Ufficio di Staff Formazione, Comunicazione e Documentazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ufficio di Staff Formazione, Comunicazione e Documentazione"

Transcript

1 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo n. 270) Roma - Biblioteca centrale Foto T. Zottola Ufficio di Staff Formazione, Comunicazione e Documentazione Rassegna mensile tratta da periodici specialistici nazionali e internazionali N. 7 OTTOBRE-DICEMBRE 2010 Staff Rassegna : Responsabile: Gabriella Loffredo Selezione degli articoli ed elaborazione dei riassunti: Gabriella Loffredo, Antonella Bozzano,Romano Zilli Archiviazione informatica e cartacea:.. Cristina Ferri Preparazione ed invio articoli:... Cristina Ferri, Giulia De Matteis Ha collaborato a questo numero:.marcella Milito

2 Articolo n. 1 Vaccinazione e selezione genetica: nuove strategie di controllo della paratubercolosi nel bovino? Pozzato N. et al Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Large Animal Review Anno 16 n. 5 ottobre 2010 pp Nell articolo vengono esaminate le caratteristiche della paratubercolosi, le stime di prevalenza dell infezione in Europa ed i possibili riflessi in sanità pubblica. Le attuali strategie di controllo si basano su piani volontari che prevedono il biocontenimento per ridurre l esposizione al patogeno nei primi mesi di vita e l eliminazione dei soggetti malati ed asintomatici. Questi interventi sono risultati di difficile applicazione per gli allevatori, soprattutto in riferimento alle prescrizioni igienico sanitarie e all eliminazione dei soggetti apparentemente sani. Gli Autori, propongono una revisione sistematica dell informazione scientifica disponibile allo scopo di fornire evidenze per possibili strategie alternative. In particolare viene discussa l efficacia della vaccinazione, adottata sperimentalmente nei Paesi Baschi, nel ridurre le lesioni e l escrezione fecale del germe. Le vaccinazioni non sono autorizzate in Italia in quanto interferiscono con i metodi di diagnosi della tubercolosi e della paratubercolosi nei bovini. Un altra possibilità è rappresentata dalla selezione genetica ai caratteri di resistenza nella popolazione bovina, identificando i polimorfismi specifici ad essa associati. Articolo n. 2 L applicazione dei principi del sistema HACCP all allevamento delle api Formato G. et al Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Large Animal Review Anno 16 n. 5 ottobre 2010 pp L articolo, sulla base del principio di sicurezza alimentare illustrato nella direttiva 85/374 CEE, nel Libro Bianco della sicurezza alimentare, nel Regolamento CE n. 178/2002 e in quello 852/2004, offre al mondo dell apicoltura una guida e un utile strumento per conoscere e prevenire i pericoli insiti nella produzione del miele. Il lavoro descrive le buone pratiche apistiche (BPA) per ottenere un adeguato stato sanitario delle api e una conseguente qualità del miele prodotto: posizionamento apiari, ispezione, trattamenti farmacologici, selezione della regina, invernamento, tecniche apistiche, benessere delle api, raccolta del miele, formazione degli operatori. Segue la rappresentazione di un diagramma di flusso con le diverse fasi operative riguardanti sia l allevamento delle api nelle varie stagioni e in presenza dei melari, sia l importante fase della raccolta del miele. Ciò al fine di identificare, nell ambito del sistema HACCP, tutti i più importanti punti

3 critici connessi al rischio microbiologico (spore di Clostridium botulinum) e chimico (residui di farmaci veterinari) nel miele prodotto. Articolo n. 3 Verifica dell attività acaricida di acido ossalico sublimato in primavera con diverse condizioni di impiego Formato G. et al Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana L Apis Anno XVIII n. 7 ottobre 2010 pp Il lavoro presenta i risultati di prove di campo effettuate nel 2009 dall Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana in due apiari del centro Italia, per verificare l attività acaricida, contro la Varroa, dell acido ossalico sublimato mediante dispositivo Sublimox, abbinato o meno a condizioni di assenza di covata opercolata. Le sperimentazioni sono state effettuate in cinque diverse condizioni: trattamento con Sublimox e contemporaneo ingabbiamento della regina; trattamento con Sublimox con contemporanea asportazione dei favi di covata; trattamento con Sublimox in presenza di covata; semplice ingabbiamento della regina; nessun trattamento per il gruppo di controllo. La lotta alla Varroa è risultata più efficace durante il trattamento con Sublimox abbinato all ingabbiamento della regina e poco efficace in presenza di covata opercolata. Articolo n. 4 Bovino da carne work in progress Bertocchi L. et al Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia ed Emilia Romagna Informatore Zootecnico Anno LVII n. 16, 17 settembre 2010 pp In questo articolo viene descritto l 8 draft dell apposita commissione incaricata di definire una normativa verticale sul benessere dell intero comparto del bovino adulto, attualmente allo studio presso il Consiglio d Europa. Gli Autori, una volta individuati gli aspetti principali del documento, composto da 24 articoli e 4 appendici, descrivono i risultati di una verifica di conformità espressa su tre differenti giudizi (conforme, parzialmente conforme e non conforme), effettuata confrontando le indicazioni del draft 8 con le realtà di allevamento di 100 aziende lombarde.

4 Articolo n. 5 I principi di un programma di gestione sanitaria Zecconi A. Facoltà di Medicina Veterinaria di Milano Supplemento de la Settimana veterinaria n. 714 del 3 novembre 2010 pp.4-10 Gli Autori descrivono gli elementi fondamentali di un programma di gestione sanitaria per l allevamento di bovine da latte, cioè le finalità e l organizzazione delle attività messe in atto al fine di migliorare la qualità e la quantità delle produzioni ed in generale l efficienza delle aziende. Il punto di partenza è fornito dalla registrazione dei dati produttivi, sanitari ed economici. Occorre inizialmente stabilire gli obiettivi e confrontarli con lo stato dell allevamento giungendo così ad identificare i problemi che interferiscono, stabilendo le priorità in base a quelli che hanno maggiore influenza sulla produzione e che possono essere risolti più facilmente e nel tempo più breve. Successivamente verranno affrontate le criticità più complesse e con tempi di risoluzione più lunghi. Si procede secondo il seguente ciclo: pianifica, fai, controlla, reagisci secondo uno schema di valutazione della priorità degli interventi in base al rapporto costi/efficacia. Nella fase dell azione è molto importante definire chi sia il responsabile dell implementazione delle specifiche azioni in azienda, es. allevatore, mungitore etc. Nella fase di controllo si devono individuare le misure oggettive dell andamento del processo e registrare i dati per valutare l efficacia e la corretta applicazione delle azioni adottate. A tale scopo viene infine descritto lo Statistical process control che utilizza dei grafici utili ad interpretare i dati aziendali. Un altro metodo di verifica dell andamento, schematizzato in una tabella, è quello di stabilire dei valori per gli obiettivi e dei relativi limiti critici di intervento. Articolo n. 6 Micotossine. Overview su tossicità, modalità operative e normativa nel settore veterinario Minervini F., Pagliarulo G. Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari (ISPA), CNR, Bari Argomenti S.I.Ve.M.P. n. 3 novembre 2010 pp Gli Autori esaminano la problematica delle micotossine di interesse veterinario: Aflatossine, Ocratossina A, Fusarium- tossine ( zearalenone, fumonisine, tricoteceni). Per ciascun gruppo di tossine vengono descritte le derrate maggiormente suscettibili alle contaminazioni, la tossicità negli animali, le lesioni anatomo-patologiche, i riferimenti legislativi e le misure di controllo per ridurre l esposizione degli animali a tali sostanze. Viene affrontato anche il tema della rappresentatività dei campioni e dell affidabilità delle determinazioni analitiche. Infine vengono descritti gli aspetti relativi del Piano Nazionale di Sorveglianza e Vigilanza sanitaria sull Alimentazione per gli Animali (PNAA); in questo Piano la Sorveglianza ha lo scopo di realizzare una mappatura del rischio di

5 contaminazione sul territorio nazionale, attraverso campionamenti casuali distribuiti su tutto il territorio italiano. Il Piano di Vigilanza è invece realizzato per verificare su tutta la catena agro-alimentare e zootecnica il rispetto dei limiti massimi stabiliti per le micotossine a più elevato rischio sanitario (aflatossine, OTA, Fumonisine). In questo caso la distribuzione campionaria tra le regioni è basata su evidenze scientifiche, fattori climatici e produttivi. Articolo n. 7 Sicurezza alimentare negli esercizi di vendita e somministrazione: applicazione dell analisi del rischio nell attività di controllo Griglio B. et al Ce.I.R.S.A. ASL TO 5 Chieri Aivemp newsletter Anno 7 n. 3 luglio 2010 pp Nel determinismo di episodi tossinfettivi svolgono un ruolo importante errori commessi nella preparazione di alimenti per la vendita o la somministrazione in attività quali bar o ristoranti. Gli Autori inizialmente esaminano i criteri con cui vengono programmati i controlli da parte dell Autorità Competente, scaturiti dal Reg.CE 882/04 e le categorie di fattori di rischio che contribuiscono all insorgenza di malattie alimentari. Successivamente ridefiniscono le categorie di rischio cui sono esposte le differenti attività di vendita e somministrazione al dettaglio, riferendosi a 3 processi di preparazione classificati in base al numero di volte in cui l alimento attraversa un intervallo di temperatura considerato a rischio. Segnalano le prassi da seguire nell effettuazione dei controlli, la definizione delle priorità di intervento, la necessità di un aperto dialogo con i responsabili, l esame dei rapporti di precedenti interventi e soprattutto lo studio delle fasi dei processi produttivi. Ciò consente di controllare i fattori di rischio per gruppi di alimenti omogenei: prodotti non sottoposti a cottura, preparazioni da servire in giornata, produzioni complesse. Si soffermano sulle azioni correttive immediate e su quelle di lungo periodo. Infine nell articolo vengono proposte schematicamente delle linee guida per l interpretazione dei risultati delle analisi di laboratorio: ricerca e conta di batteri patogeni, indicatori di igiene e carica batterica totale. Articolo n. 8 Classificazione e sorveglianza sanitaria sulle aree di produzione dei molluschi bivalvi Latini M. Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Umbria e delle Marche, Centro di Referenza Nazionale per il Controllo Microbiologico e Chimico dei Mollushi Bivalvi Vivi Argomenti S.I.Ve.M.P. n. 3 novembre 2010 pp In questo articolo vengono richiamati i principi che regolano le attività di classificazione e sorveglianza sanitaria delle acque adibite alla raccolta dei molluschi bivalvi vivi, ai fini

6 della successiva destinazione al consumo del prodotto raccolto, con un attuazione diversificata da regione a regione nel nostro Paese. La revisione delle aree di produzione è prevista almeno triennalmente e sarebbe auspicabile una classificazione anche delle acque libere, dove i privati cittadini potrebbero raccogliere molluschi per autoconsumo. L approccio metodologico alla classificazione prevede l analisi del rischio sanitario e la produzione di report che identifichino l area e le sorgenti eventuali di inquinamento. L Autore descrive il ruolo delle analisi di laboratorio in questo processo, di cui le attività di campo svolte dai servizi veterinari rappresentano il fulcro, volto a recepire eventuali modifiche urbane o dell ambiente che possono incidere sullo stato sanitario del prodotto. Infine viene descritto il ruolo del Centro di Referenza Nazionale per il Controllo Microbiologico e Chimico dei Molluschi Bivalvi vivi ( Ce.Re.M). Articolo n. 9 Valutazione dell efficacia dei sistemi di depurazione nei confronti di E. coli, Salmonella spp. e Vibrio spp. in mitili allevati nel golfo di Olbia Meloni D. et al Dip. di Biologia Animale Sez. Ispezione Alimenti di O.A. Università degli Studi di Sassari Il pesce Anno XXVII n. 5 ottobre 2010 pp La molluschicoltura, in particolare di mitili, è in Italia la principale voce produttiva dell acquacoltura. Gli Autori descrivono le caratteristiche di questo comparto, in particolare in Sardegna, ove la maggior parte delle zone di produzione ricade in classe B e pertanto i mitili sono ammessi al consumo solo dopo depurazione o stabulazione. L efficacia di questi trattamenti è stabilita dalla rispondenza ai requisiti di sicurezza alimentare previsti dal Reg. CE 2073/2005. Nell articolo vengono illustrati i risultati di un lavoro svolto allo scopo di valutare l efficacia dei sistemi di depurazione di un impianto di con due sistemi di filtrazione, funzionante a ciclo aperto ed a ciclo chiuso sia nei confronti di Salmonella spp. ed E.coli, che rispetto ad altri agenti patogeni quali Vibrio spp. A tal fine sono stati analizzati 10 lotti di mitili (30 campioni) prelevati all inizio, alla fine ed in una fase intermedia del ciclo di depurazione. I dati raccolti vogliono rappresentare un contributo alla definizione delle classi di rischio degli stabilimenti di depurazione. Articolo n. 10 Linee guida per la verifica sull OSA - Prima parte Criteri per l individuazione delle non conformità negli stabilimenti del settore carne e latte Prima parte Eurocarni, anno XXV, n. 8, 2010, pp

7 Vengono riportate le Linee guida pubblicate dal Ministero della Salute concernenti i criteri per l individuazione delle non conformità negli stabilimenti nel settore carne e latte e verifica della completezza ed efficacia delle azioni correttive adottate dall operatore del settore alimentare. Il Ministero fornisce, assieme alle linee guida che scaturiscono dal Reg. 882/2004 CE, una diversificata casistica per uniformare l interpretazione dei Regolamenti CE 852 e 853/2004. Nell allegato I si precisano le modalità di verifica delle azioni correttive adottate dall OSA: dal trattamento della NC (non conformità), all identificazione e rimozione della causa, all efficacia delle misure adottate dall OSA, sino all applicazione di interventi volti a prevenire il presentarsi di NC della stessa natura. L allegato II comprende un ampia casistica per l uniforme individuazione delle non conformità sul territorio nazionale, che prende in considerazione diversi ambiti: macellazione al di fuori degli stabilimenti riconosciuti; manipolazione, trasformazione e deposito di alimenti di origine animale al di fuori di stabilimenti riconosciuti; mancata notifica di stabilimenti ai fini della registrazione o dell aggiornamento; mancato rispetto dei requisiti in materia di igiene nelle fasi successive alla produzione primaria. Articolo n. 11 Linee guida per la verifica sull OSA - Seconda parte Criteri per l individuazione delle non conformità negli stabilimenti del settore carne e latte Seconda parte Eurocarni, anno XXV, n. 9, 2010, pp In questa seconda parte delle Linee guida del Ministero della Salute, di cui sopra, vengono riportati i requisiti e la casistica relativa a: trasporto; attrezzature e apparecchiature che vengono a contatto con gli alimenti; rifiuti alimentari, sottoprodotti non commestibili e altri scarti; rifornimento idrico, comprensivo del ghiaccio e del vapore; igiene personale e comportamenti da adottare in presenza di operatori affetti da malattie; formazione del personale. Il capitolo IX, dedicato ai requisiti applicabili ai prodotti alimentari, si riferisce a materie prime, ingredienti, prodotti semilavorati e finiti, mentre il X al confezionamento e imballaggio dei prodotti alimentari. Articolo n. 12 Linee guida per la verifica sull OSA Terza parte Criteri per l individuazione delle non conformità negli stabilimenti del settore carne e latte Terza parte Eurocarni, anno XXV, n. 10, 2010, pp

8 In questa terza ed ultima parte delle Linee guida del Ministero della Salute, di cui sopra, vengono riportati i requisiti e la casistica relativi a: mancata predisposizione delle procedure di autocontrollo basate sui principi del sistema HACCP, così come richiamati all art. 5 del Reg. 852/2004; mancata o non corretta applicazione delle procedure di autocontrollo; mancato adeguamento delle procedure di autocontrollo a seguito di prescrizione da parte dell Autorità competente; requisiti di cui al Reg. 2073/2005, relativi alla verifica microbiologica dell efficacia delle procedure basate sull HACCP; requisiti di cui al Reg. 853/2004, circa le informazioni sulla catena alimentare che gli OSA che gestiscono i macelli devono richiedere, ricevere e controllare prima di avviare al macello tutti gli animali diversi dalla selvaggina selvatica; mancata apposizione del marchio di identificazione dello stabilimento; immissione sul mercato di carni fresche di ungulati prive di bollatura sanitaria. Nella trattazione si fa anche riferimento alle sanzioni amministrative previste in alcuni dei casi esposti dal D.L.Vo 193/07. Articolo n.13 (in inglese) [Circolazione del West Nile Virus in Emilia Romagna: il sistema di sorveglianza integrato 2009.] Angelini P.et al. Servizio di Sanità Pubblica Regione Emilia Romagna. IT Euro Surveill. 2010;15(16): pag. 1-5 A seguito di una importante epidemia causata nel 2008 dal virus West Nile (WNV) nelle aree del nord-est Italiano, in Emilia Romagna sono state realizzate attività di sorveglianza in sanità umana ed animale. La sorveglianza in umana è stata attuata con esami sierologici o rilevamento del genoma virale in sangue e liquido cerebrospinale per tutti i casi sospetti affetti da meningoencefalite acuta nel territorio regionale. Sulla popolazione animale si è impostata una sorveglianza attiva e passiva sui cavalli e una sorveglianza attiva negli uccelli selvatici e zanzare. Tra il 15 giugno e il 31 ottobre 2009, sono stati confermati 9 dei 78 casi sospetti di WND neuroinvasiva in pazienti umani, di cui tre mortali. Da maggio a ottobre, 26 casi di malattia neurologica West Nile sono stati confermati tra i 46 cavalli sospetti. L'incidenza complessiva di sieroconversione tra i cavalli nel 2009 era del 13%, mentre nello stesso periodo 44 tra i uccelli selvatici sospetti sono risultati positivi alla PCR per infezione da WNDV. L azione di sorveglianza veterinaria ed entomologica ha rilevato circolazione di WNVD dalla fine di luglio 2009, circa 2-3 settimane prima della comparsa del primo caso neurologico in pazienti umani. La sorveglianza passiva dei cavalli sembra essere uno strumento rapido e adatto all'individuazione di attività di WNVD, ma sarà meno sensibile in futuro, a causa del programma di vaccinazione intensivo nei cavalli è iniziato nel giugno 2009.

9 Articolo n.14 (in inglese) [MRSA negli animali da allevamento e da compagnia: opzioni per studi epidemiologici ed azioni di controllo per la salute umana ed animale.] Catry C. et al.scientific Institute of Public Health, Epidemiology Unit, Brussels, Belgium Epidemiology and Infection (2010), 138: pag Scopo di questo lavoro è quello di rivedere le ultime ricerche sul rischio di infezione e colonizzazione da parte di MRSA negli animali. In particolare viene indagata la presenza dei ceppi resistenti, insieme ai fattori di rischio per la colonizzazione e l'infezione, nonché il pericolo di contatto tra umani e bestiame, cavalli o animali da compagnia. Mentre la relazione clonale fra i diversi ceppi di MRSA CC398 è molto evidente negli animali da allevamento, ciò è meno evidente nella popolazione equina. Gli animali da compagnia condividono invece ceppi di MRSA che probabilmente riconoscono serbatoi umani. Vengono proposte linee guida ed istruzioni gestionali per indirizzi terapeutici e misure di sicurezza per le persone a contatto con gli animali. Vengono infine tratte conclusioni sulle attività di ricerca da sviluppare in futuro, con l obiettivo soprattutto di confermare l'evoluzione degli organismi resistenti e per dimostrare l'efficienza delle strategie di controllo da applicare. Articolo n.15 (in inglese) [Incontro con la nuova carne: muscolo scheletrico da tessuti ingegnerizzati] Langelaan M.L.P. et al. Department of Biomedical Engineering, Eindhoven University of Technology, Eindhoven, NL Trends in Food Science & Technology 21 (2010) pag: La moderna pratica dell agricoltura intensiva su larga scala e il trasporto degli animali allevati comportano rischi intrinsechi di varia natura, come la diffusione di malattie infettive degli animali ed impatto ambientale attraverso l'emissione di gas serra. Le innovative tecniche di ingegneria dei tessuti del muscolo scheletrico portano ad un nuovo approccio per la produzione di carne e quindi per la riduzione di tali rischi. In questa review vengono illustrati i requisiti da soddisfare per realizzare la fattibilità della produzione di carne in vitro, compresa l individuazione di una fonte appropriata per le cellule staminali, di un ambiente tridimensionale all'interno di un bioreattore in grado di fare crescere le cellule fornendo input essenziali per la loro proliferazione e differenziazione.

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte

PNAA biennio 2006-2007- Esami condotti nella Regione Lazio sui mangimi per animali destinati alla produzione di derrate alimentari Bovini da latte CONTROLLI NELLA FILIERA ALIMENTARE PER LA RICERCA DI RESIDUI DI SOSTANZE INDESIDERATE DA PARTE DEI SERVIZI DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA DELLA REGIONE LAZIO Le diossine sono un gruppo di 210 sostanze

Dettagli

Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I)

Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I) Produzione Certificata: il Manuale di Corretta Prassi Operativa (Parte I) Dr. Giovanni Formato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Il nuovo approccio per garantire la salubrità

Dettagli

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04 Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Dipartimento della Prevenzione Sicurezza Alimentare Sintesi delle attività in materia di controlli ufficiali di cui al reg. (CE) 882/04, svolte dal Dipartimento di

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Secchi Francesco Data di nascita 09/11/1949. Direttore del Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Secchi Francesco Data di nascita 09/11/1949. Direttore del Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale INFORMAZIONI PERSONALI Nome Secchi Francesco Data di nascita 09/11/1949 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Direttore del Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP

Modena, 28 Settembre 2011 IL METODO HACCP: CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DEI CCP Modena, 28 Settembre 2011 La valutazione del 1 e 2 principio Codex Gli strumenti e i metodi a disposizione per il Controllo Ufficiale Paolo Daminelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia

Dettagli

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014 REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014 Aprile 2014 1 Sorveglianza West Nile Disease Anno 2014 Il presente report ha l obiettivo di fornire un aggiornamento dei risultati della sorveglianza integrata

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

Sorveglianza West Nile Disease

Sorveglianza West Nile Disease Report 2013 Sorveglianza West Nile Disease Il presente report ha l obiettivo di fornire un aggiornamento dei risultati della sorveglianza integrata su WND nell anno 2013. La sorveglianza è condotta in

Dettagli

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Alberto Mancuso POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Modena, 30 settembre 2004 Alberto Mancuso Le possibilità di semplificazione nell applicazione del

Dettagli

MSOffice1 REGIONE LAZIO

MSOffice1 REGIONE LAZIO MSOffice1 La Tutela dell Ambiente garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo L impatto sulla sicurezza alimentare. dall autocontrollo al controllo ufficiale Ugo Della Marta Dirigente Area Sanità

Dettagli

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene GLI SCHEMI INTERNAZIONALI DI CERTIFICAZIONE (IFS, BRC, EUREPGAP E ISO 22000) A SUPPORTO DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI IGIENE, SICUREZZA E RINTRACCIABILITÀ La rintracciabilità e la gestione dei requisiti

Dettagli

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI PIANI DI CONTROLLO E PER L ASSEGNAZIONE DELLA QUALIFICA SANITARIA DEGLI ALLEVAMENTI NEI CONFRONTI DELLA PARATUBERCOLOSI BOVINA 1. Definizioni Ai sensi delle presenti linee

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA

AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA AREA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA DIPARTIMENTO SANITÁ PUBBLICA 1/7 Premessa Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell Azienda USL di Bologna ha la finalità di prevenire le malattie, promuovere, proteggere

Dettagli

ASL Caserta -Dipartimento di Sanità pubblica Veterinaria e Sicurezza alimentare PUBBLICAZIONE AI SENSI ART. 25 D.LGS. 33/2013 CONTROLLI IMPRESE

ASL Caserta -Dipartimento di Sanità pubblica Veterinaria e Sicurezza alimentare PUBBLICAZIONE AI SENSI ART. 25 D.LGS. 33/2013 CONTROLLI IMPRESE Coltivazioni (orticole in pieno campo, orticole in serra, cereali, leguminose, industriali,foraggere ) Decisione CE 2007/363 ;Reg. CE 183/05 degli Alimenti e Nutrizione Allevament apistici riferimento.

Dettagli

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari Relatore: Dr. Pierluigi Conte Concetto di produzione a Tutte le operazioni effettuate sui prodotti a condizione che questi non subiscano alterazioni sostanziali

Dettagli

LA TUTELA DELL AMBIENTE Garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo

LA TUTELA DELL AMBIENTE Garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo LA TUTELA DELL AMBIENTE Garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo Seconda Sessione - L impatto sulla sicurezza alimentare: dall autocontrollo al controllo ufficiale PERCORSO FROM FARM TO FORK

Dettagli

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007

linee verticali = inizio estate dal 2001 al 2007 Il mantenimento della catena del freddo - Requisiti di legge riguardanti la temperatura durante la produzione, la conservazione, il trasporto e la vendita di derrate alimentari D estate, con l aumento

Dettagli

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni Elisabetta Delibato elisabetta.delibato@iss.it Istituto Superiore di Sanità DSPVSA Microrganismi negli alimenti Ogni alimento

Dettagli

HACCP (Reg CE 852\04 )

HACCP (Reg CE 852\04 ) L'HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) è un sistema di autocontrollo che ogni operatore nel settore della produzione di alimenti deve mettere in atto al fine di valutare e stimare pericoli

Dettagli

La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto

La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto Alfonso Zecconi Università degli Studi di Milano Dipartimento Patologia Animale Le tossinfezioni alimentari Problema comune a tutti gli alimenti

Dettagli

SEMINARIO DIVULGATIVO

SEMINARIO DIVULGATIVO SEMINARIO DIVULGATIVO SEMINARIO DIVULGATIVO Esigenze formative per il settore della Pesca e dell Acquacoltura alla luce delle nuove normative europee. Il manuale di buona prassi igienica strumento essenziale

Dettagli

Bollettino epidemiologico WND 15 gennaio 2015 n.16. West Nile Disease in Italia nel 2014

Bollettino epidemiologico WND 15 gennaio 2015 n.16. West Nile Disease in Italia nel 2014 Bollettino epidemiologico WND 5 gennaio 205 n.6 West Nile Disease in Italia nel 204 Sommario Introduzione 2 Situazione epidemiologica 3 Sorveglianza equidi 4 Sorveglianza uccelli di specie bersaglio 5

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE?

COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE? COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE? Regolamenti di Polizia Veterinaria/Norma sanitaria L input del processo è costituito dalla normativa sanitaria veterinaria COSTRUZIONE/GESTIONE

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. CASTELLI PAOLO Data di nascita 30/04/1958. Dirigente ASL I fascia - UFFICIO CONTROLLO RANDAGISMO

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. CASTELLI PAOLO Data di nascita 30/04/1958. Dirigente ASL I fascia - UFFICIO CONTROLLO RANDAGISMO INFORMAZIONI PERSONALI Nome CASTELLI PAOLO Data di nascita 30/04/1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Dirigente ASL I fascia

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

Linee guida Regolamenti (CE) 852/2004 e 853/2004

Linee guida Regolamenti (CE) 852/2004 e 853/2004 Linee guida Regolamenti (CE) 852/2004 e 853/2004 L'entrata in vigore dei recenti regolamenti europei in materia di sicurezza degli alimenti, il cosiddetto "Pacchetto igiene", sta avviando una profonda

Dettagli

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE

ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE ALLEGATO 1 ATTI DELLA GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 marzo 2002, n. 282. Modalità di vigilanza in caso di autocontrollo. Formazione del personale alimentarista. Valutazione delle

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. VALENTE Dario Data di nascita 16/10/1955. Dirigente ASL I fascia - Igiene degli Alimenti di Origine Animale

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. VALENTE Dario Data di nascita 16/10/1955. Dirigente ASL I fascia - Igiene degli Alimenti di Origine Animale INFORMAZIONI PERSONALI Nome VALENTE Dario Data di nascita 16/10/1955 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI PERUGIA Dirigente ASL I fascia - Igiene degli

Dettagli

West Nile Disease in Italia nel 2012

West Nile Disease in Italia nel 2012 19 luglio n. 3, 2012 West Nile Disease in Italia nel 2012 Introduzione Sorveglianza nelle specie avicole Situazione epidemiologica Sorveglianza entomologica Sorveglianza negli equidi Sorveglianza sulla

Dettagli

L applicazione del pacchetto igiene nell industria alimentare. Dott. Rocco SCIARRONE Direttore Dipartimento Prevenzione Az.

L applicazione del pacchetto igiene nell industria alimentare. Dott. Rocco SCIARRONE Direttore Dipartimento Prevenzione Az. L applicazione del pacchetto igiene nell industria alimentare Dott. Rocco SCIARRONE Direttore Dipartimento Prevenzione Az.Ulss 12 Veneziana c è chi ha detto: In azienda il problema sarà risolto definitivamente

Dettagli

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario

Relazione Sicurezza Alimentare Anno 2015. Sommario Pag. 1 di 10 Sommario Sommario...1 Servizi dipartimentali competenti per la sicurezza alimentare...3 - Servizio Igiene Alimenti e della Nutrizione;...3 - Servizio Igiene Alimenti di Origine Animale;...3

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 5302 del 16/04/2014 Proposta: DPG/2014/5718 del 16/04/2014 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

MANGIMI & FITOFARMACI - AUTOCONTROLLO E CONTROLLO UFFICIALE INCONTRO FORMATIVO PER LE IMPRESE OPERANTI NELL AZIENDA ULSS 4 - THIENE 11 APRILE 2013

MANGIMI & FITOFARMACI - AUTOCONTROLLO E CONTROLLO UFFICIALE INCONTRO FORMATIVO PER LE IMPRESE OPERANTI NELL AZIENDA ULSS 4 - THIENE 11 APRILE 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI Reg. (CE) n 183/2005 Requisiti per l igiene dei mangimi Reg. (CE) n 767/2009 Etichettatura dei mangimi Reg. (CE) n 178/2002 Procedure sulla sicurezza alimentare Reg. (CE) n 852/2004

Dettagli

CONSIDERAZIONI imprescindibile requisito della qualità Pacchetto Igiene

CONSIDERAZIONI imprescindibile requisito della qualità Pacchetto Igiene GROSSETO CONSIDERAZIONI Il mantenimento e la promozione della salute dell'uomo sono strettamente connessi con le caratteristiche della sua alimentazione e con la qualità dell'ambiente in cui vive. Tra

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA

CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN SICUREZZA AGROALIMENTARE ORGANIZZATO DALL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Corso di perfezionamento in: IGIENE DELLE PRODUZIONI ANIMALI E ALIMENTARI: RUOLO DEL MEDICO VETERINARIO

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. baiocco dino Data di nascita 10/11/1956. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0696669640

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. baiocco dino Data di nascita 10/11/1956. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 0696669640 INFORMAZIONI PERSONALI Nome baiocco dino Data di nascita 10/11/1956 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio medico veterinario ASL DI RM/F Responsabile - U.O.C. area A

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA Linee guida per la vigilanza sulle imprese alimentari che preparano e/o somministrano alimenti preparati con

Dettagli

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA Modena 16 e 24 marzo 2010 IL PACCHETTO IGIENE Comprende

Dettagli

Modalità di controllo ufficiale nelle microimprese - 8 novembre 2013

Modalità di controllo ufficiale nelle microimprese - 8 novembre 2013 MODALITÀ DI CONTROLLO UFFICIALE NELLE MICROIMPRESE EMILIA ROMAGNA LIGURIA VALLE D AOSTA Procedure semplificate HACCP A. non svolgono alcuna attivitàdi preparazione, produzione o trasformazione di prodotti

Dettagli

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 1 del 17/07/2014

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 1 del 17/07/2014 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO) ------------------------------------- BRESCIA Via Bianchi, 9 25124 BRESCIA

Dettagli

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo Microbiologia predittiva Possibili utilizzi nell attività di controllo ufficiale degli Operatori del Settore Alimentare Criteri di igiene di processo e criteri di sicurezza alimentare: il quadro normativo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE 2015 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE

PROGRAMMAZIONE 2015 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE PROGRAMMAZIONE 2015 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE CRITERI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Competenza su: alimenti di origine animale. La pianificazione annuale dell attività dell

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER GLI ESERCIZI DI MACELLERIA

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER GLI ESERCIZI DI MACELLERIA MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER GLI ESERCIZI DI MACELLERIA (a norma dell art. 8 del Regolamento CE 852/2004 sull igiene dei prodotti alimentari) SOMMARIO Presentazione... 4 1.0 Scopo e campo di

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO 1 IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELL ALIMENTAZIONE: DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO Il ruolo dell Università ità Prof.ssa Maria Triassi Dipartimento di Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Napoli

Dettagli

- limiti previsti dal Regolamento CE 853/2004 per il latte crudo della specie bovina:

- limiti previsti dal Regolamento CE 853/2004 per il latte crudo della specie bovina: intesa Stato/Regioni n. 159/CSR del 23-9-2010 In materia di impiego transitorio di latte crudo bovino non rispondente ai criteri di cui all allegato III, sezione IX del regolamento CE 853/2004, per quanto

Dettagli

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius 1 Il Codex ha accettato il sistema HACCP come il migliore strumento per garantire la sicurezza

Dettagli

La normativa interna sul controllo ufficiale: soggetti ed architettura istituzionale.

La normativa interna sul controllo ufficiale: soggetti ed architettura istituzionale. Università degli studi di Parma Facoltà di Medicina veterinaria La normativa interna sul controllo ufficiale: soggetti ed architettura istituzionale. Dott. Paolo Cozzolino R.178/2002/CE principi generali

Dettagli

.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad

.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad ,'- - -~~_._,--~ -_... ~-------;~-----'--'-'~-~_._' --- - - - -), Minislero della Salule 0009028-P-30/03/2009 ( DGSAN, " " \....... _--_._---._.~" '._-"-'.., I -.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad

Dettagli

Classificazione delle zone di produzione e di stabulazione dei molluschi bivalvi vivi

Classificazione delle zone di produzione e di stabulazione dei molluschi bivalvi vivi ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE Servizio pesca Classificazione delle zone di produzione e di stabulazione dei molluschi bivalvi vivi Zona di produzione Specchio acqueo dove si trovano

Dettagli

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM

dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM dr.ssa Francesca Di Prisco Dir. Medico Veterinario Sez. Avellino IZSM Normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare Fin dalla sua costituzione l UE ha attribuito molta importanza all attività

Dettagli

Situazione epidemiologica

Situazione epidemiologica IN ITALIA NEL 009 N. 4 0 febbraio 00 Situazione epidemiologica I focolai confermati ad oggi sono 6 di cui con sintomi clinici (Tabella e Figura ). I casi clinicamente manifesti negli equidi sono 7 con

Dettagli

10 settembre 2012, n. 8

10 settembre 2012, n. 8 10 settembre 2012, n. 8 Introduzione Sorveglianza nelle specie avicole Situazione epidemiologica Sorveglianza entomologica Sorveglianza negli equidi Sorveglianza sulla mortalità negli uccelli selvatici

Dettagli

Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI

Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche della Salute Servizio Sanità Veterinaria e Sicurezza Alimentare Considerazioni sugli aspetti sanitari sulla nuova legge regionale in apicoltura DR. GIUSEPPE BUCCIARELLI

Dettagli

Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193

Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193 Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193 "Attuazione della direttiva 2004/41/CE relativa ai controlli in materia di sicurezza alimentare e applicazione dei regolamenti comunitari nel medesimo settore"

Dettagli

MANUALE HACCP. Giugno 2011. Valorizzazione turistico-ambientale dell area di Përmet e dei suoi prodotti tipici AID8669/CESVI/ALB

MANUALE HACCP. Giugno 2011. Valorizzazione turistico-ambientale dell area di Përmet e dei suoi prodotti tipici AID8669/CESVI/ALB MANUALE HACCP Giugno 2011 Valorizzazione turistico-ambientale dell area di Përmet e dei suoi prodotti tipici AID8669/CESVI/ALB Finanziato dal Ministero Affari Esteri Italiano Analisi del rischio nei punti

Dettagli

Secondo quanto esposto nel Reg. 852/04, tali principi dovrebbero tener conto dei 7 principi contenuti nel Codex Alimentarius, quali:

Secondo quanto esposto nel Reg. 852/04, tali principi dovrebbero tener conto dei 7 principi contenuti nel Codex Alimentarius, quali: L HACCP si definisce come un approccio sistematico per l identificazione dei pericoli ed la valutazione/controllo dei rischi connessi alla produzione di un alimento basato su 7 principi. Secondo quanto

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA' PUBBLICA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICI VIII Ordinanza del Ministro della Salute Misure

Dettagli

Le azioni in atto in Emilia-Romagna per la prevenzione delle malattie a trasmissione vettoriale

Le azioni in atto in Emilia-Romagna per la prevenzione delle malattie a trasmissione vettoriale Il progetto Life Conops sistemi di sorveglianza delle zanzare invasive Le azioni in atto in Emilia-Romagna per la prevenzione delle malattie a trasmissione vettoriale Bologna 10 marzo 2014 Claudio Venturelli

Dettagli

I requisiti del latte alimentare

I requisiti del latte alimentare I requisiti del latte alimentare Le disposizioni delle Linee Guida e della Misura 215. Progetto Qualità Latte Premessa A partire dal 1 gennaio 2006, sono in applicazione le disposizioni previste dai regolamenti

Dettagli

Veterinario Ufficiale presso l ULSS 22 dal 05/10/2015 ad oggi

Veterinario Ufficiale presso l ULSS 22 dal 05/10/2015 ad oggi CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Zago Luigi Data di nascita 11 ottobre 1960 Qualifica Dirigente Veterinario Amministrazione ULSS 22 Incarico attuale Servizi territoriali Comuni Mozzecane Nogarole

Dettagli

Modello A. 1. Operatore del settore alimentare. Timbro protocollo ufficio ricevente. Data. Al SUAP del Comune di

Modello A. 1. Operatore del settore alimentare. Timbro protocollo ufficio ricevente. Data. Al SUAP del Comune di Modello A Timbro protocollo ufficio ricevente Data Al SUAP del Comune di Oggetto: Dichiarazione di inizio attività (D.I.A.) ai sensi art. 6 reg. CE 852/2004 e della determina della Regione Emilia Romagna

Dettagli

Obblighi delle imprese oggetto di controlli effettuati dal Servizio Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche (SIAPZ)

Obblighi delle imprese oggetto di controlli effettuati dal Servizio Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche (SIAPZ) Obblighi delle imprese oggetto di controlli effettuati dal Servizio Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche (SIAPZ) ALIMENTAZIONE ANIMALE L impresa (OSM) deve attenersi alle Audit D iniziativa,

Dettagli

Gestione del rischio. Ridurre la probabilità che si generi un danno per la salute

Gestione del rischio. Ridurre la probabilità che si generi un danno per la salute Gestione del rischio Ridurre la probabilità che si generi un danno per la salute AUTOCONTROLLO - DECRETO LEGISLATIVO 155/ 97 I principi su cui si basa l elaborazione di un piano HACCP sono 7: Identificare

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 100 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 100 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 100 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE PROGRAMMAZIONE 2014 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE Premessa: L unità Organizzativa complessa Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche svolge principalmente

Dettagli

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo Il Pacchetto igiene : la normativa europea cogente in materia di sicurezza alimentare Maria

Dettagli

B. Documentazione generale del sistema di autocontrollo e definizione delle responsabilità aziendale

B. Documentazione generale del sistema di autocontrollo e definizione delle responsabilità aziendale Dipartimento federale dell'economia DFE Ufficio federale di veterinaria UFV Allegato 3 - Guida per la valutazione uniforme dell autocontrollo INDICE I Introduzione... 1 A.... 1 B. La documentazione generale

Dettagli

Buone pratiche di sperimentazione clinica negli animali dei medicinali veterinari

Buone pratiche di sperimentazione clinica negli animali dei medicinali veterinari negli animali dei medicinali veterinari Modelli innovativi di lotta alla varroa: l acido formico in gel. Dr. Salvatore Macrì Dirigente Veterinario Ministero della Salute Roma Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

REGOLAMENTI COMUNITARI DI IGIENE, NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE IN APICOLTURA

REGOLAMENTI COMUNITARI DI IGIENE, NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE IN APICOLTURA REGOLAMENTI COMUNITARI DI IGIENE, NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE IN APICOLTURA Dr.ssa ROSANNA ROSSI ASL7 SIENA Montepulciano 25/11/2011 NORMATIVA COMUNITARIA Reg. CE 178 del Parlamento Europeo e del Consiglio

Dettagli

Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole. Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013

Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole. Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013 Il Manuale di Corretta Prassi per le Imprese Agricole Corso per i Coordinatori Regionali di Campagna Amica 5 marzo 2013 Il Manuale di Corretta Prassi Coldiretti Validato dal Ministero della Salute a gennaio

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. PETTENI ANTONIO Data di nascita 06/03/1953

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. PETTENI ANTONIO Data di nascita 06/03/1953 INFORMAZIONI PERSONALI Nome PETTENI ANTONIO Data di nascita 06/03/1953 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio MEDICO VETERINARIO ISTITUTO Responsabile - SERVIZIO ASSICURAZIONE

Dettagli

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius 3.0 Programmi Prerequisito ISO 4.2.1-5.1-5.3 La Direzione si impegna a favore di un sistema di gestione della sicurezza attraverso la politica

Dettagli

L acqua rappresenta la base della vita.

L acqua rappresenta la base della vita. LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO SANITARIO DELLA QUALITÀ DELLE ACQUE H 2 O L acqua rappresenta la base della vita. L acqua deve pertanto detenere tutti i requisiti di sicurezza sanitaria necessari

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI

LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI ASL 7 Carbonia Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione PG/2010/ Iglesias, LINEE GUIDA PER IL TRASPORTO DI ACQUE POTABILI MEDIANTE AUTOBOTTI Obiettivi Scopo di queste linee guida

Dettagli

MODELLO A1. 1. Operatore del settore alimentare. Data. Al Dipartimento Sanità Pubblica Azienda USL di Bologna

MODELLO A1. 1. Operatore del settore alimentare. Data. Al Dipartimento Sanità Pubblica Azienda USL di Bologna MODELLO A1 Data Al Dipartimento Sanità Pubblica Azienda USL di Bologna Oggetto: Notifica ai fini della registrazione ai sensi art. 6 reg. CE 852/2004 e della determina della Regione Emilia Romagna n. 9223

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 30 del 13 giugno 2005

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 30 del 13 giugno 2005 Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 30 del 13 giugno 2005 DECRETO DIRIGENZIALE N. 46 del 23 febbraio 2005 AREA GENERALE DI COORDINAMENTO ASSISTENZA SANITARIA SETTORE PREVENZIONE ASSISTENZA SANITARIA

Dettagli

I N OSTRI NOSTRI CONTROLLI CONTROLLI: DALLE PRODUZIONI.

I N OSTRI NOSTRI CONTROLLI CONTROLLI: DALLE PRODUZIONI. I NOSTRI CONTROLLI: DALLE PRODUZIONI. Maria Cesarina Abete Mangimi e sicurezza alimentare La sicurezza degli alimenti di origine animale inizia con la sicurezza dei mangimi L alimentazione animale è un

Dettagli

Tossinfezioni alimentari e HACCP

Tossinfezioni alimentari e HACCP Tossinfezioni alimentari e HACCP INTOSSICAZIONI ALIMENTARI Cosa sono? Le intossicazioni alimentari sono manifestazioni patologiche che si determinano in seguito al consumo di alimenti contenenti tossine

Dettagli

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 2 del 22/07/2015

Sorveglianza della West Nile Disease in Emilia-Romagna Bollettino n. 2 del 22/07/2015 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI (ENTE SANITARIO DI DIRITTO PUBBLICO) ------------------------------------- Sede Legale: Via Bianchi, 9 25124 Brescia

Dettagli

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori Venerdì 12 giugno 2009 ore 08.30 14.00 COMUNE DI ROMA Palazzo Senatorio- Aula Giulio Cesare P.zza del Campidoglio - Roma LE BIOBANCHE IN MEDICINA VETERINARIA

Dettagli

PRESENTAZIONE SISTEMA HACCP

PRESENTAZIONE SISTEMA HACCP PRESENTAZIONE SISTEMA HACCP L'HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) è un sistema di autocontrollo igienico che ogni operatore nel settore della produzione di alimenti deve mettere in atto

Dettagli

SERVIZIO VETERINARIO SERVIZIO VETERINARIO AREA "A"

SERVIZIO VETERINARIO SERVIZIO VETERINARIO AREA A SERVIZIO VETERINARIO Il Servizio Veterinario è costituito da una Area di Coordinamento e da tre Aree Funzionali: > AREA A: sanità animale; > AREA B: igiene della produzione, trasformazione e trasporto

Dettagli

Progetto formativo: La sicurezza alimentare in agriturismo

Progetto formativo: La sicurezza alimentare in agriturismo Progetto formativo: La sicurezza alimentare in agriturismo (approvato con determinazione del Direttore del Servizio Sviluppo della Multifunzionalità e valorizzazione della biodiversità agricola n. 0618

Dettagli

Corso di perfezionamento in Igiene degli alimenti: ALIMENTI SICURI, DALL AUTOCONTROLLO ALLA VERIFICA, SISTEMI E SOLUZIONI PER UNA CORRETTA GESTIONE

Corso di perfezionamento in Igiene degli alimenti: ALIMENTI SICURI, DALL AUTOCONTROLLO ALLA VERIFICA, SISTEMI E SOLUZIONI PER UNA CORRETTA GESTIONE ! C.S.A. S.r.l. Centro Servizi & Analisi in collaborazione con con il patrocinio: 29,7 crediti Corso di perfezionamento in Igiene degli alimenti: ALIMENTI SICURI, DALL AUTOCONTROLLO ALLA VERIFICA, SISTEMI

Dettagli

Il controllo dei prodotti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea

Il controllo dei prodotti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea Il controllo dei prodotti di origine animale. Possibili scenari introdotti dalla nuova normativa europea Igino Andrighetto Direttore Generale Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie. Professore

Dettagli

Sicurezza alimentare e Sicurezza degli alimenti

Sicurezza alimentare e Sicurezza degli alimenti Sicurezza alimentare e Sicurezza degli alimenti Sicurezza alimentare (food security): E l accesso di tutti ed in qualsiasi momento ad un alimentazione sufficiente in termini di qualità, quantità e varietà,

Dettagli

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 852/2004 Regolamento

Dettagli

Il sistema HACCP «Codex Alimentarius»

Il sistema HACCP «Codex Alimentarius» Il sistema HACCP Il sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points, analisi del pericolo e punti critici di controllo) rappresenta uno strumento operativo per l'analisi dei rischi che caratterizzano

Dettagli

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Che cos è l Autocontrollo? L Autocontrollo è un obbligo di legge.. per tutte le Aziende alimentari di realizzarlo; per le Autorità Sanitarie competenti

Dettagli

Le nuove check list di controllo del piano di sicurezza alimentare 2006 Alcune esemplificazioni delle nuove procedure di controllo.

Le nuove check list di controllo del piano di sicurezza alimentare 2006 Alcune esemplificazioni delle nuove procedure di controllo. L Unione Albergatori incontra l azienda sanitaria Migliora la sicurezza alimentare nelle aziende Nel mese di marzo 2006 l Unione Albergatori ha partecipato ad un importante incontro con il dott Carraro

Dettagli

Esperienze Lavorative Precedenti FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITA E ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE INFORMAZIONI PERSONALI

Esperienze Lavorative Precedenti FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITA E ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE INFORMAZIONI PERSONALI FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITA E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità Data di nascita Stasio Giuseppe italiana ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE i dal 03.12. 1998atutt'oggi dal01.01.2007atutt'oggi

Dettagli