ESSERE E LINGUAGGIO IN HEIDEGGER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESSERE E LINGUAGGIO IN HEIDEGGER"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA IN FILOSOFIA ESSERE E LINGUAGGIO IN HEIDEGGER Tesi di Laurea di: Calogero Turco Relatore: Ch.mo Prof.Pietro Palumbo ANNO ACCADEMICO 2004/2005

2 I. LA RIFLESSIONE HEIDEGGERIANA FINO A ESSERE E TEMPO 1 - Dall essere al linguaggio Martin Heidegger (Messkirch, ), può essere a pieno titolo considerato il principale filosofo tedesco del secolo scorso. Tra i lavori più importanti ricordiamo: Essere e tempo 1 2, (1927), Sentieri interrotti (1950), In 3 cammino verso il linguaggio (1959). L opera di Martin Heidegger è una delle espressioni più interessanti della filosofia contemporanea, e certamente la più influente nell ambito del pensiero novecentesco, il quale si è rispecchiato nel programma di una messa in questione della metafisica, non finalizzata ad ottenere un 1 cfr. M. Heidegger, Essere e tempo, trad. it. di P. Chiodi Longanesi, Milano cfr. M. Heidegger, Sentieri interrotti, trad. it. di P. Chiodi, La Nuova Italia Editrice, [1968] Firenze cfr. M. Heidegger, In cammino verso il linguaggio, trad. it. di A. Caracciolo e M. Caracciolo Perotti, Mursia, Milano

3 alternativo sistema di idee, ma proponendo il definitivo accantonamento della stessa idea di sistema filosofico. La lezione heideggeriana ha determinato una trasformazione di enorme portata nel panorama della cultura post-moderna, la quale è stata capace di ridefinire i rapporti tradizionali, interni alla storia della metafisica, e anche concezioni ormai consolidate, che del discorso metafisico sono le estreme conseguenze, effettuando un incredibile capovolgimento di prospettive. Heidegger ha innescato una vera e propria rivoluzione filosofica fondata su presupposti fenomenologici, esistenziali ed ermeneutici, forse non ancora pienamente decifrati in tutta la loro innegabile profondità e rilevanza. Fino alle soglie della nascita dell analitica esistenziale, il pensiero metafisico ha posto il pensiero a notevole distanza dall esser-ci Dasein). ( 2

4 Questa concezione giustifica la straordinaria importanza della prospettiva heideggeriana, animata dalla scelta decisiva di abbandonare la classica identificazione tra essere e sostanza. I congegni filosofici ereditati dalla tradizione occidentale, lo stesso svolgersi della metafisica nella storia, hanno sempre più allontanato l uomo da sé stesso, imbrigliando la mente con formule e schemi inautentici. Il risultato di questa operazione ermeneutica, radicata su u profondo ragionato e motivato ripensamento dell ontologia tradizionale, è stato epocale, rilanciando una visione del mondo che colloca in primo piano l esser-ci, nel suo costitutivo rapporto con l essere e la sua concretezza. Con Heidegger dunque emerge un interpretazione in chiave esistenziale dell essere, che perde i suoi caratteri formalistici e generici. Ne deriva una riqualificazione dell essere a partire dal suo rapporto con l esserci, 3

5 finalmente emancipato da tante ormai logore determinazi dell onto-teologia, della logica e della metafisica tradizionali. Un altro aspetto rilevante della concezione filosofica heideggeriana, che ne conferma l innegabile modernità, è l idea di una connessione più esplicita tra dimensione ontologica e dimensione linguistica, tra essere e linguaggio. L analitica esistenziale esprime un interesse tutt altro che marginale per i vari aspetti dell esperienza del linguaggio nelle sue relazioni con il problema dell approfondimento del senso dell essere, attraverso le caratteristiche modalità che vi danno forma. Già in Essere e tempoil problema del linguaggio è presente in maniera diffusa e articolata. La stessa analitica esistenziale pone dei continui interrogativi di carattere linguistico. Heidegger procede infatti esaminando vari 4

6 termini che compongono il suo dizionario ontologico come un navigato filologo, e tende a presentare i diversi dilemmi filosofici anche nella forma di fraintendimenti o incomprensioni linguistiche. La lezione heideggeriana elabora un progetto innovativo e costruttivo di recupero del senso dell essere, nel quale il rapporto al linguaggio emerge come nesso vitale capace di realizzare un approccio più autentico con la verità. 2 - Il superamento del neokantismo Agli esordi Heidegger guardò con un certo interesse al Neocriticismo, che aveva aggiornato la prospettiva kantiana. Ne è in qualche modo testimonianza l argomento della tesi di laurea, La dottrina del giudizio nello psicologismo. Contributo critico-positivo sulla 4. logic 4 cfr. M. Heidegger, La dottrina del giudizio nello psicologismo. Contributo critico-positivo sulla logica, trad. it. di A. Babolin, La Garangola, Padova

7 È un saggio di notevole rilevanza, non solo perché si tratta del debutto assoluto di Heidegger come filosofo, ma soprattutto perchè manifesta un determinante interesse per alcuni temi che saranno ampiamente sviluppati nel corso del suo lungo percorso di ricerca. La tesi analizza, criticandola, la prospettiva di Wundt, Brentano, Lipps e altri filosofi della mente, i quali avevano concepito una revisione della logica in chiave psicologistica. L opera prima di Heidegger esibisce chiaramente una vicinanza concettuale con il Neokantismo, mentre nella successiva tesi di dottorato La dottrina delle categorie e del significato in Duns Scoto 5 riprende l interesse per la logica ma lo rivolge ad una ricostruzione storico-filosofica di alcuni motivi essenziali della Scolastica medioevale, 5 cfr. M. Heidegger, La dottrina delle categorie e del significato in Duns Scoto, Laterza, Roma-Bari

8 rivisitati in una prospettiva, di fatto, se non già ufficialmente, fenomenologica. Da questo momento in avanti Heidegger sarà sempre più attratto nell orbita della Fenomenologia di Edmund Husserl, un pensiero radicato sull esperienza vissuta ( Erlebnis ) e non più sulle astratte categorie della logica tradizionale. Husserl si proponeva di osservare i vari fenomeni adottando la prospettiva trascendentale kantiana, e quindi prescindendo dalla contrapposizione soggetto-oggetto, m interpretata in una maniera più dinamica e moderna. 3 - Fatticità e storicità della vita Prima di Essere e tempo (1927) il pensiero heideggeriano è contrassegnato dalla problematica della storicità e della fatticità della vita. 7

9 Heidegger darà alla fenomenologia una curvatura innovativa personale, che lo porterà anche a distanziarsi da Husserl. L intento di Heidegger era quello di giungere fenomenologicamente ad una comprensione della vita stes nella sua genesi, schivando la mancanza di concretezza di un approccio eccessivamente accademico, di derivazione neokantiana. Sin d ora, comunque, Heidegger mirava principalmente a ritrovare un più profondo significato esistenziale dell interrogazione filosofica. Prendendo spunto dai termini e dalla concezione tipica del neokantismo, maturano in Heidegger problemi ed esigenze che in tale ambito non si lasceranno più risolvere 6, e che sono direttamente rinviabili al problema, niente affatto scontato nell ambito della filosofia scientifica del 6 cfr. G. Vattimo, Introduzione ad Heidegger, Laterza, Roma-Bari 2002, p.8. 8

10 Novecento, di riconoscere la storicità dello spirito vivente 7. In altri termini, Heidegger orienta il suo discorso sulla base della prospettiva di Dilthey, che scorgeva nella dimensione storica una forza dinamica e irrazionale, espressione della libertà, della vitalità e della creatività dell uomo, e come tale irriducibile a schemi e categorie di origine kantiana. E sarà proprio la scoperta della vita della coscienza come storicità che schiuderà ad Heidegger un concetto di temporalità irriducibile al concetto di tempo usato nelle scienze fisiche 8 Ammettere i caratteri di storicità dello spirito, cioè della realtà umana nel suo complesso come contrapposta alle scienze della natura (Naturwissenschaften), implica direttamente quel fenomeno che in seguito Heidegger 7 cfr. G. Vattimo, Introduzione ad Heidegger, op. cit., p.8. 8 Ibidem 9

11 definirà l effettività dell esistenza, la quale rende impossibile vedere il soggetto della conoscenza come quel soggetto puro che è presupposto di ogni posizione di tipo trascendentale 9. L effettività non è, e non può essere presa in considerazione dalle scienze esatte, che adoperano una metodologia di ricerca che mette tra parentesi la vita vissuta dell uomo, il suo esser-ci. [..]Non solo o non tanto, incontrato a un certo punto il problema della storicità, Heidegger riconosce che anch'esso può trovare soluzione adeguata solo dal punto di vista di una nuova impostazione ontologica osserva Vattimo ma più fondamentalmente è proprio il fenomeno della 9 cfr. G. Vattimo, Introduzione a Heidegger, op. cit., p. 8 10

12 storicità e della <<vita>> quello che impone la riproposizione del problema 10 dell'essere [ ]. Per Heidegger il senso della temporalità acquista valore solo relativamente al nostro essere-nel-mondo. Nel decisivo passaggio dal Neocriticismo alla Fenomenologia, è doveroso riflettere sulla autonoma presa di posizione di Heidegger, maturata da un originale ripensamento della prospettiva kantiana svolto a prescindere dall adozione del punto di vista trascendenta Del resto, non ha senso pensare che Heidegger si avvicini a Husserl anzitutto nella misura in cui, anche per lui, è centrale la tematica trascendentale 11. Evidentemente il futuro autore di Essere e tempo era in cerca di un nuovo metodo filosofico, al fine da liberarsi 10 cfr. G. Vattimo, Introduzione a Heidegger, op. cit., p cfr. G. Vattimo, Introduzione a Heidegger, op. cit., p

13 dalla maniera astratta di presentare i problemi filosofici tipica del Neokantismo. È vero che, per molti aspetti [..] la fenomenologia husserliana, con il programma della riduzione trascendentale, presenta profonde affinità con il neokantismo. Ma proprio il fatto che Essere e tempo, che con il neokantismo non ha più nulla da spartire, sia dedicato a Husserl, dimostra che Heidegger vedeva in Husserl e nella fenomenologia, più che una variazione e un approfondimento del punto di vista trascendentale neokantiano, il modo per allargare il suo discorso proprio nella direzione di quelle dimensioni di storicità, di effettività, potremmo dire di concretezza, a cui alludevano le pagine conclusive della tesi su Scoto cfr. G. Vattimo, Introduzione a Heidegger, Laterza, Roma-Bari 2002, op. cit., pp

14 In altre parole, Heidegger non guarda alla fenomenologia con le stesse motivazioni con cui si era accostato al criticismo neokantiano, ma per ragioni di tutt altro segno, Heidegger è particolarmente interessato a quello che potrebbe essere considerato un semplice motto o un aforisma, ma che rappresenta molto di più, cioè l invito di Husserl di andare alle cose stesse, verso la concretezza della vita reale. Mentre il neokantismo privilegiava la scienza - scrive Vattimo - nel suo carattere costruttivo e matematizzante, come unica forma di conoscenza valida, per Husserl l atto conoscitivo si risolve nella Anschauung, l intuizione (delle essenze), che non si riduce alla conoscenza scientifica, ma è un incontrare le cose, per dir così, in carne e ossa cfr. G. Vattimo, Introduzione a Heidegger, op. cit., p. 9 13

15 Heidegger concorda con Husserl nel considerare estremamente riduttivo il punto di vista delle scienze esatte, che pongono una sorta di velo fatto di schemi matematici e formule operative, impedendo all uomo di raggiungere quel tipo di conoscenza pre-categoriale che, per la Fenomenologia, garantisce dell unico vero sapere. Pre-categoriale è quella conoscenza che prescinde e supera quell apparato di categorie che per i neokantiani era indispensabile al raggiungimento di un metodo certo e rigoroso di risolvere i problemi scientifici. La conoscenza pre-categoriale, rifiutando la prevedibilità la consequenzialità dell approccio matematizzante all essere, si basa sull intuizione, l Anschauung, che in Husserl non è una forza irrazionale, o un impulso mistico alla maniera romantica, ma indica semplicemente un percorso di avvicinamento alla realtà delle cose. 14

16 È a questa concezione husserliana dell intuizione che si ricollegherà l interpretazione heideggeriana del concetto di fenomeno in Essere e tempo, - puntualizza Vattimo - che non intende più questo concetto, come il neokantismo, in contrapposizione alla cosa in sé, ma come <<manifestazione>> positiva dell essenza stessa della 14. cosa L intuizione concepita come avviamento alla conoscenza pre-categoriale, non vuole negare l esperienza della realtà ma approfondirla. In questo senso, rappresenta un antecedente necessario dell analitica esistenziale, che v rivolgersi all autenticità dell essere e quindi al ripristino di un rapporto trasparente con la verità. Giustamente è stato notato che la sostituzione della Anschauung alla scienza, che costruisce il mondo dell esperienza in rigorose strutture matematiche, è un 14 cfr. G. Vattimo, Introduzione a Heidegger, op. cit., p

17 passo avanti verso la liberazione dai limiti del trascendentalismo neokantiano 15. L intuizione fenomenologica viene dopo l esperienza, non prima; non è un presupposto da assumere dogmaticamente, in astratto, bensì un punto d arrivo concreto, un modello di conoscenza aperta, da costruire passo a passo, in una ravvicinata presa di contatto con i fenomeni. 4 L analitica esistenziale In Essere e tempo, Heidegger parlerà esplicitamente di integrare l impostazione fenomenologica e la prospettiva diltheyana di un contatto più esplicito con il mondo-dellavita; si tratta di esigenze diverse ma non troppo, che confluiranno in quella complessa struttura di pensiero che è l analitica esistenziale. Heidegger non poteva non giungere al definitivo e fatale distacco da Husserl, che con operazioni artificiose come 15 cfr. G. Vattimo, Introduzione a Heidegger, cit., p

18 l epochè, o sospensione del giudizio, rendeva pressoché impossibile risalire alle ragioni stesse dell esistenza, e riuscire finalmente a rispondere alla domanda che cos è l essere. La riproposizione del problema del senso dell essere rappresenta infatti la questione fondamentale cui Heidegge dedica la sua intera ricerca filosofica. La metafisica ha tematizzato in molteplici forme il problema ontologico, ma, secondo Heidegger, nel suo nucleo più profondo questo tema d indagine è rimasto in realtà inascoltato. Per Heidegger è indispensabile dunque ritornare all essere e porsi in ascolto di una dimensione troppo spesso trascurata o considerata a torto risolta una volta per tutti. L interrogazione di senso che ha come suo fine l accertamento della questione dell essere può e deve 17

19 proseguire, a condizione di rimuovere i vari pregiudizi che circolano intorno ad essa. Heidegger nel primo capitolo di Essere e tempo pone l accento sulla necessità di una ripetizione esplicita del problema ontologico. Il filosofo tedesco riflette sul fatto che il concetto di essere sia ad oggi completamente caduto in oblio. Ormai è venuta meno l esigenza di un confronto costruttivo e di un approfondimento del senso dell essere. Heidegger vuol farsi portavoce di un ritorno in grande stile alla tematica ontologica e a tale scopo intende ricollegarsi agli sforzi greci per giungere all interpretazione dell essere 16. Heidegger parla con cognizione di causa della costituzione di un vero e proprio dogma filosofico, che oltre a 16 cfr. M. Heidegger, Essere e tempo, op.cit., p.17 18

20 dichiarare superfluo il problema del senso dell essere, ne legittima la omissione 17. In altri termini, c è stata e c è una tendenza, pressoché universale, a non tematizzare più l essere, a non considerarlo più qualcosa di essenziale ai fini di una ricerca speculativa seria e rigorosa. Scrive Heidegger: Il concetto di<<essere>> è il più generale e vuoto di tutti e resiste perciò a qualsiasi tentativo di definirlo. D altra parte, in quanto generalissimo, e come tale, non ha neppur bisogno di essere definito. Tutti lo impiegano continuamente e anche già comprendono che cosa si intende con esso. In tal modo, ciò che, per il suo nascondimento, sospinse e mantenne nell inquietudine il filosofare degli antichi, è divenuto chiaro ed ovvio, a tal punto 17 cfr. M. Heidegger, Essere e tempo, trad. it. di P. Chiodi, Longanesi, Milano 1970, op. cit. p

21 che colui che si ostina a farlo oggetto di ricerca è accusato di errore metodologico 18. Sein und Zeit si apre con la delineazione della necessità, struttura e primato del problema dell essere, che non si può trattare come un concetto qualsiasi dell indagine filosofica, ma deve tornare a interpretare un ruolo da protagonista. Heidegger intende l essere in maniera diversa da come lo intendevano i pensatori che se ne erano occupati dopo Platone ed Aristotele. InEssere e tempo giunge addirittura a definire i filosofi successivi quali autori capaci di realizzare solo modifiche e ritocchi ai loro sistemi speculativi: Quanto essi acquisirono si è mantenuto fino alla Logica di Hegel, scrive Heidegger attraverso una serie di modifiche e di ritocchi. Ciò che quell estremo sforzo del pensiero riuscì allora a 18 cfr. M. Heidegger, Essere e tempo, op. cit., p

22 strappare ai fenomeni, sia pure in modo frammentario e rudimentale, si è da tempo trivializzato 19. Tuttavia non si tratta di rifare il verso agli antichi, ma di creare una nuova filosofia dell essere, centrata sull esistenza. Finalità della ricerca filosofica diventa la concretezza di situazioni reali e realmente coinvolte nella progettualità dell Esser-ci. L essere della metafisica, visto perlopiù come sostanza, ousia, per quanto declinabile in diverse categorie e modalità differenti, restava avvolto da un alone di astrattezza. 19 cfr. M. Heidegger, Essere e tempo, op. cit., p

23 Heidegger distingue il piano ontico, relativo all essere tradizionalmente inteso come sostanza e come genere, dal piano ontologico. L essere in senso tradizionale è velato dalle sovrastrutture categoriali, cioè dagli elementi formali che ne hanno nascosto l intima essenza, quel significato originario che l analitica esistenziale intende ripristinare. La dimensione ontica collegava l essere al genere e alle categorie più che alla verità come a-lètheia, nonnascondimento. È quanto emerge sin dagli esordi Essere di e tempo, che delinea il destino della tradizione metafisica nella forma di un graduale oblio dell essere. Rispetto ai modi tradizionali di pensare l essere, Heidegger afferma: L <<essere>>, secondo la denominazione dell ontologia medioevale, è un trascendens. Già Aristotele aveva riconosciuto nell unità di questo <<generale>> trascendentale, contrapposta alla 22

24 molteplicità reale dei sommi concetti di genere, l unità dell analogia. Nonostante la sua dipendenza dalla impostazione ontologica di Platone, Aristotele, con questa scoperta, ha posto il problema dell essere su una base fondamentalmente nuova. Ma non si può dire che egli abbia anche illuminato l oscurità di queste connessioni categoriali. L ontologia medioevale, specialmente nelle correnti tomistiche e scotistiche, ha discusso ampiamente questo problema, senza tuttavia giungere a una chiarificazione di fondo. E quando Hegel, infine, definisce l <<essere>> come l <<immediato indeterminato >> e pone questa definizione a base di tutte le sue successive elaborazioni categoriali, non si discosta dalla visuale della ontologia antica, con la differenza che egli pone in disparte il problema aristotelico 23

25 dell unità dell essere rispetto al molteplice reale delle <<categorie 20 >>. La grande svolta di Heidegger rispetto alla metafisica tradizionale consiste nel porre in primo piano il problema dell essere in chiave esistenziale. Con Heidegger, l essere cessa di porsi come un mero contenitore di cose, di enti confusi e immedesimati in un genere sommo dai tratti piuttosto vaghi. Il discorso speculativo heideggeriano basa il pensiero dell essere sulla riflessione del modo proprio di essere dell esser-ci, odasein, termine che in tedesco significa anche esistenza. L uso del termine analitica getta luce sull esigenza di volgere in senso esistenziale il metodo fenomenologico, che si basava sull interpretazione di eventi ontologici 20 cfr. M. Heidegger, Essere e tempo, op. cit., p

26 individuati complessivamente sulla base dell esperienza vissuta ( Erlebnis ). Esistono comunque rilevanti differenze che vanno ben oltre la pur significativa analogia di metodo tra fenomenologia husserliana e analitica heideggeriana, che riguardano il merito, ovvero la scelta di fini del tutto diversi e per taluni aspetti inconciliabili. L esperienza vissuta di Husserl, a furia di utilizzare schemi e formule astratte, si allontanava da una comprensione autentica del vero significato dell esistenza, la quale non può realizzarsi prescindendo dai dati emozionali e dalla situazione concreta sperimentabile sul piano dell esser- Analitica è un termine che entra nel dizionario filosofico contemporaneo grazie a Kant, il quale lo conia riprendendo l antico verbo greco analùo, che significa fare in parti da cui il nostro verbo analizzare. 25

27 Heidegger modifica il senso del termine analitica, con la semplice aggiunta di un aggettivo tutt altro che decorativo, come esistenziale. L analitica esistenziale è una metodologia di ricerca che vuole ribadire l esigenza di un ritorno all essere; come dic il nome, finalizzato a recuperare quell eccezione ontolo che sfugge tanto alla scienza-tecnica moderna quanto alla metafisica tradizionale. Ma entrambi i punti di vista, metafisico e scientifico, hanno di fatto perso di vista il genuino e profondo significato della parola essere. Secondo Heidegger per poter indagare il senso dell essere bisogna interrogare quell ente peculiare che, per essere tale, deve necessariamente sperimentare e porre in discussione il suo essere. Pertanto solo l esser-ci o esistenza (Dasein), può mettersi sulle tracce dell essere; ed 26

28 a ciò è destinato perché gli è essenzialmente familiare il domandare, e con il domandare, l essere 21. L esser-ci infatti è l unico ente capace di interrogarsi completamente e compiutamente su se stesso, soggetto privilegiato e nello stesso tempo posto in gioco di continuo. Questo essere che noi stessi siamo - osserva Leonardo Amoroso il protagonista dell analitica esistenziale, è introdotto e ribattezzato proprio in riferimento al suo essere interrogante 22 La stessaanalitica esistenziale non pretende di pervenire a risultati certi e inoppugnabili, è provvisoria almeno come il suo tema di indagine, l esser-ci. L analitica esistenziale rivela così i tratti di una forma del tutto inedita di discussione in merito alla questione dell essere. 21 L. Amoroso, Lichtung. Leggere Heidegger, Rosenberg & Sellier, Torino 1993, p Ibidem 27

29 Con l analitica esistenziale Heidegger ritiene di aver scoperto l ontologia fondamentale, sulla quale può basarsi il pensiero dell essere. L analitica esistenziale getta le basi di un ontologia che vuole superare la concezione metafisica. L analisi dell esistenza risponde all interrogazione ineluttabile circa il nostro essere-nel-mondo. In questo senso, rinvia alla possibilità di una piena consapevolezza dell esser-ci circa il proprio essere e il proprio riferimento al mondo; presuppone inoltre un approfondimento del concetto tradizionale di essere, che in fin dei conti porta a ridefinirlo in termini oggettivamente discordanti rispetto alla prospettiva metafisica antico-medioevale, e in parte a quella moderna. L analitica esistenziale pertanto risulta il primo approccio necessario per tentare di rispondere alla domanda che cos è l essere?. 28

30 L interrogativo sollecita una riflessione fondata storicamente, che intende riproporre il problema del senso dell essere. Individuando il programma di una riproposizione della questione dell essere, l analitica esistenziale sembra apparentemente riprendere dei temi di carattere tradizionale. Ma l attenzione all essere invocata da Heidegger non è rivolta nostalgicamente al passato ed è animata anzi dal proposito di revisionare l approccio tradizionale, in considerazione del fatto che tutta la storia della metafisica ha parlato dell essere in maniera inadeguata, confondendo l essere con semplice la presenza. L analitica esistenziale segue un orientamento ben preciso, che contempla l elaborazione di una ricerca riguardante in prima istanza il rinvenimento del senso dell essere. Non si tratta tuttavia di un ontologia definitiva, anzi. Siamo di fronte ad una nuova analisi dell essere che, diversamente 29

31 da quelle tradizionali tendenti a costruire un compiuto e completo sistema di pensiero, viene a caratterizzarsi come incompleta e addirittura provvisoria. Heidegger, infatti, non mira a risolvere la questione dell essere una volta per tutte, ma a sollevare l attenzione su un modello d interrogazione filosofica che per sua stessa natura sfugge a qualsiasi sistematicità, rispecchiando la struttura dinamica e flessibile dell esistenza nel suo evidente legame con la verità e l essere, due concetti che nel contesto heideggeriano risultano intimamente connessi tra di loro. Se fin dai tempi più lontani la filosofia ha congiunto verità ed essere puntualizza Amoroso a proposito della correlazione tra l istanza veritativa e la problematica ontico-ontologica riproponendo la 30

32 questione dell essere, non può non riproporre anche, al contempo la questione della 23 verità. Nella prospettiva dell analitica esistenziale non è possibile pensare l essere al di fuori del suo rapporto alla verità. L essere, descritto da Heidegger come un livello di realtà più profondo rispetto a come lo descrive la tradizione metafisica, confluisce e tende a confondersi con la verità stessa. Ma per Heidegger occorre ridefinire la verità classicamente intesa, in modo da porre le basi per una riproposizione del problema dell essere 24. In altri termini, è necessario ristabilire il significato originario della verità come alètheia, non nascondimento, concetto che risulta più profondo dell identificazione classica tra verità e adeguazione. 23 cfr. L. Amoroso, Lichtung. Leggere Heidegger, op. cit, p Ibidem 31

33 In tale prospettiva il concetto di verità cessa di essere connesso alla metafora della luce, cioè di un rischiaramento assoluto dei fenomeni, e, immedesimandosi con l essere e il linguaggio come sua emanazione, viene presentata in modo molto peculiare come Lichtung, termine traducibile approssimativamente come radura. La Lichtung è appunto la radura in cui la luce della verità (Licht in tedesco) si mostra a macchia di leopardo. L essere non è più una sostanza dai contorni netti e precisi, ma piuttosto una sintesi di ombra e luce, di trasparenza e nascondimento, di presenza e nulla. E il linguaggio, tornato protagonista dell esperienza speculativa contemporanea, viene posto in risalto non già solo come modalità di espressione dell uomo ma, in senso ermeneutico e dialettico, quale casa dell essere e cifra di quell interrogazione continua che costituisce l essenza di 32

34 un pensiero finalmente emancipato dall ipoteca metafisica dalle sue facili certezze. 5 - I pregiudizi ontologici Nell interpretazione di Heidegger la questione ontologica richiede un ripensamento radicale, al fine di coglierne il valore di principio dinamico, libero dai condizionamenti della tradizione metafisica, per poi riuscire, mediante le risorse linguistiche dell analitica esistenziale, non già a rimuovere i vari pregiudizi ontologici, ma a dar loro adeguata collocazione. Il supremo esercizio teoretico che vuole rispondere alla questione sull essenza dell essere può e deve avvalersi di presupposti apparentemente negativi, che sono appunto i vari pregiudizi metafisici. Questi travisamenti del modo corretto di impostare l interrogazione dell essere sono rivelativi nel certificare l omissione della risposta alla questione fondamentale de 33

35 filosofia, che è la tematica ontologica. Omissione che, affermando superficialmente la superfluità e l improponibilità della risposta al quesito che cos è l essere?, consente tuttavia di trovare degli spunti positivi, come punto di partenza di un percorso finalizzato a ridefinire lo statuto della verità, in contrapposizione al pensiero metafisico tradizionalmente inteso. Non si tratta di semplici fraintendimenti da risolvere una volta per tutte, ma di presupposti indispensabili, che rendono possibile una preventiva ripetizione esplicita del problema dell essere 25. BENCHÉ la rinascita della <<metafisica>> sia un vanto del nostro tempo, il problema dell essere è oggi dimenticato. Si crede infatti di potersi sottrarre a una rinnovata. Eppure non si tratta di un problema qualsiasi. Esso ha ispirato il pensiero di Platone e Aristotele, anche 25 cfr. M. Heidegger, Essere e tempo, op. cit., p

36 se ha senz altro taciuto dopo di loro, come il problema tematico di una vera ricerca 26. Heidegger ribatte ai pregiudizi ontologici peculiari della tradizione metafisica, argomentando che l indefinibilità e la presunta ovvietà del concetto di essere rendono indispensabile un indagine profonda e variegata per contenuti, temi e variazioni. Heidegger critica chi professa l impossibilità per l uomo di definire l essere o chi lascia cadere il discorso ontologico, considerandolo superfluo, e del tutto indegno un analisi speculativa sui generis. Dire infatti che quello di <<essere>> è il più generale dei concetti, non equivale a dire che è anche il più chiaro e che non richiede alcuna ulteriore discussione. Il concetto di <<essere>> è anzi il più oscuro di tutti cfr. M. Heidegger, Essere e tempo, op. cit., p Ibidem 35

37 Per l autore di Essere e tempo non bisogna fermarsi alle apparenze, ma scavare in fondo per risalire alle sorgenti stesse dei diversi equivoci ontologici, presenti addirittura prima che si coniasse la significativa espressione metafisica. Si dice: il concetto di <<essere>> è il più generale e vuoto di tutti e resiste perciò a qualsiasi tentativo di definirlo. D altra parte, in quanto generalissimo, e come tale indefinibile, non ha neppur bisogno di essere definito. Tutti lo impiegano continuamente e anche già comprendono che cosa si intende con esso. In tal modo, ciò che, per il suo nascondimento, sospinse e mantenne nell inquietudine il filosofare degli antichi, è divenuto chiaro e ovvio, a tal punto che 36

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail.

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail. Essere e Tempo a cura di R. Terzi r_terzi@hotmail.com SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it Introduzione Essere e tempo (Sein und Zeit) di Martin Heidegger costituisce uno dei testi più importanti

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management Tre momenti centrali della fase di analisi: analisi dei problemi, analisi degli obiettivi e identificazione degli ambiti di intervento Il presente materiale didattico costituisce

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2)

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Riprendiamo l analisi interrotta nel corso della precedente lezione b) struttura dialogica del fatto educativo Per rispondere a criteri ermenutici, l

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 CONTENUTI. Drammaturgia dell oggetto... 5 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO... 7 DESTINATARI... 7 OBIETTIVI E FINALITÀ DIDATTICHE... 7 2 PREMESSA Dire

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

Dalla rete tante idee per costruire a Natale

Dalla rete tante idee per costruire a Natale Dalla rete tante idee per costruire a Natale Il Natale è un momento speciale per i bambini e per gli adulti, educare al senso di appartenenza alla propria comunità, con le proprie scelte di fede e di valori,

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI TARCENTO Viale G. Matteotti, 56 33017 Tarcento (UD) Cod. fisc. 94071050309 - Tel. 0432/785254 Fax 0432/794056 segreteria@ictarcento.com

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4 PREFAZIONE Si propongono qui di seguito i testi delle relazioni presentate nel corso della giornata di studi Fichte 1814-2014. La filosofia teoretica tenutasi il 18 marzo 2014 presso l Istituto di Studi

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini

Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche. Carlo Fiorentini Curricolo, Competenze, Educazione ambientale: riflessioni epistemologiche, metodologiche e didattiche Carlo Fiorentini Alfabeti ecologici Ministero dell ambiente Gruppo di Saggi costituito dal Sottosegretario

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

l'incontro di due desideri

l'incontro di due desideri Laboratorio di Formazione e Lettura Psicoanalitica PERCORSO DI LAVORO RIVOLTO A CHI E INTERESSATO ALL AFFIDAMENTO FAMILIARE A CURA DEL LFLP di Via Assisi 6 Torino, tel. 0112162736 DAL LAVORO DEL SOGGETTO

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA 1. programmazione e strutturazione dell intervista: gli argomenti da scegliere per ciascun cliente 2. la presa di contato con il cliente: tecniche di aggancio o di approccio

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario Universita LUMSA -Roma Roma- Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale e del No Profit A.A. 2012-2013 2013 World Social Work Day 2013 «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto

Dettagli

La Scuola dei Diritti Umani

La Scuola dei Diritti Umani La Scuola dei Diritti Umani «Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.»

Dettagli

Dott.ssa Graziana Campanato

Dott.ssa Graziana Campanato ,UHTXLVLWLGHOODIDPLJOLDDGRWWLYDQHOO DGR]LRQHLQWHUQD]LRQDOH Dott.ssa Graziana Campanato / LGRQHLWjGHOODIDPLJOLDVRVWLWXWLYDQHOO $, I requisiti richiesti dalla legge per l adozione internazionale sono gli

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale C. CARMINATI Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Via Dante 4 21015 - LONATE POZZOLO (VA) Tel 0331/66.81.62

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

L effetto osservatore costellatore

L effetto osservatore costellatore L effetto osservatore costellatore Uno degli elementi costituenti il campo collettivo di una Costellazione, è il campoologramma del costellatore. Il suo campo morfogenetico contiene in-formazioni multidimensionali

Dettagli

Risoluzione di situazioni/problema nella Scuola Primaria: ruolo del linguaggio naturale per la comprensione di strategie risolutive

Risoluzione di situazioni/problema nella Scuola Primaria: ruolo del linguaggio naturale per la comprensione di strategie risolutive Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze della Formazione C.d.L in Scienze della Formazione Primaria Indirizzo Scuola Primaria Risoluzione di situazioni/problema nella Scuola Primaria: ruolo

Dettagli

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA Liceo delle Scienze Umane Alessandro da Imola /Imola Anno scolastico 2013/14 Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero Piano di

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

MBO - Management by objectives

MBO - Management by objectives DAL 1946, CONSULENTI DI DIREZIONE 10133 TORINO CORSO FIUME 2 - Tel.(011) 6604346 6603826 (fax) Email: consulenti@studiobarale.it MBO - Management by objectives Una breve guida all introduzione in azienda

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

«DALLA COPPIA ALLA FAMIGLIA: TRANSAZIONE ALLA GENITORIALITÀ»

«DALLA COPPIA ALLA FAMIGLIA: TRANSAZIONE ALLA GENITORIALITÀ» UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE L-24 «DALLA COPPIA ALLA FAMIGLIA: TRANSAZIONE ALLA GENITORIALITÀ» Relatore:

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

A cura di Roberta Ferdenzi, componente del Coordinamento pedagogico provinciale di Piacenza

A cura di Roberta Ferdenzi, componente del Coordinamento pedagogico provinciale di Piacenza Provincia di Piacenza Settore Sistema Scolastico e servizi alla persona e alla comunità RIFLESSIONI SUL LAVORO DEL COORDINATORE CHE OPERA PER FACILITARE, SUPPORTARE, SVILUPPARE LA CRESCITA PROFESSIONALE

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques)

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) Il metodo delle Costellazioni Familiari e Sistemiche nasce a metà degli anni '70 grazie al lavoro di Bert Hellinger, uno psicoterapeuta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE 1 Cittadinanza e Costituzione COMPETENZE CHIAVE: Competenze sociali e civiche NUCLEO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

I libri di testo. Carlo Tarsitani

I libri di testo. Carlo Tarsitani I libri di testo Carlo Tarsitani Premessa Per accedere ai contenuti del sapere scientifico, ai vari livelli di istruzione, si usa comunemente anche un libro di testo. A partire dalla scuola primaria, tutti

Dettagli

LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397

LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397 LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397 di VALENTINO SCATIGNA Questo testo ripropone alcuni passaggi della conferenza del Prof. Carlo Taormina, Docente di Procedura penale all Università Tor

Dettagli

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento 1 PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA Motivazioni e criteri di riferimento La formazione completa degli insegnanti sul piano universitario rimanda alla necessità di tenere presente che nel definire

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO LO SPAZIO MAGICO DELLA RELAZIONE TM Metodo di intervento sulle dinamiche relazionali e sulla prevenzione del disagio nella Scuola dell Infanzia e nella Scuola Primaria PRIMO LIVELLO PROGETTO DI FORMAZIONE

Dettagli

PARTIAMO DA ALCUNE DOMANDE

PARTIAMO DA ALCUNE DOMANDE PARTIAMO DA ALCUNE DOMANDE Esiste l immagine del disabile intellettivo come persona adulta nella mia mente? Quali sono i maggiori ostacoli che i famigliari/ operatori incontrano nella costruzione di un

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Susan Petrilli Il libro di Augusto Ponzio La dissidenza cifrematica è un vero e proprio esercizio di traduzione, nel senso non tanto interlinguale, come passaggio

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

1. Introduzione al corso

1. Introduzione al corso E107 WEB SYSTEM Corso on line di progettazione siti dinamici: livello base R E A L I Z Z A Z I O N E D I 1. Introduzione al corso By e107 Italian Team Sito web:http://www.e107italia.org Contatto: admin@e107italia.org

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica Piacenza 21 22 ottobre 2011 Philosophy for children Esperienze di dialogo e pratica filosofica Scuola dell infanzia statale Barbattini ( Roveleto di Cadeo ) Anni scolastici: 2007 2011 Insegnanti facilitatori:

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

LEGGERE PER CAPIRE, LEGGERE PER FARE

LEGGERE PER CAPIRE, LEGGERE PER FARE LEGGERE PER CAPIRE, LEGGERE PER FARE Come favorire lo sviluppo delle competenze di lettura, scrittura e linguaggio parlato ISTITUTO COMPRENSIVO DI PARENTI ESPERTI Francesca Mastrovito Raffaelina Pizzini

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO In un percorso educativo, all'interno di una istituzione scolastica, la Pratica Psicomotoria diventa un'attività privilegiata per il bambino. Egli agisce

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa L insegnamento di Cittadinanza e Costituzione, introdotto dalla Legge 30-10-2008, n. 169, mette a fuoco il fondamentale rapporto che lega la scuola alla Costituzione,

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli