Sistemi Informativi Aziendali I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi Informativi Aziendali I"

Transcript

1 Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended Supply Chain Management; Partnerships and Value Chain Coordination. 2 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

2 Integrare la Catena di Fornitura dal punto di vista del Sistema Informativo Definiamo la Gestione della Catena di Fornitura e la GCF Estesa; Discutiamo alleanze e VMI ed esploriamo alcuni modelli innovativi di Supply Chain Management ; Descriviamo approvvigionamento e gestione just in time. 3 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 L evoluzione della CDF Prima di avere a disposizione Sistemi Informativi Integrati ci limitavamo a gestire i flussi di materiali all interno dell impresa ed i processi interni; Ora l obiettivo diventa gestire in modo integrato flussi sia materiali che informativi e finanziari, sia interni che esterni all impresa. 4 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

3 La Supply Chain tradizionale Fornitore Distributore Cliente Produttore Rivenditore 5 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Supply Chain Management FLUSSI FINANZIARI FLUSSI INFORMATIVI 6 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

4 La Catena di fornitura Catena di Fornitura Interna Catena di Fornitura Esterna 1. Acquisizione di materie prime, semilavorati e servizi (approvvigionamento); 2. Conversione in prodotti e servizi (produzione); 3. Distribuzione interna e immagazzinamento dei beni e prodotti (gestione materiali); 4. Distribuzione fino al cliente finale per il consumo (gestione ordini) 7 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 La Catena di Fornitura Esterna Domanda dei Clienti Dettagliante Ordini Consegne Grossista Ordini Consegne Distributore Ordini Consegne Produttore 8 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

5 Gestione della Supply Chain I Flussi Informativi all indietro, attraverso le nostre decisioni, influenzano i flussi fisici in avanti; Gestire la Supply Chain significa applicare metodologie e tecniche per integrare i processi dei diversi attori della catena attraverso le informazioni, con lo scopo di ottimizzare flussi, costi e giacenze nell intero sistema. 9 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Gestione della Supply Chain Clienti Clienti Distributore Magazzino Produttore Produttore Fornitori Fornitori 10 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

6 Gestione della Supply Chain Estesa La catena di fornitura comprende molteplici attori in relazione tra loro; Se ciascuno di essi si basa solo su informazioni provenienti dai propri interlocutori immediati, il sistema non è ottimizzato, anzi quando il mercato oscilla, il sistema della catena di fornitura produce colpi di frusta ; L unica (e complessa) soluzione è la condivisione ed integrazione delle informazioni e delle previsioni su tutta la catena. 11 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 E un tema assai complesso Da un punto di vista tecnico occorre munirci di sistemi di interconnessione compatibili, efficienti e veloci; Da un punto di vista dell interoperazione dobbiamo trovare metodologie comuni, un lessico condiviso ed efficaci modalità di comunicazione; Dal punto di vista della relazione dobbiamo bilanciare potere negoziale, competizione e collaborazione in una partnership. Tempo e prezzo non sono più l unica misura del rapporto; Dove riusciamo il beneficio sarà condiviso e significativo. 12 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

7 Obiettivo Pianificare la domanda complessiva che il mercato pone (porrà) all intera catena di fornitura; Ciascun attore pianifica il proprio ruolo e le proprie risorse non solo sulla base delle previsioni del proprio interlocutore a valle ma globalmente; La competizione interna alla catena di fornitura si gioca su qualità, flessibilità ed armonizzazione; La vicinanza al mercato ed il possesso di informazione di qualità sulla domanda è un valore negoziabile. 13 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Un esempio Il conto lavoro è una realtà importante nella nostra media impresa; Attraverso esso un azienda delega una parte del proprio ciclo produttivo ed anche parte degli investimenti ad un partner; Gestire la catena di fornitura implica pianificare congiuntamente il fabbisogno di capacità produttiva necessario; Ogni variazione intervenuta durante l esecuzione dei piani, dovunque si verifichi, impatta su ambo i partner; I due sistemi informativi devono essere strettamente collegati (così come lo devono essere i processi). 14 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

8 L Alleanza Strategica ed Operativa che chiamiamo conto lavoro è infatti assai più che una relazione di fornitura: Abbiamo inserito alcuni processi che si svolgono in un altra impresa all interno del nostro ciclo produttivo; Dobbiamo armonizzare i reciproci processi di lavoro e flussi informativi di funzionamento per fare si che si svolgano senza intoppi; Abbiamo già osservato che questo obiettivo ha risvolti tecnici, organizzativi ed anche di relazione; pensiamo, ad esempio, gestione di dati competitivi ed informazioni proprietarie: il nostro terzista lavora anche per i nostri concorrenti! 15 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Un altro caso: Vendor Managed Inventory Fornitore Produttore Cliente ERP fabbisogno controllo ordine ERP/SCM fabbisogno controllo ordine ERP/SCM 16 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

9 Il Vendor Managed Inventory Il fornitore ha visibilità sul magazzino e sui consumi del Cliente; Il fornitore decide ed implementa la politica di riapprovvigionamento per mantenere lo stock concordato; I vincoli sono spazio disponibile, ciclo di consegna, e possibile deperibilità dei materiali; Già utilizzato dalla grande distribuzione, è parte delle iniziative ECR, basato sui dati POS aggregati, che, di per sé sono un valore per il produttore. 17 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Le criticità del VMI Livello di integrazione e modalità di colloquio tra i sistemi informativi; Correttezza e tempestività dei dati (finestra mobile?); Confidenzialità dei dati; Condivisione di costi e benefici; Decidere quando la proprietà del prodotto passa di mano: di chi è lo stock? In generale gestire relazione ed alleanza. 18 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

10 Modelli di Supply Chain Make-to-Stock ad alta integrazione; Riapprovvigionamento Continuo; Build-to-Order; Assemblaggio nel Canale Distributivo 19 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Make-to-Stock ad alta integrazione I piani di produzione evolvono con continuità sulla base dei dati correnti sulla domanda; Anche gli approvvigionamenti sono flessibili e continuamente aggiornati in base all evoluzione della domanda del mercato; Richiede un Sistema Informativo fortemente Integrato; Richiede un ottima capacità di reazione da parte dell intera struttura. 20 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

11 Riapprovvigionamento Continuo Il magazzino di vendita viene costantemente rifornito; E una sorta di VMI a cui si applica anche il Just-in-Time; E applicabile in situazioni in cui il costo della distribuzione è basso; Ogni consegna a Cliente soddisfatta genera una richiesta di rifornimento (es. POS da barriera cassa), l integrazione è molto elevata; Applicato da grande distribuzione/cedi. 21 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Build-to-Order; Il prodotto viene prodotto da semilavorato, alla ricezione dell ordine Cliente; Richiede lead time veloce (assemblaggio) e ottima gestione dei materiali (poche referenze molto condivise) in modo da ottimizzare i rischi; Si muove nell ottica della personalizzazione in massa. 22 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

12 Assemblaggio nel Canale Distributivo Ulteriore evoluzione del precedente; Il prodotto viene assemblato nella fase distributiva o addirittura le parti convergono verso il Cliente e sono assemblate all arrivo; Richiede un perfetto coordinamento della distribuzione e consente di evitare trasporti e movimentazioni a basso valore aggiunto. 23 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Un caso Sistema del produttore ordini e livelli di stock ordine ordini Magazzino di parti del distributore Centro di Assemblaggio del distributore Cliente Fornitori delle Parti 24 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

13 Il Processo di Approvvigionamento E un processo largamente interfunzionale: può giovarsi dei benefici di un Sistema Informativo Integrato 25 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Determinazione Bisogno e Requisiti Riconoscere, definire e descrivere l esigenza; L esigenza si origina in un dipartimento operativo o in magazzino; L ufficio approvvigionamenti ne viene a conoscenza tramite: Richiesta di Acquisto (documento interno); Pianificazione da parte del Sistema MRP. 26 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

14 Determinazioni Fornitori Potenziali Potrebbe già esserci una lista di fornitori approvati per lo specifico materiale; Altrimenti si procede al sourcing, ovvero ad una ricerca di mercato per l individuazione delle possibili alternative; In ognuno dei casi si decide quali fornitori interpellare sulla base di criteri predeterminati quali qualità, costi, rapporti passati; 27 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Selezione Fornitore In funzione del numero di fornitori contattati si procede alla scelta secondo diversi metodi, principalmente: Gara d Appalto: Si sviluppa un capitolato di fornitura e si seleziona sulla base, spesso del prezzo, ma anche di date di consegna e capacità tecnica. Si usa per prodotti commerciali; Trattativa o Negoziazione: Si utilizza quando la complessità della richiesta, la sua poca definizione o specificità lo richiedono ed anche quando si hanno rapporti consolidati. 28 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

15 Emissione Ordine Deciso il fornitore si passa all emissione dell ordine d acquisto, detto anche PO (Purchase Order); Un sistema informativo integrato facilita molto la diffusione delle informazioni ai vari reparti aziendali coinvolti dall acquisto e dalle sue conseguenze economico-finanziarie; Nel caso di acquisti ricorrenti si fa uso di contratti od ordini aperti che specificano le condizioni e le quantità ma non il piano di consegna, stabilito successivamente. 29 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Gestione Ordine Una volta emesso l ordine è compito dell Ufficio Approvvigionamenti gestirlo con il fornitore, ottenere una eventuale conferma d ordine e gestire eventuali variazioni di quantità e date. 30 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

16 Ricezione Materiali e Gestione Giacenza Alla ricezione del materiale si verifica la corrispondenza del materiale e la completezza della consegna; Le difformità rilevate dal Sistema Informativo possono causare il rifiuto della consegna; Il piano di ispezione del materiale può richiedere un controllo di qualità, dopo il quale il materiale viene stoccato o inviato direttamente in produzione. 31 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Verifica Fattura La fattura è il documento con il quale il fornitore richiede il pagamento delle merci consegnate. La fattura può fare riferimento a: Ordine d acquisto, e quindi essere rconciliata con più consegne; Documento di trasporto, ogni spedizione viene fatturata, senza necessariamente riferirsi ad un ordine. E quella utilizzata per ordini aperti e piani di consegna; Senza ordine, provoca un notevole carico di gestione e richiede la certificazione di tutti i reparti coinvolti. 32 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

17 Pagamento E la fase del processo in cui si rilevano tutte le necessarie approvazioni organizzative, e si gestiscono eventuali contestazioni; Il sistema informativo tiene conto di accordi, sconti, abbuoni e condizioni particolari da applicare per il pagamento. 33 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Acquisti da Catalogo Elettronico Utilizzati soprattutto per acquisti sporadici (ricambi, materiali di consumo, riparazioni); Si stanno incrementando sensibilmente attraverso i portali marketplace e i sistemi di Internet Procurement; L integrazione attraverso questi portali internet, gestiti da aziende clienti, fornitori o gruppi di acquisto, tra i Sistemi Informativi di acquirenti e venditori ha aspetti critici sia tecnici che relazionali ma costituisce un grande potenziale futuro. 34 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

18 Facciamo il punto I metodi di gestione della catena di fornitura sono cambiati fortemente nell ultimo decennio; Dai processi interni si è passati alla gestione tramite un Sistema Informativo Integrato di porzioni importanti della catena stessa; Gli interscambi informativi possibili sono soggetti ad accordi complessi e critici; Abbiamo visto nuove modalità di gestione della Supply Chain; Abbiamo discusso la gestione degli approvvigionamenti dal punto di vista del Sistema Informativo Integrato. 35 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Docente di Gestione dei Processi e dei Progetti La Sapienza Università di Roma Agenda Perché le ICT a supporto dei processi di gestione della

Dettagli

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine

AGENDA. Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda. A. F. De Toni, Università di Udine Modelli di gestione del supply network per fronteggiare la variabilità della domanda A. F. De Toni, Università di Udine AGENDA > Introduzione: i supply network > Effetti della variabilità della domanda

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Raffaele Secchi Operations & Technology Management Unit Agenda Il progetto di ricerca Fashion e SCM: gli

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

La logistica e il commercio elettronico (e-business)

La logistica e il commercio elettronico (e-business) La logistica e il commercio elettronico (e-business) Webbit 2003, Padova andrea.payaro@unipd.it 1 Agenda La logistica Il commercio elettronico e il business elettronico Opportunità e vincoli dei modelli

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

La progettazione della catena di distribuzione nella supply chain. Progettare la catena distributiva 1

La progettazione della catena di distribuzione nella supply chain. Progettare la catena distributiva 1 La progettazione della catena di distribuzione nella supply chain Progettare la catena distributiva Linea guida Il ruolo della distribuzione nella Supply Chain Fattori che influenzano il progetto della

Dettagli

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1

Analisi della catena logistica. Analisi della catena logistica 1 Analisi della catena logistica Analisi della catena logistica 1 La visione tradizionale della logistica nel settore manifatturiero Utile 4% Costi della Logistica 21% Utile Costi logistici Costi del Marketing

Dettagli

COLLABORARE CON LA DISTRIBUZIONE

COLLABORARE CON LA DISTRIBUZIONE COLLABORARE CON LA DISTRIBUZIONE Agenda Il mercato e le spinte all ottimizzazione dei costi Le leve potenziali di ottimizzazione I centri di consolidamento come leva di ottimizzazione inbound La riduzione

Dettagli

AILOG, Associazione Italiana di Logistica e di Supply Chain Management

AILOG, Associazione Italiana di Logistica e di Supply Chain Management AILOG, Associazione Italiana di Logistica e di Supply Chain Management L efficienza della Supply Chain Sanitaria AILOG, L ASSOCIAZIONE ITALIANA DI LOGISTICA E DI SUPPLY CHAIN MANAGEMENT, E STATA FONDATA

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Opportunità per le PMI per ottimizzare la gestione della filiera logistico

Dettagli

Logistics Provider Service SPECIALIZZATA NEI SERVIZI LOGISTICI PERSONALIZZATI PER I SETTORI DELLA MECCANICA E AUTOMOTIVE

Logistics Provider Service SPECIALIZZATA NEI SERVIZI LOGISTICI PERSONALIZZATI PER I SETTORI DELLA MECCANICA E AUTOMOTIVE Logistics Provider Service SPECIALIZZATA NEI SERVIZI LOGISTICI PERSONALIZZATI PER I SETTORI DELLA MECCANICA E AUTOMOTIVE LA LOGISTICA E IL NOSTRO CORE BUSINESS LA COMPETENZA DEI GRANDI LA FLESSIBILITA

Dettagli

Costa Crociere SpA, parte. Purchase Order

Costa Crociere SpA, parte. Purchase Order SUPPLY CHAIN COLLABORATION Purchase Order Integration: il caso Costa Crociere di L. Mattazzi, M. Crivello Luca Mattazzi, Finance & Supply Chain Systems Director Costa Crociere Massimo Crivello, Line Manager

Dettagli

Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo

Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo Pianificazione e Gestione delle Scorte Sergio Cavalieri Università degli Studi di Bergamo http://progest.unibg.it 1 Perché detenere le scorte Per coprire i picchi di domanda Per coprire il tempo e la distanza

Dettagli

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI Edizione fuori commercio - Vietata la riproduzione anche parziale www.adaci adaci.itit A JOB RIGHT NOW! Anno accademico 2008-2009 2009 LA FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTI E IL RUOLO IN AZIENDA DEGLI APPROVVIGIONATORI

Dettagli

Supply Chain nell azienda estesa della conoscenza. L'E-Procurement nell'azienda estesa della conoscenza. Agenda. Il Gruppo Snaidero

Supply Chain nell azienda estesa della conoscenza. L'E-Procurement nell'azienda estesa della conoscenza. Agenda. Il Gruppo Snaidero BICOCCA PER LE IMPRESE seminario Tecnologie Informatiche e Supply Chain Management (SCM), Università di Milano Bicocca 18.09.2003 Milano, 18 Settembre 2003 Supply Chain nell azienda estesa della conoscenza

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

Procurement Training Program Logistica e gestione delle scorte

Procurement Training Program Logistica e gestione delle scorte Procurement Training Program Logistica e gestione delle scorte Perché formarsi sul Procurement? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia nelle grandi imprese che nella Pubblica

Dettagli

Logistica. Giovanni Righini. Anno accademico 2010-11. Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema)

Logistica. Giovanni Righini. Anno accademico 2010-11. Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema) Logistica Giovanni Righini Dipartimento di Tecnologie dell Informazione - Università degli Studi di Milano (Crema) Anno accademico 2010-11 Definizione La logistica è la disciplina che studia come organizzare

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

TECNICHE di GESTIONE AZIENDALE

TECNICHE di GESTIONE AZIENDALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale e Logistica Integrata Insegnamento TECNICHE di GESTIONE AZIENDALE Docente dott.ing. GIAMPAOLO

Dettagli

ERP PER AZIENDE AUTOMOTIVE

ERP PER AZIENDE AUTOMOTIVE ERP PER AZIENDE AUTOMOTIVE Per oltre 15 anni SINFO si è focalizzata sull offerta di software per la distribuzione e la logistica. I rapporti di collaborazione con alcuni tra i maggiori distributori del

Dettagli

Strategie di Distribuzione. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA.

Strategie di Distribuzione. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA. 1. Studio di caso Strategie di Distribuzione La Modern Book Distribution, Inc. MBD è stata per molti anni una delle più grandi aziende di distribuzione libri negli USA. Serve le principali catene di vendita

Dettagli

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1

La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto. La disponibilità del prodotto 1 La scelta del livello ottimo della disponibilità del prodotto La disponibilità del prodotto 1 Linea guida Importanza della disponibilità del prodotto Fattori influenzanti il livello ottimo della disponibilità

Dettagli

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI. Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI. Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI Soluzioni, servizi di consulenza e business process outsourcing 0 La qualificazione dei Fornitori e degli Appalti Valutare attraverso la raccolta e l analisi

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE Nozioni di base In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 1 La logistica aziendale Qualsiasi impresa

Dettagli

Gli indicatori per la Qualità. a cura di Gianfilippo Macchi

Gli indicatori per la Qualità. a cura di Gianfilippo Macchi Gli indicatori per la Qualità 1 La UNI ISO 9001: 2008 recita 8.2.3. Monitoraggio e misurazione dei processi L organizzazione deve adottare adeguati metodi per misurare e monitorare i processi del SGQ.

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI (ERP) Le soluzioni Axioma per l'industria Le soluzioni di Axioma per l'industria rispondono alle esigenze di tutte le aree funzionali dell azienda industriale.

Dettagli

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Gruppo Fratelli Pietrini S.p.a - Scarpamondo. Utilizzata con concessione dell autore. Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Partner Nome dell azienda

Dettagli

Commercio elettronico B2B

Commercio elettronico B2B Commercio elettronico B2B Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Caratteristiche e modelli di commercio elettronico

Dettagli

L OSA DI UN PRODUTTORE CON PIU DISTRIBUTORI. Stefania Montagner Customer Supply Chain Development Manager

L OSA DI UN PRODUTTORE CON PIU DISTRIBUTORI. Stefania Montagner Customer Supply Chain Development Manager L OSA DI UN PRODUTTORE CON PIU DISTRIBUTORI Stefania Montagner Customer Supply Chain Development Manager Nestlé Waters ItalIa Numeri chiave (Actual 2007) Fatturato: 907 m Export in più di 100 paesi Litri:

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Alleanze strategiche nelle SC

Alleanze strategiche nelle SC Alleanze strategiche nelle SC Modalità operative per una funzione logistica Attività interne (Gerarchia) Transazioni arm s lenght (Mercato) Forme intermedie Alleanze strategiche nella logistica Third-party

Dettagli

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering.

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering. Production Engineering Research WorkGROUP IL MODELLO SCOR Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla Dipartimento di Tecnologia Meccanica, Produzione e Ingegneria Gestionale Università di Palermo Agenda

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000)

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) CAPITOLO 1 Mario Cislaghi AICQ-CI La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) IL CLIENTE AL CENTRO

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Sellers Ln. Buyers Rd. M e d i c a l L o g i c B u y e r. Logisan

Sellers Ln. Buyers Rd. M e d i c a l L o g i c B u y e r. Logisan Logisan Buyers Rd. Sellers Ln. Non riuscivo a trovare l'auto sportiva dei miei sogni, così l'ho costruita da solo... Ferdinand Porsche Mission Ottimizziamo i processi aziendali che da sempre affliggono

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Fatturazione Elettronica: evoluzioni e opportunità

Fatturazione Elettronica: evoluzioni e opportunità Osservatorio Fatturazione Elettronica e Dematerializzazione Fatturazione Elettronica: evoluzioni e opportunità Alessandro Perego Osservatori ICT & Management School of Management Politecnico di Milano

Dettagli

MARKETING VENDITE Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche

MARKETING VENDITE Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche MARKETING VENDITE Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche legale: Corso Mazzini 151, Ascoli Piceno operativa: C.da S. Giovanni Scafa, San Benedetto del Tronto (centro

Dettagli

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Distribuzione Le scelte nella rete di distribuzione La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Le scelte nella rete di distribuzione Dove vogliamo

Dettagli

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain

Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Creatori di Eccellenza nella Supply Chain Chi siamo Essere innovativi ma concreti, scommettere assieme sui risultati. Fare le cose che servono per creare valore nel miglior modo possibile. Questa è Makeitalia.

Dettagli

Un modello collaborativo per la supply chain: il caso FLOS

Un modello collaborativo per la supply chain: il caso FLOS Un modello collaborativo per la supply chain: il caso FLOS Paolo Paganelli, Product Manager Gruppo Formula e-mail: paolo.paganelli@formula.it Valentino Pluda, Direttore Produzione/Logistica, FLOS spa e-mail:

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN EXECUTIVE OPEN PROGRAMS La Divisione Executive Open Programs di MIP disegna ed eroga Programmi a catalogo, ovvero percorsi

Dettagli

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Industrial Equipment Manufacturing Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Vantaggi principali ñ Aumento dell efficienza operativa. ñ Integrazione di innovazioni nella produzione.

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN GESTIONE E OTTIMIZZAZIONE DEI TRASPORTI www.mip.polimi.it/scm/trasporti OBIETTIVI Fornire un quadro d insieme delle

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2014/2015 GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.1 SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ

Dettagli

SC JOHNSON MILANO, 25 FEBBRAIO 2009

SC JOHNSON MILANO, 25 FEBBRAIO 2009 IL CATALOGO ELETTRONICO: SC JOHNSON BUSINESS CASE MILANO, 25 FEBBRAIO 2009 Cinzia Cau Data Synch Project Super User AGENDA 1. LA SCELTA DEL CATALOGO ELETTRONICO 2. L EVOLUZIONE DEL PROCESSO 3. COME E MIGLIORATO

Dettagli

Supply Chain Finance: nuove opportunità di. 16 giugno g 2014

Supply Chain Finance: nuove opportunità di. 16 giugno g 2014 Supply Chain Finance: nuove opportunità di collaborazione nella filiera Prof. Stefano Ronchi, Politecnico di Milano 16 giugno g 2014 Politecnico di Milano Fondato nel 1863 Tra le migliori 10 Università

Dettagli

Il benchmark sulla Supply Chain in Italia

Il benchmark sulla Supply Chain in Italia Il benchmark sulla Supply Chain in Italia Glossario 1 Advanced Planning System (APS) Gli APS sono motori di pianificazione (software) molto potenti che consentono elevate prestazioni al processo di pianificazione

Dettagli

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain - VANTAGGI L introduzione della soluzione software COMPASS e la contemporanea realizzazione di cambiamenti di carattere organizzativo

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

La Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione La Gestione della Produzione Gestione dei sistemi industriali Consiste nel: - predisporre i mezzi ed assumere le decisioni necessarie a realizzare gli obiettivi strategici aziendali - operare scelte tra

Dettagli

PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA

PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA Chi conosce la storia del Mago di Oz, ricorderà perfettamente che il Mago non regala nulla che i bizzarri personaggi non abbiano già in sé. Nel corso delle

Dettagli

Reti di INDUSTRIA 4.0

Reti di INDUSTRIA 4.0 DALLA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ALLA DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN LA COMPETITIVITÀ DELLA SUPPLY CHAIN Bologna, 27 novembre 2015 Questa presentazione Imprese e competizione globale Supply Chain,

Dettagli

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Il Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) è uno approccio di gestione a disposizione delle imprese che ha lo scopo di

Dettagli

Come ridurre i costi e recuperare efficienza nella gestione degli Asset del Settore Alimentare

Come ridurre i costi e recuperare efficienza nella gestione degli Asset del Settore Alimentare Come ridurre i costi e recuperare efficienza nella gestione degli Asset del Settore Alimentare From FARM to FORK Farm Fork 2 Alcuni trend di Settore Pressione crescente della compliance normativa: qualità,

Dettagli

Il Consignment Stock

Il Consignment Stock Università degli Studi di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali Tesi di Laurea Magistrale Il Consignment Stock Relatore: Ch.mo Prof. Persona Alessandro

Dettagli

L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia

L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia L utilizzo degli strumenti di e-procurement in sanità nell esperienza dell Agenzia Regionale Centrale Acquisti della Lombardia A cura di: Andrea Martino, Direttore Generale ARCA Massimiliano Inzerillo,

Dettagli

INCAS NET. Intelligence Control Area System Introduzione. Giugno 2009

INCAS NET. Intelligence Control Area System Introduzione. Giugno 2009 Intelligence Control Area System Introduzione Giugno 2009 Introduzione INCAS NET (Intelligence Control Area System) rappresenta un soluzione intelligente di automazione della forza vendita. La soluzione

Dettagli

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Gestione delle Scorte Prof. Sergio Cavalieri Fenomeni di obsolescenza 2 Determinati da: Prodotto inidoneo al segmento di mercato (es: computer) Effetto moda (es: abbigliamento) Mancato

Dettagli

King Produzione. Gestione. produzione

King Produzione. Gestione. produzione King Produzione Gestione flessibile della produzione Gestione flessibile della produzione... 3 CARATTERISTICHE GENERALI... 4 IL LANCIO DI PRODUZIONE... 6 IL LANCIO PRODUZIONE CON MRP... 7 PRODUZIONE BASE...

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. prof. Paolo Aymon. Information Management GIA-L02 seconda parte

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. prof. Paolo Aymon. Information Management GIA-L02 seconda parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Information Management seconda parte Information Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di

Dettagli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Davide Cattane Osservatori Digital Innovation School of Management Politecnico di Milano Convegno MePAIE Cremona - 28 Febbraio 2014 Agenda Il contesto di riferimento

Dettagli

La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica

La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica La logistica di CEVA per il settore Machinery Integratore di competenze e visibilità lungo la catena logistica Davide Albanesi, Auto & Industry Sales Director, CEVA Italy Bologna, 19 Marzo 2015 Agenda

Dettagli

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop Marino Cavallo Provincia di Bologna PROGETTO LOGICAL Transnational LOGistics' Improvement

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

L integrazione della Supply Chain tra tecnologia e organizzazione. Matteo de Angelis mda@fischeritalia.it

L integrazione della Supply Chain tra tecnologia e organizzazione. Matteo de Angelis mda@fischeritalia.it Convegno TramagTRAMAG Padova 27 settembre 27 settembre 2002 Fischer 2002 Italia s.r.l. L integrazione della Supply Chain tra tecnologia e organizzazione Matteo de Angelis mda@fischeritalia.it www.fischeritalia.it

Dettagli

Il tuo partner perfetto

Il tuo partner perfetto tecnologico Partner Il tuo partner perfetto Le soluzioni per la supply chain di Avnet I nostri partner 2 Le soluzioni per la supply chain di Avnet Il tuo partner perfetto La tua logistica è in buone mani,

Dettagli

www.mbm.it APACHE V4 è la soluzione ERP di MBM per le a- ziende di produzione.

www.mbm.it APACHE V4 è la soluzione ERP di MBM per le a- ziende di produzione. APACHE V4 è la soluzione ERP di MBM per le a- ziende di produzione. È un software integrato e modulare, che fornisce gli strumenti gestionali alle aree operative di un azienda manifatturiera (definizione

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Information Management GIA-L02 seconda parte

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Information Management GIA-L02 seconda parte UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Information Management GIA-L02 seconda parte Sommario della lezione Integrazione dei flussi dell Informazione

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA

TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE E LA LOGISTICA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Commercio elettronico e fasi della transazione: L e-procurement

Commercio elettronico e fasi della transazione: L e-procurement Commercio elettronico e fasi della transazione: L e-procurement E-procurement Insieme delle tecnologie che supportano le attività di procurement di un azienda (gli approvvigionamenti) tecnologia per transazioni

Dettagli

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI Soluzioni, Consulenza e Servizio Gestito (Outsourcing)

QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI Soluzioni, Consulenza e Servizio Gestito (Outsourcing) QUALIFICAZIONE DEI FORNITORI E DEGLI APPALTI Soluzioni, Consulenza e Servizio Gestito (Outsourcing) 0 La qualificazione dei Fornitori e degli Appalti Qualifica dei Fornitori = Valutare attraverso la raccolta

Dettagli

Soluzioni efficaci per gli acquisti della vostra azienda CONSULENZA SUPPORTO OPERATIVO RIDUZIONE DEI COSTI

Soluzioni efficaci per gli acquisti della vostra azienda CONSULENZA SUPPORTO OPERATIVO RIDUZIONE DEI COSTI Soluzioni efficaci per gli acquisti della vostra azienda CONSULENZA SUPPORTO OPERATIVO RIDUZIONE DEI COSTI VPS IN SINTESI VPS - Value Purchasing Solutions dal 2005 offre alle imprese un supporto specializzato,

Dettagli

Perché SAP IL CASO DELL AZIENDA. www.softwarebusiness.it

Perché SAP IL CASO DELL AZIENDA. www.softwarebusiness.it LA LA SOLUZIONE SAP SAP MILL NELLE CARTIERE Perché SAP Ciò di cui l'azienda aveva bisogno era un sistema unico ed integrato come SAP che andasse a sostituire i diversi applicativi gestionali. In questo

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO GRADUATE SCHOOL OF BUSINESS

POLITECNICO DI MILANO GRADUATE SCHOOL OF BUSINESS POLITECNICO DI MILANO GRADUATE SCHOOL OF BUSINESS Operations & Supply Chain management CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT CALENDARIO

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione Ph.D. Ing. Mosè Gallo Introduzione La produzione di un bene o l erogazione di in servizio richiede

Dettagli

La gestione dell azienda estesa e i portali collaborativi. Lucidi di M. Bettucci

La gestione dell azienda estesa e i portali collaborativi. Lucidi di M. Bettucci La gestione dell azienda estesa e i portali collaborativi Lucidi di M. Bettucci Indice L azienda estesa Le prassi collaborative I sistemi EDI I sistemi basati sulle VPN Le soluzioni Extended-ERP Sintesi

Dettagli

Il magazzino e le scorte

Il magazzino e le scorte Albez edutainment production Il magazzino e le scorte Classe IV ITC In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 La logistica

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 L organizzazione della logistica B.M.S.: Nel caso di specie si

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Corsi internazionali, corsi in house, master e convegni: la qualità dell insegnamento è sempre garantita da docenti selezionati,

Dettagli

Efficiente catena logistica per l industria. Ridurre i costi e creare valore aggiunto grazie a processi ottimizzati

Efficiente catena logistica per l industria. Ridurre i costi e creare valore aggiunto grazie a processi ottimizzati Efficiente catena logistica per l industria Ridurre i costi e creare valore aggiunto grazie a processi ottimizzati I nostri servizi, i vostri vantaggi La società Elettro-Materiale SA, fondata nel 1913

Dettagli