Tra queste: Caseine Grassi saturi e insaturi Urea BHBA(Beta idrossibutirrato) e acetone. Valorizzazione dei Controlli Funzionali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tra queste: Caseine Grassi saturi e insaturi Urea BHBA(Beta idrossibutirrato) e acetone. Valorizzazione dei Controlli Funzionali"

Transcript

1 13 Meeting AIA LSL Roma 4 dicembre 2013 BHB e acetone nelle analisi individuali dei CCFF: valutazioni preliminari del rischio di chetosi Dott.ssa Nicoletta Rizzi - Responsabile laboratorio Diego Vairani - Responsabile settore latte ARAL (Crema)

2 Il laboratorio latte dell ARAL offre nuove analisi sui campioni di latte raccolti in occasione dei controlli funzionali, a supporto dell allevatore e dei suoi consulenti. Tra queste: Caseine Grassi saturi e insaturi Urea BHBA(Beta idrossibutirrato) e acetone Valorizzazione dei Controlli Funzionali

3 Perchè analizzare il rischio di chetosi? Per individuare le chetosi subcliniche oltre alle più evidenti chetosi cliniche La chetosi subclinica si verifica più frequentemente della chetosi clinica manifesta ed è causa di rilevanti perdite economiche nel lungo periodo Nella maggior parte della letteratura sull argomento si riscontra che la frequenza della chetosi subclinica non diagnosticata varia tra il 15 e il 40% della mandria. La chetosi provoca la morte nello 0,5% delle vacche colpite. Il 5% degli animali colpiti vengono eliminati dalla produzione. una perdita di circa 200 litri di latte per ogni vacca. Un costo diretto + perdita di latte pari ad un valore di circa 140 /capo. La chetosi aumenta il rischio di ridotta fertilità e di dislocazione dell abomaso

4 Patologie e/o dismetabolie del periparto A parte gli animali persi, rimangono in azienda animali che bisogna curare. Si stima che il costo medio per vacca dovuto alle patologie del periparto in un azienda con rischio medio di patologia si aggiri sui 300 /vacca Le patologie del periparto hanno forte ricaduta negativa sull efficienza produttiva e riproduttiva della mandria

5 Ingestione (DMI) e NEFA plasmatici nella bovina in transizione (Burhans et al., from Overton, 1998)

6 Monitoraggio in campo Prelievi di sangue per analisi del BHB nella prima settimana post parto (dopo la distribuzione della razione) Misurazione del BHB Su sangue: Optium Xceed device Su latte: Keton test Su urine Ketur test La situazione è accettabile se non più del 10% delle bovine supera il valore di 1,2 mmol / L di BHB nel sangue

7 Nel sangue

8 Nel latte Chelat Keton test (Promevet)

9 Nell urina

10 Analisi del BHB ai C.F. È uno strumento di screening e valutazione della prevalenza e del rischio di chetosi a livello di allevamento Non èuno strumento di diagnosi individuale BHB alto non significa necessariamente che la bovina sia malata ma è un importante fattore di rischio per altri problemi metabolici e non

11 Test Chetosi:i passi intrapresi Test su 6211 campioni di latte, 4 stalle per 6 mesi di C.F. (APA MI e MN) Diffusione dell analisi all 80% dei campioni in laboratorio Definizione delle soglie Confronto con andamenti aziendali Confronto con rilevamenti e trattamenti individuali di campo Verifica del rischio medio di chetosi per l azienda da latte lombarda

12 Obbiettivi del monitoraggio della chetosi subclinica nel latte al C.F. Valutare l incidenza del rischio di chetosi cliniche e subcliniche per le bovine <70 gg di lattazione Valutare e confrontare gli andamenti degli ultimi mesi Controllare la tempestività e la bontà dei trattamenti (analisi a 30 e a 60 giorni di lattazione) Pubblicazione sul monitor salute e creazione di un monitor chetosi Diffusione a tutte le aziende interessate Non mirato all identificazione delle chetosi cliniche

13 Restituzione delle informazioni all azienda sul Monitor Salute XXXXX Medie di gruppo e di mandria per tutti i parametri Stesse analisi effettuate anche sul campione di massa

14 Il monitor Chetosi

15 Il monitor Chetosi

16 Il progetto Valutazione rischio chetosi Abbiamo affidato il lavoro di approfondimento e validazione dei risultati ottenuti e del metodo al Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali (DISAA) dell Università degli Studi di Milano, diretto dal Prof G.M.Crovetto Estrazione di più di record di bovine controllate con analisi di BHB Creazione di un data base di campionamenti e analisi all IR di BHB sul latte simultanei alla misurazione con strumenti di campo (170 campioni prelevati dai tecnici SATA: in corso di elaborazione)

17 S. Colombini, G.M. Crovetto, P. Amodeo* *SATA Bovini, Aral, Crema

18 Produzione e qualità del latte in relazione al rischio aziendale di chetosi nei primi 20 giorni di lattazione Rischio chetosi* ES Prob Latte l/mungitura 18,2 18,0 0,152 0,21 Grasso % 4,08 4,36 0,035 <0,001 Proteina % 3,31 3,29 0,01 0,14 Lattosio % 4,74 4,70 0,009 <0,001 Proteina:Grasso 0,87 0,80 0,008 <0,001 Urea md/dl 20,9 21,8 0,20 <0,001 Cellule n* ,52 Acetone mmoli/l 0,054 0,076 0,002 <0,001 BHB mmoli/l 0,052 0,083 0,002 <0,001 Prevalenza** % ,3 <0,001 *per ogni azienda nel gruppo «chetosi si» almeno il 15% di bovine ha una concentrazione di BHB > 0,12 mmol/l ** percentuale di bovine con valori di BHB>0,12 mmol/l no si

19 Prevalenza chetosi: Stalla % incidenza chetosi n osservazioni % prevalenza marzo aprile maggio maggio giugno

20 Prevalenza chetosi: Stalla % incidenza chetosi n osservazioni % prevalenza mar 1-apr 1-mag 1-giu 1-lug

21 Prevalenza chetosi: Stalla % incidenza chetosi n osservazioni % prevalenza mar 1-apr 1-mag 1-giu 1-lug

22 IMPORTANTE : Implementare il data set (numero di CCFF per azienda) per valutare il rischio di ciascuna stalla e fornire indicazioni sulla media di rischio aziendale in un periodo di durata maggiore. Alcuni esempi: stalla n CCFF Animali BHB>0,12 MIN MAX % % %

23 Effetti sulla produzione (l/mungitura) in funzione del numero di lattazione BHB<0,12 BHB>0,12 Perdita % primipare 16,5 15,6 5,5 pluripare 20,4 19,3 5,4 Indica il latte perso nella lattazione cioè tutta la curva di lattazione rimane più bassa

24 Produzione e qualità del latte in relazione al rischio aziendale di chetosi nei primi 40 giorni di lattazione Rischio chetosi* ES Prob Latte l/mungitura 19,1 18,8 0,08 0,008 Grasso % 3,86 4,08 0,02 <0,001 Proteina % 3,11 3,11 0,01 0,65 Lattosio % 4,83 4,80 0,005 <0,001 Proteina:Grasso 0,87 0,80 0,008 <0,001 Cellule n* ,76 Acetone mmoli 0,047 0,065 0,001 <0,001 BHB mmoli 0,049 0,078 0,0009 <0,001 Prevalenza** % 6,7 27,9 0,1 <0,001 *per ogni azienda nel gruppo «chetosi si» almeno il 15% di bovine ha una concentrazione di BHB > 0,12 mmol/l **percentuale di bovine con valori di BHB>0,12 mmol/l no si

25 Prevalenza chetosi e risposte produttive in una medesima azienda in 2 CCFF consecutivi (aprile e maggio, n=15 per controllo, DIM= )

26 Proteina e Grasso

27 Lattosio

28 BHB e Acetone

29 Valori di BHB e Tasso di falsi positivi e vere chetoniche Βeta-Idrossi-Butirrato Limite Tasso di falsi positivi Tasso di vere chetosiche 0,08 31,2% 90,6% 0,10 18,4% 86,3% 0,15 7,1% 81,8% 0,20 4,2% 69,1% 0,30 1,4% 63,9% 0,35 1,3% 52,5% 0,12 13,5% 84,0 %

30 Produzione di latte nel corso dell intera lattazione in funzione del BHB Produzione (l/mungitura) BHB<0,12 BHB>0,12-14% perdita latte >150 DIM -5 % perdita latte

31 Prevalenza di bovine con BHB>0,12 mmol/l nei diversi stadi della lattazione (DIM= giorni di lattazione) 25 % 20 p r e v a l e n z a >150 DIM

32 Rischio Chetosi: stalle (Italia????????) Azeinde a rischio % >150 DIM Rischio: Aziende con almeno il 15% di bovine con BHB del latte >0,12 mmol/l

33 Conclusioni BHB e acetone del latte forniscono informazioni di pratico e immediato utilizzo per l identificazione di soggetti a rischio di chetosi subclinica con effetti importanti sulla produzione di latte; Fondamentale valutare il RISCHIO AZIENDALE sia per ogni CCFF sia in un arco temporale di maggiore durata; Necessità di confermare (anche con prove di campo che prevedono l utilizzo di stick tradizionali: attualmente in corso) il valore di BHB (0,12 mmol/l) scelto. Abbinarlo ad altre caratteristiche del latte??? Scelta di un valore soglia anche per l acetone?? 15% soglia di rischio corretta? Implementare il dataset per studiare effetti nell intera lattazione, in funzione dello stadio di lattazione, effetto stagione, stimare perdita economica e valutare meglio la percentuale di stalle realmente a rischio.

34 Lo Strumento utilizzato nel lab ARAL e il modello predittivo MilkoScanTM FT+ (FOSS FTIR Fourier transform infrared Spetrometry) a causa delle basse concentrazioni di acetone e BHB nel latte tali modelli predittivi sono solo semi-quantitativi. Questo significa che i risultati misurati devono essere usati per determinare se una bovina è a rischio di contrarre la chetosi o no. Non tanto per determinare la gravità del caso.

35 I modelli predittivi la correlazione per il BHB è significativamente migliore che per l'acetone I modelli predittivi dovrebbero essere usati per impostare i limiti al di sopra dei quali l'allevatore dovrebbe ricevere un allarme sui potenziali problemi di chetosi nella sua mandria.

36 Impostazione dei limiti per il modello predittivo Definizione del tasso di vere chetosiche ad un dato limite, -qui 0.2 mmol/per litro

37 FT 6000: MODELLO DI PREDIZIONE CHETOSI: BHB- ACETONE proposto da FOSS Siamo partiti con l utilizzo delle curve Foss acquistate (slope e intercetta 1-0) Dopo i primi confronti con gli esiti delle analisi eseguite direttamente in stalla abbiamo utilizzato quanto proposto dall Application Note N35 della FOSS Questo perché non abbiamo a disposizione uno strumento o un metodo che ci possa definire dei valori di riferimento

38 Come utilizzare il modello proposto da FOSS In generale circa l 80% dei campioni analizzati in routine arrivano da vacche sane con valori di acetone pari a 0.00 e di BHB pari a Questo fatto può essere utilizzato come modo alternativo per la regolazione dell intercetta. Pertanto Foss raccomanda che la regolazione dell intercetta venga effettuata in base al valore mediano dei dati ottenuti dall analisi dei campioni in routine per una sessione di lavoro. Questa è la procedura che, una volta al mese, viene utilizzata nel nostro laboratorio per regolare l intercetta sui quattro strumenti utilizzati per l analisi di Acetone e BHB sui campioni dei CC.FF. n 3 3 FT 6000 n 1 1 FT Plus

39 mediana mediana Vecchio Intercept Acetone 0 Acetone BHB Vecchio Intercept BHB 0-0,01 0,02 Nuovo Acetone 0-(-0,01)+0 0,01 Nuovo BHB 0,03-0,02+0 0,01 I dati che potete vedere sono stati ottenuti dall analisi di campioni, su uno strumento installato a Febbraio 2013 ( MSC FT 6000 ) Si tratta della prima variazione dell intercetta durante la messa in routine dello strumento I calcoli utilizzati sono quelli proposti dal modello FOSS

40 Ma questo non basta Perchè??? A causa dell usura ( meccanica ed elettronica ) dello strumento qualsiasi sistema analitico subisce una deriva creando due grosse problematiche: 1 lo slittamento della lunghezza d onda con la conseguente deformazione dello spettro 2 una variazione dell ampiezza del segnale dello spettro creando anche un certa instabilità nei dati ( soprattutto I dati molto bassi come quelli di acetone, bhb e acidi grassi ). La soluzione sta nella STANDARDIZZAZIONE dello spettro e soprattutto nella frequenza con la quale viene eseguita questa operazione.

41 L ESPERIENZA DI ARAL Da gennaio 2013 abbiamo deciso di eseguire sui MSC FT 6000 e sul MSC FT PLUS la STARDARDIZZAZIONE ogni 3 SETTIMANE. Questo comporta uno sforzo in termini di tempo ed economico non indifferente. Gli esiti di questa esperienza sono molto positivi e questo ci Gli esiti di questa esperienza sono molto positivi e questo ci permette di mantenere lo spettro sempre nella sua configurazione originale, di avere dati stabili e quindi variazioni poco significative quando si tratta di affinare paramentri come BHB e acetone.

42

43 SATA :Servizio Assistenza Tecnica Contemporaneamente al lavoro eseguito in ARAL i tecnici SATA lavorano sul campo, a stretto contatto con l allevatore,interpretando i dati inviati e verificando nelle aziende quanto riscontrato nelle analisi sul latte. Diventa,pertanto,importante, una stretta sinergia e collaborazione con coloro che vivono a contatto con gli allevatori. Proprio perchè la CHETOSI rimane un problema da risolvere tempestivamente sarebbe importante aumentare ( e non diminuire) la frequenza dei controlli.

44 CONCLUSIONI RITENIAMO CHE IL MODELLO PROPOSTO, PUR RESTANDO UNO SCREENING, NON SIA SEMPLICEMENTE UN DARE DELLE INFORMAZIONI IN PIU ALL ALLEVATORE MA POSSA, IN FUTURO, DIVENTARE UNO DEGLI STRUMENTI FONDAMENTALI UTILE PER LA GESTIONE DELLA CHETOSI IN STALLA NE DOVREMO FARE ANCORA DI STRADA: L IMPORTANTE E PARTIRE CON IL PIEDE GIUSTO

45 GRAZIE per l attenzione

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha

SCHEDA FERGUSON. L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha SCHEDA FERGUSON L evoluzione degli allevamenti di vacche da latte in senso produttivo negli ultimi anni ha comportato un adeguamento degli strumenti utili a valutare l efficienza e la redditività delle

Dettagli

Associazione Allevatori: utilizzo degli strumenti on line e prospettive future social

Associazione Allevatori: utilizzo degli strumenti on line e prospettive future social CONVEGNO : Social Media Marketing per allevatori ed agricoltori Fiere di Cremona - 24 OTTOBRE 2013 Associazione Allevatori: utilizzo degli strumenti on line e prospettive future social Giuseppe Invernizzi

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE DI PECORA: VARIAZIONI STAGIONALI E RELAZIONI CON LA COMPOSIZIONE CHIMICA

PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE DI PECORA: VARIAZIONI STAGIONALI E RELAZIONI CON LA COMPOSIZIONE CHIMICA ITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA NTRO NAZIONALE DI REFERENZA PER LA QUALITA DEL LATTE E DEI PRODOTTI RIVATI DEGLI OVINI E DEI CAPRINI (CRELDOC) PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE

Dettagli

Due elementi chiavi per il successo finanziario

Due elementi chiavi per il successo finanziario Due elementi chiavi per il successo finanziario Litri di Latte Venduti Il latte marginale venduto ogni giorno supera il latte marginale per vacca Salute della Mandria Top 10 (11) priorità per un allevamento

Dettagli

Determinazione degli acidi grassi su latte fresco e congelato: confronto tra la spettroscopia nel medio e vicino infrarosso Andrea Revello Chion Daniele Giaccone Associazione Regionale Allevatori del Piemonte

Dettagli

SINTETICO COLLETTIVO E INDIVIDUALE

SINTETICO COLLETTIVO E INDIVIDUALE MANUALE DI USO Documento: Manuale R01 SINTETICO COLLETTIVO E INDIVIDUALE Ultima revisione 25 Novembre 2015 ManR01 Sintetico collettivo e individuale 25 novembre 2015 Pag. 1 SINTETICO COLLETTIVO E INDIVIDUALE

Dettagli

Manuale di Autocontrollo

Manuale di Autocontrollo Az. Agr. Cagnassi Giovanni Fraz. San Vittore n. 87 12045 Fossano (CN) VENDITA DI LATTE CRUDO MEDIANTE DISTRIBUTORE AUTOMATICO Manuale di Autocontrollo Manuale di autocontrollo 1 Indice Introduzione pag.

Dettagli

IX edizione della Mostra nazionale degli ovini di razza Sarda - Macomer 25 Aprile 2015

IX edizione della Mostra nazionale degli ovini di razza Sarda - Macomer 25 Aprile 2015 Dipartimento di Sez. Ingegneria del Territorio IX edizione della Mostra nazionale degli ovini di razza Sarda - Macomer 25 Aprile 2015 Sviluppo di uno strumento portatile per la predizione diagnostica della

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito?

La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? INCONTRI ZOOTECNICI DAL 3 PARTO IN POI: ELIMINAZIONE DELLE VACCHE E IMPLICAZIONI ECONOMICHE La longevità della vacca da latte è sufficiente per fare reddito? Negli ultimi anni si parla con maggior insistenza

Dettagli

La gestione dell alimentazione

La gestione dell alimentazione La gestione dell alimentazione della capra da latte Calendario stadi fisiologici PESO=Taglia per una capacità produttiva elevata Punto critico e di verifica Nascita Svezzamento 1^ monta 1 parto 1^ Lattazione

Dettagli

P.A. Enrico Costa Tecnico Bonifiche Sarde S.P.A.

P.A. Enrico Costa Tecnico Bonifiche Sarde S.P.A. P.A. Enrico Costa Tecnico Bonifiche Sarde S.P.A. S W Strenghts (Punti di forza): ciò che l azienda è capace di fare bene Weaknesses (Punti di debolezza): ciò che l azienda non è capace di fare bene

Dettagli

La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti. Alfonso Zecconi

La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti. Alfonso Zecconi La gestione sanitaria per la sostenibilità degli allevamenti Alfonso Zecconi Whittlestone 1958 A questo stadio dello sviluppo dell industria la2ero- casearia, due sono le cose più importan8: 1. Migliorare

Dettagli

NOTE TECNICHE CAMPIONI PER LABORATORI ARAL

NOTE TECNICHE CAMPIONI PER LABORATORI ARAL Pagina 1 Associazione Regionale Allevatori della Lombardia NOTE TECNICHE CAMPIONI PER LABORATORI ARAL Luglio 2007 Pagina 2 INDICE LABORATORIO LATTE: ANALISI LATTE QUALITA LABORATORIO LATTE: ANALISI MICROBIOLOGICHE

Dettagli

Applicazioni della spettroscopia al medio infrarosso (MIRS) per la predizione di nuovi fenotipi del latte

Applicazioni della spettroscopia al medio infrarosso (MIRS) per la predizione di nuovi fenotipi del latte Applicazioni della spettroscopia al medio infrarosso (MIRS) per la predizione di nuovi fenotipi del latte M. De Marchi, M. Penasa, M. Cassandro Dipartimento di Agronomia Animali Alimenti Risorse naturali

Dettagli

LABORATORI AUTORIZZATI

LABORATORI AUTORIZZATI L accreditamento dei laboratori che effettuano la ricerca delle sostanze d abuso con finalità medico-legale in Regione Lombardia: lo spirito della DGR n. VIII/9097 del 13 marzo 2009 Mario Cassani Nadia

Dettagli

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma IN AZIENDE CON VACCHE DA LATTE LOMBARDE STRUTTURE DI STALLA Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma Delle oltre 2.000 aziende esaminate il 4,7% utilizza pavimenti in gomma. Impiegato principalmente

Dettagli

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla

Paratubercolosi nell allevamento della bovina da latte Conoscerla per combatterla Sezione di Lodi Sezione di Piacenza (CRN per la paratubercolosi) Associazione provinciale allevatori Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Lodi Paratubercolosi nell allevamento della bovina da

Dettagli

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Computer-Assisted Audit Technique (CAAT)

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Computer-Assisted Audit Technique (CAAT) Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali Computer-Assisted Audit Technique (CAAT) Indice degli argomenti Introduzione Metodologia Esempi Conclusioni Slide 2 Introduzione Metodologia Esempi

Dettagli

MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais

MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais MONITORAGGIO MICOTOSSINE NEGLI ALIMENTI Campagna 2014 Mais a cura del SATA Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA - Settore Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti Ottobre 2014 Come annunciato nello

Dettagli

Metodologia di indagine

Metodologia di indagine Istituto di Ingegneria Agraria Benessere e produttività delle bovine da latte: il ruolo della stalla Risultati di uno studio in Lombardia Elisabetta Riva Istituto di Ingegneria Agraria Scopo del progetto

Dettagli

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA

S.A.T.A. I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA I CAMBIAMENTI CHE IL FUTURO IMPONE AI PRODUTTORI UNA SFIDA CHE NON VA SUBITA Perché sfida? Vediamo la variazione di alcuni PREZZI VARIAZIONE PREZZI in Lire Dic. 1980 Gen. 2010 2010/1980 caffè espresso

Dettagli

Firenze, 30 maggio 2012

Firenze, 30 maggio 2012 Firenze, 30 maggio 2012 specchio Specchio, specchio delle mie brame, chi è il fondo più bello del reame? Come selezionate i fondi dei vostri clienti? Quali parametri usate per selezionare i fondi? I rendimenti

Dettagli

Informatica. Gestione dell allevamento con il software della Lombardia. In Italia ci sono circa 38mila allevamenti da latte: non sono numeri enormi,

Informatica. Gestione dell allevamento con il software della Lombardia. In Italia ci sono circa 38mila allevamenti da latte: non sono numeri enormi, E lo strumento adottato dal Sata, il servizio di assistenza tecnica affidato dalla Regione all Aral. Ce ne illustra le caratteristiche il responsabile tecnico Paola Amodeo Informatica Gestione dell allevamento

Dettagli

LEZIONI DI STATISTICA MEDICA

LEZIONI DI STATISTICA MEDICA LEZIONI DI STATISTICA MEDICA A.A. 2010/2011 - Screening - Test diagnostici Sezione di Epidemiologia & Statistica Medica Università degli Studi di Verona Storia naturale della malattia (Rothman( Rothman,,

Dettagli

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte

Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cosa sarà il mercato del latte italiano dopo

Dettagli

Consistono nell applicazione di una procedura che consente l identificazione di una malattia in una fase iniziale una condizione a rischio

Consistono nell applicazione di una procedura che consente l identificazione di una malattia in una fase iniziale una condizione a rischio Consistono nell applicazione di una procedura che consente l identificazione di una malattia in una fase iniziale una condizione a rischio Prof.ssa G. Serio, Prof. P. Trerotoli, Cattedra di Statistica

Dettagli

IL PROGETTO ITALIALLEVA

IL PROGETTO ITALIALLEVA IL PROGETTO ITALIALLEVA OBIETTIVO Garantire l origine, la tracciabilità, la sicurezza alimentare ed il benessere animale dando.. Valore aggiunto alle attività istituzionali del Sistema degli Allevatori

Dettagli

Gonzaga 12 settembre 2015

Gonzaga 12 settembre 2015 Innovazione nella gestione aziendale, importanza dei dati tecnici ed economici Gonzaga 12 settembre 2015 Massimo Battaglia Associazione Regionale Allevatori Lombardia fertilità e produzione 160 140 120

Dettagli

Micotossine, una chiave di lettura

Micotossine, una chiave di lettura Micotossine, una chiave di lettura Argomenti non trattati da questa presentazione Cosa sono le micotossine Classificazione delle micotossine Effetti delle micotossine Campionamento delle materie prime

Dettagli

2. Sviluppo tecnico Pag. 2. 3. Struttura del programma Pag. 2. 4. Menù principale Pag. 3. 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag.

2. Sviluppo tecnico Pag. 2. 3. Struttura del programma Pag. 2. 4. Menù principale Pag. 3. 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag. CINICINNATO: 1. Hardware e software Pag. 2 2. Sviluppo tecnico Pag. 2 3. Struttura del programma Pag. 2 4. Menù principale Pag. 3 5. funzioni tecniche e inserimento dati Pag. 3 6. Statistiche tecniche

Dettagli

SMID a.a. 2004/2005 Corso di Metodi Statistici in Biomedicina Tassi di incidenza 9/2/2005

SMID a.a. 2004/2005 Corso di Metodi Statistici in Biomedicina Tassi di incidenza 9/2/2005 SMID a.a. 2004/2005 Corso di Metodi Statistici in Biomedicina Tassi di incidenza 9/2/2005 Ricerca epidemiologica Gli epidemiologi sono interessati a conoscere l incidenza delle malattie per prevedere i

Dettagli

Strumenti innovativi per lo studio delle relazioni tra profili aromatici dei formaggi e fattori legati all animale e alla gestione aziendale

Strumenti innovativi per lo studio delle relazioni tra profili aromatici dei formaggi e fattori legati all animale e alla gestione aziendale Strumenti innovativi per lo studio delle relazioni tra profili aromatici dei formaggi e fattori legati all animale e alla gestione aziendale Aprea E., Bergamaschi M., Betta E., Biasioli F., Cappellin L.,

Dettagli

La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto

La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto La gestione sanitaria a garanzia della sicurezza del prodotto Alfonso Zecconi Università degli Studi di Milano Dipartimento Patologia Animale Le tossinfezioni alimentari Problema comune a tutti gli alimenti

Dettagli

La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015

La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015 In collaborazione con: La zootecnia di precisione: esperienze applicative nell estate 2015 Andrea Galli Centro di Ricerca per le Produzioni Foraggere e Lattiero Casearie (FLC, Lodi) Consiglio per la Ricerca

Dettagli

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare?

Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Gestione Economica e Finanziaria degli Allevamenti da Latte Costi alimentari e valutazione economica degli allevamenti da latte: cosa è importante guardare? Cristian Rota Cosa sarà il mercato del latte

Dettagli

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità

Valutare un test. Affidabilità e validità di un test. Sensibilità e specificità Valutare un test 9 Quando si sottopone una popolazione ad una procedura diagnostica, non tutti i soggetti malati risulteranno positivi al test, così come non tutti i soggetti sani risulteranno negativi.

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Le mastiti costano molto all allevatore

Le mastiti costano molto all allevatore INDAGINE IN 6 SALLE DI VACCHE DA LAE Le mastiti costano molto all allevatore A seconda della frequenza e della gravità le mastiti possono comportare perdite di reddito fino a oltre 2. euro in un allevamento

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it

Edizioni L Informatore Agrario. www.informatoreagrario.it www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

L allevamento ovino in Sardegna, la qualità del latte e la consulenza agli allevatori. Marino Contu

L allevamento ovino in Sardegna, la qualità del latte e la consulenza agli allevatori. Marino Contu L allevamento ovino in Sardegna, la qualità del latte e la consulenza agli allevatori. Marino Contu La Zootecnia in Sardegna Fonte: Laore Sardegna: Servizio produzioni zootecniche Ufficio dell Osservatorio

Dettagli

Screening neonatale SCREENING DIAGNOSTICO PRECOCE PER NEONATI

Screening neonatale SCREENING DIAGNOSTICO PRECOCE PER NEONATI Screening neonatale SCREENING DIAGNOSTICO PRECOCE PER NEONATI INFO ULTERIORI INFORMAZIONI SULLE MODALITÀ PRATICHE DI ESECUZIONE DELLO SCREENING NEONATALE POSSONO ESSERE OTTENUTE: presso il nido di ogni

Dettagli

Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo

Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo Come valutare le caratteristiche aerobiche di ogni singolo atleta sul campo Prima di organizzare un programma di allenamento al fine di elevare il livello di prestazione, è necessario valutare le capacità

