L4ALLExperience Description School year 2010/2011 Experience 10/ n.313

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L4ALLExperience Description School year 2010/2011 Experience 10/ n.313"

Transcript

1 HANDLING DATA Last Revision: 2012/02/14 L4ALLExperience Description School year 2010/2011 Experience 10/ n.313 ANNEXES Date Author What 2011/07 Luca Ferrari Audio Interview 2011/09 Luca Ferrari Interview Transcript 2011/10 Luca Ferrari FEE Result A.S Mario Menghi Descrizione progetto Classi 2.0 Rimini Teacher(s) involved: Name Specialization (subject taught) T1 Mario Menghi Arte e Immagine T2 Leonardo Tartaglia Insegnante di sostegno SCHOOL DATA School Level: Junior Class: 2 School: SMS Bertola Rimini Location: Country Italy Region Emilia Romagna County Rimini Full Address: Via Euterpe, 16 Contacts: Phone: Project title: Fare inclusione con le TIC: l esperienza della scuola SMS Bertola, Rimini (titolo attribuito dal ricercatore) Subject matter: interdisciplinare Content: territorio riminese Short synopsis L esperienza si inserisce all interno di un progetto nazionale, 2.0, che prevede l uso delle tecnologie nella pratica didattica quotidiana. Ciò ha portato a dover cambiare, in parte, l ambiente di socializzazione all interno del contesto classe. L uso di un collegamento dedicato ha permesso di utilizzare, nella maggior parte delle attività didattiche quotidiane, le nuove tecnologie per la videoconferenza, al fine di permettere, all alunno diversamente abile, di essere presente, anche se in maniera virtuale, alla partecipazione alle lezioni, seguito dall aiuto di un docente di sostegno e da una educatrice che, a giorni alterni, si recano nella sua abitazione. 1

2 L4ALLExperience Description School year 2010/2011 Experience 10/ n.313 SCHOOL DATA School Level: Junior Class: 2 FORMAT/INITIATIVE 2.0 Long synopsis Premessa: il focus della esperienza descritta riguarda principalmente le modalità attraverso le quali è avvenuta la inclusione didattica dell alunno disabile. Pertanto non ci si focalizzerà tanto sui contenuti della esperienza quanto piuttosto sulle strategie impiegate dagli insegnanti con il supporto delle tecnologie multimediali e di rete per favorire la inclusione didattica. L esperienza si sta svolgendo in una classe seconda formata da 20 alunni, 10 ragazzi e 10 ragazze, uno dei quali in costante condizione di assistenza e istruzione domiciliare. Si inserisce all interno di un progetto nazionale, 2.0, che prevede l uso delle tecnologie nella pratica didattica quotidiana. Ciò ha portato a dover cambiare, in parte, l ambiente di socializzazione all interno del contesto classe. L uso di un collegamento dedicato ha permesso di utilizzare, nella maggior parte delle attività didattiche quotidiane, le nuove tecnologie per la videoconferenza, al fine di permettere, all alunno disabile, di essere presente, anche se in maniera virtuale, alla partecipazione alle lezioni, seguito dall aiuto di un docente di sostegno e da una educatrice che, a giorni alterni, si recano nella sua abitazione. Il filo conduttore dell attività progettuale che la classe sta affrontando si caratterizza nella scoperta e riscoperta di risorse, beni, tradizioni del territorio che sono giunte fino a noi e che da noi, attraverso la documentazione, ripartiranno verso futuro. Lo scopo intrapreso non è soltanto quello di ampliare le conoscenze, ma di capire le problematiche e le dinamiche sociali del territorio in cui viviamo. Uno degli obiettivi principali è diventato quindi il saper comunicare con gli altri, attraverso l uso dei diversi linguaggi, delle terminologie specifiche delle varie discipline e naturalmente dei linguaggi propri delle nuove tecnologie. Attraverso un uso intelligente delle nuove tecnologie, ogni persona può imparare ad imparare e co-costruire nuove conoscenze. L uso delle TIC nella didattica supporta questi obiettivi. L esperienza ha permesso di ottenere benefici emotivo - motivazionali: grandissimo entusiasmo fra i ragazzi, soprattutto nel momento in cui vengono utilizzate le nuove strumentazioni e la nuova tecnologia perché questo entusiasmo li porta ad usare mezzi che loro conoscono bene. Il coinvolgimento della classe in questo progetto ha permesso l attuazione di alcune uscite sul territorio ed ha consentito di raccogliere materiali digitali (foto, video, ecc ) utili per la ricerca storico geografica della città di Rimini che serviranno per documentare il progetto attraverso un ipertesto conclusivo. Tra le strategie messe in atto per l inclusione dello studente disabile si segnalano: Collegamento a distanza garantito almeno per 2 ore al giorno. Supporto costante dell insegnante di sostegno e mediazione dello stesso tra alunno, insegnanti e gruppo classe. Registrazione delle lezioni d aula (attualmente non garantita per tutti gli insegnamenti). Partecipazione dell alunno alle attività didattiche della classe. Visite periodiche degli alunni della classe nella casa dell alunno disabile: questa modalità ha creato una maggiore coesione tra il gruppo classe oltre che uno stimolo in più per l alunno legato alla reale partecipazione alle attività didattiche. 2

