Metodo e strumsnti per un Oseruatorio del turismo culturale: il caso Basilicata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Metodo e strumsnti per un Oseruatorio del turismo culturale: il caso Basilicata"

Transcript

1 84 Notiziario / Metodo e strumsnti per un Oseruatorio del turismo culturale: il caso Basilicata Centro Sudi del TCI Nel quadro del proprio programma di anività, l'ufficio Studi del Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha inteso approfondire I'analisi delle prospenive di sviluppo economico e sociale che sono legate alla valorizzazione del patrimonio culturale e alla promozione di attività e iniziative culturali entro determinale aîee tenitoriali ialiane. I due ambiti di rifenmento adottati, ossia il patrimonio culturale - considerato per la consistenza di aree archeologiche, luoghi monumentali, musei, sedi artistiche in genere - e le iniziative culturali che sono promose tramite l'organzzazione di eventi, festivals, spettacoli dal vivo e rassegne cinematografiche, si pongono anche in relazione allo sviluppo del settore turistico: e questo non solo rispetfo all'affranività esercitata sulla domanda, spinta da motivazioni culturali o al sistema locale di offerta dei servizi turistici primari, ma anche in rapporto all'incremento di attività indotte e che sono connesse direttamente o indirettamente con la attività culturali. valot',zzazione delle L'impostazione di una metodologia di rilevamento delle fonti valide per acquisire le informazioni quantitative e qualitative sulle caraneristiche dell'offerta e della domanda dì godimento dei beni e delle attività culnrrali sul tenitorio è parsa un'indicazione prioriaria nella messa a punto del progetto, Un secondo requisito è stato individuato nell'opportunità di sperimentare la metodologia su una regione-campione del Mezzogiomo, sia per incentivare la promozione di interventi ad hoc in un'area di grandi potenzialità ma con criticid di sviluppo, sia per monitorare e valutare i progetti aw,iati dal Ministero e dalle Regioni, cofinanziati dall'unione Europea. Si è sviluppato quindi in tre fasi di attività: l'individuazione di un modello metodologico, la sperimentazione su una regione campione e l'analisi dei risulati. Ia prima fase del percorso ha richiesto la definizione di una metodologia di ricerca delle fonti valide per acquisire e sistematizzare entro un tenitorio regionale le informazioni relatrve all'analisi quantitativa di: a) Offerta: dei principali beni e risorse culnrrali intesi come attrattori, che sono oggetto di interesse potenziale da parte della domanda, anche con riferimento allo spettacolo; di offerta turistica inerente la consistenza delle maggiori strutture e infrastrutture, servizi, attività; con riferimento anche alle iniziatsve che si collocano in relazione tra i due settori, in quanto lnalizzate alla valot'rzzazione e fruibilità del patrimonio culturale; ' La ricerca (svolta tra gennaio e luglio 2001) è stata inîegralnìente pubblicata in una monognfia, alla quale si rimanda per informazioni e dati ch dettaglìo: Metodo e strumenti per un Ossm'atoio del tuismo culturale. II caso Basilicata, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Ufficio Studi e Centro Studi del Touring Club ltaliano, Touring University Press, Documenti, Milano, 2002, La ricerca è stata realizzata da Marco L. Girolami; Matteo Montebelli, Laura Pezzoni, Emilio Quintè, Massimiliano Valvassori, con la collaborazione di Franco Bitetti. b) Domanda: riferia al godimento dei beni e delie anività culturali, con posibili articolazioni per segmenti e provenienza dei flussi, A tale proposito sono stati approntati schemi validi per indagini a campione sulle motivazioni e i comportamenti. Come oggetto di indagine non si sono individuati solamente gli attranori/risone, ma anche i soggettì e le iniziative pubbliche o private che compongono la filiera culturale e il sistema turistico come ambiti di valoizzazione dei beni e luogo di relazioni tra domanda e offerta del bene culrurale come prodotto ruristico. La seconda fase ha comportato l'applicazione operativa sulla Regione Basilicata della metodologia emersa dalla fase precedente, con rilevazioni sul campo. Metodologia L'approccio metodologico del progetto muove dalla centralità che viene riconosciuta ai beni culturali itzliani considerati come attrattori della domanda turistica, ossia come luoghi o mete di destinazione del rurismo culturale, ma anche come risorsa economica in quanto possono indune a elevare la competitività e l'offerta dell'intermediazione nei sistemi turistici locali. Il positivo andamento di visitatori nelle città d'arte ialiane e nelle sedi che espongono il patrimonio storico culturale e la diffirsa domanda di cultura si prestano come indicatori per affermare le previsioni che vedono il nrrismo culturale fra le tipologie in maggior crescita, e che già ora rappresena la principale motivazione al viaggio per oltre un tezo dei turisti. Una conferma delie implicazioni positive che il segmento culturale porta all'economia nazionale viene dal fatnrrato prodotto, stimabile in 15 miliardi di euro. Il vero prodotto turistico è però il tenitorio, con la complessità di valori storici e cultunli che esso esprime e di cui è portatore. Un efficace disegno di sviluppo del turismo può realizzarsi solo in un conetto rapporto tra i turisvvisiatori e il patrimonio di risorse afistiche, storiche, ambientali o naturalistiche, che sia orientato alla rigorosa nrtela del patrimonio ma destinau alla sua valoizzazione, coordinato entro un quadro organico di competenze e di funzioni delle amministrazioni e degli operatori. Le attività di tutela e di conservazione del patdmonio artistico e culturale ialiano sono competenza di specifiche amministrazioni pubbliche mentre le attività rivolte alla valoizzazione dei beni e alla gestione dell'offerta culturale si posono collocare in ambiti di iniziativa pubblica oppure privata, o ancora con integrazione pubbliccprivato. Inolffe, si tratta di attivid che possono applicare modelli di gestione diversi tra loro, con modalità di finanziamento differenti, e possono riguardare iniziative di progenazione e di programmazione. Il progeno ha concentrato I'attenzione sui piani e le iniziative divaloizzazione e di gestione dell'offerta che riguardano le risone culturali entrc un determinato tenitorio e che infatti, non sono monitorate in modo sffunrrato. Manca cioè uno strumento di rilevazione, aggiomato e periodicamente aggiomabile, per la conoscenza organica e sistematica di specifiche informazioni che permetta anche di chiarime la reperibilità. Ricercbe e inlagini

2 Notiziario/ Da qui I'idea direalnzarcun Oseruatorio' con finalità conoscitive delle iniziative di valoizzazione delle risorse culturali, del tenitorio e delle componenti di gestione e servizi dell'offerta turistica. Un Osservatorio che si sviluppi su scala regionale perché si individua in tale contesto un modello facilmente replicabile sulle altre regioni e con un livello di gestione e di aggiomamento sostenibile sotto l'aspetto economico e strutturale. D'altronde, un sistema informativo collocato al livello regionale risponde in misura efficace alla necesità di fomire un preciso percorso di produzione delle informazioni: quali servono, dove reperirle, come utlizzarle. Iavalonzzazione delle risorse nel settore culturale, così come l'offerta di servizi e l'intermediazione turistica, presentano nniative numerose ed eterogenee. [a predisposizione di un sistema informativo non può prescindere da una ricognizione aftena e puntuale della realtà culrurale, della realtà turistica a livello regionale e dall'individuazione delle principali componenti attive nei due comparti considerati. Con I'avvefienza che le rilevazioni, così come la disponibilità delle informazioni, non si collocheranno rigidamente nel setlore della cultura piut tosto che in quello del turismo perché le due aree sono, infatti, interagenti. L'istituzione di un simile sistema informalvo a livello regionale realizza w Osuaatnrio regionale del turismo culturale, che si configura come struttura tesa ad acquisire gli elementi conoscitivi e a fomire gli elementi esplicativi delle componenti principali nel comparto culturale e turistico'?. L'insieme delle informazioni ed indicazioni che l'oservatorio è in grado di fomire per la conoscenza complessiva del fenomeno turistico e culturale risponde ad un duplice aspetto tecnico e funzionale. Il sistema informativo che compone l'osservatorio wolge due funzioni o compiti specifici: - una firnzione conoscitiva capace di acquisire informazioni entro aree di intervento identificate; - una fr:nzione comunicativa di elementi per la predisposizione ed eventuale adozione di un piano di sviluppo culturale e turistico. In particolare la comunicazione orizzontale consente la circolazione delle informazioni (dati e lettura complessiva del fenomeno fra i soggettr che si intersecano nel settore del turismo e della culnrra). la comunicazione verticale favorisce invece lo scambio di conoscenza tra i diversi livelli istituzionali. Si richiama l'attenzione sulla scelta delle aree tematiche di intervento che sono state identificate nelle funzioni dell'osservatorio e che interessano precisamente le risorse culturali e il tenitorio locale, I'offerta turistica e la domanda di turismo. Gli elementi che I'Osservatorio intende rilevare si pongono al livello amlativo regionale e interessano I'acquisizione e sistematizzazione di informazioni che si riferiscono a iniziative o a decisori e soggetti che possono essere pubblici, privati o di natura pubblico-privata. Arcbitettura del progetto Il proceso metodologico di acquisizione e sislematrzzazione delle informazioni che compongono l'osservatorio si basa sulla scomposizione I Sulla predisposizione e applicazione dì sistemi informativi applicati al settore turistico si vedli L'osseflatorio luristico, a cura di Mecor Amollror CoHcurNo, Egea, Milano, Si osserua la sempre più diffusa realizzazione di Osserurltlri che sono collocati presso le amministrazioni locali e in panicolare presso gli enti regioni, e che si intitolano alla materia culturale oppure al settore del turismo. A titolo esemplificativo si vedano le seguenti esperienzet Ossenatoio culturale del Píemonle. Relazione annuale 1999, lw, Istituto di ricerche economico-sociali del Piemonte, 200q L'economia del turísmo in Emilia Romagna. Osseruatorío tunstico regionale.foîd^lo da Regione e Unioncamere Emilia Romangna in collaborazione con Confcommercio e Confesercenti, Quinto Rappofio, 2001, delia realtà da monitorare in tre categorie omogenee o modulir e si ispira alla fiiiera produttiva del proceso di - valoiznzione in senso ampio - dei beni culturali sull'economia locale'. Le tre categorie adottate sono distinte in riferimento agli elementi che le compongono, ma collegate tra loro quando vengono considerate nel rapporto dinamico che si attiva se poste in relazione al turismo culturale Gig. 1). Bse sono: A. Le risorse culrurali e del tenitorio, cioè il patrimonio di singole opere artistiche. i luoghi monumentali, la storia e le tradizioni delle comunità locali e in senso lato gli elementi attrattivi per la domanda di turismo; B. L'offerta turistica territoriale, cioè il sistema regionale di offerta turistica composto dai servizi turistici, ma anche dalle anività complementari e dalle infrastrutture, dall'organizzazione e dal- I'impresa turistica; C. Le motivazioni e i comportamenti della domanda turistica per esprimere le variabili quantiutive e qualiative nell'utilizzo di sffutture e servizi nrristici, il consumo dei turisti effenivi e la propensione a fare turismo nella destinazione indicata. FIcue 1. Prrceso metodologico di acquisizionz e sistenxatizzazio,e delle informazioni MOTIVAZIONI ECOMPORTAMENTI DEI-I-A DOMANDA Ia struttura del progeno prevede che ciascuna categoria venga esplosa per indicare schematicamente il percorso che si adotterà per I'acquisizione delle informazioni desiderate, nella successiva fase operativa di sperimenazione sul tenitorio. Nei paragafi che seguono si entrerà nel dettaglio delle modalità di produzione delle informazioni, procedendo ad una descrizione complea per ogni categoria. A. Le rusonse clitijraii l'acquisizione delle informazioni ed iniziative intraprese sulle risorse culturali nella regione di riferimento, e delle relative fonti di riferimento, si sviluppa su tre elementi di conoscenza come schematicamente rappresentato n Figura 2. In particolare prevede: - la scbedatura delle risone presenti sul tenitorio regionale, raggruppate per tipologie di riferimento; 3 I'Osenalorío turistico. ciî. " Il modello è fomulato da Prnro A. Valentino in: Associazione Civita, La storia al íuturo. Beni culturali, Wcializzazione del terîitoio e nuoua occupazione, Ic ricercbe sui beni culturali

3 86 Notiziario/ la ricognizione clei seruizi culturctli attivati sulle risorse singolarmente considerate e finalizzati alla loro valorizz:tzione e migliore fruizione (ad esempio i sen'izi museali aggiuntil'i o I'applicazione di carte dei servizi); - la ricognizione della prcgenualitci che interessa il tenitorio come insieme integrato di risorse (ad esempio la Programmazione nazionale e regionale, la progmmmazione negoziata e in particolare gli Accordi di programmazione quadro e i Pani tenitoriali. i progetti di sviluppo integrato basato sui beni culrurali e in particolare gli studi di fanibiliù CIPE, i progetti promossi in ambito di Unione Europea: - i soggetti attiui nella ualorizzazione delle risorse culturali anche con riferimento ai servizi e alla progettr.ralità rilevati e che possono collocarsi in arnbito pubblico o privato, oppure attivando forme di gestione miste. FrcrRc 3. Offerta hrristica teritoiale STRUTTURE RICETTIVE STRUTTURE RISTORATIVÈ, ALTRI slryizi DI OFFF,RTA TURISTICA ORGANIZZ,{ZIONE TURISTICA PUBBI-ICA Flcuru 2. Risone culturali del tenitorio Jrlle isarst. r\ttivazione sen.izi aggiuntivi. Anolicazione. gi;iu de; progetd UE B. L'onrEnre TURrsTtcA TTRRIToRIAIE In questa sezione I'Osseryatorio intende acquisire le componenti del nercato e dell'offerta tr.uistica regionale: un sistema imprenditoriale complesso che inclr.rde attività direnamente ed indirettamente turistiche, per la ben nota caratteristica di trasversalità del senore che affianca alle attività direttamente turistiche anche un insieme di anività collaterali e complementari. RISORSII CULTURT\LI Schedatura per tipologi I SERVIZI ti PR()GETTI PER l./\ i \'.\t.()rtzz.\/-r()\tr:-r-r\frl'lzl()ntt. chiese, abbazie. palazzi, residenzc. èastelfi, fortifi cazioni. nuclei storici. siri archeologici. giardini storici. muset. snettac<llo. clltura popolare, -artlgianato. cventi, rasseqne, fesu\'îl S()GGETTI ÀTTIVI PLR I-À \"\t-ortz7-^ztonil. Pubblico. Privato. Cooperazione pubblico-privato. Sviluppo di sistemi gestionali 5'il nritoria Programmazione nrzionrlc e P( )R). Prolrammazione ncgoziata (accòrdi dì programma quadro. Par d rerriroriaìi). Prrgcrti di sviluppo integrnt,' (es. srutl di fatubihd CIPE; La struttura di rilevazione è schematicamente raffigr.uata in Figura J e comprende: - le strutture dell'ffirta di sqaizi turistici primari (strutnue ricettive, ristorative, commerciali, anività di intermediazione con riferimento ai tour operator e agenzie viaggi, servizi di guide turistiche, di accoglienza e di visita); - i sistemi di trasporto con riferimento ai collegamenti per I'accesso e la viabilità regionale e ai vettori dei mezzi di trasporto; - i corucuzi di narura privata (associazioni di gruppi di operatori, club di prodono) nati per I'intraprendenza degli operatori e/o agevolati dalle amministrazioni pubbliche; - I'oryanizzazione tllristica pllbblica locale ai diversi livelli di competenza regionale (ad esempio: Aziende di promozione turistica, uffici di informazione e accoglienza nuistica) o promossa dall'ente locale (pro loco); - gli strumenti e i prcdcttti pu la prcmozione turistica locale; - gli organisnti pltbblici/priuafl dei settori d'impresa, C. LE Iîor\AZIoN E I coi\'fi,ortaà'îe\ti DEU^À DoÌ\f{\DA Obiettivo fondamenule che si intende perseguire entro quest'area di ricerca è connotarc la dornanda di nrrismo rivolta al tenitorio regionale in esame, con riferimento alle componenti quantitative e qualiative. Attenzione venà posta anche al possibile approfondimento sia del segmento di domanda culturale, sia alla domanda di turismo effettiva e a quella potenziale. La ricerca che si propone si orienta qlrindi su due livelli di indagine, (cft. Fig. 4). - l'analisi statistica quantitrtiva dei dati di affluenza turistica per destinazioni e tipologia, svolta sulla base delle fonti Lrfficiali nazionali e delle rilevazioni locali; - l'analisi motiuazionale compiua sui nrristi effettivi che scelgono la regione come destinazione di viaggio e vacarrza. Di questa parte, lo sviluppo operativo del progetto fomirà la metodologia e gli strumenti di indagine che consentono di rilevare i punti di forza e di debolezza della regione come destinazione turistica, carerìze di servizi/strunure o elementi di potenzialità e tutta una serie di fanori che esprimono l'immagine della localiù nel vissuto dei ruristi. La componente motivazionale dell'indagine riveste grande lrrrpoftanza per la definizione di strategie mirate di marketing e di promozione e per l'individuazione di eventuali conettivi da apportare alla doazione e all'articolazione dell'offerta, da parte sia pubblica sia pt'rvaa, allo scopo di far conispondere sempre più le esigenze espresse dalla domanda con I'offerta regionale, Frcunr 4. Compoftctmenti e motitazioni della domanda ANALISI STATISTICA Per destinazione quantitatir.a dei flussi Pnncípali isultati della icerca DONfANDA CUI-TURALE ANALISI ìúotivazionale Proposta di indagine su mouvazrone e comportamenti tramlte questlonaflo Il limite imposto dalla presente relazione non permette di presentare i dati analitici della ricerca sul campo condotta sulla Basilicata, ma solo Ricerche e indagini

