CAPITOLO 7 I sistemi informativi sanitari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 7 I sistemi informativi sanitari"

Transcript

1 CAPITOLO 7 I sistemi informativi sanitari Lucidi di Gianmario Motta 2010

2 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Definire i blocchi funzionali dei sistemi informativi sanitari: pianificazione e controllo, gestione dell assistenza, unità sanitarie di erogazione dei servizi Posizionare il contesto Italiano rispetto alle realtà europee ed extraeuropee Descrivere i flussi informativi da supportare, il ruolo delle ICT, le criticità e le sfide associate a tale ruolo Essere in grado di tracciare, anche approssimativamente, casi d uso e schema dei dati per applicazioni sanitarie (anche tramite la conoscenza di esempi di eccellenza) Individuare i problemi di integrazione tra sistemi informativi sanitari e le possibili soluzioni 2

3 I sistemi informativi Sanitari INTRODUZIONE STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL SISTEMA SANITARIO SISTEMA INFORMATIVO SANITARIO TECNOLOGIE DOMANDE DI VERIFICA 3

4 Introduzione: Il sistema Sanitario Il sistema sanitario può essere definito da diversi punti di vista: Risorse allocate (posti letto, personale medico ed infermieristico, programmi Indicatori di prestazione erogate (Organizzazione Mondiale della Sanità - Rete di attori e funzioni quali finanziamento; regolamentazione; allocazione delle risorse; e fornitura di servizi Prospettiva funzionale, il sistema sanitario è composto da tre strati funzionali: Pianificazione e controllo: Pianificazione del sistema Identificazione delle risorse (economiche, professionali, organizzative, ), Regole (leggi nazionali e regionali, regolamenti, ) Controllo Assistenza: assicura la gestione della salute del cittadino Erogazione: Eroga il servizio sanitario Comprende le strutture territoriali di servizio (ospedali, cliniche, ambulatori, laboratori, farmacie, ) 4

5 Introduzione: Modelli occidentali a confronto Privatistico-previdenziale (matrice statunitense) L accesso ai servizi sanitari è correlato alla disponibilità economica dei singoli Il singolo ricorre a forme previdenziali di copertura (assicurazioni sanitarie) Universale (matrice europea) La salute è diritto fondamentale dei cittadini Ogni cittadino ha diritto di usufruire di tutti i servizi compresi nei livelli essenziali di assistenza stabiliti a livello nazionale 5

6 Introduzione: Modelli occidentali a confronto Privatistico-previdenziale (matrice statunitense) Prevalentemente privato: finanziamento tramite assicurazioni erogazione dei servizi Esiste anche una componente assicurativa pubblica, finanziata dal Governo federale Il più diffuso canale assicurativo è associato all impiego: HMO (Health Maintenance Organization) Fornisce prestazioni, con il vincolo di un limitato numero di medici di medicina generale e di strutture specialistiche e ospedaliere convenzionate o di proprietà. Una parte minoritaria usa assicurazioni individuali, é servita da programmi assistenziali statali mirati (p.e. per la fascia più anziana della popolazione). Universale (matrice europea) Finanziamento pubblico: con contributi dei singoli in ragione del rispettivo reddito con assicurazioni obbligatorie o integrative (Germania e Francia). Il governo del sistema é su tre livelli: enti e organi nazionali (competenze normative, finanziarie e di indirizzo) organismi di governo territoriale (responsabili della gestione regionale ed erogazione dell assistenza), organismi previdenziali - assicurativi. Esigenza è contenere una spesa in crescita, In genere i governi muovono verso una maggiore contribuzione solidale dei cittadini una crescente autonomia locale, (programmazione e amministrazione dell offerta sanitaria) 6

7 I sistemi informativi Sanitari INTRODUZIONE STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL SISTEMA SANITARIO SISTEMA INFORMATIVO SANITARIO TECNOLOGIE DOMANDE DI VERIFICA 7

8 Il Sistema Sanitario Italiano Il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) è un sistema pubblico universalistico garantisce l assistenza sanitaria a tutti i cittadini Il Sistema Sanitario in Italia è basato su più livelli territoriali: Nazione Regione Azienda 8

9 Livelli territoriali Livello Nazionale Livello Regionale Livello Aziendale Il livello nazionale si concentra su indirizzo, controllo e coordinamento delle politiche sanitarie presidio, indirizzo e controllo delle attività di ricerca clinica e scientifica in ambito sanitario. Costituito da: Ministeri competenti (Ministero della Salute) Enti centrali: Consiglio Superiore di Sanità Istituto Superiore di Sanità Istituto Superiore per la Prevenzione e Sicurezza del Lavoro (ISPESL) Agenzia del farmaco 9

10 Livello Nazionale Livello Regionale Livello Aziendale Livelli territoriali Il livello regionale è il più rilevante le Regioni sono responsabili in via esclusiva dell'organizzazione delle strutture dei servizi sanitari sono direttamente impegnate ad assicurare i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) Le aziende sanitarie, pubbliche e private, della Regione rispondono all Assessorato e alla Direzione Sanità regionale I rapporti con le strutture private vengono gestiti tramite un meccanismo di accreditamento I LEA sono le prestazioni ed i servizi che lo SSN è tenuto a fornire a tutti i cittadini: gratuitamente dietro pagamento di una quota di partecipazione (ticket). 10

11 Livelli territoriali Livello Nazionale Livello Regionale Livello Aziendale Costituito dalle Aziende Sanitarie Locali (ASL) Le ASL sono dotate di Personalità giuridica pubblica Di autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale, contabile, gestionale e tecnica Provvedono ad organizzare l'assistenza sanitaria nel proprio ambito territoriale e ad erogarla attraverso strutture pubbliche o private accreditate. Le ASL (195 ad oggi) garantiscono le prestazioni dei livelli essenziali di assistenza. Alle ASL rispondono i Medici di Medicina Generale e i Pediatri di Libera Scelta (meccanismo di scelta e revoca) 11

12 Il Sistema Sanitario Italiano: Normative Il Sistema Sanitario in Italia negli ultimi due decenni si è profondamente evoluto dai punti di vista organizzativo e tecnologico. A fine anni 90 è cambiato il quadro normativo: il D.Lgs. 229/99 (Riforma Ter) ha riformato lo SSN attraverso la aziendalizzazione e la conseguente autonomia strategica, gestionale e finanziaria delle aziende sanitarie pubbliche Il federalismo fiscale delega alle Regioni le principali responsabilità strategiche, organizzative e finanziarie inerenti al deficit della spesa sanitaria regionale (incide sul bilancio regionale)

