Turismi attivi: sviluppo turistico per la valle del Cedrino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Turismi attivi: sviluppo turistico per la valle del Cedrino"

Transcript

1 Università degli studi di Sassari IUAV Facoltà di Architettura Alghero Corso: strutture urbane e territoriali Turismi attivi: sviluppo turistico per la valle del Cedrino Docenti: Francesco Indovina Silvia Serreli Tutores: Verdina Satta Sabina Selli Valentina Simula Michele Valentino Studenti: Cesare Favero Andrea Masia Fabio Mocci Enrico Scalon Noemi Volo

2 Indice 1- DALLA CITTÁ TURISTICA ALLA CITTÁ AMBIENTALE pag.2 2- ANALISI DELLE STRUTTURE TURISTICHE pag.4 2.1Indice economico Indice tipologico Indice di ricaduta SCENARIO PROBABILE pag ANALISI TERRITORIALE pag Elementi ambientali di rilievo Geomorfologia Idrografia e rischio idrogeologico Assetto insediativo Principali collegamenti viari SCENARIO POSSIBILE pag Interazione tra i comuni Residenza diffusa Il turista attivo Riqualificazione ambientale Marketing territoriale CONCLUSIONI pag.30 BIBLIOGRAFIA pag.31 Allegati pag.32 1

3 1. DALLA CITTÁ TURISTICA ALLA CITTÁ AMBIENTALE L area di progetto è situata nella parte Nord-Est della Sardegna, lungo un tratto costiero di circa 100 Km che comprende l area che interessa i comuni costieri da Olbia a Dorgali, prende in esame quei centri urbani che hanno sviluppato una forte economia legata al turismo e tutt ora in continua crescita. Ciò che emerge da una prima analisi statistica è che il tipo di economia turistica cambia man mano che ci si sposta da Nord a Sud, ovvero da una città prettamente turistica a una più ambientale, non strettamente legata al turismo statico (alberghi, resort). All interno dell Ambito 21 (individuato dal PPR) emerge un sistema urbano ed economico-turistico del tutto differente da quelli presenti più a Nord: i comuni voltano le spalle al mare nonostante la breve distanza che li separa e il facile accesso stradale; questo fatto, visto in relazione all analisi ISTAT, mostra come non esista un indotto proveniente dal turismo, benché ci sia una grande potenzialità del territorio. L analisi del sistema urbano mostra l assenza di una forte connessone economico-turistica tra i comuni adiacenti il monte Tuttavista, quali Orosei, Irgoli, Galtellì, Onifai, Loculi, Dorgali e le località turistiche costiere di Sos Alinos, Cala Liberotto, Cala Gonone. Nel nostro lavoro si cerca di dimostrare come, procedendo da Nord a Sud, si passi da una città turistica (San Teodoro), ad una città ambientale (Dorgali), non basata esclusivamente sul turismo balneare, ma anche su quello dell entroterra. L obiettivo del progetto è quello di dare vita nell ambito della valle del Cedrino ad un nuovo sistema turistico-ambientale che caratterizzi l intera area e che metta in competizione/concorrenza turistica quest ambito con quelli sopracitati. In questo caso essere competitivi 1, significa realizzare un indotto che abbia una ricaduta economica consistente sul territorio, e che garantisca benessere a chi risiede, lavora e vive in 1 Poiché la competizione in questo senso, consiste nello sviluppo di capacità individuali e collettive di intraprendere innovazioni permanenti (Schumpeter J.), è chiaro che queste capacità vanno al di là della semplice economia locale, ma integrano concetti di coesione ed efficienza: è questo il motivo che spinge per la promozione di un Consorzio dei Comuni della Baronia a tale scopo. L apertura di un nuovo bene è uno dei primi passi da affrontare, che in questo caso consiste in un opera di riqualificazione ambientale, fluviale e paesaggistica, il potenziamento di servizi esistenti e la realizzazione di nuovi: questo è indice di una nuova organizzazione del settore economico (Turok, 2005). 2

4 questi luoghi, attraverso l implementazione di una rete di servizi, attività diversificate, strutture ricettive che assicurino un costante afflusso di persone appartenenti alla categoria turistica lowcost, sportiva e dinamica, sintetizzata con il termine Turista Attivo, esigenti di una ricettività differente da quella offerta sulla costa sovrastante. Lo scenario attuale mette in evidenza la debolezza di queste aree dal punto di vista della gestione, ma allo stesso tempo mostra come la presenza di alcune peculiarità ambientali e urbane possono agevolarne lo sviluppo: sono le singole città, in questo caso i comuni consorziati, a dover attirare a sé gli investimenti utili per la realizzazione di nuove attrattive. Il miglioramento economico-ambientale-infrastrutturale porta inevitabilmente a mettere in luce le aree interessate verso le classi di turismo diverse per interesse e disponibilità economica: varia così la divisione spaziale del consumo, ovvero un utilizzo turistico del territorio in modo estensivo e dinamico piuttosto che stanziale e di breve raggio, il tutto agevolato dalla morfologia del territorio che dalla costa consente, lungo il fiume Cedrino, di penetrare agevolmente lungo l omonima valle tra i due calcari dominanti (questa situazione è unica per tutta la costa da Olbia a Orosei, e questo consente di ipotizzare uno scenario di monopolio turistico). Per permettere ciò si vogliono promuovere luoghi nuovi del consumo, fatti di spazi pubblici, spazi per lo sport, alloggi diffusi, reti percorribili su tracciati religiosi, culturali e ambientali: tutte le funzioni devono essere organizzate gerarchicamente, e devono dare impulso alla riorganizzazione del sistema urbano. Il tutto all insegna della sostenibilità, al miglioramento della qualità ambientale e dello stile di vita. 3

5 2. ANALISI DELLE STRUTTURE TURISTICHE Per meglio comprendere come vari la struttura turistica passando da Nord a Sud risulta molto utile l utilizzo di indici e indicatori 2 ; i quali forniscono indicazioni utili a caratterizzare le singole peculiarità delle varie aree. Nel nostro caso abbiamo fatto ricorso ad entrambi. Il territorio preso in esame si caratterizza per la grande rilevanza del settore turistico soprattutto costiero; nonostante il territorio disponga di grandi risorse, sotto l aspetto naturalistico e paesaggistico, legate si al mare, ma anche all entroterra, la tipologia di turismo sviluppata è quasi esclusivamente balneare. Nel caso oggetto d analisi, con riferimento allo scenario prospettato per suddetta area i primi dati indispensabili per lo scenario turistico, sono le presenze turistiche. Essendo l area considerata raggiungibile dal porto di Olbia sono stati reperiti i dati relativi agli arrivi in porto e aeroporto, i quali forniscono un indicazione sulle possibilità turistiche della valle del Cedrino. Arrivi in Nave Arrivi in Aeroporto Tab.1 arrivi in porto/aeroporto (dati ricavati da fonte Istat per quanto riguarda i passeggeri in nave, per quanto riguarda i dati degli arrivi presso l aeroporto di Olbia sono stati utilizzati valori calcolati dalla regione) 2 indicatori: sono valori numerici (dimensionali o adimensionali) che misurano/descrivono un parametro o una caratteristica di un dato sistema. Si usano per tener monitorato un parametro significativo o per poter giustificare un determinato intervento. indici: : sono un solo valore (dimensionale o adimensionale) costruito per descrivere sistemi complessi, in genere risultante dalla combinazione matematica di più indicatori. Si usano poiché sintetizzano numerosi aspetti/fenomeni/processi di un sistema, semplificandone la comprensione e la valutazione al fine di prendere decisioni e comunicare le ragioni e gli effetti di tali decisioni. 4

6 Poiché Olbia non è la località turistica che stiamo considerando ma solo la porta di accesso, abbiamo ritenuto corretto indicare il tempo di percorrenza 3 di cui il turista deve farsi carico per raggiungere l area in analisi. Percorso più veloce Percorso più panoramico Percorso più confortevole Tempo di percorrenza 1h 27min percorrendo una distanza di circa 84 km con una spesa per il carburante di circa 12,50 Tempo di percorrenza 1h 52min percorrendo una distanza di circa 88 km con una spesa per il carburante di circa 10,09 Tempo di percorrenza 1h 42min percorrendo una distanza di circa 106 km con una spesa per il carburante di circa 13,51 Tab.2 tempi di viaggio da Olbia all area oggetto di analisi Inoltre, per meglio comprendere il nostro ragionamento, sono utili per cogliere come la tipologia di turismo vari da Nord a Sud, altri indicatori, i quali sono stati ricavati da analisi effettuate dall ISTAT; si è fatto ricorso a diversi tipi di dati per esplicare diverse caratteristiche del territorio: l andamento della popolazione nelle varie località costiere; la disponibilità di posti letto suddivisi per categoria. I dati disponibili fanno riferimento ai due anni , messi a confronto in maniera tale da poter prevedere con maggior certezza lo scenario probabile dei singoli paesi presi in considerazione; la popolazione fluttuante stagionale, dato ricavato da un analisi svolta dalla regione Sardegna. Più precisamente ricavato dal Piano Regolatore Generale degli Acquedotti aggiornato al 2006, nel quale sono riportati i valori passati e anche le previsioni future per quanto concerne la popolazione residente e fluttuante; densità comunale; per poter meglio rappresentare la specializzazione turistica lungo la costa sarda, partendo da San Teodoro e arrivando fino a Cala Gonone (Dorgali), abbiamo deciso di inserire come indicatore il costo di una settimana di pernottamento ( dal 7 al 14 agosto 2010) in un 3 Il dato è stato ricavato attraverso in sito prevedendo la possibilità di percorrere 3 tipi diversi di strade. 5

7 albergo a 3 stelle 4. Ci rendiamo conto del limite della nostra ipotesi, però in mancanza di altri dati disponibili, riteniamo utile questo dato per poter rappresentare il nostro scenario. Inoltre la scelta sulla categoria a 3 stelle è stata fatta in ragion del fatto che si tratta di una categoria media (anche se dai dati che abbiamo non risulta molto presente nel territorio), inoltre era la sola categoria presente in tutte le località considerate; per i comuni in cui è stato possibile abbiamo calcolato la percentuale dei fluttuanti stagionali che risiedono nelle località turistiche (dei singoli comuni) rispetto a quelli invece che preferiscono stare nel centro storico del paese. Attraverso tale valore si vuole dimostrare come la mancanza di valorizzazione del territorio porti solo allo sfruttamento delle coste a discapito dei centri storici. Tutti questi valori sono riportati in tabelle o grafici per rendere le informazioni di rapida lettura, suddetti dati sono riportati nelle varie tavole a fianco dei rispettivi comuni. Buona parte del nostro lavoro si è basato sulla creazione di tre diversi indici. Le formule servite a rendere evidente come la tipologia di turismo vari man mano che ci si sposta da San Teodoro a Dorgali. 2.1 Indice economico Suddetto indice è stato ricavato dando dei pesi differenti a seconda della categoria dei posti letto disponibili all interno del comune. Questo è stato fatto per rendere visibile come la tipologia di strutture insediative cambi lungo la costa presa in analisi, cercando di mettere in evidenza le strutture di maggior rilevanza in termini di spesa per il soggiorno. I dati sono stati raggruppati per categorie: 1. posti letto a 4-5* (A); 2. posti letto a 3* (B) ; 3. posti letto 1-2* e extralberghieri (C). Mentre alla prima categoria è stato attribuito un peso pari 3 nella seconda e nella terza categoria il peso assegnato è stato pari a 1. 4 Tale dato è stato ricavato tramite un analisi in internet (http://it.hotels.com), sito utilizzato per tutte le località considerate. 6

8 La formula utilizzata è quindi la seguente: indice economico = (A x 3) + (B x 1) + (C x 1) (A + B + C) Il valore così calcolato risulta essere di difficile lettura, poiché, i valori tendono ad essere molto ravvicinati. Per rendere più comprensibile il risultato il valore ottenuto è stato usato come esponenziale di e (base dei logaritmi naturali il cui valore è circa 2,718). In questa maniera il range di valori dell indice è aumentato notevolmente rendendo più facile la suddivisione in categorie, le quali sono state tramutate in scala cromatica per essere rappresentate sulla cartografia ATTUALE Indicatore Economico San Teodoro 3,85 Budoni 3,63 Posada 2,72 Siniscola 2,72 La Caletta 5,80 S. Lucia 2,72 Orosei 4,85 Cala Liberotto 6,79 Villaggio 20,09 Dorgali 4,90 Cala Gonone 7,15 Tab. a valori dell indice economico 7

9 scala valori più di 15 tra 7 e 15 tra 4 e 7 tra 2 e 4 tra 0 e 2 molto alto alto medio basso molto basso Tab. b classi dei valori dell indice 2.2 Indice tipologico Questo indice rispecchia la qualità dei tipi di alloggio, cerca di evidenziare la presenza o meno in una determinata area di strutture ricettive di elevato pregio (alberghi 4-5*). I dati utilizzati sono i seguenti: n di posti letto per categoria (A); n di strutture presenti nel comune (B); mq. a disposizione del cliente all interno della struttura ricettiva (C). Mentre i dati relativi agli alberghi sono stati ricavati dalla gazzetta ufficiale italiana, il valore per i campeggi e stato calcolato da noi, pendendo in considerazione alcuni esempi trovati in internet (valutando una media poiché anche i campeggi vengono classificati in stelle). La formula utilizzata è stata la seguente: indice tipologico = A x B x C I valori sono stati calcolati per tutte le tipologie di alloggio prese in considerazione (1-2*; 3*; 4-5*; extralbergheri) per ogni località osservata. 8

10 Valori 4-5* Valori 3* Valori 1-2* + extralberghieri San Teodoro Budoni Posada Siniscola La Caletta S. Lucia Orosei Cala Liberotto Villaggio Dorgali Cala Gonone Tab. c valori dell indice tipologico divisi per categorie e per area (attuale) Una volta calcolati i singoli valori è stata eseguita la somma di ogni riga, essendo il numero così ottenuto molto alto si è deciso di calcolare il logaritmo naturale della somma ottenendo così il valore finale dell indice. SOMMA indice San Teodoro ,2 Budoni ,1 Posada ,6 Siniscola ,0 La Caletta ,6 S. Lucia ,6 Orosei ,0 Cala Liberotto ,3 Villaggio ,2 Dorgali ,3 Cala Gonone ,2 Tab. d valori della somma dell indice e valore finale dello stesso (attuale) 9

11 scala valori più di 14 tra 11 e 14 tra 8 e 11 tra 4 e 8 tra 0 e 4 molto alto alto medio basso molto basso Tab. e classi dei valori dell indice 2.3 Indice di ricaduta Attraverso questo indice si vuol far risaltare la ricaduta che ha sul territorio la presenza di un determinato tipo di strutture piuttosto che altre. Un valore elevato indica che la ricaduta delle strutture insediative sul territorio è buona, cioè i turisti tendono a far sviluppare un economia turistica all interno del comune, viceversa le entrate derivanti dal flusso turistico saranno a favore di poche persone (proprietari delle strutture) e non si creeranno opportunità all interno dell area. A seconda della tipologia di struttura insediativa le opportunità per il territorio che le ospita sono diverse, tale indice è stato calcolato: indice di ricaduta = (A / 3) + (B / 1) + (C) (A + B + C) dove: - A = posti letto 4-5* - B = posti letto 3* - C = posti letto 1-2* ed extralberghieri Per lo stesso motivo dell indice economico, cioè ottenere un range di valori più elevato, il valore finale dell indice è stato usato come esponente per la base 10. In questa modo è stato più facile suddividere i dati in classi. 10

12 ATTUALE 10^indicatore San Teodoro 5,939 Budoni 5,900 Posada 8,128 Siniscola 4,924 La Caletta 4,997 S. Lucia 9,457 Orosei 5,763 Cala Liberotto 4,200 Villaggio 1,972 Dorgali 4,611 Cala Gonone 3,808 Tab. f valori dell indice di ricaduta scala valori più di 6 tra 5 e 6 tra 4 e 5 tra 2 e 4 tra 0 e 2 molto alto alto medio basso molto basso Tab. g classi dei valori dell indice Da quanto emerso da quest analisi degli indici risulta evidente come i territori costieri analizzati presentino caratteristiche differenti rispetto a quelli dell entroterra. Inoltre si evidenzia quanto si voleva dimostrare, cioè il fatto che ci siano diverse tipologie di assetti insediativi i quali puntano a tipi di turismo diversi: d elite a Nord (San Teodoro), intermedio a Posada e turismo low-cost a S.Lucia; fatte salve alcune eccezioni quali Cala Liberotto e Cala Gonone che richiamano lo schema di città turistica. 11

13 3. SCENARIO PROBABILE Analizzando gli indici per quanto riguarda lo scenario probabile risulta evidente come il territorio non subisca grosse variazioni; il trend è quello di puntare sempre più ad un turismo elitario a discapito dei paesi interni; in contrasto con il Piano Urbanistico Provinciale. Nonostante la relativa vicinanza alla costa i comuni di Irgoli, Onifai, Loculi e Galtellì non presentano alcuna tendenza allo sviluppo del turismo; i loro numeri non sono confrontabili con quelli delle altre località prese in considerazione e per questo non vengono riportati in tabella. PROBABILE Indicatore Economico San Teodoro 4,51 Budoni 3,77 Posada 2,72 Siniscola 2,72 La Caletta 7,69 S. Lucia 2,72 Orosei 4,09 Cala Liberotto 6,44 Villaggio 20,09 Dorgali 10,60 Cala Gonone 10,67 Tab. a valori dell indice economico indice San Teodoro 14,5 Budoni 14,6 Posada 11,6 Siniscola 6,9 La Caletta 11,2 S. Lucia 12,0 12

14 Orosei 10,6 Cala Liberotto 13,4 Villaggio 9,2 Dorgali 11,6 Cala Gonone 13,7 Tab. b valori dell indice tipologico PROBABILE 10^indicatore San Teodoro 5,404 Budoni 5,543 Posada 8,128 Siniscola 3,843 La Caletta 7,384 S. Lucia 14,481 Orosei 4,143 Cala Liberotto 3,742 Villaggio 2,154 Dorgali 12,488 Cala Gonone 6,388 Tab. c valori dell indice di ricaduta Lo scenario probabile 5 prevede che l area d intervento sia caratterizzata da un turismo di tipo balneare che vede come centro principale Cala Liberotto-Cala Ginepro, proiezione sulla costa dei centri dell entroterra della valle del Cedrino e della provincia di Nuoro in genere, costituito prevalentemente da alberghi, seconde case e dalla presenza di 3 campeggi (comunali). Nonostante ciò tale area tende verso una città turistica caratterizzata da un turismo di nicchia e di bassa 5 Lo scenario probabile rappresenta l evoluzione tendenziale di una data realtà territoriale in un determinato tempo futuro in assenza di qualunque intervento politico diretto. Diviene quindi necessario l esame delle dinamiche passate e presenti per poterle proiettare al futuro. 13

15 qualità (ricaduta economica sul territorio molto bassa). Attraverso l analisi di dati ISTAT è emerso che allo stato attuale le uniche strutture alberghiere a cinque e quattro stelle si riscontrano nel territorio di Orosei, oltre alla presenza di alberghi a tre, due ed una stella ed una consistente presenza di strutture extralberghiere (articolate in campeggi, villaggi, bed & breakfast ed appartamenti), quest ultime per lo più concentrate a Cala Liberotto; mentre nei territori di Onifai, Irgoli e Loculi sono presenti soltanto strutture extralberghiere. Nel territorio di Galtellì si riscontrano, invece, anche se in piccola quantità, sia alberghi a due ed una stella che strutture extralberghiere. Ai fini dello scenario probabile, la proiezione degli stessi dati al 2021 attraverso un andamento che richiama quello che ha caratterizzato il territorio fino ad oggi permette di ipotizzare una diminuzione, nel territorio di Orosei, di posti letto in alberghi a tre, due ed una stella e in strutture extralberghiere, accompagnato da un leggero incremento dei posti letto in alberghi a quattro e cinque stelle (vedi allegato). I territori di Irgoli ed Onifai vedranno un leggero aumento di posti letto in strutture extralberghiere e soltanto Galtellì sarà caratterizzata da una diminuzione di posti letto in strutture alberghiere; in questi ultimi tre centri continueranno ad essere assenti comunque altri tipi di strutture turistiche (vedi allegati). Inoltre la mancanza di marketing contribuisce a limitare la presenza turistica, attualmente molto legata alla presenza di turismo interno (Nuoresi) e molto poco alle presenze straniere. Questa carenza, visti anche i dati precedentemente esaminati, porterà negli anni successivi il territorio verso uno sovrasfruttamento della costa a discapito dell entroterra; i paesi interni quindi vedranno sempre più ridotte le loro possibilità di sviluppo a favore del solo comune di Orosei. Va inoltre notato che lungo tutta la costa considerata, Orosei, è l unico comune in cui la disponibilità di posti letto è in calo, ed il solo che non punta sulle strutture extralberghiere a favore degli alberghi 4-5 stelle. Dal punto di vista ambientale, la mancata valorizzazione delle risorse naturali di pregio presenti nell area fa in modo che tendano verso un progressivo abbandono e degrado accompagnato dall impoverimento dei centri che rimangono isolati dal contesto. Un altro elemento che evidenzia l abbandono o il non interesse al miglioramento della qualità ambientale dell area è la presenza di cave dismesse che si prevede rimangano tali e quindi non soggette a nessuna forma di recupero, in contrasto con quanto indica il PPR. L assenza di una relazione tra i contesti urbani e territoriali fa si che le relative dinamiche di sviluppo non siano parallele, portando ad una separazione sempre più forte tra le due realtà che 14

16 insieme potrebbero costituire un ambiente di qualità. Così la presenza di insediamenti prettamente turistici a Cala Liberotto entra in conflitto con le qualità naturali e culturali che caratterizzano il paesaggio costiero e fluviale. Questo tipo di turismo tende, con le sue strutture, ad alterare e consumare l integralità delle risorse naturali. La città diviene così unicamente centro per le vacanze isolato dal contesto ambientale. 15

17 4. ANALISI TERRITORIALE Per la realizzazione del nostro scenario risulta indispensabile un attenta analisi territoriale che mette in evidenza le caratteristiche ambientali, storiche e paesaggistiche dell area oggetto d analisi. 4.1 Elementi ambientali di rilievo Il territorio della bassa valle del Cedrino si contraddistingue per la presenza di alcuni elementi ambientali di rilievo: il Fiume Cedrino la cui piana alluvionale si articola attraverso incisioni vallive che caratterizzano fortemente il territorio (il tratto finale del fiume rappresenta un area SIC); il Monte Tuttavista (806 m), il quale si erge a Sud della piana alluvionale del fiume Cedrino, in un area compresa tra il centro di Galtellì e di Orosei; il Monte e Senes (862 m), il quale si erge a Nord della piana alluvionale del Fiume Cedrino; la zona umida delle foci fluviali del Fiume Cedrino che si estende parallelamente alla Marina di Orosei (rappresenta un area SIC) ; il litorale sabbioso della Marina di Orosei caratterizzato dalla presenza di un ampio sistema di pinete (anch esso rappresenta un area SIC); le piccole insenature sabbiose di Cala Ginepro, Cala Liberotto, Bidderosa, (rappresenta un area SIC) situate lungo la costa a Nord della Marina di Orosei, e le rispettive zone umide. Inoltre è di particolare importanza sottolineare la presenza di numerosi siti di elevata valenza storico-ambientale ed archeologica come ad esempio il tempio nuragico di Janna e Prunas e la fonte sacra, Su Natante (monte e Senes), e il nuraghe Tuturru situato nella zona di Ortola. 4.2 Geomorfologia Dal punto di vista geomorfologico il territorio preso in considerazione può essere suddiviso in quattro gruppi principali 6 : 6 F. Calvino, I. Dieni, F. Ferasin, G. Piccoli, Note illustrative della carta geologica d Italia, Foglio 195 Orosei, Nuova tecnica grafica, Roma. 16

18 i rilievi cristallini, costituiti perlopiù dalle formazioni granitiche, tra le quali figura il Monte e Senes e tutta l area sottostante nel versante Sud; i rilievi calcarei, tra i quali ritroviamo il Monte Tuttavista (conformatosi nel mesozoico) che si erge a bastione sui terreni cristallini circostanti. Tale rilievo presenta una conformazione geologica caratterizzata da calcari brecciformi compatti (motivo per il quale, ai piedi del Monte Tuttavista, si è sviluppata un intensa attività estrattiva basata principalmente sulla produzione di lastre lucidabili per rivestimento); i pianori basaltici (Gollei), costituiti principalmente dalle piattaforme situate a Nord-Est della piana alluvionale del Fiume Cedrino, e a Sud-Est del Monte Tuttavista. Si tratta perlopiù di rilievi tabulari circoscritti da ripide scarpate, in quanto la piattaforma basaltica originaria è stata modellata dall attività di erosione; le piane alluvionali, delle quali la principale è costituita dalla piana del Fiume Cedrino. La bassa valle di tale piana è ampiamente alluvionata e si allarga, in prossimità delle foci, dando luogo a un ampia piana costiera (caratterizzata da un litorale sabbioso) ospitante una zona umida. Inoltre è importante sottolineare la presenza di coni di deiezione torrentizia localizzati ai piedi del Monte Tuttavista e in particolare nel versante Sud-Est. 4.3 Idrografia e rischio idrogeologico Il territorio in analisi è caratterizzato dalla presenza di numerosi corpi idrici, dei quali il principale è rappresentato dal Fiume Cedrino, che sorge dal gruppo del Gennargentu e si estende per 76 km 17

19 fino a sfociare nella Marina di Orosei. Il Cedrino è regolato dalla diga di Pedra e Othoni destinata alla laminazione delle piene e in modesta parte all approvvigionamento idropotabile e irriguo della Valle del Cedrino. I due affluenti principali del Fiume Cedrino, ricadenti all interno dell area presa in esame (considerando l intero corso del Fiume i principali affluenti sono il Riu Sologo e il Riu Santa Maria), sono rappresentati dal Riu Santa Maria (scorre tra il centro di Irgoli e il centro di Onifai) e dal Riu Lode (scorre a Ovest del centro di Loculi). Inoltre sono presenti numerosi corsi d acqua di entità minore, tra i quali ritroviamo il Riu Sos Alinos e il Riu Sa Minda entrambi sfocianti a Cala Liberotto. Un aspetto molto importante che caratterizza i tutti corsi idrici precedentemente citati è l elevato rischio idraulico, soprattutto per quel che riguarda il fiume Cedrino, il Riu Santa Marta, il Riu Lode e il Riu Sos Alinos (tramite il PAI è possibile individuare le aree di rischio). Già in passato, infatti, si sono verificate consistenti alluvioni 7 che hanno comportato seri danni all ambiente circostante, alle infrastrutture, ai centri abitati e alla popolazione. Alluvione 2004 (veduta di Galtellì) Alluvione 2004 (veduta di Galtellì) 4.4 Assetto insediativo Il centro di Orosei (6718 abitanti) costituisce la maggiore realtà urbana tra i centri sopracitati. Tale centro è situato su un rilievo basaltico e guarda i versanti orientali del Monte Tuttavista, presidiando le foci del Fiume Cedrino e la corrispondente piana costiera. 7 Si possono ricordare le alluvioni del 1951 e del

20 Il centro di Galtellì 8 (2344 abitanti) occupa la fascia pedemontana del Monte Tuttavista, sulla destra idrografica del Fiume Cedrino. I centri di Loculi (523 abitanti), Irgoli (2294 abitanti) e Onifai (766 abitanti) definiscono un arco insediativo situato sulla sinistra idrografica del Fiume Cedrino e prospiciente il Monte Tuttavista. Tutti i centri appena citati, nella loro espansione, sono stati fortemente condizionati, oltre che dalla morfologia del territorio, dalla presenza di aree ad elevato rischio idraulico (sono comunque presenti numerose abitazioni e attività ricadenti all interno di tali aree). Sono, inoltre, presenti nuclei abitativi di entità minore, come il nucleo di Sos Alinos, situato sulla Orientale Sarda, e insediamenti turistici quali Cala Liberotto e Cala Ginepro situati nei pressi del sistema umido dello Stagno di Sa Curcurica. 4.5 Principali collegamenti viari I principali collegamenti viari a scala sovra locale sono rappresentati dalla SS 131 dir. Abbasanta Nuoro Olbia, dalla SS 125 e dalla SS 129. La SS 131 è di notevole importanza in quanto collega i centri presi in esame (in realtà per collegarsi alla SS 131 si deve percorrere il primo tratto della SS 129) ai nodi di interscambio con l esterno, rappresentati da Olbia (presenza del porto e dell aeroporto), Portotorres (presenza del porto) e Cagliari (presenza del porto e dell aeroporto). 8 Caratteristico per la presenza di numerose chiese, per la sede della diocesi di Nuoro e per il Parco letterario Grazia Deledda". 19

21 Anche la SS 125, denominata Orientale Sarda, è di notevole importanza in quanto rappresenta il principale collegamento della costa orientale sarda (collega i vari centri turistici) e presenta come testate le realtà urbane di Olbia e di Cagliari. Infine, la SS 129, denominata Trasversale Sarda è di fondamentale importanza in quanto permette i collegamenti Est Ovest (presenta come testate i centri di Bosa e Orosei) e per quel che riguarda la nostra area permette i collegamenti tra i vari centri e con la SS

22 5. SCENARIO POSSIBILE L analisi dei dati in riferimento allo scenario possibile è stata effettuata solo per i comuni compresi nell area di intervento. Tali aree secondo le previsioni dello scenario subiscono un incremento delle loro attitudini turistiche in particolare si può notare come l indice tipologico sia elevato a dimostrazione del fatto che si vuole puntare ad un tipo diverso di turismo in queste località rispetto alle altre località della costa. indice Galtellì 2,72 Irgoli 2,72 Loculi 2,72 Onifai 2,72 Orosei 3,21 Cala Liberotto 6,65 Villaggio 20,09 Tab. a valori dell indice economico per quanto riguarda lo scenario possibile indice Galtellì 9,2 Irgoli 10,6 Loculi 6,6 Onifai 9,9 Orosei 12,2 Cala Liberotto 13,4 Villaggio 9,2 Tab. b valori dell indice (possibile) 21

23 10^indicatore Galtellì 10,000 Irgoli 10,000 Loculi 10,000 Onifai 10,000 Orosei 6,408 Cala Liberotto 4,640 Villaggio 2,154 Tab. c valori dell indice di ricaduta per lo scenario possibile Lo scenario che si è scelto di ricostruire nel seguente paragrafo riguarda lo sviluppo di una nuova tipologia di turismo nella valle del fiume Cedrino. Nella nostra analisi si è cercato quindi di capire come si potrebbe evolvere la situazione turistica della zona di Orosei se andiamo ad intervenire, per mezzo di politiche ed azioni mirate, su un tipo di turismo differente da quello che abbiamo attualmente e che ci sarà nei prossimi anni. Dall analisi dei dati abbiamo ipotizzato, per quanti riguarda l andamento demografico, che ci possa essere un aumento del numero di residenti in tutti i comuni d esame, da oggi al Per quanto riguarda Loculi, invece, abbiamo previsto una diminuzione della popolazione, da oggi al 2016, mentre dal 2016 al 2021 è stato ipotizzato un lieve cambio di tendenza, dovuto all aumento del flusso turistico a seguito di politiche mirate e alla realizzazione di una rete di residenza diffusa. Per quanto riguarda, invece, i posti letto disponibili l ipotesi è che ci sia anche un aumento nelle strutture extra alberghiere in tutti i comuni. Ad Orosei è previsto allo stesso modo un incremento lieve di questo tipo di posti letto, mentre per quanto riguarda quelli nelle strutture alberghiere a 3,4,5 stelle si ipotizza che il numero oggi disponibile rimanga costante nel tempo, senza quindi andare a costruire nuove strutture. Sempre ad Orosei abbiamo ipotizzato che ci si un crescita della popolazione fluttuante che si affianca a quella della popolazione residente. Lo scenario possibile ha come tema il potenziamento del turismo nei comuni di Orosei, Irgoli, Galtellì, Onifai e Loculi. Non si cerca di puntare, come è stato fino ad oggi e avverrà probabilmente in un futuro prossimo, ad un turismo stanziale e balneare, ma ad un turismo di tipo attivo, concetto a cui si associa molto bene l idea di città ambientale. 22

SARDEGNA NUOVE IDEE TAVOLO 2 NUOVE IDEE PER I PAESAGGI. Cagliari 13 dicembre 2010 REPORT LABORATORIO 4

SARDEGNA NUOVE IDEE TAVOLO 2 NUOVE IDEE PER I PAESAGGI. Cagliari 13 dicembre 2010 REPORT LABORATORIO 4 SARDEGNA NUOVE IDEE TAVOLO 2 NUOVE IDEE PER I PAESAGGI Cagliari 13 dicembre 2010 REPORT LABORATORIO 4 AMBITO n. 23 GALLURA COSTIERA NORD - OCCIDENTALE Comuni di Aggius, Aglientu, Badesi, Luogosanto, Tempio

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS PIANO DI PROTEZIONE CIVILE UNIONE DEI COMUNI I NURAGHI DI MONTE IDDA E FANARIS COMUNE DI VILLASPECIOSA PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DOSSIER RISCHIO IDROGEOLOGICO IL TECNICO COLLABORATORI IL COMMITTENTE Ottobre 2011 DOTT. ING. DANIELA

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

Dal tracciato alla fruizione turistica.

Dal tracciato alla fruizione turistica. Progetto Turismo Equestre Ippovie del Veneto Dal tracciato alla fruizione turistica. Franco Norido Settore Divulgazione Tecnica, Formazione Professionale ed Educazione Naturalistica. Cos è una Ippovia

Dettagli

RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano

RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano prima edizione gennaio 2006 ultimo aggiornamento 14-06-2011 1 La mobilità ciclistica Tutti, a ragione, ritengono che l

Dettagli

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Perché un Osservatorio sul turismo scolastico? L Osservatorio Touring sul turismo scolastico

Dettagli

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO.

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LA TUA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LAINO CASTELLO Praia a Mare Parco Nazionale del Pollino UBICAZIONE UN LUOGO UNICO L antico borgo di

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO

RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELAZIONE PAESAGGISTICA PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO Premessa La presente relazione paesaggistica è redatta secondo le indicazioni della Deliberazione Giunta Regionale 15 marzo 2006 n. 8/2121: Criteri

Dettagli

Borgo Antico San Pantaleo Costa Smeralda Sardegna - Italia

Borgo Antico San Pantaleo Costa Smeralda Sardegna - Italia Borgo Antico San Pantaleo Costa Smeralda Sardegna - Italia Entrate in un Sogno Il è una autentica oasi di bellezza naturale, di pace e serenità, un luogo ideale per una vacanza all insegna del relax immersi

Dettagli

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica Potenza, 10 febbraio 2015 Agli organi di informazione Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica L andamento turistico dell anno appena trascorso, benchè fortemente segnato dalla gravità

Dettagli

DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari

DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari DOSSIER La soddisfazione dei clienti sui servizi degli stabilimenti balneari Il presente studio intende fornire uno strumento di valutazione sulla soddisfazione dei clienti degli stabilimenti balneari

Dettagli

Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013

Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013 Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013 Per comprendere cosa succederà in queste imminenti festività natalizie, in particolare nel periodo tra metà

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ADEGUAMENTO DEI PIANI URBANISTICI COMUNALI AL PPR E AL PAI

LINEE GUIDA PER L ADEGUAMENTO DEI PIANI URBANISTICI COMUNALI AL PPR E AL PAI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA UFFICIO DEL PIANO MINISTERO

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

Percorso A. p A. Le imprese ricettive. L industria dell ospitalità

Percorso A. p A. Le imprese ricettive. L industria dell ospitalità Percorso A ndimento 3 Un it à di re p p A Le imprese ricettive L industria dell ospitalità Il numero di imprese che attualmente operano nel settore turistico è elevato e possiamo individuare le seguenti

Dettagli

INDAGINE SUL CICLOTURISMO IN TRENTINO. - estate 2009 -

INDAGINE SUL CICLOTURISMO IN TRENTINO. - estate 2009 - Osservatorio Provinciale per il Turismo Servizio Turismo - Provincia Autonoma Trento www.turismo.provincia.tn.it/osservatorio/ Ufficio Piste ciclopedonali Servizio Conservazione della natura e valorizzazione

Dettagli

TURISMO ATTIVO Seminario tecnico regionale

TURISMO ATTIVO Seminario tecnico regionale Focus sul Mercato Outdoor/Roccia La pratica di sport outdoor su roccia (arrampicata e canyoning) nasce da tradizioni dell arco alpino e, solo negli ultimi 10/15 anni inizia a diffondersi nel resto d Europa.

Dettagli

il contesto turistico maltese

il contesto turistico maltese 29 31 2. Il contesto turistico maltese 2.1 I trend della domanda Dopo aver attraversato un ciclo economico quarantennale, tra periodi di forte crescita e periodi di crisi, il settore turistico è divenuto

Dettagli

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE 1 marzo 2008 IL CONTESTO STORICO Negli ultimi 20 anni l industria turistica ha aumentato la sua complessità. Dagli anni 90 fenomeni innovativi hanno modificato la natura

Dettagli

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012

Relazione paesaggistica opere di mitigazione del rischio idraulico Manutenzione Straordinaria Alvei Fluviali e Rivi Collinari Anno 2012 1. DOCUMENTAZIONE TECNICA 1.1) RICHIEDENTE: CITTA DI TORINO VICE DIREZIONE GENERALE INGEGNERIA DIREZIONE INFRASTRUTTURE E MOBILITA SERVIZIO PONTI, VIE D ACQUA E INFRASTRUTTURE 1.2) INDIRIZZO CIVICO DELL

Dettagli

TREKKING NEL SALENTO

TREKKING NEL SALENTO Club Alpino Italiano Sezione di Pavia TREKKING NEL SALENTO Dal 13 al 20 settembre 2014 Salento, lembo di terra tra due mari. Trekking tra sole, scogliere a picco sul mare e distese di sabbia fine. Organizzatori

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO COMUNE DI PIACENZA PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO TRA COMUNE DI CREMONA COMUNE DI PIACENZA PROVINCIA DI LODI.,.ottobre 2015 Premesso che: L

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

l Osservatorio nazionale sul turismo di Federconsumatori.

l Osservatorio nazionale sul turismo di Federconsumatori. !! " 1 L indagine nazionale 2008, sui prezzi rilevati nei siti web degli alberghi e delle strutture turistiche nelle località balneari italiane rappresenta il proseguimento del percorso di analisi avviato

Dettagli

Costa Rossa Sardegna Trinità d Agultu e Vignola Nord Sardegna Olbia - Tempio L Isola Rossa, Isolotto Spiaggia Longa La Marinedda

Costa Rossa Sardegna Trinità d Agultu e Vignola Nord Sardegna Olbia - Tempio L Isola Rossa, Isolotto Spiaggia Longa La Marinedda Come Arrivare Costa Rossa Sardegna è la nuova espressione identitaria di Trinità d Agultu e Vignola, comune nel Nord Sardegna situato in Gallura, di grande interesse turistico, in provincia di Olbia -

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche)

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI IDROLOGICHE, IDRAULICHE, GEOTECNICHE, SISMICHE E ARCHEOLOGICHE

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

COMUNE DI OROSEI (Provincia di Nuoro) ------------*******------------

COMUNE DI OROSEI (Provincia di Nuoro) ------------*******------------ COMUNE DI OROSEI (Provincia di Nuoro) ------------*******------------ DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE (art. 15, commi 5 e 6 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) CUP: 94B13000430002 INTERVENTI DI

Dettagli

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu Figura 4 Carta sentieri presenti nella Riserva WWF Monte Arcosu. 7.3 DITTA SANAI srl 7.3.1 Descrizione e ubicazione L azienda di proprietà della SANAI s.r.l. si estende su una superficie complessiva di

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Indagine sul profilo e soddisfazione dei visitatori

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Indagine sul profilo e soddisfazione dei visitatori CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Indagine sul profilo e soddisfazione dei visitatori Gentile Visitatore, attraverso l adesione alla Carta Europea per il Turismo sostenibile

Dettagli

Informazioni generali: - Sardegna -

Informazioni generali: - Sardegna - Informazioni generali: - Sardegna - LE ORIGINI DEL NOME: Il nome deriva dall antico popolo che la abitava: i Sardi. Colonizzata dai Fenici, poi dai Greci, fu da questi ultimi chiamata Ienusa, perché nella

Dettagli

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana IL PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PAI Relazione introduttiva 1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana 1.1 La disciplina La difesa del suolo

Dettagli

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013

Il movimento turistico in provincia di Pistoia. anno 2013 Il movimento turistico in provincia di Pistoia anno 2013 Francesco Spinetti Lucia Capecchi Provincia di Pistoia Servizio Sviluppo Economico e Statistica Pistoia 20.5.2014 il notiziario sul turismo Il notiziario

Dettagli

Un esempio di turismo sportivo sostenibile: analisi della sostenibilità del fenomeno nel territorio del Delta del Po

Un esempio di turismo sportivo sostenibile: analisi della sostenibilità del fenomeno nel territorio del Delta del Po Un esempio di turismo sportivo sostenibile: analisi della sostenibilità del fenomeno nel territorio del Delta del Po Simone Fluperi*, Serena Dasini *Università degli Studi di Padova Introduzione Il turismo

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI 1.4. Commercio e attività produttive 1.4 ANALISI E DATI Lo spazio attualmente occupato dal commercio e delle attività produttive è l 11% del territorio, pari 1.707.968 mq.

Dettagli

Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente

Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente : i piani di intervento sulla rete dei canali Arch. Laura Burzilleri, Direttore Generale

Dettagli

OPPORTUNITÀ D INVESTIMENTO:

OPPORTUNITÀ D INVESTIMENTO: OPPORTUNITÀ D INVESTIMENTO: 1. BAIA ZAVALA, isola di Hvar La baia Zavala è situata nel golfo di Stari Grad, una delle baie più belle e protette dell isola di Hvar. Nel piano regolatore l area della baia

Dettagli

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere.

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. GR482652 Roma 10/09/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 S.p.A. Ex Uffici delle Dogane Roma, Via dello Scalo di San Lorenzo, 10 Veicolo societario Residenziale Immobiliare 2004 SpA: (75% CDP Immobiliare

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO REGIONE LOMBARDIA Scheda Reg Lomb A2 n. prot. 15545/06 Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO - Comune: Milano - Provincia: Milano - Committente: Comune

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Linee guida progettuali per un nuovo Piano delle Regole Lombardo il caso Meda: modelli insediativi e indirizzi urbanistici per

Dettagli

Notizie generali sulla struttura

Notizie generali sulla struttura Notizie generali sulla struttura DENOMINAZIONE DELL ESERCIZIO TIPOLOGIA Alberghi Motel Villaggi-Alberghi Alberghi Dimora Storica- Residenze d Epoca Campeggi Alberghi Centro Benessere Ostelli della gioventù

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

PANORAMA TURISMO MARE ITALIA OSSERVATORIO ITALIANO DELLE DESTINAZIONI BALNEARI

PANORAMA TURISMO MARE ITALIA OSSERVATORIO ITALIANO DELLE DESTINAZIONI BALNEARI PANORAMA TURISMO MARE ITALIA OSSERVATORIO ITALIANO DELLE DESTINAZIONI BALNEARI L ESTATE 2013 DEI TEDESCHI Panorama Turismo Mare Italia è il centro ricerca specializzato sul turismo balneare di JFC INDICE

Dettagli

Comunicato stampa del 16 luglio 2015

Comunicato stampa del 16 luglio 2015 Comunicato stampa del 16 luglio 2015 Boom del turismo internazionale in Sardegna: il 2014 si è chiuso con un milione di arrivi stranieri confermando il record 2013 Tra il 2006 e il 2014 il numero dei passeggeri

Dettagli

APQ AZIONI DI SISTEMA TURISMO

APQ AZIONI DI SISTEMA TURISMO APQ AZIONI DI SISTEMA TURISMO ATTIVITÀ DI SUPPORTO AL PERCORSO PER L ADOZIONE DEL PIANO STRATEGICO E DEL PROGRAMMA TRIENNALE CONFRONTO CON LE PARTI SOCIALI OTTOBRE, 2014 COSA E SENSI CONTEMPORANEI? FRONTE

Dettagli

ITINERARIO 6. LE MARINE DI GAGLIANO DEL CAPO Baia del Ciolo, Marina di Novaglie

ITINERARIO 6. LE MARINE DI GAGLIANO DEL CAPO Baia del Ciolo, Marina di Novaglie ITINERARIO 6 LE MARINE DI GAGLIANO DEL CAPO Baia del Ciolo, Marina di Novaglie LA BAIA DEL CIOLO La Baia del Ciolo è un piccolo fiordo molto frequentato durante il periodo estivo. Affacciandosi dall alto

Dettagli

Il Piano Regolatore Cimiteriale

Il Piano Regolatore Cimiteriale Il Piano Regolatore Cimiteriale Pianificazione e riqualificazione dei cimiteri di Parma Silvia Ombellini Committente Comune di Parma Coordinamento generale dott. Gabriele Righi Progetto Università di Parma

Dettagli

Progetto Eco-Turistico

Progetto Eco-Turistico Progetto Eco-Turistico Morro de San Paolo - Bahía Nord Est del Brasile Spiaggia di Garapuà Indice 1) MORRO DI SAN PAOLO Introduzione 2) TAMACA - LOCALIZZAZIONE - LE FASI DEL PROGETTO DI SVILUPPO URBANISTICO

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

Stato d avanzamento del Sottoprogetto B Partner 9 - Provincia di Olbia Tempio: dinamica dei litorali.

Stato d avanzamento del Sottoprogetto B Partner 9 - Provincia di Olbia Tempio: dinamica dei litorali. P.O. Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Stato d avanzamento del Sottoprogetto B Partner 9 - Provincia di Olbia Tempio: Centro transfrontaliero per lo studio della Dr. Fabrizio Ferraro Direttore di Progetto

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 22 dicembre n. IX/2762, SEMPLIFICAZIONE DEI CANONI DI POLIZIA IDRAULICA E RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI agosto 2012

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 4 PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO... 2 4.1 NODO VALLONE CERNICCHIARA/RAFASTIA...

Dettagli

E un idea nata per caso

E un idea nata per caso Che cos è? E un idea nata per caso E possibile realizzare ciclabili vicine, parallele o immediatamente affiancate alle grandi vie presenti nel Paese? Collegamenti sostenibili ed ecologici che permetterebbero

Dettagli

SULLA STRADA DEGLI ANTICHI ROMANI: LA VIA CLAUDIA AUGUSTA

SULLA STRADA DEGLI ANTICHI ROMANI: LA VIA CLAUDIA AUGUSTA SULLA STRADA DEGLI ANTICHI ROMANI: LA VIA CLAUDIA AUGUSTA Mantova Ostiglia Vigasio Veronaa Veneto, Lombardia 5 giorni/4 notti Questo percorso sarà dedicato alla percorrenza del primo tratto dell antica

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE INTERVENTI

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE INTERVENTI PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE INTERVENTI Prot. Generale N. 0059507 / 2013 Atto N. 2490 OGGETTO: ACCERTAMENTO

Dettagli

Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo

Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo Sentiero Attrezzato EEA / F, per escursionisti esperti con attrezzatura / facile, nella zona dell Altissimo

Dettagli

L investimento migliore per la TUA vacanza. La libertà di scegliere le emozioni. Il diritto di averle quando vuoi

L investimento migliore per la TUA vacanza. La libertà di scegliere le emozioni. Il diritto di averle quando vuoi L investimento migliore per la TUA vacanza La libertà di scegliere le emozioni. Il diritto di averle quando vuoi Che cosa è il TimeSharing? La formula Time Sharing nasce per venire incontro alle esigenze

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

L ambiente come risorsa per lo sviluppo in un area a forte vocazione turistica: il caso del Parco nazionale dell Arcipelago Toscano

L ambiente come risorsa per lo sviluppo in un area a forte vocazione turistica: il caso del Parco nazionale dell Arcipelago Toscano L ambiente come risorsa per lo sviluppo in un area a forte vocazione turistica: il caso del Parco nazionale dell Arcipelago Toscano di Vincenzo Barone, Andrea Caldelli, Francesco Silvestri eco&eco, economia

Dettagli

Tur e geo economica! Competizione internazionale! Genova, Rio, Marsiglia, Barcellona, Cagliari, Milano, Torino,! Grandi eventi (rio e brasila)!

Tur e geo economica! Competizione internazionale! Genova, Rio, Marsiglia, Barcellona, Cagliari, Milano, Torino,! Grandi eventi (rio e brasila)! Tur e geo economica! Competizione internazionale! Genova, Rio, Marsiglia, Barcellona, Cagliari, Milano, Torino,! Grandi eventi (rio e brasila)! Su questa base (ma non solo) ci si occupa:! Comportamento

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Sistemi Informativi Territoriali Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Nozioni di Cartografia Esempi di lettura di carte Tratto da La lettura delle carte geografiche di Aldo Sestini Firenze, 1967 1

Dettagli

Case history Albergo diffuso, sviluppo del territorio a impatto zero

Case history Albergo diffuso, sviluppo del territorio a impatto zero Case history Albergo diffuso, sviluppo del territorio a impatto zero A cura del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati Dott. Geom. Alessio Gallo Iscritto al collegio dei Geometri e dei Geometri

Dettagli

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 SCHEDA RILEVAMENTO PROGETTO (in attuazione della Legge regionale del 20 gennaio 2004 n. 2 Legge

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI CORSI ESTIVI DI LINGUA A CAGLIARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI CORSI ESTIVI DI LINGUA A CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI CORSI ESTIVI DI LINGUA A CAGLIARI STUDIARE L ITALIANO IN UNA UNIVERSITÀ MEDITERRANEA 1 Perché scegliere Cagliari? Situata al centro del golfo degli angeli, che si apre

Dettagli

Programma delle misure da attivare per la sicurezza della balneazione

Programma delle misure da attivare per la sicurezza della balneazione Area Economico/Finanziaria - Unità Organizzativa Patrimonio - Ufficio Demanio Marittimo File: demaniointranetcopia Le misure per la sicurezza della balneazione - Premessa Nell ambito del conferimento agli

Dettagli

LA LUXURY SAFARY TENTS LA CASA MOBILE

LA LUXURY SAFARY TENTS LA CASA MOBILE IL CAMPEGGIO.. Lo ZOO CAMPING, gestito dalla Fam. SALVATERRA fin dal momento della sua inaugurazione nel 1976, offre alla clientela l opportunità di trascorrere le proprie vacanze all'insegna di svago,

Dettagli

Marketing delle destinazioni turistiche la filiera dell offerta turistica fonti Umberto Martini, Mariangela Franch, Roberta Garibaldi

Marketing delle destinazioni turistiche la filiera dell offerta turistica fonti Umberto Martini, Mariangela Franch, Roberta Garibaldi Marketing delle destinazioni turistiche la filiera dell offerta turistica fonti Umberto Martini, Mariangela Franch, Roberta Garibaldi Stefan Marchioro a.a. 2010-11 Economia applicata al turismo La filiera

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO Classe 4^ - 3 ore settimanali Schede a cura del prof. Romano Oss Come tutti

Dettagli

1 Servizio di Ricerca Strutture Turistiche

1 Servizio di Ricerca Strutture Turistiche 1 Servizio di Ricerca Strutture Turistiche Il servizio di ricerca strutture turistiche (v. 2.1.1) permette di ricercare le strutture ricettive attraverso criteri di selezione piuttosto articolati: Macrotipo

Dettagli

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione...2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione...7

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Provincia di Ravenna Comune di Faenza

Regione Emilia-Romagna Provincia di Ravenna Comune di Faenza Regione Emilia-Romagna Provincia di Ravenna Comune di Faenza Valutazione della mobilità indotta e verifica di accessibilità relativa al Progetto unitario di trasformazione dell area di via Emilia Levante

Dettagli

Domus De Maria Chia Sardegna

Domus De Maria Chia Sardegna Domus De Maria Chia Sardegna Inserimento nel territorio Il progetto Le tipologie I lavori Come raggiungerci Perché Chia Domus De Maria - Chia Qui accadono cose sorprendenti. Si raccolgono conchiglie e

Dettagli

L AREA MARINA PROTETTA DEL PLEMMIRIO: LOCALITÀ FANUSA MILOCCA- TERRAUZZA- TONNARA VERSANTE SUD. Accessi al mare dal n. 01 al n. 21

L AREA MARINA PROTETTA DEL PLEMMIRIO: LOCALITÀ FANUSA MILOCCA- TERRAUZZA- TONNARA VERSANTE SUD. Accessi al mare dal n. 01 al n. 21 L AREA MARINA PROTETTA DEL PLEMMIRIO: LOCALITÀ FANUSA MILOCCA- TERRAUZZA- TONNARA VERSANTE SUD Accessi al mare dal n. 01 al n. 21 ZONA SUD N. SBOCCO LOCALITÀ ZONA VIA Praticabilità Attività 01S Fanusa

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

Zeppelin, Girolibero e Girolibero Incoming

Zeppelin, Girolibero e Girolibero Incoming Zeppelin, Girolibero e Girolibero Incoming Potenzialità dei viaggi in bicicletta nell esperienza del tour operator vicentino leader del settore in Italia. Relatore: Antonio Fasolato Zeppelin.it, viaggiare

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

N E B I D A. ESCLUSIVITÁ E FASCINO Residenziale RESIDENZA ACQUARESI

N E B I D A. ESCLUSIVITÁ E FASCINO Residenziale RESIDENZA ACQUARESI N E B I D A ESCLUSIVITÁ E FASCINO Residenziale RESIDENZA ACQUARESI Come Arrivare a Nebida La Sardegna è raggiungibile dall estero e dalla penisola con diversi mezzi: aereo, nave, jet privati, navi da crociera.

Dettagli

BANDI 2014. Bando senza scadenza LINEE GUIDA

BANDI 2014. Bando senza scadenza LINEE GUIDA Bando senza scadenza BREZZA: piste cicloturistiche connesse a VENTO Il problema Dorsali e piste cicloturistiche sono infrastrutture leggere di lunga e media percorrenza che permettono, con un impatto ambientale

Dettagli

I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI. Claudio Cipollini. 24 Novembre 2006

I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI. Claudio Cipollini. 24 Novembre 2006 I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI Claudio Cipollini Direttore Generale Retecamere (Unioncamere) 24 Novembre 26 IL PROGRAMMA DI SENSIBILIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli