JOURNAL OF MEDICINE & THE PERSON. SEPTEMBER 2006, VOL. 4 NUMBER 3 ORIGINAL ARTICLE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "JOURNAL OF MEDICINE & THE PERSON. SEPTEMBER 2006, VOL. 4 NUMBER 3 ORIGINAL ARTICLE"

Transcript

1 118 JOURNAL OF MEDICINE & THE PERSON. SEPTEMBER 2006, VOL. 4 NUMBER 3 ORIGINAL ARTICLE Pathophysiology, diagnosis and management of portal hypertension. Quality of life and prognostic factors of cirrhotic patient Fisiopatologia, diagnostica e terapia dell ipertensione portale. Qualità di vita e fattori prognostici del paziente cirrotico Laura Ratti e Massimo Pozzi Department of Clinical Medicine, Prevention and applied biotechnical tecnologies, Azienda Ospedaliera San Gerardo and Milano-Bicocca University, Monza, Italy Abstract Portal hypertension is the most relevant complication of liver cirrhosis. Mechanical factors along with functional local events jointly play a role in the architectural distortion of liver structure, in the increase in intrahepatic vascular resistance and increased blood flow within the portal vascular district, actually leading to the progressive development of the portal hypertensive syndrome. Complications due to this pathological condition, and particularly development of esophageal varices and bleeding from varices, appear only when portal pressure gradient raises over the threshold value of mmhg. Portal pressure measurement by transjugular or transfemoral approach represents the gold standard to evaluate the degree of portal hypertension. The main goal of the pharmacological approach is to achieve a significant reduction of this gradient. Thus, portal pressure measurement may give additional information for a correct management of portal hypertension and its complications. At present β-blockers remain the milestone in the prevention of variceal bleeding, the most threatening complication of portal hypertension. A close interaction between the patient and his relatives and the physician is necessary to obtain rational approaches, which use evidence-based medicine as a guide through complex decision-making processes, but also include the individual s condition and co-morbidities. Considering that liver cirrhosis is a life-threatening disease, the therapeutic and diagnostic decision-making processes must offer the patient professional expertise and skill together with more complete information than the usual informed consent, which allows him to participate in the global management and to improve quality of life and clinical outcome. Key words: cirrhosis, portal hypertension, Beta-blockers Journal of Medicine and The Person, 2006; 4(3): Received June 10 th 2005, Revised February 27 th 2006, Accepted March 3 th 2006 Introduzione Le malattie croniche hanno un rilevante impatto sul benessere del paziente, sulle sue capacità funzionali e globalmente sulla quality of life, coinvolgendo fattori fisici, psicologici, emozionali, cognitivi e sociali. Appare pertanto evidente che ogni individuo affetto da malattia cronica ha una percezione diversa della qualità della vita e ciò che si osserva è un processo di adattamento personale e familiare alla condizione clinica. Tali osservazioni ben si applicano alle epatopatie croniche anche se l impatto sulla sfera fisica nelle fasi meno avanzate appare scarsamente rilevante, stante il decorso generalmente asintomatico delle malattie croniche del fegato. Più significativa è la percezione della evolutività e la conoscenza delle complicanze derivanti dalla progressione verso le fasi più critiche delle malattie di fegato, indipendentemente dall eziologia. Inoltre, la natura post-virale della grande maggioranza delle epatiti (correlate ad infezione cronica da virus C o virus B) comporta un ulteriore elemento di preoccupazione per il paziente, intrinsecamente connessa alla natura infettiva della patologia di cui è portatore, spesso con ripercussioni negative anche in ambito familiare. Nell ultimo decennio si è assistito a notevoli progressi nella conoscenza della patogenesi delle epatiti croniche postvirali, metaboliche, tossiche ed autoimmuni, che ha consentito lo sviluppo di farmaci in grado non solo di stabilizzare la malattia ma anche, intervenendo sull agente patogeno, di consentire la guarigione. L evidenza dei successi terapeutici, peraltro conseguibili con una attenta selezione dei pazienti candidabili e con un management integrato delle terapie disponibili (farmaci antivirali, immunomodulatori, immunosoppressivi, ferrochelanti, ecc) e degli

2 Original Article. Laura Ratti et al 119 effetti collaterali, ha portato a crescenti aspettative da parte del paziente e dei suoi familiari. Tuttavia, a fronte del successo terapeutico conseguibile in un subset di pazienti, esiste una consistente quota di pazienti per i quali il management clinico non può che limitarsi ad un regolare follow-up laboratoristico e strumentale mirato alla prevenzione, identificazione precoce ed eventuale trattamento delle complicanze, stante la natura progressiva in termini evolutivi delle malattie epatiche. Lo sviluppo della cirrosi rappresenta infatti lo step evolutivo di ogni malattia cronica di fegato, qualsivoglia la sua natura. Rispetto al recente passato anche per tale stadio avanzato sono oggi disponibili terapie eziologiche che tuttavia non sono applicabili in tutti i pazienti per ragioni anagrafiche, laboratoristiche, cliniche e non ultimo psicologiche. La conoscenza della natura evolutiva della cirrosi e di conseguenza la consapevolezza dell attesa del verosimile sviluppo delle complicanze implica un forte impatto sulla sfera psicologica del paziente (soprattutto a fronte dell eventuale insuccesso delle terapie precedentemente praticate) da cui deriva di necessità la richiesta di una profonda interazione medicopaziente per una gestione integrata e serena delle problematiche emergenti sia in ambito clinico che familiare. Il dialogo, la comprensione, la disponibilità, la motivazione e la acquisizione di elementi conoscitivi degli aspetti evolutivi della malattia cirrotica sono aspetti basilari e rappresentano il percorso ideale che lo specialista epatologo, il paziente ed i suoi familiari devono compiere per ottimizzare, insieme, la gestione delle complicanze della cirrosi. La progressiva distorsione dell architettura vascolare ed il sovvertimento della struttura parenchimale del fegato stanno alla base dello sviluppo dell ipertensione del distretto venoso portale in combinazione con l aumentata produzione di mediatori umorali (di natura ormonale, nervosa ed endoteliale) che ne amplificano i deleteri effetti a livello vascolare splancnico e sistemico. L ipertensione portale è infatti la maggiore complicanza della cirrosi epatica e rappresenta il drive per lo sviluppo delle altre negative sequele di tale condizione tra cui l emorragia digestiva da rottura di varici esofagee, l ascite, la peritonite batterica spontanea, la sindrome epatorenale, e la encefalopatia epatica. Tale sindrome, definita come aumento patologico della pressione nel distretto venoso portale, è caratterizzata dall aumento del gradiente che si genera attraverso la vena porta e la vena cava inferiore e che in condizioni di normalità si attesta tra 1 e 5 mmhg. Quando questo gradiente supera il valore soglia di mmhg possono comparire le complicanze dell ipertensione portale 1 ed in particolare: emorragia digestiva secondaria a rottura di varici esofagee, ascite, sindrome epatorenale ed encefalopatia epatica. Fisiopatologia dell ipertensione portale Il gradiente pressorio portale è il risultato dell interazione tra flusso ematico portale e resistenze vascolari che si oppongono al flusso. Questa relazione è definita dalla legge di Ohm nell equazione: DP = Q R dove DP rappresenta il gradiente portale, Q è il flusso ematico nell intero sistema portale e R sono le resistenze vascolari all interno del sistema portale 2. Ne deriva che la pressione portale può aumentare o per un incremento del flusso ematico portale o per un aumento delle resistenze vascolari o per una combinazione di entrambi i fattori. Aumento delle resistenze vascolari nel fegato cirrotico Per molti anni si era pensato che l incremento delle resistenze vascolari nel distretto portale fosse dovuto unicamente ad una alterazione strutturale della microcircolazione intraepatica causata dalla progressiva deposizione di collagene nello spazio di Disse, dalla fibrosi e dalla formazione di noduli. Tuttavia, più recentemente, si è dimostrato che nella genesi dell aumento delle resistenze intraepatiche, oltre alla componente strutturale, vi è una componente dinamica legata alla contrazione attiva di elementi contrattili intraepatici 3, situati sia a livello sinusoidale che extrasinusoidale 3,4. I sinusoidi epatici sono in grado di contrarsi in risposta a specifici vasocostrittori endogeni; la contrazione dei sinusoidi è verosimilmente mediata da una contrazione delle cellule stellate epatiche 4,6, che sono cellule localizzate nello spazio presinusoidale di Disse. Probabilmente la concomitante contrazione della muscolatura liscia vascolare situata nelle venule portali, è il fattore maggiormente responsabile della componente dinamica dell aumento delle resistenze intraepatiche 7. Quello che è sicuramente chiaro è che mediatori vasoattivi, sia vasodilatatori che vasocostrittori, possono modulare le resistenze vascolari intraepatiche. Un insufficiente rilascio di vasodilatatori, un aumentata produzione di vasocostrittori ed una esagerata risposta del letto vascolare epatico a vasocostrittori endogeni sono tutti fattori responsabili della componente dinamica dell incremento delle resistenze intraepatiche. 1. aumentata produzione di vasocostrittori endogeni Le endoteline sono una famiglia di peptidi vasoattivi (ET-1, ET-2, ET-3) che giocano un ruolo rilevante nel modulare il tono vascolare nella cirrosi epatica 8. L attività biologica di tali sostanze è essenzialmente mediata da due recettori: recettore tipo A (ETA) e tipo B (ETB). Nei pazienti cirrotici si osserva un aumento dei livelli Punto Effe, 2006

3 120 JOURNAL OF MEDICINE & THE PERSON. SEPTEMBER 2006, VOL. 4 NUMBER 3 Fig. 1 Tecnica di misurazione della pressione portale mediante cateterismo transfemorale. Legenda: HVPG = Hepatic Venous Pressure Gradient; WHVP = Wedged Hepatic Venous Pressure; FHVP = Free Hepatic Venous Pressure plasmatici di ET-1 e ET-39 e tale incremento è ancor più rilevante nei pazienti con ascite rispetto a quelli senza evidenza di ritenzione idrosodica. Il ruolo di tali sostanze nel modulare le resistenze intraepatiche è stato enfatizzato da diversi studi che hanno mostrato come la somministrazione di antagonisti delle endoteline produce una modesta ma significativa riduzione della pressione portale nei fegati cirrotici ma non in quelli normali10,11. Tuttavia questi dati sono controversi poiché altri studi non hanno dimostrato una riduzione della pressione portale dopo blocco delle endoteline12. Oltre alle endoteline, altre sostanze ad azione vasocostrittrice giocano un ruolo rilevante nel modulare il tono vascolare epatico. Studi in fegati cirrotici perfusi hanno documentato che norepinefrina, angiotensina II e vasopressina, tre fattori circolanti ad azione vasoattiva, che sono generalmente aumentati nella cirrosi epatica, sono in grado di aumentare le resistenze vascolari intraepatiche insufficiente rilascio di vasodilatatori epatici Il ruolo che l ossido nitrico (NO) gioca nel modulare le resistenze vascolari intraepatiche ha recentemente rivestito un grande interesse. L NO è un potente vasodilatatore endogeno prodotto in diversi tessuti da una NO-sintetasi a partire dell aminoacido L-arginina. È stato dimostrato che in fegati normali isolati e perfusi di ratti, il blocco del NO aumenta la pressione portale14. Inoltre la risposta epatica alla norepinefrina è marcatamente aumentata dopo l inibizione del NO, suggerendo un ruolo del NO nel modulare il tono vascolare epatico in condizioni normali15,17. Analogamente NO attenua la risposta porto-epatica dopo infusione di ET114. Pertanto NO rappresenta un importante fattore capace di controbilanciare le influenze vasocostrittrici che agiscono sulle resistenze intraepatiche nel fegato normale. Si è dimostrato che nel fegato cirrotico vi è una ridotta sintesi di NO e che ciò comporta l incapacità a compensare l attivazione dei sistemi vasocostrittori che sono tipicamente presenti nella cirrosi epatica15. Il deficit di release del NO nel circolo intraepatico si verifica nonostante una normale espressione dell mrna che sintetizza l enos (endothelial NO synthases). Alla luce di queste evidenze una riduzione della sintesi di NO intraepatico sembrerebbe essere il fattore che maggiormente contribuisce all incremento delle resistenze vascolari intraepatiche in corso

4 Original Article. Laura Ratti et al 121 di cirrosi. Oltre al NO altre sostanze ad azione vasodilatante sono ridotte in presenza di fibrosi epatica ed in particolare il monossido di carbonio (CO). Il CO, un vasodilatatore meno potente rispetto al NO, agisce attivando la guanilato ciclasi ed inducendo il rilasciamento della muscolatura liscia. L inibizione della sintesi di CO promuove un aumento delle resistenze portali in fegati sani 16. Aumento del flusso splancnico Un aumento del flusso ematico portale si osserva generalmente nelle fasi più avanzate dell ipertensione portale. L incremento del flusso in tale distretto è il risultato della vasodilatazione arteriolare negli organi del distretto splancnico che drenano nel sistema portale 17. Tale incremento contribuisce a mantenere ed aggravare la sindrome ipertensiva portale 18. Per spiegare questa alterazione emodinamica sono stati proposti diversi meccanismi quali fattori neurogeni, umorali e locali. Il glucagone è probabilmente il fattore umorale per cui esistono maggiori evidenze sul possibile ruolo nel promuovere l iperemia splancnica che è presente nell ipertensione portale 19,20. Diversi studi hanno dimostrato che i livelli plasmatici di glucagone sono elevati nei pazienti con cirrosi epatica così come nei modelli sperimentali di ipertensione portale. L aumento dei livelli plasmatici di glucagone è in parte dovuto alla ridotta clearance epatica di tale sostanza, ma soprattutto ad un aumentata secrezione di questo ormone da parte delle cellule alfa-pancreatiche 20,21. L evidenza che il glucagone giochi un ruolo nel modulare il flusso ematico splancnico deriva da studi condotti in ratti con ipertensione portale, in cui la normalizzazione della quota circolante di glucagone ottenuta mediante infusione di somatostatina o con anticorpi diretti contro il glucagone, riduce parzialmente il flusso splancnico 22,23. Alla luce di tali evidenze è stato proposto che l iperglucagonismo sia responsabile della vasodilazione del distretto splancnico che si osserva nella cirrosi epatica per un 30-40% 24. Più recentemente si è focalizzato maggiormente l attenzione su fattori paracrini vasoattivi prodotti dall endotelio vascolare, tra cui NO e prostacicline. Studi sperimentali che hanno utilizzato inibitori specifici del NO hanno mostrato che NO è coinvolto nella regolazione dell emodinamica sistemica e splancnica sia in animali da esperimento sani che in quelli con ipertensione portale. Infatti la somministrazione di antagonisti del NO provoca vasocostrizione splancnica e sistemica, suggerendo che un eccessiva produzione di NO potrebbe essere in parte responsabile della vasodilatazione che si osserva nell ipertensione portale 25,26. Diversi studi hanno supportato un ruolo delle prostaglandine nella circolazione iperdinamica dell ipertensione portale 27,29. Le prostacicline, vasodilatatori endogeni sintetizzati dalle cellule dell endotelio vascolare, producono un rilasciamento della muscolatura liscia vascolare attivando l adenilato ciclasi e aumentando i livelli intracellulari di camp. È stato dimostrato che pazienti con cirrosi epatica presentano livelli plasmatici sistemici aumentati di prostacicline e che l inibizione di quest ultime mediante indometacina riduce il circolo iperdinamico e la pressione portale nei pazienti con cirrosi epatica ed ipertensione portale 30. Valutazione dell emodinamica epatica nella cirrosi epatica La valutazione clinica dei pazienti con cirrosi epatica ed ipertensione portale si basa sulla ricerca di varici esofagee all esofagogastroduenoscopia, sulla definizione dell anatomia dei circoli collaterali attraverso ecografia e/o angiografia e sulla misurazione della pressione portale. Certamente la valutazione endoscopica delle caratteristiche e dimensioni delle varici esofagee è di indiscussa importanza: la frequenza del controllo endoscopico nel tempo è scandita dalle dimensioni delle stesse. La comprensione da parte del paziente della rilevanza in termini prognostici di tale accertamento periodico rende più accettabile l approccio terapeutico quando ne sussista l indicazione. La valutazione della pressione portale rappresenta la misurazione emodinamica di prima scelta nei centri altamente qualificati nei pazienti con cirrosi epatica ed ipertensione portale; le altre metodiche (in particolare lo studio doppler portale) infatti forniscono informazioni aggiuntive ma non sostituiscono la misurazione della pressione portale. La pressione portale può essere espressa come gradiente pressorio rispetto alla vena cava inferiore; in condizioni di normalità il gradiente pressorio porto-epatico non supera i 5 mmhg. Esprimendo la pressione portale come un gradiente vi è il vantaggio che questo non venga modificato da cambiamenti della pressione intra-addominale come nel caso in cui sia presente liquido libero nella cavità addominale. Infatti l aumento della pressione intra-addominale determina un incremento sia della pressione nel distretto portale che nella vena cava inferiore senza pertanto modificare il gradiente portoepatico. La misurazione della pressione portale può essere effettuata sia con tecniche dirette che indirette. Tecniche di misurazione diretta Le tecniche di misurazione diretta della pressione portale sono approcci invasivi che si basano sul cateterismo chirurgico, percutaneo transepatico o transvenoso (transgiugulare) della vena porta. Con queste metodiche, ad eccezione dell approccio transgiugulare, la misurazione della pressione della vena cava inferiore richiede la puntura addizionale e contemporanea della Punto Effe, 2006

5 122 JOURNAL OF MEDICINE & THE PERSON. SEPTEMBER 2006, VOL. 4 NUMBER 3 Fig. 2 Meccanismo fisiopatologico responsabile della rottura delle varici esofagee. vena epatica 31 al fine di ottenere il gradiente portale. Alla luce di tale inconveniente e del rischio di complicanze emorragiche l approccio chirurgico e quello percutaneo epatico vengono utilizzati raramente. Tecniche di misurazione indiretta Diverse tecniche sono state utilizzate per valutare la pressione nel distretto portale. Per la sua semplicità e sicurezza, la tecnica preferita e più utilizzata per stimare la pressione portale si attua mediante approccio transgiugulare o transfemorale e consiste nel misurare la pressione venosa epatica incuneata (WHVP = Wedged Hepatic Venous Pressure) e la pressione libera in tale distretto (FHVP= Free Hepatic Venous Pressure) 32,34,42,44. (Figura 1). Questa procedura viene effettuata con il paziente a riposo ed in decubito supino. Si valuta previamente la vena giugulare interna destra mediante un ecografo e dopo adeguata disinfezione si pratica un anestesia locale. Successivamente, attraverso la tecnica di Seldinger, un introduttore viene inserito nella vena giugulare interna destra; si utilizza l introduttore per far avanzare un catetere radiopaco a palloncino sotto controllo fluoroscopico fino ad una vena epatica (generalmente la destra) dove si realizzano misurazioni ripetute della pressione epatica con il catetere incuneato (occludendo la vena) e libero. Si misurano le pressioni intravascolari utilizzando trasduttori di pressione ad alta sensibilità, che devono essere calibrati prima della misurazione stessa. Per ottenere misurazioni accurate e riproducibili del gradiente pressorio porto-epatico è necessario un registratore di pressioni in grado di produrre una traccia permanente di valori pressori ed un trasduttore di pressioni in grado di avvertire piccoli cambiamenti nella pressione venosa (per tale motivo i trasduttori di pressione arteriosa non sono adeguati). La traccia di pressione ottenuta deve essere stabile per almeno 1 minuto per la pressione incuneata e per 15 secondi per la pressione libera. La pressione libera deve essere calcolata con il catetere avanzato per non più di 5 cm nella vena epatica; il valore della pressione libera non deve superare per più di 2 mmhg il valore della pressione della vena cava inferiore misurata a livello delle vene epatiche. Occorre assicurarsi che il pallone distale, una volta gonfiato, occluda completamente la vena epatica prima di misurare la pressione incuneata. A tale proposito, una piccola iniezione di 5 ml di contrasto quando il pallone

6 Original Article. Laura Ratti et al 123 è gonfiato, consente di visualizzare il tipico pattern wedge escludendo così la presenza di wash-out attraverso comunicazioni con altre vene epatiche. La pressione incuneata è ottenuta occludendo la vena epatica, gonfiando un pallone situato all estremità del catetere o avanzando il catetere fino a quando quest ultimo si incunea in un piccolo ramo della vena epatica 33,35,36. La pressione libera si ottiene mantenendo la punta del catetere fluttuante nella vena epatica. È da preferirsi l uso di catetere a palloncino rispetto alla tecnica manuale perchè riflette la pressione di un area di parenchima epatico maggiore rispetto a quella ottenuta con occlusione manuale. Quando il flusso ematico in una vena sovraepatica è bloccato dal catetere con pallone gonfio, la colonna di sangue che si genera, trasmette la pressione che esiste nel territorio vascolare (in particolare la pressione esistente nei sinusoidi epatici). Pertanto la pressione wedged è una misura della pressione all interno dei sinusoidi epatici e non della pressione portale 31. Quando le resistenze sono aumentate a livello presinusoidale (schistosomiasi, cirrosi biliare primitiva e ipertensione portale idiopatica) la pressione incuneata può sottostimare la pressione portale. Diversi studi hanno invece dimostrato che la WHVP corrisponde alla pressione portale nelle cirrosi ad eziologia alcolica e che la riflette adeguatamente in quelle a genesi post-virale. Come già detto il parametro più utilizzato per esprimere la pressione portale non è la WHVP ma il gradiente pressorio portoepatico (HVPG = Hepatic Venous Pressure Gradient) ottenuto dalla differenza tra pressione incuneata e pressione libera. I principali vantaggi di questa tecnica sono: la semplicità, la riproducibilità e la sicurezza che permettono misurazioni ripetute. La misurazione del gradiente pressorio porto-epatico è una tecnica riproducibile che può essere ripetuta perché è generalmente ben tollerata dal paziente. Per aumentare la compliance del paziente, qualora necessario, la misurazione può essere effettuata con una blanda sedazione con midazolam (0.02 mg/kg), che non altera la pressione epatica 37. Nella nostra esperienza la sistematica applicazione di un criterio di informazione completa sulla tipologia, tempistica, tecnica e rilevanza prognostica della procedura rende il ricorso alla sedazione assolutamente occasionale. Infatti la conoscenza diretta da parte del paziente sia dello specialista che dell operatore agevola ulteriormente l espletamento della procedura in un ambito di serena collaborazione {Ratti, /id}. Il cateterismo della vena epatica mediante quest approccio consente inoltre di ottenere informazioni sul flusso ematico epatico utilizzando tecniche di clearance con il verde di indocianina come indicatore 31,38 e la realizzazione di biopsie epatiche transgiugulari. Le principali applicazioni di questa metodica sono: la valutazione del grado di ipertensione portale, la risposta a terapia farmacologica, la valutazione del rischio preoperatorio nei pazienti con epatocarcinoma 39, la valutazione prognostica in corso di sanguinamento acuto da rottura di varici 40 e la valutazione della progressione della malattia di fegato. Le complicanze sono limitate alla puntura della vena e consistono nella possibile formazione di fistole artero-venose. Come per ogni procedura invasiva, anche per tale indagine diagnostica è necessario il consenso informato da parte del paziente, che peraltro nella nostra esperienza come sopra menzionato non si limita alla mera compilazione dell apposito modulo, ma comprende la completa illustrazione del significato e delle caratteristiche della procedura. Complicanze dell ipertensione portale: le varici esofagee Le varici esofagee rappresentano una delle principali complicazioni dell ipertensione portale: sono infatti presenti nel 40% dei pazienti cirrotici compensati ed asintomatici 41 e nel 60% di coloro che presentano ascite 42. L incidenza delle varici esofagee nei pazienti con neodiagnosi di cirrosi si attesta attorno al 5-9% 43 a seconda delle diverse casistiche. È stato inoltre calcolato che la percentuale di progressione annuale da varici di piccole dimensioni a varici di grandi dimensioni è circa del 5-12% 43. La principale complicanza legata alla presenza delle varici esofagee è la loro rottura che comporta emorragia digestiva acuta, con conseguenze cliniche che possono essere drammatiche. La probabilità di sanguinamento da varici esofagee è circa del 5-12% nei pazienti con varici piccole rispetto a coloro che non presentano varici (2%) 43,44 e tale probabilità aumenta nei pazienti con varici grandi. La mortalità associata a sanguinamento di varici varia tra il 13% e il 21% 45,46 e la probabilità che il paziente manifesti un secondo episodio di sanguinamento dopo un primo episodio è del 63%, con una mortalità che sale al 33%. La conditio sine qua non per lo sviluppo delle varici esofagee è la presenza di un gradiente pressorio portoepatico superiore a 10 mmhg e la rottura delle varici si verifica solo quando tale gradiente supera il valore soglia di 12 mmhg 1. Esistono due teorie per spiegare il meccanismo che induce la rottura delle varici esofagee: teoria dell erosione e teoria dell esplosione. Secondo la teoria dell erosione, la rottura della varice sarebbe favorita da eventi traumatici o da fenomeni ero- Punto Effe, 2006

7 124 JOURNAL OF MEDICINE & THE PERSON. SEPTEMBER 2006, VOL. 4 NUMBER 3 Fig. 3 Relazione tra gradiente pressorio porto-epatico e presenza di varici esofagee in pazienti cirrotici. sivi quali esofagite o ulcere a carico della parete del vaso. Tuttavia non vi sono sufficienti evidenze che suffragano tale teoria e pertanto questa ipotesi è stata abbandonata a favore della teoria dell esplosione secondo cui la principale causa della rottura della varice è rappresentata dall aumento della pressione idrostatica all interno della varice, che è una conseguenza diretta della pressione portale. Infatti il progressivo incremento della pressione portale induce un aumento delle dimensioni della varice e quindi della tensione di parete della varice stessa. Quando la tensione di parete della varice, che è strettamente correlata alla pressione intravaricosa, alle dimensioni della varice e allo spessore della parete della varice stessa, supera il limite elastico del vaso, la varice non è più in grado di sopportare ulteriori dilatazioni e va incontro alla rottura. (Figura 2). Profilassi primaria del sanguinamento da varici esofagee È noto che la comparsa di varici esofagee si verifica solo quando il gradiente pressorio porto-epatico supera i 1012 mmhg, e che le altre complicanze si manifestano quando supera i 12 mmhg1,47,48. (Figura 3). Il problema che si pone è se una riduzione del gradiente pressorio porto-epatico al di sotto di questa soglia possa prevenire le complicanze dell ipertensione portale. Diversi studi hanno dimostrato che la riduzione dell HVPG al di sotto di 12 mmhg, dopo trattamento farmacologico49,50 o spontaneamente per un miglioramento della malattia epatica51 previene il rischio di sanguinamento da varici esofagee e può ridurne le dimensioni. Comunque se questo target non si ottiene, una riduzione dell HVPG del 20%50 rispetto al valore basale comporta una protezione totale dall emorragia da varici esofagee. Pertanto la riduzione del gradiente pressorio porto-epatico al di sotto di 12 mmhg o del 20% rispetto al basale sono comunemente accettati come target terapeutico nel trattamento dell ipertensione portale. Inoltre il raggiungimento di questo target può associarsi ad un riduzione del rischio di sviluppare ascite52, sindrome epatorenale e morte53. Pazienti con ipertensione portale senza varici esofagee Attualmente per questi pazienti non vi è l indicazione ad alcun trattamento profilattico, ma solo ad uno stretto monitoraggio clinico-laboratoristico e strumentale,

8 Original Article. Laura Ratti et al 125 con l indicazione a ripetere una esofagogastroduodenoscopia ogni 2-3 anni per la ricerca di varici esofagee 54. Un recente studio pubblicato da Groszmann e collaboratori 55 ha comparato l uso del timololo, un β-bloccante non selettivo, versus placebo in questa tipologia di pazienti con l obiettivo di valutare l influenza di tale farmaco nella formazione delle varici esofagee. I dati disponibili non hanno dimostrato nessuna differenza nell incidenza di varici esofagee nei due gruppi e pertanto l uso di β-bloccanti non selettivi, al momento, non è giustificata nei pazienti senza varici esofagee per prevenirne la formazione. Pazienti con varici esofagee piccole Occorre ricordare che la probabilità di sanguinamento in pazienti con varici di piccole dimensione è molto basso (circa 5%). Secondo le linee guida internazionali e sulla scorta di uno studio pubblicato da Calès et al. 56, attualmente una terapia profilattica con β-bloccanti in tali soggetti non è indicata. Tuttavia un recente studio di Merkel et al. 57 ha dimostrato che l uso di propranolo nei pazienti con piccole varici esofagee, riduce la percentuale di progressione delle varici da piccole a grandi, che appare di notevole rilevanza clinica in considerazione dei possibili vantaggi in termini di costo-beneficio, anche sotto il profilo squisitamente economico. Vi è quindi necessità di ulteriori studi prospettici che avvallino tale ipotesi. Secondo la recente consensus di Baveno IV (aprile 2005) l uso dei β-bloccanti non selettivi dovrebbe essere considerato solo in quei pazienti con varici piccole ma che presentino o segni indicativi di un elevato rischio emorragico (segni rossi di parete all EGDS) o che siano in una classe funzionale avanzata di malattia. Pertanto i pazienti con piccole varici esofagee hanno un indicazione a follow-up endoscopico ogni 1-2 anni. Pazienti con varici esofagee grandi I pazienti che presentano varici di grandi dimensioni alla esofagastroduodenoscopia sono secondo le linee guida internazionali candidati ad una terapia di profilassi del primo sanguinamento. La terapia delle varici esofagee di grandi dimensioni si basa sull impiego di β-bloccanti non selettivi 58 (propranololo e nadololo) che esplicano la loro azione inducendo un blocco farmacologico di entrambi i recettori β-adrenergici (β-1 cardiaci e β-2 vascolari). I β-bloccanti non selettivi agiscono con una duplice azione farmacologia, riducendo la portata cardiaca attraverso un effetto inotropo e cronotropo negativo ed aumentando le resistenze vascolari arteriolari del distretto splancnico. L effetto finale è quello di indurre una riduzione del flusso portale e pertanto della pressione portale. La dose di β-bloccante da utilizzare viene generalmente stabilita in base alla frequenza cardiaca che deve ridursi di circa il 25% rispetto al valore basale, senza scendere al di sotto di 55 battiti/minuto. Le controindicazioni per l uso del β-bloccante sono la presenza di diabete mellito, asma bronchiale e broncopneumopatia cronica di tipo ostruttivo. Il problema che si pone nell utilizzo di farmaci vasoattivi quali i β-bloccanti, è quello di stabilire se sono stati raggiunti quegli obiettivi terapeutici che consentono di ottenere una riduzione del rischio di sanguinamento da varici esofagee. Appare pertanto evidente che l utilizzo della frequenza cardiaca come parametro per valutare l efficacia terapeutica di tali farmaci, sia discutibile. Infatti, la riduzione della frequenza cardiaca non indica una risposta in termini emodinamici. È quindi evidente che il metodo ottimale per valutare l efficacia terapeutica di tali farmaci sia rappresentato dalla misurazione del gradiente pressorio porto-epatico 59,60. Vi è comunque la necessità di identificare dei markers non invasivi in grado di predirre la risposta in termini emodinamici di questi farmaci. Un altro problema che si pone nel trattamento di questi pazienti con β-bloccanti non selettivi è che solo 1/3 dei soggetti ottengono una risposta emodinamica adeguata, con il raggiungimento di quegli obiettivi terapeutici già indicati. Esiste pertanto il problema di come trattare questi pazienti che non ottengono una risposta emodinamica adeguata con i β-bloccanti non selettivi e di quei pazienti che presentano controindicazioni all uso di tali farmaci. Un alternativa ai β-bloccanti è rappresentata dall isososorbide-5-mononitrato (ISMN). L ISMN è un vasodilatatore ad azione sistemica cha agisce rilasciando NO e che determina una riduzione delle resistenze vascolari intraepatiche e del flusso splancnico, mediato da una vasodilatazione di tale distretto, e che ha come effetto finale quello di ridurre il gradiente pressorio porto-epatico 61. Gli effetti collaterali di tale farmaco sono l ipotensione ortostatica, spesso già presente nel paziente cirrotico, e la cefalea. Tuttavia gli studi condotti per valutare l efficacia di tali farmaci non hanno dimostrato nessun vantaggio in termini di mortalità. Un recente studio pubblicato da Garcia-Pagan et al. 62 ha comparato l I- SMN versus placebo in pazienti con controindicazioni o intolleranti ai β-bloccanti: i dati presentati hanno dimostrato che non vi è nessun beneficio in termini di protezione dal primo sanguinamento. Inoltre l uso del ISMN, un vasodilatatore ad azione sistemica, può indurre un peggioramento della funzione renale soprattutto nei pazienti con ascite 61 e pertanto tale farmaco non dovrebbe essere utilizzato come alternativa ai β-bloccanti. I nitrati sono stati anche confrontati con i β-bloccanti non selettivi: gli studi di confronto non hanno dimostrato al- Punto Effe, 2006

9 126 JOURNAL OF MEDICINE & THE PERSON. SEPTEMBER 2006, VOL. 4 NUMBER 3 cun vantaggio dell ISMN rispetto ai β-bloccanti 63. Si era inoltre ipotizzato che l aggiunta del nitrato al β-bloccante, in quei soggetti che non raggiungono gli obiettivi terapeutici di riduzione del gradiente pressorio portoepatico, potesse avere un razionale clinico. In realtà gli studi che hanno comparato la monoterapia con β-bloccante rispetto alla terapia di combinazione 63-65, non hanno dimostrato nessuna differenza in termini di riduzione di sanguinamento e di mortalità. Appare pertanto evidente che nadololo e propranololo sono i farmaci di prima scelta nella profilassi primaria del sanguinamento da varici esofagee e che nei pazienti con controindicazioni/intolleranza a tali preparati l ISMN non è una valida alternativa. Probabilmente un opzione terapeutica alternativa ai β-bloccanti potrebbe essere rappresentata dalla legatura endoscopica delle varici esofagee. Esistono ulteriori trattamenti disponibili di tipo non farmacologico (endoscopici ed endovascolari) nel management dell ipertensione portale quali la legatura ( banding ) e la sclerosi endoscopica o il posizionamento di stent endovascolari posizionabili per via transgiugulare (TIPS). A tale proposito nell ultimo periodo sono stati pubblicati diversi studi 66,68 che sembrano supportare l uso della legatura endoscopica nella profilassi del primo sanguinamento da varici esofagee. Tuttavia vi è la necessità di ulteriori trials che valutino la reale efficacia di tale procedura endoscopica nella profilassi primaria. In conclusione, la rilevanza del problema della cirrosi epatica è strettamente connesso allo sviluppo dell ipertensione portale. La presenza di tale condizione implica considerazioni non solo di ordine diagnostico-terapeutico, ma coinvolge direttamente il medico ed il paziente in una complessa interazione finalizzata non solo ad ottimizzare, ma anche a personalizzare le fasi di decision making. La personalizzazione, nel rispetto delle linee guida diagnostico-terapeutiche, appare indispensabile in considerazione della complessità dei fattori etiologici coinvolti nella genesi della malattia, che implicano, soprattutto in presenza di co-morbidità, importanti risvolti in termini prognostici. Indirizzo per la corrispondenza: Laura Ratti, MD Cattedra di Medica Interna (Direttore Prof. Giuseppe Mancia) Istituto di Scienze Biomediche San Gerardo Milano-Bicocca University Via Donizetti Monza, Milano, Italy BIBLIOGRAFIA 1. Garcia-Tsao G, Groszmann RJ, Fisher RL, Conn HO, Atterbury CE, Glickman M. Portal pressure, presence of gastroesophageal varices and variceal bleeding. Hepatology 1985; 5: Bosch J, Pizcueta P, Feu F, Fernandez M, Garcia-Pagan JC. Pathophysiology of portal hypertension. Gastroenterol Clin North Am 1992; 21: Shibayama Y, Nakata K. Localization of increased hepatic vascular resistance in liver cirrhosis. Hepatology 1985; 5: Bauer M, Zhang JX, Bauer I, Clemens MG. ET-1 induced alterations of hepatic microcirculation: sinusoidal and extrasinusoidal sites of action. Am J Physiol 1994; 267:G143-G Housset C, Rockey DC, Bissell DM. Endothelin receptors in rat liver: lipocytes as a contractile target for endothelin 1. Proc Natl Acad Sci U S A 1993; 90: Kawada N, Tran-Thi TA, Klein H, Decker K. The contraction of hepatic stellate (Ito) cells stimulated with vasoactive substances. Possible involvement of endothelin 1 and nitric oxide in the regulation of the sinusoidal tonus. Eur J Biochem 1993; 213: Kaneda K, Ekataksin W, Sogawa M, Matsumura A, Cho A, Kawada N. Endothelin-1-induced vasoconstriction causes a significant increase in portal pressure of rat liver: localized constrictive effect on the distal segment of preterminal portal venules as revealed by light and electron microscopy and serial reconstruction. Hepatology 1998; 27: Garcia-Pagan JC, Bosch J, Rodes J. The role of vasoactive mediators in portal hypertension. Semin Gastrointest Dis 1995; 6: Moller S, Gulberg V, Henriksen JH, Gerbes AL. Endothelin-1 and endothelin-3 in cirrhosis: relations to systemic and splanchnic haemodynamics. J Hepatol 1995; 23: Rockey DC, Weisiger RA. Endothelin induced contractility of stellate cells from normal and cirrhotic rat liver: implications for regulation of portal pressure and resistance. Hepatology 1996; 24: Reichen J, Gerbes AL, Steiner MJ, Sagesser H, Clozel M. The effect of endothelin and its antagonist Bosentan on hemodynamics and microvascular exchange in cirrhotic rat liver. J Hepatol 1998; 28: Poo JL, Jimenez W, Maria MR, Bosch-Marce M, Bordas N, Morales- Ruiz M, Perez M, Deulofeu R, Sole M, Arroyo V, Rodes J. Chronic blockade of endothelin receptors in cirrhotic rats: hepatic and hemodynamic effects. Gastroenterology 1999; 116: Ballet F, Chretien Y, Rey C, Poupon R. Differential response of normal and cirrhotic liver to vasoactive agents. A study in the isolated perfused rat liver. J Pharmacol Exp Ther 1988; 244: Pannen BH, Bauer M, Zhang JX, Robotham JL, Clemens MG. A time-dependent balance between endothelins and nitric oxide regulating portal resistance after endotoxin. Am J Physiol 1996; 271:H1953- H Gupta TK, Toruner M, Chung MK, Groszmann RJ. Endothelial dysfunction and decreased production of nitric oxide in the intrahepatic microcirculation of cirrhotic rats. Hepatology 1998; 28: Suematsu M, Goda N, Sano T, Kashiwagi S, Egawa T, Shinoda Y, Ishimura Y. Carbon monoxide: an endogenous modulator of sinusoidal tone in the perfused rat liver. J Clin Invest 1995; 96: Vorobioff J, Bredfeldt JE, Groszmann RJ. Increased blood flow through the portal system in cirrhotic rats. Gastroenterology 1984; 87: Benoit JN, Granger DN. Splanchnic hemodynamics in chronic portal hypertension. Semin Liver Dis 1986; 6: Benoit JN, Womack WA, Hernandez L, Granger DN. Forward and backward flow mechanisms of portal hypertension. Relative contributions in the rat model of portal vein stenosis. Gastroenterology 1985; 89: Gomis R, Fernandez-Alvarez J, Pizcueta P, Fernandez M, Casamitja-

10 Original Article. Laura Ratti et al 127 na R, Bosch J, Rodes J. Impaired function of pancreatic islets from rats with portal hypertension resulting from cirrhosis and partial portal vein ligation. Hepatology 1994; 19: Silva G, Navasa M, Bosch J, Chesta J, Pilar PM, Casamitjana R, Rivera F, Rodes J. Hemodynamic effects of glucagon in portal hypertension. Hepatology 1990; 11: Kravetz D, Bosch J, Arderiu MT, Pizcueta MP, Casamitjana R, Rivera F, Rodes J. Effects of somatostatin on splanchnic hemodynamics and plasma glucagon in portal hypertensive rats. Am J Physiol 1988; 254:G322-G Benoit JN, Zimmerman B, Premen AJ, Go VL, Granger DN. Role of glucagon in splanchnic hyperemia of chronic portal hypertension. Am J Physiol 1986; 251:G674-G Benoit JN, Barrowman JA, Harper SL, Kvietys PR, Granger DN. Role of humoral factors in the intestinal hyperemia associated with chronic portal hypertension. Am J Physiol 1984; 247:G486-G Pizcueta P, Pique JM, Fernandez M, Bosch J, Rodes J, Whittle BJ, Moncada S. Modulation of the hyperdynamic circulation of cirrhotic rats by nitric oxide inhibition. Gastroenterology 1992; 103: Pizcueta MP, Pique JM, Bosch J, Whittle BJ, Moncada S. Effects of inhibiting nitric oxide biosynthesis on the systemic and splanchnic circulation of rats with portal hypertension. Br J Pharmacol 1992; 105: Sitzmann JV, Bulkley GB, Mitchell MC, Campbell K. Role of prostacyclin in the splanchnic hyperemia contributing to portal hypertension. Ann Surg 1989; 209: Hamilton G, Phing RC, Hutton RA, Dandona P, Hobbs KE. The relationship between prostacyclin activity and pressure in the portal vein. Hepatology 1982; 2: Guarner C, Soriano G, Such J, Teixido M, Ramis I, Bulbena O, Rosello J, Guarner F, Gelpi E, Balanzo J,. Systemic prostacyclin in cirrhotic patients. Relationship with portal hypertension and changes after intestinal decontamination. Gastroenterology 1992; 102: Bruix J, Bosch J, Kravetz D, Mastai R, Rodes J. Effects of prostaglandin inhibition on systemic and hepatic hemodynamics in patients with cirrhosis of the liver. Gastroenterology 1985; 88: Bosch J, Mastai R, Kravetz D, Bruix J, Rigau J, Rodes J. Measurement of azygos venous blood flow in the evaluation of portal hypertension in patients with cirrhosis. Clinical and haemodynamic correlations in 100 patients. J Hepatol 1985; 1: Bosch J, Mastai R, Kravetz D, Navasa M, Rodes J. Hemodynamic evaluation of the patient with portal hypertension. Semin Liver Dis 1986; 6: Groszmann RJ. Reassessing portal venous pressure measurements. Gastroenterology 1984; 86: Groszmann RJ, Glickman M, Blei AT, Storer E, Conn HO. Wedged and free hepatic venous pressure measured with a balloon catheter. Gastroenterology 1979; 76: Groszmann RJ, Atterbury CE. The pathophysiology of portal hypertension: a basis for classification. Semin Liver Dis 1982; 2: Bosch J, Navasa M, Garcia-Pagan JC, DeLacy AM, Rodes J. Portal hypertension. Med Clin North Am 1989; 73: Steinlauf AF, Garcia-Tsao G, Zakko MF, Dickey K, Gupta T, Groszmann RJ. Low-dose midazolam sedation: an option for patients undergoing serial hepatic venous pressure measurements. Hepatology 1999; 29: Nevens F, Bustami R, Scheys I, Lesaffre E, Fevery J. Variceal pressure is a factor predicting the risk of a first variceal bleeding: a prospective cohort study in cirrhotic patients. Hepatology 1998; 27: Bruix J, Castells A, Bosch J, Feu F, Fuster J, Garcia-Pagan JC, Visa J, Bru C, Rodes J. Surgical resection of hepatocellular carcinoma in cirrhotic patients: prognostic value of preoperative portal pressure. Gastroenterology 1996; 111: Angeli P, De Bei E, Dalla PM, Caregaro L, Ceolotto G, Albino G, Gatta A. Effects of amiloride on renal lithium handling in nonazotemic ascitic cirrhotic patients with avid sodium retention. Hepatology 1992; 15: Schepis F, Camma C, Niceforo D, Magnano A, Pallio S, Cinquegrani M, D Amico G, Pasta L, Craxi A, Saitta A, Raimondo G. Which patients with cirrhosis should undergo endoscopic screening for esophageal varices detection? Hepatology 2001; 33: D Amico G, Luca A. Natural history. Clinical-haemodynamic correlations. Prediction of the risk of bleeding. Baillieres Clin Gastroenterol 1997; 11: Merli M, Nicolini G, Angeloni S, Rinaldi V, De Santis A, Merkel C, Attili AF, Riggio O. Incidence and natural history of small esophageal varices in cirrhotic patients. J Hepatol 2003; 38: Zoli M, Merkel C, Magalotti D, Gueli C, Grimaldi M, Gatta A, Bernardi M. Natural history of cirrhotic patients with small esophageal varices: a prospective study. Am J Gastroenterol 2000; 95: D Amico G, De Franchis R. Upper digestive bleeding in cirrhosis. Post-therapeutic outcome and prognostic indicators. Hepatology 2003; 38: Carbonell N, Pauwels A, Serfaty L, Fourdan O, Levy VG, Poupon R. Improved survival after variceal bleeding in patients with cirrhosis over the past two decades. Hepatology 2004; 40: Viallet A, Marleau D, Huet M, Martin F, Farley A, Villeneuve JP, Lavoie P. Hemodynamic evaluation of patients with intrahepatic portal hypertension. Relationship between bleeding varices and the portohepatic gradient. Gastroenterology 1975; 69: Casado M, Bosch J, Garcia-Pagan JC, Bru C, Banares R, Bandi JC, Escorsell A, Rodriguez-Laiz JM, Gilabert R, Feu F, Schorlemer C, Echenagusia A, Rodes J. Clinical events after transjugular intrahepatic portosystemic shunt: correlation with hemodynamic findings. Gastroenterology 1998; 114: Groszmann RJ, Bosch J, Grace ND, Conn HO, Garcia-Tsao G, Navasa M, Alberts J, Rodes J, Fischer R, Bermann M,. Hemodynamic events in a prospective randomized trial of propranolol versus placebo in the prevention of a first variceal hemorrhage. Gastroenterology 1990; 99: Feu F, Garcia-Pagan JC, Bosch J, Luca A, Teres J, Escorsell A, Rodes J. Relation between portal pressure response to pharmacotherapy and risk of recurrent variceal haemorrhage in patients with cirrhosis. Lancet 1995; 346: Vorobioff J, Groszmann RJ, Picabea E, Gamen M, Villavicencio R, Bordato J, Morel I, Audano M, Tanno H, Lerner E, Passamonti M. Prognostic value of hepatic venous pressure gradient measurements in alcoholic cirrhosis: a 10-year prospective study. Gastroenterology 1996; 111: Villanueva C, Minana J, Ortiz J, Gallego A, Soriano G, Torras X, Sainz S, Boadas J, Cusso X, Guarner C, Balanzo J. Endoscopic ligation compared with combined treatment with nadolol and isosorbide mononitrate to prevent recurrent variceal bleeding. N Engl J Med 2001; 345: Abraldes JG, Tarantino I, Turnes J, Garcia-Pagan JC, Rodes J, Bosch J. Hemodynamic response to pharmacological treatment of portal hypertension and long-term prognosis of cirrhosis. Hepatology 2003; 37: D Amico G, Garcia-Tsao G, Cales P, Escorsell A, Nevens F, Cestari R. Baveno III consensus statements: diagnosis of portal hypertension: how and when. Oxford: Blackwell-Science ed Groszmann RJ, Garcia-Tsao G, Makuch R. Multicenter randomized placebo-controlled trial of non-selective beta-blokers in the prevention of the complications of portal hypertension: final results and identification of a predictive factors. Hepatology 2003; 38:206A. 56. Cales P, Oberti F, Payen JL, Naveau S, Guyader D, Blanc P, Abergel A, Bichard P, Raymond JM, Canva-Delcambre V, Vetter D, Valla D, Beauchant M, Hadengue A, Champigneulle B, Pascal JP, Poynard T, Lebrec D. Lack of effect of propranolol in the prevention of large oesophageal varices in patients with cirrhosis: a randomized trial. Fren- Punto Effe, 2006

11 128 JOURNAL OF MEDICINE & THE PERSON. SEPTEMBER 2006, VOL. 4 NUMBER 3 ch-speaking Club for the Study of Portal Hypertension. Eur J Gastroenterol Hepatol 1999; 11: Merkel C, Marin R, Angeli P, Zanella P, Felder M, Bernardinello E, Cavallarin G, Bolognesi M, Donada C, Bellini B, Torboli P, Gatta A. A placebo-controlled clinical trial of nadolol in the prophylaxis of growth of small esophageal varices in cirrhosis. Gastroenterology 2004; 127: Lebrec D, Poynard T, Hillon P, Benhamou JP. Propranolol for prevention of recurrent gastrointestinal bleeding in patients with cirrhosis: a controlled study. N Engl J Med 1981; 305: Groszmann RJ, Wongcharatrawee S. The hepatic venous pressure gradient: anything worth doing should be done right. Hepatology 2004; 39: Boyer TD. Changing clinical practice with measurements of portal pressure. Hepatology 2004; 39: Bosch J, Garcia-Pagan JC. Complications of cirrhosis. I. Portal hypertension. J Hepatol 2000; 32: Garcia-Pagan JC, Villanueva C, Vila MC, Albillos A, Genesca J, Ruizdel-Arbol L, Planas R, Rodriguez M, Calleja JL, Gonzalez A, Sola R, Balanzo J, Bosch J. Isosorbide mononitrate in the prevention of first variceal bleed in patients who cannot receive beta-blockers. Gastroenterology 2001; 121: D Amico G, Pagliaro L, Bosch J. Pharmacological treatment of portal hypertension: an evidence-based approach. Semin Liver Dis 1999; 19: Merkel C, Marin R, Enzo E, Donada C, Cavallarin G, Torboli P, Amodio P, Sebastianelli G, Sacerdoti D, Felder M, Mazzaro C, Beltrame P, Gatta A. Randomised trial of nadolol alone or with isosorbide mononitrate for primary prophylaxis of variceal bleeding in cirrhosis. Gruppo-Triveneto per L ipertensione portale (GTIP). Lancet 1996; 348: Garcia-Pagan JC, Escorsell A, Moitinho E, Bosch J. Influence of pharmacological agents on portal hemodynamics: basis for its use in the treatment of portal hypertension. Semin Liver Dis 1999; 19: Triantos CK, Vlachogiannakos J, Armonis A, Saveriadis A, Kovgiovrntzian A, Leandro G, Manolakopoulos S, Raptis SA, Burroughs AK, Avgerinos A. Is prophylactic banding always safe? Randomized controlled trial for the prevention of first variceal bleeding in cirrhotic patients with controindications or intolerance to B-blockers. J Hepatol 2004; 40:A Sarin SK, Wadhawan M, Agarwal SR, Tyagi P, Sharma BC. Endoscopic variceal ligation plus propranolol versus endoscopic variceal ligation alone in primary prophylaxis of variceal bleeding. Am J Gastroenterol 2005; 100: Jutabha R, Jensen DM, Martin P, Savides T, Han SH, Gornbein J. Randomized study comparing banding and propranolol to prevent initial variceal hemorrhage in cirrhotics with high-risk esophageal varices. Gastroenterology 2005; 128:

LINEE GUIDA A.I.S.F. PER L IPERTENSIONE PORTALE

LINEE GUIDA A.I.S.F. PER L IPERTENSIONE PORTALE A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO LINEE GUIDA A.I.S.F. PER L IPERTENSIONE PORTALE (Aggiornamento 2006) A cura dalla Commissione Ipertensione Portale dell Associazione Italiana per

Dettagli

Sezione A - Dati generali dell Unità Operativa

Sezione A - Dati generali dell Unità Operativa SCHEDA RACCOLTA DATI CENMENTO AISF CENTRI DI EPATOLOGIA IN ITALIA Sezione A - Dati generali dell Unità Operativa Denominazione Unità Operativa Direttore Azienda Ospedaliera/ Universitaria Indirizzo e recapiti

Dettagli

NOVITA DALLA ESC.UNA NUOVA MOLECOLA ALLA RIBALTA!

NOVITA DALLA ESC.UNA NUOVA MOLECOLA ALLA RIBALTA! NOVITA DALLA ESC.UNA NUOVA MOLECOLA ALLA RIBALTA! M.Lettino In occasione dell ultimo congresso della Societa Europea di Cardiologia, che si e tenuto a Barcellona a fine estate, sono stati comunicati i

Dettagli

Emorragie da rottura di varici gastroesofagee: gestione nel DEA

Emorragie da rottura di varici gastroesofagee: gestione nel DEA emergency care journal Emorragie da rottura di varici gastroesofagee: gestione nel DEA Federico Miglio, Paolo Mulè Medicina d Urgenza e Pronto Soccorso, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna, Policlinico

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

Il Nodulo Epatico dalla Diagnosi. alla Terapia

Il Nodulo Epatico dalla Diagnosi. alla Terapia Il Nodulo Epatico dalla Diagnosi. alla Terapia Dall Epatopatia cronica all HCC 21 Settembre 2013 Luca Anselmi Direttore S.S.D. Anatomia Patologica ASL3 genovese MALATTIE DEL FEGATO LESIONI EPATICHE FOCALI

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

Omero Triossi, nato a Ravenna il 13 Agosto 1956, residente in via dei Poggi 31 48121 Ravenna, nazionalità Italiana.

Omero Triossi, nato a Ravenna il 13 Agosto 1956, residente in via dei Poggi 31 48121 Ravenna, nazionalità Italiana. Omero Triossi, nato a Ravenna il 13 Agosto 1956, residente in via dei Poggi 31 48121 Ravenna, nazionalità Italiana. Laurea con Lode in Medicina e Chirurgia conseguita il 20 Giugno 1982 presso l Università

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un

Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un 1 Il trapianto d organo solido non renale è associato alla comparsa di nefropatie di varia origine e gravità. In questi pazienti è stato riportato un rischio di sviluppare una malattia renale cronica di

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

Epidemiologia e storia naturale dell epatite cronica C

Epidemiologia e storia naturale dell epatite cronica C Epidemiologia e storia naturale dell epatite cronica C SOCIETA MEDICO-CHIRURGICA FERRARA Anastasio Grilli UO Malattie Infettive Universitaria Dipartimento Medico 19 settembre 2015 Epidemiologia e storia

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

CURRICULUM VITAE ---- DOTT. STEFANO COLUCCI

CURRICULUM VITAE ---- DOTT. STEFANO COLUCCI CURRICULUM VITAE ---- DOTT. STEFANO COLUCCI Il sottoscritto dr. Stefano Colucci, nato a Napoli il 20/02/1963, e residente in Fontana Liri (FR), V.le XXIX Maggio 26, dichiara il seguente curriculum vitae:

Dettagli

L ERRORE. Giorgio Minoli : Ospedale Valduce COMO

L ERRORE. Giorgio Minoli : Ospedale Valduce COMO L ERRORE Giorgio Minoli : Ospedale Valduce COMO DEFINIZIONE Danno o disagio imputabile alle cure mediche (prestate durante un periodo di degenza) che causa un prolungamento della degenza, un peggioramento

Dettagli

Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza

Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza DATI ANAGRAFICI Cognome: VEZZA Nome: EDWARD Localita e data di nascita: R.I. (U.S.A.), il 07/10/1962 Residenza e domicilio: Via Pigna Stufa Castello,

Dettagli

C RR R O R SI E PAT A I T CA

C RR R O R SI E PAT A I T CA COMPLICANZE DELLA CIRROSI EPATICA COMPLICANZE DELLA CIRROSI EPATICA ENCEFALOPATIA EPATICA ASCITE EMORRAGIA DA ROTTURA VARICI ESOFAGEE INDICAZIONI AL TRAPIANTO DI FEGATO 1 Encefalopatia Epatica (EE) Definizione

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

20 CONVEGNO. INTERNAZIONALE ATTUALITà E PROSPETTIVE IN EPATOLOGIA. Padova 18-19 NOVEMBRE 2010. Aula Morgagni - Policlinico

20 CONVEGNO. INTERNAZIONALE ATTUALITà E PROSPETTIVE IN EPATOLOGIA. Padova 18-19 NOVEMBRE 2010. Aula Morgagni - Policlinico DIPARTIMENTO DI MEDICINA CLINICA E SPERIMENTALE CLINICA MEDICA 5 II Scuola di Specializzazione in Medicina Interna Scuola di Dottorato in Scienze Mediche, Cliniche e Sperimentali Indirizzo di Epatologia

Dettagli

TERAPIA TRANSARTERIOSA METASTASI EPATICHE DA NET

TERAPIA TRANSARTERIOSA METASTASI EPATICHE DA NET Roberto Galeotti Azienda Ospedaliero-Universitaria Arcispedale S.Anna di Ferrara Dipartimento di Diagnostica per Immagini e Medicina di Laboratorio orio U.O.S. Radiologia Vascolare ed Interventistica -

Dettagli

IPERALDOSTERONISMO PRIMITIVO

IPERALDOSTERONISMO PRIMITIVO IPERALDOSTERONISMO PRIMITIVO Codice di esenzione: RCG010 Definizione. L iperaldosteronismo primitivo (IP) è una sindrome clinica dovuta ad una ipersecrezione primitiva di aldosterone da parte della corteccia

Dettagli

ABC DEGLI STUDI CLINICI

ABC DEGLI STUDI CLINICI ABC DEGLI STUDI CLINICI Come valutare l efficacia dei farmac Un medicamento è di solito considerato efficace per uno o più di questi motivi: 1. perché esistono farmacologici che sono giudicati convincenti;

Dettagli

Epatite C e transaminasi normali

Epatite C e transaminasi normali Giornata di aggiornamento in tema di Epatologia Situazioni cliniche controverse in epatologia Savona 29 ottobre 2005 Epatite C e transaminasi normali U.O.C. di Medicina Interna (Dir. G. Menardo) U.O.S.

Dettagli

Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type

Studio Re.mo.te A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type Studio Re.mo.te "A randomized clinical trial on home telemonitoring for the management of metabolic and cardiovascular risk in individuals with type 2 diabetes" Protocollo di Studio:durata e campione La

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad Ritorno venoso GC Ingresso nel letto arterioso Eiezione Riempimento CUORE P ad Ra RV Ingresso cuore Rv Mediamente, il volume di sangue che torna al cuore (RV), è uguale a quello che viene immesso nel letto

Dettagli

Tommaso Stroffolini, Divisione di Gastroenterologia, Ospedale San Giacomo, Roma

Tommaso Stroffolini, Divisione di Gastroenterologia, Ospedale San Giacomo, Roma Epidemiologia dell epatite C: dati italiani Tommaso Stroffolini, Divisione di Gastroenterologia, Ospedale San Giacomo, Roma Indagini policentriche effettuate in Italia hanno evidenziato una notevole frequenza

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

TIPS di Salvataggio per Sanguinamento Acuto da Varici

TIPS di Salvataggio per Sanguinamento Acuto da Varici 2 Workshop TIPS: Esperienze a Confronto 16 Gennaio 2015 Caso Clinico TIPS di Salvataggio per Sanguinamento Acuto da Varici Aldo Airoldi Ospedale Niguarda, Milano T.N., maschio, 49 anni. TD ev in gioventù

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO. Facoltà di Medicina e Chirurgia. Scuola di Specializzazione in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO. Facoltà di Medicina e Chirurgia. Scuola di Specializzazione in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva II Dottorato di ricerca XXIV ciclo STUDIO SULL EFFICACIA DELLA TERAPIA

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dati personali

CURRICULUM VITAE. Dati personali CURRICULUM VITAE Dati personali DOTTOR NICOLA CASTALDINI, nato a Budrio (Bologna) il 15/03/1978. Residenza: Via Rossini, 1/A - 40054 Mezzolara di Budrio (Bologna) Cellulare: 366-3431144 e-mail: castaldinick@gmail.com

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese.

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese. L urgenza medica tra pronto soccorso e reparto Varese 25 ottobre 2014 Quando e come trattare l ipertensione arteriosa nell urgenza? Ictus Sindrome coronarica acuta/edema polmonare acuto A.M. Maresca Dipartimento

Dettagli

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Il British Medical Journal pubblica un articolo non equilibrato riguardante dabigatran Ingelheim, Germany, 23 luglio

Dettagli

PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi

PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA Artificiale: Dialisi Naturale: Trapianto EMODIALISI Metodica di depurazione extra- corporea realizzata mediante scambi di soluti e di acqua

Dettagli

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Stenosi polmonare www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Arteria polmonare L arteria polmonare è il vaso sanguigno che porta il sangue dal ventricolo destro ai polmoni dove

Dettagli

GC Ingresso letto arterioso

GC Ingresso letto arterioso Ritorno venoso GC Ingresso letto arterioso Eiezione CUORE Riempimento Patr Ra RV Ingresso cuore Rv Il flusso di sangue che torna al cuore (RV) = flusso immesso nel letto arterioso (GC). GC e RV sono separati

Dettagli

Ipotensione Ortostatica. Raffaello Furlan

Ipotensione Ortostatica. Raffaello Furlan Ipotensione Ortostatica Raffaello Furlan OUT LINE Definizione e Diagnosi Etiopatogenesi Cause Problematiche particolari Terapia Definizione Ipotensione Ortostatica: diminuzione della pressione arteriosa

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

ATTIVITA DI RICERCA 1

ATTIVITA DI RICERCA 1 ATTIVITA DI RICERCA 1 A) RELAZIONE TRA PROFILO PRESSORIO E NAFLD IN PAZIENTI IPERTESI Premesse. E noto come la mancata caduta notturna della pressione arteriosa sia un indice prognostico indipendente,

Dettagli

SIT Sistema Informativo Trapianti

SIT Sistema Informativo Trapianti VII SESSIONE I risultati dei trapianti risultano uniformi in Italia ma ogni regione ha sviluppato modelli organizzativi diversi e centri di trapianto eterogenei per caratteristiche e volumi di attività:

Dettagli

Farmacologia Clinica Università degli Studi di Cagliari, ASL8

Farmacologia Clinica Università degli Studi di Cagliari, ASL8 Gli ACE-inibitori rappresentano la prima classe di farmaci introdotta nella pratica clinica in grado di modulare la funzione del Sistema Renina Angiotensina (SRA) e attualmente considerati un caposaldo

Dettagli

Andamento della pressione

Andamento della pressione Il gradiente pressorio per la circolazione sanguigna è generato dalla pompa del cuore Vasi di trasporto veloce a bassa resistenza Vasi di resistenza Vasi di capacitanza Legge di Poiseuille: P = GS x R

Dettagli

Chiusura dell auricola: Perché? A quali pazienti?

Chiusura dell auricola: Perché? A quali pazienti? Cardio-Nursing TORINO 25 27 OTTOBRE 2012 Chiusura dell auricola: Perché? A quali pazienti? Francesco Fisichella Chiusura dell auricola sinistra sinistra con device Perché? Premessa LA F.A. CRONICA N.V.

Dettagli

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Antonio Palumbo Divisione di Ematologia Universitaria, Ospedale Molinette, Torino Per più di quattro

Dettagli

ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN

ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN DIAGNOSI ECOGRAFICA NELLE NEFROPATIE VASCOLARI ETG Renale è una Tecnica Diagnostica Accreditata presso la SIN il GSER si occupa di mettere a punto dei criteri condivisi sulla metodologia di indagine, sulla

Dettagli

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI)

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Equivalenza degli antiaggreganti nelle SCA? STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Lo studio PCI-CURE Lancet 2001; 358: 427

Dettagli

Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone

Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone Ruolo della videotoracoscopia nel trattamento del cancro del polmone Antonello Casaletto U. O. D. Chirurgia Toracica Responsabile: Dr. G. Urciuoli Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo POTENZA Ruolo

Dettagli

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA:

L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: L ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI ED ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI PRESENTA: STEATOSI E STEATOEPATITE NON ALCOLICA AIGO PER I PAZIENTI: INFORMAZIONE SANITARIA A CURA DELLE COMMISSIONI AIGO

Dettagli

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva?

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Prof. Dr. med. Claudio Marone eoc Ospedale San Giovanni, Schweiz Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Keywords: ipertensione, automisurazione della

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

PROGRAMMA EPATITI VIRALI

PROGRAMMA EPATITI VIRALI PROGRAMMA EPATITI VIRALI Per epatite virale cronica si intende una infiammazione permanente del fegato provocata dalla persistente presenza del virus nell'organo. I virus dell epatite B e dell epatite

Dettagli

DIABETE diabete tipo 1 (DM1)

DIABETE diabete tipo 1 (DM1) DIABETE In questo ambito le attività di ricerca attualmente in corso nel Dipartimento sono finalizzate allo studio dei meccanismi eziopatogenetici alla base della malattia diabetica che rappresenta sempre

Dettagli

DAL FEGATO AL CERVELLO

DAL FEGATO AL CERVELLO DAL FEGATO AL CERVELLO G. Spinzi Gastroenterologia- H. Valduce Como Brain 12-13 ottobre 2009 Villa Olmo Como ENCEFALOPATIA EPATICA Nella cirrosi epatica compensata possiamo avere tre tipi di alterazioni

Dettagli

luigi.roffi@unimib.it

luigi.roffi@unimib.it FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome LUIGI ROFFI Indirizzo 105, VIA DUE PALME, 20033 DESIO (MI); ITALIA Telefono +39 333 2478377 Fax E-mail luigi.roffi@unimib.it Nazionalità

Dettagli

TESSUTO DEL MIOCARDIO. 1. Masse atriali e ventricolari, costituite da tessuto muscolare contrattile con proprietà elettriche distinte.

TESSUTO DEL MIOCARDIO. 1. Masse atriali e ventricolari, costituite da tessuto muscolare contrattile con proprietà elettriche distinte. TESSUTO DEL MIOCARDIO 1. Masse atriali e ventricolari, costituite da tessuto muscolare contrattile con proprietà elettriche distinte. 2. Tessuto di conduzione, costituito da tessuto muscolare specializzato

Dettagli

Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera

Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera L INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA DAL TERRITORIO ALLA MEDICINA D URGENZA Nola 28 SETTEMBRE 2010 Gestione dell insufficienza respiratoria acuta in autoambulanza: la CPAP pre-ospedaliera Pietro Di Cicco

Dettagli

L epatite B rappresenta un grave problema sanitario. E la

L epatite B rappresenta un grave problema sanitario. E la Epatite Cronica B, malattia sommersa Un virus spesso sottovalutato L Istituto Superiore di Sanità stima che in Italia vi siano non meno di 900mila individui cronicamente infettati da HBV, i cosiddetti

Dettagli

Ranitidina. Enrico Valletta UOC Pediatria Forlì. lunedì 31 maggio 2010

Ranitidina. Enrico Valletta UOC Pediatria Forlì. lunedì 31 maggio 2010 Ranitidina Enrico Valletta UOC Pediatria Forlì 1 Christian Albert Theodor Billroth (Bergen auf Rügen, 26 agosto 1829 Abbazia, 6 febbraio 1894) 2 3 4 5 Ranitidina Indicazioni Esofagite Iperacidità gastrica

Dettagli

Gli antagonisti dei recettori dell angiotensina II più comunemente noti come Sartani (losartan, valsartan, irbesartan, candesartan e telmisartan)

Gli antagonisti dei recettori dell angiotensina II più comunemente noti come Sartani (losartan, valsartan, irbesartan, candesartan e telmisartan) !" #$% Gli antagonisti dei recettori dell angiotensina II più comunemente noti come Sartani (losartan, valsartan, irbesartan, candesartan e telmisartan) rappresentano una classe di farmaci ad azione antiipertensiva

Dettagli

Il Diabete Mellito e la remissione a cura del Comitato Scientifico di Diabete Italia

Il Diabete Mellito e la remissione a cura del Comitato Scientifico di Diabete Italia Sempre più frequentemente siamo raggiunti da messaggi che parlano di GUARIGIONE DEL DIABETE. Cosa c è di vero? Diabete Italia è stata interpellata e coglie l occasione per fare il punto della situazione

Dettagli

TRATTAMENTO MINI INVASIVO CON SCLEROMOUSSE DI VENE VARICOSE DEGLI ARTI INFERIORI

TRATTAMENTO MINI INVASIVO CON SCLEROMOUSSE DI VENE VARICOSE DEGLI ARTI INFERIORI TRATTAMENTO MINI INVASIVO CON SCLEROMOUSSE DI VENE VARICOSE DEGLI ARTI INFERIORI Le varici sono dilatazioni a forma di sacco delle vene che spesso assumono andamento tortuoso. Queste rappresentano una

Dettagli

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE www.clinicaveterinariagransasso.it www.veterinaryechocardiography.eu TRATTAMENTO DEL DOTTO ARTERIOSO PERVIO (PDA) Patent Ductus Arteriosus

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE

PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE Versione aggiornata al 1 agosto 2003 PROTOCOLLO PER L'UTILIZZO DI DONATORI anti-hcv + IN PAZIENTI anti-hcv + o anti-hcv - IN LISTA PER TRAPIANTO DI CUORE E/O POLMONE Principi generali La carenza di donatori

Dettagli

Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci

Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci Alterazioni vascolari: nuove metodologie di studio e nuovi farmaci Lorenzo Ghiadoni, Agostino Virdis, Stefano Taddei Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università di Pisa The Cardiovascular

Dettagli

Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV

Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV Relazione scientifica finale (13/10/2014) Effetto epatoprotettivo della somministrazione di Citexivir in pazienti con epatite cronica da HCV INTRODUZIONE: L'epatite C è una malattia infettiva, causata

Dettagli

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009

Terapie nel DM2 non. Reggio Emilia 2009 Terapie nel DM2 non Ipoglicemizzanti Reggio Emilia 2009 Ipertensione: obiettivi Il trattamento anti-ipertensivo nei pazienti con diabete ha come obiettivo il raggiungimento di valori di pressione sistolica

Dettagli

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto anni 35 - sintomatica EO: nodulo in regione infero-centrale Mammografia: quadro negativo

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare

Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN MEDICINA GENERALE IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE CON INTERESSE SPECIALE IN AREA CARDIOVASCOLARE Ipertensione Arteriosa & Rischio Cardiovascolare Percorso Educazionale Formativo

Dettagli

XXI CONVEGNO. INTERNAZIONALE ATTUALITà E PROSPETTIVE IN EPATOLOGIA TRENDS AND PERSPECTIVES IN HEPATOLOGY 17-18 NOVEMBRE 2011

XXI CONVEGNO. INTERNAZIONALE ATTUALITà E PROSPETTIVE IN EPATOLOGIA TRENDS AND PERSPECTIVES IN HEPATOLOGY 17-18 NOVEMBRE 2011 DIPARTIMENTO DI MEDICINA CLINICA E SPERIMENTALE CLINICA MEDICA 5 II Scuola di Specializzazione in Medicina Interna Scuola di Dottorato in Scienze Mediche, Cliniche e Sperimentali Indirizzo di Epatologia

Dettagli

un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE STEATOSI EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI

un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE STEATOSI EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI A base di SILIBINA COMPLESSATA STEATOSI STEATOEPATITE EPATOCARCINOMA CIRROSI FIBROSI un passo avanti nelle epatopatie croniche STEATOEPATITE NON ALCOLICA (NASH) è una patologia emergente (1) colpisce circa

Dettagli

CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE. USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI

CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE. USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI G.Minoli Como 28 Aprile 2007 Appropriato uso di GASTROSCOPIA ph METRIA ACG Practice Guidelines: Esophageal Reflux

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome TRIOSSI OMERO Nazionalità Italiana Data di nascita 13 agosto 1956

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome TRIOSSI OMERO Nazionalità Italiana Data di nascita 13 agosto 1956 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome TRIOSSI OMERO Nazionalità Italiana Data di nascita 13 agosto 1956 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Nome e indirizzo del datore di Tipo

Dettagli

haemodynamic monitoring

haemodynamic monitoring haemodynamic monitoring Mostcare Up è l unico monitor in grado di seguire in tempo reale, di battito in battito, ogni minima variazione emodinamica del paziente. L algoritmo brevettato basato sul metodo

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

Come si fa e come si legge un cateterismo cardiaco destro: esempi pratici. Francesca Luisi U.O. di Pneumologia e UTIR Ospedale San Giuseppe Milano

Come si fa e come si legge un cateterismo cardiaco destro: esempi pratici. Francesca Luisi U.O. di Pneumologia e UTIR Ospedale San Giuseppe Milano Come si fa e come si legge un cateterismo cardiaco destro: esempi pratici Francesca Luisi U.O. di Pneumologia e UTIR Ospedale San Giuseppe Milano INDICAZIONI AL CATETERISMO CARDIACO DESTRO INDICAZIONI

Dettagli

ETIOPATOGENESI DELLA CARDIOMIOPATIA DIABETICA PROF. GIANCARLO DE MATTIA Dipartimento di Medicina Interna

ETIOPATOGENESI DELLA CARDIOMIOPATIA DIABETICA PROF. GIANCARLO DE MATTIA Dipartimento di Medicina Interna ETIOPATOGENESI DELLA CARDIOMIOPATIA DIABETICA PROF. GIANCARLO DE MATTIA Dipartimento di Medicina Interna La cardiopatia ischemica è una delle principali cause di morbilità e mortalità nei pazienti diabetici

Dettagli

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010 Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella CASO CLINICO M.D., donna di 73 aa, ipertensione arteriosa

Dettagli

Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008

Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008 Simposio I NETs: A CHE PUNTO SIAMO? Ruolo del debulking massimo.falconi@univr.it Chirurgia B, Verona MILANO, 20 Giugno 2008 Definizione di debulking Oncologica Resecare almeno il 90% del burden tumorale

Dettagli

ALLEGATO 1 - II parte

ALLEGATO 1 - II parte CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DELLE MALATTIE - ICD-9-CM MALATTIE E CONDIZIONI CHE DANNO DIRITTO ALL'ESENZIONE DALLA PARTECIPAZIONE AL Codice Definizione di malattia Codice esenzione 394 MALATTIE DELLA

Dettagli

From pathophysiology to therapy

From pathophysiology to therapy From pathophysiology to therapy One of the most important problems in andrology is to translate the enormous body of knowledge of the pathophysiology of spermatogenesis, mature spermatozoa, and sperm function

Dettagli

I NUMEROSI ASPETTI SONOGRAFICI DELL'INSUFFICIENZA VENOSA CEREBRO-SPINALE: COME ESEGUIRE UN ESAME DOPPLER IN UN PAZIENTE CON SCLEROSI MULTIPLA

I NUMEROSI ASPETTI SONOGRAFICI DELL'INSUFFICIENZA VENOSA CEREBRO-SPINALE: COME ESEGUIRE UN ESAME DOPPLER IN UN PAZIENTE CON SCLEROSI MULTIPLA Traduzione in Italiano dell'articolo "THE MANY SONOGRAPHIC FACES OF THE CHRONIC CEREBROSPINAL VENOUS INSUFFICIENCY: HOW TO PERFORM DOPPLER EXAMINATION IN A MULTIPLE SCLEROSIS PATIENT" del Dr. M. Simka

Dettagli

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Corso per farmacisti operanti nei punti di erogazione diretta delle Aziende Sanitarie della Regione Emilia-Romagna AUSL Piacenza

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO ARRESTO CARDIACO: IL RUOLO DEL PRONTO SOCCORSO Dr.ssa Rita Previati U.O. Medicina Emergenza-Urgenza Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara Società Medico Chirurgica Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

Il futuro del diabete mellito tipo 2. Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014

Il futuro del diabete mellito tipo 2. Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014 Il futuro del diabete mellito tipo 2 UN PAZIENTE, UNA TERAPIA Matteo Bernasconi Cittiglio, 17 maggio 2014 Metformina: 1 a scelta Metformina: farmaco preferito dalle linee-guida efficacia sul compenso

Dettagli

Color Doppler e MDC nelle neoplasie benigne del fegato. CEUS epatica Fasi diagnostiche. Fase arteriosa 10-35 sec inizio: 10-20 sec fine: 25-35 sec

Color Doppler e MDC nelle neoplasie benigne del fegato. CEUS epatica Fasi diagnostiche. Fase arteriosa 10-35 sec inizio: 10-20 sec fine: 25-35 sec ECOGRAFIA COLOR DOPPLER E MEZZI DI CONTRASTO: Stato dell arte arte Portonovo,, 6-86 8 luglio 2009 Color Doppler e MDC nelle neoplasie benigne del fegato E. Accogli, V Arienti Centro di Ecografia Internistica,

Dettagli

Il supporto del chirurgo generale. Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O.

Il supporto del chirurgo generale. Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O. Il supporto del chirurgo generale Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O. Treviglio Rispettando il principio del trattamento guidato dai

Dettagli

Emorragie digestive in emergenza. Daniele Angelini Pronto Soccorso e Medicina d urgenza Ospedale Belcolle Viterbo

Emorragie digestive in emergenza. Daniele Angelini Pronto Soccorso e Medicina d urgenza Ospedale Belcolle Viterbo Emorragie digestive in emergenza Daniele Angelini g Pronto Soccorso e Medicina d urgenza Ospedale Belcolle Viterbo Epidemiologia Il sanguinamento acuto del tratto digestivo superiore costituisce la più

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA I ANNO Corso Integrato area pre-clinica Tipologia: attività formative di base Ore: 40/0/0/0

Dettagli

Salvador Dalì, Metamorfosi di Narciso, 1937. Albumina da rimpiazzo volemico a farmaco Guida pratica all utilizzo dell albumina in terapia

Salvador Dalì, Metamorfosi di Narciso, 1937. Albumina da rimpiazzo volemico a farmaco Guida pratica all utilizzo dell albumina in terapia Salvador Dalì, Metamorfosi di Narciso, 1937 Albumina da rimpiazzo volemico a farmaco Guida pratica all utilizzo dell albumina in terapia Albumina da rimpiazzo volemico a farmaco Guida pratica all utilizzo

Dettagli

Polmone e Sclerodermia

Polmone e Sclerodermia Polmone e Sclerodermia Sclerosi Sistemica/ Sclerodermia Una malattia complessa e difficile AILS Roma 13 Aprile 2013 Sergio Harari U.O. Pneumologia e UTIR Servizio di Emodinamica e Fisiopatologia Respiratoria

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA E DELLA DEGENZA Antonella Corona Sala Cardiologia Interventista, Presidio ospedaliero Santa Corona Pietra Ligure (SV), ASL2 STROKE

Dettagli