Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza"

Transcript

1 Editoriali Recenti Prog Med 2010; 101: -401 Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza Antonio Tursi Riassunto. Le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI) colpiscono essenzialmente persone in giovane età. I farmaci biologici sono molto efficaci e sicuri nell indurre e mantenere la remissione in questi pazienti. Il presente editoriale riporta le attuali conoscenze sul tema, in corso di gravidanza. Parole chiave. Gravidanza, malattie infiammatorie croniche intestinali, terapia biologica. Summary. Safety and effectiveness of biologics in treating inflammatory bowel diseases in pregnancy. Inflammatory Bowel Diseases (IBD) affect mainly younger people. Biologic therapies are safe and effective in inducing and maintain remission in that patients. We reviewed herein the current knowledge about the safety and the effectiveness of biologic therapies in managing pregnant IBD patients. Key words. Biologic therapy, inflammatory bowel diseases, pregnancy. Introduzione I rapporti che intercorrono tra le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI) e la gravidanza sono molto complessi e non sono ancora stati completamente chiariti. Dal momento che considerazioni etiche impediscono di condurre studi randomizzati e controllati nelle gravide, la maggior parte delle informazioni attualmente disponibili derivano da studi retrospettivi. Sappiamo che le MICI presentano il picco principale di incidenza tra 15 e 25 anni. Di conseguenza, molte domande sorgono spontanee nelle donne di questa età riguardo al loro desiderio di procreazione: potrò rimanere incinta? E se sì, quando? Dovrò modificare la terapia durante la gravidanza? Di conseguenza, il confronto tra medico e paziente, con corretto counselling da parte dello specialista, si rende necessario ancorché doveroso. Un ulteriore problema insorto negli ultimi anni nella gestione delle pazienti gravide affette da MI- CI è stato il rapido sviluppo di nuovi farmaci per queste patologie, in particolare dei farmaci biologici. L efficacia e i possibili rischi in gravidanza di molti dei farmaci tradizionali, dal 5-ASA agli steroidi e agli immunosoppressori, sono ormai ben conosciuti, mentre l utilizzo dei farmaci biologici in gravidanza è a tutt oggi oggetto di dibattito. In particolare, sono sotto osservazione l effetto di questi farmaci sul corretto sviluppo del sistema immunitario neonatale, nonché l ipotesi che queste molecole possano essere secrete con il latte materno, con tutti gli eventuali rischi connessi. Effetto delle malattie infiammatorie croniche intestinali sulla gravidanza Gli studi effettuati prima della comparsa dei farmaci biologici hanno documentato un aumento di eventi avversi perinatali nelle donne affette da MICI. La malattia di Crohn (MC), specialmente se in fase attiva, è associata ad un ridotto peso alla nascita ed a un aumentato rischio di parto pretermine e di parto cesareo 1. In uno studio caso-controllo, Bush et al. 2 hanno confrontato 116 gravide con MICI con controlli, non trovando alcuna differenza tra complicanze preparto, inclusa l ipertensione cronica, l iperemesi gravidica, il parto pre-termine o la pre-eclampsia. Tuttavia, le pazienti con MICI presentavano un più elevato rischio di parto pre-termine (32% vs 24%, p=0,002), di corio-amnionite (7% vs 3%, p=0,04), e di parto cesareo (32% vs 22%, p=0,007). Le complicanze neonatali, tra cui il ridotto peso alla nascita, l immaturità alla nascita, la ridotta crescita intrauterina, il basso indice di Apgar alla nascita e le anomalie congenite risultavano presenti nella stessa percentuale in entrambi i gruppi. L analisi dei sottogruppi mostrava un più basso rischio di ridotto peso alla nascita nelle pazienti precedentemente sottoposte a chirurgia per la malattia, nella malattia in remissione e nella MC, piuttosto che nella colite ulcerosa (CU). Il controllo dell attività di malattia prima del concepimento e durante la gravidanza è quindi il momento chiave per la salute materna e fetale. Servizio di Gastroenterologia Territoriale, DSS 4 Barletta, ASL BAT, Andria. Pervenuto il 6 aprile 2010.

2 A. Tursi: Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza Diversi autori hanno valutato quali potevano essere i fattori di rischio per una gravidanza sfavorevole nelle pazienti gravide con MICI. L attività di malattia durante la gravidanza era il fattore di rischio più importante per una evoluzione favorevole della gravidanza stessa. Una metanalisi pubblicata nel 2007 ha valutato l influenza delle MICI sulla gravidanza, con la completa revisione di 12 studi che soddisfacevano gli scopi della ricerca 3. La metanalisi ha valutato 1953 donne gravide con MC, 1113 con CU, e controlli. È emerso che le donne affette da MICI presentano un rischio aumentato di 1,87 volte di parto prematuro (cioè prima della 37 a settimana, p<0,001), un rischio più che doppio di basso peso alla nascita (meno di 2500 g, p<0,001); un rischio aumentato di 1,5 volte di parto cesareo (p<0,001), ed un rischio di 2,37 volte di anomalie congenite (p<0,001). Tuttavia, questo studio non è riuscito ad identificare quali donne con MICI sono a più elevato rischio di eventi avversi, anche se gli autori concludono con il consiglio di considerare le donne con MICI che vanno incontro ad una gravidanza come un gruppo ad alto rischio. Inoltre, una serie di bias di valutazione dello studio ne limita il messaggio finale: ad esempio, la valutazione complessiva che documenta un incremento del rischio di anomalie congenite durante la terapia (senza differenziare tra uso di 5-ASA, di azatioprina e di anti-tnfα), oppure la mancata valutazione dell attività di malattia sul decorso della gravidanza. L effetto della gravidanza sull attività di malattia nella colite ulcerosa è correlato con lo stato di malattia al momento del concepimento. Se il concepimento avviene durante un periodo di remissione della malattia, il 79-80% delle pazienti rimarrà in remissione durante tutta la gestazione 4. Il tasso di recidiva di malattia durante la gravidanza è simile a quello delle pazienti non gravide, ma se la recidiva è severa può influenzare negativamente l evoluzione della gravidanza 4. Contrariamente a quanto precedentemente ritenuto, il primo trimestre non è il periodo in cui la malattia può recidivare più facilmente 1, così come il rischio di recidiva nel post-partum è legato all attività di malattia al termine della gravidanza. Una malattia attiva al momento del concepimento è associata ad una prognosi peggiore. Nel 50-70% delle pazienti, la malattia o decorrerà cronicamente attiva (24% delle pazienti) oppure peggiorerà, e solo in 1/3 delle pazienti la malattia tenderà alla remissione 1,4. L evoluzione della MC durante la gravidanza è molto simile a quello della CU. Se il concepimento avviene durante un periodo di remissione, la malattia può rimanere quiescente nel 70% delle pazienti, per cui l evoluzione è simile a quella delle pazienti con MC non gravide 1. Alcuni suggeriscono che possa addirittura esserci un miglioramento dei sintomi durante la gravidanza 1. La recidiva di malattia può comunque presentarsi specialmente nel primo trimestre e nel puerperio 5. Se invece abbiamo una malattia attiva al momento del concepimento, circa 1/3 delle pazienti andrà incontro a cronicizzazione, 1/3 lamenterà peggioramento e solo 1/3 andrà incontro a remissione 4. Le donne che presentano il primo episodio di MICI durante la gravidanza presentano un elevato rischio di parto pre-termine o di neonato con basso peso 4. Il primo episodio di ospedalizzazione per CU durante la gravidanza è anche associato a più elevato rischio di parto pre-termine 5. Tuttavia, molti dei parti pre-termine avvengono dopo la 35 a settimana gestazionale e quindi con una prognosi neonatale più favorevole 1. L attività di malattia non sembra incrementare il rischio di malformazioni congenite né di mortalità perinatale, così come le MICI non sembrano essere associate ad alcune tipiche complicanze della gravidanza, quali l ipertensione o la proteinuria 1. Per quanto concerne l abitudine al fumo, le gravide fumatrici con MC presentano un rischio sostanzialmente più elevato di parto pre-termine e di basso peso alla nascita 5, motivo per cui queste pazienti dovrebbero essere attivamente incoraggiate a smettere di fumare. Al contrario, la prevalenza di fumatori tra i pazienti affetti da CU è più bassa rispetto alla popolazione generale 5. Inoltre, il fumo non sembra influenzare negativamente il decorso della gravidanza nelle pazienti affette da CU 5, probabilmente per il ben conosciuto effetto positivo della nicotina sul decorso della CU. Questi risultati supportano quindi le attuali linee-guida, che confermano come il mantenimento della remissione durante la gravidanza sia essenziale per una felice conclusione della stessa 6. Di conseguenza, le donne gravide con MICI dovrebbero essere trattate con la stessa aggressività terapeutica di quando non sono in gravidanza. I farmaci nelle malattie infiammatorie croniche intestinali La CU e la MC sembrano essere due diverse entità cliniche, che sono parzialmente correlate a differenti disfunzioni del sistema immunitario. Si ritiene che la MC sia legata ad una over-espressione delle cellule T helper (Th) con quadro citochinico 1, con la produzione di citochine, come il TNFα, che stimolano l immunità cellulo-mediata con conseguente infiammazione transmurale della parete intestinale 7. Al contrario, si ritiene che la CU si sviluppi in conseguenza di una disfunzione del sistema immunitario che coinvolge il sistema citochinico Th 2. Tuttavia, una iperespressione del TNFα è stata ben documentata anche nei pazienti con CU. I farmaci generalmente usati nel trattamento delle MICI non causano alterazioni della fertilità.

3 Recenti Progressi in Medicina, 101 (), ottobre 2010 Tabella 1. Classificazione dei farmaci in gravidanza secondo la Food and Drug Administration statunitense. Categoria dei farmaci A B C D X Definizione Studi adeguati e ben controllati in pazienti gravide non hanno dimostrato un aumentato rischio per il feto. Studi condotti su animali non hanno dimostrato pericolosità per il feto; tuttavia, assenza di studi adeguati e ben controllati nelle donne gravide oppure studi condotti su animali hanno dimostrato eventi avversi sul feto, ma studi controllati e ben condotti sulle donne gravide non hanno evidenziato un incremento del rischio per il feto. Studi condotti su animali hanno dimostrato eventi avversi per il feto, e non esistono studi ben controllati nelle donne gravide oppure non esistono studi su animali e non ci sono studi adeguati e ben controllati nelle dome gravide. Studi adeguati e ben controllati o osservazionali in donne gravide hanno dimostrato un aumento dei rischi per il feto. Tuttavia, I benefici derivanti dalla terapia possono essere superiori ai potenziali rischi. Studi adeguati e ben controllati o osservazionali, negli animali o nelle donne gravide, hanno dimostrato una chiara evidenza di anomalie fetali. L uso di questi farmaci è quindi controindicato nelle donne gravide o in quelle che vogliono pianificare una gravidanza. L azatioprina non altera, in vitro, il tasso di fertilità 5, mentre la sulfasalazina causa una ridotta fertilità nell uomo, di tipo dose-dipendente e reversibile alla sospensione, dovuta alla riduzione del numero di spermatozoi ed alla loro motilità 5. Il metotrexate, che si distribuisce ampiamente nei tessuti, permane nel fegato fino a 116 giorni dopo la sua sospensione. Poiché gli studi di mutagenesi hanno dimostrato un effetto teratogeno, questo farmaco non dovrebbe essere utilizzato negli uomini 5, con un periodo di sospensione di almeno 4 mesi prima di programmare un concepimento. Molti pazienti e medici di medicina generale credono erroneamente che le pazienti gravide con MICI non dovrebbero assumere alcun farmaco. Tuttavia, la gran parte dei farmaci usati nelle MI- CI sono sicuri per l evoluzione della gravidanza. Inoltre, il rischio che corre il feto con una malattia costantemente attiva è sicuramente superiore a quello legato ai farmaci assunti per mantenere la malattia sotto controllo. La valutazione dei farmaci da utilizzare in gravidanza è basata sulle indicazioni della Food and Drug Administration statunitense, che suddivide i farmaci in varie categorie (tabella 1 a: assolutamente sicuro; b: sicuro; c: sufficientemente sicuro; d: abbastanza sicuro, ma con rischi che tuttavia sono compensati dai benefici; x: vietato). L uso dei farmaci per le MICI in gravidanza non fa eccezione a queste regole. La gran parte dei farmaci usati, dalla mesalazina ai corticosteroidi, agli immunosoppressori (con la sola, importante eccezione del metotrexate) è sufficientemente sicuro anche in gravidanza 1. Da alcuni anni, gli inibitori del TNFα si sono dimostrati in grado di modificare in senso drammaticamente positivo l evoluzione del quadro clinico delle MICI. Di conseguenza, è anche aumentata esponenzialmente la possibilità che giovani donne con MICI ed in trattamento con anti-tnfα desiderino una gravidanza. Vediamo quindi quali sono gli effetti sulla gravidanza degli anti-tnfα attualmente usati in gastroenterologia. La terapia biologica in gravidanza Il ruolo del TNFα nel garantire l impianto dell embrione, nello sviluppo fetale e nell induzione del parto è ben conosciuto. Il TNFα controlla la produzione dell acido arachidonico attraverso l attivazione della ciclo-ossigenasi. In seguito, il TNFα svolge un ruolo importante nell impianto dell embrione e nella permeabilità vascolare. La produzione del TNFα è più bassa nel primo trimestre di gravidanza, ma incrementa progressivamente fino a raggiungere il livello più elevato al momento del parto 8. Questi alti livelli di TNFα si sono dimostrati importanti nell induzione del parto poiché fanno aumentare le contrazioni uterine. La gran parte dei farmaci biologici usati nelle MICI sono di classe IgG1 (tabella 2 alla pagina seguente). Ed è importante notare come le immunoglobuline di classe G (IgG) sono la principale classe di immunoglobuline che trasportano l immunità materna al feto, e che attraversano facilmente la placenta 9. Tra queste, le IgG1 sono quelle maggiormente implicate in questo trasferimento immunitario, seguite dalle IgG4, dalle IgG3, e quindi dalle IgG2. L impiego dei farmaci anti-tnfα nelle pazienti gravide con MICI deve quindi tenere necessariamente in conto queste dinamiche anticorpali e il ruolo del TNFα nell evoluzione della gravidanza. È, inoltre, da considerare che gran parte della letteratura che riguarda l uso degli anti-tnfα in gravidanza deriva da studi condotti sull artrite reumatoide, poiché i dati sull uso nelle MICI sono essenzialmente di tipo casistico e solo recentemente cominciano a comparire studi prospettici. Infine, è da tenere presente che risultati attualmente in nostro possesso riguardano essenzialmente l infliximab (IFX), stante anche il suo uso da più anni, mentre le informazioni derivanti dall azione di altri anti-tnfα in gravidanza sono assai scarse.

4 A. Tursi: Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza Tabella 2. Tipo, modalità di somministrazione, proprietà ed indicazioni dei farmaci biologici attualmente in uso nelle malattie infiammatorie croniche intestinali. Molecola (nome commerciale) Modalità di somministrazione e dose raccomandata nei pazienti adulti con IBD Infliximab (Remicade ) Infusione endovenosa di 5 mg/kg a 0,2, settimane, quindi ogni settimane in mantenimento Adalimumab (Humira ) Infusione sottocutanea di 10 mg alla settimana, 0, 0 mg alla settimana 2, quindi 40 mg ogni 2 settimane in mantenimento Certolizumab pegol (Cimzia ) Infusione sottocutanea di 400 mg alla settimana 0, 2 e 4, quindi ogni 4 settimane in mantenimento Proprietà e meccanismo d azione Anticorpo monoclonale chimerico anti-tnfα Anticorpo monoclonale umanizzato anti-tnfα Anticorpo anti-tnfα ricombinante, con frammento Fab umanizzato legato ad una molecola di PEG Indicazioni registrate Artrite reumatoide Malattia di Crohn di adulti e bambini (dai anni) Colite ulcerosa Psoriasi a placche Artrite psoriasica Spondilite anchilosante Malattia di Crohn dell adulto Artrite reumatoide Psoriasi a placche Artrite psoriasica Spondilite anchilosante Malattia di Crohn dell adulto INFLIXIMAB Infliximab (IFX) è un anticorpo monoclonale chimerico di classe IgG1 diretto contro il TNF-a, la citochina proinfiammatoria chiave nella malattia di Crohn ed in altre malattie infiammatorie come l artrite reumatoide e la psoriasi 10. Infliximab si lega al TNF solubile nella mucosa intestinale, neutralizzandone gli effetti. Esso si lega anche al recettore di membrana per il TNF, favorendo, in vitro, la distruzione delle cellule immunitarie mediante un meccanismo di tossicità cellulare anticorpo-dipendente, e inducendo l apoptosi delle cellule T. Il legame al recettore di membrana sembra particolarmente importante per l effetto long-term del farmaco, dato che permette un persistente effetto apoptotico sulle cellule T attivate 10. Questo anticorpo ha avuto indicazione dapprima nella malattia di Crohn da parte della Food and Drug Administration statunitense nel 1998, mentre successivi studi hanno dimostrato l efficacia dell infliximab anche nel trattamento della colite ulcerosa 10. L infliximab è attualmente classificato come un farmaco di classe B per la gravidanza. I dati sulla sua sicurezza durante la gravidanza derivano essenzialmente dall artrite reumatoide. INF Safety Database ha valutato l effetto dell IFX sulla gravidanza di 96 donne, esposte sia direttamente sia indirettamente al farmaco, senza documentare alcun rischio aumentato di aborto, di complicanze neonatali o malformazioni congenite. Il registro TREAT 11 continua a tutt oggi a monitorare i paziente sottoposti a trattamento con IFX. Anche in questo caso non sono a tutt oggi registrati aumenti di aborti spontanei, di complicanze neonatali o di malformazioni congenite nelle donne gravide esposte all IFX rispetto ai controlli. Dati più recenti riguardano l uso intenzionale di IFX durante la gravidanza, nel tentativo di mantenere la remissione della malattia. I dati clinici attualmente disponibili 12,13 hanno evidenziato che non c è alcun aumento di rischio di malformazioni congenite, ritardata crescita intrauterina, malformazioni congenite o basso peso gestazionale alla nascita nelle donne affette da MC e sottoposte a trattamento con IFX durante la gravidanza. Una domanda che ci si pone è se continuare o meno a trattare le pazienti con IFX durante tutta la gravidanza. Una recente rassegna 14 consiglia la sospensione dell IFX nel 3 trimestre di gravidanza, onde evitare rischi ulteriori per il feto. Tuttavia questi suggerimenti sembrano essere in contrasto con le posizioni dell American Gastroenterological Association 6, ed il momento della sospensione o meno del farmaco è tutt ora argomento di vivace dibattito all interno della comunità degli specialisti. ADALIMuMAB Adalimumab è un anticorpo monoclonale di classe IgG1di origine completamente umana, specificamente diretto verso il TNF umano, impiegato nel trattamento della malattia di Crohn e della patologia reumatologica. Diversamente dall infliximab, esso può essere autosomministrato dal paziente mediante iniezione sottocutanea. L efficacia clinica e la sicurezza dell adalimumab nella trattamento della malattia di Crohn moderata-severa è stata dimostrata da alcuni studi cardine 10. L adalimumab è classificato come farmaco di categoria B per l uso in gravidanza. Piccoli studi sperimentali sugli animali, in particolare sulle scimmie, non hanno dimostrato severi effetti collaterali.

5 400 Recenti Progressi in Medicina, 101 (), ottobre 2010 Tuttavia, i dati sull uso in gravidanza di questo farmaco sono più limitati rispetto all infliximab, specialmente nelle pazienti con MICI. Ci sono poche segnalazioni sull uso dell adalimumab in gravidanza nelle donne con malattia di Crohn 15,16, ma esse ne hanno sempre documentata la sicurezza. Se ci rifacciamo al British Society for Rheumatology Biologics Register, possiamo notare come, malgrado i casi raccolti siano molto pochi, anche per l artrite reumatoide non sono riportati rischi sull uso dell adalimumab in gravidanza 17. Dati derivanti dalla Organisation of Teratology Information Specialists (OTIS) sul trattamento delle malattie autoimmuni in gravidanza (artrite reumatoide, spondilite anchilosante, artrite psoriasica, psoriasi), presentati all American College of Gastroenterology nel , registravano, a quell epoca, 19 donne con gravidanza insorta sotto trattamento con adalimumab. Un ulteriore registro di safety sull adalimumab è stato successivamente creato, con l arruolamento di 32 donne che non rientravano nei criteri di arruolamento dell OTIS. Anche in questo caso non sono riportati rischi sull uso dell adalimumab in gravidanza 18. Secondo questi dati, non è stata riscontrata quindi alcuna differenza in termini di gravidanza a termine, di aborto spontaneo o di parto pretermine tra le donne in trattamento con adalimumab rispetto al gruppo di controllo. È tuttavia da registrare, in un caso di gravidanza gemellare con esposizione all adalimumab nel primo trimestre, l aborto spontaneo di uno dei gemelli nel primo trimestre e il parto pretermine dell altro gemello per displasia congenita dell anca. CERToLIzuMAB Il Certolizumab pegol è un anticorpo monoclonale anti-tnfα con il frammento Fab di origine umana e legato ad una molecola di polietilen-glicole (PEG), con alta capacità di legare sia il recettore di membrana per il TNFα sia il TNFα circolante. La peghilazione della molecola permette un emivita del farmaco di circa 2 settimane, consentendone la somministrazione ogni 4 settimane. La differenza fondamentale rispetto all infliximab ed all adalimumab è che in questa molecola la sola parte umanizzata è il frammento Fab e non l intero anticorpo IgG1. Dal momento che non contiene una porzione Fc umanizzata, tale anticorpo non provoca citotossicità complemento-dipendente, né tossicità cellulare anticorpo-dipendente, così come non è in grado di incrementare l apoptosi cellulare, a differenza degli altri anticorpi anti-tnfα 19. Gli studi Precise I e Precise II, due trial randomizzati di fase III per valutare l efficacia del farmaco nella malattia di Crohn moderata-severa, hanno recentemente dimostrato che il certolizumab pegol è in grado di ridurre l attività di malattia in questi pazienti, ma non di ottenerne la remissione rispetto al placebo 10, così come non sembra più efficace del placebo nel mantenimento della remissione a 26 settimane 10. Dal momento che si tratta di un farmaco relativamente recente, i dati sull uso del certolizimab pegol in gravidanza sono molto scarsi, con un solo case-report attualmente pubblicato 20. È consigliata la sospensione del farmaco al 5 mese di gravidanza, anche se non è stata chiaramente dimostrata la trasmissione placentare e l escrezione nel latte materno. Studi sui ratti hanno dimostrato che, pur potendosi raramente localizzare nei tessuti fetali, il frammento Fab peghilato presenta livelli circolanti molti più bassi rispetto agli altri anticorpi anti-tnfα di classe IgG1. Questo potrebbe rappresentare un vantaggio teorico per il suo uso nelle gravide con MICI rispetto agli altri famrci biologici, ma ulteriori studi sono necessari per chiarire meglio tali caratteristiche. Conclusioni Le donne affette da MICI, in cui la malattia è in remissione al momento del concepimento, hanno le maggiori possibilità di condurre a termine positivamente la gravidanza con un feto normale. Uno dei più importanti vantaggi acquisiti nell ultimo decennio con l uso di nuovi farmaci è che se la donna è in remissione, la gravidanza può evolvere favorevolmente. La maggior parte dei farmaci attualmente in uso, dai derivati del 5-ASA agli immunosoppressori (con la sola, importante eccezione del metotrexate), sono sicuri ed efficaci in gravidanza. Per quanto riguarda l uso in gravidanza dei nuovi farmaci biologici, i dati attualmente a disposizione ci indicano come l infliximab sia sicuro in gravidanza. Malgrado manchino risultati di casistiche più corpose, anche l adalimumab ed il certolizumab sembrano essere farmaci efficaci in gravidanza, non essendo stato dimostrato alcun incremento del rischio per il feto, anche se i dati relativi al certolizumab pegol siano preliminari. D altro canto, il rischio che senza anti-tnfα la malattia possa peggiorare e, con essa, la gravidanza, privilegia i benefici di questi farmaci. La riluttanza delle pazienti ad assumere farmaci in gravidanza per paura di nuocere al nascituro appare infondata, anche perché rischi di gran lunga maggiori si corrono se si sospende la terapia. Le donne gravide con MICI dovrebbero essere sempre adeguatamente informate sul fatto che non la terapia farmacologica ma la sospensione della stessa, con possibile recidiva della malattia o con cronica attività, sono i fattori di rischio maggiori per la comparsa di problemi in gravidanza. Anche gli anti-tnfα sono un opzione terapeutica in queste pazienti, ricordando però che la decisione del trattamento va adottata caso per caso, basandosi sul grado di attività di malattia nella paziente gravida.

6 A. Tursi: Sicurezza ed efficacia dei farmaci biologici nel trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali in gravidanza 401 Bibliografia 1 Heetun ZS, Byrnes C, Neary P, O Morain C. Reproduction in the patient with inflammatory bowel disease. Aliment Pharmacol Ther 2007; 26: Bush MC, Patel S, Lapinski RH, Stone JL. Perinatal outcomes in inflammatory bowel disease. J Matern Fetal Neonatal Med 2004; 15: Cornish J, Tan E, Teare J, et al. A meta-analysis on the influence of inflammatory bowel disease on pregnancy. Gut 2007; 56: Habal FM, Kapila V. Inflammatory bowel disease and pregnancy: evidence, uncertainty and patient decision-making. Can J Gastroenterol 2009; 23: Mahadevan U. Pregnancy and inflammatory bowel disease. Gastroenterol Clin North Am 2009; 38: Mahadevan U, Kane S. American Gastroenterological Association Institute Technical review on the use of gastrointestinal medications in pregnancy. Gastroenterology 2006; 131: Neissner M, Volk BA. Altered Th1/Th2 cytokine profiles in the intestinal mucosa of patients with inflammatory bowel disease as assessed by quantitative reversed transcribed polymerase chain reaction (RT-PCR). Clin Exp Immunol 1995; 101: Daher S, Fonseca F, Ribiero OG, et al. Tumor necrosis factor during pregnancy and at the onset of labor and spontaneous abortion. Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol 1999; 83: Kane SV, Acquah LA. Placental transport of immunoglobulins: a clinical review for gastroenterologists who prescribe therapeutic monoclonal antibodies to women during conception and pregnancy. Am J Gastroenterol 2009; 104: Sfikakis PP. The first decade of biologic TNF antagonists in clinical practice: lessons learned, unresolved issues and future directions. Curr Dir Autoimmun 2010; 11: Lichtenstein G, Feagan BG, Cohen RD, et al. Serious infections and mortality in association with therapies for Crohn s disease: TREAT registry. Clin Gastroenterol Hepatol 2006; 4: Tursi A. Effect of intentional infliximab use throughout pregnancy in inducing and maintaining remission in Crohn s disease. Dig Liver Dis 2006; 38: Mahadevan U, Kane S, Sandborn WJ, et al. Intentional infliximab use during pregnancy for induction or maintenance of remission in Crohn s disease. Aliment Pharmacol Ther 2005; 21: Papa A, Mocci G, Bonizzi M, et al. Use of infliximab in particular clinical settings: management based on current evidence. Am J Gastroenterol 2009; 104: Vesga L, Terdiman JP, Mahadevan U. Adalimumab use in pregnancy. Gut 2005; 54: Jürgens M, Brand S, Filik L, et al. Safety of adalimumab in Crohn s disease during pregnancy: Case report and review of the literature. Inflamm Bowel Dis 2009 Dec 21 [Epub ahead of print]. 17 Hyrich KL, Symmons DP, Watson KD, et al. Pregnancy outcome in women who were exposed to anti-tumor necrosis factor agents: results from a national population register. Arthritis Rheum 2006; 54: Chambers CD, Johnson DL, Jones KL. Adalimumab and pregnancy outcome: the OTIS autoimmune diseases in pregnancy project. Am J Gastroenterol 2006; 101: S Stephens S, Brown DT, Nesbitt AM, Foulkes R. Lack of placental transfer and accumulation in milk of anti-tnf PEGylated Fab fragments in rats. Abstract ECCO March 2007 (poster presentation). 20 Oussalah A, Bigard MA, Peyrin-Biroulet L. Certolizumab use in pregnancy. Gut 2009; 58: 608. Indirizzo per la corrispondenza: Dott. Antonio Tursi Via Torino, Andria (Barletta)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni

Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Nuove terapie nelle malattie bullose autoimmuni Federica Morelli, Specialista in Dermatologia e Venereologia, Pescara Claudio Feliciani, Professore associato in Dermatologia e Venereologia, Policlinico

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari

INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari INDICATORI DI SALUTE Diretti (negativi) Sanitari MORTALITA Mortalità generale o grezza = numero di morti per tutte le cause registrati nella popolazione Mortalità specifica = numero di morti per tipologia

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: dai Trattamenti Convenzionali ai Farmaci Biotecnologici

La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: dai Trattamenti Convenzionali ai Farmaci Biotecnologici La Terapia Farmacologica delle Malattie Infiammatorie Immuno-Mediate: Presidenti Corrado Blandizzi Università di Pisa Pier Luigi Canonico Università del Piemonte Orientale BOLOGNA ROYAL HOTEL CARLTON 5-6-7

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Come, reumatismo infantile? Ma esiste?

Come, reumatismo infantile? Ma esiste? Come, reumatismo infantile? Ma esiste? Dr. med. Traudel Saurenmann, Ospedale pediatrico di Zurigo Quando racconto a qualcuno che mi occupo di reumatologia infantile, spesso la reazione si tratti di un

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383 Come pianificare uno studio clinico MD il giornale di Rivista Rivista dell Associazione Medici Diabetologi PERIODICO DI APPROFONDIMENTO SCIENTIFICO, FORMAZIONE, MODELLI ASSISTENZIALI S. De Riu 1, M.L.

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli