Piano annuale per la Classe 4^ A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano annuale per la Classe 4^ A"

Transcript

1 Istituto Comprensivo N.2 - Arzachena Scuola Primaria di Abbiadori Piano annuale per la Classe 4^ A ANCORA IN VIAGGIO a.s. 204/2015 Insegnanti: Depperu Anna Maria, Melino Vittorina, Peddis Giuliana, Angius Maria Dolores.

2 Attività mese di settembre: BENVENUTI IN QUARTA In questa prima parte dell anno verranno somministrate delle prove di verifica in modo da ottenere un quadro generale sugli obiettivi raggiunti da ciascun alunno nel corso della classe terza. Saranno ripresi i concetti già svolti, in modo da risvegliare le conoscenze possedute e, se necessario, precisarle e consolidarle. Per ogni allievo, con riferimento a ciascuna attività verranno quindi registrate le eventuali difficoltà, al fine di procedere a un loro superamento prima di avviare all acquisizione di nuove conoscenze e abilità previste per la classe quarta. Area Linguistico-Artistico-Espressiva Obiettivi da verificarecontenuti e attività - Esprimere sentimenti, stati d animo e opinioni in modo chiaro e pertinente. - Leggere testi narrativi mostrando di saperne cogliere il senso globale. - Saper ascoltare con attenzione e comprendere testi narrativi. - Scrivere testi descrittivi chiari e coerenti. - Scrivere testi chiari e coerenti per raccontare vissuti e storie. - Prestare attenzione alla grafia delle parole e applicare le conoscenze ortografiche. - Riflettere sulle parole: riconoscere le principali parti del discorso. - Il passaggio dall infanzia alla fanciullezza: questionari conoscitivi. - Le vacanze, il rientro a scuola: soluzione di questionari a risposta aperta e a scelta multipla; individuazione di affermazioni vere/false. - Ascolto di letture di brani letti dall insegnante e risposte a domande aperte e/o scelta multipla. - produzione di testi con il supporto di modelli guida. - Individuazione di errori ortografici. - Esercitazioni sulla punteggiatura. - Classificazione delle principali parti del discorso. Area Storico-Geografica Obiettivi da verificarecontenuti e attività - Conoscere le fonti della Storia. - Conoscere il lavoro dello storico. - Conoscere il ruolo degli specialisti delle scienze ausiliarie della Storia. - Conoscere le parole della Storia. - Conoscere e confrontare sistemi di datazione - Conoscere la storia dell evoluzione dell uomo. L etimologia della parola Storia. - Classificazione delle diverse tipologie di fonti storiche: materiali, iconografiche, orali e scritte. - Lettura di una fonte iconografica. - L attività dello storico e le fasi del metodo storico. - Gli specialisti delle scienze ausiliarie della Storia: l antropologo, l archeologo, il geologo, il geografo, l economista, il numismatico, il paleografo e il paleontologo. - Attività di analisi di parole della Storia. - La funzione dell anno zero nella datazione di eventi storici. - Confronto di sistemi di datazione diversi. - Esercitazioni sulla linea del tempo. - L evoluzione e le conquiste dell uomo: dall Australopiteco all Homo sapiens sapiens.

3 - Rappresentazione delle attività e degli strumenti creati dall uomo nei diversi periodi della Preistoria: Paleolitico, Mesolitico, Neolitico.Conoscere il lavoro del geografo. - Conoscere e confrontare gli strumenti del geografo. - Conoscere il ruolo degli specialisti delle scienze ausiliarie della Geografia. - Leggere ed eseguire riduzioni in scala. - Conoscere e descrivere diversi tipi di carte. - Interpretare e realizzare legende di carte. L etimologia della parola Geografia. - L attività del geografo e le fasi del suo metodo di lavoro. - Completamento di testi e diagrammi. - Le caratteristiche e i vantaggi delle fotografie panoramiche, aeree e satellitari. - Osservazione e descrizione di fotografie. - Gli specialisti delle scienze ausiliarie della Geografia: l antropologo, il biologo, il cartografo, il geologo e il meteorologo. - Osservazione di illustrazioni e completamento di immagini. - Lettura ed esecuzione di riduzioni in scala. - Classificazione delle carte in base alla scala: pianta, mappa, carta topografica, carta corografica, carta geografica e planisfero. - Classificazione delle carte in base al contenuto: carta fisica, carta politica, carta fisico-politica e carta tematica. Esercitazioni con carte di diverso tipo. - Segni, disegni e colori nelle legende delle carte. - Lettura e completamento di legende. Area Matematico-Scientifico-Tecnologica Obiettivi da verificare Contenuti e attività. - Esercizi per la classificazione con l uso di diagrammi di Venn, di Carroll e ad albero. Classificare in base a due attributi dati utilizzando i diagrammi di Venn, di Carroll e ad albero. - Lettura e scrittura dei numeri entro il Scomposizione e composizione di numeri entro il in migliaia, centinaia,decine e unità. Ordinamento dei numeri entro il Riconoscimento del precedente e del seguente di un numero dato utilizzando i simboli >, <, =. - Esecuzione delle quattro operazioni in riga. - Esecuzione di addizioni e sottrazioni. - Esecuzione di moltiplicazioni in colonna. - Esecuzione di divisioni in colonna. - Risoluzione di problemi con le quattro operazioni. - Rappresentazioni con il disegno di rette, semirette e segmenti. - Rappresentazioni grafiche di vari tipi di angoli: retto, acuto, ottuso, piatto e giro. - Disegno e colorazione di figure geometriche. - Leggere e scrivere i numeri naturali in base dieci entro il Scomporre e comporre i numeri naturali in migliaia, centinaia, decine e unità. - Ordinare e confrontare numeri naturali entro il utilizzando i simboli >, <, =. - Eseguire le quattro operazioni in riga. - Eseguire addizioni e sottrazioni in colonna con due cambi. - Eseguire in colonna moltiplicazioni con e senza cambio e con il moltiplicatore di una e di due cifre. - Eseguire divisioni in colonna con il divisore di una cifra senza e con il cambio, con e senza resto. - Risolvere situazioni problematiche con l uso delle quattro operazioni. - Riconoscere e rappresentare linee rette, semirette e segmenti. - Classificare e rappresentare gli angoli in base all ampiezza. - Riconoscere, denominare e rappresentare figure geometriche. - L etimologia della parola Scienza.Conoscere le scienze naturali. - L oggetto delle scienze naturali: la natura e i fenomeni naturali. - Realizzazione di un cartellone con le diverse scienze naturali. - L attività dello scienziato e le fasi del metodo scientifico-sperimentale. - Osservazione e classificazione di oggetti. - Le unità di misura convenzionali. - Osservazione e misurazione di fenomeni e oggetti. - Gli strumenti per osservare e per misurare. - Gli attrezzi del laboratorio scientifico. - Conoscere il lavoro dello scienziato. - Conoscere la misura delle grandezze.

4 ANALISI DELLA SITUAZIONE INIZIALE CLASSE 4^A SCUOLA PRIMARIA DI ABBIADORI Anno Scolastico 2012/2013 La classe 4^ ha subito variazioni nell organico rispetto allo scorso anno scolastico: un alunno si è trasferito da Tempio Pausania. Tutti gli alunni hanno accolto con entusiasmo e disponibilità le nuove insegnanti. Dalle prove di verifica iniziali è emerso che l alunno è in possesso dei prerequisiti richiesti ed evidenzia buone capacità globali. La classe è adesso composta da 21 alunni, 13 maschi e 8 femmine. All interno del gruppo classe le relazioni fra i compagni sono positive. I bambini nei confronti degli insegnanti manifestano un atteggiamento corretto e rispettoso e si rivolgono loro con fiducia ed affetto. Tale clima relazionale consente loro di vivere l attività scolastica in modo sereno e produttivo. Durante lo svolgimento delle diverse attività gli alunni si dimostrano attivi, propositivi e collaborativi. Partecipano alle stesse con buon entusiasmo ed interesse. Fin dai primi giorni, non hanno evidenziato problemi di adattamento alla vita scolastica e hanno ripreso con gradualità i tempi e le modalità di lavoro. Durante l estate, pochi bambini hanno ripassato quanto affrontato durante l anno scolastico precedente eseguendo i compiti consigliati per le vacanze estive. Nel primo periodo dell anno scolastico sono state somministrate prove atte a verificare la situazione iniziale della classe dalle quali si è rilevato che la maggior parte della classe si dimostra in possesso di adeguate capacità e di un valido livello di apprendimento, solo qualche bambino manifesta ancora insicurezze. Si è reso quindi necessario, sin dall inizio, intervenire attraverso una serie di attività di ripasso e di rinforzo predisposte per i vari ambiti e in modo specifico per tali alunni. Sulla base delle conoscenze riscontrate, si stilerà la prima Unità di Apprendimento. Per gli alunni con DSA, l equipe di classe predisporrà il Piano Didattico Personalizzato. Tutte le insegnanti opereranno affinché gli alunni siano messi in condizione di seguire la stessa programmazione di classe attraverso un atteggiamento di sensibile attenzione alle specifiche difficoltà. L attivazione di particolari strategie metodologiche e didattiche da parte degli insegnanti e l uso di strumenti compensativi e misure dispensative nelle diverse discipline daranno la possibilità agli alunni di lavorare più agevolmente. Le insegnanti

5 Piano annuale per la Classe 4^ A Scuola Primaria di Abbiadori ANCORA IN VIAGGIO a.s. 2014/2015 INTRODUZIONE Il viaggio dei bambini nella scuola primaria continua. Siamo alla quarta tappa di un viaggio alla scoperta del mondo che permetterà agli alunni di diventare sempre più consapevoli della realtà che li circonda, del mondo dentro e fuori di loro che va ordinato secondo relazioni logiche, spaziali e temporali, entrando sempre più nello specifico delle diverse discipline. Quest anno si è scelto di costruire quattro segmenti progettuali. INDICE DEI SEGMENTI PROGETTUALI Sp n.1 Sp n.2 Sp n.3 Sp n.4 TITOLO Leggo per capire Mi esprimo con conoscenza Ricerco per crescere Ci sono anch io PERIODO ottobre/novembre dicembre/gennaio febbraio/marzo aprile/maggio

6 BISOGNO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVO Leggo per capire Conoscere la realtà intorno a sè. Conoscere e utilizzare i nuovi linguaggi specifici delle diverse discipline. Mi esprimo con conoscenza Capire e farsi capire dagli altri. Prendere coscienza della necessità di un metodo di studio. Sapersi esprimere con coerenza e correttezza. Sapere cogliere i messaggi da tutte le fonti culturali. Ricerco per crescere Soddisfare la curiosità verso il mondo esterno. Sapersi documentare per ampliare le proprie conoscenze. Ci sono anch io Prendere consapevolezza della propria identità. Affrontare con responsabilità ed autonomia i problemi quotidiani riguardanti la cura della propria persona in casa, n scuola e nella società.

7 METODOLOGIA (da settembre a giugno) Didattica laboratoriale Si farà ricorso preferibilmente ad una didattica laboratoriale per una scuola che non si limita alla trasmissione dei saperi, ma diventa un luogo dove operare, un luogo di esperienze concrete dove si produce conoscenza e si sviluppa la logica della scoperta. Gruppi di lavoro Le attività saranno spesso svolte per piccoli gruppi di alunni all interno del gruppo classe per favorire da un lato la personalizzazione del lavoro scolastico, permettendo a ciascun alunno di operare secondo i propri ritmi e le proprie capacità, dall'altro la capacità di collaborare (nel gruppo e tra i gruppi) per un obiettivo comune. Costruttivismo Progettare un ambiente in cui gli alunni costruiscono la propria conoscenza lavorando insieme ed usando una molteplicità di strumenti comunicativi ed informativi (i nuovi strumenti tecnologici in particolare) significa creare un ambiente di apprendimento costruttivista nel quale si costruisce il sapere collaborando e cooperando. Cooperative learning All interno del gruppo e tra i gruppi, l impegno di alunni e docenti, finalizzato al raggiungimento di nuove abilità e conoscenze attraverso la condivisione del proprio lavoro, porterà a modalità di apprendimento collaborativo caratterizzato dai seguenti elementi: - superamento della rigida distinzione dei ruoli tra insegnante/alunno; - il docente diventa un facilitatore dell apprendimento; - superamento del modello trasmissivo della conoscenza; - il sapere si costruisce insieme in una comunità di apprendimento.

8 MODALITA ORGANIZZATIVE (da settembre a giugno) L azione educativa di tutti i docenti che operano nella classe, intende raffermare: il carattere unitario e complesso della proposta formativa; l attenzione a non parcellizzare i saperi pur riconoscendo a ciascuna disciplina la specificità a livello epistemologico e il diverso contributo a livello formativo; la consapevolezza degli intrecci profondi che legano, in una rete generativa, le conoscenze ed esperienze realizzate nei diversi contesti. Nell organizzazione delle attività didattica, i docenti intendono continuare ad adottare comportamenti comuni di fronte a situazioni straordinarie e di routine che non solo contribuiscono a realizzare l unitarietà dell azione educativa, ma garantiscono agli alunni chiarezza sicurezza e li abituano a vivere un effettiva esperienza di convivenza civile. Si è concordi, a titolo esemplificativo, circa la necessità di far acquisire agli alunni, atteggiamenti di rispetto verso le persone che operano nella scuola, verso i materiali, verso le regole condivise (saluto rispetto dell orario puntualità nell esecuzione dei compiti uso del grembiule cura e rispetto del materiale individuale di lavoro, degli arredi, degli ambienti ).

9 CONTROLLO DEGLI APPRENDIMENTI Si cercherà di determinare i progressi raggiunti dagli alunni, in relazione alle competenze e agli obiettivi proposti, le conoscenze che essi hanno acquisito o costruito e fino a che punto si sono appropriati di queste, le abilità e le capacità che hanno sviluppato, gli atteggiamenti e i valori che hanno assunto e fino a che punto tutto ciò si è consolidato. TEMPI Ogni Unità di Apprendimento avrà indicativamente una durata bimestrale, al termine di ogni unità saranno somministrate prove di verifica che forniranno agli insegnanti elementi per rivedere e riadattare il percorso. La valutazione delle prove terrà conto: - del livello di partenza di ciascun alunno; - delle modificazioni evidenziate nel processo di insegnamento/apprendimento/formazione; - della documentazione e dei prodotti realizzati; - dell orientamento e delle decisioni emerse durante l attività. STRUMENTI Per realizzare la valutazione saranno utilizzati molteplici strumenti: - l osservazione; - l intervista; - il colloquio; - i lavori degli allievi.

10 SCUOLA PRIMARIA DI ABBIADORI CLASSE 4^ A Segmento progettuale Uguali e insieme! DISCIPLINE COINVOLTE TEMPI DI REALIZZAZIONE Anno Scolastico 2014/2015 Docenti impegnati nei Sp: Depperu, Melino, Peddis, Angius CONTENUTI E ATTIVITA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE IN USCITA L alunno: Lettura della storia della Costituzione italiana. Conversazioni collettive e questionario sulla Costituzione italiana. Conversazioni collettive e questionario sul concetto della pari dignità sociale. Lettura di una pagina di diario e domande a risposta aperta e chiusa. Conversazioni collettive sul principio di uguaglianza. Cittadinanza e Costituzione Conoscere la storia della Costituzione italiana. Riflettere sulla pari dignità sociale sancita nell articolo 3 della Costituzione italiana. Riflettere sul principio di uguaglianza sancito nell articolo 3 della Costituzione italiana. conosce la storia della Costituzione italiana; riflette sulla pari opportunità sancita nell articolo 3 della Costituzione italiana; riflette sul principio di uguaglianza sancito nell articolo 3 della Costituzione italiana;

11 Letture sull uguaglianza senza distinzione di sesso. Titolazione di sequenze per illustrare l origine della Giornata della Donna. Lettura di una poesia e riflessioni sull importanza del nome. Completamento di una carta d identità. Lettura di poesie e documenti sulla bandiera italiana. Osservazione dell emblema della Repubblica italiana: i suoi elementi e il loro significato. Indagini sulle abitudini di igiene orale della classe. Osservazione della struttura di un dente e delle sue parti. Lettura e questionario sulla carie. Elaborazione di un decalogo per una corretta prevenzione dentale. Individuare i segni distintivi della propria identità. Conoscere i segni costituzionali dell Unità d Italia. Riconoscere comportamenti idonei per la propria salute e il proprio benessere. Riconoscere i ruoli e le funzioni nella famiglia. Riconoscere i ruoli e le funzioni nella scuola. individua i segni distintivi della propria identità; conosce i segni costituzionali dell Unità d Italia; riconosce comportamenti idonei per la propria salute e il proprio benessere ; riconosce i ruoli e le funzioni nella famiglia; riconoscere i ruoli e le funzioni nella scuola;

12 Lettura di una poesia e riflessione sulla funzione della famiglia. Presentazione e descrizione della famiglia con individuazione dei compiti svolti dai genitori. Lettura di un brano e conversazione sulle cause più frequenti dei conflitti genitori-figli. Lettura del regolamento di istituto e individuazione dei diritti e dei doveri di alunni, genitori, docenti, collaboratori scolastici e dirigente scolastico. Lettura dell articolo 34 della Costituzione italiana e riflessioni sul diritto allo studio. Lettura di una favola sull importanza della collaborazione. Realizzazione di un regolamento con comportamenti obbligatori, vietati e permessi. Elaborare un regolamento di classe. Riconoscere e attuare comportamenti di rispetto dell ambiente. elabora un regolamento di classe. riconosce e attua comportamenti di rispetto dell ambiente.

13 Segmento Progettuale N. 1 Leggo per capire OBIETTIVO FORMATIVO Conoscere e utilizzare i nuovi linguaggi specifici delle diverse discipline..

14 SCUOLA PRIMARIA DI ABBIADORI CLASSE 4^ A Segmento Progettuale N 1: Leggo per capire DISCIPLINE COINVOLTE TEMPI DI REALIZZAZIONE Ottobre-Novembre Docenti impegnati nel 1 segmento progettuale Depperu, Melino, Peddis. CONTENUTI E ATTIVITA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE IN USCITA Rappresentazione con l'abaco, lettura e scrittura dei numeri oltre il Esercizi di composizione e scomposizione dei numeri. Esercizi di confronto dei numeri naturali oltre il 1000 con l'uso corretto dei simboli >, <, =. Esercizi di di scrittura nel sistema di numerazione romano. Esercizi di cambio con l'abaco. Individuare i dati essenziali per la risoluzione di un problema. Risoluzione dei problemi con le quattro operazioni. Risolvere problemi con due domande e due operazioni. Esercizi di calcolo mentale e scritto. Esercizi per il calcolo rapido. Esecuzione di addizioni e sottrazioni in colonna. Esercizi per eseguire moltiplicazioni in riga. Osservazione della Tavola Pitagorica ed esecuzione di esercizi di rappresentazione di una classificazione e di calcolo. Leggere, scrivere e rappresentare i numeri in base 10 oltre Scomporre e comporre i numeri in unità, decine e centinaia semplici e in unità, decine e centinaia di migliaia. Conoscere i numeri romani. Effettuare cambi tra migliaia, centinaia, decine e unità. Individuare i dati essenziali per la risoluzione di un problema. Risolvere problemi con una domanda e un'operazione per comprendere il significato delle quattro operazioni. Risolvere problemi con due domande e due operazioni. Eseguire calcoli mentali di addizione e sottrazione. Applicare le proprietà commutativa e associativa della moltiplicazione. Applicare la proprietà distributiva della moltiplicazione rispetto all'addizione e alla sottrazione. Eseguire calcoli mentali di moltiplicazioni. Individuare i multipli di un numero. L alunno: legge, scrive, confronta e ordina numeri naturali entro il milione; si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali; intuisce come gli strumenti matematici che ha imparato ad utilizzare siano utili per operare nella realtà.

15 SCUOLA PRIMARIA DI ABBIADORI CLASSE 4^ A UNITA DI APPRENDIMENTO N 1: DISCIPLINE COINVOLTE TEMPI DI REALIZZAZIONE Ottobre-Novembre Docenti impegnati nel 1 segmento progettuale Depperu, Melino, Peddis. Leggo per capire CONTENUTI E ATTIVITA SPAZIO E FIGURE Rappresentazione grafica del piano cartesiano. Individuazione di un punto. Definizione di: retta, semiretta, segmento. Definizione di angolo. Misura dell'ampiezza degli angoli e rappresentazione grafica di vari angoli. Uso del goniometro. Definizione di rette incidenti, perpendicolari e parallele. RELAZIONI, DATI E PREVISIONI Esercizi per il riconoscimento di frasi vere e false. Esercizi per la classificazione. Matematica OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SPAZIO E FIGURE Utilizzare il piano cartesiano per individuare punti dati. Rafforzare i concetti di linea retta, semiretta e segmento. Conoscere la definizione di angolo. Misurare e disegnare gli angoli. Rafforzare i concetti di incidenza, perpendicolarità e parallelismo. RELAZIONI, DATI E PREVISIONI Attribuire valore di verità a enunciati logici. Classificare in base a tre attributi dati utilizzando i diagrammi di Venn, di Carrol, e ad albero. COMPETENZE IN USCITA L alunno: legge, scrive, confronta e ordina numeri naturali entro il milione; si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali; intuisce come gli strumenti matematici che ha imparato ad utilizzare siano utili per operare nella realtà.

16 CONTENUTI E ATTIVITA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE IN USCITA Le proprietà della materia: volume, massa e peso. L'atomo e la molecola; gli elementi e i composti. Gli stati di aggregazione della materia: solido, liquido e gassoso. L'energia termica. La differenza tra calore e temperatura. Le unità di misura: kcal e C. Classificazione di materiali conduttori e isolanti. La dilatazione termica nei solidi, nei liquidi e nei gas. I passaggi di stato della materia: la sublimazione e la fusione dei solidi; la solidificazione e la vaporizzazione dei liquidi; il brinamento e la condensazione dei gas. Osservazione di passaggi di stato. Le miscele omogenee e eterogenee. La composizione dell'aria: una miscela omogenea di gas. Le proprietà dell'aria. L'idrosfera. Gli stati d'aggregazione dell'acqua. Scienze e Tecnologia Individuare le proprietà della materia. Osservare gli stati di aggregazione della materia. Individuare il concetto di calore. Conoscere i modi di trasmissione del calore. Conoscere la dilatazione termica della materia. Osservare i passaggi di stato della materia. Individuare le proprietà dell'aria. Individuare le proprietà dell'acqua. Realizzazione di esperimenti. Progettare e realizzare oggetti a partire da altri. Comprendere il funzionamento del microscopio. esplora i fenomeni naturali con un approccio scientifico, li descrive e realizza semplici esperimenti; individua nei fenomeni somiglianze e differenze, esegue misurazioni, registra dati significativi e identifica relazioni.

17 CONTENUTI E ATTIVITA COMPETENZE IN USCITA Gli elementi e i fattori climatici. Le regioni climatiche ( terrestri e italiane ) e i relativi paesaggi. Formulazione di ipotesi sul clima, mettendo in relazione dati diversi. Osservazione e lettura di carte climatiche. Ricerca di informazioni da diverse fonti sulla flora e sulla fauna tipiche di una determinata regione climatica. Le principali pianure italiane. L alta e la bassa pianura. Gli interventi umani e l urbanizzazione. Le bonifiche. Geografia OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il Sistema Solare. Conoscere il pianeta Terra. Orientarsi sul mappamondo utilizzando i punti cardinali. Orientarsi attraverso le coordinate geografiche. Conoscere cause ed effetti del moto di rotazione della Terra. Conoscere cause ed effetti del moto di rivoluzione. Leggere e interpretare il planisfero. Ricavare informazioni dalla lettura di una carta tematica. Cogliere relazioni di causa-effetto tra gli elementi e i fattori del clima. Localizzare le pianure sulla carta fisica dell Italia. Comprendere gli effetti dell intervento umano sulle zone Ricava informazioni geografiche da fonti cartografiche, fotografiche, artisticoletterarie anche mediante l uso delle tecnologie digitali. Riconosce i caratteri che connotano i principali paesaggi italiani, individuando analogie e differnze.

18 pianeggianti italiane. CONTENUTI E ATTIVITA Strategie di ascolto attivo. Pause, intonazione, gestualità del parlato. La punteggiatura. Esperienze di comunicazioni orali con differenti finalità: monologo, dialogo, intervista, spot pubblicitario. Traduzioni da un codice linguistico all altro. Principali tecniche descrittive dell ambiente secondo lo spazio, la logica, la funzione. Relazioni di significato tra le parole (sinonimia, omonimia, gradazioni di significato). Esperienze di raccolta di dati sensoriali nel luogo del cuore. Ricerca di schemi descrittivi e riorganizzazione dei dati. Manipolazioni testuali. Giochi linguistici. Discipline interessate Italiano OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Partecipare alle interazioni comunicative esprimendo pensieri e stati d animo attraverso il parlare spontaneo o pianificato. Riferire esperienze visive personali in modo chiaro ed espressivo. Sfruttare le informazioni delle immagini per farsi un idea del testo. Produrre tasti descrittivi dell ambiente. COMPETENZE IN USCITA Coglie le operazioni che si fanno quando si comunica e le diverse scelte determinate dalla varietà di situazioni in cui la lingua si usa. Rielabora testi trasformandoli e/o manipolandoli. Svolge attività di riflessione linguistica su ciò che si dice, si scrive, si ascolta, si legge. Comprende testi e ne individua il senso globale.

19 CONTENUTI E ATTIVITA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE IN USCITA I Popoli della Mesopotamia. La civiltà dell antico Egitto e l importanza dei fiumi. Lettura di carte geo storiche e comparazione con le linee del tempo. Uso di testi e di immagini per comparare e ricostruire i quadri di civiltà. Storia Organizzare le informazioni su una civiltà in base a indicatori dati. Individuare e rappresentare periodi sulla linea del tempo. Cogliere mutamenti e permanenze Ricavare informazioni da fonti documentarie. Organizzare informazioni. Organizza la conoscenza usando semplici categorie. Conosce le civiltà e individua le relazioni tra gruppi umani e contesti spaziali. Interpretazione artistica di elementi di paesaggi naturali. Tecniche di sovrapposizione. Confronto tra le diverse rappresentazioni/espressioni. Sperimentazione personale di interpretazioni espressive di tipo fantastico. Arte e immagine Cogliere la libertà e la potenzialità espressiva dell esperienza artistica negli elementi della natura e reinterpretarla. Rielaborare creativamente materiali inusuali per descrivere la realtà attraverso immagini. Legge gli aspetti formali di alcune opere e utilizza le conoscenze del linguaggio visuale per produrre e rielaborare in modo creativo le immagini attraverso molteplici tecniche.

20 Contenuti e attività Discipline interessate Obiettivi di apprendimento Competenze in uscita I valori musicali conosciuti e le note della scala musicale. Giochi di imitazione vocale con gesti suono e strumenti. Regole elementari e pratiche di composizione. Ricerca di una scena da musicare e degli oggetti sonori da utilizzare. Musica Improvvisare cellule ritmico melodiche con la voce, il corpo e gli strumenti. Costruire piccoli pezzi musicali. Articola combinazioni ritmico melodiche applicando schemi elementari. Esegue in gruppo alcuni brani vocali. Gli schemi motori combinati. Giochi individuali, a coppie, in piccoli gruppi, a squadre. Prove a tempo in cui sperimentare schemi motori combinati e parametri fisici in relazione all utilizzo di piccoli attrezzi. Corpo, movimento e sport Organizzare condotte motorie sempre più complesse. Coordinare vari schemi di movimento in simultaneità e successione. Sperimenta, in forma semplificata e sempre più complessa, diverse gestualità tecniche. Si muove rispettando alcuni criteri di sicurezza per sé e per gli altri.

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale ISTITUTO COMPRENSIVO ARCOLA-AMEGLIA Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: Storia, Geografia, Arte e immagine, Musica, Educazione fisica, Religione Anno

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli