X FORMER / EXE PERSONAL BODY OPTIMIZER. posizionamento elettrodi e tabelle delle applicazioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "X FORMER / EXE PERSONAL BODY OPTIMIZER. posizionamento elettrodi e tabelle delle applicazioni"

Transcript

1 PERSONAL BODY OPTIMIZER posizionamento e tabelle delle applicazioni

2 Introduzione Informazioni sul manuale... pag. Tipi di Elettrodi a gel adesivo... pag. 0 e posizionamento Elettrodi con spugna ad acqua... pag. sul corpo ADDOMINALI... pag. ADDOMINALI... pag. BICIPITE... pag. 8 ESTENSORE DELLA MANO... pag. 0 FLESSORE DELLA MANO... pag. QUADRICIPITI FEMORALI... pag. QUADRICIPITI FEMORALI... pag. 8 ADDUTTORI... pag. 8 9 GLUTEI... pag. 0 0 GLUTEI... pag. POLPACCIO... pag. TRICIPITE... pag. DELTOIDE... pag. 8 PETTORALI... pag. 0 PETTORALI... pag. ABDUTTORI... pag. BICIPITI FEMORALI... pag. 8 DORSALI... pag. 8 9 TRAPEZIO... pag. 0 0 TRAPEZIO... pag. TRAPEZIO... pag. PERONEO... pag. TIBIALE ANTERIORE... pag. 8 LOMBARI... pag. 0 PARAVERTEBRALI... pag.

3 Tabelle delle applicazioni SPORT Calcio pag. Basket pag. Volley pag. 8 Rugby pag. 9 Tennis pag. 0 Sci alpino pag. Sci di fondo pag. Ciclismo pag. Podismo pag. Boxe, Judo, Arti marziali pag. Golf pag. Equitazione pag. Body Building pag. 8 Tabelle delle applicazioni BEAUTY Gambe e Glutei pag. 8 Spalle e Schiena pag. 8 Addome, Girovita e Glutei pag. 8 Addome, Braccia e Seno pag. 8 Tabelle delle applicazioni ANTALGICO Cervicalgia pag. 88 Lombalgia pag. 89 Pesantezza alle gambe pag. 90 Stiramento pag. 9 Dolore articolare cronico pag. 9 Tabelle delle applicazioni REHAB Post trauma pag. 9 RAfforzamento muscolare pag. 98

4 Questo schedario allegato all elettrostimolatore Xformer/EXE è pensato per offrirvi uno strumento pratico e di veloce consultazione. Le tabelle che vi sono raccolte sono state organizzate secondo le quattro sezioni di programmi presenti su Xformer/EXE, e vi guideranno in modo semplice e preciso all utilizzo dell apparecchio attraverso informazioni sulla frequenza settimanali delle stimolazioni, sui gruppi muscolari da trattare e suggerendo anche i tempi per ogni applicazione. Tali tabelle sono proposte di allenamento e non hanno la pretesa di essere vincolanti. Il vostro preparatore atletico o medico potrà ulteriormente consigliarvi per ottimizzare l allenamento e/o il trattamento con i programmi di elettrostimolazione di Xformer/EXE. ATTENZIONE!: consultare sempre il vostro medico o fisioterapista per tutte le situazioni di riabilitazione da traumi o recupero postoperatorio. PERSONAL BODY OPTIMIZER Introduzione

5 Soprattutto durante le prime sedute di elettrostimolazione è bene dedicare un attenzione particolare al posizionamento degli sul corpo. Dalla loro giusta collocazione dipende il buon risultato del trattamento. L applicazione degli infatti deve sempre rispettare alcune regole che diventeranno una pratica abituale solo dopo aver usato XFormer/EXE per un certo periodo di tempo. A chi si avvicina per la prima volta all elettrostimolazione consigliamo di attenersi alle immagini fotografiche che indicano chiaramente, muscolo per muscolo, come applicare gli adesivi a gel, rispettando anche la di polarità positiva e negativa indicate rispettivamente dal colore grigio e nero degli spinotti. PERSONAL BODY OPTIMIZER tipi di e posizionamento sul corpo 9

6 APPLICAZIONE DEGLI ELETTRODI ADESIVI A GEL SOLIDO Rimuovere la pellicola protettiva degli adesivi avendo cura di conservarla per il loro riutilizzo. Posizionare su ogni gruppo muscolare interessato al trattamento una coppia di adesivi, collegare gli ad un cavetto ed inserirlo nella presa di una uscita dell apparecchio. Attenzione: rispettare la polarità dei cavetti. Convenzionalmente, i bottoni neri indicano l elettrodo negativo, quelli di colore grigio l elettrodo positivo. Gli andranno posizionati di massima seguendo le istruzioni generali descritte nel presente manuale. Tali punti sono soggettivi; dopo alcune prove sarà comunque semplice individuare le posizioni che assicurino la migliore stimolazione possibile. Aggiustare la degli solo dopo avere ridotto la corrente del relativo canale sull apparecchio. L unità principale di XFormer/EXE dispone di distinte uscite: il numero delle uscite da impiegare dipende dal tipo di applicazione e da quante zone si vogliono trattare contemporaneamente. XFormer/EXE può lavorare anche con una sola uscita. APPLICAZIONE DEGLI ELETTRODI CON SPUGNA AD ACQUA Imbibire le spugne degli di normale acqua con la spruzzetta in dotazione. Le spugne dovranno essere perfettamente bagnate prima di ogni trattamento; in caso contrario tenderanno ad essere isolanti e non conduttrici degli impulsi (qualora si asciugassero aggiungere acqua anche durante il trattamento). Posizionare le fasce elastiche allacciandole mediante l apposita fibbia sulla zona in cui andranno applicati gli, quindi inserire gli sotto di esse in corrispondenza dei punti di applicazione, seguendo le indicazioni del presente manuale. Durante l intero trattamento gli dovranno aderire perfettamente alla pelle, pertanto le cinghie elastiche dovranno essere strette in modo adeguato ed eventualmente aggiustate secondo necessità. Connettere gli appositi bottoni dei cavetti in dotazione agli innesti degli e collegarli all apparecchio. Vi ricordiamo che per ottenere un buon lavoro dall elettrostimolatore, il posizionamento degli deve riguardare direttamente la massa del muscolo da trattare e non la zona terminale di collegamento con i tendini. In quel punto infatti lo stimolo non ottiene l effetto di contrazione desiderato, poiché il motoneurone che trasmette l impulso elettrico si ramifica fino all interno delle fibre muscolari. Le immagini che seguono Vi mostreranno come posizionare gli sopra ogni singolo muscolo o distretto muscolare. Inizialmente è bene seguire con scrupolo gli esempi riportati, ma poiché l anatomia di ogni persona presenta caratteristiche particolari, con la pratica troverete da soli le zone migliori su cui sistemare gli. 0

7 Di fatto non solo la conformazione muscolare di ognuno è differente, ma che la resistenza cutanea e soprattutto il pannicolo adiposo influenzano la capacità di trasmettere l impulso elettrico. In particolare proprio lo strato di grasso sottocutaneo ha caratteristiche di isolante rispetto alla corrente elettrica, ed è distribuito in modo estremamente diverso da soggetto a soggetto. Come regola pratica ricordiamo che se lo strato adiposo sopra il muscolo è particolarmente consistente, può essere necessario aumentare in modo sensibile l erogazione di corrente per ottenere l effetto indicato dal scelto. Nel caso poi si vogliano allenare durante una stessa seduta muscoli corrispondenti, come ad esempio i della gamba destra e sinistra, è importante collocare gli in modo perfettamente simmetrico sulle rispettive zone muscolari. Diversamente il risultato della stimolazione delle due parti potrebbe ottenere risultati diversi. Ricordiamo poi che il muscolo sollecitato con lo stimolo elettrico deve lavorare attraverso contrazioni isometriche, cioè senza che vi sia un eccessiva libertà di movimento durante la contrazione, per evitare l insorgere di spiacevoli sensazioni di crampi. Diversa e più libera può essere la del corpo mentre si usano programmi di lavoro a bassa intensità elettrica: l assenza di contrazioni importanti permette di lasciare libera la parte interessata. La di lavoro con l elettrostimolatore è importante non solo per quanto riguarda la maggiore o minore mobilità delle zone alle quali sono applicati gli. Prima di iniziare un allenamento è bene assumere una comoda e tale da permettere a ogni zona del corpo di lavorare nel modo migliore. Le illustrazioni che affiancano le fotografie con l applicazione degli vi indicheranno qual è di volta in volta la migliore da assumere in relazione al gruppo muscolare allenato. In ogni caso dovrete sentirvi comodi e possibilmente far lavorare i muscoli in un ambiente confortevole, con temperatura tra i 8 e i 0 C. CONSIGLI D USO Vi suggeriamo di utilizzare gli a spugna su zone muscolari ampie e comodamente fasciabili con le cinghie di fissaggio, come nel caso di cosce, o regione addominale. Anche nel caso di parti del corpo dove ci sia una presenza eccessiva di peli, gli a spugna si rivelano particolarmente utili. Gli adesivi a gel solido sono consigliati invece per ogni applicazione e in qualsiasi punto del corpo sia praticabile l elettrostimolazione.

8 Addominali Addominali Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; durante tutto il trattamento la muscolatura non dovrà rimanere contratta a causa di una sconveniente del corpo canali (x9 cm) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. Muscolatura interessata: ADDOMINALI donna In questa applicazione vengono stimolati prevalentemente gli addominali inferiori e superiori. POSIZIONE SUPINA uomo

9 Addominali Addominali Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico. Per rendere la stimolazione confortevole e sicura, durante il trattamento la muscolatura non dovrà rimanere contratta a causa di una sconveniente del corpo. canali (,x, cm) (x9 cm) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. Muscolatura interessata: ADDOMINALI donna In questa applicazione vengono stimolati tutti i fasci della muscolatura addominale. POSIZIONE SUPINA uomo

10 Bicipite Bicipite donna Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento eccessivo del braccio, si consiglia di tenerlo bloccato per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. Muscolatura interessata: BICIPITE E consigliabile eseguire il trattamento su entrambe le braccia contemporaneamente. POSIZIONE SEDUTA canali (,x, cm) (entrambe le braccia) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. uomo 8 9

11 Estensore della mano Estensore della mano Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento eccessivo del braccio, si consiglia di tenerlo bloccato per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. Muscolatura interessata: ESTENSORE DELLA MANO canali (,x, cm) (entrambi gli avambracci) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. donna E consigliabile eseguire il trattamento su entrambi gli avambracci contemporaneamente. POSIZIONE SEDUTA uomo 0

12 Flessore della mano Flessore della mano donna Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento eccessivo del braccio, si consiglia di tenerlo bloccato per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. Muscolatura interessata: ESTENSORE DELLA MANO E consigliabile eseguire il trattamento su entrambi gli avambracci contemporaneamente. POSIZIONE SEDUTA canali (,x, cm) (entrambi gli avambracci) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. uomo

13 Quadricipite femorale Quadricipite femorale Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento eccessivo delle gambe, si consiglia di tenerle bloccate per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. Muscolatura interessata: QUADRICIPITE FEMORALE canali (,x, cm) oppure (x9 cm) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. donna In questa applicazione, a seconda della massa muscolare, possono essere utilizzati sia gli,x, cm (rappresentati nelle foto), sia quelli x9 cm. POSIZIONE SUPINA uomo

14 Quadricipite femorale Quadricipite femorale Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento eccessivo delle gambe, si consiglia di tenerle bloccate per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. Muscolatura interessata: QUADRICIPITE FEMORALE canali 8 (,x, cm) (entrambe le gambe) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. donna E consigliabile eseguire il trattamento su entrambe le gambe, contemporaneamente. POSIZIONE SUPINA uomo

15 8 Adduttori Adduttori 8 Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento delle gambe, si consiglia di tenerle bloccate per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. canali (x9 cm) (entrambe le cosce) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. Muscolatura interessata: ADDUTTORI donna E consigliabile eseguire il trattamento su entrambe le gambe, contemporaneamente. POSIZIONE SUPINA uomo 8 9

16 9 Glutei Glutei 9 Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento eccessivo degli arti, si consiglia di tenerli bloccati per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. Muscolatura interessata: GLUTEI canali (x9 cm) donna POSIZIONE PRONA Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. uomo 0

17 0 Glutei Glutei 0 Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento eccessivo degli arti, si consiglia di tenerli bloccati per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. donna Muscolatura interessata: GLUTEI In questa applicazione vengono stimolati tutti i fasci della muscolatura dei. POSIZIONE PRONA canali (,x, cm) (x9 cm) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. uomo

18 Polpaccio Polpaccio Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento eccessivo delle gambe, si consiglia di tenerle bloccate per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. canali (x9 cm) (entrambi i ) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. Muscolatura interessata: POLPACCIO donna E consigliabile eseguire il trattamento su entrambi i, contemporaneamente. POSIZIONE PRONA uomo

19 Tricipite Tricipite Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento eccessivo del braccio, si consiglia di tenerlo bloccato per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. canali (x9 cm) (entrambe le braccia) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. Muscolatura interessata: TRICIPITE donna E consigliabile eseguire il trattamento su entrambe le braccia, contemporaneamente. POSIZIONE SEDUTA uomo

20 Deltoide Deltoide Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento eccessivo degli arti, si consiglia di tenerli bloccati per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. canali 8 (,x, cm) (entrambe le spalle) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. Muscolatura interessata: DELTOIDE donna E consigliabile eseguire il trattamento su entrambe le spalle, contemporaneamente. POSIZIONE SEDUTA uomo 8 9

21 Pettorali Pettorali donna Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento delle braccia, si consiglia di tenerle bloccate per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. Muscolatura interessata: PETTORALI ATTENZIONE! Gli non devono mai essere applicati sul seno nella vicinanza del capezzolo, ma esclusivamente sui muscoli pettorali. POSIZIONE SEDUTA canali (,x, cm) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. uomo 0

22 Pettorali Pettorali Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento delle braccia, si consiglia di tenerle bloccate per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. canali 8 (,x, cm) (entrambi i seni) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. Muscolatura interessata: PETTORALI E consigliabile eseguire il trattamento su entrambe i seni, contemporaneamente. donna ATTENZIONE! Gli non devono mai essere applicati sul seno in prossimità del capezzolo, ma esclusivamente sui muscoli pettorali. POSIZIONE SEDUTA uomo

23 Abduttori Abduttori Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento eccessivo degli arti, si consiglia di tenerli bloccati per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. canali (x9 cm) (entrambe le cosce) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. Muscolatura interessata: ABDUTTORI donna E consigliabile eseguire il trattamento su entrambe le cosce, contemporaneamente. POSIZIONE SUPINA uomo

24 Bicipiti femorali Bicipiti femorali Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento eccessivo degli arti, si consiglia di tenerli bloccati per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. Muscolatura interessata: BICIPITI FEMORALI canali (x9 cm) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. donna POSIZIONE PRONA uomo

25 8 Dorsali Dorsali 8 donna Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento delle braccia, si consiglia di tenerle bloccate per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. Muscolatura interessata: DORSALI POSIZIONE PRONA canali (x9 cm) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. uomo 8 9

26 9 Trapezio Trapezio 9 donna Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determinasse il movimento delle braccia, si consiglia di tenerle bloccate per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. Muscolatura interessata: TRAPEZIO POSIZIONE PRONA canali (,x, cm) (x9 cm) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. uomo 0

27 0 Trapezio Trapezio 0 donna Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determinasse il movimento delle braccia, si consiglia di tenerle bloccate per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. Muscolatura interessata: TRAPEZIO POSIZIONE PRONA canali (,x, cm) (x9 cm) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. uomo

28 Trapezio Trapezio donna Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determinasse il movimento delle braccia, si consiglia di tenerle bloccate per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. Muscolatura interessata: TRAPEZIO POSIZIONE PRONA canali (,x, cm) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. uomo

29 Peroneo Peroneo Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento eccessivo delle gambe, si consiglia di tenerle bloccate per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. canali (,x, cm) (entrambe le gambe) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. Muscolatura interessata: PERONEO donna E consigliabile eseguire il trattamento su entrambe le gambe, contemporaneamente. POSIZIONE SEDUTA uomo

30 Tibiale anteriore Tibiale anteriore Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico; qualora la contrazione determini il movimento eccessivo degli arti, si consiglia di tenerli bloccati per impedire l'accorciamento dei muscoli e rendere la stimolazione confortevole e sicura. Muscolatura interessata: TIBIALE ANTERIORE canali (,x, cm) (entrambe le gambe) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. donna E consigliabile eseguire il trattamento su entrambe le gambe, contemporaneamente. POSIZIONE SEDUTA uomo 8 9

31 Lombari Lombari donna Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico. Per rendere la stimolazione confortevole e sicura, durante il trattamento la muscolatura non dovrà rimanere contratta a causa di una sconveniente del corpo. Muscolatura interessata: LOMBARI In questa applicazione vengono stimolati tutti i fasci della muscolatura lombare. POSIZIONE PRONA canali (,x, cm) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. uomo 0

32 Paravertebrali Paravertebrali donna Assumere la indicata in figura. I muscoli dovranno lavorare in modo isometrico. Per rendere la stimolazione confortevole e sicura, durante il trattamento la muscolatura non dovrà rimanere contratta a causa di una sconveniente del corpo. Muscolatura interessata: PARAVERTEBRALI In questa applicazione vengono stimolati tutti i fasci della muscolatura paravertebrale. POSIZIONE PRONA canali (,x, cm) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. uomo

33 TABELLE SPORT LA FREQUENZA DI ALLENAMENTO standard prevede l utilizzo dell elettrostimolazione per tre/quattro sedute settimanali, distribuite a giorni alterni per ogni gruppo muscolare. È anche possibile abbinare, nella stessa giornata, l elettrostimolazione con l allenamento nella disciplina praticata. In questo caso si parla di allenamento abbinato e si consiglia lo svolgimento di una seduta sola settimanale, in quanto i tempi di recupero, essendo il lavoro muscolare particolarmente intenso, tendono ad allungarsi. Tale metodica rappresenta un modello di allenamento avanzato e si potrà effettuare solo dopo aver fatto un periodo di sedute di elettrostimolazione, lontane dall allenamento specifico volontario. IL PROGRAMMA DI ALLENAMENTO prevede cicli di settimane di allenamento effettuati tramite elettrostimolazione, seguiti da settimane di solo allenamento della disciplina praticata in regime di contrazione volontaria. Nel caso sia consigliabile allenare differenti qualità come per esempio la Forza e la Potenza si può adottare il sistema dei cicli alternati, come per esempio: settimana Forza settimana Potenza settimana Forza settimana Potenza Si sconsiglia comunque l utilizzo prolungato dell elettrostimolazione sullo stesso gruppo muscolare. Sono sufficienti sedute di allenamento per avere buoni risultati e non si deve dimenticare che i muscoli necessitano anche di opportuni periodi di recupero per ottenerne il massimo lo sviluppo. Da un punto di vista generale il processo di allenamento sportivo si basa su alcuni principi generali che comunque devono sempre essere adattati al singolo caso. Per questo motivo si consiglia, quando possibile, di farsi coadiuvare nella conduzione della preparazione atletica da un allenatore o da un personal trainer competente in materia.

34 SPORT Durata del trattamento: settimane Calcio SPORT Durata del trattamento: settimane Basket ª settimana ª settimana o 9 0 SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P quadricipiti tricipiti deltoidi 9 SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P ª settimana ª settimana 9 0 SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P ª settimana: come la ª ma con programmi P ª settimana: come la ª ma con programmi P Se l allenamento è protratto oltre la ª settimana utilizzare i programmi: P (FORZA) per la ª settimana e programmi P (ENDURANCE) per la ª settimana peronei tricipiti deltoidi 0 SPORT > RES. FORZA P SPORT > RES. FORZA P SPORT > RES. FORZA P SPORT > RES. FORZA P SPORT > RES. FORZA P SPORT > RES. FORZA P ª settimana: come la ª ma con programmi P ª settimana: come la ª ma con programmi P Se l allenamento è protratto oltre la ª settimana utilizzare i programmi: P (POTENZA) per la ª settimana e programmi P (RES. FORZA) per la ª settimana

35 SPORT Durata del trattamento: settimane Volley SPORT Durata del trattamento: settimane Rugby peronei pettorali dorsali peronei pettorali dorsali ª settimana ª settimana 8 SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P ª settimana: come la ª ma con programmi P ª settimana: come la ª ma con programmi P addominali pettorali dorsali addominali pettorali dorsali ª settimana ª settimana SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > IPERTR. P SPORT > IPERTR P SPORT > IPERTR P SPORT > IPERTR P SPORT > IPERTR P SPORT > IPERTR P ª settimana: come la ª ma con programmi P ª settimana: come la ª ma con programmi P Se l allenamento è protratto oltre la ª settimana utilizzare i programmi: P (FORZA) per la ª settimana e programmi P (IPERTROFIA) per la ª settimana 9

36 SPORT Durata del trattamento: settimane Tennis SPORT Durata del trattamento: settimane Sci alpino ª settimana ª settimana pettorali dorsali addominali 9 8 SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P 0 0 ª settimana ª settimana pettorali dorsali addominali SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P ª settimana: come la ª ma con programmi P ª settimana: come la ª ma con programmi P 0 9 SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P ª settimana: come la ª ma con programmi P ª settimana: come la ª ma con programmi P Se l allenamento è protratto oltre la ª settimana utilizzare i programmi: P (FORZA) per la ª settimana e programmi P (POTENZA) per la ª settimana

37 SPORT Durata del trattamento: settimane Sci di fondo SPORT Durata del trattamento: settimane Ciclismo ª settimana ª settimana dorsali tricipiti SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P ª settimana ª settimana tricipiti dorsali 9 8 SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P ª settimana: come la ª ma con programmi P ª settimana: come la ª ma con programmi P SPORT > RES. FORZA P SPORT > RES. FORZA P 0 SPORT > RES. FORZA P 0 SPORT > RES. FORZA P 0 SPORT > RES. FORZA P SPORT > RES. FORZA P 0 ª settimana: come la ª ma con programmi P ª settimana: come la ª ma con programmi P

38 SPORT Durata del trattamento: settimane Podismo SPORT Durata del trattamento: settimane Boxe Judo Arti marziali ª settimana ª settimana 0 SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P addominali pettorali tricipiti 9 SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P ª settimana ª settimana 9 0 SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P SPORT > ENDURANCE P ª settimana: come la ª ma con programmi P ª settimana: come la ª ma con programmi P dorsali addominali pettorali tricipiti 8 0 SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P ª settimana: come la ª ma con programmi P ª settimana: come la ª ma con programmi P Se l allenamento è protratto oltre la ª settimana utilizzare i programmi: P (FORZA) per la ª settimana e programmi P (POTENZA) per la ª settimana

39 SPORT Durata del trattamento: settimane Golf SPORT Durata del trattamento: settimane Equitazione ª settimana ª settimana addominali lombari deltoidi flessore della mano 9 SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P bicipiti adduttori lombari addominali 8 9 SPORT > RES. FORZA P SPORT > RES. FORZA P SPORT > RES. FORZA P SPORT > RES. FORZA P SPORT > RES. FORZA P SPORT > RES. FORZA P ª settimana ª settimana quadricipiti femoral paravertebrali pettorali addominali deltoidi estensore della mano SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P SPORT > POTENZA P ª settimana: come la ª ma con programmi P ª settimana: come la ª ma con programmi P Se l allenamento è protratto oltre la ª settimana utilizzare i programmi: P (FORZA) per la ª settimana e programmi P (POTENZA) per la ª settimana bicipiti SPORT > RES. FORZA P SPORT > RES. FORZA P 0 SPORT > RES. FORZA P adduttori 8 SPORT > RES. FORZA P addominali SPORT > RES. FORZA P lombari SPORT > RES. FORZA P ª settimana: come la ª ma con programmi P ª settimana: come la ª ma con programmi P

40 SPORT Durata del trattamento: settimane Body Building ª settimana ª settimana bicipiti femorali abduttori adduttori peroneo tibiale anteriore 8 9 SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P SPORT > FORZA P addominali pettorali deltoidi bicipiti tricipiti dorsali trapezio lombari 8 0 SPORT > IPERTROFIA P SPORT > IPERTROFIA P SPORT > IPERTROFIA P SPORT > IPERTROFIA P SPORT > IPERTROFIA P SPORT > IPERTROFIA P SPORT > IPERTROFIA P SPORT > IPERTROFIA P ª settimana: come la ª ma con programmi P ª settimana: come la ª ma con programmi P Se l allenamento è protratto oltre la ª settimana utilizzare i programmi: P (FORZA) per la ª settimana e programmi P (IPERTROFIA) per la ª settimana 8 9

41 TABELLE BEAUTY L utilizzo regolare e corretto dei programmi Beauty è in grado di migliorare sensibilmente la tonicità dei tessuti ed aiuta a ridurre, associato ad un corretto regime alimentare, l accumulo di cellulite e il pannicolo adiposo localizzato. Di seguito presentiamo una strategia indicativa per l efficace utilizzo dei programmi disponibili in Xfromer EXE: settimana Drenaggio ( sedute settimanali) settimana Drenaggio ( sedute settimanali) settimana Lipolisi ( sedute settimanali) settimana Tonificazione e modellamento (/ sedute settimanali) settimana Tonificazione e modellamento (/ sedute settimanali) settimana Drenaggio ( sedute settinanali) Nel caso l obiettivo perseguito sia esclusivamente la tonificazione dei distretti muscolari, è possibile utilizzare esclusivamente i programmi di tonificazione abbinandoli a quelli sportivi, per una durata di settimane seguite da settimane di recupero ed allenamento effettuato in regime di contrazione volontaria. 8

42 BEAUTY Durata del trattamento: settimane Gambe e Rassodamento e sollevamento dei, tonificazione delle gambe, interno ed esterno cosce. BEAUTY Durata del trattamento: settimane Spalle e schiena Rafforzamento e definizione della muscolatura delle spalle e della schiena ª e ª settimana 9 bicipiti femorali adduttori 8 abduttori peroneo tibiale anteriore ª settimana: come le settimane precedenti ma con (LIPOLISI) trapezio deltoide dorsali paravertebrali trapezio lombari ª settimana bicipiti femorali adduttori 8 abduttori peroneo tibiale anteriore ª settimana: come la ª e la ª settimana ª e ª settimana BEAUTY > TONE+MOD > GLUTEI BEAUTY > TONE+MOD > GAMBE BEAUTY > TONE+MOD > COSCE BEAUTY > TONE+MOD > COSCE BEAUTY > TONE+MOD > COSCE BEAUTY > TONE+MOD > GAMBE BEAUTY > TONE+MOD > GAMBE BEAUTY > TONE+MOD > GAMBE trapezio deltoide dorsali paravertebrali trapezio lombari ª ª e ª settimana BEAUTY > TONE+MOD > BRACCIA / TRONCO BEAUTY > TONE+MOD > BRACCIA / TRONCO BEAUTY > TONE+MOD > BRACCIA / TRONCO BEAUTY > TONE+MOD > BRACCIA / TRONCO BEAUTY > TONE+MOD > BRACCIA / TRONCO BEAUTY > TONE+MOD > BRACCIA / TRONCO

43 BEAUTY Durata del trattamento: settimane Addome, girovita e Snellimento della pancia, riduzione del girovita. Rassodamento dei. BEAUTY Durata del trattamento: settimane Addome, braccia e seno Snellimento e tonificazione dell addome, rassodamento delle braccia, sollevamento del seno. ª e ª settimana ª settimana addominali addominali addominali addominali bicipiti gran pettorali tricipiti adddominali gran pettorali ª settimana: come le settimane precedenti ma con (LIPOLISI) ª ª e ª settimana ª ª e ª settimana addominali addominali addominali BEAUTY > TONE+MOD > ADDOME BEAUTY > TONE+MOD > GLUTEI BEAUTY > TONE+MOD > ADDOME BEAUTY > TONE+MOD > GLUTEI BEAUTY > TONE+MOD > ADDOME BEAUTY > TONE+MOD > GLUTEI addominali bicipiti gran pettorali tricipiti adddominali gran pettorali BEAUTY > TONE+MOD > ADDOME BEAUTY > TONE+MOD > BRACCIA/TRONCO BEAUTY > TONE+MOD > SENO BEAUTY > TONE+MOD > BRACCIA/TRONCO BEAUTY > TONE+MOD > ADDOME BEAUTY > TONE+MOD > SENO 0 ª settimana: come la ª e la ª settimana 8 8

44 TABELLE ANTALGICO Ognuno dei tre programmi presenti nella sezione Antalgico di Xformer/EXE agisce secondo un principio biologico ben definito, ma sempre con l obiettivo di provocare un sollievo dal dolore pressoché immediato. Le tabelle che seguono propongono una serie di applicazioni in grado di portare beneficio nei casi più comuni di percezione del dolore. Ricordiamo che l utente stesso, dopo alcune applicazioni, potrà rendersi conto di quanta intensità di corrente dovrà applicare gli per mantenere sulla pelle un livello costante di formicolio, senza mai arrivare a provocare la contrazione delle fibre muscolari sottostanti; in questo caso infatti si applicherebbe un altro tipo di trattamento, senza ottenere l effetto antalgico desiderato. 8 8

45 ANTALGICO Cervicalgia (applicazione medica) ANTALGICO Lombalgia (applicazione medica) In tutti i casi di dolore alla regione della nuca e alla parte alta della schiena dovuto a contratture muscolari. Una tensione muscolare prolungata determina compressione dei vasi sanguigni e riduce l ossigenazione e l irrorazione delle fibre muscolari. Il perdurare di tale situazione, tipica quando si assumono posizioni del corpo non corrette come alla guida di un auto o al lavoro sedentario al computer, può comportare accumulo di acido e atrofia dei vasi sanguigni. Il medico saprà consigliare un corretto utilizzo dei trattamenti. Nei casi di dolore alla regione lombare dovuto a contratture muscolari croniche per debolezza della muscolatura vertebrale e non ad altre patologie come ad esempio problemi all intestino, ginecologici o ai reni. Il medico saprà consigliare un corretto utilizzo dei trattamenti. Programmi Durata del trattamento Tempo (ogni applicazione) Intensità Protocollo di trattamento ANTALGICO > DECO; ANTALGICO > TENS settimane 0 minuti Regolare l intensità sino ad avvertire un intenso formicolio ª settimana: applicazioni al ( con DECO, con TENS) settimane successive: seduta al con DECO. Se il dolore persiste consultare il medico. Le applicazioni contro il dolore prolungate nel tempo dovranno essere consigliate da un medico. 88 canali (,x, cm) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. Assumere una comoda come indicato in figura. Durante il trattamento la muscolatura dovrà essere rilassata e non contratta per una scorretta del corpo. Assumere una comoda come indicato in figura. Durante il trattamento la muscolatura dovrà essere rilassata e non contratta per una scorretta del corpo. Programma ANTALGICO > TENS ; ANTALGICO > ENDORFINE Durata del trattamento settimane Tempo (ogni applicazione) 0 Intensità Regolare l intensità sino ad avvertire un intenso formicolio Protocollo di trattamento applicazioni al per giorni (alternando TENS a ENDORFINE) settimina: applicazione al ENDORFINE Le applicazioni contro il dolore prolungate nel tempo dovranno essere consigliate da un medico. Se non si ottiene remissione o forte attenuazione del dolore consultare il medico. 89 canali (,x, cm) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli.

46 ANTALGICO Pesantezza alle gambe (applicazione medica) ANTALGICO Stiramento (applicazione medica) In tutti i casi di sensazione di pesantezza alle gambe, quando non sussistano problemi di insufficienza venosa o di stasi circolatoria, di varici o edemi. Una tensione muscolare prolungata determina compressione dei vasi sanguigni e riduce l ossigenazione e l irrorazione delle fibre muscolari. Il perdurare di tale situazione, tipica quando si rimane in eretta per lungo tempo, può indurre sensazione di forte pesantezza alle gambe. Applicazioni di elettrostimolazione possono migliorare sensibilmente tale quadro. Nei casi di stiramenti o strappi muscolari, cioè lesioni traumatiche dovute a bruschi e violenti movimenti, magari eseguiti con il muscolo freddo. Se colpito da uno stiramento, il muscolo si presenterà contratto e rigido e ogni movimento sarà doloroso. Applicazioni di elettrostimolazione, accompagnate da muscolare daranno ottimi risultati nella riduzione del dolore. Il medico saprà consigliare un corretto utilizzo dei trattamenti. Il posizionaamento degli andrà effettuato in prossimità della zona muscolare dolorante. Si utilizzino allo scopo le tavole di posizionamento dalla N alla N di questo manuale. Programmi Intensità Protocollo di trattamento ANTALGICO > DECO ; SPORT>RECUPERO ATTIVO Regolare l intensità sino ad avvertire un intenso formicolio ª settimana: applicazioni al alternando DECO con RECUPERO ATTIVO successivamente: ridurre la frequenza dei trattamenti adattandola secondo necessità. Mantenimento: applicazioni a settimana con RECUPERO ATTIVO. Se il dolore persiste consultare il medico. Le applicazioni contro il dolore prolungate nel tempo dovranno essere consigliate da un medico. 90 canali 8 (,x, cm) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. Assumere una comoda come indicato in figura. Durante il trattamento la muscolatura dovrà essere rilassata e non contratta per una scorretta del corpo. canale (x9 cm) Assumere una comoda come indicato sulle tavole Rispettare sempre la polarità di posizionamento. indicata (nera e grigio) Durante il trattamento la muscolatura dovrà essere rilassata e la dimensione degli. e non contratta per una scorretta del corpo. Programma ANTALGICO > TENS; ANTALGICO > DECO Durata del trattamento settimane Tempo (ogni applicazione) 0 Intensità Regolare l intensità sino ad avvertire un intenso formicolio Protocollo di trattamento Per i primi giorni: sedute al con TENS. Dal al 0 : seduta al alternando TENS a DECO Dal 0 seduta al con DECO. Le applicazioni contro il dolore prolungate nel tempo dovranno essere consigliate da un medico. Se non si ottiene remissione o forte attenuazione del dolore consultare il medico. 9

47 ANTALGICO Dolore articolare cronico (applicazione medica) In tutti i casi di artralgie, cioè dolore cronico alle articolazioni dovuto ad infiammazioni o deterioramento per età, per compressioni, ecc. Le applicazioni Tens riguardano una remissione momentanea del dolore, ma non possono intervenire sulle cause che lo hanno generato. Il medico saprà consigliare un corretto utilizzo dei trattamenti. Articolazione del ginocchio Articolazione della spalla Articolazione dell anca Programma Durata del trattamento Tempo (ogni applicazione) Intensità Protocollo di trattamento ANTALGICO > TENS settimane 0 minuti Regolare l intensità sino ad avvertire un intenso formicolio ª settimana: applicazioni al. Settimane successive: ridurre la frequenza dei trattamenti adattandola alle manifestazioni dolorose. canali (x9 cm) canali (x9 cm) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. canali (,x, cm) Se il dolore persiste consultare il medico. Le applicazioni contro il dolore prolungate nel tempo dovranno essere consigliate da un medico. Assumere una comoda come indicato in figura. Durante il trattamento la muscolatura dovrà essere rilassata e non contratta per una scorretta del corpo. 9 9

48 TABELLE REHAB Nell utilizzo dell elettrostimolazione a scopo riabilitativo è importante scegliere i programmi tenendo conto della reale condizione del muscolo da trattare, così come del risultato che si vuole ottenere. Gli esempi riportati nelle tabelle seguenti intervengono principalmente sulla stimolazione delle fibre di primo tipo o fibre rosse, deputate al mantenimento della postura e a lavori ripetuti e di resistenza. Sono queste infatti le fibre che per prime vengono interessate dal fenomeno di atrofia muscolare, causata da un periodo più o meno lungo di immobilità. Si consiglia vivamente di consultare un medico specialista o un fisioterapista prima di effettuare l allenamento riabilitativo in regime di elettrostimolazione. 9

49 REHAB Post trauma Nel periodo immediatamente successivo ad un trauma, le correnti specifiche dei programmi di riabilitazione consentono al muscolo di mantenere caratteristiche minime di tono e funzionalità, che tenderebbero a ridursi a causa di una temporanea sospensione della normale attività. L elettrostimolazione si rivela una pratica di provata utilità per il recupero funzionale e per migliorare i risultati ottenuti con le terapie di riabilitazione tradizionali. I casi riabilitativi più frequenti sono: Trattamento delle distorsioni della caviglia Distorsione o rottura del legamento crociato ant. del ginocchio Trattamento della condropatia rotulea Trattamento successivo ad intervento al menisco Di seguito alcuni esempi di posizionamento: Articolazione della caviglia Articolazione del ginocchio Articolazione del gomito Si consiglia vivamente di consultare un medico specialista o un fisioterapista prima di effettuare l allenamento riabilitativo in regime di elettrostimolazione. Gli stessi consulenti sapranno indicare, in funzione del problema specifico, il più corretto posizionamento degli sulle zone interessate. Programmi Durata del trattamento Tempo (ogni applicazione) Intensità Protocollo di trattamento REHAB > POSTTRAUMA settimane 0 minuti Regolare l intensità sino ad ottenere una contrazione muscolare profonda senza però raggiungere la soglia del dolore. ª settimana: applicazioni al settimana: applicazione al. Settimane successive: è consigliabile applicare programmi di Rafforzamento muscolare: vedi scheda specifica. I programmi saranno selezionati, a seconda della zona trattata, per parte alta del corpo e parte bassa del corpo canale (,x, cm) canali (x9 cm) Rispettare sempre la polarità indicata (nera e grigio) e la dimensione degli. canali (,x, cm) Durante il trattamento assumere una comoda ; la muscolatura dovrà essere rilassata e non contratta per una scorretta del corpo. 9 9

50 REHAB Rafforzamento muscolare In tutti i casi in cui sia necessario stimolare singoli muscoli o più ampie zone debilitate in seguito a trauma, intervento chirurgico o a lunghi periodi di immobilità. L elettrostimolazione si rivela una pratica non solo consigliabile ma di provata utilità per il recupero funzionale e per migliorare i risultati ottenuti con le terapie di riabilitazione tradizionali. Il posizionamento degli sulle zone interessate dovrà essere effettuato seguendo le indicazioni delle tavole di posizionamento dalla N alla N. Assumere una comoda come indicato nelle tavole di posizionamento. Durante il trattamento la muscolatura dovrà essere rilassata e non contratta per una scorretta del corpo. I programmi saranno selezionati, a seconda della zona trattata, per parte alta del corpo e parte bassa del corpo Programmi REHAB > IPOTROFIA; REHAB>RAFFORZAMENTO Durata del trattamento settimane Tempo (ogni applicazione) 0 minuti Intensità Regolare l intensità sino ad ottenere una contrazione muscolare profonda senza mai raggiungere la soglia del dolore. Protocollo di trattamento ª settimana: I primi giorni applicazioni al con il IPOTROFIA Prog., successivi giorni: applicazioni al con il IPOTROFIA Prog. nelle settimane successive: applicazione al con il RAFFORZAMENTO Prog. Mantenimento: applicazioni a settimana con RAFFORZAMENTO Prog. Si consiglia vivamente di consultare un medico specialista o un fisioterapista prima di effettuare l allenamento riabilitativo in regime di elettrostimolazione

51 Questo manuale è soggetto a copyright da parte di Vupiesse Italia la quale se ne riserva i diritti. Secondo le leggi vigenti di copyright questo manuale non può essere copiato nemmeno in parte o tradotto in qualsiasi lingua senza il consenso scritto da parte di Vupiesse Italia. Xformer è un marchio registrato da Vupiesse Italia srl. L uso per scopi commerciali del suddetto marchio senza precedente consenso scritto di Vupiesse Italia può costituire violazione di marchio e una concorrenza sleale in violazione delle leggi vigenti. La Ditta si riserva di apportare, senza alcun preavviso, le modifiche che riterrà più opportune al fine di migliorare il prodotto. Progetto grafico: into.it

Le caratteristiche tecniche sono assolutamente interessanti e ne fanno un prodotto con un eccellente rapporto prezzo/prestazioni.

Le caratteristiche tecniche sono assolutamente interessanti e ne fanno un prodotto con un eccellente rapporto prezzo/prestazioni. Scheda Prodotto ELITE Codice: Produttore: GLB-G0862 GLOBUS Prezzo: 269,00 IVA COMPRESA Elettrostimolatore: GLOBUS ELITE Qualita' a portata di mano. Elettrostimolatore portatile consigliato per utenti particolarmente

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata Il trattamento delle sindromi rotulee non può essere lo stesso in ogni paziente. Sarà il medico curante a prescrivere, in base alla patologia quale dei seguenti esercizi dovrà essere praticato. E' importante

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico LO STRETCHING Chi corre deve avere una buona flessibilità per esprimere al meglio il proprio potenziale e per non incorrere in continui ed invalidanti infortuni. La flessibilità è l insieme della mobilità

Dettagli

Il sistema muscolare

Il sistema muscolare 1 Leggere Leggi questo testo. I muscoli 1 I muscoli, a seconda del tipo di movimento, si chiamano: 5 10 flessori o adduttori, se permettono l avvicinamento di due ossa (in particolare, il muscolo flessore

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE COME AGISCE IL CRO SYSTEM? Ottimizza la performance muscolare potenziando marcatamente la sensibilità propriocettiva, ovvero la raccolta di informazioni da muscoli, articolazioni ed ossa, su cui si basa

Dettagli

MANUALE APPLICATIVO NEUROVASCOLARE

MANUALE APPLICATIVO NEUROVASCOLARE MANUALE APPLICATIVO NEUROVASCOLARE Vers. Tratt. Database: 230 Copyright Copyright 01/01/2012 Lorenz Lifetech s.r.l. ... 2 Guida introduttiva... 3 Protocolli applicativi... 4 Criteri di esclusione... 5

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

MASSAGGIO MIOFASCIALE

MASSAGGIO MIOFASCIALE MASSAGGIO MIOFASCIALE Tale massaggio viene utilizzato sia a scopo preventivo, che per il trattamento delle rigidità e delle contratture della muscolatura. Questa tecnica agisce sulla fascia (tessuto connettivale

Dettagli

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili Gli atleti che praticano sport in carrozzina sono ormai destinati a raggiungere carichi di allenamento

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini Saverio Ottolini L allenamento posturale per il biker www.mtbpassione.com L allenamento posturale per il biker Per chi si allena e gareggia in Mountain

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

Manuale di impiego elettroterapie MICROTHERAPEUTICS mod. ELECTRON 6-8-12,

Manuale di impiego elettroterapie MICROTHERAPEUTICS mod. ELECTRON 6-8-12, Manuale di impiego elettroterapie MICROTHERAPEUTICS mod. ELECTRON 6-8-12, ALADIN PC e APEX 4 Ver 1.07d del 27-08-2005 Nell impiego delle nostre apparecchiature per elettroterapia, è necessario introdurre

Dettagli

IN CORPORE SANO. CARLO DOLZAN Soggetto uomo 25enne con carenza nelle gambe: come proporre una scheda di specializzazione.

IN CORPORE SANO. CARLO DOLZAN Soggetto uomo 25enne con carenza nelle gambe: come proporre una scheda di specializzazione. IN CORPORE SANO FACE TO FACE: BATTLE REVIEWS Bologna 21 febbraio 2015 CARLO DOLZAN Soggetto uomo 25enne con carenza nelle gambe: come proporre una scheda di specializzazione. Premesse La carenza di sviluppo

Dettagli

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA Il benessere della colonna vertebrale dipende strettamente dalla tonicità dei muscoli della schiena. Se i muscoli sono forti ed elastici grazie allo svolgimento regolare dell attività fisica, la colonna

Dettagli

CORSO DI ELETTROSTIMOLAZIONE

CORSO DI ELETTROSTIMOLAZIONE CORSO DI ELETTROSTIMOLAZIONE CAP.1 - ELEMENTI DI ELETTROSTIMOLAZIONE CAMPI DI UTILIZZO L elettrostimolazione è una metodica particolare utilizzata per diversi obiettivi: 1. in campo medico - per la terapia

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING

L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING L'ALLENAMENTO, IL RISCALDAMENTO, LO STRETCHING 1 - ALLENAMENTO FISICO O TRAINING L ALLENAMENTO consente di raggiungere e mantenere l organismo e/o le varie prestazioni a ben definiti livelli ottimali di

Dettagli

Guida pratica Combinata Elettrostimolatore + cardiofitness (ciclocamera e tapis roulant)

Guida pratica Combinata Elettrostimolatore + cardiofitness (ciclocamera e tapis roulant) Guida pratica Combinata Elettrostimolatore + cardiofitness (ciclocamera e tapis roulant) Guida pratica combinata rev00 Pagina 1 di 17 Premessa Questa guida pratica è solamente indicativa e non sostituisce

Dettagli

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Specifico per il tiro con la pistola ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

www.vogliadisalute.it 13/11/2008 Schiena al sicuro sulle piste da sci

www.vogliadisalute.it 13/11/2008 Schiena al sicuro sulle piste da sci www.vogliadisalute.it 13/11/2008 Schiena al sicuro sulle piste da sci I consigli degli esperti per prevenire problemi di lombalgia: dalla scelta degli scarponi agli esercizi fisici preparatori, all attenzione

Dettagli

LA PERLA. Difficoltà: livello 1 FIG. 1

LA PERLA. Difficoltà: livello 1 FIG. 1 Difficoltà: livello 1 LA PERLA FIG. 1 Descrizione Scopo e benefici La perla è uno degli esercizi invisibili più facili, perché non richiede una percezione delle diverse parti della muscolatura pelvica.

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

I TRAUMI MUSCOLARI LE CONTUSIONI Contusioni più o meno gravi, almeno una volta nella vita, le abbiamo subite più o meno tutti. Esse, in parole povere, rappresentano il risultato di un evento traumatico

Dettagli

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi.

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi. Dr.Italo Paolini, Medico di medicina generale, Z.T.13 AP, ASUR Marche, Via Salaria 15-63043 Arquata del tronto (AP) Tel.0736809408E-mail: italopaolini@gmail.com TERAPIA DEL DOLORE Ti propongo una serie

Dettagli

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore SISTEMA MUSCOLARE INDICE Muscolo striato Muscolo liscio Muscolo cardiaco Come si contrae un muscolo I muscoli scheletrici lavorano in coppia I muscoli del capo e del collo I muscoli del tronco I muscoli

Dettagli

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014 Codroipo, lì 15 settembre 2014 Prot. 4714LM La Prevenzione del Rischio da Movimentazione Manuale dei Carichi MMC Introduzione Newsletter 08/2014 ECONSULTING del dott. Luciano Martinelli Via Roma, 15 int.

Dettagli

Regole fondamentali e posture

Regole fondamentali e posture Regole fondamentali e posture Propongo adesso sotto forma schematica una serie di input basilari, da tenere sempre presenti ogni volta che mi accingo a proporre uno stiramento: - I nostri muscoli sono

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

STRETCHING PER GLI ARTI

STRETCHING PER GLI ARTI STRETCHING PER GLI ARTI INFERIORI E SUPERIORI... 1] Stretching attivo del polpaccio (gastrocnemio) In piedi rivolti verso il muro Mantenere ben dritta la gamba posteriore Mantenere il tallone a terra Mantenere

Dettagli

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi?

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi? I CRAMPI NEL RUNNER Ai bicipiti femorali o ai polpacci, i crampi, contrazioni muscolari involontarie, sono sempre molto fastidiosi e a volte dolorosi. La decisione di trattare questo argomento è nata dalle

Dettagli

PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA

PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA Indicazioni Generali Gli esercizi Consigli utili Indicazioni generali Questo capitolo vuole essere un mezzo attraverso il quale si posso avere le giuste informazioni

Dettagli

Terapia del Dolore, Elettrostimolazione, Ionoforesi

Terapia del Dolore, Elettrostimolazione, Ionoforesi Terapia del Dolore, Elettrostimolazione, Ionoforesi EFFETTI BIOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA Gli effetti biologici principali delle correnti elettriche a scopo terapeutico sono i seguenti: Chimici (fisico-chimici)

Dettagli

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI A cura di Vds Davide Bolognin Istruttore di Pronto Soccorso e Trasporto Infermi CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) TRAUMI AGLI ARTI LESIONI SCHELETRO-MUSCOLARI

Dettagli

LE APPLICAZIONI DI PAINMASTER

LE APPLICAZIONI DI PAINMASTER LE APPLICAZIONI DI PAINMASTER Il cerotto Painmaster MCT si presta a numerosi utilizzi in diversi distretti del corpo, garantendo risultati ottimali e in piena sicurezza. Sfrutta la terapia alle micro correnti,

Dettagli

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA International Pbi S.p.A. Milano Copyright Pbi SETTEMBRE 1996 15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA Introduzione I muscoli e le articolazioni che danno sostegno alla nostra schiena spesso mancano

Dettagli

M A N U A L E D ' U S O I U S E R G U I D E GB

M A N U A L E D ' U S O I U S E R G U I D E GB MANUALE D'USO I U S E R G U I D E GB ATTENZIONE Leggere attentamente le istruzioni del presente manuale prima di utilizzare l apparecchio; esso contiene importanti indicazioni per la sicurezza, l uso,

Dettagli

Le lesioni muscolari

Le lesioni muscolari Le lesioni muscolari Cenni di anatomia e fisiologia Una classificazione è utile solo se fornisce informazioni sulla natura della lesione, sul suo trattamento e sulla sua prognosi M. E. Muller TIPI DI MUSCOLI

Dettagli

Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone. Introduzione

Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone. Introduzione Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone Introduzione Spessissimo si parla o si leggono articoli su metodologie di allenamento e, in generale, si tratta di argomenti relativi al miglioramento delle prestazioni

Dettagli

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer Più tonica e soda Hai sempre guardato con sospetto i classici pesini, pensando che non facessero per te? Dai un occhiata a queste foto e scoprirai tanti esercizi semplici in grado di scolpirti dalla testa

Dettagli

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Reggio Emilia LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Relatore Prof. Nicola Piccinini www.volleyballproject.it La

Dettagli

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO Testo e disegni di Stelvio Beraldo - IL RUOLO E LA PROGRAMMAZIONE DELLA FORZA NEL CANOTTAGGIO - FORZA MASSIMA: Parametri di lavoro,

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

RIABILITAZIONE CAVIGLIA DOPO DISTORSIONE

RIABILITAZIONE CAVIGLIA DOPO DISTORSIONE RIABILITAZIONE CAVIGLIA DOPO DISTORSIONE Per una corretta riabilitazione della caviglia, è molto importante conoscere il grado di distorsione da parte dell ortopedico sapendo che esiste un grado I, II

Dettagli

PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO.

PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO. PROTOCOLLO DI RIABILITAZIONE DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE CON TENDINE ROTULEO. FASE PREOPERATORIA conoscenza del lavoro conoscenza dell'ambiente adattamento strutturale alle nuove

Dettagli

Il corpo, per quello che riguarda il nostro argomento, è formato fondamentalmente dalle seguenti strutture:

Il corpo, per quello che riguarda il nostro argomento, è formato fondamentalmente dalle seguenti strutture: Premessa Andare sugli sci è un po come andare in bicicletta: non si dimentica mai. Lo sci è uno sport tecnico, quindi anche un soggetto non preparato dal punto di vista fisico, ma che possiede una buona

Dettagli

PREVENIRE LA PATOLOGIA DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA Testo e disegni di Stelvio Beraldo

PREVENIRE LA PATOLOGIA DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA Testo e disegni di Stelvio Beraldo PREVENIRE LA PATOLOGIA DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA Testo e disegni di Stelvio Beraldo L'articolazione scapolo-omerale si caratterizza per la capacità di permettere in maniera molto ampia i movimenti

Dettagli

SPECIFICHE dello SPORT di INTERESSE (Triathlon): N ALLENAMENTI SETTIMANALI: 5(Lunedì, martedì, mercoledì,giovedì,sabato)

SPECIFICHE dello SPORT di INTERESSE (Triathlon): N ALLENAMENTI SETTIMANALI: 5(Lunedì, martedì, mercoledì,giovedì,sabato) ATLETA: SPORT di INTERESSE: Paolo Rossi Triathlon Riccardo Monzoni Dottore in Scienze Motorie rm1989@hotmail.it 3406479850 DATI SOCIO richiedente: NOME: Paolo COGNOME: Rossi ETA : 34 PESO (Kg): 78 ALTEZZA

Dettagli

CHE TRATTAMENTO POSSIAMO FARE:

CHE TRATTAMENTO POSSIAMO FARE: CHE TRATTAMENTO POSSIAMO FARE: L energia permanente del campo magnetico statico di RIGENERA incide positivamente nella cura di : Osteoporosi Artrosi Strappi muscolari Tendiniti Mal di schiena Migliora

Dettagli

ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO

ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO Testo e disegni di Stelvio Beraldo ESERCIZI PER IL DORSO TRAZIONI DELLE BRACCIA ALLA SBARRA BASSA (a carico naturale o con cintura zavorrata) - Esegui col corpo sempre

Dettagli

SINTOMI PRINCIPALE:DOLORE AI MOVIMENTI DELLA SPALLA

SINTOMI PRINCIPALE:DOLORE AI MOVIMENTI DELLA SPALLA 1- NELLA SPALLA I TENDINI DELLA CUFFIA DEI ROTATORI TRANSITANO FRA DUE ZONE OSSEE PRIMA DI INSERIRSI SULL OMERO 2- FREQUENTI MOVIMENTI DEL BRACCIO PROVOCANO RIPETUTE COMPRESSIONI SUI TENDINI PROVOCANDONE

Dettagli

IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta

IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta IL VALORE DELLA GINNASTICA DOLCE E RIABILITATIVA LIFETRAIL Una palestra all aria aperta LIFETRAIL è un innovativo sistema concepito per la ginnastica dolce e riabilitativa della terza e quarta età. Si

Dettagli

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita Curare il mal di schiena Nicola Magnavita Lombalgia acuta Vivo dolore alla schiena, che insorge all improvviso dopo un movimento particolare o uno sforzo ( colpo della strega ) Colpisce il 10-15% della

Dettagli

Dott. Massimo Franceschini. Piazza Cardinal Ferrari, 1 Via Amedeo d Aosta, 5 20122 Milano 20129 Milano tel. 02.58296680 massimo.franceschini@gpini.

Dott. Massimo Franceschini. Piazza Cardinal Ferrari, 1 Via Amedeo d Aosta, 5 20122 Milano 20129 Milano tel. 02.58296680 massimo.franceschini@gpini. Dott. Massimo Franceschini MEDICO CHIRURGO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO CLINICA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA - VI DIVISIONE ISTITUTO ORTOPEDICO G. PINI - MILANO

Dettagli

LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI. www.slidetube.it

LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI. www.slidetube.it LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI LA VENA GRANDE SAFENA LA VENA PICCOLA SAFENA LE VENE SUPERFICIALI, PERFORANTI E PROFONDE HANNO VALVOLE; SE LE VALVOLE NON SONO

Dettagli

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio.

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Il portiere di calcio oltre a dover possedere ottime qualità tecniche, deve avere delle componenti fisiche molto importanti, in grado di

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

La programmazione dell allenamento

La programmazione dell allenamento TESTATINA CAPITOLO 35 La programmazione dell allenamento Come pianificare un allenamento completo di 5 mesi. Schede specifiche per gruppi muscolari e attività sportive. Siamo all ultima parte della sezione

Dettagli

PEDANA VIBRANTE PRO EVOLVE

PEDANA VIBRANTE PRO EVOLVE PEDANA VIBRANTE PRO EVOLVE WHOLE BODY VIBRATION CHE COS È LA PEDANA VIBRANTE PRO EVOLVE BY DKN Cos è di fatto la WBV? Pro Evolve è un dispositivo per il fitness e il benessere che consente di ottenere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI dott. Alessandro Ganzini Principi generali dell allenamento Specificità Es. Gli schemi di movimento devono essere simili allo sport

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

PROPONIMENTO CHE DETERMINA IL PERCORSO DEL TRATTAMENTO

PROPONIMENTO CHE DETERMINA IL PERCORSO DEL TRATTAMENTO PROPONIMENTO CHE DETERMINA IL PERCORSO DEL TRATTAMENTO A RIPOLARIZZARE LA STRUTTURA MUSCOLARE (RILASCIO GLOBALE FIBRE MUSCOLARI) B RIMODELLARE LA POSTURA SCHELETRICA C ALLEVIARE PROBLEMI ALLA SCHIENA O

Dettagli

Scrivanie regolabili in altezza

Scrivanie regolabili in altezza Scrivanie regolabili in altezza - aggiungi benessere, attività fisica e comfort alla tua giornata lavorativa LINEAR ACTUATOR TECHNOLOGY Negli ambienti di lavoro moderni l ufficio è diventato molto più

Dettagli

DURATA: 30 torsioni in totale.

DURATA: 30 torsioni in totale. Il warm up è la fase di riscaldamento generale a secco indispensabile prima di entrare in acqua. La funzione è quella di preparare il corpo allo sforzo, prevenire gli infortuni e migliorare la performance

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Come già accennato in precedenza per avere un buon rendimento a livello di prestazione atletica e di comodità in sella è necessario assumere

Dettagli

Dott. Massimo Franceschini. Piazza Cardinal Ferrari, 1 Via Amedeo d Aosta, 5 20122 Milano 20129 Milano tel. 02.58296680 massimo.franceschini@gpini.

Dott. Massimo Franceschini. Piazza Cardinal Ferrari, 1 Via Amedeo d Aosta, 5 20122 Milano 20129 Milano tel. 02.58296680 massimo.franceschini@gpini. Dott. Massimo Franceschini MEDICO CHIRURGO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO CLINICA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA - VI DIVISIONE ISTITUTO ORTOPEDICO G. PINI - MILANO

Dettagli

Human Tecar Physio TT. Si apre una nuova fisioterapia per il benessere e il recupero della forma

Human Tecar Physio TT. Si apre una nuova fisioterapia per il benessere e il recupero della forma Istituto di Medicina Human Tecar è partner tecnico di e Scienza dello Sport Human Tecar Physio TT. Si apre una nuova fisioterapia per il benessere e il recupero della forma Tecnologia innovativa per il

Dettagli

vivere serenamente la preparazione ad accogliere il nostro bambino cercando di coccolarci e di coccolare la creatura che cresce dentro di noi.

vivere serenamente la preparazione ad accogliere il nostro bambino cercando di coccolarci e di coccolare la creatura che cresce dentro di noi. Gravidanza: maneggiare con cura Molte amiche e colleghe abituate a fare attività fisica e con un idea piuttosto abituale della loro forma fisica, mi chiedono come io abbia affrontato le mie gravidanze

Dettagli

Synergistic Healthcare Methodology

Synergistic Healthcare Methodology . Synergistic Healthcare Methodology Human Tecar Synergy Mat Nasce dalla necessità di completare e migliorare i risultati terapeutici nella riabilitazione in genere.. La metodologia SHM si arricchisce

Dettagli

Alivello del collo i muscoli sono localizzati in due regioni triangolari

Alivello del collo i muscoli sono localizzati in due regioni triangolari ICOLLO COLLO Alivello del collo i muscoli sono localizzati in due regioni triangolari denominate triangolo anteriore e posteriore. Il triangolo anteriore è delimitato dalla mandibola, dallo sterno e dal

Dettagli

LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it

LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it Stretching (da to stretch, allungare) è il nome dato a una serie di tecniche e metodologie, il

Dettagli

Corso avanzato di massaggio antistress

Corso avanzato di massaggio antistress Corso avanzato di massaggio antistress Massaggio parte anteriore del corpo, delle mani e del viso 21 novembre 2009 www.cmosteopatica.it Massaggio parte anteriore, Pagina 1 Massaggio parte anteriore Il

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

endodermal la soluzione che cercavi.

endodermal la soluzione che cercavi. endodermal la soluzione che cercavi. Scopri tutte le novità Esclusiva endodermal la soluzione che cercavi di serie Vacum Radiofrequenza Ultrasuoni Elettroporazione Musicoterapia (Relax) in aggiunta Multipla

Dettagli

ESERCIZI PER I GLUTEI

ESERCIZI PER I GLUTEI ESERCIZI PER I GLUTEI BREVE ANATOMIA DEI GLUTEI La regione glutea è rappresentata dal grande gluteo, dal medio gluteo e dal piccolo gluteo, con funzione di abdurre il femore. Il grande gluteo, assieme

Dettagli

Associazione Italiana Arbitri Settore Tecnico: Modulo per la Preparazione Atletica

Associazione Italiana Arbitri Settore Tecnico: Modulo per la Preparazione Atletica Associazione Italiana Arbitri Settore Tecnico: Modulo per la Preparazione Atletica ARBITROCLUB SEZIONE A.I.A. AREZZO Linee Guida Programma di allenamento auto-diretto Caro Associato, di seguito troverai

Dettagli

PROTOCOLLO Rebalancing Chakra System PERCORSO TRATTAMENTO CLIENTI

PROTOCOLLO Rebalancing Chakra System PERCORSO TRATTAMENTO CLIENTI PROTOCOLLO Rebalancing Chakra System PERCORSO TRATTAMENTO CLIENTI Primo incontro: Indagine conoscitiva su condizioni psicofisiche cliente. Compilazione scheda personale ed esecuzione Chakra Test. Massaggio

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

esercizi per vivere meglio con la spondilite

esercizi per vivere meglio con la spondilite esercizi per vivere meglio con la spondilite e s e r c i z i per vivere meglio con la spondilite CONSIGLI GENERALI Gli esercizi di ginnastica che vi presentiamo in questo opuscolo hanno lo scopo di aiutarvi

Dettagli

DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE

DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE Con il termine fascite s intende l infiammazione di una fascia anatomica, nel caso specifico della fascite plantare si fa riferimento ad un processo infiammatorio

Dettagli

ROSARIO BELLIA E FRANCISCO SELVA SARZO INDICE. Presentazione...15

ROSARIO BELLIA E FRANCISCO SELVA SARZO INDICE. Presentazione...15 ROSARIO BELLIA E FRANCISCO SELVA SARZO INDICE Presentazione...15 1. Introduzione 1.1 Un po di storia...17 1.2 Linee di forza del corpo umano...18 1.3 I poligoni di forze...19 2. L'azione dei punti di agopuntura

Dettagli

FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - WALKING E FITWALKING - 10000 passi al giorno e risposta dell'apparato cardiocircolatorio e respiratorio - 10000 passi al giorno

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile.

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile. ESERCIZI PER LA SCHIENA La maggior parte delle persone che viene nel nostro centro soffre di dolori alla schiena. Vi consigliamo di leggere attentamente questo opuscolo e di attenervi il più possibile

Dettagli

Human Tecar Physio TT. Si apre una nuova fisioterapia per il benessere e il recupero della forma

Human Tecar Physio TT. Si apre una nuova fisioterapia per il benessere e il recupero della forma Istituto di Medicina Human Tecar è partner tecnico di e Scienza dello Sport Human Tecar Physio TT. Si apre una nuova fisioterapia per il benessere e il recupero della forma Tecnologia innovativa per il

Dettagli

BUM AND THIGH TONER INTRODUZIONE PRECAUZIONI ITALIANO

BUM AND THIGH TONER INTRODUZIONE PRECAUZIONI ITALIANO INTRODUZIONE Il tonificatore di glutei e cosce offre 3 programmi di tonificazione con 25 livelli d intensità per rassodare, sollevare e tonificare i glutei e la zona delle cosce in pochi minuti, ogni giorno.

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

BENVENUTO NEL MONDO TUA

BENVENUTO NEL MONDO TUA ATTENZIONE Leggere attentamente le istruzioni, del presente manuale prima di utilizzare l apparecchio; esso contiene importanti indicazioni per la sicurezza, l uso, la manutenzione, le controindicazioni.

Dettagli

Medicina Estetica Autovalutazione Cellulite. Medicina Estetica. esempi di terapia. 1)Autovalutazione - Cellulite 2) esempi di terapia

Medicina Estetica Autovalutazione Cellulite. Medicina Estetica. esempi di terapia. 1)Autovalutazione - Cellulite 2) esempi di terapia Medicina Estetica Autovalutazione Cellulite esempi di terapia Medicina Estetica 1)Autovalutazione - Cellulite 2) esempi di terapia Dovete naturalmente dare a questa possibilità un valore del tutto relativo,

Dettagli

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Il tratto cervicale è la prima parte della colonna vertebrale. Quando si parla di cervicalgia si intende un dolore a livello del collo che

Dettagli