Dettagli

Scopo del lavoro è. Studio dell Istituto zooprofilattico di Brescia Rapporto tra acidi grassi saturi e insaturi nel latte bovino

Scopo del lavoro è. Studio dell Istituto zooprofilattico di Brescia Rapporto tra acidi grassi saturi e insaturi nel latte bovino Un valore che influenza la qualità nutrizionale, tecnologica e soprattutto organolettica dei prodotti finiti di Giuseppe Delle Donne, Antonio Marcolini, Giorgio Zanardi, Giuseppe Bolzoni Studio dell Istituto

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

Sonicaid. Lactate Pro TM

Sonicaid. Lactate Pro TM Sonicaid Lactate Pro TM 1.IL PRODOTTO IN BREVE 1.I Descrizione Il Lactate Pro è un dispositivo che rileva la concentrazione di lattato nel sangue, per la sua precisione, praticità ed economia di esercizio

Dettagli

Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali:

Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali: Per la valutazione statistica del test è necessario conoscere alcune caratteristiche del risultato del test quali: la sensibilità diagnostica o clinica, la specificità diagnostica o clinica, l incidenza

Dettagli

Responsabile di progetto Cognome e Nome

Responsabile di progetto Cognome e Nome N. PROGETTO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE interni estern i ore Proposta Piani Finalizzati annualità 2011: Produzione locale di lepri da destinare al ripopolamento SCHEDA DI PROGETTO NUMERO dei soggetti (e

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

MANUALE DI USO. Documento: Manuale 008 PRESENTAZIONE DEGLI ELABORATI DI Si@llEvA

MANUALE DI USO. Documento: Manuale 008 PRESENTAZIONE DEGLI ELABORATI DI Si@llEvA MANUALE DI USO Documento: Manuale 008 PRESENTAZIONE DEGLI ELABORATI DI Si@llEvA Ultima revisione 07 gennaio 2016 Man008 Presentazione degli elaborati di Si@llEvA 07 gennaio 2016 Pag. 1 UTILIZZO DEI DATI

Dettagli

LISTINO E MODULO DI ABBONAMENTO 2015 (da inviare a mezzo fax o email al Laboratorio Standard Latte)

LISTINO E MODULO DI ABBONAMENTO 2015 (da inviare a mezzo fax o email al Laboratorio Standard Latte) LISTINO E MODULO DI ABBONAMENTO 2015 (da inviare a mezzo fax o email al Laboratorio Standard Latte) Ente richiedente Indirizzo di spedizione Indirizzo di fatturazione Telefono Fax C. F. P. IVA Email Persona

Dettagli

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina

Parte I (punti 3-9): Misure sanitarie obbligatorie per il controllo della Paratubercolosi bovina LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI PIANI DI CONTROLLO E PER L ASSEGNAZIONE DELLA QUALIFICA SANITARIA DEGLI ALLEVAMENTI NEI CONFRONTI DELLA PARATUBERCOLOSI BOVINA 1. Definizioni Ai sensi delle presenti linee

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BINETTI, BOBBA, CALGARO, COLANINNO, GRASSI, FARINONE, SARUBBI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BINETTI, BOBBA, CALGARO, COLANINNO, GRASSI, FARINONE, SARUBBI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 623 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BINETTI, BOBBA, CALGARO, COLANINNO, GRASSI, FARINONE, SARUBBI Disposizioni in materia di accertamenti

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

BIRTH VIDEO ALERT DISPOSITIVO DI SEGNALAZIONE PARTO PER BOVINI

BIRTH VIDEO ALERT DISPOSITIVO DI SEGNALAZIONE PARTO PER BOVINI BIRTH VIDEO ALERT DISPOSITIVO DI SEGNALAZIONE PARTO PER BOVINI Una pronta assistenza al parto produce ricavi medi pro-capite più alti a costi di gestione (patologie post-parto, fecondazioni, latte di scarto)

Dettagli

Il prezzo al consumo è il risultato finale di queste componenti:

Il prezzo al consumo è il risultato finale di queste componenti: E notizia di tutti i giorni l inarrestabile corsa dei prezzi al consumo e, in particolare, quella dei prodotti appartenenti ai capitoli Prodotti Alimentari e Bevande Analcoliche, Abitazione, Acqua, elettricità

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Attività di validazione AIA-LSL 11 Meeting AIA-LSL 2011 Silvia Orlandini

Attività di validazione AIA-LSL 11 Meeting AIA-LSL 2011 Silvia Orlandini Silvia Orlandini Attività passata e futura. AIA-LSL Montegrotto 2009 Strumenti IR/citometria di flusso CBT Bentley e Foss Strumento colorimetrico urea- CDR Test sul protocollo di validazione ICAR allineato

Dettagli

Recupero della fiducia: le nuove dimensioni sostenibili

Recupero della fiducia: le nuove dimensioni sostenibili Recupero della fiducia: le nuove dimensioni sostenibili Roberta Dalmaschio Gaia Cioci Convegno ABI - Agenda Il contesto congiunturale e la fiducia del cliente La fiducia è il requisito per un ritorno economico

Dettagli

Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3

Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3 Convegno Regionale A.D.I. Dall alimento al nutriente: dal pesce agli Omega 3 Vicenza, 17 dicembre 2011 Latte e formaggi arricchiti con acidi grassi Omega 3 Lucia Bailoni Dipartimento di Scienze Animali

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI

Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI Università degli Studi di Milano Bicocca CdS ECOAMM Corso di Metodi Statistici per l Amministrazione delle Imprese CARTE DI CONTROLLO PER VARIABILI 1. L azienda Wood produce legno compensato per costruzioni

Dettagli

Wireless. Logistics. Aton Group Logistica. Orange mobility srl

Wireless. Logistics. Aton Group Logistica. Orange mobility srl Wireless Logistics Aton Group Logistica Automatizzare il magazzino Perché? Per ottimizzare Ottimizzare le scorte, gli spazi, i percorsi di prelievo Per garantire il proprio cliente Per aumentare l efficienza

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

IL NETWORK DEI TERMOVALORIZZATORI HERA. Divisione Ambiente

IL NETWORK DEI TERMOVALORIZZATORI HERA. Divisione Ambiente IL NETWORK DEI TERMOVALORIZZATORI HERA Sommario Il gruppo Hera I termovalorizzatori Obiettivi del progetto La sala telecontrollo Sviluppo progetto Conclusioni Missione Hera vuole essere la migliore multiutility

Dettagli

Effetti sull opinione di pazienti riguardo all utilizzo di un computer in uno studio medico nell assistenza ordinaria

Effetti sull opinione di pazienti riguardo all utilizzo di un computer in uno studio medico nell assistenza ordinaria Effetti sull opinione di pazienti riguardo all utilizzo di un computer in uno studio medico nell assistenza ordinaria Christopher N. Sciamanna, Scott P. Novak, Bess H. Marcus. International Journal of

Dettagli

CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008

CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008 GIORNATA BUIATRICA CORRELAZIONI TRA NUTRIZIONE, FERTILITA E BENESSERE NELLA BOVINA DA LATTE MARENE (CN) 18 SETTEMBRE 2008 INTEGRAZIONE CON OMEGA-3 NELLE RAZIONI DI BOVINE DA LATTE Trend fertilità US Holstein

Dettagli

Associazione Italiana Allevatori. Associazione Italiana Allevatori. Generalità

Associazione Italiana Allevatori. Associazione Italiana Allevatori. Generalità Associazione Italiana Allevatori Generalità Revisione 1.1 del 3 Aprile 2002 Sommario Descrizione del Progetto...2 Suddivisione del Progetto in Moduli...3 Funzionalità ed Architettura...5 Puma DB...5 Funzionalità...5

Dettagli

Sintesi relazione conclusiva del progetto

Sintesi relazione conclusiva del progetto Sintesi relazione conclusiva del progetto Valutazione della performance dei Servizi del Dipartimento delle Dipendenze della ASL della Provincia di Milano 1 Lo svolgimento del progetto di ricerca Valutazione

Dettagli

Nuova Interfaccia grafica. Al passo con i tempi. Interagisce e Informa

Nuova Interfaccia grafica. Al passo con i tempi. Interagisce e Informa Nuova Interfaccia grafica Al passo con i tempi Interagisce e Informa Interfaccia Grafica stile toolbar Il nuovo menù integra e completa la classica facilità di utilizzo Nuova Interfaccia grafica Nuovo

Dettagli

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1)

RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) RAGGIUNGIMENTO DELLA PUBERTÀ NEGLI ANIMALI DOMESTICI (1) Età alla Pubertà (mesi) Femmine Maschi Conigli 5 5 Cani piccola taglia 6-10 6-10 Cani grossa taglia 8-14 8-14 Gatti a pelo corto 6-8 6-8 Gatti a

Dettagli

Esame sul rischio di chetosi pronto in tre giorni

Esame sul rischio di chetosi pronto in tre giorni DAI CONTROLLI FUNZIONALI IL RISCHIO PER LA MANDRIA Esame sul rischio di chetosi pronto in tre giorni La chetosi è una dismetabolia ad altissima incidenza e con forte ricaduta su salute della mandria e

Dettagli

Il ragionamento diagnostico TEST DIAGNOSTICO. Dott.ssa Marta Di Nicola. L accertamento della condizione patologica viene eseguito TEST DIAGNOSTICO

Il ragionamento diagnostico TEST DIAGNOSTICO. Dott.ssa Marta Di Nicola. L accertamento della condizione patologica viene eseguito TEST DIAGNOSTICO Il ragionamento diagnostico http://www.biostatistica biostatistica.unich unich.itit 2 L accertamento della condizione patologica viene eseguito All'inizio del decorso clinico, per una prima diagnosi In

Dettagli

Servizio di prestito. Attività 2011: dati, grafici, analisi a cura di Marco Muscolino

Servizio di prestito. Attività 2011: dati, grafici, analisi a cura di Marco Muscolino Attività 2011: dati, grafici, analisi a cura di Marco Muscolino Biblioteca di area scientifico-tecnologica Sommario dei contenuti: Relazione sull attività 2011 Totali 2008-2011: dati e grafici Iscrizioni

Dettagli

Fattoria Reale di Torcino

Fattoria Reale di Torcino Fattoria Reale di Torcino ALLEVAMENTI BUFALINI GRUPPO GAROFALO Incontro formativo del 20 novembre 2014 dott. agr. Roberto Napolano FATTORIA REALE DI TORCINO CIORLANO (CE) Ex allevamento di bovine da latte

Dettagli

Fattori che influenzano la sensibilità e il valore predittivo positivo di una Sorveglianza

Fattori che influenzano la sensibilità e il valore predittivo positivo di una Sorveglianza Fattori che influenzano la sensibilità e il valore predittivo positivo di una Sorveglianza Paolo Giorgi Rossi Agenzia di Sanità Pubblica, Regione Lazio Roma, 27/02/06 Le leggi di Finagle sull informazione

Dettagli

Piccoli accorgimenti quotidiani per avere mammelle sane

Piccoli accorgimenti quotidiani per avere mammelle sane FONDAMENTALI PER AVERE LATTE DI QUALITÀ Piccoli accorgimenti quotidiani per avere mammelle sane di Francesco Testa La qualità del latte e la sanità della mammella sono sempre obiettivi di primaria importanza

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 143 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BIONDELLI, ANTEZZA, BINI, BOCCIA, CARRA, COCCIA, COVA, D INCECCO, FEDI, FIANO, CINZIA MARIA

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 35/08 APPROFONDIMENTI FINALI SULLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 17 dicembre 2008 Pagina 1 di 12 Premessa

Dettagli

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005)

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Documento a cura della Dr. Maria Vincenza Liguori Settore Epidemiologia Ambientale Direttore Dr. Laura

Dettagli

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte L IMPRONTA ANIMALE Valutazione dell Impatto Ambientale della Zootecnia Fiera Agricola - Verona. 3 Febbraio 2012 Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte G.Matteo Crovetto Alberto Tamburini DSA Università

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA

STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA STRESS DA CALORE E PRODUTTIVITA Il calore totale risulta dalla quantità di calore a cui l organismo è esposto (ambiente esterno) più il calore che esso stesso genera (processi metabolici). Esistono dei

Dettagli

Il bilancio minerale nella bovina ad alta produzione: nuove tecnologie per l ottimizzazione della qualità del latte e la salute animale

Il bilancio minerale nella bovina ad alta produzione: nuove tecnologie per l ottimizzazione della qualità del latte e la salute animale Il bilancio minerale nella bovina ad alta produzione: nuove tecnologie per l ottimizzazione della qualità del latte e la salute animale Prof. Paolo Berzaghi Dipartimento di Medicina Animale Produzioni

Dettagli

Non in distribuzione negli Stati Uniti URINALYSIS LAB FORWARD

Non in distribuzione negli Stati Uniti URINALYSIS LAB FORWARD Non in distribuzione negli Stati Uniti URINALYSIS LAB FORWARD I laboratori per l analisi delle urine richiedono sia tecnologia avanzata che strategie davvero innovative. Per questo motivo Beckman Coulter

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Giovedì 05 febbraio 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati

RASSEGNA STAMPA. Giovedì 05 febbraio 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati RASSEGNA STAMPA Giovedì 05 febbraio 2015 Sommario: Rassegna Associativa 2 Rassegna Sangue e Emoderivati 4 Rassegna Medico-scientifica, politica sanitaria e terzo settore 6 Prime Pagine 14 Rassegna associativa

Dettagli

La radioattività negli alimenti

La radioattività negli alimenti La radioattività negli alimenti Gli alimenti Per ottemperare alle regolamentazioni nazionali ed europee viene monitorata la radioattività presente nei principali alimenti distribuiti in Lombardia. Ogni

Dettagli

Esperienze nel monitoraggio del contenuto in Aflatossina M 1 nel latte e formaggi prodotti in Sardegna

Esperienze nel monitoraggio del contenuto in Aflatossina M 1 nel latte e formaggi prodotti in Sardegna Università di Sassari settore ISPEZIONE ALIMENTI ORIGINE ANIMALE Dipartimento di Medicina Veterinaria Esperienze nel monitoraggio del contenuto in Aflatossina M 1 nel latte e formaggi prodotti in Sardegna

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Progetto pilota HPV di Torino. Lo stato dell arte. G Ronco CPO Piemonte

Progetto pilota HPV di Torino. Lo stato dell arte. G Ronco CPO Piemonte Progetto pilota HPV di Torino. Lo stato dell arte G Ronco CPO Piemonte Progetto pilota HPV Donne invitate Numero di donne invitate (ultimo invito 31/08/2012) BRACCIO HPV 62606 PAP 52616 Totale 115222 Progetto

Dettagli

Principi generali. Vercelli 9-10 dicembre 2005. G. Bartolozzi - Firenze. Il Pediatra di famiglia e gli esami di laboratorio ASL Vercelli

Principi generali. Vercelli 9-10 dicembre 2005. G. Bartolozzi - Firenze. Il Pediatra di famiglia e gli esami di laboratorio ASL Vercelli Il Pediatra di famiglia e gli esami di laboratorio ASL Vercelli Principi generali Carlo Federico Gauss Matematico tedesco 1777-1855 G. Bartolozzi - Firenze Vercelli 9-10 dicembre 2005 Oggi il nostro lavoro

Dettagli

Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010

Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010 Recenti Studi sulla Zootecnia da Latte nel Veneto Corte Benedettina Legnaro 15/12/2010 Il 15 dicembre scorso l ARAV in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Animali dell Università di Padova, ha

Dettagli

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali

Just-In-Time (JIT) eliminate tutte le motivazioni che costringono un sistema produttivo alla costituzione di scorte di materiali Just-In-Time (JIT) Filosofia produttiva nata presso l azienda giapponese Toyota negli anni 70. Ha l obiettivo di soddisfare la domanda del cliente in termini di cosa e quanto produrre, configurando l intero

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

Celle frigorifere e lavori in isolamento. Il lavoro isolato casi di studio. rivetta sistemi

Celle frigorifere e lavori in isolamento. Il lavoro isolato casi di studio. rivetta sistemi Celle frigorifere e lavori in isolamento Il lavoro isolato casi di studio rivetta sistemi Ogni qualvolta un lavoratore entra in una cella frigorifera da solo si trova ad operare in isolamento. Nel caso

Dettagli

I nuovi servizi di efficienza energetica di Enel Energia - Il progetto pilota con Etis. Milano, 24 Aprile 2012

I nuovi servizi di efficienza energetica di Enel Energia - Il progetto pilota con Etis. Milano, 24 Aprile 2012 I nuovi servizi di efficienza energetica di Enel Energia - Il progetto pilota con Etis Milano, 24 Aprile 2012 1 I nuovi servizi di efficienza energetica di Enel Energia Forte della leadership tecnologica

Dettagli

OSSERVATORIO PERMANENTE

OSSERVATORIO PERMANENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE PAOLO FORTUNATI UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM OSSERVATORIO PERMANENTE SUL TRASPORTO CAMIONISTICO IN INTERPORTO BOLOGNA INDAGINE CONGIUNTURALE - I SEMESTRE

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli