Comitato Editoriale: Comitato Organizzatore: Alessia PICA. Rossana RAFFI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comitato Editoriale: Comitato Organizzatore: Alessia PICA. Rossana RAFFI"

Transcript

1 A04

2 Comitato Editoriale: Paola FREDI Sirio CICCACCI Gilberto PAMBIANCHI Leandro D ALESSANDRO Luisa PELLEGRINI Olivia NESCI Valerio AGNESI Marta DELLA SETA Maurizio DEL MONTE Comitato Organizzatore: Alessio BALDASSARRE Piero BELLOTTI Claudio CAPUTO Sirio CICCACCI Lina DAVOLI Marta DELLA SETA Maurizio DEL MONTE Paola FREDI Alessia PICA Franco PUGLIESE Rossana RAFFI Claudia TARRAGONI Francesca VERGARI

3 Atti della V Giornata nazionale dei giovani geomorfologi a cura di Maurizio Del Monte

4 Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: settembre 2013

5 Indice 9 Prefazione Gilberto Pambianchi 11 Applicazione e confronto di tecniche di data mining per la costruzione di carte di suscettibilità all erosione idrica Silvia Eleonora Angileri 15 Studio morfo evolutivo del reticolo idrografico della Val Cannobina (Verbania, Piemonte, NW Italia): valutazioni quantitative preliminari Marco Bacenetti 19 Integrazione di dati DGPS e immagini satellitari LANDSAT e SAR ad alta risoluzione per il monitoraggio della dinamica costiera Maurizio Alessio Baldassarre 23 Metodi integrati di Geomorfologia dinamica e Dendrogeomorfologia per la stima dell evoluzione dei geomorfositi attivi Irene Bollati 27 Relazioni tra le dimensioni dei pixel e la precisione dei modelli di suscettibilità da debris flow Mariaelena Cama, Luigi Lombardo 31 Rapporti fra anomalie dei profili longitudinali, tassi d incisione fluviale e attività neotettonica nell Appennino nord marchigiano (Italia centrale) Paolo Cavitolo 5

6 6 Indice 35 L uso di MSI per la caratterizzazione dei bacini idrografici Laura Coco 39 Le frane da crollo nell area abruzzese. Il caso delle Gole di San Venanzio (Fiume Aterno, L Aquila) Rosamaria Di Michele 43 Valutazione dei cambiamenti climatici sulle Alpi italiane nord occidentali, attraverso l uso di serie termometriche di lungo periodo Diego Garzena 49 Evoluzione geomorfologica recente della media bassa valle del Fiume Tronto (Marche meridionali) Marco Giacopetti 53 L influenza dei fattori geomorfologici sul δ 13 C negli anelli di accrescimento degli alberi: uno strumento per ricostruire dinamiche climatico ambientali nelle Alpi Giovanni Leonelli 57 Proposta di valorizzazione del patrimonio geologico del centro di Roma Alessia Pica 61 Integrazione di dati a terra e a mare per una cartografia geomorfologica della costa NW dell isola di Malta Mariacristina Prampolini 65 Cartografia geomorfologica a indirizzo applicativo: un esempio nell area pedemontana abruzzese Marco Sciarra 69 La duna olocenica del Lago di Fogliano: quale gestione del territorio? Claudia Tarragoni

7 Indice 7 73 Nuovi studi sulla genesi delle doline di collasso mioceniche dell isola di Gozo (Malta) Chiara Tonelli, Jorge Pedro Galve 75 Forme e depositi della zona di raccordo tra l area di catena e la fascia pedemontana abruzzese. Il versante orientale del gruppo del Gran Sasso Tullio Urbano 79 Stime quantitative dell intensità della denudazione dei versanti in due bacini idrografici dell Appennino settentrionale Francesca Vergari 83 La vernice del deserto nel Sudan centrale: processi formativi, implicazioni paleoambientali, geoarcheologia Andrea Zerboni 87 Rilievi 3D di effetti cosismici superficiali indotti dai terremoti del Maggio 2012 in Emilia Romagna Davide Zizioli

8

9 Atti della V Giornata nazionale dei giovani geomorfologi ISBN DOI / pag (settembre 2013) Prefazione GILBERTO PAMBIANCHI Questo volume raccoglie gli extended abstract relativi ai lavori presentati in occasione della quinta Giornata dei Giovani Geomorfologi dell Associazione Italiana di Geografia fisica e Geomorfologia (AI- Geo), tenutasi a Roma, presso la Sapienza Università di Roma il 2 ottobre L Associazione Italiana di Geografia fisica e Geomorfologia ha sempre dedicato molta attenzione alla formazione di giovani ricercatori, organizzando con cadenza biennale queste giornate, caratterizzate sempre da una atmosfera conviviale, favorevole agli scambi, e da comunicazioni di notevole interesse scientifico. Questa quinta giornata assume poi un significato particolare essendo dedicata al Prof. Elvidio Lupia Palmieri quale omaggio alla sua illustre carriera di studioso, docente e ricercatore alla Sapienza Università di Roma. Questa dedica vuole essere una espressione di stima e di riconoscenza, da parte di tutti i soci dell AIGeo, per il fondamentale contributo che il Prof. Lupia Palmieri ha dato al Gruppo Nazionale di Geografia fisica e Geomorfologia e successivamente all AIGeo, di cui è uno dei padri fondatori. Non è facile incontrare persone come il Prof. Elvidio Lupia Palmieri che, nell arco della sua lunga e operosa carriera, ha saputo magistralmente coniugare con un raro equilibrio, lo studio, la didattica, la ricerca, le responsabilità organizzative e quelle istituzionali di alto livello, assunte in un importante Ateneo come la Sapienza Università di Roma. Conoscendoli bene, i colleghi che hanno lavorato al suo fianco, e che hanno voluto fortemente dedicargli questa giornata, sono sicuramente sorpresi dal tempo trascorso tanto velocemente accanto ad una figura di riferimento così importante. Siamo sorpresi anche noi. Il trascorrere del tempo spesso insidia le nostre certezze e ci rende più vulnerabili, ma dobbiamo stare tranquilli: il Prof. Elvidio 9

10 10 Prefazione Lupia Palmieri proseguirà con noi il sentiero dello studio e della ricerca è sarà sempre un riferimento importante della Geografia fisica e della Geomorfologia italiana. In questo volume è significativo vedere il cospicuo contributo, il più alto di tutte le precedenti edizioni, offerto da molti giovani ricercatori, a testimoniare e riconoscere nel Prof. Elvidio Lupia Palmieri un maestro delle discipline geografico-fisiche e geomorfologiche. Ringrazio moltissimo tutti i giovani ricercatori che con il loro apporto hanno permesso la realizzazione di questo volume. Esso accoglie interessanti e originali contributi scientifici, a conferma della vivacità della ricerca geomorfologica italiana, che in occasione della recente Conferenza Internazionale di Geomorfologia di Parigi ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti. Voglio ricordare con grande soddisfazione che l attuale Consiglio Direttivo AIGeo che ho l onore di presiedere ha concesso a otto giovani ricercatori un contributo economico per partecipare all 8 Conferenza Internazionale di Parigi. La loro partecipazione è stata molto apprezzata e i risultati ottenuti sono stati di notevole rilievo. Voglio ringraziare tutti i colleghi della sede della Sapienza Università di Roma per l organizzazione di questa giornata, dell Assemblea dei Soci e delle relative escursioni. Un grazie particolare lo rivolgo a Paola Fredi e al curatore del presente volume, Maurizio del Monte. Mi sia concesso, infine, di chiudere queste righe con l espressione dei miei personali sentimenti di stima e affetto verso il Prof. Elvidio Lupia Palmieri, che ringrazio sinceramente per la benevolenza tenuta nei miei confronti sin dai primi momenti del mio rapporto con il suo gruppo di ricerca, al quale sono molto legato. Gilberto Pambianchi Presidente dell AIGeo

11 Atti della V Giornata nazionale dei giovani geomorfologi ISBN DOI / pag (settembre 2013) Applicazione e confronto di tecniche di data mining per la costruzione di carte di suscettibilità all erosione idrica SILVIA ELEONORA ANGILERI L erosione idrica è un processo geologico naturale diffuso in tutto il mondo, che contribuisce all innesco e allo sviluppo di processi di degradazione e di desertificazione del suolo (Eswaran et al., 2001). Il recente sviluppo dei sistemi informativi territoriali e delle tecniche di remote sensing ha offerto la possibilità di disporre di un ampia varietà di dati spaziali. Come conseguenza, negli ultimi anni sono stati sviluppati diversi software avanzati per l elaborazione dei geodati che hanno permesso l introduzione delle tecniche di data mining nel campo di ricerca geomorfologica. Il data mining integra tecniche diverse: l apprendimento automatico (machine learning), la statistica, le intelligenze artificiali e i sistemi di database, per l analisi integrata di grandi quantità di dati (Xindong Wu et al., 2008). I principali obiettivi del seguente lavoro sono: i) applicare due metodi di apprendimento automatico per la previsione della suscettibilità alla sheet rill erosion e alla gully erosion in un ambiente mediterraneo; ii) confrontare la capacità predittiva dei modelli di suscettibilità; iii) analizzare e confrontare il rango d importanza delle variabili predittive; iv) costruire una carta della suscettibilità alla gully erosion e alla sheet erosion. A tal fine è stato individuato un bacino idrografico, localizzato nell area di testata del bacino idrografico del F. Imera Meridionale (Sicilia centro occidentale), esteso lungo una superficie di circa 9.5 km 2, i cui valori di quota variano tra 585 m e 1020 m s.l.m. La rete fluviale si 11

12 12 Silvia Eleonora Angileri articola lungo un paesaggio agricolo a seminativo non irriguo, colture arboree, e piccoli lembi di macchia mediterranea. La componente litologica principale è rappresentata dai sedimenti argillosi, attribuibili alla Formazione Terravecchia ed alle Argille Varicolori. Tra i diversi approcci esistenti sono stati selezionati due metodi implementati nel software Statsoft (Salford Systems): Boosted Tree Classifiers and Regression (TreeNet, Friedman, 1999) e il Multivariate Adaptive Regression Splines (MARS, Friedman, 1991). Tali metodologie permettono di analizzare statisticamente le relazioni funzionali intercorrenti tra le variabili dipendenti (e.g. forme di erosione) e le variabili indipendenti (e.g. fattori predisponenti), e di misurare l importanza di queste ultime nella definizione delle capacità predittiva del modello stesso. In particolare, il metodo TreeNet divide i dati in sottoinsiemi, in funzione dei valori della variabile predittiva considerata. Per ogni interazione viene costruito un modello di regressione, utilizzando il metodo dei minimi quadrati e misurando il contributo che tale ramificazione ha avuto nella classificazione della variabile risposta. MARS, invece, combina la regressione logistica, polinomi raccordati tra loro da funzioni di tipo spline, la ripartizione binaria e algoritmi di apprendimento. Nel presente lavoro sono state considerate come variabili dipendenti l erosione di tipo sheet rill e la gully erosion. L inventario delle forme di erosione è stato costruito grazie ad un operazione congiunta di foto interpretazione e attività di verifica in campo. 16 variabili indipendenti, volte a descrivere le caratteristiche topografiche, climatiche, pedologiche e di uso del suolo sono state costruite (Tab. 1). Il DTM (5x5 m) è stato processato con il software SAGAGIS (System for Automated Geoscientific Analyses), mentre l integrazione di carte tematiche, ortofoto digitali e rilievi di campagna hanno permesso di creare gli strati informativi relativi all uso del suolo ed alla litologia. La capacità predittiva dei modelli previsionali è stata valutata attraverso la costruzione delle Curve Operative Caratteristiche (Receiver Operating Characteristics, ROC). La misura del valore dell area sottesa dalla curva ROC (AUC, Area Under the ROC Curve) permette, infatti, di valutare la performance del modello (poor, acceptable, excellent, outstanding valori di AUC rispettivamente superiori a 0.6/0.7/0.8/0.9). Le analisi hanno permesso di considerare entrambi i modelli previsionali validi per la costruzione di carte di suscettibilità all erosione idrica dei suoli. In particolare, l applicazione del metodo TreeNet ha eviden-

13 Applicazione e confronto di tecniche di data mining 13 Tabella 1: Variabili indipendenti. Elevation (ELE) Slope (SLO) Overland flow distance Profile curvature (PRC) (OFD) Sub basin area (SUB) LS factor (LS) Stream Power Index (SPI) Convergence Index (CON) Aspect (ASP) Land use (USE) Wetness Index (WI) Altitude above channel network (ACN) Plan curvature (PLC) Lithology (LITHO) Curvature Index (CUI) Curvature classification (CUR) ziato una migliore performance nella previsione delle aree suscettibili alla formazione di gully (AUC train =0.84) rispetto all erosione di tipo sheet rill (AUC train =0.77). La performance del modello MARS, invece, ha mostrato valori di accuratezza eccellente per entrambe le tipologie di erosione previste. Inoltre, le metodologie applicate hanno permesso di valutare il contributo di ciascuna delle variabili predittive nella costruzione dei due modelli di suscettibilità, rilevando la molteplicità dei fattori che ne influenzano la genesi, di sovente associate tra loro come mostrato in Figura 1. Tali risultati sono in accordo con precedenti lavori svolti nello stesso settore (Conoscenti et al., 2008; Conoscenti et al., in press). Infine, una volta costruiti e validati i due modelli predittivi, questi sono stati esportati in tutta l area di studio. Due carte di suscettibilità all erosione idrica sono state costruite, una per ciascun approccio utilizzato, evidenziando una buona corrispondenza tra le forme di erosione osservate e quelle previste. Figura 1: Misura dell influenza (relativa %) delle variabili predittive nella costruzione del modello TreeNet.

14 14 Silvia Eleonora Angileri Bibliografia CONOSCENTI, C., DI MAGGIO, C., ROTIGLIANO, E., (2008). Soil erosion susceptibility assessment and validation using a geostatistical multivariate approach: a test in Southern Sicily, Natural Hazards 46, CONOSCENTI C., ANGILERI S., CAPPADONIA C., ROTIGLIANO E., AGNESI V., MÄRKER M., (in press). Gully erosion susceptibility assessment by means of GIS based logistic regression: a case of Sicily (Italy). Geomorphology. ESWARAN, H., LAL, R., REICH, P.F., (2001). Land degradation: An overview. In: BRIDGES E.M., HANNAM I.D., OLDEMAN L.R., Response to Land Degradation. FRIEDMAN, J. H., (1991). Multivariate Adaptive Regression Splines. Annals of Statistics, 19, FRIEDMAN, J.H., (1999). Stochastic gradient boosting, Technical Report, Stanford University. XINDONG WU, VIPIN KUMAR, J. ROSS QUINLAN, JOYDEEP GHOSH, QIANG YANG, et al., (2008). Top 10 algorithms in data mining. Knowledge and Information Systems, 14, Issue 1, Silvia Eleonora Angileri Post Doc, Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare (DiSTeM)

15 Atti della V Giornata nazionale dei giovani geomorfologi ISBN DOI / pag (settembre 2013) Studio morfo evolutivo del reticolo idrografico della Val Cannobina (Verbania, Piemonte, NW Italia): valutazioni quantitative preliminari MARCO BACENETTI In questo lavoro si presentano i risultati preliminari di uno studio delle caratteristiche morfometriche e morfotettoniche della Valle Cannobina (Verbania, Piemonte, NW Italia). Dal punto di vista geologico la valle fa parte del dominio Sudalpino e vi affiorano rocce appartenenti alla Zona Ivrea Verbano (IVZ) e la Serie dei Laghi (SDL) (Boriani et al., 1990a). Queste unità sono separate da due importanti discontinuità tettoniche: la linea Cossato Mergozzo Brissago e la linea del Pogallo (Boriani et al., 1990b). La IVZ è una porzione di crosta profonda interessata da un metamorfismo che varia dalla facies granulitica alla facies anfibolitica; la giacitura dei litotipi coinvolti (metapeliti, metabasiti e ultrabasiti) risulta verticale. Le rocce appartenenti alla SDL comprendono una serie di scisti e gneiss metasedimentari (Scisti dei Laghi, Ceneri gneiss e Gneiss Minuti) con intercalazioni di rocce di tipo anfibolitico, che vengono tagliati da ortogneiss di età Ordoviciana. Lo studio è stato finalizzato alla caratterizzazione, attraverso l uso di indici morfometrici e morfotettonici, del bacino idrografico del fiume Cannobino. A questo scopo è stato analizzato in ambiente GIS un modello digitale del terreno (DEM 5x5 metri) fornito dalla Regione Piemonte. Il flusso di lavoro può essere riassunto in diverse fasi: a) riconoscimento ed analisi dell architettura dei principali sistemi di discontinuità; b) estrazione della traccia del reticolo idrografico e gerarchizzazione; 15

16 Marco Bacenetti Figura : Carta geologica semplificata dell area di studio c) analisi azimutale delle aste di drenaggio; d) valutazione degli indici lineari, areali e delle proprietà del rilievo. I valori ottenuti di questi parametri sono stati interpolati mediante algoritmi geostatistici per la realizzazione di diverse carte tematiche. Lo sviluppo futuro di tale lavoro prevede di individuare, mediante l analisi delle componenti principali (PCA), i parametri morfometrici e morfotettonici che rivestono un ruolo significativo nell evoluzione del reticolato idrografico. Bibliografia B A., G O E., B A. and C V. ( a), The evolution of the Serie dei Laghi (Strona Ceneri and Scisti dei Laghi): the upper

17 Studio morfo evolutivo della Val Cannobina: valutazioni quantitative preliminari 17 component of the Ivrea Verbano crustal section; Southern Alps, North Italy and Ticino, Switzerland. Tectonophysics, 182, BORIANI A., BURLINI L. AND SACCHI R. (1990b), The Cossato Mergozzo Brissago Line and the Pogallo Line (Southern Alps, Northern Italy) and their relationships with the late Hercynian magmatic and metamorphic events. Tectonophysics, 182, Marco Bacenetti Dottorato di Ricerca in Scienze della Terra Università degli Studi di Torino

18

19 Atti della V Giornata nazionale dei giovani geomorfologi ISBN DOI / pag (settembre 2013) Integrazione di dati DGPS e immagini satellitari LANDSAT e SAR ad alta risoluzione per il monitoraggio della dinamica costiera MAURIZIO ALESSIO BALDASSARRE Le nuove direttive sulla gestione integrata dell ambiente costiero hanno determinato negli ultimi anni un interesse sempre più crescente sullo sviluppo di tecniche di telerilevamento come strumento di monitoraggio e di indagine geomorfologica [1]. Il presente lavoro è basato sull integrazione tra le varie tecniche di telerilevamento attivo e passivo per l analisi delle caratteristiche fisiche di un sistema costiero. A tale scopo sono state utilizzate immagini satellitari provenienti dalle missioni Landsat e COSMO SkyMed, la costellazione italiana di quattro satelliti dotati di sensori SAR ad alta risoluzione spaziale e temporale, in grado di poter estrarre informazioni durante le ore notturne e in ogni condizione atmosferica. Lo studio è stato effettuato lungo il tratto costiero settentrionale del Golfo di Sant Eufemia, situato sul versante tirrenico calabrese (Figura 1), in un area ad elevato dinamismo morfologico e sedimentario [2] [3] che, per il suo valore paesaggistico e ambientale, è stata inclusa dal 1995 nel programma di conservazione europeo Natura 2000 (Progetto BIOITALY). Per questo lavoro sono state acquisite e analizzate tra ottobre del 2008 e dicembre del 2009 tre diverse immagini COSMO SkyMed, e, contestualmente ad ogni acquisizione è stata tracciata sul posto, attraverso rilievo DGPS la linea di riva dell intero tratto costiero. Per ogni acquisizione è stata quindi effettuata un analisi di confronto tra la linea di riva estratta dall immagine e quella acquisita direttamente sul terreno, al fine di valutarne le differenze e di conseguenza l attendibilità dell acquisizione sull immagine. Per ciascun confronto effettuato 19

20 Maurizio Alessio Baldassarre Figura : Area di studio è stata valutata con due diversi metodi sia la distanza media tra le due linee di riva sia la distanza nei punti in cui lo scostamento risultava essere di maggiore entità. Sulla base dei risultati ottenuti è stata poi effettuata un analisi delle variazioni quantitative sull avanzamento e l arretramento delle varie porzioni dell arenile, mostrando un trend globalmente positivo, che conferma quanto già emerso dagli studi effettuati in precedenza su questo tratto di costa. Attraverso le immagini Landsat è stato invece possibile ricostruire, in modo qualitativo, la dinamica dei sedimenti portati in sospensione. Questa, integrata in modo congiunto allo studio della dinamica del moto ondoso, ha permesso di poter ricostruire la dinamica sedimentaria all interno dell intero Golfo di S. Eufemia. Le indagini svolte per questo lavoro mettono in evidenza l enorme potenziale offerto dalle tecniche di rilevamento attivo e passivo l analisi dei processi evolutivi di un sistema costiero. La buona capacità di estrazione della linea di riva, correlata alla caratteristica dei sensori attivi come il SAR di acquisire dati in qualsiasi condizione atmosferica, conferisce alle immagini COSMO SkyMed il vantaggio di poter essere considerate un validissimo strumento di monitoraggio per le aree costiere, soprattutto espresso in termini di supporto alla protezione civile in occasione di avverse condizioni meteo e quindi di grandi mareggiate. Inoltre, la possibilità di poter

21 Integrazione di dati DGPS e immagini satellitari LANDSAT e SAR ad alta risoluzione 21 classificare in modo automatico o semi automatico la composizione granulometrica dei materiali che caratterizzano una spiaggia, qualora confermata da sperimentazioni future, può aprire scenari molto interessanti, mirati soprattutto alla possibilità di poter effettuare analisi previsionali sulla dinamica sedimentaria lungo un tratto di spiaggia. Bibliografia [1] PRANZINI E. (2009), Beach variability and shoreline evolution monitoring. In: Beach Erosion Monitoring, Results from BEACHMED E/OPTIMAL Project, Edited by E. Pranzini & L. Wetzel. [2] BALDASSARRE M. A., BELLOTTI P., CAPUTO C., DAVOLI L., EVANGELISTA S., PUGLIESE F., RAFFI R. (2008), Aspetti morfologici e sedimentologici del sistema paralico dei laghi La Vota Golfo di Sant Eufemia. In: Coste: Prevenire, Programmare, Pianificare. Maratea, maggio, Potenza: Studi e ricerche Autorità di Bacino Basilicata, vol. 9, p [3] D ALESSANDRO L., RAFFI R. & CATIZZONE A., (1987), Il litorale del Golfo di S. Eufemia (Calabria): indagini sulle variazioni della spiaggia nell ultimo secolo. Min Pubb. Istr. Progetto nazionale Dinamica, dissesti e tutela delle coste. Maurizio Alessio Baldassarre Assegnista di Ricerca Dipartimento di Scienze della Terra, Sapienza Università di Roma

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola)

Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Programma del corso di Tecniche di Telerilevamento (Prof. P. Ciavola) Concetti fondamentali sul Telerilevamento. Sensori e sistemi di telerilevamento: le caratteristiche dell'oggetto e dell'immagine. Le

Dettagli

Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia)

Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia) Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia) Piogge, portate e qualità dei deflussi in fognatura nel periodo 1987-2006 Sergio Papiri Professore Associato di Costruzioni Idrauliche Dipartimento

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra. Progetto WHERE. World HEritage monitoring by Remote sensing

Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra. Progetto WHERE. World HEritage monitoring by Remote sensing Bando Periodico ASI riservato alle PMI Secondo Bando Tematico Osservazione della Terra Progetto WHERE World HEritage monitoring by Remote sensing Realizzazione di un sistema per il monitoraggio Sistema

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia pre rilievo di terreno (Metodo Arpa MASSA)

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia pre rilievo di terreno (Metodo Arpa MASSA) Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia pre rilievo di terreno (Metodo Arpa MASSA) Metodo Arpa MASSA Integrazione Metodo dei coni Fratturazione dell ammasso

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni:

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni: 1 2 Una breve descrizione del network dei Centri Funzionali: nei confronti del rischio idrogeologico, il sistema di allerta nazionale è assicurato dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile (DPCN),

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003 GRS Charter Dottorato di Ricerca in GEOINFORMAZIONE AES Charter in collaborazione con Associazione Laureati in Ingegneria Università Tor Vergata Roma Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni

I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni I servizi di posizionamento di precisione a supporto della gestione del territorio: la rete RESNAP-GPS e sue possibili applicazioni M. Crespi, V. Baiocchi, A. Mazzoni, G. Reina Area di Geodesia e Geomatica

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

Genova 22/24 settembre 2015

Genova 22/24 settembre 2015 Genova 22/24 settembre 2015 ELABORAZIONI DELLA C.T.R.: DTM E CARTE DERIVATE Rappresentazione della morfologia del territorio in Regione Liguria QUALCHE DEFINIZIONE DTM (Digital Terrain Model) o DEM (Digital

Dettagli

LE DUNE COME STRUMENTO DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO COSTIERO

LE DUNE COME STRUMENTO DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO COSTIERO LE DUNE COME STRUMENTO DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO COSTIERO Edi Valpreda ENEA Dipartimento Ambiente Cambiamenti Globali e Sostenibilità ACS EROSIONE COSTIERA misure di gestione della fascia litoranea romana

Dettagli

Stato d avanzamento del Sottoprogetto B Partner 9 - Provincia di Olbia Tempio: dinamica dei litorali.

Stato d avanzamento del Sottoprogetto B Partner 9 - Provincia di Olbia Tempio: dinamica dei litorali. P.O. Italia-Francia Marittimo 2007-2013 Stato d avanzamento del Sottoprogetto B Partner 9 - Provincia di Olbia Tempio: Centro transfrontaliero per lo studio della Dr. Fabrizio Ferraro Direttore di Progetto

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

La valutazione della suscettibilità da frana tramite il metodo delle UCU: un'applicazione tramite GRASS al bacino del Ventia (Umbria)

La valutazione della suscettibilità da frana tramite il metodo delle UCU: un'applicazione tramite GRASS al bacino del Ventia (Umbria) La valutazione della suscettibilità da frana tramite il metodo delle UCU: un'applicazione tramite GRASS al bacino del Ventia (Umbria) Autori: Corrado Cencetti, Pierluigi De Rosa, Andrea Fredduzzi, Annalisa

Dettagli

INDIVIDUAZIONE DEI MOVIMENTI FRANOSI CON TECNICHE MULTIDISCIPLINARI NELL AREA DELL OLTREPO PAVESE

INDIVIDUAZIONE DEI MOVIMENTI FRANOSI CON TECNICHE MULTIDISCIPLINARI NELL AREA DELL OLTREPO PAVESE INDIVIDUAZIONE DEI MOVIMENTI FRANOSI CON TECNICHE MULTIDISCIPLINARI NELL AREA DELL OLTREPO PAVESE Mauro CARDINALI (*), Daniela CARRION (**), Giovanmaria LECHI (**), Paola REICHENBACH (*) (*) CNR IRPI di

Dettagli

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO REGIONE LAZIO Dipartimento Territorio Direzione Regionale Ambiente e Cooperazione tra i Popoli Ufficio Idrografico e Mareografico - Area 2S/09 CENTRO FUNZIONALE REGIONALE LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE

Dettagli

La Chimica nella Scuola. a cura della

La Chimica nella Scuola. a cura della A03 La Chimica nella Scuola a cura della Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-xxxx-x

Dettagli

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Giampaolo Di Silvio^, Paolo Ronco^ e Michael Nones^, Luca Guarino* ^ Università di Padova - Dipartimento di Ingegneria Idraulica Marittima Ambientale

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM:

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM: MAURIZIO DEL MONTE Professore associato presso il Dipartimento di Scienze della Terra Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali - Università degli Studi di Roma La Sapienza Settore scientifico

Dettagli

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Dipartimento di Studi Umanistici METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Dott.ssa Federica Fontana A.A. 2013-2014 Lezione 2 - Ricognizioni di superficie e aeree La scoperta Siti visibili, la cui

Dettagli

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO 19 LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO PREMESSA Coerentemente con

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Saggistica Aracne 262

Saggistica Aracne 262 Saggistica Aracne 262 Mauro Annese Il Petrolio Un percorso quasi autobiografico lungo le vie del petrolio descritto in 101 domande e risposte Prefazione di Brunetto Chiarelli Copyright MMXIII ARACNE editrice

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento

L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento L organizzazione di metadati e dati relativi a piattaforme aeree e satellitari per il telerilevamento Paolo PLINI, Rosamaria SALVATORI, Sabina DI FRANCO, Valentina DE SANTIS Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE DELLA TERRA (CLASSE 16) Consiglio della Classe 16

CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE DELLA TERRA (CLASSE 16) Consiglio della Classe 16 CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE DELLA TERRA (CLASSE 16) Consiglio della Classe 16 Presidente prof. Eleonora Paris, tel. 0737/402607 eleonora.paris@unicam.it Responsabili per l Orientamento Prof. Gino Cantalamessa,

Dettagli

I MARMI DI ROCCA BIANCA

I MARMI DI ROCCA BIANCA I MARMI DI ROA BIANA SE Rocca Bianca Risalendo la Val Germanasca, fin dai primi chilometri, è possibile vedere davanti a sé FAGLIA MIASISTO A GRANATO (guardando quindi verso S), la parete nord-orientale

Dettagli

Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità idraulica

Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità idraulica WORKSHOP PERICOLOSITÁ IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Bolzano, 9-10 giugno 2011 Strumenti e concetti per strutturare l analisi di pericolosità

Dettagli

IL PROGETTO DREPANCOAST

IL PROGETTO DREPANCOAST IL PROGETTO DREPANCOAST La Provincia Regionale di Trapani, nell ambito di un progetto POR, ha affidato al Gruppo Gifaco dell Istituto per l Ambiente Marino Costiero del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

Vito Di Gioia Il sito web come strumento di promo commercializzazione del prodotto turistico

Vito Di Gioia Il sito web come strumento di promo commercializzazione del prodotto turistico DIRITTO DI STAMPA 61 DIRITTO DI STAMPA Il diritto di stampa era quello che, nell università di un tempo, veniva a meritare l elaborato scritto di uno studente, anzitutto la tesi di laurea, di cui fosse

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO GIS. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO GIS. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA La Smart city è una città intelligente, dove la tecnologia ha un ruolo strategico nel soddisfare

Dettagli

Carmen Maria ROSSKOPF

Carmen Maria ROSSKOPF Carmen Maria ROSSKOPF Data e luogo di nascita: 22/07/1960 Münster (Germania) Residenza: Via degli Ulivi 11, 84043 Agropoli (SA) C.F.: RSSCMN60L62Z112C Tel.+39 3204309082 E-mail: rosskopf@unimol.it Esperienze

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Data Mining. Introduzione La crescente popolarità

Dettagli

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15 ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI Pagina 1 di 15 Indice Matrice dei prodotti erogabili a supporto della pianificazione e monitoraggio delle discariche...3 Analisi e Monitoraggio delle aree

Dettagli

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività

EnviCons. Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Profilo Aziendale e Campi di Attività EnviCons Srl Headquarters: Lungo Po Antonelli 21 10153, Torino P.IVA: 10189620015 Telefono: (+39) 011.81.28.684 Fax: (+39) 011.81.27.528 Web: www.envicons.com

Dettagli

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management

L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management L'alta risoluzione satellitare in supporto al Risk Management Livio Rossi EURIMAGE S.p.A., Roma, Italia www.eurimage.com Introduzione Nell ambito delle attività operative per la gestione e la protezione

Dettagli

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua 1. Premessa Nel 2010 ISPRA ha pubblicato il metodo per la valutazione della qualità morfologica dei corsi d acqua basato sull Indice di Qualità

Dettagli

Il caso del Passante di Mestre

Il caso del Passante di Mestre A13 Luciano Bologna Schemi interpretativi per calmierare l entropia nel sistema di realizzazione delle opere pubbliche alla luce delle odierne tendenze di esternalizzazione Il caso del Passante di Mestre

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

Fantappiè M., Guaitoli F., Matranga M. G., De Meo I., Costantini E.A.C.

Fantappiè M., Guaitoli F., Matranga M. G., De Meo I., Costantini E.A.C. SOILPRO E possibile migliorare l efficienza delle amministrazioni regionali nella promozione di pratiche di conservazione del suolo attraverso l individuazione di azioni mirate ed efficaci. http://www.soilpro.eu/en/home

Dettagli

Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9. Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche. Ciclo Integrato Acque SETTORE 2

Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9. Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche. Ciclo Integrato Acque SETTORE 2 Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9 Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche Ciclo Integrato Acque SETTORE 2 CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOMORFOLOGICI PER I DIFFERENTI

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GEOGRAFIA PRIMARIA GEOGRAFIA L ALUNNO SI ORIENTA NELLO SPAZIO CIRCOSTANTE E SULLE CARTE GEOGRAFICHE, UTILIZZANDO RIFERIMENTI TOPOLOGICI E PUNTI CARDINALI. UTILIZZA IL LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PER

Dettagli

GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011. Polemio M. irpi - Sede di Bari. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)

GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011. Polemio M. irpi - Sede di Bari. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011 Il rischio idrogeologico e il contributo della ricerca Il caso della Puglia Polemio M. irpi - Sede di Bari Il Consiglio Nazionale

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

7.c RISCHIO GEOLOGICO

7.c RISCHIO GEOLOGICO 7.c RISCHIO GEOLOGICO I- Introduzione In questo paragrafo viene analizzato il territorio sotto l aspetto della pericolosità geologica, intesa come l attitudine del territorio a manifestare eventi di dissesto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA. Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA. Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO LEZIONE 6 Dott. PhD. Alessandro Marucci LA CARTOGRAFIA PER L ANALISI TERRITORIALE

Dettagli

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO

E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI TECNICHE A SCANSIONE LASER E POSIZIONAMENTO GEODETICO IRPI Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA GRUPPO DI GEOMONITORAGGIO - TORINO IL MONITORAGGIO DI CORSI D ACQUA E FENOMENI FRANOSI: UTILIZZO INTEGRATO DI

Dettagli

Economia e Organizzazione aziendale

Economia e Organizzazione aziendale Gianpaolo Iazzolino / Piero Migliarese Economia e Organizzazione aziendale Esercizi con soluzione ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

GEOGRAFIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA

GEOGRAFIA. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA GEOGRAFIA CLASSE 1 a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DEL- LE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICATORI DI VALUTAZIONE (Stabiliti dal Collegio Docenti) AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA

Dettagli

CURRICOLO DI GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Muoversi consapevolmente nello spazio circostante, orientandosi attraverso punti di riferimento, utilizzando gli indicatori topologici (avanti, dietro,

Dettagli

Curricolo di geografia Biennio scuola secondaria di primo grado Contenuti Obiettivi di apprendimento Attività messe in atto

Curricolo di geografia Biennio scuola secondaria di primo grado Contenuti Obiettivi di apprendimento Attività messe in atto Curricolo di geografia Biennio scuola secondaria di primo grado Contenuti Obiettivi di apprendimento Attività messe in atto Gli elementi dello spazio geografico: Ambiente naturale Ambiente antropizzato

Dettagli

Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione

Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione Che cosa è una carta? Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione E un elaborato grafico attraverso cui una determinata porzione della superficie terrestre viene rappresentata

Dettagli

Corso di Laurea di I livello in Scienze Geologiche

Corso di Laurea di I livello in Scienze Geologiche Corso di Laurea di I livello in Scienze Geologiche Largo San Leonardo Murialdo, 1 00146 Roma Tel.: 06-54888207 fax: 06-54888201 e-mail: ccl_geo@uniroma3.it Obiettivi formativi Il Corso di Laurea di i livello

Dettagli

Profilo della società Telos.r.l.

Profilo della società Telos.r.l. Profilo della società Telos.r.l. Mission Servizi ed attività Descrizione della società ed organigramma I soci fondatori Profili brevi dei soci professionisti Società fondata nel 2010 Associato OICE Associazione

Dettagli

Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR

Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR Ortofoto digitali a colori programma IT2000 CGR Modelli digitali

Dettagli

TESI IN GEOMORFOLOGIA

TESI IN GEOMORFOLOGIA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA E GEOAMBIENTALI Corso di Laurea Magistrale in Scienze Geologiche A.A. 2010-2011 TESI IN GEOMORFOLOGIA ANALISI MULTITEMPORALE DELLA FRANOSITA,

Dettagli

Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale.

Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale. Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale. Angela Alfieri, Domenico Carrà, Giuseppe Lanzo, Domenico Monteleone,

Dettagli

Il Catasto ghiacciai della Regione Autonoma Valle d Aosta

Il Catasto ghiacciai della Regione Autonoma Valle d Aosta Il Catasto ghiacciai della Regione Autonoma Valle d Aosta Importanza dei ghiacciai nel contesto territoriale valdostano Estensione territoriale Contesto geomorfologico, geografico e socio-economico Necessità

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

Mappatura della pericolosità da inondazione costiera nella Regione Sardegna

Mappatura della pericolosità da inondazione costiera nella Regione Sardegna Mappatura della pericolosità da inondazione costiera nella Regione Sardegna Andrea Balzano, Andrea Sulis, Claudia Pedone, Massimiliano Ventroni Università di Cagliari - DICAAR Torino, 9-1 Ottobre 213 Torino,

Dettagli

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità.

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità. Sono 236 i comuni marchigiani a rischio frane o alluvioni, ossia il 99% del totale. Il nostro territorio è talmente fragile che bastano ormai semplici temporali, per quanto intensi, per provocare, nel

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011 Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA CENTRO DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Report di approfondimento

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

Hydrica 2011, Salone Internazionale Tecnologie Acqua e Ambiente

Hydrica 2011, Salone Internazionale Tecnologie Acqua e Ambiente Applicazioni GIS per il ciclo integrato delle acque: implementazione usando JGrassTools, udig, BeeGIS e EPANET Introduzione Andrea Bosoni, Silvia Franceschi, Davide Righetti andrea.bosoni@gmail.com, silvia.franceschi@hydrologis.eu,

Dettagli

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO

ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE. INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO ITG A. POZZO LICEO TECNOLOGICO MORFOLOGIA FLUVIALE INDIRIZZO: Costruzioni, Ambiente, Territorio - opzione B GEOLOGIA E TERRITORIO Classe 4^ - 3 ore settimanali Schede a cura del prof. Romano Oss Come tutti

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

DATI E SERVIZI INTEROPERABILI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO

DATI E SERVIZI INTEROPERABILI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO DATI E SERVIZI INTEROPERABILI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO Alessandra Marchese (GISIG) La ricerca che crea innovazione per un futuro sostenibile Genova, 20 febbraio 2015 Con il patrocinio di Con il contributo

Dettagli

Analisi ecologica territoriale

Analisi ecologica territoriale Come si distribuiscono gli ecosistemi nello spazio e come si possono delimitare? GEOGRAFIA DEGLI ECOSISTEMI ed ECOLOGIA DEL PAESAGGIO Sono tra le scienze che analizzano la distribuzione spaziale degli

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014 /15

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014 /15 Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014 /15 AMBIENTI DI CARTA - Essere in grado di operare una distinzione fra i diversi tipi di carta geografica: fisica, politica e tematica - Mettere

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Il Progetto ASI PRIMI PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Nonostante la protezione dell ambiente marino sia di interesse internazionale primario, lo scarico illegale di idrocarburi a mare

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Il riassetto organizzativo-gestionale dei servizi idrici

Il riassetto organizzativo-gestionale dei servizi idrici Filippa Bellante Il riassetto organizzativo-gestionale dei servizi idrici ARACNE Copyright MMV ARACNE EDITRICE S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it 00173 Roma via Raffaele Garofalo, 133

Dettagli

Introduzione al management in sanità

Introduzione al management in sanità A13 373 Marco Pauletto Franco Tartaglia Introduzione al management in sanità Organizzazione aziendale e psicologia del lavoro Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO CURRICULUM VERTICALE DI GEOGRAFIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO CURRICULUM VERTICALE DI GEOGRAFIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO Anno scolastico 2010/2011 CURRICULUM VERTICALE DI GEOGRAFIA SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Collocare nello spazio

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

PRODUZIONI ANIMALI E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONI ANIMALI E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONI ANIMALI E SICUREZZA ALIMENTARE 8 Direttore Paolo POLIDORI Università degli Studi di Camerino Comitato scientifico Federica CHELI Università degli Studi di Milano Biagina CHIOFALO Università

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini La distanza di quota tra isoipse è costante e prende il nome di EQUIDISTANZA. Generalmente il valore dell

Dettagli

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia

Dott. Geologo Antonio Santaguida Tel. 3474865331 Via Dante Alighieri 36/e, 89900 Vibo Valentia INDICE 1. PREMESSA pag. 2 2. AGGIORNAMENTO DELLA CARTA DEI VINCOLI GENERATORI DI RISCHIO pag. 3 2.1 rischio idrogeologico pag. 5 3 CARTA DI SINTESI FINALIZZATA ALL EDIFICABILITA pag. 7 1 1. PREMESSA Per

Dettagli

Analisi dinamica e diacronica del sistema territoriale nel bacino del Pollina.

Analisi dinamica e diacronica del sistema territoriale nel bacino del Pollina. Analisi dinamica e diacronica del sistema territoriale nel bacino del Pollina. Gaetano La Bella, Sonia Corso, Giacomo Lo Piccolo, Rosario Terraforte, Giulia Varrica, Gaetano Pisciotta, Caterina Randazzo,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L.

PROTOCOLLO D INTESA. TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PROTOCOLLO D INTESA TRA Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale SAM SOCIETA AEROSPAZIALE MEDITERRANEA S.C.R.L. PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA E PROGETTI PER LO SVILUPPO

Dettagli

La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato dei modelli geologici, geomorfologici e di resistività

La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato dei modelli geologici, geomorfologici e di resistività UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Specialistica in Geologia Applicata Centro di GeoTecnologie La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio e della Sicurezza

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale. Metodi ingegneristici

Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale. Metodi ingegneristici A09 162 Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale Metodi ingegneristici Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173

Dettagli

OSSERVAZIONE DELLA TERRA

OSSERVAZIONE DELLA TERRA OSSERVAZIONE DELLA TERRA Gestione del Territorio Monitoraggio Ambientale Prevenzione Rischi Naturali Le caratteristiche di unicità della Telespazio Telespazio ha sviluppato Servizi Applicativi che rispondono

Dettagli