Alcune osservazioni pratiche per l investimento azionario

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alcune osservazioni pratiche per l investimento azionario"

Transcript

1 Capitolo Quarto Alcune osservazioni pratiche per l investimento azionario Il modello CAPM assume come unica variabile esplicativa del rendimento di un titolo azionario il suo grado di correlazione con l intero indice del mercato (correlazione misurata dal coefficiente β). Al contrario, numerosi studi empirici (dei quali Hawawini e Keim, 1998 presentano una interessante rassegna che sintetizziamo nei paragrafi seguenti) hanno mostrato come vi siano altre variabili che determinano in modo molto più preciso il rendimento dei titoli azionari (e ciò sarebbe in linea con quanto previsto dal modello APT presentato in precedenza). Purtroppo la struttura teorica alla base di tali evidenze empiriche è quanto mai povera: tuttavia la significatività dei risultati ottenuti impone un commento riguardo le variabili esplicative che consentirebbero di selezionare i titoli migliori sul mercato. Alcuni di tali indicatori sono già stati citati come sintomi di inefficienza dei mercati finanziari, tuttavia essi vengono riportati nei paragrafi seguenti dove si evidenziano le prescrizioni in termini di acquisto o vendita delle corrispondenti azioni nel portafoglio e si sottolinea come tali prescrizioni siano, in genere, in contrasto con quelle fornite dalla strategia di minimizzazione del rischio la quale, infatti, si basa proprio sull idea che i mercati siano efficienti. Simili rilevazioni empiriche, tuttavia, non fanno perdere di efficacia all analisi svolta nel nostro lavoro, ma ne rappresentano anzi un complemento, fornendo indicazioni per l individuazione di quali azioni, tra quelle presenti sul mercato, vadano inserite nel portafoglio. Spetterà poi al modello matematico il compito di determinare le quote di ricchezza da attribuire ad ogni titolo. 23

2 24 ALCUNE OSSERVAZIONI PRATICHE PER L INVESTIMENTO AZIONARIO 4.1 L effetto dimensione (size effect) Le verifiche empiriche mostrano come una maggiore capitalizzazione corrisponda, quasi sempre, ad un minore rendimento (su numerosi mercati finanziari internazionali) e, dunque, verrebbe prescritto l acquisto delle azioni delle società meno capitalizzate. Si fa notare qui che tali azioni risultano essere anche le più volatili e, dunque, sarebbero proprio quelle da escludere dal portafoglio seguendo l approccio della minimizzazione del rischio. La maggiore volatilità appare una ovvia implicazione della scarsa capitalizzazione. Le azioni con minore flottante, infatti, reagiscono in modo ampio ad operazioni di compravendita di importo anche limitato. 4.2 L effetto utili Esistono strategie molto popolari che suggeriscono all investitore di acquistare azioni che abbiano un basso rapporto prezzo/utili. La strategia ottima sarebbe, dunque, quella di acquistare le azioni con un più basso rapporto prezzo reddito (P/E, price/earning) e vendere allo scoperto quelle con un più alto P/E. Occorre sottolineare, tuttavia, come imprese facenti parte di uno stesso settore tendano ad avere rapporti P/E simili; tale strategia di portafoglio, dunque, condurrebbe alla detenzione di azioni poco diversificate e, ancora una volta, troviamo una prescrizione in contrasto con quanto sviluppato nel prosieguo del lavoro. Vi sono, poi, alcune varianti del rapporto P/E che vengono introdotte al fine di aggirare il problema della discrezionalità con cui può essere stimato il reddito d impresa: al posto del reddito vengono talvolta considerate le vendite oppure il cash flow, calcolato in genere come somma tra l utile di bilancio e gli ammortamenti.

3 4.3. L EFFETTO VALORE CONTABILE L effetto valore contabile Di particolare interesse, dal punto di vista economico, risulta l indice dato dal rapporto tra il prezzo di un azione ed il suo valore contabile P/B (B = book value). In particolare le analisi empiriche evidenziano una relazione negativa tra il rendimento di un titolo e l indice P/B. Occorrerebbe, dunque, acquistare le azioni con un indice P/B particolarmente basso perché dovrebbero essere quelle che garantiranno un maggiore rendimento. Si sottolinea come già nella letteratura economica esista un indice molto simile al P/B edefinito Q di Tobin: nella teoria di Tobin gli investimenti delle imprese dipendono proprio dal rapporto Q tra il prezzo delle loro azioni sul mercato ed il loro valore di rimpiazzo (il quale, in effetti, non coincide con il valore contabile del capitale ma ne può rappresentare una approssimazione). In particolare un indice Q maggiore dell unità incentiverebbe le imprese ad effettuare nuovi investimenti. 4.4 L effetto dei rendimenti precedenti Il contenuto di questo paragrafo risulta di particolare interesse per la determinazione di quale portafoglio acquistare in base all esplicitazione del proprio orizzonte temporale di investimento (nel prosieguo indicato con H). In particolare appaiono molto rilevantiiseguentifenomeni: 1. effetto alternanza: su un orizzonte temporale di lungo periodo (3-5 anni), così come su un orizzonte temporale di brevissimo periodo (meno di un mese), tende a verificarsi una inversione dei ruoli tra azioni vincitrici (quelle che hanno avuto i rendimenti maggiori) ed azioni perdenti (quelle che hanno avuto i rendimenti minori); 2. effetto permanenza: su un orizzonte temporale compreso tra i 6 ed i 12 mesi le azioni vincitrici e perdenti tendono a conservare le loro posizioni relative.

4 26 ALCUNE OSSERVAZIONI PRATICHE PER L INVESTIMENTO AZIONARIO Viene suggerito, più precisamente, di selezionare le azioni acquistando quelle che nella settimana (o nel mese) precedente hanno avuto dinamiche peggiori. Invece, basandosi sui rendimenti degli ultimi 3 o 12 mesi, risulta più conveniente acquistare le azioni vincenti e vendere quelle perdenti. Solo quest ultima prescrizione risulta in accordo con la strategia di allocazione basata sul modello media-varianza. Infine è da notare come nel mese di gennaio si realizzi con maggiore frequenza l effetto alternanza mentre nei mesi da febbraio a dicembre risulti più frequente l effetto permanenza. 4.5 Il problema dell equity premium Nel 1985 Mehra e Prescott individuavano la seguente anomalia riguardante il rendimento dei titoli azionari e di quelli obbligazionari sulla borsa di New York: nel periodo che andava dal 1889 fino al 1978, il rendimento medio reale annuo dell indice Standard and Poor s 500 era stato di poco inferiore al 7% mentre il rendimento medio reale annuo dei titoli obbligazionari era stato di poco inferiore all 1% (i dati in questione vengono riportati nella Tabella 4.1). Il problema posto dagli autori era il seguente: la differenza tra i due rendimenti considerati poteva essere spiegata attraverso l avversione al rischio degli investitori? Ovvero, era possibile considerare la differenza (pari a circa il 6%) come premio che andasse a compensare gli investitori in azioni del maggiore rischio subìto rispetto agli investitori in titoli obbligazionari? Per rispondere a tale quesito Mehra e Prescott proponevano di stimare, con i dati a loro disposizione, il coefficiente di avversione al rischio(1) (di un investitore rappresentativo) necessario per giustificare la differenza suddetta. Le stime così ottenute venivano ritenute irrealisticamente elevate rispetto ai livelli derivanti da analoghe simulazioni effettuate in altri ambiti (queste ultime conducevano a valori dell avversione al rischio compresi tra zero (1) Si suppone che l unico argomento della funzione di utilità sia il consumo e che la funzione stessa abbia la seguente forma: U = c1 γ 1. L indice di avversione 1 γ relativa al rischio di Arrow-Pratt risulta così essere costante e pari a γ.

5 4.5. IL PROBLEMA DELL EQUITY PREMIUM 27 e due ed erano state condotte per analizzare: le scelte di portafoglio dei risparmiatori; le fluttuazioni degli investimenti reali; le funzioni di utilità degli agricoltori; gli effetti di shock sulle bilance commercialidialcunipiccolipaesi). Il problema in questione è stato definito, in letteratura, come equity premium puzzle.(2) Per fornire una possibile spiegazione del problema le analisi si sono concentrate sulla specificazione di funzioni di utilità via via più articolate rispetto alla semplice funzione del modello di Mehra e Prescott, ma le verifiche effettuate con simili approcci hanno condotto a stimare un premio per il rischio pari, al massimo, al 2% e, quindi, molto inferiore rispetto al 6% riscontrato nei dati reali. Diverse analisi hanno affrontato il problema pervenendo a risultati non univoci. Più recentemente si è fatta strada l ipotesi che, in realtà, non esista alcun puzzle da risolvere e che il rendimento elevato del mercato statunitense sia un eccezione piuttosto che la regola. Dai dati della Tabella 4.2 si nota come l alto rendimento del mercato azionario degli Stati Uniti sia da considerare un eccezione nel quadro mondiale. Inoltre la volatilità del mercato statunitense (circa 16%) non è particolarmente elevata rispetto a quella degli altri mercati, il che fa concludere che il maggiore rendimento non è dovuto alla compensazione di un maggiore rischio in termini di volatilità del rendimento stesso. È da sottolineare, inoltre, come test standard di significatività portinoarifiutare, a livello del 99%, l ipotesi che, in media, i rendimenti reali delle borse mondiali siano diversi da zero. I soli valori significativamente positivi sono quelli degli Stati Uniti e della Svezia i cui mercati non hanno subito interruzioni durante i periodi bellici (Goetzmann e Jorion, 1997). Proprio il fatto che numerosi paesi abbiano sperimentato una sospensione delle contrattazioni e, dunque, un sostanziale fallimento, ha condotto Brown, Goetzmann e Ross (1995) a formulare l ipotesi che il maggiore rendimento del mercato di New York (2) Con riferimento al caso italiano uno studio di Panetta e Violi (1999) conclude a favore dell esistenza di un equity premium che appare, peraltro, legato prevalentemente a fenomeni inflazionistici.

6 28 ALCUNE OSSERVAZIONI PRATICHE PER L INVESTIMENTO AZIONARIO Tabella 4.1: Equity premium puzzle sul mercato statunitense Periodo Crescita % consumo reale procapite Rendim. % del titolo privo di rischio (B) Rendim. sull'indice S&P 500 (A) Differenza tra i rendimenti (A-B) Media S.q.m. Media S.q.m. Media S.q.m. Media S.q.m ,83 3,57 0,80 5,67 6,98 16,54 6,18 16,67 (Std-error) (0,38) (0,6) (1,74) (1,76) ,30 4,90 5,80 3,23 7,58 10,02 1,78 11, ,55 5,31 2,62 2,59 7,71 17,21 5,08 16, ,44 3,07-1,63 9,02-0,14 12,81 1,49 9, ,00 3,97 4,30 6,61 18,94 16,18 14,64 15, ,25 5,28 2,39 6,50 2,56 27,90 0,18 31, ,19 2,52-5,82 4,05 3,07 14,67 8,89 14, ,48 1,00-0,81 1,89 17,49 13,08 18,30 13, ,37 1,00 1,07 0,64 5,58 10,59 4,50 10, ,41 1,40-0,72 2,06 0,03 13,11 0,75 11,64 Fonte: Mehra e Prescott (1985), p.147. possa essere dovuto ad un premio di sopravvivenza dato che il mercato degli Stati Uniti - al contrario di quasi tutti gli altri mercati azionari - ha sperimentato contrattazioni ininterrotte e con volumi regolari durante cento anni di storia. 4.6 L equity premium e l effetto sopravvivenza Brown, Goetzmann e Ross (1995) notano come le analisi basate sulle borse sopravvissute ai problemi bellici, politici ed economici del Novecento, non tengano conto del fatto che il campione considerato non è rappresentativo dell intero mercato azionario mondiale ma solo di quelle borse hanno superato indenni tutte le avversità. Essi, quindi, modellizzano l andamento di un intero mercato azionario esplicitando l ipotesi che i prezzi si siano sempre mantenuti al di sopra di una certa soglia sotto la quale si assume che il mercato cessi le sue contrattazioni.

7 4.6. L EQUITY PREMIUM E L EFFETTO SOPRAVVIVENZA 29 Tabella 4.2: Rendimenti dei mercati azionari mondiali (media geom.) Paese Periodo Nominale Reale Nominale Dev. std. Reale Dev. std. U.S.A. 1/21-12/95 7,37 4,73 8,54 16,85 5,98 16,53 Canada 1/21-12/95 5,51 2,77 6,81 16,87 4,13 16,66 Austria 1/25-12/95 5,57 1,52 6,96 19,05 3,16 19,63 Belgio 1/21-12/95 4,25-0,54 6,15 18,01 1,23 19,07 Danimarca 1/26-12/95 5,52 1,49 6,11 12,08 2,29 12,73 Finlandia 1/31-12/95 10,21 1,94 11,07 16,30 3,31 16,70 Francia 1/21-12/95 8,74 0,33 10,64 21,43 2,54 21,19 Germania ,92 4,46 1/24-7/44 0,82 1,65 3,30 22,00 3,63 17,26 1/50-12/95 8,27 5,74 9,20 15,61 6,83 15,71 Irlanda 1/34-12/95 6,67 1,13 7,68 14,93 2,28 15,09 Italia 1/28-12/95 10,04-0,01 12,62 26,01 3,15 25,66 Norvegia 1/28-12/95 6,84 2,60 8,66 20,27 4,61 20,24 Paesi Bassi 1/21-12/95 4,15 1,98 5,24 15,30 3,06 14,80 Portogallo ,24 2,25 12/30-4/74 5,21 1,16 6,50 15,15 2,34 14,69 1/82-12/95 18,24 5,72 23,96 39,49 13,11 40,74 Regno Unito 1/21-12/95 6,26 2,28 7,27 15,51 3,50 15,79 Spagna 1/21-12/95 4,35-2,23 5,42 15,09-1,03 15,39 Svezia 1/21-12/95 7,04 3,71 8,22 16,65 5,04 16,61 Svizzera 1/26-12/95 4,67 3,03 5,68 14,82 4,08 14,77 (media geom.) Paese Periodo Nominale Reale Nominale Dev. std. Reale Dev. std. Cecoslovacchia 1/21-6/43 4,70 4,39 3,82 15,64 5,20 13,42 Grecia 7/29-9/40-2,12-5,50-0,09 21,77-3,44 21,61 Polonia 1/21-6/39-6,90-2,97 13,60 71,20 14,40 65,69 Romania 12/37-6/41-5,36-28,06 0,14 33,31-27,30 31,38 Ungheria 1/25-6/44 6,29 2,80 9,34 25,84 6,20 26,58 Australia 1/31-12/95 7,06 1,50 7,79 13,56 2,50 14,02 Nuova Zelanda 1/25-12/95 5,65-0,47 6,16 12,16 0,33 12,54 Filippine 7/54-12/95 5,64 0,96 10,41 37,69 0,84 37,57 Giappone ,08 3,69 1/21-5/44 1,23-0,34 2,72 17,61 0,89 15,79 4/49-12/95 8,62 5,79 10,11 18,89 7,49 19,01 India 1/40-12/95 5,44-2,01 6,32 15,48-0,94 15,89 Pakistan 7/60-12/95 7,79-1,62 8,50 14,03-0,13 14,86 (media geom.) (media aritm.) (media aritm.) (media aritm.) Paese Periodo Nominale Reale Nominale Dev. std. Reale Dev. std. Argentina ,17-6,36 9/47-7/65-5,78-25,09-1,13 35,91-23,32 32,73 12/75-12/95 254,25 16,81 187,25 136,33 51,29 89,78 Brasile 2/61-12/95 146,21-0,90 112,86 69,03 12,51 52,59 Messico 12/34-12/95 20,12 2,40 21,99 26,99 5,51 24,55 Cile ,04-2,13 1/27-3/71 12,98-5,37 14,51 12,45-3,33 20,51 12/73-12/95 52,81 4,61 52,86 40,54 14,49 38,83 Colombia 12/36-12/95 10,12-4,32 11,65 21,64-2,34 21,87 Perù ,17-3,71 3/41-1/53 2,19-11,69 3,07 13,01-11,35 13,95 1/57-12/77 1,72-9,71 2,22 10,24-9,66 10,21 12/88-12/95 434,33 35,50 227,08 124,60 62,86 95,67 Uruguai 12/36-11/44 6,27 2,41 10,26 19,29 6,81 30,16 Venezuela 12/37-12/95 7,92-2,60 10,26 24,03 0,21 24,42 Egitto 7/50-9/62-1,45-2,82-0,83 11,50-2,11 12,54 Israele 1/57-12/95 38,28 3,46 36,13 26,20 6,12 23,08 Sud Africa 1/47-12/95 6,25-1,62 7,37 15,83-0,31 15,92 Fonte: Goetzman e Jorion (1997), pp

8 30 ALCUNE OSSERVAZIONI PRATICHE PER L INVESTIMENTO AZIONARIO Il modello è un semplice moto browniano geometrico:(3) ds = µdt + σdw, S dove si indica con S l indice dei prezzi aggregati (in scala logaritmica) dell intero mercato considerato, con µ una costante che rappresenta il termine di deriva del processo e con σ una costante che rappresenta il termine di diffusione del processo. Inoltre si è indicato con dw il differenziale di un processo di Wiener standard unidimensionale. Chiamato S il livello dell indice al di sotto del quale il mercato deve cessare la sua attività, occorre calcolare quale sia l equazione differenziale stocastica che regola il moto dei prezzi sotto la condizione che, in un dato intervallo [0,T], essi non scendano mai sotto il livello S. Brown, Goetzmann e Ross mostrano che tale equazione è la seguente: " # ds = µ +2µ e 2 µ σ 2 (S S) 1 e 2 dt + σdw. µ σ 2 (S S) Si osserva, dunque, che la deriva del moto dei prezzi condizionati alla probabilità di sopravvivenza, è data da µ µ +2µ π (S) 1 π (S), (4.1) π (S) = e 2 µ σ 2 (S S), dove il termine π(s) si può interpretare come la probabilità che il mercato sia sopravvissuto durante tutto il periodo considerato.(4) Notiamo che il termine 2µ π 1 π rappresenta il premio per il rischio, infatti esso è uguale a µ µ che è, appunto, la differenza (3) Per una trattazione più particolareggiata delle caratteristiche dei processi stocasticiutilizzatiinfinanza si rimanda alla seconda parte del volume e, in particolare, all Appendice 9.A. (4) Nella derivazione dell indice π(s) si sono poste la due seguenti condizioni al contorno: π(s) =0e π( ) =1.

9 4.7. RITORNO VERSO LA MEDIA 31 tra il rendimento medio delle attività finanziarie su un mercato sopravvissuto (µ ) ed il rendimento che offre un mercato qualsiasi (µ). Quando π(s) =0, cioè quando un mercato non ha speranza di sopravvivere, non c è ragione che paghi alcun premio. Quando π(s) =1, invece, il premio tende ad essere infinito poiché il mercato può garantire la sopravvivenza. In questo senso il problema dell equity premium puzzle, segnalato per la prima volta da Mehra e Prescott (1985), rifletterebbe la possibilità di fallimento legata al mercato statunitense rispetto a quella gravante su altri mercati. Poiché nel corso del periodo il tasso privo di rischio sul mercato di New York è stato, in media, del 3,7% e il premio per il rischio medio (calcolato come differenza tra rendimento delle azioni e dei titoli di stato USA) è stato dell 8,4%, dalla Formula (4.1) si ricaverebbe una probabilità di fallimento del mercato statunitense pari a circa il 47%, percentuale che, alla luce di considerazioni frequentiste, non appare irragionevole dato l elevato numero di mercati finanziari che hanno sperimentato lunghe sospensioni delle loro attività a causa di nazionalizzazioni o guerre durante gli ultimi 100 anni.(5) 4.7 Ritorno verso la media Il fenomeno di ritorno verso la media, che spesso si osserva sui prezzi dei titoli azionari, è descrivibile come la tendenza dei prezzi stessi a ritornare verso il proprio trend deterministico con una intensità che è tanto maggiore quanto maggiore è stato l allontanamento dal trend stesso. Tale fenomeno ha assunto, recentemente, grande importanza soprattutto nella modellizzazione stocastica sia dei prezzi dei (5) I mercati che hanno sperimentato una sospensione delle loro attività durante il Novecento sono segnati con un asterisco nella seguente lista di borse attive almeno dal 1901 (si fa notare che i mercati falliti sono il 60% del campione): Amsterdam*, Belgrado*, Berlino*, Bombay, Bruxelles*, Budapest*, Buenos Aires*, Cairo*, Caracas, Copenaghen*, Dublino, Francoforte*, Ginevra, Helsinki, Hong Kong*, Istanbul*, Johannesubrg, Lisbona*, Madrid*, Londra, Melbourne, Messico City*, Milano, Montreal, Mosca*, New York, Oslo, Praga*, Rio de Janeiro*, Santiago*, Seoul*, Tokyo*, Stoccolma, Vienna*, Varsavia*, Wellington.

10 32 ALCUNE OSSERVAZIONI PRATICHE PER L INVESTIMENTO AZIONARIO titoli azionari sia dei tassi di interesse. Per questi ultimi, in particolare, i modelli di ritorno verso la media vengono utilizzati per descrivere le dinamiche dei tassi di interesse a pronti retti da una sola variabile di stato (Vasiček, 1977). Per verificare se i prezzi su un mercato rispecchiano questo tipo di comportamento ci si basa sull andamento della varianza annualizzata. Si calcola, cioè, l indice 1 t Var(S t), t [1,...,T]. Se esso risulta decrescente rispetto a t si ha un indicazione della presenza di ritorno verso la media: infatti se i prezzi tendono ad oscillare intorno al loro trend con una varianza che risulta significativamente costante, allora la varianza annualizzata tende a decrescere. La varianza annualizzata per il processo di diffusione descritto nel paragrafo precedente risulta essere sempre decrescente e, per un tempo tendente all infinito, raggiunge il seguente asintoto: 1 lim T T Var(S T )= 4 π σ 2 ' σ 2, 2 Si può dunque affermare, con Brown, Goetzmann e Ross (1995), quanto riportato nella seguente proposizione. Proposizione 2 Se l indice dei prezzi su un mercato finanziario segue un moto browniano geometrico, allora, subordinatamente alla condizione che il mercato sopravviva, tale indice presenta, per un periodo di analisi sufficientemente lungo, ritorno verso la media. Il fenomeno del ritorno verso la media sarebbe, dunque, connaturato ai mercati sopravvissuti e, per analogia, caratterizzerebbe il comportamento dei prezzi delle azioni rimasti al di sopra della soglia minima predefinita nel modello. Nella seconda parte del presente lavoro si supporrà che i prezzi dei titoli ed i tassi di interesse seguano dei processi di Itô generalizzati per i quali i modelli di ritorno verso la media rappresentano dei casi particolari. I risultati che verranno determinati, quindi, sono da considerare validi anche in un mercato sopravvissuto.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo

Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo Livello dei prezzi e tasso di cambio nel lungo periodo La legge del prezzo unico La parità del potere d acquisto (PPP) Un modello sui tassi di cambio di lungo periodo basato sulla PPP Problemi relativi

Dettagli

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA

I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA I MERCATI DEI BENI E I MERCATI FINANZIARI IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Il concetto di Economia aperta si applica ai mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio Finanza Aziendale Lezione 12 Analisi del rischio Obiettivi i della lezione I rendimenti e la loro misurazione I rendimenti medi ed il loro rischio La misurazione del rischio e l effetto diversificazione

Dettagli

CAPITOLO 7 LA DISTRIBUZIONE DEL SALARIO

CAPITOLO 7 LA DISTRIBUZIONE DEL SALARIO CAPITOLO 7 LA DISTRIBUZIONE DEALARIO 7-1. Valutate la validità della seguente affermazione: il crescente differenziale salariale tra i lavoratori altamente istruiti e quelli meno istruiti genererà dei

Dettagli

IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO?

IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO? IL RISCHIO DI INVESTIRE IN AZIONI DIMINUISCE CON IL PASSARE DEL TEMPO? Versione preliminare: 1 Agosto 28 Nicola Zanella E-mail: n.zanella@yahoo.it ABSTRACT I seguenti grafici riguardano il rischio di investire

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Editoria Turistica Catalogo Illustrati 2012.indd 27 Catalogo Illustrati 2012.indd 27 07/05/12 16:13 07/05/12 16:13

Editoria Turistica Catalogo Illustrati 2012.indd 27 Catalogo Illustrati 2012.indd 27 07/05/12 16:13 07/05/12 16:13 Editoria Turistica Catalogo Illustrati 2012.indd 27 07/05/12 16:13 Le Guide Mondadori Italia 100 passi alpini in moto 16,5 x 23,5 cm 286 pp 100 strade da moto in Italia 16,5 x 23,5 cm 286 pp Emilia Romagna

Dettagli

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A A N N O 2 0 1 0 R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 1. L andamento

Dettagli

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE Dott. Filippo Fornasiero Con il decreto legge 66/2014 dal 1 luglio l aliquota che colpisce le rendite finanziarie sale dal 20% al 26% L aumento riguarderà

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Cari collaboratori del Gruppo Stati Uniti, Oggi è il 26 gennaio 2008!!! Mi occorrono le seguenti informazioni.

Cari collaboratori del Gruppo Stati Uniti, Oggi è il 26 gennaio 2008!!! Mi occorrono le seguenti informazioni. Cari collaboratori del Gruppo Stati Uniti, 1. Calcolare il tasso di cambio a pronti tra Euro e Yen (certo per incerto sulla piazza di Milano). 12 milioni di dollari Svezia 18 milioni di dollari Danimarca

Dettagli

CENTRO STUDI GILDA. DD Dossier Docenti. GILDA degli Insegnanti Tel. 068845005 - Fax 0684082071 www.gildains.it gildanaz@uni.net

CENTRO STUDI GILDA. DD Dossier Docenti. GILDA degli Insegnanti Tel. 068845005 - Fax 0684082071 www.gildains.it gildanaz@uni.net CENTRO STUDI GILDA DD Dossier Docenti Presentazione Dossier Docenti (DD) intende raccogliere e divulgare in modo sintetico e snello una serie di dati e/o informazioni relativi alla scuola ed ai docenti

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.it; prospettiva europea, DEM Università Il Mulino di 2011 Brescia Capitolo I. Un Viaggio intorno al mondo Corso di Economia

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA 14 settembre 2007 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte di esso può essere riprodotta, memorizzata in un

Dettagli

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma 2. L'andamento

Dettagli

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane

Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane Tendenze del turismo internazionale nelle regioni italiane A. Alivernini, M. Gallo, E. Mattevi e F. Quintiliani Conferenza Turismo internazionale: dati e risultati Roma, Villa Huffer, 22 giugno 2012 Premessa:

Dettagli

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma 2. L'andamento

Dettagli

Modelli finanziari quantitativi

Modelli finanziari quantitativi Modelli finanziari quantitativi 17 giugno 2010 Premessa La contrapposizione tradizionale tra analisi fondamentale (sulle variabili caratteristiche di un fenomeno economico-finanziario) e analisi tecnica

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale di Giuseppe D Aloia 1 L inflazione Negli anni scorsi tutto il dibattito sul potere d acquisto delle retribuzioni si è

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA

SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA SCENDE IL PESO DEL FISCO SUL LAVORO IN ITALIA Sulle retribuzioni più basse meno tasse fino a 1.700 euro all anno ================================================= Il cuneo fiscale in Italia è in discesa.

Dettagli

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane

L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane L esigenza di patrimonializzazione delle imprese italiane Finanza per la crescita IPO Day, Borsa Italiana, Milano - 26 Settembre 2014 Silvia Magri, Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Outline

Dettagli

OVERVIEW MEETING INDUSTRY

OVERVIEW MEETING INDUSTRY OVERVIEW MEETING INDUSTRY 2009/2010 LA MEETING INDUSTRY, parte del SISTEMA TURISMO è anche SISTEMA A SE LE SUE CARATTERISTICHE PRINCIPALI: Destagionalizzazione dei flussi Spesa pro capite maggiore rispetto

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE AZIMUT SGR SpA AZIMUT GARANZIA AZIMUT REDDITO EURO AZIMUT REDDITO USA AZIMUT TREND TASSI AZIMUT SOLIDITY AZIMUT SCUDO AZIMUT BILANCIATO AZIMUT STRATEGIC TREND AZIMUT TREND AMERICA AZIMUT TREND EUROPA AZIMUT

Dettagli

Lezione 14 Rendimenti dell analisi tecnica

Lezione 14 Rendimenti dell analisi tecnica Lezione 14 Rendimenti dell analisi tecnica Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Introduzione L obiettivo principale dell analisi tecnica è quello di identificare i titoli mispriced (sottovalutati

Dettagli

Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica

Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica Osservatorio Energia Nuovi lavori, nuova occupazione: la green economy energetica L impatto della nuova politica energetica europea sulla crescita economica e l occupazione in Italia Giuseppe Travaglini

Dettagli

Esercizi di Ricerca Operativa II

Esercizi di Ricerca Operativa II Esercizi di Ricerca Operativa II Raffaele Pesenti January 12, 06 Domande su utilità 1. Determinare quale è l utilità che un giocatore di roulette assegna a 100,00 Euro, nel momento che gioca tale cifra

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

(prezzo di chiusura del Venerdi' - prezzo di chiusura del Venerdi' precedente)/(prezzo di chiusura del Venerdi' precedente)

(prezzo di chiusura del Venerdi' - prezzo di chiusura del Venerdi' precedente)/(prezzo di chiusura del Venerdi' precedente) Vediamo ora alcuni esempi. Esempio1 (titoli) Consideriamo alcuni dati riguardanti il tasso settimanale di ritorno di cinque titoli della borsa di New York, registrati da Gennaio 1975 a Dicembre 1976. Il

Dettagli

Oggetto: Approvazione del calendario delle iniziative e delle manifestazioni di promozione turistica per l anno 2009. LA GIUNTA REGIONALE

Oggetto: Approvazione del calendario delle iniziative e delle manifestazioni di promozione turistica per l anno 2009. LA GIUNTA REGIONALE Oggetto: Approvazione del calendario delle iniziative e delle manifestazioni di promozione turistica per l anno 2009. LA GIUNTA REGIONALE Su proposta dell Assessore allo Sviluppo economico, Ricerca, Innovazione

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

Scenario Macroeconomico e Mercati 27.04.10

Scenario Macroeconomico e Mercati 27.04.10 Scenario Macroeconomico e Mercati 27.04.10 Sommario Quadro Macroeconomico Occupazione Inflazione Fiducia del business Fiducia del consumatore Mercati dei tassi monetari e obbligazionari Tassi a breve e

Dettagli

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5.1 Il ruolo del mercato finanziario Il ruolo macroeconomico del sistema finanziario è quello di far affluire i fondi risparmiati ai soggetti che li spendono.

Dettagli

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche

EUROPA Il mercato delle autovetture. Aprile 2012. AREA Studi e statistiche EUROPA Il mercato delle autovetture Aprile 2012 Nell Europa27+EFTA 1 sono state registrate complessivamente 1,06 milioni di vetture nel mese di aprile 2012, con una flessione del 6,5 % rispetto allo stesso

Dettagli

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE

INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE INVESTIRE PER CRESCERE STATI GENERALI DELL EDITORIA 2006 ROMA 21-22 SETTEMBRE Rendimenti privati e sociali dell istruzione Piero Cipollone Banca d Italia, Servizio Studi Doi: 10.1389/SG2006_Cipollone_Slide

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 7-1 La distribuzione del salario - Introduzione -La distribuzione del salario e del reddito 1 Introduzione Nel mkt del lavoro nazionale non esiste un unico salario, bensì

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli

L assicurazione viaggi complementare per una protezione in tutto il mondo.

L assicurazione viaggi complementare per una protezione in tutto il mondo. VACANZA L assicurazione viaggi complementare per una protezione in tutto il mondo. Sensata e sicura. L assicurazione viaggi di SWICA. Siete presi dall eccitazione per il viaggio e la vostra valigia è già

Dettagli

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi

Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Il trend degli stipendi degli insegnanti della scuola statale dal 1995 ad oggi Tre cifre sintetizzano eloquentemente la situazione delle retribuzioni dei docenti della scuola statale negli ultimi 13 anni

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Mercati finanziari e valore degli investimenti

Mercati finanziari e valore degli investimenti 7 Mercati finanziari e valore degli investimenti Problemi teorici. Nei mercati finanziari vengono vendute e acquistate attività. Attraverso tali mercati i cambiamenti nella politica del governo e le altre

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

Glossario APPENDICE GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO D OFFERTA ARCA FORMULA EUROSTOXX 2015

Glossario APPENDICE GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO D OFFERTA ARCA FORMULA EUROSTOXX 2015 Glossario APPENDICE GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO D OFFERTA ARCA FORMULA EUROSTOXX 2015 Data di deposito in Consob del Glossario: 17/05/2010. Data di validità del Glossario: 01/06/2010.

Dettagli

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius Giulio Longobardi Direttore commerciale Atradius Italia Palermo 14

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore di Paolo Moretti Le perdite di valore per le immobilizzazioni materiali, disciplinate dallo IAS 16 «Immobili, impianti e macchinari»,

Dettagli

Emissions Trading Systems Teoria e Pratica

Emissions Trading Systems Teoria e Pratica Emissions Trading Systems Teoria e Pratica Edilio Valentini (Universita G. D Annunzio di Chieti-Pescara) Piano della lezione Analisi delle principali caratteristiche teoriche e di funzionamento dei permessi

Dettagli

Le opportunità di un mondo che cresce

Le opportunità di un mondo che cresce UNIONCAMERE EMILIA-ROMAGNA TEMPORARY EXPORT MANAGER 2014 Le opportunità di un mondo che cresce Camera di Commercio di Ravenna 26 marzo 2014 Dentro il tunnel Partire dai numeri nonostante quanto si dice

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

La garanzia di un grande imprenditore

La garanzia di un grande imprenditore Ernesto Preatoni Real Estate International è l ultima nata tra le realtà aziendali di Ernesto Preatoni, una società creata con lo scopo di gestire le iniziative di vendita di immobili a carattere turistico,

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo

Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Scienza delle Finanze Finanziamento in disavanzo Romilda Rizzo Scienza delle finanze 1 Il debito pubblico Evoluzione del debito pubblico in Italia; Natura del debito pubblico e suo ruolo in un economia

Dettagli

Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare

Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare Il trend del mercato residenziale e la performance delle agenzie di intermediazione immobiliare Dati a cura di Sauro Spignoli Responsabile Osservatorio Economico Confesercenti Il mercato immobiliare, dopo

Dettagli

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia

Macroeconomia. Laura Vici. laura.vici@unibo.it. www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6. Rimini, 6 ottobre 2015. La ripresa dell Italia Macroeconomia Laura Vici laura.vici@unibo.it www.lauravici.com/macroeconomia LEZIONE 6 Rimini, 6 ottobre 2015 Macroeconomia 140 La ripresa dell Italia Il Fondo Monetario internazionale ha alzato le stime

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie

Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Le obbligazioni: misure di rendimento Tassi d interesse, elementi di valutazione e rischio delle attività finanziarie Economia degli Intermediari Finanziari 29 aprile 2009 A.A. 2008-2009 Agenda 1. Il calcolo

Dettagli

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI

La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Fonte: pubblicato su: La classifica dei sistemi sanitari europei, secondo l EHCI Miriam Levi L Euro Health Consumer Index (EHCI) 2014 mette a confronto le performance dei sistemi sanitari europei, partendo

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009

Tavola 8.1 - Capacità degli esercizi ricettivi per tipo di alloggio - Comune di Lecce - Anno 2009 8. Turismo Nel 2009 nella categoria esercizi alberghieri gli alberghi a 4 stelle costituiscono il 40,0% degli esercizi con una dotazione di posti letto pari al 59,4% del totale. La permanenza media del

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES L ltalia è un Paese con alto costo del lavoro? Giampaolo Arachi Massimo D Antoni Short note

Dettagli

SHORT NOTES SERIES N. 1. Fondi pensione ed equity risk premium

SHORT NOTES SERIES N. 1. Fondi pensione ed equity risk premium SHORT NOTES SERIES N. 1 Fondi pensione ed equity risk premium Giuseppe Marotta (Università di Modena e Reggio Emilia e Cefin) Giugno 2007 CEFIN Centro Studi di Banca e Finanza Dipartimento di Economia

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

Banca Intesa Network

Banca Intesa Network Network Sportelli in Italia suddivisi per Banca (dicembre 2000) Ambroveneto (1) Cariplo Comit Carime (2) FriulAdria Cariparma Controllate (3) Piemonte 37 85 77 11 101 Valle d Aosta 4 Lombardia 98 558

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

Centro Studi Il nodo della qualità

Centro Studi Il nodo della qualità Centro Studi Il nodo della qualità Ignazio Visco Banca d Italia Il nodo della qualità Quantità di capitale umano: convergenza? Paradosso italiano: rendimenti bassi e HK basso Perché: insufficiente qualità

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13

DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 DATI CONSORZIATI RAFFRONTO DATI STORICI GENN- SETT 14 VS GENN- SETT 13 - VENDITE PER PRODOTTO GENN- SETT 14 VS 13 2013 2014 var. var % Asti docg 38.220.269 37.358.438-861.831-2,3% Moscato d'asti docg 14.082.178

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Equity Coupon 02/2014 A chi si rivolge info Prodotto è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, promosso da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR. Il Comparto mira ad ottenere un

Dettagli

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario

Risparmio Investimenti Sistema Finanziario 26 Risparmio Investimenti Sistema Finanziario Il Sistema Finanziario Il sistema finanziario è costituito dalle istituzioni che operano per far incontrare l offerta di denaro (risparmio) con la domanda

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale Il commercio con l estero dell Italia: I vini Doc-Docg e PREVISIONI Igt nel 2014 di PRODUZIONE Il commercio con l estero dell Italia 14 aprile 2015 L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro:

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

Linea di Investimento A1- Alternativa Prudente

Linea di Investimento A1- Alternativa Prudente A1- Alternativa Prudente Produrre rendimenti superiori ai tassi di interesse a breve termine. Proteggere il capitale nelle fasi di mercato avverso e dal deterioramento inflazionistico. Medio - alto Investitori

Dettagli

Le obbligazioni indicizzate all inflazione

Le obbligazioni indicizzate all inflazione Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Le obbligazioni indicizzate all inflazione Le obbligazioni indicizzate all inflazione Le obbligazioni indicizzate all inflazione

Dettagli

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione

TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione 1/16 TAXBENEFIT NEW Piano Individuale Pensionistico di tipo Assicurativo - Fondo Pensione SEZIONE III - INFORMAZIONI SULL AAMENTO DELLA GESTIONE valida dal 26 aprile 2010 Dati aggiornati al 31 dicembre

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

IL RINCARO CARBURANTI ANALISI E INCIDENZA SULLE FAMIGLIE ITALIANE. IL CONFRONTO CON L EUROPA.

IL RINCARO CARBURANTI ANALISI E INCIDENZA SULLE FAMIGLIE ITALIANE. IL CONFRONTO CON L EUROPA. IL RINCARO CARBURANTI ANALISI E INCIDENZA SULLE FAMIGLIE ITALIANE. IL CONFRONTO CON L EUROPA. I rincari del carburante non rappresentano più una sorpresa per gli automobilisti italiani. I prezzi della

Dettagli