Welfare locale, Strutture di Servizi e Terzo settore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Welfare locale, Strutture di Servizi e Terzo settore"

Transcript

1 Corso Laurea Politiche e Servizi Sociali Roma, 24 aprile 2013 Welfare locale, Strutture di Servizi e Terzo settore Marco Accorinti

2 Titolo della lezione odierna: Gli attori del welfare: istituzionali, privati e Terzo settore Prerequisiti: Concetto di attore, Articolazione delle Istituzioni Differenza tra privato e pubblico. 2

3 Testo di riferimento M.Accorinti, Terzo settore e welfare locale, ed. Carocci, Roma

4 Definizione di Azione Sociale Talcott Parsons definisce l'azione sociale come ogni comportamento motivato e influenzato da precise cause che consistono nello scopo di raggiungere determinati obiettivi. Egli individua nell'azione sociale quattro elementi: un soggetto-agente che può essere un individuo o un gruppo legato da un qualsiasi motivo (per stare insieme); una situazione che ha al suo interno gli oggetti fisici: umani, sociali o naturali con cui si relaziona; un insieme di simboli attraverso i quali il soggetto valuta gli elementi della situazione e il proprio agire; un insieme di regole per le quali l'azione si crea.

5 Attori sociali e Welfare Il welfare state è nato nel secolo scorso in un momento storico in cui lo stato nazionale era il centro decisionale più importante, se non esclusivo, delle politiche monetarie, economiche e sociali. L altra colonna portante del sistema di welfare, era l economia reale. Entrambi appaiono quanto mai fragili e instabili.

6 Questioni collegate alla governance nelle Politiche Sociali 1. Il dibattito sulla governance nelle politiche sociali si è polarizzato intorno a due versanti: - Effettività del modello sociale europeo e del passaggio da un welfare redistributivo ad uno integrato con il mercato dei servizi, - Sviluppo del welfare locale.

7 Prima affermazione Dietro le etichette : Terzo settore, Privato Sociale, Settore Non-profit, Economia Civile, Economia Sociale, Imprenditoria Sociale, etc., si nasconde una realtà estremamente variegata e vivace composta da organizzazioni che presentano caratteri di notevole eterogeneità. Gli studiosi cercano di definire e attribuire valori.

8 Mio punto di vista: il Terzo Settore è l insieme delle organizzazioni formalmente costituite e riconosciute, di natura privata, che operano con finalità di interesse pubblico, nel settore dei servizi alla persona.

9 Le Organizzazioni di Terzo settore Accorinti le organizzazioni di volontariato sociale le cooperative sociali l associazionismo sociale o pro-sociale le forme miste: i movimenti sociali le forme assimilate: le fondazioni prosociali

10 Fondamento del TS - UNO - dal punto di vista dell economia, il TS corrisponde all economia sociale dal punto di vista politico, ai nuovi soggetti politici dal punto di vista regolativo, a nuove reti di sociabilità dal punto di vista culturale, ad una nuova cultura civile

11 Fondamento del TS TRE - cultura propria: altruismo, dono, solidarietà, fiducia, reciprocità, carattere relazionale normativa: utilizza autonome forme di scambio sociale operatività: esprime forme organizzative proprie, caratterizzate da una mobilitazione e una organizzazione nuova ruolo societario: produce nuovi beni relazionali

12 Criteri definitori del TS 1 - una cultura che spinge gli individui a relazionarsi in maniera solidale verso gli altri 2 - un auto-regolazione dell attore che si ispira a norme che vanno dal puro dono allo scambio di reciprocità 3 - un organizzazione operativa che deve porsi un minimo di criteri di gestione formalizzata 4- l espletamento di un ruolo societario che ne fa un produttore specifico di beni relazionali collettivi Università di Roma <La Sapienza> - Facoltà di Sociologia 12

13 Concetto di Terzo Settore di origine francese, tra i primi a parlarne in Italia è stato C. Paracone (1982), però A. Ardigò (1991) inaugurando il dibattito, utilizza la denominazione di terza dimensione in parte riconducibile a quella che P.P.Donati chiama privato sociale. Tra i precursori G. Ruffolo (1985) utilizza terzo sistema riprendendo J. Delors che usa troisiéme secteur. Università di Roma <La Sapienza> - Facoltà di Sociologia 13

14 International Classification of Nonprofit Organizations formalità: statuto, atto costitutivo o documento che regolamenta rapporti stabili natura giuridica privata: non pubblica autogoverno: non deve essere controllata da altri organismi assenza di distribuzione di profitto: si possono realizzare profitti ma non devono essere redistribuiti tra i soci, membri o dipendenti presenza di una certa quantità di lavoro volontario: sia a livello operativo che dirigenziali o di indirizzo Università di Roma <La Sapienza> - Facoltà di Sociologia 14

15 Organizzazione di volontariato sociale disposizione : Legge 266/91 attività di volontariato tipologia soci: volontari, sovventori regionalizzazione Università di Roma <La Sapienza> - Facoltà di Sociologia 15

16 Tipologie di Associazioni ASSOCIAZIONI Associazionismo Sociale Associazionismo Sindacale Associazionismo Partitico Associazionismo Professionale e di categoria Associazionismo Pro-Sociale Associazionismo di Solidarietà

17 Associazioni di promozioni sociale Arci, Arci Solidarietà, Acli, Emergency, Anffas, Centro Astalli disposizione : Legge 383/ 00 riconoscimento e non movimenti, gruppi, coordinamenti, federazioni riconoscimento pubblico Università di Roma <La Sapienza> - Facoltà di Sociologia 17

18 Cooperativa sociale Capodarco, Me.Ta. disposizione : Legge 381/91 tipologia di cooperative: a, b, miste tipologia soci: prestatori, fruitori, volontari, sovventori deroga alla distribuzione utili Università di Roma <La Sapienza> - Facoltà di Sociologia 18

19 Fondazioni art codice civile riconoscimento autonomia privata, struttura organizzativa pretederminata, realizzazione scopo atto fondativo, presenza di un fondatore elemento patrimoniale Due tipologie: di erogazione (grant-making), operative Università di Roma <La Sapienza> - Facoltà di Sociologia 19

20 Specifiche di una OTS tipologia giuridica normativa di riferimento adempimenti e obblighi tipo e ruolo degli aderenti rapporti con l utenza creazione e gestione Università di Roma <La Sapienza> - Facoltà di Sociologia 20

21 Un attributo a parte: Le Onlus Si tratta delle Ots che rispettano determinate condizioni statutarie e sono in possesso di specifici requisiti Regime fiscale e tributario particolare per enti meritoriamente significativi Valido per associazioni, società cooperative, comitati, fondazioni, enti di carattere privato

22 Questioni aperte 1. Il finanziamento del terzo settore 2. Le figure professionali emergenti 3. I lavoratori del terzo settore 4. La regolamentazione del mix

23 Modi di finanziamento Enti pubblici con convenzione o accordo Progetti finanziati da Enti pubblici Progetti finanziati da Unione Europea Finanziarie etiche Banca etica Fund raising Fondazioni erogatrici Società for-profit Donazioni

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Bottega del Terzo Settore

Bottega del Terzo Settore Bottega del Terzo Settore 1 Finalità del progetto La Bottega del Terzo Settore (in sintesi BTS) deve essere un luogo ed un progetto di contaminazione tra Terzo Settore e Comunità, e prima ancora tra Terzo

Dettagli

Costituire un associazione di volontariato

Costituire un associazione di volontariato Costituire un associazione di volontariato Per il Forum Giovani Trieste, 6 maggio 2011 Intervento di Pierpaolo Gregori Francesca Macuz 1 Il Csv Fvg L attività del Csv Fvg Gestire il CSV La Mission del

Dettagli

La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit. La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il.

La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit. La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il. La gestione finanziaria nelle Aziende Non Profit La gestione finanziaria nelle ANP (tra cui rientrano le ASD) riguarda il. REPERIMENTO UTILIZZO dei mezzi monetari necessari al perseguimento dei fini istituzionali

Dettagli

Le attività non profit

Le attività non profit Qualche frase: «Quando sento parlare di volontariato sono sempre sospettoso!» «Se non ci pensa lo Stato, chi ci deve pensare?» «Ma lo Stato non può occuparsi di tutto!» «Tutte le imprese hanno un solo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO Identità DarVoce è un associazione di volontariato di secondo livello in quanto i suoi soci sono associazioni di volontariato; ha personalità giuridica;

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia e Ricerca sociale Laurea triennale in turismo, territorio e sviluppo locale

Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia e Ricerca sociale Laurea triennale in turismo, territorio e sviluppo locale Laurea triennale in turismo, territorio e sviluppo locale Economia culturale dott.ssa Federica De Molli Giovedì 30 ottobre 2014 Economia culturale LEZIONE PASSATA UN MIGLIORAMENTO POSSIBILE 1. 2. 3. 4.

Dettagli

Il terzo settore: definizioni, ruoli, evoluzioni, rilevanza. Prof. Carlo Borzaga

Il terzo settore: definizioni, ruoli, evoluzioni, rilevanza. Prof. Carlo Borzaga Il terzo settore: definizioni, ruoli, evoluzioni, rilevanza Prof. Carlo Borzaga Perché parlarne?! poco considerato fino agli anni 90; prevalenza modello socio economico bipolare: Stato-Mercato! interesse

Dettagli

Domande. più frequenti PIÙ FREQUENTI DOMANDE

Domande. più frequenti PIÙ FREQUENTI DOMANDE Domande più frequenti 57 DOMANDE PIÙ FREQUENTI Domande più frequenti Domande più frequenti L obiettivo di questa sezione è tentare di dare delle risposte, in modo semplice e discorsivo, alle domande che

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DISPOSIZIONI GENERALI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCA- LI AGEVOLAZIONI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE L. 7.12.2000, n. 383 La Costituzione Italiana riconosce il valore sociale

Dettagli

NUMERO VALORE PERCENTUALE

NUMERO VALORE PERCENTUALE Le istituzioni non profit in provincia di Cremona al Censimento del 2011 L Istat ha svolto il 9 Censimento generale dell industria e dei servizi ed il Censimento delle istituzioni non profit, rilevando

Dettagli

Una prima definizione del fenomeno

Una prima definizione del fenomeno Una prima definizione del fenomeno " dovrebbero essere definiti poveri quegli individui, famiglie e gruppi di persone le cui risorse materiali, culturali e sociali sono così limitate da escluderli dallo

Dettagli

Le Aziende Non Profit:

Le Aziende Non Profit: Le Aziende Non Profit: Aspetti istituzionali, accountability strumenti di gestione Maria Teresa Nardo mt.nardo@unical.it 1 6 novembre 2008 Le ANP: caratteri generali La crisi del welfare state ha comportato

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

Dalla responsabilità sociale di impresa all impresa sociale. Federica Bandini

Dalla responsabilità sociale di impresa all impresa sociale. Federica Bandini Dalla responsabilità sociale di impresa all impresa sociale Federica Bandini LE FINALITA AZIENDALI L ISTITUTO L AZIENDA GLI INTERESSI CONVERGENTI SULL AZIENDA Le finalità Perché le persone si aggregano?

Dettagli

Alleanza contro la povertà

Alleanza contro la povertà Documento costitutivo della Alleanza contro la povertà - Tavolo regionale della Sardegna Le articolazioni regionali della Sardegna delle organizzazioni nazionali che aderiscono all Alleanza contro la povertà

Dettagli

MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT

MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT Ad uso degli operatori sociali, è ora disponibile il MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NON PROFIT, Edizioni Ebook

Dettagli

L impresa sociale * Carlo Borzaga

L impresa sociale * Carlo Borzaga L impresa sociale * Carlo Borzaga 1. Definizione e caratteristiche Il termine impresa sociale è stato utilizzato per la prima volta in Italia alla fine degli anni 80 del secolo scorso per indicare alcune

Dettagli

aspetti aziendali e di gestione del ASP E FONDAZIONI personale Forlì 14 dicembre 2004

aspetti aziendali e di gestione del ASP E FONDAZIONI personale Forlì 14 dicembre 2004 ASP E FONDAZIONI aspetti aziendali e di gestione del personale Forlì 14 dicembre 2004 1 Le fondazioni come soggetto dell economia aziendale l economia aziendale ha per oggetto l ordine economico degli

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE DOCUMENTI DI RICERCA N 10 LA RENDICONTAZIONE SOCIALE PER LE AZIENDE NON PROFIT

IL BILANCIO SOCIALE DOCUMENTI DI RICERCA N 10 LA RENDICONTAZIONE SOCIALE PER LE AZIENDE NON PROFIT IL BILANCIO SOCIALE DOCUMENTI DI RICERCA N 10 LA RENDICONTAZIONE SOCIALE PER LE AZIENDE NON PROFIT IL BILANCIO SOCIALE DOCUMENTI DI RICERCA N 10 LA RENDICONTAZIONE SOCIALE PER LE AZIENDE NON PROFIT DOCUMENTIDIRICERCA

Dettagli

Master MEDIATORE INTERCULTURALE. Edizione 2013/2014. INTEGRA onlus. Accreditato. Main partner

Master MEDIATORE INTERCULTURALE. Edizione 2013/2014. INTEGRA onlus. Accreditato. Main partner Accreditato Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca DM 5/7/2013 Regione Puglia Master MEDIATORE INTERCULTURALE Edizione 2013/2014 Main partner INTEGRA onlus Master MEDIATORE INTERCULTURALE

Dettagli

PREMESSA INTRODUTTIVA

PREMESSA INTRODUTTIVA LO STATO SOCIALE E IL TERZO SETTORE Lavoro multidisciplinare per l Area di progetto Cllasse V sez.. D Liiceo sociiopsiicopedagogiico A.. s.. 2009--2010 1 PREMESSA INTRODUTTIVA Nell attuale momento di crisi

Dettagli

RIFORMA DEL TERZO SETTORE I CRITERI DELLA LEGGE DELEGA

RIFORMA DEL TERZO SETTORE I CRITERI DELLA LEGGE DELEGA Dossier n. 79 Ufficio Documentazione e Studi 9 aprile 2015 RIFORMA DEL TERZO SETTORE I CRITERI DELLA LEGGE DELEGA La Camera dei deputati ha approvato in prima lettura il disegno di legge delega per la

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

LA COPROGETTAZIONE VERSO UNA NUOVA GOVERNANCE PUBBLICO-PRIVATO SOCIALE

LA COPROGETTAZIONE VERSO UNA NUOVA GOVERNANCE PUBBLICO-PRIVATO SOCIALE LA COPROGETTAZIONE VERSO UNA NUOVA GOVERNANCE PUBBLICO-PRIVATO SOCIALE A cura di Marco Brunod e Monica Savio AOSTA, 15 gennaio 2015 2 Significato del verbo coprogettare Progettarederiva dal latino proicere

Dettagli

REGOLAMENTO SOCIETARIO

REGOLAMENTO SOCIETARIO Via Pietro del Pezzo,34 84100 Salerno Tel Fax 089 757051 e-mail : info@cooperativasociale.it REGOLAMENTO SOCIETARIO PREMESSA Il Regolamento societario, anche detto Regolamento Consortile è lo strumento

Dettagli

Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario. Dir. Rossano Bagnai. ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005

Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario. Dir. Rossano Bagnai. ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005 ABI Forum CSR Roma, 4 ottobre 2005 BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA SPA BANCA DAL 1472 Esperienze e progetti di microcredito di un gruppo bancario Dir. Rossano Bagnai IL PROGRAMMA DI MICROCREDITO DELLA

Dettagli

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Giovedì 2 luglio 2015 - ore 11.00 Politecnico di Milano - Polo territoriale di Lecco marzo 2015 febbraio 2018 BANDO WELFARE DI COMUNITÀ E INNOVAZIONE SOCIALE FONDAZIONE

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Nome SABRINA LEMMETTI Indirizzo VIA PIETRA A PADULE, 1936/A 55050 MASSACIUCCOLI (LUCCA) Telefono 0583 464297 Fax 0583 432231 E-mail sabrina.lemmetti@associazioneintesa.it

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE Presentazione...................................... V Introduzione...................................... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE 1.1. Nozioni generali................................

Dettagli

Tesi di Laurea sulle banche del tempo

Tesi di Laurea sulle banche del tempo Tesi di Laurea sulle banche del tempo Banche del Tempo - Bibliografia ELENCO TESI DISPONIBILI PRESSO IL COORDINAMENTO BANCHE DEL TEMPO DI MILANO E PROVINCIA 1) Le banche del tempo: un iniziativa formativa

Dettagli

NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE

NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE Quadro generale di riferimento Ministero della solidarietà sociale Previsioni di bilancio 2008 - Nota preliminare L insediamento

Dettagli

La Fondazione di Comunità della Sinistra Piave: strumento di innovazione del welfare locale

La Fondazione di Comunità della Sinistra Piave: strumento di innovazione del welfare locale La Fondazione di Comunità della Sinistra Piave: strumento di innovazione del welfare locale M.A.S.TER. School Villa Brandolini, Solighetto (TV) 21 settembre 2013 FONDAZIONE DI COMUNITA uno strumento

Dettagli

LE PAROLE DEL NON PROFIT. Dalla definizione di associazione a quella di volontariato Breve vocabolario del Terzo Settore GUIDE&SPECIALI 11/10/2012

LE PAROLE DEL NON PROFIT. Dalla definizione di associazione a quella di volontariato Breve vocabolario del Terzo Settore GUIDE&SPECIALI 11/10/2012 11/10/2012 LE PAROLE DEL NON PROFIT Dalla definizione di associazione a quella di volontariato Breve vocabolario del Terzo Settore LE PAROLE DEL NON PROFIT Cos è il 5 per mille? E la Più Dai Meno Versi?

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

N. CIRCOLARE N. 39/E. Roma, 19 agosto 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

N. CIRCOLARE N. 39/E. Roma, 19 agosto 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso N. CIRCOLARE N. 39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 agosto 2005 OGGETTO: Imposte sui redditi. ONLUS e terzo settore. Erogazioni liberali. Articolo 14 del decreto-legge 14 marzo 2005,

Dettagli

SOTTOLALENTE ILTERZOSETTORE

SOTTOLALENTE ILTERZOSETTORE SOTTOLALENTE ILTERZOSETTORE Latina marzo 2003 IL TERZO SETTORE A LATINA 1. INTRODUZIONE L Osservatorio economico statistico congiunturale Osserfare si è dotato di una metodologia di analisi alternativa

Dettagli

Il capitale sociale: prospettive sociologiche

Il capitale sociale: prospettive sociologiche Il capitale sociale: prospettive sociologiche Il punto di vista della sociologia relazionale Pierpaolo Donati 1 Testo teorico di riferimento P. DONATI (a cura di), L approccio relazionale al capitale sociale,

Dettagli

Elenco completo delle Pubblicazioni

Elenco completo delle Pubblicazioni Marco Accorinti Elenco completo delle Pubblicazioni Saggi in Volumi in corso di stampa: saggio: L'illusione riformista delle politiche di assistenza in Italia, con D. Gambardella e E. Morlicchio; opera:

Dettagli

BOZZA. di Pier Paolo Inserra

BOZZA. di Pier Paolo Inserra BOZZA PRIMI CENNI AL PARADIGMA DI ECONOMIA SOCIALE SPERIMENTATO CON IL DISTRETTO INTEGRATO DI ECONOMIA SOCIALE AREA MARCHE NORD di Pier Paolo Inserra Da un modello collettivo ad un modello connettivo Il

Dettagli

ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE VS. NON RICONOSCIUTE

ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE VS. NON RICONOSCIUTE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE VS. NON RICONOSCIUTE Le associazioni sono un insieme di individui che si riuniscono e si vincolano tramite un contratto al fine di perseguire uno scopo comune volto al soddisfacimento

Dettagli

dr. Alberto Romano Consulente del Lavoro

dr. Alberto Romano Consulente del Lavoro L ASSOCIAZIONISMO NO PROFIT Cava de Tirreni 27/01/2012 I rapporti di lavoro e di collaborazione tra i soci e il personale esterno delle associazioni IL TERZO SETTORE Gli enti no profit sono parte del cosiddetto

Dettagli

Indice generale. Booksite - istruzioni per l'uso... 20 Capitolo I L ESSENZA DELLE COOPERATIVE... 21

Indice generale. Booksite - istruzioni per l'uso... 20 Capitolo I L ESSENZA DELLE COOPERATIVE... 21 Booksite - istruzioni per l'uso... 20 Capitolo I L ESSENZA DELLE COOPERATIVE... 21 1 - Lo scopo mutualistico... 21 2 - La mutualità esterna... 24 3 - La nuova mutualità... 25 4 - I segni distintivi...

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli

Il Terzo Settore X l Economia Sociale. Paolo Venturi

Il Terzo Settore X l Economia Sociale. Paolo Venturi Il Terzo Settore X l Economia Sociale Paolo Venturi Bologna, 24 gennaio 2014 Punto di partenza (discriminante) «l incapacità ad innovare deriva dall incapacità ad adottare una diversa prospettiva dei problemi»

Dettagli

L.266/91. presso lo Studio notarile associato BULFERI via Carducci n. 32 Pescara

L.266/91. presso lo Studio notarile associato BULFERI via Carducci n. 32 Pescara denominazione: CENTRO DI SOLIDARIETA DI PESCARA- ASSOCIAZIONE GRUPPO SOLIDARIETA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale ONLUS Organizzazione di volontariato Associazione riconosciuta legalmente

Dettagli

F.A.Q. OdV e Aps a confronto

F.A.Q. OdV e Aps a confronto Cosa hanno in comune le Odv e le Aps? Le Organizzazioni di Volontariato (OdV) e le Associazioni di Promozione Sociale (APS) hanno la caratteristica comune di avere nel fine solidaristico la propria dimensione

Dettagli

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Modulo 2 Principi e Tecniche di Fund Raising d.ssa Marta Buzzatti Fonte: Manuale di fund raising F. Ambrogetti, M.Coen Cagli, R. Milano FUND

Dettagli

La rete burocratica è: Un insieme di imprese con relazioni di interdipendenza. regolate da meccanismi dell istituzionalizzazione formalizzati

La rete burocratica è: Un insieme di imprese con relazioni di interdipendenza. regolate da meccanismi dell istituzionalizzazione formalizzati La rete burocratica è: Un insieme di imprese con relazioni di interdipendenza regolate da meccanismi dell istituzionalizzazione formalizzati 1 Meccanismi dell istituzionalizzazione formalizzati nelle reti

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DON BOSCO 2000 ONLUS

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DON BOSCO 2000 ONLUS ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO DON BOSCO 2000 ONLUS Anno di costituzione: 1982 VIA FOLIGNO, 95-10149 TORINO TELEFONO 011.4533000 FAX 011.4530238 E-mail: andrea.torra@iol.it Persona da contattare: Andrea

Dettagli

18/01/2013. Il profilo economicoaziendale. aziende non profit LE ORIGINI PRIMA DELL UNIFICAZIONE LEGGE 6972/1890 DOPO L UNIFICAZIONE

18/01/2013. Il profilo economicoaziendale. aziende non profit LE ORIGINI PRIMA DELL UNIFICAZIONE LEGGE 6972/1890 DOPO L UNIFICAZIONE TERZO SETTORE: AZIENDE NON PROFIT, PRIVATO SOCIALE E OPPORTUNITÀ DI LAVORO CAMPUS DI MACCHIA ROMANA 9 GENNAIO 212 AULA MAGNA FACOLTÀ DI ECONOMIA POTENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ORE 14.-17.

Dettagli

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO

MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO MASTER FINANZA PER LO SVILUPPO Per diventare professionisti del microcredito Perché un Master in Finanza per lo Sviluppo? Per offrire un percorso di specializzazione che mette insieme due mondi apparentemente

Dettagli

Relazione sul concreto perseguimento delle finalità istituzionali, ai sensi dell articolo 3 della legge 15 dicembre 1998, n. 438. Annualità 2014.

Relazione sul concreto perseguimento delle finalità istituzionali, ai sensi dell articolo 3 della legge 15 dicembre 1998, n. 438. Annualità 2014. Prot. 34/ 4397 del 6 maggio 2015 Direzione Generale del terzo settore e della responsabilità sociale delle imprese Agli Enti e associazioni di promozione sociale destinatari del contributo di cui alla

Dettagli

Il Bilancio Sociale nelle Associazioni di Volontariato

Il Bilancio Sociale nelle Associazioni di Volontariato Il Bilancio Sociale nelle Associazioni di Volontariato SOMMARIO: 1. Introduzione. 2. Strutturazione del documento e livello di applicazione delle linee guida per il Bilancio Sociale promosse da CSV.net.

Dettagli

STATUTO. Organizzazione di volontariato di secondo livello ORA LEGALE **** * **** Art. 1 COSTITUZIO E

STATUTO. Organizzazione di volontariato di secondo livello ORA LEGALE **** * **** Art. 1 COSTITUZIO E STATUTO Organizzazione di volontariato di secondo livello ORA LEGALE **** * **** Art. 1 COSTITUZIO E E' costituita, con sede in Pisa via F. da Buti 20 l'associazione di volontariato denominata ORA LEGALE

Dettagli

IL VOLONTARIATO La normativa di riferimento

IL VOLONTARIATO La normativa di riferimento IL VOLONTARIATO La normativa di riferimento Scuola di Formazione Avis del Triveneto BELLUNO 25 MAGGIO 2013 Francesco MAGAROTTO Il volontariato è un fenomeno antico che è andato via via aumentando e modificando

Dettagli

xxxxxxxxx xxxxxxxxxx

xxxxxxxxx xxxxxxxxxx xxxxxxxxx xxxxxxxxxx La rete territoriale nel gambling e possibili integrazioni A cura di Arezzo, 11 maggio 2007 1 Obiettivi del contributo fornire alcuni elementi generali sulle reti sociali introdurre

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE

STATUTO DELLA FONDAZIONE STATUTO DELLA FONDAZIONE Art. 1 Scopi Tra i costituiti, che si sono proposti di dare un impulso vivo e concreto allo sviluppo dell Europa e dell unità politica europea, attraverso progetti di studio, di

Dettagli

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA AZIENDALE TESI DI LAUREA ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA AZIENDALE TESI DI LAUREA ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA AZIENDALE TESI DI LAUREA IN ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT DALLA FILANTROPIA ISTITUZIONALE ALL INTERMEDIAZIONE FILANTROPICA: IL CASO DELLE

Dettagli

STATUTO INDICE TITOLO PRIMO DENOMINAZIONE E SEDE ART. 1 DENOMINAZIONE ART. 2 SEDE TITOLO SECONDO SCOPI E MEZZI ART. 3 SCOPI / FINALITA - ATTIVITA

STATUTO INDICE TITOLO PRIMO DENOMINAZIONE E SEDE ART. 1 DENOMINAZIONE ART. 2 SEDE TITOLO SECONDO SCOPI E MEZZI ART. 3 SCOPI / FINALITA - ATTIVITA STATUTO INDICE TITOLO PRIMO DENOMINAZIONE E SEDE ART. 1 DENOMINAZIONE ART. 2 SEDE TITOLO SECONDO SCOPI E MEZZI ART. 3 SCOPI / FINALITA - ATTIVITA ART. 4 PATRIMONIO E MEZZI FINANZIARI TITOLO TERZO ORGANI

Dettagli

Le tecniche di raccolta di fondi. IL FUND RAISING. Roma, 28 settembre 2011. gyfranzone per netzer 2011. Tutti i diritti sono riservati.

Le tecniche di raccolta di fondi. IL FUND RAISING. Roma, 28 settembre 2011. gyfranzone per netzer 2011. Tutti i diritti sono riservati. Le tecniche di raccolta di fondi. IL FUND RAISING Roma, 28 settembre 2011 Che cosa non è il fund raising Il fund raising non è un modo organizzato, efficiente e trendy di gestire la carità. (H. A. Rosso

Dettagli

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR)

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) CALL FOR PAPERS X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) Fondazione Scuola di Alta Formazione per il Terzo Settore (ForTeS) Siena ( Italy) 10 13 luglio 2012 Democratizzazione,

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE La COSTITUZIONE di una ASD e di una Società Sportiva di capitali L attività sportiva dilettantistica, con l introduzione della Finanziaria del 2003 (Legge n.289 del 27/12/2002 articolo 90), può essere

Dettagli

Legislazione societaria: tipi di società

Legislazione societaria: tipi di società Legislazione societaria: tipi di società La creazione di un'impresa in Bosnia-Erzegovina è disciplinata da: Legge sulle imprese della FBiH Legge sulle imprese della RS Legge sull acquisizione di società

Dettagli

Autore : Dottore Commercialista - Revisore Legale Luigi Raffaele Vassallo

Autore : Dottore Commercialista - Revisore Legale Luigi Raffaele Vassallo Autore : Dottore Commercialista - Revisore Legale Luigi Raffaele Vassallo 1 GENERALITA Cognome Nome Ruolo Settore Scientifico Disciplinare Facoltà Titolo E-mail Ricevimento Studenti Struttura di Appartenenza

Dettagli

INTELLIGENCE CULTURE AND STRATEGIC ANALYSIS I.C.S.A. ART. 1 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE. denominata "Intelligence Culture and Strategic Analysis" in

INTELLIGENCE CULTURE AND STRATEGIC ANALYSIS I.C.S.A. ART. 1 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE. denominata Intelligence Culture and Strategic Analysis in Pubblichiamo di seguito i principali articoli dello Statuto della Fondazione. INTELLIGENCE CULTURE AND STRATEGIC ANALYSIS I.C.S.A. ART. 1 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE È costituita per iniziativa dei Fondatori

Dettagli

La governance delle fondazioni riconosciute dalla Regione Emilia-Romagna

La governance delle fondazioni riconosciute dalla Regione Emilia-Romagna DIREZIONE GENERALE AFFARI ISTITUZIONALI E LEGISLATIVI SERVIZIO INNOVAZIONE E SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA La governance delle fondazioni riconosciute dalla Regione Emilia-Romagna Secondo Rapporto sulle

Dettagli

XX EDIZIONE. Diventa manager del sociale MASTER UNIVERSITARIO IN GESTIONE DI IMPRESE SOCIALI A.A. 2015/2016 NOVEMBRE 2015 - OTTOBRE 2016 / TRENTO

XX EDIZIONE. Diventa manager del sociale MASTER UNIVERSITARIO IN GESTIONE DI IMPRESE SOCIALI A.A. 2015/2016 NOVEMBRE 2015 - OTTOBRE 2016 / TRENTO XX EDIZIONE MASTER UNIVERSITARIO IN GESTIONE DI IMPRESE SOCIALI A.A. 2015/2016 NOVEMBRE 2015 - OTTOBRE 2016 / TRENTO Diventa manager del sociale IN BREVE DESTINATARI neo-laureati in lauree triennali, specialistiche

Dettagli

Master MaRSS Management delle Reti per lo Sviluppo Sociale

Master MaRSS Management delle Reti per lo Sviluppo Sociale Master MaRSS Management delle Reti per lo Sviluppo Sociale promosso e realizzato da DiSS - Dipartimento di Scienze Sociali Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione Università Sapienza di

Dettagli

Associazione di Associazioni Poiesis - CSV Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Brindisi STATUTO

Associazione di Associazioni Poiesis - CSV Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Brindisi STATUTO Associazione di Associazioni Poiesis - CSV Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Brindisi STATUTO Art. 1 COSTITUZIONE 1. E costituita con sede legale a Brindisi, in via Dalmazia n.31/c,

Dettagli

ECONOMIA DI COMUNIONE: UNA NUOVA FORMA DI IMPRESA Ivan Vitali

ECONOMIA DI COMUNIONE: UNA NUOVA FORMA DI IMPRESA Ivan Vitali ECONOMIA DI COMUNIONE: UNA NUOVA FORMA DI IMPRESA Ivan Vitali Cremona, 23 febbraio 2013 Agenda-1 Introduzione e presentazione Impresa e imprenditore Imprenditore e innovazione Competizione vs cooperazione?

Dettagli

I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE,

I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE, I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE, ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO DI GIULIANO NICOLINI PRIMA PARTE: CENNI GENERALI SUI SERVIZI ASSOCIATIVI 1 Le associazioni di rappresentanza delle imprese hanno come funzione

Dettagli

Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia

Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia NELLA TRAPPOLA DELLA CRISI, IL LAVORO COME QUESTIONE SOCIALE Le politiche sociali del lavoro Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia Libertà e Giustizia, Scuola 2013, Collegio Spunti di discussione

Dettagli

COMUNE DI VEZZANO REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI E L'ATTRIBUZIONE DI BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI

COMUNE DI VEZZANO REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI E L'ATTRIBUZIONE DI BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI COMUNE DI VEZZANO REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI E L'ATTRIBUZIONE DI BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI Approvato con deliberazione consiliare n. 11 dd. 24.03.2010 Sommario

Dettagli

Il fund raising capacità di elaborare strategie di sostenibilità e di attivare una organizzazione nel fare raccolta fondi

Il fund raising capacità di elaborare strategie di sostenibilità e di attivare una organizzazione nel fare raccolta fondi CONVEGNO: LA FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE Il fund raising capacità di elaborare strategie di sostenibilità e di attivare una organizzazione nel fare raccolta fondi Massimo Coen Cagli Fondatore Direttore

Dettagli

AI REGISTRI DELLE ASSOCIAZIONI

AI REGISTRI DELLE ASSOCIAZIONI All. B) DGR n..del.. DISCIPLINA RELATIVA AI REGISTRI DELLE ASSOCIAZIONI 1. PREMESSA In attuazione di quanto previsto dall art. 25 della l.r. 14 febbraio 2008, n. 1 con il presente provvedimento viene definito:

Dettagli

Alimenta il dono. sostieni il Banco Alimentare della Toscana

Alimenta il dono. sostieni il Banco Alimentare della Toscana Alimenta il dono sostieni il Banco Alimentare della Toscana Guida alle agevolazioni fiscali sulle erogazioni in denaro e natura per le persone fisiche e per le aziende aggiornata al settembre 2012 1 Presentazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 12/E Roma, 09 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Art. 30 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009,

Dettagli

DONNE E UOMINI PER UNA ECONOMIA DI CONDIVISIONE

DONNE E UOMINI PER UNA ECONOMIA DI CONDIVISIONE DONNE E UOMINI PER UNA ECONOMIA DI CONDIVISIONE Anche il più piccolo atto nelle circostanze più limitate ha in sé il germe della stessa illimitatezza, perché un solo atto, e qualche volta una sola parola,

Dettagli

MASTER GIS A.A. 2010-2011

MASTER GIS A.A. 2010-2011 MASTER GIS Master Universitario in Gestione di imprese sociali XV EDIZIONE A.A. 2010-2011 PER INFORMAZIONI Per avere informazioni dettagliate sul master GIS è possibile chiedere un appuntamento per un

Dettagli

Economia e mercato: solo profitto? Scenari e prospettive

Economia e mercato: solo profitto? Scenari e prospettive Economia e mercato: solo profitto? Scenari e prospettive 18 novembre 2005 FORUM DEL TERZO SETTORE DI VALLE CAMONICA Mario Mazzoleni www.mariomazzoleni.com XXI secolo: da azienda GruppoMazzoleni opificio

Dettagli

Collaborazione. come superamento del dualismo fra Solidarietà e Mercato Sharitaly

Collaborazione. come superamento del dualismo fra Solidarietà e Mercato Sharitaly Collaborazione. come superamento del dualismo fra Solidarietà e Mercato Sharitaly Milano 9 novembre paolo venturi, direttore AICCON @paoloventuri100 Terzo settore in Italia Censimento Istat, 2011) 21.000.000

Dettagli

8 Promuovere una fondazione dedicata alla raccolta fondi

8 Promuovere una fondazione dedicata alla raccolta fondi Presentazione Di anno in anno, alle aziende nonprofit si richiede di assistere sempre più persone, di offrire servizi sempre più completi, di essere sempre più coerenti e affidabili. Molte aziende nonprofit

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

Verso la Borsa Sociale Un mercato di capitali per imprese a finalità sociale

Verso la Borsa Sociale Un mercato di capitali per imprese a finalità sociale Verso la Borsa Sociale Un mercato di capitali per imprese a finalità sociale Davide Dal Maso e Davide Zanoni www.avanzi.org Gennaio 2010 Che cos è Borsa Sociale Borsa Sociale (BS) è un mercato di capitali

Dettagli

Verso un welfare generativo, da costo a investimento

Verso un welfare generativo, da costo a investimento FONDAZIONE EMANUELA ZANCAN Onlus Centro Studi e Ricerca Sociale Innovazioni sociali* I sistemi di welfare hanno un carattere comune e originario che ci aiuta a capire il loro sviluppo nel passaggio da

Dettagli

0. Premessa. 1. La Missione

0. Premessa. 1. La Missione 0. Premessa 0.1 Perché il Codice etico? Coopgas orienta la propria attività e quella di tutti i propri soci, amministratori, sindaci, lavoratori e collaboratori a qualunque livello (d ora in avanti definiti

Dettagli

----------Risposte----------

----------Risposte---------- ----------Risposte---------- 1. (a) 2. (b) 3. (a) 4. (d) 5. (c) 6. (d) 7. (c) 8. (F) 9. (V) 10. (F) 11. (V) 12. (V) 13. (V) 14. (F) 15. (V) 16. (F) 17. (F) 18. (F) 19. (F) 20. (F) 1 COMPLETAMENTO Completare

Dettagli

Economia solidale e sistema di welfare (Ugo Ascoli)

Economia solidale e sistema di welfare (Ugo Ascoli) Economia solidale e sistema di welfare (Ugo Ascoli) 1. Fenomeni demografici, economici e sociali che influenzano ed influenzeranno sempre più la DOMANDA SOCIALE: a) invecchiamento e crescita del numero

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI

MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MASSIMO SILUMBRA COORDINA DOMIZIANA AVANZINI MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 Le basi del Fundraising Alcune brevi note per cercare di migliorare la raccolta fondi Fund = FONDO (non c entra con la parola

Dettagli

Approvato in Consiglio di Amministrazione del 14 novembre 2008

Approvato in Consiglio di Amministrazione del 14 novembre 2008 Approvato in Consiglio di Amministrazione del 14 novembre 2008 Copia n Prot. In consegna a (Nome e Cognome) Funzione / Società SEZ 1 Pagina 2/2 INDICE INDICE DEI CONTENUTI 1 INTRODUZIONE...1 2 AMBITO DI

Dettagli

Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE. Albo delle Associazioni. Rapporti con le Associazioni

Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE. Albo delle Associazioni. Rapporti con le Associazioni Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) Settore Servizi Sociali e Cultura REGOLAMENTO COMUNALE PER l ISTITUZIONE DELL Albo delle Associazioni E PER I Rapporti con le Associazioni Approvato con

Dettagli

Apparenza o sostanza?

Apparenza o sostanza? Apparenza o sostanza? Alessandro Hinna Federculture Servizi srl Roma Il 23 agosto 2006 la Regione Lombardia ha riconosciuto la nuova Fondazione Per Leggere Biblioteche Sud Ovest Milano. Notizia accolta

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: LEGA NAZIONALE DELLE COOPERATIVE E MUTUE Via A. Guattani, 9 00161 Roma Tel. 06/84439386-327

Dettagli

La nuova economica comunitaria, cooperativa e della condivisione

La nuova economica comunitaria, cooperativa e della condivisione La Nec La nuova economica comunitaria, cooperativa e della condivisione Enzo Risso, direttore scientifico di SWG. Docente di sociologia dei processi culturali e comunicativi. 1. I sentimenti sull economia

Dettagli

REPORT 2008-2009. Resoconto delle attività 2008 2009 dei Centri di Servizio per il Volontariato

REPORT 2008-2009. Resoconto delle attività 2008 2009 dei Centri di Servizio per il Volontariato REPORT 2008-2009 Resoconto delle attività 2008 2009 dei Centri di Servizio per il Volontariato Sintesi INDICE Introduzione... 2 1. Enti gestori, soci e organi statutari dei Centri di Servizio per il Volontariato

Dettagli