ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 ENRICA VIVACQUA DOTTORANDA DI RICERCA IN MARKETING E COMUNICAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 ENRICA VIVACQUA DOTTORANDA DI RICERCA IN MARKETING E COMUNICAZIONE"

Transcript

1 CAPACITÀ D INNOVAZIONE, CLIMA ORGANIZZATIVO E DISTANZA CULTURALE: UN ANALISI ESPLORATIVA NEL CONTESTO DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA * BICE DELLA PIANA RICERCATORE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO 107 ENRICA VIVACQUA DOTTORANDA DI RICERCA IN MARKETING E COMUNICAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Sommario: Introduzione - 1. Capacità d innovazione e investimenti in Ricerca e Sviluppo 2. Cultura e clima organizzativo - 3. Distanza e cluster culturali 4. L analisi esplorativa nel contesto dell industria farmaceutica 4.1 Il campione di riferimento 4.2 Le Best Pharmaceutical Firms : la relazione tra elevati investimenti in Ricerca e Sviluppo e Place to Work in prospettiva cross-cultural - 5. Sviluppi della ricerca. ABSTRACT The aim of this study is to explore the relationship between the innovation capacity and organizational climate in cross-cultural perspective. Starting to review of the literature on innovation capacity and R&D investments, culture and organization climate, and cultural distance and cluster, we have used the rank compiled by IRI with JRC and Great Place to Work to create a database in which 28 firms is analyzed. The study is applied on the pharmaceuticals industry. KEY WORDS innovazione clima organizzativo cluster culturali. Introduzione Il contributo delle risorse umane al conseguimento di elevate performance delle imprese è da tempo di interesse degli studiosi di management strategico e di comportamento organizzativo (Lee, Lee & Wu, 2010). E generalmente accettato che people are the key assets in the new world market and that all other assets are nothing more than commodities that * Gli autori hanno contribuito in ugual misura all impostazione e allo svolgimento della ricerca. Tuttavia, i paragrafi 2, 3, 4.1, 4.2 nonché l introduzione sono da attribuire a Bice Della Piana, mentre i paragrafi 1, 4, 5 nonché l appendice sono da attribuire a Enrica Vivacqua.

2 108 BICE DELLA PIANA-ENRICA VIVACQUA can be purchased at market prices, because only the human asset has potential to learn, grow, and contribute (Fitz-enz, 1995: 45). In letteratura, è ancora molto acceso il dibattito sulla relazione tra risorse umane e vantaggio competitivo, in particolare si discute sul contributo derivante dalle risorse umane (Human Resource - HR) o dalla gestione delle risorse umane (Human Resource Management - HRM): alcuni autori sostengono che il contributo proviene dalle HR e non dalle pratiche di HRM; altri evidenziano che non basti avere delle best people e che il vantaggio competitivo sia creato dalle pratiche di HRM; infine, c è chi concilia i due estremi evidenziando il ruolo critico di entrambi. Al di là del suddetto dibattito, è considerata indubbia l influenza del contributo dei membri dell organizzazione alle perfomance dell impresa. In questa sede ci si chiede, in particolare, quale sia la relazione esistente tra capacità di innovazione e clima organizzativo e come tale relazione possa essere interpretata in prospettiva cross-cultural. A tal fine, si è pensato di focalizzare lo studio sulle imprese farmaceutiche che presentano elevati investimenti in R&S, questi ultimi utilizzati in questa sede come misura della capacità di innovazione delle stesse. Tali imprese, inoltre, avendo le controllate e/o collegate in diverse nazioni, consentono di riflettere sulla possibile influenza della distanza culturale sulla relazione oggetto di studio. Il lavoro si articola come segue: dopo una breve rassegna della letteratura distinta per argomento (capacità di innovazione, clima organizzativo, distanza culturale) ci si propone di esplorare la relazione investimenti in R&S - ambienti di lavoro - cluster culturali selezionando dalla classifica dell Industrial Research & Innovation (IRI) le imprese farmaceutiche premiate come migliori ambienti di lavoro dal Great Place to Work (GPtW) e distinguendole per appartenenza ai cluster culturali derivanti dall analisi (GLOBE Project). L analisi esplorativa si conclude con una serie di considerazioni e domande alle quali si intende dare un risposta con gli sviluppi ulteriori della ricerca. 1.Capacità di innovazione e investimenti in Ricerca & Sviluppo Le capacità innovative vengono definite come un continuo miglioramento delle capacità e delle risorse che l impresa possiede, al fine di esplorare e sfruttare le opportunità per lo sviluppo di nuovi prodotti (Forsman, 2011; Szeto, 2000). E ben noto che le risorse rappresentano beni e riserve disponibili, possedute e/o controllate dalle organizzazioni (Forsman, 2011; Amit & Schoemaker, 1993). Le capacità innovative rappresentano, invece,

3 109 CAPACITÀ D INNOVAZIONE, CLIMA ORGANIZZATIVO E DISTANZA CULTURALE: UN ANALISI ESPLORATIVA NEL CONTESTO DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA la capacità nell individuare tali risorse, nel reperirle, nel selezionarle e ricombinarle al fine ultimo di cogliere le opportunità imprenditoriale. In particolare, si parla di capacità di assorbimento per indicare la capacità di un impresa di riconoscere il valore delle nuove conoscenze esterne, di assimilarle e di applicarle ai nuovi fini commerciali (Forsman, 2011; Cohen & Levinthal, 1990; Zahra & George, 2002). Le capacità innovative, dunque, sarebbero identificabili come capacità dinamiche (Teece, 2007) volte al rilevamento e all orchestrazione delle nuove opportunità e alla nuova configurazione delle attività materiali ed immateriali dell impresa (Forsman, 2011). Le capacità innovative spesso, sono identificate con le formali attività in ricerca e sviluppo (R&S) svolte dalle imprese (Forsman, 2011; Kirner et al., 2009). Sebbene i termini ricerca e sviluppo formino nel linguaggio una coppia inscindibile, ciascuno si riferisce in realtà a differenti campi di attività benché sempre collegati all innovazione. La ricerca comprende quella di base e quella applicata; lo sviluppo riguarda quelle attività che consentono di applicare la conoscenza per la realizzazione di nuovi prodotti, materiali o processi. La ricerca e lo sviluppo presuppongono le suddette capacità governate dall impresa sia attraverso l attività in-house, sia attraverso le relazioni con i clienti o con altri potenziali innovatori, con i network di interesse e con le altre fonti esterne di informazione scientifica e tecnica (Schilling, 2008). L intrapresa di relazioni di collaborazione costituisce un importante risorsa di conoscenza e di apprendimento, fondamentali per il raggiungimento del vantaggio competitivo basato sull innovazione; le alleanze strategiche in R&S, infatti, possono risultare un importante unità di analisi per comprendere il raggiungimento del suddetto vantaggio (Capaldo A. Messeni Petruzzelli A., 2012). Per quanto detto, le attività di R&S possono essere utilizzate come una sorta di mezzo identificativo di un impresa innovatrice. L entità di tali investimenti, infatti, possono fornire informazioni sulla capacità d innovazione di un impresa, tenendo conto che l incremento di tale entità generalmente è il risultato delle precedenti scelte in tale ambito (Branch, 1974). 2. Cultura e clima organizzativo Già nei primi anni 80, Schwarts e Davis (1981: 32) evidenziavano che one way to understand culture is to understand what it is not e aggiungevano che la cultura non è il clima.

4 110 BICE DELLA PIANA-ENRICA VIVACQUA La cultura si riferisce alla struttura profonda dell organizzazione, incardinata nei valori, credenze e assunti dei suoi membri; i significati sono stabiliti attraverso il processo di socializzazione e l interazione riproduce il mondo simbolico che conferisce alla cultura un elevata stabilità e, al tempo stesso, una certa fragilità dovuta alla dipendenza del sistema organizzativo dalle cognizioni e dalle azioni individuali. Il clima, invece, pur fotografando l ambiente organizzativo come il portato del sistema dei suoi valori, lo presenta in termini relativamente statici descrivendo tali valori come un set di dimensioni percepite dai membri dell organizzazione e come stabili da monitorare nel tempo (Deninson, 1996: 624). Si evidenziano di seguito alcune delle riflessioni di Deninson (1996) sugli elementi di distinzione e di raccordo tra la letteratura relativa alla cultura e quella relativa al clima. Gli studiosi della cultura organizzativa si sono interessati dell evoluzione dei sistemi sociali nel tempo (tra gli altri: Pettigrew, 1979; Van Maanen, 1979; Schein, 1985) mentre quelli del clima organizzativo di un impresa hanno focalizzato la loro attenzione maggiormente sull impatto che il sistema organizzativo ha sui membri di un organizzazione, singolarmente considerati o in gruppo (tra gli altri: Ekvall, 1987; Joyce & Slocum, 1984; Koyes & De Cotiis, 1991). I primi hanno fondato le loro ricerche sull importanza della comprensione degli assunti sottostanti la cultura (Kunda, 1992), difficilmente osservabili senza uno studio profondo, e del punto di vista di colui che vive l organizzazione; i secondi, invece, sulla percezione delle procedure e pratiche osservabili (James & Jones, 1974) e queste ultime rappresentano le dimensioni di analisi definite dagli stessi ricercatori. Analizzando i due diversi corpi della letteratura, Deninson (1996: 625) evidenzia che essi differiscono per prospettiva più che per sostanza; egli, infatti, individua 2 elementi di raccordo particolarmente interessanti: entrambe le prospettive concepiscono il contesto sociale come collettivamente definito e condiviso e che emerge nel tempo a seguito dello scontro tra problemi di adattamento, di significato individuale conferito agli eventi e di integrazione sociale; pur se il clima organizzativo pone l accento su come il contesto sociale è vissuto dai membri dell organizzazione (Tagiuri & Litwin, 1968: 25) mentre la cultura su esso è creato dagli stessi (Schein, 1985: 19), entrambe le prospettive si focalizzano sula rappresentazione collettiva cognitiva degli schemi di apprendimento sociale (Deninson, 1996: 626). 3. Distanza e cluster culturali La distanza tra paesi può essere concepita considerando diverse dimensioni:

5 111 CAPACITÀ D INNOVAZIONE, CLIMA ORGANIZZATIVO E DISTANZA CULTURALE: UN ANALISI ESPLORATIVA NEL CONTESTO DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA geografica, culturale, amministrativa ed economica (Cerrato, 2009). La distanza culturale rappresenta la principale fonte di complessità nelle scelte di espansione internazionale (Capaldo et al., 2012), oltre che una delle maggiori cause di inefficacia dei processi di negoziazione cross-cultural (Della Piana & Testa, 2009). Come evidenziato da Souza & Bradley (2006), in letteratura si sé spesso utilizzato il concetto di distanza culturale come sinonimo di distanza psichica, pur essendo tali concetti tra loro distinti. La distanza psichica è qualificabile come la percezione individuale della differenza tra i proprio paese e un altro; essa è soggettivamente percepita e può essere analizzata solo a livello individuale. La distanza culturale, invece, è pressocchè oggettivamente determinata ed è analizzabile a livello di cultura nazionale o di cluster culturale. I framework maggiormente usati dagli studiosi di management per misurare la distanza culturale si riferiscono ai seguenti autori: Kogut & Singh (1988), Hofstede (1980; 2001), Schwartz (1994; 2003), House, Hanges, Javidan, Dorfman & Gupta (2004). Il modello di House et al (2004), relativo alle dimensioni culturali utilizzate nel Progetto GLOBE (Global Leadership and Organizational Behaviour Effectiveness), è considerato uno degli studi recenti meno criticati (Shi, Wang, 2011: 93). L ambizione del progetto è stata quella di incrementare la conoscenza che risulta essere rilevante nell interazione cross-cultural; l obiettivo principale di tale progetto si è sostanziato, infatti, nell individuazione della relazione esistente tra culture sociali, culture organizzative e pratiche di leadership dei paesi partecipanti al progetto, senza trascurare numerosi indicatori di competitività economica dei paesi studiati e il benessere psicologico dei relativi cittadini (Javidan & Hauser, 2004). I risultati della ricerca sono presentati sottoforma di dati quantitativi basati sulle risposte di circa middle-managers di 951 organizzazioni appartenenti a 170 paesi coinvolti e scelti facendo riferimento a 62 società diverse. Lo studio è sviluppato su nove dimensioni culturali che comprendono le pratiche ( As is ) e i valori ( Should Be ) in differenti contesti culturali. Di seguito si elencano le definizioni delle nove dimensioni culturali riportate in Culture, Leadership, and Organizations: The Globe Study of 62 Societies (House, Hanges, Javidan Dorfman and Gupta, 2004): Power Distance: the degree to which members of an organization or society expect and agree that power should be shared unequally. Uncertainty Avoidance: the extent to which members of collectives seek orderliness, consistency, structure, formalized procedures, and laws to cover situations in their daily lives.

6 112 BICE DELLA PIANA-ENRICA VIVACQUA Institutional Collectivism: level at which a society values and rewards collective action and resource distribution. In-Group Collectivism: level at which a society values cohesiveness, loyalty, and pride, in their families and organizations. Human Orientation: ideas and values and prescriptions for behavior associated with the dimension of culture at which a society values and rewards altruism, caring, fairness, friendliness, generosity, and kindness. Performance Orientation: level at which a society values and rewards individual performance and excellence. Assertiveness: a set of social skills or a style of responding amenable to training or as a facet of personality. Gender Egalitarianism: level at which a society values gender equality and lessens role differences based gender. Future Orientation: the extent to which members of a society or an organization believe that their current actions will influence their future, focus on investment in their future, believe that they will have a future that matters, believe in planning for developing their future, and look far into the future for assessing the effects of their current actions. Dai risultati della ricerca è emersa la possibilità di raggruppare i partecipanti al Progetto GLOBE (Chhokar et al., 2008: 13) 11 in 10 cluster culturali (Tab. 1). Tab. 1 I cluster culturali Fonte: Chhokar et al., 2008: 13.

7 113 CAPACITÀ D INNOVAZIONE, CLIMA ORGANIZZATIVO E DISTANZA CULTURALE: UN ANALISI ESPLORATIVA NEL CONTESTO DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA Il riferimento alla classificazione dei paesi in cluster può ritenersi un utile riferimento per rilevare le probabili distanze culturali tra paesi; quest ultima, infatti, indica il grado di differenza tra i valori culturali di due o più paesi e, quindi, in sostanza di similarità o di differenza tra culture (Della Piana & Testa, 2009). 4. L analisi esplorativa nel contesto dell industria farmaceutica Il settore farmaceutico costituisce uno dei settori cui la riflessione scientifica ed istituzionale sta dedicando molta attenzione. Di particolare interesse appare l analisi del processo di profonda trasformazione che questo settore sta vivendo. Le imprese farmaceutiche, dedite all innovazione, rientrano tra le imprese che maggiormente investono in attività di R&S. La farmaceutica in generale e le singole aziende nello specifico, oltre al farmaco etico, opera su di un ampia varietà di settori come ad esempio gli erbicidi e pesticidi, gli strumenti medicali ed altri materiali di consumo, le protesi, i prodotti per la cura dei capelli, i prodotti ortodontici ed i prodotti nutrizionali. La R&S costituisce la variabile fondamentale della competizione fra le imprese farmaceutiche (Sorrentino, 2009; Maggioni, 1984; Gambardella, 1990, 1995; Pammolli, 1996). Il conseguimento di posizioni di vantaggio concorrenziale e, più in generale, la capacità competitiva delle imprese dipendono prevalentemente dall abilità nell introdurre farmaci innovativi, attività per la quale occorre investire in modo massiccio in ricerca e sviluppo. Le scelte in tema di R&S assumono, infatti, valenza strategica per le imprese farmaceutiche (Sorrentino, 2009). Altro aspetto rilevante da considerare è la tendenza a promuovere collaborazioni e partnership dirette ad acquisire nuove molecole e /o nuovi target sviluppati all esterno che è in costante aumento (Gassman et al., 2004) e che ha raggiunto un incidenza di oltre il 30% del budget di R&S delle maggiori multinazionali farmaceutiche (Sorrentino, 2009; Hopkins et al., 2007). La tipologia di investimento in R&S richiede, per sua natura, un impiego di ingenti capitali su un orizzonte elevato a fronte di ritorni altamente incerti sebbene potenzialmente esponenziali. Ad esempio, il tempo medio necessario per lo sviluppo di un nuovo farmaco è di 12 anni. L investimento medio necessario per scoprire e produrre un nuovo farmaco è di 803 milioni di dollari. L elevata dotazione di capitali è, quindi, una caratteristica sine qua non nel settore farmaceutico per imprese che intendono competere ed affermarsi su scala globale. Infine, data la connotazione di settore altamente

