Ouverture de Comunicazione e mercati globali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ouverture de Comunicazione e mercati globali"

Transcript

1 Ouverture de Comunicazione e mercati globali Silvio M. Brondoni * 1. Overture La comunicazione è un fenomeno complesso, con numerose dimensioni scientifiche ed operative, tra cui assumono prioritario rilievo: la psicologia, la sociologia, la tecnologia, il diritto, l etica, l economia politica e l economia d impresa. La psicologia e la sociologia, in particolare, hanno rappresentato le aree tematiche primigenie dello studio teorico ed applicativo della pubblicità e quindi della moderna comunicazione d impresa. L interesse per l approfondimento psicologico e sociologico conseguiva soprattutto dalla spinta determinante delle agenzie di pubblicità nord-americane cui si affiancarono, dalla seconda metà degli anni 50, le agenzie pubblicitarie europee più professionali- che finalizzavano i risultati delle ricerche psicologiche e sociologiche allo sviluppo della comunicazione commerciale. Proprio in quegli anni, le imprese nord-americane sperimentavano la fine dei consumi indifferenziati (fondati sulla crescita della domanda primaria e indotti dallo sviluppo della prima industrializzazione di massa) e iniziavano a competere per acquisire quote di mercato, passando da una price competition ad una non-price competition basata su una molteplicità di strumenti di comunicazione commerciale (advertising, sales promotion, publicity, public relations, ecc.). L approfondimento della comunicazione in una dimensione economico-- aziendale individua un corpus teorico relativamente recente, che si è sviluppato per contribuire a delineare con rigore di metodo un complesso di innovative * Editor-in-Chief Symphonya. Emerging Issues in Management

2 esperienze delle imprese ed in particolare delle organizzazioni impegnate nei processi competitivi di globalizzazione. In effetti, gli stimoli cross cultural dei mercati globali che palesano un articolazione di ideologie, bisogni e valori- impongono una gestione dei fenomeni di offerta e di domanda più sofisticata di quanto consenta la consolidata concettualizzazione di marketing e pubblicitaria. In una prospettiva di confronto globale, infatti, la comunicazione d impresa deve affrontare una società dove i valori simbolici si intrecciano con bisogni multidimensionale, con confini tra impresa e società fluidi e permeabili, per cui occorre ripensare la funzione della comunicazione, rispetto alla realtà che esisteva negli anni 30 o negli anni 60, od anche fino ai primi anni 80. L evoluzione e la diffusione delle tecnologie digitali hanno infine determinato un crescente utilizzo di soluzioni multimediali per lo scambio di informazioni e di esperienze, con un importante impatto sulla società, sulle relazioni con la domanda e sulle dimensioni di concorrenza. Negli anni più recenti, la comunicazione ha registrato lo sviluppo di numerosi, nuovi settori disciplinari e professionali, proponendo sistemi e applicazioni complessi di flussi informativi, tra cui si possono ricordare: la medicina, le scienze della formazione e l organizzazione del lavoro (telelavoro, apprendimento a distanza, ecc.). I profondi mutamenti intervenuti nel concetto di offerta globale, i nuovi rapporti spazio-temporali di competizione, l evoluzione nella progettazione dei prodotti ed infine i trends di innovatività dei modelli di consumo, nel loro complesso hanno contribuito a valorizzare il ruolo della comunicazione. In sistemi economici sempre più aperti, le imprese enfatizzano un moderno concetto di comunicazione, inteso come strumento di concorrenza e sviluppo, in cui comporre armonicamente le diverse finalità di organizzazioni globali con struttura a network e una molteplicità di strumenti, da utilizzare in modo coordinato e sinergico nei confronti di pubblici esterni, interni e «co-makers». L analisi della comunicazione secondo una visione economico-aziendale presuppone che il focus di sintesi si sposti dal sistema economico generale alla gestione d azienda, privilegiando uno specifico corpus di caratteri identificativì, che tipicamente riguardano: la pianificazione secondo una logica costi/benefici; l ottimizzarione vincolata delle scelte pianificate; la verifica dei risultati. Secondo una concezione economico-aziendale, quindi, la comunicazione individua un processo specificamente orientato al raggiungimento delle finalità d azienda, rovesciando, in particolare, il nesso di causa-effetto, per cui l impresa decide di avvalersi degli strumenti di comunicazione proprio per divenire motore dello sviluppo di un dato sistema economico, anziché subire passivamente il condizionamento derivante da confini di concorrenza definiti e non modificabili.

3 2. Corporate Communication e mercati globali Nei mercati globali, il tempo e lo spazio costituiscono fattori critici di competizione. Con la globalizzazione, lo spazio competitivo aziendale non può più essere ricondotto a confini fisici e amministrativi, ma occorre considerare lo spazio come una variabile strategica di competizione. Le tecnologie digitali, in particolare, hanno permesso il superamento dei vincoli spaziali di competizione, permettendo che ricevente e destinatario dei flussi di comunicazione non dovessero più essere presenti contemporaneamente nello stesso luogo fisico, potendo essere a grande distanza l uno dall altro. L abbattimento dei vincoli spaziali ha avvalorato la flessibilità per quando riguarda la gestione dei flussi di comunicazione, dando la possibilità di spaziare su orizzonti molto ampi per la scelta di partner, che altrimenti con mezzi di comunicazione tradizionale non si sarebbero mai potuti raggiungere. In sintesi, le tecnologie digitali hanno modificato drasticamente la gestione dello spazio nei rapporti con il mercato, e così sarà sempre più possibile raggiungere gli stakeholder critici in qualsiasi luogo essi si trovino senza difficoltà di veicolazione del messaggio, a costi decrescenti, in qualsiasi momento e con un mix crescente di strumenti utilizzabili, poiché le tecnologie digitali offrono canali e strumenti sempre nuovi per comunicare efficacemente. Le tecnologie digitali di comunicazione hanno rivoluzionato anche la gestione del tempo di concorrenza. Il tempo è un altra variabile critica per competere a livello globale e per acquisire un vantaggio competitivo. In effetti, con la comunicazione digitale il tempo di avvio della veicolazione di un messaggio coincide perfettamente con il tempo di ricezione dello stesso, ed inoltre è possibile conoscere in tempo reale la reazione del destinatario a cui si è inviato il flusso informativo. Le tecnologie digitali di comunicazione, abbattendo i limiti temporali, hanno rivoluzionato il processo di comunicazione, dal momento che i tempi di veicolazione si contraggono e l invio del messaggio e della risposta avvengono praticamente in contemporanea con meccanismi di comunicazione interattiva. In sintesi, le tecnologie digitali hanno profondamente modificato i rapporti tra azienda e mercato, annullando i vincoli spaziali di relazione e influenzando la gestione del tempo di azione/reazione. In virtù di una comunicazione sempre più interattiva ed iterativa, che produce nuove tempistiche di approccio a mercati vasti e complessi, si annullano le distanze spaziali con la possibilità di capire e soddisfare in tempo reale le esigenze degli stakeholder critici. La comunicazione digitale consente inoltre una compressione del tempo a disposizione delle aziende per l attività concorrenziale ed al contempo permette una valorizzazione del tempo stesso (scelta del tempo di azione/risposta). Con la comunicazione digitale, quindi, il tempo assume il ruolo di fattore competitivo, spingendo le aziende ad agire prima e meglio dei competitor nella soddisfazione dei bisogni della clientela, per acquisire continui ed instabili vantaggi competitivi, soprattutto con la gestione di bolle di domanda.

4 3. Comunicazione digitale e rapporti di spazio e tempo con il mercato Lo sviluppo delle tecnologie digitali ha determinato un radicale cambiamento dei mezzi di comunicazione e delle relazioni che intercorrono tra le aziende e il mercato. In effetti, i tradizionali mass media -come TV, radio, quotidiani e periodiciesprimono processi analogici di trasmissione dei flussi informativi, ed in tal senso dati e informazioni formano specifici insiemi di proprietà fisiche che possono essere diffusi o conservati solo mediante altre forme fisiche analogiche di veicolazione e di archiviazione. Con i media in forma analogica, inoltre, le aziende possono comunicare con il mercato solo assumendo una massa indistinta di destinatari, senza poterli individuare singolarmente. Infine, i media analogici impongono che prima si formino i supporti (media) e poi si determinino contenuti e destinatari ( First Business, Second Community ). Per contro, i media digitali prevedono che prima si definiscano i contenuti, da veicolare poi ai destinatari ( First Community, Second Business ). La digitalizzazione della comunicazione (trasformando dati, testi, suoni, immagini in sequenze di zero e uno) ha completamente modificato i processi di trasmissione e di conservazione di ogni tipo di informazione, mediante: la dematerializzazione del messaggio; la compressione di grandi quantità di dati in spazi molto piccoli; la possibilità di integrare contenuti di natura differente, senza doverli riprodurre su supporti fisici; l accessibilità ai flussi informativi ad alta velocità, anche in condivisione multipla e in condizioni wireless; la manipolazione e la duplicazione in tempi rapidi,a costi decrescenti e senza vincoli di localizzazione fisica; ed infine, lo sviluppo di processi di comunicazione a due vie, senza vincoli gerarchici tra fonte e destinatario. In sintesi, la comunicazione digitale ha eliminato i limiti spaziali e temporali tipici della comunicazione analogica e si caratterizza per: velocità di trasmissione dei contenuti; economicità di veicolazione e di conservazione dei flussi informativi; multimedialità di accesso contemporaneo a differenti strumenti e canali di comunicazione; interattività di gestione di processi di comunicazione a due vie. Le relazioni di spazio e tempo che caratterizzano i mercati globali impongono alle imprese di utilizzare la comunicazione digitale come uno strumento fondamentale per rapportarsi con il mercato stesso, utilizzando modalità di relazione innovative che presuppongono flussi circolari di informazioni, diretti dall'impresa al mercato e viceversa, senza poter facilmente individuare l'avvio e la conclusione dei singoli flussi. La comunicazione digitale permette quindi di sviluppare comunicazioni a due vie, tra l'azienda e singoli destinatari, con la possibilità di ottenere risposte immediate. Inoltre, l'enorme quantità di dati, che possono essere raccolti ed elaborati, permettono di conoscere il profilo di ogni singolo interlocutore e quindi di gestire ogni relazione in termini di unicità aggiornata e progressivamente qualificata. La digitalizzazione dei media e degli strumenti di comunicazione ha indotto le aziende a riformulare le relazioni di spazio e di tempo verso il mercato anche in termini di multimedialità interattiva. I nuovi mezzi digitali di comunicazione (Internet, telefonia cellulare, wireless, ecc.) hanno infatti generato il fenomeno

5 della convergenza, che tende a superare i limiti di integrazione analogica dei mezzi di comunicazione tradizionali (si pensi, ad esempio, a televisione, radio e stampa quotidiana/periodica), secondo cui ogni medium impone una gestione dei contenuti (redazionali e pubblicitari) sulla base di specifiche caratteristiche fisiche. Per contro, con la convergenza i mezzi digitali (potendo avvalersi di un identico standard) si fondono, interagiscono e sviluppano nuove potenzialità molto velocemente (ad esempio, oggi è possibile vedere un programma televisivo sul cellulare, navigare in internet con il televisore, ascoltare la radio dal cellulare o dal computer), e questo comporta una gestione della comunicazione integrata nei confronti dei primi destinatari (che ad evidenza non sono necessariamente i destinatari finali del messaggio, dal momento che questi ultimi possono essi stessi assumere il ruolo di fonte verso destinatari ulteriori, e cosi via). In altri termini, una gestione molto complessa che comporta un forte coordinamento tra i vari mezzi e strumenti utilizzati, i contenuti e le modalità di fruizione. E non è certamente un caso che l innovazione e la convergenza digitale siano state capite ed acquisite, prima e soprattutto, dalle aziende della grande distribuzione, che, per la loro collocazione naturale nella catena delle transazioni, hanno un rapporto molto stretto con i consumatori finali. I grandi retailer, infatti, grazie al massiccio utilizzo della comunicazione digitale, hanno potuto rafforzare i rapporti con la domanda finale, profilandone le aspettative di consumo con informazioni di gran lunga superiori a quelle dei grandi produttori di marca, acquisendo un vantaggio competitivo particolarmente rilevante nei mercati ad elevata intensità competitiva. 4. Interesse attivo e interesse passivo nella comunicazione d impresa Con gli strumenti ed i mezzi digitali, la comunicazione d impresa sviluppa una relazione a due vie. I destinatari dei flussi informativi spesso attivano peraltro flussi informativi verso l'azienda, proprio per soddisfare un crescente bisogno di informazione, con la creazione di un ruolo pro-attivo nelle relazioni tra azienda e mercato. Ruolo pro-attivo che è ancora più evidente nelle relazioni che intercorrono tra la domanda finale e il trade. Sulla base del patrimonio informativo aziendale, la comunicazione digitale permette di veicolare flussi informativi personalizzati a masse anche enormi- di soggetti profilati individualmente, con messaggi in grado di stimolare l'interesse attivo dei riceventi. Lo stimolo dell'interesse attivo individua il carattere distintivo della comunicazione digitale. Da un lato, infatti, non è più possibile diffondere messaggi ai destinatari senza adattarne i contenuti in relazione al singolo individuo sulla base delle informazioni in possesso delle aziende; d altra parte, la comunicazione aziendale in forma digitale consente al mercato (clienti, fornitori, azionisti, opinion leader, ecc.) di partecipare attivamente alla creazione dei contenuti comunicativi, sviluppando flussi di risposta (anche immediati), sulla base di un interesse attivo che per l azienda rappresenta il punto di partenza per coinvolgere il mercato, instaurando relazioni di valore e durature.

6 La comunicazione diretta e a due vie con il mercato, basata su un interesse attivo nelle relazioni, è invece del tutto assente nei tradizionali strumenti e media analogici, la cui operatività si confronta con un interesse passivo, da suscitare e possibilmente indirizzare verso definiti comportamenti (in genere di consumo oppure di consenso), da massimizzare con la ripetizione del messaggio e la copertura della audience. Nel processo di comunicazione, d altra parte, i meccanismi di sollecitazione dell interesse passivo hanno sempre caratterizzato l efficacia e l efficienza dei canali, dei media e degli strumenti di informazione analogici. Addirittura, a ben vedere, il ciclo di rilevanza sociale dei diversi media (ad esempio, la fine del teatro come fenomeno di comunicazione di massa al comparire del cinema) può essere esaminato osservando l evoluzione delle varie fasi di vita di un mass media (nascita, sviluppo, splendore, maturità e decadenza) rispetto all interesse (passivo) suscitato dal medium stesso presso determinate audience, cioè in termini di attenzione (passiva) dedicata ai contenuti veicolati da lettori (stampa), spettatori (teatro, cinema, TV) e ascoltatori (radio). per il balletto la matrice fu lombarda, dal tempo di Bergonzio Botta che nel 1489, a Tortona, organizza uno spettacolo coreografico per le nozze di Galeazzo Sforza e Isabella d Aragona Lombarda fu anche la grande editoria dell Ottocento. Ricordi, Lucca, Sonzogno, furono dominatori dello spettacolo lirico e acuti impresari, gelosi dei loro diritti e dei loro autori. (Giampiero Tintori, Introduzione a Teatri della Lombardia, Nuove Edizioni, Milano 1980). Nel 1977, in Lombardia esistevano e funzionavano 208 teatri La decadenza del melodramma prima e poi del teatro di prosa ha finito per vanificare l esigenza del grande teatro, della grande sala per spettacoli che, per tutto l Ottocento e il primo Novecento univano alle funzioni specifiche quelle di rappresentanza della città. La comunità non ambisce più rispecchiarsi nel teatro che, dopo la Cattedrale e il Palazzo era un tempo una sorta di bandiera civica. (Graziella de Florentiis, L attività teatrale in Lombardia, in Teatri della Lombardia, Nuove Edizioni, Milano 1980, p.36). col venir meno di quella capillare articolazione territoriale della vita operistica che aveva caratterizzato il XIX secolo e gli esordi del XX secolo, si è inevitabilmente determinato un concentramento delle risorse a vantaggio delle realtà di maggior spicco Il teatro d opera, nel collocarsi ai giorni nostri entro l universo dell industria culturale, conserva forse una soltanto delle straordinarie caratteristiche cui deve il suo antico fascino: l elevatissimo e dunque grandemente selettivo- costo di allestimento e di rappresentazione. (Luigi Ferrari, La cultura

7 lombarda e le nuove vie dell opera, in Vita teatrale in Lombardia, CARIPLO, Milano, 1982, p.163). Come si comportava il pubblico a teatro? Assai diversamente, a seconda dell epoca l attenzione che oggi viene prestata agli spettacoli, non si riscontrava nei teatri minori e neppure alla Scala nei ridotti del teatro e nei salottini riservati si muoveva la vita notturna del giuoco d azzardo e delle avventure galanti Ogni palchetto era fornito di un retropalco o salottino in cui si poteva persino far cucina. (Graziella de Florentiis, I teatri lombardi e il pubblico, in Vita teatrale in Lombardia, CARIPLO, Milano, 1982, p ). Nei primi anni del secolo scorso, il cinema conobbe una straordinaria affermazione. Fu sostanzialmente tra i tendoni delle fiere che le prime proiezioni si fecero conoscere al pubblico più vasto. Accanto al circo equestre, a un esposizione orientale, a un altalena napoletana e ad altre attrazioni spunta pure il tendone di un cinematografo. (La Provincia, febbraio 1903). In sintesi, l interesse passivo rappresenta il parametro-chiave per la valutazione dell efficacia e dell efficienza dei processi one-way di comunicazione analogica (nel cui ambito assumono specifica importanza i processi di comunicazione pubblicitaria). La centralità dell interesse passivo nelle stime di validità degli strumenti e dei media analogici permette anche di verificare la vacuità del cosiddetto interesse subliminale nelle politiche di comunicazione aziendale, e specificamente nella pubblicità di natura analogica. L interesse per le percezioni subliminali risale a voci su alcuni esperimenti cinematografici che sarebbero stati condotti sulle truppe USA con alcune proiezioni, durante l occupazione in Europa- per inculcare sentimenti di ostilità verso i soldati nemici. Di questi esperimenti non vi sono tuttavia notizie ufficiali, né riscontri scientifici; e parimenti non vi è evidenza scientifica dell esperimento cinematografico citato dal Marketing Manager nord-americano James Vicary (1957) per illustrare le potenzialità commerciali della pubblicità subliminale, che prospetta addirittura di condizionare le scelte dei consumi delle persone proponendo messaggi di cui le persone stesse rimanevano ignare. Il dibattito etico sulla legittimità delle comunicazioni subliminali dilagò nell opinione pubblica (anche con toni folcloristici) quando, sempre nel 1957, Vance Packard pubblicò il libro I persuasori occulti, che in realtà presentava un esasperata critica sulla presunta forza persuasiva delle agenzie pubblicitarie USA. Comunque, nel 1958, per bloccare i timori di possibili condizionamenti subliminali, la Federal Communication Commission e la Federal Trade Communication (cioè le massime autorità istituzionali americane), in modo preventivo e senza alcuna prova scientifica di effettivi utilizzi a fini manipolatori, vietarono la pubblicità subliminale, esortando le agenzie di pubblicità e i media ad assumere comportamenti etici e professionalmente corretti.

8 La comunicazione subliminale ha pertanto attirato una certa curiosità del mondo professionale e politico nel secolo scorso, ma in concreto ha ricoperto un ruolo operativo nullo; infatti, i casi noti di messaggi subliminali sono stati scoperti (su indicazione degli autori) sempre e solo con la tecnica del backmasking, cioè esaminando i filmati al rallentatore ed al contrario (confermando la debolezza della tecnica, cioè che i messaggi potessero raggiungere il livello cosciente dell audience). In verità, la inconsistenza della pubblicità subliminale si era già rivelata alla fine degli anni 60, quando i consumi di massa si stabilizzarono, i sedicenti persuasori occulti svanirono nel nulla e le comunicazioni commerciali si dovettero confrontare prima con la dura realtà della concorrenza (per la conquista delle quote di mercato) e poi con gli indici di affollamento pubblicitario dei media. In conclusione, la moderna corporate communication delle imprese operanti su mercati globali è gestita: da un lato con mass media analogici (caratterizzati da un predominio gerarchico della fonte e da un interesse passivo delle audience), realizzando politiche di comunicazione one-way, rivolte a destinatari costituiti da masse indistinguibili e identificabili solo con stime di audience (push strategy communication); e dall altro, spesso in forma integrata con le comunicazioni analogiche, attivando comunicazioni di natura digitale per stimolare l interesse attivo di destinatari profilati singolarmente, che cessano di essere solo ricettori passivi di messaggi e proposte aziendali e per contro attivano processi di comunicazione a due vie, talvolta addirittura partecipando concretamente alla progettazione delle offerte aziendali e comunque selezionando le informazioni da accettare (pull strategy communication).

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Clienti davvero fedeli ecco come fare

Clienti davvero fedeli ecco come fare Clienti davvero fedeli ecco come fare Che avere clienti fedeli sia un balsamo per i risultati aziendali nessuno lo mette in dubbio. Il problema è che la fedeltà dei clienti, soprattutto quelli migliori,

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL MARKETING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA SOMMARIO PREMESSA... 5 PRINCIPI E FASI DEL MARKETING... 6 BISOGNI, DESIDERI, DOMANDA... 6 VALORE, COSTO E SODDISFAZIONE...

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli