI ALIMENTI

CRITERI DEI CONTROLLI CHIMICI DEGLI ALIMENTI CONTROLLI CHIMICI DEGLI ALIMENTI CRITERIO OPERATIVO N 6 CRO 06 Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 5 CONTAMINANTI CHIMICI NEI PRODOTTI ALIMENTARI Il Regolamento Ce n. 1881/2006 e s.m.i. definisce i tenori

Dettagli

Le micotossine nelle produzioni italiane di mais

Le micotossine nelle produzioni italiane di mais Relazione presentata al II Congresso Nazionale "Le micotossine nella filiera agroalimentare " (Roma, 16/10/2006), presentata da CRA Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura, sezione di Bergamo. Le micotossine

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Problema micotossine/aflatossine dal campo alla prima trasformazione Dott. Agr. Enrico Costa

Problema micotossine/aflatossine dal campo alla prima trasformazione Dott. Agr. Enrico Costa Problema micotossine/aflatossine dal campo alla prima trasformazione Dott. Agr. Enrico Costa 20 Agosto 2015 Camposampiero (PD) Campagna raccolta mais 2015: pericolo aflatossine e controlli ufficiali sugli

Dettagli

Università degli Studi di Sassari

Università degli Studi di Sassari PSR Regione Sardegna misura 215, benessere animale Qualità degli alimenti zootecnici e presenza di aflatossine nel latte ovino 1 Diapositive messe a disposizione dal dr. Gianni Battacone 2 Università degli

Dettagli

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI

3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI 3.17 RICERCA DI MICOTOSSINE IN: FRUTTA SECCA, CEREALI E LEGUMI - SEMI OLEAGINOSI - SPEZIE ED ERBE INFUSIONALI Esaminati 137 campioni di frutta secca, cereali e legumi; 430 campioni di semi oleaginosi;

Dettagli

Azienda USL 5 - Pisa La Prevenzione delle contaminazioni da micotossine negli allevamenti di bovini da latte

Azienda USL 5 - Pisa La Prevenzione delle contaminazioni da micotossine negli allevamenti di bovini da latte Azienda USL 5 - Pisa La Prevenzione delle contaminazioni da micotossine negli allevamenti di bovini da latte Anno 2012 Opuscolo informativo a cura della U.O. Tecnici di Prevenzione in ambito veterinario

Dettagli

INTRODUZIONE...3. Controlli Ufficiali per l anno 2009 in Piemonte...4. Aflatossine B1, B2, G1, G2...5. Aflatossina M1...7. Ocratossina A...

INTRODUZIONE...3. Controlli Ufficiali per l anno 2009 in Piemonte...4. Aflatossine B1, B2, G1, G2...5. Aflatossina M1...7. Ocratossina A... SOMMARIO INTRODUZIONE...3 Controlli Ufficiali per l anno 2009 in Piemonte...4 Aflatossine B1, B2, G1, G2...5 Aflatossina M1...7 Ocratossina A...8 Patulina...10 Fusariotossine: Fumonisine B1 e B2, Zearalenone,

Dettagli

I risultati delle analisi di ARPA ER

I risultati delle analisi di ARPA ER I risultati delle analisi di ARPA ER Cecilia Bergamini PERCEZIONE DEL RISCHIO CHIMICO CONTAMINAZIONE DI UN ALIMENTO Tossici di sintesi: pesticidi coloranti conservanti ecc.. Tossici naturali: micotossine

Dettagli

Monitoraggio della contaminazione da Aflatossina M1nel latte bovino

Monitoraggio della contaminazione da Aflatossina M1nel latte bovino Monitoraggio della contaminazione da Aflatossina M1nel latte bovino nella provincia di Rieti Contributi pratici Mario Ricciardi AUSL Rieti Valeria Moroni TPALL Nazzareno Pizzoli C.LA.R. Introduzione Attualmente

Dettagli

PIANO NAZIONALE DI VIGILANZA E CONTROLLI SANITARI SULL ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI

PIANO NAZIONALE DI VIGILANZA E CONTROLLI SANITARI SULL ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI PIANO NAZIONALE DI VIGILANZA E CONTROLLI SANITARI SULL ALIMENTAZIONE DEGLI ANIMALI CAPITOLO N. 3.2 Piano di monitoraggio per il controllo della frequenza dell incidenza e delle concentrazioni delle sostanze

Dettagli

MICOTOSSINE e MICOTOSSICOSI. Dr. Nunzio Minniti Scuola di Specializzazione in Microbiologia e Virologia

MICOTOSSINE e MICOTOSSICOSI. Dr. Nunzio Minniti Scuola di Specializzazione in Microbiologia e Virologia MICOTOSSINE e MICOTOSSICOSI Dr. Nunzio Minniti Scuola di Specializzazione in Microbiologia e Virologia MICOTOSSINE Il termine micotossine comprende numerosi metaboliti secondari con attività tossica, prodotti

Dettagli

Percentuali di tumori attribuibili a diversi fattori ambientali nel Regno Unito (R.Doll, 1999)

Percentuali di tumori attribuibili a diversi fattori ambientali nel Regno Unito (R.Doll, 1999) Percentuali di tumori attribuibili a diversi fattori ambientali nel Regno Unito (R.Doll, 1999) Fattore % fumo di tabacco (attivo) 29-31 alcol 4-6 dieta 20-50 infezioni (parassiti, batteri, virus) 10-20

Dettagli

FARRO TERRA DI SAN MARINO

FARRO TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FARRO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Farro Terra di San Marino è riservata esclusivamente al prodotto ottenuto in aziende agricole localizzate entro i confini

Dettagli

IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE. Andrea Valiani

IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE. Andrea Valiani IL PERICOLO AFLATOSSINE NEL LATTE Andrea Valiani TOSSICITÀ DELLE AFLATOSSINE IARC (agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) ha classificato numerose sostanze in base all intensità dell effetto

Dettagli

Raccolta, stoccaggio e conservazione

Raccolta, stoccaggio e conservazione Raccolta, stoccaggio e conservazione Claudio Bonino, Emilio Gaspari, CALV - Consorzio Agrario Lombardo Veneto - Verona Trebbiatura-raccolta Effettuare la raccolta della granella con umidità compresa tra

Dettagli

Mais e aflatossine 2012: l emergenza continua. Prof. ROBERTO CAUSIN. DIP. TeSAF, Sez. Patologia Vegetale. UNIVERSITA DI PADOVA

Mais e aflatossine 2012: l emergenza continua. Prof. ROBERTO CAUSIN. DIP. TeSAF, Sez. Patologia Vegetale. UNIVERSITA DI PADOVA Mais e aflatossine 2012: l emergenza continua Sabato 2 Marzo 2013 CEN.SER, sala Bisaglia, via Porta Adige, 45. Rovigo AFLATOSSINE: GENERALITA E LORO GENESI Prof. ROBERTO CAUSIN DIP. TeSAF, Sez. Patologia

Dettagli

FACOLTÁ DI FARMACIA E MEDICINA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO SEDE DI FROSINONE TESI DI LAUREA:

FACOLTÁ DI FARMACIA E MEDICINA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO SEDE DI FROSINONE TESI DI LAUREA: FACOLTÁ DI FARMACIA E MEDICINA CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO SEDE DI FROSINONE TESI DI LAUREA: MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI DI ORIGINE VEGETALE: IL RUOLO

Dettagli

Funghi e micotossine

Funghi e micotossine Funghi e micotossine Roberto Causin, Dipartimento TeSAF, Sezione Patologia Vegetale, Università degli Studi di Padova 1.1 Aspetti generali Si conoscono decine di generi e specie fungine (muffe) in grado

Dettagli

TECNOALIMENTI S.C.P.A.

TECNOALIMENTI S.C.P.A. LE MICOTOSSINE: MODALITÀ DI CONTAMINAZIONE, I RISCHI PER LA SALUTE, GLI STRUMENTI DI PREVENZIONE E LA REGOLAMENTAZIONE NEL MONDO A TUTELA DEL CONSUMATORE TECNOALIMENTI S.C.P.A. 21 Dicembre 2006 2 INDICE

Dettagli

IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI.

IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI. IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI. F. Spanna 1, G. Cressano 1, T. La Iacona 1, I. Vercellino

Dettagli

Sintesi articoli e parole chiave

Sintesi articoli e parole chiave REGOLAMENTO (CE) n. 401/2006 DELLA COMMISSIONE, DEL 23 FEBBRAIO 2006, RELATIVO AI METODI DI CAMPIONAMENTO E DI ANALISI PER IL CONTROLLO UFFICIALE DEI TENORI DI MICOTOSSINE NEI PRODOTTI ALIMENTARI (TESTO

Dettagli

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Una nuova gamma di prodotti per l agricoltura italiana Ibridi di mais IBRIDO Classe FAO Giorni GDM 437 300 105 SNH 9402 400 115

Dettagli

disposizioni europee e nazionali

disposizioni europee e nazionali Aflatossine-La normativa vigente: disposizioni europee e nazionali LE AFLATOSSINE Le aflatossine sono le micotossine più pericolose per la salute umana ed animale. Sono prodotte dalle specie Aspergillus

Dettagli

MAIS LODIGIANO TERRA BUONA

MAIS LODIGIANO TERRA BUONA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE MAIS LODIGIANO TERRA BUONA Emissione 02 30 gennaio 2004 Copia n 01 Assegnata a: Settore agricoltura e ambiente rurale provincia Lodi Firma Dirigente:. ( ) INDICE 1. Premessa...3

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Rapporto Attività 2013 - Micotossine

Rapporto Attività 2013 - Micotossine Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte Rapporto Attività 2013 - Micotossine Relazione a cura di Sara Ciacciarelli, Francesca Alesso e Sara Coluccia. Laboratorio Polo Alimenti Le micotossine,

Dettagli

Campionamento e analisi delle micotossine

Campionamento e analisi delle micotossine Campionamento e analisi delle micotossine Emma Tealdo, Veneto Agricoltura 5.1 Introduzione Un corretto campionamento è il presupposto essenziale per un metodo analitico affidabile, tenendo presente che

Dettagli

Il trattamento antiparassitario contro

Il trattamento antiparassitario contro E F F I C AC I A I N S E T T I C I DA E S U L L A C O N TA M I N A Z I O N E DA F U M O N I S I N E Impiego insettici piretroi contro la piralide del mais L intervallo ottimale per l applicazione insetticida

Dettagli

Cinque domande sulle aflatossine

Cinque domande sulle aflatossine Cinque domande sulle aflatossine Risponde Carlo Brera, Dip. di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare dell Iss 1. Cosa sono le aflatossine, in quali alimenti si trovano e quali condizioni climaticoambientali,

Dettagli

Sostanze indesiderate nel latte

Sostanze indesiderate nel latte Sostanze indesiderate nel latte Gli alimenti dei ruminanti, inclusa l erba, possono essere contaminate da diverse sostanze inquinanti o derivate dall attività di insetti o microrganismi. Sostanze indesiderabili

Dettagli

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Dott. Agostino Trogu Il latte ( la carne, ecc. ) comincia dalla bocca.. Mangime

Dettagli

RISCHIO DI AFLATOSSINE NEL LATTE: linee guida per la produzione e l acquisto di alimenti zootecnici

RISCHIO DI AFLATOSSINE NEL LATTE: linee guida per la produzione e l acquisto di alimenti zootecnici RegioneLombardia Agricoltura S.A.T.A. Sezione Bovini Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura RISCHIO DI AFLATOSSINE NEL LATTE: linee guida per la produzione e l acquisto di alimenti zootecnici (progetto

Dettagli

VADEMECUM MICOTOSSINE

VADEMECUM MICOTOSSINE VADEMECUM MICOTOSSINE PREMESSA Questo vademecum ha il solo scopo di aiutare nelle scelte imposte dall ennesima annata in cui una o l altra micotossina, diventano una variabile impazzita o importante del

Dettagli

Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae

Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae Esperienze realizzate presso l azienda sperimentale di Veneto Agricoltura Vallevecchia - Caorle (VE) anni 2010-2011 Mauro

Dettagli

Nuove prospettive per la filiera del frumento tenero in provincia di Alessandria

Nuove prospettive per la filiera del frumento tenero in provincia di Alessandria Nuove prospettive per la filiera del frumento tenero in provincia di Alessandria 21 settembre 2015 Camera di Commercio di Alessandria Conservazione dei Cereali: strutture, controlli in accettazione e destinazioni

Dettagli

Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell'emilia Romagna B. Ubertini. Micotossine

Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell'emilia Romagna B. Ubertini. Micotossine Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell'emilia Romagna B. Ubertini Micotossine Dr. Roberto Piro Dr. Alberto Biancardi Via A. Bianchi, 9 25124 Brescia (Italy) Tel +390302290212 Telefax

Dettagli

Le micotossicosi. modo nell allevamento della vacca da latte.

Le micotossicosi. modo nell allevamento della vacca da latte. Le micotossicosi nell allevamento della vacca da latte In primavera le tossine possono proliferare negli insilati. Ecco come si può prevenire o gestire il problema di C.A.SGOIFOROSSI, R.COMPIANI,V.DELL

Dettagli

Il trasporto in sicurezza delle materie prime alimentari Agostino Macrì

Il trasporto in sicurezza delle materie prime alimentari Agostino Macrì Il trasporto in sicurezza delle materie prime alimentari Agostino Macrì Unione Nazionale Consumatori 1 Convegno Istituzionale Trasporto di Qualità per alimenti sicuri. Parte Terza: Linee guida per un protocollo

Dettagli

LE MICOTOSSINE NELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE

LE MICOTOSSINE NELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE LE MICOTOSSINE NELLA FILIERA AGRO-ALIMENTARE Marinella Rodolfi Conidiofori di Aspergillus flavus (50x) Metaboliti secondari fungini In aggiunta ai comuni processi metabolici tipici degli eterotrofi, i

Dettagli

Mais: la prevenzione delle micotossine in campo

Mais: la prevenzione delle micotossine in campo LE SCHEDE DI Mais: la prevenzione delle micotossine in campo Fonte: UCSC PC Gli attacchi di piralide del mais aumentano il rischio di infezione da funghi micotossigeni (soprattutto produttori di fumonisine).

Dettagli

NTROLLI E VALUTAZIONI CONTROLLI E VALUTAZIONI CONTR ALIMENTI. Il rischio Micotossine in Piemonte

NTROLLI E VALUTAZIONI CONTROLLI E VALUTAZIONI CONTR ALIMENTI. Il rischio Micotossine in Piemonte NTROLLI E VALUTAZIONI CONTROLLI E VALUTAZIONI CONTR ALIMENTI Il rischio Micotossine in Piemonte SOMMARIO RIASSUNTO Le micotossine sono metaboliti secondari prodotte da funghi e lieviti, che colonizzano

Dettagli

Utilizzazioni commerciali della granella di mais e parametri di qualità Giulio Testa

Utilizzazioni commerciali della granella di mais e parametri di qualità Giulio Testa Utilizzazioni commerciali della granella di mais e parametri di qualità Giulio Testa Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DiSAFA) Università degli Studi di Torino Sommario 1. Introduzione...

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA GIRASOLE SOIA - MAIS

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA GIRASOLE SOIA - MAIS Assessorato Agricoltura Ambiente e Sviluppo sostenibile DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA GIRASOLE SOIA - MAIS FASE DI POST RACCOLTA a cura di: Edizione gennaio 2005-1 - GIRASOLE E SOIA RACCOLTA Girasole:

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI PER L ANALISI DEL RISCHIO DA MICOTOSSINE. Marina Miraglia

APPROCCI INNOVATIVI PER L ANALISI DEL RISCHIO DA MICOTOSSINE. Marina Miraglia APPROCCI INNOVATIVI PER L ANALISI DEL RISCHIO DA MICOTOSSINE Roma 22 Novembre 2005 Marina Miraglia Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale per la Qualità degli Alimenti e per i Rischi Alimentari

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

Micotossine nel mais: la prevenzione. in campo SCHEDE DI

Micotossine nel mais: la prevenzione. in campo SCHEDE DI LE SCHEDE DI Micotossine nel mais: la prevenzione A cura del SERVIZIO PRODUZIONI VEGETALI e del SERVIZIO PRODUZIONI ANIMALI, Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con CENTRO RICERCHE PRODUZIONI VEGETALI,

Dettagli

Campagna di raccolta mais 2016: monitoraggio della qualità sanitaria dal campo alla raccolta e lavorazione. Dott. Agr.

Campagna di raccolta mais 2016: monitoraggio della qualità sanitaria dal campo alla raccolta e lavorazione. Dott. Agr. Campagna di raccolta mais 2016: monitoraggio della qualità sanitaria dal campo alla raccolta e lavorazione Dott. Agr. Costa Enrico CRITICITA Un agricoltura senza redditività Micotossine : In passato eventi

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 856/2005 DELLA COMMISSIONE del 6 giugno 2005 che modifica il regolamento (CE) n. 466/2001 per quanto riguarda le Fusarium-tossine

REGOLAMENTO (CE) N. 856/2005 DELLA COMMISSIONE del 6 giugno 2005 che modifica il regolamento (CE) n. 466/2001 per quanto riguarda le Fusarium-tossine 7.6.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 143/3 REGOLAMENTO (CE) N. 856/2005 DELLA COMMISSIONE del 6 giugno 2005 che modifica il regolamento (CE) n. 466/2001 per quanto riguarda le Fusarium-tossine

Dettagli

PROCEDURA GENERALE PG 01 Rev. 0 APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6. Azienda DESTINATARI. Data di emissione. Redazione..

PROCEDURA GENERALE PG 01 Rev. 0 APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6. Azienda DESTINATARI. Data di emissione. Redazione.. APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 1 di 6 DESTINATARI emissione. Redazione.. Approvazione Distribuzione. APPROVVIGIONAMENTO Del.. Pagina 2 di 6 1. SCOPO E APPLICAZIONE La presente Procedura è riferita alle

Dettagli

LA TOLLERANZA DEGLI IBRIDI A PIRALIDE E MICOTOSSINE

LA TOLLERANZA DEGLI IBRIDI A PIRALIDE E MICOTOSSINE Le attività di Veneto Agricoltura per l attuazione delle misure agroambientali PSR: analizziamo i risultati 2012, scriviamo insieme il programma 2013 Il Bollettino colture erbacee in applicazione della

Dettagli

Ricerca nei cereali di micotossine che presentano attività di interferenti endocrini

Ricerca nei cereali di micotossine che presentano attività di interferenti endocrini Ricerca nei cereali di micotossine che presentano attività di interferenti endocrini Cecilia Bergamini ARPA Sezione Provinciale di Bologna cbergamini@arpa.emr.it Bologna 25 febbraio 2009 RAR Alimenti,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010. Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte

CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010. Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010 Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte OBIETTIVI Ottenimento di risultati produttivi, agronomici e di qualità dei prodotti, in areali piemontesi rappresentativi

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

IL CAMPIONAMENTO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI: METODOLOGIA E MODULISTICA

IL CAMPIONAMENTO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI: METODOLOGIA E MODULISTICA IL CAMPIONAMENTO UFFICIALE DEGLI ALIMENTI: METODOLOGIA E MODULISTICA SANTUARIO DI VICOFORTE (CN) 8/11/2007 Elena Cerrato DEFINIZIONE CAMPIONAMENTO Procedimento per cui da una totalità di elementi oggetto

Dettagli

E prodotta da alcuni funghi tra i quali Aspergillus e Penicillium.*

E prodotta da alcuni funghi tra i quali Aspergillus e Penicillium.* Ocratossina A E costituita da un derivato cumarinico legato alla fenilalanina. E prodotta da alcuni funghi tra i quali Aspergillus e Penicillium.* * I funghi più pericolosi per la produzione di OTA nelle

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

IMPORTANZA DEL MONITORAGGIO DELLE COLTURE NELLA DIFESA INTEGRATA E I NUOVI ORIENTAMENTI DELLA NORMATIVA EUROPEA

IMPORTANZA DEL MONITORAGGIO DELLE COLTURE NELLA DIFESA INTEGRATA E I NUOVI ORIENTAMENTI DELLA NORMATIVA EUROPEA IMPORTANZA DEL MONITORAGGIO DELLE COLTURE NELLA DIFESA INTEGRATA E I NUOVI ORIENTAMENTI DELLA NORMATIVA EUROPEA Dott.ssa Flavia Grazia Tropiano SeSIRCA Regione Campania Caserta 24 novembre 2011 La difesa

Dettagli

Mais ad alto investimento: l interfila ridotta funziona

Mais ad alto investimento: l interfila ridotta funziona SPECIALE MAIS SPERIMENTAZIONE DI 5 ANNI SU SCALA AZIENDALE Mais ad alto investimento: l interfila ridotta funziona Passando dal sistema di semina tradizionale del mais a quello innovativo, più di 10 piante/m²

Dettagli

INFORMAZIONI AL LETTORE

INFORMAZIONI AL LETTORE INFORMAZIONI AL LETTORE La legislazione europea in tema di sicurezza alimentare (ed in particolare l insieme di norme denominate pacchetto igiene ) prevede la responsabilizzazione diretta dei produttori

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL MAIS DA GRANELLA IN EMILIA ROMAGNA

EVOLUZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL MAIS DA GRANELLA IN EMILIA ROMAGNA Presentazione del rapporto Agroalimentare 2012 Regione Emilia Romagna LA PREVENZIONE DELLE AFLATOSSINE NEL MAIS Bologna, 27 maggio 2013 Eros Gualandi EVOLUZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL MAIS DA GRANELLA

Dettagli

I SEMINARI DI. La gestione della qualità e della sicurezza nell'industria alimentare: Aggiornamenti metodologici

I SEMINARI DI. La gestione della qualità e della sicurezza nell'industria alimentare: Aggiornamenti metodologici I SEMINARI DI Qualyfood La gestione della qualità e della sicurezza nell'industria alimentare: Aggiornamenti metodologici Aggiornamenti in tema di micotossine: rischio di allerta? Carlo Brera Istituto

Dettagli

Malattie fungine e da Oomiceti del mais nelle prime fasi di sviluppo

Malattie fungine e da Oomiceti del mais nelle prime fasi di sviluppo Parte la difesa integrata obbligatoria (Dir. CEE 128/09): gli strumenti in aiuto alle aziende agricole Corte Benedettina Legnaro (PD) 4 Febbraio 2014 Malattie fungine e da Oomiceti del mais nelle prime

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga

Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga Aspetti agronomici legati all'applicazione della Deroga Stefano Monaco, Carlo Grignani - Dip. Agroselviter Torino, 12 gennaio 2012 Quali colture per la Deroga? Su almeno il 70% della SAU bisogna coltivare

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO

SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO SARA BORIN DIPARTIMENTO DI SCIENZE PER GLI ALIMENTI, LA NUTRIZIONE E L AMBIENTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Sara.borin@unimi.it GRUPPO DI MICROBIOLOGIA

Dettagli

Un generatore di energia di prima qualità

Un generatore di energia di prima qualità NOVITà Un generatore di energia di prima qualità Un generatore di energia di prima qualità Nel 2014 Syngenta presenta SY QUALITAT*, il nuovo punto di riferimento per il trinciato di mais di alta qualità.

Dettagli

Insetti dannosi al mais e micotossine

Insetti dannosi al mais e micotossine Insetti dannosi al mais e micotossine Lorenzo Furlan, Consorzio di Bonifica Basso Piave, S. Donà di Piave, Venezia Carlo Duso, Dipartimento di Agronomia ambientale e produzioni vegetali, Università degli

Dettagli

I N OSTRI NOSTRI CONTROLLI CONTROLLI: DALLE PRODUZIONI.

I N OSTRI NOSTRI CONTROLLI CONTROLLI: DALLE PRODUZIONI. I NOSTRI CONTROLLI: DALLE PRODUZIONI. Maria Cesarina Abete Mangimi e sicurezza alimentare La sicurezza degli alimenti di origine animale inizia con la sicurezza dei mangimi L alimentazione animale è un

Dettagli