METODOLOGIA DEL LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METODOLOGIA DEL LAVORO"

Transcript

1 METODOLOGIA DEL LAVORO EiS s.r.l. - P. IVA Sede legale: Via Galileo Ferraris, TORINO Sedi operativa Torino: C.so Brescia, TO Sede operativa Milano: Via Giuseppe Candiani, MI

2 Sommario Introduzione...3 I Valori di Eis... 4 Il progetto in Eis... 5 La metodologia di progetto di Eis... 6 Le fasi del nostro progetto e i nostri strumenti...9 Essere AGILE...18 Pomodoro technique...19 Confronto tra modelli utilizzati in EiS...20 Waterfall...20 Spiral Scrum Extreme Programming (XP)...30 Logical Framework Approach (LFA)...34 Incremental model...38 Project Management Body of Knowledge (PMBOK)...40 Interative developement...43 L attenzione di Eis per la qualità e la crescita...46 Rational Unified Process (RUP)...48 Capability Maturity Model (CMM)...50 Conclusioni...54 Indice Figure...55 Bibliografia e e-book...57 Sitografia...58 Metodologia del lavoro Pag. 2

3 1. Introduzione La costante crescita della complessità dei progetti, le sempre più limitate risorse, lo scarso tempo ed il rapido sviluppo, in particolar modo in campo tecnologico, impongono la ricerca di strumenti e soluzioni innovative. Questo, al fine di gestire in modo efficace ed efficiente i progetti, garantendo un risultato ottimale che risponda alle richieste del Cliente. EiS opera in campo informatico, in particolare nel ramo di System integration, offrendo servizi quali consulenza, applicazioni web, web solution, progetti chiavi in mano fino alla progettazione grafica multimediale ed integrata. La dinamicità della nostra Azienda permette di rispondere rapidamente ai cambiamenti e all evoluzione del settore. La voce del Cliente è il punto di partenza per la realizzazione di prodotti di qualità ed alta performance. Per raggiungere tale obiettivo effettuiamo un analisi dettagliata delle richieste da parte dell utente finale, tenendo in considerazione il budget prefissato, le risorse disponibili ed il tempo a disposizione. La nostra Azienda, costantemente in crescita e coerentemente con i suoi ideali di innovazione e approccio al Cliente, si propone di creare un supporto in modo da soddisfare ogni genere di domanda cercando di ottenere il prodotto su misura richiesto. Con tale manuale vogliamo migliorare le nostre capacità progettuali traducendo i bisogni dei Clienti in obiettivi Aziendali. Il criterio adottato prevede una grande attenzione nello sviluppo di tutte le fasi, sia in quella precedente la contrattualizzazione che in quella post-avviamento. Motivo della stesura di tale manuale è quello di fornire al lettore una mappa descrittiva dei metodi più utilizzati da EiS per lo sviluppo e la gestione dei nostri progetti. Attraverso la lettura di questo manuale, egli potrà identificare la metodologia che ritiene più opportuna e più affine alle proprie esigenze. L analisi delle fasi del ciclo di vita del progetto, dall ideazione alla sua chiusura, permetteranno al lettore di focalizzarsi sui suoi obiettivi e sull allocazione ottimale delle risorse, garantendo un continuo miglioramento della performance ed una qualità elevata. Come il lettore potrà notare, nella nostra Azienda non esiste un unica metodologia di sviluppo progetto, ma molte e differenti. Questo garantisce ad EiS una buona flessibilità per soddisfare i diversi bisogni del Cliente, per ottenere una rapida risposta a possibili mutamenti di domanda e per mantenere una buona capacità di adattamento alle diverse situazioni che si possono incontrare. In questo modo riusciamo ad instaurare un rapporto trasparente, collaborativo e produttivo con il nostro Cliente, punto di partenza per un progetto di successo. Oltre che per il Cliente, questo manuale è uno strumento utile per la nostra stessa Azienda. Ci permette di definire in modo chiaro e preciso le politiche aziendali adottate, di applicarle coerentemente e avere un costante controllo sul progetto identificando errori e mal funzionamenti nel minor tempo possibile. Metodologia del lavoro Pag. 3

4 Tutte le metodologie trattate sono caratterizzate da quattro aspetti chiave. La flessibilità, fondamentale per adattarsi alle diverse richieste del nostro Cliente; la rapidità, conseguenza di una buona organizzazione; la scalabilità, e quindi l implementazione continua delle componenti del progetto. Infine la trasparenza, affinchè ogni fase sia definita in modo chiaro e preciso permettendo sia al Cliente che al team di sviluppo di comprendere direttamente l avanzamento dei processi. I valori di EiS La figura 1 mostra in modo schematico i sette principali valori della nostra Azienda. Con il termine integrità vogliamo garantire che i nostri obiettivi sono perseguiti con onestà, correttezza e responsabilità. Il team di lavoro, rispettando le regole, l etica professionale e gli accordi stipulati con il Cliente, pone la massima attenzione nel cercare di soddisfare le esigenze del Cliente. Alla base della nostra politica aziendale si pone la massima trasparenza ed eccellenza nella qualità. La lealtà verso i Clienti e la loro fidelizzazione sono il nucleo forte della relazione duratura che ci unisce. I valori di Eis Integrità Eccellenza Trasparenza Rispetto valore Responsabilità figura 1: I Valori di EiS Il secondo obiettivo che si prefigge EiS è quello di eccellere, di migliorarsi continuamente, guardando lontano, anticipando le sfide, coltivando la creatività e il dinamismo, focalizzandosi sull innovazione e valorizzando il talento. Essere Innovativi Sempre permette ai giovani di formarsi e di sviluppare il proprio talento, dando contemporaneamente un loro valore aggiunto all Azienda. Il nostro modo di comunicare con i colleghi in Azienda si basa sulla reciproca fiducia, sulla piena disponibilità, collaborazione e trasparenza verso l Azienda stessa e verso tutti i Partner con i quali quotidianamente lavoriamo. Poniamo la trasparenza alla base delle nostre azioni e della comunicazione per consentire a tutti i nostri interlocutori di compiere scelte autonome e consapevoli. La trasparenza permette di accrescere la fedeltà del nostro Cliente, ma anche di avere una corretta comunicazione tra il nostro team. EiS, grazie alla propria dinamicità e flessibilità, affianca la creatività dei colleghi più giovani all esperienza dei senior che possono trasmettere le migliori tecniche lavorative e il proprio know-how. Uno degli obiettivi che ci poniamo è quello di crescere diventando un Azienda capace di pensare in grande senza perdere di vista il proprio Cliente; rispettando le specificità richieste e instaurando un rapporto professionale e di reciproca fiducia. Metodologia del lavoro Pag. 4

5 Altro valore fondamentale è il merito. Valorizziamo i nostri dipendenti e collaboratori non solo per assicurare un miglior prodotto finale, ma anche per una loro realizzazione personale e professionale. Con la meritocrazia cerchiamo di ottimizzare l eccellenza a prescindere dalla provenienza del nostro personale. Attraverso la meritocrazia ci impegniamo a non disperdere i talenti. In questo modo la nostra Società sarà capace di realizzare il prodotto con una migliore performance. Il valore della persona guida il nostro modo di agire: l ascolto e il dialogo sono le leve di miglioramento continuo nelle relazioni con tutti i nostri Clienti e dipendenti. Incentiviamo lo spirito di appartenenza e il senso di responsabilità. In EiS responsabilizziamo i nostri lavoratori utilizzando in modo attento tutte le risorse; promuoviamo comportamenti improntati all ottimizzazione. Evitare lo spreco e l ostentazione, privilegiando le scelte rivolte alla sostenibilità nel tempo al fine di ottimizzare tutte le risorse disponibili, sono alla base della nostra politica aziendale. Il progetto in EiS Secondo la nostra ideologia, il progetto è gestito come un insieme di attività caratterizzato da obiettivi chiari, in un periodo temporale definito e con un budget stabilito con cognizione per ottenere un prodotto o servizio unico. Come mostra la Figura 2, il progetto sviluppato dalla nostra Azienda è contraddistinto da un preciso orientamento, da una durata, definita da inizio e fine, e dalla presenza di figure professionali, strumenti e risorse finanziare circoscritte. Per rispettare i vincoli di costo, tempo e qualità ci proponiamo di seguire determinate azioni di pianificazione e di monitoraggio, che diventano quindi funzioni chiave nella gestione del progetto. Progetto in EiS Obiettivo- risultato Tempo Risorse economiche - professionali Figura 2: Il progetto in EiS Secondo la nostra filosofia il progetto deve essere creato seguendo le richieste del Cliente, cercando quindi di soddisfare il maggior numero di requisiti definiti nella fase di analisi. Il prodotto finale è ottenuto attraverso un trade-off tra la performance, il tempo, e i costi. In EiS tendiamo a favorire un rapporto diretto con il Cliente in modo da riuscire a cogliere in pieno l obiettivo prestabilito, sia in termini di performance, Metodologia del lavoro Pag. 5

6 che in termini di qualità. La qualità è infatti un principio fondamentale, poiché efficienti ed efficaci caratteristiche del prodotto sono indice di continuo miglioramento, sviluppo e crescita della Società. La definizione di un piano di sviluppo preciso, ordinato e sostenibile è il punto di partenza per il successo della nostra Azienda. Il progetto sviluppato dal nostro team genera un prodotto capace di essere dove il suo Cliente lo vuole, quando lo vuole ed esattamente come lo vuole. La metodologia di progetto in EiS Lo sviluppo di una metodologia di progetto ci ha permesso di crescere sia in termini di servizi offerti che in termini di performance. Il metodo di progettazione e sviluppo software svolto nella nostra Azienda, è un mezzo con cui strutturare, pianificare e controllare il processo di un sistema informativo. Esso include la pre-definizione dei requisiti e dei prodotti che verranno creati e completati dal nostro team di progetto per sviluppare e mantenere un applicazione. La metodologia di progetto nella nostra Azienda cerca di creare, in modo trasparente, una chiara descrizione dei sistemi complessi e pone maggiore enfasi sulla descrizione e sulla struttura del processo. In generale tutte le metodologie adottate in EiS si concentrano sull individuazione dei problemi, sulla valutazione delle loro cause e sulla definizione di possibili e alternative soluzioni. Il software creato in EiS non è un prodotto manifatturiero nello stesso senso di un device meccanico, esso richiede un continuo controllo per riuscire sempre a soddisfare le richieste del Cliente. Proprio per questi motivi cerchiamo sempre di strutturare i nostri progetti seguendo le linee guida di tali metodologie. Poiché i progetti svolti possiedono caratteristiche differenti tra di loro è necessario ed opportuno effettuare un accurata selezione tra i metodi che compongono il framework scegliendo quello che risulta migliore. Questa selezione viene effettuata dal nostro team sulla base di considerazioni tecniche, di progetto e di richieste del Cliente. In generale è possibile definire un life cycle, composto da sei fasi, comune ad ogni metodologia di sviluppo software, come mostrato in Figura 3. Figura 3: La metodologia di progetto in EiS In accordo con i valori di EiS, la metodologia di progetto adottata cerca di rispondere celermente alle richieste del Cliente, cerca di sviluppare un efficiente flessibilità, pone grande enfasi sulla qualità e si con- Metodologia del lavoro Pag. 6

7 centra anche sulla sostenibilità e sulla standardizzazione. Per quanto riguarda quest ultimo punto si deve citare la normativa ISO che definisce le linee guida per lo sviluppo dei nostri processi, facilita la creazione della documentazione necessaria rendendola comprensibile, ma allo stesso tempo dettagliata. I benefici che si possono ottenere adottando tale normativa sono non solo destinati ad un miglioramento della performance della nostra Azienda, ma sono aspetti che favoriscono anche il nostro Cliente. Essi sono: Incrementare la qualità del prodotto software Fornire un vantaggio competitivo rispetto alle aziende che decidono di non adottare la normativa Assicurare al Cliente la qualità richiesta Definire le fasi, le regole e le responsabilità Permettere di misurare l efficienza del processo Dare una struttura precisa a un processo solitamente caotico La metodologia di progettazione software viene implementata in EiS poiché ha come obiettivo quello di assicurare un corretto coordinamento tra attori e azioni in ottica di guadagno ed efficienza. Tutte le nostre metodologie devono essere SMART, Figura 4, cioè : S: SPECIFI T: TEMPIFI M: MISURA BILI R: REALIS A: ATTUA BILI Figura 4: Caratteristiche delle nostre metodologie : SMART Le tecniche utilizzate nei progetti devono colpire un problema vero, devono riferirsi ad un risultato finale concreto e devono essere espresse in termini quantificabili e misurabili. Inoltre devono essere scelte coerentemente con le risorse disponibili, devono essere realistiche e concrete Metodologia del lavoro Pag. 7

8 e devono esprimere in modo chiaro la scadenza e la durata del progetto. In conclusione è possibile affermare che l intento di EiS attraverso l utilizzo di tali metodologie è quello di formalizzare cosa deve essere eseguito durante lo sviluppo di un progetto in modo da rendere la procedura ripetibile. Come già definito (Figura 3) si può schematizzare il ciclo del progetto in sei macro-fasi, come mostra la Figura 5: queste sono i punti chiave presenti in ogni modello che analizzeremo nei successivi capitoli. REQUIRE MENT MAINTEN ANCE DESIGN DEPLOY IMPLEME TESTING Figura 5: Le fasi del progetto in EiS Nel capitolo 3 il nostro Cliente potrà analizzare in modo dettagliato quelli che sono i modelli da noi utilizzati, e in particolare, oltre ai classici Waterfall e Spiral, in Azienda viene sempre più implementata la metodologia Agile con una particolare enfasi per le metodologie Scrum, Extreme programming, Logical framewok approach, Build and fix model, Incremental model, Project Management Body of knowledge, Iterative development or evolutionary model. Il Cliente potrà cosi trovare un framework che lo aiuterà a capire il processo seguito da EiS per il suo progetto, utilizzando un approccio strutturato e trasparente utile a raggiungere gli obiettivi da lui richiesti. Metodologia del lavoro Pag. 8

9 2. Le fasi del nostro progetto e i nostri strumenti Ogni progetto è caratterizzato da un proprio ciclo di vita che seguiamo passo-passo. E comunque possibile definire uno schema standard applicabile ad ogni piano di sviluppo, caratterizzato da 4 fasi principali come mostrato in Figura 6: Ideazione Pianificazione Realizzazione Chiusura Contemporaneamente alle quattro fasi al lettore verranno anche presentati gli strumenti principali adottati in ciascuno stadio. Il paragrafo 2.1 presenta una spiegazione in modo dettagliato della metodologia Agile. Ideazione: Pianificazione Realizzazione Chiusura Requisiti cliente Analisi Risorse Approvazione Analisi ex-post problema Comunicazione piano Valutazione Contesto Attività Testing Implementazio- Cliente/Sponsor Obiettivi - ne Report finale risultati attesi Promozione Obiettivi - Valutazione Gestione risultati attesi stakeholders progetto Report finale Monitoraggio Figura 6: Fasi del piano di sviluppo in EiS La fase di ideazione è caratterizzata dalla formulazione dell idea iniziale attraverso una stretta collaborazione con il nostro Cliente, della tipologia di attività da sviluppare e dei risultati attesi. In questa fase iniziale il team di progettazione di EiS definisce tre requisiti (obiettivo, tempo e costo) che delineano i confini entro cui si devono svolgere le attività. Coerentemente con gli ideali della nostra Azienda è molto importante definire chiaramente la finalità per non avere un dispendio superfluo di tempi e costi in futuro. Tale fase è scomponibile in ulteriori quattro sotto fasi. Il primo aspetto che viene analizzato dai nostri progettisti è l individuazione del problema (Figura 7), visto tipicamente come una situazione negativa. Proprio questa analisi permette al nostro team l identificazione delle cause del problema, ribaltando la si- Metodologia del lavoro Pag. 9

10 tuazione da negativa in situazione positiva e favorevole, che può generare opportunità di crescita per EiS. Gli esiti di quest analisi sono le basi di partenza e di sviluppo del progetto. In generale un problema è ben formulato se esprime una sola idea, se è oggettivo e dimostrabile e se è rappresentativo. Figura 7: ad albero dei problemi Successivamente il nostro team si focalizza sull analisi del contesto in cui viene rilevato il problema, non solo per poter identificare i possibili beneficiari ed i loro bisogni, ma anche per centrare l obiettivo del progetto, per ottenere una visione d insieme, per conoscere le organizzazioni presenti sul territorio e per verificare i vincoli e le opportunità offerte dell ambiente di riferimento. Tale analisi viene effettuata dal nostro gruppo di lavoro principalmente tramite l ascolto diretto delle richieste del Cliente. Terzo aspetto valutato dal nostro team è l identificazione degli obiettivi che devono essere analizzati approfonditamente in modo da raggiungere in tempi rapidi i cambiamenti auspicati. In questa fase c è la vera e propria trasformazione dei problemi in opportunità. Per meglio identificare gli obiettivi lo strumento utilizzato dal nostro team di progetto è il diagramma ad albero degli obiettivi mostrato in Figura 8. Metodologia del lavoro Pag. 10

11 Figura 8: Diagramma ad albero degli obiettivi Quarto punto è la valutazione degli stakeholder, categoria di persone che, direttamente o indirettamente, hanno un interesse o influiscono nel nostro progetto. Svolgiamo tale analisi al fine di individuare figure che possano giocare un ruolo determinante nella riuscita del progetto. Nei progetti della nostra Azienda gli stakeholder possono essere interni, come un Cliente interno o il nostro team di progetto oppure esterni all organizzazione come Clienti esterni o fornitori. Le più note tecniche utilizzate da EiS per l identificazione degli stakeholder sono il brainstorming (ossia la generazione creativa di idee), la check-list (in cui si utilizzano le liste dei progetti precedenti) e la simulazione (in cui viene ricostruito l ambiente del progetto per individuare gli stakeholder). Infine, già nella fase di idealizzazione, EiS si propone di indicare la durata del progetto, il suo costo ed il suo rendimento, anche se con un certo grado di incertezza. La fase di pianificazione è caratterizzata da una definizione più dettagliata delle attività stimate nella fase precedente tenendo in considerazione le risorse professionali, i mezzi, lo sviluppo temporale ed il budget necessario. Al termine di tale fase il gruppo di lavoro di EiS definisce il piano delle attività da realizzare, le risorse professionali necessarie, il piano temporale per lo svolgimento del progetto ed il piano economico-finanziario. Sulla base di tale analisi il Cliente potrà decidere se attivare o no l iniziativa. Lo strumento principale utilizzato dalla nostra Azienda per l analisi del piano delle attività è il Work Breakdown Structure (WBS, Figura 9) che permette di scomporre, in modo semplice e chiaro, il progetto in sotto-attività e valutare più facilmente le risorse necessarie, i costi e i tempi ad esse collegate. In accordo con la nostra metodologia di lavoro esso deve essere completo, avere una coerenza logica, una cura del dettaglio ed essere facilmente leggibile e comprensibile. Come si nota dalla Figura ad ognuna delle tre caratteristiche fondamentali di ogni progetto viene associato lo strumento che generalmente viene adottato dal gruppo EiS. Metodologia del lavoro Pag. 11

12 Figura 9: Work Breackdown Structure Il diagramma di Gantt, Figura 10, tipicamente utilizzato per la variabile tempo è caratterizzato da una linea orizzontale che esprime la relazione tra il tempo e i diversi step del progetto. Le barre che costituiscono il diagramma indicano la durata di quella determinata fase del sotto-progetto, mentre gli estremi definiscono la sua data di avvio e di conclusione. Tale durata non è quella effettiva, ma indica l intervallo di tempo in cui l attività dovrà essere realizzata. EiS utilizza questo metodo poiché possiede numerosi benefici, in quanto è di facile implementazione, di facile comprensione e mette in evidenza non solo le varie fasi attraverso segmenti temporali, ma permette di ottenere anche la visione dell intero progetto con il rispettivo tempo totale di esecuzione. Figura 10: Il diagramma di Gantt Metodologia del lavoro Pag. 12

13 L organigramma, Figura 11, è un diagramma gerarchico utilizzato dalla nostra Azienda per l identificazione dei ruoli e delle responsabilità del progetto. Un organigramma strutturato e ben definito sono indice di un Azienda che produce servizi di qualità e in continua crescita. La scelta delle differenti mansioni dipende dall effettiva competenza, conoscenza ed abilità componenti il team di EiS. Tale strumento permette di definire senza alcuna ambiguità i ruoli delle diverse persone e permettere un corretto coordinamento tra le attività che devono essere eseguite. L organigramma può essere affiancato dalla matrice delle responsabilità, ossia una tabella che definisce in modo più dettagliato la responsabilità ed i compiti di ciascuna persona prendente parte del progetto. Figura 11: Organigramma Per quanto riguarda l analisi delle risorse finanziarie e la definizione del budget preventivo è da specificare che non è possibile effettuare una loro stima precisa al 100%, ma ci proponiamo di ottenerla il più realistica possibile. L obiettivo del nostro team è quello di definire l insieme delle risorse finanziarie in entrata ed in uscita del progetto che stiamo realizzando. Nel budget devono essere stimati sia i costi diretti, ossia quei costi che verranno sostenuti qualora il progetto venga realizzato, sia i costi indiretti, quei costi comunque sostenuti anche se il progetto non si concretizza. Il budget comprende anche i costi fissi, cioè quei costi che rimangono invariati indipendentemente dalla portata dell attività, e i costi variabili, che invece variano a seconda della portata dell attività. Il budget deve rispettare il principio di prudenza ossia considerare sempre un margine di sicurezza, deve essere realistico, chiaro, efficiente e sostenibile economicamente. Il tipico processo di stime del budget, da noi seguito, viene rappresentato nella Figura 12: Metodologia del lavoro Pag. 13

14 Individuare risorse necessarie quantità Determinare costo unitario di ciascuna risorsa Calcolo valore economico di ogni voce di costo Calcolo costo complessivo dell attività Figura 12: Processo per la stima del budget in EiS La fase di realizzazione inizia quando il progetto viene approvato dai nostri Clienti e vengono assegnate le risorse per l esecuzione. Tale fase è caratterizzata da tre sotto fasi: 1. Gestone amministrativa-contabile e coordinamento del progetto 2. Comunicazione, promozione e disseminazione 3. Monitoraggio e valutazione Queste sotto-fasi richiedono un accurata pianificazione poiché utilizzano figure professionali qualificate, si svolgono solitamente contemporaneamente e richiedono l investimento di risorse finanziarie. La prima sotto-fase è caratterizzata dalla gestione del nostro team di progetto, ossia l insieme di persone che attraverso il proprio lavoro contribuiscono direttamente alla realizzazione dei risultati di progetto. Il team si costruisce con l avvio del progetto e si scioglie con la chiusura dello stesso. Fondamentali sono gli incontri di coordinamento costituiti dagli incontri di lavoro che coinvolgono tutti i lavoratori che prendono parte al progetto e dagli incontri di pilotaggio che coinvolgono tutti i rappresentanti dei partner, qualora presenti. Gli incontri possono essere effettuati o nella nostra sede o direttamente nella sede del nostro Cliente a seconda delle esigenze. Tali incontri devono convocare solo le persone coinvolte, devono essere caratterizzati da un ordine del giorno accordato con il nostro Cliente e devono coincidere con l inizio o la fine di una determinata fase; devono quindi essere conclusi con un verbale. La seconda sotto-fase è costituita da una serie di attività amministrative quali la definizione degli incarichi, la stipulazione dei contratti, la gestione del budget utilizzando le scritture contabili, ma anche la gestione ad esempio di contratti assicurativi. Per avere una precisa ed ordinata gestione in EiS viene realizzato un dossier dei documenti contabili sia in formato cartaceo che in formato elettronico. La gestione del progetto è un attività dinamica, capita sovente che per diversi motivi siano richieste delle modifiche al piano iniziale, se vengono determinati questi cambiamenti rilevanti il team di EiS effettua un analisi per validarli Metodologia del lavoro Pag. 14

15 come mostrato in Figura 13. Figura 13: Diagramma di flusso per analizzare i cambiamenti nel progetto in EiS La comunicazione all interno del progetto svolge una funzione estremamente fondamentale poiché è il principale sistema per scambiare le informazioni e di conseguenza per raggiungere gli obiettivi prestabiliti. Il tool che si utilizza nella nostra Azienda è definito come Piano di Comunicazione. Un buon Piano di Comunicazione è caratterizzato da un analisi dello scenario in cui si collocano le azioni di comunicazione, da una precisa individuazione e definizione degli obiettivi, dalla nomina di un responsabile del piano capace di coordinare e gestire le attività da svolgere, dalla definizione degli strumenti e dei mezzi necessari che devono essere scelti in funzione del target stabilito e dalle risorse disponibili. Il piano deve anche contenere una specifica riguardante il tempo ed il budget; il nostro gruppo di lavoro per verificare l efficacia della comunicazione effettua una sua misurazione, in questo modo riesce a valutare concretamente se le informazioni trasmesse sono percepite nel modo corretto. Un tipico strumento utilizzato dalla nostra Azienda nella valutazione della comunicazione è il questionario o l intervista che fornisce direttamente la risposta alla domanda: l informazione è stata trasmessa correttamente?. In con- Metodologia del lavoro Pag. 15

16 clusione, la comunicazione secondo la nostra ideologia deve essere caratterizzata dalle 5C : 1. CHIAREZZA: Le informazioni devono essere di facile comprensione 2. COINCISIONE: le informazioni devono centrare il punto in tempi brevi, senza ripetizioni 3. CONSIDERAZIONE: il messaggio deve essere considerato dal punto di vista dell interlocutore 4. CONCRETEZZA: le informazioni devono rispettare i tempi e i punti di consegna 5. COMPLETEZZA: le informazioni devono essere complete e non devono creare possibili situazioni di incomprensione La terza sotto-fase è definita dal monitoraggio e dalla valutazione del progetto, tali due aspetti sono correlati, ma non sono sostituibili poiché forniscono informazioni diverse. Infatti il monitoraggio viene eseguito dalla nostra Azienda tramite la raccolta dati ed informazioni del progetto durante l intera sua durata. La valutazione, invece, è il giudizio espresso basandosi sui dati raccolti nella fase di monitoraggio. Come mostra la Figura 14 è possibile eseguire un confronto tra monitoraggio e valutazione. MONITORAGGIO VALUTAZIONE Cos è? Raccolta dati ed informazioni per la comprensione dello stato del progetto Giudizio del progetto basato sulla raccolta dei dati e delle informazioni Perchè si fà? Per controllare il progetto, per tenere traccia dia quanto realizzato e per fornire materiale usato nella valutazione Per stabilire la performance, l efficacia, l efficienza e l impatto percepiti durante la realizzazione del progetto Quando si fà? Continuamente Ciclicamente ad intervalli stabiliti Caratteristiche Si tratta di un processo continuo Si tratta di un processo iterato Figura 14: Confronto tra monitoraggio e valutazione La fase di chiusura è una fase delicata del progetto poiché comporta l accettazione o il rifiuto del prodotto finale o servizio da parte del nostro Cliente. E per questo motivo che attuiamo un analisi ex-post caratterizzata da sei distinte attività: 1. Selezione dei partecipanti per l analisi ex post: il gruppo di EiS, che svolge l analisi, deve essere ristretto in modo da non rendere l operazione di valutazione complessa, ma deve comunque essere rappresen- Metodologia del lavoro Pag. 16

17 tativo. 2. Conduzione dell analisi: EiS si propone di svolgere l analisi in tempi brevi, coinvolgendo tutto il gruppo e tenendo in considerazione sia gli elementi di criticità che gli elementi di opportunità per una continua crescita. 3. Valutazione da parte del Cliente: viene eseguita da EiS per capire il livello effettivo di soddisfazione, la nostra Azienda utilizza tipicamente questionari o interviste. 4. Valutazione da parte dello sponsor: EiS tiene in considerazione anche gli sponsor per ottenere un feedback sui risultati raggiunti in termini di valore aggiunto; anche in questo caso la nostra Azienda utilizza questionari o interviste. 5. Preparazione del report finale: è il mezzo con cui EiS espone una breve panoramica di ciò che è stato realizzato e dei risultati ottenuti, deve essere redatto dal project management. 6. Preparazione di un documento di raccomandazioni ed implementazioni delle attività esistenti: in accordo con gli obiettivi di crescita della nostra Azienda in questi documenti vengono esposte le consegne future e i nostri limiti da superare. La fase di chiusura è ritenuta molto utile dalla nostra Azienda anche per la divulgazione di metodologie sviluppate che si sono rilevate molto efficaci. Queste nuove conoscenze possono quindi essere utili in progetti futuri diventando patrimonio di know-how della nostra organizzazione. Attraverso la chiusura, in cui vengono analizzati i risultati del lavoro svolto, il progetto può essere valorizzato sotto diversi punti di vista e può diventare una ricchezza e un mezzo utile per la crescita della nostra Società, come mostrato in Figura 15. PROGETTO Risultati sviluppo Sviluppo Modello Replicabilità e Non fruibili nel nuove com- nuove tec- nuovo a cui trasferibilità in ripetere gli tempo petenze nologie ispirarsi altri contensti errori Con la sua chiusura il progetto non è da considerarsi come concluso, poiché EiS si propone di offrire anche un servizio post-avviamento in modo da garantire un miglior soddisfacimento del suo Cliente. Un tipico servizio offerto è l assistenza tecnica via o diretta con l obiettivo di fornire un aiuto al Cliente in modo che il prodotto o servizio venga utilizzato al massimo delle sue prestazioni e potenzialità. L esperienza di EiS mostra che, attraverso una strutturata metodologia di sviluppo progetto, si può evitare l insuccesso del progetto. La crescente conoscenza dei EiS gli permette di definire i principali fattori di suc- Metodologia del lavoro Pag. 17

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Il target costing Che cosa è il target costing. In prima analisi. E un metodo di calcolo dei costi, utilizzato in fase di progettazione di nuovi prodotti,

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

LA GESTIONE DEI PROGETTI

LA GESTIONE DEI PROGETTI Mara Bergamaschi LA GESTIONE DEI PROGETTI Copyright SDA-Bocconi Nota didattica PA 2365 LA GESTIONE DEI PROGETTI Di Mara Bergamaschi SOMMARIO: La nozione di progetto; L importanza di un project management

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore METODI AGILI PER IL CONTROLLO DI GESTIONE 1 Fonte: Smaldore, L.G. (2014), Metodi «Agili» per il Controllo di Gestione, in Busco C., Giovannoni E. e Riccaboni A. (a cura di), Il controllo di gestione. Metodi,

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT DAL PROGETTO/DESIGN AL PROGETTO/PROJECT Dal Progetto / Design al Progetto / Project. Il Project Management come strumento per la competitività. Una panoramica su strumenti e tecniche per la gestione efficace

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo A Conoscenze di Contesto Syllabus da 1.1.1 a 1.10.

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo A Conoscenze di Contesto Syllabus da 1.1.1 a 1.10. ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo A Conoscenze di Contesto Syllabus da 1.1.1 a 1.10.1 1 Tema: Progetto 1.1.1 Conoscere la definizione di progetto e

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 15: P.M.: metodologie di progetto Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Modelli di conduzione

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Glossario Project Cycle Management

Glossario Project Cycle Management Glossario Project Cycle Management Albero degli obiettivi Diagramma, utilizzato nell ambito dell Approccio del Quadro Logico, che permette di rappresentare, in un quadro unitario, ciò che si potrebbe osservare

Dettagli

STRATEGIC Management Partners

STRATEGIC Management Partners STRATEGIC Management Partners Strategic Report Creare un vantaggio competitivo nella relazione IT e business Gianluca Quarto Sintesi 2 E un dato di fatto che i sistemi informatici rappresentano uno strumento

Dettagli

Domenico Clerici Luigi Petruzzelli La gestione quantitativa di progetti software

Domenico Clerici Luigi Petruzzelli La gestione quantitativa di progetti software Domenico Clerici Luigi Petruzzelli La gestione quantitativa di progetti software Edizioni Della Vigna Indice PREFAZIONE... XIII RICHIAMI DI PROJECT MANAGEMENT... 19 1.1 - Introduzione al project management...

Dettagli

Un team agile allo sprint. 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi

Un team agile allo sprint. 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi Un team agile allo sprint 28 Febbraio 2013 Emiliano Soldi una questione di leggerezza COMPLESSITÀ VARIABILITÀ SPRECHI SOVRA-ALLOCAZIONI COLLI DI BOTTIGLIA DEBITO BUSINESS/TECNICO RIDURRE TEMPI ATTESA RIDURRE

Dettagli

Il Lavoro per Progetti per il Servizio Civile

Il Lavoro per Progetti per il Servizio Civile Il Lavoro per Progetti per il Servizio Civile ovvero come qualche strumento tecnico può aiutare la gestione, ma solo se restiamo umani Traccia del contributo progetto e lavoro per progetti progetto e servizio

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

I fattori condizionanti il progetto. Tempo. Norme. Progetto. Tecnologie. Costi. P3 Poliedra Progetti in Partenariato

I fattori condizionanti il progetto. Tempo. Norme. Progetto. Tecnologie. Costi. P3 Poliedra Progetti in Partenariato I fattori condizionanti il progetto Tempo Norme Progetto Costi Tecnologie Alcune definizioni.. Programma Gruppo di progetti gestiti in modo coordinato per ottenere benefici non ottenibili in caso di gestione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT MUSEOLOGIA E CONSERVAZIONE DEI BENI MUSEALI ORGANIZZAZIONE E PROJECT BARBARA SORESINA Project Manager 16 DICEMBRE 2013 01.1 GESTIONE STRATEGICA PREMESSA PIANIFICAZIONE DI PROGRAMMI E PROGETTI scelta delle

Dettagli

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1 Scrum Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 1.0 Pag. 1 Scrum è uno dei processi agili (www.agilealliance.com) il termine è derivato dal Rugby, dove viene chiamato Scrum il pacchetto

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

[SOLUZIONI INNOVATIVE] La gestione dei processi di innovazione

[SOLUZIONI INNOVATIVE] La gestione dei processi di innovazione [SOLUZIONI INNOVATIVE] La gestione dei processi di innovazione [Umbria Innovazione ] [Programma I-Start] SOMMARIO SOMMARIO... 1 GESTIONE DEI PROCESSI DI INNOVAZIONE... 2 I PROCESSI DI INNOVAZIONE... 2

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM 1 Che cos è un progetto? Una serie complessa di attività in un intervallo temporale definito... finalizzate al raggiungimento di obiettivi

Dettagli

The Scrum Guide. La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco. Ottobre 2011. Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland

The Scrum Guide. La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco. Ottobre 2011. Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland The Scrum Guide La Guida Definitiva a Scrum: Le Regole del Gioco Ottobre 2011 Sviluppata e sostenuta da Ken Schwaber e Jeff Sutherland Indice Scopo della Guida Scrum... 3 Overview di Scrum... 3 Scrum Framework...

Dettagli

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA Roma, aprile 2015 Project Management (Prof. A. Rocchi) A cosa si riferisce Diverse sono le problematiche relative alla gestione dei progetti all interno di ogni

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Il mantenimento del ciclo di gestione della performance. Le attività di helpdesk

Il mantenimento del ciclo di gestione della performance. Le attività di helpdesk Il mantenimento del ciclo di gestione della performance Le attività di helpdesk Dicembre 2014 Introduzione e indice del documento Le attività di helpdesk sono state progettate con l obiettivo di supportare

Dettagli

Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi

Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi Quaderno N. 25 Ercole Colonese ercole@colonese.it Roma, 17 dicembre 2007 Argomenti trattati Valutazione del rischio

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

Ciclo di vita del progetto

Ciclo di vita del progetto IT Project Management Lezione 2 Ciclo di vita del progetto Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Ciclo di vita del progetto Il ciclo di vita del progetto definisce le fasi che collegano l inizio e la fine del

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ

1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ 1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ Il controllo di gestione: tecniche e finalità 1. Premessa 1.1. 1.1. PREMESSA I sistemi di programmazione e controllo iniziarono a svilupparsi nel diciannovesimo

Dettagli

martedì 11 dicembre 2007

martedì 11 dicembre 2007 martedì 11 dicembre 2007 Conversazione su: Programmi e progetti: Tecniche e strumenti di elaborazione, monitoraggio e valutazione Scienze delle Finanze Politiche, metodologie, strumenti e pratiche per

Dettagli

Quali passi per introdurre l Agile in azienda?

Quali passi per introdurre l Agile in azienda? Quali passi per introdurre l Agile in azienda? Garantire reattività e prontezza in uno scenario sempre più dinamico Quali passi per introdurre l Agile in azienda? White Paper Nell attuale contesto di mercato,

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

Il Project Management. Dott.ssa Alessia Sozio

Il Project Management. Dott.ssa Alessia Sozio Il Project Management Dott.ssa Alessia Sozio PROJECT Un insieme di persone e di altre risorse temporaneamente riunite per raggiungere uno specifico obbiettivo, di solito con un budget determinato ed entro

Dettagli

Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi

Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi Prato, 25 Settembre 2009 1 Programma 15:00 15:10 Benvenuto e apertura lavori 15:10 15:20 Presentazione del

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

LINEA GUIDA 20121 REV.4 del 23-07-2014 Pag 1 di 16 LINEA GUIDA 20121

LINEA GUIDA 20121 REV.4 del 23-07-2014 Pag 1 di 16 LINEA GUIDA 20121 Pag 1 di 16 LINEA GUIDA 20121 OBIETTIVI Obiettivo del presente documento è quello di fornire un istantanea su come la documentazione delle organizzazioni sia adeguata a sostenere i diversi step di valutazione

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al.

Processo parte III. Modello Code and fix. Modello a cascata. Modello a cascata (waterfall) Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello Code and fix Processo parte III Leggere Sez. 7.4 Ghezzi et al. Modello iniziale Iterazione di due passi scrittura del codice correzione degli errori Problemi: dopo una serie di cambiamenti, la

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

Competenze del Dirigente scolastico

Competenze del Dirigente scolastico Competenze del Dirigente scolastico Repertorio elaborato in ambito SI.VA.DI.S Repertorio delle competenze del dirigente scolastico Il repertorio descrittivo delle azioni professionali e delle competenze

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE TECNICHE DI FACILITAZIONE APPLICATE AI PROCESSI DI ADESIONE A CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE Giuseppe Dodaro 14 maggio 2013 A COSA

Dettagli

Lab4 per l innovazione della piccola e media Impresa

Lab4 per l innovazione della piccola e media Impresa Lab4 per l innovazione della piccola e media Impresa Indice 1. CHI SIAMO... 1 1.1 I servizi... 2 1.2 I Corsi... 2 2. CMV - LA MISSION, LA VISION... 3 2.1 I risultati del metodo CMV... 4 3. PING PONG Il

Dettagli

12. FONDAMENTI DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE

12. FONDAMENTI DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE 12. FONDAMENTI DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE PREMESSA La produzione del software non può essere affidata all improvvisazione: sapere scrivere algoritmi e programmi non garantisce di per se l avere un software

Dettagli

Il Project Management per i Managers

Il Project Management per i Managers Paolo Mazzoni 2012. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2012". Non sono ammesse

Dettagli

Il Piano di Marketing

Il Piano di Marketing Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso Strategico OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE IL CONTENUTO E LE FASI PER LA REDAZIONE DI UN PIANO DI MARKETING ACQUISIRE LE INFORMAZIONI

Dettagli

Pianificare il successo «programmando» la produzione: fasi e criticità

Pianificare il successo «programmando» la produzione: fasi e criticità Pianificare il successo «programmando» la produzione: fasi e criticità di Alberto Stancari Consulente Senior Mondaini Partners Srl - Dimensione Consulting Un processo di pianificazione della produzione

Dettagli

Operations Management GIA-L03

Operations Management GIA-L03 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Operations Management Operations Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE ottobre 2010 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo delle

Dettagli

CONSULTING. Trend, Strategy & Marketing in Tourism

CONSULTING. Trend, Strategy & Marketing in Tourism CONSULTING Trend, Strategy & Marketing in Tourism TSM Consulting vuole dare un contributo sostanziale al settore del turismo, migliorando la comprensione e la soddisfazione della domanda e aumentando la

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW)

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) 1. TESORERIA 1 a) Sviluppo della capacità di pianificare i flussi finanziari Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire un prospetto di programmazione

Dettagli

LINEE GUIDA per L AUTOVALUTAZIONE Dalla Teoria alla Pratica

LINEE GUIDA per L AUTOVALUTAZIONE Dalla Teoria alla Pratica LINEE GUIDA per L AUTOVALUTAZIONE Dalla Teoria alla Pratica A sostegno delle istituzioni scolastiche che vogliano intraprendere un percorso di autovalutazione attraverso l utilizzo del CAF 1 PARTE III..ALLA

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA

METODOLOGIE E STRUMENTI DI RACCOLTA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per il Coordinamento e lo Sviluppo della Ricerca Ufficio VII Programmi Operativi Comunitari Unità Organizzativa della Comunicazione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEGLI APICALI (Posizioni Organizzative) Manuale

LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEGLI APICALI (Posizioni Organizzative) Manuale LA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI DEGLI APICALI (Posizioni Organizzative) LA VALUTAZIONE CCNL 31.3.1999 Personale dei livelli ART. 9 - Conferimento e revoca degli incarichi per le posizioni organizzative

Dettagli

Codice Etico. Gennaio 2010

Codice Etico. Gennaio 2010 Codice Etico Gennaio 2010 ( SOMMARIO ) CAPO I IL VALORE DEL CODICE ETICO Pag. 2 CAPO II DESTINATARI E AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 2 CAPO III MISSIONE Pag. 3 CAPO IV STRUMENTI DI ATTUAZIONE DELLA MISSIONE

Dettagli

Approccio alla logica della finanza aziendale

Approccio alla logica della finanza aziendale Corso Formazione Approccio alla logica della finanza aziendale OBIETTIVI Capire il contenuto del bilancio per creare valore. A CHI SI RIVOLGE Tutti i manager. IMPARERETE A Capire il contenuto del bilancio

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO LE FILOSOFIE ADOTTABILI DALL IMPRESA IN RELAZIONE AI MERCATI Sommario: 1. La filosofia della produzione. - 2. La filosofia del prodotto. - 3. La filosofia della vendita. - 4. La filosofia

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

Performance management assesment per PMI

Performance management assesment per PMI PMI assesment Performance management assesment per PMI Il performance management assesment è un processo di valutazione della gestione aziendale integrato, che coniuga una analisi della strategia e della

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO RIGHT HUB Srl

CODICE DI COMPORTAMENTO RIGHT HUB Srl CODICE DI COMPORTAMENTO RIGHT HUB Srl Il Business è nulla senza l etica. Il Codice di Comportamento esprime gli impegni e le responsabilità, nella conduzione degli affari, assunti da Right Hub verso tutti

Dettagli

Proposta di miglioramento del ciclo di gestione della performance

Proposta di miglioramento del ciclo di gestione della performance (ai sensi Delibera CiVIT n. 112/2010, p. 3.7.3) Organismo Indipendente di Valutazione ASL Salerno Salerno 25 novembre 2011 2 1. Il ciclo di gestione della performance dell ASL di Salerno: una premessa

Dettagli

La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari

La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari Dall idea alla individuazione della proposta progettuale Germana Di Falco Expert Italia Parte prima L APPROCCIO STRATEGICO AI FINANZIAMENTI

Dettagli

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014 COMUNICARE LA SOSTENIBILITÀ STRUMENTI, STANDARD E MODELLI PER RENDICONTARE E VALORIZZARE L IMPEGNO DI UN ORGANIZZAZIONE IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ AMBIENTALE, SOCIALE ED ECONOMICA. GENOVA, 16 SETTEMBRE

Dettagli

Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis

Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis European Institute of Public Administration - Institut européen d administration publique Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis Francesca Pepe learning and development - consultancy

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

SOMMARIO SVILUPPO DEL MODELLO INTERPRETATIVO SUGLI AUTORI STUDIATI PARTE PRIMA PARTE SECONDA OBIETTIVI OBIETTIVI METODOLOGIA DI LAVORO

SOMMARIO SVILUPPO DEL MODELLO INTERPRETATIVO SUGLI AUTORI STUDIATI PARTE PRIMA PARTE SECONDA OBIETTIVI OBIETTIVI METODOLOGIA DI LAVORO 1 SOMMARIO 2 SVILUPPO DEL MODELLO INTERPRETATIVO SUGLI AUTORI STUDIATI OBIETTIVI PARTE PRIMA 3 OBIETTIVI 4 OBIETTIVI Analizzare la letteratura presente sulla Individuare dei filoni di pensiero in cui raggruppare

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 5 PIANIFICAZIONE DELLE FASI DI UN PROGETTO Andrea Chiarini 2 PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

Si sente spesso parlare di Performance per identificare

Si sente spesso parlare di Performance per identificare Il Performance Management a supporto del miglioramento organizzativo di Roberto Bugatti e Marco Tottoli 1 Si sente spesso parlare di Performance per identificare concetti simili ma di fatto diversi tra

Dettagli

CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT

CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via Vallombrosa, 47/a 00135 Roma CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via Vallombrosa, 47/a 00135 Roma 2 ISIPM

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli