Il made in Italy nel mercato del lusso in Giappone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il made in Italy nel mercato del lusso in Giappone"

Transcript

1 Il made in Italy nel mercato del lusso in Giappone QUADERNI PUBBLICAZIONE PERIODICA DELLA CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA IN GIAPPONE ALLAAA LUGLIO2013 Con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico

2 2 / 97

3 3 / 97 SOMMARIO GIAPPONE: INFORMAZIONI GENERALI... 7 GIAPPONE: QUADRO MACROECONOMICO E INDUSTRIALE... 8 IL MERCATO DEL LUSSO IN GIAPPONE IL BOOM E LA CRESCITA DEGLI ULTIMI TRENT ANNI 10 CAMBIAMENTI E TENDENZE NEL MERCATO ATTUALE 11 Da anche io a prima io 11 Varietà dei brand di tendenza 12 Cosa c è sull etichetta? 12 L effetto smeraldo 12 LA PERCEZIONE DEL MARCHIO MADE IN ITALY IN GIAPPONE 13 I risultati 14 IL MERCATO DELL ABBIGLIAMENTO IN GIAPPONE: CARATTERISTICHE GENERALI. 17 LA DONNA E LA MODA 17 L UOMO E LA MODA 19 TENDENZE: FAST FASHION 20 ACCESSORI PELLETTERIA 21 Caratteristiche generali del mercato 21 Statistiche di importazione 22 Distribuzione e promozione 24 Analisi dei prodotti 24 OCCHIALI 25 Caratteristiche generali del mercato 25 Statistiche di importazione 27 Distribuzione e promozione 27 Analisi dei prodotti 28

4 4 / 97 ALTRI ACCESSORI 29 Calze 29 Accessori per capelli 29 Nail art 30 Keitai charms 31 GIOIELLI 32 Caratteristiche del mercato 32 Andamento dei brand d importazione 34 Il nuovo trend dei brand stranieri 35 Gli ultimi mesi 35 Canali di distribuzione 37 Caratteristiche dei prodotti 38 ASPETTI DI DISTRIBUZIONE I PRINCIPALI CANALI 39 CANALI MINORI ED EMERGENTI 42 PROMOZIONE E MARKETING IN GIAPPONE CONSIDERAZIONI SULL'INGRESSO NEL MERCATO GIAPPONESE E SUI METODI DI MARKETING 44 Stagionalità 45 Struttura fisica 45 Scelta della location e dello store 45 Packaging 46 Rapporto con il cliente e assistenza post-vendita 47 Lotti di produzione 47 Standard di qualità 48 VEICOLI DI PROMOZIONE 48 Riviste 48 Fiere 69

5 5 / 97 Le missioni commerciali 71 TRACCIABILITÀ DEL MARCHIO IN GIAPPONE ETICHETTATURA 73 Il panorama legislativo 73 Le etichettature volontarie 74 Protezione del marchio 74 Legge sulla responsabilità del prodotto 75 Legge del design (ishô-hô) 75 Il licensing dei marchi 76 Legge del marchio (shôhyô-hô) 76 Registrazione del marchio collettivo (dantai shôhyô) 77 Marchi di servizio 78 Marchi non registrabili 78 Il marchio noto 78 Legge di prevenzione della concorrenza sleale 78 Il processo di registrazione 78 Tasse per la domanda di registrazione (tôroku-ryô) 79 Registrazione internazionale dei marchi 79 Validità e durata della registrazione del marchio 79 Cancellazione dei marchi 80 Tutela del made in Italy 80 IL VANTAGGIO STRATEGICO DEL MADE IN ITALY NEI MERCATI GLOBALI Il settore del lusso e la lotta con il mercato globale 82 Fast luxury 83 Cos è il made in Italy? 86 Italianità del fashion italiano 87 Struttura base del made in Italy 89 Il vantaggio strategico del made in Italy 92

6 6 / 97 Dal globale al locale 92 Da fast a slow 93 Made in Italy e sostenibilità 94 ALCUNE DELLE IMPRESE ITALIANE DEL SETTORE DEL FASHION IN GIAPPONE... 97

7 7 / 97 GIAPPONE: INFORMAZIONI GENERALI Popolazione: 126,659,683 Superficie: 377,944 kmq Capitale: Tokyo Principali centri urbani: Osaka, Nagoya, Yokohama, Sapporo, Kobe, Kyoto, Fukuoka Lingua: giapponese Valuta: yen giapponese (JPY) Tasso di cambio medio nel 2012: 1 euro (EUR) = yen (JPY) Tasso di cambio medio nel 2013 (gen-aug): 1 euro (EUR) = yen (JPY) Sistema di governo: monarchia costituzionale

8 8 / 97 GIAPPONE: QUADRO MACROECONOMICO E INDUSTRIALE Il 2012 ha visto indicatori economici sostanzialmente stabili (e deboli) per i primi tre trimestri, in risonanza con la generale debolezza dei mercati mondiali e l incertezza sulla crescita industriale, accompagnata da una crescente preoccupazione sul consistente calo delle esportazioni a seguito del caro-yen e delle tensioni con la Cina. Il rapporto debito/pil, dal 220% a inizio anno, è ulteriormente incrementato fino a sfiorare il 240%, anche in seguito agli stimoli per la ricostruzione conseguenti al grande terremoto del Gli stessi interventi hanno però anche potuto mantenere su livelli di crescita moderati il prodotto interno lordo, che ha sfiorato il 5,7% all inizio dell anno e si è poi attestato sull 1,5% in termini nominali, sebbene il dato aggregato mascheri il rallentamento deciso che l economia giapponese ha registrato negli ultimi mesi, fino a raggiungere lo stato di recessione tecnica. I prezzi al consumo hanno continuato la loro lenta discesa (-0,1%) seguendo un trend che è ormai, con alcune eccezioni, di decenni. D altro canto il livello dei salari appare stabile, e sul fronte dell occupazione è continuato il recupero di posti di lavoro dallo shock finanziario del A seguito del cambio di governo che ha riportato alla leadership con una schiacciante maggioranza lo schieramento del Partito Liberal-Democratico, guidato dal già primo ministro Shinzo Abe la fine del 2012 è stata comunque segnata da una decisa politica di lotta alla deflazione tramite lo strumento dello stimolo economico, nonostante i rischi derivanti per l aumento ulteriore del debito. L intervento, che ha anche invertito il trend valutario degli ultimi quattro anni (-45% sul rapporto EUR/JPY dal 2008) portando l Euro a 114 yen a fine anno, non ha comunque impedito l appellativo di anno nero per le esportazioni. Limitando l analisi all Italia, nel corso del 2012, le esportazioni sono calate del 31% per dimensione in yen rispetto all anno precedente e del 40% rispetto al 2010; precedentemente all attuale crisi (2007) il volume degli scambi complessivi tra i due paesi era di oltre il 55% maggiore. Dal punto di vista del commercio estero giapponese in generale, le previsioni per il 2013 sono di una crescita modesta, caratterizzata dalla diminuzione del volume di affari con la Cina, un incremento del commercio con il Sud Est asiatico e da un generale aumento delle esportazioni dovute all indebolimento dello yen. Dal punto di vista del rapporto fra Italia e Giappone, a causa della svalutazione dello yen è da prevedersi entro la fine dell anno un inversione nel trend dei flussi commerciali (nel corso del 2012, il flusso verso l Italia è calato del 31% per dimensione in yen rispetto all anno precedente e del 40% rispetto al 2010), mitigata da effetti di inerzia e dal perdurare della crisi economica italiana, che incentiva la ricerca di sbocchi all estero per la produzione interna e diminuisce il potere di acquisto complessivo.

9 9 / 97 L Italia è al 18 posto per valore di interscambio con il Giappone: ca mld Euro nell anno fiscale giapponese 2012 il 3 Paese UE dopo Germania (10 ) e Francia (15 ) Variazione apr 2013 / apr 2012: Import da Italia +15% VS Export verso Italia -0,3% Tabella 1 - Principali importazioni italiane in Giappone

10 10 / 97 IL MERCATO DEL LUSSO IN GIAPPONE IL BOOM E LA CRESCITA DEGLI ULTIMI TRENT ANNI I beni di lusso stranieri hanno cominciato a trasformare la realtà giapponese già dagli anni Ottanta, periodo in cui ha iniziato a manifestarsi anche un forte interesse verso i prodotti made in Italy. Per riuscire a scoprire il segreto del successo delle aziende italiane, negli anni Ottanta una famosa rivista giapponese pubblicò una ricerca approfondita sulle aziende operanti in Veneto, Lombardia ed Emilia. La risposta a cui giunsero fu che il fattore principale su cui queste imprese poggiavano era una cultura del prodotto molto forte e una storia artigianale e artistica molto antica, e che i prodotti italiani erano frutto di una lunga cooperazione e una cross fertilisation tra cultura, arte, artigianato, abilità manifatturiera e territorio. 1 Lo scoppio della bolla economica negli anni Novanta ha portato a un lungo periodo di recessione economica e alla perdita della sicurezza dei posti di lavoro a vita, fattori che hanno contribuito a creare una rottura con i valori sociali tradizionali, a cui si deve aggiungere il cambiamento di status da parte delle donne, che hanno iniziato a preferire la carriera alla famiglia e a essere più indipendenti. Il comparto dell alta moda italiana, tuttavia, ha risentito limitatamente di questi cambiamenti nelle abitudini dei consumatori, mantenendo la propria posizione in virtù della forza del brand e dell attitudine del consumatore a concentrare gli acquisti su di un numero limitato di prodotti. Gucci, Armani, Max Mara, Prada, Benetton, Ferragamo, Tod s, Zegna, Missoni e Moschino continuano a mantenere nelle principali vie di Tokyo importanti punti vendita. Oggi il Giappone importa il 40% dei beni di lusso mondiali, posizionandosi al sesto posto nella classifica degli importatori di prodotti made in Italy. 2 I giapponesi, da sempre radicati in una cultura legata alla conformità, stanno scoprendo una nuova familiarità nell esprimere la loro identità e abilità individuale. Questo cambiamento è dovuto soprattutto a causa della sempre più evidente crisi della classe media che, mettendo in luce le differenze tra ricchi e poveri, ha portato i giapponesi dal considerarsi tutti classe media a società divisa. 3 Se in passato i beni di lusso potevano distinguersi dagli altri per qualità, fattura artigianale, autenticità, originalità e Paese d origine, oggi si è andata creando una maggiore consapevolezza che questi standard di eccellenza non assicurano una funzionalità pratica del prodotto. Questo ha

11 11 / 97 sicuramente contribuito al diffondersi nel mondo (e anche in Giappone) di un nuovo lusso, costituito da prodotti di alta qualità ma a un prezzo contenuto, che porta la loro definizione a evolversi in oggetti, prodotti e servizi con una qualità, gusto e aspirazione maggiore rispetto a quelli convenzionali. 4 CAMBIAMENTI E TENDENZE NEL MERCATO ATTUALE Secondo il Japan Market Resource Network (JMRN) 5, i cambiamenti possono essere riassunti in cinque correnti, che identificherebbero le dinamiche odierne dei consumatori giapponesi: Da anche io a prima io I consumatori di oggi sono alla ricerca di prodotti unici, che soddisfino il loro bisogno di identificazione. Le donne di ogni età sono sempre più restie a possedere oggetti che siano uguali a quelli degli altri, ed è per questo che i brand di maggiore successo sono quelli che riescono a soddisfare il desiderio di unicità dei consumatori. Secondo JMRN, un esempio che si adatta perfettamente al mercato giapponese è il brand italiano Bottega Veneta, estremamente apprezzato e diffuso in Giappone grazie ai suoi prodotti unici e di qualità. Mente, corpo e anima. I consumatori sono alla ricerca di esperienze del marchio maggiormente coinvolgenti. 6 Per la ricerca JMRN, ciò che i brand di lusso devono soddisfare oggi è il desiderio di unicità, esclusività e identità individuale dei clienti giapponesi. È per questo che sempre più aziende propongono edizioni limitate o speciali, dovendo tenere conto che i consumatori apprezzano il poter fare esperienza di un marchio in molteplici situazioni, non solo possedendone un prodotto, ma anche ciò che va oltre lo shopping come ad esempio frequentando caffè dedicati, ristoranti, spa oppure eventi. Viene così a crearsi nel cliente la sensazione di poter arricchire ogni aspetto della propria giornata, ovvero un esperienza del brand che lo coinvolga. JMRN cita come esempio LVMH Louis Vuitton Moët Hennessy S.A., che ha inaugurato a Tokyo il Celux Salon, una boutique dedicata esclusivamente ai soci, che offrirebbe capi altamente esclusivi provenienti direttamente dalle sfilate ibi

12 12 / 97 Varietà dei brand di tendenza I consumatori sono più propensi ad acquistare prodotti economici se hanno pari valore in termini di qualità e funzionalità. Oggi è socialmente accettato l acquisto di merce in saldo oppure acquistata all interno di discount store, il che rende sempre più difficile per le aziende mantenere alto l interesse della clientela. I consumatori, infatti, tendono a prestare più attenzione alla funzionalità piuttosto che alla qualità di un prodotto ed è diventato necessario per le aziende riconsiderare il loro relazionarsi con i clienti e diventare maggiormente flessibili riguardo agli sconti. Anche i grandi magazzini giapponesi di alta moda hanno deciso di riservare degli spazi ai loro maggiori competitor di abbigliamento casual (come Uniqlo e Forever21) per aumentare l afflusso di clientela. Cosa c è sull etichetta? In quest epoca di manifattura a basso costo, l autenticità resta un fattore determinante. Sempre più aziende oggi stanno spostando le loro basi produttive verso la Cina, al fine di ridurre i costi della manodopera (lo stipendio medio della manodopera cinese corrisponde infatti a meno di 100 dollari al mese), sebbene questo fenomeno non stia riscontrando un parere positivo da parte dei consumatori. Più della metà delle esportazioni cinesi, infatti, sono costituite da prodotti sotto contratto OEM (original equipment manufacturing) e vendute con etichette di brand stranieri. Più del 90% dei consumatori giapponesi difatti ritiene che il Paese d origine di un prodotto sia un fattore determinante per l acquisto, a causa del valore che il prodotto stesso deve incarnare. Nel settore tessile l Italia si trova a dover fronteggiare da alcuni anni la concorrenza dei prodotti proveniente dal continente asiatico. Ciò che maggiormente avvantaggia i competitors locali è il costo ridotto della manodopera e la vicinanza geografica di paesi come Vietnam, Indonesia, India, Tailandia e Bangladesh. 7 L effetto smeraldo Secondo la ricerca di JMRN i consumatori sono sempre più attirati dal lusso ecologico. I consumatori giapponesi sono sempre più spinti ad apprezzare un brand che possa proporre prodotti ecologicamente sostenibili e realizzati con pratiche di lavoro etiche che siano strettamente intrecciate con l azienda stessa. Questo cambiamento di attitudine verso i prodotti ecosostenibili è probabilmente dovuto all impatto delle cause ecologiche mosse dalle celebrità a livello mondiale, alle quali anche i consumatori giapponesi, in quanto parte di una società sempre più globalizzata, si sentono spinti ad aderire. Secondo un sondaggio condotto dall agenzia J. Walker Thompson nel 2009, il 51% dei consumatori sente di essere più orientato verso temi ambientali rispetto all anno 7

13 13 / 97 precedente, mentre il sondaggio dell agenzia McKinsey del 2009 ha evidenziato che l 84 % degli intervistati preferisce acquistare prodotti ecosostenibili, e il 16% di loro è disposto a pagarli anche a un prezzo maggiore. Ci si aspetta che l interesse dei consumatori verso beni ecologici vada aumentando nel prossimo futuro e che le aziende di prodotti di lusso cerchino di andare incontro alla sensibilità dei consumatori. I motivi per cui si sono riscontrati questi cambiamenti nella società giapponese si possono riassumere secondo tre fattori: 1. La recessione economica. Il mercato giapponese ha attraversato un periodo di debolezza negli ultimi 20 anni, a causa della forte perdita di lavoro e dell aumento dei lavori part-time, e questo ha portato nei consumatori giapponesi un forte stato di ansia. Secondo l Indice di Ansietà J. Walter Thompson, il 90 % dei consumatori giapponesi si sente ansioso o nervoso, un valore superiore a qualsiasi altro Paese al mondo La nascita di nuove generazioni con atteggiamenti radicalmente diversi rispetto al passato. I giovani di oggi, infatti, non hanno conosciuto il boom di benessere precedente allo scoppio della bolla economica, e sono cresciuti in un clima di difficoltà economica e una maggiore attenzione verso gli acquisti. Le nuove generazioni tendono a preferire i servizi piuttosto che i prodotti, e la tecnologia più di ogni altro bene, rappresentando così la maggiore sfida dei venditori. 3. Normative emesse dal governo giapponese durante il La normativa che maggiormente ha influito sul comportamento dei consumatori è la decisione di ridurre il costo dei caselli autostradali a 1000 yen durante i fine settimana qualsiasi sia la distanza percorsa, favorendo così lo spostamento al di fuori di Tokyo verso i grandi complessi commerciali come Ikea e Costco. 9 LA PERCEZIONE DEL MARCHIO MADE IN ITALY IN GIAPPONE Nel giugno del 2013, attraverso un sondaggio diffuso su internet e su carta, la Camera di Commercio Italiana in Giappone ha cercato di evidenziare alcune caratteristiche salienti del brand made in Italy nel confronto con alcuni brand nazionali: Cina Francia Stati Uniti 8 9

14 14 / 97 Giappone Ai partecipanti al sondaggio è stato chiesto di attribuire, tra i marchi nazionali menzionati ( made in France, made in China etc.) un punteggio da 1 a 5 per le seguenti caratteristiche percettive: 1. Giovane 2. Conveniente 3. Autentico 4. Costoso 5. Di bassa qualità 6. Affidabile 7. Tradizionale 8. Artigianale 9. Ecologico 10. Durevole I dati, raccolti su un campione di ottanta persone di età compresa tra i 18 e i 70 anni, sono stati visualizzati con il metodo della mappa percettiva, che permette di posizionare ciascuno dei cinque marchi secondo le percezioni condivise degli intervistati. I risultati Come si può osservare dalla Figura 1 - Mappa percettiva per i marchi di origine nazionale. Francia e Italia sono vicine nella percezione dei giapponesi, Italia e Francia risultano vicine nella percezione dei giapponesi. In particolare, entrambe ottengono un elevato punteggio negli attributi artigianale, tradizionale, autentico, ma basso in attributi come conveniente. Può soprattutto stupire l identificazione di entrambe le origini, assieme al made in China, come adatte a un gusto non giovane, mentre rispetto a una caratteristica come ecologico (nel sondaggio environmentally friendly ), l Italia è al pari con gli Stati Uniti.

15 15 / 97 Figura 1 - Mappa percettiva per i marchi di origine nazionale. Francia e Italia sono vicine nella percezione dei giapponesi La Tabella 2 riporta, in forma più semplice, gli attributi percepiti dagli intervistati per ogni nazione. Marchio Made in Italy Made in France Made in Japan Made in Usa Made in China Attributi rilevanti Tradizionale, artigianale, autentico, affidabile, durevole Costoso, poco giovane Tradizionale, artigianale, autentico, affidabile Costoso, poco giovane Durevole, ecologico, giovane, mediamente conveniente Giovane, conveniente Mediamente di bassa qualità, poco autentico Conveniente Bassa qualità, poco affidabile, poco durevole, poco ecologico Tabella 2 - Attributi per marchio di origine

16 16 / 97 Considerando la significatività limitata del campione, che potrebbe essere ulteriormente ingrandito e controllato per età e potere di spesa, risultano comunque interessanti alcuni suggerimenti: Potrebbe essere utile investire nella promozione di marchi di moda mediamente più giovanili e caratterizzati da fasce di prezzo più basse rispetto a quanto offerto. Risulta evidente il successo di marchi come Gap e Abercrombie&Fitch nel proporsi a consumatori meno maturi. Anche per il mercato giapponese della moda, occorrono elementi distintivi per ottenere vantaggi competitivi sui prodotti francesi, che in Giappone dispongono mediamente di maggiori risorse di marketing e promozione rispetto alle controparti italiane. La Camera di Commercio Italiana in Giappone, anche attraverso gli strumenti delle fiere (come istanze di Moda, all interno della fiera Rooms), ha recentemente cercato di promuovere stili di moda italiana diversi da quello classico e maturo, nella percezione ormai pluriennale che proprio su segmenti giovani e alternativi la moda italiana giochi molte delle sue prossime carte nel territorio.

17 17 / 97 IL MERCATO DELL ABBIGLIAMENTO IN GIAPPONE: CARATTERISTICHE GENERALI Il mercato del fashion in Giappone presenta alcuni tratti distintivi di grande rilevanza che non possono non essere tenuti in considerazione da un produttore straniero che si approccia a questo mercato. Tra questi elementi vanno evidenziati: Estrema competitività, sia qualitativa che per il numero di competitors Quantità di merci oltre il livello necessario e ampie gamme di prodotti dalle varianti minime Forte attenzione dei consumatori per tendenze e novità Circolazione di informazioni estremamente veloce e ad ampio raggio (soprattutto grazie alla rete, blog ecc.), forte impatto della pubblicità e delle tendenze lanciate da personaggi famosi (soprattutto per le cause ecologiche mosse dalle celebrità) Tempi brevi di consegna delle forniture (a piccoli lotti diversificati) Richiesta da parte dei consumatori di standard di qualità elevata e soprattutto costanti nel tempo Grande attenzione per l'immagine aziendale Va sottolineato che i consumatori giapponesi si distinguono a livello mondiale per il loro interesse agli stili e alle tendenze della moda internazionale, mentre le riviste giapponesi legate al fashion ottengono sempre più popolarità tra Cina, Taiwan, Hong Kong e Corea del Sud, con un crescente rilievo in Asia delle tendenze provenienti dal Giappone. Generalmente si ritiene che un prodotto che riesce ad avere successo in Giappone ne avrà ancora di più negli altri mercati globali. Per le compagnie che si avvicinano al mercato giapponese è quindi importante migliorare la qualità dei loro prodotti e servizi, comprendendo nei loro piani di sviluppo prodotti anche feedback dei consumatori giapponesi estremamente esigenti. Negli ultimi anni i marchi leader a livello mondiale si sono susseguiti nell'apertura e nell'espansione dei loro negozi esclusivi, molti dei quali sono stati posizionati come flagship store mondiali, e alcuni di questi marchi usano i negozi in Giappone per perfezionare le loro ultime innovazioni. LA DONNA E LA MODA In Giappone sono le donne lavoratrici intorno ai 30 anni ad avere maggiore interesse nell acquistare beni di lusso. Con l'ingresso delle donne nel mondo del lavoro, infatti, si è diffusa la tendenza a ritardare sempre più il matrimonio a favore della carriera. Il fenomeno si è talmente diffuso da arrivare a creare delle vere e proprie categorie sociali, come ad esempio le parasite single, donne di età compresa tra i 20 e i 44 anni che vivono a casa dei genitori a spese ridotte e che quindi hanno maggiori possibilità di acquistare beni di consumo con le loro entrate. Si è inoltre notato un aumento

18 18 / 97 negli anni di persone che rientrano in questa categoria, infatti se nel 1990 si contavano 1.12 milioni di individui (circa il 5,7% della popolazione di questa fascia d età), nel 2000 il numero è salito a 1.59 milioni di persone (corrispondente al 10%), fino ad arrivare al 2010, in cui l 11,5% della popolazione di questa fascia d età è da considerarsi parasite single. 10 Recentemente, inoltre, si è andata formando una nuova categoria di donne benestanti che, guadagnando circa 10 milioni di yen all anno, spendono intorno al 10% delle loro entrate in beni di consumo per motivi personali o lavorativi. Per dimostrare la sempre maggiore forza di queste nuove categorie sociali, sono state inoltre pubblicate delle riviste di moda dedicate nello specifico a donne di età tra i 30 e i 40 anni (ma anche oltre) come Nikita, Nikkei EW, Grace e Marisol. Secondo le clienti giapponesi, pagare un prezzo maggiore per un prodotto italiano significa ottenere di più in termini di valore, incarnando il motto coniato dalla famiglia Gucci: La qualità viene ricordata a lungo, dopo che il prezzo è stato dimenticato. La logica dietro questo ragionamento è la convinzione che i prodotti italiani siano più costosi perché fanno sentire chi li possiede persone di classe e preziose, simbolo di affermazione sociale, e sono disposte a pagare di più per qualcosa che le faccia sentire belle. Per i consumatori giapponesi, nomi come Gucci, Trussardi, Fendi o Ferragamo sono direttamente collegati al concetto di qualità e lusso. Inoltre, gli amanti del brand italiano sono fedeli al marchio, in quanto un cliente affezionato tenderà a rimanere sempre legato a esso, senza passare ad altri brand. All'amore per il prodotto si aggiunge l'interesse e il rispetto verso la storia che sta dietro di esso e dietro lo stilista, come ad esempio il fatto che Salvatore Ferragamo abbia disegnato le scarpe per Audrey Hepburn o che Giorgio Armani sia un grande amico di Sofia Loren. Le consumatrici giapponesi acquistano il made in Italy anche per soddisfare il bisogno di sentirsi come le attrici dei film italiani, spinte dall'interesse verso il significato sottinteso e la storia che il prodotto stesso incarna. 11 Il successo dei prodotti italiani è strettamente legato alla loro capacità di riempire lo spazio esistente tra la finzione degli schermi televisivi e la realtà. Secondo le donne giapponesi, ciò che dà valore a un marchio sono, in ordine d importanza: la qualità, la riconoscibilità e la storia del marchio, oltre al mantenimento di prezzi elevati, ai quali seguono i servizi offerti al cliente e l'assistenza post acquisto. Negli ultimi anni però si è potuto notare un calo d interesse verso il nome del marchio, che ha evidenziato un cambiamento verso l acquisto dettato dagli interessi personali e non quelli di appartenenza a un gruppo

19 19 / 97 L UOMO E LA MODA In Giappone sono molto diffuse anche le riviste di moda, come Popeye, Men s non-no e Fineboys, contenenti consigli di stile e moda per giovani uomini eterosessuali, un fenomeno che secondo il sociologo J. Clammer 12 non trova lo stesso riscontro nella cultura maschile euro-americana. Ciò che accomuna queste tre riviste sono soprattutto quattro aspetti: la diffusione di massa, il target mirato ai giovani ventenni eterosessuali, un focus sullo stile kireime (traducibile con moda casualhigh) e la completa assenza di materiali sessualmente espliciti. Questo contraddice lo stereotipo secondo il quale gli uomini prestino più attenzione alla praticità di un indumento piuttosto che alla sua estetica. All interno delle riviste, inoltre, si possono trovare consigli su come abbinare gli accessori oppure su come fare una buona impressione attraverso l uso del giusto profumo. Vengono quindi catalogati diversi tipi di fragranze in diverse categorie come fresco, dolce, selvatico e sexy, all interno delle quali vengono proposti diversi brand (come ad esempio il Burberry sport nella categoria del fresco, oppure il Romeo Sweet Key tra quelli dolci). L uso di terminologie tipicamente femminili, come dolce o carino (kawaii) non influisconosull identità maschile dei lettori, suggerendo che i giovani giapponesi, ovviamente entro certi limiti, tendono a non rimarcare in modo netto i ruoli di genere convenzionali. Nelle pubblicità dedicate alla moda maschile, si trovano spesso affiancati modelli giapponesi ed europei o caucasici, che spesso adottano uno stile molto diverso. Elaborato e appariscente per i primi, ordinato e conservatore per i secondi. L uso di modelli stranieri, infatti, ha lo scopo di far sentire i consumatori parte del fashion internazionale, mentre la presenza di modelli giapponesi serve a dare l idea di non essere completamente occidentalizzati. Gli uomini giapponesi vedono nella moda europea un modello di mascolinità fisica molto diverso da quello giapponese, come ad esempio la pubblicità proposta nella collezione Estate 2010 di Dolce e Gabbana, nella quale viene proposta quasi una iper-mascolinità superiore a qualsiasi altra campagna pubblicitaria. La mascolinità del salary-man ( colletto bianco ) ha rappresentato il modello di riferimento fin dalla seconda guerra mondiale, incarnando qualità come dedizione, diligenza, zelo, sacrificio personale e duro lavoro, e imponendo un abbigliamento composto da camicia bianca, completo scuro, nessun accessorio appariscente e una capigliatura ordinata. Oggi l uomo giapponese è in cerca di un look sofisticato e alla moda, che lo faccia sentire attraente e sicuro di sé. L abito diventa, quindi, il mezzo attraverso il quale l uomo può manifestare la sua identità all interno del contesto culturale in cui si 12 Clammer, John Consuming Bodies: Constructing and Representing the Female Body in Contemporary Japanese Print Media. In Lise Skov e Brian Moeran Womens,Media and Consumption in Japan pp Richmond: Curzon Press

20 20 / 97 trova, rimarcando la distinzione di genere e i suoi confini. Ciò che il modello europeo (abito a due pezzi) ha portato di fondamentale in Giappone, infatti, è possibilità di offrire una distinzione sartoriale netta tra uomini e donne, ritenuta invece ambigua nei kimono giapponesi. 13 A differenza dell'europa e degli Stati Uniti, sono pochi i giapponesi molto benestanti ma, in ogni caso, sono propensi a spendere per ciò che considerano vero valore. Questo per i consumatori significa la possibilità di conoscere a fondo il prodotto che acquistano, la consapevolezza di acquistare qualcosa che valga i soldi spesi e, nonostante tendano a preferire uno stile di vita semplice, preferiscono ricevere dei servizi speciali e personalizzati. Solo i beni di consumo che riescono a tenersi al passo con i cambiamenti nei desideri dei consumatori, riscontrano un sicuro successo. TENDENZE: FAST FASHION Gli ultimi sviluppi del settore vedono un peso sempre più crescente del 'fast fashion', l'abbigliamento basico e di molti colori, sullo stile lanciato per primo da Benetton. Nel mercato competitivo del fast fashion stanno entrando anche compagnie straniere, come visto di recente per la coreana Mixxo e Charles&Keith di Singapore, lanciati sul mercato giapponese a inizio Dal 2009, con la deflazione che ha colpito il Giappone allontanando i consumatori dai marchi di lusso a favore di un abbigliamento a basso costo ma di alta qualità, 'fast fashion' è senza dubbio diventata la parola d'ordine nel settore. Le vendite di borse e altri articoli di fascia alta sono crollati mentre l americana Forever 21 Inc. aprirà il suo primo negozio a Ginza, in uno spazio lasciato libero da Gucci, mentre Gap Inc. ha in programma di trasferirsi in uno spazio di Louis Vuitton. Anche l'entrata in Asia dell'americana Abercrombie & Fitch Co., con il suo primo flagship store a Ginza da dicembre 2012, può essere letto come un nuovo segnale per il fast fashion in Giappone Fashion_Magazines 14 The Japan Times, Low-cost fast fashion trend here to stay, Jan 8, 2010,

Caratteristiche del mercato dell abbigliamento giapponese

Caratteristiche del mercato dell abbigliamento giapponese Caratteristiche del mercato dell abbigliamento giapponese Alta competitività, sia per qualità che per numero di concorrenti Alta diversificazione di prodotti Forte attenzione dei consumatori per tendenze

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

Alessandra Braccialarghe Paola Coppari. Mereme Kupe. Il Giappone

Alessandra Braccialarghe Paola Coppari. Mereme Kupe. Il Giappone Alessandra Braccialarghe Paola Coppari Mereme Kupe Il Giappone Quando ci sono le settimane della moda ci si chiede spesso : Chi avrà mai il coraggio d indossare tali scarpe, portare tali vestiti, comprare

Dettagli

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo

CONGIUNTURA AREA PELLE 2015 I TRIMESTRE SINTESI. Servizio Economico. Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo CONGIUNTURA AREA PELLE Servizio Economico 2015 I TRIMESTRE Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo SINTESI MATERIA PRIMA PREZZI L andamento dei listini nel primo trimestre

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

L INDUSTRIA DELLA GIOIELLERIA AD HONG KONG NOTA DI MERCATO

L INDUSTRIA DELLA GIOIELLERIA AD HONG KONG NOTA DI MERCATO L INDUSTRIA DELLA GIOIELLERIA AD HONG KONG NOTA DI MERCATO ICE HONG KONG Marzo 2004 1 L INDUSTRIA DELLA GIOIELLERIA AD HONG KONG 1. Il mercato della gioielleria a Hong Kong Il settore della gioielleria

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

Area Studi Mediobanca Top Moda Italia e Aziende Moda Italia 2009-2013

Area Studi Mediobanca Top Moda Italia e Aziende Moda Italia 2009-2013 Area Studi Mediobanca Top Moda e Aziende Moda 2009-2013 Quadro del settore Il giro d affari mondiale della moda (beni di lusso per la persona) è stimato nel 2013 in circa 218 mld. di euro. 1 Il 2013 ha

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA

LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA ABSTRACT LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA Per poter comprendere a fondo cosa si intende per lusso e per moda e individuare punti di forza e di debolezza di queste realtà durante la recente crisi

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia.

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia. Meno matrimoni In Italia ha sempre ricoperto un ruolo decisivo nel sistema di protezione sociale la rete di welfare familiare. Anche nell ambito della famiglia registriamo dinamiche demografiche, sociali

Dettagli

QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO

QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO CHECK-IN RAPPORTO EXPORT ONLINE SU SACE.IT/RAPPORTOEXPORT QUANDO L EXPORT DIVENTA NECESSARIO 12 SACEMAG ANDARE OLTRE I BRIC E PUNTARE SUI NEXT GENERATION MARKET PER LE MIGLIORI OPPORTUNITÀ GEOGRAFICO-SETTORIALI,

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Hong Kong e Cina: Un Paese, due Sistemi Stefano De Paoli, Presidente, Sviluppo Cina

Hong Kong e Cina: Un Paese, due Sistemi Stefano De Paoli, Presidente, Sviluppo Cina www.confapiexport.org Hong Kong e Cina: Un Paese, due Sistemi Stefano De Paoli, Presidente, Sviluppo Cina E-mail: info@umbriaproduce.com Un Paese due Sistemi: Hong Kong Tradizionale Modello di Consumo

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO

LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO http://www.sinedi.com ARTICOLO 19 GENNAIO 2008 LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO Anche per il 2007 Altagamma, l associazione che riunisce le aziende del lusso, in collaborazione con Bain & Company,

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2014.

Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2014. Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2014. Ricavi netti 1 a 175,8 milioni di Euro, in crescita dell 11,6% (a cambi correnti

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015.

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015. Milano, 13 maggio TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre

Dettagli

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design

Le collezioni si caratterizzano per una spiccata vocazione alla sperimentazione e alla ricerca. Sono ricche di dettagli che combinano un design IL BRAND Il marchio GAZZARRINI nasce nel 1993 dall iniziativa e dall esperienza trentennale nel mondo della moda. Fin dall inizio, si distingue subito per un approccio innovativo al prodotto, tanto da

Dettagli

Tempi incerti per l industria orologiera svizzera

Tempi incerti per l industria orologiera svizzera Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Dario Esposito Barabino & Partners Tel: +39 02 72023535 Mob: +39 380 7360733 Email: d.esposito@barabino.it

Dettagli

CASO INDITEX - ZARA. Fatturato 12.527 11.084 13% Utile Netto 1.732 1.314 32% Numero di Negozi 5.044 4.607 437. Numero di Paesi 77 74 3

CASO INDITEX - ZARA. Fatturato 12.527 11.084 13% Utile Netto 1.732 1.314 32% Numero di Negozi 5.044 4.607 437. Numero di Paesi 77 74 3 Barbara Francioni CASO INDITEX - ZARA Inditex, uno dei più grandi gruppi di distribuzione di moda a livello internazionale, conta più di 5.000 punti vendita in 78 Paesi Il primo negozio Zara aprì nel 1975

Dettagli

Rimettere le scarpe ai sogni

Rimettere le scarpe ai sogni www.pwc.com Rimettere le scarpe ai sogni 25 ottobre 2013 Erika Andreetta Retail & Consumer Goods Consulting Leader PwC Agenda Il contesto economico Gli scenari evolutivi del mondo Consumer & Retail: Global

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia

ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia Nel 2012 sono stati prodotti in Asia 1 oltre 42,65 milioni di autoveicoli, con un

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

IL MERCATO DELLA GIOIELLERIA NEGLI EMIRATI ARABI UNITI

IL MERCATO DELLA GIOIELLERIA NEGLI EMIRATI ARABI UNITI Ufficio ICE di Dubai IL MERCATO DELLA GIOIELLERIA NEGLI EMIRATI ARABI UNITI Situazione generale. La domanda di gioielli risente dei gusti differenti dei numerosi espatriati provenienti da Asia, Africa

Dettagli

LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015

LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015 LA MODA FEMMINILE ITALIANA NEL 2014-2015 Nota a cura di SMI SISTEMA MODA ITALIA Il commercio con l estero nei primi dieci mesi del 2014 Secondo i dati ISTAT ad oggi disponibili, relativi al periodo gennaio-ottobre

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO SULLA CRISI ECONOMICA IN PROVINCIA DI BERGAMO a cura dell I.R.S. (Istituto per la Ricerca Sociale) di Milano per conto della Camera di Commercio I.A.A. e della Provincia di Bergamo (estratto

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO

LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO Centro Produttività Veneto Gruppo di studio Settore Orafo LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO Stefania Trenti Servizio Studi e Ricerche Vicenza, 13 novembre 2013 Agenda

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014. Parte 2 Mercati Esteri

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014. Parte 2 Mercati Esteri an event by RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014 ALIMENTAZIONE E CURA DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA Parte 2 Mercati Esteri Con la collaborazione di IL CONTESTO INTERNAZIONALE Panoramica europea del petcare Pag.

Dettagli

Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2015

Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2015 Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2015 Ricavi netti 1 a 200,3 milioni di Euro, +13,9% a cambi correnti rispetto al 30

Dettagli

TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel 2014 sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre.

TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel 2014 sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre. Sant Elpidio a Mare, 22 gennaio 2015 TOD S S.p.A. i ricavi del Gruppo nel sono pari a 965,6 milioni di Euro, allineati all anno precedente; +4,5% nel quarto trimestre. Approvati dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

OSSERVATORIO ECONOMICO

OSSERVATORIO ECONOMICO Nell ultimo trimestre del 2013 gli indicatori di produzione (-5,8%), fatturato (-5,1%), ordinativi (-7,3%) e export (-0,4%) si riportano a valori sostanzialmente simili a quelli del secondo trimestre,

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Ripresa sostenuta dei consumi cosmetici nel 2010 nonostante le tensioni sulle propensioni d acquisto di larghe fasce di consumatori.

Dettagli

La presenza del capitale straniero nelle grandi aziende del lusso: opportunità o rischi?

La presenza del capitale straniero nelle grandi aziende del lusso: opportunità o rischi? La presenza del capitale straniero nelle grandi aziende del lusso: opportunità o rischi? Intervento di Carlo Pambianco Giovedì, 9 ottobre 2014 Salone Bondioli - Via Milazzo 16, Bologna I NUOVI SCENARI

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Consumeeting 2013. Consumatori, Imprese e Istituzioni: idee a confronto

Consumeeting 2013. Consumatori, Imprese e Istituzioni: idee a confronto Consumeeting 2013. Consumatori, Imprese e Istituzioni: idee a confronto Abstract dei risultati 1 Contesto: percezioni sulla situazione economica La crisi economica continua ad essere fonte di costanti

Dettagli

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO GERMANIA IL MERCATO TURISTICO Superficie: 357.021 kmq Popolazione: 83.251. Densità: 230 ab/kmq Lingua: Tedesco Religione: Protestanti, Cattolici Capitale: Berlino Forma istituzionale: Repubblica Federale

Dettagli

FEM, Gruppo di lavoro Macchine

FEM, Gruppo di lavoro Macchine FEM, Gruppo di lavoro Macchine Il settore delle macchine industriali, o dei Beni strumentali, si compone di 10 comparti organizzati nella Federazione nazionale delle Associazioni dei produttori di Beni

Dettagli

Opportunità di crescita internazionale per la Pellicceria Italiana

Opportunità di crescita internazionale per la Pellicceria Italiana Opportunità di crescita internazionale per la Pellicceria Italiana Il mercato della Pellicceria Italiana ha raggiunto un plateau nell ultimo periodo dovuto principalmente ad un consumo interno stabile

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DI BUSINESS NEL SETTORE DELL ABBIGLIAMENTO INDIANO

LE OPPORTUNITÀ DI BUSINESS NEL SETTORE DELL ABBIGLIAMENTO INDIANO LE OPPORTUNITÀ DI BUSINESS NEL SETTORE DELL ABBIGLIAMENTO INDIANO 1 Introduzione La nuova legge sugli Investimenti Diretti Esteri nel multi-brand retail apre nuovi scenari e nuove opportunità all interno

Dettagli

Report n 1 «Il processo strategico d internazionalizzazione delle imprese»

Report n 1 «Il processo strategico d internazionalizzazione delle imprese» Un caso di studio nel settore dell abbigliamento: l intervento di Orga 1925 a supporto dell impresa nella proiezione verso i mercati esteri. A cura di Ezio Nicola e Silvano Magnabosco 1 Introduzione L

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015 30 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 24 e il 28 gennaio 2015 con metodologia

Dettagli

GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2013

GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2013 24 a cura del Gruppo GfK Italia GLI ACQUISTI DI OROLOGI DA POLSO IN ITALIA NEL 2013 La consueta indagine annuale sugli acquisti di orologi da polso in Italia, è stata realizzata da GfK Italia, su incarico

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA EUROPEAN OUTLOOK 2014 Motori accesi, manca lo "start" SETTEMBRE 2013 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

USA SCHEDA DI MERCATO CALZATURE Maggio 2016 Agenzia ICE New York

USA SCHEDA DI MERCATO CALZATURE Maggio 2016 Agenzia ICE New York USA SCHEDA DI MERCATO CALZATURE Maggio 2016 Agenzia ICE New York CALZATURE Andamento Mercato Il mercato americano ha rappresentato nella storia un grande sbocco per il made in Italy, e rimane sempre una

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

GLOBAL LIFESTYLE MONITOR 2014. VIII edizione April, 2014

GLOBAL LIFESTYLE MONITOR 2014. VIII edizione April, 2014 GLOBAL LIFESTYLE MONITOR 2014 VIII edizione April, 2014 1 PROSPETTIVA ECONOMICA E SPESA DEL CONSUMATORE PRESENTATION TITLE PAGE 2 PERCEZIONE DELLA PROPRIA SITUAZIONE ECONOMICA Totale Uomini Donne Under

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

Il Social media e I Top brands nel mercato del Fashion. Uno sguardo alle performance in ambito Social media dei migliori marchi della moda

Il Social media e I Top brands nel mercato del Fashion. Uno sguardo alle performance in ambito Social media dei migliori marchi della moda Il Social media e I Top brands nel mercato del Fashion Uno sguardo alle performance in ambito Social media dei migliori marchi della moda Lo studio L Italia e la moda vanno insieme come un cavallo e la

Dettagli

CONGIUNTURA AREA PELLE 2014 IV TRIMESTRE SINTESI SINTESI. Servizio Economico

CONGIUNTURA AREA PELLE 2014 IV TRIMESTRE SINTESI SINTESI. Servizio Economico CONGIUNTURA AREA PELLE Servizio Economico 2014 IV TRIMESTRE SINTESI Dati e commenti provengono da un campione e pertanto hanno un valore relativo SINTESI MATERIA PRIMA PREZZI Le quotazioni delle principali

Dettagli

Nota di mercato. L industria cosmetica italiana nella Repubblica di Corea. Report a cura di Ran Woo, ITCCK

Nota di mercato. L industria cosmetica italiana nella Repubblica di Corea. Report a cura di Ran Woo, ITCCK Nota di L industria cosmetica italiana nella Repubblica di Corea Report a cura di Ran Woo, ITCCK Indice: 1. Obiettivi 2. Attuale posizione di delle industrie cosmetiche italiane in Corea - Profumi - Cura

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi

vorrei anzitutto ringraziare la Camera di Commercio di Novara e l Università Amedeo Avogadro per avermi La responsabilità sociale delle imprese nel contesto del processo di internazionalizzazione e globalizzazione dei mercati Novara, 28 novembre 2005 Intervento Cari amici, vorrei anzitutto ringraziare la

Dettagli

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PERCHÉ ELABORARE UN MARKETING PLAN? Il marketing plan è un componente essenziale del vostro business. Quando si avvia una nuova azienda o si lanciano prodotti o servizi

Dettagli

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1 NAFTA: Con 17,4 milioni di autoveicoli, la produzione del 2014 rappresenta il terzo miglior risultato dell industria autoveicolistica dell area. Il Messico diventa il settimo maggior produttore del mondo,

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI

LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI Conegliano, 20 febbraio 2014 DENIS PANTINI Direttore Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa LE PROSPETTIVE DI MERCATO PER IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI I temi di approfondimento

Dettagli

Italy: Retail & Consumer Update

Italy: Retail & Consumer Update Cotton Council International Italy: Retail & Consumer Update COTTON USA Global Lifestyle Monitor 2014 VIII edizione Prospettiva economica e spesa del consumatore Percezione della propria situazione economica

Dettagli

Ma cos è un temporary shop?

Ma cos è un temporary shop? Ma cos è un temporary shop? Affermatosi come tendenza di successo nel 2003 in Gran Bretagna, i temporary shop (ovvero negozio temporaneo) sono negozi che vengono aperti per un periodo di tempo prestabilito

Dettagli

GLI ITALIANI E IL RISPARMIO

GLI ITALIANI E IL RISPARMIO COMUNICATO STAMPA Sondaggio realizzato per Acri da Abacus in occasione della 78ª Giornata Mondiale del Risparmio GLI ITALIANI E IL RISPARMIO Roma, 30 ottobre 2002. Gli Italiani sono sempre meno soddisfatti

Dettagli

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Torino, 25 gennaio 2011 AGENDA Macroeconomia Factoring Ruolo del factoring

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati PANORAMA DEL SETTORE In questi ultimi anni, possiamo parlare di più di un decennio ormai, in Europa è prevalsa la politica del libero mercato e della globalizzazione. Politica attuata, però, senza che

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

Intervento del Prof. Beniamino Quintieri

Intervento del Prof. Beniamino Quintieri XVI Assemblea Plenaria dell Italy-Japan Business Group Intervento del Prof. Beniamino Quintieri Le relazioni economiche e commerciali tra Italia e Giappone si collocano oggi in un quadro congiunturale

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Mo e Accessori Settembre 17 MODA E ACCESSORI Nel 2013 l Italia ha esportato in Russia mo e accessori per 935 milioni di Euro, in crescita del +2,7% rispetto al 2012,

Dettagli

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO L'evoluzione della domanda di turismo e le implicazioni per i modelli di offerta turistica

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3%

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Milano, 11 novembre 2015 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero

(in gestione transitoria - ex Legge 214 del 2011) Gli imballaggi nel commercio estero (in gestione transitoria - ex Legge 214 del ) Gli imballaggi nel commercio estero Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Gli italiani e la vista

Gli italiani e la vista Gli italiani e la vista La salute degli occhi al terzo posto dopo fitness e diete. La vista è un bene prezioso, inestimabile. Nella società dell immagine e della vetrinizzazione di cui parlano i sociologi,

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli