Il Principio di non Contraddizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Principio di non Contraddizione"

Transcript

1 Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui è impossibile trovarsi in errore 1, e che egli enuncia nel modo seguente: E impossibile che la stessa cosa convenga ed insieme non convenga ad una stessa cosa e per il medesimo rispetto 2 Questa è peraltro solo una delle tante formulazioni possibili del principio in questione, che potrebbe essere espresso anche dicendo che ogni determinazione è ciò che è, e si distingue da ogni altra determinazione, ovvero che l ente è sempre qualcosa di univocamente determinato. Formulando questo principio, Aristotele non fa altro che esprimere nel modo più esplicito quanto la filosofia è venuta mettendo in luce da Parmenide a Platone, riprendendo del resto in ogni aspetto (ed il senso di questa affermazione verrà chiarito in seguito) il superamento operato da Platone nei confronti del pensiero di Parmenide. Intanto si osservi che, se non attribuiamo a quest ultimo (come è però avvenuto nella tradizione filosofica) la negazione della molteplicità degli enti, il Principio di non contraddizione è già individuabile nell affermazione per cui: L essere è, ed è impossibile che non sia Si può infatti anche intendere quest affermazione nel modo seguente: l essere [cioè: ogni ente] è [cioè: esiste secondo la propria determinatezza] ed è impossibile che non sia [cioè: che non sia quella specifica determinatezza che esso è, che sia qualcosa di diverso]. In particolare: ogni ente esiste [= partecipa dell essere] ed è impossibile che non esista [= che non sia un ente, ma un niente]. Nell espressione per il medesimo rispetto, Aristotele si propone infatti solo di chiarire il senso del principio appena formulato: la determinatezza dell ente è appunto il fissarsi nell univocità da parte di un certo significato (ad es. giovane ) che, nel linguaggio, potrebbe restare indeterminato. Ogni significato è espresso concretamente, nel linguaggio, soltanto tramite predicazioni non ambigue (ad es. quando diciamo che Socrate è giovane rispetto a Parmenide, ma non rispetto a Platone ). Dimostrazione Aristotele osserva subito dopo che il Principio più saldo non può essere dimostrato a partire da altro, appunto perché esso costituisce il Fondamento di ogni dimostrazione possibile, e dunque non può, a sua volta, esser fondato su qualcosa di diverso da sé. Questo però non significa in alcun modo che si possa restare indecisi sul valore di quel Principio (su cui è infatti impossibile essere in errore ) ma, al contrario, che la sua verità ha un evidenza assoluta, che non richiede e non può richiedere giustificazioni. 1 Metafisica, Libro IV, I Ibidem, I. 5.

2 Chiunque infatti cerchi di negare il Principio di non Contraddizione (d ora in poi: P.d.n.C.), vuol negare che ogni determinazione sia ciò che è, e pertanto nega che anche la propria tesi (= quella particolare determinazione in cui consiste la propria tesi) abbia il significato che ha: dunque egli nega l esistenza stessa della negazione del P.d.n.C., dichiara la nullità del proprio dire. Sempre che costui voglia esser preso sul serio, e cioè dia alle sue parole un significato non contraddittorio. Chè se poi il suo discorso non intendesse avere un senso preciso, osserva Aristotele, la filosofia non avrebbe neanche bisogno di rispondere al proprio avversario, che semplicemente non direbbe assolutamente nulla, e quindi non sarebbe neanche un vero avversario del P.d.n.C., non più di quanto lo sia un tronco d albero. L avversario potrebbe bensì replicare di non stare semplicemente negando quel principio (e quindi l esistenza della propria tesi), appunto perché (non valendo il P.d.n.C.) si può insieme negare ed affermare una stessa cosa. Ma gli si dovrebbe rispondere che se il suo affermare ed il suo negare vogliono avere valore effettivo di affermazione e di negazione (e non ridursi a semplici emissioni di voce), allora proprio perché egli intende tener ferme insieme l affermazione e la negazione di quel principio, inevitabilmente lo nega: nega la sua determinatezza, nega che tale principio si distingua dal suo opposto, e quindi dichiara ancora l indifferenza, l insignificanza del proprio dire. Ma c è anche il caso in cui, vistosi costretto ad ammettere almeno l incontraddittorietà della propria tesi, l avversario tenti ancora di sostenere che però negli altri casi (in tutti o in alcuni di essi) il P.d.n.C. non funzioni. La confutazione (élenchos) deve allora assumere un carattere un po diverso, più ampio e radicale; anche se in sostanza essa consiste ancora nel far vedere come l avversario di quel principio non riesca assolutamente a dire quanto a prima vista sembrerebbe voler dire 3. Chi infatti voglia negare l incontraddittorietà della determinatezza di un qualsiasi ente, nega anche, con ciò stesso, di star parlando di ciò di cui vorrebbe parlare. Se ad es. l avversario del P.d.n.C. sostiene che questo libro non è questo libro, nella misura in cui dice qualcosa (e non si limita ad emettere suoni privi di senso), sta negando con ciò stesso di potersi riferire in modo determinato a qualcosa che può essere identificato univocamente come questo libro. Se questo libro non fosse questo libro, se davvero fosse vero quanto sostiene chi nega l applicazione del P.d.n.C. al caso di questo libro, si dovrebbe rispondergli che prendiamo atto del fatto che egli non sta parlando di questo libro, ma di qualcosa che, appunto, non ha titolo ad essere individuato come questo libro. Ancora una volta, non è un intervento esterno a dimostrare l impossibilità di negare il P.d.n.C., ma è lo stesso negatore di quel principio che, se vuol dire qualcosa di determinato, qualcosa che abbia un senso preciso, deve anzitutto vanificare la propria negazione. Che resta quindi originariamente tolta di mezzo, nel senso che quel toglimento avviene a monte di ogni affermazione dotata di significato. Né si può ribattere che l avversario del P.d.n.C. afferma prima tale principio, per negarlo poi, giacché, a parte il fatto che anche quel prima e quel poi hanno bisogno, per costituirsi e distinguersi, ancora del P.d.n.C., è il significato stesso della negazione a richiedere che il soggetto di essa sia sempre e comunque tenuto fermo nella sua incontraddittorietà: è insomma proprio all interno del poi (cioè nell esatto momento in cui la negazione tenta di costituirsi) che essa ha bisogno di affermare quanto nega. 3 In effetti, Aristotele indica in modo esplicito soltanto la prima figura dell élenchos (cioè il ragionamento appena esposto). Tuttavia, la seconda figura - esaminata qui di seguito - è implicitamente contenuta nelle successive argomentazioni del Libro IV della Metafisica. 2

3 E dunque non è semplicemente perché essa nega e insieme afferma, che essa non riesce a negare 4 : essa non riesce a negare, invece, perché proprio in quanto nega, là dove nega essa ha bisogno di affermare. E ciò significa che essa fonda la propria esistenza su ciò che vorrebbe negare, e negando quel fondamento essa nega anzitutto se stessa, nega di esistere, di valere come effettiva negazione. E in questa seconda figura che la confutazione del tentativo di negare il P.d.n.C. assume la sua forma più generale e definitiva, che può essere espressa sinteticamente come segue: La negazione di una qualsiasi determinatezza è necessariamente un determinato, che non potrebbe esistere senza quella determinatezza che nega Negando l esistenza di una certa determinatezza, la negazione nega se stessa, dichiara anzitutto la propria inesistenza: proprio nella misura in cui riesce a dire qualcosa, quella negazione non riesce assolutamente a costituirsi come negazione effettiva. Non solo, quindi, il P.d.n.C. è sempre in grado di sconfiggere la propria negazione, ma a rigore quella negazione non riesce neanche ad esistere, ovvero può esistere soltanto come progetto immediatamente tolto, come progetto dell assurdo che resta vanificato nel momento stesso in cui si propone. Ad esistere è in effetti non la negazione del P.d.n.C., ma l illusione che una simile negazione possa esistere. Il P.d.n.C., semplicemente, non ha avversari, è vittorioso da sempre su qualsiasi possibile avversario. O meglio ancora: ogni avversario di quel principio è, in realtà, soltanto un suo sostenitore inconsapevole. Ed è proprio per questo che il P.d.n.C. non richiede dimostrazione, non essendovi alcun altro principio ad esso esterno di cui esso possa aver bisogno, come alleato, per togliere di mezzo la propria negazione. La matrice platonica della formulazione aristotelica del P.d.n.C. Ma Aristotele intende l espressione per lo stesso rispetto anche in relazione al trovarsi nel tempo da parte dell ente (ossia: di certi enti, degli enti che divengono). In altre parti della sua opera egli formula infatti il P.d.n.C. osservando esplicitamente che non è contraddittorio affermare che ad un ente non convengano certe determinazioni che adesso di fatto gli convengono, se ci riferiamo ad un momento della sua storia diverso dal presente. Ossia: è ben possibile, secondo Aristotele, che un certo ente abbia prima e non abbia poi certe proprietà (o viceversa); ed è possibile, in particolare, che un certo ente abbia prima la proprietà di essere, di esistere, e poi la perda, identificandosi quindi al niente. Così inteso, il P.d.n.C. non può in alcun modo essere riportato, come sopra si era proposto di fare, al pensiero di Parmenide, giacché Aristotele afferma, da questo punto di vista, proprio quanto quest ultimo proibiva nel modo più esplicito: che cioè l ente possa qualche volta non essere, che possa essere inteso come esistente nel tempo, come diveniente. Ma questa posizione di Aristotele è quella stessa assunta da Platone in relazione al parricidio compiuto nei confronti di Parmenide, là dove egli da un lato mostra la necessità di affermare le differenze tra le cose (con argomenti non riscontrabili appunto nel pensiero di Parmenide), ma insieme ritiene che almeno per certi enti si possa contravvenire alla proibizione del padre, che vietava di affermare il non-essere (inteso qui come esser-niente) a proposito dell ente. Eppure, a questo punto, proprio la forza del Principio più saldo di tutti potrebbe essere rivolta contro il modo platonico-aristotelico di intendere il divenire: che cosa si deve dire, infatti, in base a quel principio, del tempo in cui questo specifico ente non era (o non sarà) ciò che adesso è, 4 Giacché, fin qui, l avversario del P.d.n.C. potrebbe ribattere che, appunto perché quel principio non ha valore, è del tutto lecito negare ed insieme affermare una stessa cosa. 3

4 ossia del tempo in cui questo ente è supposto assumere determinazioni diverse da quelle che ha nel presente, o perdere determinazioni che al presente gli competono? E cioè possibile che quell ente (futuro o passato) cui riferiamo determinazioni diverse da quelle che caratterizzano questo ente adesso presente, possa essere identificato proprio con questo ente? E, in particolare: è possibile che questo ente, attualmente determinato così come si determina, possa, in un tempo passato o futuro, identificarsi all assoluta mancanza di determinazioni rappresentata dal niente? 5 Divenire significa infatti, nell ottica platonico-aristotelica - ma poi anche in quella dello stesso Parmenide, che appunto perciò nega il divenire (il cambiare luogo e mutare il lucente colore ) - significa l assunzione di qualità, determinazioni prima non possedute (ovvero la perdita di qualità, determinazioni prima possedute) da parte di un certo ente. Ma quando parliamo di un certo ente non ci riferiamo forse ad un ben preciso complesso di determinazioni, ad un complesso che rifiuta di essere identificato ad un qualsiasi altro complesso? Si avvertirà, prima o poi, che un ente privo delle qualità che gli competono (o in possesso di qualità che non gli competono ) non è e non può essere assolutamente quell ente di cui si vorrebbe parlare? L albero che perdesse (e dunque non avesse più) la sua qualità di essere-verde (allora che l albero diventa giallo ) non potrebbe costituirsi come soggetto della frase che dice: l albero verde diventa... (= l albero verde adesso è... / l albero verde sarà... ): se l albero diventa giallo, ciò vuol significare che esso viene ad essere (a tutti gli effetti) giallo, ma allora non si può più pretendere di star parlando di un albero verde. Si rifletta su questa domanda: l albero che è diventato giallo, è ancora verde? se la risposta è no, allora non è dell albero-verde che ora stiamo parlando (e il soggetto della frase l albero è diventato giallo non è l albero verde, ma se mai l albero giallo). Se invece la risposta a quella domanda è sì, allora il P.d.n.C. proibisce che di un albero verde si possa dire che adesso è giallo. E inutile ribattere dicendo che l albero che è diventato giallo era verde, in passato, ed è giallo nel presente (che è quanto afferma appunto Aristotele), perché bisogna sempre rispondere alla domanda: di che cosa stiamo parlando?. Stiamo parlando o no di un albero verde?. L albero-cheera-verde indica pur sempre un insieme di determinazioni che esclude il colore giallo, ed è di tale insieme che subito dopo si vorrebbe predicare quest ultimo colore. Ed ancora: l albero che adesso non esiste, che è un niente (essendo stato abbattuto e poi bruciato) è ancora un albero? Se sì, il P.d.n.C. proibisce di poterlo identificare al niente (un albero è un albero e non un niente); se no, il soggetto della nostra frase non è l albero, ma il niente (e sul fatto che il niente sia niente si può anche - e anzi si deve - essere d accordo). Concludendo: un albero che non è giallo non può e non potrà mai diventare giallo, rifiuterà cioè in eterno di identificarsi ad un albero giallo (né d altra parte un albero che è giallo potrà mai consentire a diventare giallo, ossia a diventare qualcosa che è già da sempre). L unico colore predicabile di un albero verde è, appunto, il verde, così come il giallo è l unico colore predicabile di un albero giallo, e così come l esser privo di foglie è predicabile solo di un albero privo di foglie. E allora, com è possibile affermare che l albero verde diventa giallo, o che quest albero giallo un tempo è stato verde, o che quest albero ricoperto di foglie, in inverno sarà privo di foglie? 5 Parmenide sapeva che l essere, l esistere, non è una determinazione accessoria dell ente: l ente che deponga l essere è l ente che depone se stesso, è appunto l ente-che-non-è. Giacché l ente è definito appunto dal suo non essere un niente ; rinunciando al quale l ente non è più un ente (così come un cerchio che rinunciasse alla circolarità non sarebbe più un cerchio). Non separerai l ente dalla sua connessione con l ente : è possibile che queste parole di Parmenide riescano ancora a dirci qualcosa? 4

5 Allo stesso modo, un ente che è (e tutti gli enti hanno questa proprietà) rifiuterà in eterno di divenire un ente che non è, cioè di divenire un niente, di perdere la più fondamentale ed universale delle proprie determinazioni. Né il niente, che non è, sarà mai in grado di assumere le determinazioni positive di un qualsiasi ente. Ma allora come possiamo fare affermazioni del tipo: quest albero era (o sarà) niente? Il divenire dell ente Con tutto questo non si sta assolutamente negando che esista una variazione nell apparire delle cose, non si sta cioè negando l evidenza (come qualcuno ritiene abbia invece fatto Parmenide): si sta soltanto dicendo che quella variazione (a cui se si vuole si può anche dare il nome di divenire ) non va intesa secondo il senso impostole dall intera tradizione (filosofica, religiosa, scientifica...) del pensiero occidentale, mantenutasi sempre all interno dell ottica platonico-aristotelica. Si sta cioè dicendo che se il divenire significa l assunzione o la perdita di determinazioni specifiche da parte di un qualsiasi ente, allora questo divenire è qualcosa di impossibile, di assurdo. L albero verde non è mai giallo, non diviene giallo, perché l essere-giallo non gli compete in alcun tempo e in alcun modo; e non perde mai il suo essere-verde, non diviene non-verde, perché il verde invece gli compete. Esiste d altra parte un elemento comune all albero giallo e all albero verde, consistente non solo nell essere-albero, ma anche nell essere un particolare albero, un individuazione del genere albero, nell essere cioè quest albero inteso come la permanenza di questo specifico esserealbero, attraverso tutte le varie fasi dell albero verde, dell albero giallo... Ebbene: si potrebbe allora dire che è questo elemento comune (= l individualità dell albero, l albero inteso come sostanza aristotelica) ad assumere via via proprietà diverse? Ma, dobbiamo rispondere, l elemento comune di cui si sta parlando può essere ciò che è (appunto: l elemento comune) solo in quanto è correlato, come invariante, a tutte le determinazioni particolari (l esser verde, l esser giallo, l essere un albero abbattuto...) in cui si esplica questo particolare essere-albero. Se quell elemento comune non è pensato come originariamente indifferente a tutte quelle determinazioni particolari dell albero, se potesse veramente acquisire tratti caratteristici dell una o dell altra, allora non sarebbe affatto l elemento comune a tutte le fasi dell albero. A questo invariante, specifico essere-albero compete l esser correlato a tutte le fasi che possiamo indicare con l espressione quest albero, ma in modo tale che ad esso non può competere alcuna proprietà che non sia comune a tutte le fasi dell albero, cioè che sia assente da qualcuna di tali fasi. E si noti, anzitutto, che a questo invariante essere-albero non può competere mai l esser-niente (cioè il non-essere-albero). Il complesso formato dall unione di questo permanente essere-albero con la totalità delle fasi particolari in cui quel permanere si esplica, è poi quest albero nel senso più pieno e concreto: sintesi individuata di una molteplicità (infinita) di determinazioni, indicabile come l albero nella totalità delle sue manifestazioni : che neanche di tale sintesi si possa predicare il divenire (inteso come acquisizione o perdita di determinazioni) è subito evidente: una totalità è totalità appunto perché non può essere aumentata né diminuita. Ora, se divenire significa rivelare progressivamente, mostrare in successione, da parte di questo concreto essere-albero, le proprie differenti determinazioni, i propri momenti eterni, allora non solo si deve ammettere il divenire dell ente, ma sarebbe anzi autocontraddittorio negarlo: negare cioè che quest essere-albero manifesti via via (nell ordine in cui di fatto le manifesta) le sue varie determinazioni-momento. Giacché negare questo significherebbe ancora negare che quest albero (= la totalità concreta in cui consiste quest albero) si manifesti così come si manifesta, che quest albero sia ciò che è. 5

6 Chiarimenti: Totalità e Momento A) Se con quest albero s intende, appunto come si è proposto sopra, la totalità concreta, compiuta, delle manifestazioni dell albero, è allora certamente lecito affermare che quest albero è verde in estate e non è verde in autunno, giacché i due predicati riferiscono bensì proprietà opposte ad un medesimo soggetto, ma quest ultimo è in grado di assumerle appunto perché gli competono entrambe (e non gli competono per lo stesso rispetto ), proprio come a questo libro possono insieme competere l essere-rosso (quanto alla copertina) e l essere-bianco (quanto alle pagine). Alla totalità compiuta delle fasi dell albero appartengono per definizione l esser verde, l esser giallo, l esser privo di foglie... (così come a quel periodo di tempo che chiamiamo settimana appartengono la domenica, il lunedì, il martedì...). Ma allora, se diciamo - nel senso appena visto - che certe volte l albero è verde, e certe volte non è verde non stiamo forse riconoscendo che quando l albero non è verde, allora non è possibile il suo essere verde, che il suo esser-verde è allora un niente (e viceversa)? Questa domanda può nascere solo dalla confusione tra la compiuta totalità cui ci si stava sopra riferendo, ed un suo particolare momento: se infatti il soggetto della frase l albero è giallo è semplicemente il momento (l albero che rifiuta assolutamente l esser-verde), allora va certamente detto che la sintesi tra quel momento e l esser-verde è del tutto impossibile: dell albero-giallo così inteso possiamo predicare, appunto, solo il colore giallo 6, e dunque il colore verde di quest albero giallo è senz altro un niente. Se invece il soggetto di quell enunciato indica la compiuta totalità dell albero (quella totalità che può accettare come si è visto qualità opposte tra di loro, in quanto predicate per diversi rispetti), allora non solo non è contraddittorio dire che il colore verde compete (adesso come sempre) all albero, ma è anzi impossibile pensare che quel suo colore verde (per il quale soltanto l albero, nella sua compiutezza, è ciò che è) adesso non sia, adesso sia un niente 7. Come il colore rosso della copertina di un libro non esclude l esistenza del colore bianco delle sue pagine (ma anzi, concretamente inteso, la implica), così l esser-giallo dell albero, in autunno, non comporta la nullità del non-esser-giallo dell albero in altre stagioni (ma anzi concretamente lo implica). L albero-verde è un momento (eterno) della compiuta totalità dell albero, allo stesso modo dell albero-giallo: che quei due momenti (eterni) rifiutino di identificarsi tra di loro non implica la nullità, il non-essere dell uno di essi, allorché l altro appare (= si manifesta nell esperienza o nel linguaggio che la descrive), ma implica semmai il suo non-apparire (o il suo non apparire nel modo specifico che compete all altro momento 8 ). 6 A questa predicazione va dato appunto il significato: l albero giallo (il momento in cui l albero è solo giallo, e non è verde) non è verde o l esser-verde di questo albero giallo (che non può essere mai verde) è un niente. 7 La predicazione considerata in questa seconda valenza ha infatti il significato: quest albero che in autunno è giallo (= che è anche giallo, in quanto è la totalità delle fasi dell albero) è anche verde, in estate. 8 A questo proposito, va aggiunto che si dovrebbe mettere in questione il modo in cui l Occidente intende l apparire ed il non-apparire delle cose: nel senso che, ciò che in verità appare, è sempre più di quanto il pensiero occidentale ritiene che appaia. Spesso infatti tale pensiero attribuisce il non apparire tout court a ciò che, in verità, non appare in un certo modo; ovvero attribuisce un apparire solo virtuale a quanto, in verità, appare nelle sua piena e concreta realtà (vedi i contenuti della memoria ). 6

7 B) Ma, stando così le cose, non si potrebbe intendere anche quanto Aristotele dice del divenire, nel senso del convenire di determinazioni diverse ad una sostanza intesa come totalità dei suoi momenti? (Nel senso, cioè che l albero che adesso è verde e che sarà giallo sia inteso da Aristotele appunto come la totalità dei momenti dell albero?). La risposta è negativa, giacché, a parte il rilievo - fondamentale - che per Aristotele l albero può comunque in qualche tempo non essere (venendo così identificato al niente, cioè a qualcosa che non può competere né all albero inteso come totalità, né all albero inteso come momento ), sono gli stessi concetti di potenza e di atto ricorrenti nell opera aristotelica ad escludere la possibilità di ritrovare nel suo pensiero una visione del divenire conforme a quella sopra indicata. Una certa sostanza, secondo Aristotele, ha infatti una determinata proprietà in potenza, proprio perché non la possiede ancora in atto, ossia perché la compiuta attualità di quella proprietà (che peraltro in qualche modo si riconosce competere a questa sostanza) ancora non esiste, o esiste solo in una sostanza diversa. Il che esclude appunto l effettiva presenza di tale proprietà in questa sostanza (= il suo competerle attualmente). La conseguenza di ciò è che, parlando dell essere in potenza (ad es. del colore giallo, che esiste solo in potenza nell albero verde), Aristotele da un lato riferisce una certa proprietà (ad esempio l esser giallo) a qualcosa cui quella proprietà non può assolutamente convenire (l albero verde), dall altro deve concludere che ciò da cui quella proprietà è assente non è semplicemente un aspetto parziale, un momento, ma la stessa concretezza dell ente (ciò che adesso l albero è, nel senso più pieno). E dunque questa concezione (astratta, contraddittoria) del reale, lo impoverisce, riduce la realtà del mondo (= del mondo diveniente ) al solo momento presente, vuol esaurire in tale momento la totalità dell ente. C) Ma il modo platonico-aristotelico di concepire il momento ha caratterizzato storicamente l intera cultura occidentale, e caratterizza anche il nostro modo ordinario di vedere le cose: adesso l albero è giallo non significa certo, per il pensiero filosofico e scientifico dell Occidente - o per il nostro buonsenso - che questo presente esser-giallo semplicemente esclude da sé i momenti in cui l albero non è giallo, ma che li esclude in assoluto, li esclude dall essere. Quei momenti sono considerati ora del tutto inesistenti, in quanto annullati. E proprio questo modo di vedere le cose rende impossibile che il momento venga riconosciuto come fase, aspetto parziale di una certa totalità che si va mostrando: esso resta invece confuso con quella totalità, assume su di sé (contraddittoriamente) i caratteri formali della totalità: il momento presente, in cui l albero è giallo, è inteso non come un parziale manifestarsi della concretezza dell albero, ma come tutto ciò che l albero, adesso, concretamente è. Questo adesso è il presente, visto come escludente il passato e il futuro (nel senso che li esclude dall essere): adesso che l albero è giallo, il passato esser-verde dell albero è andato perduto, è ridotto a niente. Ma, così inteso, l adesso, il presente, è il tempo in cui l ente sarebbe identico al niente, è il tempo dell assurdo. E il momento presente dell albero, isolato dagli altri momenti (= correlato solo al niente-dell albero) è anche negazione di sé in quanto momento, in quanto manifestazione che trova il suo senso concreto soltanto nella relazione alle altre manifestazioni-momento. 7

8 Ed è proprio perché è assunto come isolato dall albero verde che l albero giallo non può esser visto concretamente come albero giallo, e può venir quindi confuso (nella concezione occidentale del divenire ) con quell altro-da-sé che è appunto l albero verde 9. Ed è perché quest ultimo è adesso inteso come inesistente che esso sembra poter assumere una qualche realtà unicamente appoggiandosi all albero giallo, ponendosi come il passato dell albero giallo, e cioè come ciò che, annientatosi, esiste ormai solo identificandosi all albero giallo, esiste solo come ente che è divenuto l altro-da-sé. Nella sua concretezza, l adesso, l apparire attuale, è invece l apertura stessa della verità dell essere, è il mostrarsi di tutto ciò che dell essere immediatamente si mostra. Adesso è il concreto apparire per cui si può e si deve parlare degli enti, delle determinazioni di cui di fatto ora si parla. E questo concreto apparire dice anche, incontrovertibilmente, che il momento non è la totalità, ma una parte dell ente concreto che tramite esso si manifesta, e che, proprio per questo, non solo le altre parti non sono, adesso, un niente, ma il loro esistere è proprio ciò per cui questa parte è questa parte, questo momento è questo momento. E l apparire innegabile dell esistenza di queste altre parti è lo stesso apparire, manifestarsi (spesso incompleto ma formalmente sempre compiuto) della totalità che le unifica. 9 Riguardo a questo punto, la visione dialettica hegeliana - che coglie il contraddirsi dell astratto come il suo cadere nel proprio opposto - contiene indicazioni essenziali sullo statuto concreto dell ente. Anche se, nel suo complesso, tale visione resta fedele alle radici del nichilismo platonico-aristotelico (e ne costituisce anzi una delle forme più rigorose ed estreme). 8

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova

Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Riccardo Ferrigato, Il terzo incomodo. Critica della fecondazione eterologa, San Paolo, 2015, pp. 160, 14.00, ISBN 9788821595035 Daniela Turato, Università degli Studi di Padova Il terzo incomodo. Critica

Dettagli

Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile

Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile Il riverbero materico. Primi appunti di filosofia ecologica come filosofia dell inevitabile Queste parole non sono parole. O non sono soltanto parole. O non sono inevitabilmente parole. Il lettore le considera

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa

Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa Giuliano Broggini 1 Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa L essenza proviene dall essere; non è quindi immediatamente in sé e per sé, ma è un risultato di quel movimento 2. E questa la spiegazione

Dettagli

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo EpiLog 16 XII 2013 Marco Volpe Sainsbury &Tye, Seven Puzzles of Thought Cap. VI The Methaphysics of Thought La concezione ortodossa riguardo il pensiero è che pensare che p significa essere in un appropriato

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

Ecco un gruppo di cinque storielle inventate per far riflettere sull'aritmetica e i suoi fondamenti. CARLETTO E LA MATEMATICA

Ecco un gruppo di cinque storielle inventate per far riflettere sull'aritmetica e i suoi fondamenti. CARLETTO E LA MATEMATICA info@didatticaperprogetti.it PROGETTO 2.1.9 TITOLO Carletto e la matematica AREA Matematica (Aritmetica) SCUOLA Elementare: classi 3-4 - 5 Media: classe 1 OBIETTIVO Riflettere sui fondamenti della matematica

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

La logica dei se e dei ma: linguaggio matematico e linguaggio naturale a confronto

La logica dei se e dei ma: linguaggio matematico e linguaggio naturale a confronto La logica dei se e dei ma: linguaggio matematico e linguaggio naturale a confronto Daniele Mundici Dipartimento di Matematica Università di Firenze Viale Morgagni 67/a 50134 Firenze mundici@math.unifi.it

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

Anche le informazioni giuridiche, quindi, devono essere corrette, complete, non contraddittorie e comprensibili per chi legge.

Anche le informazioni giuridiche, quindi, devono essere corrette, complete, non contraddittorie e comprensibili per chi legge. L ATTO AMMINISTRATIVO: semplificare si può La seconda parte del progetto Fare Comune ha come obiettivo la semplificazione del linguaggio all interno di un settore in cui, ancora oggi, non si riscontra

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Von Neumann fa anche l ipotesi che i funzionali siano lineari sull algebra:

Von Neumann fa anche l ipotesi che i funzionali siano lineari sull algebra: CAPITOLO 6 Il paradosso di Einstein Podolski Rosen Nel 1935 usciva un articolo degli autori sopra indicati, dal titolo Si può ritenere completa la descrizione quantistica della realtà fisica? L articolo

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero

IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero IL RENDIMENTO DELLE MACCHINE TERMICHE E IL SECONDO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA di Ezio Fornero Contenuti: - Concetto di macchina termica - Significato di rendimento di una macchina termica - Il Postulato

Dettagli

Emanuele Severino Essenza del nichilismo Adelphi, Milano 1995, pp. 442, 15, 30

Emanuele Severino Essenza del nichilismo Adelphi, Milano 1995, pp. 442, 15, 30 S&F_n. 8_2012 Emanuele Severino Essenza del nichilismo Adelphi, Milano 1995, pp. 442, 15, 30 Rintracciare l essenza del nichilismo significa compiere una precisa operazione filosofica: comprendere il senso

Dettagli

Lezione 8. La macchina universale

Lezione 8. La macchina universale Lezione 8 Algoritmi La macchina universale Un elaboratore o computer è una macchina digitale, elettronica, automatica capace di effettuare trasformazioni o elaborazioni su i dati digitale= l informazione

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 Risoluzione Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 1 Risoluzione Introdurremo ora un metodo per capire se un insieme di formule è soddisfacibile o meno. Lo vedremo prima per insiemi

Dettagli

Lezione 2: 24/02/03 SPAZIO E GEOMETRIA. VERBALE (a cura di Carla Ivaldi e di Maria A. Mazzotta)

Lezione 2: 24/02/03 SPAZIO E GEOMETRIA. VERBALE (a cura di Carla Ivaldi e di Maria A. Mazzotta) Lezione 2: 24/02/03 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Carla Ivaldi e di Maria A. Mazzotta) ore 8.50-9.00 Sintesi della lezione numero 1 La discussione avvenuta nella lezione precedente ha messo in

Dettagli

René Guénon GLI STATI MOLTEPLICI DELL'ESSERE. Indice

René Guénon GLI STATI MOLTEPLICI DELL'ESSERE. Indice René Guénon GLI STATI MOLTEPLICI DELL'ESSERE Indice Introduzione I. L'INFINITO E LA POSSIBILITÀ II. POSSIBILI E COMPOSSIBILI III. L'ESSERE E IL NON-ESSERE IV. FONDAMENTO DELLA TEORIA DEGLI STATI MOLTEPLICI

Dettagli

Capitolo 5: Preferenze

Capitolo 5: Preferenze Capitolo 5: Preferenze 5.1: Introduzione Le preferenze individuali alla base dell analisi dei capitoli 3 e 4 vengono rappresentate graficamente da curve di indifferenza parallele in direzione verticale

Dettagli

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI SOMMARIO: 1. I soggetti religiosi. Premessa 2. Le persone fisiche 3. Gli enti religiosi (rinvio) 4. Le confessioni religiose *** 1. I SOGGETTI RELIGIOSI. PREMESSA I soggetti

Dettagli

IL POLO DELLA DISCORDIA

IL POLO DELLA DISCORDIA IL POLO DELLA DISCORDIA Illustrazione di Matteo Pericoli 2001 Cliente. Buongiorno. Sono venuto a ritirare i biglietti per il «Viaggio Avventura» al Polo Nord. Agente di viaggio. (Silenzio imbarazzato.)

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

Errori più comuni. nelle prove scritte

Errori più comuni. nelle prove scritte Errori più comuni nelle prove scritte Gli errori più frequenti, e reiterati da chi sostiene diverse prove, sono innanzi tutto meta-errori, cioè errori che non riguardano tanto l applicazione delle tecniche,

Dettagli

Continuità e derivabilità

Continuità e derivabilità Continuità e derivabilità Indicazioni operative Versione del 17 febbraio 2007 In questa nota propongo alcune indicazioni operative per controllare la continuità e derivabilità di funzioni elementari, o

Dettagli

VIttoRIo MASChERPA. d impresa

VIttoRIo MASChERPA. d impresa VIttoRIo MASChERPA lean philosophy dallo zen al metodo toyota per una nuova cultura d impresa Indice 7 Prefazione di Fabio Cappellozza PARtE PRIMA LE BASI FILoSoFIChE del PENSIERo SNELLo 11 Prima di tutto

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

Premessa. di Paolo Spinicci

Premessa. di Paolo Spinicci Premessa di Paolo Spinicci La natura della fotografia racchiude in sé, fin dalle sue origini, una promessa che non è in grado di mantenere, se non in parte, e un compito cui si vorrebbe potesse assolvere,

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

Intervista a Robert Lévy. La formazione dello psicanalista. e le associazioni psicanalitiche

Intervista a Robert Lévy. La formazione dello psicanalista. e le associazioni psicanalitiche Intervista a Robert Lévy La formazione dello psicanalista e le associazioni psicanalitiche Alessandra Guerra: Il mondo psicanalitico è un po chiuso, secondo Lei? Robert Lévy: Sì, altrimenti si rimane nella

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

Montale - poetica pag. 1

Montale - poetica pag. 1 pag. 1 Genova 1896 - Milano 1981 Premio nobel 1975 Percorso poetico lungo e complesso; vive in prima persona, da intellettuale, poeta, saggista, cittadino, tutti i movimenti letterari (ma anche avvenimenti

Dettagli

Capitolo II. La forma del valore. 7. La duplice forma in cui si presenta la merce: naturale e di valore.

Capitolo II. La forma del valore. 7. La duplice forma in cui si presenta la merce: naturale e di valore. Capitolo II La forma del valore 7. La duplice forma in cui si presenta la merce: naturale e di valore. I beni nascono come valori d uso: nel loro divenire merci acquisiscono anche un valore (di scambio).

Dettagli

Parlare della malattia?

Parlare della malattia? L aspetto spirituale della malattia e della sofferenza nel dignitoso cammino verso il fine vita Sabato 10 maggio 2014 Villa Dei Cedri, Merate Relatore Padre Fiorenzo Reati 1 Parlare della malattia? Ricordo

Dettagli

Commento. (di Daniele Minussi)

Commento. (di Daniele Minussi) Il testamento susseguente destituisce di efficacia quello antecedente soltanto quando le disposizioni siano incompatibili con quelle portate dal precedente. (Cass. Civ., Sez. II, sent. n. 4617 del 22 marzo

Dettagli

L educazione nella filosofia greca

L educazione nella filosofia greca 1 di 5 L educazione nella filosofia greca L educazione del cittadino all interno della pólis Il concetto di educazione nella tradizione filosofica greca del periodo classico - sofisti, Socrate, Platone,

Dettagli

Tribunale Milano 10 aprile 2007, n. 1235 - Giudice del lavoro Riccardo Atanasio - Ric. B. P. - Res. Poste italiane Spa; Adecco Italia Spa

Tribunale Milano 10 aprile 2007, n. 1235 - Giudice del lavoro Riccardo Atanasio - Ric. B. P. - Res. Poste italiane Spa; Adecco Italia Spa Tribunale Milano 10 aprile 2007, n. 1235 - Giudice del lavoro Riccardo Atanasio - Ric. B. P. - Res. Poste italiane Spa; Adecco Italia Spa Svolgimento del processo Con ricorso depositato in data 19 giugno

Dettagli

Fare geometria come e perchè

Fare geometria come e perchè Fare geometria come e perchè La matematica non è una materia, è un metodo. Non è uno scaffale del sapere, quello che contiene formule, costruzioni mentali, astrazioni, che sembrano nascere le une dalle

Dettagli

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12

1 Massimi e minimi liberi 1. 2 Massimi e minimi vincolati 7. 3 Soluzioni degli esercizi 12 UNIVR Facoltà di Economia Sede di Vicenza Corso di Matematica 1 Massimi e minimi delle funzioni di più variabili Indice 1 Massimi e minimi liberi 1 Massimi e minimi vincolati 7 3 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

risulta (x) = 1 se x < 0.

risulta (x) = 1 se x < 0. Questo file si pone come obiettivo quello di mostrarvi come lo studio di una funzione reale di una variabile reale, nella cui espressione compare un qualche valore assoluto, possa essere svolto senza necessariamente

Dettagli

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Marcello Pera La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Cerisdi, Palermo, 26 novembre 2001 SENATO DELLA REPUBBLICA TIPOGRAFIA DEL SENATO La giustizia come fondamento dello sviluppo e della

Dettagli

J.L. Austin. J.L. Austin. Come fare cose con le parole. performativi vs constativi. performativi vs constativi. performativi vs constativi

J.L. Austin. J.L. Austin. Come fare cose con le parole. performativi vs constativi. performativi vs constativi. performativi vs constativi J.L. Austin J.L. Austin, Come fare cose con le parole cap. VII, VIII, IX, XI J.L. Austin e la teoria degli atti linguistici Le lezioni di Austin intitolate How to do things with words sono state tenute

Dettagli

Eric M. Dale, Hegel, the End of History, and the Future, Cambridge University Press, 2014, pp. 256, $ 95.00, ISBN 9781107063020

Eric M. Dale, Hegel, the End of History, and the Future, Cambridge University Press, 2014, pp. 256, $ 95.00, ISBN 9781107063020 Eric M. Dale, Hegel, the End of History, and the Future, Cambridge University Press, 2014, pp. 256, $ 95.00, ISBN 9781107063020 Francesco Campana, Università degli Studi di Padova In Hegel, the End of

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

A. Cosa è la privacy B. Cosa sono i dati personali C. I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali

A. Cosa è la privacy B. Cosa sono i dati personali C. I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali ACE PROTEGGE LA RISERVATEZZA DEI TUOI DATI Ace European Group Ltd. fin dalla sua nascita ha deciso di ispirare la propria azione ai valori della sicurezza, della trasparenza e della qualità. Il risultato

Dettagli

I n d i c e 105 151 165 181

I n d i c e 105 151 165 181 I n d i c e 9 Introduzione 13 UNITÀ 1 33 UNITÀ 2 Il nome 59 UNITÀ 3 L aggettivo 83 UNITÀ 4 Il pronome 105 UNITÀ 5 Il verbo 151 UNITÀ 6 La congiunzione 165 UNITÀ 7 La preposizione 181 UNITÀ 8 L avverbio

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano Breve introduzione storica Nel 1854, il prof. Boole pubblica un trattato ormai famosissimo: Le leggi del pensiero. Obiettivo finale del trattato è di far nascere la matematica dell intelletto umano, un

Dettagli

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno.

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. MATRIARCATO La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. Matriarcato: non passa giorno senza che qualcosa venga proposto su questo argomento, sia esso un articolo su una rivista

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA INTRODUZIONE ALLA BIOETICA Nel presentare il tema introduzione alla bioetica che ho tenuto il 18 maggio scorso presso la Comunità dei Padri Camilliani di Macchia-Monte Sant Angelo, ho iniziato parlando

Dettagli

f(x) = 1 x. Il dominio di questa funzione è il sottoinsieme proprio di R dato da

f(x) = 1 x. Il dominio di questa funzione è il sottoinsieme proprio di R dato da Data una funzione reale f di variabile reale x, definita su un sottoinsieme proprio D f di R (con questo voglio dire che il dominio di f è un sottoinsieme di R che non coincide con tutto R), ci si chiede

Dettagli

Ludwig Feurbach LUDWIG FEUERBACH (1804-1872)

Ludwig Feurbach LUDWIG FEUERBACH (1804-1872) Ludwig Feurbach LUDWIG FEUERBACH (1804-1872) Feuerbach fu forse il più famoso rappresentante della corrente anti-hegeliana. Che appartenesse oppure no ad essa è una questione che qui possiamo tralasciare,

Dettagli

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole)

La Logica Proposizionale. (Algebra di Boole) 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ANGIOY La Logica Proposizionale (Algebra di Boole) Prof. G. Ciaschetti 1. Cenni storici Sin dagli antichi greci, la logica è intesa come lo studio del logos, che in greco

Dettagli

Commento delle nuove disposizioni:

Commento delle nuove disposizioni: CHIARIMENTI IN MERITO VARIAZIONE ARTICOLI (Art.11 e nuovo art. 1130-bis) RENDICONTO - BILANCIO Art. 11. 1. Dopo l'articolo 1130 del codice civile è inserito il seguente: «Art. 1130-bis. -- (Rendiconto

Dettagli

di Gianluca Miligi Torniamo al primo punto per svolgerlo nei suoi aspetti impliciti: la realtà non può scomparire al

di Gianluca Miligi Torniamo al primo punto per svolgerlo nei suoi aspetti impliciti: la realtà non può scomparire al di Gianluca Miligi Nella prima parte dell intervento Baudrillard riassume alcune delle sue tesi filosofiche e sociologiche sul rapporto tra immagini e realtà nella società mediatica contemporanea, per

Dettagli

GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642)

GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642) GALILEO GALILEI (Pisa 1564- Arcetri 1642) Opere maggiori: - Sidereus nuncius 1610 - Il Saggiatore 1623 - Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo 1632 - Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno

Dettagli

Nomi di finzione. Il riferimento dei nomi di finzione. Oggetti inesistenti. Un passo indietro

Nomi di finzione. Il riferimento dei nomi di finzione. Oggetti inesistenti. Un passo indietro Il riferimento dei nomi di finzione Nomi di finzione Sandro Zucchi 2013-14 Ora che ci siamo chiariti le idee sul funzionamento dei nomi propri, siamo pronti per tornare alle domande che ci eravamo posti

Dettagli

Presentazione del volume di S. CASSESE, Il diritto globale, Einaudi, 2009 1

Presentazione del volume di S. CASSESE, Il diritto globale, Einaudi, 2009 1 1 Presentazione del volume di S. CASSESE, Il diritto globale, Einaudi, 2009 1 DI STEFANO BATTINI SOMMARIO: 1. Premessa 2. Ordine e disordine 3. Politica e diritto 4. Uniformità e difformità 1. Premessa

Dettagli

LA SUPERVISIONE COME STRUMENTO DI LAVORO

LA SUPERVISIONE COME STRUMENTO DI LAVORO LA SUPERVISIONE COME STRUMENTO DI LAVORO Articolo sulla natura e il ruolo della supervisione nella pratica degli operatori psico-socio-educativi, pubblicato sulla rivista: PROSPETTIVE SOCIALI E SANITARIE,

Dettagli

di Bruno Pagamici Risorse Umane >> Gestione e organizzazione del personale

di Bruno Pagamici Risorse Umane >> Gestione e organizzazione del personale LA DIFFUSIONE DELLA PASSWORD ALL ESTERNO CONFIGURA IL LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA di Bruno Pagamici Risorse Umane >> Gestione e organizzazione del personale Il dipendente che diffonde all esterno dell

Dettagli

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Per anni l Amministrazione Finanziaria ha mantenuto un atteggiamento assolutamente restrittivo nei confronti della cedibilità

Dettagli

Di media non ce n è una sola!

Di media non ce n è una sola! Di media non ce n è una sola! Livello scolare: 1 biennio Abilità interessate Calcolare i principali valori medi per caratteri quantitativi. Conoscenze Proprietà dei principali valori medi. Nuclei coinvolti

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Karl Marx. Il Capitale

Karl Marx. Il Capitale Karl Marx Il Capitale Il Capitale Marx esamina le leggi economiche che regolano lo sviluppo del capitalismo, dalle quali dipende destino della borghesia. Critica dell economia politica Marx prende le distanze

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/ Salve a tutti è un po che vedo e leggo su internet discussioni infinite sulla RR e sul paradosso dei gemelli, ma alla fine si gira sempre intorno al problema senza mai risolverlo e capirlo. Io non sono

Dettagli

Requisiti per la stesura di un buon questionario

Requisiti per la stesura di un buon questionario Laboratorio di indagini campionarie A.A. 2005-2006 Requisiti per la stesura di un buon questionario Alessandro Lubisco Requisiti per la stesura di un buon questionario Esperienza del ricercatore Conoscenza

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

4.6 La socialità e la nuova povertà urbana. 4.6.1 Povertà e modernizzazione

4.6 La socialità e la nuova povertà urbana. 4.6.1 Povertà e modernizzazione Lo sviluppo e il sottosviluppo 269 4.6 La socialità e la nuova povertà urbana Come dimostra la recente nascita di un pianeta di bidonville: i contadini espulsi dalle terre non possono venire assorbiti

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra.

Introduzione. è uguale a 0, spostamento di dati da una parte della memoria del calcolatore ad un altra. Appunti di Calcolatori Elettronici Modello di macchina multilivello Introduzione... 1 Linguaggi, livelli e macchine virtuali... 3 La struttura a livelli delle macchine odierne... 4 Evoluzione delle macchine

Dettagli

Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale

Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale Capitolo VII Processo lavorativo, pluslavoro e parti costitutive del capitale 33. Il processo lavorativo. Abbiamo visto che il lavoro produce così valori d uso. Quindi può essere rappresentato in merci

Dettagli

IL CONCETTO DI MODELLO

IL CONCETTO DI MODELLO Titolo: IL CONCETTO DI MODELLO Autore: Elisabetta Caroti Percorsi didattici associati: 1. Investigazioni sul modello particellare 2. Alziamo gli occhi al cielo 3. L'universo in una stanza AVVERTENZA: Le

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 in data 28/09/2010 Proposta n. 65 Oggetto: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAL GRUPPO CAVRIAGO COMUNE RIGUARDO LA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI

Dettagli

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale Alle ipotesi codicistiche originarie del condomino assente o dissenziente la legge di riforma del condominio ha aggiunto la legittimazione

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 2 -

Informatica per la comunicazione - lezione 2 - Informatica per la comunicazione" - lezione 2 - Diamo una rapida occhiata al momento e al personaggio storico che vengono visti come l inizio dell informatica come la conosciamo oggi, pur dovendo riconoscere

Dettagli

Cenni di logica & algebra booleana

Cenni di logica & algebra booleana Cenni di algebra booleana e dei sistemi di numerazione Dr. Carlo Sansotta - 25 2 Parte Cenni di logica & algebra booleana 3 introduzione L elaboratore elettronico funziona secondo una logica a 2 stati:

Dettagli

----------------------- E opportuno anzitutto tener presente - nell esaminare se

----------------------- E opportuno anzitutto tener presente - nell esaminare se 1 Doc. 8 ITALIA NOSTRA SEZIONE DI GENOVA Osservazioni della Sezione di Genova di Italia Nostra Onlus circa l eventuale revoca degli atti relativi alla concessione per la costruzione di parcheggio all Acquasola.

Dettagli

IL BLUFF DE L ESPRESSO. Critica 1 l analisi si limita agli enti che ci tengono a farsi belli della propria virtuosità (mentre gli asini se la battono)

IL BLUFF DE L ESPRESSO. Critica 1 l analisi si limita agli enti che ci tengono a farsi belli della propria virtuosità (mentre gli asini se la battono) IL BLUFF DE L ESPRESSO Critica 1 l analisi si limita agli enti che ci tengono a farsi belli della propria virtuosità (mentre gli asini se la battono) Si tratterebbe del fenomeno che in termini tecnici

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Qui cade sua altezza

Qui cade sua altezza Qui cade sua altezza Silvia Sbaragli N.R.D. Bologna DFA, SUPSI Locarno (Svizzera) Pubblicato in: Sbaragli S. (2010). Qui cade sua altezza. La Vita Scolastica. 18, 25-27. Nell insegnamento della matematica

Dettagli

AFFETTIVITA E SESSUALITA NEL DISABILE MENTALE ADULTO: risultati di un indagine svolta nei Centri Riabilitativi del Friuli Venezia Giulia.

AFFETTIVITA E SESSUALITA NEL DISABILE MENTALE ADULTO: risultati di un indagine svolta nei Centri Riabilitativi del Friuli Venezia Giulia. AFFETTIVITA E SESSUALITA NEL DISABILE MENTALE ADULTO: risultati di un indagine svolta nei Centri Riabilitativi del Friuli Venezia Giulia. (dr.ssa Anita Sara Gamberini, 2003) Come si manifesta la sessualità

Dettagli

2. Il problema del metodo

2. Il problema del metodo 2. Il problema del metodo 2.1 Lo sviluppo del pensiero filosofico-scientifico tra Cinque e Seicento porta in primo piano il problema del metodo, vero e proprio filo continuo tra vari pensatori che pure

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Avv. Bruno De Carolis... Avv. Alessandro Leproux Membro designato dalla Banca d Italia, che svolge le funzioni di Presidente ai sensi dell art. 4 del Regolamento

Dettagli

I numeri delle macchine

I numeri delle macchine I numeri delle macchine Livello scolare: 1 biennio Abilità interessate Utilizzare in modo consapevole gli strumenti di calcolo automatico. Conoscenze Addizione e moltiplicazione nell insieme dei numeri

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli