PREMESSA. - relazione generale; - relazioni specialistiche;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREMESSA. - relazione generale; - relazioni specialistiche;"

Transcript

1

2 PREMESSA Il sttscritt ing. Luca Demntis iscritt all Ordine degli Ingegneri della Prvincia di Cagliari al n. 5399, è stat incaricat da SARDEGNA RICERCHE, della prgettazine preliminare, definitiva, esecutiva e direzine dei lavri di MODIFICA DELL'IMPIANTO ELETTRICO, FONIA E DATI DEI LABORATORI DEL DISTRETTO TECNOLOGICO "SARDEGNA ICT" di Pula, lcalità Piscinamanna. Il Decret legislativ 12 aprile 2006, n. 163, Cdice dei cntratti pubblici relativi a lavri, servizi e frniture in attuazine delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE fissa le prescrizini relative alla redazine dei prgetti esecutivi. Il prgett esecutiv, redatt in cnfrmità al prgett definitiv, determina in gni dettagli i lavri da realizzare e il relativ cst previst e deve essere sviluppat ad un livell di definizine tale da cnsentire che gni element sia identificabile in frma, tiplgia, qualità, dimensine e prezz. In particlare il prgett è cstituit dall'insieme delle relazini, dei calcli esecutivi delle strutture e degli impianti e degli elabrati grafici nelle scale adeguate, cmpresi gli eventuali particlari cstruttivi, dal capitlat speciale di appalt, prestazinale descrittiv, dal cmput metric estimativ e dall'elenc dei prezzi unitari. Ess è redatt sulla base degli studi e delle indagini cmpiuti nelle fasi precedenti e degli eventuali ulteriri studi e indagini, di dettagli di verifica delle iptesi prgettuali, che risultin necessari e sulla base di rilievi planaltimetrici, di misurazini e picchettazini, di rilievi della rete dei servizi del sttsul. Il prgett esecutiv deve essere altresì crredat da appsit pian di manutenzine dell'pera e delle sue parti da redigersi nei termini, cn le mdalità, i cntenuti, i tempi e la gradualità stabiliti dal reglament di cui all'articl 5. (parte II, titl I, cap IV, sezine I, art. 93, punt 5). Il Reglament sui LL.PP., emanat in base all art. 3 della ex L. 109 del 94, e successive mdificazini ed integrazini, fissa cn precisine gli elabrati che devn essere presentati nella fase esecutiva (sezine IV, art. 33): - relazine generale; - relazini specialistiche; - elabrati grafici cmprensivi anche di quelli delle strutture, degli impianti e di ripristin ambientale; - calcli esecutivi delle strutture e degli impianti; - cmput metric estimativ definitiv e quadr ecnmic; - piani di sicurezza e di crdinament; - crnprgramma; - elenc dei prezzi unitari e eventuali analisi; - pian particellare di esprpri; - schema di cntratt e capitlat speciale di appalt; - quadr ecnmic. RELAZIONE GENERALE PAGINA 1 DI 14

3 Nn sn previsti esprpri. Occrre infine precisare che il presente prgett riassume la fase definitiva e quella esecutiva per via della esiguità dell intervent, del fatt che nn si rende necessaria la richiesta di pareri ad altri enti, ma sprattutt per via della pprtunità di eseguire cn estrema urgenza le pere previste. RELAZIONE GENERALE PAGINA 2 DI 14

4 L AMBITO DEL PROGETTO Il Parc Scientific e Tecnlgic della Sardegna (PST), in agr di Pula (CA), srge su un area di circa 160 ha, nella valle del Ri Palaceris, sulle ultime prpaggini del massicci mntus del Sulcis, a circa 3 Km dalla csta sud-ccidentale della Sardegna, 6 Km dal centr abitat di Pula e 30 km da Cagliari, citta caplug di prvincia e sede del gvern reginale. L area di interesse in cui è ubicat il PST, insiste in una fascia larga 500/600 m che risale il crs del Ri Palaceris per circa 3,5 km, a partire dall incrci delle due attuali strade di access al parc stess. IS MOLAS ACCESSO AL PST UBICAZIONE LAB. SARDEGNA ICT Inquadrament generale dell area L Amministrazine Cmunale di Pula ha in prpsit intrdtt una variante al prpri Prgramma di Fabbricazine e pertant la valle del Ri Palaceris viene classificata zna mgenea G2 - Servizi generali destinati al Parc Tecnlgic. Cn l apprvazine del Pian Particlareggiat e la successiva firma dell Accrd di Prgramma siglat il 10 Agst 1995 dal Presidente della Giunta Reginale, dal Sindac di Pula RELAZIONE GENERALE PAGINA 3 DI 14

5 e dal Presidente del Cnsrzi Ventun, apprvat cn il D.P.G.R. n. 284 del 26/10/1995, dp un lung e cmpless iter decisinale, si è giunti alla fase attuativa ed alla stesura dei prgetti definitivi degli edifici e delle infrastrutture della sede di Pula del Parc Scientific e Tecnlgic della Sardegna. In particlare sn stati elabrati i prgetti degli edifici n 1, 2, 3, 5, 6, 7, 8, 9, 10, della infrastruttura viaria, dell illuminazine pubblica, delle reti idrica, fgnaria ed antincendi e del sentier pednale alla quta +100, che segna il cnfine dell area di pertinenza del Parc. Di fatt, la creazine sul territri di cittadelle della scienza frnisce alle discipline prgettuali l ccasine di sperimentare nuvi mdelli di insediament frtemente cndizinati dall specific cntest territriale ed ambientale lcale, anche in cnsiderazine dell alt grad di adattabilità spaziale delle strutture per la tecnlgia alle diverse situazini mrflgiche tiplgiche e gegrafiche. Vista dell edifici 1, sede dei labratri In sintesi si può affermare che i pli tecnlgici devn nn sl pssedere eccellenti requisiti nel camp della ricerca, frmazine e prduzine ma garantire sprattutt cndizini di svilupp territriale, mediante l adzine di accrgimenti prgettuali mirati all individuazine e valrizzazine delle ptenzialità lcali, attravers scelte e plitiche di gestine del territri. Pertant, è pprtun ribadire che l biettiv strategic dell istituzine di un parc scientific riguarda sì l avanzament tecnlgic e culturale delle realtà lcali, ma sprattutt tale prgress nn può prescindere ed essere perseguit senza una particlare attenzine alla valrizzazine del territri e degli ecsistemi lcali. Il Parc Scientific e Tecnlgic in Pula, all'intern del Parc Reginale del Sulcis, svlge il rul di cerniera tra due imprtanti sistemi territriali: da una parte la città lineare lung la csta, cstituit da lttizzazini di secnde case e da imprtanti strutture ricettive, dall'altra il cmpendi ambientale rappresentat dal parc naturalistic del Sulcis. L attuale prgett, estremamente di nicchia all intern del quadr cmplessiv spra delineat, è relativ alle mdifiche dell impiant elettric, fnia e dati dei labratri del distrett tecnlgic sardegna ICT. RELAZIONE GENERALE PAGINA 4 DI 14

6 ILLUSTRAZIONE STATO DI FATTO In seguit al cnferiment dell incaric è stat effettuat un sprallug per verificare le esigenze di intervent, al fine di stabilire le prirità prgettuali in relazine ai fndi a dispsizine in quadr ecnmic. Le successive cnsiderazini si riferiscn dunque all stat di fatt alla data dei sprallughi, in particlare al 22/08/2007 e 27/08/2007. I labratri I.C.T. sarann ubicati nell ala terminale di raccrd trasversale dell inter cmpless, all ultim pian. Si tratta di 6 lcali di varia dimensine, cn un cnnettiv di distribuzine in psizine baricentrica, cn un vut a dppia altezza dal pian sttstante. Oltre a 4 ambienti dalle ampie dimensini vi sn altri 2 ambienti di dimensini limitate. L access è garantit da 2 prte tagliafuc che cnsentn l access dirett al van scala. Attualmente dett settre è utilizzat in minima parte. Le cmpnenti edilizie sn caratterizzate da tramezzi in cartngess cn rditura metallica di sstegn, tampnature massive perimetrali ed ampie finestrature, talvlta a tutta altezza, esternamente schermate mediante lamelle lignee. Il paviment è di tip flttante, cn quadretti mdulari da 60x60 cm. I labratri sn cntrsffittati, cn interpian residu di 300 cm. Gli impianti elettrici, telefnici e le linee dati crrn dunque interamente a paviment, all intern di canaline plastiche all intern del cavedi sttstante gli elementi di pavimentazine. Numerse trrette a paviment, ben distribuite all intern degli ambienti, presentan punti presa e punti dati nn cngrui per la futura utilizzazine del settre. L illuminazine è del tip ad incass, cn plafniere circlari e apparecchiature luminse flurescenti, che garantiscn ttimi valri di illuminament degli ambienti. Vi sn altresì 4 lampade di illuminazine di emergenza, tutte nel crridi, insufficienti a garantire la crretta illuminazine in cas di emergenza, sprattutt alla luce delle nuve ingenti presenze cnseguenti al differente us del settre. L intera area è climatizzata mediante unità di climatizzazine a parete, incassate lung le tampnature perimetrali. Il settre è alimentat direttamente dalle linee elettriche prvenienti dalla sala quadri psta in appsit ambiente al pian parcheggi. Questi ultimi sn cnnessi direttamente al grupp di misura, ubicat in altr lcale, sempre al pian parcheggi, più vicin all ingress principale al garage. Le linee dati prvengn da altr ambiente, sempre all intern del garage, denminat sala telecm. I cavi crrn in parte in tubazini interrate, in parte su canala metallica a parete, in parte all intern delle citate canalizzazini stt paviment. All intern dei labratri è altresì presente un armadi rack per le linee dati, la cui attuale ubicazine nn è funzinale per la futura cnfigurazine. Cmplessivamente si può affermare che l impiant necessita il cmplet rifaciment, per via dei ntevli mutamenti che cmprta la nuva cnfigurazine e per l increment dei punti presa e dati. RELAZIONE GENERALE PAGINA 5 DI 14

7 CONSIDERAZIONI DI FATTIBILITÀ AMBIENTALE ED INDAGINI GEOLOGICHE L studi di prefattibilità ambientale, cme già vist nel precedente paragraf, è un strument intrdtt dalla legge merlni (n febbrai 1994) cn l scp di individuare già a livell di prgett preliminare tutte quelle le criticità che il prgett presenta. Vlend tentare di dare una definizine al cncett di fattibilità ambientale, si ptrebbe dire che essa vule individuare tutti gli effetti di una certa rilevanza, psitivi e negativi, diretti e indiretti, tempranei e permanenti che il cmpiment di una determinata pera prvca a caric dei fattri ambientali glbalmente cnsiderati. Nella fase esecutiva valgn le stesse cnsiderazini sinteticamente enunciate nelle precedenti fasi prgettuali. L intervent ggett del presente esecutiv è vlt a cnservare la destinazine d us a servizi pubblici, in particlare cme pl tecnlgic di ricerca, delle parti del cmpless ggett del presente prgett. I ltti su cui insiste il cmpless e la sua area di pertinenza sn inseriti nel vigente P.U.C. in zna urbanistica mgenea G2. La realizzazine degli interventi, ricadenti interamente all intern delle strutture esistenti ed in particlare nell edifici 1, è peraltr trascurabile dal punt di vista dell impatt ambientale sul cntest e sulla salute dei cittadini. La presente prgettazine nn implica dunque prblematiche di impatt ambientale, sia per la prtata degli interventi previsti sia per la natura degli stessi. La valutazine di impatt ambientale, megli intesa cme cntestualizzazine degli interventi cn le medesime pertinenze, si rislve nella scelta tiplgica delle sluzini prgettuali, vlte ad integrare le nuve cmpnenti cn le vecchie e miglirare quelle esistenti. Le sluzini da adttare si richiaman ai canni della cntestualizzazine: sia per quant attiene agli interventi da realizzarsi all intern dei labratri che a quelli relativi all impiantistica tecnlgica, in armnizzazine cn le cnfigurazini riginali. L unic intervent estern si rislve nell ubicazine di una unità esterna di climatizzazine, che sarà psta nel pian cpertura in psizine nn visibile dal bass, piché ben mascherata dai parapetti e dal cmpless edilizi medesim. Merita infine attenzine la necessità di cnsiderare l edifici per la particlare qualità architettnica che l cntraddistingue, cn l intent ultim di garantire che le nuve pere in prgett nn ne snaturin le caratteristiche architettniche e cmpsitive. A tal prpsit le pere edili di finitura ma anche le sluzini impiantistiche rispetterann i caratteri riginari degli ambienti. RELAZIONE GENERALE PAGINA 6 DI 14

8 INDICAZIONI SCHEMATICHE SUGLI INTERVENTI A partire dalle cnsiderazini fatte ed in relazine al finanziament in att sn state individuate le prirità di intervent, cncrdate in gni singla fase cn l Uffici Tecnic. Gli interventi pssn essere preliminarmente sintetizzati cme segue: - rimzine dei cavi nn più in us nel pian garage; - dismissine dei quadri esistenti dalla sala quadri; - smntaggi del paviment flttante per le lavrazini sugli impianti; - rimzine di tutti i cavi all intern dei labratri ICT; - creazine delle frmetrie; - smntaggi delle trrette esistenti; - sstituzine degli elementi di pavimentazine rvinati; - psizinament di passerelle metalliche nel pian garage; - integrazine delle canalizzazini esistenti sttpaviment; - rifaciment di tutte le derivazini alle nuve trrette; - spstament dell armadi rack esistente nella sala server; - frnitura di nuv armadi rack per la sala server; - psizinament nuvi quadri e ups; - eliminazine delle lampade di emergenza esistenti; - psizinament nuve lampade di emergenza; - psizinament dei cavi; - cablaggi quadri elettrici; - cablaggi armadi linee dati; - psizinament e cllegament dell impiant di climatizzazine nella sala server; - ripsizinament a zne della pavimentazine; - psizinament trrette, delle nuve e di quelle in recuper; - realizzazine di canalizzazini a parete in sala server; - rifaciment delle tinteggiature interne; - trasprt e cnferiment a discarica dei materiali di risulta. Gli stessi sarann megli descritti nella relazine specialistica e nel cmput estimativ. RELAZIONE GENERALE PAGINA 7 DI 14

9 CARATTERISTICHE TECNICHE GENERALI La scelta prgettuale adttata è vinclata dalla particlarità degli interventi, essenzialmente previsti in pere di piccla demlizine e ricstruzine sia di parti murarie che di impianti, cn implement per rendere pssibile la fruizine dei lcali in ttemperanza alle richieste della vigente nrmativa in materia e specifiche del cmmittente. I lavri di adeguament al prgett nn mdifican pertant le destinazini d us principale dei lcali esistenti, ma sn finalizzati al rispett dei requisiti nrmativi di legge. Vi sn infine nuve sluzini impiantistiche e migliramenti cn messa a nrma dell inter settre. INTERVENTI EDILI. A tale prpsit, in prim lug, è previst l impieg di materiale, attrezzature e arredi di nuva frnitura cnfrmi alle vigenti dispsizini legislative. I materiali relativi alle pavimentazini dvrann essere sufficientemente rugsi per evitare scivlament; le tinteggiature dvrann essere asslutamente prive di elementi di tssicità e dvrann essere caratterizzate da clri ripsanti e cn buni valri di riflessine luminsa. OPERE ELETTRICHE. Data la natura dell intervent, che cnsiste nella ristrutturazine ed ampliament di edifici già crredati di impianti, si prevede il riutilizz di parte degli stessi. Gli interventi in essere nn cmprterann però la venuta men della rispndenza alle nrme di quelli esistenti e dvrann prevedere la perfetta integrazine delle nuve cmpnenti. Tutti i materiali e le apparecchiature dvrann essere di nuva frnitura e di primaria casa cstruttrice e presentare caratteristiche cnfrmi a quant stabilit da leggi, reglamenti e nrmative vigenti in materia, ltre che alle prescrizini di prgett. In particlare dvrann essere cnfrmi alla DIRETTIVA MACCHINE 89/392/CEE e 91/368/CEE e successive mdificazini, e dvrann pertant essere dtati dei requisiti essenziali ai fini della sicurezza e della tutela della salute definiti dalle direttive stesse. IMPIANTI TERMICI. In cnfrmità alla legge n 46 del 05/03/1990 gli impianti elettrici e di illuminazine e tutte le lr cmpnenti devn rispndere alle regle di buna tecnica; le nrme CEI sn cnsiderate nrme di buna tecnica e sarann prese a riferiment per tutte le cmpnenti previste in prgett. Gli impianti dvrann quindi essere crredati di tutte le apparecchiature di misura, cntrll e sicurezza necessarie per ttenere il reglare nulla-sta da parte di tutti gli rgani prepsti al cntrll degli stessi. Gli impianti termici dvrann essere realizzati in cnfrmità al D.Lgs 192/05 e s.m.i.. RELAZIONE GENERALE Pagina 8 di 14

10 FRUIBILITA DEGLI SPAZI DA PARTE DEI PORTATORI DI HANDICAP MOTORI PREMESSA Le cndizini di fruibilità degli spazi e degli ambienti da parte di prtatri di handicap sn definite e prescritte da nrme nazinali. In particlare: - DPR 27 aprile 1978 n. 384 "Reglament cncernente nrme di attuazine dell'art. 27 della Legge 30 marz 1971, n.118, a favre degli invalidi civili, in materia di barriere architettniche e di trasprti pubblici". Si riferisce in particlare "alle strutture pubbliche cn particlare riguard a quelle di carattere cllettiv-sciale". - Legge 9 gennai 1989, n.13 "Dispsizini per favrire il superament e l'eliminazine delle barriere architettniche negli edifici privati". - Decret del Minister dei Lavri pubblici 14 giugn 1989, n. 236 "Prescrizini tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica, svvenzinata e agevlata, ai fini del superament e dell'eliminazine delle barriere architettniche". DEFINIZIONI Nn è superflu richiamare alcune definizini. Per barriere architettniche si intendn: - gli stacli fisici che sn fnte di disagi per la mbilità di chiunque ed in particlare di clr che, per qualsiasi causa, hann una capacità mtria ridtta impedita in frma permanente tempranea; - gli stacli che limitan impediscn a chiunque la cmda e sicura utilizzazine di parti, attrezzature cmpnenti; - la mancanza di accrgimenti e segnalazini che permettn l'rientament e la ricnscibilità dei lughi e delle fnti di pericl per chiunque ed in particlare per i nn vedenti, per gli ipvedenti e per i srdi. Per accessibilità si intende la pssibilità, anche per persne cn ridtta impedita capacità mtria sensriale, di raggiungere l'edifici e le sue single unità immbiliari e ambientali, di entrarvi agevlmente e di fruirne spazi e attrezzature in cndizini di adeguata sicurezza e autnmia. Si riprtan di seguit le dimensini della sedia a rtelle: RELAZIONE GENERALE Pagina 9 di 14

11 Si riprtan altresì gli schemi dimensinali per la fruibilità degli spazi: CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L'ACCESSIBILITÀ Crridi e passaggi devn presentare andament quant più pssibile cntinu e cn variazini di direzine ben evidenziate. I crridi nn devn presentare variazini di livell; in cas cntrari queste devn essere superate mediante rampe. La larghezza del crridi e del passaggi deve essere tale da garantire il facile access alle unità ambientali da ess servite e in punti nn eccessivamente distanti tra lr ed essere tale da cnsentire l'inversine di direzine ad una persna su sedia a rute. Il crridi cmune pst in crrispndenza di un percrs verticale (quale scala, rampa, ascensre, servscala, piattafrma elevatrice) deve prevedere una piattafrma di distribuzine cme van di ingress pian di arriv dei cllegamenti verticali, dalla quale sia pssibile accedere ai vari ambienti, esclusi i lcali tecnici, sl tramite percrsi rizzntali. RELAZIONE GENERALE Pagina 10 di 14

12 Devn avere una larghezza minima di 100 cm ed avere allargamenti atti a cnsentire l'inversine di marcia da parte di persna su sedia a rute. Questi allargamenti devn di preferenza essere psti nelle parti terminali dei crridi e previsti cmunque gni 10 m di svilupp lineare degli stessi. La pendenza di una rampa va definita in rapprt alla capacità di una persna su sedia a rute di superarla e di percrrerla senza affaticament anche in relazine alla lunghezza della stessa. Si devn interprre ripiani rizzntali di rips per rampe particlarmente lunghe. Valgn in generale per le rampe accrgimenti analghi a quelli definiti per le scale. La larghezza minima di una rampa deve essere: - di 90 cm per cnsentire il transit di una persna su sedia a rute; - di 150 cm per cnsentire l'incrci di due persne. Ogni 10 m di lunghezza ed in presenza di interruzini mediante prte, la rampa deve prevedere un ripian rizzntale di dimensini minime pari a 150x150 cm, ltre l'ingmbr di apertura di eventuali prte. Qualra al lat della rampa sia presente un parapett nn pien, la rampa deve avere un crdl di almen 10 cm di altezza. La pendenza delle rampe nn deve superare l'8%. Sn ammesse pendenze superiri, nei casi di adeguament, rapprtate all svilupp lineare effettiv della rampa. In tal cas il rapprt tra la pendenza e la lunghezza deve essere cmunque di valre inferire rispett a quelli individuati dalla linea di interplazine del grafic di nrmativa, dal quale si ricava che fin ad un svilupp di 3,00 m si può adttare una pendenza pari al 12%. Nel presente prgett gli interventi di natura edilizia sn estremamente limitati. Si può dunque raginevlmente affermare che permangan le cndizini di rispndenza di legge. In particlare le trrette a paviment nn cstituirann stacl per il passaggi e sarann ubicate al fine di garantire il manteniment di idnee aree di passaggi, a seguit del psizinament degli arredi. Medesima cnsiderazine ptrà essere fatta per le ingmbranti apparecchiature dati ed elettriche. RELAZIONE GENERALE Pagina 11 di 14

13 PRINCIPI DI CONDUZIONE E MANUTENZIONE La manutenzine ha l scp di mantenere in efficienza le diverse parti dell impiant in cndizini di sicurezza per gli utenti. Essa riguarda tutte le parti del cmpless: edifici; aree di attività; impianti tecnici. Il metd di intervent più razinale è prevenire l insrgere di situazini di pericl e prevenire interruzini di funzinament mediante perazini prgrammate nel temp cn revisine sstituzine di parti in relazine alla lr vita media (parti usurabili, lampade, apparecchiature varie ). È preferibile intervenire cn un prgramma di csti determinat piuttst che affrntare situazini imprvvise che pssn prtare anche all interruzine del funzinament dei labratri. Una crretta gestine accresce la durata della struttura diminuendne il cst di ammrtament annu. La manutenzine rdinaria e strardinaria può essere attuata in frma: diretta, attuata dal gestre e dal su persnale; in affidament a ditte specializzate. In gni cas, ccrre predisprre un prgramma di gestine, riguardante: il cicl annuale delle perazini rdinarie e strardinarie; il numer di re di lavr necessarie ed il livell di specializzazine richiest al persnale; i mezzi per la manutenzine; i materiali necessari. Tutt ciò permetterà di fare un bilanci di previsine dei csti di manutenzine della struttura. Di seguit vengn riprtate le principali azini da mettere in att per una crretta manutenzine, pprtunamente cadenzate: FREQUENZA VARIABILE Cntrll delle strutture degli edifici: biennale per le strutture in acciai e legn; quinquennale per quelle in c.a.; secnd le indicazini di cllaud per le tensstrutture. Rifaciment delle tinteggiature esterne gni 5/10 anni, secnd il tip di finitura e delle caratteristiche ambientali. Rifaciment di tinteggiature interne gni 2/3 anni a secnda della destinazine dei lcali e delle cndizini d us. Riparazine di arredi, accessri e chiusure, secnd l ccrrenza. FREQUENZA SETTIMANALE/QUINDICINALE Pulizia dei lcali tecnici e sistemazine dei materiali ed attrezzature. Verifica delle dtazini e delle attrezzature di prnt sccrs. RELAZIONE GENERALE Pagina 12 di 14

14 Cntrll dell efficienza delle apparecchiature accessrie e degli arredi. FREQUENZA MENSILE Cntrll della cndizine delle attrezzature cn accantnament di quelle da riparare sstituire. Cntrll di stat di carica degli estintri. FREQUENZA TRIMESTRALE Manutenzine degli infissi, delle chiusure mbili ed in genere delle parti mbili cn verifica del funzinament di cerniere, maniglie, sistemi di scrriment e lr lubrificazine. FREQUENZA SEMESTRALE Pulizia a fnd di tutti i lcali e spazi di attività. Cntrll dei rivestimenti. Cntrll di tutte le pavimentazini cn eventuali riparazini. Verifica dell stat delle cperture. FREQUENZA ANNUALE Sstituzine di parti deterirate di strutture, pareti, cperture, infissi attrezzature. Riprese di tinteggiature e verniciature di parti deterirate. Tinteggiatura dei lcali di servizi e verniciatura delle parti in ferr. Riparazine e sstituzine di arredi ed attrezzature. Al fine di definire gni singla fase più cmpiutamente e nel dettagli è stat predispst un cngru pian di manutenzine, allegat al prgett. RELAZIONE GENERALE Pagina 13 di 14

15 QUADRO ECONOMICO Preliminarmente è da evidenziare che, nella definizine dell imprt lavri sggett a ribass d asta, gli neri aggiuntivi relativi alla sicurezza nn entran in gic. Il pian di sicurezza e di crdinament ed il pian generale di sicurezza, quand previsti ai sensi del decret legislativ 14 agst 1996, n. 494, vver il pian di sicurezza sstitutiv di cui alla lettera b) del cmma 1- bis, nnché il pian perativ di sicurezza di cui alla lettera c) del cmma 1-bis frman parte integrante del cntratt di appalt di cncessine; i relativi neri vann evidenziati nei bandi di gara e nn sn sggetti a ribass d asta.. (art. 31 piani di sicurezza). Di seguit è prpst quindi il quadr ecnmic: Imprti per lavri ,00 A1 lavri a misura ,60 A2 lavri a crp ,40 A3 lavri in ecnmia 0,00 A4 imprt cmplessiv dei lavri A1+A2+A ,00 A5 neri aggiuntivi per la sicurezza (3%) 3.961,16 A6 imprt dei lavri a base d'asta A4-A ,84 Smme a dispsizine ,00 B1 imprevisti 3.392,00 B2 incentivi art. 18 ex L. 109/94 A ,00 2,00% 2.720,00 C1 lavri in ecnmia esclusi dall'appalt 0,00 C2 rilievi, accertamenti, indagini 0,00 C3 allacciamenti ai pubblici servizi 2.000,00 C4 spese per pubblicità 500,00 D spese tecniche ,00 E1 IVA lavri a base di appalt A ,00 20,00% ,00 E2 cntribut previdenziale spese tecniche D ,00 2,00% 400,00 E3 IVA su spese tecniche e cntrib. previd. D+E ,00 20,00% 4.080,00 F1 fnd per accrdi bnari 3.500,00 G IMPORTO TOTALE FINANZIAMENTO ,00 RELAZIONE GENERALE Pagina 14 di 14

GUIDA ALLA PROGETTAZIONE

GUIDA ALLA PROGETTAZIONE Giunta Reginale d Abruzz Servizi Tecnic GUIDA ALLA PROGETTAZIONE DI INTERVENTI PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Csa sn le barriere architettniche? Cn il termine barriere architettniche

Dettagli

COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA

COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA COMUNE di IMPRUNETA Prvincia di Firenze SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA (spazi riservat all uffici Prtcll) (spazi riservat all uffici Edilizia Privata) Al Dirigente

Dettagli

STUDIO TECNICO A. BORGOGNI & A. PISPICO I N G E G N E R I A S S O C I A T I

STUDIO TECNICO A. BORGOGNI & A. PISPICO I N G E G N E R I A S S O C I A T I Cmmessa: ASPSIENA090915AI\PROGETTO File: RAI011015_0 Data: 27/10/2015 ASP AZIENDA PUBBLICA SERVIZI ALLA PERSONA CITTA DI SIENA STRUTTURA CAMPANSI VIA CAMPANSI N 18 - SIENA (SI) RELAZIONE TECNICA LAVORI

Dettagli

della Mappa Censuaria del Comune di Salo/Campoverde. Pratica Edilizia n.. all Ordine/Albo de della provincia di al n,

della Mappa Censuaria del Comune di Salo/Campoverde. Pratica Edilizia n.. all Ordine/Albo de della provincia di al n, Spett.le Amministrazine Cmunale di Salò Oggett: Dichiarazine attestante la tiplgia di intervent in relazine a quant dispst dal punt 9.2 delle Dispsizini inerenti all efficienza energetica allegate alla

Dettagli

PROGETTO I - CAST Integrazione delle ICT nella catena del valore delle imprese del sistema Tessile Abbigliamento AVVISO

PROGETTO I - CAST Integrazione delle ICT nella catena del valore delle imprese del sistema Tessile Abbigliamento AVVISO PROGETTO I - CAST Integrazine delle ICT nella catena del valre delle imprese del sistema Tessile Abbigliament AVVISO Dispnibilità della piattafrma tecnlgica di scambi dcumentale Pagina 1 di 7 1. PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI AZZANO DECIMO Provincia di Pordenone

COMUNE DI AZZANO DECIMO Provincia di Pordenone COMUNE DI AZZANO DECIMO Prvincia di Prdenne LAVORI DI AMPLIAMENTO, RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO/MIGLIORAMENTO SISMICO ED ENERGETICO DELLA SCUOLA PRIMARIA CESARE BATTISTI DI AZZANO DECIMO DOCUMENTO PRELIMINARE

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE E SICUREZZA DI GALLERIE STRADALI

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE E SICUREZZA DI GALLERIE STRADALI Illuminazine e sicurezza gallerie Ultim aggirnament: 1 nv. 2006 IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE E SICUREZZA DI GALLERIE STRADALI Sistema di alimentazine: TT, TN Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti

Dettagli

DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE CENTRO PER LA GIUSTIZIA MINORILE PER LA CALABRIA E LA BASILICATA CATANZARO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE CENTRO PER LA GIUSTIZIA MINORILE PER LA CALABRIA E LA BASILICATA CATANZARO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE CENTRO PER LA GIUSTIZIA MINORILE PER LA CALABRIA E LA BASILICATA CATANZARO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (Art. 26, D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81) OGGETTO: Prcedura

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA

SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA BENEFICIARI SCADENZA RISORSE FINANZIARIE DISPONIBILI BANDO SCHEDA SINTESI BANDO MIUR PER CLUSTER CENTRO NORD 2012 AVVISO PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DI CLUSTER TECNOLOGICI NAZIONALI Fndi FAR cmplessivi

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO AP/ap Determinazine n. DD-2015-256 esecutiva dal 16/02/2015 Prtcll Generale n. PG-2015-16136 del 13/02/2015

Dettagli

Comune di Villata PROVINCIA DI VERCELLI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.38

Comune di Villata PROVINCIA DI VERCELLI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.38 Cpia Cmune di Villata PROVINCIA DI VERCELLI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.38 OGGETTO: Apprvazine prgett esecutiv "Riqualificazine del centr stric - Realizzazine marciapiedi lung Crs

Dettagli

PROGETTO: ADEGUAMENTO SITO INTERNET COMUNALE ALLE NORME W3C IN TEMA DI ACCESSIBILITA' ED USABILITA'

PROGETTO: ADEGUAMENTO SITO INTERNET COMUNALE ALLE NORME W3C IN TEMA DI ACCESSIBILITA' ED USABILITA' PROGETTO: ADEGUAMENTO SITO INTERNET COMUNALE ALLE NORME W3C IN TEMA DI ACCESSIBILITA' ED USABILITA' 1. Finalità Le ragini del prgett: Il sit internet del Cmune è stat realizzat nel 2002 nella sua attuale

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Prvincia di Csenza REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Settembre 2003 ART. 1 Istituzine e sede 1. E istituita, press la Prvincia di Csenza, la Cnsulta

Dettagli

Comunicazione di inizio lavori attività edilizia libera che non necessita di titolo abilitativo

Comunicazione di inizio lavori attività edilizia libera che non necessita di titolo abilitativo AL RESPONSABILE DEL SETTORE III Gestine del territri DEL COMUNE DI BRUSAPORTO Cmunicazine di inizi lavri attività edilizia libera che nn necessita di titl abilitativ ai sensi dell art. 6 cmma 2 del D.P.R.

Dettagli

Il/La sottoscritt nat_ il a provincia codice fiscale residente in via e n. provincia

Il/La sottoscritt nat_ il a provincia codice fiscale residente in via e n. provincia DOMANDA N. PRESENTATA IL AL COMUNE DI FOLLONICA Larg Cavalltti 1 58022 FOLLONICA (GR) DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO DI CONCORSO PER CAMBIO DI ALLOGGI ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE STRADALE

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE STRADALE Illuminazine stradale Ultim aggirnament: 1 apr. 2009 IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE STRADALE Sistema di alimentazine: TT, TN Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatri a tensine

Dettagli

AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO - ASL AT

AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO - ASL AT Allegat B AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO - ASL AT SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA RELATIVA A COSTRUZIONE, AMPLIAMENTO O RISTRUTTURAZIONE DI EDIFICI O LOCALI DA ADIBIRE AD

Dettagli

Introduzione pag. 3. Interventi di adeguamento derivanti da esigenze architettoniche pag. 3

Introduzione pag. 3. Interventi di adeguamento derivanti da esigenze architettoniche pag. 3 1 Indice Intrduzine pag. 3 Interventi di adeguament derivanti da esigenze architettniche pag. 3 Interventi di adeguament derivanti da esigenze strutturali pag. 4 Individuazine degli interventi e particlari

Dettagli

AUTORITA PORTUALE PORTO DI MILAZZO PROGETTO PER I LAVORI DI COMPLETAMENTO SISTEMA PORTUALE DI MESSINA E MILAZZO ELENCO ALLEGATI. o o. o o. o o.

AUTORITA PORTUALE PORTO DI MILAZZO PROGETTO PER I LAVORI DI COMPLETAMENTO SISTEMA PORTUALE DI MESSINA E MILAZZO ELENCO ALLEGATI. o o. o o. o o. AUTORITA PORTUALE SISTEMA PORTUALE DI MESSINA E MILAZZO PORTO DI MILAZZO PROGETTO PER I LAVORI DI COMPLETAMENTO DEGLI ARREDI DEL PONTILE ALISCAFI (INTERVENTO N. 22 P.O.T. 2013-2015) ELENCO ALLEGATI RELAZIONE

Dettagli

Il sistema pensionistico e la previdenza complementare

Il sistema pensionistico e la previdenza complementare LaReS Labratri Relazini Sindacali Il sistema pensinistic e la previdenza cmplementare a cura di Matte Zendrn, Pensplan Centrum spa A partire dagli anni 90, gverni e maggiranze di divers rientament plitic

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNALE. Settore LAVORI PUBBLICI - MANUTENZIONE

DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNALE. Settore LAVORI PUBBLICI - MANUTENZIONE COP IA COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO Prvincia di Cune DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNALE Settre LAVORI PUBBLICI - MANUTENZIONE N. 33 del 30/05/2012 Il Respnsabile del Servizi: Gem. Luigi BIESTRO

Dettagli

COMUNE DI NOVARA. IL CONSIGLIO COMUNALE Su proposta della Giunta Comunale

COMUNE DI NOVARA. IL CONSIGLIO COMUNALE Su proposta della Giunta Comunale COMUNE DI NOVARA OGGETTO: I.U.C. ANNO 2014; Aliquta Tributi Servizi Indivisibili -TASI. IL CONSIGLIO COMUNALE Su prpsta della Giunta Cmunale Premess che: l art. 1 della Legge del 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

A. Relazione illustrativa

A. Relazione illustrativa Cntrattintegrativecnmicperl utilizzazinedelfnddelpersnalenn dirigenzialeann2012sttscrittil24settembre2012.relazineillustrativae tecnicfinanziaria(articl 40, cmma 3 sexies, Decret Legislativ n.165/2001;

Dettagli

CRITERI DI AMMISSIONE A FINANZIAMENTO DELLA QUOTA RISERVATA ALLA PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI DELLE COMUNITA'

CRITERI DI AMMISSIONE A FINANZIAMENTO DELLA QUOTA RISERVATA ALLA PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI DELLE COMUNITA' Allegat parte integrante Allegat n. 2 ALLEGATO N. 2 CRITERI DI AMMISSIONE A FINANZIAMENTO DELLA QUOTA RISERVATA ALLA PROGRAMMAZIONE DEGLI INVESTIMENTI DELLE COMUNITA' La quta di risrse riservata alle Cmunità

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative ALLEGATO 1

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative ALLEGATO 1 POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Cmpetitività BANDO PUBBLICO Vucher Startup Incentivi per la cmpetitività delle Startup innvative ALLEGATO 1 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE DATI IMPRESA TRATTAMENTO DEI DATI

Dettagli

Cabina MT/BT. Prescrizioni particolari:

Cabina MT/BT. Prescrizioni particolari: Prescrizini Particlari e Verifiche Ultim aggirnament: dicembre 2008 Prescrizini particlari: Nelle cabine elettriche d'utente MT/BT ccrre installare il cmand di emergenza se l'attività alimentata dalla

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale SETTORE SISTEMA INFORMATIVI ASSOCIATI --- SIA Determinazine dirigenziale Registr Generale N. 531 del 13/08/2015 Registr del Settre N. 69 del 07/08/2015 Oggett: Acquist del servizi di assistenza e manutenzine

Dettagli

SOMMARIO STUDIO TECNICO CONTE & PEGORER VIA SIORA ANDRIANA DEL VESCOVO, 7 31100 TREVISO - 2 -

SOMMARIO STUDIO TECNICO CONTE & PEGORER VIA SIORA ANDRIANA DEL VESCOVO, 7 31100 TREVISO - 2 - SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. DESCRIZIONE DELLE SEZIONI IMPIANTISTICHE... 3 3. RESPONSABILITÀ E COMPETENZE... 5 3.1. COMPETENZE DEL RESPONSABILE DEL... 5 4 IL MONITORAGGIO E CONTROLLO AMBIENTALI... 6 5

Dettagli

Il Commissario Unico delegato del Governo per Expo Milano 2015

Il Commissario Unico delegato del Governo per Expo Milano 2015 Il Cmmissari Unic delegat del Gvern per Exp Milan 2015 Milan, 15 maggi 2015 Prt. N. 74/U/2015 Ordinanza n. 2 del 15 maggi 2015 Oggett: Organizzazini di vlntariat di prtezine civile nelle attività cnnesse

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Il Collegio Geometri e Geometri Laureati di Monza e Brianza, nella

PROTOCOLLO DI INTESA. tra. Il Collegio Geometri e Geometri Laureati di Monza e Brianza, nella PROTOCOLLO DI INTESA tra Il Cllegi Gemetri e Gemetri Laureati di Mnza e Brianza, nella persna di Cesare Galbiati, in qualità di Presidente del Cllegi e L Istitut di Istruzine Superire Ezi Vanni di Vimercate,

Dettagli

Il/la sottoscritto/a...nato a... il... abitante a (1).. C.F..., in qualità di proprietario affittuario altro (2)...

Il/la sottoscritto/a...nato a... il... abitante a (1).. C.F..., in qualità di proprietario affittuario altro (2)... MODULO PER EDIFICI COSTRUITI DOPO L 11.08.1989 MARCA DA BOLLO DEL VALORE DI 16,00 DOMANDA di cncessine di cntribut per il superament e l eliminazine delle barriere architettniche negli edifici residenziali

Dettagli

iib COMUNE DI SENEGHE Provincia di ORISTANO 42b l.{\( Mura & Tomasello Associati ~ arcn1tettura inge a urbanistica

iib COMUNE DI SENEGHE Provincia di ORISTANO 42b l.{\( Mura & Tomasello Associati ~ arcn1tettura inge a urbanistica COMUNE DI SENEGHE Prvincia di ORISTANO VERIFICA DI CONFORMITA' E VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO IN ADEGUAMENTO AL P.P.R. PROGETTO STUDIO MURA-TOMASELLO Dtt. Ing. Givanni MURA GRUPPO

Dettagli

1. REQUISITI PER BENEFICIARE DEI VOUCHER 2. CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DEI VOUCHER SETTIMANALI

1. REQUISITI PER BENEFICIARE DEI VOUCHER 2. CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DEI VOUCHER SETTIMANALI Allegat C alla delibera di Giunta Cmunale n ----- del ------- CRITERI E MODALITA DI ASSEGNAZIONE ALLE FAMIGLIE DI 100 VOUCHER SETTIMANALI A PARZIALE COPERTURA DEL COSTO PER LA FREQUENZA AI CENTRI ESTIVI

Dettagli

ASP OPUS CIVIUM Castelnovo di Sotto

ASP OPUS CIVIUM Castelnovo di Sotto Metd di rilevazine adttati per le previsini ed il Cntrll L ASP Opus Civium utilizza un sistema infrmativ che cntempla la tenuta sia della cntabilità generale che della cntabilità analitica per centri di

Dettagli

Procedura operativa per l'organizzazione del servizio alternativo di fornitura gas mediante carri bombolai

Procedura operativa per l'organizzazione del servizio alternativo di fornitura gas mediante carri bombolai Prcedura perativa per l'rganizzazine del servizi alternativ di frnitura gas mediante carri bmblai La presente prcedura descrive le mdalità di attivazine e di ergazine del servizi alternativ di frnitura

Dettagli

ALLEGATO 3 MODULO DI ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO EST

ALLEGATO 3 MODULO DI ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO EST ALLEGATO 3 MODULO DI ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO EST Ragine Sciale: Sede: via cmune prv. P.IVA: cd. fisc. Telefn: Fax: Email: PEC: Persna di riferiment: rul: recapit tel. email Descrizine attività e principali

Dettagli

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Pratica di Certificazine energetica e Acustica in edilizia Cncetti e spunti applicativi Relatre: Davide Stefan Guerra La Gestine Energetica cme mderna risrsa ambientale, ecnmica e lavrativa Gestine dell

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale SETTORE SISTEMA INFORMATIVI ASSOCIATI --- SIA Determinazine dirigenziale Registr Generale N. 170 del 11/03/2015 Registr del Settre N. 30 del 09/03/2015 Oggett: Acquist del servizi di access ai dati del

Dettagli

Falegnameria (Scheda)

Falegnameria (Scheda) Ultim aggirnament: 1 feb. 2007 Falegnameria Sistema di alimentazine: TT, TN Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatri a tensine nminale nn superire a 1000 V in crrente alternata

Dettagli

Fondazione Patrimonio Comune. Le più rilevanti novità normative. sul tema delle PPP e della valorizzazione e. dismissione degli immobili pubblici

Fondazione Patrimonio Comune. Le più rilevanti novità normative. sul tema delle PPP e della valorizzazione e. dismissione degli immobili pubblici Le più rilevanti nvità nrmative sul tema delle PPP e della valrizzazine e dismissine degli immbili pubblici Aggirnat al 4 lugli 2012 Fndazine Patrimni Cmune Assciazine Nazinale dei Cmuni Italiani - Via

Dettagli

Bando della CCIAA di Roma

Bando della CCIAA di Roma LHYRA srl ROMA Band della CCIAA di Rma La Camera di Cmmerci di Rma al fine di cntribuire alle spese sstenute dalle imprese della Capitale clpite dall'alluvine del 20 ttbre scrs, che ha causat al sistema

Dettagli

SCHEDA TECNICA PIANO EXPORT

SCHEDA TECNICA PIANO EXPORT ALLEGATO B2 SCHEDA TECNICA PIANO EXPORT Situazine di partenza Frnire infrmazini sulle strategie adttate le mdalità rganizzative cn le quali vengn attualmente serviti i mercati esteri cn l indicazine degli

Dettagli

COMUNE DI MERONE REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI COMO UFFICIO TECNICO COMUNALE

COMUNE DI MERONE REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI COMO UFFICIO TECNICO COMUNALE 1 Lrenz Dmenic Parill: e-mail: urbanistica@cmune.merne.c.it COMUNE DI MERONE REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI COMO UFFICIO TECNICO COMUNALE C.Fisc./ P. I.V.A.: 00549420131 Tel.: 031/650000 Fax: 031/651549

Dettagli

SERVIZIO AUTONOMO RISORSE UMANE E FORMAZIONE PO PROGETTI SPECIALI PART TIME E ATTIVITA EXTRALAVORATIVE REG. DET. DIR. N.

SERVIZIO AUTONOMO RISORSE UMANE E FORMAZIONE PO PROGETTI SPECIALI PART TIME E ATTIVITA EXTRALAVORATIVE REG. DET. DIR. N. Pag. 1 / 7 cmune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.cmune.trieste.it partita iva 00210240321 SERVIZIO PO PROGETTI SPECIALI PART TIME E ATTIVITA EXTRALAVORATIVE REG. DET. DIR. N. 3927

Dettagli

AREA UFFICIO TECNICO SETTORE LAVORI PUBBLICI

AREA UFFICIO TECNICO SETTORE LAVORI PUBBLICI C O M U N E D I SABBIO CHIESE P R O V I N C I A D I B R E S C I A via Caduti 1, 25070 SABBIO CHIESE (BS) AREA UFFICIO TECNICO SETTORE LAVORI PUBBLICI ----------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

2007-2013. Programma Interreg IV Italia - Austria 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera

2007-2013. Programma Interreg IV Italia - Austria 2007 2013 Cooperazione transfrontaliera 2007-2013 Prgramma Interreg IV Italia - Austria 2007 2013 Cperazine transfrntaliera Base giuridica La Cmmissine eurpea ha apprvat il 18 settembre 2007 il prgramma eurpe di cperazine territriale per la

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI PERO E L ASSOCIAZIONE TANTIQUANTI ANNI 2013-2016 RICHIAMATI

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI PERO E L ASSOCIAZIONE TANTIQUANTI ANNI 2013-2016 RICHIAMATI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI PERO E L ASSOCIAZIONE TANTIQUANTI ANNI 2013-2016 RICHIAMATI 1. la delibera di Cnsigli cmunale n. 45 del 25/07/2012 di apprvazine delle linee prgrammatiche 2012-2017, che riprtan

Dettagli

Prot. A00DRAB 2688 L Aquila, 24.02.2011 REGIONE ABRUZZO AI GESTORI DELLE SCUOLE PARITARIE DI OGNI ORDINE E GRADO DELLA REGIONE ABRUZZO

Prot. A00DRAB 2688 L Aquila, 24.02.2011 REGIONE ABRUZZO AI GESTORI DELLE SCUOLE PARITARIE DI OGNI ORDINE E GRADO DELLA REGIONE ABRUZZO Minister dell Istruzine, dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO DIREZIONE GENERALE - L AQUILA Uffici di Vigilanza e Crdinament delle Scule nn Statali, Paritarie e nn

Dettagli

3 REPARTO GENIO A.M. RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA. S.S. S. Giorgio Jonico s.n.c. GROTTAGLIE (TA) ATA0981

3 REPARTO GENIO A.M. RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA. S.S. S. Giorgio Jonico s.n.c. GROTTAGLIE (TA) ATA0981 3 REPARTO GENIO A.M. RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA S.S. S. Girgi Jnic s.n.c. GROTTAGLIE (TA) ATA0981 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2. UBICAZIONE 3. DESCRIZIONE E STATO DI MANUTENZIONE 4.

Dettagli

LINEE GUIDA IN MATERIA DI OBBLIGHI DI TRASPARENZA DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO

LINEE GUIDA IN MATERIA DI OBBLIGHI DI TRASPARENZA DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO LINEE GUIDA IN MATERIA DI OBBLIGHI DI TRASPARENZA DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO Rma, gennai 2013 A cura dell Area del Vice Segretari Generale Vicari Premessa Le pubbliche amministrazini

Dettagli

Il/la sottoscritto/a. nato/a a (prov. ) il C.F./P.Iva. residente in (prov. ), via/piazza n. Tel. cell. e-mail. in nome e per conto della società

Il/la sottoscritto/a. nato/a a (prov. ) il C.F./P.Iva. residente in (prov. ), via/piazza n. Tel. cell. e-mail. in nome e per conto della società COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO Uffici Edilizia Privata (spazi riservat all uffici Prtcll) COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI di attività libera PER ISTALLAZIONE DI IMPIANTI ENERGIE

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione

Manuale d uso e manutenzione Manuale d us e manutenzine Archivi Cmpattabile TECROLL Dcument generic riferit al prdtt Tecnrll. Per dettagli specifici riferiti ad gni singl impiant persnalizzat cntattare l Uffici Tecnic de La Tecnica

Dettagli

ASCENSORI E MONTACARICHI

ASCENSORI E MONTACARICHI Ascensri e mntacarichi Ultim aggirnament: 1 apr. 2008 ASCENSORI E MONTACARICHI Sistema di alimentazine: TT, TN Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatri a tensine nminale nn superire

Dettagli

Determinazione dirigenziale

Determinazione dirigenziale SETTORE SISTEMA INFORMATIVI ASSOCIATI --- SIA Determinazine dirigenziale Registr Generale N. 395 del 17/06/2015 Registr del Settre N. 49 del 25/05/2015 Oggett: Determinazine a cntrattare per l'assegnazine

Dettagli

ACCESSO ALLA MISURA DEL REDDITO DI AUTONOMIA PER ANZIANI DGR 4152/2015 REGOLAMENTO DEL DISTRETTO SOCIALE DI MANTOVA

ACCESSO ALLA MISURA DEL REDDITO DI AUTONOMIA PER ANZIANI DGR 4152/2015 REGOLAMENTO DEL DISTRETTO SOCIALE DI MANTOVA ACCESSO ALLA MISURA DEL REDDITO DI AUTONOMIA PER ANZIANI DGR 4152/2015 REGOLAMENTO DEL DISTRETTO SOCIALE DI MANTOVA OGGETTO Il presente reglament disciplina l ergazine di vucher per finanziare interventi

Dettagli

OGGETTO: DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DELL ART. 146, comma 2, DEL D. LGS. 22.01.2004 N. 42 PROCEDURA ORDINARIA

OGGETTO: DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DELL ART. 146, comma 2, DEL D. LGS. 22.01.2004 N. 42 PROCEDURA ORDINARIA Alla Prvincia di VIBO VALENTIA Servizi Tutela e Valrizzazine Ambientale Per il tramite del Cmune di OGGETTO: DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DELL ART. 146, cmma 2, DEL D. LGS. 22.01.2004

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA

PROVINCIA DI BOLOGNA 1 I.P. 3213/2009 Tit./Fasc./Ann 14.1.2.0.0.0/5/2009 PROVINCIA DI BOLOGNA Prt. n 245512/2009 del 03/07/2009 SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' DETERMINAZIONE SENZA IMPEGNO DI SPESA N. 17/2009

Dettagli

Oggetto : norme e leggi europee concernenti produzione ed istallazione di Cancelli a battente. Contenuto

Oggetto : norme e leggi europee concernenti produzione ed istallazione di Cancelli a battente. Contenuto A VV. M AURIZIO I ORIO 20122 Milan, Crs di Prta Vittria, 17 Tel. +39. 335.13.21.041 ; +39. 348.25.19.305 ; +39.02 36593383 ; Fax +39.02 36594845 : +30.0373 779119 Indirizzi e-mail : avv.maurizi.iri@fastpiu.it

Dettagli

Prot. n. A00DRAB 365 L Aquila, 16.01.2013. OGGETTO: Riconoscimento della parità scolastica - Indicazioni operative. Anno scolastico 2013/2014.

Prot. n. A00DRAB 365 L Aquila, 16.01.2013. OGGETTO: Riconoscimento della parità scolastica - Indicazioni operative. Anno scolastico 2013/2014. Respnsabile del prcediment: Agnese Giusti - Tel:. 0862/574220 e-mail: agnese.giusti@istruzine.it Minister dell Istruzine, dell Università e della Ricerca Uffici Sclastic Reginale per l Abruzz Direzine

Dettagli

Notizie Lavoro Flash. Notiziario quindicinale a cura dell Ufficio Politiche Contrattuali e del Lavoro. Protocollo n. 467.

Notizie Lavoro Flash. Notiziario quindicinale a cura dell Ufficio Politiche Contrattuali e del Lavoro. Protocollo n. 467. Ntizie Lavr Flash Ntiziari quindicinale a cura dell Uffici Plitiche Cntrattuali e del Lavr Prtcll n. 467.11/15 EM/ac Rma, 6 febbrai 2015 Numer 3/2015 Smmari CIRCOLARE INPS N. 17 DEL 29 GENNAIO 2015 Oggett:

Dettagli

COMUNE DI VERGATO. Area3 - Lavori Pubblici, Manutenzione Determinazione n. 62 del 19/06/2015

COMUNE DI VERGATO. Area3 - Lavori Pubblici, Manutenzione Determinazione n. 62 del 19/06/2015 COMUNE DI VERGATO Prvincia di BOLOGNA C O P I A Area3 - Lavri Pubblici, Manutenzine Determinazine n. 62 del 19/06/2015 OGGETTO: SERVIZIO DI MANUTENZIONE IMPIANTI ANTIFURTO E RILEVAZIONE INCENDI PRESSO

Dettagli

COMUNE DI VERRAYES. n. 42 del 27/12/2012. OGGETTO: Adozione variante non sostanziale al P.R.G.C.: aggiornamento parziale tab.

COMUNE DI VERRAYES. n. 42 del 27/12/2012. OGGETTO: Adozione variante non sostanziale al P.R.G.C.: aggiornamento parziale tab. Originale REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA RÉGION AUTONOME VALLÉE D AOSTE COMUNE DI VERRAYES Verbale di deliberazine del Cnsigli cmunale n. 42 del 27/12/2012 OGGETTO: Adzine variante nn sstanziale al P.R.G.C.:

Dettagli

C O M U N E D I M I R A Provincia di Venezia

C O M U N E D I M I R A Provincia di Venezia ORIGINALE C O M U N E D I M I R A Prvincia di Venezia Lavri Pubblici\\Edilizia pubblica e prgettazine realizzazine Infrastrutture, D. Lgs 81/2008 DETERMINAZIONE DI IMPEGNO N 1938 Del 12/10/2012 Oggett:

Dettagli

COMUNITÁ MONTANA - COMMUNAUTÉ DE MONTAGNE GRAND COMBIN

COMUNITÁ MONTANA - COMMUNAUTÉ DE MONTAGNE GRAND COMBIN Lc. Chez Rncz, 29/i - 11010 GIGNOD (Valle d Asta) Tel. 0165/25.66.11 - Fax. 0165/ 25.66.36 - E.mail: inf@cm-grand cmbin.vda.it AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO (d. LGS. N. 163/2006) PROPEDEUTICA ALL INDIVIDUAZIONE

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) Servizio Viabilità Trasporti Infrastrutture

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) Servizio Viabilità Trasporti Infrastrutture Prvincia dell Ogliastra Gestine Cmmissariale Servizi Viabilità Trasprti Infrastrutture via Pietr Pistis - 08045 LANUSEI cdice fiscale / p. IVA 01174270916 www.prvinciagliastra.gv.it COMPETIZIONI SPORTIVE

Dettagli

DOMANDA DI LICENZA TEMPORANEA PER SPETTACOLI E TRATTENIMENTI PUBBLICI NELL'AMBITO DI SAGRE, FIERE O ALTRE MANIFESTAZIONI

DOMANDA DI LICENZA TEMPORANEA PER SPETTACOLI E TRATTENIMENTI PUBBLICI NELL'AMBITO DI SAGRE, FIERE O ALTRE MANIFESTAZIONI Bll (nn dvut dalle ONLUS) Al Cmune di Mntecchi Emilia DOMANDA DI LICENZA TEMPORANEA PER SPETTACOLI E TRATTENIMENTI PUBBLICI NELL'AMBITO DI SAGRE, FIERE O ALTRE MANIFESTAZIONI Il sttscritt Cgnme Nme Cdice

Dettagli

Regolamento della negoziazione delle azioni, dei diritti d'opzione, delle obbligazioni convertibili e cum warrant di BPAA

Regolamento della negoziazione delle azioni, dei diritti d'opzione, delle obbligazioni convertibili e cum warrant di BPAA Reglament della negziazine delle azini, dei diritti d'pzine, delle bbligazini cnvertibili e cum warrant di BPAA Apprvat dal Cnsigli di amministrazine del 19 settembre 2014 1 Dcument apprvat, nella sua

Dettagli

CITTA DI SAN SALVATORE MONFERRATO

CITTA DI SAN SALVATORE MONFERRATO CITTA DI SAN SALVATORE MONFERRATO PROVINCIA DI ALESSANDRIA R EGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E L'ACCESSO AGLI INCENTIVI PER I LAVORI DI RIMOZIONE DEI MANUFATTI IN AMIANTO ANCORA PRESENTI NEL TERRITORIO DI

Dettagli

Linee guida per la determinazione dell ammontare dei crediti

Linee guida per la determinazione dell ammontare dei crediti Linee guida per la determinazine dell ammntare dei crediti edilizi Nta di lavr Antnella Faggiani, Mesa srl Venezia, 15 ttbre 2008 L biettiv della nta è di illustrare i criteri per determinare l ammntare

Dettagli

Ascensori e montacarichi (Prescrizioni particolari e verifiche)

Ascensori e montacarichi (Prescrizioni particolari e verifiche) Ascensri e mntacarichi (Prescrizini particlari e verifiche) Ultim aggirnament: 1 apr. 2008 Prescrizini particlari Cmand di emergenza (vedi scheda "Cmand di emergenza"): In base al DM 8/3/85 il cmand di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settre Edilizia Sclastica GRUPPO 4 - ZONA 8 - SCUOLA N 7486 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NELLA

Dettagli

Oggetto: Estensione del reverse charge - Legge di stabilità 2015

Oggetto: Estensione del reverse charge - Legge di stabilità 2015 Oggett: Estensine del reverse charge - Legge di stabilità 2015 L art.1, cmma 629, lett. a), della Finanziaria 2015 mdificand l art. 17, cmma 6, DPR n. 633/72 ha estes il reverse charge anche a: prestazini

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunitaria

Deliberazione della Giunta Comunitaria Deliberazine della Giunta Cmunitaria N 18 Reg. Data 21/07/2010 OGGETTO: LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER LA SISTEMA- ZIONE DEL MATTATOIO COMPRENSORIALE IN LOC. MERCATALE DI SASSOCORVARO (PU) VARIANTE

Dettagli

DIPARTIMENTO 57123 LIVORNO

DIPARTIMENTO 57123 LIVORNO COMUNE DI LIVORNO DIPARTIMENTO Prgrammazine Ecnmic Finanziaria Prvveditrat Uffici Ecnmat 57123 LIVORNO P.zza del Municipi 1 Tel. 0586-820295 fax 0586 820574 e-mail: ecnmat@cmune.livrn.it Cd. Fiscale e

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA. PROVINCIA DEL V.C.O 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197

COMUNE DI VERBANIA. PROVINCIA DEL V.C.O 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O 28900 VERBANIA Tel. 0323/5421 Fax 0323/557197 Dipartiment Lavri Pubblici - Uffici Tecnic - Lavri Pubblici Determinazine n. 161 del 13/02/2014 Oggett: CIG. Z940D93ED2

Dettagli

Inquadramento territoriale dell edificio 2 NOTE STORICHE 4 LO STATO DEI LUOGHI 5 INTERVENTI DI PROGETTO 5

Inquadramento territoriale dell edificio 2 NOTE STORICHE 4 LO STATO DEI LUOGHI 5 INTERVENTI DI PROGETTO 5 INDICE Inquadrament territriale dell edifici 2 NOTE STORICHE 4 LO STATO DEI LUOGHI 5 INTERVENTI DI PROGETTO 5 Allegat 1 - DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA Inquadrament territriale dell edifici NOTE STORICHE

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fnd Pensine Nazinale per il Persnale delle Banche di Credit Cperativ / Casse Rurali ed Artigiane Iscritt all Alb tenut dalla Cvip cn il n. 1386 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE PREMESSA Le infrmazini cntenute

Dettagli

piano generale di smaltimento delle acque (PGA)

piano generale di smaltimento delle acque (PGA) Abteilung 29 - Landesagentur für Umwelt Amt 29.4 - Amt für Gewässerschutz Ripartizine 29 - Agenzia prvinciale per l'ambiente Uffici 29.4 - Uffici Tutela acque Linee guida per l elabrazine del pian generale

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavri di manutenzine Le cadute dall alt determinan spess infrtuni gravi cn lesini permanenti e, in alcuni casi, la mrte.

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU SETTORE : Settre V Respnsabile: Fntana Alessandr DETERMINAZIONE N. 1481 in data 31/12/2015 OGGETTO: MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLA RETE DI VIDEOSORVEGLIANZA, WIRELESS E HOT SPOT.

Dettagli

Gli interventi dell AUSL in integrazione con i Servizi Sociali in materia di tutela dei minori e degli adolescenti

Gli interventi dell AUSL in integrazione con i Servizi Sociali in materia di tutela dei minori e degli adolescenti PROMOZIONE E PROTEZIONE DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA Incntr cn il Garante dell Emilia-Rmagna Reggi Emilia e Mdena Mdena 11 giugn 2015 Gli interventi dell AUSL in integrazine cn i Servizi

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA TRA

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA TRA ALLEGATO A) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA TRA [ ] C.F. 80017210727, cn sede in [ ], Via [ ], in persna del legale rappresentante pr tempre dtt. [ ] (di seguit, anche sl Operatre) E L Istitut di Servizi

Dettagli

INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI CASERTANE PER L ANNO 2011 (D.G. n. 93/2011) B A N D O

INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI CASERTANE PER L ANNO 2011 (D.G. n. 93/2011) B A N D O INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI CASERTANE PER L ANNO 2011 (D.G. n. 93/2011) B A N D O Art. 1 - Finalità Nel quadr delle prprie iniziative istituzinali, la Camera di Cmmerci di Caserta

Dettagli

Guida pratica al diritto d accesso

Guida pratica al diritto d accesso PREMESSA Il Cmune di Perugia garantisce il diritt ai cittadini di accedere agli atti amministrativi del Cmune stess, al fine di assicurare la trasparenza e l'imparziale svlgiment dell'attività amministrativa.

Dettagli

Tale autocertificazione non è comunque consentita, nonostante il numero dei lavoratori,

Tale autocertificazione non è comunque consentita, nonostante il numero dei lavoratori, Sede Operativa: Viale Svezia 20 35020 Pnte San Niclò (PD) Tel. 049/8033033 Fax 049/8591204 www.idramanagement.cm inf@idramanagement.cm Oggett: dcument di valutazine dei rischi pubblicate le prcedure standardizzate

Dettagli

D.G. Sanità Comunicato regionale 16 agosto 2011 - n. 90

D.G. Sanità Comunicato regionale 16 agosto 2011 - n. 90 Bllettin Ufficiale 25 Serie Ordinaria n. 34 - Lunedì 22 agst 2011 D.G. Sanità Cmunicat reginale 16 agst 2011 - n. 90 Prevenzine del randagism e tutela della salute degli animali dmestici. Regine Lmbardia

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA. IV Sezione Civile Fallimentare * * * PROCEDURA DI CONCORDATO PREVENTIVO * * * LOTTO 4B

TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA. IV Sezione Civile Fallimentare * * * PROCEDURA DI CONCORDATO PREVENTIVO * * * LOTTO 4B STUDIO TECNICO ASSOCIATO SANNA SOLFERINI Via Marcni 43-40122 BOLOGNA Tel. 051 2961312 - Fax 051 2961448 E-mail: inf@sannaslferini.it TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA IV Sezine Civile Fallimentare * * * PROCEDURA

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI IL DIRIGENTE SCOLASTICO

ATTO D INDIRIZZO AL COLLEGIO DEI DOCENTI IL DIRIGENTE SCOLASTICO Unine Eurpea Repubblica Italiana Regine Sicilia Istitut Cmprensiv «Santi Bivna» REGIONE SICILIANA-DISTRETTO SCOLASTICO N. 65 ISTITUTO COMPRENSIVO «SANTI BIVONA» Cntrada Sccrs s. n. c. - 92013 Menfi - (AG)

Dettagli

Agevolazioni previste

Agevolazioni previste Le agevlazini per l autimpieg di cui al Dgls 185/2000. Svilupp Italia Abruzz spa gestisce in Abruzz per cnt di Invitalia spa e del Minister del Lavr le Misure inerenti gli incentivi all Autimpieg di cui

Dettagli

OUTSOURCING LOGISTICO E GESTIONE DEL CAMBIAMENTO

OUTSOURCING LOGISTICO E GESTIONE DEL CAMBIAMENTO OUTSOURCING LOGISTICO E GESTIONE DEL CAMBIAMENTO OUTSOURCING LOGISTICO E GESTIONE DEL CAMBIAMENTO La scelta strategica di un azienda di gestire cn una prpria rganizzazine la Supply Chain di affidarla,

Dettagli

ASSISTENTE FAMILIARE

ASSISTENTE FAMILIARE ALLEGATO 1 ASSISTENTE FAMILIARE DESCRIZIONE SINTETICA L Assistente familiare è una figura cn caratteristiche pratic-perative, la cui attività è rivlta a garantire assistenza a persne autsufficienti e nn,

Dettagli

Tabella 1A Modi e chiavi di lettura per la valutazione della sensibilità paesistica del sito oggetto di intervento

Tabella 1A Modi e chiavi di lettura per la valutazione della sensibilità paesistica del sito oggetto di intervento Architett GLORIA BARBERA Via delle Schiavette, 3-24054 Calci (BG) Prprietà: MORELLI PEDERSOLI ANTONIO Indirizz intervent: VIA CASCINA MARIANNE SN Tabella 1A Mdi e chiavi di lettura per la valutazine della

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO Allegat 10 Dispsizini Edili ed Impiantistiche Cncessine dei servizi di gestine bar (di cui alla categria 17 dell Allegat II B del cdice dei cntratti cdice CPV 55410000-7) press le

Dettagli

CITTA DI PIOVE DI SACCO

CITTA DI PIOVE DI SACCO CITTA DI PIOVE DI SACCO Prvincia di Padva Piazza Mattetti, 4 35028 Pive di Sacc Allegat alla determinazine dirigenziale n. 1428 del 06/09/2012 Oggett: Band per l ergazine di cntributi per l smaltiment

Dettagli

MODULO DI RICHIESTA INSERIMENTO PROGRAMMA AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA. ANNO 2014. Il/la sottoscritto/a. Nato a... il...codice fiscale.

MODULO DI RICHIESTA INSERIMENTO PROGRAMMA AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA. ANNO 2014. Il/la sottoscritto/a. Nato a... il...codice fiscale. Spettabile COMUNE DI BUDONI Uffici Settre Plitiche Sciali e Sclastiche MODULO DI RICHIESTA INSERIMENTO PROGRAMMA AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA. ANNO 2014. LINEA DI INTERVENTO 2 Cncessine di cntributi

Dettagli

CONFERENZA EPISCOPALE LOMBARDA DIOCESI DI CREMONA

CONFERENZA EPISCOPALE LOMBARDA DIOCESI DI CREMONA CONFERENZA EPISCOPALE LOMBARDA DIOCESI DI CREMONA DISPOSIZIONI PER LA RIPRODUZIONE DI IMMAGINI DEI BENI ARTISTICI ECCLESIASTICI 1. Riprduzini di immagini 1.1 Qualsiasi ripresa, ftgrafica, vide cn altri

Dettagli