Relazione Il Sistema di Gestione Qualità nella formazione: esposizione di un caso reale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione Il Sistema di Gestione Qualità nella formazione: esposizione di un caso reale"

Transcript

1 VERONICA PETITT Matricola Iscritta al 2 anno 2008/09 Relazione Il Sistema di Gestione Qualità nella formazione: esposizione di un caso reale Esame di: Psicologia della formazione e dell orientamento del

2 Indice 1. Premessa e motivazioni alla base dell applicazione del SGQ 2. L approccio per processi 2.1 L individuazione dei processi 2.2 Dall identificazione dei processi all identificazione dei requisiti 2.3 Dai requisiti agli indicatori La gestione della documentazione La gestione delle Non Conformità 3. Il manuale della Qualità (MQ) 4. Il riesame della Direzione e la Politica per la Qualità (PAQ) 5. Realizzazione del prodotto-servizio 6.1 Pianificazione 6.2 Analisi dei bisogni e progettazione 6.3 Erogazione e valutazione 6. Considerazioni sull applicazione del SGQ dopo tre anni Allegati: All. 1 Elenco dei processi e delle procedure in XX All. 2 Indicatori di qualità in XX All. 3 Sequenza dei processi in XX

3 1. Premessa e motivazioni alla base dell applicazione del SGQ Il presente lavoro intende presentare l applicazione del Sistema di Gestione della Qualità (SGQ) secondo la norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2000 ad una società di consulenza che si occupa di Formazione e sviluppo organizzativo, che verrà identificata con XX. Verranno quindi presi in considerazione gli aspetti fondamentali che descrivono un SGQ in termini di filosofia/approccio, obiettivi, processi e documentazione, adattati allo specifico contesto di riferimento. Il presupposto alla base della costruzione, implementazione e certificazione di un SGQ è la convinzione che per guidare e far funzionare con successo un organizzazione sia necessario tenerla costantemente sotto controllo 1, attraverso la creazione e gestione di un sistema che tenga conto delle esigenze di tutte le parti coinvolte; i principi fondamentali per garantire il successo a lungo termine possono essere individuati nei seguenti: l orientamento al cliente (soddisfazione del cliente) approccio per processi approccio sistemico alla gestione miglioramento continuo Applicare un SGQ significa garantire la qualità, oltre che delle attività di core-business (in questo caso Formazione), anche di tutte le altre attività e funzioni che rientrano nel sistema di gestione dell organizzazione, che non sono direttamente coinvolte nella realizzazione del prodotto finale destinato al cliente, ma che partecipano indiscutibilmente a determinarne la soddisfazione. Ci riferiamo quindi, oltre che a tutte le attività incluse nel processo di realizzazione del prodotto (servizio in questo caso), alla gestione dei fornitori, al controllo della qualità degli approvvigionamenti materiali e/o professionali (nel caso in cui per esempio si fornisca il proprio servizio avvalendosi di consulenze esterne, come in questo caso), al rispetto dei tempi di consegna, all assistenza al cliente durante e dopo la vendita/erogazione del servizio, ecc. Pertanto, applicare un SGQ si traduce operativamente in azioni di razionalizzazione dei processi aziendali, individuazione delle modalità per la tenuta sotto controllo degli stessi processi, valutazione dei risultati e del rispetto di quanto prestabilito e creazione di una modulistica di sistema affinché tutto venga documentato. L adozione del SGQ in XX ha corrisposto esattamente al riconoscimento di tali presupposti e alla precisa scelta strategica di operare un miglioramento dell organizzazione interna, identificando nell applicazione del SGQ lo strumento idoneo a tale scopo. Questo è stato reso possibile dalla consapevolezza/convinzione rispetto ad alcuni punti: 1. che gli obiettivi della qualità sono complementari agli altri obiettivi organizzativi 2. che l integrazione delle varie parti del sistema in un unico sistema di gestione, può facilitare la pianificazione, l attribuzione di risorse, l individuazione di obiettivi complementari e la valutazione dell efficacia complessiva (approccio sistemico alla gestione). 3. che i clienti richiedono prodotti-servizi in grado di soddisfare le loro esigenze e sono proprio queste esigenze che vanno a costituire i cosiddetti requisiti che, in parte possono essere specificati formalmente dal cliente, ma che possono anche essere impliciti (ma non per questo meno importanti) e che pertanto il mancato rispetto di questi ultimi potrebbe influire sulla qualità globale percepita del servizio offerto 4. che la differenza tra un prodotto e un altro è data dalla qualità del servizio globale che lo accompagna 5. che le pressioni della concorrenza, del progresso tecnologico e del continuo mutamento del mercato del lavoro impongono alle organizzazioni di migliorare costantemente i propri prodotti per garantirsi la continuità. Nota 1: controllo qui nel significato di mantenere e migliorare

4 2. L approccio per processi Un Processo è definito come insieme di attività correlate per trasformare elementi in ingresso in elementi in uscita. Dunque, perché utilizzare un approccio per processi, quali vantaggi ne derivano? La società XX ha individuato i seguenti vantaggi: 1. Permette di tenere sotto controllo e monitorare il corretto andamento di ciascuna singola attività 2. Il monitoraggio dei processi aiuta i identificare i punti critici e a migliorare l operatività in itinere 3. Anche l ottimizzazione dei processi non di core-business è fondamentale in termini di efficaciaefficienza complessivi 4. Il corretto utilizzo di un approccio per processi permette di garantire una serie di vantaggi generali qualiquantitativi che si traducono in più elevati livelli di produttività e/o di servizio e in un miglior utilizzo delle risorse Di seguito si riporta la schematizzazione del modello Plan-Do-Check-Act (PDCA) o modello di Deming, che è stato assunto come riferimento nello sviluppo delle norme di sistema ed è inteso quale modello fondamentale per il miglioramento continuo. La rappresentazione della ruota rappresenta quindi un nuovo modo di pensare al processo. Miglioramento continuo del SGQ Cliente Responsabilità della Direzione Cliente Plan: stabilire gli obiettivi e i processi necessari per fornire i risultati in accordo con i requisiti del cliente e con le politiche dell organizzazione Gestione delle Risorse Misurazioni, analisi, miglioramento Soddisfazione Do: dare attuazione ai processi Check: monitorare e m isurare i processi e i prodotti afronte di obiettivi e requisiti e riportarne i risultati Act: adottare azioni di miglioramento continuo relativo alle prestazioni dei processi Requisiti Realizzazione del prodotto/servizio PRODOTTO Elementi in uscita Un organizzazione per funzionare efficacemente deve identificare e gestire numerosi processi tra loro correlati e interagenti. Spesso l elemento in uscita di un processo costituisce l elemento in entrata per il processo successivo. La gestione sistematica dei processi adottati viene sintetizzata nell espressione approccio per processi. 2.1 L individuazione dei processi I processi fondamentali sono quelli relativi alle attività di core-business di un organizzazione, nel caso di XX la formazione ma, come già ribadito, non sono i soli importanti al fine di garantire qualità e soddisfazione delle parti in gioco. Per questo motivo la norma di riferimento stabilisce a priori quali processi (macroprocessi) debbano sempre essere presi in esame da parte di qualsiasi organizzazione (v. All.1 - Elenco di tutti i processi individuati dalla società XX ):

5 MACROPROCESSI 1. SGQ 2. Gestione delle risorse 3. Realizzazione prodotto-servizio 4. Miglioramento continuo PROCESSI 1. Gestione della documentazione 2. Gestione delle NC 1. Acquisizione di beni strumentali e delle professionalità 2. Formazione interna 1. Pianificazione e gestione 2. Progettazione 1. Gestione dei reclami Il prodotto-servizio è il risultato dell interazione di tutti i processi dell azienda. 2.2 Dall identificazione dei processi all identificazione dei requisiti Identificato il processo, va definita la rispettiva procedura, ossia la modalità specifica per lo svolgimento di un attività/ processo, in grado di garantire la qualità del prodotto-servizio (v. All. 1 per elenco di tutte le procedure di XX ). Il prodotto-servizio di qualità è quello che risponde a precisi requisiti; tali requisiti sono, in primis, quelli che il Cliente si aspetta. È importante tenere sempre presente che parlando di requisiti però, non ci riferiamo soltanto a quelli che descrivono il prodotto-servizio in sé, ma anche a quelli che descrivono i processi e le attività dell intero sistema. 2.3 Dai requisiti agli indicatori L indicatore è un parametro (numerico) che permette di misurare oggettivamente se i requisiti del servizio/ processo/attività vengono rispettati o meno. È una variabile associata agli obiettivi e utilizzata per misurare il loro conseguimento (v. All.2 Indicatori individuati da XX ). Pertanto, la qualità corrisponde alla capacità di un insieme di caratteristiche inerenti un prodotto, sistema, o processo di ottemperare ai requisiti di clienti e di altre parti interessate La gestione della documentazione Definiti i processi e le rispettive procedure, sarà necessario documentare il rispetto di quanto indicato (conformità ai requisiti), ossia: L approvazione di un documento, prima che venga emesso L identificazione di eventuali modifiche e dello stato di revisione La fruibilità della documentazione a tutti coloro che ne sono interessati Leggibilità, identificazione e rintracciabilità della documentazione Corrette modalità di archiviazione La gestione delle non-conformità (NC) Non conformità (NC): costituisce la mancanza di idoneità di un elemento di un processo, o di un suo risultato (output), atta a soddisfare le attese interne o del cliente e devono essere rilevate, valutate e gestite. Ad ogni NC individuata deve seguire un opportuno programma di azione correttiva (AC) e/o di azione preventiva (AP) definito dalle relative registrazioni.

6 In XX le NC vengono registrate da CHIUNQUE durante lo svolgimento delle attività operative, attraverso la modulistica di sistema che prevede l utilizzo di un modulo di registro (una sorta di elenco) e un modulo per la descrizione di dettaglio. 3. Il manuale della Qualità Il Manuale della Qualità (MQ) è il documento previsto dalla norma che descrive sinteticamente il SGQ della società, definendo la Politica per la Qualità. l'organizzazione, i processi e la loro sequenza e relazione sistemica (v. All.3 Sequenza e relazione dei processi in XX ), l elenco delle procedure documentate che definiscono le modalità di svolgimento e le responsabilità dei processi. Costituisce il documento di riferimento per il personale dell Organizzazione, in cui trova l'indirizzo e la guida per operare, per i Clienti e per l'ente di Certificazione, che trovano in esso gli elementi per verificare come l'organizzazione soddisfi i requisiti. Il MQ di XX è stato strutturato in sezioni sulla base della norma, seguendone la medesima numerazione. 4. Il riesame della Direzione e la Politica per la Qualità Un aspetto importante del SGQ è costituito dal riesame della direzione: la norma stabilisce che si realizzi a intervalli prestabiliti, senza fissare scadenze temporali, e stabilisce quelli che vengono definiti gli elementi in ingresso e in uscita obbligatori. In XX il riesame della direzione è stato esteso oltre i punti stabiliti dalla norma al fine di tenere sotto controllo tutti i settori dell azienda, di eliminare molti rischi e di aumentarne l'efficienza. La Direzione ha definito una Politica per la Qualità, appropriata alle finalità dell Organizzazione e che si pone i seguenti obiettivi primari: 1. Offrire servizi costruiti sulla base delle esigenze e delle caratteristiche organizzative dei committenti. 2. Raggiungere e mantenere standard qualitativi elevati nella fornitura di servizi di Formazione, Consulenza, Ricerca, Innovazione e Aggiornamento. 3. Agire efficacemente sia sui reali fabbisogni formativi e di aggiornamento del personale, sia sulla struttura aziendale Ogni anno vengono rivisti gli obiettivi specifici, valutando che siano conformi alla Politica per la Qualità, dopodiché si redige un Piano Annuale della Qualità (PAQ) che comprende obiettivi e indicatori per il loro raggiungimento. Politica per la Qualità e PAQ, con i relativi obiettivi, scaturiscono da un analisi attenta e oggettiva della situazione interna, dei risultati conseguiti e degli obiettivi futuri, nonché dell ambiente esterno e delle richieste dei clienti e delle parti interessate. Per poter meglio diffondere la conoscenza della Politica per la Qualità, così come l applicabilità del SGQ, vengono organizzati incontri periodici con il personale. La Politica per la Qualità è oggetto di Riesame da parte della Direzione, per accettarne la continua idoneità.

7 5. Realizzazione del servizio Partendo dalle fasi che contraddistinguono il processo formativo, esporremo per ognuna di esse le tappe individuate da XX in grado di garantirne il costante monitoraggio (si tenga presente che per ogni attività viene individuato il rispettivo responsabile). 5.1 Pianificazione Consiste nel definire quando svolgere un corso/attività e a chi assegnarne la docenza/conduzione: pertanto gli accordi avvengono in primis tra la società e il cliente e successivamente con il consulente che prenderà in carico il progetto. Ogni accordo in questo senso viene registrato attraverso l utilizzo di un planning in cui confluiscono tutti gli impegni di tutti i consulenti della società. 5.2 Analisi dei bisogni e progettazione Gi step individuati sono i seguenti: presa in esame delle esigenze formative offerta-macroprogettazione (spesso coincidono) microprogettazione (definizione di obiettivi dell intervento, contenuti, metodologie, strumenti di supporto e messa a punto del materiale didattico di supporto personalizzato) l'individuazione delle risorse necessarie (umane, strumentali ed organizzative) e la definizione del master (documentazione e/o materiale didattico) e dei materiali Ogni nuovo progetto è sottoposto al processo di convalida : una prima convalida viene data dal Progettista e viene registrata nella relativa Check-list (modulo di sistema). Una seconda convalida è contestuale all'erogazione dei servizi. Per l'attività di formazione con rilevante contenuto di innovazione o indirizzata a specifiche tipologie di utenti, la qualità sostanziale della progettazione viene accertata in base ai risultati del primo intervento (sessione pilota) che ha quindi funzione di validazione e di input per la definizione di eventuali miglioramenti per le iniziative successive 5.3 Erogazione e valutazione Una volta conclusa la fase di progettazione, una serie di attività sono dedicate all organizzazione e preparazione di tutta una serie di strumenti, materiali ecc. necessari alla realizzazione del corso, pertanto viene predisposta una check-list per ciascun corso, in cui compaia un elenco del materiale didattico, le istruzioni per la duplicazione e l'elenco di cancelleria e eventuali strumenti di supporto, quando previsti (specifiche procedure definiscono come gestire i documenti e le modalità per l organizzazione di spazi e materiali per corsi ed eventi). Si provvede quindi alla duplicazione del materiale e ultimata la duplicazione viene svolto un controllo a campione per verificarne la qualità e la correttezza prima che venga inviato presso la sede di svolgimento del corso/attività. Inviato il materiale viene anche effettuato un controllo di avvenuta consegna. Erogazione: poco prima dell inizio di ogni corso viene contattato il docente per verificare che tutto sia pronto per il regolare inizio del corso/attività.

8 Valutazione: al termine di ogni sessione viene somministrato un questionario di valutazione interno di fine corso che sarà poi elaborato per rilevare il gradimento/soddisfazione ed eventuali note per il miglioramento del corso/attività. In alcuni casi, qualora non risultasse possibile od opportuno somministrare un questionario, la rilevazione del gradimento/soddisfazione è gestita direttamente dal Consulente, il quale attraverso un confronto con la committenza, riporta direttamente breve relazione scritta. Un verifica con la Committenza viene comunque sempre eseguita, magari telefonicamente, per arricchire e completare i feed-back di gradimento da parte dei diretti utenti. 6. Considerazioni da parte dell AD sull applicazione del SGQ dopo tre anni 1. Conferma circa la coerenza tra lo sviluppo del sistema qualità e gli obiettivi strategici della società - di business (nuovi prodotti/servizi, integrazione dell offerta, nuove esigenze) - organizzativi (progetto di cambio generazionale, continuità, processi di delega) 2. Messa in atto di processi di delega nella gestione e nel coordinamento, individuazione di nuove figure di account, realizzazione di momenti formali di condivisione (da business-plan ad account-plan), diffusione della cultura della previsionalità (possibile solo in presenza di processi definiti, di tracciabilità dei progetti, di una documentazione affidabile) 3. Diffusione di fatto della mentalità generata dal sistema qualità in modo continuo e pragmatico (sempre più persone seguono queste modalità) 4. Presenza di uno stimolo sempre crescente al miglioramento continuo (es. sistemi di verifica delle attività sui clienti, documentazioni e tracciabilità dei progetti, gestione costruttiva e non isterica della lamentela o della non conformità) 5. Effetti positivi anche sul business (progetti per i quali è richiesto il servizio da una società certificata) 6. Inserimento della nostra esperienza del Sistema qualità in corsi sulla qualità del servizio

9 ELENCO DEI PROCESSI E DELLE PROCEDURE DI XX All. 1 Macro Processi Processi Sotto Processi Procedure Sistema di Gestione per la Qualità Sistema di Gestione per la Qualità Sistema di Gestione per la Qualità Sistema di Gestione per la Qualità Tenuta sotto controllo dei documenti e delle registrazioni Non Conformità, Azioni Preventive, Azioni Correttive Audit Interni PG 01 PG 08 PG 10 Responsabilità della Direzione Riesame della Direzione PG 07 Gestione delle Risorse Acquisizione di Beni, PG 06 Docenze e Consulenze Gestione Spazi dedicati alla Formazione e PG 05 Materiali Didattici e Cancelleria Formazione e Aggiornamento Interni PG 12 Pianificazione e Gestione di Formazione e Consulenza Ricerca, Progettazione Formazione e consulenza PG 02 PG 13 Realizzazione del Prodotto/Servizio Gestione amministrativa PG 03 Comunicazione Interna Comunicazione Esterna PG 14 PG 14 Misurazioni, Analisi e Miglioramento Gestione dei Reclami PG 09 Miglioramento continuo PG 11

10 INDICATORI All. 2 Macroprocesso REALIZZAZIONE PRODOTTO / SERVIZIO REALIZZAZIONE PRODOTTO / SERVIZIO Attività, sottoprocesso Comunicazione e Marketing Comunicazione e Marketing Comunicazione e Marketing Comunicazione e Marketing Ricerca / Progettazione Processo, Pianificazione / Gestione Attività Formazione e Consulenza Indicatore Obiettivo finale ipotizzato (dic.08) Obiettivo finale raggiunto (dic.08) Range accettabile Obiettivo intermedio ipotizzato (giu.08) Numero nuovi Clienti contattati 8 20% 5 Numero offerte emesse sui nuovi Clienti Numero progetti partiti su nuovi Clienti 5 20% % 1 Recupero Clienti storici azzerati 2 30% 1 Realizzazione progetti innovativi (nuovi contenuti) Realizzazione progetti significativi di tipo integrato 1 50% % 1 Pianificazione / Gestione Attività Formazione e Consulenza Numero/corsi attività annullati 2 Pianificazione / Gestione Attività Formazione e Consulenza Gestione amministrativa Grado di soddisfazione (su valutazione globale) Budget di spesa per materiali e strumenti ad uso interno 4/5 (4 su 5) 10% 4 </= % 1 sem Obiettivo intermedio raggiunto (giu.08) Responsabili e attività per il raggiungimento degli obiettivi SGQ NC, AP, AC Gestione delle risorse Formazione interna Numero NC Numero AP + AC Nr ore formazione/addestramento annue per addetto (media) 16h +/- 4h 8h Budget di spesa per la formazione (totale) Eur % Eur Misurazioni, analisi e miglioramento continuo Gestione reclami Rapidità risposta ai reclami Entro 15 giorni + 1 g + 1 g Numero di reclami Miglioramento continuo Numero di AM 16 25%

11 Contatto col cliente (clienti attivi o nuovi) SEQUENZA DEI PROCESSI Macro-analisi e individuazione All. 3 Cliente attivo Cliente nuovo delle macro-esigenze Formulazione dell'offerta Possibile intervento dell'ufficio Acquisti del Cliente per accordi quadro e/o emissione ordini Rimessa a punto dell'offerta, secondo indicazioni del Cliente SI, CON MODIFICHE Il Cliente approva l'offerta? NO Il Cliente non acquista il prodotto/servizio Verifica requisiti disattesi Riesame / miglioramento Trasmissione offerta all'amministrazione SI Avvio del progetto Progetto nuovo Progetto ripetitivo Pianificazione e individuazione risorse necessarie Progettazione Segnalazione ad Assistenza/Project Office Pianificazione e individuazione risorse necessarie Verifica e approvazione materiale Produzione master Verifica e approvazione del master Erogazione sessione pilota e/o sperimentale SI Il cliente ha ririchiesto richiesto una sessione pilota e/o sperimentale? Duplicazione materiale Invio materiale alla sede del corso Verifica tramite controllo a campione Verifica di avvenuta consegna del materiale SI Sono necessari aggiustamenti? NO NO Erogazione Verifica di regolare inizio corso Somministrazione questionari di valutazione di fine corso o riunione di feedback con la committenza Analisi dei dati Riesame / Miglioramento

MANUALE DELLA QUALITÀ DI

MANUALE DELLA QUALITÀ DI MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 13 MANUALE DELLA QUALITÀ DI Copia master Copia in emissione controllata (il destinatario di questo documento ha l obbligo di conservarlo e di restituirlo, su richiesta della

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008

Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE+ J. NIZZOLA TREZZO SULL ADDA Breve guida alla conoscenza dei principi del Sistema Gestione Qualità e della norma UNI EN ISO 9001:2008 REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE EMISSIONE

Dettagli

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL

Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Le procedure gestionali del SGQ di UTFUS TF GQL Sommario Procedure gestionali obbligatorie secondo ISO 9001:2008; Gestione Documenti; Audit Interni; Non Conformità; Azioni di miglioramento (azioni correttive

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO

MANUALE DELLA QUALITÀ SIF CAPITOLO 08 (ED. 01) MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO INDICE 8.1 Generalità 8.2 Monitoraggi e Misurazione 8.2.1 Soddisfazione del cliente 8.2.2 Verifiche Ispettive Interne 8.2.3 Monitoraggio e misurazione dei processi 8.2.4 Monitoraggio e misurazione dei

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 2.0 REQUISITI GENERALI E DESCRIZIONE DEI PROSSI Groupservice ha stabilito, attuato e documentato un Sistema Gestione Qualità mantenendone l'aggiornamento e verificandone costantemente l'efficacia, nell'ottica

Dettagli

4.1 Requisiti generali

4.1 Requisiti generali P a g. 1 / 6 4.1 Requisiti generali Il Sistema di Gestione (SGQ) è strutturato al fine di migliorarne l efficacia e l efficienza dei processi dell Istituto attraverso la pianificazione di criteri, procedure

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR01 - n conformità, Reclami, Azioni Correttive, Azioni Preventive Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale

Dettagli

Misurazione, analisi e miglioramento

Misurazione, analisi e miglioramento Pagina 1 di 8 Manualle Qualliità Misurazione, analisi e miglioramento INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragrafi variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Pag. 1 / 9 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO Indice: 8.0 - Oggetto 8.1 - Pianificazione delle misurazioni 8.2 - Misurazione e monitoraggio delle prestazioni del sistema 8.3 - Controllo del prodotto/servizio

Dettagli

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG)

PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni. Redazione (referente di processo) Responsabile Sistema Qualità (RSG) PROCEDURA 4.1 Gestione della documentazione e delle registrazioni Ed.2 Rev.0 del 22/07/2014 Redazione (referente di processo) Approvazione Andrea Marchesi Responsabile Sistema Qualità (RSG) Silvio Braini

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA SEZIONE 4 - SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4.1 Requisiti generali LICEO ETTORE MAJORANA - ROMA Il LS Majorana ha stabilito, tiene aggiornato, attua e documenta il proprio Sistema di gestione della qualità (SGQ) in accordo con in requisiti della

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

CAP. 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO

CAP. 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO CAP. 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1. Scopo. -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 2 8.2. Monitoraggio e misurazioni.

Dettagli

Procedura n. 03 (Ed. 02) TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI

Procedura n. 03 (Ed. 02) TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DELLE REGISTRAZIONI INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. DEFINIZIONI 4. GENERALITÀ 5. RESPONSABILITÀ 6. IDENTIFICAZIONE 7. REDAZIONE, CONTROLLO, APPROVAZIONE ED EMISSIONE 8. DISTRIBUZIONE 9. ARCHIVIAZIONE 10. MODIFICHE

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PIETRO REMONTI 1 2 APPROCCIO BASATO SUI PROCESSI UN RISULTATO DESIDERATO È OTTENUTO IN MODO PIÙ EFFICACE SE RISORSE E ATTIVITÀ

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

Organizzazione e sistemi di gestione

Organizzazione e sistemi di gestione Organizzazione e sistemi di gestione Sistema di Gestione della Sicurezza e Salute del Lavoro: Elementi fondamentali ed integrazione con i sistemi di gestione per la Qualità e l Ambientel 1 Termini e definizioni

Dettagli

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37).

Il sistema di gestione di SINTESI SpA è certificato UNI EN ISO 9001:2008 (settori EA 35 e EA 37). Carta di qualità dell offerta formativa La Carta della Qualità ha la finalità di esplicitare e comunicare al sistema committente/beneficiari gli impegni che SINTESI SpA assume nei suoi confronti a garanzia

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITÀ SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

MANUALE GESTIONE QUALITÀ SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA data: 20-07-08 Pagina 1 di 12 Sez. 4 PER LA QUALITA Redazione e Revisione Data Modifiche verifica 0 03-04-03 RGQ - Prof. M.L.Bianchi 1 16-04-03 Tabelle a) e b) 2 29-05-03 Tabella b) e 4.2.3 3 12-07-04

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR02 - Audit Interni Edizione 1 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente Aziendale per la Qualità

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ

MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ MANUALE DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Codice MGQ 4 Pag. 1 / 16 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Indice: 4.0 - Oggetto 4.1 - Generalità 4.2 Requisiti relativi alla documentazione 4.3 - Controllo delle registrazioni

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

"L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA

L'APPROCCIO PER PROCESSI: UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA Vision 2000 I SUPPORTI DELL'ISO PER L'ATTUAZIONE DELLA NUOVA ISO 9001:2000 "L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA I significati di questa impostazione e un aiuto per la

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza è lieta di

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1. EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI QUALITÀ 2. DEFINIZIONE DI QUALITÀ 3. IL SISTEMA QUALITÀ 4. CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ 5. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO 6. LA NORMA UNI EN ISO 8402 1.

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona

LA CERTIFICAZIONE. Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona LA CERTIFICAZIONE Dr.ssa Eletta Cavedoni Responsabile Qualità Cosmolab srl Tortona Qualità Grado in cui un insieme di caratteristiche intrinseche soddisfa i requisiti (UNI EN ISO 9000/00) Requisito Esigenza

Dettagli

D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni. M. Mengoli 5 giugno 2014

D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni. M. Mengoli 5 giugno 2014 D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni M. Mengoli 5 giugno 2014 Il D. Lgs. 231/01 introduce una nuova fattispecie di responsabilità da reato Reato nell organizzazione è imputabile

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA

MANUALE DELLA QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA SISTEMA GESTIONE QUALITA Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare del Liceo Artistico Statale Paolo Candiani. INDICE: 04.0 SISTEMA GESTIONE PER LA QUALITÀ 04.1 Requisiti

Dettagli

La gestione della qualità nelle aziende aerospaziali

La gestione della qualità nelle aziende aerospaziali M Premessa La AS 9100 è una norma ampiamente adottata in campo aeronautico ed aerospaziale dalle maggiori aziende mondiali del settore, per la definizione, l utilizzo ed il controllo dei sistemi di gestione

Dettagli

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform

Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1. LIVELLO STRATEGICO Carta della Qualità dell Offerta Formativa Perform 1.1 POLITICA DELLA QUALITÀ La dirigenza di Unindustria Perform Srl intende perseguire, quale mission dell Organizzazione, il miglioramento

Dettagli

Manuale Gestione Qualità

Manuale Gestione Qualità 6.0 GENERALITÀ La presente sezione, in base alla mappatura dei processi definita nella sezione 2 del Manuale Gestione Qualità, descrive il "monitoraggio, misurazione ed analisi" ed il "miglioramento" che

Dettagli

norma ISO 9001 e la norma UNI 11034: il modello CADIAI

norma ISO 9001 e la norma UNI 11034: il modello CADIAI Sistema gestione qualità secondo la norma ISO 9001 e la norma UNI 11034: il modello CADIAI ISO 9001: significato della certificazione Certificare il Sistema di Gestione per la Qualità secondo la norma

Dettagli

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1) Introduzione Questo documento guida vuol aiutare gli utilizzatori delle norme serie ISO 9000:2000 a comprendere i concetti e

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Carta di Qualità dell offerta formativa

Carta di Qualità dell offerta formativa Carta di Qualità dell offerta formativa Livello strategico Politica della Qualità della HOLLYWOON & FASHION SRL La HOLLYWOON & FASHION SRL definisce la propria politica della Qualità come segue: essere

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità. ! I modelli normativi. ! I modelli per l eccellenza 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1

LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE. C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LA NORMA UNI EN ISO 9001: 2000 E LA CERTIFICAZIONE C-La Norma UNI EN ISO 9001: 2000 e la certificazione 1 LE NORME SERIE ISO 9000 Guidare e condurre con successo un'organizzazione richiede che questa sia

Dettagli

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità Supporto ad azioni di miglioramento del sistema di gestione qualità di SerT e strutture accreditate per soggetti dipendenti da sostanze d abuso Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Pagina 1 di 7 CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Politica della qualità L Istituto Aniene Srl si pone come obiettivo quello di raccordare le finalità formative con i bisogni e la

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

Sistema di Gestione per la Qualità

Sistema di Gestione per la Qualità Pagina 1 di 8 Manuale Qualità Sistema di Gestione per la Qualità INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 14.03.2003 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA

MANUALE DELLA QUALITÀ SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITA Pagina 1/ 5 SISTEMA DI GESTIONE PER LA 4.0 GENERALITÀ E RIFERIMENTI 4.1 REQUISITI GENERALI 4.2 REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE 4.0 GENERALITÀ E RIFERIMENTI La presente sezione del manuale definisce

Dettagli

Carta della Qualità. 1. LIVELLO STRATEGICO (politica della qualità, finalità ed applicabilità)

Carta della Qualità. 1. LIVELLO STRATEGICO (politica della qualità, finalità ed applicabilità) Carta della Qualità Il presente documento è costituito al fine di esplicitare e comunicare ai committenti, ai beneficiari e agli operatori coinvolti la politica della qualità e la trasparenza dei servizi

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI -CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI Norma ISO 9001 e sue applicazioni Iter di certificazione e sistema di accreditamento Sistemi

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Ediz. MQ 00 Pag. 1 di 8 REVISIONI N REV. DATA APPROV DESCRIZIONE RIFERIMENTO PARAGRAFO RIFERIMENTO PAGINA 00 10-01-06 1A EMISSIONE TUTTI TUTTE 01 25-09-09 ADEGUAMENTO ALLA NORMA UN EN ISO 9001:2008 TUTTI

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30

Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 Reggio Emilia 14 e 15 dicembre 2015 ore 9:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO PROFESSIONALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Mission L Istituto Aurelia Fevola opera da anni nel settore della formazione attraverso una vasta offerta formativa che si basa principalmente

Dettagli

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Generalità l I.I.S. G.Antonietti, allo scopo di assicurare la conformità del proprio Sistema di Gestione della Qualità alla norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Mission della struttura L Associazione Cultura d Impresa è un ente senza finalità di lucro, nasce nel 1999 come progetto formativo professionale

Dettagli

Manuale di gestione della Qualità

Manuale di gestione della Qualità SOMMARIO 4.1. Requisiti generali 4.2. Requisiti relativi alla documentazione 4.2.2. Manuale per la gestione della qualità 4.2.3. Tenuta sotto controllo dei documenti 4.2.4. Tenuta sotto controllo delle

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ DELL ISTITUTO TECNICO VIGANÒ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ DELL ISTITUTO TECNICO VIGANÒ SISTEMA DI GESTIONE PER LA DELL ISTITUTO TECNICO VIGANÒ 6 14-Mar-13 Revisione generale S.Scola L. L. Pelamatti 5 01-Sett-11 Aggiornamento D. Menti L. L. Pelamatti 4 20-mag-09 ISO 9001:2008 R. Cagliani

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA

MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA STUDIO 3A S.n.c. MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA UNI EN ISO 90:2008 EDIZIONE 02 rev. 05.12.23 STUDIO 3A S.n.c. MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA UNI EN ISO 90:2008 EDIZIONE 02 rev Il presente manuale

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373- Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER IL II MODULO DEI CORSI DI FORMAZIONE PER AUDITOR /

Dettagli

Ed. Rev Data Nota di Revisione. 1 0 12/10/09 Prima Emissione. Controllata Consegnata a Non Controllata Data Consegna 12/10/09. Copia n.

Ed. Rev Data Nota di Revisione. 1 0 12/10/09 Prima Emissione. Controllata Consegnata a Non Controllata Data Consegna 12/10/09. Copia n. MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITÀ in accordo alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Il presente Manuale di garanzia della Qualità è di proprietà della IMPRESA COSTRUZIONI BERNA FRANCESCO e non è riproducibile,

Dettagli

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Liceo Scientifico Galileo Galilei -Trento - SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO BS OHSAS 18001:2007 Maggio 2012 Maurizio Adami 1 Popolazione scolastica anno scolastico 2011/12 Docenti

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

Procedura GESTIONE DEL POF

Procedura GESTIONE DEL POF SOMMARIO Pag 1 di 7 1. Scopo... 2 2. Applicabilità... 2 3. Termini e Definizioni... 2 4. Riferimenti... 2 5. Responsabilità ed Aggiornamento... 2 6. Modalità operative... 3 6.1 Individuazione esigenze

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

Roma, 21 Ottobre 2011 Centro Congressi Cavour

Roma, 21 Ottobre 2011 Centro Congressi Cavour Verifica del progetto D.P.R. 207/2010 Controllo Qualità, Certificazione e Accreditamento Roma, 21 Ottobre 2011 Centro Congressi Cavour Sistema interno di controllo della qualità: dalla formazione alla

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ MANUALE DELLA QUALITÀ RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI iscritta nell'elenco delle associazioni rappresentative a livello nazionale delle professioni

Dettagli

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA Elaborazione Verifica Approvazione Il Responsabile Qualità Il Rappresentante della Direzione Il Dirigente Scolastico (.. ) (. ) ( ) Data Data Data Rev Causale (emis./revis.)

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

NSQ / il Software di Qualità

NSQ / il Software di Qualità La soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità Norme di riferimento: UNI EN ISO 9000:2005 Sistema di gestione per la qualità - Fondamenti e vocabolario UNI EN ISO 9001:2008 Sistema di

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità Pag. 1 Data di applicazione 07/04/2008 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 21/03/08 Dirigente QA Dirigente QA Dott.ssa A.M. Priori Dott.ssa M. Medri 31/03/08 Direttore QA Dott. E.

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI REV. n. DATA Motivo revisione Responsabile REDAZIONE Settore CID Responsabile VERIFICA Settore SG Responsabile APPROVAZIONE

Dettagli

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 5 MP 6 MIGLIORAMENTO CONTINUO

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 5 MP 6 MIGLIORAMENTO CONTINUO Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 5 6 MIGLIORAMENTO CONTINUO 6.0 DESCRIZIONE Attraverso i processi sviluppati in questo capitolo, il liceo assicura che il servizio offerto adempie ai requisiti

Dettagli

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento Scopo Responsabile Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Output Indicatori Riferimenti Normativi Processi Correlati Sistemi Informatici Definire le modalità e le responsabilità per la gestione

Dettagli

ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti)

ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti) ISO 9001: 2000 E L APPROCCIO PER PROCESSI (Giorgio Facchetti) Tra le novità della UNI EN ISO 9001: 2000 il più aggiornato standard di riferimento per la certificazione della qualità non sono tanto il monitoraggio

Dettagli

PROCEDURE 9001 Versione 2.0 Edizione 2015

PROCEDURE 9001 Versione 2.0 Edizione 2015 Qualità UNI EN ISO 9001:2008 v2.0 Edizione 2015 PROCEDURE 9001 Versione 2.0 Edizione 2015 Kit documentale con manuale, procedure, modulistica, checklist ed allegati per la realizzazione di sistemi di gestione

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Figure di Presidio Richieste dall All.II.2: Responsabile Unità Operativa Sede Principale del Sistema di gestione della Qualità Aziendale

Figure di Presidio Richieste dall All.II.2: Responsabile Unità Operativa Sede Principale del Sistema di gestione della Qualità Aziendale Allocazione delle Attività dei responsabili posti a presidio dei processi Aziendali e delle sedi operative di Roma e Cassino, secondo quanto richiesto dalla DGR 968/07 e dall All.II.2, all interno del

Dettagli

TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI

TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI Rev.0 Data 10.10.2002 TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI Indice: 1.0 SCOPO 2.0 CAMPO DI APPLICAZIONE 3.0 RIFERIMENTI E DEFINIZIONI 4.0 RESPONSABILITÀ 5.0 MODALITÀ ESECUTIVE 6.0 ARCHIVIAZIONE 7.0

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 14001 (ed. 2004) Rev. 01 del 30/09/06 1/9 progetto Tecnico ISO 14001-2004 La Norma Internazionale UNI EN ISO 14001 specifica

Dettagli

Gestione delle Risorse

Gestione delle Risorse SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Gestione delle Risorse Mauro Toniolo Quality, Health & Safety Manager Messa a disposizione delle risorse Norma UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità

Dettagli

VISION 2000 VISION 2000

VISION 2000 VISION 2000 VISION 2000 dalle QUALITA? ISO 9000 alle VISION 2000 SOMMARIO Aspetti generali, architettura e caratteristiche delle norme Evoluzione dei contenuti Ricadute sui processi di certificazione Applicazione

Dettagli