4 Notiziario/ una sintesi dei principali risulati emersi e delle considerazioni possibili anche in relazione alle prospettive di sviluppo economico e sociale che sono legate alla valoizzazione del patrimonio culturale. Valutazione dtlla metodologia L'architettura metodologica complessiva predisposta si è rivelaa efficace nel corso dell'applicazione e dell'attuazione nella regione. Ia validità si è rivelaa coerente in tutte le fasi operatie di acquisizione delle informazioni che erano state previste per le tre categorie adoftate: le risorse culturali; I'offerta turistica tenitoriale e I'analisi della domanda. Anche gli obienivi posti inizialmente con la realizzazione del sistena informativo sono stati conseguiti, realizzando infani la struttura capace di acquisire e sistematizzare gli eiernenti conoscitivi e di fomire gli elementi esplicativi delle potenzialiù della regione atúaverso le varie componenti principali nel compafio culrurale e turistico. L'applicazione del modello metodologico si è camtterizzata, tra l'altro, per I'indicazione di aree turistiche tenitoriali entro le quali è stata ricondotta ogni tipologia di informazione o materiale raccolto. Questo ha consentito, quale risultato ulteriore della metodologia attivata e della sperimentazione compiuta, la lettura complesiva trasversale e critica delle informazioni acquisite nei diversi settori d'indagine che compongono la filiera culturale e il sistema turistico della regione. Ia ricognizione svolu in Basilicata è stata integrata sulle fonti e sulle statistiche ufficiali per possedere un quadro più organico e completo del sistema turistico locale. Ciò ha prodono una notevole quantità di dati e di documentazione per la cui interpreazione si è adomaa anche una modalità di archiviazione digitale che ne consente una migliore leggibilità. L'acquisizione dei documenti in Basilicata ha richiesto tra l'altro il contatto con istiruzioni e soggetti locali che hanno manifestato ìnteresse alla finalità e al contenuto del progetto, apprezzandone Ia valenza e I'opportunità di vedere collocate in un quadro d'insieme organico tutte le componenti del settore culturale e turistico, rivelando anche aspettativa sugli esiti e gli wiluppi di questa anività. La caratteristica sperimentale del progetto ha visto la realizzazione in una regione campione, tuttavia l'approccio metodologico si è rivelato estensibile ad altre realtà regionali. Sintesi dei rísultati Alla luce delle rilevazioni effetnrate emerge la presenza di aspetti positivi e di elementi di criticiù nel quadro delle rclazioni esistenti tra risorse/servizi/soggetti nei settori considerali, finalizzati alla valorizzazione e fruibilità del patrimonio culnrrale entro la dimensione turistica. la forte crescita dei Jhtssi turistici in Basilicata negli ultimi anni, che può spiegarsi per i seguenti fattori: - investimenti significativi in infrastrutture e servizi ricettrvi di fascia medio-ala (le nuove strutture ricettive hanno esercitato un ruolo di traino della domanda, infatti, oltre a determinare - di per sé - un flusso aggiuntrvo, hanno costituito un importante veicolo promozionale per le localirà/aree in cui si sono localizzate)'; - effeno "novità" della destinazione (molti turisti, soprattutto del centro-nord, scelgono la Basilicata per conoscere destinazioni e luoghi nuovi); la regione è ancora molto "da scoprire" sul piano turistico e questo cosduisce un elemento di anrattiva; ' Non è un caso, da questo punto di vista. che quasi tutte le nuove strutture siano presenti sui c:rtrloghi dei principali tour operator. - tendenze in atto nel mercato turistico. In particolare, crescita del turisno culnuale nei centri d'arte cosiddetti "minori"; emergere di un turismo balneare sempre più attento alla qualità dell'ambiente naturale e alla presenza di fattori di attrattiva di tipo storico-culturale (aspetti - questi ultimi - entrambi presenti nelle due aree di turismo balneare della regione). Ia ntotimzione e destinazione balneare rappresentano la componente di gran lunga maggioriaria della domanda turistica che si rivolge alla Basilicaa. Diversi indicatori segnalano tutîavia una crescita signficativa clel rurisno culturale, che assume ancora un carattere prevalentemente "escursionistico' (nella fomra individuale, ma anche organizzaía), e ciò ne rende difficile la quantificazione. Una parte del patfintonio storico-culturale della regione è ormai r,rn fattore "autonomo" di attrattiva, nel senso che costituisce - di per sé - la motivazione per un viaggio in Basilicata (è il caso, in particolare, dei Sassi di Matera, dei siti archeologici e dei castelli nell'area del Vulture/Melfese). Ia fruizione di molte risorse culturali, peraltro, è frequentemente associata ad altre tipologie divacanza (quali il balneare e il montano).. Da questo punto di vista, vi è un significativo potenziale di attrazione ancbe nel patrimonio storico-culturale "minorc" della regione. Se la componente più importante del patrimonio storico-culturale lucano risula concentrata nelle aree turistiche, vi è tuttavia una pressnza relntiuamente diffusa di risone culturali sul tenitorio regionale. A rallenare il processo di valoizzazione del patrimonio storico-culturale della Basilicata conconono diversi fanori (organizzalivi e strutturald, tra i quali assumono un peso rilevante: - I'insufficiente cultura turistica, intesa come capacità di riconoscere il valore del patrimonio in sé e per il potenziale di attrazione turistica che esso esprime (ciò non consente di far diventare prcdotto per il turismo le risorse esistenti); - la carcnza dei servizi in grado di favorire una effettiva fruizione delle risorse e di fame apprezzaîe il valore (itinerari turistici anrezzati, servizi di informazione turistica, guide nrristiche, ecc.). I più recenti documenti di programmazione regionale segnano comunque una svolta rispetto ad un approccio al patrimonio storico-culturale improntato esclusivamente alla rutela e alla conservazione dei beni, Sembra ormai superata una concezione puramente corsentatiua del patrimonio a favore di una concezione del patrimonio come risorsa per lo sviluppo. Da questo punto di vista, sono particolarmente significative le knee strategiche individuate dal programmatore regionale in materia di beni culturali: - potenziamento della infrastrunrrazione turistica finalizzata al miglioramento della fruibilità del patrimonio; - realizzazione di iniziative volte al recupero dell'identità regionale e alla diffusione della cultura del temtono; - sostegno alla crescita dell'imprenditorialità e delle organzzazioni legate alla valoizzazione e alla diffitsione della conoscenza del patrimonio culrurale; - adozione di una ''logica di integrazione", che comporta I'inserimento del singolo bene culturale in un sistema più ampio di beni complementari offerti alla fruizione. Ó Alcune ind:rgini qurlitrtive sulh domancla hanno evidenzirkr, ad esempio, una elevata propensione cla pane dei turisti balneari del ùfetapontino acl effettlrare visite ed escursioni nei luoghi cli interesse culnrmle deih regione (cfr. F. BrrIîIl. ln domanda tnislicrr ncl Metapltlll no: profilí e Ieildeilze erclutil'e. in Osservatorio dell'economia Materana - l\{atera Pronrozione" n ) Ic icercbe sui bmi culturali

5 88 l,{otiziario / la progenualitci in afto nel settore della valodzzazione dei beni culnuali sembra aver pienarnente recepito questi inclirizzi stntegici, soprattutto con riferimento all'oppornrnitzì di pen'enire acl un 'srs:terza integrato" di risorse, aspetto quest'ultimo che costitr.risce il filo conduttore dell'accordo di Programma Quaclro in n.nteria cli lleni e anività culnualir, In quesu prospettiva, un molo importante potranno avere i s:ogqelli piuati(associazioni, fonclazioni, circoli culturali) e pubblico-prilari, che la sperimentazione lia clocumentato essere prcsenti in numero significativo in Basilicaa e, per alcuni, con esperienze di nrmo rilier,o nel campo della valorizzazione dei beni culrurali. Un altro aspetto da rimarcarc è npprcsentato dalla rnolteplicità di eventi e manifestazioni culturali in Basilicata, che documenta la capacità di questa regione di preservare e valoizzare la culrura e le tradizioni locali. Si tratta, tuttavia, di un potenziale fattore di attraniva non pienamente valorizzato. I problemi - a questo livello - sembrano riconducibili: - al mancato o insufficiente raccordo tra le iniziative promosse e le agenzie di incoming, per cui gli eventi non diventano prodotto turistico; - ad una debole e poco mirata attività di promozione degli eventi; - all'assenza di una comunicazione unitaria dell'offerta culturale della rcgione. In ogni caso, la prospeniva divaloizzazione dei centri "minori" d'arte, conìe sono definibili qlrelli lucani', implica anche la presentazione e comunicazione di una offerta culturale pifr cornpleta, non soltanto la con.ìponente artistica/monumentale in senso stretlo, na tutte le molteplici espressioni clella cultura locale: dalle tradizioni all'ambiente, dall'evoluzione del paesaggio alle produzioni artigianali, ecc. A qucsto lilcllo, laspetìo frxse pirì prrirlematico ò mppresentuto chllcffertivr crprciri tlci sisîorlr". cnltura o. comunque, llh krro nrinore importanzx rispetto a quelh delle destinazioni pilr notc. Ricercbe e indagfui

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate 2007-2013 (PAR FAS) 1

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts Kate Holt / WWF-UK Lavorare con la natura. Quand tous Dati les e buone pratiche métiers seront verts Maria Antonietta Quadrelli Ufficio Transforming Culture WWF Italia 24 Aprile 2015 Quand tous les métiers

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita

I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita (maggio 2008) Codice Prodotto- OSPS10-R03-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Linee guida per costruire una Strategia di area-progetto

Linee guida per costruire una Strategia di area-progetto Linee guida per costruire una Strategia di area-progetto (utile ai cittadini, non ai progettisti) Documento di lavoro: versione novembre 2014 La Strategia nazionale per le aree interne interpreta il territorio

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE

CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE CHE COSA PENSA LA GENTE DI 7SORB INDAGINE PSICOSOCIALE 2013 LA RICERCA PSICOPRAXIS, Istituto di Psicologia e Psicoterapia - Centro per la ricerca e la formazione post-universitaria con sede in Padova,

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE PARERE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 28.11.2006 COM(2006)759 definitivo 2004/0218 (COD) PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 251, paragrafo 2, terzo comma, lettera c) del trattato CE,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 08 AGOSTO 2014 RICONOSCIMENTO E COSTITUZIONE DEI DISTRETTI RURALI, DEI DISTRETTI AGROALIMENTARI DI QUALITÀ E DEI DISTRETTI DI FILIERA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

1.01. normativa istituzionale l.r. 15/2015 1

1.01. normativa istituzionale l.r. 15/2015 1 1.01. normativa istituzionale l.r. 15/2015 1 Legge regionale 10 aprile 2015, n. 15 DISPOSIZIONI DI RIORDINO DELLE FUNZIONI CONFERITE ALLE PROVINCE IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 7 APRILE 2014, N. 56 (DISPOSIZIONI

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli