EDUCAZIONE ALIMENTARE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA: PROGETTO PILOTA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA G.MARIOTTI, MORCIANO DI ROMAGNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EDUCAZIONE ALIMENTARE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA: PROGETTO PILOTA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA G.MARIOTTI, MORCIANO DI ROMAGNA"

Transcript

1 Università degli Studi della Repubblica di San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva EDUCAZIONE ALIMENTARE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA: PROGETTO PILOTA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA G.MARIOTTI, MORCIANO DI ROMAGNA CANDIDATO: Dott.ssa Elisa Angelini RELATORE: Prof.ssa Maria Letizia Petroni Anno Accademico

2 SCOPO DELLA TESI Il progetto pilota di Educazione Alimentare con Poldina zucchina nella Scuola dell Infanzia G. Mariotti di Morciano di Romagna (RN) si inserisce in un ottica di prevenzione di sovrappeso/obesità, ma anche di promozione di un alimentazione varia e corretta al fine di evitare stati carenziali di nutrienti importanti per la crescita, lo sviluppo ed il benessere del bambino. La scuola come ambientazione ben si presta a coinvolgere contemporaneamente bambini, insegnanti e genitori; inoltre, i bambini anche piccoli sono particolarmente disponibili a far propri messaggi suggeriti attraverso attività ludiche con finalità educativa ed informativa. L educazione alimentare è sinonimo quindi di prevenzione e di educazione alla salute. Facendo nello specifico contesto morcianese un analisi preliminare, attraverso riunioni con la Dirigenza dell I.C. Valle del Conca (di cui la scuola dell infanzia Mariotti fa parte), con le insegnanti del plesso, con l Ufficio servizi Scolastici-Educativi-Sociali del Comune, con un piccolo focus group di genitori, sono emerse le problematiche principali e quindi su queste si è strutturato il programma di tale progetto. I punti focali e gli obiettivi sono stati i seguenti: -promuovere un maggior consumo di frutta e verdura -trasmettere l importanza di una dieta varia e corretta -individuare buone abitudini (fare movimento, scandire la giornata alimentare in 5 pasti, fare quotidianamente una colazione nutriente e completa, bere acqua, mangiare abitualmente frutta e verdura) -favorire un atteggiamento sereno ed equilibrato con il cibo e con il momento del pasto. METODI La Scuola dell Infanzia G.Mariotti accoglie 168 bambini, suddivisi in 6 sezioni (di 27 o 28 o 29 bambini) disomogenee per età (classi miste dai 3 ai 5 anni). Per le insegnanti è stato inizialmente scritto un opuscolo con nozioni ed informazioni scientifiche sulle tematiche che si sarebbero affrontate. Il personaggio chiave del percorso di educazione alimentare con i bambini è stato Poldina, una zucchina. Attraverso giochi, filastrocche, canzoni ed attività sono stati proposti ai bambini vari messaggi, quali l importanza del

3 consumo di frutta e verdura e del rispetto della stagionalità, di una dieta varia e completa, di mangiare correttamente nei 5 pasti al giorno, di fare una colazione nutriente tutti i giorni, di fare movimento, di assaggiare sempre e serenamente le pietanze proposte a tavola a casa o a scuola, di apprezzare la convivialità ed il piacere di condividere il momento del pasto a scuola coi compagni, a casa con la famiglia. Sono stati strutturati 10 incontri per ciascuna sezione, ognuno incentrato su uno specifico obiettivo del progetto. A conclusione di ciascun incontro tutti i bambini personalizzavano una scheda che riprendeva la tematica affrontata (colorandola, o disegnandola o incollando immagini specifiche), facendola diventare una nuova pagina del proprio libro, che al termine del progetto hanno regalato ai loro genitori. In questo libro sono state inserite anche tutte le schede di approfondimento o informative dedicate ai genitori sull argomento della settimana affrontato in classe, disponibili, di volta in volta, per una prima lettura, durante lo svolgimento del progetto, in uno spazio dedicato all ingresso della scuola. I metodi per monitorare eventuali cambiamenti nello stile di vita dei bambini a seguito del progetto sono stati questionari rivolti ai genitori prima e dopo lo svolgimento del progetto ed alle insegnanti in fase finale. I questionari rivolti ai genitori riguardavano le abitudini alimentari del bambino, circa: il gradimento e le porzioni settimanali al di fuori dell orario scolastico di verdura e di frutta, la varietà della dieta e la disponibilità all assaggio del bambino, il numero di pasti (compresi snack e spuntini), la frequenza settimanale della colazione, del consumo di bibite zuccherate, le ore dedicate settimanalmente a giochi di movimento o sport e quelle trascorse davanti a TV e/o videogiochi, l approccio all alimentazione. In fase finale, a distanza di 3 mesi, sono state riproposte le stesse identiche domande, con l aggiunta di altre più dirette rivolte alla rilevazione del consumo di frutta e verdura e della propensione all assaggio. La centralità dell assaggio è stata vista come l arma principale per promuovere un consumo di frutta e verdura e per un alimentazione varia e sana, poiché spesso l ostacolo che il bambino incontra nell accettare tutto ciò è proprio dato da una neofobia nei confronti di cibi non usuali nella propria alimentazione e quindi non accettati.

