DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO"

Transcript

1 DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO Critri di sicurzza nlla zioni vtrari Safty critria for glazing tions ORGANO COMPETENTE Vtro CO-AUTORE SOMMARIO La norma si ai vtri pr dilizia d a qualsiasi altro impigo non rgolamntato da norm spcifich prtinnti, mntr pr qulli rgolamntati, la norma indica sclusivamnt il rifrimnto da r. UNI - Milano. Riproduzion vitata. codic progtto: Tutti i diritti sono risrvati. Nssuna part di qusto documnto può ssr riprodotta o diffusa con un mzzo qualsiasi, fotocopi, microfilm o altro, snza il consnso scritto di UNI.

2 DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO Qusto tsto NON è una norma UNI, ma è un progtto di norma sottoposto alla fas di inchista pubblica, da utilizzar solo d sclusivamnt pr fini informativi pr la formulazion di commnti. Il procsso di laborazion dll norm UNI prvd ch i progtti vngano sottoposti all'inchista pubblica pr raccoglir i commnti dgli opratori: la norma UNI dfinitiva potrbb quindi prsntar diffrnz -anch sostanziali- risptto al documnto msso in inchista. Qusto documnto prd qualsiasi valor al trmin dll'inchista pubblica, cioè il: UNI non è rsponsa dll consgunz ch possono drivar dall'uso improprio dl tsto di progtti in inchista pubblica. RELAZIONI NAZIONALI La prsnt norma sostituisc la UNI 7697:2014. RELAZIONI INTERN.LI PREMESSA La prsnt norma è stata laborata sotto la comptnza dlla Commission La Commission Cntral Tcnica dll'uni ha dato la sua approvazion il giorno UNI - Milano. Riproduzion vitata. codic progtto: Tutti i diritti sono risrvati. Nssuna part di qusto documnto può ssr riprodotta o diffusa con un mzzo qualsiasi, fotocopi, microfilm o altro, snza il consnso scritto di UNI.

3 INTRODUZIONE La prsnt norma fornisc i critri di sclta di vtri da impigar, sia in strni ch in intrni, in modo ch, nlla dstinazion di impigo prvista, sia assicurata la rispondnza fra prstazioni di vtri rquisiti minimi ncssari pr la sicurzza dgli utilizzatori costitundo un rifrimnto ni rapporti tra i vari soggtti d opratori coinvolti. 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La prsnt norma si ai vtri pr dilizia dstinati a qualsiasi altro impigo non rgolamntato da norm spcifich prtinnti, mntr pr qulli rgolamntati, la prsnt norma indica sclusivamnt il rifrimnto da r. Pr i vtri curvi la prsnt norma si pr la sclta dlla tipologia di matrial, mntr pr la classificazion prstazional, si solo nl caso in cui pr il vtro curvo sia dfinito un mtodo di prova. La prsnt norma, fino a si msi dalla data di pubblicazion dlla vrsion datata 22 Maggio 2014, può non ssr ta nll'ambito di contratti già sottoscritti alla data dl 22 Maggio 2014; in tali casi continua ad ssr la UNI 7697: RIFERIMENTI NORMATIVI La prsnt norma rimanda, mdiant rifrimnti datati non, a disposizioni contnut in altr pubblicazioni. Tali rifrimnti normativi sono citati ni punti appropriati dl tsto sono di sguito lncati. Pr quanto riguarda i rifrimnti datati, succssiv modifich o rvisioni apportat a dtt pubblicazioni valgono unicamnt s introdott nlla prsnt norma com aggiornamnto o rvision. Pr i rifrimnti non datati val l'ultima dizion dlla pubblicazion alla qual si fa rifrimnto (comprsi gli aggiornamnti). UNI TR Vtro pr dilizia Dtrminazion dlla capacità portant di lastr di vtro piano t com lmnti avnti funzion di tamponamnto Procdura di calcolo UNI EN 81 1 Rgol di sicurzza pr la costruzion l installazion di ascnsori Part 1: Ascnsori lttrici UNI EN 81 2 Rgol di sicurzza pr la costruzion l installazion di ascnsori Part 2: Ascnsori idraulici UNI EN 356 Vtro pr dilizia Vtro di sicurzza Prov classificazion di rsistnza contro l'attacco manual 1 Ent Italiano di Normazion Mmbro Italiano ISO CEN

4 UNI EN 357 UNI EN 1063 UNI EN UNI EN UNI EN UNI EN UNI EN UNI EN UNI EN UNI EN Vtro in dilizia Elmnti vtrificati rsistnti al fuoco comprndnti prodotti di vtro trasparnti o traslucidi Classificazion dlla rsistnza al fuoco Vtro pr dilizia Vtrat di sicurzza Classificazion prov di rsistnza ai proittili Vtro pr dilizia Vtrat isolanti Part 5: Valutazion dlla conformità Vtro pr dilizia Prova dl pndolo Mtodo dlla prova di impatto classificazion pr il vtro piano Vtro pr dilizia Vtrat strutturali sigillat Part 1: Prodotti vtrari pr sistmi di vtrat strutturali sigillat pr vtrat monolitich supportat non, vtrat multipl Vtro pr dilizia Vtrat strutturali sigillat Part 2: Rgol di posa Srr: progttazion costruzion Part 1: Srr pr produzion commrcial Vtro pr dilizia Vtrat di sicurzza Prov classificazion dlla rsistnza alla prssion causata da splosioni Vtro pr dilizia Vtro di sicurzza di silicato sodo calcico tmprato trmicamnt sottoposto a "hat soak tst" Parti doccia Rquisiti funzionali mtodi di prova UNI EN Vtro pr dilizia Vtro stratificato vtro stratificato di sicurzza Valutazion dlla conformità/norma di prodotto UNI EN pren 12488:2013 pren 16612:2013 Apparcchi sanitari Cabin doccia multifunzion Glass in buildings Glazing rcommndations Assmbly principls for vrtical and sloping glazing Glass in building Dtrmination of th load rsistanc of glass pans by calculation and tsting pren 16613:2013 Glass in building Laminatd glass and laminatd safty glass Dtrmination of intrlayr mchanical proprtis 2 Ent Italiano di Normazion Mmbro Italiano ISO CEN

5 3 TERMINI E DEFINIZIONI Ai fini dlla prsnt norma si no i trmini l dfinizioni di cui all UNI EN , UNI EN ISO UNI EN i trmini l dfinizioni sgunti. 3.1 lastra: Elmnto vtrato costituito da un unico vtro monolitico o da più vtri monolitici stratificati tra loro rsi solidali. 3.2 vtrata isolant (IGU): Insim costituito da almno du lastr di vtro, sparat da uno o più distanziatori, sigillato rmticamnt lungo il primtro, mccanicamnt sta durvol. [UNI EN :2004, punto 3.1] 3.3 vtrata (o vtrazion): Trmin gnrico pr indicar vtrat di varia natura composizion. 3.4 vtro di sicurzza: Sono considrati vtri di sicurzza i vtri di tipo B C in conformità ai punti C.1.2 C.1.5 dll appndic C dlla UNI EN Nota 1 Nota 2 Pr l loro carattristich, i vtri armati non sono da considrar com vtri di sicurzza, ma ssndo da tmpo utilizzati pr zioni di coprtura in difici storici, è opportuno non scludrn l impigo in accordo tra l parti nl caso di sostituzioni purchè conformi ai punti C.1.6 C.1.7 dll appndic C dlla UNI EN Il vtro tmprato trmicamnt si intnd di sicurzza quando è conform alla UNI EN la sua comprssion suprficial è maggior o ugual a 90 MPa. 4 VETRATE 4.1 Scondo l zioni, l vtrat possono ssr distint in: a) strn, quando sono posizionat all strno o quando sparano un ambint strno da un ambint intrno; b) intrn, quando sono posizionat all intrno o quando sparano du ambinti intrni. 4.2 Scondo il montaggio, l vtrat possono ssr distint in: a) vrticali, s l'angolo di montaggio risptto alla vrtical dll dificio è minor o ugual a ±15 ; 3 Ent Italiano di Normazion Mmbro Italiano ISO CEN

6 b) inclinat, s l'angolo di montaggio risptto alla vrtical dll dificio è maggior di ±15 minor o ugual a ±30 ; c) orizzontali, s l'angolo di montaggio risptto alla vrtical dll dificio è maggior di ± L vtrat possono inoltr ssr: a) accssibili, quando l prson possono vnirn a contatto nll condizioni di impigo prvisto; b) non accssibili, quando l prson non possono vnirn a contatto nll condizioni di impigo prvisto; c) prottt, quando si sono adottati accorgimnti ch liminano in modo crto il rischio connsso alla vntual rottura dll lastr; d) non prottt, quando non si sono adottati gli accorgimnti di cui sopra. 5 POSA DELLE VETRATE La posa dll vtrat dv ssr sguita in conformità alla pren 12488:2013 d all vntuali prscrizioni dl produttor. Tlai sistmi di fissaggio non dvono compromttr l carattristich l prstazioni dlla vtrata. In rlazion alla sicurzza, dvono ssr rispttat,, anch tutt l altr prscrizioni manat dall Autorità comptnti (Vigili dl fuoco, cc.) o prvist dall norm di rifrimnto prtinnti. L vtrat trasparnti post in luoghi di passaggio, a rischio di impatto pr la loro scarsa visibilità, dvono ssr sgnalat sia in fas di montaggio/cantir ch, succssivamnt, durant l impigo. L vtrat asimmtrich (pr composizion /o tipo di trattamnto dlla suprfici) dvono ssr orintat con il lato sottoposto ad impatto durant l prov rivolto vrso la dirzion di provninza dlla sollcitazion da contrastar durant l impigo. Nl caso di vtrat isolanti con un solo vtro di sicurzza, con urto prvdi da un solo lato, il vtro di sicurzza dv ssr installato sul lato di possi impatto dll prson durant l impigo. In fas progttual dvono comunqu ssr valutat l consgunz dlla rottura di ntrambi i lati. 4 Ent Italiano di Normazion Mmbro Italiano ISO CEN

7 6 AZIONI E SOLLECITAZIONI Ai fini dlla prsnt norma dvono ssr considrat l azioni/sollcitazioni sgunti: Carichi dinamici: climatici (intrni d strni), da vnto, folla, traffico pdonal, ond di prssion dprssion, cc. 6.2 Carichi statici: pso proprio, carichi imposti, nv, prssion idrostatica in acquari piscin, cc. 6.3 Urti dovuti a fnomni atmosfrici, quali, pr smpio, grandin. 6.4 Vibrazioni. 6.5 Carichi d urti accidntali non divrsamnt contmplati. 6.6 Esplosioni (vdr UNI EN 13541). Urti dovuti all'impatto di una prsona (scondo UNI EN 12600). 6.8 Urti di corpi rigidi (biglia), colpi di mazza /o d ascia, dovuti ad atti vandalici o tntativi di ffrazion (vdr UNI EN 356). 6.9 Urti di proittil (vdr UNI EN 1063). 0 Incndi (vdr UNI EN 357). 7 DANNI O RISCHI CONSEGUENTI ALLA ROTTURA DELLE VETRATE Ai fini dlla sicurzza, dvono ssr considrati i rischi sgunti: 7.1 Danni, quando a causa dlla rottura, anch in consgunza dlla caduta di frammnti, il vtro possa causar frit a prson, animali o danni a cos. 7.2 Caduta nl vuoto, quando, in consgunza dlla rottura dlla vtrata, si possa cadr nl vuoto da un altzza maggior o ugual a 1 m. 7.3 Danni sociali, quando la rottura dlla vtrata possa causar danni alla collttività, com: danni ad opr d'art, accsso ad splosivi od oggtti pricolosi, vasion da carcri, cc. Ai fini dlla sicurzza non sono considrati i rischi di danno, s la consgunza di qust'ultimo si limita alla sola sostituzion dlla vtrata. 5 Ent Italiano di Normazion Mmbro Italiano ISO CEN

8 8 CRITERI DI SCELTA DELLE LASTRE DA IMPIEGARE 8.1 Applicazioni ch prsntano un potnzial rischio di danno In prsnza di potnzial rischio di danno, pr la sclta dl vtro, ci si dv attnr all prscrizioni di prosptti 1 2. Nl caso di dubbi intrprtativi circa il tipo di prscrizion da rispttar, privilgiar qulla rlativa all zion spcifica a discapito di qulla gnrica. Ni casi non prvisti far rifrimnto al punto 9 dlla prsnt norma. Qualora l impatto possa vrificarsi da ntrambi i lati, ntramb l lastr strn componnti la vtrata isolant dvono ssr di sicurzza. Nl caso di vtrat isolanti a più camr con il lato infrior ad altzza minor di 1 mtro risptto al piano di calpstio, qualora sia prsnt almno un vtro tmprato di sicurzza posto sul lato da cui può provnir l impatto, si raccomanda di valutar s anch l lastr intrmdi dbbano ssr di sicurzza. Pr l zioni in ar suscttibili di affollamnto 1) anch l lastr intrmdi dvono ssr di sicurzza. Nl caso di vtrat inclinat, o inclinat quando aprt, s posizionat con il lato infrior ad altzza maggior di 4 m dal piano di calpstio o dal suolo strno vrso il qual sporgono, la lastra infrior (intrna o strna a sconda dll inclinazion) dv ssr smpr stratificato di sicurzza. Nl caso di vtrat apribili, la quota dl lato infrior dlla vtrata è rilvata a vtrata chiusa. Una vtrata isolant con i vtri di sicurzza di tipologia divrsa è dfinita con ambdu l classificazioni di singoli vtri (vdr EN d EN ). Nlla posa si dv tnr conto dll prscrizioni dlla prsnt norma pr l zion in cui la vtrata dv ssr insrita. Il vrso di montaggio è condizionato dal tipo di vtro, s dl caso, dalla class prstazional ammissi nll zion. Una vtrata isolant, sottoposta com tal, a prova anti splosion, o antiproittil o antiffrazion, assum la classificazion ottnuta con tal prova. Il vrso di posa dv ssr orintato in conformità al vrso utilizzato nlla prova di classificazion. Una vtrata isolant avnt una o ambdu l lastr strn con carattristich antiproittil, antiffrazion o anti splosion, qualora non si disponga dlla prova di classificazion dlla vtrata isolant, assum la classificazion dlla lastra posizionata dal lato opposto al lato di attacco, qullo ch si intnd protggr, ovvro, dal lato non sposto all impatto/aggrssion durant l impigo. 1) Vdr NTC (norm tcnich dll costruzioni) di cui al DM Ent Italiano di Normazion Mmbro Italiano ISO CEN

9 In tutti i casi in cui la rottura dl vtro tmprato possa proittar all'strno frammnti capaci di gnrar pricolo pr la loro massa, l'altzza di caduta (>4 mtri) o l'ubicazion, è consiglia utilizzar un prodotto tmprato trmicamnt, sottoposto a trattamnto Hat Soak Tst (HST), in conformità alla UNI EN 14179, ch riduc drasticamnt il rischio di rottur spontan. Ni casi in cui la vtrata è solo parzialmnt intlaiata o fissata pr punti si utilizza vtro tmprato trmicamnt sso dv ssr conform alla UNI EN Pr paraptti balaustr la composizion minima avnt class prstazional scondo UNI EN dv prvdr uno spssor di intrcalari plastici polimrici non minor di 0,76 mm. Pr l stndibilità dll classi prstazionali all divrs tipologi/composizioni vdr il prosptto D.1 dlla UNI EN Nota Nl caso di prodotti ad lvato assorbimnto nrgtico, suscttibili di rottura pr diffrnzial trmico a causa dll condizioni ambintali o di montaggio, occorr valutar l opportunità di utilizzar o vtri tmprati di sicurzza, s monolitici, o vtri stratificati di sicurzza composti da vtri trattati trmicamnt, anch s non prscritti. 8.2 Applicazioni ch non prsntano un potnzial rischio di danno Ni prosptti 1 2 non sono comprs qull zioni all quali, in caso di rottura dl vtro, si associa com unico danno la sola sostituzion dll lastr. 7 Ent Italiano di Normazion Mmbro Italiano ISO CEN

10 Prosptto 1 Prstazioni minim dll lastr da utilizzar nll zioni (pr l zioni puntuali vdr anch punto 9.4) Lastra Vtrata isolant Applicazioni vtrari (lnco indicativo non limitativo) Punti prtinnti ad azioni /o sollcitazioni principali Punti prtinnti a danni /o rischi Stratificato di sicurzza Tmprato di sicurzza Stratificato di sicurzza Lastra strna Tmprato di sicurzza Stratificato di sicurzza Lastra intrna Tmprato di sicurzza 1 In finstr, sottofinstr facciat continu di difici pr ogni dstinazion d uso sclus zioni prsnti nl prosptto 2 1A Con lato infrior ad altzza maggior di 1m dal piano di calpstio 1B Con lato infrior ad altzza 1m dal piano di calpstio B2 1C3 2B2 1C B2 1C3 2B2 1C3 2B2 1C B2 1C3 oppur bil 2 In port strn portfinstr sclus zioni prsnti nl prosptto 2 In difici pr ogni dstinazion d uso 7.1 2B2 1C3 2B2 1C3 2B2 1C3 3 In vtrin assimilabili sclus zioni prsnti nl prosptto bil 4 In vtri pr intrni: port, finstr, partizioni pr intrni assimilabili sclus zioni prsnti nl prosptto 2 4A Snza rischio di caduta nl vuoto 4B Con rischio di caduta nl vuoto 7.1 2B2 1C3 2B2 1C3 2B2 1C B2 1C3 oppur 2B2 1C3 bil 8 Ent Italiano di Normazion Mmbro Italiano ISO CEN

11 5 In paraptti /balaustr 5A Fissaggio continuo su tutto il primtro 7.2 X X X X 5B Altri tipi di fissaggio 7.2 PR X X X X 6 In coprtur, pnsilin, tttoi, lucrnari similari Pr ogni dstinazion d uso X PR (vdr nota 4) 1C2 X PR (vdr nota 4) bil 7 In parti di cabin, ripari vtrari, spazi pubblicitari, barrir (di incanalamnto folla similari) 7A Snza rischio di caduta nl vuoto B2 1C2 2B2 1C2 2B2 1C2 7B Con rischio di caduta nl vuoto (vdr punto 1B dl prsnt prosptto) 8 In arrdi d accssori di intrni 8A Arrdi di luoghi pubblici ov non coprti da norm spcifich 7.1 2B2 1C3 X X X X 8B Frigorifri d altri lttrodomstici ov non coprti da norm spcifich X 1C3 X X X X 8C Parti doccia UNI EN D Box doccia UNI EN In schrmi solari Frangisol, sistmi schrmanti B In altr zioni 10A rsistnza al fuoco 0 UNI EN B rsistnza all splosioni 6.6 UNI EN Ent Italiano di Normazion Mmbro Italiano ISO CEN

12 11 In rivstimnti murali Parzialmnt incollato 7.1 2B2 1C3 12 In calpstabili (pavimnti, gradini) 7.1 PR (vdr not 4 5) In ascnsori 13A Vano corsa (parti fiss) b il 2B2 1C2 bil 13B Cabina port di ascnsor UNI EN 81 1 UNI EN In vrand o assimilabili 14A Parti 7.1 2B2 1C2 2B2 1C2 2B2 1C2 14B Parti con rischio di caduta nl vuoto 7.2 b il 2B2 1C3 oppur bil 14C Coprtur (vdr punto 6 dl prsnt prosptto) In srr agricol UNI EN In vtri pr involucri di Parti fondo dlla vasca piscin acquari di oltr 0,5 m PR b il PR 2B2 1C2 17 In partizioni di stadi, palazzi dllo sport 7.1 Scondo lgislazion vignt Barrir acustich stradali P3A bil 10 Ent Italiano di Normazion Mmbro Italiano ISO CEN

13 Nota 1 Nota 2 Nota 3 Nota 4 Nota 5 Nll zioni in cui è stata apposta una X in corrispondnza di un vtro di sicurzza si intnd ch il vtro dbba ssr dlla tipologia indicata ma non è indica la class prstazional minima. I tipi di prodotto ammssi dal prsnt prosptto sono da intndr in altrnativa o in associazion. L indicazioni sulla class minima sono bili solo ai vtri piani o ai curvi pr cui sia stato stabilito un mtodo di prova. Pr tutt l lastr componnti l vtrat all quali è assgnata la sigla PR (post rottura) è ncssario limitar il rischio di collasso immdiato post rottura. Si assum ch la rsistnza rsidua post rottura possa ssr ottnuta con l utilizzo di lastr di vtro stratificato ch siano compost da almno uno di sgunti lmnti: vtro ricotto, vtro indurito, intrcalar rigido ch rsti tal all tmpratur di impigo dlla vtrata. Ni casi critici si consiglia di sguir la vrifica in condizioni rali. Pr intrcalar rigido si intnd qullo appartnnt alla famiglia 3, così com dfinito nl pren 16613:2013. Com prvisto al punto dl DM n. 236 dl , scondo il mtodo dlla B.C.R.A. (British Cramic Rsarch Association Ltd), qualora si ravvisi la ncssità di carattristica antisdrucciolo, la suprfici sottoposta a prova, dv garantir valori maggiori di 0,40, sia in condizioni asciutt ch bagnat. 11 Ent Italiano di Normazion Mmbro Italiano ISO CEN

14 Prosptto 2 Prstazioni minim aggiuntiv dll lastr da utilizzar nll zioni spcifich (pr l zioni puntuali vdr anch punto 9.4) Applicazioni vtrari pr spcifich dstinazioni d uso (lnco non saustivo) Punti prtinnti ad azioni /o sollcitazioni Punti prtinnti a danni Stratificato di sicurzza Lastra Tmprato di sicurzza Stratificato di sicurzza Lastra strna Tmprato di sicurzza Vtrata isolant Stratificato di sicurzza Lastra intrna Tmprato di sicurzza 1 In srramnti strni, indipndntmnt dall altzza dal piano di calpstio In ospdali, difici adibiti ad attività sportiv /o ricrativ (pr smpio palstr, palazzi dllo sport, cinma), suprmrcati, ambinti comuni di difici rsidnziali 7.1 2B B2 1C3 2B2 bil 2B2 1C3 bil oppur bil 2B2 bil 2 In srramnti intrni, parti divisori indipndntmnt dall altzza dal piano di calpstio In ospdali, difici adibiti ad attività sportiv /o ricrativ (pr smpio palstr, palazzi dllo sport, cinma), suprmrcati, ambinti comuni di difici rsidnziali 7.1 2B B2 bil bil 2B2 bil bil 3 In srramnti intrni d strni, parti divisori vtri pr intrni 3A In asili, scuol di ogni ordin grado rlativ prtinnz, lastr con lato infrior ad altzza maggior di 1 m 7.1 2B2 2B2 bil 2B2 bil 3B In asili scuol di ogni ordin grado rlativ prtinnz, lastr con lato infrior ad altzza di 1 m bil bil 4 In finstr, port strn, port finstr, vtrin assimilabili con 4A In difici dstinati a banch, post, uffici di cambio valuta, cc P6B P6B bil 12 Ent Italiano di Normazion Mmbro Italiano ISO CEN

15 prstazioni anti ffrazion 4B In ambinti ritnuti snsibili (pr smpio tribunali, ambasciat, cntri di laborazion dati, altri ambinti istituzionali, cc.) P4A P4A bil 4C In ospdali, farmaci, ambulatori assimilabili P4A P4A bil 4D A protzion di sostanz tossich P6B P6B bil 4E A protzion di armi o splosivi P6B P6B bil 4F A protzion di oggtti prziosi P6B P6B bil 4G A protzion di oggtti artistici o archologici P4A P4A bil 4H In difici di dtnzion o dstinati alla cura di malatti mntali P4A P4A bil 5 In finstr, port strn, port finstr, vtrin assimilabili con prstazioni anti proittil A protzion dl prsonal di banch, dogan, uffici postali cambiavalut BR4 BR4 bil Nota 1 Nota 2 I tipi di prodotto ammssi dal prsnt prosptto sono da intndr in altrnativa o in associazion. L indicazioni sulla class minima sono bili solo ai vtri piani o ai curvi pr cui sia stato stabilito un mtodo di prova. 9. PROGETTAZIONE 9.1 Nlla progttazion si possono adottar critri divrsi da qulli indicati nlla prsnt norma, purché non conducano a condizioni di sicurzza mno favorvoli. L adozion di tipi di lastra da impigar prscritti ni prosptti 1 2 è vincolant, a mno ch il rischio di danno connsso a qull particolari zioni sia stato liminato con provvdimnti o protzioni adguati. 13 Ent Italiano di Normazion Mmbro Italiano ISO CEN

16 9.2 Pr la progttazion, dvono ssr noti: luogo posizion dlla posa; la dstinazion di impigo (tipo di zion vtraria); la dimnsion dll vtrat d il tipo di montaggio; l sollcitazioni ch si prvd agiranno sull vtrat. Dfinir i possibili danni connssi all zion spcifica, scondo quanto indicato nl punto 7 scglir il tipo di vtro da utilizzar scondo l prscrizioni di prosptti 1 2, ch stabiliscono i tipi di prodotto da impigar in funzion dll zion, dll sollcitazioni di rischi considrati. Nota Esulano dalla prsnt norma la vrifica d il soddisfacimnto dll altr signz ch sono connss all impigo dll vtrat quali, pr smpio: trasmission luminosa, riflssion luminosa, fattor solar, trasmittanza trmica, isolamnto acustico, asptto sttico, costo, cc. 9.3 Una volta ffttuata la sclta dl tipo di vtro s n dfinisc lo spssor atto a sopportar i carichi sovraccarichi, mdiant calcolo in conformità all norm prtinnti (UNI TR pren 16612:2013). Nl calcolo nlla sclta dlla composizion dll lastr da impigar, s n dvono considrar l dimnsioni, il mtodo di ancoraggio di vincolo la rsistnza rsidua (post rottura). Ai fini dlla sicurzza è ncssario calcolar l dformazioni indott dall azioni sulla vtrata vrificandon la compatibilità con i sistmi di fissaggio. Qualora si ritnss ncssario vrificar pr via sprimntal l fftto dll sollcitazioni prvist sull vtrat, è ncssario ssr crti ch l prov riproducano con sufficint approssimazion l azioni ch si vogliono simular. Si raccomanda prtanto di far sguir tali sprinz da laboratori notificati ai snsi dl CPR 305/2011. Nota Al momnto dlla pubblicazion dlla prsnt norma è in vigor il Dcrto Lgislativo 6 sttmbr 2005, n. 206 "Codic dl consumo, a norma dll'articolo 7 dlla lgg 29 luglio 2003, n. 229". Tal dcrto stabilisc ch, in assnza di spcifich disposizioni comunitari o di spcifich rgolamntazioni nazionali cognti dl rcpimnto nazional di spcifich norm urop non cognti, la sicurzza dl prodotto ' valutata in bas all norm nazionali non cognti ch rcpiscono norm urop, all norm in vigor nllo Stato mmbro in cui il prodotto ' commrcializzato, all 14 Ent Italiano di Normazion Mmbro Italiano ISO CEN

17 9.4 Vtrat a fissaggio puntual raccomandazioni dlla Commission uropa rlativ ad orintamnti sulla valutazion dlla sicurzza di prodotti, ai codici di buona condotta in matria di sicurzza vignti nl sttor intrssato, agli ultimi ritrovati dlla tcnica, al livllo di sicurzza ch i consumatori possono ragionvolmnt attndrsi.. Oltr al risptto dll prscrizioni di cui ai prosptti 1 2, nl caso di fissaggio puntual è ncssario impigar prodotti tmprati trmicamnt sottoposti a trattamnto Hat Soak Tst (HST), in conformità alla UNI EN In funzion dlla tipologia di fissaggio utilizzata è raccomandato valutar l signza di impigar prodotti stratificati di sicurzza compost da almno uno di sgunti lmnti: lastr tmprat, indurit /o intrcalar rigido ch rsti tal all tmpratur di impigo dlla vtrata (vdr nota 4, prosptto 1). Pr l vtrat isolanti, in alcuni casi, in funzion dlla tipologia di fissaggio è ncssario utilizzar sigillanti strutturali in conformità all UNI EN UNI Ent Italiano di Normazion Mmbro Italiano ISO CEN

18 APPENDICE A (informativa) Livlli prstazionali suggriti pr zioni anti vandalismo d anti proittil L indicazioni contnut nl prosptto A.1 sono dat solo a titolo indicativo. Prosptto A.1 Livlli prstazionali suggriti pr zioni anti vandalismo d anti proittil ov non sia sprssamnt prscritto un livllo prstazional (pr l zioni puntuali vdr anch punto 9.4) Lastra Vtrata isolant Prstazioni Punti prtinnti ad azioni /o sollcitazioni Punti prtinnti a danni Stratificato di sicurzza Tmprato di sicurzza Stratificato di sicurzza Lastra strna Tmprato di sicurzza Stratificato di sicurzza Lastra intrna Tmprato di sicurzza 1 Azioni di ffrazion Tutt l dstinazioni d uso P4A P4A 2 Protzion anti proittil Tutt l dstinazioni d uso BR4 BR4 16 Ent Italiano di Normazion Mmbro Italiano ISO CEN

19 BIBLIOGRAFIA UNI EN 572 UNI EN UNI EN Vtro pr dilizia Prodotti di bas di vtro di silicato sodo calcico Vtro pr dilizia Vtrat isolanti Part 1: Gnralità, tollranz dimnsionali rgol pr la dscrizion dl sistma Vtro pr dilizia Vtro di silicato sodo calcico di sicurzza tmprato trmicamnt Dfinizion dscrizion UNI EN ISO Vtro pr dilizia Vtro stratificato vtro stratificato di sicurzza Part 1: Dfinizioni dscrizion dll parti componnti Dcrto Ministrial 14 gnnaio 2008 Approvazion dll nuov norm tcnich pr l costruzioni (NTC) Dcrto Lgislativo 6 sttmbr 2005, n. 206 "Codic dl consumo, a norma dll'articolo 7 dlla lgg 29 luglio 2003, n. 229". Dcrto Ministrial Ministro di Lavori Pubblici 14 giugno 1989, n. 236 "Prscrizioni tcnich ncssari a garantir l'accssibilità, l'adattabilità la visitabilità dgli difici privati di dilizia rsidnzial pubblica sovvnzionata agvolata, ai fini dl supramnto dll'liminazion dll barrir architttonich" Copyright Riproduzion vitata. Tutti i diritti sono risrvati. Nssuna part dl prsnt documnto può ssr riprodotta o diffusa con un mzzo qualsiasi, fotocopi, microfilm o altro, snza il consnso scritto dll UNI. 17 Ent Italiano di Normazion Mmbro Italiano ISO CEN

SUPERFICIE CONVENZIONALE VENDIBILE

SUPERFICIE CONVENZIONALE VENDIBILE CATASTO (*) Utilizza suprfici catastal (si COMPRAVENDITA DI IMMOBILI RESIDENZIALI UNIFAMILIARI NORMA UNI 10750 (**) Utilizza suprfici convnzional vndibil (si MERCATO DI MODENA (***) (si R/2 A/7 Abitazioni

Dettagli

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering Europan Cntr for Rsarch in Earthquak Enginring Parr sulla vntual obbligatorità di un intrvnto di adguamnto sismico nll ambito dll intrvnto di ristrutturazion, adguamnto ampliamnto dlla Casa Albrgo pr Anziani

Dettagli

COMUNE DI MONTERIGGIONI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI INTERFERENTI STANDARD PARTE II SEZIONE IDENTIFICATIVA DEI RISCHI SPECIFICI DELL AMBIENTE E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A.

17 settembre 2008 Palazzo della Cultura e dei Congressi di Bologna Dott. Fabrizio Zecchin SCS Azioninnova S.p.A. I SGSL il Modllo Organizzativo L lin guida INAIL la OHSAS 18001: carattristich spcificità 17 sttmbr 2008 Palazzo dlla Cultura di Congrssi di Bologna Dott. Fabrizio Zcchin SCS Azioninnova S.p.A. OBIETTIVO

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

MODELPAK MD 400. [Persiana interamente metallica]

MODELPAK MD 400. [Persiana interamente metallica] MODELPAK MD 400 [Prsiana intramnt mtallica] MODELPAK MD 400 Lamll disponibili in 1000 tonalità PRESTAZIONI Protzion Protzion solar Protzion contro l intmpri Protzion dagli intrusi Isolamnto acustico Comfort

Dettagli

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione Committnt /o Rsponsabil di lavori Imprsa affidataria, Imprs scutrici Lavoratori autonomi 1 Committnt CHI E : soggtto pr conto dl qual l intra opra vin ralizzata, indipndntmnt da vntuali frazionamnti dlla

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Associazion Grn Building Council Italia Vrsion 2013.01.30 L informazioni riguardo all Associazion Grn Building Council Italia, nl sguito indicata anch com GBC-ITALIA, sono rpribili sul sito intrnt www.gbcitalia.org.

Dettagli

Linea Guida per l Applicazione della Norma UNI 7697:2014. Criteri di sicurezza per le applicazioni vetrarie Novità introdotte e commenti applicativi

Linea Guida per l Applicazione della Norma UNI 7697:2014. Criteri di sicurezza per le applicazioni vetrarie Novità introdotte e commenti applicativi Linea Guida per l Applicazione della Norma UNI 7697:2014 Criteri di sicurezza per le applicazioni vetrarie Novità introdotte e commenti applicativi EDIZIONE LUGLIO 2014 PREFAZIONE La necessità di garantire

Dettagli

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Univrsità dgli Studi di Firnz Dipartimnto di Inggnria Civil d Ambintal TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI IN CONTO TERZI (Approvato dal Consiglio di Dipartimnto dl 24/01/2002) ATTIVITÀ E SERVIZI OFFERTI PROVE

Dettagli

UNI EN 1555 - PE 80 Ø75x6,8 S5 SDR 11 - M.O.P. 5 bar - POLIETILENE 100% VERGINE

UNI EN 1555 - PE 80 Ø75x6,8 S5 SDR 11 - M.O.P. 5 bar - POLIETILENE 100% VERGINE rsin 103 UNI EN 1555 - PE 80 Ø75x6,8 S5 SDR 11 - M.O.P. 5 bar - POLIETILENE % VERGINE Dalmin rsin UNI EN 12666 U Ø2 S16 PE SN 2 Dalminrs PEbd DN 40 PN 6 PER ACQUA POTABILE - POLIETILENE % VERGINE 103 UNI

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Procsso Costruzion di difici di opr di inggnria civil/industrial Squnza di procsso

Dettagli

CAT CASSONETTO 4-06-2008 10:26 Pagina 1 CATALOGO CASSONETTO A SCOMPARSA PER AVVOLGIBILI

CAT CASSONETTO 4-06-2008 10:26 Pagina 1 CATALOGO CASSONETTO A SCOMPARSA PER AVVOLGIBILI CAT CASSONETTO 4-06-2008 10:26 Pagina 1 CATALOGO CASSONETTO A SCOMPARSA PER AVVOLGIBILI CAT CASSONETTO 4-06-2008 10:26 Pagina 2 VANTAGGI DEL CASSONETTO PERCHÈ PREFERIRE IL CTS Facilità di impigo rapidità

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

Lampade di. emergenza MY HOME. emergenza. Lampade di

Lampade di. emergenza MY HOME. emergenza. Lampade di Lampad di Lampad di MY HOME 97 Lampad Carattristich gnrali Scopi dll illuminazion Ngli ambinti rsidnziali gli apparcchi di illuminazion non sono imposti da lggi o norm, ma divntano comunqu prziosi ausilii.

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr il sistma ducativo di istruzion formazion Dirzion Gnral pr gli ordinamnti scolastici la valutazion dl sistma nazional di istruzion Circolar

Dettagli

Regolamento per il controllo della pubblicità

Regolamento per il controllo della pubblicità Rgolamnto pr il controllo dlla Rgolamnto pr il controllo dlla pu bbliciià. Introduzion: Qusto Rgolamnto vin applicato pr il controllo dlla pubbliciti su: Indumnti d quipaggiamnto di ginnasti, giudici diuignti;

Dettagli

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale Il punto sulla libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Il punto di vista di Post Italian sul procsso di libralizzazion l implicazioni concorrnziali; l carattristich dl srvizio univrsal nll ambito

Dettagli

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr la Programmazion la gstion dll risors uman, finanziari strumntali Dirzion Gnral pr intrvnti in matria di dilizia scolastica, pr la gstion

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città COMUNE DI BOLOGNA Dipartimnto Economia Promozion dlla Città Allgato C all Avviso pubblico pr la prsntazion di progtti di sviluppo alla Agnda Digital di Bologna Modllo di dichiarazion sul posssso di rquisiti

Dettagli

ALLEGATO 2 CASCINA DEL SOLE SCHEDA TECNICO/MANUTENTIVA

ALLEGATO 2 CASCINA DEL SOLE SCHEDA TECNICO/MANUTENTIVA ALLEGATO 2 CASCINA DEL SOLE SCHEDA TECNICO/MANUTENTIVA Dscrizion dll dificio dll ar di prtinnza Il complsso è costituito da un dificio adibito a bar al piano trra ad abitazion al piano 1^ com indicato

Dettagli

MAGAZZINO EX GUALA VIA S. GIOVANNI BOSCO, - ALESSANDRIA PROCEDURA DI CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALL INTERNO DELL AREA

MAGAZZINO EX GUALA VIA S. GIOVANNI BOSCO, - ALESSANDRIA PROCEDURA DI CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALL INTERNO DELL AREA CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ n. 1 MAGAZZINO EX VIA S. GIOVANNI BOSCO, - ALESSANDRIA PROCEDURA DI CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALL INTERNO DELL AREA FILE: procdura

Dettagli

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml Class di abilitazion (o class di concorso) La class di concorso è una sigla alfa numrica con la qual si indica l insim di matri ch possono ssr insgnat da un docnt. Indica una particolar cattdra di insgnamnto,

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 Stu sttor Pillol aggiornamnto N. 39 27.06.2014 Il prosptto Dati bilancio in Unico2014 ENC. La riconciliazion dati dllo Stato Patrimonial nl prosptto Dati bilancio. Catgoria: Dichiarazion

Dettagli

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO)

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) 10.11.2010 IT Gazztta ufficial dll'union uropa C 304 A/1 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) BANDO DI CONCORSI GENERALI EPSO/AST/109-110/10 CORRETTORI

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA, L UNIVERSITA IUAV DI VENEZIA, L UNIVERSITA CA FOSCARI E L AZIENDA REGIONALE PER

Dettagli

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE a. STRATEGIE PER IL RECUPERO DESTINATARI Il Rcupro sarà rivolto agli alunni ch prsntano ancora difficoltà nll adozion di

Dettagli

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali

IL TESTO UNICO. Decreto Legislativo del 9 Aprile 2008 n 81. Modificato dal. Decreto Legislativo del 3 Agosto 2009 n 106. Obiettivi principali Dcrto Lgislativo n. 81/08 Miglioramnto sut sicurzza di lavoratori Dvrto Lgislativo N 106/09 Attuazion dll articolo 1 lgg 3 agosto 2007 n 123 in matria di tutla sut sicurzzani luoghi di lavoro Dirttiva

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n.

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n. Lcco Sp ciale congdi parntali Lgg 8 marzo2000 n. 53 Lgg sui congdi parntali La lgg rcntmnt approvata non si limita ad manar disposizioni spcifich pr il sostgno dlla matrnità dlla patrnità, pr il diritto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROTOCOLLO D INTESA tra Prfttura di Roma Univrsità di Roma La Sapinza Univrsità dgli Studi di Roma Tor Vrgata Univrsità dgli Studi Roma Tr 1 PREMESSO ch con dcrto dl Prsidnt dl Consiglio di Ministri dl

Dettagli

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB In rlazion a quanto prvisto dall art.2120 C.C., dall norm di lgg dagli accordi collttivi vignti, convngono ch, in aggiunta alla casistica sprssamnt prvista, il dipndnt possa chidr la anticipazion dl proprio

Dettagli

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue

Tecniche per la ricerca delle primitive delle funzioni continue Capitolo 4 Tcnich pr la ricrca dll primitiv dll funzioni continu Nl paragrafo.7 abbiamo dato la dfinizion di primitiva di una funzion f avnt pr dominio un intrvallo I; abbiamo visto ch s F 0 è una primitiva

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 68/4 Gazztta ufficial dll'union uropa 15.3.2016 REGOLAMENTO DELEGATO (UE) 2016/364 DELLA COMMISSIONE dal 1 o luglio 2015 rlativo alla classificazion dlla prstazion di prodotti da costruzion in rlazion

Dettagli

Scheda di sicurezza a norme CEE 91/155

Scheda di sicurezza a norme CEE 91/155 Socità: Nom commrcial: HERALAN Sostanz isolanti in lana minral (con agglomrant rsinoid), rivstito Rvisionato il 05.05.2008 1 Idntificazion dl prodotto/dlla prparazion dlla Socità 1.1 Nom dl prodotto: HERALAN

Dettagli

Ulteriori esercizi svolti

Ulteriori esercizi svolti Ultriori srcizi svolti Effttuar uno studio qualitativo dll sgunti funzioni ) 4 f ( ) ) ( + ) f ( ) + 3) f ( ) con particolar rifrimnto ai sgunti asptti: a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli

Dettagli

Listino prezzi PE 10 Gennaio 2008. Dalmineres PEbd DN 40 PN 10 PER ACQUA POTABILE - POLIETILENE 100% VERGINE. Tubi di polietilene

Listino prezzi PE 10 Gennaio 2008. Dalmineres PEbd DN 40 PN 10 PER ACQUA POTABILE - POLIETILENE 100% VERGINE. Tubi di polietilene Listino przzi PE 10 Gnnaio 8 Dalmin rsin GAS 103 UNI ISO 4437 - modif. D.M. 11/99 PE 80 Ø75 S5 M.O.P. 5 bar - UNI EN 1555 - POLIETILENE 100% VERGINE Dalmin rsin 103 UNI EN 121 - Ø90x8,2 PN 12,5 SDR 11

Dettagli

Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA

Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA Il DIPARTIMENTO DI ECONOMIA SCIENZE E DIRITTO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI EMANA il sgunt bando pr la coprtura di insgnamnti dl Dipartimnto di ECONOMIA, SCIENZE E DIRITTO mdiant contratti di diritto privato

Dettagli

tra montagne fiocchi di neve In Alta Badia uno splendido chalet accoglie l arrivo della stagione invernale lo chalet di montagna

tra montagne fiocchi di neve In Alta Badia uno splendido chalet accoglie l arrivo della stagione invernale lo chalet di montagna lo chalt di montagna tra montagn In Alta Badia uno splndido chalt accogli l arrivo dlla stagion invrnal progttazion arch. karl castlungr ph marina chisa tsto anna zorzanllo Vision strna dllo chalt, costruito

Dettagli

Protezione al fuoco di pareti caricate EN

Protezione al fuoco di pareti caricate EN Protzion al fuoco di parti caricat EN 1365-1 vrsion 1.0 EN 1365-1 i Principi gnrali Qusta norma dscriv i principi gnrali pr la dtrminazion dlla rsistnza al fuoco di parti portanti. Campion di prova L oggtto

Dettagli

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza

Sicurezza informativa: verso l integrazione dei sistemi di gestione per la sicurezza Sicurzza informativa: vrso l intgrazion di sistmi di gstion pr la sicurzza Convgno ABI Banch Sicurzza 2006 Roma, 7 Giugno 2006 Raoul Savastano, Rsponsabil Srvizi Sicurzza KPMG Irm Advisory Agnda Il problma

Dettagli

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y.

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y. INTRODUZIONE Ossrviamo, in primo luogo, ch l funzioni sponnziali sono dlla forma a con a costant positiva divrsa da (il caso a è banal pr cui non sarà oggtto dl nostro studio). Si possono allora vrificar

Dettagli

ALLEGATO 2 LA TORRETTA SCHEDA TECNICO/MANUTENTIVA

ALLEGATO 2 LA TORRETTA SCHEDA TECNICO/MANUTENTIVA ALLEGATO 2 LA TORRETTA SCHEDA TECNICO/MANUTENTIVA Dscrizion dll dificio L immobil è situato nl Parco di Monza, insrito ni giardini rali, ara vrd ch ospita ssnz particolari pr l quali è risrvata particolar

Dettagli

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale.

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale. Capitolo 2 Toria dll intgrazion scondo Rimann pr funzioni rali di una variabil ral Esistono vari tori dll intgrazion; tutt hanno com comun antnato il mtodo di saustion utilizzato dai Grci pr calcolar l

Dettagli

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE CADUTA NEVE-FORMAZIONE DI GHIACCIO E ONDATE DI GRANDE FREDDO Roma, 02/2015 Rv.06/annual Pagina 1 di 6 Sd lgal Circonvallazion Gianicolns 87-00152 Roma A.Orlli. Tl. 3387 PIANO GESTIONE EMERGENZE INTERNE

Dettagli

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO EUROSCUOLA ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI BIANCHI SCUOLE PARITARIE PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO CLASSI MATERIA PROF. QUARTA TURISMO Matmatica Andra Brnsco Làvor ANNO SCOLASTICO

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA MUSEALE DI TERRED ACQUA

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA MUSEALE DI TERRED ACQUA Esnt dall imposta di bollo ai snsi dll art. 16 dlla tablla allgato B) al D.P.R. 26/10/1972 N. 642 succ. modif. COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REP. 16820 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Decreta: ------------------------

Decreta: ------------------------ D.M. 10 marzo 2005 (1). Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali è prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (1) Pubblicato nlla Gazz. Uff. 30

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE FINITURE DEGLI APPARTAMENTI SITI NELL EDIFICIO DI VIA RESNATI N. 4 IN MILANO.

DESCRIZIONE DELLE FINITURE DEGLI APPARTAMENTI SITI NELL EDIFICIO DI VIA RESNATI N. 4 IN MILANO. DESCRIZIONE DELLE FINITURE DEGLI APPARTAMENTI SITI NELL EDIFICIO DI VIA RESNATI N. 4 IN MILANO. STRUTTURA Fondazioni, muratur primtrali contro trra, scal, pilastri travi in cmnto armato; soltt dgli appartamnti

Dettagli

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza. (ISO 19011:2012 - OHSAS 18001:2007) (40 ore) ISTUM

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Sicurezza. (ISO 19011:2012 - OHSAS 18001:2007) (40 ore) ISTUM Corso di Alta Formazion/Spcialist Lad Auditor Sistmi di Gstion pr la Sicurzza (ISO 19011:2012 - ) (40 or) ISTUM ISTITUTO DI STUDI DI MANAGEMENT Corso riconosciuto 40 or Augusto di Prima Porta (particolar

Dettagli

(pubbl. in Gazz. Uff. dell Unione europea n. L 139 del 30 aprile 2004). (I) IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA,

(pubbl. in Gazz. Uff. dell Unione europea n. L 139 del 30 aprile 2004). (I) IL PARLAMENTO EUROPEO E IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA, Rgolamnto (CE) n. 854/2004 dl 29 april 2004. * Rgolamnto (CE) n. 854/2004 dl Parlamnto uropo dl Consiglio dl 29 april 2004 ch stabilisc norm spcifich pr l organizzazion di controlli ufficiali sui prodotti

Dettagli

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA prot2581_14.pdf http://www.istruzion.it/allgatì/2014/prot2581 M1URAOODGOS prot. 2581 Roma, 09/04/2014 isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA MATERNA ELftfctfTArtE H MEDIA «WALETTO (CTl Ai Dirttori Gnrali dgli

Dettagli

SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT

SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT 1 Prima Stsura Data: 14-08-2014 Rdattori: Gasbarri, Rizzo SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT Indic 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4

Dettagli

Accordo quadro fra. l Azienda USL di Bologna e il CEA Coordinamento Enti Ausiliari della Provincia di Bologna

Accordo quadro fra. l Azienda USL di Bologna e il CEA Coordinamento Enti Ausiliari della Provincia di Bologna Accordo quadro fra l Azinda USL di Bologna il CEA Coordinamnto Enti Ausiliari dlla Provincia di Bologna La Comunità Papa Giovanni XXIII coop. s.r.l. di Rimini Prmssa L parti prndono atto dl buon livllo

Dettagli

L 309/56 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 19.11.2013

L 309/56 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 19.11.2013 L 309/56 Gazztta ufficial dll Union uropa 19.11.2013 Rttifica dl rgolamnto (UE) n. 10/2011 dlla Commission, dl 14 gnnaio 2011, riguardant i matriali gli oggtti di matria plastica dstinati a vnir a contatto

Dettagli

\# t.u3gra '''- PrgFf,.2il.-a.//9"-* "/4

\# t.u3gra '''- PrgFf,.2il.-a.//9-* /4 UNIONE EUROPEA lnlzìitlrva n J:ì\,)ra dr 1 ()al::tii,..ìtìrì,rf iì,{ìy,ì,r,lrì! 0rltJ(ì Sr)(jrilÌr ì)jlrír..) # A.N.AC. Autó.it! N.rrronalr tutlcorrurron. Ona-*,*,1*". **-,a; ",1,/9",*,*o-'6*,Jàr*Z w,r#h.'úr*h,*,

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE

CLASSIFICAZIONE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE ALLEGATO A CLASSIFICAZIONE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE Quando la condizion di uso final di un prodotto da costruzion è tal da contribuir alla gnrazion alla propagazion dl fuoco dl fumo all intrno dl local

Dettagli

CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO

CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO PROGRAMMA CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO (in bas al D.M. Agosto 011, art. succssiv modifich)

Dettagli

Repubblica di Malta - Legge sull identità di genere Traduzione italiana di Roberto De Felice per ARTICOLO29

Repubblica di Malta - Legge sull identità di genere Traduzione italiana di Roberto De Felice per ARTICOLO29 - Rpubblica di Malta - Rpubblika ta' Malta - Rpublic of Malta - LEGGE pr il riconoscimnto la rgistrazion dl gnr di una prsona pr rgolar gli fftti di tal cambiamnto, nonché il riconoscimnto la tutla dll

Dettagli

Le 4 tappe del processo

Le 4 tappe del processo Sistma Rifrimnto Vnto pr la Sicurzza nll Scuol Il Piano vacuazion scolastico CORSO DI FORMAZIONE PER 6.1b DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI L 4 tapp dl procsso

Dettagli

MODULO 01 TERMODINAMICA

MODULO 01 TERMODINAMICA Programmazion di Impianti Trmici Class V TS A.S. 2011-2012 Insgnant: ing. Cardamon Antonio MODULO 01 TERMODINAMICA Prsntazion: con il modulo in oggtto, l allivo è nll condizioni di svolgr calcoli rlativi

Dettagli

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI UNIVR Facoltà di Economia Corso di Matmatica finanziaria 008/09 ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI Domini di funzioni di du variabili Esrcizio a f, = log +. L unica condizion di sistnza è data dalla disquazion

Dettagli

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri Verdi

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri Verdi SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Critri Vr 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion Srvizio Intgrato Enrgia prvd l affidamnto all Assuntor, dl Srvizio Enrgia, ovvro tutt l attività gstion, conduzion manutnzion

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

Social Accountability SA 8000

Social Accountability SA 8000 Social Accountability SA 8000 1 SA 8000 La Rsponsabilità Social dll Imprs PRESENTAZIONE DELLA NORMA Modulo di formazion 1 2 di Srvizi alla Prsona Rv. 0 dl 05.08.2003 - Pagina 1/107 E vitata la riproduzion

Dettagli

Matrice storica delle emissioni del documento

Matrice storica delle emissioni del documento (Rdatto dal Consiglio Dirttivo ai snsi pr gli fftti dll articolo 23. punto 6) dllo STATUTO dll Associazion ONLUS IL BRUCO, approvato dall Assmbla di Soci firmato dal Prsidnt dlla stssa. Ragion Social Sd

Dettagli

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO REGIONE LAZIO Dirzion Rgional: Ara: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE N. G09834 dl 08/07/2014 Proposta n. 11437 dl 01/07/2014 Oggtto: Attuazion

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

Classificazione di reazione al fuoco

Classificazione di reazione al fuoco Classificazion di razion al fuoco Ed. 1 Rv. 3 (april 2012) Classificazion di razion al fuoco Classificazion italiana Impigo: tndaggi (caso di tssuti di film vinilici con installazion sospsa suscttibil

Dettagli

(ai sensi dell art. 26, comma 3 del D. Lgs. 81/08) Fondazione Don Mozzatti D Aprili. direzione@donmozzatti.it. Dott.

(ai sensi dell art. 26, comma 3 del D. Lgs. 81/08) Fondazione Don Mozzatti D Aprili. direzione@donmozzatti.it. Dott. VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA FORNITURA PER 36 MESI DI DERRATE ALIMENTARI D.U.V.R.I. PRELIMINARE PER PROCEDURA DI AFFIDAMENTO (ai snsi dll art. 26, comma

Dettagli

Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati della provincia di Bergamo

Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati della provincia di Bergamo Corso: Crtificatori Enrgtici dgli difici La crtificazion nrgtica in accordo con l procdur dlla rgion Lombardia Corso in fas di accrditamnto CENED Sriat (BG) maggio/giugno 2015 Corso organizzato da: In

Dettagli

RISERVATO AI DIPENDENTI DEL SISTEMA REGIONE

RISERVATO AI DIPENDENTI DEL SISTEMA REGIONE AVVISO PER LA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ASSEGNAZIONE TEMPORANEA AI SENSI DELL ART. 39 C. 1 LR 31/1998 PRESSO L ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA RISERVATO AI DIPENDENTI DEL SISTEMA REGIONE

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A. AREA PERSONALE Ufficio Personale tecnico amministrativo

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A. AREA PERSONALE Ufficio Personale tecnico amministrativo U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I M A C E R A T A AREA PERSONALE Ufficio Prsonal tcnico amministrativo Macrata, li 30.10.2008 Prot. N. 11694 IPP/29 d Ai Magnifici Rttori dll Univrsità Ai Dirttori

Dettagli

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie.

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie. Rgimi di cambio In qusta lzion: Studiamo l conomia aprta nl brv nl mdio priodo. Studiamo l crisi valutari. Analizziamo brvmnt l Ar Valutari Ottimali. 279 Il mdio priodo Abbiamo visto ch gli fftti di politica

Dettagli

qualifica cognome e nome presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Componenti interni Laura Marchegiani P Roberto Perna

qualifica cognome e nome presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Componenti interni Laura Marchegiani P Roberto Perna Oggtto: Convnzion intratno pr la ralizzazion dl mastr di I livllo in Global managmnt for China (GMC) dizion anno accadmico 2015/2016 N. o.d.g.: 05.1 C.d.A. 30.10.2015 Vrbal n. 9/2015 UOR: Ara affari gnrali

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI LODI

ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI LODI PROGRAMMA CORSO BASE 10 ORE ORDINE ARCHITETTI PPC Moduli h OBIETTIVI DIRETTIVE LEGISLAZIONE E REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI A 6 FISICA E CHIMICA DELL'INCENDIO B 10 TECNOLOGIA DEI MATERIALI E DELLE

Dettagli

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Una Esprinza di Trattamnto ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Rmo ANGELINO Dirttor SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO, Antonio POTOSNJAK I.P. SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO Prmssa La rlazion

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA Documnto: OPQTA20120001 ISTRUZIONE OPERATIVA Data: 19/03/2012 Prparato: Ufficio CPI Guida di rifrimnto rapido compilazion FORMAT COMAP pr PMI La prsnt guida dscriv l modalità di dtrminazion di costi orari

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

dossier a cura di Alessandro Massari

dossier a cura di Alessandro Massari I REFERENDUM REGIONALI ABROGATIVI, CONSULTIVI, PROPOSITIVI dossir a cura di Alssandro Massari PREMESSA... 2 1. RIMBORSI SPESE... 2 2. REFERENDUM PREVISTI NELLE DISPOSIZIONI STATUTARIE DELLE REGIONI A STATUTO

Dettagli

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Accordo quadro-operativo. tra. ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Accordo quadro-oprativo ICE - Agnzia pr la promozion all stro l intrnazionalizzazion dll imprs italian RtImprsa, Agnzia Confdral pr l Rti di Imprsa L ICE - Agnzia pr la promozion all stro intrnazionalizzazion

Dettagli

Climatizzazione. Dati tecnici. Selettore di diramazione EEDIT15-200_1 BPMKS967A

Climatizzazione. Dati tecnici. Selettore di diramazione EEDIT15-200_1 BPMKS967A Climatizzazion Dati tcnici Slttor di diramazion EEDIT15-200_1 BPMKS967A INDICE BPMKS967A 1 Carattristich...................................................... 2 2 Spcifich...........................................................

Dettagli

Grazie per aver scelto un telecomando Meliconi.

Grazie per aver scelto un telecomando Meliconi. IT I Grazi pr avr sclto un tlcomando Mliconi. Consrvar il prsnt librtto pr futur consultazioni. Il tlcomando Facil 1 è stato studiato pr comandar un tlvisor. Grazi alla sua ampia banca dati è in grado

Dettagli

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014 Dlibrazion n. 246 dl 10 april Dirttor Gnral Dr. Robrto Bollina Coadiuvato da: Giancarlo Bortolotti Dirttor Amministrativo Carlo Albrto Trsalvi Dirttor Sanitario Giuspp Giorgio Inì Dirttor Social Il prsnt

Dettagli

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 CANTON z j J COMUNE DI CASLANO CONFEDERAZIONE SVIZZERA - TICINO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 Modifica parzial dii art. 56 di Rgolamnto organico i dipndnti comunali (ROD) con l insrimnto di nuov funzioni

Dettagli

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci Consumatori in cifr Tariff dll prstazioni sanitari nll divrs rgioni italian Laura Filippucci La rcnt proposta dl Govrno di aggiornar il tariffario dll prstazioni sanitari di laboratorio ha sollvato un

Dettagli

Riuscire a conservare l esistente con un restauro a regola d arte,

Riuscire a conservare l esistente con un restauro a regola d arte, san giovanni lupatoto - vrona Fra passato innovazion Riuscir a consrvar l sistnt con un rstauro a rgola d art, unndo sttica modrn tcnologi costruttiv pr il risparmio nrgtico, è la sfida affrontata dai

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2004R0854 IT 11.03.2011 007.001 1 Trattandosi di un smplic strumnto di documntazion, sso non impgna la rsponsabilità dll istituzioni B C1 REGOLAMENTO (CE) N. 854/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Dettagli

Prot. 16996 Vigonza, lì 26.06.2014. Risposte ai quesiti in merito alla gara d appalto per l asilo nido comunale 2014-2017.

Prot. 16996 Vigonza, lì 26.06.2014. Risposte ai quesiti in merito alla gara d appalto per l asilo nido comunale 2014-2017. COMUNE DI VIGONZA PROVINCIA DI PADOVA Via Cavour n. 16 - C.F. 800100280 Tl. 0498090211 - Fax 0498090200 www.comun.vigonza.pd.it I AREA AMMINISTRATIVA SETTORE SOCIALE Prot. 16996 Vigonza, lì 26.06.2014

Dettagli

Compact-1401. Compact-1401. Listino prezzi F6 Marzo 2013 MICRON

Compact-1401. Compact-1401. Listino prezzi F6 Marzo 2013 MICRON Listino przzi F6 Marzo 013 UNI EN 1401 act-1401 UNI EN 1401 Carbonato di calcio,5 MICRON Tubi di PVC-U pr condott fognari civili d industriali costruiti scondo UNI EN 1401 GRESINTEX DALMINE RESINE Tubi

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17 Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 17 Lasing Lasing Finalità SOMMARIO Paragrafi 1 Ambito di applicazion 2-3 Dfinizioni 4-6 Classificazion dll oprazioni

Dettagli

Le città vengono modificate anche all interno degli spazi già costruiti

Le città vengono modificate anche all interno degli spazi già costruiti La città ch cra il progtto snsibil L città vngono modificat anch all intrno dgli spazi già costruiti pnso sia molto più intrssant quando si usa il trmin nuovo far rifrimnto a qualcosa di divrso, cioè alla

Dettagli

Regolamento per la certificazione dei Sistemi di Gestione e/o Prodotto Integrati secondo lo schema Food Expo Excellence

Regolamento per la certificazione dei Sistemi di Gestione e/o Prodotto Integrati secondo lo schema Food Expo Excellence Rgolamnto pr la crtificazion di Sistmi di Gstion /o Prodotto Intgrati scondo lo schma Food Expo Excllnc In vigor dal 04/03/2014 Agroqualità S.p.A. Vial Csar Pavs, 305-00144 Roma - Italia Tl. +39 06 54228675

Dettagli

Approvato con Det. Dir. N. 541 del 21/04/2009 pubblicato sul BURPuglia n. 62 suppl. del 23/4/2009

Approvato con Det. Dir. N. 541 del 21/04/2009 pubblicato sul BURPuglia n. 62 suppl. del 23/4/2009 C.I.F.I.R. Istituto Antoniano Maschil Via A. Manzoni, 3-72024 ORIA (BR) 0831 848178 0831 846252 E-mail: cfp.oria@cifir.it C.F. / P.Iva: 02486990720 Schda Progtto Corso Oprator Socio Sanitario Cod. Corso

Dettagli

Comune di Frossasco. Provincia di Torino AVVISO PUBBLICO

Comune di Frossasco. Provincia di Torino AVVISO PUBBLICO Comun di Frossasco Provincia di Torino AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE BENEFICIARIO DEL CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO A COPERTURA DELLE SPESE EFFETTIVAMENTE SOSTENUTE E DOCUMENTATE,

Dettagli

CONTRATTO DI FORNITURA DI SERVIZIO. tra

CONTRATTO DI FORNITURA DI SERVIZIO. tra CONTRATTO DI FORNITURA DI SERVIZIO tra L Ent Circolo Didattico Statal con sd in Campi Bisnzio, Cod. Fisc. n. 80045390483, nlla prsona dl suo lgal rapprsntant pro-tmpor dott.ssa Ornlla Mrcuri l A.S.D. Polisportiva

Dettagli