Templeton Mercati Emergenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Templeton Mercati Emergenti"

Transcript

1 A FRANKLIN TEMPLETON INVESTMENTS NEWSLETTER Templeton Mercati Emergenti - Relazione mensile: Novembre 2014 Mark Mobius, Executive Chairman, Templeton Emerging Markets Group Panoramica I mercati globali hanno terminato moderatamente più in alto, aiutati da un solido flusso di dati economici USA, e le misure di allentamento monetario hanno incluso tagli ai tassi di interesse in Cina, quantitative easing in Europa e rinvii agli incrementi fiscali in Giappone. I mercati emergenti e di frontiera, con esposizioni relativamente maggiori rispetto ai loro omologhi dei paesi sviluppati alla produzione di petrolio così come alle materie prime in generale, i cui prezzi hanno teso al ribasso, hanno visto performance sia positive che negative per terminare più in basso in generale. Gli Indici MSCI dei Mercati Emergenti e di Frontiera sono scesi dell 1,1% e del 4,6% rispettivamente, in dollari USA. La decisione dell Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) di mantenere i livelli di produzione nonostante segnali di offerta eccessiva ha determinato un calo di quasi il 20% nei prezzi del petrolio per il mese. I mercati emergenti fortemente esposti ai prezzi del petrolio hanno registrato una considerevole debolezza, e Colombia e Russia hanno assistito a cali a due cifre in dollari USA, e Malesia, Brasile e Messico si sono anch essi ritirati. Molta della debolezza è derivata dalle oscillazioni valutarie, con il Rublo russo particolarmente sotto pressione, dal momento che la crisi in Ucraina e le sanzioni dell Occidente hanno impattato l economia. La Turchia, al contrario, ha goduto di una performance forte. In qualità di importatore, la Turchia beneficia di più bassi prezzi del petrolio, e i prezzi azionari hanno beneficiato di dati delle partite correnti più forti del previsto. Grecia, Perù e la Repubblica Ceca hanno anch essi moderatamente guadagnato, mentre mercati asiatici quali India, Cina e Thailandia hanno terminato più in alto, sostenuti da tagli ai tassi di interesse cinesi e dalla decisione del Giappone di posticipare aumenti fiscali, così come da prezzi del petrolio più bassi. Aggiornamento Regionale Asia La People s Bank of China ha inaspettatamente tagliato i tassi di interesse per la prima volta in oltre due anni per sostenere la crescita economica. Il tasso ufficiale di finanziamento è stato ridotto di 40 punti base (0,4%) al 5,6%, mentre il tasso chiave di deposito a un anno è stato ridotto di 25 punti base (0,25%) al 2,75%. L inflazione è rimasta vicina ad un minimo di cinque anni ad ottobre, e l indice dei prezzi al consumo è rimasto invariato da settembre all 1,6% su base annua. La crescita nella produzione industriale è scesa al 7,7% anno su anno ad ottobre, dall 8,0% anno su anno a settembre. La crescita degli investimenti in asset fissi è rallentata al 15,9% su base annua nei primi dieci mesi del 2014, dal 16,1% su base annua nel periodo da gennaio fino a settembre. La crescita delle vendite al dettaglio è rimasta robusta all 11,5% su base annua ad ottobre, rispetto ad un incremento dell 11,6% su base annua a settembre. Ponendo fine ad un decennio di negoziati, Cina e Australia hanno sottoscritto un accordo di libero scambio che dovrebbe significativamente intensificare i rapporti e i commerci tra i due mercati. Al fine di accrescere i rapporti bilaterali, il Presidente messicano Enrique Peña Nieto e il suo corrispondente cinese Xi Jinping hanno sottoscritto accordi bilaterali del valore di 7,4 miliardi di USD nei settori di infrastrutture, tecnologia, beni alimentari, finanza e scienza. In occasione di una visita in Cina nel corso del mese, il Primo Ministro canadese Stephen Harper ha sottoscritto 20 accordi commerciali del valore di 2,2 miliardi di USD con la Cina ed ha discusso della creazione di un centro negoziazione di Renminbi offshore in Canada. Cina e Corea del Sud hanno concluso trattative su un accordo bilaterale di libero scambio; si prevede sarà sottoscritto un accordo formale all inizio del La Bank of Korea ha mantenuto il suo tasso di interesse di riferimento ad un minimo record del 2,0% per stimolare l economia domestica. La decisione ha seguito una riduzione di 25 punti base (0,25%) ad ottobre. L indice dei prezzi al consumo è salito all 1,2% anno su anno ad ottobre, dall 1,1% su base annua a settembre, ma è rimasto ben sotto la fascia obiettivo della Bank of Korea del 2,5% fino al 3,5%. L accresciuta concorrenza ha portato la crescita delle

2 esportazioni a scendere al 2,3% su base annua ad ottobre, dal 6,5% su base annua a settembre. Le importazioni, tuttavia, sono scese del 3,0% anno su anno, rispetto ad un incremento dell 8,0% anno su anno negli stessi periodi, principalmente a causa di più bassi prezzi di energia e materie prime. Questo è risultato nell ampliamento del surplus commerciale alla cifra record di 7,5 miliardi di USD ad ottobre, da 3,4 miliardi di USD a settembre. Al fine di accrescere i rapporti commerciali bilaterali e di investimento, Corea del Sud e Nuova Zelanda hanno concluso negoziati, che sono iniziati nel 2009, su un accordo di libero scambio. L accordo formale sarà sottoscritto all inizio del prossimo anno e sarà effettivo non appena le legislature dei due paesi ratificheranno l accordo. Corea del Sud e Cina hanno concluso trattative su un accordo di libero scambio bilaterale; si prevede la sottoscrizione di un accordo formale all inizio del La crescita del PIL in India è scesa al 5,3% su base annua nel terzo trimestre, dal 5,7% nel secondo trimestre perlopiù a causa di una flessione nei settori agricolo e manifatturiero. La crescita nel settore agricolo ha registrato una diminuzione al 3,2% anno su anno nel secondo trimestre, dal 5,0% anno su anno nel primo trimestre, mentre la crescita nella produzione manifatturiera è salita dello 0,1% su base annua, rispetto ad un incremento del 3,5% su base annua negli stessi periodi. L inflazione è scesa ad un minimo pluriennale ed è rimasta tranquillamente sotto al target di gennaio 2015 della Reserve Bank of India dell 8,0% principalmente in virtù di più bassi prezzi di beni alimentari e carburante. Ciononostante, la Reserve Bank finora ha rifiutato di ridurre i tassi di interesse al fine di sostenere il trend al ribasso nell inflazione. L inflazione dei prezzi al consumo è diminuito al 5,5% anno su anno ad ottobre, dal 6,5% anno su anno a settembre, mentre l inflazione dei prezzi all ingrosso è scesa all 1,8% su base annua dal 2,4% su base annua negli stessi periodi. Le esportazioni sono scese per la prima volta in sette mesi a causa della debole domanda estera. Le esportazioni sono diminuite del 5,0% anno su anno a 26,1 miliardi di USD ad ottobre, mentre le importazioni sono cresciute del 3,6% anno su anno a 39,5 miliardi di USD. Questo ha portato il deficit commerciale ad ampliarsi a 13,4 miliardi di USD ad ottobre. America Latina L indice dei prezzi al consumo del Brasile è sceso al 6,6% anno su anno ad ottobre, dal 6,8% anno su anno a settembre, rimanendo leggermente sopra il limite superiore della Banca Centrale del 6,5%. Una più bassa inflazione sui prezzi di beni alimentari e carburante è stata il principale motivo del calo. Il disavanzo delle partite correnti si è ampliato a 8,1 miliardi di USD ad ottobre, da 7,9 miliardi di USD a settembre, perlopiù a causa di una più debole bilancia commerciale. Questo ha portato il deficit rolling a 12 mesi a 84,4 miliardi di USD o il 3,7% del PIL. Le esportazioni di ottobre si sono contratte del 19,7% su base annua a 18,3 miliardi di USD, mentre le importazioni sono scese del 15,4% anno su anno a 19,5 miliardi di USD. Per i primi dieci mesi del 2014, sia le esportazioni che le importazioni sono scese del 4,2% su base annua, determinando un deficit commerciale di 1,9 miliardi di USD. Questo, tuttavia, è stato inferiore al deficit da 2,0 miliardi di USD registrato un anno prima. Le entrate dagli investimenti diretti esteri sono diminuite dell 8,5% su base annua a 5,0 miliardi di USD ad ottobre, mentre le entrate nette di portafoglio hanno totalizzato 5,3 miliardi di USD. Di conseguenza, le riserve in valuta estera sono aumentate di 320 milioni di USD a 376 miliardi di USD. Le vendite al dettaglio sono cresciute dello 0,5% anno su anno a settembre, dopo due mesi di decrementi su base annua. La produzione industriale, tuttavia, è diminuita del 2,1% su base annua. Il tasso nazionale di disoccupazione è sceso al 6,8% nel secondo trimestre, dal 7,1% nel primo trimestre, sostenuto da un aumento nella creazione di occupazione. Africa L economia del Sudafrica è cresciuta dell 1,4% anno su anno nel terzo trimestre, leggermente più velocemente del rivisto 1,3% anno su anno nel secondo trimestre. Seppure la crescita sia stata sostenuta da una robusta espansione dell 8,9% su base annua nel settore agricolo, uno sciopero di quattro settimane dei lavoratori metalmeccanici a luglio, la lenta ripresa nella produzione di platino dopo la fine dello sciopero dei lavoratori a giugno e la debole domanda al consumo hanno pesato sull economia. La Reserve Bank of South Africa ha lasciato il suo tasso di interesse di riferimento invariato al 5,75% a novembre in considerazione delle minori pressioni inflazionistiche e delle deboli prospettive di crescita economica. L indice dei prezzi al consumo di ottobre è rimasto entro la fascia obiettivo inflazionistica della South African Reserve Bank del 3% fino al 6%, ed invariato da settembre, al 5,9% anno su anno. La Banca Centrale ha abbassato leggermente la sua previsione di crescita del PIL 2014 all 1,4% dall 1,5%. Il deficit commerciale ha raggiunto il suo livello più alto in oltre quattro anni, dal momento che i prezzi delle materie prime hanno portato ad un incremento nelle importazioni di petrolio e minerali. Il deficit commerciale si è ampliato a 1,9 miliardi di USD ad ottobre, da 0,3 miliardi di FRANKLIN TEMPLETON INVESTMENTS Documento ad uso esclusivo di investitori professionali. Non destinato al pubblico. 2

3 USD a settembre. Le importazioni sono salite del 17,8% anno su anno, mentre le esportazioni sono scese dell 1,8% su base annua ad ottobre. Europa dell Est L indice dei prezzi al consumo della Russia è salito ad un massimo di quattro anni dell 8,3% su base annua ad ottobre, dall 8,0% su base annua a settembre, perlopiù a causa di più alti prezzi del cibo derivanti dal divieto alle importazioni imposto dal governo ad agosto. Il tasso di disoccupazione è cresciuto per il secondo mese consecutivo al 5,1% ad ottobre, dal 4,9% a settembre. Il settore manifatturiero è cresciuto al suo tasso più veloce in oltre due anni, e la produzione industriale è aumentata del 2,9% anno su anno ad ottobre, poiché un rublo più debole ha portato ad una maggiore sostituzione delle importazioni. Le importazioni si sono contratte per il secondo mese consecutivo a settembre con un calo del 13,4% su base annua a 38,8 miliardi di USD, mentre le importazioni sono scese del 10,0% su base annua a 25,8 miliardi di USD. Il surplus commerciale si è ridotto di circa il 20% anno su anno a 13,0 miliardi di USD a causa dei deboli prezzi del petrolio. Si è tenuto a Mosca il secondo incontro della Sotto-Commissione sulla Cooperazione Commerciale ed Economica tra Thailandia e Russia, ed entrambi i paesi hanno promesso di raddoppiare il valore dei commerci bilaterali a 10 miliardi di USD entro il 2016, e incrementare la cooperazione economica in settori quali turismo, investimenti e ricerca. Cina e Russia hanno sottoscritto una serie di accordi per intensificare la cooperazione bilaterale sull energia. Tra gli accordi sottoscritti vi è un memorandum di intesa per sviluppare un secondo percorso per rifornire gas naturale dalla Russia alla Cina. La Banca Centrale della Turchia ha mantenuto il suo tasso di interesse di riferimento all 8,25% per il quarto mese consecutivo a novembre. Le pressioni inflazionistiche sono aumentate, e l indice dei prezzi al consumo è salito al 9,0% anno su anno ad ottobre, dall 8,9% anno su anno a settembre. Il budget del governo centrale ha registrato un deficit di 6,7 miliardi di USD per i primi dieci mesi del 2014, rispetto ad un deficit di 3,5 miliardi di USD un anno prima. Il disavanzo delle partite correnti si è ridotto a 2,2 miliardi di USD a settembre, da 3,4 miliardi di USD a settembre Il disavanzo delle partite correnti cumulativo per il periodo da gennaio a settembre 2014 ha totalizzato 30,9 miliardi di USD, rispetto a 49,2 miliardi di USD un anno prima. Il deficit commerciale è diminuito a 45,2 miliardi di USD, da 60,6 miliardi di USD, mentre le esportazioni sono cresciute del 6,5% anno su anno e le importazioni sono diminuite del 4,2% anno su anno negli stessi periodi. Il tasso di disoccupazione aggiustato stagionalmente è rimasto invariato al 10,4% ad agosto, rispetto a luglio. Il Primo Ministro Ahmet Davutoglu ha annunciato un pacchetto di riforme onnicomprensivo per stimolare l economia attraverso riforme strutturali in una serie di settori inclusi commercio, energia e sanità. Notizie del mese: Q&A sui Mercati di Frontiera Quali sono le caratteristiche peculiari dei mercati di frontiera? Come essi differiscono da altre categorie quali i mercati emergenti? I mercati di frontiera possono essere considerati una sotto-categoria di mercati emergenti o una generazione più giovane di mercati emergenti e sono generalmente economie che si trovano al punto più basso della fase di sviluppo. Si tratta di mercati generalmente più piccoli, meno sviluppati e meno liquidi appartenenti ai mercati emergenti, che si ritiene siano nelle fasi iniziali dello sviluppo. In sostanza, essi rappresentano quello che mercati emergenti quali Brasile, Russia, India e Cina erano anni fa. I mercati di frontiera si trovano in tutto il mondo in America Latina, Africa, Europa centrale e orientale, e Asia. La lista è lunga e include paesi quali Nigeria, Kenya, Arabia Saudita, Kazakistan, Bangladesh, Vietnam, Pakistan, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Egitto, Ucraina, Romania, Argentina, e molti altri paesi. Perché gli investitori dovrebbero investire nei mercati di frontiera? Alti livelli di crescita economica, sviluppi locali positivi quali le riforme e livelli relativamente bassi di indebitamento di consumatori e governo, così come valutazioni interessanti, sono tra le attrattive dei mercati di frontiera. Inoltre, risorse naturali poco sfruttate, bassi costi del lavoro, trend demografici favorevoli e il potenziale allineamento tecnologico continuano a sostenere questi mercati. FRANKLIN TEMPLETON INVESTMENTS Documento ad uso esclusivo di investitori professionali. Non destinato al pubblico. 3

4 Nel periodo di 10 anni dal 2003 al 2013, i 10 principali paesi in più veloce crescita sono stati tutti mercati emergenti, otto dei quali erano mercati di frontiera. Questi paesi in più veloce crescita, oltre a Cina e India, hanno incluso i mercati di frontiera di Angola, Birmania, Nigeria, Etiopia, Uzbekistan, Chad, Mozambico, Cambogia, e Ruanda. Riteniamo che questo trend probabilmente continuerà, e si prevede che questi mercati di frontiera cresceranno più del 6% nel La crescita nei mercati sviluppati, in confronto, è stimata al 2% per il La correlazione relativamente bassa dei mercati di frontiera ai mercati globali dà agli investitori un opportunità di diversificare i loro portafogli di investimento. I mercati di frontiera hanno avuto storicamente una correlazione bassa coi mercati sviluppati ed emergenti, così come all interno di altri mercati di frontiera. Questo è in parte dovuto a differenze nei settori sottostanti e ai fattori di spinta della crescita in ciascun paese. Aggiungere esposizione ai mercati di frontiera, come componente della porzione internazionale di un portafoglio, potrebbe contribuire a ridurre la volatilità generale e a fornire una fonte di diversificazione. Di cosa gli investitori devono essere consapevoli quando investono nei mercati di frontiera? Alcuni investitori percepiscono che il premio della crescita dei mercati di frontiera è disponibile solo al costo di un rischio accresciuto causato da fattori quali instabilità politica, bassa protezione degli azionisti e corruzione. Noi sosteniamo che i rischi intrinsechi nella maggior parte dei mercati di frontiera sono più salienti, ma simili ai rischi politici, specifici di paesi e titoli in qualsiasi altro mercato, che sia sviluppato o emergente. Siamo particolarmente cauti dove i controlli del capitale e l espropriazione degli investitori potrebbero essere visti come rischi, ma pensiamo che questo rischio sia già prezzato nelle valutazioni azionarie dei mercati di frontiera che spesso scambiano a sconti, talvolta ampi sconti, rispetto ai loro omologhi emergenti e sviluppati. La bassa liquidità e le piccole dimensioni dei singoli mercati nei mercati di frontiera sono un altro fattore che ha scoraggiato gli investitori. Certamente questi fattori significano che è necessario essere pazienti per costruire posizioni. Ma è importante evidenziare che la capitalizzazione di mercato totale dei mercati di frontiera è cresciuta ed ha totalizzato miliardi di USD con un fatturato giornaliero medio di 4,4 miliardi di USD a fine novembre Inoltre, l assenza di grossi investitori da questi mercati riduce la concorrenza per i titoli, consentendo di accumulare posizioni a valutazioni interessanti. Una volta accumulate, le posizioni possono talvolta determinare la creazione di un premio mentre altri investitori cercano di accedere al mercato. La bassa liquidità comporta del rischio in caso di riscatti. I Mercati di Frontiera vedranno alti e bassi, ma vi è un grande potenziale nel lungo termine. A nostro avviso la chiave è individuare quei titoli con una gestione forte e prospettive di lungo periodo solide, acquisirli quando sono sfavoriti, e mantenere la posizione finché le pressioni dal sentiment di breve periodo si dissipano e consentono al valore dei titoli di emergere. Per chi sono adatti gli investimenti nei mercati di frontiera? E qual è il modo migliore per guadagnare esposizione a questa asset class? Gli investimenti nei mercati di frontiera sono più adatti agli investitori con un orizzonte di investimento di più lungo periodo ed una maggiore tolleranza al rischio. Siamo dell opinione che nel lungo periodo le prospettive di crescita per i mercati di frontiera e le aziende che operano in essi siano positive. Ci sarà volatilità lungo la strada, ma il potenziale è incredibile. Incoraggiamo fortemente gli investitori che non hanno il tempo o le competenze per condurre un analisi a livello societario efficace di investire attraverso un fondo comune diversificato. Vi sono diversi veicoli di investimento dove si può guadagnare accesso ai mercati di frontiera. Gli investitori possono investire attraverso azioni tipiche, obbligazioni, fondi comuni ed ETF. Tuttavia, l accessibilità alle azioni e alle obbligazioni dei mercati di frontiera è generalmente più difficile per i singoli investitori e sono disponibili ETF limitati che si specializzano nei mercati di frontiera. Di conseguenza, i fondi comuni hanno più senso e sono anche generalmente più diversificati. FRANKLIN TEMPLETON INVESTMENTS Documento ad uso esclusivo di investitori professionali. Non destinato al pubblico. 4

5 Informazioni Importanti Questo documento è da intendersi unicamente di interesse generale e non costituisce alcun consiglio di tipo legale o fiscale, e nemmeno un offerta di azioni o un invito a richiedere azioni di alcuna delle SICAV di diritto lussemburghese Franklin Templeton Investment Funds. Nessuna parte di questo documento deve essere interpretata come consiglio all investimento. Le sottoscrizioni alle azioni di un Fondo possono essere effettuate solo sulla base del prospetto del Fondo, del relativo Documento Chiave per gli Investitori, accompagnato dall ultima relazione annuale rivista disponibile e dall ultima relazione semi-annuale se pubblicata successivamente. Il valore delle azioni in un Fondo ed i rendimenti che ne derivano possono scendere come salire, e gli investitori possono non riottenere l intero importo investito. Le performance passate non sono garanzia di rendimenti futuri. Le fluttuazioni valutarie possono influire sul valore degli investimenti effettuati in valuta straniera. Quando si investe in un fondo denominato in una valuta estera, anche la vostra performance può subire variazioni dovute alle oscillazioni valutarie. Un investimento in un Fondo comporta rischi che sono descritti nel prospetto completo e nel Documento Informativo Chiave per gli Investitori. Nei mercati emergenti i rischi possono essere maggiori rispetto a quelli nei paesi sviluppati. Gli investimenti in strumenti derivati comportano rischi specifici più ampiamente descritti nel prospetto del Fondo e nel Documento Chiave per gli Investitori. Nessuna azione dei Fondi può essere direttamente o indirettamente offerta o venduta a cittadini o residenti degli Stati Uniti d America ed ai cittadini o residenti in Canada. Le azioni di un Fondo non sono disponibili per la distribuzione in tutte le giurisdizioni e i potenziali investitori sono tenuti a confermare la disponibilità con il loro rappresentante locale Franklin Templeton Investments prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. Qualsiasi ricerca ed analisi contenuta in questo documento è stata fornita da Franklin Templeton Investments per le sue finalità ed è a voi fornita solo per inciso. Riferimenti a particolari settori o aziende sono a scopo informativo generale e non sono necessariamente indicativi della posizione di un fondo in alcun momento. Siete pregati di consultarvi con il vostro consulente finanziario prima di decidere di investire. Una copia dell ultimo prospetto, del relativo Documento Chiave per gli Investitori e dell ultima relazione annuale e della relazione semi-annuale, se pubblicata successivamente, possono essere reperiti sul nostro sito web o reperiti senza alcun onere presso Franklin Templeton Italia Sim. Pubblicato da Franklin Templeton Italia SIM S.p.A. - Corso Italia, Milano - Tel: Fax: Franklin Templeton Investments. All rights reserved. FRANKLIN TEMPLETON INVESTMENTS Documento ad uso esclusivo di investitori professionali. Non destinato al pubblico. 5

Templeton Mercati Emergenti

Templeton Mercati Emergenti A FRANKLIN TEMPLETON INVESTMENTS NEWSLETTER Templeton Mercati Emergenti - Relazione mensile: Luglio 2015 Mark Mobius, Executive Chairman, Templeton Emerging Markets Group Panoramica A luglio i mercati

Dettagli

Templeton Mercati Emergenti

Templeton Mercati Emergenti A FRANKLIN TEMPLETON INVESTMENTS NEWSLETTER Templeton Mercati Emergenti - Relazione mensile: Febbraio 2015 Mark Mobius, Executive Chairman, Templeton Emerging Markets Group Panoramica I mercati emergenti

Dettagli

Templeton Mercati Emergenti

Templeton Mercati Emergenti A FRANKLIN TEMPLETON INVESTMENTS NEWSLETTER Templeton Mercati Emergenti - Relazione mensile: ottobre 2015 Mark Mobius, Executive Chairman, Templeton Emerging Markets Group Panoramica I mercati globali

Dettagli

Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali

Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali 2014 Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali R I S U L T A T I P R I N C I P A L I I risultati del nostro Sondaggio sul Sentiment degli Investitori Globali del 2014 indicano che gli investitori

Dettagli

Copertura Valutaria Franklin Templeton Investments

Copertura Valutaria Franklin Templeton Investments Copertura Valutaria COSA E LA COPERTURA VALUTARIA? La copertura valutaria è utilizzata allo scopo di ridurre l effetto causato sui rendimenti dalle fluttuazioni dei tassi di cambio. I movimenti valutari

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Franklin Templeton Le cedole mensili Novembre 2012. Materiale ad uso esclusivo di investitori professionali. Non destinato al pubblico

Franklin Templeton Le cedole mensili Novembre 2012. Materiale ad uso esclusivo di investitori professionali. Non destinato al pubblico Franklin Templeton Le cedole mensili Novembre 2012 Sfruttare al meglio tutte le possibilità offerte dalle cedole Perché i fondi a cedola mensile? Individuare e soddisfare i bisogni del cliente La cedola

Dettagli

Beneficiare dei trend GL BALI

Beneficiare dei trend GL BALI Beneficiare dei trend GL BALI I Trend Globali Cambieranno il Futuro degli Investimenti Parlare di investimenti globali non è certo una novità in qualità di gestori globali di successo ce ne occupiamo ormai

Dettagli

Confronto Europa - USA

Confronto Europa - USA Novembre 2012 Confronto Europa - USA Uwe Zoellner Gestore di Portafoglio Franklin European Group Grant Bowers Vice Presidente Gestore di Portafoglio Franklin European Group Domanda Qual è la vostra visione

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

Franklin Templeton Investments

Franklin Templeton Investments Franklin Templeton Investments I Portafogli a Cedola Aprile 2014 Le cedole Franklin Templeton «Bilanciamo» i nostri portafogli a cedola La nostra selezione con fondi obbligazionari e bilanciati I nuovi

Dettagli

Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014-

Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014- Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile -Gennaio/Febbraio 2014- Le Georges V 14, Avenue de Grande Bretagne MC 98000 Monaco Tél : +377 97 98 29 80 Fax : +377 97 98 29 88

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

76 Relazione annuale. 1 aprile 2005-31marzo 2006

76 Relazione annuale. 1 aprile 2005-31marzo 2006 Banca dei Regolamenti Internazionali 76 Relazione annuale 1 aprile 2005-31marzo 2006 Sara Amadei Silvia Mangini Sandra Zoglia Federica Cardinale I. L economia mondiale: aspetti salienti Il periodo in rassegna

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia

ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia ASIA/PACIFIC: continua il trend positivo della produzione, grazie alle buone performance di Cina, Indonesia, Tailandia Nel 2012 sono stati prodotti in Asia 1 oltre 42,65 milioni di autoveicoli, con un

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

Analisi della crescita dei depositi in valuta estera dei residenti di Taiwan

Analisi della crescita dei depositi in valuta estera dei residenti di Taiwan Ben S. C. Fung (+852) 2878 718 ben.fung@bis.org Robert N. McCauley (+852) 2878 71 robert.mccauley@bis.org Analisi della crescita dei depositi in valuta estera dei residenti di Taiwan La domanda di depositi

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 14 novembre 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi resta molto influenzato dalle diverse politiche

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Ulisse per le vendite all estero

Ulisse per le vendite all estero 1Sistema Informativo Ulisse per le vendite all estero Gennaio 2014 PER CONOSCERE I MERCATI ESTERI DI VENDITA E DI APPROVVIGIONAMENTO 2Sistema Informativo, In un contesto di forti cambiamenti dell ambiente

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

TUTTI PAZZI PER LE OBBLIGAZIONI EMERGENTI. EPPURE (06/09/2010)

TUTTI PAZZI PER LE OBBLIGAZIONI EMERGENTI. EPPURE (06/09/2010) TUTTI PAZZI PER LE OBBLIGAZIONI EMERGENTI. EPPURE (06/09/2010) Sarà per i tassi di crescita, sarà per il basso tasso di indebitamento dei governi, fatto sta che chi nell ultimo anno ha puntato sulle economie

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent

4 dicembre 2015. Petrolio: quotazioni della qualità Brent Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Q4 2006. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q4 2006. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q4 26 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q4/6 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1

FOCUS PRODUZIONE AUTOVEICOLI - NAFTA NAFTA. ANFIA Area Studi e statistiche 02.02.2015 1 NAFTA: Con 17,4 milioni di autoveicoli, la produzione del 2014 rappresenta il terzo miglior risultato dell industria autoveicolistica dell area. Il Messico diventa il settimo maggior produttore del mondo,

Dettagli

Newsletter. luglio 2014

Newsletter. luglio 2014 Newsletter luglio 2014 Il presente documento è stato preparato da Tosetti Value S.I.M. S.p.a. autorizzata e regolamentata dalla Banca di Italia. Il presente documento può essere distribuito a soggetti

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

I TEMI. Turismo e settore audiovisivo veicoli del BBF. Cina: grandi opportunità, non facile accesso, le otto aree più attrattive, l e-commerce.

I TEMI. Turismo e settore audiovisivo veicoli del BBF. Cina: grandi opportunità, non facile accesso, le otto aree più attrattive, l e-commerce. 2015 I TEMI Il progetto Esportare la dolce vita 2015. Le previsioni per il bello e ben fatto al 2020. Turismo e settore audiovisivo veicoli del BBF. Cina: grandi opportunità, non facile accesso, le otto

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero

LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE. Dott. Filippo Fornasiero LA NUOVA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE Dott. Filippo Fornasiero Con il decreto legge 66/2014 dal 1 luglio l aliquota che colpisce le rendite finanziarie sale dal 20% al 26% L aumento riguarderà

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

Operazione salvataggio internazionale.

Operazione salvataggio internazionale. Operazione salvataggio internazionale. Gli interventi messi in atto per evitare la recessione Keith Wade Capo Economista L economia americana oggi Revisione del rischio Diminuzione del debito Settore finanziario

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015

Relazione finanziaria 1 trimestre. Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 2015 Relazione finanziaria 1 trimestre Documentazione integrativa al comunicato stampa sull andamento della gestione al 31 marzo 3 Osservazioni sull andamento della gestione Vendite e consumi interni 1 trimestre

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 9 luglio 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi, dopo l introduzione del pacchetto di misure da

Dettagli

Newsletter. maggio 2014

Newsletter. maggio 2014 Newsletter maggio 2014 Il presente documento è stato preparato da Tosetti Value S.I.M. S.p.a. autorizzata e regolamentata dalla Banca di Italia. Il presente documento può essere distribuito a soggetti

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo?

Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo? Africa subsahariana: verso un futuro di sviluppo? intende realizzare una serie di analisi per il provvedono alla strutturazione all andamento e alle prospettive Nel decennio tra il 1995 e il 2004, la produzione

Dettagli

I TEMI. Turismo e settore audiovisivo veicoli del BBF. Cina: grandi opportunità, non facile accesso, le otto aree più attrattive, l e-commerce.

I TEMI. Turismo e settore audiovisivo veicoli del BBF. Cina: grandi opportunità, non facile accesso, le otto aree più attrattive, l e-commerce. 2015 I TEMI Il progetto Esportare la dolce vita 2015. Le previsioni per il bello e ben fatto al 2020. Turismo e settore audiovisivo veicoli del BBF. Cina: grandi opportunità, non facile accesso, le otto

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Dicembre 2014 Commento di mercato Le banche centrali hanno di nuovo il comando Tradizionalmente, verso

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

Centro Produttività Veneto Gruppo di studio Settore Orafo Il Settore orafo nell attuale contesto macroeconomico

Centro Produttività Veneto Gruppo di studio Settore Orafo Il Settore orafo nell attuale contesto macroeconomico Centro Produttività Veneto Gruppo di studio Settore Orafo Il Settore orafo nell attuale contesto macroeconomico Stefania Trenti Servizio Studi e Ricerche Vicenza, 18 aprile 2013 Agenda 1 Alla ricerca della

Dettagli

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati III Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5

Dettagli

L ITALIA TRA I PRINCIPALI PAESI 69 DELL ADOZIONE: I MONITORAGGI

L ITALIA TRA I PRINCIPALI PAESI 69 DELL ADOZIONE: I MONITORAGGI CAPITOLO 6 L ITALIA TRA I PRINCIPALI PAESI 69 DELL ADOZIONE: I MONITORAGGI E LA COMPARAZIONE INTERNAZIONALE 6.1 I PRINCIPALI PAESI DI ACCOGLIENZA I DATI SULLE ADOZIONI INTERNAZIONALI degli ultimi anni

Dettagli

Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti

Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti Scheda Paese: Emirati Arabi Uniti rubrica a cura di Martino Conserva VALUTAZIONE DI RISCHIO Nonostante il «cuscinetto» rappresentato dalle ingenti attività finanziarie estere degli Emirati, la recessione

Dettagli

ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8%

ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8% ASIA/PACIFIC: 45,8 milioni di veicoli prodotti nel 2013: + 4,8% Nel 2013 sono stati prodotti in Asia 1 /Oceania oltre 45,8 milioni di autoveicoli, con un incremento del 4,8%; in termini di volumi si tratta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI

L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI L'UNIONE EUROPEA E I SUOI PARTNER COMMERCIALI Primo esportatore mondiale di beni e servizi e principale fonte globale di investimenti esteri diretti, l'ue occupa una posizione dominante nel mercato globale.

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2009-2011 l olio di oliva marzo 2012 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE

ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Ministero degli Affari Esteri Dalla RELAZIONE GOVERNATIVA 2004 ESPORTAZIONE DEFINITIVA (EX): AUTORIZZAZIONI RILASCIATE NEL PERIODO 01/01/2003-31/12/2003 ELENCO PER PAESE DI DESTINAZIONE Paese di destinazione

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 4 OTTOBRE 2015 Il commercio mondiale risente del rallentamento dei paesi emergenti, ma allo stesso tempo evidenzia una sostanziale tenuta delle sue dinamiche di fondo.

Dettagli

1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito

1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito Q&A 1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito Dicembre 2011 La nuova normativa Il prossimo 1 gennaio 2012 entreranno

Dettagli

Franklin Brazil Opportunities Fund

Franklin Brazil Opportunities Fund Novembre 2012 Franklin Brazil Opportunities Fund Fondo ad Allocazione Dinamica, Opportunistica e Multi-Asset Stephen H. Dover, CFA Managing Director Int l Chief Investment Officer Local Asset Management

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010

Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 Esportazioni di prodotti agro-alimentari italiani 2008-2010 il caffè Direzione Dipartimento Promozione NOTA INTRODUTTIVA Le elaborazioni statistiche si propongono di fornire al Lettore uno strumento per

Dettagli

Ricerca globale Zurich Rischi per le piccole e medie imprese

Ricerca globale Zurich Rischi per le piccole e medie imprese Ricerca globale Zurich Rischi per le piccole e medie imprese 2 novembre 20 Indice Introduzione Metodologia pag. Dimensioni del campione pag. 4 Struttura del campione pag. Risultati Sintesi pag. Risultati

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

NEL 2012, RENDIMENTO, QUALITÀ E DIVERSIFICAZIONE SARANNO LA CHIAVE DEGLI INVESTIMENTI IN UN QUADRO ECONOMICO MONDIALE IN PROGRESSO MA ANCORA DEBOLE

NEL 2012, RENDIMENTO, QUALITÀ E DIVERSIFICAZIONE SARANNO LA CHIAVE DEGLI INVESTIMENTI IN UN QUADRO ECONOMICO MONDIALE IN PROGRESSO MA ANCORA DEBOLE Comunicato stampa Bank of America Merrill Lynch Financial Centre 2 King Edward Street London EC1A 1HQ Per ulteriori informazioni: Ana Iris Reece Gonzalez Donatella Cifarelli Brunswick tel: 02 9288 6200

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale

RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale RE start. La sfida possibile di un Italia più internazionale Rapporto Export 2015/2018 Trasformare una geografia dei rischi in una geografia delle opportunità Il mondo ha mantenuto, nel suo complesso,

Dettagli

Newsletter. febbraio 2015

Newsletter. febbraio 2015 Newsletter febbraio 2015 Il presente documento è stato preparato da Tosetti Value S.I.M. S.p.a. autorizzata e regolamentata dalla Banca di Italia. Il presente documento può essere distribuito a soggetti

Dettagli

Le grandi sfide del XXI Secolo: globalizzazione e convergenza economica

Le grandi sfide del XXI Secolo: globalizzazione e convergenza economica Le grandi sfide del XXI Secolo: globalizzazione e convergenza economica Edoardo Reviglio * Capo Economista, CDP Group LUISS Guido Carli Convegno: NORD AFRICA TRA INSTABILITÀ POLITICA E OPPORTUNITÀ ECONOMICHE

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

contents: CSI: i rischi della svalutazione

contents: CSI: i rischi della svalutazione Anno IV_ N 3_Febbraio 9 contents: I paesi della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI) sono stati particolarmente colpiti dalla crisi globale per le crescenti difficoltà di finanziamento dei deficit della

Dettagli