3 KEY - WORDS Inclusione di alunno disabile, individualizzazione didattica, didattica a distanza, 2.0, collegamento scuola-casa con webcam CONTEXT AND PROFILE OF THE CLASS L esperienza si sta svolgendo in una classe seconda formata da 20 alunni, 10 ragazzi e 10 ragazze, uno dei quali in costante condizione di assistenza e istruzione domiciliare. Si inserisce all interno di un progetto nazionale, 2.0, che prevede l uso delle tecnologie nella pratica didattica quotidiana. CONTENT Il contenuto è di natura multidisciplinare e riguarda il tema del rapporto tra mestieri di ieri e di oggi nel territorio riminese. Sono state previste diverse uscite nel territorio nelle quali gli alunni hanno potuto documentare la esperienza attraverso l utilizzo di macchine fotografiche digitali, video camere e registratori vocali. In alcune discipline la raccolta delle immagini e degli audio ha portato alla creazione di narrazioni multimediali e alla partecipazione al concorso PoliCultura organizzato dal Politecnico di Milano. TECHNOLOGY Possiamo distinguere tra tecnologie utilizzate da tutta la classe e tecnologie prevalentemente impiegate per il lavoro didattico con l alunno disabile. A livello di classe: - Lavagna Interattiva Multimediale - Notebook ogni due alunni - Stampante multifunzione in classe - Videocamera ad alta definizione per le riprese nel territorio - ebook reader - Registratore digitale A livello di lavoro didattico con l alunno disabile: - webcam per videoconferenza istruzione domiciliare - microfoni ambientali EDUCATIONAL BENEFITS Benefici emotivo - motivazionali: grandissimo entusiasmo fra i ragazzi, soprattutto nel momento in cui vengono utilizzate le nuove strumentazioni e la nuova tecnologia perché questo entusiasmo li porta ad usare mezzi che loro conoscono bene. IMPLEMENTATIONPROCESS Per quanto riguarda il setting della classe la prima strumentazione tecnologica inserita è stata la Lavagna Interattiva Multimediale. In un secondo tempo, quando alla scuola è stato permesso di avere un collegamento internet stabile, è stata istallata una webcam per permettere all alunno disabile di seguire a distanza, per almeno due ore al girono e con la mediazione dell insegnante di sostegno, le attività svolte in classe. IM2 Attività didattiche A livello generale di lavoro svolto in classe, alcune attività didattiche (es. ricerca di materiali in rete, esercitazioni su argomenti del programma) hanno previsto l uso di un notebook ogni due alunni e della LIM soprattutto per stimolare gli alunni nella conduzione di attività di ricerca. Per fare solo un esempio l insegnante intervistato ha introdotto la storia dell Arco di Augusto utilizzando la LIM nel modo di seguito descritto: - Docente: individuazione di un argomento: es. l Arco di Augusto - Alunni: con il supporto dell insegnante hanno ricercato materiali in rete attraverso portali di consultazione come Wikipedia. Le attività di ricerca sincrona hanno riguardato soprattutto la individuazione di approfondimenti non presenti nel libro di testo. 3

4 - Insegnante e alunni: riflessione su quanto trovato, organizzazione dei materiali e collegamenti con l arte romana. - Uscita didattica per vedere dal vivo l Arco: documentazione della uscita attraverso foto scattate dagli alunni. - L alunno diversamente abile ha partecipato all attività e alla scelta dei materiali di lavoro e delle immagini ricercate tramite la condivisione a video. - Discussione finale in classe. PROBLEMS/SOLUTIONS Bisogno costante di formazione degli insegnanti all uso competente delle tecnologie: alcuni insegnanti, soprattutto all inizio del percorso di classi 2.0, mostravano basse motivazioni e difficoltà nell integrare le tecnologie nella didattica quotidiana. Soluzione adottata. Formazione formatori (interna alla scuola) di 60 insegnanti sull uso delle tecnologie nella didattica quotidiana (focus sulla LIM); costante partecipazione alle attività di formazione organizzate da USR ER, Università di Bologna, ex IRRE nel contesto di Classi 2.0; autoaggiornamento e sperimentazione individuale di software e hardware. Difficoltà di alcuni insegnanti nel trovare le strategie di lavoro con gli alunni disabili: [rispetto agli alunni disabili]: l insegnante ha paura, nel senso che ha paura di interagire, non sa come fare. Ci sono alcuni insegnanti che non sanno proprio come fare, quando in realtà dovresti lavorare proprio tranquillamente come lavori con gli altri [alunni]. Soluzione adottata. Garantire la individualizzazione didattica anche all alunno disabile. Questo ha portato ad un cambiamento del setting della classe, alla introduzione mirata di tecnologie per l accesso al computer e per la reale partecipazione dell alunno disabile alle attività didattiche di tutti (interazioni con i compagni, interazioni con l oggetto di studio). INCLUSION/SOLUTIONS Inclusione nelle attività didattiche dell alunno in costante condizione di assistenza e istruzione domiciliare. Si segnalano le strategie adottate per garantire la partecipazione dell alunno disabile: - Collegamento a distanza garantito almeno per 2 ore al giorno - Supporto costante dell insegnante di sostegno e mediazione dello stesso tra alunno, insegnanti e gruppo classe - Registrazione delle lezioni d aula (attualmente non garantita per tutti gli insegnamenti) - Partecipazione dell alunno alle attività didattiche della classe. Riportiamo un esempio facendo riferimento all insegnante di sostegno intervistato: Es.1.) Il docente di classe ci ha inviato un disegno in formato bmp e praticamente noi l abbiamo colorato. Era comunque l alunno che decideva quale colore scegliere: preparava il colore virtuale, col dito andavamo a toccare il colore e la parte che volevamo colorare e, appena terminato il disegno l abbiamo rimandato alla classe. Diciamo che per noi è più difficile intervenire all interno della classe, però a volte è capitato. L alunno, durante una lezione teorica, ha ascoltato determinate cose e, ad uno sbaglio di un suo compagno, ha chiuso gli occhi per segnalare l errore, tanto per darti delle idee. La sensazione di essere fuori da questo suo contesto camera [riferimento alla stanza dell alunno disabile], è molto importante. Es.2) Noi [riferimento alla casa dell alunno disabile] abbiamo la nostra web cam sul computer e loro ci vedono direttamente in classe. [A volte] condividiamo quello che [gli alunni in classe] stanno cercando su Internet, magari vedendo direttamente un video [ ]. [L alunno] è molto stimolato da queste cose, dal collegamento, dai video e cose del genere perché il suo mondo altrimenti è sempre la sua camera [riferimento alla stanza dell alunno disabile], i suoi genitori, gli educatori che ci sono, gli infermieri, il terapista. Fra di noi la comunicazione è legata alle domande che gli faccio ed esigo risposta. Il modo di rispondere sono solo movimenti oculari quindi la chiusura degli occhi vuol dire 4

5 no e sopracciglia che vanno in alto vuol dire sì. Per darti un idea della comunicazione diretta fra me e lui. Lui ha la possibilità [attraverso un puntatore ottico] di muoversi attraverso un tic e attraverso questo tic lui interagisce con il computer; pertanto quando dobbiamo fare un discorso lui interagisce con un comunicatore: una tastiera verticale che aziona dei led sulle lettere, quando arriva a quella lettera lui clicca e si ferma. [NdR. il software riconosce il movimento oculare sulla tastiera e una volta formata una parola o una frase un sistema di text to speach legge il contenuto generato]. - Partecipazione dell alunno alle attività didattiche della classe. Riportiamo un esempio facendo riferimento all insegnante di storia dell arte: Es. 1) La storia dell arte viene spiegata attraverso l uso di immagini e racconti di vita degli artisti corredati di aneddoti che creano sempre interesse e curiosità negli alunni stimolando la fantasia. Il rapporto dell alunno diversamente abile è diretto, nel senso che dalla sua stanza, egli ascolta e vede [in condivisione a video] le stesse immagini che vedono i compagni in classe, ascolta molto attentamente la spiegazione della lezione e, mi è stato segnalato dall educatrice, ricostruisce, in maniera molto semplice, una propria storia con i personaggi appartenenti al periodo e alle opere d arte viste e raccontate durante la lezione. - Visite periodiche degli alunni della classe nella casa dell alunno disabile: questa modalità ha creato una maggiore coesione tra il gruppo classe oltre che uno stimolo in più per l alunno legato alla reale partecipazione alle attività didattiche. OTHER TEACHERS INVOLVEMENT Tutto il Consiglio della Classe 2.0 OTHER STAKEHOLDERS INVOLVEMENT Le famiglie hanno accettato di buon grado la sperimentazione e l introduzione di queste nuove tecnologie credendo, inizialmente, che fosse semplicemente un modo per insegnare loro ad utilizzarle. L insegnante intervistato afferma che quando hanno capito che lavorano in maniera diversa, in un ambiente diverso utilizzando anche quello che è Internet, che è la rete, che sono tutte le altre cose che sono fondamentali soprattutto per quanto riguarda il loro mondo, naturalmente si sono entusiasmati ancora di più. ANECDOTES AND OTHER COMMENTS Riflessioni sul ruolo dell insegnante e sul modo di utilizzare le tecnologie in classe: sicuramente il ruolo dell insegnante cambia; cambia [ ] il modo di fare didattica con le tecnologie. Cambia naturalmente perché devi prepararti a casa non solo del materiale cartaceo che oramai è quello minimo, ma soprattutto del materiale che tratti un po le cose e puoi utilizzare anche in altri ambiti come per esempio in altre classi: io ad esempio ho 9 classi e dove è presente una lim, posso utilizzarlo facendo più o meno le stesse lezioni, oppure modificandole: cambia veramente il modo di fare didattica anche perché in questo caso diventa una didattica più operativa [ ]. Non è più il docente che ripete la conoscenza attraverso la lezione cattedratica [ ]. Riflessioni sul rapporto insegnante alunno: l insegnante viene cercato dall alunno o perché ha bisogno di capire logicamente come funzionano alcune cose, oppure perché lo vede come un organizzatore, un facilitatore, in qualcosa da costruire insieme e quindi è una crescita comune, di entrambi: naturalmente si impara sempre e anche per noi insegnanti c è sempre questo imparare continuamente. TEACHER Insegnante facilitatore e coordinatore della esperienza didattica. 5

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara Lim in classe o in laboratorio? Il progetto suggeriva l introduzione della Lim nelle singole classi, ma

Dettagli

Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO

Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO SCUOLA PRIMARIA DI FOEN Anno scolastico 2013-2014 PROGETTO SCUOLA PRIMARIA DI FOEN Denominazione scuola Scuola Primaria Gino Allegri Foen di Feltre Anno scolastico di attuazione del progetto Anno scolastico

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013

Educazione e new media Convegno di studio IUSVE 20 aprile 2013 Dagli strumenti alle prassi e dalle prassi ai modelli di mediazione didattica. Esperienze d uso didattico del tablet pc. Introduzione L attuale evoluzione del contesto socio-culturale che caratterizza

Dettagli

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed Educare al Riciclo Mavi Ferramosca, Valeria Rizzello, Antonella Natale Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti

Dettagli

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: verso una didattica innovativa per alunni e docenti Descrizione del bisogno: - Nella classe 1 D sono

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI.

PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI. PROGETTO PER LA COSTITUZIONE DI UNA CLASSE SPERIMENTALE PER L A.S. 2014/15 CHE UTILIZZI IN MODO ESTENSIVO LE TECNOLOGIE DIGITALI. PREMESSA L utilizzo delle tecnologie didattiche nel processo d insegnamento

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Titolo UN VIAGGIO DI..ISTRUZIONE Argomento Attività didattica interdisciplinare preliminare al Viaggio d Istruzione a Roma: posizione geografica,

Dettagli

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto

Storytelling. T- Story NEWSLETTER. Giugno. Obiettivi del progetto T- Story NEWSLETTER June Edition N. 1 Newsletter ufficiale del progetto europeo T-Story Storytelling applicato all educazione, sostenuto dal programma Key Activity 3 Tecnologie di Informazione e Comunicazione,

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0

Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 Riflessioni dei ragazzi della cl@sse 2.0 (stralci dal compito in classe di Italiano sul testo argomentativo) La tecnologia mi ha reso più motivato nel mio studio e più attento e più partecipe in classe

Dettagli

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri.

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri. Libr@ Verifica anno 2013/14 ASPETTI PUNTI DI FORZA LIMITI MIGLIORAMENTO Motivazione e organizzazione Interesse, motivazione e coinvolgimento da parte di tutti. Uso del web Possibilità di reperire in Internet

Dettagli

Scuola Media Statale Della Torre/Garibaldi

Scuola Media Statale Della Torre/Garibaldi PROGETTO CL@SSI2.0 Titolo: DIGITALI Finalità generale del Progetto Creare occasioni significative di formazione integrale della persona, per sviluppare in modo particolare la capacità di orientarsi nella

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

Fare lezione con la LIM

Fare lezione con la LIM Fare lezione con la LIM Descrizione dell'attività Argomento: LE SPAZIO Obiettivi formativi: Conoscere e utilizzare gli strumenti essenziali della LIM Conoscere il mondo delle Scienze tramite gli argomenti

Dettagli

DOCENTE REFERENTE DEL PROGETTO PROF.SSA GIULIANA BURZI RELAZIONE CL@SSE2.0 1.STATO DI ATTUAZIONE DELL ATTIVITÀ

DOCENTE REFERENTE DEL PROGETTO PROF.SSA GIULIANA BURZI RELAZIONE CL@SSE2.0 1.STATO DI ATTUAZIONE DELL ATTIVITÀ PROGETTO CL@SSI 2.0 LA CLASSE CHE NAVIGA VERSO IL FUTURO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELNUOVO MAGRA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO D.ALIGHIERI CLASSE IC DOCENTE REFERENTE DEL PROGETTO PROF.SSA GIULIANA

Dettagli

Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale

Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale Formazione Zanichelli in rete Così gli insegnanti imparano la didattica digitale Valentina Gabusi Zanichelli Editore S.p.A. vgabusi@zanichelli.it Dal 2014 a oggi sono più di 14.000 i docenti che hanno

Dettagli

Usa lo sfoglialibro su Smart Notebook

Usa lo sfoglialibro su Smart Notebook Usa lo sfoglialibro su Smart Notebook Interfaccia di Smart Notebook 2 I menu di Notebook 3 Barra degli strumenti orizzontale 4 Barra degli strumenti verticale 5 Barra degli strumenti mobili 6 I principali

Dettagli

Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali)

Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali) Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali) Con il progetto, di cui alla delibera n. 52/9 del 27.11.2009 della RAS avente ad oggetto "POR Sardegna 2007/2013, FERS, Asse

Dettagli

Grazie, grazie, grazie, la Vostra donazione è per noi molto importante, ci infatti di guardare avanti con l orgoglio di una scuola che cambia!

Grazie, grazie, grazie, la Vostra donazione è per noi molto importante, ci infatti di guardare avanti con l orgoglio di una scuola che cambia! Spett. le Fondazione De Mari desideriamo ringraziarvi per il finanziamento che abbiamo ricevuto; il Vostro contributo ha dato un importante aiuto alla nostra scuola consentendole di andare avanti e di

Dettagli

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa

DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale. Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa DOL Diploma On Line Modulo di progettazione II anno Relazione finale Pitti Floriana Classe F7 Tutor: Giovanni Di Rosa Realizzazione di un full adder a due bit 08/11/2010 Premessa A causa di un mancato

Dettagli

Il progetto classi 2.0

Il progetto classi 2.0 classe classe 2.0 2.0 Didattica innovativa Il progetto classi 2.0 Il progetto Cl@ssi 2.0, attivato nel 2009 dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, ha l obiettivo di promuovere

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

A Le piattaforme e-learning

A Le piattaforme e-learning A Le piattaforme e-learning Paolo Fusero obiettivo didattico della lezione: introdurre lo studente all utilizzo delle piattaforme e-learning e delle nuove metodologie didattiche che utilizzano la rete

Dettagli

Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

Ascolta e comprende testi orali diretti o trasmessi dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo. Classe seconda scuola primaria G.Giacosa Caluso Insegnanti: Actis Oreglia Luigina, Praolini Cristiana Tematiche trasversali ( didattica per competenze-competenze digitali) Progetto didattico secondo il

Dettagli

Learning 4 All. Tips per intervistatore esperto Linee Guida V.1.3. Autori Data Versione

Learning 4 All. Tips per intervistatore esperto Linee Guida V.1.3. Autori Data Versione Learning 4 All Tips per intervistatore esperto Linee Guida V.1.3 Autori Data Versione Luca Ferrari, Elena Pacetti, Manuela Fabbri, Carla Falsetti, Giuliana Guazzaroni, Sabrina Leone, Maria Grazia Ierardi

Dettagli

Anno Scolastico 2012/2013 PIANO SCUOLA DIGITALE

Anno Scolastico 2012/2013 PIANO SCUOLA DIGITALE Anno Scolastico 2012/2013 PIANO SCUOLA DIGITALE Pubblicazione AVVISO per la presentazione delle candidature delle azioni del Piano Nazionale Scuola Digitale previste per la regione Lazio dal 6 febbraio

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

PROGETTO AULA DIGITALE

PROGETTO AULA DIGITALE ) PROGETTO AULA DIGITALE Egregio Sig. Preside, La scuola italiana vive oggi un momento di grande trasformazione. Molte sono le voci che si levano e che ne chiedono un profondo ammodernamento, una ridefinizione

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI 2012/2013 DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Fotografia di Giuseppe Moscato Scuola primaria e secondaria di primo grado e biennio

Dettagli

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara Fuoricl@sse 2.0 2012 Docente: Silvia Di Paolo Destinatari: studenti Cl@sse 2.0, I sez. I a.s. 2012/2013 DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE La comunità che apprende

Dettagli

Prot. n... Bologna, 9 novembre 2011

Prot. n... Bologna, 9 novembre 2011 Prot. n.... Bologna, 9 novembre 2011 PROTOCOLLO D INTESA TRA Ufficio Scolastico Regionale, Direzione Generale per l Emilia-Romagna E Telecom Italia SpA

Dettagli

Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica

Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica 1. Il Progetto strategico Titolo progetto: La scuola nella rete e l approccio all innovazione tecnologica 1.1. Descrizione del progetto: L Istituto espazia ha una rete parziale cablata all interno della

Dettagli

Guida per il partecipante

Guida per il partecipante CORSO DI ALFABETIZZAZIONE DIGITALE PER CITTADINI Primo Livello COMPUTER/TABLET Guida per il partecipante Indice dei contenuti Introduzione al corso... 2 Destinatari dei Corsi... 2 Obiettivi del corso...

Dettagli

Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO. Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio)

Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO. Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio) Via Stazione di Albanella, Capaccio Paestum (SA) INDIRIZZI DI STUDIO Istituto Tecnico Tecnologico C.A.T. (Costruzione-Ambiente-Territorio) Istituto Tecnico Economico A.F.M. (Amministrazione-Finanza-Marketing)

Dettagli

Progetto Manipolare e creare l arte Linguaggi, creatività, espressione

Progetto Manipolare e creare l arte Linguaggi, creatività, espressione LOGOS Didattica della Comunicazione Didattica Comunicazione e comunità hanno la stessa radice linguistica: le comunità esistono attraverso la condivisione di significati comuni e di forme comuni di comunicazione(j.

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI - RIPOSTO. Progetto per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva

ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI - RIPOSTO. Progetto per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI A. OLIVETTI - RIPOSTO Progetto per la continuità e l orientamento formativo Scheda descrittiva LA REGIONE JONICO-ETNEA IN UN CLICK Presentazione Il progetto si propone

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica Descrizione dell unità Titolo English with Seurat Autore Francesca Panzica Tematica Come motivare i ragazzi all apprendimento della lingua straniera rendendoli protagonisti attivi del proprio apprendimento

Dettagli

per il mondo INSIEME Paolo Cadorna Monica Poisa SPORTELLO BES

per il mondo INSIEME Paolo Cadorna Monica Poisa SPORTELLO BES INSIEME per il mondo Paolo Cadorna Monica Poisa SPORTELLO BES Per tutti i docenti che adottano, un servizio di consulenza gratuita fornito da un team di esperti sulle problematiche quotidiane legate alla

Dettagli

Piano Nazionale Scuola Digitale

Piano Nazionale Scuola Digitale Il Piano Nazionale per la Scuola Digitale nasce 3 anni fa con un obiettivo: trasformare gli ambienti scolastici in laboratori virtuali consentire a docenti e studenti di costruire percorsi collaborativi

Dettagli

a questo punto... La soluzione che volete c è! Soluzioni e Sistemi per la comunicazione e la didattica interattiva

a questo punto... La soluzione che volete c è! Soluzioni e Sistemi per la comunicazione e la didattica interattiva Soluzioni e Sistemi per la comunicazione e la didattica interattiva La soluzione che volete c è! a questo punto... 2 Installazione tradizionale a parete Proiettore ad ottica ultracorta con distanza di

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300)

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) Classe Indirizzo Denominazione disciplina N ore /sett. Anno scolastico 2009/2010 I SEZ B Amministrazione Finanza e Marketing 2 Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) PREMESSA Il computer è

Dettagli

PERCHÈ IMPARARE L INGLESE DA PICCOLI?

PERCHÈ IMPARARE L INGLESE DA PICCOLI? Secondo numerose ricerche psicolinguistiche e pedagogiche, imparare una seconda lingua in età infantile è un processo più semplice, efficace ed immediato rispetto all età adulta perché i bambini sperimentano

Dettagli

Relazione finale modulo di progettazione 2 anno Progetto: la Pubblicità a.s. 2008/09

Relazione finale modulo di progettazione 2 anno Progetto: la Pubblicità a.s. 2008/09 Relazione finale modulo di progettazione 2 anno Progetto: la Pubblicità a.s. 2008/09 L idea del progetto sulla pubblicità è nata dalla decisione di partecipare ad un concorso proposto nell ambito della

Dettagli

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria

Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Istituto SANTA TERESA Scuola dell Infanzia paritaria Via Palazzo di Città, 5 10023 CHIERI (TO) tel. 011-9472245 fax 011-9473410 email: infanzia@santateresachieri.it sito web: www.santateresachieri.it SU

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

ICS G. CAPPONI. Progetto 11 anni: forme e percorsi di crescita attraverso il gioco nel casa- scuola a. s. 2006 Premesse generali:

ICS G. CAPPONI. Progetto 11 anni: forme e percorsi di crescita attraverso il gioco nel casa- scuola a. s. 2006 Premesse generali: ICS G. CAPPONI Provincia: Milano Comune: Milano Indirizzo: Via Pestalozzi 13 E-mail della scuola: elementare.pestalozzi@icscapponi.it Dirigente: prof.ssa Giuseppina Izzo Progetto Dai 5 agli a 11 anni:

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe IV Scuola primaria Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare Senso formativo del percorso

Dettagli

COMUNE DI TRIESTE - SCUOLE DELL INFANZIA

COMUNE DI TRIESTE - SCUOLE DELL INFANZIA Bolzano 13/02/2013 COMUNE DI TRIESTE - SCUOLE DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PRONTI, ATTENTI C ERA UNA VOLTA! Percorso in italiano lingua veicolare o di introduzione alla lingua italiana Rivolto

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

MIUR USR per la Campania PROGETTI DIDATTICI ANNO SCOLASTICO 2013-2014

MIUR USR per la Campania PROGETTI DIDATTICI ANNO SCOLASTICO 2013-2014 MIUR USR per la Campania PROGETTI DIDATTICI ANNO SCOLASTICO 2013-2014 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO Numero verde: 800.22.87.22 Sito: www.playenergy.enel.com

Dettagli

La tecnologia al servizio dell arte: per una didattica multimediale e digitale

La tecnologia al servizio dell arte: per una didattica multimediale e digitale Liceo artistico Nervi-Severini Sede legale: via Tombesi dall Ova, 14 48121 Ravenna tel. 0544/38310 fax 0544/31152 Web: www.liceoartistico.ra.it e-mail: lasnervi@libero.it Consiglio di Classe III A Anno

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

Corso di giornalismo pomeridiano

Corso di giornalismo pomeridiano Corso di giornalismo pomeridiano TRACCIA 2 Progetto collaborativo finalizzato alla costruzione di un giornalino scolastico in una classe di scuola secondaria di I grado con possibile raccordo con una classe

Dettagli

PROGETTO SINTESI DEL PROGETTO

PROGETTO SINTESI DEL PROGETTO PROGETTO SINTESI DEL PROGETTO IDEA PROGETTUALE Da alcuni anni il corpo sanitario e le autorità scolastiche devono confrontarsi con un utenza in rapida trasformazione. L evoluzione, quasi sempre positiva,

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C (tecnologie dell informazione e della comunicazione) programma del corso avanzato OBIETTIVI L uso avanzato dei blog nella didattica delle discipline artistiche (inserimento

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Informazioni generali Titolo Istituto scolastico Autrice Abstract Target Curriculo Prerequisiti Obiettivi Paura? No, grazie! - Frightened? No, thanks! Istituto Comprensivo di Cetona (SI) Morgantini Luana

Dettagli

MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO)

MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO) MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO) 1. PREMESSA Il Manuale non è esaustivo di ciò che è necessario sapere sul trattamento didattico dei Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), ma raccoglie

Dettagli

L ARTE DI EMOZIONARSI

L ARTE DI EMOZIONARSI ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA ALLEGATO A Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA 1. Titolo del progetto NON DIMENTICHIAMO! 2. Dati della scuola Denominazione: ISTITUTO

Dettagli

REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali

REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo REGIONE CALABRIA Assessorato Cultura e Beni Culturali REPUBBLICA ITALIANA PO FESR CALABRIA 2007/2013 ASSE IV - QUALITÀ DELLA VITA ED INCLUSIONE SOCIALE Linea d Intervento

Dettagli

Per integrare Qualità ed accreditamento Il Marchio Piemontese S.A.P.E.R.I.

Per integrare Qualità ed accreditamento Il Marchio Piemontese S.A.P.E.R.I. AICQ SETTORE SCUOLA IRRE Emilia Romagna (ANSAS) CONVEGNO NAZIONALE Bologna 27/11/2007 Per integrare Qualità ed accreditamento Il Marchio Piemontese S.A.P.E.R.I. VITO INFANTE USR Piemonte, RETE SIRQ, AICQ

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO 1

UNITA DI APPRENDIMENTO 1 UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Prodotti Competenze mirate assi culturali professionali cittadinanza A TUTTA BIRRA Guida a un uso consapevole delle bevande alcoliche Realizzazione di una guida alle

Dettagli

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado

SEZIONE DI POTENZIAMENTO DI INGLESE Scuola secondaria di primo grado SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - SCUOLA MEDIA PARITARIA Via Vittorio Emanuele II, 80-10023 Chieri (TO) Tel: 0119472185 / Fax: 0119411267 Web: http://www.salesianichieri.it mail: scuolasanluigi@salesianichieri.it

Dettagli

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata Perché la scuola si è occupata di tecnologie digitali Esperienza di didattica

Dettagli

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati High Impact Programs 1 Chi siamo Performance Technology Solutions (PTS) è una società di consulenza organizzativa e formazione manageriale Il nostro nome deriva dalla metodologia di origine statunitense

Dettagli

PROGETTO CL@SSI 2.0. Data: Settembre 2013 ITC ALDO MORO SUTRI

PROGETTO CL@SSI 2.0. Data: Settembre 2013 ITC ALDO MORO SUTRI PROGETTO CL@SSI 2.0 Data: Settembre 2013 ITC ALDO MORO SUTRI Contesto (1 di 2) L iniziativa Cl@ssi 2.0 si inquadra in un progetto più ampio Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) che comprende una pluralità

Dettagli

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI 1 CREARE UN VIDEO DIDATTICO GRATIS Esistono moltissime tipologie di video didattici, essi si possono distinguere in base al tempo: di breve,

Dettagli

Proposta formativa A.S. 2014 2015

Proposta formativa A.S. 2014 2015 Proposta formativa A.S. 2014 2015 Premio Consiglio Comunale di Portogruaro 12^ Edizione Laboratorio audiovisivo sul tema della promozione nuova Biblioteca comunale La Biblioteca con i tuoi occhi! Premesse

Dettagli

Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education. seguici e commenta su. #primariaday

Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education. seguici e commenta su. #primariaday Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education seguici e commenta su #primariaday Napoli 7 aprile 2014 Il nuovo ambiente RCS Education per la didattica digitale CONTENUTI e SERVIZI

Dettagli

Il LAZIO verso una scuola digitale

Il LAZIO verso una scuola digitale Il LAZIO verso una scuola digitale Progetto di formazione e aggiornamento sulle nuove tecnologie nella didattica per il Polo formativo del Lazio Istituto Magistrale Statale MARGHERITA DI SAVOIA INDIRIZZI:

Dettagli

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente)

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) Indice Introduzione... 3 Requisiti minimi di sistema... 4 Modalità di accesso... 4 Accesso alla Piattaforma... 5 Pannello Utente... 6 Pannello Messaggi...

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA COLLODI GEBBIONE PROGETTO LABORATORIO TEATRALE

SCUOLA PRIMARIA COLLODI GEBBIONE PROGETTO LABORATORIO TEATRALE SCUOLA PRIMARIA COLLODI GEBBIONE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE (INS. LABATE, BARRECA, STELITANO, CASILI, MAURO) (ESP. EST. MARINO TERESA) PROPOSTA PROGETTUALE DI LABORATORIO TEATRALE

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio Relazione finale di Sonia Graziotto Migliorare la qualità dell insegnamento, avvalendosi delle

Dettagli

PON azione B4 formazione docenti Corso base sulla «flipped classroom» Come capovolgere la classe

PON azione B4 formazione docenti Corso base sulla «flipped classroom» Come capovolgere la classe PON azione B4 formazione docenti Corso base sulla «flipped classroom» Come capovolgere la classe Cosa non è la flipped classroom Non è una metodologia che lascia solo l alunno Lo studio non è guardare

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Con l Europa investiamo nel vostro futuro Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Didattica Statale, 1 Circolo, Nocera Superiore (SA) -

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

Indice ACQUISTI PREVISTI...15. Scuola Secondaria di Primo Grado Don Milani Colombo. Genova PROGETTO CL@SSI 2.0 CRE@TIVI DIGIT@LI

Indice ACQUISTI PREVISTI...15. Scuola Secondaria di Primo Grado Don Milani Colombo. Genova PROGETTO CL@SSI 2.0 CRE@TIVI DIGIT@LI Scuola Secondaria di Primo Grado Don Milani Colombo. Genova PROGETTO CL@SSI 2.0 CRE@TIVI DIGIT@LI Digit@l n@tives + enseign@nts bricoleurs S. Fedriani, 989 Indice FASE CONCEPT... 2.A ANALISI DELLA DOMANDA...2.B

Dettagli

Relazione Finale. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

Relazione Finale. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione Finale 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto nasce dall idea di studiare una ricetta coinvolgendo la maggior parte di materie oggetto

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Presentazione dell offerta formativa

Presentazione dell offerta formativa Presentazione dell offerta formativa della sezione ad indirizzo Montessori Scuola primaria M. L. King Bolzano Presentazione dell offerta formativa della sezione ad indirizzo Montessori Scuola primaria

Dettagli

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano Apertura iscrizioni master online in tecnologie per la didattica Prof. Paolo Paolini Politecnico di Milano HOC-LAB Viale Rimembranze di Lambrate 14 20134 MILANO Al Dirigente scolastico Milano, 2 Dicembre

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h 78 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o B7 L UniVERSO E IL SISteMA SolaRE Tempi In aula: 8 h A casa: 5 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Per alcune attività

Dettagli