4 RISULTATI PRINCIPALI I risultati derivano da una analisi statistica descrittiva delle risposte date ai questionari. I questionari iniziali compilati dai genitori sono stati 115, quelli finali 111. Dai dati ottenuti, è emerso che: i bambini assaggiano più volentieri i cibi proposti, con un atteggiamento in generale più sereno e disponibile; hanno mostrato un maggior gradimento della frutta e della verdura, con un relativo aumento del consumo di tali alimenti e sono più propensi ad una alimentazione più varia; si sta osservando una tendenza ad abbracciare uno stile di vita più attivo. In particolare i risultati più evidenti si hanno osservando le risposte a due domande specifiche e dirette presenti nel questionario finale per i genitori in Fig.1-Fig.2. Fig.1. Dopo questo percorso, è aumentato il consumo di frutta e verdura del bambino? 70,0 52,5 63,3 35,0 36,7 17,5 0 Sì NO Fig.2. Il bambino assaggia più volentieri i cibi proposti in tavola dopo questo percorso? 80,0 60,0 75,7 40,0 20,0 0 Sì 24,3 NO

5 Anche le risposte date dalle insegnanti vanno nella stessa direzione dei dati dei genitori. Sia i genitori, sia le insegnanti hanno espresso gradimento ed interesse verso iniziative come questa, mirate alla promozione di un corretto stile di vita. CONCLUSIONI Per poter trarre le conclusioni vanno fatte alcune considerazioni. Il questionario iniziale è stato distribuito durante la seconda settimana di gennaio e quello finale, a distanza di 3 mesi, durante la seconda settimana di aprile, per cui i cambiamenti monitorati non sono attribuibili ad un vero e proprio cambio di stagionalità. La durata del percorso è stata breve, e, per problemi di tempistica per la consegna della tesi, ma anche di gestione ed organizzazione della scuola, l ultimo incontro, che ha avuto un identità a sé, come progetto assaggio in mensa, ossia mirato a promuovere l assaggio delle pietanze proposte nel menù scolastico, è avvenuto dopo la consegna dei questionari finali, escludendo perciò, dall analisi dei dati, eventuali effetti dovuti a tale incontro. Vanno analizzati, inoltre, anche i fattori limitanti l efficacia del percorso, tra i quali: lo svolgimento nel periodo invernale, che ha visto numerose assenze dei bambini, il coinvolgimento in ciascun incontro dell intera sezione, ossia classi numerose e disomogenee per età, la carenza di incontri per i genitori, al di fuori delle riunioni strutturate, incentrati su argomenti di interesse del progetto, la mancanza di un team multiprofessionale e la breve durata. Alla luce di tutto ciò risultano buoni e soddisfacenti i risultati riportati nel paragrafo precedente. Si è assistito ad una sensibilizzazione delle famiglie ad adottare stili di vita più corretti. I bambini, vivendo con entusiasmo ed interesse ogni incontro hanno, in linea generale, dimostrato una buona interiorizzazione dei messaggi loro proposti. La Scuola anche in questo caso si è dimostrato essere un appropriato contesto per coinvolgere i bambini, le famiglie e lo staff scolastico. Si può concludere quindi che Insegnare ai bambini comportamenti alimentari corretti, in modo tale che diventino buone abitudini, è possibile; sarebbe auspicabile poter strutturare iniziative, percorsi e progetti a lungo termine, multisettoriali e multiprofessionali.

MANGIAR BENE E UN GIOCO DA RAGAZZI Progetto di sana Alimentazione dell I.C Masaccio in collaborazione con il dott. Fiorini (coordinatore pediatri Valdarno) MANGIAR BENE E UN GIOCO DA RAGAZZI Nasce per

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015-16

ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGETTO CONTINUITA INSIEME A TE IMPARO, MANGIO BENE...VIVO MEGLIO!!!! PROMOZIONE DI UNA SANA ALIMENTAZIONE E CORRETTI STILI DI VITA ANNO SCOLASTICO 2015-16 GRUPPO CONTINUITA Docenti: Agnese Anna Avallone

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE ABITUDINI ALIMENTARIE E MOTORIE Sezioni 3 ANNI

QUESTIONARIO SULLE ABITUDINI ALIMENTARIE E MOTORIE Sezioni 3 ANNI PROGETTO ALIMENTAZIONE E MOVIMENTO a.s. 2008-2009 COMUNE DI VIGNOLA AZIENDA USL MODENA COOP ESTENSE s.c.- Polivalente Olimpia QUESTIONARIO SULLE ABITUDINI ALIMENTARIE E MOTORIE Sezioni 3 ANNI Da restituire

Dettagli

UNIVERSITA DI VERONA DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E DEL MOVIMENTO. FORMAZIONE PROGETTO PiùVitaSana

UNIVERSITA DI VERONA DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E DEL MOVIMENTO. FORMAZIONE PROGETTO PiùVitaSana UNIVERSITA DI VERONA DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E DEL MOVIMENTO FORMAZIONE PROGETTO PiùVitaSana 21 Gennaio 2015 Alcune domande Quanto dovrebbero muoversi ogni giorno i bambini? Qual è la forma

Dettagli

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento Protocollo n. 26/DDA/2012 Oggetto: progettualità per la valutazione, formazione, educazione alimentare e motoria Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Dettagli

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto

A SCUOLA CON GUSTO. Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto A SCUOLA CON GUSTO Progetto di educazione alimentare, sensoriale e del gusto Il progetto A SCUOLA CON GUSTO Il progetto A SCUOLA CON GUSTO, giunto oggi alla quarta edizione, mira ad avvicinare adulti e

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA

Dettagli

Raccontare la città industriale

Raccontare la città industriale Raccontare la città industriale Dalmine 13 Novembre 2014 IL METODO L Asl di Bergamo ha lavorato molto negli ultimi, in collaborazione con la scuola, per produrre strumenti atti ad inserire i temi della

Dettagli

ALI..MENTIAMOCI (PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE) Il progetto vuole essere un occasione di crescita e di incontro volto a promuovere il

ALI..MENTIAMOCI (PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE) Il progetto vuole essere un occasione di crescita e di incontro volto a promuovere il ALI..MENTIAMOCI (PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE) Il progetto proposto ha lo scopo primario di avvicinare i bambini della scuola dell infanzia (5 anni), ai cibi che tradizionalmente non mangiano volentieri,

Dettagli

Laboratori di educazione alimentare in classe

Laboratori di educazione alimentare in classe Laboratori di educazione alimentare in classe La scuola che promuove salute Varese, 10 novembre 2010 Incontri nelle scuole presenza dell esperto in classe I cinque colori della salute Corretto stile di

Dettagli

PROGETTO ALIMENTAZIONE E CULTURA : DAI BANCHI DI SCUOLA AI LABORATORI DELL IZS LAZIO E TOSCANA

PROGETTO ALIMENTAZIONE E CULTURA : DAI BANCHI DI SCUOLA AI LABORATORI DELL IZS LAZIO E TOSCANA P.A.N. Prevenzione Alimentazione Nutrizione GIOVANI ED ALIMENTAZIONE: LET'S MOVE! Roma, PROGETTO ALIMENTAZIONE E CULTURA : DAI BANCHI DI SCUOLA AI LABORATORI DELL IZS LAZIO E TOSCANA Dott. Stefano Saccares,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA IC8 (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 30/06/2015)

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA IC8 (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 30/06/2015) ISTITUTO COMPRENSIVO N. 8 VIA CA' SELVATICA,11-40123 BOLOGNA Tel 051333384 Fax 0516143898 Sito Web: http://www,ottovolante.org e-mail: comprensivo8@gmail.com boic85100g@istruzione.it REGOLAMENTO DELLA

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico.

TITOLO DEL PROGETTO SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA. Piatto sano, mi ci ficco. Associazione Genitore Amico. ASSOCIAZIONE GENITORE AMICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRIVERO COMUNE DI TRIVERO COMUNE DI SOPRANA TITOLO DEL PROGETTO Piatto sano, mi ci ficco. SOGGETTO PROMOTORE DELL INIZIATIVA Associazione Genitore Amico.

Dettagli

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi

Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Sane abitudini da bambini: un investimento per guadagnare salute da grandi Angela Spinelli e Barbara De Mei Istituto Superiore di Sanità angela.spinelli@iss.it barbara.demei@iss.it OKkio alla SALUTE E

Dettagli

Progetto : Educazione Alimentare. Scuola Primaria di Piano di Conca G. Giusti Classe IIA Insegnanti: Manfredi Vittoria Buonaccorsi Michela

Progetto : Educazione Alimentare. Scuola Primaria di Piano di Conca G. Giusti Classe IIA Insegnanti: Manfredi Vittoria Buonaccorsi Michela Progetto : Educazione Alimentare Scuola Primaria di Piano di Conca G. Giusti Classe IIA Insegnanti: Manfredi Vittoria Buonaccorsi Michela Anno Scolastico 2008/2009 La classe IIA, della Scuola Primaria

Dettagli

MATERIALE DISPONIBILE. Finalmente facciamo merenda

MATERIALE DISPONIBILE. Finalmente facciamo merenda Finalmente facciamo merenda Questo progetto ha coinvolto alcune scuole del territorio provinciale: Infanzia, Primaria e Secondaria di I. L'obiettivo principale è la valorizzazione di una alimentazione

Dettagli

CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Premessa Dalle rilevazioni effettuate negli ultimi anni sulla popolazione giovanile è emerso un aumento di problemi legati alle cattive abitudini alimentari e alla pratica

Dettagli

In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO

In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO In collaborazione con ALIMOS IL PROGETTO Obiettivi TreValli intende promuovere un progetto di educazione alimentare dedicato alle scuole primarie della Regione Marche, in collaborazione con Alimos, società

Dettagli

Hanno partecipato. Ferrara Maria Piera. Serino Livia. Grafica a cura di. Serino Livia

Hanno partecipato. Ferrara Maria Piera. Serino Livia. Grafica a cura di. Serino Livia Hanno partecipato Ferrara Maria Piera Serino Livia Grafica a cura di Serino Livia Alimentazione e stili di vita Un incontro di grande interesse su un tema estremamente attuale. Giovedì 23 aprile alle 9.30

Dettagli

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto L alimentazione esprime abitudini, usi e costumi dell individuo e risponde non solo alle esigenze fisiche, ma anche a quelle psichiche e della vita di relazione ed è in grado di fornire, accanto all esperienza

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Comune di Castellanza REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE MENSA Approvato con Deliberazione di C.C. n. 70 del 27/11/2003 I N D I C E ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE OBIETTIVI DELLA COMMISSIONE MENSA ARTICOLO 2 - COMPOSIZIONE

Dettagli

a cura di Maria vittoria Giglioli supervisione: Roberto Spigarolo INTRODUZIONE

a cura di Maria vittoria Giglioli supervisione: Roberto Spigarolo INTRODUZIONE Analisi critica dei menù somministrati nel servizio di ristorazione scolastica dei comuni dell Agenda 21 Est Ticino e loro confronto con le linee guida nazionali e regionali. INTRODUZIONE a cura di Maria

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

QUALE CORNICE PER L EDUCAZIONE ALIMENTARE A SCUOLA

QUALE CORNICE PER L EDUCAZIONE ALIMENTARE A SCUOLA QUALE CORNICE PER L EDUCAZIONE ALIMENTARE A SCUOLA Seminario di lavoro Thinking Table 2 -Ripensare insieme - la ristorazione scolastica 12 novembre 2012 Centro Incontri Regione Piemonte, c.so Stati Uniti

Dettagli

Esperienze locali di promozione della salute per contrastare l obesità e i comportamenti a rischio nei bambini in Liguria

Esperienze locali di promozione della salute per contrastare l obesità e i comportamenti a rischio nei bambini in Liguria Stili di vita e stato ponderale dei bambini italiani: i risultati della IV raccolta dati di Okkio alla Salute Roma 21 Gennaio 2015 Esperienze locali di promozione della salute per contrastare l obesità

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA DELL INFANZIA VIA T. M. FUSCO a.s.2011/2012 Premessa Nel periodo della Scuola dell infanzia i bambini acquisiscono e strutturano atteggiamenti e modelli comportamentali

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE

ALIMENTAZIONE E SALUTE PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) ALIMENTAZIONE E SALUTE

Dettagli

PROGETTO PRIMO SPORT PADOVA. Conoscenza e gradimento del progetto da parte delle famiglie. Padova 8 aprile 2014

PROGETTO PRIMO SPORT PADOVA. Conoscenza e gradimento del progetto da parte delle famiglie. Padova 8 aprile 2014 Conoscenza e gradimento del progetto da parte delle famiglie Padova 8 aprile 2014 I motivi di un indagine con le famiglie Per monitorare utilità e efficacia dell investimento pubblico Perché la promozione

Dettagli

Progetto di educazione alimentare per le scuole della Provincia di Lecco

Progetto di educazione alimentare per le scuole della Provincia di Lecco Progetto di educazione alimentare per le scuole della Provincia di Lecco ANNO SCOLASTICO 2014/15 La LILT - Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori - Sezione Provinciale di Lecco, realizza da diversi

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E CORRETTA ALIMENTAZIONE Istituto Zooprofilattico Sperimentale Lazio e Toscana Centro

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005 2007 (parte seconda) REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

Dettagli

L influenza dei mass media e del junk foodsull alimentazione dei ragazzi

L influenza dei mass media e del junk foodsull alimentazione dei ragazzi L influenza dei mass media e del junk foodsull alimentazione dei ragazzi G. Grande Corso di Laurea in Diestistica. Università Magna Graecia di Catanzaro. Tesi di laurea. Relatore Prof.ssa Tiziana Iaquinta.

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE 2012 COMUNE DI PERO PREMESSA Negli ultimi anni il Comune di Pero ha consolidato la sua collaborazione con il Comune di Settimo Milanese sia nella gestione delle mense

Dettagli

QUALI SONO LE ABITUDINI MATTUTINE RELATIVE ALLA COLAZIONE DEI RAGAZZI DAGLI 11 AI 13 ANNI?

QUALI SONO LE ABITUDINI MATTUTINE RELATIVE ALLA COLAZIONE DEI RAGAZZI DAGLI 11 AI 13 ANNI? QUALI SONO LE ABITUDINI MATTUTINE RELATIVE ALLA COLAZIONE DEI RAGAZZI DAGLI 11 AI 13 ANNI? INDAGINE STATISTICA Classe 2 B Scuola Secondaria di Secondo grado di Cesiomaggiore PRIMO PASSO: CONOSCERE L ARGOMENTO

Dettagli

Esperienze di sicurezza alimentare

Esperienze di sicurezza alimentare Esperienze di sicurezza alimentare Progetto Abitudini e stili alimentari ISIS Andrea Torrente - Casoria Classe V B indirizzo Enogastronomia Docente: Paola Cinque Tutor: Maria Marino, Istat Napoli, 22 ottobre

Dettagli

LA SCUOLA DEL BENESSERE

LA SCUOLA DEL BENESSERE SCUOLA DELL INFANZIA DON MILANI SEZIONE IC ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGETTO : LA SCUOLA DEL BENESSERE PROGETTO LA SCUOLA DEL BENESSERE Premessa: Per l'anno scolastico 2012-13 abbiamo elaborato una programmazione

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE TABELLA RIASSUNTIVA dei RISULTATI del QUESTIONARIO PER I GENITORI

EDUCAZIONE ALIMENTARE TABELLA RIASSUNTIVA dei RISULTATI del QUESTIONARIO PER I GENITORI EDUCAZIONE ALIMENTARE TABELLA RIASSUNTIVA dei RISULTATI del QUESTIONARIO PER I GENITORI 1. In famiglia vi è mai capitato di confrontarvi sulle Linee Guida per Corretta Alimentazione (magari stimolati da

Dettagli

Educazione alla salute: alimentazione e movimento

Educazione alla salute: alimentazione e movimento Educazione alla salute: alimentazione e movimento Educazione alla salute? Educazione per la salute? Promozione della salute? Perché parlarne alla scuola media? Perché una integrazione interdisciplinare?

Dettagli

LA SCUOLA DELL INFANZIA NEL CANTONE TICINO

LA SCUOLA DELL INFANZIA NEL CANTONE TICINO Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Ufficio delle scuole comunali LA SCUOLA DELL INFANZIA NEL CANTONE TICINO Informazioni per i genitori Bellinzona, settembre 2004 1 [Le denominazioni

Dettagli

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Camst. Il gusto di una bella storia. Camst è tra i più importanti gruppi di ristorazione in Italia ed è interamente costituito da capitale italiano. Nasce

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

Master di 1 livello. Master di 2 livello

Master di 1 livello. Master di 2 livello Master di 1 livello QUALITà E SICUREZZA DELL ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI IN UNA SOCIETà MULTIETNICA Master di 2 livello strategie PER LA PROMOZIONE E LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA QUALITà DELL ALIMENTAZIONE

Dettagli

C O S A B O L L E I N P E N T O L A?

C O S A B O L L E I N P E N T O L A? C O S A B O L L E I N P E N T O L A? I m p a r a r e m a n g i a n d o Progetto di educazione alimentare ISTITUTO COMPRENSIVO DI FAEDIS Scuola dell Infanzia di Attimis Anno scolastico 2007/08 NARRAZIONE

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

Progetto. Guadagnare Salute

Progetto. Guadagnare Salute Servizio Dipartimentale di Medicina dello Sport Comitato Provinciale di Perugia Progetto Guadagnare Salute Sport, movimento e non solo.. per ridurre la sedentarietà in età scolare Premessa I fenomeni del

Dettagli

Angela Maria Messina Tecnologo alimentare- Specialista in Scienza dell Alimentazione

Angela Maria Messina Tecnologo alimentare- Specialista in Scienza dell Alimentazione Angela Maria Messina Tecnologo alimentare- Specialista in Scienza dell Alimentazione Cosa abbiamo nel piatto: tecnologie, ambiente, educazione, sicurezza Milano, 17 ottobre 2012 Alimentarsi = elementare

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

REFEZIONE SCOLASTICA TRASPORTO SCOLASTICO ASILO NIDO

REFEZIONE SCOLASTICA TRASPORTO SCOLASTICO ASILO NIDO CITTA DI MORTARA (Provincia di Pavia) UFFICIO PUBBLICA ISTRUZIONE INDAGINE CONOSCITIVA SUI SERVIZI DI: REFEZIONE SCOLASTICA TRASPORTO SCOLASTICO ASILO NIDO Elaborazione dati questionario 2009 Realizzato

Dettagli

PROPOSTE PER LA SCUOLA D INFANZIA

PROPOSTE PER LA SCUOLA D INFANZIA PROPOSTE PER LA SCUOLA D INFANZIA I LEGUMI (attività legata all Expo) Laboratorio ludico didattico rivolto agli alunni della scuola dell infanzia; il modulo comprende una parte teorica ed una pratica.

Dettagli

PERCORSI PROGETTUALI

PERCORSI PROGETTUALI Che gusto c è Alla scuola dei cuccioli Cibi, colori e sapori Il pranzo è servito Pasticciando sperimentiamo PERCORSI PROGETTUALI Lingua inglese con risorse interne al plesso Yummy, yummy per giocare con

Dettagli

CHI BEN COMINCIA È A METÀ DELL OPERA A.S. 2013-2014

CHI BEN COMINCIA È A METÀ DELL OPERA A.S. 2013-2014 Fondazione Scuola dell'infanzia di Talamona CHI BEN COMINCIA È A METÀ DELL OPERA A.S. 2013-2014 L'accoglienza nella Scuola dell'infanzia prevede: 1) MOMENTI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI Visita

Dettagli

llpunto di vista dei genitori e delle commissioni mensa

llpunto di vista dei genitori e delle commissioni mensa IO MANGIO A SCUOLA: IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO 16 Settembre 2014 Via Bologna 148 TORINO llpunto di vista dei genitori e delle commissioni mensa Alessandra Rosso Facciamo le presentazioni... Mamma di 2

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA

CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA Comune di BRESCIA CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA Indagine condotta su bambini, ragazzi e genitori delle Scuole Primarie Maggio 2015 L indagine in forma

Dettagli

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Menù partecipato Il progetto il menù l ho fatto io Un modello

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Lin e e d i in d iriz z o n a z io n a le p e r la Ris t o ra z io n e s c o la s t ic a (uno strumento per favorire una sana alimentazione a scuola)

Lin e e d i in d iriz z o n a z io n a le p e r la Ris t o ra z io n e s c o la s t ic a (uno strumento per favorire una sana alimentazione a scuola) Azienda USL 6 di Livorno Unità Funzionale Igiene Alimenti & Nutrizione Borgo San Jacopo, 59-57126 Livorno 0 5 8 6.2 2 3 5 7 7 0 5 8 6.2 2 3 5 5 3 Lin e e d i in d iriz z o n a z io n a le p e r la Ris

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

FUN SCIENCE PER LE SCUOLE

FUN SCIENCE PER LE SCUOLE I giovani una risorsa per il futuro. Aiutiamoli a cambiare il Pianeta! Laboratori didattici per un accrescimento della cultura scientifica, una maggiore sensibilità verso uno sviluppo sostenibile e stili

Dettagli

Progetto genitori consapevoli

Progetto genitori consapevoli Progetto genitori consapevoli Corso di formazione a sostegno del difficile compito di essere genitori oggi. Grande affluenza di pubblico L'iniziativa, con lo scopo ben preciso di dialogare insieme su problemi

Dettagli

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano CITTA-DIAMOCI La Caritas di Bolzano-Bressanone offre ai giovani interessati al Servizio Civile Nazionale tre posti all interno di strutture che lavorano con persone senza dimora. Descrizione progetti 1.

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA SOLARIA Società Cooperativa UFFICIO PUBBLICA ISTRUZIONE PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Premessa L alimentazione ha assunto nella società in cui viviamo oggi un ruolo fondamentale

Dettagli

PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense

PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense SCUOLA D INFANZIA BIANCO BUONO LATTE 4 anni, scuola dell infanzia Latte, filiera, gusto, preferenze, Alimentazione:

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

SCUOLA DI BENESSERE: CIBO E MOVIMENTO

SCUOLA DI BENESSERE: CIBO E MOVIMENTO SCUOLA DI BENESSERE: CIBO E MOVIMENTO PROGETTO PILOTA DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA E CIBO I 5 COLORI DEL BENESSERE Anno scolastico 2009/2010 Regione Sicilia Rete di Catania I.C. Edmondo De Amicis Tremestieri

Dettagli

I.C.S. L.Pirandello-Borgo Ulivia a.s. 2014/15

I.C.S. L.Pirandello-Borgo Ulivia a.s. 2014/15 I.C.S. L.Pirandello-Borgo Ulivia a.s. 2014/15 Scuola in salute e sicurezza L'educazione alla salute, intesa come bisogno di star bene con se stessi, con gli altri e con l'ambiente, diventa un elemento

Dettagli

CIBO IN SE CIBO IN ME CIBO IN NOI

CIBO IN SE CIBO IN ME CIBO IN NOI CIBO IN SE CIBO IN ME CIBO IN NOI IL DIRITTO AD UNA SANA ALIMENTAZIONE L art. 25 della Dichiarazione Universale dei diritti umani riconosce ad ogni individuo il diritto ad un tenore di vita sufficiente

Dettagli

LA CORRETTA ALIMENTAZIONE ÈDONNA

LA CORRETTA ALIMENTAZIONE ÈDONNA LA CORRETTA ALIMENTAZIONE ÈDONNA Ente Promotore: Assessorato alle politiche della Salute del Comune di Bologna Oggetto: Piano di Comunicazione per una Cultura della Corretta Alimentazione 1 DEFINIZIONE

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE

CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE MANGIA, SALTA RIDI L Educazione Alimentare, oggi ha assunto un ruolo fondamentale nella determinazione

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

Corecom Progetti di educazione ai media. Interventi realizzati

Corecom Progetti di educazione ai media. Interventi realizzati Corecom Progetti di educazione ai media Anno scolastico Progetto Interventi realizzati Soggetti coinvolti Indagine sulle abitudini di fruizione televisiva da parte di bambini/e di età compresa tra i 24

Dettagli

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011 GRIGLIA IPDA LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. Art. 2 Finalità f) favorire la diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi;

Dettagli

PANCIA MIA FATTI CAPANNA. CIBI DI CASA MIA E SOVRANITA' ALIMENTARE

PANCIA MIA FATTI CAPANNA. CIBI DI CASA MIA E SOVRANITA' ALIMENTARE PANCIA MIA FATTI CAPANNA. CIBI DI CASA MIA E SOVRANITA' ALIMENTARE Scuola e docenti responsabili o ente autore della progettazione Nome Scuola o Ente Scuola Primaria sede distaccata Indirizzo e telefono

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA DIREZIONE DIDATTICA DI CASTEL MAGGIORE PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA Nelle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati delle Attività Educative nella Scuola dell Infanzia

Dettagli

RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO MENSA

RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO MENSA RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO MENSA 2014 COMMISSIONE MENSA COMUNE DI SAN LORENZO IN CAMPO COMPONENTE GENITORI REFEZIONE SCOLASTICA RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO MENSA - COMUNE DI SAN LORENZO IN

Dettagli

Customer Satisfaction RISULTATI

Customer Satisfaction RISULTATI Comune di Pisa Customer Satisfaction RISULTATI Comune di Pisa Gennaio- Giugno 2012 Introduzione Elior Ristorazione propone nelle sue strutture la distribuzione di questionari per la valutazione del gradimento

Dettagli

Scuola dell Infanzia. Brezzo di Bedero

Scuola dell Infanzia. Brezzo di Bedero Scuola dell Infanzia Brezzo di Bedero PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a.s. 2014-2015 PREMESSA Un viaggio che ha come finalità il generale miglioramento dello stato di benessere degli individui attraverso corrette

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA

PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA Direzione Didattica 3 Circolo Gubbio SCUOLA DELL INFANZIA DI BRANCA E TORRE CALZOLARI PROGETTO CONTINUITA E ACCOGLIENZA A.S. 2012/13 PROGETTO CONTINUITÀ - ACCOGLIENZA RITROVARSI INSIEME PER FARE E GIOCARE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

OBESITA': CON CORSI DI CUCINA SANA MEDICI PIU' BRAVI CON PAZIENTI

OBESITA': CON CORSI DI CUCINA SANA MEDICI PIU' BRAVI CON PAZIENTI OBESITA': CON CORSI DI CUCINA SANA MEDICI PIU' BRAVI CON PAZIENTI (AGI) - New York, 25 feb. - Un'educazione continua che include anche corsi di cucina veri e propri e' il modo migliore per migliorare i

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA I tre ordini di scuola, in accordo fra loro per garantire una continuità dalla scuola dell Infanzia alla scuola Superiore

Dettagli

CHI BEN COMINCIA È A METÀ DELL OPERA

CHI BEN COMINCIA È A METÀ DELL OPERA ~ 1 ~ SCUOLA DELL INFANZIA DINO BUZZATI LEVEGO A.S. 2014-15 CHI BEN COMINCIA È A METÀ DELL OPERA L'accoglienza nelle Scuole dell'infanzia Statali prevede: MOMENTI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI

Dettagli

Via M. Gioia, 51-20124 MILANO Tel: 02.66981648 fax: 02.66984364e mail: primaria@consolatricemilano.it www.consolatricemilano.it

Via M. Gioia, 51-20124 MILANO Tel: 02.66981648 fax: 02.66984364e mail: primaria@consolatricemilano.it www.consolatricemilano.it Via M. Gioia, 51-20124 MILANO Tel: 02.66981648 fax: 02.66984364e mail: primaria@consolatricemilano.it www.consolatricemilano.it 1 PREMESSA Il Nido Gioia è diviso in due sezioni che, indicativamente corrispondono

Dettagli

REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA. Dipartimento Cultura e Politiche Sociali febbraio 2014

REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA. Dipartimento Cultura e Politiche Sociali febbraio 2014 REGOLAMENTO COMMISSIONE MENSA Dipartimento Cultura e Politiche Sociali febbraio 2014 PREMESSA La Commissione Mensa (C.M.) è un organo operativo volontario legittimamente riconosciuto, previsto sia dalle

Dettagli

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO

Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO Asilo Nido PROGETTO PEDAGOGICO 1) FINALITA Il nostro Asilo Nido è una scuola di ispirazione cristiana, è gestito dalla Cooperativa Sociale Casa Famiglia Agostino Chieppi ed è parte integrante del Plesso

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale Friuli Venezia Giulia. UdA. Mangia sano, vivi meglio! Per la classe II di un Liceo delle Scienze Umane.

Ufficio Scolastico Regionale Friuli Venezia Giulia. UdA. Mangia sano, vivi meglio! Per la classe II di un Liceo delle Scienze Umane. UdA Mangia sano, vivi meglio! Per la classe II di un Liceo delle Scienze Umane Docenti autori: Prof.ssa Mariella Ciani Prof.ssa Paola D Agostini Prof.ssa Fabiola Di Filippo Prof.ssa Maria Grazia Di Paola

Dettagli

La Comunità come risposta all obesità infantile

La Comunità come risposta all obesità infantile La Comunità come risposta all obesità infantile Modena, 12 aprile 2012 Progetti di comunità per promuovere sane abitudini alimentari e motorie fin dall infanzia a Modena Alberto Tripodi U.O. Nutrizione.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA PARITARIA ISTITUTO SACRO CUORE BITONTO (BA) Contributi in materia di Diritto allo Studio. della Regione Puglia

SCUOLA PRIMARIA PARITARIA ISTITUTO SACRO CUORE BITONTO (BA) Contributi in materia di Diritto allo Studio. della Regione Puglia SCUOLA PRIMARIA PARITARIA ISTITUTO SACRO CUORE BITONTO (BA) della Regione Puglia (L.R. 42/80 art. 10 Legge n. 241 del 7/8/1990 art.12) Fiabe per educare Anno scolastico 2010/2011 DESCRIZIONE DETTAGLIATA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE BEATO CONTARDO FERRINI. B E S : Ben-Essere-a Scuola a.s. 2015/16

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE BEATO CONTARDO FERRINI. B E S : Ben-Essere-a Scuola a.s. 2015/16 L I.C. Ferrini di Olgiate Olona è assegnatario di un contributo da parte della Fondazione Comunitaria del Varesotto per la realizzazione del Progetto: B E S : Ben-Essere-a Scuola a.s. 2015/16 INFORMAZIONI

Dettagli

Progetto alimentazione

Progetto alimentazione 1 di 5 26/09/2013 12:00 Scuola Elementare Statale: Giovanni XXIII Docenti: ecco alcuni progetti Adozione alternativa al libro di testo Da 22 anni la nostra scuola attua la sperimentazione della scelta

Dettagli

LA PORZIONE E SERVITA SPUNTI PER SENSIBILIZZARE I GESTORI PUBBLICI E PRIVATI DELLA REFEZIONE SCOLASTICA, UTENTI E OPERATORI DELLE MENSE

LA PORZIONE E SERVITA SPUNTI PER SENSIBILIZZARE I GESTORI PUBBLICI E PRIVATI DELLA REFEZIONE SCOLASTICA, UTENTI E OPERATORI DELLE MENSE LA PORZIONE E SERVITA SPUNTI PER SENSIBILIZZARE I GESTORI PUBBLICI E PRIVATI DELLA REFEZIONE SCOLASTICA, UTENTI E OPERATORI DELLE MENSE Osserviamo cosa succede in una mensa scolastica Il menù della scuola

Dettagli

Sport & Nutrizione 2016

Sport & Nutrizione 2016 SPORT VILLAGE CATONA PRESENTA Sport & Nutrizione 2016 Giocare - Crescere Mangiare Nei precedenti Camp organizzati nella struttura dello Sport Village si è ottenuto una larga adesione da parte di molte

Dettagli

INDAGINE CUSTOMER SATISFACTION Servizio di Ristorazione Scolastica Scuole Primarie 2011

INDAGINE CUSTOMER SATISFACTION Servizio di Ristorazione Scolastica Scuole Primarie 2011 Servizio di Ristorazione Scolastica Indagine 2011 1 INDAGINE CUSTOMER SATISFACTION Servizio di Ristorazione Scolastica Scuole Primarie 2011 Francesco D Alessandro Settore Certificazioni di Qualità Servizio

Dettagli

Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2007/2008

Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2007/2008 Città di Sereg Consiglio Comunale dei Ragazzi an scolastico 2007/2008 Rilevazione ed analisi dei dati emersi dal questionario: alimentazione sport salute in collaborazione con: Scuole Primarie e Secondarie

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

PROGETTO PILOTA DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. REPORT settembre 2009- maggio 2010

PROGETTO PILOTA DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. REPORT settembre 2009- maggio 2010 PROGETTO PILOTA DI EDUCAZIONE ALIMENTARE REPORT settembre 2009- maggio 2010 LA MERENDA A SCUOLA INDAGINE SULLE ABITUDINI ALIMENTARI ANALISI DEI DATI EMERSI UNA MERENDA DIVERSA..SANA, GUSTOSA E NUTRIENTE

Dettagli

Pensa che mensa scolastica!

Pensa che mensa scolastica! Pensa che mensa scolastica! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità La mensa che vorrei La mensa che vorrei è un progetto di educazione al diritto al cibo e a una mensa buona,

Dettagli

A SCUOLA DI BENESSERE CON ORTOSESTU. I bambini e l'alimentazione.

A SCUOLA DI BENESSERE CON ORTOSESTU. I bambini e l'alimentazione. A SCUOLA DI BENESSERE CON ORTOSESTU. I bambini e l'alimentazione. Nelle linee guida per l Educazione Alimentare nella Scuola Italiana del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e grazie

Dettagli

CURRICOLI DELLE ATTIVITA ALTERNATIVE ALLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA. spiga di Lucia somatico e della

CURRICOLI DELLE ATTIVITA ALTERNATIVE ALLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA. spiga di Lucia somatico e della SAPERI OBIETTIVI CONTENUTI STRUMENTI -La carta d identità. -sussidio didattico conoscenza della propria collana I quaderni identità sotto l aspetto spiga di Lucia somatico e della Russo, Cittadinanza e

Dettagli