Alcune osservazioni pratiche per l investimento azionario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alcune osservazioni pratiche per l investimento azionario"

Transcript

1 Capitolo Quarto Alcune osservazioni pratiche per l investimento azionario Il modello CAPM assume come unica variabile esplicativa del rendimento di un titolo azionario il suo grado di correlazione con l intero indice del mercato (correlazione misurata dal coefficiente β). Al contrario, numerosi studi empirici (dei quali Hawawini e Keim, 1998 presentano una interessante rassegna che sintetizziamo nei paragrafi seguenti) hanno mostrato come vi siano altre variabili che determinano in modo molto più preciso il rendimento dei titoli azionari (e ciò sarebbe in linea con quanto previsto dal modello APT presentato in precedenza). Purtroppo la struttura teorica alla base di tali evidenze empiriche è quanto mai povera: tuttavia la significatività dei risultati ottenuti impone un commento riguardo le variabili esplicative che consentirebbero di selezionare i titoli migliori sul mercato. Alcuni di tali indicatori sono già stati citati come sintomi di inefficienza dei mercati finanziari, tuttavia essi vengono riportati nei paragrafi seguenti dove si evidenziano le prescrizioni in termini di acquisto o vendita delle corrispondenti azioni nel portafoglio e si sottolinea come tali prescrizioni siano, in genere, in contrasto con quelle fornite dalla strategia di minimizzazione del rischio la quale, infatti, si basa proprio sull idea che i mercati siano efficienti. Simili rilevazioni empiriche, tuttavia, non fanno perdere di efficacia all analisi svolta nel nostro lavoro, ma ne rappresentano anzi un complemento, fornendo indicazioni per l individuazione di quali azioni, tra quelle presenti sul mercato, vadano inserite nel portafoglio. Spetterà poi al modello matematico il compito di determinare le quote di ricchezza da attribuire ad ogni titolo. 23

2 24 ALCUNE OSSERVAZIONI PRATICHE PER L INVESTIMENTO AZIONARIO 4.1 L effetto dimensione (size effect) Le verifiche empiriche mostrano come una maggiore capitalizzazione corrisponda, quasi sempre, ad un minore rendimento (su numerosi mercati finanziari internazionali) e, dunque, verrebbe prescritto l acquisto delle azioni delle società meno capitalizzate. Si fa notare qui che tali azioni risultano essere anche le più volatili e, dunque, sarebbero proprio quelle da escludere dal portafoglio seguendo l approccio della minimizzazione del rischio. La maggiore volatilità appare una ovvia implicazione della scarsa capitalizzazione. Le azioni con minore flottante, infatti, reagiscono in modo ampio ad operazioni di compravendita di importo anche limitato. 4.2 L effetto utili Esistono strategie molto popolari che suggeriscono all investitore di acquistare azioni che abbiano un basso rapporto prezzo/utili. La strategia ottima sarebbe, dunque, quella di acquistare le azioni con un più basso rapporto prezzo reddito (P/E, price/earning) e vendere allo scoperto quelle con un più alto P/E. Occorre sottolineare, tuttavia, come imprese facenti parte di uno stesso settore tendano ad avere rapporti P/E simili; tale strategia di portafoglio, dunque, condurrebbe alla detenzione di azioni poco diversificate e, ancora una volta, troviamo una prescrizione in contrasto con quanto sviluppato nel prosieguo del lavoro. Vi sono, poi, alcune varianti del rapporto P/E che vengono introdotte al fine di aggirare il problema della discrezionalità con cui può essere stimato il reddito d impresa: al posto del reddito vengono talvolta considerate le vendite oppure il cash flow, calcolato in genere come somma tra l utile di bilancio e gli ammortamenti.

3 4.3. L EFFETTO VALORE CONTABILE L effetto valore contabile Di particolare interesse, dal punto di vista economico, risulta l indice dato dal rapporto tra il prezzo di un azione ed il suo valore contabile P/B (B = book value). In particolare le analisi empiriche evidenziano una relazione negativa tra il rendimento di un titolo e l indice P/B. Occorrerebbe, dunque, acquistare le azioni con un indice P/B particolarmente basso perché dovrebbero essere quelle che garantiranno un maggiore rendimento. Si sottolinea come già nella letteratura economica esista un indice molto simile al P/B edefinito Q di Tobin: nella teoria di Tobin gli investimenti delle imprese dipendono proprio dal rapporto Q tra il prezzo delle loro azioni sul mercato ed il loro valore di rimpiazzo (il quale, in effetti, non coincide con il valore contabile del capitale ma ne può rappresentare una approssimazione). In particolare un indice Q maggiore dell unità incentiverebbe le imprese ad effettuare nuovi investimenti. 4.4 L effetto dei rendimenti precedenti Il contenuto di questo paragrafo risulta di particolare interesse per la determinazione di quale portafoglio acquistare in base all esplicitazione del proprio orizzonte temporale di investimento (nel prosieguo indicato con H). In particolare appaiono molto rilevantiiseguentifenomeni: 1. effetto alternanza: su un orizzonte temporale di lungo periodo (3-5 anni), così come su un orizzonte temporale di brevissimo periodo (meno di un mese), tende a verificarsi una inversione dei ruoli tra azioni vincitrici (quelle che hanno avuto i rendimenti maggiori) ed azioni perdenti (quelle che hanno avuto i rendimenti minori); 2. effetto permanenza: su un orizzonte temporale compreso tra i 6 ed i 12 mesi le azioni vincitrici e perdenti tendono a conservare le loro posizioni relative.

4 26 ALCUNE OSSERVAZIONI PRATICHE PER L INVESTIMENTO AZIONARIO Viene suggerito, più precisamente, di selezionare le azioni acquistando quelle che nella settimana (o nel mese) precedente hanno avuto dinamiche peggiori. Invece, basandosi sui rendimenti degli ultimi 3 o 12 mesi, risulta più conveniente acquistare le azioni vincenti e vendere quelle perdenti. Solo quest ultima prescrizione risulta in accordo con la strategia di allocazione basata sul modello media-varianza. Infine è da notare come nel mese di gennaio si realizzi con maggiore frequenza l effetto alternanza mentre nei mesi da febbraio a dicembre risulti più frequente l effetto permanenza. 4.5 Il problema dell equity premium Nel 1985 Mehra e Prescott individuavano la seguente anomalia riguardante il rendimento dei titoli azionari e di quelli obbligazionari sulla borsa di New York: nel periodo che andava dal 1889 fino al 1978, il rendimento medio reale annuo dell indice Standard and Poor s 500 era stato di poco inferiore al 7% mentre il rendimento medio reale annuo dei titoli obbligazionari era stato di poco inferiore all 1% (i dati in questione vengono riportati nella Tabella 4.1). Il problema posto dagli autori era il seguente: la differenza tra i due rendimenti considerati poteva essere spiegata attraverso l avversione al rischio degli investitori? Ovvero, era possibile considerare la differenza (pari a circa il 6%) come premio che andasse a compensare gli investitori in azioni del maggiore rischio subìto rispetto agli investitori in titoli obbligazionari? Per rispondere a tale quesito Mehra e Prescott proponevano di stimare, con i dati a loro disposizione, il coefficiente di avversione al rischio(1) (di un investitore rappresentativo) necessario per giustificare la differenza suddetta. Le stime così ottenute venivano ritenute irrealisticamente elevate rispetto ai livelli derivanti da analoghe simulazioni effettuate in altri ambiti (queste ultime conducevano a valori dell avversione al rischio compresi tra zero (1) Si suppone che l unico argomento della funzione di utilità sia il consumo e che la funzione stessa abbia la seguente forma: U = c1 γ 1. L indice di avversione 1 γ relativa al rischio di Arrow-Pratt risulta così essere costante e pari a γ.

5 4.5. IL PROBLEMA DELL EQUITY PREMIUM 27 e due ed erano state condotte per analizzare: le scelte di portafoglio dei risparmiatori; le fluttuazioni degli investimenti reali; le funzioni di utilità degli agricoltori; gli effetti di shock sulle bilance commercialidialcunipiccolipaesi). Il problema in questione è stato definito, in letteratura, come equity premium puzzle.(2) Per fornire una possibile spiegazione del problema le analisi si sono concentrate sulla specificazione di funzioni di utilità via via più articolate rispetto alla semplice funzione del modello di Mehra e Prescott, ma le verifiche effettuate con simili approcci hanno condotto a stimare un premio per il rischio pari, al massimo, al 2% e, quindi, molto inferiore rispetto al 6% riscontrato nei dati reali. Diverse analisi hanno affrontato il problema pervenendo a risultati non univoci. Più recentemente si è fatta strada l ipotesi che, in realtà, non esista alcun puzzle da risolvere e che il rendimento elevato del mercato statunitense sia un eccezione piuttosto che la regola. Dai dati della Tabella 4.2 si nota come l alto rendimento del mercato azionario degli Stati Uniti sia da considerare un eccezione nel quadro mondiale. Inoltre la volatilità del mercato statunitense (circa 16%) non è particolarmente elevata rispetto a quella degli altri mercati, il che fa concludere che il maggiore rendimento non è dovuto alla compensazione di un maggiore rischio in termini di volatilità del rendimento stesso. È da sottolineare, inoltre, come test standard di significatività portinoarifiutare, a livello del 99%, l ipotesi che, in media, i rendimenti reali delle borse mondiali siano diversi da zero. I soli valori significativamente positivi sono quelli degli Stati Uniti e della Svezia i cui mercati non hanno subito interruzioni durante i periodi bellici (Goetzmann e Jorion, 1997). Proprio il fatto che numerosi paesi abbiano sperimentato una sospensione delle contrattazioni e, dunque, un sostanziale fallimento, ha condotto Brown, Goetzmann e Ross (1995) a formulare l ipotesi che il maggiore rendimento del mercato di New York (2) Con riferimento al caso italiano uno studio di Panetta e Violi (1999) conclude a favore dell esistenza di un equity premium che appare, peraltro, legato prevalentemente a fenomeni inflazionistici.

6 28 ALCUNE OSSERVAZIONI PRATICHE PER L INVESTIMENTO AZIONARIO Tabella 4.1: Equity premium puzzle sul mercato statunitense Periodo Crescita % consumo reale procapite Rendim. % del titolo privo di rischio (B) Rendim. sull'indice S&P 500 (A) Differenza tra i rendimenti (A-B) Media S.q.m. Media S.q.m. Media S.q.m. Media S.q.m ,83 3,57 0,80 5,67 6,98 16,54 6,18 16,67 (Std-error) (0,38) (0,6) (1,74) (1,76) ,30 4,90 5,80 3,23 7,58 10,02 1,78 11, ,55 5,31 2,62 2,59 7,71 17,21 5,08 16, ,44 3,07-1,63 9,02-0,14 12,81 1,49 9, ,00 3,97 4,30 6,61 18,94 16,18 14,64 15, ,25 5,28 2,39 6,50 2,56 27,90 0,18 31, ,19 2,52-5,82 4,05 3,07 14,67 8,89 14, ,48 1,00-0,81 1,89 17,49 13,08 18,30 13, ,37 1,00 1,07 0,64 5,58 10,59 4,50 10, ,41 1,40-0,72 2,06 0,03 13,11 0,75 11,64 Fonte: Mehra e Prescott (1985), p.147. possa essere dovuto ad un premio di sopravvivenza dato che il mercato degli Stati Uniti - al contrario di quasi tutti gli altri mercati azionari - ha sperimentato contrattazioni ininterrotte e con volumi regolari durante cento anni di storia. 4.6 L equity premium e l effetto sopravvivenza Brown, Goetzmann e Ross (1995) notano come le analisi basate sulle borse sopravvissute ai problemi bellici, politici ed economici del Novecento, non tengano conto del fatto che il campione considerato non è rappresentativo dell intero mercato azionario mondiale ma solo di quelle borse hanno superato indenni tutte le avversità. Essi, quindi, modellizzano l andamento di un intero mercato azionario esplicitando l ipotesi che i prezzi si siano sempre mantenuti al di sopra di una certa soglia sotto la quale si assume che il mercato cessi le sue contrattazioni.

7 4.6. L EQUITY PREMIUM E L EFFETTO SOPRAVVIVENZA 29 Tabella 4.2: Rendimenti dei mercati azionari mondiali (media geom.) Paese Periodo Nominale Reale Nominale Dev. std. Reale Dev. std. U.S.A. 1/21-12/95 7,37 4,73 8,54 16,85 5,98 16,53 Canada 1/21-12/95 5,51 2,77 6,81 16,87 4,13 16,66 Austria 1/25-12/95 5,57 1,52 6,96 19,05 3,16 19,63 Belgio 1/21-12/95 4,25-0,54 6,15 18,01 1,23 19,07 Danimarca 1/26-12/95 5,52 1,49 6,11 12,08 2,29 12,73 Finlandia 1/31-12/95 10,21 1,94 11,07 16,30 3,31 16,70 Francia 1/21-12/95 8,74 0,33 10,64 21,43 2,54 21,19 Germania ,92 4,46 1/24-7/44 0,82 1,65 3,30 22,00 3,63 17,26 1/50-12/95 8,27 5,74 9,20 15,61 6,83 15,71 Irlanda 1/34-12/95 6,67 1,13 7,68 14,93 2,28 15,09 Italia 1/28-12/95 10,04-0,01 12,62 26,01 3,15 25,66 Norvegia 1/28-12/95 6,84 2,60 8,66 20,27 4,61 20,24 Paesi Bassi 1/21-12/95 4,15 1,98 5,24 15,30 3,06 14,80 Portogallo ,24 2,25 12/30-4/74 5,21 1,16 6,50 15,15 2,34 14,69 1/82-12/95 18,24 5,72 23,96 39,49 13,11 40,74 Regno Unito 1/21-12/95 6,26 2,28 7,27 15,51 3,50 15,79 Spagna 1/21-12/95 4,35-2,23 5,42 15,09-1,03 15,39 Svezia 1/21-12/95 7,04 3,71 8,22 16,65 5,04 16,61 Svizzera 1/26-12/95 4,67 3,03 5,68 14,82 4,08 14,77 (media geom.) Paese Periodo Nominale Reale Nominale Dev. std. Reale Dev. std. Cecoslovacchia 1/21-6/43 4,70 4,39 3,82 15,64 5,20 13,42 Grecia 7/29-9/40-2,12-5,50-0,09 21,77-3,44 21,61 Polonia 1/21-6/39-6,90-2,97 13,60 71,20 14,40 65,69 Romania 12/37-6/41-5,36-28,06 0,14 33,31-27,30 31,38 Ungheria 1/25-6/44 6,29 2,80 9,34 25,84 6,20 26,58 Australia 1/31-12/95 7,06 1,50 7,79 13,56 2,50 14,02 Nuova Zelanda 1/25-12/95 5,65-0,47 6,16 12,16 0,33 12,54 Filippine 7/54-12/95 5,64 0,96 10,41 37,69 0,84 37,57 Giappone ,08 3,69 1/21-5/44 1,23-0,34 2,72 17,61 0,89 15,79 4/49-12/95 8,62 5,79 10,11 18,89 7,49 19,01 India 1/40-12/95 5,44-2,01 6,32 15,48-0,94 15,89 Pakistan 7/60-12/95 7,79-1,62 8,50 14,03-0,13 14,86 (media geom.) (media aritm.) (media aritm.) (media aritm.) Paese Periodo Nominale Reale Nominale Dev. std. Reale Dev. std. Argentina ,17-6,36 9/47-7/65-5,78-25,09-1,13 35,91-23,32 32,73 12/75-12/95 254,25 16,81 187,25 136,33 51,29 89,78 Brasile 2/61-12/95 146,21-0,90 112,86 69,03 12,51 52,59 Messico 12/34-12/95 20,12 2,40 21,99 26,99 5,51 24,55 Cile ,04-2,13 1/27-3/71 12,98-5,37 14,51 12,45-3,33 20,51 12/73-12/95 52,81 4,61 52,86 40,54 14,49 38,83 Colombia 12/36-12/95 10,12-4,32 11,65 21,64-2,34 21,87 Perù ,17-3,71 3/41-1/53 2,19-11,69 3,07 13,01-11,35 13,95 1/57-12/77 1,72-9,71 2,22 10,24-9,66 10,21 12/88-12/95 434,33 35,50 227,08 124,60 62,86 95,67 Uruguai 12/36-11/44 6,27 2,41 10,26 19,29 6,81 30,16 Venezuela 12/37-12/95 7,92-2,60 10,26 24,03 0,21 24,42 Egitto 7/50-9/62-1,45-2,82-0,83 11,50-2,11 12,54 Israele 1/57-12/95 38,28 3,46 36,13 26,20 6,12 23,08 Sud Africa 1/47-12/95 6,25-1,62 7,37 15,83-0,31 15,92 Fonte: Goetzman e Jorion (1997), pp

8 30 ALCUNE OSSERVAZIONI PRATICHE PER L INVESTIMENTO AZIONARIO Il modello è un semplice moto browniano geometrico:(3) ds = µdt + σdw, S dove si indica con S l indice dei prezzi aggregati (in scala logaritmica) dell intero mercato considerato, con µ una costante che rappresenta il termine di deriva del processo e con σ una costante che rappresenta il termine di diffusione del processo. Inoltre si è indicato con dw il differenziale di un processo di Wiener standard unidimensionale. Chiamato S il livello dell indice al di sotto del quale il mercato deve cessare la sua attività, occorre calcolare quale sia l equazione differenziale stocastica che regola il moto dei prezzi sotto la condizione che, in un dato intervallo [0,T], essi non scendano mai sotto il livello S. Brown, Goetzmann e Ross mostrano che tale equazione è la seguente: " # ds = µ +2µ e 2 µ σ 2 (S S) 1 e 2 dt + σdw. µ σ 2 (S S) Si osserva, dunque, che la deriva del moto dei prezzi condizionati alla probabilità di sopravvivenza, è data da µ µ +2µ π (S) 1 π (S), (4.1) π (S) = e 2 µ σ 2 (S S), dove il termine π(s) si può interpretare come la probabilità che il mercato sia sopravvissuto durante tutto il periodo considerato.(4) Notiamo che il termine 2µ π 1 π rappresenta il premio per il rischio, infatti esso è uguale a µ µ che è, appunto, la differenza (3) Per una trattazione più particolareggiata delle caratteristiche dei processi stocasticiutilizzatiinfinanza si rimanda alla seconda parte del volume e, in particolare, all Appendice 9.A. (4) Nella derivazione dell indice π(s) si sono poste la due seguenti condizioni al contorno: π(s) =0e π( ) =1.

9 4.7. RITORNO VERSO LA MEDIA 31 tra il rendimento medio delle attività finanziarie su un mercato sopravvissuto (µ ) ed il rendimento che offre un mercato qualsiasi (µ). Quando π(s) =0, cioè quando un mercato non ha speranza di sopravvivere, non c è ragione che paghi alcun premio. Quando π(s) =1, invece, il premio tende ad essere infinito poiché il mercato può garantire la sopravvivenza. In questo senso il problema dell equity premium puzzle, segnalato per la prima volta da Mehra e Prescott (1985), rifletterebbe la possibilità di fallimento legata al mercato statunitense rispetto a quella gravante su altri mercati. Poiché nel corso del periodo il tasso privo di rischio sul mercato di New York è stato, in media, del 3,7% e il premio per il rischio medio (calcolato come differenza tra rendimento delle azioni e dei titoli di stato USA) è stato dell 8,4%, dalla Formula (4.1) si ricaverebbe una probabilità di fallimento del mercato statunitense pari a circa il 47%, percentuale che, alla luce di considerazioni frequentiste, non appare irragionevole dato l elevato numero di mercati finanziari che hanno sperimentato lunghe sospensioni delle loro attività a causa di nazionalizzazioni o guerre durante gli ultimi 100 anni.(5) 4.7 Ritorno verso la media Il fenomeno di ritorno verso la media, che spesso si osserva sui prezzi dei titoli azionari, è descrivibile come la tendenza dei prezzi stessi a ritornare verso il proprio trend deterministico con una intensità che è tanto maggiore quanto maggiore è stato l allontanamento dal trend stesso. Tale fenomeno ha assunto, recentemente, grande importanza soprattutto nella modellizzazione stocastica sia dei prezzi dei (5) I mercati che hanno sperimentato una sospensione delle loro attività durante il Novecento sono segnati con un asterisco nella seguente lista di borse attive almeno dal 1901 (si fa notare che i mercati falliti sono il 60% del campione): Amsterdam*, Belgrado*, Berlino*, Bombay, Bruxelles*, Budapest*, Buenos Aires*, Cairo*, Caracas, Copenaghen*, Dublino, Francoforte*, Ginevra, Helsinki, Hong Kong*, Istanbul*, Johannesubrg, Lisbona*, Madrid*, Londra, Melbourne, Messico City*, Milano, Montreal, Mosca*, New York, Oslo, Praga*, Rio de Janeiro*, Santiago*, Seoul*, Tokyo*, Stoccolma, Vienna*, Varsavia*, Wellington.

10 32 ALCUNE OSSERVAZIONI PRATICHE PER L INVESTIMENTO AZIONARIO titoli azionari sia dei tassi di interesse. Per questi ultimi, in particolare, i modelli di ritorno verso la media vengono utilizzati per descrivere le dinamiche dei tassi di interesse a pronti retti da una sola variabile di stato (Vasiček, 1977). Per verificare se i prezzi su un mercato rispecchiano questo tipo di comportamento ci si basa sull andamento della varianza annualizzata. Si calcola, cioè, l indice 1 t Var(S t), t [1,...,T]. Se esso risulta decrescente rispetto a t si ha un indicazione della presenza di ritorno verso la media: infatti se i prezzi tendono ad oscillare intorno al loro trend con una varianza che risulta significativamente costante, allora la varianza annualizzata tende a decrescere. La varianza annualizzata per il processo di diffusione descritto nel paragrafo precedente risulta essere sempre decrescente e, per un tempo tendente all infinito, raggiunge il seguente asintoto: 1 lim T T Var(S T )= 4 π σ 2 ' σ 2, 2 Si può dunque affermare, con Brown, Goetzmann e Ross (1995), quanto riportato nella seguente proposizione. Proposizione 2 Se l indice dei prezzi su un mercato finanziario segue un moto browniano geometrico, allora, subordinatamente alla condizione che il mercato sopravviva, tale indice presenta, per un periodo di analisi sufficientemente lungo, ritorno verso la media. Il fenomeno del ritorno verso la media sarebbe, dunque, connaturato ai mercati sopravvissuti e, per analogia, caratterizzerebbe il comportamento dei prezzi delle azioni rimasti al di sopra della soglia minima predefinita nel modello. Nella seconda parte del presente lavoro si supporrà che i prezzi dei titoli ed i tassi di interesse seguano dei processi di Itô generalizzati per i quali i modelli di ritorno verso la media rappresentano dei casi particolari. I risultati che verranno determinati, quindi, sono da considerare validi anche in un mercato sopravvissuto.

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni Premessa Il senso comune suggerisce che i figli non hanno prezzo ma l esperienza insegna che per farli diventare grandi e sperabilmente autonomi,

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Bambini e adolescenti ai margini

Bambini e adolescenti ai margini UNICEF Centro di Ricerca Innocenti Report Card 9 Bambini e adolescenti ai margini Un quadro comparativo sulla disuguaglianza nel benessere dei bambini nei paesi ricchi uniti per i bambini La Innocenti

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE

CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE COMUNICATO STAMPA Claudia Buccini +39 02 63799210 claudia.buccini@eur.cushwake.com CONTINUANO A CRESCERE I CANONI DI LOCAZIONE NELLE VIE COMMERCIALI PIU COSTOSE A LIVELLO GLOBALE Causeway Bay a Hong Kong

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze

L approccio parametrico o delle varianze-covarianze L approccio parametrico o delle varianze-covarianze Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il VaR nell ipotesi di

Dettagli

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata?

D. Da quali paesi ed in che modo la normativa ISPM15 viene già applicata? CON-TRA S.p.a. Tel. +39 089 253-110 Sede operativa Fax +39 089 253-575 Piazza Umberto I, 1 E-mail: contra@contra.it 84121 Salerno Italia Internet: www.contra.it D. Che cosa è la ISPM15? R. Le International

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Regolatori ad alta precisione Serie R210 / R220 / R230

Regolatori ad alta precisione Serie R210 / R220 / R230 Regolatori ad alta precisione Serie R210 / R220 / R230 Catalogo PDE2542TCIT-ca ATTENZIONE LA SCELTA OPPURE L UTILIZZO ERRATI DEI PRODOTTI E/O SISTEMI IVI DESCRITTI OPPURE DEGLI ARTICOLI CORRELATI POSSONO

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa

Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa CMS_LawTax_CMYK_28-100.eps Newsletter Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa 3 aprile 2014 INDICE Premessa

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Presentazione candidature: 30 giugno-13 luglio 2015. Periodo di svolgimento del tirocinio: 1 ottobre-31 dicembre 2015

Presentazione candidature: 30 giugno-13 luglio 2015. Periodo di svolgimento del tirocinio: 1 ottobre-31 dicembre 2015 Bando di selezione per 82 tirocini curriculari presso le Rappresentanze diplomatiche del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Presentazione candidature: 30 giugno-13 luglio

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto nell anno 2014 Roma, 23 giugno 2015 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme.

GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. GLI ATTI E DOCUMENTI STRANIERI Procedure per la legalizzazione di documenti e di firme. 1. Normativa di riferimento Legge 20 dicembre 1966, n. 1253 Ratifica ed esecuzione della Convenzione firmata a l

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA Foglio N. 6.07.0 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed integrazioni) e

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE

CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE CHE COS E UN EXPO UNIVERSALE Il più grande evento del mondo. Un brand universale (4 expo ogni 10 anni in 5 Continenti). Un evento nazionale e non locale. Un organizzazione non-profit degli Stati Nazionali

Dettagli

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il

Soluzione Punto 1 Si calcoli in funzione di x la differenza d(x) fra il volume del cono avente altezza AP e base il Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone 74 PROBLEMA Considerata una sfera di diametro AB, lungo, per un punto P di tale diametro si conduca il piano α perpendicolare ad esso

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli