Filiere di produzione e nuove strategie di marketing distributivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Filiere di produzione e nuove strategie di marketing distributivo"

Transcript

1 Filiere di produzione e nuove strategie di marketing distributivo S.V.I.T. Studimont s.r.l.

2 Indice 1. I Prodotti a marchio d origine... pag Impatto della PAC sulle produzioni tipiche...pag Aspetti legati alla commercializzazione dei prodotti tipici pag Le Dop e Igp siciliane... pag Gli oli extravergine di oliva... pag Analisi di filiera... pag Potenzialità e problemi... pag Elementi di debolezza...pag Proposte di miglioramento...pag Domanda... pag Offerta... pag Opportunità e minacce... pag Gli olii Dop siciliani...pag Il Pomodoro di Pachino... pag Analisi di filiera... pag Il Pistacchio di Bronte...pag Analisi di filiera... pag Il Ficodindia dell Etna... pag Analisi di filiera... pag Il Cappero di Pantelleria... pag. 114

3 4.5.1.Analisi di filiera... pag L Uva Italia di Canicattì...pag Analisi di filiera... pag Creazione di mercati locali nel contesto del marketing territoriale... pag Bibliografia...pag. 156 Allegato 1...pag. 152 Allegato 2...pag

4 1. I Prodotti a marchio d origine Sino a qualche tempo fa il consumatore non conosceva molti dei marchi agroalimentari che adesso sono diventati la carta d identità del made in Italy di qualità. In totale sono 155 le denominazioni di origine protetta (Dop) e le indicazioni di origine geografica (Igp) italiane, aggiornate a Marzo 2006 a cui si aggiunge una Specialità Tipica Garantita (Stg). Figura 1 Marchi comunitari: Denominazione di origine protetta (Dop), Indicazione geografica protetta (Igp), Specialità tradizionale garantita (Stg). La denominazione di origine protetta (Dop) designa un prodotto agricolo o alimentare, le cui qualità o le cui caratteristiche sono dovute essenzialmente o esclusivamente all'ambiente geografico comprensivo dei fattori naturali e umani e la cui produzione, trasformazione ed elaborazione avvengano nell'area geografica delimitata. In sostanza, la Dop si applica a produzioni il cui intero ciclo produttivo, dalla produzione della materia prima all'ottenimento del prodotto finito, viene svolto all'interno di un'area geografica ben delimitata, e quindi, date le condizioni produttive attuali, non è riproducibile al di fuori di quest'area. Le Dop italiane sono in tutto 106 composte per metà (53) da prodotti zootecnici (formaggi e carni trasformate e non) e metà da prodotti ortofrutticoli, olii, aceti, spezie e prodotti di panetteria. 3

5 L Indicazione Geografica Protetta (Igp) è la qualifica che serve a designare un prodotto agricolo o alimentare di cui una determinata qualità, la reputazione o un'altra caratteristica, possa essere attribuita all'origine geografica e la cui produzione e/o trasformazione e/o elaborazione avvengano nell'area geografica determinata. A differenza della Dop, la Igp non richiede necessariamente la produzione in loco della materia prima, purché questa consenta di ottenere un prodotto corrispondente ai requisiti imposti dal disciplinare di produzione. Le Igp italiane sono in tutto 49 composte in maggioranza da prodotti ortofrutticoli (37), i prodotti zootecnici sono in netta minoranza (9) tra cui solo carni trasformate e non, mentre le Igp Siciliane, sono 5 di cui solo prodotti ortofrutticoli. Il marchio Specialità Tradizionale Garantita (Stg) è il riconoscimento europeo del carattere di specificità di un prodotto agro-alimentare, inteso come elemento o insieme di elementi che, per le loro caratteristiche qualitative e di tradizionalità, distinguono nettamente un prodotto da altri simili. Ci si riferisce, quindi, a prodotti ottenuti secondo un metodo di produzione tradizionale, tipico di una particolare zona geografica, al fine di tutelarne la specificità. Ad oggi come Stg è stato registrato il formaggio a pasta filata Mozzarella. Le denominazioni della Regione Sicilia sono in totale 15, per la maggioranza Dop equivalenti al 10% del patrimonio italiano dei prodotti a denominazione. Come è noto, dall introduzione del Reg. CEE 14/07/1992 n. 2081/92 relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni d origine dei prodotti agricoli e agroalimentari, sono in continua evoluzione il numero di prodotti con 4

6 istruttoria in corso per l ottenimento della certificazione a marchio UE. Riguardo ai prodotti siciliani, i primi prodotti ad ottenere il marchio UE, sono state le Arance Rosse Igp, e i formaggi Pecorino Siciliano DOP e il Ragusano Dop nel giugno/luglio 1996, mentre l ultimo prodotto è stato l olio Valdemone Dop nel Febbraio Con il termine "prodotti agroalimentari tradizionali" si intendono quelle produzioni le cui metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura risultino consolidate nel tempo, omogenee per tutto il territorio interessato, secondo regole tradizionali, per un periodo non inferiore ai venticinque anni. Il termine più generico di prodotto tipico non è altrettanto ben precisato ma richiama per analogia la precedente definizione ed in sintesi è quel prodotto che si avvale di metodologie di coltivazione e/o di lavorazione e conservazione di tipo tradizionale legate ad uno specifico territorio. (www.agrifoodweb.it) Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha emanato un D.M. del 14/6/2002, in accordo con le Regioni, pubblicando la seconda revisione dell'elenco nazionale dei prodotti agroalimentari definiti tradizionali delle Regioni e delle Province autonome di Trento e Bolzano, in cui vengono riconosciuti 3558 prodotti tradizionali suddivisi per regione e tipologia. Alla Regione Sicilia vengono riconosciuti 239 prodotti tradizionali e per la sola tipologia Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati sono compresi ben 67 prodotti. Analizzando il significato del termine tipico e tipicità, parlando di prodotto agroalimentare, è utile ricordare che è implicito nel termine 5

7 stesso il riferimento al luogo di origine. Semanticamente "t y p o s " indica l'impressione visibile di un simbolo su un oggetto, ottenuta percuotendo o premendo. Si tratta dunque di un marchio, di un conio originale, ed in conseguenza ciò che è tipico è originalmente ed originariamente marchiato. Il "tipo" che determina la "tipicità" è unico, mentre le qualità sono molte, definite in base a valutazioni spazio-temporali, estetiche, tecnico-scientifiche, ponderali, cromatiche, culturali e via di seguito. Tipicità e qualità non sono infatti coincidenti. La seconda è un attributo della prima, non viceversa. Una produzione vegetale può essere qualitativamente determinata dal colore, dal profumo, dalle caratteristiche varietali, di ibridazione, organolettiche, dalla perfezione maggiore o minore di risultato definitivo ma non è necessariamente tipico, anzi non lo è nella misura in cui non rappresenta un prodotto esclusivo di una determinata microzona. La tipicità invece è un fatto puramente territoriale, quindi per analogia è possibile affermare che tipico è il territorio innanzitutto, l'ambiente geografico e culturale che dà origine a prodotti che ne sono diretta emanazione e quindi unici, irriproducibili altrove, indelebilmente caratterizzati (Polloni G, 2003). Tipico è dunque il prodotto in grado di trasferire sul mercato, insieme al valore d'uso, anche i valori simbolici, culturali e storici del luogo di produzione. Col termine di prodotto locale si fa riferimento invece ad un prodotto realizzato da aziende (generalmente di dimensioni piccole o al più medie) con sedi e impianti produttivi concentrati nella stessa area di coloro che lo acquistano e consumano. In realtà, la storia dei 6

8 prodotti agroalimentari italiani di qualità, trae le proprie origini da questi ultimi prodotti locali di cui non era stabilita una tecnica di coltivazione, lavorazione e trasformazione ben definita e si rilevava quindi una elevata forma di diversificazione anche all interno dello stesso prodotto. Con l evolversi delle tecniche di produzione, trasformazione, condizionamento e l ampliamento del mercati nasce l esigenza di dare specificità alle caratteristiche del prodotto, evidenziare il legame col territorio di origine, differenziarlo più possibile da prodotti simili e nel contempo, garantire la sicurezza alimentare del prodotto e la sicurezza igienico sanitaria nel processo di lavorazione. Questi sono i punti di forza e gli obiettivi primari che regolano i marchi di qualità dei prodotti agroalimentari e quindi anche quelli siciliani. Si può quindi affermare che l elemento sostanziale riguardante l uso dei marchi di qualità è dato dall identificazione di un determinato prodotto come differente da prodotti di ugual tipologia a cui il consumatore può attribuire come caratteristica essenziale una qualità garantita. Tuttavia per procedere a tale identificazione il consumatore deve essere in grado di riconoscere con facilità tale prodotto di qualità; va quindi a proposito fatto presente che l ampissimo elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali non è di facile approccio per il consumatore, piuttosto si è cercato di rendere più definito il lato dell offerta e su questa linea va indirizzato il mercato dei prodotti tipici siciliani. Tuttavia la produzione agroalimentare italiana di qualità, legata al territorio, anche se è l elemento essenziale di conquista dei mercati, 7

9 non è garanzia di successo. Anche la Politica Agricola Comunitaria ha voluto sostenere le imprese nella loro produzione orientata al mercato, modificando le forme e le modalità degli aiuti, convertendoli in pagamenti unici aziendali (Reg CEE n.1782/03). La UE ha quindi voluto, eliminando o riducendo gli interventi sui prezzi dei prodotti agroalimentari e introducendo un aiuto diretto al reddito agricolo, andare verso una forma di liberalizzazione di prezzi per affrontare una condizione di mercato aperta alla concorrenza globale. Data la complessità, sia logistica che normativa, dei mercati agroalimentari nasce l esigenza di potenziare un sistema produttivo che si presenta frammentato o comunque lontano dai grandi centri di scambio commerciale europei, situazione in cui si trova la Regione Sicilia. A questo proposito è utile ricordare un iniziativa legata al potenziamento del sistema produttivo olivicolo della provincia di Palermo e di Agrigento che ha portato ad un recente accordo (Ottobre 2005) di filiera tra olivicoltori e 8 imprese di trasformazione, impegnati nella produzione dell olio Dop Val di Mazara. 2. Impatto della PAC sulle produzioni tipiche Da un analisi generale riguardo l elevato numero dei prodotti nazionali certificati e i loro rank produttivi relativi al proprio settore, si nota innanzitutto come esistano dei prodotti a denominazione che sono leader nel proprio settore che hanno ottenuto tale denominazione negli anni immediatamente successivi all applicazione dei rispettivi regolamenti CEE del In contrapposizione a questi prodotti di riferimento, esiste una lunga 8

10 serie (la maggioranza) di denominazioni di origine conferite a prodotti che hanno simili caratteristiche produttive ma differenti e distanti volumi produttivi rispetto ai primi citati. Sempre a differenza dei primi, questi prodotti minori hanno ottenuto tale denominazione in fasi successive, alcuni tuttora ancora in fase di approvazione, determinando l aumento anno per anno della lista delle denominazioni, senza un corrispettivo aumento delle produzioni o un significativo cambiamento di mercato (es. aumento della domanda). Da questa differente capacità produttiva deriva una differente penetrazione e diffusione nel mercato sia nazionale che, soprattutto, internazionale. Differenti sono anche gli interessi legati alla filiera produttiva di prodotti a denominazione d origine da un lato quelli largamente diffusi sul mercato a dall altro quelli non ancora presenti nei mercati al di fuori dei luoghi d origine. Nel primo caso l interesse maggiore sarà la protezione legale del marchio e prodotto famoso, nel secondo caso sarà di primaria importanza la maggiore visibilità sui mercati per espandere la domanda e quindi la produzione. Per questi ultimi, abbastanza evidenti saranno le difficoltà nella scelta di quale strategia di marketing adottare: uso di un marchio (collettivo o privato), scelta sul posizionamento di mercato del prodotto, elementi distintivi rispetto a prodotti competitivi e scelta dei canali comunicativi per informare il consumatore sulle caratteristiche peculiari del prodotto. In virtù di differenti caratteristiche, per i diversi prodotti a denominazione si possono delineare varie strategie, alla luce degli scenari che si attueranno con i futuri cambiamenti delle politiche pubbliche nonché accordi in sede WTO. 9

11 A tal fine è utile fare riferimento ad uno studio riguardante dinamiche e processi causali sui cambiamenti in atto risultanti dalle politiche agroalimentari commissionato dalla UE: Dolphins Project 2004 (Development of Origin Labelled Products: Humanity, Innovation and Sustainability) sul periodo Lo studio si basa su possibili scenari futuri delle politiche Agricole comunitarie determinanti il settore dei prodotti a denominazione di origine. Nel primo scenario si analizza il caso in cui si affermino maggiormente i principi contenuti nella riforma di medio termine delle politiche agricole comunitarie (PAC), nel secondo si propone l ipotesi contraria sostenuta dal solo principio del libero mercato in forma dominante, nel terzo si propone l ipotesi promossa nella conferenza di Cork (Irlanda), incentrata sullo sviluppo rurale e nell ultima si offre un ipotesi in cui sia preposto il regionalismo. Attualmente, nel contesto dei prodotti a denominazione d origine, la recente revisione della PAC ha come obiettivo generale il supporto delle scelte decisionali dell impresa agricola sempre più orientata al mercato e alla domanda dei consumatori ottimizzando i costi. La filiera agroalimentare punterà maggiormente all efficienza produttiva e soprattutto a monte verranno potenziati i processi integrati di filiera, mentre a valle, nella distribuzione gli effetti diretti della PAC saranno meno visibili. Si stima che queste modifiche riguarderanno specialmente il settore lattiero-caseario e il settore carni bovine, settori in cui maggiormente si ristrutturerà la produzione di base, acquisendo sempre più importanza strategica i consorzi o associazioni di produttori. Questo scenario, conforme al modello attuale dei 10

12 pagamenti diretti aziendali (disaccoppiamento), incoraggia ancor di più la creazione di nuovi prodotti a denominazione di origine, così come già si evince dal crescente numero di nuove denominazioni approvate annualmente dalla UE, ma questi difficilmente riusciranno a beneficiare del vantaggio competitivo derivato dal marchio dell UE a loro accordato in ugual misura ai prodotti che hanno ottenuto la denominazione d origine un decennio prima. Difficile comunque analizzare il rischio che una grande espansione d uso del marchio UE faccia perdere risalto al marchio stesso o viceversa aiuti il riconoscimento dei prodotti minori risultante da un aumento di domanda. Sul piano degli scambi commerciali la PAC tende ad una progressiva liberalizzazione del mercato, con sussidi garantiti solo riguardo alla green box (sviluppo rurale e protezione ambientale). D altro lato l UE ha ottenuto il riconoscimento delle indicazioni geografiche (GIs) dei prodotti in base agli accordi Trade Related aspect of Intellectual Property Rights (TRIPs). Sempre riguardo all impatto che si otterrà a livello di prodotti a denominazione d origine, un secondo scenario si basa sulla considerazione che i futuri negoziati WTO porteranno ad un indebolimento delle posizioni dell UE e ad una mancata piena attuazione della PAC. In effetti, oggettivamente, le indicazioni geografiche (GIs) sono state solo riconosciute negli accordi TRIPs ma ancora non tutelate appieno, es. istituzione di un registro internazionale. Si avrà quindi una produzione agroalimentare che dovrà rispettare solo standard sanitari globali, che verrà privata di ogni sussidio, sia locale che nazionale, alla produzione e che sarà 11

13 beneficiaria del solo aiuto riconosciuto nella green box del WTO (aiuti sulla tutela ambientale). Ciò porterà ad una drastica riduzione di imprese agricole/agroalimentari, sul mercato si svilupperà sempre più una competizione basata sul prezzo e meno sulla specificità, in cui la differenziazione dei prodotti avverrà maggiormente a livello di trademark. Si andrà delineando un mercato estremamente competitivo dove ogni innovazione per abbattere i costi di produzione sarà praticata, es. commercio on line. Sarà anche favorita la delocalizzazione verso aree più produttive con conseguente abbandono di aree marginali, le importazioni dai paesi in via di sviluppo aumenteranno così come i probabili rischi sulla sicurezza (salubrità) alimentare. In questo quadro i consumatori saranno disposti ad un aumento di spesa per elevati standard sanitari e per la tracciabilità, promossi da marchi commerciali privati (trademark). In generale, in presenza di questo scenario i prodotti a denominazione d origine non verranno favoriti, tranne quelli già tuttora forti di una vasta organizzazione produttiva ed ampiamente riconosciuti dal consumatore. Evidente difficoltà per i prodotti a marchio regionale che da un lato subiscono lo svantaggio di una modesta distribuzione sul mercato, anche per la modesta produzione, dall altro dovranno conformarsi a standard sanitari generalizzati che elimineranno le deroghe regionali sulle modalità produttive (es. adeguamento sugli standard per le macellazioni o il divieto di lavorare latte crudo). Nel successivo scenario, riguardante una linea derivata dagli indirizzi della conferenza di Cork-Sviluppo Rurale, si è analizzato l impatto sui 12

14 prodotti tipici che genererebbe un cambiamento degli obiettivi PAC, incentrato prettamente sul ruolo multifunzionale dell agricoltura. In questo scenario sarà fondamentale lo sviluppo e la tutela delle aree marginali, l uso di risorse rinnovabili, il rispetto della biodiversità, con normative più orientate ad un minor impatto ambientale delle produzioni piuttosto che al rispetto di severi standard produttivi in materia di igiene e sicurezza alimentare che mal si adattano ai processi produttivi dei diversissimi prodotti tipici. Gli imprenditori agricoli beneficeranno dei contributi dell UE per produrre una vasta gamma di beni oltre ai prodotti agricoli (produzione e marketing di prodotti d eccellenza su domanda dei consumatori) e di servizi come la conservazione dell ambiente naturale. La politica rurale avrebbe una forte connotazione regionale, adattandola alle diverse esigenze locali. In questo ambito si ipotizza che i consumatori esprimano una volontà maggiore nel pagare un prodotto che esprima delle forti connotazioni territoriali e peculiari piuttosto che nel pagare per ottenere un elevata sicurezza alimentare e una completa tracciabilità del prodotto. In questo ambito, il prodotto a denominazione d origine è visto come il legame tra il mercato e le specifiche risorse ambientali, cosicché supportando i prodotti tipici si risolverebbe in parte un fallimento del mercato creando una esternalità positiva. Ciò sarà a vantaggio anche di attività integrate col territorio, ad esempio il turismo. Per l effettivo successo di questa politica sarà necessario che tutti gli attori del mercato investano e promuovano questa differente concezione di realtà produttiva e che venga sempre più divulgata. 13

15 L ultimo scenario riguardante il Regionalismo, si basa sul principio di abolizione di supporti diretti alla produzione, comprese le quote, e su un aumento degli aiuti (financial readjustment) tra le regioni più ricche e quelle più povere, sulla base di un principio di coesione. Pagamenti diretti saranno ammessi ma in virtù di specifici servizi, es. ecologici o benessere animale e i principi contenuti nella green box diventeranno una regola base. Si favorirà l associazionismo di produttori, sostenendo così i diversi prodotti tipici piuttosto che l interesse di multinazionali con prodotti standard. Il rischio riguardo i prodotti tipici sarà quello derivante da una scelta forzata su quale settore o linea di prodotti investire e promuovere, accantonando quelli con scarsa capacità di successo, in modo da concentrare le forze anche a livello di associazioni. Nella terminologia WTO (Organizzazione mondiale del commercio) gli aiuti economici (subsidies) sono definiti boxes mentre i colori identificano l autorizzazione o meno ad essere rilasciati da parte dei paesi membri (come un semaforo, quindi il verde green significa autorizzato). In particolare in agricoltura gli aiuti concessi senza restrizione (che rientrano nella green box ) non devono essere distorsivi nei confronti di un libero mercato, non devono coinvolgere il sostegno dei prezzi, devono provenire dall amministrazione pubblica (non devono quindi rivalersi sui consumatori), devono essere aiuti diretti ai produttori agricoli senza coinvolgere livelli produttivi, ne essere diretti a particolari prodotti. In aggiunta questi aiuti includono una maggiore protezione ambientale e programmi di sviluppo regionali. 14

16 Il sistema dei prodotti a denominazione di origine, nello scenario n.3 (Conferenza di Cork) avrà la massima espressione territoriale, nello scenario n.1 (attuale) sarà più limitata. Nello scenario 2 (liberalizzazione) si identificherà un vantaggio predominate per i singoli settori produttivi con predominanza di concentrazione aziendali. Nello scenario 4 (regionalismo), si verificherà un vantaggio per le associazioni di produttori che potranno da un livello locale esercitare maggiormente i loro interessi anche se i risultati varieranno da regione a regione. Nel quadro dell attuale situazione della Sicilia, gli scenari 3 e 4 paiono essere quelli in grado di meglio valorizzare e tutelare i prodotti tipici siciliani. 3. Aspetti legati alla commercializzazione dei prodotti tipici Il processo di globalizzazione che da alcuni anni investe in misura crescente i sistemi economici, influenzando i comportamenti di imprese e consumatori, pone problematiche di grande rilevanza per la commercializzazione dei prodotti tipici. In particolare due aspetti risultano essenziali: la valorizzazione e la tutela dei prodotti e delle marche, attraverso la definizione di caratteri distintivi dell'offerta che consentano con posizionamento competitivo e differenziale nell'ambito dei contesti produttivi a sempre più elevato grado di standardizzazione, l'accesso a canali e reti di distribuzione internazionali, che permettano di estendere la commercializzazione dei prodotti oltre i confini locali per conseguire i volumi indispensabili per competere ed essere presenti nel mercato. 15

17 Queste due priorità strategiche assumono connotazioni del tutto particolari nel caso delle produzioni tipiche, che per loro natura risentono delle contrapposizioni e delle complementarità tra locale e globale. Lo scenario di riferimento, peraltro, presenta difficoltà strutturali che si aggiungono a quelle dimensionali e gestionali che affliggono le imprese produttrici dei prodotti tipici. S'intende fare riferimento soprattutto al trend negativo che caratterizza le esportazioni italiane, alla concorrenza nell'agroalimentare da parte di altri paesi europei e dei paesi emergenti, alla tendenza verso la globalizzazione dei mercati e delle imprese che rende sempre più difficile operare su base locale alle imprese minori. Le suddette difficoltà riscontrate sul piano dimensionale e gestionale delle imprese in esame possono essere schematizzate in genere per le diverse aree operative siciliane così come emerso dai questionari appositamente approntati (vedi allegato 2): area di produzione produzione localizzata, in quantità per lo più limitata e variabile; scarsi collegamenti tra i produttori, che spesso non sono in grado di attivare i meccanismi sinergici volti a favorire le necessarie economie di scala di scopo è di apprendimento; qualità della produzione troppo dipendente dalle pratiche individuali e dal know how della singola impresa, con alcuni casi di eccellenza ma anche con produzioni spesso mediocri; area distribuzione prevalenza del canale diretto e di quello del dettaglio specializzato, per lo più gestiti secondo logiche tradizionali e familiari, senza 16

18 l'ausilio delle moderne metodologie commerciali e delle tecnologie digitali; scarsa presenza nel canale della grande distribuzione, per la mancanza dei requisiti richiesti in termini produttivi e logistici e per una diffusa reticenza tra gli operatori ad intrattenere rapporti commerciali con soggetti ritenuti troppo distanti per dimensione e pratiche gestionali; insufficienti capacità di negoziazione e vendita, per il prevalente orientamento alla produzione delle imprese di prodotti tipici per lo più sottodimensionate per capacità produttiva area comunicazione esigui investimenti volti alla frammentazione degli operatori; altri costi in relazione alla produzione di piccola entità; scarsa progettazione e utilizzazione di marchi collettivi sostenuti da adeguati investimenti di marketing. Alle suddette difficoltà inerenti il versante dell'offerta, se ne aggiungono altre rilevanti in ottica di marketing in riferimento ai consumatori e alla tipologia dei consumi stessi. I consumatori dimostrano in primo luogo scarsa consapevolezza circa la natura e le caratteristiche dei prodotti tipici che sono percepiti in maniera diversa dai consumatori. Ricerche empiriche (Nomisma, 2000) hanno dimostrato che gli attributi della tipicità di un prodotto sono identificati in fattori quali: la genuinità (31,8%), l'uso di materie prime del territorio (24,5%), i metodi artigianali (18,5%), le ricette tradizionali (15,8%), l'acquisto diretto nei luoghi di produzione (9,4%). Ne deriva una certa confusione circa l'identificazione stessa 17

19 dei prodotti tipici (spesso confusi ad esempio con quelli biologici) e la definizione dei benefici attesi. La complessità dei consumi e delle diverse percezioni dei consumatori in realtà riflettono le incertezze e le diversità riscontrabili nella definizione del bene prodotto tipico. Questi ultimi infatti in prima istanza potrebbero essere considerati alla stregua di prodotti di largo consumo, in quanto appartenenti alle medesime categorie alimentari delle commodities, ma in realtà essi presentano invece una difficile sostituibilità man mano che cresce il riconoscimento della loro specificità connessa al legame con il territorio. Per tale motivo sono stati considerati quali specialty goods, in virtù del fatto che possono avere caratteristiche uniche tali che i consumatori sono disposti a sostenere i maggiori sforzi per l acquisto e a pagare un premium price. Il massimo valore attribuibile ai prodotti tipici si collega infatti alla possibilità di riconoscere la loro natura di beni-esperienza, inteso per quei particolari prodotti / servizi caratterizzati da una multidimensionalità (rilevata sul piano emozionale e sensoriale oltre che cognitivo), multifunzionalità (particolare attenzione alla protezione e legame con il territorio di produzione) e alto contenuto simbolico connesso alla percezione di autenticità e rispetto delle più antiche tradizioni. Ne deriva dovunque che le suddette specificità si traducono, sul piano dell approccio al marketing, in sostanziali differenze rispetto ai prodotti di largo consumo (tabella 1), proposte dal Cardinali e trasferibili anche ai prodotti tipici siciliani così come emerso dal questionario, espresse in termini di difficoltà nella definizione del posizionamento competitivo e delle relative forme di comunicazione che vanno specificamente 18

20 valutate e risolte prodotto per prodotto. Tabella 1 Le principali differenze di marketing tra prodotti tipici e prodotti di largo consumo. CARATTERISTICHE DEL PRODOTTI DI LARGO MERCATO CONSUMO Caratteristiche della domanda Domanda sostanzialmente (consumatori) Caratteristiche del prodotto PRODOTTI TIPICI uniforme territorialmente Modelli standardizzati per aree e paese Qualità costante nello spazio differenziati per regione Difficile standardizzazione e nel tempo qualitativa Corrispondenza biunivoca tra un nome e un livello Ruolo dell'innovazione di Domanda concentrata qualitativo Ruolo strategico Modelli di consumo Qualità variabile tra le aziende appartenenti ai consorzi di tutela Scarso ruolo prodotto dell'innovazione di prodotto dell'innovazione di prodotto Struttura competitiva del ed il processo Dominanza delle di processo Dominanza delle p.m.i. multinazionali Frammentazione produttiva Mercati concentrati Elevata concorrenza tra le Avanzata cultura di aziende associate al marketing consorzio settore Gestione delle leve di marketing mix Modelli logistici e Scarsa cultura di marketing manageriali avanzati Modelli manageriali e Flessibilità produttiva Le singole aziende logistici non competitivi controllano tutte le leve di comunicazione marketing Scarsa flessibilità produttiva Consorzio: prodotto e Imprese: prezzo e distribuzione Fonte: tratta a adattata da Cardinali, 1998 I prodotti tipici siciliani, evocando i pregi dell'antica tradizione del territorio di origine, godono di un vantaggio competitivo potenziale in concorrenza al bene di largo consumo, che i produttori devono riuscire ad attuare e valorizzare attraverso opportune strategie 19

21 competitive. È dimostrato infatti che l'immagine del luogo (o della nazione) di origine rappresenta, al pari del prezzo o del nome della marca, un extrinsic cue (suggerimento esterno) in grado di influenzare il comportamento dei consumatori e che questi utilizzano per acquisire informazioni utili per le loro scelte. Con specifico riferimento all'agroalimentare una ricerca Nomisma ha evidenziato come, all'interno della generale tendenza negativa che caratterizza le nostre esportazioni (3,9% nel 2003), facciano eccezione i prodotti alimentari dotati di capacità distintiva (17%). In particolare, si tratta di quei prodotti (olio d'oliva, formaggi, pasta, vino) in relazione ai quali si riesce a trasferire al consumatore i valori del territorio, della cultura e delle tradizioni retrostanti; queste problematiche le vedremo meglio sviluppate nel capitolo specifico del marketing territoriale dei prodotti tipici siciliani. Il richiamo di questi prodotti è dimostrato dalle contraffazioni e dalle imitazioni realizzate in tutto il mondo, le quali addirittura è stato evidenziato che abbiano solitamente un prezzo maggiore di quello dei prodotti originali. A questo proposito si pensi che negli USA solo il 10% dei più famosi prodotti tipici italiani è realmente italiano, mentre il 90% ha solo un marchio dell'azienda produttrice o un nome riferito al prodotto scritto in italiano, oppure mostra packaging tricolori, distintivi della bandiera nazionale dell'italia (De Castro, 2004). Frequente è infatti la confusione che i consumatori stranieri fanno tra prodotto italiano e prodotto tipico, che trova il massimo dell'aberrazione nell acquisto di prodotti tipicamente italiani, come la pasta o di gelati, ma prodotti all'estero ed equivocamente accompagnati da strumenti comunicativi evocativi 20

I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI. Prof. Franco Di Giacomo

I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI. Prof. Franco Di Giacomo I PRODOTTI AGROALIMENTARI TIPICI Prof. Franco Di Giacomo I diversi aspetti della qualita Qualità definita: Insieme delle caratteristiche di un bene/servizio/prodotto, che soddisfa le esigenze implicite

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE Il sistema agroalimentare italiano è inserito in un contesto di mercato altamente

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI

LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI LINEE PROGRAMMATICHE PER LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI PIEMONTESI Premessa La Regione Piemonte considera la qualità delle produzioni uno degli strumenti fondamentali per favorire il consolidamento

Dettagli

Tuttavia il settore non riesce a sfruttare appieno le caratterizzazioni potenziali e l offerta agricola regionale appare, di fatto, poco qualificata.

Tuttavia il settore non riesce a sfruttare appieno le caratterizzazioni potenziali e l offerta agricola regionale appare, di fatto, poco qualificata. Il settore agroalimentare siciliano, per numero di occupati, potenzialità di qualità, diversità, tipicità e tradizioni alimentari e salutistiche è tra quelli portanti dell economia regionale. Le caratteristiche

Dettagli

Alessandro Banterle e Alessia Cavaliere. Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Alessandro Banterle e Alessia Cavaliere. Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano LA TRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI: UN ANALISI DELLE IMPLICAZIONI ECONOMICHE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE E PER I CONSUMATORI Alessandro Banterle e Alessia Cavaliere Dipartimento di Economia

Dettagli

TRADIZIONE & CULTURA

TRADIZIONE & CULTURA PALATIPICO MODENA TRADIZIONE & CULTURA Le Produzioni Agroalimentari Modenesi D.O.P. e I.G.P. Corso 30560 MARKETING STRATEGICO Laurea in Economia e marketing nel sistema agro-industriale Facoltà di Agraria

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

Progetto di legge n. 83/9^

Progetto di legge n. 83/9^ Consiglio regionale della Calabria Seconda Commissione Progetto di legge n. 83/9^ Norme per il sostegno dei gruppi di acquisto solidale (GAS), dei gruppi organizzati per la domanda offerta, e la promozione

Dettagli

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico

Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Portale Regionale del Prodotto Tipico e Biologico Legge Regione Umbria n. 21 del 20/08/2001 Disposizioni in materia di coltivazione, allevamento, sperimentazione, commercializzazione e consumo di organismi

Dettagli

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Benito Campana Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Itinerario Programmare le politiche aziendali per la qualità in relazione alla normativa, alle esigenze dei mercati e alle

Dettagli

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia Maurizio Canavari e Nicola Cantore Unità di Ricerca: Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Università degli Studi di Bologna

Dettagli

La certificazione della qualità nel sistema agro-alimentare

La certificazione della qualità nel sistema agro-alimentare La certificazione della qualità nel sistema agro-alimentare alimentare Maria Sassi Dipartimento di Ricerche Aziendale Facoltà di Economia Università di Pavia E-mail msassi@eco. @eco.unipv. La soglia della

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani DIPARTIMENTO POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Viale Vincenzo Verrastro, 10-85100 Potenza ass_agricoltura@regione.basilicata.it tel. 0971668710 fax 0971668731 L ASSESSORE Potenza lì 05/05/2014 MATERA 2019

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 $/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 / DUHDGLSURGX]LRQHELRORJLFD A fianco l uso dell olio di oliva tradizionale, sono cresciute la produzione ed il consumo dell olio biologico, con il conseguente aumento dell

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

L ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE

L ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE L ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE La fotografia La rilevanza del comparto: l offerta di carne bovina incide circa il 40% sul valore della produzione degli allevamenti da carne e circa ¼ su quello de totale

Dettagli

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti

Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Riflessi del Libro Verde sugli aspetti legislativi inerenti l etichettatura e messa in commercio di prodotti Avv. Chiara Marinuzzi G a e t a n o F o r t e Studio Legale Seminario Legacoop - Bologna, 3

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

3.4.3. Analisi dell efficacia esterna

3.4.3. Analisi dell efficacia esterna 3.4.3. Analisi dell efficacia esterna Il marketing strategico In relazione alla dimensione analitica del marketing strategico, la ricerca ha rilevato come Gamma ponga in essere indagini di mercato ad hoc

Dettagli

Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale

Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale Studio di marketing per la valorizzazione turistica e commerciale dell alimentazione tradizionale P.I.T. «Notre patrimoine, l eau, le pain, le village» Leader Plus 2000/2006 COMUNITA MONTANA GRAND COMBIN

Dettagli

S. Sofia, 5-6 maggio 2011. Dott.ssa Silvia De Paulis Dott. Luca Schillaci SERVIZIO AGRO SILVO PASTORALE

S. Sofia, 5-6 maggio 2011. Dott.ssa Silvia De Paulis Dott. Luca Schillaci SERVIZIO AGRO SILVO PASTORALE Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga Servizio Agro Silvo Pastorale I marchi di qualità e le Aree Protette: l esperienza del Parco Gran Sasso Laga S. Sofia, 5-6 maggio 2011 Dott.ssa Silvia

Dettagli

Proposte per il settore olivicolo

Proposte per il settore olivicolo Proposte per il settore olivicolo Il settore olivicolo italiano sta attraversando una fase di grave instabilità per quanto riguarda la produzione che, nell attuale campagna 2014/2015, ha subito una riduzione

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

Legge regionale 23 giugno 2003, n. 30 (Disciplina delle attività agrituristiche in Toscana) e s.m.i.

Legge regionale 23 giugno 2003, n. 30 (Disciplina delle attività agrituristiche in Toscana) e s.m.i. Allegato A DISCIPLINA DELL AGRTURISMO IN TOSCANA Art. 2 della L.R. 23 giugno 2003, n. 30 e s.m.i. e Art. 13 del Regolamento 3agosto 2004, n. 46/R e s.m.i. - GUIDA OPERATIVA DI INDIRIZZO- Prodotti utilizzabili

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE

TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER LA RISTORAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI TERRITORIALI E DELLE PRODUZIONI TIPICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

Progetto di potenziamento della FILIERA OLIVICOLA nella provincia di Terni (promosso nell'ambito della Convenzione per il Lavoro e l'occupazione)

Progetto di potenziamento della FILIERA OLIVICOLA nella provincia di Terni (promosso nell'ambito della Convenzione per il Lavoro e l'occupazione) Giovanni B. Montironi 7.09.1998 Progetto di potenziamento della FILIERA OLIVICOLA nella provincia di Terni (promosso nell'ambito della Convenzione per il Lavoro e l'occupazione) Su iniziativa della Amministrazione

Dettagli

di Paolo Mariano Marketing e vendite>> Marketing e management

di Paolo Mariano Marketing e vendite>> Marketing e management SETTORE AGROALIMENTARE: ANALISI SWOT PER I PRODOTTI DI QUALITA di Paolo Mariano Marketing e vendite>> Marketing e management Nei Paesi sviluppati l alimentazione ha perso, in parte, il suo significato

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica

non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti assolutamente identici possono essere l uno il risultato del metodo di produzione

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO ECONOMICO E RURALE DIREZIONE GENERALE PER LO SVILUPPO AGROALIMENTARE, QUALITÀ E TUTELA DEL CONSUMATORE

Dettagli

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari DIREZIONE OPERE PUBBLICHE ECONOMIA MONTANA E FORESTE La programmazione integrata delle filiere agro alimentari nelle aree LEADER del Piemonte Torino, 27 novembre 2014 1 PSR 2007 2013 ASSE IV LEADER 13

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Signor Presidente, Onorevoli Deputati, il Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) tra Unione europea e Stati Uniti d America, oggetto dell audizione di oggi, ha tra i suoi obiettivi quello

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Le strategie internazionali

Le strategie internazionali Le strategie internazionali Le strategie internazionali costituiscono alternative di fondo seguite nella costruzione e/o nel rafforzamento del vantaggio competitivo in ambito internazionale (Valdani &

Dettagli

L ALLEVAMENTO OVICAPRINO

L ALLEVAMENTO OVICAPRINO L ALLEVAMENTO OVICAPRINO La fotografia La rilevanza del comparto. L allevamento ovicaprino ha una scarsa rilevanza nell economia agricola nazionale: l offerta di latte e carni ovicaprine incide per circa

Dettagli

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Provincia Regionale di Ragusa Piani Integrati di Sviluppo Territoriale Progetto Viaggio

Dettagli

Quanto vale la cooperazione agricola italiana?

Quanto vale la cooperazione agricola italiana? Eddi Fontanari *, Carlo Borzaga ** Quanto vale la cooperazione agricola italiana? * Euricse, University of Missouri - visiting scholar. **Università degli Studi di Trento, Euricse. Negli ultimi anni l

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette

Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Le imprese della trasformazione dei cereali nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni protette Settembre 2006

Dettagli

Le strategie di marketing

Le strategie di marketing Stampa Le strategie di marketing admin in Professione Consulente Con l analisi di mercato è possibile mettere a punto i prodotti o servizi corrispondenti alle esigenze di ogni segmento di mercato. Essa

Dettagli

Misura 114 - Utilizzo dei servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Misura 114 - Utilizzo dei servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali Misura 114 - Utilizzo dei servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali Titolo della misura: Utilizzo dei servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e dei detentori

Dettagli

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0 Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a Valorizzazione produzioni agro alimentari di qualità Premessa Cosa si intende per consumo a KM 0? prodotti provenienti da areali di

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Ismea Direzione Mercati e Risk management e.deruvo@ismea.it (06 85568460) 1 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 1. I riconoscimenti Alla fine di

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI

FIGURA PROFESSIONALE SBOCCHI OCCUPAZIONALI L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. Vanta, inoltre, una varietà e una ricchezza di produzioni e tipicità enogastronomiche difficilmente riscontrabile

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE

LA SICUREZZA ALIMENTARE LA SICUREZZA ALIMENTARE Con l indagine del Panel agroalimentare viene somministrato periodicamente un questionario ad un campione di 6 imprese dell industria agroalimentare, prevalentemente impegnate nella

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità La globalizzazione Il mondo si fa sempre più piccolo e la globalizzazione è il nuovo ordine che accomuna le popolazioni all inter-dipendenza.

Dettagli

La nuova Politica Agricola Comune (PAC)

La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Argomenti trattati La nuova Politica Agricola Comune (PAC) Il percorso per giungere alla nuova PAC I principali elementi della discussione in atto Lo Sviluppo Rurale nella nuova PAC Spunti di riflessione

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE Raffaele Farella Dirigente con incarico speciale per l internazionalizzazione e la promozione estera,

Dettagli

Sereni, c è sempre...

Sereni, c è sempre... Sereni, c è sempre... un prodotto che garantisce qualità un produttore che garantisce sicurezza Programma di sensibilizzazione sulle politiche dedicate all'agroalimentare ed alla valorizzazione della sua

Dettagli

ATI S Atra Sardigna - Progetto Bio Formazione - Normative sulle organizzazioni di Produttori

ATI S Atra Sardigna - Progetto Bio Formazione - Normative sulle organizzazioni di Produttori Introduzione L attuale normativa sulle Organizzazioni di Produttori è disciplinata su base europea dal Reg. CE 361/2008 (OCM ortofrutta), per quanto riguarda il settore ortofrutta e su base nazionale (Decreto

Dettagli

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione.

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Scegliere i settori su cui sia opportuno investire fondi pubblici a fini promozionali, non è sempre

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLE FILIERE NEL SISTEMA AGRICOLO E AGRO ALIMENTARE PIEMONTESE In applicazione del Reg. (CE) n. 1305/2013 Focus area 3a INTRODUZIONE

ORGANIZZAZIONE DELLE FILIERE NEL SISTEMA AGRICOLO E AGRO ALIMENTARE PIEMONTESE In applicazione del Reg. (CE) n. 1305/2013 Focus area 3a INTRODUZIONE ALLEGATO A ASSESSORATO AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA DIREZIONE 11 AGRICOLTURA SETTORE 11.13 PROGRAMMAZIONE E VALORIZZAZIONE SISTEMA AGROALIMENTARE ORGANIZZAZIONE DELLE FILIERE NEL SISTEMA AGRICOLO E AGRO

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/035/CR/C10 INDAGINE CONOSCITIVA SUL SISTEMA DI FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE AGRICOLE: LA POSIZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 1. Le ripercussioni

Dettagli

Il tipico DOP in Puglia. Percezione dei consumatori e strategie di marketing

Il tipico DOP in Puglia. Percezione dei consumatori e strategie di marketing UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING TESI DI LAUREA IN MARKETING AGROALIMENTARE Il tipico DOP in Puglia. Percezione dei consumatori e strategie di

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

ESPERIENZE DELLE IMPRESE NEI PROCESSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

ESPERIENZE DELLE IMPRESE NEI PROCESSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE ESPERIENZE DELLE IMPRESE NEI PROCESSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Il Gal Città di Castel del Monte ha avuto l incarico di individuare dei casi studio per imprese del settore agroalimentare in relazione ai

Dettagli

Store.Valtellina.it. Descrizione iniziativa

Store.Valtellina.it. Descrizione iniziativa Store.Valtellina.it Descrizione iniziativa Sondrio, 28 Maggio 2010 1 STORE.VALTELLINA.IT - INFORMATIVA ALLE IMPRESE 1.1 Introduzione Store.Valtellina.it nasce per promuovere i prodotti di eccellenza del

Dettagli

Totale* 213. In casa 140

Totale* 213. In casa 140 Firenze, 11 aprile 2015 I CONSUMI ALIMENTARI DELLE FAMIGLIE (valori in Mld. di euro correnti anno 2014) Totale* 213 In casa 140 Fuori casa 73 * escluse bevande alcoliche Fonte: elaboraz. C.S. Fipe su dati

Dettagli

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO L'evoluzione della domanda di turismo e le implicazioni per i modelli di offerta turistica

Dettagli

PREZZI E MERCATI INTERNAZIONALI

PREZZI E MERCATI INTERNAZIONALI PREZZI E MERCATI INTERNAZIONALI Fare i prezzi sui mercati internazionali è una delle attività più complesse - elevata quantità di informazioni interne ed esterne all impresa - molte variabili da considerare

Dettagli

IL MERCATO DELLE ARANCE

IL MERCATO DELLE ARANCE IL MERCATO DELLE ARANCE tendenze recenti e dinamiche attese Catania, 11 luglio 2013 QUALI ELEMENTI DI CRITICITÀ dimensione aziendale medio-bassa, impianti poco moderni, problemi fitosanitari (virosi) filiera

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Economia e Politica agroalimentare

Economia e Politica agroalimentare Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Facoltà di Agraria Economia e Politica agroalimentare Corso di Laurea: Scienze e Tecnologie Alimentari Consumo etico e Consumo critico Il "critical

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari L agroalimentare italiano nel commercio mondiale: Specializzazione, competitività e dinamiche Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari Roberto Henke (Inea) Gruppo di lavoro:

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda Il Marketing strategico (il Piano di Marketing) scelte di lungo periodo

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche

L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche, nata e promossa nel 2004 dall associazione internazionale Slow Food con la collaborazione delle regioni

Dettagli

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Roma, 3 Aprile, 2014 1 PARTE PRIMA La filiera agroalimentare italiana: operatori,

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

ATLANTE DEI PRODOTTI DOP E IGP DEL VENETO. www.veneto.to

ATLANTE DEI PRODOTTI DOP E IGP DEL VENETO. www.veneto.to ATLANTE DEI PRODOTTI DOP E IGP DEL VENETO www.veneto.to Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Organismo responsabile dell informazione: Veneto Agricoltura Autorità

Dettagli

Nascita della Politica Agricola Comunitaria

Nascita della Politica Agricola Comunitaria Anni 50 Nascita della Politica Agricola Comunitaria Entrata dell Italia nel Mercato Comune Europeo (MEC) con il Trattato di Roma (1957) e con la Conferenza di Stresa (1958) Il Trattato di Roma ha previsto

Dettagli

ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI. A cura di Confcommercio

ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI. A cura di Confcommercio ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI A cura di Confcommercio Premessa L efficienza dei sistemi di trasporto e logistica costituisce una condizione essenziale per la capacità competitiva di tutto

Dettagli

LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA

LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA ABSTRACT LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA Per poter comprendere a fondo cosa si intende per lusso e per moda e individuare punti di forza e di debolezza di queste realtà durante la recente crisi

Dettagli

CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A.

CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A. CULTURA DEL CIBO E DEL VINO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DELLE RISORSE ENOGASTRONOMICHE LIVELLO I - EDIZIONE X A.A. 2015-2016 Presentazione Il percorso formativo è strutturato, attraverso un approccio

Dettagli

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/,

*/,,17(50(',$5,&200(5&,$/, */,,17(50(',$5,&200(5&,$/, /$7,32/2*,$'(,&$1$/,',0$5.(7,1*,1,7$/,$ Abbiamo avuto già modo di vedere, più o meno, quali sono le vie che può prendere la commercializzazione dell olio di oliva ed attraverso

Dettagli

Disposizioni in materia di etichettatura e di qualità dei prodotti alimentari

Disposizioni in materia di etichettatura e di qualità dei prodotti alimentari Disposizioni in materia di etichettatura e di qualità dei prodotti alimentari La Commissione Agricoltura della Camera, in sede Legislativa, ha definitivamente approvato l'ac 2260-bis-B, in materia di etichettatura

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli