Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza"

Transcript

1 Editoriali Recenti Prog Med 2010; 101: -401 Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza Antonio Tursi Riassunto. Le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI) colpiscono essenzialmente persone in giovane età. I farmaci biologici sono molto efficaci e sicuri nell indurre e mantenere la remissione in questi pazienti. Il presente editoriale riporta le attuali conoscenze sul tema, in corso di gravidanza. Parole chiave. Gravidanza, malattie infiammatorie croniche intestinali, terapia biologica. Summary. Safety and effectiveness of biologics in treating inflammatory bowel diseases in pregnancy. Inflammatory Bowel Diseases (IBD) affect mainly younger people. Biologic therapies are safe and effective in inducing and maintain remission in that patients. We reviewed herein the current knowledge about the safety and the effectiveness of biologic therapies in managing pregnant IBD patients. Key words. Biologic therapy, inflammatory bowel diseases, pregnancy. Introduzione I rapporti che intercorrono tra le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI) e la gravidanza sono molto complessi e non sono ancora stati completamente chiariti. Dal momento che considerazioni etiche impediscono di condurre studi randomizzati e controllati nelle gravide, la maggior parte delle informazioni attualmente disponibili derivano da studi retrospettivi. Sappiamo che le MICI presentano il picco principale di incidenza tra 15 e 25 anni. Di conseguenza, molte domande sorgono spontanee nelle donne di questa età riguardo al loro desiderio di procreazione: potrò rimanere incinta? E se sì, quando? Dovrò modificare la terapia durante la gravidanza? Di conseguenza, il confronto tra medico e paziente, con corretto counselling da parte dello specialista, si rende necessario ancorché doveroso. Un ulteriore problema insorto negli ultimi anni nella gestione delle pazienti gravide affette da MI- CI è stato il rapido sviluppo di nuovi farmaci per queste patologie, in particolare dei farmaci biologici. L efficacia e i possibili rischi in gravidanza di molti dei farmaci tradizionali, dal 5-ASA agli steroidi e agli immunosoppressori, sono ormai ben conosciuti, mentre l utilizzo dei farmaci biologici in gravidanza è a tutt oggi oggetto di dibattito. In particolare, sono sotto osservazione l effetto di questi farmaci sul corretto sviluppo del sistema immunitario neonatale, nonché l ipotesi che queste molecole possano essere secrete con il latte materno, con tutti gli eventuali rischi connessi. Effetto delle malattie infiammatorie croniche intestinali sulla gravidanza Gli studi effettuati prima della comparsa dei farmaci biologici hanno documentato un aumento di eventi avversi perinatali nelle donne affette da MICI. La malattia di Crohn (MC), specialmente se in fase attiva, è associata ad un ridotto peso alla nascita ed a un aumentato rischio di parto pretermine e di parto cesareo 1. In uno studio caso-controllo, Bush et al. 2 hanno confrontato 116 gravide con MICI con controlli, non trovando alcuna differenza tra complicanze preparto, inclusa l ipertensione cronica, l iperemesi gravidica, il parto pre-termine o la pre-eclampsia. Tuttavia, le pazienti con MICI presentavano un più elevato rischio di parto pre-termine (32% vs 24%, p=0,002), di corio-amnionite (7% vs 3%, p=0,04), e di parto cesareo (32% vs 22%, p=0,007). Le complicanze neonatali, tra cui il ridotto peso alla nascita, l immaturità alla nascita, la ridotta crescita intrauterina, il basso indice di Apgar alla nascita e le anomalie congenite risultavano presenti nella stessa percentuale in entrambi i gruppi. L analisi dei sottogruppi mostrava un più basso rischio di ridotto peso alla nascita nelle pazienti precedentemente sottoposte a chirurgia per la malattia, nella malattia in remissione e nella MC, piuttosto che nella colite ulcerosa (CU). Il controllo dell attività di malattia prima del concepimento e durante la gravidanza è quindi il momento chiave per la salute materna e fetale. Servizio di Gastroenterologia Territoriale, DSS 4 Barletta, ASL BAT, Andria. Pervenuto il 6 aprile 2010.

2 A. Tursi: Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza Diversi autori hanno valutato quali potevano essere i fattori di rischio per una gravidanza sfavorevole nelle pazienti gravide con MICI. L attività di malattia durante la gravidanza era il fattore di rischio più importante per una evoluzione favorevole della gravidanza stessa. Una metanalisi pubblicata nel 2007 ha valutato l influenza delle MICI sulla gravidanza, con la completa revisione di 12 studi che soddisfacevano gli scopi della ricerca 3. La metanalisi ha valutato 1953 donne gravide con MC, 1113 con CU, e controlli. È emerso che le donne affette da MICI presentano un rischio aumentato di 1,87 volte di parto prematuro (cioè prima della 37 a settimana, p<0,001), un rischio più che doppio di basso peso alla nascita (meno di 2500 g, p<0,001); un rischio aumentato di 1,5 volte di parto cesareo (p<0,001), ed un rischio di 2,37 volte di anomalie congenite (p<0,001). Tuttavia, questo studio non è riuscito ad identificare quali donne con MICI sono a più elevato rischio di eventi avversi, anche se gli autori concludono con il consiglio di considerare le donne con MICI che vanno incontro ad una gravidanza come un gruppo ad alto rischio. Inoltre, una serie di bias di valutazione dello studio ne limita il messaggio finale: ad esempio, la valutazione complessiva che documenta un incremento del rischio di anomalie congenite durante la terapia (senza differenziare tra uso di 5-ASA, di azatioprina e di anti-tnfα), oppure la mancata valutazione dell attività di malattia sul decorso della gravidanza. L effetto della gravidanza sull attività di malattia nella colite ulcerosa è correlato con lo stato di malattia al momento del concepimento. Se il concepimento avviene durante un periodo di remissione della malattia, il 79-80% delle pazienti rimarrà in remissione durante tutta la gestazione 4. Il tasso di recidiva di malattia durante la gravidanza è simile a quello delle pazienti non gravide, ma se la recidiva è severa può influenzare negativamente l evoluzione della gravidanza 4. Contrariamente a quanto precedentemente ritenuto, il primo trimestre non è il periodo in cui la malattia può recidivare più facilmente 1, così come il rischio di recidiva nel post-partum è legato all attività di malattia al termine della gravidanza. Una malattia attiva al momento del concepimento è associata ad una prognosi peggiore. Nel 50-70% delle pazienti, la malattia o decorrerà cronicamente attiva (24% delle pazienti) oppure peggiorerà, e solo in 1/3 delle pazienti la malattia tenderà alla remissione 1,4. L evoluzione della MC durante la gravidanza è molto simile a quello della CU. Se il concepimento avviene durante un periodo di remissione, la malattia può rimanere quiescente nel 70% delle pazienti, per cui l evoluzione è simile a quella delle pazienti con MC non gravide 1. Alcuni suggeriscono che possa addirittura esserci un miglioramento dei sintomi durante la gravidanza 1. La recidiva di malattia può comunque presentarsi specialmente nel primo trimestre e nel puerperio 5. Se invece abbiamo una malattia attiva al momento del concepimento, circa 1/3 delle pazienti andrà incontro a cronicizzazione, 1/3 lamenterà peggioramento e solo 1/3 andrà incontro a remissione 4. Le donne che presentano il primo episodio di MICI durante la gravidanza presentano un elevato rischio di parto pre-termine o di neonato con basso peso 4. Il primo episodio di ospedalizzazione per CU durante la gravidanza è anche associato a più elevato rischio di parto pre-termine 5. Tuttavia, molti dei parti pre-termine avvengono dopo la 35 a settimana gestazionale e quindi con una prognosi neonatale più favorevole 1. L attività di malattia non sembra incrementare il rischio di malformazioni congenite né di mortalità perinatale, così come le MICI non sembrano essere associate ad alcune tipiche complicanze della gravidanza, quali l ipertensione o la proteinuria 1. Per quanto concerne l abitudine al fumo, le gravide fumatrici con MC presentano un rischio sostanzialmente più elevato di parto pre-termine e di basso peso alla nascita 5, motivo per cui queste pazienti dovrebbero essere attivamente incoraggiate a smettere di fumare. Al contrario, la prevalenza di fumatori tra i pazienti affetti da CU è più bassa rispetto alla popolazione generale 5. Inoltre, il fumo non sembra influenzare negativamente il decorso della gravidanza nelle pazienti affette da CU 5, probabilmente per il ben conosciuto effetto positivo della nicotina sul decorso della CU. Questi risultati supportano quindi le attuali linee-guida, che confermano come il mantenimento della remissione durante la gravidanza sia essenziale per una felice conclusione della stessa 6. Di conseguenza, le donne gravide con MICI dovrebbero essere trattate con la stessa aggressività terapeutica di quando non sono in gravidanza. I farmaci nelle malattie infiammatorie croniche intestinali La CU e la MC sembrano essere due diverse entità cliniche, che sono parzialmente correlate a differenti disfunzioni del sistema immunitario. Si ritiene che la MC sia legata ad una over-espressione delle cellule T helper (Th) con quadro citochinico 1, con la produzione di citochine, come il TNFα, che stimolano l immunità cellulo-mediata con conseguente infiammazione transmurale della parete intestinale 7. Al contrario, si ritiene che la CU si sviluppi in conseguenza di una disfunzione del sistema immunitario che coinvolge il sistema citochinico Th 2. Tuttavia, una iperespressione del TNFα è stata ben documentata anche nei pazienti con CU. I farmaci generalmente usati nel trattamento delle MICI non causano alterazioni della fertilità.

3 Recenti Progressi in Medicina, 101 (), ottobre 2010 Tabella 1. Classificazione dei farmaci in gravidanza secondo la Food and Drug Administration statunitense. Categoria dei farmaci A B C D X Definizione Studi adeguati e ben controllati in pazienti gravide non hanno dimostrato un aumentato rischio per il feto. Studi condotti su animali non hanno dimostrato pericolosità per il feto; tuttavia, assenza di studi adeguati e ben controllati nelle donne gravide oppure studi condotti su animali hanno dimostrato eventi avversi sul feto, ma studi controllati e ben condotti sulle donne gravide non hanno evidenziato un incremento del rischio per il feto. Studi condotti su animali hanno dimostrato eventi avversi per il feto, e non esistono studi ben controllati nelle donne gravide oppure non esistono studi su animali e non ci sono studi adeguati e ben controllati nelle dome gravide. Studi adeguati e ben controllati o osservazionali in donne gravide hanno dimostrato un aumento dei rischi per il feto. Tuttavia, I benefici derivanti dalla terapia possono essere superiori ai potenziali rischi. Studi adeguati e ben controllati o osservazionali, negli animali o nelle donne gravide, hanno dimostrato una chiara evidenza di anomalie fetali. L uso di questi farmaci è quindi controindicato nelle donne gravide o in quelle che vogliono pianificare una gravidanza. L azatioprina non altera, in vitro, il tasso di fertilità 5, mentre la sulfasalazina causa una ridotta fertilità nell uomo, di tipo dose-dipendente e reversibile alla sospensione, dovuta alla riduzione del numero di spermatozoi ed alla loro motilità 5. Il metotrexate, che si distribuisce ampiamente nei tessuti, permane nel fegato fino a 116 giorni dopo la sua sospensione. Poiché gli studi di mutagenesi hanno dimostrato un effetto teratogeno, questo farmaco non dovrebbe essere utilizzato negli uomini 5, con un periodo di sospensione di almeno 4 mesi prima di programmare un concepimento. Molti pazienti e medici di medicina generale credono erroneamente che le pazienti gravide con MICI non dovrebbero assumere alcun farmaco. Tuttavia, la gran parte dei farmaci usati nelle MI- CI sono sicuri per l evoluzione della gravidanza. Inoltre, il rischio che corre il feto con una malattia costantemente attiva è sicuramente superiore a quello legato ai farmaci assunti per mantenere la malattia sotto controllo. La valutazione dei farmaci da utilizzare in gravidanza è basata sulle indicazioni della Food and Drug Administration statunitense, che suddivide i farmaci in varie categorie (tabella 1 a: assolutamente sicuro; b: sicuro; c: sufficientemente sicuro; d: abbastanza sicuro, ma con rischi che tuttavia sono compensati dai benefici; x: vietato). L uso dei farmaci per le MICI in gravidanza non fa eccezione a queste regole. La gran parte dei farmaci usati, dalla mesalazina ai corticosteroidi, agli immunosoppressori (con la sola, importante eccezione del metotrexate) è sufficientemente sicuro anche in gravidanza 1. Da alcuni anni, gli inibitori del TNFα si sono dimostrati in grado di modificare in senso drammaticamente positivo l evoluzione del quadro clinico delle MICI. Di conseguenza, è anche aumentata esponenzialmente la possibilità che giovani donne con MICI ed in trattamento con anti-tnfα desiderino una gravidanza. Vediamo quindi quali sono gli effetti sulla gravidanza degli anti-tnfα attualmente usati in gastroenterologia. La terapia biologica in gravidanza Il ruolo del TNFα nel garantire l impianto dell embrione, nello sviluppo fetale e nell induzione del parto è ben conosciuto. Il TNFα controlla la produzione dell acido arachidonico attraverso l attivazione della ciclo-ossigenasi. In seguito, il TNFα svolge un ruolo importante nell impianto dell embrione e nella permeabilità vascolare. La produzione del TNFα è più bassa nel primo trimestre di gravidanza, ma incrementa progressivamente fino a raggiungere il livello più elevato al momento del parto 8. Questi alti livelli di TNFα si sono dimostrati importanti nell induzione del parto poiché fanno aumentare le contrazioni uterine. La gran parte dei farmaci biologici usati nelle MICI sono di classe IgG1 (tabella 2 alla pagina seguente). Ed è importante notare come le immunoglobuline di classe G (IgG) sono la principale classe di immunoglobuline che trasportano l immunità materna al feto, e che attraversano facilmente la placenta 9. Tra queste, le IgG1 sono quelle maggiormente implicate in questo trasferimento immunitario, seguite dalle IgG4, dalle IgG3, e quindi dalle IgG2. L impiego dei farmaci anti-tnfα nelle pazienti gravide con MICI deve quindi tenere necessariamente in conto queste dinamiche anticorpali e il ruolo del TNFα nell evoluzione della gravidanza. È, inoltre, da considerare che gran parte della letteratura che riguarda l uso degli anti-tnfα in gravidanza deriva da studi condotti sull artrite reumatoide, poiché i dati sull uso nelle MICI sono essenzialmente di tipo casistico e solo recentemente cominciano a comparire studi prospettici. Infine, è da tenere presente che risultati attualmente in nostro possesso riguardano essenzialmente l infliximab (IFX), stante anche il suo uso da più anni, mentre le informazioni derivanti dall azione di altri anti-tnfα in gravidanza sono assai scarse.

4 A. Tursi: Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza Tabella 2. Tipo, modalità di somministrazione, proprietà ed indicazioni dei farmaci biologici attualmente in uso nelle malattie infiammatorie croniche intestinali. Molecola (nome commerciale) Modalità di somministrazione e dose raccomandata nei pazienti adulti con IBD Infliximab (Remicade ) Infusione endovenosa di 5 mg/kg a 0,2, settimane, quindi ogni settimane in mantenimento Adalimumab (Humira ) Infusione sottocutanea di 10 mg alla settimana, 0, 0 mg alla settimana 2, quindi 40 mg ogni 2 settimane in mantenimento Certolizumab pegol (Cimzia ) Infusione sottocutanea di 400 mg alla settimana 0, 2 e 4, quindi ogni 4 settimane in mantenimento Proprietà e meccanismo d azione Anticorpo monoclonale chimerico anti-tnfα Anticorpo monoclonale umanizzato anti-tnfα Anticorpo anti-tnfα ricombinante, con frammento Fab umanizzato legato ad una molecola di PEG Indicazioni registrate Artrite reumatoide Malattia di Crohn di adulti e bambini (dai anni) Colite ulcerosa Psoriasi a placche Artrite psoriasica Spondilite anchilosante Malattia di Crohn dell adulto Artrite reumatoide Psoriasi a placche Artrite psoriasica Spondilite anchilosante Malattia di Crohn dell adulto INFLIXIMAB Infliximab (IFX) è un anticorpo monoclonale chimerico di classe IgG1 diretto contro il TNF-a, la citochina proinfiammatoria chiave nella malattia di Crohn ed in altre malattie infiammatorie come l artrite reumatoide e la psoriasi 10. Infliximab si lega al TNF solubile nella mucosa intestinale, neutralizzandone gli effetti. Esso si lega anche al recettore di membrana per il TNF, favorendo, in vitro, la distruzione delle cellule immunitarie mediante un meccanismo di tossicità cellulare anticorpo-dipendente, e inducendo l apoptosi delle cellule T. Il legame al recettore di membrana sembra particolarmente importante per l effetto long-term del farmaco, dato che permette un persistente effetto apoptotico sulle cellule T attivate 10. Questo anticorpo ha avuto indicazione dapprima nella malattia di Crohn da parte della Food and Drug Administration statunitense nel 1998, mentre successivi studi hanno dimostrato l efficacia dell infliximab anche nel trattamento della colite ulcerosa 10. L infliximab è attualmente classificato come un farmaco di classe B per la gravidanza. I dati sulla sua sicurezza durante la gravidanza derivano essenzialmente dall artrite reumatoide. INF Safety Database ha valutato l effetto dell IFX sulla gravidanza di 96 donne, esposte sia direttamente sia indirettamente al farmaco, senza documentare alcun rischio aumentato di aborto, di complicanze neonatali o malformazioni congenite. Il registro TREAT 11 continua a tutt oggi a monitorare i paziente sottoposti a trattamento con IFX. Anche in questo caso non sono a tutt oggi registrati aumenti di aborti spontanei, di complicanze neonatali o di malformazioni congenite nelle donne gravide esposte all IFX rispetto ai controlli. Dati più recenti riguardano l uso intenzionale di IFX durante la gravidanza, nel tentativo di mantenere la remissione della malattia. I dati clinici attualmente disponibili 12,13 hanno evidenziato che non c è alcun aumento di rischio di malformazioni congenite, ritardata crescita intrauterina, malformazioni congenite o basso peso gestazionale alla nascita nelle donne affette da MC e sottoposte a trattamento con IFX durante la gravidanza. Una domanda che ci si pone è se continuare o meno a trattare le pazienti con IFX durante tutta la gravidanza. Una recente rassegna 14 consiglia la sospensione dell IFX nel 3 trimestre di gravidanza, onde evitare rischi ulteriori per il feto. Tuttavia questi suggerimenti sembrano essere in contrasto con le posizioni dell American Gastroenterological Association 6, ed il momento della sospensione o meno del farmaco è tutt ora argomento di vivace dibattito all interno della comunità degli specialisti. ADALIMuMAB Adalimumab è un anticorpo monoclonale di classe IgG1di origine completamente umana, specificamente diretto verso il TNF umano, impiegato nel trattamento della malattia di Crohn e della patologia reumatologica. Diversamente dall infliximab, esso può essere autosomministrato dal paziente mediante iniezione sottocutanea. L efficacia clinica e la sicurezza dell adalimumab nella trattamento della malattia di Crohn moderata-severa è stata dimostrata da alcuni studi cardine 10. L adalimumab è classificato come farmaco di categoria B per l uso in gravidanza. Piccoli studi sperimentali sugli animali, in particolare sulle scimmie, non hanno dimostrato severi effetti collaterali.

5 400 Recenti Progressi in Medicina, 101 (), ottobre 2010 Tuttavia, i dati sull uso in gravidanza di questo farmaco sono più limitati rispetto all infliximab, specialmente nelle pazienti con MICI. Ci sono poche segnalazioni sull uso dell adalimumab in gravidanza nelle donne con malattia di Crohn 15,16, ma esse ne hanno sempre documentata la sicurezza. Se ci rifacciamo al British Society for Rheumatology Biologics Register, possiamo notare come, malgrado i casi raccolti siano molto pochi, anche per l artrite reumatoide non sono riportati rischi sull uso dell adalimumab in gravidanza 17. Dati derivanti dalla Organisation of Teratology Information Specialists (OTIS) sul trattamento delle malattie autoimmuni in gravidanza (artrite reumatoide, spondilite anchilosante, artrite psoriasica, psoriasi), presentati all American College of Gastroenterology nel , registravano, a quell epoca, 19 donne con gravidanza insorta sotto trattamento con adalimumab. Un ulteriore registro di safety sull adalimumab è stato successivamente creato, con l arruolamento di 32 donne che non rientravano nei criteri di arruolamento dell OTIS. Anche in questo caso non sono riportati rischi sull uso dell adalimumab in gravidanza 18. Secondo questi dati, non è stata riscontrata quindi alcuna differenza in termini di gravidanza a termine, di aborto spontaneo o di parto pretermine tra le donne in trattamento con adalimumab rispetto al gruppo di controllo. È tuttavia da registrare, in un caso di gravidanza gemellare con esposizione all adalimumab nel primo trimestre, l aborto spontaneo di uno dei gemelli nel primo trimestre e il parto pretermine dell altro gemello per displasia congenita dell anca. CERToLIzuMAB Il Certolizumab pegol è un anticorpo monoclonale anti-tnfα con il frammento Fab di origine umana e legato ad una molecola di polietilen-glicole (PEG), con alta capacità di legare sia il recettore di membrana per il TNFα sia il TNFα circolante. La peghilazione della molecola permette un emivita del farmaco di circa 2 settimane, consentendone la somministrazione ogni 4 settimane. La differenza fondamentale rispetto all infliximab ed all adalimumab è che in questa molecola la sola parte umanizzata è il frammento Fab e non l intero anticorpo IgG1. Dal momento che non contiene una porzione Fc umanizzata, tale anticorpo non provoca citotossicità complemento-dipendente, né tossicità cellulare anticorpo-dipendente, così come non è in grado di incrementare l apoptosi cellulare, a differenza degli altri anticorpi anti-tnfα 19. Gli studi Precise I e Precise II, due trial randomizzati di fase III per valutare l efficacia del farmaco nella malattia di Crohn moderata-severa, hanno recentemente dimostrato che il certolizumab pegol è in grado di ridurre l attività di malattia in questi pazienti, ma non di ottenerne la remissione rispetto al placebo 10, così come non sembra più efficace del placebo nel mantenimento della remissione a 26 settimane 10. Dal momento che si tratta di un farmaco relativamente recente, i dati sull uso del certolizimab pegol in gravidanza sono molto scarsi, con un solo case-report attualmente pubblicato 20. È consigliata la sospensione del farmaco al 5 mese di gravidanza, anche se non è stata chiaramente dimostrata la trasmissione placentare e l escrezione nel latte materno. Studi sui ratti hanno dimostrato che, pur potendosi raramente localizzare nei tessuti fetali, il frammento Fab peghilato presenta livelli circolanti molti più bassi rispetto agli altri anticorpi anti-tnfα di classe IgG1. Questo potrebbe rappresentare un vantaggio teorico per il suo uso nelle gravide con MICI rispetto agli altri famrci biologici, ma ulteriori studi sono necessari per chiarire meglio tali caratteristiche. Conclusioni Le donne affette da MICI, in cui la malattia è in remissione al momento del concepimento, hanno le maggiori possibilità di condurre a termine positivamente la gravidanza con un feto normale. Uno dei più importanti vantaggi acquisiti nell ultimo decennio con l uso di nuovi farmaci è che se la donna è in remissione, la gravidanza può evolvere favorevolmente. La maggior parte dei farmaci attualmente in uso, dai derivati del 5-ASA agli immunosoppressori (con la sola, importante eccezione del metotrexate), sono sicuri ed efficaci in gravidanza. Per quanto riguarda l uso in gravidanza dei nuovi farmaci biologici, i dati attualmente a disposizione ci indicano come l infliximab sia sicuro in gravidanza. Malgrado manchino risultati di casistiche più corpose, anche l adalimumab ed il certolizumab sembrano essere farmaci efficaci in gravidanza, non essendo stato dimostrato alcun incremento del rischio per il feto, anche se i dati relativi al certolizumab pegol siano preliminari. D altro canto, il rischio che senza anti-tnfα la malattia possa peggiorare e, con essa, la gravidanza, privilegia i benefici di questi farmaci. La riluttanza delle pazienti ad assumere farmaci in gravidanza per paura di nuocere al nascituro appare infondata, anche perché rischi di gran lunga maggiori si corrono se si sospende la terapia. Le donne gravide con MICI dovrebbero essere sempre adeguatamente informate sul fatto che non la terapia farmacologica ma la sospensione della stessa, con possibile recidiva della malattia o con cronica attività, sono i fattori di rischio maggiori per la comparsa di problemi in gravidanza. Anche gli anti-tnfα sono un opzione terapeutica in queste pazienti, ricordando però che la decisione del trattamento va adottata caso per caso, basandosi sul grado di attività di malattia nella paziente gravida.

6 A. Tursi: Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza 401 Bibliografia 1 Heetun ZS, Byrnes C, Neary P, O Morain C. Reproduction in the patient with inflammatory bowel disease. Aliment Pharmacol Ther 2007; 26: Bush MC, Patel S, Lapinski RH, Stone JL. Perinatal outcomes in inflammatory bowel disease. J Matern Fetal Neonatal Med 2004; 15: Cornish J, Tan E, Teare J, et al. A meta-analysis on the influence of inflammatory bowel disease on pregnancy. Gut 2007; 56: Habal FM, Kapila V. Inflammatory bowel disease and pregnancy: evidence, uncertainty and patient decision-making. Can J Gastroenterol 2009; 23: Mahadevan U. Pregnancy and inflammatory bowel disease. Gastroenterol Clin North Am 2009; 38: Mahadevan U, Kane S. American Gastroenterological Association Institute Technical review on the use of gastrointestinal medications in pregnancy. Gastroenterology 2006; 131: Neissner M, Volk BA. Altered Th1/Th2 cytokine profiles in the intestinal mucosa of patients with inflammatory bowel disease as assessed by quantitative reversed transcribed polymerase chain reaction (RT-PCR). Clin Exp Immunol 1995; 101: Daher S, Fonseca F, Ribiero OG, et al. Tumor necrosis factor during pregnancy and at the onset of labor and spontaneous abortion. Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol 1999; 83: Kane SV, Acquah LA. Placental transport of immunoglobulins: a clinical review for gastroenterologists who prescribe therapeutic monoclonal antibodies to women during conception and pregnancy. Am J Gastroenterol 2009; 104: Sfikakis PP. The first decade of biologic TNF antagonists in clinical practice: lessons learned, unresolved issues and future directions. Curr Dir Autoimmun 2010; 11: Lichtenstein G, Feagan BG, Cohen RD, et al. Serious infections and mortality in association with therapies for Crohn s disease: TREAT registry. Clin Gastroenterol Hepatol 2006; 4: Tursi A. Effect of intentional infliximab use throughout pregnancy in inducing and maintaining remission in Crohn s disease. Dig Liver Dis 2006; 38: Mahadevan U, Kane S, Sandborn WJ, et al. Intentional infliximab use during pregnancy for induction or maintenance of remission in Crohn s disease. Aliment Pharmacol Ther 2005; 21: Papa A, Mocci G, Bonizzi M, et al. Use of infliximab in particular clinical settings: management based on current evidence. Am J Gastroenterol 2009; 104: Vesga L, Terdiman JP, Mahadevan U. Adalimumab use in pregnancy. Gut 2005; 54: Jürgens M, Brand S, Filik L, et al. Safety of adalimumab in Crohn s disease during pregnancy: Case report and review of the literature. Inflamm Bowel Dis 2009 Dec 21 [Epub ahead of print]. 17 Hyrich KL, Symmons DP, Watson KD, et al. Pregnancy outcome in women who were exposed to anti-tumor necrosis factor agents: results from a national population register. Arthritis Rheum 2006; 54: Chambers CD, Johnson DL, Jones KL. Adalimumab and pregnancy outcome: the OTIS autoimmune diseases in pregnancy project. Am J Gastroenterol 2006; 101: S Stephens S, Brown DT, Nesbitt AM, Foulkes R. Lack of placental transfer and accumulation in milk of anti-tnf PEGylated Fab fragments in rats. Abstract ECCO March 2007 (poster presentation). 20 Oussalah A, Bigard MA, Peyrin-Biroulet L. Certolizumab use in pregnancy. Gut 2009; 58: 608. Indirizzo per la corrispondenza: Dott. Antonio Tursi Via Torino, Andria (Barletta)

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA

MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI (IBD) E GRAVIDANZA Di cosa parleremo? Potrò concepire e avere figli come tutte le altre persone? Influenza della gravidanza sul decorso della malattia e influenza

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

Progetto RATIL (Research on Anti-TNF-alpha Induced Lymphoma)

Progetto RATIL (Research on Anti-TNF-alpha Induced Lymphoma) Workshop I PROGETTI DI RICERCA DEI CENTRI ENCEPP 11 gennaio 2011 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ (ROMA) Progetto RATIL (Research on Anti-TNF-alpha Induced Lymphoma) A. Capuano, E. Parretta, F. Rossi Centro

Dettagli

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze.

DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. DONNA ED AUTOIMMUNITA : vecchie paure e nuove certezze. Le malattie autoimmuni e gli ormoni femminili. La maggior parte delle malattie autoimmuni (artrite reumatoide, sindrome di Sjogren, sclerodermia,

Dettagli

INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni

INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni INFLIXIMAB: Approvazione del primo biosimilare nel trattamento delle patologie autoimmuni Genova 17 MAGGIO 2014 Sabrina Beltramini U.O.S. Gestione e Innovazione Tecnologica del farmaco U.O.C. Farmacia

Dettagli

FARMACI BIOLOGICI IN REUMATOLOGIA. Dr. Ennio G. Favalli

FARMACI BIOLOGICI IN REUMATOLOGIA. Dr. Ennio G. Favalli FARMACI BIOLOGICI IN REUMATOLOGIA Dr. Ennio G. Favalli Dipartimento e Cattedra di Reumatologia Istituto Ortopedico G. Pini Milano Da ormai oltre 6 anni hanno fatto la loro comparsa nel panorama della reumatologia

Dettagli

EFFETTI DELLE CURE TERMALI NEI REUMATISMI INFIAMMATORI Nuove risultanze degli studi clinici

EFFETTI DELLE CURE TERMALI NEI REUMATISMI INFIAMMATORI Nuove risultanze degli studi clinici Cattedra e U.O.C. di Reumatologia Università-Azienda Ospedaliera di PADOVA EFFETTI DELLE CURE TERMALI NEI REUMATISMI INFIAMMATORI Nuove risultanze degli studi clinici La ricerca scientifica termale si

Dettagli

Biosimilari Infliximab in gastroenterologia

Biosimilari Infliximab in gastroenterologia Promozione d uso dei farmaci a brevetto scaduto in particolare nel campo dei farmaci biotecnologici Biosimilari Infliximab in gastroenterologia Guido Basilisco Stefania Orlando, Flavio Caprioli UO di Gastroenterologia

Dettagli

Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT

Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT Ustekinumab Vs Etanercept nella psoriasi: Risultati dello studio ACCEPT I nuovi agenti biologici offrono un alternativa importante nel della psoriasi; spesso però, il profilo rischio-beneficio non è bene

Dettagli

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA

IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA 1 ottobre 2011 IPOTIROIDISMO IN GRAVIDANZA Dott.ssa Elena Fachinat DATI EPIDEMIOLOGICI : Prevalenza stimata di ipotiroidismo conclamato in gravidanza : 0,3-0,5% Prevalenza stimata di ipotiroidismo subclinico

Dettagli

La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri

La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri La gravidanza nelle malattie renali, dialisi e trapianto: i Registri Dr. V. Agnello, Dr. P. Di Gaetano, Dr. V. Guaiana, Dr. V. Sparacino Taormina, 15 aprile 2011 CONTATTI SCHEDA DATI 10 anni (1977-1987)

Dettagli

Corso di Medicina del Lavoro

Corso di Medicina del Lavoro Corso di Medicina del Lavoro Malattie da cancerogeni, mutageni e genotossici Valutazione del rischio per la riproduzione in ambiente di lavoro 1 of 28 A quali agenti è esposto il lavoratore o la lavoratrice?

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

L impiego degli psicofarmaci in gravidanza e nell allattamento tra evidenze forti, dati controversi e problemi aperti

L impiego degli psicofarmaci in gravidanza e nell allattamento tra evidenze forti, dati controversi e problemi aperti L impiego degli psicofarmaci in gravidanza e nell allattamento tra evidenze forti, dati controversi e problemi aperti Abbiamo pensato di scrivere questo volume perché da alcuni anni, nell ambito della

Dettagli

IL CONCETTO DI SALUTE RIPRODUTTIVA

IL CONCETTO DI SALUTE RIPRODUTTIVA IL CONCETTO DI SALUTE RIPRODUTTIVA Tullia Todros Unità di Medicina Materno- Fetale Università di Torino ASO OIRM-Sant Anna RISCHI OCCUPAZIONALI Dovuti a sostanze che inficiano la capacità di avere figli

Dettagli

L utilizzo dei farmaci immunosoppressori in gravidanza

L utilizzo dei farmaci immunosoppressori in gravidanza L utilizzo dei farmaci immunosoppressori in gravidanza Firenze, 3 dicembre 2011 Incontro Associazioni Malattie Autoimmuni Mario Rossi Dott Lorenzo Emmi Dott. Danilo Squatrito Dott. Enrico Beccastrini Centro

Dettagli

Aspetti Economici delle malattie reumatiche

Aspetti Economici delle malattie reumatiche Aspetti Economici delle malattie reumatiche Federico Spandonaro Barbara Polistena CEIS Sanità - Univ. di Roma Tor Vergata Si ringrazia il Prof. Mennini per i dati forniti Spandonaro F. Polistena B. CEIS

Dettagli

LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA

LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA LE MALATTIE AUTOIMMUNI IN GRAVIDANZA Beatrice Berluti, Andrea Luigi Tranquilli Istituto di Scienze Materno-infantili Sezione di Clinica Ostetrica e Ginecologica Parlare di malattie autoimmuni in gravidanza

Dettagli

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Camposampiero 6 Marzo -- 2015 La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Prof. Cesario Bellantuono Ambulatorio Specialistico DEGRA Disturbi Affettivi in Gravidanza e Puerperio Ancona -Rimini

Dettagli

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie Nelle ultime decadi la prevalenza delle malattie allergiche dell apparato respiratorio (asma bronchiale e rinite allergica) è progressivamente aumentata.

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI

DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI DIABETE GESTAZIONALE: QUALE MODALITA DEL PARTO? G.SCAGLIARINI Parto e Diabete Timing del parto Modalità del parto Timing del parto pretermine a termine Modalità del parto Travaglio spontaneo Induzione

Dettagli

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL

ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL ORMONI FEMMINILI E LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO: UN PROBLEMA REALE OPPURE UNA PAURA ESAGERATA? PL Meroni Unità di Allergologia, Immunologia Clinica & Reumatologia IRCCS Istituto Auxologico Italiano Dipartimento

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

Malattie Reumatiche e Gravidanza

Malattie Reumatiche e Gravidanza Malattie Reumatiche Autoimmuni e Gravidanza Dipartimento Medico Specialistico Unità Operativa Complessa di Reumatologia Direttore: Prof. Marcello Govoni Malattie Reumatiche e Gravidanza Cosa è utile sapere

Dettagli

Paziente con artrite reumatoide in trattamento immunosoppressivo

Paziente con artrite reumatoide in trattamento immunosoppressivo CASO CLINICO Paziente con artrite reumatoide in trattamento immunosoppressivo Antonio Carlotto UOC Malattie Infettive Ulss 4 Alto Vicentino Malattia infiammatoria sistemica a prevalente interessamento

Dettagli

I farmaci biologici. Michele Fimiani - Michele Pellegrino. - S. C. Dermatologia - Dipartimento di Medina Clinica e Scienze Immunologiche Applicate

I farmaci biologici. Michele Fimiani - Michele Pellegrino. - S. C. Dermatologia - Dipartimento di Medina Clinica e Scienze Immunologiche Applicate I farmaci biologici Michele Fimiani - Michele Pellegrino - S. C. Dermatologia - Dipartimento di Medina Clinica e Scienze Immunologiche Applicate SIENA La psoriasi è una malattia ad andamento cronico recidivante

Dettagli

Farmaci biologici e riparazione tessutale Valentina Dini

Farmaci biologici e riparazione tessutale Valentina Dini Farmaci biologici e riparazione tessutale Valentina Dini Sezione di Riparazione Tessutale Cutanea Clinica Dermatologica Università di Pisa www.sirtes.it Ulcere croniche Vascolari Diabetiche da Pressione

Dettagli

LA GUARIGIONE MUCOSALE COME GOOD MARKER PER LA VALUTAZIONE DELL EFFICACIA EFFICACIA DEI BIOLOGICI NELLA MALATTIA DI CROHN

LA GUARIGIONE MUCOSALE COME GOOD MARKER PER LA VALUTAZIONE DELL EFFICACIA EFFICACIA DEI BIOLOGICI NELLA MALATTIA DI CROHN LA GUARIGIONE MUCOSALE COME GOOD MARKER PER LA VALUTAZIONE DELL EFFICACIA EFFICACIA DEI BIOLOGICI NELLA MALATTIA DI CROHN Dr.Raffaello Sostegni SC Gastroenterologia AO Ordine Mauriziano Torino COME MISURARE

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

GRAVIDANZA E GLOMERULONEFRITI

GRAVIDANZA E GLOMERULONEFRITI Taormina 15-16 aprile 2011 GRAVIDANZA E GLOMERULONEFRITI Claudio Pozzi Ospedale Bassini ICP Milano Bibliografia ricca negli anni 80 e 90 Hayslett JP, Kidney Int 1984 Surian M et al, Nephron 1984 Katz AI

Dettagli

Trattamento sistemico dell Artrite Reumatoide nell adulto

Trattamento sistemico dell Artrite Reumatoide nell adulto Linee guida terapeutiche / 2 Trattamento sistemico dell Artrite Reumatoide nell adulto con particolare riferimento ai farmaci biologici SINTESI DELLE RACCOMANDAZIONI A cura del Gruppo multidisciplinare

Dettagli

DMARDs Disease Modifying Anti-Rehumatic Drugs. (6 settimane-6 mesi)

DMARDs Disease Modifying Anti-Rehumatic Drugs. (6 settimane-6 mesi) DMARDs Disease Modifying Anti-Rehumatic Drugs (6 settimane-6 mesi) Disease Modifying Anti-Rheumatic Drugs DMARD (Farmaci antireumatici di fondo) Incidono sulla storia naturale della malattia Ritardano

Dettagli

Anti-TNF alfa nella malattia infiammatoria intestinale

Anti-TNF alfa nella malattia infiammatoria intestinale AntiTNF alfa nella malattia infiammatoria intestinale E stata pubblicata sul World Journal of Gastroenterogy una review sui rischi di complicazioni associati all uso di antitnf alfa nella cura di infiammazioni

Dettagli

Malattie autoimmuni e artrite reumatoide. Diagnosi precoce e nuove alternative terapeutiche efficaci a beneficio dei pazienti

Malattie autoimmuni e artrite reumatoide. Diagnosi precoce e nuove alternative terapeutiche efficaci a beneficio dei pazienti Backgrounder Basilea, 6 novembre 2006 Malattie autoimmuni e artrite reumatoide Diagnosi precoce e nuove alternative terapeutiche efficaci a beneficio dei pazienti Oltre 60 diverse malattie autoimmuni che

Dettagli

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia? Dott.ssa Paola Coco Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Dott. Daniele Morelli, Responsabile Medicina di Laboratorio Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Sintesi della

Dettagli

PRESENTAZIONE PODALICA

PRESENTAZIONE PODALICA 1 2 3 INDICE 4 PRESENTAZIONE PODALICA 4% delle gravidanze a termine (CeDAP 2008) Nel 2000 è stato pubblicato un Trial multicentrico randomizzato internazionale (Term Breech trial) che ha dimostrato che

Dettagli

Che cos'è la malattia di Crohn?

Che cos'è la malattia di Crohn? Che cos'è la malattia di Crohn? La malattia di Crohn è un'infiammazione cronica che può colpire teoricamente tutto il canale alimentare, dalla bocca all'ano, ma che si localizza prevalentemente nell'ultima

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

INQUADRAMENTO CLINICO E PRINCIPI DI TERAPIA DELL ARTRITE REUMATOIDE

INQUADRAMENTO CLINICO E PRINCIPI DI TERAPIA DELL ARTRITE REUMATOIDE INQUADRAMENTO CLINICO E PRINCIPI DI TERAPIA DELL ARTRITE REUMATOIDE Raffaele Scarpa Cattedra di Reumatologia Scuola di Specializzazione in Reumatologia Centro di Riferimento Regionale per la Terapia Biologica

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA

PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA e spec. in Ortognatodonzia PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA Per la maggior parte delle donne, la gravidanza è un processo naturale e fisiologico che porta alla nascita di una nuova vita in circa

Dettagli

La Spondilite Assiale senza evidenza radiografica

La Spondilite Assiale senza evidenza radiografica La Spondilite Assiale senza evidenza radiografica 1 1. AxSpA IMS Survey: metodologia e campione Survey quantitativa presso un campione di 60 centri italiani trattanti pazienti con Spondiloatrite Assiale

Dettagli

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6

L uomo che soffre di EP spesso prova scarsa autostima, disagio, frustrazione, addirittura puo' soffrire anche di ansia e 2, 4, 6 2f5hy Per problemi di visualizzazione clicchi qui 2f5hx L eiaculazione precoce (EP) e' una condizione medica frequente, in particolare e' la disfunzione sessuale piu' comune e in Italia ne soffre un uomo

Dettagli

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

I NUOVI FARMACI. Leflunomide

I NUOVI FARMACI. Leflunomide Progressi in Medicina: Nuove Terapie per le diverse Malattie Reumatiche Flavio Fantini Direttore Cattedra di Reumatologia dell Università di Milano, Istituto Ortopedico G. Pini - Milano I NUOVI FARMACI

Dettagli

VISITA PRE-CONCEZIONALE

VISITA PRE-CONCEZIONALE VISITA PRE-CONCEZIONALE Avete deciso che è arrivato il momento giusto di avere un bambino è avete già iniziato a prepararvi anche emotivamente al coinvolgimento necessario e all impegno a lungo termine

Dettagli

Evidence-based Medicine Tra ipotesi di lavoro ed applicazione Ferrara, 29-30 settembre 2000. 1. Gastroenterologia

Evidence-based Medicine Tra ipotesi di lavoro ed applicazione Ferrara, 29-30 settembre 2000. 1. Gastroenterologia Evidence-based Medicine Tra ipotesi di lavoro ed applicazione Ferrara, 29-30 settembre 2000 Sessione Clinica Evidence-based Clinical Problem Solving 1. Gastroenterologia Scenario Clinico (1) Il signor

Dettagli

BIOLOGICI NELLE MALATTIE REUMATICHE

BIOLOGICI NELLE MALATTIE REUMATICHE BIOLOGICI NELLE MALATTIE REUMATICHE Chiara Grava UO di Medicina-O.C. di Belluno Belluno, 25 maggio 2013 ARTRITE REUMATOIDE BIOLOGICI: ASPETTI POSITIVI Rapidità di azione Efficacia nel ridurre i segni/sintomi

Dettagli

Morbo di Crohn: nuove prospettive per la terapia domiciliare

Morbo di Crohn: nuove prospettive per la terapia domiciliare Decision making Morbo di Crohn: nuove prospettive per la terapia domiciliare Carmelina Petruzziello, Enzo Ubaldi *, Luciano Bertolusso *, Francesco Pallone Centro Specialistico di Gastroenterologia Clinica,

Dettagli

SIEDP JOURNAL CLUB TIROIDE. Novembre 2011

SIEDP JOURNAL CLUB TIROIDE. Novembre 2011 SIEDP JOURNAL CLUB TIROIDE Novembre 2011 Positive Impact of Long-Term Antithyroid Drug Treatment on the Outcome of Children with Graves Disease: National Long-Term Cohort Study Legér et al. J Clin Endocrinol

Dettagli

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1)

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1) TRATTAMENTO DELLA NEUTROPENIA CON G-CSF Introduzione La neutropenia e le complicanze ad essa correlate rappresentano la principale tossicità dose limitante della chemioterapia, per il rischio di infezioni

Dettagli

ASMA BRONCHIALE E. Dr.ssa Noemi igrassi. A.O. G.SALVINI Garbagnate Milanese

ASMA BRONCHIALE E. Dr.ssa Noemi igrassi. A.O. G.SALVINI Garbagnate Milanese ASMA BRONCHIALE E GRAVIDANZA Dr.ssa Noemi igrassi U.O. PNEUMOLOGIA A.O. G.SALVINI Garbagnate Milanese Prevalenza 8% delle donne soffre di asma durante la gravidanza Trend in aumento : la prevalenza dell

Dettagli

Teofillina: meccanismo d azione 1

Teofillina: meccanismo d azione 1 Teofillinici Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze Bernard B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa Maria Del Zompo 1 Teofillina 3 HC N

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ACICLOVIR ABC 800 mg COMPRESSE ACICLOVIR ABC 400 mg/5 ml SOSPENSIONE ORALE 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Aciclovir

Dettagli

Effetti patogenetici del fumo sul futuro nascituro

Effetti patogenetici del fumo sul futuro nascituro INIZIATIVA FORMATIVA Tabagismo: dimensioni, effetti ed approcci diagnostico-terapeutici 20 Ottobre 2012 Effetti patogenetici del fumo sul futuro nascituro Dott. Giovanni Ruspa S.C. Ostetricia e Ginecologia

Dettagli

ETANERCEPT (ALLARGAMENTI INDICAZIONI) (25-01-2005)

ETANERCEPT (ALLARGAMENTI INDICAZIONI) (25-01-2005) ETANERCEPT (ALLARGAMENTI INDICAZIONI) (25-01-2005) Specialità: Enbrel (Wieth Lederle) Forma farmaceutica: sc 4 fl 25 mg + 4 sir Prezzo: euro 805.08 sc 4 fl 50 mg + 4 sir Prezzo: euro 1610.15 Prezzi da

Dettagli

CONSULENZA PRECONCEZIONALE

CONSULENZA PRECONCEZIONALE CONSULENZA PRECONCEZIONALE Questo articolo è rivolto a tutte le coppie che desiderano un figlio, o che non escludono di averlo in futuro, e che vogliono conoscere con maggior precisione quali siano le

Dettagli

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Firenze, 2-3 Dicembre 2011 Aula Magna del Seminario Arcivescovile Maggiore L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Mauro Vannucci Elena Tamburini Il 62% delle visite dal medico danno

Dettagli

Domani. I farmaci biologici nella terapia delle malattie infiammatorie croniche intestinali

Domani. I farmaci biologici nella terapia delle malattie infiammatorie croniche intestinali Domani Vol. 99, N. 1, Gennaio 2008 Pagg. 10-18 I farmaci biologici nella terapia delle malattie infiammatorie croniche intestinali Raffaello Sostegni, Angelo Pera, Marco Daperno, Rodolfo Rocca Riassunto.

Dettagli

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico:

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Premesse 2 Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Su 8 molecole che presentano potenzialità terapeutiche solo 1, solitamente,

Dettagli

Dipartimento di Scienze Ostetrico-Ginecologiche, Urologiche e Fisiopatologia della Riproduzione Umana, Università di Napoli "Federico II"

Dipartimento di Scienze Ostetrico-Ginecologiche, Urologiche e Fisiopatologia della Riproduzione Umana, Università di Napoli Federico II C. DI CARLO, A. DI SPIEZIO SARDO, C. NAPPI Dipartimento di Scienze Ostetrico-Ginecologiche, Urologiche e Fisiopatologia della Riproduzione Umana, Università di Napoli "Federico II" - Testo articolo - Bibliografia

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

Anno di insorgenza dei sintomi: Anno della diagnosi: Anno di avvio del primo trattamento:

Anno di insorgenza dei sintomi: Anno della diagnosi: Anno di avvio del primo trattamento: PRIMA PAGINA DEL QUESTIONARIO Storia reumatologica Paese di residenza A voi o a qualcuno avete nella vostra famiglia (consanguineo), è stata diagnosticata una patologia malattia reumatica? Tu Tuo parente

Dettagli

ALLEGATO A3.1 Dgr n. del pag. 1/14

ALLEGATO A3.1 Dgr n. del pag. 1/14 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A3.1 Dgr n. del pag. 1/14 Linee di indirizzo per l impiego dei farmaci biologici impiegati in area reumatologica, dermatologica e gastroenterologica nella Regione

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

IL RUOLO DELL IMAGING CLINICO NELLA MALATTIA CRONICA INFIAMMATORIA INTESTINALE : QUALE METODICA DIAGNOSTICA?

IL RUOLO DELL IMAGING CLINICO NELLA MALATTIA CRONICA INFIAMMATORIA INTESTINALE : QUALE METODICA DIAGNOSTICA? AUTORE: TSRM Sofia-Roberta Bernardini IL RUOLO DELL IMAGING CLINICO NELLA MALATTIA CRONICA INFIAMMATORIA INTESTINALE : QUALE METODICA DIAGNOSTICA? 1) BACKGROUND Le enteriti sono un processo infiammatorio,

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili.

I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili. 1 I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili. I primi sono rappresentati dalle caratteristiche demografiche dei pazienti

Dettagli

Raffaella Michieli Venezia

Raffaella Michieli Venezia Le malattie infettive in gravidanza: quando è indicato il Taglio Cesareo? Raffaella Michieli Venezia Trasmissione verticale delle infezioni in gravidanza Contagio intrauterino ( infezioni congenite) Contagio

Dettagli

SISTEMA RIPRODUTTIVO TOSSICITA RIPRODUTTIVA

SISTEMA RIPRODUTTIVO TOSSICITA RIPRODUTTIVA TOSSICITA RIPRODUTTIVA disfunzione indotta da sostanze xenobiotiche che colpiscono i processi di gametogenesi dal loro stadio più precoce all impianto del prodotto del concepimento nell endometrio. La

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ACKLAB 5% Crema. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Un grammo di crema contiene: Principio attivo: Aciclovir 50 mg Eccipienti:

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Allegato II. Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio

Allegato II. Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio 34 Conclusioni scientifiche Riassunto generale della valutazione scientifica

Dettagli

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA Informazioni per la coppia A cura del dott. G. Ragni Unità Operativa - Centro Sterilità Responsabile: dott.ssa C. Scarduelli FONDAZIONE OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO MANGIAGALLI

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati

INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati Aumentata degradazione del insulina Biosintesi di ormoni dotati di azione contro-insulinica Aumentata produzione di Leptina e

Dettagli

To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa

To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa Cinzia Colombo Laboratorio di ricerca sul coinvolgimento dei cittadini in sanità Istituto di Ricerche Farmacologiche

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Elementi di Epidemiologia Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Elementi di Epidemiologia Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Elementi di epidemiologia

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTROPATIA PSORIASICA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTROPATIA PSORIASICA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTROPATIA PSORIASICA Informazioni per i pazienti Reggio Emilia, settembre 2015 Artropatia psoriasica DESCRIZIONE

Dettagli

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari Dia 1 Quando parliamo di diabete in gravidanza, dobbiamo distinguere : il Diabete di tipo 1, il Diabete di tipo 2, la ridotta tolleranza glucidica preesistenti alla gravidanza, oppure tutte quelle alterazioni

Dettagli

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE

Diritti e opportunità I BENEFICI CONNESSI AL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITÀ CIVILE fase di remissione di malattia. Una gravidanza che insorge in fase di attività di malattia è infatti molto più a rischio di problemi materni e fetali. Secondo molti autori, una gravidanza può essere intrapresa

Dettagli

Dentas Informa. Scopri di più

Dentas Informa. Scopri di più Dentas Informa Sempre più articoli della recente letteratura dimostrano l implicazione della parodontite (conosciuta anche come piorrea) con importanti malattie di tipo organico Scopri di più Parodontite

Dettagli

REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica. Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome

REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica. Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome REUMAFLORENCE 2008 Le criticità della terapia biologica Induzione di autoanticorpi e lupus-like sindrome Lorenzo Emmi Francesca Chiarini Centro di Riferimento Regionale per le Malattie Autoimmuni Sistemiche

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI ABATACEPT ATC L04AA24 ORENCIA Presentata da Commissione Terapeutiche della Provincia di SASSARI In data gennaio 2009 Per le seguenti motivazioni (sintesi): Trattamento

Dettagli

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 IMPEGNO NOVARTIS 2 CONSIDERAZIONI INIZIALI In Italia l impegno nella «terapia farmacologica

Dettagli

Dalla diagnosi prenatale alla diagnosi preconcezionale:stato dell arte e prospettive per la prevenzione delle malattie a trasmissione genetica

Dalla diagnosi prenatale alla diagnosi preconcezionale:stato dell arte e prospettive per la prevenzione delle malattie a trasmissione genetica 25-26-27 Marzo 2011 IV Incontro-Convegno Dalla diagnosi prenatale alla diagnosi preconcezionale:stato dell arte e prospettive per la prevenzione delle malattie a trasmissione genetica L. Ghisoni Presupposti

Dettagli

Artrite Idiopatica Giovanile

Artrite Idiopatica Giovanile www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Artrite Idiopatica Giovanile Versione 2016 2. DIVERSI TIPI DI AIG 2.1 Esistono diversi tipi di questa malattia? Esistono diverse forme di AIG. Si distinguono

Dettagli

SINTESI GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEI MEDICINALI CONTENENTI ACIDO VALPROICO/VALPROATO (cfr. allegato I)

SINTESI GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEI MEDICINALI CONTENENTI ACIDO VALPROICO/VALPROATO (cfr. allegato I) ALLEGATO II CONCLUSIONI SCIENTIFICHE E MOTIVI DELLA MODIFICA DEI RIASSUNTI DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO E DEI FOGLIETTI ILLUSTRATIVI PRESENTATI DALL AGENZIA EUROPEA PER I MEDICINALI 108 CONCLUSIONI

Dettagli

CARTELLA DELLA GRAVIDANZA

CARTELLA DELLA GRAVIDANZA CARTELLA DELLA GRAVIDANZA Portare tutta la documentazione ad ogni visita ed al ricovero N 20.. Cognome.Nome.... Nata a. il. età.. Residente via/piazza. Comune.. Prov tel/cel.. Professione. Tessera Sanitaria.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 227/2015 ADOTTATA IN DATA 12/02/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 227/2015 ADOTTATA IN DATA 12/02/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 227/2015 ADOTTATA IN DATA 12/02/2015 OGGETTO: Integrazione del bando di ricerca contributi da privati n. 16 con il progetto P16-03.23 Follow-up clinico ed endoscopico nei pazienti con

Dettagli

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO Il periodo della gravidanza e dell allattamento sono particolarmente critici dal punto di vista alimentare-dietetico, in quanto la dieta incide in modo fondamentale sulla salute

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE PROF. GIOVANNI NERI Istituto di Genetica Medica, Università Cattolica del S. Cuore, Roma DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE La diagnosi prenatale di malattie genetiche rare è pratica

Dettagli

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti.

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti. La parte dell Ig che non lega l antigene (la parte Fc, viola chiaro nel disegno) è responsabile delle funzioni effettrici dell Ig e quindi ne determina l attività biologica. Quando un Ig ha legato un antigene,

Dettagli

La determinazione dei farmaci biologici e degli anticorpi anti-farmaco nelle Malattie Infiammatorie Croniche dell'intestino

La determinazione dei farmaci biologici e degli anticorpi anti-farmaco nelle Malattie Infiammatorie Croniche dell'intestino Bari, 28 marzo 2014 6 Convegno di Immunometria del Sud Italia DIAGNOSTICA CLINICA E DI LABORATORIO DELLE PATOLOGIE GASTROENTERICHE La determinazione dei farmaci biologici e degli anticorpi anti-farmaco

Dettagli

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005

REFLUSSO GASTROESOFAGEO. Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 REFLUSSO GASTROESOFAGEO Paolo Franceschi franceschipao@libero.it Tel.0198404231 Savona 19 Dicembre 2005 MRGE: sintomi extraesofagei MRGE: molto diffusa e frequente nella pratica clinica. Manifestazioni

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli