di Enrico Bozzolan Amministrazione e Finanza >> Finanza Aziendale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Enrico Bozzolan Amministrazione e Finanza >> Finanza Aziendale"

Transcript

1 FINANZIARE LE ACQUISIZIONI: IL LEASING D AZIENDA di Enrico Bozzolan Amministrazione e Finanza >> Finanza Aziendale

2 IL CONTRATTO DI LEASING FINANZIARIO Occorre sottolineare che, nella qualificazione del contratto in esame, emerge la coesistenza di due distinti rapporti. Il primo intercorre tra il concedente (società di leasing) ed il fornitore del bene (o dei beni) oggetto del contratto, identificandosi in una normale compravendita, mentre il secondo si incarna nella concessione in locazione finanziaria del bene. In particolare, tale ultimo rapporto contrattuale presenta alcuni elementi riconducibili alla locazione ordinaria e alla vendita con riserva di proprietà. A differenza di questi istituti, tuttavia, nel leasing finanziario il locatore è un intermediario disinteressato al futuro godimento del bene e il passaggio di proprietà dello stesso non si automatizza con il pagamento dell ultimo canone, bensì richiede l esercizio di una specifica facoltà. In altre parole, le peculiarità che caratterizzano il contratto di locazione finanziaria 1 devono essere ricercate nella sua causa. Si aderisce in questa sede alla teoria che disegna il contratto in oggetto come un contratto atipico con causa di finanziamento, secondo la quale il concedente, versando l intero prezzo del bene al fornitore, effettua un servizio di prestito finanziario il cui ammortamento deriverà dal pagamento dei canoni futuri 2. Si caratterizzano quali obbligazioni principali a carico dell utilizzatore l obbligo di pagare il canone (secondo specifici ammontare, termini e modalità di pagamento) e di accollarsi i rischi relativi all esecuzione del contratto (vizi ed evizione della cosa consegnata, perdita o deterioramento del bene, danni prodotti a terzi). Parallelamente, sempre all utilizzatore spettano il diritto (oltre che di esercitare il riscatto della proprietà del bene) di ricevere in consegna il bene dal fornitore, mediante sottoscrizione di apposito verbale, e di esercitare nei confronti del fornitore le eventuali azioni giudiziarie relative alla cosa utilizzata. L AZIENDA: PROFILI CIVILISTICI Nella prassi risulta ormai consolidato l utilizzo del leasing come forma di finanziamento per l acquisizione di beni mobili (anche forniti da soggetti diversi nell ambito di un unico contratto di locazione finanziaria) ed immobili. Occorre tuttavia individuare i contorni che caratterizzano un azienda commerciale, la cui locazione e il cui trasferimento (ancorché nell ambito di un contratto di leasing finanziario) sono regolati da una disciplina civilistica ad hoc. L art c.c. definisce l azienda come complesso dei beni (mobili e/o immobili) organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa. L «organizzazione» dei beni, quindi, imprime agli stessi un vincolo diverso dalla mera proprietà, ossia la loro comune destinazione a divenire mezzo e strumento per l esercizio dell impresa da parte dell imprenditore. Tale attitudine all utilizzo (congiunto) dei beni per la produzione di attività economica tende a configurare l azienda, secondo la prevalente teoria «unitaria», come una entità autonoma, distinta dai singoli beni che la compongono. Ciò che rileva ai fini della qualificazione di un insieme di beni come azienda o ramo d azienda, quindi, non è tanto il titolo giuridico che legittima l imprenditore ad utilizzare un dato bene nel processo produttivo, quanto la destinazione impressagli 3. E importante sottolineare, inoltre, che l organizzazione di un complesso di beni finalizzata allo svolgimento di un attività imprenditoriale induce in condizioni di redditività - a 1 Dal leasing finanziario si distingue il leasing operativo, considerato a tutti gli effetti una locazione ordinaria nella quale il produttore di un bene concede la disponibilità dello stesso direttamente all utilizzatore dietro la corresponsione di canoni periodici e per un periodo di tempo commisurato alla durata economica del bene. Non è normalmente prevista, alla scadenza del contratto, la facoltà di riscatto del bene da parte dell utilizzatore. 2 Si aggiunga che nel contratto di leasing finanziario sussiste il collegamento voluto dalle parti tra l acquisto del bene da parte del concedente e la concessione dello stesso in godimento all utilizzatore; mantenendo la proprietà del bene, inoltre, l intermediario finanziario si garantisce dagli inadempimenti dell utilizzatore. 3 Nella nozione di azienda potranno pertanto trovarsi inclusi beni non di proprietà dell imprenditore (in quanto utilizzati, ad esempio, in leasing) così come potranno essere esclusi beni di proprietà dell imprenditore non pertinenti con la destinazione all esercizio dell impresa. Pagina 2 di 7

3 determinare il valore di scambio dell azienda ad un livello maggiore rispetto alla somma dei valori attribuiti ai singoli asset, grazie alla presenza dell avviamento commerciale 4. IL CONTRATTO DI LEASING FINANZIARIO D AZIENDA Aderendo alla teoria unitaria circa la qualificazione di un complesso o ramo aziendale specificatamente individuato, è possibile riconoscere piena ammissibilità al contratto di leasing finanziario d azienda. Si ravvisano, infatti, i seguenti momenti rilevanti, per ciascuno dei quali la struttura del predetto contratto dovrà essere integrata e correlata con la normativa civilistica imposta in materia di trasferimento o affitto della stessa (artt.2556 e ss.): a) acquisto dell azienda (o di un suo ramo) da parte della società di intermediazione finanziaria; b) locazione (finanziaria) dell azienda acquistata (con riferimento al precedente punto) all utilizzatore; c) esercizio dell opzione di acquisto del complesso aziendale da parte dell utilizzatore alla scadenza del contratto di leasing. LEASING E AFFITTO D AZIENDA Per quanto concerne la regolamentazione della locazione all utilizzatore dell azienda acquistata, la disciplina della locazione finanziaria del complesso aziendale deve compenetrarsi con le norme previste in materia di affitto d azienda. Innanzitutto occorre sottolineare che, a proposito della forma contrattuale, l art c.c. dispone come il trasferimento in godimento dell azienda deve avvenire con contratto scritto (forma richiesta ad probationem), salvo le disposizioni specifiche riguardanti i singoli beni che la compongono (ad esempio con riferimento ai beni immobili). A seguito delle innovazioni introdotte dall art. 6 Legge 12 agosto 1993 n. 310, i contratti suddetti (compresi, quindi, i contratti di leasing d azienda) devono essere redatti in forma di atto pubblico o per scrittura privata autenticata e depositati entro 30 giorni al Registro Imprese a cura del notaio rogante o autenticante. L iscrizione, in questo caso, è finalizzata a portare a conoscenza dei terzi il contenuto del contratto, rendendolo opponibile agli stessi. In materia di successione nei contratti, inoltre, l art.2558 c.c. prevede che, se non pattuito diversamente, l affittuario (utilizzatore) dell azienda subentra nei contratti stipulati per l esercizio della stessa che non abbiano carattere personale. Il terzo contraente, tuttavia, può recedere entro tre mesi dalla notizia della locazione sempre che sussista una giusta causa. E evidente che, considerata la particolare causa insita nel contratto di leasing, l intermediario finanziario avrà interesse a limitare il proprio ingresso (in sede di acquisizione dell azienda) nei contratti afferenti il complesso aziendale, ancorché il subentro definitivo avvenga unicamente da parte dell impresa utilizzatrice (si pensi, ad esempio, ai contratti di lavoro dipendente che si trasferiscono automaticamente all affittuario). Appare, invece, inapplicabile alla locazione (anche finanziaria) d azienda la disciplina prevista dal secondo comma dell art c.c. (relativa alla responsabilità dell utilizzatore per i debiti dell azienda commerciale), considerato che la norma non menziona altre ipotesi di applicazione della stessa al di fuori della cessione. Mal aderisce alla causa finanziaria insita nel contratto di leasing d azienda la previsione dell art quarto comma c.c. Tale disposizione, infatti, prevede che le differenze tra le consistenze d inventario all inizio e al termine dell affitto (a valore corrente) sono regolate in denaro alla scadenza del contratto. L intermediario, infatti, si prefigge di effettuare l ammortamento finanziario (mediante la riscossione dei canoni di leasing idealmente scomposti tra quota capitale e quota interessi) del prezzo che il medesimo ha anticipato per l acquisto dell azienda, 4 E vero, tuttavia, che l avviamento non si traduce in un elemento costitutivo essenziale dell azienda; esiste infatti un azienda priva di avviamento quando l impresa non ha ancora iniziato l attività o quando l ha ormai cessata (Cass. 8 novembre 1993 n. 6608, Cass. 25 giugno 1981 n. 4142). Pagina 3 di 7

4 conservando l interesse alla restituzione dell integro complesso aziendale locato all inizio del contratto nel caso di mancato riscatto da parte dell utilizzatore. Seguendo tale impostazione dovrebbe escludersi, quindi, la possibilità per l utilizzatore di operare e dedurre gli ammortamenti sui beni aziendali oggetto di locazione (derogando, quindi, al disposto dell art.2561 c.c. secondo comma 5 ). E tuttavia verosimile immaginare che il contratto di locazione finanziaria imponga comunque all utilizzatore gli obblighi di non modificare la destinazione dell azienda e di esercitare l attività sotto la ditta originaria, di provvedere alla conservazione dell efficienza e dell organizzazione degli impianti (con il relativo trasferimento dei rischi) e di rispettare determinati vincoli per la cessione del contratto o la sublocazione dei beni componenti l azienda. LEASING E CESSIONE D AZIENDA La normativa civilistica in tema di trasferimento della proprietà del complesso aziendale assume rilevanza, nell ambito del leasing d azienda, in sede di acquisto da parte dell intermediario finanziario e nell esercizio, da parte dell utilizzatore, dell opzione di riscatto. La forma del contratto di compravendita d azienda è, innanzitutto, quella prevista per l affitto (atto pubblico o scrittura privata autenticata). L applicazione dell art c.c. (relativo al divieto di concorrenza da parte dell alienante per il quinquennio dal trasferimento), inoltre, risulta di fatto operare unicamente nella fase iniziale del contratto di leasing e nei confronti dell utilizzatore, considerato lo status soggettivo di intermediario finanziario ricoperto dalla società acquirente. Se per la successione nei contratti vale quanto esposto nel precedente paragrafo, un possibile deterrente allo sviluppo dei contratti di leasing d azienda deriva dall applicazione dell art.2560 c.c. Tale norma prevede che, nel trasferimento di un azienda commerciale, risponde dei debiti inerenti l esercizio della stessa anche l acquirente, se le predette obbligazioni risultano dai libri contabili del venditore. Ciò imporrebbe all intermediario finanziario di procedere ad un attenta due diligence 6 finalizzata ad accertare l esatta quantificazione dell indebitamento afferente l azienda e di cautelarsi, conseguentemente, dall accollo di qualsiasi passività ribaltando la responsabilità codicistica in esame all utilizzatore 7. Ne deriva, quindi, che la fattibilità di siffatte operazioni si correla strettamente non solo alle caratteristiche di solvibilità (e garanzia) dell utilizzatore, ma altresì di standing economico - finanziario del soggetto alienante. Resta ferma, comunque, la possibilità normalmente consentita all utilizzatore di esperire, nei confronti dell alienante, le azioni giudiziarie sia a tutela del complesso aziendale compravenduto sia pertinenti alla legittimità di eventuali richieste avanzate dai creditori dello stesso venditore. 5 Sotto il profilo fiscale, secondo quanto disposto dall art.14 D.P.R. n. 42/1988, la deducibilità degli ammortamenti in capo all affittuario è consentita solamente se viene applicata la disposizione di cui all art.2561 c.c., relativa all obbligo di conservazione dell efficienza dei beni ammortizzabili. 6 In tema di debiti tributari, ad esempio, il comma 2 dell art. 14 D.Lgs. n. 472/1997 limita la responsabilità solidale del cessionario dell azienda (per imposte e sanzioni relative all anno della cessione e ai due precedenti) al debito risultante dalla data del trasferimento da apposito certificato rilasciato dall Amministrazione Finanziaria. Il cessionario (nel nostro caso la società di leasing) è liberato da ogni obbligazione nel caso in cui il certificato dia esito negativo o non sia rilasciato entro 40 giorni dalla richiesta. Tale limitazione di responsabilità viene meno, tuttavia, se la cessione dell azienda avviene in frode ai crediti di natura fiscale; la frode si presume se, salvo prova contraria, il trasferimento è effettuato nei sei mesi successivi alla constatazione di una violazione penalmente rilevante (es.: l emissione di fatture false). 7 Tale necessità, infatti, si giustifica nella causa finanziaria del contratto di leasing. Pagina 4 di 7

5 ASPETTI CONTABILI Dal punto di vista contabile la disposizione che assume rilievo per la rappresentazione delle operazioni di leasing finanziario avente ad oggetto un azienda (o un suo ramo) da parte dell utilizzatore si identifica nell art.2427 c.c. nr.22). Dall esame di tale disposto normativo si evidenzia una continuità di esposizione delle operazioni in oggetto secondo il metodo patrimoniale (che prevede la sola rilevazione in conto economico dei canoni leasing di competenza e dei canoni da pagare nei conti d ordine tra gli impegni). La novella normativa (apportata dal D.Lgs. n. 6/2003) riguarda invece le informazioni da fornire nella nota integrativa, che si prefiggono di rappresentare extra-contabilmente le operazioni di leasing secondo il metodo finanziario previsto dallo IAS 17. Il principio contabile internazionale prevede l iscrizione, nello stato patrimoniale e tra le immobilizzazioni, dell asset oggetto del contratto di leasing (nel nostro caso saranno iscritti i beni materiali ed immateriali componenti l azienda) oltre a quella del debito attualizzato per canoni da pagare tra le passività finanziarie. Sempre lo IAS 17 richiede la scomposizione, in conto economico, del canone di leasing di competenza tra «ammortamento» dell asset ed oneri finanziari. Oltre a recepire gli effetti della rappresentazione contabile delle operazioni di locazione finanziaria secondo il suddetto principio contabile internazionale, la nota integrativa dei bilanci nazionali deve contenere l esposizione del valore attuale dei canoni non scaduti utilizzando tassi d interesse pari all onere finanziario effettivo sottostante il singolo contratto di leasing. E necessario indicare altresì l ammontare complessivo al quale i beni (nel nostro caso componenti l azienda) sarebbero stati iscritti alla data di chiusura dell esercizio qualora fossero stati considerati immobilizzazioni (con separata indicazione di ammortamenti, rettifiche e riprese di valore) 8. E opportuno, infine, segnalare la fiscalità differita legata alla diversa deduzione fiscalmente operata dalla contabilizzazione dei canoni leasing rispetto a quella degli ammortamenti e interessi passivi in bilancio. IMPOSTAZIONE FISCALE DIRETTA E INDIRETTA La sopra citata Risposta ad istanza di interpello dell Agenzia delle Entrate protocollo n. 2005/78112 del 24 maggio 2005 ha esaminato la disciplina fiscale dell istituto del leasing d azienda. Ai fini delle imposte dirette è stato innanzitutto chiarito che il canone di leasing è deducibile ai fini Ires ed Irap (nei limiti ovviamente della «quota capitale») solamente qualora: a) i beni oggetto del corpus aziendale siano ammortizzabili fiscalmente (attrezzature, avviamento, immobili); b) la durata del contratto di leasing risulti maggiore o uguale a otto anni nel caso in cui sia presente un bene immobile ovvero, in sua assenza, alla metà del periodo di ammortamento del bene (materiale o immateriale) caratterizzato dal coefficiente fiscale più basso. Se l azienda si compone di beni non ammortizzabili (es.: terreni) occorrerà determinare la parte di canone deducibile in proporzione alla percentuale rappresentata dal valore dei beni ammortizzabili rispetto al valore dell intero complesso aziendale. Con riferimento all imposizione indiretta viene ribadita dall Agenzia l imponibilità Iva dei canoni leasing (con aliquota ordinaria del 20%), sottolineando la natura di prestazione di servizi della locazione finanziaria. Viene precisato, inoltre, che in caso di esercizio, da parte dell utilizzatore, dell opzione di riscatto del complesso aziendale occorre applicare l imposta di registro 8 In tal senso occorre precisare che il documento OIC 1 (per la consultazione si veda Principi contabili cd-rom e opera a schede mobili, Ipsoa) specifica come il valore del bene (o del complesso di beni) da esporre non necessariamente è pari al costo originariamente sostenuto dalla società di leasing, ma va individuato come il minore tra il prezzo teorico del bene per il suo acquisto in contanti e il valore attuale dei canoni di locazione e del prezzo di riscatto. Nel caso in cui l intermediario finanziario avesse sostenuto, in fase di acquisto, il pagamento di una somma a titolo di avviamento commerciale dell azienda si ritiene che, pur non potendosi individuare una concreta «locazione» dello stesso e concordando con la natura finanziaria della causa dei contratti in esame, tra i beni da includere nella rappresentazione in nota integrativa del leasing secondo lo IAS 17 vada inserito anche il predetto avviamento (rispettando il principio della prevalenza della sostanza sulla forma). Pagina 5 di 7

6 ordinariamente prevista per i trasferimenti d azienda (e pari al 3% per i beni e i diritti per i quali non è prevista un aliquota specifica, come i beni immobili) con riferimento non tanto al prezzo di riscatto contrattualmente previsto quanto al valore venale 9 dell azienda riscattata. L attività di leasing è fornita dalla Banca avvalendosi della collaborazione di SANPAOLO LEASINT SPA, società prodotto specializzata nel settore del leasing al servizio della Clientela delle Banche del Gruppo Sanpaolo IMI. SANPAOLO LEASINT, da 25 anni leader nazionale nel settore del leasing, risponde alle esigenze più complesse, con piani finanziari personalizzati e servizio di supporto per tutte le procedure previste. Per conoscere le tipologie di leasing e relativi vantaggi consultare la scheda prodotto: Leasing 9 Ciò con buona pace delle argomentazioni proposte dall istante, finalizzate a ravvisare in tale impostazione la violazione del principio di alternatività Iva- registro. Secondo la tesi proposta, infatti, dato che i canoni periodici rappresentano il pagamento dilazionato del prezzo dell azienda, emergerebbe una doppia imposizione indiretta sulla parte del valore venale (comprendente l avviamento valutato secondo criteri predefiniti dall Amministrazione finanziaria) eccedente il prezzo di riscatto. Pagina 6 di 7

7 GLOSSARIO Leasing finanziario L'effetto tipico di un leasing e il suo normale esito è il trasferimento di proprietà del bene: in antitesi a tale nozione la giurisprudenza costruisce la categoria del leasing finanziario, intendendosi, per tale, il leasing avente ad oggetto beni che l azienda intende sfruttare per un breve periodo senza alcun interesse all acquisto. Leasing operativo Denominazione impropria di un contratto di utilizzazione di beni, strutturato in forma di locazione o noleggio e direttamente stipulato fra produttore e cliente, senza l interposizione di intermediari finanziari e senza la previsione di alcun diritto di opzione. Non può come tale qualificarsi alla stregua di un leasing né quale prodotto finanziario.. Documento pubblicato su licenza di WKI - Ipsoa Editore Fonte: Amministrazione & Finanza Quindicinale di gestione, pianificazione e controllo aziendale Copyright: WKI - Ipsoa Editore Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Pagina 7 di 7

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di

rilevazione e valutazione) tali che, assicurino, sia al locatore che al locatario, la contabilizzazione nei rispettivi bilanci di un operazione di RIASSUNTO Nonostante il leasing ha una frequenza di utilizzazione molto elevata, le operazioni di locazione finanziaria non hanno mai avuto una disciplina giuridica e contabile. Il suo sviluppo in termini

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

FIN+A Vita. Aviva S.p.A. Gruppo Aviva

FIN+A Vita. Aviva S.p.A. Gruppo Aviva Aviva S.p.A. Gruppo Aviva FIN+A Vita Creditor Protection a Premio Unico ed a Premio Annuo Limitato abbinata a Finanziamenti - Contratto di Assicurazione in forma Collettiva ad Adesione Facoltativa. Il

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 marzo 2003 Oggetto: Istanza di interpello D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642 imposta di bollo su atti e documenti connessi con i contratti

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli