ESSERE E LINGUAGGIO IN HEIDEGGER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESSERE E LINGUAGGIO IN HEIDEGGER"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA IN FILOSOFIA ESSERE E LINGUAGGIO IN HEIDEGGER Tesi di Laurea di: Calogero Turco Relatore: Ch.mo Prof.Pietro Palumbo ANNO ACCADEMICO 2004/2005

2 I. LA RIFLESSIONE HEIDEGGERIANA FINO A ESSERE E TEMPO 1 - Dall essere al linguaggio Martin Heidegger (Messkirch, ), può essere a pieno titolo considerato il principale filosofo tedesco del secolo scorso. Tra i lavori più importanti ricordiamo: Essere e tempo 1 2, (1927), Sentieri interrotti (1950), In 3 cammino verso il linguaggio (1959). L opera di Martin Heidegger è una delle espressioni più interessanti della filosofia contemporanea, e certamente la più influente nell ambito del pensiero novecentesco, il quale si è rispecchiato nel programma di una messa in questione della metafisica, non finalizzata ad ottenere un 1 cfr. M. Heidegger, Essere e tempo, trad. it. di P. Chiodi Longanesi, Milano cfr. M. Heidegger, Sentieri interrotti, trad. it. di P. Chiodi, La Nuova Italia Editrice, [1968] Firenze cfr. M. Heidegger, In cammino verso il linguaggio, trad. it. di A. Caracciolo e M. Caracciolo Perotti, Mursia, Milano

3 alternativo sistema di idee, ma proponendo il definitivo accantonamento della stessa idea di sistema filosofico. La lezione heideggeriana ha determinato una trasformazione di enorme portata nel panorama della cultura post-moderna, la quale è stata capace di ridefinire i rapporti tradizionali, interni alla storia della metafisica, e anche concezioni ormai consolidate, che del discorso metafisico sono le estreme conseguenze, effettuando un incredibile capovolgimento di prospettive. Heidegger ha innescato una vera e propria rivoluzione filosofica fondata su presupposti fenomenologici, esistenziali ed ermeneutici, forse non ancora pienamente decifrati in tutta la loro innegabile profondità e rilevanza. Fino alle soglie della nascita dell analitica esistenziale, il pensiero metafisico ha posto il pensiero a notevole distanza dall esser-ci Dasein). ( 2

4 Questa concezione giustifica la straordinaria importanza della prospettiva heideggeriana, animata dalla scelta decisiva di abbandonare la classica identificazione tra essere e sostanza. I congegni filosofici ereditati dalla tradizione occidentale, lo stesso svolgersi della metafisica nella storia, hanno sempre più allontanato l uomo da sé stesso, imbrigliando la mente con formule e schemi inautentici. Il risultato di questa operazione ermeneutica, radicata su u profondo ragionato e motivato ripensamento dell ontologia tradizionale, è stato epocale, rilanciando una visione del mondo che colloca in primo piano l esser-ci, nel suo costitutivo rapporto con l essere e la sua concretezza. Con Heidegger dunque emerge un interpretazione in chiave esistenziale dell essere, che perde i suoi caratteri formalistici e generici. Ne deriva una riqualificazione dell essere a partire dal suo rapporto con l esserci, 3

5 finalmente emancipato da tante ormai logore determinazi dell onto-teologia, della logica e della metafisica tradizionali. Un altro aspetto rilevante della concezione filosofica heideggeriana, che ne conferma l innegabile modernità, è l idea di una connessione più esplicita tra dimensione ontologica e dimensione linguistica, tra essere e linguaggio. L analitica esistenziale esprime un interesse tutt altro che marginale per i vari aspetti dell esperienza del linguaggio nelle sue relazioni con il problema dell approfondimento del senso dell essere, attraverso le caratteristiche modalità che vi danno forma. Già in Essere e tempoil problema del linguaggio è presente in maniera diffusa e articolata. La stessa analitica esistenziale pone dei continui interrogativi di carattere linguistico. Heidegger procede infatti esaminando vari 4

6 termini che compongono il suo dizionario ontologico come un navigato filologo, e tende a presentare i diversi dilemmi filosofici anche nella forma di fraintendimenti o incomprensioni linguistiche. La lezione heideggeriana elabora un progetto innovativo e costruttivo di recupero del senso dell essere, nel quale il rapporto al linguaggio emerge come nesso vitale capace di realizzare un approccio più autentico con la verità. 2 - Il superamento del neokantismo Agli esordi Heidegger guardò con un certo interesse al Neocriticismo, che aveva aggiornato la prospettiva kantiana. Ne è in qualche modo testimonianza l argomento della tesi di laurea, La dottrina del giudizio nello psicologismo. Contributo critico-positivo sulla 4. logic 4 cfr. M. Heidegger, La dottrina del giudizio nello psicologismo. Contributo critico-positivo sulla logica, trad. it. di A. Babolin, La Garangola, Padova

7 È un saggio di notevole rilevanza, non solo perché si tratta del debutto assoluto di Heidegger come filosofo, ma soprattutto perchè manifesta un determinante interesse per alcuni temi che saranno ampiamente sviluppati nel corso del suo lungo percorso di ricerca. La tesi analizza, criticandola, la prospettiva di Wundt, Brentano, Lipps e altri filosofi della mente, i quali avevano concepito una revisione della logica in chiave psicologistica. L opera prima di Heidegger esibisce chiaramente una vicinanza concettuale con il Neokantismo, mentre nella successiva tesi di dottorato La dottrina delle categorie e del significato in Duns Scoto 5 riprende l interesse per la logica ma lo rivolge ad una ricostruzione storico-filosofica di alcuni motivi essenziali della Scolastica medioevale, 5 cfr. M. Heidegger, La dottrina delle categorie e del significato in Duns Scoto, Laterza, Roma-Bari

8 rivisitati in una prospettiva, di fatto, se non già ufficialmente, fenomenologica. Da questo momento in avanti Heidegger sarà sempre più attratto nell orbita della Fenomenologia di Edmund Husserl, un pensiero radicato sull esperienza vissuta ( Erlebnis ) e non più sulle astratte categorie della logica tradizionale. Husserl si proponeva di osservare i vari fenomeni adottando la prospettiva trascendentale kantiana, e quindi prescindendo dalla contrapposizione soggetto-oggetto, m interpretata in una maniera più dinamica e moderna. 3 - Fatticità e storicità della vita Prima di Essere e tempo (1927) il pensiero heideggeriano è contrassegnato dalla problematica della storicità e della fatticità della vita. 7

9 Heidegger darà alla fenomenologia una curvatura innovativa personale, che lo porterà anche a distanziarsi da Husserl. L intento di Heidegger era quello di giungere fenomenologicamente ad una comprensione della vita stes nella sua genesi, schivando la mancanza di concretezza di un approccio eccessivamente accademico, di derivazione neokantiana. Sin d ora, comunque, Heidegger mirava principalmente a ritrovare un più profondo significato esistenziale dell interrogazione filosofica. Prendendo spunto dai termini e dalla concezione tipica del neokantismo, maturano in Heidegger problemi ed esigenze che in tale ambito non si lasceranno più risolvere 6, e che sono direttamente rinviabili al problema, niente affatto scontato nell ambito della filosofia scientifica del 6 cfr. G. Vattimo, Introduzione ad Heidegger, Laterza, Roma-Bari 2002, p.8. 8

10 Novecento, di riconoscere la storicità dello spirito vivente 7. In altri termini, Heidegger orienta il suo discorso sulla base della prospettiva di Dilthey, che scorgeva nella dimensione storica una forza dinamica e irrazionale, espressione della libertà, della vitalità e della creatività dell uomo, e come tale irriducibile a schemi e categorie di origine kantiana. E sarà proprio la scoperta della vita della coscienza come storicità che schiuderà ad Heidegger un concetto di temporalità irriducibile al concetto di tempo usato nelle scienze fisiche 8 Ammettere i caratteri di storicità dello spirito, cioè della realtà umana nel suo complesso come contrapposta alle scienze della natura (Naturwissenschaften), implica direttamente quel fenomeno che in seguito Heidegger 7 cfr. G. Vattimo, Introduzione ad Heidegger, op. cit., p.8. 8 Ibidem 9

11 definirà l effettività dell esistenza, la quale rende impossibile vedere il soggetto della conoscenza come quel soggetto puro che è presupposto di ogni posizione di tipo trascendentale 9. L effettività non è, e non può essere presa in considerazione dalle scienze esatte, che adoperano una metodologia di ricerca che mette tra parentesi la vita vissuta dell uomo, il suo esser-ci. [..]Non solo o non tanto, incontrato a un certo punto il problema della storicità, Heidegger riconosce che anch'esso può trovare soluzione adeguata solo dal punto di vista di una nuova impostazione ontologica osserva Vattimo ma più fondamentalmente è proprio il fenomeno della 9 cfr. G. Vattimo, Introduzione a Heidegger, op. cit., p. 8 10

12 storicità e della <<vita>> quello che impone la riproposizione del problema 10 dell'essere [ ]. Per Heidegger il senso della temporalità acquista valore solo relativamente al nostro essere-nel-mondo. Nel decisivo passaggio dal Neocriticismo alla Fenomenologia, è doveroso riflettere sulla autonoma presa di posizione di Heidegger, maturata da un originale ripensamento della prospettiva kantiana svolto a prescindere dall adozione del punto di vista trascendenta Del resto, non ha senso pensare che Heidegger si avvicini a Husserl anzitutto nella misura in cui, anche per lui, è centrale la tematica trascendentale 11. Evidentemente il futuro autore di Essere e tempo era in cerca di un nuovo metodo filosofico, al fine da liberarsi 10 cfr. G. Vattimo, Introduzione a Heidegger, op. cit., p cfr. G. Vattimo, Introduzione a Heidegger, op. cit., p

13 dalla maniera astratta di presentare i problemi filosofici tipica del Neokantismo. È vero che, per molti aspetti [..] la fenomenologia husserliana, con il programma della riduzione trascendentale, presenta profonde affinità con il neokantismo. Ma proprio il fatto che Essere e tempo, che con il neokantismo non ha più nulla da spartire, sia dedicato a Husserl, dimostra che Heidegger vedeva in Husserl e nella fenomenologia, più che una variazione e un approfondimento del punto di vista trascendentale neokantiano, il modo per allargare il suo discorso proprio nella direzione di quelle dimensioni di storicità, di effettività, potremmo dire di concretezza, a cui alludevano le pagine conclusive della tesi su Scoto cfr. G. Vattimo, Introduzione a Heidegger, Laterza, Roma-Bari 2002, op. cit., pp

14 In altre parole, Heidegger non guarda alla fenomenologia con le stesse motivazioni con cui si era accostato al criticismo neokantiano, ma per ragioni di tutt altro segno, Heidegger è particolarmente interessato a quello che potrebbe essere considerato un semplice motto o un aforisma, ma che rappresenta molto di più, cioè l invito di Husserl di andare alle cose stesse, verso la concretezza della vita reale. Mentre il neokantismo privilegiava la scienza - scrive Vattimo - nel suo carattere costruttivo e matematizzante, come unica forma di conoscenza valida, per Husserl l atto conoscitivo si risolve nella Anschauung, l intuizione (delle essenze), che non si riduce alla conoscenza scientifica, ma è un incontrare le cose, per dir così, in carne e ossa cfr. G. Vattimo, Introduzione a Heidegger, op. cit., p. 9 13

15 Heidegger concorda con Husserl nel considerare estremamente riduttivo il punto di vista delle scienze esatte, che pongono una sorta di velo fatto di schemi matematici e formule operative, impedendo all uomo di raggiungere quel tipo di conoscenza pre-categoriale che, per la Fenomenologia, garantisce dell unico vero sapere. Pre-categoriale è quella conoscenza che prescinde e supera quell apparato di categorie che per i neokantiani era indispensabile al raggiungimento di un metodo certo e rigoroso di risolvere i problemi scientifici. La conoscenza pre-categoriale, rifiutando la prevedibilità la consequenzialità dell approccio matematizzante all essere, si basa sull intuizione, l Anschauung, che in Husserl non è una forza irrazionale, o un impulso mistico alla maniera romantica, ma indica semplicemente un percorso di avvicinamento alla realtà delle cose. 14

16 È a questa concezione husserliana dell intuizione che si ricollegherà l interpretazione heideggeriana del concetto di fenomeno in Essere e tempo, - puntualizza Vattimo - che non intende più questo concetto, come il neokantismo, in contrapposizione alla cosa in sé, ma come <<manifestazione>> positiva dell essenza stessa della 14. cosa L intuizione concepita come avviamento alla conoscenza pre-categoriale, non vuole negare l esperienza della realtà ma approfondirla. In questo senso, rappresenta un antecedente necessario dell analitica esistenziale, che v rivolgersi all autenticità dell essere e quindi al ripristino di un rapporto trasparente con la verità. Giustamente è stato notato che la sostituzione della Anschauung alla scienza, che costruisce il mondo dell esperienza in rigorose strutture matematiche, è un 14 cfr. G. Vattimo, Introduzione a Heidegger, op. cit., p

17 passo avanti verso la liberazione dai limiti del trascendentalismo neokantiano 15. L intuizione fenomenologica viene dopo l esperienza, non prima; non è un presupposto da assumere dogmaticamente, in astratto, bensì un punto d arrivo concreto, un modello di conoscenza aperta, da costruire passo a passo, in una ravvicinata presa di contatto con i fenomeni. 4 L analitica esistenziale In Essere e tempo, Heidegger parlerà esplicitamente di integrare l impostazione fenomenologica e la prospettiva diltheyana di un contatto più esplicito con il mondo-dellavita; si tratta di esigenze diverse ma non troppo, che confluiranno in quella complessa struttura di pensiero che è l analitica esistenziale. Heidegger non poteva non giungere al definitivo e fatale distacco da Husserl, che con operazioni artificiose come 15 cfr. G. Vattimo, Introduzione a Heidegger, cit., p

18 l epochè, o sospensione del giudizio, rendeva pressoché impossibile risalire alle ragioni stesse dell esistenza, e riuscire finalmente a rispondere alla domanda che cos è l essere. La riproposizione del problema del senso dell essere rappresenta infatti la questione fondamentale cui Heidegge dedica la sua intera ricerca filosofica. La metafisica ha tematizzato in molteplici forme il problema ontologico, ma, secondo Heidegger, nel suo nucleo più profondo questo tema d indagine è rimasto in realtà inascoltato. Per Heidegger è indispensabile dunque ritornare all essere e porsi in ascolto di una dimensione troppo spesso trascurata o considerata a torto risolta una volta per tutti. L interrogazione di senso che ha come suo fine l accertamento della questione dell essere può e deve 17

19 proseguire, a condizione di rimuovere i vari pregiudizi che circolano intorno ad essa. Heidegger nel primo capitolo di Essere e tempo pone l accento sulla necessità di una ripetizione esplicita del problema ontologico. Il filosofo tedesco riflette sul fatto che il concetto di essere sia ad oggi completamente caduto in oblio. Ormai è venuta meno l esigenza di un confronto costruttivo e di un approfondimento del senso dell essere. Heidegger vuol farsi portavoce di un ritorno in grande stile alla tematica ontologica e a tale scopo intende ricollegarsi agli sforzi greci per giungere all interpretazione dell essere 16. Heidegger parla con cognizione di causa della costituzione di un vero e proprio dogma filosofico, che oltre a 16 cfr. M. Heidegger, Essere e tempo, op.cit., p.17 18

20 dichiarare superfluo il problema del senso dell essere, ne legittima la omissione 17. In altri termini, c è stata e c è una tendenza, pressoché universale, a non tematizzare più l essere, a non considerarlo più qualcosa di essenziale ai fini di una ricerca speculativa seria e rigorosa. Scrive Heidegger: Il concetto di<<essere>> è il più generale e vuoto di tutti e resiste perciò a qualsiasi tentativo di definirlo. D altra parte, in quanto generalissimo, e come tale, non ha neppur bisogno di essere definito. Tutti lo impiegano continuamente e anche già comprendono che cosa si intende con esso. In tal modo, ciò che, per il suo nascondimento, sospinse e mantenne nell inquietudine il filosofare degli antichi, è divenuto chiaro ed ovvio, a tal punto 17 cfr. M. Heidegger, Essere e tempo, trad. it. di P. Chiodi, Longanesi, Milano 1970, op. cit. p

21 che colui che si ostina a farlo oggetto di ricerca è accusato di errore metodologico 18. Sein und Zeit si apre con la delineazione della necessità, struttura e primato del problema dell essere, che non si può trattare come un concetto qualsiasi dell indagine filosofica, ma deve tornare a interpretare un ruolo da protagonista. Heidegger intende l essere in maniera diversa da come lo intendevano i pensatori che se ne erano occupati dopo Platone ed Aristotele. InEssere e tempo giunge addirittura a definire i filosofi successivi quali autori capaci di realizzare solo modifiche e ritocchi ai loro sistemi speculativi: Quanto essi acquisirono si è mantenuto fino alla Logica di Hegel, scrive Heidegger attraverso una serie di modifiche e di ritocchi. Ciò che quell estremo sforzo del pensiero riuscì allora a 18 cfr. M. Heidegger, Essere e tempo, op. cit., p

22 strappare ai fenomeni, sia pure in modo frammentario e rudimentale, si è da tempo trivializzato 19. Tuttavia non si tratta di rifare il verso agli antichi, ma di creare una nuova filosofia dell essere, centrata sull esistenza. Finalità della ricerca filosofica diventa la concretezza di situazioni reali e realmente coinvolte nella progettualità dell Esser-ci. L essere della metafisica, visto perlopiù come sostanza, ousia, per quanto declinabile in diverse categorie e modalità differenti, restava avvolto da un alone di astrattezza. 19 cfr. M. Heidegger, Essere e tempo, op. cit., p

23 Heidegger distingue il piano ontico, relativo all essere tradizionalmente inteso come sostanza e come genere, dal piano ontologico. L essere in senso tradizionale è velato dalle sovrastrutture categoriali, cioè dagli elementi formali che ne hanno nascosto l intima essenza, quel significato originario che l analitica esistenziale intende ripristinare. La dimensione ontica collegava l essere al genere e alle categorie più che alla verità come a-lètheia, nonnascondimento. È quanto emerge sin dagli esordi Essere di e tempo, che delinea il destino della tradizione metafisica nella forma di un graduale oblio dell essere. Rispetto ai modi tradizionali di pensare l essere, Heidegger afferma: L <<essere>>, secondo la denominazione dell ontologia medioevale, è un trascendens. Già Aristotele aveva riconosciuto nell unità di questo <<generale>> trascendentale, contrapposta alla 22

24 molteplicità reale dei sommi concetti di genere, l unità dell analogia. Nonostante la sua dipendenza dalla impostazione ontologica di Platone, Aristotele, con questa scoperta, ha posto il problema dell essere su una base fondamentalmente nuova. Ma non si può dire che egli abbia anche illuminato l oscurità di queste connessioni categoriali. L ontologia medioevale, specialmente nelle correnti tomistiche e scotistiche, ha discusso ampiamente questo problema, senza tuttavia giungere a una chiarificazione di fondo. E quando Hegel, infine, definisce l <<essere>> come l <<immediato indeterminato >> e pone questa definizione a base di tutte le sue successive elaborazioni categoriali, non si discosta dalla visuale della ontologia antica, con la differenza che egli pone in disparte il problema aristotelico 23

25 dell unità dell essere rispetto al molteplice reale delle <<categorie 20 >>. La grande svolta di Heidegger rispetto alla metafisica tradizionale consiste nel porre in primo piano il problema dell essere in chiave esistenziale. Con Heidegger, l essere cessa di porsi come un mero contenitore di cose, di enti confusi e immedesimati in un genere sommo dai tratti piuttosto vaghi. Il discorso speculativo heideggeriano basa il pensiero dell essere sulla riflessione del modo proprio di essere dell esser-ci, odasein, termine che in tedesco significa anche esistenza. L uso del termine analitica getta luce sull esigenza di volgere in senso esistenziale il metodo fenomenologico, che si basava sull interpretazione di eventi ontologici 20 cfr. M. Heidegger, Essere e tempo, op. cit., p

26 individuati complessivamente sulla base dell esperienza vissuta ( Erlebnis ). Esistono comunque rilevanti differenze che vanno ben oltre la pur significativa analogia di metodo tra fenomenologia husserliana e analitica heideggeriana, che riguardano il merito, ovvero la scelta di fini del tutto diversi e per taluni aspetti inconciliabili. L esperienza vissuta di Husserl, a furia di utilizzare schemi e formule astratte, si allontanava da una comprensione autentica del vero significato dell esistenza, la quale non può realizzarsi prescindendo dai dati emozionali e dalla situazione concreta sperimentabile sul piano dell esser- Analitica è un termine che entra nel dizionario filosofico contemporaneo grazie a Kant, il quale lo conia riprendendo l antico verbo greco analùo, che significa fare in parti da cui il nostro verbo analizzare. 25

27 Heidegger modifica il senso del termine analitica, con la semplice aggiunta di un aggettivo tutt altro che decorativo, come esistenziale. L analitica esistenziale è una metodologia di ricerca che vuole ribadire l esigenza di un ritorno all essere; come dic il nome, finalizzato a recuperare quell eccezione ontolo che sfugge tanto alla scienza-tecnica moderna quanto alla metafisica tradizionale. Ma entrambi i punti di vista, metafisico e scientifico, hanno di fatto perso di vista il genuino e profondo significato della parola essere. Secondo Heidegger per poter indagare il senso dell essere bisogna interrogare quell ente peculiare che, per essere tale, deve necessariamente sperimentare e porre in discussione il suo essere. Pertanto solo l esser-ci o esistenza (Dasein), può mettersi sulle tracce dell essere; ed 26

28 a ciò è destinato perché gli è essenzialmente familiare il domandare, e con il domandare, l essere 21. L esser-ci infatti è l unico ente capace di interrogarsi completamente e compiutamente su se stesso, soggetto privilegiato e nello stesso tempo posto in gioco di continuo. Questo essere che noi stessi siamo - osserva Leonardo Amoroso il protagonista dell analitica esistenziale, è introdotto e ribattezzato proprio in riferimento al suo essere interrogante 22 La stessaanalitica esistenziale non pretende di pervenire a risultati certi e inoppugnabili, è provvisoria almeno come il suo tema di indagine, l esser-ci. L analitica esistenziale rivela così i tratti di una forma del tutto inedita di discussione in merito alla questione dell essere. 21 L. Amoroso, Lichtung. Leggere Heidegger, Rosenberg & Sellier, Torino 1993, p Ibidem 27

29 Con l analitica esistenziale Heidegger ritiene di aver scoperto l ontologia fondamentale, sulla quale può basarsi il pensiero dell essere. L analitica esistenziale getta le basi di un ontologia che vuole superare la concezione metafisica. L analisi dell esistenza risponde all interrogazione ineluttabile circa il nostro essere-nel-mondo. In questo senso, rinvia alla possibilità di una piena consapevolezza dell esser-ci circa il proprio essere e il proprio riferimento al mondo; presuppone inoltre un approfondimento del concetto tradizionale di essere, che in fin dei conti porta a ridefinirlo in termini oggettivamente discordanti rispetto alla prospettiva metafisica antico-medioevale, e in parte a quella moderna. L analitica esistenziale pertanto risulta il primo approccio necessario per tentare di rispondere alla domanda che cos è l essere?. 28

30 L interrogativo sollecita una riflessione fondata storicamente, che intende riproporre il problema del senso dell essere. Individuando il programma di una riproposizione della questione dell essere, l analitica esistenziale sembra apparentemente riprendere dei temi di carattere tradizionale. Ma l attenzione all essere invocata da Heidegger non è rivolta nostalgicamente al passato ed è animata anzi dal proposito di revisionare l approccio tradizionale, in considerazione del fatto che tutta la storia della metafisica ha parlato dell essere in maniera inadeguata, confondendo l essere con semplice la presenza. L analitica esistenziale segue un orientamento ben preciso, che contempla l elaborazione di una ricerca riguardante in prima istanza il rinvenimento del senso dell essere. Non si tratta tuttavia di un ontologia definitiva, anzi. Siamo di fronte ad una nuova analisi dell essere che, diversamente 29

31 da quelle tradizionali tendenti a costruire un compiuto e completo sistema di pensiero, viene a caratterizzarsi come incompleta e addirittura provvisoria. Heidegger, infatti, non mira a risolvere la questione dell essere una volta per tutte, ma a sollevare l attenzione su un modello d interrogazione filosofica che per sua stessa natura sfugge a qualsiasi sistematicità, rispecchiando la struttura dinamica e flessibile dell esistenza nel suo evidente legame con la verità e l essere, due concetti che nel contesto heideggeriano risultano intimamente connessi tra di loro. Se fin dai tempi più lontani la filosofia ha congiunto verità ed essere puntualizza Amoroso a proposito della correlazione tra l istanza veritativa e la problematica ontico-ontologica riproponendo la 30

32 questione dell essere, non può non riproporre anche, al contempo la questione della 23 verità. Nella prospettiva dell analitica esistenziale non è possibile pensare l essere al di fuori del suo rapporto alla verità. L essere, descritto da Heidegger come un livello di realtà più profondo rispetto a come lo descrive la tradizione metafisica, confluisce e tende a confondersi con la verità stessa. Ma per Heidegger occorre ridefinire la verità classicamente intesa, in modo da porre le basi per una riproposizione del problema dell essere 24. In altri termini, è necessario ristabilire il significato originario della verità come alètheia, non nascondimento, concetto che risulta più profondo dell identificazione classica tra verità e adeguazione. 23 cfr. L. Amoroso, Lichtung. Leggere Heidegger, op. cit, p Ibidem 31

33 In tale prospettiva il concetto di verità cessa di essere connesso alla metafora della luce, cioè di un rischiaramento assoluto dei fenomeni, e, immedesimandosi con l essere e il linguaggio come sua emanazione, viene presentata in modo molto peculiare come Lichtung, termine traducibile approssimativamente come radura. La Lichtung è appunto la radura in cui la luce della verità (Licht in tedesco) si mostra a macchia di leopardo. L essere non è più una sostanza dai contorni netti e precisi, ma piuttosto una sintesi di ombra e luce, di trasparenza e nascondimento, di presenza e nulla. E il linguaggio, tornato protagonista dell esperienza speculativa contemporanea, viene posto in risalto non già solo come modalità di espressione dell uomo ma, in senso ermeneutico e dialettico, quale casa dell essere e cifra di quell interrogazione continua che costituisce l essenza di 32

34 un pensiero finalmente emancipato dall ipoteca metafisica dalle sue facili certezze. 5 - I pregiudizi ontologici Nell interpretazione di Heidegger la questione ontologica richiede un ripensamento radicale, al fine di coglierne il valore di principio dinamico, libero dai condizionamenti della tradizione metafisica, per poi riuscire, mediante le risorse linguistiche dell analitica esistenziale, non già a rimuovere i vari pregiudizi ontologici, ma a dar loro adeguata collocazione. Il supremo esercizio teoretico che vuole rispondere alla questione sull essenza dell essere può e deve avvalersi di presupposti apparentemente negativi, che sono appunto i vari pregiudizi metafisici. Questi travisamenti del modo corretto di impostare l interrogazione dell essere sono rivelativi nel certificare l omissione della risposta alla questione fondamentale de 33

35 filosofia, che è la tematica ontologica. Omissione che, affermando superficialmente la superfluità e l improponibilità della risposta al quesito che cos è l essere?, consente tuttavia di trovare degli spunti positivi, come punto di partenza di un percorso finalizzato a ridefinire lo statuto della verità, in contrapposizione al pensiero metafisico tradizionalmente inteso. Non si tratta di semplici fraintendimenti da risolvere una volta per tutte, ma di presupposti indispensabili, che rendono possibile una preventiva ripetizione esplicita del problema dell essere 25. BENCHÉ la rinascita della <<metafisica>> sia un vanto del nostro tempo, il problema dell essere è oggi dimenticato. Si crede infatti di potersi sottrarre a una rinnovata. Eppure non si tratta di un problema qualsiasi. Esso ha ispirato il pensiero di Platone e Aristotele, anche 25 cfr. M. Heidegger, Essere e tempo, op. cit., p

36 se ha senz altro taciuto dopo di loro, come il problema tematico di una vera ricerca 26. Heidegger ribatte ai pregiudizi ontologici peculiari della tradizione metafisica, argomentando che l indefinibilità e la presunta ovvietà del concetto di essere rendono indispensabile un indagine profonda e variegata per contenuti, temi e variazioni. Heidegger critica chi professa l impossibilità per l uomo di definire l essere o chi lascia cadere il discorso ontologico, considerandolo superfluo, e del tutto indegno un analisi speculativa sui generis. Dire infatti che quello di <<essere>> è il più generale dei concetti, non equivale a dire che è anche il più chiaro e che non richiede alcuna ulteriore discussione. Il concetto di <<essere>> è anzi il più oscuro di tutti cfr. M. Heidegger, Essere e tempo, op. cit., p Ibidem 35

37 Per l autore di Essere e tempo non bisogna fermarsi alle apparenze, ma scavare in fondo per risalire alle sorgenti stesse dei diversi equivoci ontologici, presenti addirittura prima che si coniasse la significativa espressione metafisica. Si dice: il concetto di <<essere>> è il più generale e vuoto di tutti e resiste perciò a qualsiasi tentativo di definirlo. D altra parte, in quanto generalissimo, e come tale indefinibile, non ha neppur bisogno di essere definito. Tutti lo impiegano continuamente e anche già comprendono che cosa si intende con esso. In tal modo, ciò che, per il suo nascondimento, sospinse e mantenne nell inquietudine il filosofare degli antichi, è divenuto chiaro e ovvio, a tal punto che 36

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail.

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail. Essere e Tempo a cura di R. Terzi r_terzi@hotmail.com SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it Introduzione Essere e tempo (Sein und Zeit) di Martin Heidegger costituisce uno dei testi più importanti

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Eric M. Dale, Hegel, the End of History, and the Future, Cambridge University Press, 2014, pp. 256, $ 95.00, ISBN 9781107063020

Eric M. Dale, Hegel, the End of History, and the Future, Cambridge University Press, 2014, pp. 256, $ 95.00, ISBN 9781107063020 Eric M. Dale, Hegel, the End of History, and the Future, Cambridge University Press, 2014, pp. 256, $ 95.00, ISBN 9781107063020 Francesco Campana, Università degli Studi di Padova In Hegel, the End of

Dettagli

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4 PREFAZIONE Si propongono qui di seguito i testi delle relazioni presentate nel corso della giornata di studi Fichte 1814-2014. La filosofia teoretica tenutasi il 18 marzo 2014 presso l Istituto di Studi

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Martin Heidegger Martin Heidegger (1889-1976) Dal Neokantismo all'ontologia comprendere L Esser-ci come progetto gettato

Martin Heidegger Martin Heidegger (1889-1976) Dal Neokantismo all'ontologia comprendere L Esser-ci come progetto gettato Martin Heidegger Nella celebre Lettera sull'umanismo del 1947 Heidegger in polemica con Sartre nega la propria appartenenza all'esistenzialismo. rivoluzione interpretativa: da filosofo dell'esistenza a

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Diventare ciò che si è

Diventare ciò che si è Calogero Caltagirone Diventare ciò che si è La prospettiva etica come principio di umanizzazione ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING prof. Giorgio Morgione CENNI BIOGRAFICI 1775 nasce il 27 gennaio a Leonberg 1791 inizia il seminario di teologia a Tubinga, dove conosce Hördeling e Hegel 1799 dopo

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche Natascia Bobbo Pedagogia: definizione Si può definire la pedagogia come il sapere de e sull educazione. Essa è in pratica la disciplina che analizza

Dettagli

1. Una trasposizione didattica del sapere epistemologicamente e pedagogicamente fondata

1. Una trasposizione didattica del sapere epistemologicamente e pedagogicamente fondata La programmazione didattica delle discipline Berta Martini 1. Una trasposizione didattica del sapere epistemologicamente e pedagogicamente fondata Formulare un ipotesi metodologica di programmazione didattica

Dettagli

2. Il problema del metodo

2. Il problema del metodo 2. Il problema del metodo 2.1 Lo sviluppo del pensiero filosofico-scientifico tra Cinque e Seicento porta in primo piano il problema del metodo, vero e proprio filo continuo tra vari pensatori che pure

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

Corso di Alta Formazione

Corso di Alta Formazione Corso di Alta Formazione Dottrina Sociale della Chiesa e Costituzione Italiana: laici e cattolici a servizio del Paese reale MODULO 3 ETICA E POLITICA: DIRITTI, VALORI, CULTURA ED EDUCAZIONE IN TERRA DI

Dettagli

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233

Affido Adolescenti. I bambini e gli adolescenti in affidamento familiare Firenze 1999 pg. 233 Coordinamento Nazionale Servizi Affidi Affido Adolescenti Premesse Il Coordinamento Nazionale Servizi Affido offre un documento relativo al tema dell affido familiare di adolescenti, già confrontato e

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Le sfide europee in tema di diritto della famiglia e dei minori

Le sfide europee in tema di diritto della famiglia e dei minori PONTIFICIA UNIVERSITA LATERANENSE Corso Superiore di Specializzazione Universitario Diritto e tutela dei minori CERIMONIA DI CONSEGNA DEI DIPLOMI Roma 13 aprile 2011 Le sfide europee in tema di diritto

Dettagli

Capitolo 2 LE FINALITA EDUCATIVE

Capitolo 2 LE FINALITA EDUCATIVE Capitolo 2 LE FINALITA EDUCATIVE 2.1 I principi ispiratori (comunità educante e formativa) L Istituto Ettore MAJORANA di Torino, inteso come realtà educativa e formativa, è connotato dall'insieme delle

Dettagli

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio)

La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali. (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La mediazione linguistico-culturale nei servizi sociali (Alcune riflessioni a cura di Daniela Giuliani e Paola Del Vecchio) La figura del mediatore culturale è nata negli anni sulla base di precise esigenze,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF.SSA Claudia Zardini MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 Finalità della disciplina Nell ambito dell intero processo

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA

INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA LINEE GENERALI E FINALITÀ Nel rispetto della legislazione concordataria, l insegnamento della religione cattolica (IRC) si colloca nel quadro delle finalità della

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Idee per una rilettura Hans Georg Gadamer La ragione nell'età della scienza (Il nuovo melagnolo, Genova 1999) di Scilla Bellucci

Dettagli

GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo

GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo Educa 2012: invito ai giovani GENERAZIONE dei BENI COMUNI Altri modi di abitare il mondo 1. Il nucleo tematico Il nostro tempo è adesso, qui e ora. Il progetto è qui e ora, il futuro è qui e ora, l orizzonte

Dettagli

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero)

PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) PROGETTO CANTIERE LAVORO (un laboratorio per l inclusione sociale attivo per un anno intero) Un laboratorio aperto tutto l anno per favorire gli inserimenti lavorativi delle persone svantaggiate, è la

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA INTRODUZIONE ALLA BIOETICA Nel presentare il tema introduzione alla bioetica che ho tenuto il 18 maggio scorso presso la Comunità dei Padri Camilliani di Macchia-Monte Sant Angelo, ho iniziato parlando

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA L ARTE CONTEMPORANEA E LA DISINTEGRAZIONE DEL RAPPORTO TRA LINGUAGGIO E REALTA Relatore Prof.ssa

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli Alessandro Alessandro Ricci Ricci Psicologo Psicologo Psicoterapeuta Psicoterapeuta Università Università Salesiana

Dettagli

Per i diritti umani di Barbara Pezzini

Per i diritti umani di Barbara Pezzini Accademia della Guardia di Finanza, Bergamo 25 novembre 2009 Premiazione del Concorso ScuolAccademia 2009 Per i diritti umani di Barbara Pezzini Questo intervento si rivolge ad una comunità di studenti

Dettagli

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE.

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. A cura di: Domenico Nigro. Direttore didattico e trainer della Scuola IN Counseling. Consulente aziendale. Life e Business Coach. INDICE Cap.1: Coaching &

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

«Persona e formazione. Riflessioni per la pratica educativa e psicoterapeutica» a cura di A. Manenti, S. Guarinelli e H. Zollner *

«Persona e formazione. Riflessioni per la pratica educativa e psicoterapeutica» a cura di A. Manenti, S. Guarinelli e H. Zollner * Tredimensioni 5(2008) 105-110 «Persona e formazione. Riflessioni per la pratica educativa e psicoterapeutica» a cura di A. Manenti, S. Guarinelli e H. Zollner * Carlo Bresciani E ssendo un libro scritto

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO.

Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO. Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO. Romeo Lucioni Il tema dell Essere permea la metafisica ed è il fondamento della filosofia anche se spesso questa sembra attratta

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

LA CRISI DELLA GENITORIALITÁ. IL CASO DEI PADRI SEPARATI

LA CRISI DELLA GENITORIALITÁ. IL CASO DEI PADRI SEPARATI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI TESI DI LAUREA LA CRISI DELLA GENITORIALITÁ. IL CASO DEI PADRI SEPARATI

Dettagli

Caterina Zanfi Bergson e la filosofia tedesca 1907 1932 Quodlibet Studio, Macerata 2013, pp. 336, 26

Caterina Zanfi Bergson e la filosofia tedesca 1907 1932 Quodlibet Studio, Macerata 2013, pp. 336, 26 Caterina Zanfi Bergson e la filosofia tedesca 1907 1932 Quodlibet Studio, Macerata 2013, pp. 336, 26 Il saggio Bergson e la filosofia tedesca. 1907 1932, permette di penetrare all'interno di alcuni dei

Dettagli

Anche le informazioni giuridiche, quindi, devono essere corrette, complete, non contraddittorie e comprensibili per chi legge.

Anche le informazioni giuridiche, quindi, devono essere corrette, complete, non contraddittorie e comprensibili per chi legge. L ATTO AMMINISTRATIVO: semplificare si può La seconda parte del progetto Fare Comune ha come obiettivo la semplificazione del linguaggio all interno di un settore in cui, ancora oggi, non si riscontra

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Sandro Palazzo, Trascendentale e temporalità. Gilles Deleuze e l eredità kantiana, a cura di Carla de Pascale, Pisa, ETS, 2013, 480 pp.

Sandro Palazzo, Trascendentale e temporalità. Gilles Deleuze e l eredità kantiana, a cura di Carla de Pascale, Pisa, ETS, 2013, 480 pp. 398 Recensioni Sandro Palazzo, Trascendentale e temporalità. Gilles Deleuze e l eredità kantiana, a cura di Carla de Pascale, Pisa, ETS, 2013, 480 pp. di Alment Muho Nella ormai vasta bibliografia su Deleuze,

Dettagli

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ?

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? Inserto insieme Diocesi Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? INSERTO Il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e il Servizio Diocesano per l

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

La sicurezza delle tende da interno

La sicurezza delle tende da interno La sicurezza delle tende da interno A cura dell avv. Filippo Cafiero Generalmente quando ci si sofferma a ragionare di sicurezza di tende da interni l attenzione e il pensiero, anche da parte degli operatori

Dettagli

LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO.

LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. Introduzione a Martin Heidegger 1 Heidegger è sulla stessa lunghezza d'onda della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1

I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1 I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1 L idea di Storia insegnata ha sicuramente subito profonde trasformazioni nel presente, sia per le mutazioni dello statuto epistemologico

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello Indice Prefazione Introduzione Prima parte: La mente Capitolo 1: La creatività Capitolo 2: Il cervello Seconda parte: L arte Capitolo 3: L estetica La forma Capitolo 4: La percezione visiva Capitolo 5:

Dettagli

1.3 LA LIRA DI NARCISO

1.3 LA LIRA DI NARCISO 1.3 LA LIRA DI NARCISO 1.3.1 Generi e fini del Life Narrative Come abbiamo più volte sostenuto l avvento della scrittura rivoluzionò le prassi umane e soprattutto le forme di pensiero. La grammatizzazione

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

L intervento di De Bartolomeis

L intervento di De Bartolomeis APPUNTI PER UNA RIFLESSIONE SUL PROGETTO DI ATTIVITA ARTISTICA Gli appunti fino ad ora letti e discussi risalgono ad una visione dell attività artistica essenzialmente di stampo arnhemiano. Le letture

Dettagli

IL REGIME GIURIDICO DEI SISTEMI DI RICONOSCIMENTO BIOMETRICO. di Luca Giacopuzzi*

IL REGIME GIURIDICO DEI SISTEMI DI RICONOSCIMENTO BIOMETRICO. di Luca Giacopuzzi* IL REGIME GIURIDICO DEI SISTEMI DI RICONOSCIMENTO BIOMETRICO di Luca Giacopuzzi* I sistemi di rilevazione biometrica 1 hanno ad oggetto dati ricavati dalle caratteristiche fisiche o comportamentali di

Dettagli

Spirito, Coscienza ed Energia alla base della pratica formativa

Spirito, Coscienza ed Energia alla base della pratica formativa Spirito, Coscienza ed Energia alla base della pratica formativa Opera - Accademia Italiana di Formazione Olistica costituisce una proposta originale nel panorama italiano della formazione relativa alle

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO Tamara Mazzoleni Convegno C.e.s.c. Lombardia Formatori in rete Costruzione di un percorso. Formazione generale

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

TITOLO: All entrata in vigore dei Criteri di qualificazione della figura del formatore, quali opportunità e quali pericoli già evidenti?

TITOLO: All entrata in vigore dei Criteri di qualificazione della figura del formatore, quali opportunità e quali pericoli già evidenti? TITOLO: All entrata in vigore dei Criteri di qualificazione della figura del formatore, quali opportunità e quali pericoli già evidenti? di Cinzia Frascheri 1 Pubblicato 2013 La formazione rappresenta

Dettagli

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia

Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche. Donatella Savio Università di Pavia Dal ddl 1260 alla legge delega del governo: quali opportunità pedagogiche Donatella Savio Università di Pavia Con il mio intervento intendo proporre alcune riflessioni su 3 opportunità pedagogiche per

Dettagli

LA MUSICA E LA SCUOLA: UN POSSIBILE 1

LA MUSICA E LA SCUOLA: UN POSSIBILE 1 LA MUSICA E LA SCUOLA: UN POSSIBILE 1 INCONTRO Enrico Bottero 1.Il contesto istituzionale Il mondo della scuola e dell educazione registra in questi anni profondi cambiamenti che riguardano anche l educazione

Dettagli

Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile

Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile Queste parole non sono parole. O non sono soltanto parole. O non sono inevitabilmente parole. Il lettore le considera

Dettagli

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA Liceo delle Scienze Umane Alessandro da Imola /Imola Anno scolastico 2013/14 Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero Piano di

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell.

SINERGO Società Cooperativa Sociale onlus Viale Alfieri n. 10, 46100 Mantova C.F. P.iva 02114040203 Tel/Fax 0376/367555 Cell. Spett.le Dott. Beccari Direttore di IAL Lombardia Alla cortese attenzione Del Direttore dott. Beccari Oggetto: Quanto si propone è diretta emanazione del progetto Alla faccia del disagio!, esso ha generato

Dettagli

Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario

Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario Università degli studi Roma tre Facoltà di giurisprudenza Dottorato di diritto amministrativo XX ciclo Tesi di dottorato Sommario L organizzazione delle pubbliche amministrazioni dopo la riforma del Titolo

Dettagli

Giuseppe Limone SUL DIRITTO ALLA FILOSOFIA

Giuseppe Limone SUL DIRITTO ALLA FILOSOFIA Giuseppe Limone SUL DIRITTO ALLA FILOSOFIA (7 DEF) 1. Il nostro tempo appreso col pensiero, ci presenta una società planetaria con alcune caratteristiche di fondo: complessa, veloce, liquida, scientificizzata.

Dettagli

F ilos o f a r e c o n i b a m b i n i e i r a g a z z i Corso di formazione per docenti facilitatori

F ilos o f a r e c o n i b a m b i n i e i r a g a z z i Corso di formazione per docenti facilitatori F ilos o f a r e c o n i b a m b i n i e i r a g a z z i Corso di formazione per docenti facilitatori Rete di Filosofia per tutti Savona web: www.filosofiapertutti.eu Filosofare con i bambini e i ragazzi

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

Nuove prospettive in psicologia clinica e in psicoterapia La svolta paradigmatica Marco Inghilleri

Nuove prospettive in psicologia clinica e in psicoterapia La svolta paradigmatica Marco Inghilleri Nuove prospettive in psicologia clinica e in psicoterapia La svolta paradigmatica Marco Inghilleri L epistemologia applicata alla psicologia clinica La riflessione epistemologica in Psicologia clinica

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

La Psicoterapia: Il piacere di una conquista Alexander Lommatzsch

La Psicoterapia: Il piacere di una conquista Alexander Lommatzsch La Psicoterapia: Il piacere di una conquista Alexander Lommatzsch La psicoterapia della Gestalt, come anche l approccio fenomenologico/esistenziale, mette al centro dell attenzione l esperienza che l essere

Dettagli