Corso Risk Management e Qualità, Dir. Sanitaria A.O. Macchi (VA). Dr. Dario Seghezzi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso Risk Management e Qualità, Dir. Sanitaria A.O. Macchi (VA). Dr. Dario Seghezzi"

Transcript

1

2 Joint Commission on Accreditation of Healthcare Organizations (JCAHO) nasce nel 1951 con lo scopo di migliorare la qualità dell'assistenza sanitaria. Ad oggi JCAHO, agenzia indipendente non governativa non profit, accredita negli USA più di organizzazioni sanitarie. A partire dalla fine degli anni'90 viene istituita una divisione internazionale di JCAHO, Joint Commission International(JCI): L'accreditamento, secondo questa logica, è un processo volontario attraverso il quale un ente terzo, non governativo, riconosce e afferma che un'organizzazione sanitaria rispetta specifici standard che richiedono un continuo miglioramento nelle strutture, nei processi e nei risultati

3 Cosa è JCI Divisione not-for-profit di JCAHO che è Organizzazione indipendente Not-for-profit Non governativa L ente accreditante strutture sanitarie più grande al mondo (circa organizzazioni accreditate) Cosa fa JCI Mission é quella di migliorare la qualità dell assistenza sanitaria in ambito internazionale, fornendo servizi connessi con il processo di accreditamento Eroga servizi di consulenza a WHO, Ministero della Sanità Francese, Portoghese, Tedesco, Inglese, Danese, Cinese Ha accreditato oltre 80 ospedali fuori dai propri confini nazionali, in Germania, Danimarca, Italia, Spagna Portogallo, Brasile, Argentina, Dubai, Arabia Saudita, Cina

4 Gli standard sono stati sviluppati e vengono periodicamente aggiornati da un panel di esperti, di diverse professionalità sanitarie e gestionali provenienti da varie aree geografiche e culturali in modo da assicurare l'adattabilità del modello di valutazione ai differenti sistemi organizzativi sanitari operanti nei vari Paesi. Ciò ne garantisce l'applicabilità in contesti con proprie caratteristiche culturali, sociali e religiose fermo restando il raggiungimento di un livello atteso uniforme di qualità che garantisca e assicuri aspettative elevate riferite alla cura ed alla sicurezza dei pazienti.

5 Azienda Ospedaliera S. Maria Degli Angeli Azienda Ospedaliero Universitaria "Santa Maria della Misericordia" di Udine Azienda Ospedaliero-Universitaria Ospedali Riuniti di Trieste Azienda per i Servizi Sanitari n.3 "Alto Friuli" - Tolmezzo-Gemona Hospital Azienda per i Servizi Sanitari n.6 "Friuli Occidentale" - San Vito Hospital Azienda per i Servizi Sanitari n.6 "Friuli Occidentale" -Spilimbergo Hospital CDI Centro Diagnostico Italiano S.p.a.

6 Ceinge Biotecnologie Avanzate scarl Napoli European Institute of Oncology- Istituto Europeo di Oncologia Giannina Gaslini Children's Hospital Genova Humanitas Gavazzeni Bergamo IRCCS Centro San Giovanni di Dio FATEBENEFRATELLI Brescia IRCCS Istituto Clinico Humanitas(Humanitas Mirasole S.p.a)

7 Istituto Clinico Mater Domini Castellanza Istituto Mediterraneo per i Trapianti e le Terapie ad Alta Specializzazione (ISMETT) Palermo Ospedale Pediatrico Bambino Gesu Roma Presidio Ospedale dei Bambini - Umberto I Brescia Presidio Ospedaliero Oglio-Po Vicomoscano

8 Ospedale Santa Chiara Trento Programma - Ospedale Primo accreditamento: 25 giugno 2005 Riaccreditamento: 12 giugno 2009 Riaccreditamento: 17 ottobre 2012 SDN - Istituto di Ricerca Diagnostica e Nucleare Napoli Programma - Laboratorio clinico Primo accreditamento: 10 aprile 2010 Accreditation Expired: 9 April 2013

9 1. Unicità del paziente 2. Collaborazione paziente - familiari - struttura sanitaria 3. Coordinamento di tutte le figure professionali 4. Qualificazione del personale, coscienza del proprio ruolo e delle proprie responsabilità 5. Formazione paziente e degli operatori 6. Passaggio di informazioni 7. Monitoraggio continuo Nel massimo rispetto della sicurezza dei pazienti, utenti e personale

10 migliorare continuamente la sicurezza e la qualità delle cure fornite alla popolazione attraverso l accreditamento delle strutture sanitarie ed i servizi di consulenza necessari al miglioramento delle prestazioni delle organizzazioni stesse.

11 Il Manuale di Accreditamento per gli Ospedali Il Manuale comprende 336 standard e viene rivisto e aggiornato con cadenza triennale(ultima edizione 2011). E' articolato in due sezioni: la prima focalizzata sulla cura del paziente, la seconda sulla buona gestione dell'organizzazione della struttura. Ciascuno standard rappresenta un comportamento atteso che deve essere adottato ed applicato dall'ospedale per poter garantire i livelli di eccellenza e sicurezza. L'atteso di ciascuno standard viene meglio esplicitato dall'intento che ne chiarisce contenuti e finalità; gli elementi misurabili elencano nel dettaglio quanto viene richiesto ai fini della piena conformità allo standard e costituiscono elemento di valutazione e misurazione al momento della verifica.

12 La Survey La verifica di accreditamento, "survey", è svolta da un team di esperti appartenenti a JCI, composto di norma almeno da un medico, un infermiere, un amministrativo. Ha durata di tre o più giorni secondo le dimensioni e la complessità dell'ospedale. Il team valuta la conformità dell'organizzazione agli standard attraverso : 1.interviste con il personale, pazienti e familiari 2.osservazione diretta dei processi assistenziali 3.consultazione di politiche e procedure assunte dall'azienda.

13 Trace Metodology La metodologia usata è quella del "tracer" che ripercorre il percorso del paziente dal momento dell'ingresso in ospedale alle dimissioni, in modo da individuare eventuali criticità in una o più fasi del processo assistenziale. Attraverso un sistema a punti assegnato ad ogni elemento misurabile degli standard, il Comitato JCI per l'accreditamento, sulla base delle proposte formulate dal team che ha condotto la valutazione in loco, stabilisce se l'ospedale può ricevere l'accreditamento che avrà durata triennale e non è rinnovabile automaticamente ma solo a seguito dell'esito positivo di una seconda survey.

14 IPSG International Patient Safety Goals (6) Sezione I: standard centrati sul paziente ACC. Accesso all'assistenza e continuità delle cure PFR. Diritti del paziente e dei familiari AOP. Valutazione del paziente COP. Cura del paziente ASC. Assistenza anestesiologica e chirurgica MMU. Gestione e utilizzo dei farmaci PFE. Educazione del paziente e dei familiari

15 Sezione II: standard centrati sull'organizzazione: QPS. Miglioramento della qualità e sicurezza del paziente PCI. Prevenzione e controllo delle infezioni GLD. Governo, leadership e direzione FMS. Gestione e sicurezza delle infrastrutture SQE. Qualifiche e formazione del personale MCI. Gestione della comunicazione e delle informazioni

16 Standard(PCI prevenzione e controllo delle infezioni) PCI.9 Il programma di controllo delle infezioni si fonda sulle attuali conoscenze scientifiche, sulle linee guida della prassi medica comunemente accettate, e sulle leggi e i regolamenti vigenti in materia. Standard PCI.10 I sistemi di gestione delle informazioni supportano il programma di controllo delle infezioni.

17 Intento di PCI.9 e PCI.10 Le informazioni sono essenziali per un programma di controllo delle infezioni. Le informazioni scientifiche attuali sono necessarie per venire a conoscenza di attività efficaci di sorveglianza e controllo e quindi implementarle; le linee guida della prassi medica forniscono le informazioni sulle pratiche preventive e sulle infezioni associate alle prestazioni cliniche; le leggi e i regolamenti vigenti in materia definiscono gli elementi del programma di base e i requisiti per la segnalazione. I sistemi di gestione delle informazioni supportano l individuazione di rischi, percentuali e tendenze delle infezioni nosocomiali. Le funzioni di gestione delle informazioni supportano l analisi e l interpretazione dei dati e la presentazione dei risultati. Inoltre, i dati e le informazioni del programma di controllo delle infezioni sono amministrati insieme ai dati e alle informazioni del programma di gestione e miglioramento della qualità.

18 Elementi Misurabili di PCI.9 Il programma di controllo delle infezioni si fonda sulle attuali conoscenze scientifiche. Il programma di controllo delle infezioni si fonda sulle linee guida della prassi medica comunemente accettate. Elemento Misurabile di PCI.10 I sistemi di gestione delle informazioni supportano il programma di controllo delle infezioni.

19 Sicurezza del paziente significa... Ridurre il rischio di errore Minimizzare il danno per il paziente

20 Rappresenta una strategia proattiva per ridurre il rischio di errore e riflette l adozione di buone pratiche basate sull evidenza e sul consenso degli esperti. Significa identificare quelle condizioni di rischio che possono impattare sulla sicurezza del paziente e sulla qualità delle cure. Vuol dire concentrarsi sulla riprogettazione dei processi e sulle soluzioni sistemiche

21 666 casi di interventi chirurgici nella sede errata, su errato pz, con errata procedura 545 eventi correlati a ritardo nel trattamento 504 complicanze operatorie/post-operatorie 470 corpi estranei ritenuti 469 suicidio di pazienti ricoverati 366 cadute dei pazienti 291 eventi correlati a errori di terapia 188 aggressioni/stupri/omicidi 167 danno/morte perinatale 137 eventi correlati a malfunzionamento di apparecchiature 121 eventi correlati alle infezioni 95 danno a pazienti sottoposti a contenzione 78 eventi correlati alle trasfusioni 61 eventi conseguenti la fuga 71 eventi correlati all anestesia 68 incendi 296 altro

22 IPSG.1 Identificare Correttamente il Paziente IPSG.2 Migliorare l Efficacia della Comunicazione IPSG.3 Migliorare la Sicurezza dei Farmaci ad Alto Rischio IPSG.4 Garantire l Intervento Chirurgico in Paziente Corretto, con Procedura Corretta, in Parte del Corpo Corretta IPSG.5 Ridurre il Rischio di Infezioni Associate all Assistenza Sanitaria IPSG.6 Ridurre il Rischio di Danno Conseguente a Caduta Accidentale

23 Il paziente è identificato tramite l utilizzo di due (2) identificativi, ad esclusione del numero di reparto, stanza o letto del paziente: prima della somministrazione di farmaci, sangue ed emoderivati prima del prelievo di sangue e di altri campioni biologici per analisi cliniche prima dell esecuzione di terapie e procedure Politiche e procedure supportano l uniformità della pratica di identificazione del paziente in tutte le sedi e in tutte le situazioni.

24 La prescrizione telefonica o verbale e/o il risultato dell esame comunicato al telefono o verbalmente vengono scritti dalla persona che riceve le informazioni La persona che riceve le informazioni rilegge per intero la prescrizione e/o il risultato dell esame La prescrizione e/o il risultato dell esame vengono confermati (READBACK) Politiche e procedure supportano l uniformità della pratica di verifica dell accuratezza di tutte le comunicazioni verbali e telefoniche

25 Sono elaborate procedure per indirizzare l identificazione, la conservazione e l etichettatura dei farmaci ad alto rischio Gli elettroliti concentrati non sono presenti nelle unità operative se non in quelle dove la loro presenza è clinicamente necessaria Gli elettroliti concentrati che sono stoccati nelle unità operative sono etichettati in modo chiaro e conservati in modo tale da limitarne l accesso

26 E supportato dall evidenza? Clinicamente necessario? L elettrolita concentrato è necessario subito? Se utilizzato per una diluizione, potrebbe essere sostituito con una soluzione prediluita pronta all uso?

27 La politica deve prevedere una definizione di chirurgia che comprenda quantomeno quelle procedure invasive eseguite a scopo diagnostico e/o terapeutico e finalizzate a indagare e/o a trattare malattie e disturbi dell organismo umano a mezzo di incisione, asportazione, alterazione o introduzione di strumenti endoscopici. La politica si applica in tutte le unità operative e in tutti i reparti dove si eseguono tali procedure invasive.

28 Richiede un segno immediatamente riconoscibile per l identificazione del sito chirurgico e il coinvolgimento attivo del paziente Prevede una checklist o altro processo per documentare le verifiche preoperatorie Il time out coinvolge l intero team chirurgico ed è documentato appena prima dell inizio della procedura. Protocolli e Procedure supportano processi uniformi a garanzia dell esecuzione dell intervento chirurgico in paziente corretto, con procedura corretta, in parte del corpo corretta, ivi comprese le procedure invasive cliniche e odontoiatriche eseguite fuori dalla sala operatoria.

29 L organizzazione ha adottato o adattato le linee guida correnti sull igiene delle mani comunemente accettate e pubblicate in letteratura. L organizzazione ha messo in atto un programma efficace di igiene delle mani. Sono necessari dati per mostrare l efficacia e guidare il miglioramento!!

30 Richiede un processo per la valutazione iniziale del rischio di caduta del paziente e per la rivalutazione del paziente in caso di modifica, per es., delle condizioni di salute o della terapia farmacologica Sono implementate misure atte a ridurre il rischio di caduta per quei pazienti individuati a rischio

31 I risultati delle misure previste sono monitorate, sia in termini di un effettiva riduzione delle cadute sia in termini di eventuali conseguenze inattese e indesiderate delle stesse misure Politiche e/o procedure supportano la riduzione continua del rischio di danno conseguente a caduta accidentale all interno dell organizzazione.

32 Ingresso Trattamento Educazione Dimissione Follow up A. Accesso e continuità della cura (ACC) B. Diritti del paziente e della famiglia (PFR) C. Valutazione iniziale dei pazienti (AOP) D. Cura dei pazienti (COP) E. Educazione dei pazienti e della famiglia (PFE)

33 Accesso e Continuità dell Assistenza (ACC) n. 23 Un azienda ospedaliera deve considerare le prestazioni da essa erogate come parte di un sistema integrato di servizi, professionisti sanitari e livelli di assistenza che, tutti insieme, creano un continuum di assistenza sanitaria. Bisogni sanitari del paziente Obiettivo Servizi disponibili Miglioramento esiti cure Risultato Utilizzo efficiente risorse

34 Diritti del Paziente e dei Familiari (PFR) n. 30 Ognipazienteèunico,conisuoibisogni,puntidiforza,valoriecredenze. L azienda sanitaria si adopera al fine di instaurare un rapporto di fiducia e di comunicazione con il paziente, e al fine di comprendere e tutelare i valori spirituali, psico-sociali e culturali di ciascuno. Definire diritti Educare Pazienti Personale

35 Valutazione del Paziente (AOP) - n. 44 Cura del Paziente (COP) - n. 21 La valutazione del paziente è appropriata se è condotta in considerazione del suo stato, dell età, dei fabbisogni sanitari e delle sue richieste o preferenze. Questi processi sono condotti con maggiore efficacia quando i vari professionisti sanitari, responsabili della salute del paziente, lavorano con spirito collaborativo. Per fornire le cure più adeguate in un ambiente che offra assistenza e risposta ai bisogni unici di ogni singolo paziente, è necessario un alto livello di pianificazione e coordinamento.

36 Assistenza Anestesiologica e Chirurgica (ASC) - n. 14 Gestione e utilizzo dei Farmaci (MU) - n. 21 Le prestazioni di anestesia, sedazione e chirurgia richiedono una valutazione completa ed esaustiva del paziente, la pianificazione integrata di cure ed assistenza, il monitoraggio continuo e il trasferimento dalle rispettive aree sulla base di criteri prestabiliti La gestione dei farmaci è un attività coordinata e multidisciplinare svolta dal personale dell organizzazione sanitaria in merito a selezione, approvvigionamento, conservazione, prescrizione/richiesta, trascrizione, distribuzione, preparazione, dispensazione, somministrazione e monitoraggio delle terapie farmacologiche

37 Educazione del Paziente e dei Familiari (PFE) n. 7 Un educazione sanitaria efficace inizia con la valutazione dei bisogni di apprendimento del paziente e dei suoi familiari. Questa valutazione determina non solo cosa è necessario imparare, ma anche come impararlo. Il processo di apprendimento è infatti più efficace se si adatta alle preferenze individuali, ai valori religiosi e culturali, e alle capacità linguistiche e di comprensione soggettive. Cura Follow up Educazione sanitaria Dimissione Trasferimento

38 Standard orientati alla Gestione delle dinamiche Organizzative della Sanità A. Gestione della qualità e del suo miglioramento B. Amministrazione Governance, leadership e direzione C. Gestione e sicurezza delle strutture D. Formazione e gestione del personale E. Gestione delle informazioni F. Prevenzione e controllo delle infezioni Presupposto al raggiungimento di questi obiettivi è una Leadership Autorevole ed Efficace

39 Gestione e miglioramento della qualità e sicurezza del Paziente (QPS) - n. 23 ❶ Progettazione ottimale di nuovi processi clinici e manageriali; ❶ Monitoraggio del livello di funzionamento dei processi attraverso la raccolta di dati indicatori; ❶ Analisi dei dati; ❶ Implementazione e sostegno di quei cambiamenti che generano un miglioramento. ❷ Educare e coinvolgere più personale nelle attività di monitoraggio e di miglioramento; ❷ Stabilire priorità più specifiche riguardo cosa monitorare e cosa migliorare; ❷ Basare le decisioni su dati indicatori; ❷ Attivare miglioramenti sulla base del confronto con altre aziende, su scala nazionale e internazionale.

40 Prevenzione e Controllo delle Infezioni (PCI) n. 24 Obiettivo del programma di prevenzione e controllo delle infezioni di una organizzazione sanitaria consiste nell identificare e ridurre i rischi di acquisizione e trasmissione delle infezioni tra i pazienti, il personale ospedaliero, i professionisti sanitari, gli operatori a contratto, i volontari, gli studenti e i visitatori. Un programma efficace non può prescindere da: Identificazione dei leader Operatori ben addestrati Metodologie di identificazione e risoluzione proattiva dei rischi di infezione Politiche e procedure appropriate Formazione del personale e coordinamento trasversale

41 Governo Leadership e Direzione (GLD) n. 27 Ogni organizzazione deve identificare tutti i soggetti che ricoprono posizioni di leadership e coinvolgerli affinché garantiscano il ruolo che l organizzazione ospedaliera deve ricoprire nei confronti della comunità. Identificare la missione aziendale Garantire la disponibilità delle risorse I dirigenti devono lavorare bene insieme Comprensione delle varie responsabilità Formazione e coinvolgimento di tutto il personale

42 Gestione e Sicurezza delle Infrastrutture (FMS) - n. 27 Uno degli obiettivi per cui si adopera un azienda sanitaria consiste nell offrire ai propri pazienti, ai loro familiari, al personale e ai visitatori un infrastruttura sicura, funzionale e ricettiva. Sette aree Sicurezza Tutela Materiali pericolosi Emergenze e Maxi emergenze Dispositivi antincendio -Apparecchiature mediche Impianti e formazione del personale Legislazione Conoscenza Ottimizzazione

43 Qualifiche e Formazione del Personale (SQE) - n Il modo migliore per assumere, valutare e nominare il personale è per mezzo di un processo coordinato, al tempo stesso efficiente e uniforme. E altresì essenziale la documentazione delle capacità, conoscenze, studi e precedenti esperienze lavorative del candidato. In particolare, è molto importante esaminare attentamente le credenziali del personale medico e infermieristico poiché questi professionisti sanitari sono coinvolti nei processi di assistenza clinica, a diretto contatto con i pazienti. 2. Le aziende sanitarie devono essere dei luoghi nei quali è possibile imparare e progredire dal punto di vista sia personale che professionale. Di conseguenza, sono offerte al personale la formazione in servizio e altre opportunità di apprendimento.

44 Le responsabilità di ciascun membro del personale sono definite in una descrizione corrente delle mansioni I dirigenti dell azienda sanitaria sviluppano e implementano i processi per l assunzione, la valutazionee la nominadel personale, nonché ogni altra procedura indicata dall azienda L azienda usa un processo predefinito per garantire che le conoscenzee le capacità del personale siano coerenti con i bisogni dei pazienti

45 Il ruolo basilare della Job Description Strumento di orientamento chiaro, per il titolare della posizione, in merito alle attività da svolgere (nel dettaglio), alle conoscenze necessarie per lo svolgimento delle attività (tecniche, relazionali, organizzative), alle responsabilità specifiche, ai rischi Strumento guida per il/i valutatori Trasparenza del processo di valutazione (valutato e valutatore conoscono l oggetto della valutazione) con maggior garanzia di oggettività Strumento di pianificazione e gestione della mobilità interna (una chiara e dettagliata identificazione e descrizione del ruolo consente di individuare più facilmente le persone con le caratteristiche più adatte)

46 Gestione della comunicazione e delle Informazioni (MOI) - n. 28 L erogazione di assistenza sanitaria è il risultato di uno sforzo complesso che dipende largamente dalla disponibilità di informazioni. identificazione dei fabbisogni informativi progettazione di un sistema di gestione delle informazioni definizione e acquisizione di dati e informazioni analisi dei dati e loro trasformazione in informazioni trasmissione e reporting di dati e informazioni integrazione e utilizzo delle informazioni

47 Joint Commission International- Accreditation One Lincoln Centre, Suite 1340 Oakbrook Terrace, Illinois USA Sede di Milano: Via Beatrice D Este Milano /

48 Il PSSR (Piano Socio-Sanitario Regionale) ha previsto, nel triennio (successivamente rinnovato), la messa a regime del sistema di valutazione delle strutture sanitarie lombarde, di cui il progetto Joint Commission è stato parte integrante. Raggiungimento dell attinenza agli standard, inserito tra gli obiettivi della Direzione Generale

49 Il sottoprogetto Valutazione Performance Qualitative prevedeva l applicazione di 58 standard 22 entro il 2004, 23 nel 2005, 12 nel 2006 (con il nuovo progetto siamo arrivati a 110 standard) Ogni standard è composto da un numero variabile di elementi misurabili

50 I passaggi del sottoprogetto Valutazione Performance Qualitative 1. autovalutazione preliminare 2. autocertificazione rispondenza ai requisiti (compilazione trimestrale data-base elettronico ed invio in Regione) 3. verifica da parte della commissione di valutatori (consulenza) (valutazione)

51 Standard per Ospedali Sono stati selezionati 58 standard suddivisi nei tre anni di progetto. Per facilitare l implementazione si sono selezionati: standard principalmente strutturali e di processo standard conformi a leggi o regolamenti italiani standard conformi all attuale prassi medica standard conformi all'attuale disponibilità di risorse umane o altra tipologia di risorse.

52

53

54

55 Si rilevano processi di miglioramento della qualità in atto Emerge la necessità di promuovere all interno delle aziende sistemi qualità orientati a monitorare e sostenere la qualità stessa

56 Aree di intervento: Valutazione periodiche delle performance Tenere sotto tensione i comportamenti di qualità Promuovere misurazioni più sistematiche Allargare la valutazione anche ai comportamenti clinici Garantire la continuità assistenziale

57 Valutare la qualità Premiare la qualità Incoraggiare tutti nella ricerca di modalità più sicure Confrontarsi, promuovere interscambio Supportare i professionisti Standardizzare i processi Promuovere l effettiva comunicazione Pianificare corsi di formazione per il miglioramento Incoraggiare e supportare il coinvolgimento del paziente

58 La metodologia dell autovalutazione sugli standard con la misurazione di precisi indicatori è complementare. Solo l integrazione fra progetti anche apparentemente afferenti ad aree diverse consente lo sviluppo e la crescita del sistema, in termini di miglioramento della qualità La misurazione è un punto debole; la misurazione è da promuovere in modo più diffuso. I processi di miglioramento della qualità devono essere documentati e diffusi per divenire un effettivo punto di riferimento per il cambiamento

59 ESEMIPO : DOCUMENTAZIONE SANITARIA : Maggior integrazionetra documentazione infermieristica, medica e di altri professionisti; Perfezionamento della documentazione infermieristica con maggior coerenza tra valutazione dei bisogni, azioni e monitoraggio; maggior praticità!!! Definizione di una politica per la documentazione ambulatoriale (in termini anche di contenuti di informazioni) ; Incompleta applicazione da parte del personale di regolamenti (procedure) già definiti e scritti, (ad esempio: privacynella custodia in reparto della documentazione clinica compresa la documentazione sui carrelli terapia, date e identificazione dell autore delle singole osservazioni cliniche o atti, consenso informato, lettere di dimissione, esame obiettivo,.) ; Mancano ancora molte informative per l ottenimento dei Consensi Informati e talvolta, anche quando ci sono, non sono firmate.

60

61 OBIETTIVO PAT 16//2003 Con il Programma di Attività del 2003 l Assessorato alle Politiche per la Salute della Provincia Autonoma di Trento - PAT ha assegnato l obiettivo specifico Accreditamento istituzionale finalizzato ad: Avviare un progetto di miglioramento della qualità basato sui criteri di accreditamento professionale proposti per gli ospedali da un ente di accreditamento riconosciuto a livello internazionale che consenta di: valorizzare gli aspetti professionali dell assistenza sanitaria mettere a confronto una struttura ospedaliera trentina con un programma di accreditamento già consolidato acquisire elementi utili allo sviluppo del programma provinciale di accreditamento istituzionale

62 GOVERNANCE INTEGRATA 1. il piano aziendale di sviluppo strategico 2. il modello EFQM per l eccellenza 3. il sistema di gestione per la qualità 4. i programmi annuali di attività (budget) 5. la formazione continua 6. Health Technology Assessment 7. appropriatezza e priorità Cliniche 8. la gestione per la sicurezza 9. la partecipazione 10. l Accreditamento Joint Commission International

63

64 Leadership Strumento per il governo dell ospedale Integrazione Trasversalità nell approccio ( tracer metodology ) Coinvolgimento dei professionisti Struttura per la qualità e sicurezza del paziente Prevenzione e controllo infezioni Condivisione

65 CONDIVISIONE? Concordare su, avere la stessa opinione Risultato che si ottiene attraverso la partecipazione ed un processo di elaborazione, con il quale un gruppo di soggetti arriva a stabilire obiettivi, programmi, valori, visioni, che sono stabiliti concordemente sulla base di molteplici incontri/riunioni, e sui bisogni/aspettative riconosciuti come comuni, nel rispetto della diversità.

66 Preparazione Analisi documentale e definizione regole Diffusione Verifiche comportamenti in essere Assessment Mock survey Survey Mantenimento

67 1. Gruppo coordinamento 2. Gruppi lavoro 3. Valutazione prassi e regole esistenti 4. Identificazione criticità 5. Stesura documenti 6. Cambiamento comportamenti 7. Diffusione/formazione

68

69 CATEGORIA EVENTO AVVERSO sicurezza lavoratori (dispositivi, infrastrutture, atti di violenza su operatore) danno correlato a prestazione clinico assistenziale % SU TOT 19% 14% atti di violenza tra degenti 11% malfunzionamento dispositivi e sicurezza infrastrutturale 11% avulsioni, smarrimenti protesi 10% errori terapia 9% errata identificazione correlata a procedure trasfusionali errori terapia correlata a farmaci LASA SALA o elettroliti 8% 4% errata procedura 3% near miss correlato a procedure di emergenza 2% errata identificazione connessa a procedura invasiva 2% strumento lasciato in sito 2% errata marcatura sito ch 1% varie 5%

70

Accreditamento volontario: l esperienza americana della JOINT COMMISSION INTERNATIONAL

Accreditamento volontario: l esperienza americana della JOINT COMMISSION INTERNATIONAL Accreditamento volontario: l esperienza americana della JOINT COMMISSION INTERNATIONAL In un precedente articolo ho affrontato l importanza del tema della certificazione ISO 9001 per una struttura sanitaria

Dettagli

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI

QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI QUALITÀ E SICUREZZA PER I NOSTRI PAZIENTI L ACCREDITAMENTO INTERNAZIONALE ALL ECCELLENZA Fondazione Poliambulanza ha ricevuto nel dicembre 2013 l accreditamento internazionale all eccellenza da parte di

Dettagli

EMERGENCY DEPARTMENT 2012/2013. Convenzione tra Regione Siciliana e Joint Commission International GLI STANDARD JCI ADOTTATI PER I PS SICILIANI

EMERGENCY DEPARTMENT 2012/2013. Convenzione tra Regione Siciliana e Joint Commission International GLI STANDARD JCI ADOTTATI PER I PS SICILIANI EMERGENCY DEPARTMENT 2012/2013 Convenzione tra Regione Siciliana e Joint Commission International GLI STANDARD JCI ADOTTATI PER I PS SICILIANI INDICE Gli standard del progetto Emergency Department 2012/2013...

Dettagli

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO.

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. dott. Antonio Compostella Direttore ARSS del Veneto Verona, 15.12.2008 Contesto

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

PATIENT SAFETY 2012/2013. Convenzione tra Regione Siciliana e Joint Commission International GLI STANDARD JCI ADOTTATI PER TUTTI GLI OSPEDALI

PATIENT SAFETY 2012/2013. Convenzione tra Regione Siciliana e Joint Commission International GLI STANDARD JCI ADOTTATI PER TUTTI GLI OSPEDALI PATIENT SAFETY 2012/2013 Convenzione tra Regione Siciliana e Joint Commission International GLI STANDARD JCI ADOTTATI PER TUTTI GLI OSPEDALI INDICE Gli standard del progetto Patient Safety 2012/2013...

Dettagli

L'esperienza e i risultati dell'istituto Europeo di Oncologia di Milano. Dott. Giorgio Magon

L'esperienza e i risultati dell'istituto Europeo di Oncologia di Milano. Dott. Giorgio Magon L'esperienza e i risultati dell'istituto Europeo di Oncologia di Milano Dott. Giorgio Magon 1856 Organizzazione scientifica del lavoro 2010 2014 La progettualità in I.E.O. Fase 2: Analisi Benchmarking

Dettagli

ELENCO DEGLI STANDARD ADOTTATI PER IL PROGETTO 2012-2013 E RELATIVE NOTE INTERPRETATIVE

ELENCO DEGLI STANDARD ADOTTATI PER IL PROGETTO 2012-2013 E RELATIVE NOTE INTERPRETATIVE PATIENT SAFETY Convenzione tra Regione Siciliana e Joint Commission International ELENCO DEGLI STANDARD ADOTTATI PER IL PROGETTO 2012-2013 E RELATIVE NOTE INTERPRETATIVE Indice 1. Sintesi del progetto...

Dettagli

Esperienza del network JCI

Esperienza del network JCI Esperienza del network JCI Dr. Massimiliano Raponi 19 novembre 2011 2 IL SECOLO XIX 1! 3 L Attività dell OPBG 4 Sedi 11 Dipartimenti 607 posti letto 30.344 Ricoveri Ordinari/anno 101.980 Accessi DH/anno

Dettagli

La valutazione delle aziende sanitarie in Regione Lombardia. Direzione Generale Sanità

La valutazione delle aziende sanitarie in Regione Lombardia. Direzione Generale Sanità 14 gennaio 2010 Direzione Generale Sanità La valutazione delle aziende sanitarie in Regione Lombardia Direzione Generale Sanità 1 Il problema 10% pazienti ospedalizzati incorre in un evento avverso (UK,

Dettagli

L utilizzo dei privileges in ostetricia e ginecologia

L utilizzo dei privileges in ostetricia e ginecologia L utilizzo dei privileges in ostetricia e ginecologia Giuseppe Ettore ARNAS Garibaldi Catania Dipartimento Materno Infantile 1 Definizione del governo clinico sistema attraverso il quale le organizzazioni

Dettagli

Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute

Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute Lista Eventi Sentinella - Ministero della Salute 1. Procedura in paziente sbagliato 2. Procedura chirurgica in parte del corpo sbagliata (lato, organo o parte) 3. Errata procedura 4. Strumento o altro

Dettagli

Standard per Ospedali e per la Sicurezza del paziente

Standard per Ospedali e per la Sicurezza del paziente per Ospedali e per la Sicurezza del paziente Progetto per il servizio triennale di valutazione delle aziende sanitarie accreditate e di trasferimento del know-how alle Aziende Sanitarie Locali Joint Commission

Dettagli

ELENCO DEGLI STANDARD ADOTTATI A PARTIRE DAL 2011 E RELATIVE NOTE INTERPRETATIVE

ELENCO DEGLI STANDARD ADOTTATI A PARTIRE DAL 2011 E RELATIVE NOTE INTERPRETATIVE PATIENT SAFETY Convenzione tra Regione Siciliana e Joint Commission International ELENCO DEGLI STANDARD ADOTTATI A PARTIRE DAL 2011 E RELATIVE NOTE INTERPRETATIVE 1 Indice 1. Sintesi del progetto... 3

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Direzione Generale Sanità

Direzione Generale Sanità SICUREZZA DEL PAZIENTE E ACCREDITAMENTO IN ITALIA IL PERCORSO DI REGIONE LOMBARDIA Enrico Burato AO Carlo Poma di Mantova Gruppo di lavoro regionale per la programmazione delle attività di risk management

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING

SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING PROCEDURA SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS GESTIONE RISCHIO CLINICO SEGNALAZIONE DEGLI EVENTI AVVERSI E/O NEAR MISS INCIDENT REPORTING REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0 GENNAIO

Dettagli

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera Le pagine seguenti riportano i Principi Europei della Farmacia Ospedaliera. Tali principi descrivono gli impegni comuni che ciascun sistema sanitario europeo

Dettagli

Il Percorso continua e si sviluppa. Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA. Necessità di risorse Coinvolgimento singoli

Il Percorso continua e si sviluppa. Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA. Necessità di risorse Coinvolgimento singoli POLITICA AZIENDALE SCELTE E PROSPETTIVE Il Percorso continua e si sviluppa Il POA definisce nuove competenze Applicazione POA Necessità di risorse Coinvolgimento singoli 2.2 Il controllo della Qualità

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Il Risk assessment nei sistemi sanitari

Il Risk assessment nei sistemi sanitari Il Risk assessment nei sistemi sanitari Aula Magna Università degli Studi di Milano 20 Novembre 2007 Piano Sanitario Nazionale 2006-2008 www.ministerosalute.it Cap. 4.4 La promozione del Governo clinico

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010

Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010 REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO PIEMONTE Ctr. Papardo tel.090-3991 Messina Rapporto sulle attività per la riduzione del rischio clinico anno 2010 La riduzione del rischio

Dettagli

Modalità di gestione della conservazione dei farmaci 18-19 novembre / 2 dicembre 2013

Modalità di gestione della conservazione dei farmaci 18-19 novembre / 2 dicembre 2013 Modulo Relazione audit M_PQ-8-01_03 ed. 3 rev. 00 1 giugno 2010 Modalità di gestione della conservazione dei farmaci 18-19 novembre / 2 dicembre 2013 U.O. per la Qualità e Rischio Clinico Via S. Sofia

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Ai sensi e per gli effetti degli art. 46 e 47 del Decreto del Presidente della Repubblica 445/2000 la sottoscritta Simona Carli dichiara quanto segue:

Ai sensi e per gli effetti degli art. 46 e 47 del Decreto del Presidente della Repubblica 445/2000 la sottoscritta Simona Carli dichiara quanto segue: C U R R I C U L U M V I T A E Ai sensi e per gli effetti degli art. 46 e 47 del Decreto del Presidente della Repubblica 445/2000 la sottoscritta Simona Carli dichiara quanto segue: INFORMAZIONI PERSONALI

Dettagli

Corso Qualità, Risk Management. Sistema qualità, rischio clinico e accreditamento Dott. Dario Seghezzi

Corso Qualità, Risk Management. Sistema qualità, rischio clinico e accreditamento Dott. Dario Seghezzi RISK MANAGEMENT IN OSPEDALE Corso Qualità, Risk Management. Sistema qualità, rischio 1 La gestione del rischio nel Sistema Sanitario Regionale 2 La gestione del rischio nel Sistema Sanitario Regionale

Dettagli

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management )

Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) Pagina 1 di 16 Gruppo di Coordinamento Gestione del Rischio ( Risk Management ) PROCEDURA REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE Data Funzione Nome Data Funzione Nome Data Funzione Nome 11/2/13 Responsabile Risk

Dettagli

GESTIONE RISORSE UMANE

GESTIONE RISORSE UMANE rev. 01 Data: 26-07-2007 pag. 1 7 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE.

I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO: OHSAS 18001 AV2/07/11 ARTEMIDE. 1 Nel panorama legislativo italiano la Salute e la Sicurezza sul Lavoro sono regolamentate da un gran numero di

Dettagli

Progetto Ministero della Salute SIFO

Progetto Ministero della Salute SIFO XXVIII Congresso Nazionale SIFO INNOVAZIONE E SALUTE PUBBLICA Efficacia a confronto con: Equità, Economia, Etica Progetto Ministero della Salute SIFO Favorire l implementazione della Raccomandazione Prevenzione

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI

CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI CORSO FORMATIVO RIVOLTO AI GIOVANI DIRIGENTI AVISINI CONOSCERE IL SISTEMA SANGUE PER CRESCERE NELLA NUOVA REALTA AVISINA TITOLO INTERVENTO «Cenni sulla normativa europea ed italiana in ambito trasfusionale:

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager

L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA. Antonio Silvestri Risk Manager L ESPERIENZA DELLE REGIONE LAZIO NELLA GESTIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Antonio Silvestri Risk Manager 1982 I RAPPORTO ISTISAN 1982 Indagine conoscitiva sulle infezioni ospedaliere negli

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

Standard generali della qualità dei servizi. Attività assistenziale

Standard generali della qualità dei servizi. Attività assistenziale Standard generali della qualità dei servizi Attività assistenziale Fattori di Qualità Elementi misurabili Specificità Indicatore Valore Atteso Fonte Adeguatezza della segnaletica /no Accessibilità fisica,

Dettagli

Il sistema di Incident reporting

Il sistema di Incident reporting Il sistema di Incident reporting L esperienza della Regione Emilia-Romagna Elementi di scenario Forte interesse della letteratura agli errori in Medicina Attenzione dei mass media agli episodi di malasanità

Dettagli

Carta di Qualità dell offerta formativa

Carta di Qualità dell offerta formativa Carta di Qualità dell offerta formativa Livello strategico Politica della Qualità della HOLLYWOON & FASHION SRL La HOLLYWOON & FASHION SRL definisce la propria politica della Qualità come segue: essere

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Check Up del Pronto Soccorso

Check Up del Pronto Soccorso Check Up del Pronto Soccorso INDICE 1. Premessa... 3 2. Obiettivo... 4 3. Metodologia di intervento... 5 3.1 I principali contenuti del Check Up... 6 3.2 Joint Commission International... 10 4. Output

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità

Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità Supporto al Risk Manager e al Responsabile Qualità Aggiornare la cassetta degli strumenti a disposizione, allineando competenze e metodi di lavoro alle best practice internazionali. Il Risk Manager e il

Dettagli

ADOZIONE DI UNA CARTELLA CLINICA INFORMATIZZATA PRESSO LA S.C. DI P.S

ADOZIONE DI UNA CARTELLA CLINICA INFORMATIZZATA PRESSO LA S.C. DI P.S A.S.L. TO 2 NORD ADOZIONE DI UNA CARTELLA CLINICA INFORMATIZZATA PRESSO LA S.C. DI P.S. AL FINE DI MIGLIORARE LA REGISTRAZIONE DEL PERCORSO CLINICO - ASSISTENZIALE DELLA PERSONA ASSISTITA GRUPPO DI PROGETTO

Dettagli

L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale

L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale L integrazione dell Operatore Socio Sanitario nel processo assistenziale Ruolo dell O.S.S nell ambito del piano assistenziale Vito Petrara Principi di riferimento per l assistenza I principi di riferimento

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001

L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001 IL GOVERNO CLINICO DEI PROCESSI ASSISTENZIALI: DALLA TEORIA ALLA PRATICA IPASVI Brescia, 08 ottobre 2011 L infermiere e la gestione della sicurezza all interno di un blocco operatorio certificato ISO 9001

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

I PRIVILEGI NEI PROCESSI DI VALUTAZIONE DEI PROFESSIONISTI

I PRIVILEGI NEI PROCESSI DI VALUTAZIONE DEI PROFESSIONISTI I PRIVILEGI NEI PROCESSI DI VALUTAZIONE DEI PROFESSIONISTI Luciano Flor Direttore Generale APSS Trento La Valutazione Professionale dei Medici Un contributo dalle aziende accreditate JCI Milano 19 novembre

Dettagli

L ESPERIENZA DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

L ESPERIENZA DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA L ESPERIENZA DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Antonina Ristagno Regione autonoma Friuli Venezia Giulia Udine, 11 giugno 2013 La conservazione: obiettivi Fin dal 2005, anno della prima stesura del Codice

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO e dei PROCESSI del SERVIZIO Rev. 1 Pag. 1 di 6 1 Mission e Vision Il presente documento ha lo scopo di definire la struttura organizzativa, funzioni e responsabilità del Servizio Infermieristico del Presidio

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità 1 Istituto Superiore di Sanità SISTEMA DI COMUNICAZIONI PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DOGE n. Disposizione Operativa Generale BOZZA PER COMMENTI Distribuzione finale: Responsabili delle

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI

DOCUMENTO DI SINTESI Modulo Relazione audit M_PQ-8-01_03 ed. 3 rev. 00 1 giugno 2010 DOCUMENTO DI SINTESI Modalità di gestione delle registrazioni delle manutenzioni preventive e correttive delle apparecchiature Gennaio 2013

Dettagli

Tariffari e politiche di rimborsi regionali

Tariffari e politiche di rimborsi regionali L attività di day surgery nella Regione Lombardia è praticata sin dagli anni 70 in diverse strutture ospedaliere della Regione; dove venivano trattate in day hospital alcune patologie ortopediche pediatriche

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA

La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA La gestione del Rischio Clinico in Valle d Aosta: consolidamento del metodo FMEA Vuillermin Giuliana Berti Pierluigi Ippolito Rita Azienda USL Regione Valle d Aosta Analisi del contesto L Azienda USL della

Dettagli

Il Risk Management in Ospedale. Dr. Marco Rapellino Direttore SC Qualità e Risk Management Ospedaliero ASO S.Giovanni Battista,Torino

Il Risk Management in Ospedale. Dr. Marco Rapellino Direttore SC Qualità e Risk Management Ospedaliero ASO S.Giovanni Battista,Torino Il Risk Management in Ospedale Dr. Marco Rapellino Direttore SC Qualità e Risk Management Ospedaliero ASO S.Giovanni Battista,Torino LA GESTIONE DEL RISCHIO: IL CONTESTO 2 Errare humanum est perseverare

Dettagli

Azienda ULSS n. 1 Belluno Ing. Alberto Vielmo

Azienda ULSS n. 1 Belluno Ing. Alberto Vielmo Azienda ULSS n. 1 Belluno Ing. Alberto Vielmo 1 2 3 4 5 6 7 8 Perché l accreditamento di eccellenza? Gli 8 concetti fondamentali dell eccellenza eccellenza orientamento ai risultati centralità dell utente

Dettagli

Gestione delle Risorse

Gestione delle Risorse SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Gestione delle Risorse Mauro Toniolo Quality, Health & Safety Manager Messa a disposizione delle risorse Norma UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP CHI È ASAP ASAP Società in house della Regione Lazio Finalità Formazione del personale

Dettagli

BANDO PER L ISCRIZIONE ALLA SUMMER SCHOOL PER LEADER CIVICI SULL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (HTA)

BANDO PER L ISCRIZIONE ALLA SUMMER SCHOOL PER LEADER CIVICI SULL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (HTA) BANDO PER L ISCRIZIONE ALLA SUMMER SCHOOL PER LEADER CIVICI SULL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (HTA) Premessa L Health Tecnology Assessment è la complessiva e sistematica valutazione multidisciplinare (descrizione,

Dettagli

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO 23 Congresso Nazionale Aniarti Jesolo, 03 05 novembre 2004 Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO (La risposta corretta è

Dettagli

PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8. Corretta identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della procedura chirurgica

PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8. Corretta identificazione dei pazienti, del sito chirurgico e della procedura chirurgica PROCEDURA REV. 0 Pag. 1 / 8 INDICE 1. Scopo 2. Campo applicazione 3. Modalità applicative e Responsabilità 4. Bibliografia e Webgrafia 6. Distribuzione ALLEGATO A rev. Data Redatto da Verificato da Approvato

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL)

Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL) Esperienza del laboratorio di approfondimento Regione Lombardia Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL) Marina Della Foglia Milano - giugno 2015 ILO-OSH 2001 Guidelines on

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 Accordo tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Regione del Veneto finalizzato alla collaborazione nel campo della raccolta, lavorazione e conservazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

La gestione dei gas medicinali e la formazione degli operatori

La gestione dei gas medicinali e la formazione degli operatori SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE La gestione dei gas medicinali e la formazione degli operatori 11 giugno 2007 Annamaria Nicchia - U.O.S.C. di

Dettagli

Daniela Sarti 07 13 15 MAGGIO 2008

Daniela Sarti 07 13 15 MAGGIO 2008 DIREZIONE SANITARIA E STAFF UNITÀ À OPERATIVA DI MEDICINA LEGALE UNIT PROGRAMMA GESTIONE DEL RISCHIO Incident Reporting e AUDIT (altre procedure di Gestione del Rischio) Daniela Sarti 07 13 15 MAGGIO 2008

Dettagli

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO

Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA MASTER DI I LIVELLO Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA GESIRAD MASTER DI I LIVELLO Scienze tecniche applicate alla gestione dei servizi informativi in diagnostica per immagini dott.ssa

Dettagli

CONCETTI E PROBLEMI DEL POINT OF CARE TESTING

CONCETTI E PROBLEMI DEL POINT OF CARE TESTING ACCREDITED FOR ORGANIZATION BY JOINT COMMISSION INTERNATIONAL CONCETTI E PROBLEMI DEL POINT OF CARE TESTING Maurizio Canaletti Comprendere e fissare bene i concetti fondamentali del Point of Care Testing

Dettagli