8 114 BICE DELLA PIANA-ENRICA VIVACQUA Tab. 2 Panoramica globale degli investimenti in R&S knowledge intensive, una porzione significativa del capitale è impegnato in attività rivolte alla generazione di conoscenza svolte da addetti specialistici. In sostanza, quindi, due sono i punti che appaiono fondamentali: nel settore farmaceutico la capacità di competere è dettata dall intensità di impiego dei capitali; al crescere dell intensità d investimento (sia in termini generali sia in specifici investimenti in R&S) cresce la forza lavoro impiegata. Confrontando il panorama globale, si evince come per l Europa e l America i valori di investimenti in R&S siano molto vicini tra loro. Tra i paesi europei, l Inghilterra, la Francia e la Germania risultano essere tra le più produttive in questa attività (Tab. 2). Fonte: adattata da Farmindustria, Indicatori farmaceutici, (2012), cap. 3, p.98, Tavola 106.

9 115 CAPACITÀ D INNOVAZIONE, CLIMA ORGANIZZATIVO E DISTANZA CULTURALE: UN ANALISI ESPLORATIVA NEL CONTESTO DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA 4.1 Il campione di riferimento Considerando la forte propensione all innovazione del settore farmaceutico nel suo complesso, ci è sembrato opportuno scegliere tali imprese per esplorare la relazione capacità di innovazione - clima organizzativo - distanza culturale scegliendo come le seguenti misure specifiche: gli elevati investimenti in R&S per la capacità di innovazione; la connotazione di buon ambiente di lavoro (great place to work) per il clima organizzativo; l appartenenza a diversi cluster culturali per la distanza culturale. In sostanza, l idea sottostante tali analisi è che la capacità di innovazione delle imprese oggetto d analisi sia anche la risultante di un buon ambiente di lavoro e che la distanza geografica tra la capogruppo e le controllate e/o collegate non generi distanza culturale nelle pratiche di gestione delle risorse umane. Per il rilevamento dei dati sugli investimenti in R&S, si è fatto riferimento al The EU Industrial R&D Investment Scoreboard dall European Commission s Joint Research Center (Directorates General for Research and Innovation - European Commission) che fornisce dati economici e finanziari, nonchè analisi, delle imprese corporate di tutto il mondo (1000 EU e 1000 non-eu) che effettuano elevati investimenti in R&D. Tale rapporto è basato sui dati estratti direttamente dai report annuali delle imprese. I dati utilizzati nella presenta analisi si riferiscono al dataset delle classifiche delle top 1000 corporate EU (R&D ranking of the top 1000 companies by Member States) e non-eu (R&D ranking of the top 1000 non-eu companies by country) relativi agli anni 2011 (dati 2010), 2010 (dati 2009) e 2009 (dati 2008). Dai report si evince che il settore farmaceutico occupa le prime posizioni; esso risulta essere, infatti, uno dei settori più favorevoli agli investimenti in R&S. Nell anno 2009 il settore ha rappresentato il 18,9% sul totale delle imprese del rapporto; tra le dieci corporate a più elevati investimenti in R&S, quattro sono europee, cinque americane ed una giapponese. Nell anno 2010 il settore farmaceutico conferma la sua attitudine ad investire in ricerca e sviluppo e molte delle relative imprese migliorano la loro posizione all interno della classifica generale. Gli investimenti in R&S in Europa ammontano ad un valore di eur/mil ed in USA di eur/mil; tre corporate americane hanno dimostrato una forte crescita: Merck 47%, Abbott 35,7% e Pfizer 21,4%. Nell anno 2011, 96 aziende hanno investono in R&S per un ammontare pari ad oltre un miliardo di

10 116 BICE DELLA PIANA-ENRICA VIVACQUA euro. La Roche, impresa svizzera, risulta essere l impresa che investe di più (718 eur/mil), dal 2004 è salita di ben 17 posizioni all interno della classifica (Tab. A in Appendice). Al fine di verificare quali delle imprese farmaceutiche considerate top per il livello di investimenti in R&S rappresentano anche dei buoni ambienti di lavoro, è sembrato utile incrociare la suddetta classifica con l indagine annuale condotta da GPtW. Gli studi annuali di Great Place to Work si fondano su dati provenienti da oltre 10 milioni di dipendenti in diversi paesi nel mondo, rappresentanti più di organizzazioni di dimensioni, settori e strutture diversi. Le sedi di GPtW, infatti, sono ormai diffuse in tutto il mondo: Argentina, Australia, Belgio, Bolivia, Brasile, Canada, America Centrale e Caraibi, Cile, Cina, Colombia, Danimarca, Ecuador, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, India, Irlanda, Italia, Giappone, Corea, Lussemburgo, Messico, Olanda, Nigeria, Norvegia, Paraguay, Perù, Polonia, Portogallo, Spagna, Sri-Lanca, Svezia, Svizzera, Emirati Arabi Uniti, UK, USA, Uruguay, Venezuela. Partendo dal concetto di cultura, di ambiente di lavoro e contesto creativo ed innovativo, nasce l idea di Great Place to Work (GPtW); nel 1981, Robert Levering ed Amy Lyman decidono di rilevare i migliori ambienti di lavoro in tutto il mondo, ovvero imprese nelle quali l ambiente è orientato all innovazione, dove il clima di lavoro risulta essere creativo per lo sviluppo di nuove idee incoraggiando e promuovendo la ricchezza di interazioni. Un impresa diventa un great place to work sulla base di un analisi condotta mediante la compilazione di questionari rivolti ai singoli dipendenti, in maniera del tutto anonima, e alla direzione HR mediante focus group 10 ; l analisi si fonda sul livello di fiducia (basato sulle seguenti dimensioni: credibilità, equità, rispetto, cameratismo, orgoglio) esistente in riferimento a tre relazioni di base: dipendenti e dipendenti; dipendenti e management; dipendenti e organizzazione. Servendoci della classifica redatta da Great Place to Work nell anno 2010 (si veda in appendice, la Tab. B che evidenzia la selezione delle imprese farmaceutiche premiate), è stato creato un database contenente 14 imprese della classifica JRC premiate nell anno 2010 da GPtW e 14 della stessa classifica che però non risultano premiate. Al fine di verificare una possibile influenza relativa alla distanza culturale tra imprese, la scelta di queste ultime è avvenuta considerando lo stesso cluster di appartenenza delle precedenti (Tab. 3).

11 117 CAPACITÀ D INNOVAZIONE, CLIMA ORGANIZZATIVO E DISTANZA CULTURALE: UN ANALISI ESPLORATIVA NEL CONTESTO DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA 4.2 Le Best Pharmaceutical Firms : l esplorazione della relazione tra investimenti in Ricerca e Sviluppo e Place to Work in prospettiva cross-cultural Tab. 3 - Il campione di riferimento Come riportato nella tabella 4, l analisi condotta ha permesso di evidenziare una forte associazione tra elevati investimenti in R&S e nomination come Great Place to Work (12 su 15) delle imprese farmaceutiche posizionate con un ranking elevato (fino alla posizione 95) nella classifica JRC;

12 118 BICE DELLA PIANA-ENRICA VIVACQUA Tab. 4 - Investimenti in R&S e Fatturato delle imprese farmaceutiche del campione osservato

13 119 CAPACITÀ D INNOVAZIONE, CLIMA ORGANIZZATIVO E DISTANZA CULTURALE: UN ANALISI ESPLORATIVA NEL CONTESTO DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA d altro canto, per quelle posizionate con ranking più basso (dalla posizione 153) solo 1 impresa su 12 è considerato un Great Place to Work. Tra le prime, tranne che per Nycomed (-13,8%), Lundbeck (-5%), Astrazeneca (- 3%), Roche (-4,5%) e Bristol-Meyer Squibb (-2,22%), si registra un incremento degli investimenti in R&S rispetto all anno precedente. Tra le seconde, invece, tranne che per Medivir (+ 25,9%) e Skye Pharma (+92,2%), gli incrementi registrati negli investimenti in R&S sono molto contenuti; di particolare interesse sembra menzionare due casi in cui tali decrementi sono di rilevante entità: Meda (-43,1%), Evotec (-70,8%), Takeda Pharmaceuticals (-34,6%). Focalizzando l attenzione sulle imprese farmaceutiche della lista JRC nominate come Great Place to Work è possibile esplorare la relazione tra investimenti in R&S e clima organizzativo tenendo conto anche della distanza culturale tra la nazionalità dell impresa e il place to work nel quale la stessa riceve il premio. Il cluster interessato dal maggior numero di nomination come great place to work è l Anglo Cultures, seguono Nordic Europe e Latin Europe, poi Germanic Europe e, infine, il Confusian Asia. In realtà tale classifica potrebbe essere sovvertita se si prendesse in considerazione il numero di nomination rispetto al numero di imprese farmaceutiche del relativo cluster (Tab. 5). Tab. 5 - Best place vs Bed place to work Se ci si focalizza sullo specifico cluster è possibile evidenziare la prossimità climatica tra imprese ossia la supposta vicinanza tra imprese di un dato cluster mediante la similitudine rilevata nel paese in cui avviene la nomination come Great Place to Work. Come si evince dalla tabella 6 la distanza geografica non implica necessariamente distanza climatica. Prendendo in considerazione, invece, i paesi dei cluster relativi al Place to Work (Tab. 7) che ricevono le nomination è possibile osservare che il cluster Latin America è quello che riceve il maggior numero di nomination (14 di

14 120 BICE DELLA PIANA-ENRICA VIVACQUA Tab. 6 Cluster dell impresa farmaceutica vs cluster del place to work premiato cui 8 solo per Argentina e Venezuela), segue il Nordic Europe (7) e Anglo Cultures (7), Latin Europe (6), Eastern Europe (3) e Germanic Europe (1). Tab. 7 Cluster place to work premiato vs cluster del dell impresa farmaceutica

15 121 CAPACITÀ D INNOVAZIONE, CLIMA ORGANIZZATIVO E DISTANZA CULTURALE: UN ANALISI ESPLORATIVA NEL CONTESTO DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA 5. Sviluppi della ricerca Seppure di natura esplorativa, alcune considerazioni di sintesi sembra possano essere fatte con riferimento alla relazione tra capacità di innovazione, clima organizzativo e distanza culturale. La relazione tra elevati investimenti in R&S e nomination come Great Place to Work delle imprese farmaceutiche posizionate con un ranking elevato nella classifica JRC induce a riflettere su quale sia la direzione della stessa; tale riflessione rappresenta l obiettivo principale al quale si tende con gli sviluppi ulteriori della ricerca. Focalizzando poi l attenzione sui risultati ottenuti in questa prima fase dell analisi, è possibile individuare altre specifiche domande derivanti da tali risultati e ai quali si tenterà di dare una riposta in futuro. Risultato 1: Solo 14 imprese su 119 imprese farmaceutiche della classifica JRC 2010 hanno ricevuto una nomination come Great Place to Work. Risultato 2: Solo 14 imprese della lista Great Place to Work risultano presenti anche nella classifica JRC. Domanda 1: Esiste un effetto di settore? Ossia, in altri settori esiste una diversa proporzione tra imprese premiate e imprese innovative? Risultato 3: Il cluster dell America Latina è quello più interessato dalle nomination. Domanda 2: Quali sono le influenze locali sull ottenimento della nomination? Risultato 4: La distanza culturale non implica la distanza climatica ; la vicinanza climatica non implica similarità culturale. Domanda 3: Quali sono i meccanismi che consentono di assorbire la distanza culturale nelle pratiche di Human Resource Management?

16 122 BICE DELLA PIANA-ENRICA VIVACQUA APPENDICE Tab. A - Imprese farmaceutiche della classifica JRC 2011 (su dati 2010) distinte per paese

17 123 CAPACITÀ D INNOVAZIONE, CLIMA ORGANIZZATIVO E DISTANZA CULTURALE: UN ANALISI ESPLORATIVA NEL CONTESTO DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA Tab. B Imprese farmaceutiche premiate come Great Place to Work nel 2010.

18 124 BICE DELLA PIANA-ENRICA VIVACQUA

19 125 CAPACITÀ D INNOVAZIONE, CLIMA ORGANIZZATIVO E DISTANZA CULTURALE: UN ANALISI ESPLORATIVA NEL CONTESTO DELL INDUSTRIA FARMACEUTICA BIBLIOGRAFIA Amit, R., Schoemaker, P.J.H., Strategic assets and organizational rent. Strategic Management Journa,l 14 (1): Branch, B., R&D activity and profitability: a distributed lag analysis. Journal of Political Economy, 82(5) Capaldo, A., Messeni Petruzzelli, A Origins of knowledge, recombinant search, and innovation. An econometric study at the interorganizational level of analysis. In: Capaldo, A. (ed.), Advances in Strategy and Organization. Mc-Graw Hill, Milano: Cohen, W.M., Levinthal, D.A., Absorptive capacity: a new perspective on learning and innovation. Administrative Science Quarterly, 35 (1): Forsman, H., Innovation capacity and innovation development in small enterprises. A comparison between the manufacturing and service sectors, Research Policy, Gambardella, A., L introduzione delle biotecnologie nell industria farmaceutica statunitense, FrancoAngeli, Milano. Gambardella, A., Science and innovation. The US Pharmaceutical Industry during the 1980 s. Cambridge University Press, Cambridge. Gassman, O., Reepmeyer, G., Von Zedtwitz, M., Leading Pharmaceutical Innovation: Trends and Drivers for Growth in the Pharmaceutical Industry, Springe, London. Brodbeck, F.C., Culture and leadership, across the world: The GLOBE Book of In-Depth Studies of 25 Societies. LEA, New York. Hopkins, M.M., Martin, P.A., Nightingale, P., Kraft, A., Mahdi, S., The myth of the biothech revolution: an assessment of technological, clinical and organizational change. Research Policy, 36(4): Kirner, E., Kinkel, S., Jaeger, A., Innovation paths and the innovation performance of low-technology firms an empirical analysis of German industry. Research Policy, 38 (3), Maggioni, V., L industria farmaceutica. Editoriale scientifica, Napoli. Pammolli, F., Innovazione, concorrenza strategie di sviluppo nell industria farmaceutica, Guerini Scientifica, Milano. Schilling, A. M., Gestione dell innovazione, (2 nd ed.). McGraw-Hill. Sorrentino, M., Le imprese science-based. Strategie di ricerca e imprenditorialità. Carocci editore S.p.A., Roma. Szeto, E., Innovation capacity: working towards a mechanism for improving innovation within an inter-organizational network. The TQM Magazine, 12 (2): Teece, D.J., Explicating dynamic capabilities: the nature and microfoundations of (sustainable) enterprise performance, Strategic Management Journal, 28 (13): Kogut, B., H. Singh The Effect of National Culture on the Choice of Entry Mode. Journal of International Business Studies, 19(3): Hofstede, G., Culture s consequences: International differences in work related values. Beverly Hills: Sage. Hofstede, G., Culture s Consequences: Comparing Values, Behaviors, Institutions and Organizations Across Nations. 2nd edn. Thousand Oaks, CA: Sage. Schwartz, S.H.,1994. Beyond individualism-collectivism: new cultural dimensions of values. In Kim E, Triandis, H.C., Kagitcibasi, C., Choi, S.C., & Yoon, G. (Eds.), Individualism and Collectivism: Theory, Method and Applications. Sage: Newbury Park, CA: Schwartz, S.H., Mapping and interpreting cultural differences around the world. In Vinken, H., Soeters, J., & Ester, P. (Eds.), Comparing Cultures. Dimensions of culture in a comparative perspective, Leiden, The Netherlands: Brill. House, R.J., Hanges, P.J., Javidan, M., Dorfman, P., Gupta, V., Culture, Leadership, and Organizations: The GLOBE Study of 62 Societies. Sage: Thousand Oaks, CA. Shi, X., Wang, J., Interpreting Hofstede Model and GLOBE Model: Which Way to Go

20 126 BICE DELLA PIANA-ENRICA VIVACQUA for Cross-Cultural Research?. International Journal of Business and Management, 6(5): Sousa, C.M.P., Bradley, F., Cultural Distance and Psychic Distance: Two Peas in a Pod? Journal of International Marketing, 14(1): Della Piana, B., Testa, M L efficacia dei processi di negoziazione cross-cultural nei business internazionali. Sviluppo & Organizzazione, 235: 2-21 Capaldo, A., Della Piana, B., Vecchi, A., Managing across cultures in a globalized world. Findings from a systematic literature review. The Global Community 2011, I: Oxford University Press: Oxford. Cerrato, D., Does innovation lead to global orientation? Empirical evidence from a sample of Italian firms, European Management Journal, 27, Tagiuri, R., Litwin, G., (Eds.), Organizational climate: explorations of a concept. Boston: Harvard Business School. James, L., Jones, A., Organizational climate: A review of theory and research. Psychological Bulletin, 18: Kunda, G., Engineering culture. Philadelphia: Temple University Press. Ekvall, G., The climate metaphor in organization theory. In B. Bass, P. Drenth (Eds.), Advances in Organizational Psychology: Beverly Hills, CA: Sage. Joyce, W.F., Slocum, J., Collective climate: Agreement as a basis for defining aggregate climate in organizations. Academy of Management Journal, 27: Koys, D., Decotiis, T., Inductive measures of psychological climate. Human Relations, 44: Van Maanen, J., Qualitative research. Administrative Science Quarterly., 24: Schein, E., Organizational culture and leadership. San Francisco: Jossey Bass. Pettigrew, A., On studying organizational cultures. Administrative Science Quarterly, 24: Deninson, D.R., What is difference between organizational culture and organizational climate? A native s point of view on a decade of paradigm wars. Academy of Management Review, 21 (3): Schwartz, H., Davis, S., Matching corporate culture and business strategy. Organizational Dynamics, 10(1): Zahra, S.A., George, G., Absorptive capacity: a review, reconceptualization, and extension. Academy of Management Review, 27 (2). Lee, F-H., Lee, T-Z., & Wu, W-Y., The relationship between human resource management practices, business strategy and firm performance: evidence from steel industry in Taiwan. The International Journal of Human Resource Management, 21(9), Fitz-enz, J., How to measure human resources management. New York: McGraw- Hill.

RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB

RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB Obiettivi La sezione di ricerca realizzata da CSS-LAB Customer & Service Science LAB dell Università

Dettagli

Eugenio Pomarici. Miilano, 15 dicembre 2014

Eugenio Pomarici. Miilano, 15 dicembre 2014 Business International Italian Excellence in Wine Mercato del vino e Expo Eugenio Pomarici Dip.to di Agraria Sezione di scienze della vite e del vino Università degli Studi di Napoli Federico II pomarici@unina.it

Dettagli

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE OD&M Consulting è una società di consulenza specializzata nella gestione e valorizzazione delle persone e nella progettazione di sistemi

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

PROPOSTE DI TESI DI LAUREA E TIROCINIO CREAZIONE, CRESCITA E GESTIONE DELLE IMPRESE (ENTREPRENEURSHIP) Titoli delle tesi

PROPOSTE DI TESI DI LAUREA E TIROCINIO CREAZIONE, CRESCITA E GESTIONE DELLE IMPRESE (ENTREPRENEURSHIP) Titoli delle tesi PROPOSTE DI TESI DI LAUREA E TIROCINIO CREAZIONE, CRESCITA E GESTIONE DELLE IMPRESE (ENTREPRENEURSHIP) Titoli delle tesi (aggiornamento marzo 2010) 1. Tesi A-011 : Aziende europee che ipercrescono: determinanti

Dettagli

Il ruolo del controller @ POLIMI

Il ruolo del controller @ POLIMI Il ruolo del controller @ POLIMI 22 Novembre 2012 MARIKA ARENA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GESTIONALE - POLITECNICO DI MILANO Agenda 2 L evoluzione del contesto competitivo L evoluzione del controllo di

Dettagli

IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO

IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO IMPRENDITORI SI NASCE O SI DIVENTA? RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ITALIA E STATI UNITI A CONFRONTO PREMESSE E OBIETTIVI SURVEY DESIGN Periodo di rilevazione: Aprile luglio 2014 Campione: 43.902

Dettagli

I.P. PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 19 - Lavoro AUTONOME PROVINZ. BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 19 - Arbeit

I.P. PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 19 - Lavoro AUTONOME PROVINZ. BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 19 - Arbeit AUTONOME PROVINZ I.P. BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 19 - Arbeit PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 19 - Lavoro MIGLIOR POSTO DI LAVORO IN ALTO ADIGE 2011 INFO: Business Pool Srl Via degli

Dettagli

MONDIALE, NEI SERVIZI

MONDIALE, NEI SERVIZI CHI SIAMO Il Gruppo è attivo, a livello globale, nei seguenti campi: Lavoro Temporaneo e Permanent Staffing, Ricerca e Selezione, Consulenza HR, Formazione, Supporto alla Ricollocazione, altri servizi

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane Terza lezione 15102014 Le origini storico- teoriche: I debi2 nei cfr delle teorie dell impresa Le relazioni tra ambiente- strategia- stru;ura- ges2one risorse umane

Dettagli

scenario, trend, opportunità

scenario, trend, opportunità Cloud Computing nelle Imprese Italiane scenario, trend, opportunità Alfredo Gatti Managing Partner MODELLI EMERGENTI di SVILUPPO ed IMPLEMENTAZIONE Unione Parmense degli Industriali Pal. Soragna Parma

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Esperienze di integrated reporting in Italia e nel mondo

Esperienze di integrated reporting in Italia e nel mondo Esperienze di integrated reporting in Italia e nel mondo Riccardo Stacchezzini Professore Associato di Economia aziendale nell Università degli Studi di Verona Gaia Melloni Dottoranda di Ricerca in Economia

Dettagli

ALLA SCOPERTA DEL CILE ATTRAVERSO I SUOI SETTORI SERVIZI. www.prochile.gob.cl

ALLA SCOPERTA DEL CILE ATTRAVERSO I SUOI SETTORI SERVIZI. www.prochile.gob.cl ALLA SCOPERTA DEL CILE ATTRAVERSO I SUOI SETTORI SERVIZI www.prochile.gob.cl Il Cile sorprende per la sua geografia diversificata. Le sue montagne, valli, deserti, boschi e migliaia di chilometri di costa

Dettagli

Dalla CSR al Social Commitment

Dalla CSR al Social Commitment Dalla CSR al Social Commitment il progetto del Governo Italiano per il semestre di Presidenza dell UEd 1 Definizione di CSR Il Libro Verde della Commissione Europea (luglio 2001) definisce la CSR come

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius Giulio Longobardi Direttore commerciale Atradius Italia Palermo 14

Dettagli

Responsabilità sociale d impresa e performance aziendale. Dicembre 2013

Responsabilità sociale d impresa e performance aziendale. Dicembre 2013 Responsabilità sociale d impresa e performance aziendale Dicembre 2013 Sommario Premessa e sintesi dei risultati Il lavoro svolto Risultati aziende italiane Risultati aziende europee 2 Premessa L obiettivo

Dettagli

Nuovi approcci per rilanciare l innovazione: il contributo di Bivee

Nuovi approcci per rilanciare l innovazione: il contributo di Bivee Nuovi approcci per rilanciare l innovazione: il contributo di Bivee Claudia Diamantini Dipartimento di Ingegneria dell'informazione Università Politecnica delle Marche 1 Strategicità dell Innovazione Europe's

Dettagli

Cultura organizzativa

Cultura organizzativa Cultura organizzativa 1 3-2 Cultura organizzativa La cultura organizzativa è l'insieme di idee condivise, implicite e assunte all'interno di un gruppo, che determina il modo in cui il gruppo percepisce,

Dettagli

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management Progetto di ricerca del CeRCA Centro di Ricerca sul Cambiamento e Apprendimento Organizzativo Prof. Vittorio D'Amato Direttore CeRCA 2 Indice Il CeRCA

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

Visione d insieme e definizione

Visione d insieme e definizione Visione d insieme e definizione Corso di Organizzazione Aziendale Alcune capacita /competenze organizzative STRUTTURA STRATEGIA TECNOLOGIA RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE 1 Raggruppamento Funzionale Raggruppamento

Dettagli

Breve guida alla banca dati sugli Investimenti Diretti all Estero (IDE)

Breve guida alla banca dati sugli Investimenti Diretti all Estero (IDE) Breve guida alla banca dati sugli Investimenti Diretti all Estero (IDE) is a Research Project on European Union policies, economic and trade integration processes and WTO negotiations financed by the Italian

Dettagli

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA Prospettive di sviluppo delle energie rinnovabili per la produzione di energia elettrica. Opportunità per il sistema industriale nazionale. Intervento di Annalisa

Dettagli

Motor Study. Messaggi Chiave. Novembre 2015

Motor Study. Messaggi Chiave. Novembre 2015 Motor Study Messaggi Chiave Novembre 2015 1 I principali contenuti dello studio sintesi 1 pagina Deloitte ha effettuato una survey su 9.000 Clienti assicurativi in 8 nazioni Europee (UK, Irlanda, Germania,

Dettagli

di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management CREAZIONE E GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE AZIENDE di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management CONOSCENZA ESPLICITA ED IMPLICITA La conoscenza rappresenta quello che in management

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005

Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005 Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005 Dino Petrone Elica Group i dati del Gruppo Elica Dati Gruppo Elica > Fatturato Gruppo Elica 2004 Aggregato 413 milioni di Euro 2300 dipendenti i dati

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

PLANET49 GmbH. per Email Power 2011. Milano, 06/10/2011

PLANET49 GmbH. per Email Power 2011. Milano, 06/10/2011 PLANET49 GmbH per Email Power 2011 Milano, 06/10/2011 Con le proprie azioni a premio, PLANET49 acquisisce lead consensate in grandi volumi e a prezzi altamente competitivi Il nostro sviluppo dal 2001:

Dettagli

Requisiti RTDB: 6 punti, di cui almeno 50% su riviste di fascia A o superiore.

Requisiti RTDB: 6 punti, di cui almeno 50% su riviste di fascia A o superiore. Facoltà di Scienze Bancarie Finanziarie Assicurative area Economia Politica, Politica Economica Requisiti minimi per il reclutamento I seguenti requisiti minimi si applicano per il reclutamento a partire

Dettagli

Java open source per le aziende

Java open source per le aziende Java open source per le aziende Simone Federici In collaborazione con Mara Marzocchi Stato del mercato tecnologico Europa Svezia 8,67 Danimarca 8,45 Regno Unito 8,45 Paesi Bassi 8,43 Finlandia 8,38 Norvegia

Dettagli

Denominazione equipollente presso Università straniera. International Economics and Financial Markets. International Economics & Financial Markets

Denominazione equipollente presso Università straniera. International Economics and Financial Markets. International Economics & Financial Markets Denominazione della disciplina presso la nostra Facoltà GOTHENBURG E-Marketing (ord. 270 ) Strategia e Politica Aziendale (ord. 270 ) Economia Internazionale (ord. 270 ) Economia Internazionale (ord. Organizzazione

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA

GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA GLI STRANIERI SONO TORNATI A INVESTIRE IN ITALIA Purtroppo, però, rimaniamo ancora poco attrattivi =================== Nel 2014 gli Ide (Investimenti diretti esteri) in entrata nel nostro paese ammontavano

Dettagli

"Come sarebbe la tua giornata senza il Digitale?

Come sarebbe la tua giornata senza il Digitale? "Come sarebbe la tua giornata senza il Digitale? Incremento del PIL Composizione del contributo di Internet al PIL italiano 2009-2010, % su totale Consumi privati Investimenti privati Consumi pubblici

Dettagli

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE Progetto di ricerca Premessa La diversificazione rappresenta, ormai da qualche anno, uno dei temi verso i quali esperti e studiosi di finanza e di management rivolgono grande

Dettagli

LA RETE E LE IMPRESE: LA SECONDA FASE

LA RETE E LE IMPRESE: LA SECONDA FASE LA RETE E LE IMPRESE: LA SECONDA FASE Giampio Bracchi Presidente Fondazione Politecnico di Milano Convegno ABI Internet e la Banca Roma,1 dicembre 2003 Economia della rete nel mondo, trasformazione e crescita:

Dettagli

SUSTAINABLE TRENDS scenari e tendenze di sostenibilità dall impresa alle scelte del consumatore

SUSTAINABLE TRENDS scenari e tendenze di sostenibilità dall impresa alle scelte del consumatore SUSTAINABLE TRENDS scenari e tendenze di sostenibilità dall impresa alle scelte del consumatore Introduzione Negli ultimi anni le scelte di acquisto dei consumatori, sono maggiormente orientate alla ricerca

Dettagli

Piccole e Medie Imprese

Piccole e Medie Imprese Piccole e Medie Imprese Imprenditoria e organizzazione delle piccole e medie imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Corsi di Laurea: Magistrale Ingegneria e Scienze Informatiche Matematica Applicata UNIVERSITÀ

Dettagli

LA RICERCA TI CERCA. Come diventare ricercatore. E perché.

LA RICERCA TI CERCA. Come diventare ricercatore. E perché. LA RICERCA TI CERCA Come diventare ricercatore. E perché. INDICE CHE COS È LA RICERCA FARMACEUTICA? Una lunga storia, in breve 3 COME SI ENTRA NEL MONDO DELLA RICERCA? Un lavoro che guarda lontano, visto

Dettagli

Le opportunità di un mondo che cresce

Le opportunità di un mondo che cresce UNIONCAMERE EMILIA-ROMAGNA TEMPORARY EXPORT MANAGER 2014 Le opportunità di un mondo che cresce Camera di Commercio di Ravenna 26 marzo 2014 Dentro il tunnel Partire dai numeri nonostante quanto si dice

Dettagli

AIESEC. GLOBAL Internship Program. A world of new ideas in your organization. Un mondo di nuove idee nella tua azienda.

AIESEC. GLOBAL Internship Program. A world of new ideas in your organization. Un mondo di nuove idee nella tua azienda. AIESEC GLOBAL Internship Program A world of new ideas in your organization Un mondo di nuove idee nella tua azienda. COS È AIESEC Chi siamo? AIESEC è un network globale di studenti universitari e neolaureati

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 2000655 - MARKETING Corso di studio: LE007 - COMUNICAZIONE, LINGUE E CULTURE Anno regolamento: 2012

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Seminario. Diritti di proprietà intellettuale tra incentivi e strategie. Problemi di ricerca e casi di studio. Torino, venerdì 17 giugno

Seminario. Diritti di proprietà intellettuale tra incentivi e strategie. Problemi di ricerca e casi di studio. Torino, venerdì 17 giugno Seminario Diritti di proprietà intellettuale tra incentivi e strategie. Problemi di ricerca e casi di studio Torino, venerdì 17 giugno LORENZO CASSI Università Bocconi, Milano Tema di ricerca Network sociali

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE 7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE Lo studio ISFOL Politecnico di Torino sulla formazione nella grandi imprese italiane si è servito di un questionario per la rilevazione

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Innovazione e lavoro UN TEMA (DI)BATTUTO DA TEMPO SCHEMA DELLA LEZIONE Effetti dell innovazione

Dettagli

L auto aziendale in Italia

L auto aziendale in Italia L auto aziendale in Italia Modalità e tendenze Company Car Drive Alessandro Brioschi 14 Maggio 2015 2014 Towers Watson. All rights reserved. Agenda Chi è Towers Watson Una panoramica tratta dalle nostre

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese Marco Valerio Morelli, Mercer Valerio Salone, Mercer Ripensare l età e la sua gestione La prospettiva dell Age Management

Dettagli

ASSESSMENT & SKILL DEVELOPMENT

ASSESSMENT & SKILL DEVELOPMENT ASSESSMENT & SKILL DEVELOPMENT Progettualità innovativa per lo sviluppo del capitale umano e del business www.ideamanagement.it www.praxi.com La value proposition della partnership Idea Management e PRAXI

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

FAST-START Program SAP La proposta Altea

FAST-START Program SAP La proposta Altea FAST-START Program SAP La proposta Altea www.alteanet.it altea@alteanet.it SAP World SAP AG Oltre 95.000 aziende clienti Installazioni in 120 paesi per: Integrare i processi Aumentare la competitività

Dettagli

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE

Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE ONLINE TOOL FOR SELF-EVALUATION OF KEY COMPETENCES IN ADULT AGE Autovalutaizone delle competenze chiave nela formazione degli adulti Progetto VINTAGE L Aquila, 13th Marzo 2014 Laura VETTRAINO Reference:

Dettagli

I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT)

I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT) Capitolo IV I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT) Parole Chiave Industria Science-based Sistema Nazionale di Innovazione Tripla Elica Conoscenza Tecnologica Incubatore di Imprese Silicon Valley 71 Il modello dei

Dettagli

OVERVIEW MEETING INDUSTRY

OVERVIEW MEETING INDUSTRY OVERVIEW MEETING INDUSTRY 2009/2010 LA MEETING INDUSTRY, parte del SISTEMA TURISMO è anche SISTEMA A SE LE SUE CARATTERISTICHE PRINCIPALI: Destagionalizzazione dei flussi Spesa pro capite maggiore rispetto

Dettagli

Corsi di studio e percorsi di vita

Corsi di studio e percorsi di vita Corsi di studio e percorsi di vita Corsi di studio e percorsi di vita Corsi di studio e percorsi di vita economia Corsi di studio e percorsi di vita ingegneria Cos è la LIUC e perché sceglierla? giurisprudenza

Dettagli

Sistemi di misurazione delle performance

Sistemi di misurazione delle performance Sistemi di misurazione delle performance 1 Agenda Cos è la misurazione delle performance e a cosa serve? Tipi di indicatori Outcome Requisiti minimi Come gestire la performance. 2 Che cos e la misurazione

Dettagli

CREATING A NEW WAY OF WORKING

CREATING A NEW WAY OF WORKING 2014 IBM Corporation CREATING A NEW WAY OF WORKING L intelligenza collaborativa nella social organization Alessandro Chinnici Digital Enterprise Social Business Consultant IBM alessandro_chinnici@it.ibm.com

Dettagli

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda

Global Professional System. La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Global Professional System La mappa di riferimento che guida la costruzione di sistemi di gestione e valorizzazione delle persone in azienda Il contesto di riferimento Le organizzazioni si trovano a fronteggiare

Dettagli

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Capitolo III LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Parole Chiave Resource based View Vantaggio Competitivo Know-how, Know-what, Know-who Apprendimento Interorganizzativo Capitale Sociale Processi Imprenditoriali

Dettagli

Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia

Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia Le indicazioni Nazionali richiedono in tutti i gradi di scuola l inserimento dei GIS nella didattica della geografia: primo ciclo di istruzione Il raffronto

Dettagli

IL RUOLO DEL GENERICO COME STRUMENTO PER GENERARE RISORSE DA INVESTIRE NELLA RICERCA DEI FARMACI INNOVATIVI

IL RUOLO DEL GENERICO COME STRUMENTO PER GENERARE RISORSE DA INVESTIRE NELLA RICERCA DEI FARMACI INNOVATIVI IL RUOLO DEL GENERICO COME STRUMENTO PER GENERARE RISORSE DA INVESTIRE NELLA RICERCA DEI FARMACI INNOVATIVI Dott. Giorgio Foresti Presidente Assogenerici C È UN VERO PROGRESSO SOLO QUANDO I VANTAGGI DI

Dettagli

PIANI DI AZIONE DI MIGLIORAMENTO

PIANI DI AZIONE DI MIGLIORAMENTO GLI OBIETTIVI LE INIZIATIVE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SONO INTRINSECHE ALLA MISSION DI GI GROUP E AL LAVORO SVOLTO QUOTIDIANAMENTE DALLE PERSONE CHE OPERANO ALL INTERNO DEL GRUPPO. 90 Le iniziative di

Dettagli

Talent Management in Ferrero

Talent Management in Ferrero Talent Management in Ferrero Ferrero al Summit dei Talenti Allineare le strategie di Talent Management agli obiettivi di business dell azienda: il caso Ferrero Milano, 18 marzo 2010 Executive summary (1/2)

Dettagli

Denominazione equipollente presso Università straniera. Strategy and Organization. International Economics and Financial Markets

Denominazione equipollente presso Università straniera. Strategy and Organization. International Economics and Financial Markets ESAMI NUOVO ORDINAMENTO Corsi di laurea SPECIALISTICA ELENCO ORIENTATIVO DEGLI ESAMI SOSTENUTI PRESSO LE SEDI NOSTRE PARTNER NEI PRECEDENTI ANNI ACCADEMICI SEGNALIAMO CHE GLI ESAMI RICONOSCIUTI DAI DOCENTI

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Coordinamento Servizi di Promozione del Sistema Italia

Coordinamento Servizi di Promozione del Sistema Italia 2013 2014 Articolazione innovativa in progetti tematici modulati in chiave geografica, con focus sulla Potenziamento ed estensione del supporto a Rafforzamento della I CONTENUTI IN SINTESI: I PUNTI CHIAVE

Dettagli

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all Introduzione Il tema del benessere organizzativo è attualmente molto discusso all interno dei contesti lavorativi. Ciò perché tutti coloro che si occupano di organizzazione e di gestione delle risorse

Dettagli

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2

Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici. Sezione 4.2 Retail banking: posizionamento di mercato ed indirizzi strategici Sezione 4.2 Profilo di CheBanca! Dati di sintesi Efficace collettore di provvista: 13,3mld di depositi diretti ed 1mld di indiretti Miglior

Dettagli

Strategia di Internazionalizzazione: strumenti e opportunità 2014-2017

Strategia di Internazionalizzazione: strumenti e opportunità 2014-2017 Strategia di Internazionalizzazione: strumenti e opportunità 2014-2017 Accrescere l attrattività internazionale (maggiore presenza di studenti, dottorandi, post-doc, ricercatori e docenti stranieri) OBIETTIVI

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Programmi aziendali strutturati per la misurazione, il monitoraggio e il miglioramento dello stato di salute e benessere della persona e dell azienda

Programmi aziendali strutturati per la misurazione, il monitoraggio e il miglioramento dello stato di salute e benessere della persona e dell azienda Programmi aziendali strutturati per la misurazione, il monitoraggio e il miglioramento dello stato di salute e benessere della persona e dell azienda Una sana passione imprenditoriale Il progetto Wellsalus

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE 2016 PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE KING HOLIDAYS C È 2 AMBIZIONE nel desiderio di soddisfare le agenzie di viaggi e i loro clienti FORZA risultato di un duro allenamento nel turismo ESPERIENZA da 24 anni

Dettagli

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il quadro di riferimento Por Creo 2007-2013, Linea di intervento 5.3 Obiettivo dell' Attività 5.3. Por Creo 2007-2013: attivare progetti integrati

Dettagli

PMI: il punto sull attività negli ultimi 12 mesi Ricerca Zurich sulle PMI - 2014

PMI: il punto sull attività negli ultimi 12 mesi Ricerca Zurich sulle PMI - 2014 PMI: il punto sull attività negli ultimi mesi Ricerca Zurich sulle PMI - 20 1 settembre 20 Indice Introduzione Metodologia pag. 3 Struttura del campione pag. Risultati Sintesi pag. Risultati per regione

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

Schema per la redazione di un business plan high tech

Schema per la redazione di un business plan high tech Schema per la redazione di un business plan high tech 1. Sintesi dell idea 2. Assessment dei fattori di rischio dell iniziativa 3. Strategia competitiva 3.1 Fonti del vantaggio competitivo 3.2 Posizionamento

Dettagli

Luxury Market Vision. Le opportunità esistenti per le aziende italiane del lusso nei mercati emergenti. www.pwc.com/it. Giugno 2013.

Luxury Market Vision. Le opportunità esistenti per le aziende italiane del lusso nei mercati emergenti. www.pwc.com/it. Giugno 2013. www.pwc.com.it Giugno 2013 Luxury Market Vision Le opportunità esistenti per le aziende italiane del lusso nei mercati emergenti Giugno 2013 www.pwc.com/it I mercati emergenti guidano lo sviluppo del mercato

Dettagli

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008

Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Convegno nazionale I nostri ricercatori: una ricchezza per il Paese e per l'europa Roma, 30 giugno 2008 Intervento di Nicola Catalano, ricercatore ISFOL Introduzione 1. Conosciamo tutti l importanza delle

Dettagli

AREA ECONOMICA. Requisiti per il reclutamento nei seguenti settori:

AREA ECONOMICA. Requisiti per il reclutamento nei seguenti settori: AREA ECONOMICA Requisiti per il reclutamento nei seguenti settori: Macrosettore Settori Concorsuali Settori Scientifico Disciplinari 13/A Economia 13/A1 Economia Politica 13/A2 Politica Economica 13/A3

Dettagli

CAPITOLO III. Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco

CAPITOLO III. Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco CAPITOLO III Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco RICERCA E SVILUPPO NEL SETTORE DEL FARMACO Dati ed evoluzione temporale Nel 2009 le imprese del farmaco hanno investito in Ricerca e Sviluppo 1.220

Dettagli

Incontro di Orientamento 5 maggio 2015. Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016

Incontro di Orientamento 5 maggio 2015. Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016 Incontro di Orientamento 5 maggio 2015 Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016 Novità : 4 nuovi curricula LM 2015/16 Novità: 2 curricula in lingua inglese; Informazioni sul primo anno;

Dettagli

1 RAPPORTO SULLA PRODUZIONE SCIENTIFICA IN TEMA DI ENERGIE RINNOVABILI

1 RAPPORTO SULLA PRODUZIONE SCIENTIFICA IN TEMA DI ENERGIE RINNOVABILI Rimini 5 Novembre Sala Girasole Presentazione 1 RAPPORTO SULLA PRODUZIONE SCIENTIFICA IN TEMA DI ENERGIE RINNOVABILI Prof. Umberto Di Matteo Chi siamo ISES ITALIA (Sezione Nazionale dell International

Dettagli

Denominazione equipollente presso Università straniera. Strategy and Organization. International Economics and Financial Markets

Denominazione equipollente presso Università straniera. Strategy and Organization. International Economics and Financial Markets ESAMI NUOVO ORDINAMENTO Corsi di laurea SPECIALISTICA ELENCO ORIENTATIVO DEGLI ESAMI SOSTENUTI PRESSO LE SEDI NOSTRE PARTNER NEI PRECEDENTI ANNI ACCADEMICI SEGNALIAMO CHE GLI ESAMI RICONOSCIUTI DAI DOCENTI

Dettagli

100 aziende giudicate migliori ambienti di lavoro in Europa dai propri dipendenti

100 aziende giudicate migliori ambienti di lavoro in Europa dai propri dipendenti 100 aziende giudicate migliori ambienti di lavoro in Europa dai propri dipendenti Milano, 19 giugno 2012 Great Place to Work ha oggi rivelato i nomi delle 100 aziende che sono state riconosciute dai propri

Dettagli

OSSERVATORIO MERCATI EXTRA UE: OPPORTUNITA E PROSPETTIVE PER I VINI ITALIANI

OSSERVATORIO MERCATI EXTRA UE: OPPORTUNITA E PROSPETTIVE PER I VINI ITALIANI Vinitaly, 23 marzo 2015 OSSERVATORIO MERCATI EXTRA UE: OPPORTUNITA E PROSPETTIVE PER I VINI ITALIANI DENIS PANTINI Direttore Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa Outline Perché un Osservatorio

Dettagli

ATTIVITA Jean Monnet in ERASMUS + (2014-2020) CALL 2014

ATTIVITA Jean Monnet in ERASMUS + (2014-2020) CALL 2014 ATTIVITA Jean Monnet in ERASMUS + (2014-2020) CALL 2014 Roberta Pastorelli Centro europeo d eccellenza Jean Monnet www.unitn.it/cjm roberta.pastorelli@unitn.it Attività Jean Monnet: Introduzione Promuovono

Dettagli

Prof. Luigi Nicolais. Consiglio Nazionale delle Ricerche

Prof. Luigi Nicolais. Consiglio Nazionale delle Ricerche Prof. Luigi Nicolais Consiglio Nazionale delle Ricerche Cambiamenti Negli ultimi 10 anni l orizzonte concorrenziale è stato profondamente trasformato da Asia, America Latina, Africa per Disponibilità risorse

Dettagli

è Conoscenza più Servizio più Prodotti

è Conoscenza più Servizio più Prodotti è Conoscenza più Servizio più Prodotti Regolazione e controllo del vapore e dei fluidi industriali CONOSCENZA Quasi un secolo di esperienza a disposizione dei clienti 35 centri di formazione ed addestramento

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli