Criminologia INTELLIGENCE E GESTIONE. Attività preventiva contro i traffici illeciti. con il contributo di FRANCOANGELI DELLE INFORMAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Criminologia INTELLIGENCE E GESTIONE. Attività preventiva contro i traffici illeciti. con il contributo di FRANCOANGELI DELLE INFORMAZIONI"

Transcript

1 Stefano Izzi INTELLIGENCE E GESTIONE DELLE INFORMAZIONI Attività preventiva contro i traffici illeciti con il contributo di Antonello Colosimo Criminologia FRANCOANGELI

2

3 I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet: e iscriversi nella home page al servizio Informatemi per ricevere via e.mail le segnalazioni delle novità.

4 Stefano Izzi INTELLIGENCE E GESTIONE DELLE INFORMAZIONI Attività preventiva contro i traffici illeciti Prefazione di Manlio Strano Contributi di Antonello Colosimo Alessandro Zanasi Postfazione di Giorgio Toschi Criminologia FRANCOANGELI

5 Il volume segue e si collega a due precedenti testi da me realizzati con la FrancoAngeli sui temi della lotta alla contraffazione e della sicurezza nelle infrastrutture intermodali. Questo libro conclude una trilogia che è il frutto di un ciclo di studio effettuato in collaborazione con il prof. Antonello Colosimo, che prevedeva proprio l approfondimento di specifiche tematiche sotto il profilo dell analisi di intelligence, della sicurezza e della conseguente applicabilità di metodologie operative per quelle strutture, pubbliche e private, che fanno della sicurezza e della prevenzione una priorità a salvaguardia del bene individuale ed aziendale. I testi quindi seguono tutti un criterio basilare, per chi studia scientificamente la materia, che è quello di rendere nota e pubblica tutta la procedura di lavoro, affinché le tesi affrontate ed esposte possano essere oggetto di confronto e verifica. Per questo motivo, allo studio ed allo sviluppo delle idee viene sempre affiancata l applicazione pratica nelle strutture di security. Ringrazio per i contributi nel testo: Manlio Strano: Consigliere della Corte dei Conti, Segretario Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Dal 1973 in servizio presso l Ufficio legislativo della Presi denza del Consiglio dei Ministri. È autore di pubblicazioni su temi giuridici. Giorgio Toschi: Generale di Divisione Comandante della Scuola di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza. Ha comandato il Nucleo Speciale di Polizia Valutaria ed il Regionale di Firenze. Svolge attività di docenza presso gli Istituti d Istruzione del Cor po e presso varie Università. Alessandro Zanasi: Membro ESRIF (presso Commissione Europea) in qualità di esperto di intelligence e sicurezza. Docente di Knowledge Management e Data Mining presso le Università di Bologna e di Modena. Inoltre per l attività di studio svolta dall Unità Analisi dei Rischi della IzziConsulting, Chiara Balestri, Barbara Balzano, Massimo Cicatelli ed i miei collaboratori Angela D Ettorre, Emilio Luchetta, Massimo Cotrozzi. Copyright 2011 by FrancoAngeli s.r.l., Milano, Italy. L opera, comprese tutte le sue parti, è tutelata dalla legge sul diritto d autore. L Utente nel momento in cui effettua il download dell opera accetta tutte le condizioni della licenza d uso dell opera previste e comunicate sul sito

6 Indice Prefazione, di Manlio Strano Introduzione 1. Intelligence dalle fonti aperte 1. L Intelligence e metodo di analisi preventiva 2. L Intelligence e la minaccia 3. Intelligence e security 4. Il valore storico dell analisi dalle Fonti Aperte, di Antonello Colosimo 5. I cambiamenti dopo l 11 settembre 5.1. Il ruolo dell analisi 5.2. Intelligence tecnico-militare 6. L analisi d intelligence come strumento di prevenzione 6.1. Le tipologie di analisi tra strategia ed operatività 6.2. L intelligence investigativa 6.3. L inferenza e gli indicatori 6.4. Intelligence e investigazione antiterrorismo 6.5. L analista di intelligence investigativa 7. La riforma dei servizi in Italia, di Antonello Colosimo 7.1. Lo scenario nazionale 7.2. I servizi di informazione e sicurezza e le ostilità 7.3. Le regole contro la destabilizzazione 8. Servizi di informazione e Forze di Polizia, di Antonello Colosimo 8.1. La legge n. 801/ La progressiva estensione delle collaborazioni operative 8.3. La legge n. 124/2007 e le ipotesi di coordinamento pag. 9» 11» 15» 15» 19» 21» 24» 28» 30» 32» 33» 35» 38» 39» 40» 42» 43» 47» 48» 50» 53» 56» 58» 61 5

7 2. Contrasto ai traffici illeciti 1. Smaltimento rifiuti: la geografia dei traffici, di Antonello Colosimo 1.1. La tracciabilità contro il traffico illecito dei rifiuti 2. Traffico illegale di animali 3. Traffico di armi illegali 3.1. Le armi illegali e i conflitti 4. Tratta delle persone in Italia 4.1. Il fenomeno dello sfruttamento delle persone in Italia 5. Il fenomeno della contraffazione nel mondo (aggiornamento 02/2010), di Antonello Colosimo 6. Il traffico illecito dei farmaci, di Antonello Colosimo 7. Il traffico internazionale di sostanze dopanti 7.1. Intelligence applicata alle informazioni 7.2. Il ruolo della criminalità dei paesi ex sovietici 7.3. Il doping dall Asia 7.4. Il ruolo della Cina 8. I traffici via Internet 9. Il doping nell Europa occidentale 9.1. La situazione italiana 10. Le principali rotte del doping 11. I traffici illeciti tra ecomafia e archeomafia 3. Analisi e sistemi tecnologici 1. Intelligence, ricerca e scenari in Europa, di Alessandro Zanasi 1.1. Nuove minacce, nuova intelligence 1.2. L impatto della tecnologia sul fare intelligence 1.3. Internet ed i terroristi 1.4. Lo scenario della Netwar: Intelligence aperta, comunità virtuali, terrorismo 1.5. Come i terroristi usano Internet 1.6. Internet Centers: aspetti tecnologici 1.7. Internet Centers e attività HUMINT 1.8. Internet Center: prospettive operative 1.9. Quali passi per costituire, e poi utilizzare, un Internet Center La sfida del terrore, l aiuto della tecnologia e la reazione europea SAFIRE (Scientific Approach to Fighting Radical Extremism) VIRTUOSO-Versatile InfoRmation Toolkit for end- Users oriented Open-Sources exploitation pag. 65» 65» 68» 70» 73» 75» 76» 79» 83» 87» 88» 92» 96» 97» 101» 103» 104» 107» 108» 112» 121» 121» 122» 124» 124» 126» 129» 132» 135» 136» 138» 141» 146» 147 6

8 2. Metodo di analisi e moralità, di Antonello Colosimo 3. Illeciti e sistemi informatici 3.1. Il trattamento delle informazioni e la banca dati delle Forze di Polizia 3.2. La privacy e gli illeciti contro la riservatezza informatica e telematica 3.3. La regolamentazione delle banche dati: la legge 675/ Prevenzione e sicurezza a tutela della riservatezza informatica e telematica 3.5. Sicurezza delle reti ICT 3.6. L analisi dell art. 615 ter. c.p. 4. Privacy e sicurezza: l equilibrio necessario 4.1. La difficile convivenza 4.2. Ciclo operativo del Sistema di Sicurezza 4.3. Un cambiamento epocale: l esigenza di sicurezza ed il rispetto della privacy 4.4. Intercettazioni ed informazioni 4. Intelligence e aziende 1. Introduzione 1.1. Business intelligence e trasporti 1.2. Analisi e statistiche 1.3. Tecnologie ITS per i Sistemi di Trasporto 1.4. Aspetti Regolatori e Implementazione 2. Security Governance: analisi e gestione dei rischi 2.1. Security, facility management & outsourcing 2.2. L outsourcing dei servizi di sicurezza Conclusioni Postfazione, di Giorgio Toschi Appendice. I servizi di intelligence nel mondo Bibliografia pag. 150» 151» 152» 154» 155» 157» 160» 162» 167» 168» 171» 175» 180» 185» 185» 187» 188» 189» 192» 195» 197» 202» 207» 209» 213» 225 7

9

10 Prefazione di Manlio Strano Segretario Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri Quest ultimo decennio porta in dote dal passato una serie di cambiamenti epocali e, con essi, evoluzioni e crisi. Se il crollo del muro di Berlino e del blocco sovietico hanno infatti determinato una profonda trasformazione degli assetti geopolitici e strategici globali, se la rivoluzione tecnologica ha ridotto le distanze tra luoghi e persone un tempo molto lontani tra loro e la globalizzazione ha mostrato tutti i suoi effetti, è toccato poi alla crisi economica evidenziare le vulnerabilità relative al sistema che non ha saputo prevedere, rimanendone coinvolto totalmente. A questi elementi si è aggiunta una lunga serie di dinamiche ed eventi, ben conosciuti ed a volte purtroppo tragici, derivati in parte proprio da questi fattori. La nuova dimensione degli equilibri internazionali ha mostrato quindi anche nel settore economico la faccia più preoccupante e meno attenta dei sistemi bancari, la cui governance si è manifestata con gravi carenze nella tutela degli utenti, colpiti e coinvolti in una crisi economica senza precedenti, alla quale solo un intervento da parte delle istituzioni statali ed internazionali ha cercato di far fronte. Un accurata analisi strategica ed una mirata attività di prevenzione, anche in questo ambito, ha portato infine a limitare i danni verso i soggetti coinvolti. Diversi provvedimenti adeguati sono stati intrapresi con rigore nei confronti dei responsabili. Con una crisi di queste dimensioni, è ancora poco quello che si sta facendo nel mondo contro il proliferare di traffici illeciti generati anche da conflitti interni su base etnico-religiosa, da forti violazioni dei diritti umani ed accompagnati dal preoccupante problema dei rifugiati e degli sfollati. Nonostante che il problema del terrorismo sia di fatto globale e nonostante i controlli e le procedure di sicurezza che ogni Stato ha implementato dopo l 11 settembre e dopo gli ultimi recenti eventi, si è visto come sia ancora possibile che qualche Agenzia mantenga per sé informazioni im- 9

11 portanti, senza condividerle, mettendo così a serio rischio l incolumità di estranei passeggeri e ridicolizzando il sistema di sicurezza internazionale. Tutto questo mentre evolve e si diffonde il world wide web, con l accesso ad internet virtualmente disponibile ormai a tutti ed a basso costo, determinando una rivoluzione nel mondo dell informazione e della conoscenza e consentendo ai singoli individui di ottenere e scambiare informazioni con tutti in modo immediato, economico e sostanzialmente libero da qualsiasi controllo. Non ultimo, internet contribuisce alla formazione di una cultura globale e di molte culture ad essa antagoniste, determinando nuove dinamiche nei fenomeni di integrazione e di contrapposizione tra individui e Stati. Del resto, già la Relazione sulla Politica dell Informazione per la Sicurezza del 2008 indicava che l accentuato dinamismo dello scenario internazionale e i correlati mutamenti del quadro della minaccia hanno reso necessario un costante mutamento di strumenti, capacità (umane e tecnologiche) e strutture del comparto di intelligence. Questo innovativo contesto apre e segna indelebilmente il nuovo millennio con innumerevoli sfide, pericoli ed opportunità fino a pochi anni orsono impensabili. Nell accelerazione generalizzata che caratterizza la politica, l economia e la cultura del nostro tempo, gli elementi storicamente considerati prioritari, quali la sensibilità sociale legata alla percezione del pericolo e la necessità di tutelare i diritti individuali, rimangono sempre determinanti. Con questa pubblicazione l autore, avvalendosi anche del contributo di autorevoli esponenti del mondo professionale ed accademico, svolge ed offre quindi una analisi di insieme del contesto storico in cui si trovano ad operare i servizi di intelligence e della conseguente necessità di procedere ad un continuo aggiornamento e miglioramento degli strumenti tecnologici e delle risorse umane a supporto proprio dell attività di intelligence. Si tratta di elementi di estrema importanza che incidono significativamente anche nell ambito dell attività imprenditoriale. L adeguamento di ogni settore alle nuove tipologie di traffici e di criminalità è un elemento necessario affinché l attività di prevenzione e di contrasto possa continuare ad essere incisiva ed efficace anche in futuro mantenendo il passo coi tempi. 10

12 Introduzione La minaccia del terrorismo internazionale rimane costante tornando a spaventare tutti ed evidenziando sotto il profilo tecnico quella che è da tempo la maggiore vulnerabilità del sistema antiterrorismo di intelligence: lo scambio di informazioni. Un chiarimento della situazione in Italia, nel più ampio contesto internazionale delle minacce e del rischio, ci viene puntuale dall ultima Relazione dei Servizi di Informazione e Sicurezza al Parlamento 1 che evidenzia come il nostro Paese rimanga comunque costantemente esposto. Il rischio terrorismo islamico è oggi rappresentato da cellule non organiche di Al Qaida, dedite essenzialmente ad attività di supporto logistico, potenzialmente in grado di effettuare un salto di qualità e di passare alla fase operativa di attacco. Permane il rischio che soggetti free lance isolati o micronuclei pronti ad entrare in azione anche in via del tutto autonoma vicini all ideologia salafita-jihadista, impossibilitati a raggiungere i teatri di crisi, possano decidere azioni ostili sul territorio nazionale. Possano convogliare sentimenti antioccidentali e anti italiani contro personalità istituzionali o personaggi noti ritenuti colpevoli di comportamenti dissacratori nei confronti dell Islam. Ne è stata la prova il fallito attentato suicida del 12 ottobre alla caserma Santa Barbara di Milano che costituisce il primo attacco jihadista sul territorio nazionale. Allo stesso tempo resta persistente la minaccia terroristica di matrice brigatista e anarco-insurrezionalista. Il pericolo riguarda germinazioni o contaminazioni che, quant anche di ridotta consistenza numerica, potrebbero risultare di rinnovata e grave offensiva. A questo proposito il Governo stesso ha segnalato la minaccia collegata all estremismo interno tra gli obiettivi prioritari dell attività informativa. 1. Cfr. Tratto da: Presidenza del Consiglio dei Ministri (2009), Relazione sulla Politica dell Informazione per la Sicurezza, a cura del Dipartimento Informazioni per la Sicurezza. 11

13 Un altro fronte sempre aperto è quello che riguarda l attività di contrasto a Cosa Nostra che oggi la citata Relazione descrive come costretta ad inabissarsi dall aggravarsi delle fasi critiche e che starebbe cercando di recuperare figure carismatiche, segnatamente storici capimafia che, accanto alle giovani leve, in una prospettiva temporale di medio-lungo termine siano in grado di ripristinare modelli organizzativi più efficaci ed idonei a superare le attuali difficoltà. Una Cosa Nostra che sembra voglia tornare all antico, dunque, secondo i Servizi, con gli storici e carismatici capimafia recuperati anche per risolvere altre problematiche: riempire i vuoti di potere a livello apicale, specie di alcune articolazioni strategiche del Palermitano, ormai decapitate; riaffermare la presenza mafiosa sul territorio e recuperare risorse economiche tramite l esercizio estorsivo, l ingerenza persistente e sistematica negli appalti e nell esecuzione di lavori pubblici e privati, anche per soddisfare le crescenti esigenze di un circuito carcerario sempre più influente. Sul fronte tecnologico di comunicazione ed informazione, rimane invece aperta la minaccia cibernetica che ha assunto caratura strategica, tanto da essere considerata dai principali attori internazionali un fattore di rischio di prima grandezza, direttamente proporzionale al grado di sviluppo raggiunto dalle tecnologie dell informazione. La cyber security rappresenta, dunque, un fondamentale campo di sfida per l intelligence, in relazione alla sicurezza economica del Paese e all architettura di sistema che sorregge il concreto funzionamento, le attività quotidiane e i programmi di sviluppo della Nazione. La minaccia cibernetica, infatti, pur riguardando la dimensione intangibile del cyberspazio risulta, infatti, in grado di incidere su una pluralità di settori interconnessi, inclusi quelli delle infrastrutture critiche. Questo ultimo tema si collega poi anche alle minacce alla sicurezza economica nazionale accentuate dalla crisi economico-finanziaria. Aumentano quindi le frodi, specie quelle finanziarie, spinte anche dalla crescita di esposizione di piccole e medie imprese in crisi di liquidità, che inevitabilmente porta ad un aumento delle pericolose derive usuraie e predatorie. Il protrarsi degli effetti della crisi lascia emergere una persistente criticità nel panorama nazionale, soprattutto per quel che concerne i processi di penetrazione criminale nel circuito economico-finanziario legale. Sulla base di questo scenario, in evoluzione certo, ma su tematiche ormai ricorrenti, basandomi sugli studi precedentemente svolti e pubblicati con il Prof. Antonello Colosimo, questo libro intende quindi rivolgere una particolare attenzione all intelligence come dottrina, ai suoi metodi ed agli strumenti utilizzati per la difesa e la sicurezza del Paese come delle aziende. Nella consapevolezza che trattare ed esporre temi che riguardano il settore dell intelligence, vista la complessità, comporta conoscenza approfondita, abbiamo quindi cercato di ristringere e focalizzare l analisi all intelligence dalle fonti aperte (OSINT/OSI Open Source Intelligence), e poi 12

14 sull importanza degli strumenti di intelligence e sulle sue possibili evoluzioni, soprattutto nell uso di metodi con supporto di tecnologie. Questo perché, nella lotta al terrorismo internazionale, è di grande attualità il tema dell impiego delle tecnologie informatiche per l identificazione dei rischi e per la difesa nazionale. Un impiego che vede quindi sempre in prima linea le tecnologie d intelligence, le stesse che stanno oggi progressivamente entrando nell uso comune delle aziende, per lo studio e l analisi degli orientamenti commerciali dei clienti, comportamenti post vendita di prodotti e servizi o finalizzate alla individuazione delle nuove opportunità di business e molto altro ancora. Su questo particolare tema di intelligence e sicurezza abbiamo avuto il prezioso contributo di uno dei maggiori esperti internazionali del settore, il Prof. Alessandro Zanasi. Si tratta, insomma, di un lavoro impegnativo che si sofferma non solo sulle informazioni in merito alla evoluzione delle strutture di intelligence nazionale, ma anche sull analisi di alcuni traffici illeciti la cui tracciabilità è resa sempre più difficile. Non sono affrontati i traffici illeciti più conosciuti, come quelli della droga o dei tabacchi, bensì quelli comunque pericolosi, come il traffico dei rifiuti, il crescente traffico di animali, quello di armi illegali, la tratta delle persone, merci contraffatte, il traffico dei farmaci, delle sostanze dopanti e dei beni culturali. Un altro aspetto importante riguarda il dibattito che ruota attorno al binomio privacy-sicurezza e che può certamente essere considerato oggi uno degli aspetti più discussi e controversi, la cui importanza va sicuramente oltre la ricerca di un equilibrio tra le contrapposte esigenze volte, da un lato, a garantire la sempre maggiore richiesta di sicurezza e, dall altro, a tutelare le libertà civili tipiche di una società democratica. A tutti sono note le implicazioni di una possibile contrapposizione sostanziale fra i due concetti, ma la scarsa chiarezza esistente a proposito dell origine del problema non favorisce il venir meno dei dubbi. L equilibrio deve essere di volta in volta individuato nelle situazioni contingenti attraverso la sinergia fra i diversi attori preposti all attività, prima preventiva e poi di contrasto alla minaccia. Dal momento che tale equilibrio risente anche delle necessità politiche, ritengo che sia utile fare il punto della situazione mediante l analisi di ciò che a riguardo è stato scritto, delle leggi che alla materia fanno capo, nonché della ragione di alcune scelte relative a sicurezza e privacy. Pertanto, il riferimento alla L. 675/96 appare più opportuno di quanto potrebbe esserlo quello al D. Lgs. 196/2003. Su questi temi l approccio nel testo vuole essere costruttivo con una attenzione alle problematiche legate alla conoscenza che sappiamo essere soggetta ad errori ed interpretazioni errate 2. In questa nostra interpretazio- 2. Cfr. Morin Edgar (2001), I sette saperi necessari all educazione del futuro. Ed RaffaelloCortina Milano. 13

15 ne, per evitare quindi nel limite del possibile gli errori, abbiamo cercato di analizzare scrupolosamente il rapporto tra la nostra conoscenza e l interpretazione, al solo fine di avere una percezione corretta della conoscenza che, in particolare nell analisi di queste tematiche, dovrebbe rimanere il più possibile distaccata dalla sensibilità umana e dell emozione che possono essere causa di errore nella formulazione di soluzioni e giudizi. Il libro è il frutto di ricerca, analisi e studio. Una parte del testo è, come al solito, una guida anche applicativa alle attività di prevenzione mediante l implementazione di metodologie di security in azienda. Raccoglie molte citazioni ed estratti di studi già effettuati da altri autori, migliori certo, e comunque indispensabili a rendere questo testo il più possibile ampio, non credo completo. La prefazione puntuale del Cons. Manlio Strano sottolinea come l attività di prevenzione e di contrasto, con il supporto dell intelligence, debba continuare ad essere incisiva, efficace ed al passo con i tempi. La postfazione è a firma di Giorgio Toschi, Generale di Divisione della Guardia di Finanza, concreta testimonianza di attività operativa e di cultura di intelligence. L appendice del libro infine, elenca le agenzie internazionali di intelligence suddivise per nazioni con quanto è possibile reperire dalle fonti aperte, nome e sito web. Nell ambito del possibile, sono stati molti gli autori che ho contattato ed a cui ho personalmente scritto per informarli delle citazioni e, con grande soddisfazione, da tutti ho ricevuto pieno consenso e supporto documentale. Diverse ed interessanti anche le tesi di studenti universitari da me consultate proprio nelle fonti aperte di internet. Il testo nasce dall applicazione scrupolosa dei principi del ciclo di intelligence. Le note del testo e la completa bibliografia raccolgono tutti gli elementi per risalire agli autori citati. Spero di non averne dimenticato nessuno ma, se così fosse, colgo l occasione per esprimere il mio ringraziamento a tutti, anche a coloro che non ho citato. 14

16 1. L intelligence dalle fonti aperte 1. Intelligence e metodo di analisi preventiva Il primo passo verso la comprensione della dottrina dell intelligence è lo studio. Lo studio inteso come rapporto diretto tra l analisi dell informazione ed ogni elemento che la identifica (da chi, come, perché, quando e processo di orientamento o direzione verso chi, in che modo). Lo studio inteso come fine conoscitivo. Il primo passo nell attività di intelligence viene fatto da tutti nel settore delle fonti aperte. Una definizione dell intelligence delle fonti aperte condivisa da più parti configura l open source intelligence come un processo di raccolta, selezione, distillazione e diffusione di informazioni non classificate ad una comunità ristretta di operatori ed in relazione a specifici argomenti. L OSINT (Open Source Intelligence) costituisce quindi il primo passo, un punto di partenza, un indicatore importante per altre forme d intelligence e, quando viene svolta in modo sistematico, può ridurre notevolmente la richiesta di intelligence classificata (non per tutti disponibile ed accessibile), limitandone il bisogno alle sole questioni che non possono trovare una risposta in ambiti accessibili sia legalmente che economicamente. Bisogna però anche sapere che l OSINT, o la ricerca dalle fonti aperte, è qualcosa di profondamente diverso dalla ricerca accademica, economica o giornalistica, nella misura in cui fa uso di strumenti d intelligence di provata efficienza, applicandoli ad una più ampia tipologia di fonti. In particolare, il tratto che maggiormente caratterizza l open source intelligence è il fatto di essere un processo concepito non per acquisire o generare conoscenza, quanto piuttosto per mettere uno o più individui nelle condizioni di svolgere al meglio il proprio lavoro attraverso la predisposizione delle sole informazioni necessarie. Le fonti aperte non sono oggi un settore di pertinenza esclusiva dell intelligence, ma sono divenute uno strumento indispensabile e molto più fa- 15

17 miliare anche ad altri ambienti del settore privato ed aziendale. La comunità dell intelligence mondiale ha in parte già precorso i tempi ed analisti e staff intelligence dovrebbero cercare di interfacciarsi al meglio con questo tipo di fonti, per consentire a chi ne ha bisogno di accedere ad informazioni di carattere rilevante senza richiedere autorizzazioni particolari. Si tratta di una necessità che diventa sempre più cruciale nel tempo, nella misura in cui i vecchi, solidi e monolitici principi guida dell intelligence tradizionale si trovano a dover fare i conti con una struttura della Difesa e della sicurezza che il nuovo contesto globale vuole più dinamica, dispersa, ma soprattutto più collaborativa. Da tempo ormai le minacce ed il terrorismo globale rendono i sistemi- Paese più uniti nella stessa vulnerabilità, facendo emergere la necessità ormai chiara che settori una volta ostili ed estranei al dialogo forzino tra loro una condivisione di intelligenza. Il dialogo, nell intelligence, è sempre stato un elemento problematico: non solo gli Stati hanno sempre manifestato una certa difficoltà nello scambiarsi informazioni più o meno classificate per la necessità di proteggere i propri interessi, le proprie procedure e non ultimo le proprie fonti, ma anche al proprio interno hanno sempre vissuto un ampia frattura tra la vita quotidiana della società civile ed il lavoro discreto dei servizi di sicurezza. Questa situazione è destinata a cambiare, ma si pone il problema di come far coesistere un ampio bisogno di comunicazione con tutti i problemi connessi alla protezione di quelle informazioni ritenute sensibili. L intelligence delle fonti aperte, la sua diffusione ed il suo interscambio sembrano costituire la miglior risposta a quest esigenza. Affinché l OSINT possa dare i suoi frutti, tuttavia, alle fonti aperte dovrebbero essere applicati i tradizionali processi, di ormai provata efficacia, relativi al trattamento delle informazioni nella intelligence tradizionale. Tutto ciò al fine di garantire una maggiore qualità dei dati in uscita ed alimentare al meglio il successivo assemblaggio di prodotti che integrano informazioni provenienti dalle varie componenti di intelligence (all-source intelligence), fornendo una guida ed una solida base informativa per gli analisti. Per questo motivo è necessario accostarsi all OSINT come ad una disciplina scientifica; in questo senso, si possono identificare almeno quattro elementi da tenere in considerazione: le definizioni, le fonti, la direzione ed il ciclo dell OSINT. In realtà, l esigenza di conoscere le capacità, le potenzialità e la volontà del nemico (o di coloro che solo potenzialmente sono tali) non appartiene al presente, ma è regola che risale agli albori dei conflitti e addirittura all origine dell uomo. Il bisogno di informazioni, infatti, può essere fatto risalire al momento in cui dallo scontro tra singoli si passò allo scontro fra tribù, cioè tra agglomerati sociali distinti, laddove diventava fondamentale, ai fini 16

18 della sopravvivenza, acquisire il maggior numero possibile d informazioni sull avversario e sul possibile terreno di scontro. Di pari passo con la consapevolezza della necessità di acquisizione delle informazioni, crebbe la consapevolezza che il compito di procurare le notizie necessarie non poteva essere svolto da chiunque, ma che al contrario fossero necessari individui in possesso di caratteristiche particolari che consentissero loro di penetrare lo schieramento dell avversario al fine di carpirne i segreti. Di questo troviamo traccia anche nel testo di Chester G. Starr, il quale afferma: da un lato gli Stati greci non avevano necessità di avere sotto controllo l evoluzione tecnologica dei loro vicini, dal momento che i mutamenti in tale settore erano assai limitati nel mondo antico. D altro canto, però, il mondo egeo era un tessuto costituito dal delicato intreccio di centinaia di unità politiche indipendenti, le cui fortune o i cui rovesci dipendevano in egual misura da fattori esterni o interni. D altra parte, sebbene fino a tutto il VII sec. a.c. le polis non fossero ancora entità del tutto cristallizzate che si erano divise fra loro l intero territorio ellenico, in seguito ciascuna entità appartenente a questa molteplicità di Stati si interessò sempre più direttamente ai propri vicini, all interno di un sistema fortemente competitivo che trova giusta sintesi nel principio formulato da Democrito: il potere appartiene per natura al più forte 1. Lo stesso Platone si espresse sull argomento con una frase che rimane di incredibile attualità e, da sé, basterebbe a dare il senso dell importanza delle informazioni: nella realtà delle cose, per forza di natura ogni Stato è in continuo stato di guerra, pur se non dichiarata, con ogni altro 2. È evidente che lo spionaggio politico, strettamente collegato a quello militare, non avrebbe potuto, allora come adesso, evitare le guerre, ma resoconti dettagliati di problemi insorti fra Stati devono aver contribuito ad accomodamenti per vie più pacifiche. Del resto, qualsiasi studio sulle relazioni politiche, economiche e commerciali dell epoca, potrà illustrare i frequenti mutamenti di alleanze diplomatiche e militari che si verificavano. Ciononostante, in nessuno studio sulla Grecia classica si fa riferimento alla parola spionaggio o si accenna alla fonte delle informazioni, tant è che le notizie si danno esclusivamente come acquisite. È anche vero che non bisogna pensare allo spionaggio come ad una caratteristica tipica esclusiva dei popoli occidentali. Sulla materia si esprime compiutamente anche Sun Tzu nel suo celeberrimo L arte della guerra 3, 1. Cfr. Chester G. Starr (1993), Lo spionaggio nella Grecia Classica, Sellerio ed., Palermo. 2. Già citato Chester G. Starr. 3. Cfr. Sun Tzu, L arte della guerra, Guida ed., Napoli, Risulta particolarmente interessante ai fini del nostro studio la frase: La raccolta sistematica di informazioni, che consente una previsione al di fuori della portata della gente comune, permette al sovrano e al generale di combattere e vincere (pag. 135). 17

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani

A cura del Dott. Maurizio Santoloci e della Dott.ssa Valentina Vattani Un commento sugli effetti del decreto legge n. 138 del 2011 in antitesi alle teorie che vorrebbero una vacatio legis nel campo del trasporto dei rifiuti anche pericolosi L ABROGAZIONE DEL SISTRI NON CREA

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA Sig. Prefetto, Sig. Sindaco, Sig. Presidente della Provincia, Eccellenza Reverendissima,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA RHO, DAL 25 AL 28 NOVEMBRE 2008 Un quarto di secolo di storia,

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 26 giugno 2015 (OR. en) EUCO 22/15 CO EUR 8 CONCL 3 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Oggetto: Riunione del Consiglio

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti Ufficio Stampa Jacobacci & Partners DATASTAMPA Simonetta Carbone Via Tiepolo, 10-10126 Torino, Italy Tel.: (+39) 011.19706371 Fax: (+39) 011.19706372 e-mail: piemonte@datastampa.it torino milano roma madrid

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA

UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA UN'EUROPA SICURA IN UN MONDO MIGLIORE STRATEGIA EUROPEA IN MATERIA DI SICUREZZA Bruxelles, 12 dicembre 2003 Introduzione Mai l Europa è stata così prospera, sicura e libera. Alla violenza della prima metà

Dettagli