13 Attori del Sistema Sanitario Italiano Cittadino Medico di base Regione regole Stato richieste collaborazione controllo e finanziamenti collaborazione Enti locali Azienda Ospedaliera Associazioni di cittadini controllo acquisti mobilità Altre Aziende Sanitarie Locali Fornitori Azienda Sanitaria Locale territoriale Aziende accreditate e convenzionate

14 Attori del Sistema Sanitario Italiano Diversi attori: Azienda Ospedaliera e Azienda Sanitaria Locale: Attori centrali di gestione dell assistenza ed erogazione Altri enti nazionali e territoriali di pianificazione e controllo (Regione, Stato, Enti locali): Collaborano all assistenza ed all erogazione delle prestazioni Medici di Medicina Generale Pediatri di Libera Scelta I cittadini e le associazioni di cittadini I fornitori di beni e servizi delle Aziende Sanitarie. 14

15 Attori del Sistema Sanitario Italiano Gli attori scambiano informazioni: L Azienda Ospedaliera scambia con Regione e ASL flussi informativi di controllo delle attività, rendicontazione (SDO, File F, ) finanziamento e con altri Enti Locali Per l acquisto di beni e servizi l Azienda Ospedaliera scambia informazioni relative con i propri fornitori (farmaci, presidi, apparati, servizi clinici e non, ) Per la erogazione del servizio primario l Azienda Ospedaliera interagisce con i medici di base e con i cittadini L ASL interagisce con le Aziende sanitarie accreditate e convenzionate per le procedure di accreditamento e in seguito di controllo. 15

16 I sistemi informativi Sanitari INTRODUZIONE STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL SISTEMA SANITARIO SISTEMA INFORMATIVO SANITARIO TECNOLOGIE DOMANDE DI VERIFICA 16

17 Il Sistema Informativo Sanitario I sistemi informativi sanitari supportano la pianificazione e controllo a livello nazionale e regionale agevolano l assistenza nel rapporto tra cittadino e medico di medicina generale migliorano l erogazione delle prestazioni I sistemi informativi sanitari in Italia si sono sviluppati su due direttrici principali: informatizzazione dei flussi di controllo a livello nazionale e regionale informatizzazione dell erogazione delle prestazioni nelle aziende sanitarie. 17

18 Il Sistema Informativo Sanitario: Livello nazionale Include flussi informativi statistici e di controllo sulle attività sanitarie e su temi socio-sanitari. Esempio monitoraggio delle informazioni legate agli eventi di nascita Forte spinta coordinamento delle azioni regionali sul territorio controllo delle principali aree di spesa (p.e. prescrizioni farmaceutiche) Nel Piano di egovernment 2012, l obiettivo numero 4 è rivolto alla Salute: Semplificazione e digitalizzazione dei servizi elementari (prescrizioni e certificati di malattia digitali, sistemi di prenotazione online) Creazione delle infrastrutture per un erogazione di servizi sanitari sempre più vicine alle esigenze dei cittadini (fascicolo sanitario elettronico e innovazione delle strutture delle aziende sanitarie) I progetti da realizzare, di concerto con le Regioni, sono: Connessione in rete di tutti i medici di medicina generale e pediatri di libera scelta; Digitalizzazione del ciclo prescrittivo (ricetta e certificato di malattia digitali); Fascicolo sanitario elettronico del cittadino; Rete di centri unici di prenotazione (CUP) che consentano ai cittadini di prenotare le prestazioni su tutto il territorio nazionale; Innovazione delle aziende sanitarie

19 Il Sistema Informativo Sanitario: Livello regionale Le evoluzioni più forti sono avvenute nelle Regioni, sul modello del CRS (Carta Regionale Servizi) SISS (sistema Informativo Socio Sanitario) della regione Lombardia La Regione assicura il supporto informatico a pianificazione e controllo della assistenza medici di medicina generale cittadini Elemento chiave del sistema è la tessera sanitaria che abilita l autenticazione dell assistito l accesso a servizi sanitari in rete la consultazione delle proprie informazioni sanitarie via Internet (Fascicolo Sanitario Elettronico regionale)

20 Il caso Regione Lombardia

21 Il caso Regione Lombardia: CRS-SISS Il SISS Il progetto inizia nel 2000, con una sperimentazione nella Provincia di Lecco Dal 2003 al 2009 il sistema è esteso all intera Regione La Regione sta pianificando una nuova fase per il , includendo Evoluzioni funzionali (verso cittadini e operatori sanitari) Adeguamenti tecnologici (p.e. sostituzione delle carte CRS a contatto con RFId) La piattaforma informatica mette in rete Medici di Medicina Generale Pediatri di Libera Scelta Strutture socio-sanitarie regionali Il SISS rende disponibili agli operatori autorizzati le informazioni cliniche sugli assistiti.

22 Il caso Regione Lombardia: accessi CRS-SISS Al SISS si accede attraverso carte dotate di microprocessore Operatori socio-sanitari: Carta SISS (blu) Accedono da postazioni informatiche ai dati sanitari di ogni cittadino. Eseguono prescrizioni farmaceutiche e ambulatoriali, richieste di ricovero, registrazione di referti, consultano la storia clinica del cittadino. Cittadini: Carta Regionale Servizi (gialla) CRC Accedono alle proprie informazioni sanitarie e amministrative dal portale regionale CRS-SISS, collegando un apposito lettore di smart card al proprio pc.

23 Il caso Regione Lombardia: componenti CRS-SISS

24 Il caso Regione Lombardia : componenti CRS-SISS Banca Anagrafe e Codifiche (BAC): gestione, presso le aziende ospedaliere, dei dati anagrafici e/o codifiche SISS Repository Referti (o EPR): permette all'azienda ospedaliera di archiviare e condividere i referti Middleware integrazione (SISS-Way): firma, archiviazione su Repository, registrazione su SISS e consultazione dei referti medici erogati da una azienda ospedaliera (servizi REF-CON), identificazione cittadino e identificazione prescrizione (servizi MIA), prenotazione di prestazioni presso aziende ospedaliere (servizi PRE), emissione di prescrizioni SISS nelle fasi di compilazione, stampa della ricetta e notifica verso i sistemi centrali (servizi PRSC); Middleware integrazione aziendale (ICAN o JCAPS): riceve referti testuali e dati strutturati da portali clinici e applicativi dipartimentali e diagnostici (radiologia, laboratorio analisi ecc.) li indirizza al Repository Referti o altri applicativi aziendali.

25 Il Sistema Informativo Sanitario: livello territoriale (Azienda Sanitaria Locale) Nelle aziende la situazione dei sistemi informativi è eterogenea Secondo l Osservatorio della School of Management del Politecnico di Milano (Osservatorio ICT in Sanità, 2009) molte aziende sanitarie aumentano i propri budget ICT Aree chiave: Cartella Clinica Elettronica (EPR - Electronic Patient Record) Tematica principale ed investimenti più consistenti, Evoluzione verso soluzioni integrate a livello aziendale Dematerializzazione documenti Clinical Governance Servizi Digitali al Cittadino

26 Il Sistema Informativo Sanitario: livello territoriale

27 Il Sistema Informativo Sanitario: livello territoriale Il sistema sanitario territoriale, imperniato sull Azienda Sanitaria Locale, produce: Servizi amministrativi ed anagrafici: anagrafe pazienti ed operatori, prenotazioni, pagamenti, gestione delle risorse ambulatoriali pubbliche e di libera professione; Servizi assistenziali: visite ambulatoriali di Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera Scelta, assistenza domiciliare programmata e integrata; Servizi di prevenzione: area maternoinfantile, vaccinazioni, salute mentale, medicina sportiva. Tali servizi Sono erogati in modo integrato dalle strutture ASL e dai medici di base Aggiornano la storia clinica di ogni paziente ed alimentando i flussi informativi economico-finanziari e clinici verso la Regione e il Ministero

28 Il Sistema Informativo Sanitario: livello ospedaliero

29 Il Sistema Informativo Sanitario: livello ospedaliero Il sistema sanitario ospedaliero Eroga servizi sanitari specialistici Gestisce informazioni complesse (Cartella Clinica) Può esser geograficamente distribuita I processi primari includono: Accettazione Inquadramento clinico Diagnosi: formulazione percorso diagnostico - terapeutico - assistenziale; Cura: terapia, trattamento e riabilitazione; Dimissione e follow up: comprende le attività ambulatoriali e di assistenza successive al del ricovero. I processi di supporto comprendono: Attività strategiche; Attività infrastrutturali; Gestione delle tecnologie: Approvvigionamento e logistica:.

30 Il Sistema Informativo Sanitario Ospedaliero: processo di accettazione e degenza Accettazione. l accettazione si diversifica a seconda che il paziente sia ricoverato per Ricovero ordinario (o pre-ricovero) Day hospital Visita ambulatoriale Pronto Soccorso Valutazione clinica e terapia. Inquadramento, diagnosi e cura generano informazioni, registrate nella cartella clinica. La diagnosi può richiedere varie prestazioni, come radiologie, esami di laboratorio, diagnostiche specifiche visite di specialisti. La terapia include somministrazione di farmaci, operazioni chirurgica, a trasferimento ad altre unità di degenza. Medici e infermieri registrano su un diario clinico tutte le attività svolte nel percorso terapeutico. Dimissione. Il ricovero può finire a seguito del termine della cura, della cura presso altra struttura ospedaliera, della rinuncia volontaria, del decesso Si elabora la Scheda di Dimissione Ospedaliera (S.D.O.) e si produce la documentazione per il paziente (p.e. lettera di dimissione. 30

31 Il Sistema Informativo Sanitario Ospedaliero: processo di accettazione e degenza L attività clinica e caratterizzata da Multidisciplinarietà e molteplicità degli attori Fabbisogno informativo elevato Necessità di condividere le informazioni (frammentate tra medici, infermieri, specialisti, medico di base, familiari e scritte su carta). Le strutture sanitarie si stanno orientando alla digitalizzazione delle informazioni anagrafiche all interoperabilità tra i sistemi (per un riconoscimento unico del paziente) all informatizzazione della cartella clinica (cure di qualità più elevata, per la possibilità di consultare diagnosi ed esami eseguiti durante il ricovero ed anche di accedere all intera storia clinica del paziente) Per accedere all intera storia clinica del paziente occorrono standard di integrazione che assicurino l interpretabilità delle informazioni scambiate. 31

32 Medical Tutorial dell Istituto Carlo Besta: Esempio di Cartella Clinica Elettronica

33 Il Sistema Informativo Sanitario Ospedaliero: Il caso del processo trasfusionale

34 Il Sistema Informativo Sanitario Ospedaliero: Il caso del processo trasfusionale (1/2) Raccolta e Produzione Inizia in centri o postazioni mobili autorizzati con l identificazione del donatore e la verifica della idoneità alla donazione. Contestualmente sono raccolti campioni di sangue in provetta per le analisi di legge. Il sangue raccolto è inviato al centro di lavorazione e le provette sono inviate ai laboratori per la validazione sierologica e molecolare. Le unità raccolte sono lavorate per ottenere emocomponenti (spesso non é trasfuso sangue intero ma quantitativi concentrati di emocomponenti). Le unità lavorate sono immagazzinate in attesa della validazione: per essere utilizzabile il sangue deve superare una serie analisi. Superata questa fase, le unità sono pronte per la conservazione controllata in emoteca e la successiva distribuzione al dipartimento di Medicina Trasfusionale che le ha prodotte, ad altri dipartimenti o altri centri trasfusionali. Queste attività sono documentate ad ogni singolo passaggio, anche fisicamente sulle unità tramite un sistema di etichette standard e interoperabili a livello europeo, prodotte dal sistema informatico dipartimentale deputato. 34

35 Il Sistema Informativo Sanitario Ospedaliero: Il caso del processo trasfusionale (2/2) Servizio Richiesta di unità trasfusionali da parte di un medico, con un modulo, spesso diverso per tipo di unità, su cui vanno indicati la situazione clinica del paziente e le unità richieste; Un tecnico del Servizio Trasfusionale verifica la richiesta, gli esami biologici sull eventuale provetta di controllo, e seleziona l unità trasfusionale idonea tra quelle presenti in emoteca. Per i pazienti non precedentemente noti alla struttura la legge impone l analisi di una ulteriore provetta di controllo prelevata in un secondo momento. Al termine delle verifiche, si procede all assegnazione della sacca al paziente con il sistema di gestione dell emoteca, ad alla etichettatura di quest ultima con una nuova etichetta riportante i dati di sacca, esami effettuati e dati del destinatario. L unità é validata da un medico ed inviata al reparto con una distinta. In reparto, al momento della trasfusione, si identifica il paziente, si controlla visivamente la congruenza dei dati e dei codici presenti sulle etichette della/e sacca/e con quelli nella richiesta e nel paziente, e si procede alla trasfusione, che é generalmente documentata in cartella e sulla accompagnatoria. 35

36 Il Sistema Informativo Sanitario Ospedaliero: Il caso del processo trasfusionale : criticità Ad eccezione delle unità rese o di eventi gravi, i Servizi Trasfusionali non ricevono informazioni sul destino delle unità trasfusionali (trasfusa, non trasfusa, reazione avversa lieve, conservata in reparto,..): E difficile sia un controllo puntuale di processo sia l individuazione di unità non trasfuse (non conservabili, con elevata perdita economica). Il rischio principale delle trasfusioni è gestionale, e riguarda il 70-80% degli incidenti La sicurezza del processo trasfusionale richiede l univoco riconoscimento del paziente e degli item associati (provette, unità trasfusionali,..), la garanzia della combinazione paziente/prodotto-procedure, la tracciabilità del prodotto L aspetto informativo motiva la informatizzazione del processo trasfusionale, con sistemi di workflow per il Servizio Trasfusionale e di tracciabilità per le attività in reparto.

37 Il Sistema Informativo Sanitario Ospedaliero: aree applicative Cartelle Cliniche Ricovero Reparto Reparto Reparto Reparto car diologia chirugia cardiologia c hir ugia Cartelle Cliniche Am bulatoriali Ambulatorio Ambulatorio Ambulatorio Ambulatorio oculistica oncologia oculistica oncologia Servizi Centrali Regione CUP CU P Extrane t SISS Fascicolo Fa scicolo Sanitario Sanitario Elettronico Elettronico ADT AD T Servizi comuni di interoperabilità / sistema nativamente integrato PS PS Anagrafe Anagrafe Aziendale Aziendale Pazienti Pazienti Base Base dati dati clin ic a clinica (EPR) (EPR) Gestione Gestione codifiche codifiche LIS LIS RIS RIS AMB: AMB: Gestione Gestione REP: REP: Gestione Gestione Anapat, Anapat, Gestione Gestione Ordini Ordini Generazione Generazione Referti Referti Generazione Generazione Prescrizioni Prescr izioni RUR R UR Servizi C entrali SIO Le principali aree sono supportate da sistemi proprietari: Amministrativa Direzionale Front office Clinico-sanitaria.

38 Il Sistema Informativo Sanitario Ospedaliero: Area Amministrativa e Direzionale CUP CU P ADT AD T PS PS Cartelle Cliniche Ricovero Reparto Reparto cardiologia cardiologia LIS LIS RIS RIS Reparto Reparto chirugia chir ugia AMB: AMB: Gestione Gestione Cartelle Cliniche Ambulatoriali Ambulatorio Ambulatorio oculistica oculistica Servizi comuni di interoperabilità / sistema nativamente integrato REP: REP: Gestione Gestione Anapat, Anapat, Ambulatorio Ambulatorio oncologia oncologia Extrane t SISS Anagrafe Anagrafe Aziendale Aziendale Pazienti Pazienti Servizi Centrali Regione Base Base dati dati clin ica clinica (EPR) (EPR) Fasc ic olo Fa scicolo Sanitario Sanitario Elettronico Elettronico Gestione Gestione codifiche codifiche Gestione Gestione Gener azione Generazione Ordini Generazione Generazione Ordini Referti Prescrizioni Referti Prescr izioni RUR RUR Servizi Centrali SIO Include sistemi che supportano processi amministrativi gestione delle risorse di pianificazione e controllo Le applicazioni informatiche corrispondenti sono classificabili come sistemi ERP orizzontali tecnologicamente identiche a quelle di altri settori si distinguono per solo alcune caratteristiche specifiche del settore, come la rendicontazione amministrativa e la gestione del personale.

39 Il Sistema Informativo Sanitario Ospedaliero: Front-Office Accettazione - Dimissione - Trasferimento (ADT) accesso al ricovero (liste di attesa), movimentazione del paziente comunicazione ai reparti dell avvenuta accettazione registrazione dell esito del ricovero ricevuta dai reparti rendicontazione. L ADT è generalmente una funzione centralizzata del SIO che serve i diversi reparti, supportandoli nella gestione amministrativa dei pazienti accettati. CUP (Centro Unificato Prenotazione) gestione delle agende di prenotazione degli ambulatori comunicazione delle liste di lavoro ai servizi clinici registrazione dell avvenuta erogazione di prestazioni rendicontazione delle attività ambulatoriali Il CUP è generalmente una componente unica centralizzata del SIO che serve le diverse unità eroganti dell Azienda (ambulatori, laboratori, ecc.). Pronto Soccorso supportano registrazione dei nuovi arrivi dimissione del pazient trasferimento verso le strutture aziendali di ricovero.

40 Il Sistema Informativo Sanitario Ospedaliero: Area Clinica ricevono richieste dal CUP o dal sistema di gestione ordini (utilizzato in reparto) supportano la esecuzione esami raccolgono i risultati degli esami in forma di annotazioni o direttamente dalla strumentazione comunicano al richiedente l esecuzione dell esame e producono il referto fino alla sua registrazione nel Repository Aziendale. includono RIS (Radiology Information Systems) e relativo sistema PACS (Picture Archiving and Communication Systems) LIS (Laboratory Information System) gestisce in modo automatico l evasione delle richieste provenienti dalle unità cliniche e il processamento dei campioni Applicazioni per la sala operatoria, dedicate alla gestione degli interventi Cartelle Cliniche Elettroniche (Electronic Patient Record)

41 I sistemi informativi Sanitari INTRODUZIONE STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL SISTEMA SANITARIO SISTEMA INFORMATIVO SANITARIO TECNOLOGIE DOMANDE DI VERIFICA 41

42 Tecnologie per i sistemi informativi territoriali La tecnologia del sistema sanitario territoriale può essere distinta in: Anagrafica: comune alle componenti del sistema: medici di medicina generale e pediatri di libera scelta; Transazionale: prenotazioni nel ciclo di cura del paziente, accettazione del paziente per le prestazioni prenotate e comunicazione a piattaforme regionali. Clinica: servizi rientrano ambulatori e poliambulatori. I relativi sistemi di supporto rientrano nella integrazione con il Fascicolo Sanitario Elettronico (EPR) Preventiva: i referti e la documentazione clinica prodotta sono mantenuti su database locali. I sistemi informativi territoriali sono ancora isole applicative e costituiscono una barriera alla effettiva continuità assistenziale

43 Tecnologie per i sistemi ospedalieri Gli ambiti applicativi sono coperti da suite software : Aree funzionali (amministrazione, controllo di gestione, gestione magazzino,..), Aree cliniche RIS/PACS, LIS, soluzioni per l anatomia patologica o trasfusionale, applicativi per servizi centrali ospedalieri (ADT, CUP e così via), Funzionalità trasversali

44 I sistemi informativi Sanitari INTRODUZIONE STRUTTURA ORGANIZZATIVA DEL SISTEMA SANITARIO SISTEMA INFORMATIVO SANITARIO TECNOLOGIE DOMANDE DI VERIFICA 44

45 DOMANDE DI VERIFICA Riassumere le differenze fra i sistemi sanitari nazionali. Come si colloca il sistema italiano? Descrivere la componente territoriale e ospedaliera del sistema sanitario italiano Descrivere le principali esigenze di informatizzazione in un tipico processo clinico di degenza Descrivere l'architettura del sistema informativo ospedaliero Quali sono le principali sfide e criticità che i sistemi informativi ospedalieri oggi presentano? Attraverso quali classi di sistemi e servizi informatici viene supportata l'assistenza sul territorio? 45

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA Sommario Introduzione Le finalità del progetto CRS-SISS e il ruolo di Regione Lombardia Aspetti tecnico-organizzativi del Progetto Servizi

Dettagli

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità:

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità: Sanità digitale Il completamento dell informatizzazione dell area clinico-sanitaria, la dematerializzazione della documentazione clinica e l accessibilità alle informazioni ed ai servizi da qualsiasi punto

Dettagli

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda Giovedì 2 ottobre 2008 Obiettivo Il progetto Sistema informativo sanitario

Dettagli

Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013. L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario»

Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013. L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario» Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013 L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario» Chiara Penello Decreto Crescita 2.0 (DL 179/2012 conv. in Legge n.

Dettagli

ICT in sanità: il percorso del futuro

ICT in sanità: il percorso del futuro ICT in sanità: il percorso del futuro Saronno, 18 Febbraio 2009 L di Busto Arsizio I Presidi ospedalieri di: Busto Arsizio Saronno Tradate Alcuni dati dimensionali 3 Presidi Ospedalieri: Busto Arsizio,

Dettagli

Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale

Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale I dati da cui partire: Lo sviluppo dei sistemi Informativi delle Aziende ospedaliere nel contesto del Sistema Informativo Regionale Tutti i cittadini lombardi hanno ricevuto la loro CRS-SISS oltre IL 90

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per patologie specifiche e fa parte del Servizio Sanitario Nazionale.

Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per patologie specifiche e fa parte del Servizio Sanitario Nazionale. Paolo Zilioli Sistemi Informativi Istituto Europeo di Oncologia Roma Fortum PA - 2011 Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per patologie specifiche e fa parte

Dettagli

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI Erica Magnani FARMACEUTICA OSPEDALIERA INIZIATIVE ORGANIZZATIVE / GESTIONALI 1. L organizzazione interna 2. La distribuzione farmaci per

Dettagli

Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia

Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia ing. Vito Bavaro email: v.bavaro@regione.puglia.it Ufficio Sistemi Informativi e Flussi Informativi Servizio Accreditamento

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

Dalla tracciabilità nel percorso clinico

Dalla tracciabilità nel percorso clinico Dalla tracciabilità nel percorso clinico alla gestione dei dati di ricerca: la biobancadell Michele Torresani s.c. ICT & SIA Milano, 10 novembre 2010 Le biobanche per la ricerca scientifica Le biobanche,

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema Gara Medir Pubblicazione del bando: Agosto Settembre

Dettagli

Agenda digitale italiana Sanità digitale

Agenda digitale italiana Sanità digitale Agenda digitale italiana Sanità digitale Paolo Donzelli Ufficio Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione tecnologica Presidenza del

Dettagli

Gestione degli errori nei sistemi clinici informatizzati. Paolo Zilioli ICT Manager Business Application Direzione Centrale ICT IEO / CCM

Gestione degli errori nei sistemi clinici informatizzati. Paolo Zilioli ICT Manager Business Application Direzione Centrale ICT IEO / CCM Gestione degli errori nei sistemi clinici informatizzati Paolo Zilioli ICT Manager Business Application Direzione Centrale ICT IEO / CCM L Istituto Europeo di Oncologia Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani

Dettagli

Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino

Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino Affrontare le sfide del sistema socio-sanitario I sistemi socio-sanitari sono

Dettagli

L'EPR come componente. della piattaforma di integrazione all interno

L'EPR come componente. della piattaforma di integrazione all interno Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori L'EPR come componente Il ruolo paziente centrico della piattaforma di integrazione all interno dell Istituzione Sanitaria S.C. Sistemi Informativi e Telecomunicazioni

Dettagli

Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana

Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana Alessandra Morelli Regione Toscana Trento, 21 marzo 2014 AGENDA Il Sistema Sanitario della Toscana (SST) Obiettivi e strumenti Sistema ICT Il progetto

Dettagli

Sanità digitale !62 STRATEGIA PER LA CRESCITA DIGITALE 2014-2020

Sanità digitale !62 STRATEGIA PER LA CRESCITA DIGITALE 2014-2020 Sanità digitale Cosa e perchè L innovazione digitale dei processi sanitari è un passaggio fondamentale per migliorare il rapporto costo-qualità dei servizi sanitari, limitare sprechi e inefficienze, ridurre

Dettagli

Internet e medici di famiglia in rete

Internet e medici di famiglia in rete Internet e medici di famiglia in rete Bologna 25-26 febbraio 2008 Mauro Moruzzi Direttore Generale CUP 2000 S.p.A. Mauro Moruzzi - Direttore Generale CUP 2000 S.p.A. 1 La profonda innovazione proposta

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza

I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza I sistemi RIS PACS in diagnostica per immagini : un supporto alla gestione e alla sicurezza II^ Forum Risk Management in Sanità Applicazione delle tecnologie alla sicurezza del paziente Arezzo, Centro

Dettagli

Dal taccuino al Personal Health Record Trento, 21 marzo 2014. Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR: Lombardia

Dal taccuino al Personal Health Record Trento, 21 marzo 2014. Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR: Lombardia Dal taccuino al Personal Health Record Trento, 21 marzo 2014 Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR: Lombardia Chiara Penello Direzione Generale Salute Il SISS Sistema Informativo Socio sanitario

Dettagli

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future Dott. Pietro Paolo Faronato Direttore Generale Azienda ULSS 1 Belluno Padova, 27 settembre 2013 1 Verso la Sanità Digitale Sanità

Dettagli

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici

Progetto. Mosaico. network di analisi delle terapie e studi epidemiologici Progetto Mosaico network di analisi delle terapie e studi epidemiologici IMS Health IMS Health è un grande gruppo internazionale leader nel mondo nella fornitura di servizi di informazioni di mercato per

Dettagli

1 Premessa. Allegato al capitolato speciale di gara

1 Premessa. Allegato al capitolato speciale di gara Allegato al capitolato speciale di gara Specifiche Funzionali di Integrazione con il Sistema Informativo dell APSS Il presente documento definisce le specifiche funzionali che devono essere soddisfatte

Dettagli

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI Modalità da seguire da parte dei Medici Specialisti per il corretto uso del ricettario SSR definite fra ASL Città di Milano e le seguenti strutture di ricovero e cura pubbliche e private accreditate: (versione

Dettagli

Il progetto PIC (Portabilità Individuale Clinica) Abstract del progetto. Obiettivi

Il progetto PIC (Portabilità Individuale Clinica) Abstract del progetto. Obiettivi Il progetto PIC (Portabilità Individuale Clinica) Titolo prodotto: Portabilità Individuale Clinica (P.I.C.) Categoria: e-health Tipologia di prodotto Broadband/Online/WEB (channel): Abstract del progetto

Dettagli

L evoluzione dei sistemi clinici e di interazione con i cittadini. Massimo Mangia Responsabile e-health

L evoluzione dei sistemi clinici e di interazione con i cittadini. Massimo Mangia Responsabile e-health L evoluzione dei sistemi clinici e di interazione con i cittadini Massimo Mangia Responsabile e-health Nuovo Sistema Informativo Sistema Informativo Clinico Integrato: Cure Primarie Territorio Ospedale

Dettagli

Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed evoluzione

Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed evoluzione Verso la cartella clinica elettronica: standard internazionali e piattaforme aperte in informatica sanitaria Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed

Dettagli

L esperienza ligure del FSE: il Conto Corrente Salute

L esperienza ligure del FSE: il Conto Corrente Salute Regione Liguria L esperienza ligure del FSE: il Conto Corrente Salute Roma, 24 febbraio 2010 Maria Franca Tomassi La strategia Il Sistema Informativo Regionale Integrato per lo sviluppo della società dell

Dettagli

TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI

TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI MILANO, 2 MARZO 2015 DOTT. LUCIANO FLOR DIRETTORE GENERALE AZIENDA SANITARIA TRENTO Provincia Autonoma di Trento Superficie Kmq 6.200 eurochirurgia e troke

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

Con la realizzazione del CUP, di SOLE, del FSE e degli altri progetti regionali e di Asl, CUP 2000 ha dato in questi anni un contributo importante

Con la realizzazione del CUP, di SOLE, del FSE e degli altri progetti regionali e di Asl, CUP 2000 ha dato in questi anni un contributo importante Con la realizzazione del CUP, di SOLE, del FSE e degli altri progetti regionali e di Asl, CUP 2000 ha dato in questi anni un contributo importante alla costruzione di una architettura regionale e-health

Dettagli

L esperienza di integrazione di Santer:

L esperienza di integrazione di Santer: gg.mm.aa L esperienza di integrazione di Santer: un caso concreto Massimo Caprino Santer Reply Contesto di integrazione SIO Esperienza di integrazione ospedaliera, sviluppata in Regione Lombardia nell

Dettagli

LA CARTELLA INFORMATIZZATA UNICA IN AMBIENTE PENITENZIARIO

LA CARTELLA INFORMATIZZATA UNICA IN AMBIENTE PENITENZIARIO LA CARTELLA INFORMATIZZATA UNICA IN AMBIENTE PENITENZIARIO PERCHE Una cartella Informatizzata Unica Il Progetto Ulisse Delibera G.R.T. n. 817/2002 Delibera G.R.T. n. 1344/2003 Delibera G.R.T. n. 1250/2005

Dettagli

CUP WEB è il nuovo sistema di prenotazione online della ASL 4 Chiavarese.

CUP WEB è il nuovo sistema di prenotazione online della ASL 4 Chiavarese. CUP WEB è il nuovo sistema di prenotazione online della ASL 4 Chiavarese. Nell ottica di favorire ulteriormente l accesso alle prestazioni da parte degli utenti e facilitare le modalità di prenotazione,

Dettagli

IL SISTEMA DELLA GESTIONE INFORMATICA DELLA LOGISTICA DEL FARMACO

IL SISTEMA DELLA GESTIONE INFORMATICA DELLA LOGISTICA DEL FARMACO IL SISTEMA DELLA GESTIONE INFORMATICA DELLA LOGISTICA DEL FARMACO Logistica del Farmaco Riconoscimento Paziente Piano Terapeutico Individuale Integrazione con Cartella Clinica Informatica Somministrazione

Dettagli

Esperienze di Cartella Clinica Elettronica Azienda ULSS 18 di Rovigo. Alessio Gasparetto IT Project Manager Engineer

Esperienze di Cartella Clinica Elettronica Azienda ULSS 18 di Rovigo. Alessio Gasparetto IT Project Manager Engineer Esperienze di Cartella Clinica Elettronica Azienda ULSS 18 di Rovigo Alessio Gasparetto IT Project Manager Engineer Agenda 1 Obiettivi strategici 2 Metodologia 3 Risultati 4 Conclusioni Agenda 1 Obiettivi

Dettagli

Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia

Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia Migliorare l informazione e l accesso ai servizi per il cittadino: il ruolo dell Azienda e del Medico di Famiglia Dr. Alberto Carrera Responsabile Sistema Informativo Aziendale ASL1 Imperiese Dr. Roberto

Dettagli

Carta Regionale dei Servizi. Scheda descrittiva

Carta Regionale dei Servizi. Scheda descrittiva Carta Regionale dei Servizi Scheda descrittiva CHE COSA È LA CRS La Carta Regionale dei Servizi è lo strumento innovativo che la Regione Lombardia offre ad ogni suo cittadino per migliorarne la qualità

Dettagli

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008

PO XX. Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI. Documento:PO/XX. Pagina 1 di 11 17/01/2008 Documento: Pagina 1 di 11 PO XX Procedura Operativa Ospedaliera GESTIONE DELLE AGENDE DI PRENOTAZIONE RICOVERI EMESSA DA DATA REDATTA DA VERIFICATA DA REVISIONE PARAGRAFO n PAGINA n MOTIVO DIREZIONE PILI

Dettagli

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa?

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Paolo Donzelli DG Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione

Dettagli

Integrazione dei sistemi locali. Regione Lombardia

Integrazione dei sistemi locali. Regione Lombardia Integrazione dei sistemi locali Regione Lombardia Descrizione Popolazione servita Ospedali pubblici/medici specialisti Visione sanità integrata Obiettivo chiave dell iniziativa Architettura Finanziamento

Dettagli

IL PROGETTO NIGUARDAONLINE

IL PROGETTO NIGUARDAONLINE IL PROGETTO NIGUARDAONLINE A CURA DI : Luciana Bevilacqua Responsabile Ufficio M.C.Q. Gianni Origgi Responsabile Sistemi Informativi Aziendali Azienda Ospedaliera Niguarda Cà Granda di Milano Da oggi i

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014 Oggetto: POR FESR 2007-2013 Linee di attività 1.2.1.a., b. e c. Rimodulazione e incremento della dotazione finanziaria per l attuazione degli interventi relativi alla dematerializzazione della prescrizione

Dettagli

Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna

Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna Il Progetto SOLE - Sanità On LinE e gli standard Stefano Micocci e Marco Devanna CUP 2000 15 settembre 2010 SOLE-100206 Di cosa parleremo

Dettagli

U.O. FARMACIA LFA.P 13

U.O. FARMACIA LFA.P 13 . Pag. 1 / 5 Viene definito File F il tracciato record per la gestione, attivazione e rendicontazione dei farmaci somministrati e forniti dalle strutture ospedaliere, per l utilizzo ambulatoriale e domiciliare,

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

La Carta Sanitaria Elettronica della Regione Toscana

La Carta Sanitaria Elettronica della Regione Toscana La Carta Sanitaria Elettronica della Regione Toscana 19 Marzo 2015 La CSE è un sistema per l acquisizione, l aggiornamento e la consultazione dei dati sanitari per semplificare l esercizio del diritto

Dettagli

www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù

www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù Massimiliano Manzetti Direzione Sistemi Informativi e Organizzazione Ospedale Pediatrico Bambino Gesù I Seminario Sicurezza

Dettagli

ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009

ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009 ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009 Il progetto di sviluppo del sistema informativo nell Azienda Ospedaliera di Legnano Claudio Caccia Responsabile Staff Sistemi Informativi

Dettagli

Le soluzioni: La Piattaforma ERP modulare, parametrica e flessibile rivolta ad Ospedali, Ambulatori ed Enti che, in collaborazione con le Aziende Sanitarie e Ospedaliere italiane, erogano servizi sanitari

Dettagli

Dalla tracciabilitànel percorso clinico alla gestione dei dati di ricerca:

Dalla tracciabilitànel percorso clinico alla gestione dei dati di ricerca: Dalla tracciabilitànel percorso clinico alla gestione dei dati di ricerca: la biobanca dell Elena Sini Castellanza, 5 ottobre 2010 Agenda Biobanche: la problematica all origine e le criticità rilevate

Dettagli

Il Sistema Informativo Sanitario Territoriale della Puglia

Il Sistema Informativo Sanitario Territoriale della Puglia Il Sistema Informativo Sanitario Territoriale della Puglia Assessorato al Welfare e alle Politiche della Salute Bari, 16 luglio 2014 Il Fascicolo Sanitario Elettronico L'art. 12 del D.L. 179 del 18 ottobre

Dettagli

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ;

documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; documento di specifiche tecniche pubblicate sul sito Internet del Ministero all indirizzo www.nsis.salute.gov.it. ; g) al paragrafo 3.1. Alimentazione del Sistema informativo, la tabella 2: alimentazione

Dettagli

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di neoplasia i italia (asr-eu 366,6 escluso ca. cute)

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica SUPPORTO OPERATIVO E TECNICO-SPECIALISTICO PER LA MESSA A SISTEMA E L OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA

Dettagli

L area clinica del sistema informativo. giovedì 21 giugno 12

L area clinica del sistema informativo. giovedì 21 giugno 12 L area clinica del sistema informativo L area clinica del sistema informativo 1. Introduzione 2. I sistemi di gestione dei dati clinici e la Cartella Clinica Automatizzata 3. I sistemi di gestione delle

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

Tariffari e politiche di rimborsi regionali

Tariffari e politiche di rimborsi regionali L attività di day surgery nella Regione Lombardia è praticata sin dagli anni 70 in diverse strutture ospedaliere della Regione; dove venivano trattate in day hospital alcune patologie ortopediche pediatriche

Dettagli

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi

Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi Appropriatezza diagnostica e terapeutica nella prevenzione delle fratture da fragilità da osteoporosi La proposta del Ministero: un Registro Italiano delle Fratture da Fragilità (RIFF) Rossana Ugenti Direttore

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE FORNITURA SOFTWARE GESTIONALE E MANUTENZIONE PER IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO/SANITARIO DELLA ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE E RICOVERI OSPEDALIERI

Dettagli

ISTUD Osservatorio delle Cure Primarie

ISTUD Osservatorio delle Cure Primarie ISTUD Osservatorio delle Cure Primarie Convegno del 27/11/2013 L impatto dei sistemi di Patient Relationship Management (PRM): l esperienza nei Paesi Baschi Relatore: Roberto Giordano - Accenture Leadership,

Dettagli

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO (FSE)

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO (FSE) Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

Informatica e Database. Roma, 19 Aprile 2011 Feruglio Ruggero

Informatica e Database. Roma, 19 Aprile 2011 Feruglio Ruggero Informatica e Database Roma, 19 Aprile 2011 Feruglio Ruggero In che fase del progetto è opportuno designare l amministratore di sistema ed iniziare la collaborazione? Sistemi informativi Definizione e

Dettagli

Implementare una Cartella Clinica Elettronica

Implementare una Cartella Clinica Elettronica Implementare una Cartella Clinica Elettronica Francesco Pensalfini Responsabile Sistemi Informativi Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Cartella

Dettagli

ELECTRONIC PATIENT RECORD: L INTEGRAZIONE DELLE INFORMAZIONI A SUPPORTO DELLA GOVERNANCE SANITARIA

ELECTRONIC PATIENT RECORD: L INTEGRAZIONE DELLE INFORMAZIONI A SUPPORTO DELLA GOVERNANCE SANITARIA ELECTRONIC PATIENT RECORD: L INTEGRAZIONE DELLE INFORMAZIONI A SUPPORTO DELLA GOVERNANCE SANITARIA Adalgisa Protonotari Direttore Programmazione Sanitaria Coordinatore Area Direzione delle Attività Clinico-Assistenziali

Dettagli

La centralità del paziente tra MMG Distretto e Ospedale: il Fascicolo Sanitario Elettronico. Daniele Donato Azienda ULSS 16 - Padova

La centralità del paziente tra MMG Distretto e Ospedale: il Fascicolo Sanitario Elettronico. Daniele Donato Azienda ULSS 16 - Padova La centralità del paziente tra MMG Distretto e Ospedale: il Fascicolo Sanitario Elettronico Daniele Donato Azienda ULSS 16 - Padova Premesse 2010 Centralità del paziente Continuità delle cure Appropriatezza

Dettagli

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità

REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015. Direzione Generale Sanità REGOLE SISTEMA REGIONALE SANITARIO 2015 Direzione Generale Sanità 1 ARGOMENTI TRATTATI NELLE REGOLE DI SISTEMA 1. Inquadramento economico e finanziario: il bilancio ponte 2. Il livello programmatorio:

Dettagli

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA

CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA CONFERENZA SULLA SANITA ELETTRONICA Il percorso di adozione del Fascicolo Sanitario Elettronico in Italia Lidia Di Minco Direttore Ufficio Nuovo Sistema Informativo

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

M. Ciampi. Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento delle Tecnologie dell Informazione e delle Comunicazioni

M. Ciampi. Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento delle Tecnologie dell Informazione e delle Comunicazioni Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione tecnologica Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento delle Tecnologie dell Informazione e delle

Dettagli

La tua guida per accedere al Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE)

La tua guida per accedere al Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) La tua guida per accedere al Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) GESTIONE ACCESSO SEMPLIFICATO AI SERVIZI (GASS) Di cosa si tratta? È una nuova modalità di accesso online ai servizi socio-sanitari, tramite

Dettagli

Sistemi Informativi Sanitari

Sistemi Informativi Sanitari Sistemi Informativi Sanitari BIOINGEGNERIA ED INFORMATICA MEDICA 1 Sistema informativo Sistema informativo Un sistema informativo (SI) può essere definito come l'insieme dei flussi di informazione gestiti

Dettagli

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione

Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione SCHEDE ALLEGATO A Elenco dei trattamenti di competenza della Regione, degli enti e agenzie regionali, degli enti controllati e vigilati dalla Regione Titolo 1 Nomine e designazioni da parte della regione,

Dettagli

L informatica nella Sanità

L informatica nella Sanità L informatica nella Sanità Perché usare l informatica nella Sanità? Continuità assistenziale Centralità del paziente Trasparenza negli atti amministrativi e sanitari Migliore gestione delle linee guida

Dettagli

Ricoveri SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL POSTO LETTO

Ricoveri SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL POSTO LETTO Ricoveri SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL POSTO LETTO SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. - REA

Dettagli

Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica

Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica Le strategie di Regione Liguria per la sanità elettronica Iniziative in atto: L attività istituzionale dell Assessorato e la partecipazione ai progetti e ai tavoli nazionali Le iniziative in atto con le

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA

SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Modena, 05 agosto 2014 SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Le informazioni sul tuo stato di salute in forma protetta e riservata Fascicolo sanitario elettronico (FSE): Informazioni generali Che

Dettagli

Carta della qualità della Cartella Clinica

Carta della qualità della Cartella Clinica Carta della qualità della Cartella Clinica La carta della qualità della Cartella Clinica, ovvero la documentazione sanitaria prodotta nel singolo ricovero ospedaliero del paziente, è ispirata alla Carta

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Sanitarie per il progetto Sistema Informativo Sanitario Regionale (SISaR) della Regione Autonoma della Sardegna Bologna 30 03 2009

Sanitarie per il progetto Sistema Informativo Sanitario Regionale (SISaR) della Regione Autonoma della Sardegna Bologna 30 03 2009 ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Il modello di collaborazione Regione - Aziende Sanitarie per il progetto Sistema Informativo Sanitario Regionale (SISaR) della Regione Autonoma

Dettagli

ICT Sanità in Regione Piemonte: stato dell arte e possibili evoluzioni

ICT Sanità in Regione Piemonte: stato dell arte e possibili evoluzioni ICT Sanità in Regione Piemonte: stato dell arte e possibili evoluzioni Carla Gaveglio Direttore Soluzioni Applicative per la Salute CSI Piemonte Giugno 2014 1 Contesto di riferimento 2 Contesto di riferimento

Dettagli

FSEr: il percorso della Regione del Veneto

FSEr: il percorso della Regione del Veneto FSEr: il percorso della Regione del Veneto D R. S S A N A D I A R A C C A N E L L O S E Z I O N E C O N T R O L L I G O V E R N O E P E R S O N A L E S S R S E T T O R E S I S T E M A I N F O R M A T I

Dettagli

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica 4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica Telemedicina: una sfida per la sostenibilità del sistema sanitario Integrazione dei servizi di Telemedicina con il Fascicolo Sanitario

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

ICT per la Sanità in Emilia Romagna

ICT per la Sanità in Emilia Romagna ICT per la Sanità in Emilia Romagna Roma, 18 maggio 2012 L innovazione digitale per la sostenibilità del SSN 2 giornata nazionale della sanità elettronica Cabina di Regia 22 Maggio 2008 0 Sommario Vision,

Dettagli

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

NUMERO ESEMPLARI E SERVIZIO DETENTORE CHI DEVE ARCHIVIARE IL DOCUMENTO AMBULATORIO. - n. 1 originale in possesso dell ambulatorio DIREZIONE SANITARIA

NUMERO ESEMPLARI E SERVIZIO DETENTORE CHI DEVE ARCHIVIARE IL DOCUMENTO AMBULATORIO. - n. 1 originale in possesso dell ambulatorio DIREZIONE SANITARIA S C H E D E S E R V I Z I DENOMINAZIONE DATA Scheda registrazione passaggi ambulatoriali Tracciato C4 Richieste prestazioni interne / tabulati prenotazione interni Scheda affidamento personale del farmaco

Dettagli

La soluzioneper il governo clinico e gestionale dei centri di riabilitazione. In collaborazione con

La soluzioneper il governo clinico e gestionale dei centri di riabilitazione. In collaborazione con La soluzioneper il governo clinico e gestionale dei centri di riabilitazione In collaborazione con Sommario 1. Chi siamo 3 2. Il progetto H2O Riabilita 6 3. A chi si rivolge 10 4. Con quale obiettivo 12

Dettagli

La gestione documentale digitale NON E TELEMEDICINA ma è uno dei requisiti fondamentali per dare valore ai dati scambiati tramite le applicazioni di

La gestione documentale digitale NON E TELEMEDICINA ma è uno dei requisiti fondamentali per dare valore ai dati scambiati tramite le applicazioni di La gestione documentale digitale NON E TELEMEDICINA ma è uno dei requisiti fondamentali per dare valore ai dati scambiati tramite le applicazioni di telemedicina. Aziende Sanitarie di Treviso, Venezia,

Dettagli

WINDIAG. Sistema di gestione per Centri Radiodiagnostici, Fisioterapici e Poliambulatori. Semplice Veloce Sicuro Convenzione

WINDIAG. Sistema di gestione per Centri Radiodiagnostici, Fisioterapici e Poliambulatori. Semplice Veloce Sicuro Convenzione WINDIAG Sistema di gestione per Centri Radiodiagnostici, Fisioterapici e Poliambulatori Semplice Veloce Sicuro Convenzione Da usare S.S.R. Integrazione Firma Archiviazione Gestione delle Elettronica Code

Dettagli

Piano egov 2012: gli obiettivi

Piano egov 2012: gli obiettivi Il piano egov 2012 - obiettivo salute - Paola Tarquini Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione tecnologica Ufficio Studi e progetti per l innovazione

Dettagli

E-health. 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi. L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati del paziente

E-health. 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi. L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati del paziente CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale E-health 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

Sistema Edotto. Area Applicativa Assistenza Farmaceutica

Sistema Edotto. Area Applicativa Assistenza Farmaceutica Sistema Edotto Area Applicativa Assistenza Farmaceutica Istruzioni operative relative agli obblighi informativi (D.M. 31/7/2007, D.M. 4/2/2009, somministrazione di farmaci, mobilità sanitaria). Versione

Dettagli