CENTRO INFORMAGIOVANI COMUNE DI RAVENNA ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CENTRO INFORMAGIOVANI COMUNE DI RAVENNA ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI"

Transcript

1 CENTRO INFORMAGIOVANI COMUNE DI RAVENNA ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI RELAZIONE UTENZA 2014 (Comprende Relazione Utenza 2014, Relazione Soddisfazione Utenza 2014, Relazione Utenza e Soddisfazione Utenza del Servizio di Orientamento 2014) A CURA DEGLI OPERATORI DELL UNITA TECNICA DEL SERVIZIO IN COLLABORAZIONE CON IL COORDINATORE QUALITA DELLA COOP.LIBRA Nr Note sulla revisione Data Redazione Verifica Approvazione 0 Emissione 31/01/2015 Carlo Penazzi CdA GENNAIO 2015

2 INDICE RELAZIONE UTENZA ) ANALISI DEI DATI RACCOLTI: IL PUNTO pag. 4 2) PREVISIONI SULL AFFLUENZA E PIANO DEGLI INDICATORI PER IL 2014: STANDARD-OBIETTIVI pag. 6 3) PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL CLIENTE INFORMAGIOVANI pag ) Affluenza pag ) Dati strutturali pag ) Informazioni richieste pag ) Differenze di genere pag ) Altri dati sui clienti del Centro Informagiovani pag. 18 RELAZIONE SODDISFAZIONE UTENZA ) SODDISFAZIONE DELL UTENZA pag. 22 2) GRAFICI pag. 27 3) INCROCI pag. 28 RELAZIONE UTENZA E SODDISFAZIONE UTENZA DEL SERVIZIO DI ORIENTAMENTO ) ANALISI DEI DATI RACCOLTI: IL PUNTO pag. 31 2) COLLOQUI D ORIENTAMENTO pag ) Risultati raggiunti pag ) Differenze di genere pag ) Le tipologie di richieste orientative pag ) Utenza distribuita per genere e per classi d età pag ) Utenza distribuita per genere e titolo di studio pag ) Utenza distribuita per genere e per condizione occupazionale pag ) Drop-out pag ) Monitoraggio del servizio di orientamento pag ) Apprezzamenti, critiche, suggerimenti pag ) Soddisfazione utenza orientamento pag ) Alcuni grafici su informazioni da questionario pag. 39 2

3 RELAZIONE UTENZA 2014 GENNAIO

4 1 - ANALISI DEI DATI RACCOLTI: IL PUNTO Il Centro Informagiovani del Comune di Ravenna nel corso del 2014 ha totalizzato più di contatti. E interessante dunque notare un ulteriore aumento delle risposte fornite a tutti gli utenti. Ma il dato più significativo riguarda un sostanziale cambiamento della tipologia dell utenza. Complessivamente il quadro che ci fornisce questa analisi fa emergere un sensibile abbassamento dell età di coloro che frequentano il centro con la fascia di ragazzi tra i 18 ed i 21 anni prevalente su tutte le altre, dato peraltro confermato dall aumento degli studenti che passano dal 21% del 2013 al 31% del Di conseguenza si sono modificate anche le tipologie di richieste ed infatti è tornato ad aumentare il numero di informazioni erogate inerenti le scuole o l università. Su questo cambiamento della tipologia dell utenza nell ultimo anno hanno inciso le attività ed i progetti realizzati con le scuole, la collaborazione con diverse strutture per l accoglienza di giovani stranieri ed alcune giornate di orientamento di gruppo dedicate a tematiche specifiche (ServizioVolontario Europeo e Lavoro alla pari). Nel 2014 infatti sono state attivate collaborazioni con gli Istituti Scolastici Secondari di Secondo Grado. In particolare l Informagiovani ha collaborato con ITC Ginanni per la realizzazione del progetto Fixo che prevedeva un percorso di orientamento di otto ore per ciascuno dei ragazzi frequentanti le classi IV dell Istituto e alcuni delle V. In questo ambito gli orientatori dell Informagiovani hanno realizzato 20 interventi di gruppo dedicati alla stesura del Cv formato Europass. Durante questi incontri sono stati seguiti complessivamente 119 studenti. E proseguita l esperienza di orientamento per le classi IV dell I.P.S.I.A, CALLEGARI e per le classi IV dell I.P.S.S.C.T A. OLIVETTI a proposito delle tematiche concernenti la formazione post diploma e sulle tecniche di ricerca del lavoro. Gli incontri si sono tenuti presso le sedi delle scuole ed hanno visto il coinvolgimento di circa 100 studenti. Sono state invece condotte presso il nostro servizio alcune visite guidate alle quali hanno partecipato circa 90 studenti delle classi prime dell I.P.S.S.C.T A. OLIVETTI. Queste iniziative hanno consentito agli operatori di promuovere ulteriormente le attività del centro ed in effetti sono stati numerosi gli studenti che in momenti diversi dell anno si sono poi recati per la priva volta all Informagiovani per approfondire alcuni aspetti relativi alle loro specifiche esigenze orientative. Nel 2014 inoltre sono stati molti i giovani che si sono rivolti al centro indirizzati dai servizi del territorio. In particolare ricordiamo i ragazzi del progetto SPRAR, (Sportello richiedenti asilo e rifugiati del Comune di Ravenna) della Comunità residenziale La Fenice e del Gruppo Appartamento Alta Autonomia per neomaggiorenni Il Tandem. Questi giovani si sono rivolti agli operatori prima di tutto per una consulenza individuale ma una volta conosciute le funzionalità del servizio hanno iniziato a frequentarlo assiduamente durante gli orari di apertura. Tra le tipologie di richiesta informativa emerge nettamente quella sul lavoro. La crisi economica ha aggravato la condizione dei giovani italiani peggiorando le opportunità di trovare un occupazione, di stabilizzare il percorso lavorativo, di realizzare le condizioni per conquistare una propria autonomia dalla famiglia di origine e di formare un proprio nucleo familiare. La disoccupazione giovanile ha raggiunto negli ultimi mesi livelli record. Inoltre l Italia è tra i Paesi europei con più basso tasso di occupazione giovanile e più elevata quota di Neet, ovvero di under 30 che non studiano e non lavorano. In questo contesto è quanto mai opportuno un sostegno alla speranza di riuscire a realizzarsi e indirizzare i ragazzi verso opportunità alternative, da considerare nei diversi momenti di transizione, comunque stimolanti e formative. Per questo è opportuno ricapitolare brevemente una serie di temi 4

5 sui quali l Informagiovani riesce a generare "cultura" ed informazione puntuale: Garanzia Giovani, Servizio Civile Nazionale in Italia e all'estero, Servizio Civile Regionale, "Erasmus plus " con particolare attenzione al Servizio Volontario Europeo, Formazione Finanzianta ITS e IFTS, Formazione Superiore, Altaformazione, Università e formazione post-laurea, cittadinanza attiva e volontariato. Un insieme di settori informativi a loro volta declinabili in modo articolato tenendo conto della peculiarità di ciascun interlocutore: è per questo che dopo un primo contatto col centro gli operatori consigliano ai giovani di approfondire le novità che sono state loro comunicate nell ambito di un percorso di orientamento. A tal proposito ricordiamo che nel 2014 è stato definito l Accordo tra Governo, Regioni ed Enti locali sul documento di definizione di standard minimi dei servizi e delle competenze professionali degli operatori con riferimento alle funzioni e ai servizi di orientamento attualmente in essere nei diversi contesti territoriali e nei sistemi dell'istruzione, della Formazione e del Lavoro. Il lungo lavoro di studio e aggiornamento svolto negli anni da Coop. Libra per la gestione del servizio attraverso l adozione della certificazione Sistema Qualità ISO 9001, ci consente oggi di poter essere in linea con quanto previsto dal documento sopra menzionato. Il 2014 è stato l anno di lancio della YoungERcard la nuova carta giovani dell Emilia Romagna. Gli operatori del centro ne hanno promosso l utilizzo diffondendo informazioni specifiche sulle opportunità che offre loro. In alcuni momenti dell anno, in occasione di iniziative pubbliche promosse dall Assessorato al Decentramento-Politiche Giovanili (come la serata conclusiva di Lavori in Comune dedicata alle Magliette gialle e l evento conclusivo di Subsidenze street art festival 2014 ) sono stati creati dei piccoli punti informatici ad hoc per facilitare le iscrizioni dei giovani presenti alla community di YoungERcard. Questa iniziativa regionale è stata divulgata sia nelle scuole che attraverso il sito Informagiovani e la nuova pagina di Facebook del servizio. L aspetto informatico continua ad essere centrale come strumento di risposta just in time a favore di un utenza sempre più attenta alle novità del momento. In questa sede vogliamo ricordare che per la sola newsletter dei concorsi pubblici sono state superate le 5000 iscrizioni, mentre per tutte e cinque le newsletter prodotte (in collaborazione con l Informagiovani di Cervia ed il Punto Informagiovani di Russi) gli utenti ammontano a circa Come anticipato in precedenza, il profilo di Facebook è stato trasformato in pagina per dare l opportunità di seguire le novità informative a più persone rispetto alle 5000 che di fatto rappresentano il numero massimo di amicizie possibili col profilo. In effetti già a fine anno si potevano annoverare più di 5900 amici che ci seguivano sulla nuova pagina. Per quanto riguarda il sito ricordiamo che i contatti sono stati circa ma la novità più importante riguarda la decisione di riprogettarlo. Dopo tredici anni di servizio il sito web attuale sarà sostituito da uno nuovo dove troveranno spazio oltre alle tematiche seguite dall Informagiovani anche i progetti promossi e gestiti direttamente dall Ufficio Decentramento e Politiche Giovanili del Comune di Ravenna. Sono proseguite le attività inerenti la produzione di trasmissioni radiofoniche in collaborazione con Radio Sonora Giuggiole per non perdersi nel solito brodo una rubrica mensile dedicata ai diversi argomenti interessanti come la formazione, la scuola, il lavoro e la mobilità all estero. Anche nel 2014 sono state realizzate 8 puntate che hanno fatto registrare 320 contatti con una media di 36 a puntata. Sono inoltre stati scaricati 1149 podcast (ossia i file audio delle puntate trasmesse). Passiamo ora ad illustrare i dati raccolti 5

6 2 - PREVISIONI SULL AFFLUENZA E PIANO DEGLI INDICATORI PER IL 2014: STANDARD-OBIETTIVI Nelle tabelle seguenti saranno evidenziati i contatti realizzati nel corso del Crediamo sia opportuno tenere separati quelli relativi a risposte personali da quelli ottenuti attraverso il sito internet o le mailing list degli iscritti alle newsletter. Tramite la prima tabella vogliamo soffermarci sulle cifre inerenti il numero di risposte erogate a ciascun utente che si sia rivolto al servizio con la necessità di confrontarsi con un orientatore. E questo il caso di coloro che si sono recati di persona al Centro in orario di front office o su appuntamento per una consulenza orientativa, ma anche di quelli che hanno trovato più funzionale una telefonata, una mail o un social network (facebook o skype). CONTATTI RISPOSTE PERSONALI VALORE OBIETTIVO ANNUALE VALORE OBIETTIVO REALIZZATO PERCENTUALE SUI CONTATTI TOTALI CONTATTI UTENTI AL CENTRO ,6% CONS. ORIENTATIVA SU APPUNT ,6% MESSAGGERIA BACHECA ON-LINE ,7% RISPOSTE SOCIAL NETWORK ,3% INFORMAZ. MAIL CON ENTI ED UTENTI ,6% TELEFONATE ,2% TOTALE CONTATTI % Di seguito la seconda tabella che indica il totale dei contatti registrati tramite il nostro sito internet ed i singoli invii a ciascun iscritto alle mailing list delle cinque newsletter. Si tratta sempre di risposte ad ogni singolo utente, ma in questo caso il contenuto informativo offerto è reso disponibile ad una più vasta platea di persone che si servono di uno specifico strumento di informazione. In questo senso si potrebbe prevedere nel breve periodo di monitorare anche i contatti totali realizzati attraverso la divulgazione di notizie agli amici di Facebook. 6

7 CONTATTI RISPOSTE GENERALI VALORE OBIETTIVO ANNUALE VALORE OBIETTIVO REALIZZATO PERCENTUALE SUI CONTATTI TOTALI CONTATTI SITO INTERNET ,5% INVIO NEWSLETTER CONCORSI ,6% INVIO NEWSLETTER ESTERO ,0% INVIO NEWSLETTER HDEMICI ,8% INVIO NEWSLETTER FORMAZIONE ,6% INVIO NEWSLETTER GAI (Giovani Artisti) ,4% TOTALE CONTATTI % Ricordiamo che a fine 2014 sono stati rilevati 5006 iscritti alla newsletter Concorsi, 2307 alla newsletter Estero, 1614 alla newsletter Formazione, 1112 alla newsletter Hdemici, 596 alla newsletter GAI. SITO INTERNET INFORMAGIOVANI - TOTALE CONTATTI DAL 2003 AL 2014 Il sito web del Centro Informagiovani di Ravenna è stato realizzato nell ottobre 2003 dagli orientatori di Coop Libra ed è visibile alla pagina La prima tabella indica i dati cumulativi dei contatti dall inaugurazione del sito (2003) al 31/12 di ogni anno. Quella successiva i contatti e le pagine viste ogni anno. SITO INTERNET INFORMAGIOVANI DATI CUMULATIVI al 2003 al 2004 al 2005 al 2006 al 2007 al 2008 al 2009 al 2010 al 2011 al 2012 al 2013 al 2014 contatti Pagine visitate SITO INTERNET INFORMAGIOVANI - CONTATTI E PAGINE VISTE contatti Pagine visitate

8 Nel corso del 2014 dopo una lunga serie di revisioni ed aggiornamenti grafici gli orientatori del Centro in accordo con le Politiche Giovanili del Comune hanno deciso di commissionare un nuovo sito Internet ad una società esterna. Ad oggi il sito è in fase di realizzazione. Una volta a regime la ditta incaricata si occuperà anche della formazione degli orientatori che come sempre si occuperanno poi dell aggiornamento. RIEPILOGO TIPO DI CONTATTO 2014 VALORE OBIETTIVO ANNUALE VALORE OBIETTIVO REALIZZATO PERCENTUALE SUI CONTATTI TOTALI TOTALE CONTATTI RISP PERSONALI ,5% TOTALE CONTATTI RISP GENERALI ,5% TOTALE CONTATTI % Confrontiamo ora i dati relativi ai totali contatti realizzati negli ultimi dieci anni: Come viene evidenziato dal grafico, i contatti totali sono sempre in aumento. Nel 2014 è stata raggiunta e superata quota contatti. 8

9 3 - PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL CLIENTE INFORMAGIOVANI Anche nel 2014 il rilevamento sui bisogni informativi e le caratteristiche dell utenza del servizio Informagiovani è stato compiuto tramite la somministrazione a campione di appositi questionari di raccolta messi a punto dal Sistema Qualità della Coop. Libra (Mod.08/10 Rev.5: scheda sulla tipologia degli utenti). A fine anno, attraverso l utilizzo di un programma informatico sono stati eseguiti i conteggi statistici delle frequenze delle singole risposte e i risultati ottenuti sono stati rapportati all intero numero dei contatti, registrati giornalmente attraverso un apposito foglio di notazione. Il campione ottenuto, risulta quindi rappresentativo dell intera popolazione oggetto di valutazione. Nell anno 2014 hanno risposto al questionario 243 giovani su un totale di 5022 contatti (numero di presenze al centro). La rappresentatività del campione rilevato è del 4,8%. Ai servizi informativi erogati nelle ore di apertura settimanale si aggiungono 177 incontri per le consulenze orientative su appuntamento. In questo capitolo non vengono considerati i dati relativi ai colloqui di orientamento perché sono stati rilevati con altri strumenti e sono oggetto di apposita relazione nell ultimo parte di questa relazione. La somministrazione dei questionari non coinvolge gli utenti che si rivolgono al servizio telefonicamente o via mail AFFLUENZA -ANDAMENTO DELL AFFLUENZA NEGLI ANNI. Gli indicatori da noi raccolti rilevano un grado di fidelizzazione dell utenza del 55%. -ANDAMENTO DELL AFFLUENZA DI NUOVI UTENTI E DI RITORNI. Rispetto alla frequenza al servizio coloro che si affacciano per la prima volta al centro rappresentano il 45 % dei giovani utilizzatori del servizio. Ribadiamo che è di circa il 55% la percentuale di coloro che ritornano al servizio. Di questi il 30% frequenta il centro tutti i mesi, il 38% una volta alla settimana, il 18% ogni sei mesi, il 14% ogni tre mesi. Frequenza al centro 2014 Ogni tre mesi 14% Ogni sei mesi 18% Ogni settimana 30% Tutti i mesi 38% 9

10 3.2. DATI STRUTTURALI CLASSI D ETA Il 77% dei clienti del servizio Informagiovani ha un età sotto i 30 anni. La classe d età prevalente dell utente del centro Informagiovani di Ravenna nel 2014 è quella dai 18 ai 21 anni (il 37% circa rispetto al 23 % del 2013) seguita dalla classe d età anni (25%). Ancora in calo la fascia degli utenti dai 34 anni in su (16 % circa conto il 19 del 2012). La classe d età meno rappresentata è sempre quella degli adolescenti sotto i 17 anni (7,5%) ma è in netta crescita rispetto all 1,2% del Il lavoro fatto con le scuole ha contribuito ad abbassare notevolmente l età media. FASCE D ETA n % Da =<14 anni ai 17 anni 376 7,5% Da 18 anni a 21 anni ,7% Da 22 anni ai 25 anni ,0% Da 26 anni a 29 anni 387 7,7% Da 30 a = >33 anni 352 7,0% => ,1% Totale ,0% PROVENIENZA L 81,1% (76,6 nel 2013) dei giovani che frequentano il servizio risiede a Ravenna o in una sua frazione. Il 9,1% (il 9,5 % nel 2013) ha la residenza in un altro comune della provincia di Ravenna ed il rimanente 9,8% proviene da un altro territorio regionale (2,1%) o d Italia (5,3%) oppure da un paese estero (2,4%). Per un analisi ancora più dettagliata dei dati sulla provenienza rimandiamo alle tabelle di pagina 17 e seguenti. RESIDENZA % DOMICILIO % Ravenna città ,5% ,7% Frazione di Ravenna ,6% ,4% Provincia 457 9,1% 457 9,1% Emilia Romagna 105 2,1% 80 1,6% Italia 266 5,3% 20 0,4% Paese Ue 61 1,2% 40 0,8% Paese extra Ue 61 1,2% 0 0,0% Totale ,0% ,0% 10

11 TITOLO DI STUDIO Per il 41,6 % degli utenti del servizio il titolo di studio più alto posseduto è il diploma. A seguire vediamo che i laureati sono complessivamente il 17,7% (quest anno calo dal 23% del 2013) mentre le persone che hanno il titolo lasciato dalla scuola dell obbligo sono il 21,4%, dato in aumento rispetto all anno scorso (18,3%) che conferma un buon afflusso di studenti delle scuole superiori soprattutto di quelli che frequentano il quarto e quinto anno. Le persone che risultano in possesso di un titolo estero non riconosciuto in Italia sono il 3,7%. TITOLO DI STUDIO 2014 FREQUENZA % Scuola dell obbligo ,4% Qualifica professionale post obbligo ,5% Diploma media superiore ,6% Qual post diploma 206 4,1% Laurea ,3% Laura magistrale (o vecchio ordinamento) 291 5,8% Formazione post Laurea 80 1,6% Titolo estero non riconosciuto 186 3,7% Totale ,0% 11

12 CONDIZIONE OCCUPAZIONALE Per ciò che riguarda la condizione occupazionale degli utenti che hanno frequentato il centro Informagiovani nel 2014 si rilevano persone in cerca di occupazione nel 49,8% dei casi (percentuale data dalla somma fra il numero dei disoccupati e di coloro che sono in cerca di prima occupazione). In netto aumento gli studenti al 30,9% dei casi (+9,9% sul 2013). Gli occupati a tempo determinato/stagionale sono al (6,6%) e gli occupati stabili al 2,5 % (-2,3% circa rispetto al 2013). CONDIZIONE OCCUPAZIONALE 2014 FREQUENZA % Servizio Civile Nazionale 20 0,4% Studente ,9% Disoccupato ,0% In cerca prima occupazione ,8% Occupato a tempo indeterminato 126 2,5% Occupato a tempo determinato/stagionale 332 6,6% Occupato cfl/apprendista/inserimento 40 0,8% Occupato part-time 60 1,2% Occupato senza contratto 80 1,6% Lavoratore autonomo, libero professionista, co.pro 186 3,7% In mobilità/cassaintegrato 40 0,8% Praticante/tirocinante 20 0,4% Pensionato/casalinga 20 0,4% Altri contratti 40 0,8% Totale ,0% 12

13 MODALITA DI CONOSCENZA La modalità di conoscenza prevalente dell Informagiovani per coloro che si rivolgono per la prima volta al servizio, è ancora il passaparola (62,7 %, +4,5% rispetto al 2013). Il fatto che molti utenti siano indirizzati al servizio da conoscenti o amici è molto positivo e dimostra la favorevole considerazione di cui gode il servizio. In calo coloro che si avvicinano al servizio grazie a internet ed i social network, (13,6% e -6,2% sul 2013). Aumenta la percentuale di coloro che sia avvicinano per la prima volta all ufficio su indicazioni di altri uffici o dalle scuole (dal 16,5 % al 20,0%). Indicativo che quasi nessuno si sia accorto dell ufficio passandoci di fronte. All ingresso del palazzo ci sono una targa in ottone ed un manifesto del servizio ma nonostante ciò il luogo dove è ubicato il Centro in via D Azeglio risulta essere poco visibile. Per questo rimandiamo all analisi della soddisfazione dell utenza dove nel 2014 è stata sondata la percezione che gli utenti hanno della sede dell Informagiovani. MODALITA' DI CONOSCENZA 2014 FREQUENZA % Passaparola (amici/conoscenti/parenti) ,7% Altri uffici (uffici pubblici/scuola) ,0% Pubblicita (giornali/depliants) 61 2,7% Internet/social network ,6% Passandoci di fronte 21 0,9% Totale ,0% 13

14 3.3 INFORMAZIONI RICHIESTE Ai nostri utenti, in questo caso sono state fatte due domande: la prima chiedeva di indicare il tipo di informazione ricercata che li ha spinti a contattare il centro Informagiovani; in secondo luogo è stato chiesto di indicare se poi, una volta al centro, sono state avanzate altre richieste informative oltre a quella principale per cui sono venuti al centro. Dalle risposte alla prima domanda, si evidenzia che su 5022 richieste che i giovani hanno rivolto all Informagiovani nel 2014, 3058 sono state quelle relative alla ricerca di opportunità di lavoro (60,9% in aumento del 3% rispetto al 2013), 578 le richieste informazioni su cultura/tempo libero (11,5 % in calo del 5,6% dal 2013 dato che racchiude anche coloro utilizzano di internet per la ricerca del lavoro o per l invio di curricula online), 432 le richieste di formazione professionale (8,6%) 352 di orientamento scolastico ed universitario (7% e +4,2% rispetto al 2013). In lieve calo le richieste per la Mobilità in Europa (stage, tirocini, corsi di lingua, internship ecc.) e in altre zone del mondo dal 7,1 % del 2012 al 5,8% del Stabili le richieste per il volontariato nelle sue diverse articolazioni dal al 6,2%. TIPO DI INFORMAZIONE RICHIESTA 2014 FREQUENZA % Opportunità di lavoro ,9% Formazione professionale 432 8,6% Scuola e Università 352 7,0% Cultura/tempo libero ,5% Mobilità in Europa 291 5,8% Servizio civile/volontariato 311 6,2% Totale ,0% Dalle risposte alla seconda domanda relativa alle informazioni richieste, risulta che tra coloro che hanno richiesto altre informazioni (2211 pari al 44%), in 602 (27,2%) hanno chiesto e ottenuto informazioni sulla formazione professionale, 444 su cultura e tempo libero (20,1%) 374 sul lavoro (16,9%) 311 sulla Mobilità in Europa (14,1%) 250 su scuola e università (11,3%) 230 sul volontariato (10,4%). 14

15 ALTRE INFORMAZIONI RICHIESTE 2014: FREQUENZA % Opportunità di lavoro ,9% Formazione professionale ,2% Scuola e Università ,3% Cultura/tempo libero ,1% Mobilità in Europa ,1% Servizio civile/volontariato ,4% Totale % 3.4 DIFFERENZE DI GENERE Sul totale dei giovani che hanno frequentato il centro Informagiovani nel 2014, si registra una prevalenza delle femmine come evidenziato dalla tabella sottostante. GENERE 2014 FREQUENZA % Maschi ,6% Femmine ,4% Totale ,0% Le femmine diplomate sono al 43,3% contro il 38,9% dei maschi; le femmine inoltre sono in possesso della laurea nel 21,6 % dei casi contro il 13 % dei maschi. GENERE IN RELAZIONE AL TITOLO DI STUDIO 2014 TITOLO DI STUDIO Maschi Femmine Totale N % N % N % Scuola dell obbligo ,9% ,9% ,4% Qualifica prof.le post obb ,9% 270 9,7% ,6% Diploma media superiore ,9% ,3% ,3% Qual post diploma 83 3,7% 125 4,5% 208 4,2% Laurea 186 8,3% ,9% ,3% Laura magistrale (o vec.ord) 43 1,9% 250 9,0% 293 5,8% Formazione Post Laurea 63 2,8% 19 0,7% 82 1,6% Titolo estero non riconosciuto 103 4,6% 85 3,0% 188 3,8% Totale ,0% ,0% ,0% 15

16 Nel 2014 i maschi hanno chiesto informazioni prevalentemente, sulle opportunità di lavoro (66,7 %) e sul tempo libero (14,8% circa che come dicevamo comprende anche gli accessi ad internet per la ricerca del lavoro); le femmine, chiedono per la maggior parte informazioni sul lavoro (56%), mentre solo il 9% richiede l uso di internet. In effetti l utenza che frequenta il servizio per le postazioni informatiche è soprattutto maschile e di cittadinanza straniera. TIPO DI INFORMAZIONE RICHIESTA DISTRIBUITA PER GENERE 2014 TIPO INFORMAZIONE RICHIESTA Maschi Femmine Totale N % N % N % OPPORTUNITA DI LAVORO ,7% ,0% ,7% FORMAZIONE PROFESSION ,6% ,9% 434 8,6% SCUOLA E UNIVERSITA 83 3,7% 270 9,7% 353 7,0% CULTURA/TEMPO LIBERO ,8% 250 9,0% ,6% MOBILITA IN EUROPA 166 7,4% 125 4,5% 291 5,6% S.C.N/VOLONTARIATO 63 2,8% 250 9,0% 313 6,3% TOTALE ,0% ,0% ,0% Un dato importante è la condizione occupazionale confrontata per genere come evidenziato nella tabella sottostante: i maschi in cerca di lavoro che hanno frequentato l Informagiovani nel 2014 sono il 59,3% contro il 42,6% delle femmine. Sono studenti il 23,1% dei maschi e il 37,3% delle femmine. Nel 2014 si annovera il maggior numero di occupati stabili tra i maschi (3,7% contro l 1,5%). Capita sempre di registrare la frequenza qualche pensionato o qualche casalinga, ma sappiamo che alcuni utenti vengono al Centro a chiedere informazioni per figlie e nipoti. 16

17 CONDIZIONE OCCUPAZIONALE PER GENERE 2014 CONDIZIONE OCCUPAZIONALE Maschi Femmine Totale N % N % N % Servizio Civile Nazionale 0 0,0% 19 0,7% 19 0,4% Studente ,1% ,3% ,0% Disoccupato ,3% ,9% ,2% In cerca prima occupazione ,0% ,7% ,9% Occupato a tempo indeterminato 83 3,7% 42 1,5% 125 2,5% Occupato a tempo determinato/stagionale 103 4,6% 209 7,5% 312 6,2% Occupato cfl/apprendista/inserimento 0 0,0% 42 1,5% 42 0,8% Occupato part-time 0 0,0% 62 2,2% 62 1,2% Occupato senza contratto 43 1,9% 42 1,5% 85 1,7% Lav.autonomo-lib. profess./co.pro 103 4,6% 84 3,0% 187 3,7% In mobilità/cassaintegrato 20 0,9% 19 0,7% 39 0,8% Praticante/tirocinante 20 0,9% 0 0,0% 20 0,4% Pensionato/casalinga 0 0,0% 19 0,7% 19 0,4% Altri contratti 20 0,9% 19 0,7% 39 0,8% Totale ,0% ,0% ,0% 17

18 3.5 ALTRI DATI SUGLI UTENTI DEL CENTRO INFORMAGIOVANI COME HAI CERCATO L INFORMAZIONE 2014 FREQUENZA % Ha i chiesto agli operatori ,2% Hai consultato il materiale cartaceo (autoconsultazione) Hai consultato internet (autoconsultazione) Hai utilizzato la postazione informatica (autoconsultazione) Hai chiesto agli operatori + autoconsultazione 206 4,1% ,4% 126 2,5% ,7% Totale ,0% RESIDENZA FRAZIONE DI RAVENNA 2014 FREQUENZA % Bastia 22 2,9% Camerlona 22 2,9% Classe 81 11,8% Filetto 22 2,9% Lido Adriano 81 11,8% Mezzano ,6% Porto Fuori 41 5,9% Punta Marina 61 8,8% Roncalceci 22 2,9% S.Bartolo 22 2,9% S.P In Vincoli 61 8,8% S.P.In Campiano 22 2,9% S.Stefano 41 5,9% S.Zaccaria 41 5,9% Savarna 22 2,9% Totale ,0% 18

19 RESIDENZA IN UN ALTRO COMUNE DELLA PROVINCIA 2014 FREQUENZA % Alfonsine 83 18,2% Bagnacavallo 21 4,5% Cervia 21 4,5% Conselice 41 9,1% Cotignola 21 4,5% Lugo ,9% Massa Lombarda 21 4,5% Russi 62 13,6% Total ,0% RESIDENZA IN UNA PROVINCIA DELL EMILIA ROMAGNA 2014 FREQUENZA % Bologna 21 20,0% Forlì Cesena 84 80,0% Totale ,0% 19

20 RESIDENZA IN UNA PROVINCIA FUORI REGIONE 2014 FREQUENZA % Agrigento 46 15,4% Bari 20 7,7% Brescia 20 7,7% Cosenza 20 7,7% Foggia 20 7,7% Macerata 20 7,7% Pavia 20 7,7% Pescara 20 7,7% Ragusa 20 7,7% Torino 20 7,7% Trapani 20 7,7% Viterbo 20 7,7% Totale ,0% CITTADINANZA EXTRA UE FREQUENZA % Albanese 12 20,0% Bangladesh 7 10,0% Macedonia 12 20,0% Marocco 6 10,0% Nigeria 6 10,0% Polonia 6 10,0% Ucraina 12 20,0% Totale ,0% 20

21 RELAZIONE SODDISFAZIONE UTENZA 2014 GENNAIO

22 1 - SODDISFAZIONE UTENZA Nei mesi di maggio, giugno, ottobre, e novembre 2014 è stato somministrato agli utenti venuti al Centro un questionario di rilevamento della soddisfazione dell utenza relativamente al servizio nel suo complesso. Il questionario di soddisfazione dell utenza del Centro Informagiovani di Ravenna è somministrato attraverso il Mod.08/40 Rev.5 che fa parte delle schede di monitoraggio del Sistema Qualità della Coop.Libra. Al questionario hanno risposto 83 persone ossia il 3,1 % degli utenti venuti al servizio (2716 in aumento di 375 unità rispetto al 2013, mentre i contatti registrati, lo ricordiamo ancora sono stati 5022) e le loro risposte sono state raccolte ed elaborate nelle tabelle seguenti. FREQUENZE SODDISFAZIONE UTENZA 2014 Dalla prima domanda alla quarta, si chiedeva di attribuire un valore da 1 a 7 ad una serie di affermazioni: in caso di completo disaccordo si è chiesto di spuntare 1 (valore più basso); in caso di completo accordo si chiedeva di spuntare 7 (valore più alto). I valori intermedi erano da spuntare per posizioni meno nette. LA SEDE DEL SERVIZIO E VISIBILE E FACILMENTE RAGGIUNGIBILE Frequenza % 1 2 2,4% 2 0 0,0% 3 3 3,6% ,5% ,9% ,5% ,1% Totale ,0% L aspetto dell ubicazione dell ufficio monitorato fin dal 2013 si conferma come punto problematico visto il giudizio abbastanza negativo riscontrato tra il 20% degli utenti intervistati. Il restante 80% è abbastanza o molto soddisfatto. La domanda ha comunque evidenziato che le perplessità rispetto alla collocazione di un servizio aperto al pubblico senza vetrina e per di più al primo piano di un palazzo, non sono solo degli operatori che lavorano nel centro ma sono condivise anche da diversi utenti. Verso la fine del 2014 l Amministrazione Comunale, già informata in precedenza sulla problematica relativa all ubicazione del servizio, in previsione di una ridistribuzione dei locali del Comune adibiti ad ufficio, ha comunicato l intenzione di destinare il servizio a nuova sede e più precisamente a piano terra di Palazzo Rasponi dalle Teste a partire da gennaio NEL SERVIZIO MI SENTO BENE ACCOLTO Frequenza % 1 0 0,0% 2 0 0,0% 3 0 0,0% 4 0 0,0% 5 2 2,4% ,3% ,3% Totale ,0% 22

23 Possiamo dire che l accoglienza è uno degli aspetti più importanti per un centro come il nostro. Anche nel 2014 gli operatori sono stati all altezza di questo compito. GLI SPAZI A DISPOSIZIONE DEGLI UTENTI SONO ADEGUATI Frequenza % 1 0 0,0% 2 0 0,0% 3 1 1,2% 4 1 1,2% ,5% ,9% ,2% Totale ,0% Relativamente agli spazi, non si rilevano particolari disagi così come negli anni precedenti, anche se a volte può succedere soprattutto in una sede piccola come la nostra. In quei casi comunque gli operatori fanno spazio sulle loro scrivanie per cercare di far fronte all emergenza. Sarebbe senza dubbio più funzionale un open space. LE INFORMAZIONI FORNITE SONO COMPLETE E AGGIORNATE Frequenza % 1 0 0,0% 2 0 0,0% 3 0 0,0% 4 0 0,0% 5 4 4,9% ,7% ,4% Totale ,0% Più del 95% circa degli utenti ritiene che le nostre informazioni siano molto aggiornate. SE HAI CHIESTO INFORMAZIONI ALL OPERATORE COME VALUTI LA RISPOSTA RICEVUTA? Frequenza % Nulla 0 0,0% Pessima 0 0,0% Scarsa 0 0,0% Sufficiente 0 0,0% Buona 9 11,1% Ottima 35 43,2% Eccellente 37 45,7% Totale ,0% 23

24 La risposta ricevuta dall operatore ottiene dei consensi positivi se si tiene conto del 45,7% che ha espresso una valutazione eccellente, un 43,2% ottima e un 11,1% buona. Nel 2014, così come era successo nel 2013, non sono state espresse valutazioni negative. QUANTO TEMPO HAI ASPETTATO PRIMA DI ESPRIMERE LA TUA RICHIESTA? Frequenza % 0 min ,5% meno di 5 min 19 22,9% tra 5 e 10 min 3 3,6% + di 10 minuti 0 0,0% Totale ,0% La maggior parte degli utenti (73,5% circa) trova subito un operatore pronto per ascoltare le richieste. Nel corso del 2014 nessun utente ha dovuto attendere più di dieci minuti. ALTRI DATI RICAVATI DAL CAMPIONE ETA Frequenza % ,0% ,0% ,9% ,4% ,1% ,3% ,2% ,4% ,2% ,1% ,4% ,2% ,0% ,7% ,2% ,5% ,0% ,0% ,4% ,0% >= ,0% Totale ,0% 24

25 SESSO Frequenza % F 41 49,4% M 42 50,6% Totale ,0% RESIDENZA Frequenza % Nel comune 63 75,9% Fuori comune 20 24,1% Totale ,0% CONDIZIONE OCCUPAZIONALE Frequenza % Occupato 13 15,6% Non occupato 39 46,9% Studente 30 36,1% Altro 1 1,4% Totale ,0% TITOLO DI STUDIO Frequenza % Scuola obbligo 20 24,7% Qualifica professionale 10 11,8% Diploma media superiore 33 40,0% Qual post diploma 2 2,4% Laurea 10 11,8% Laura magistrale 4 4,7% Formazione post Laurea 1 1,2% Titolo estero non riconosciuto 3 3,5% Totale ,0% DA QUANTO TEMPO FREQUENTI IL CENTRO INFORMAGIOVANI Frequenza % E la prima volta 45 54,1% Da meno di un anno 13 15,3% Da più di un anno 14 17,6% Da più di cinque anni 7 8,2% Da più di dieci anni 4 4,7% Totale ,0% 25

26 SE NON E LA PRIMA VOLTA INDICA OGNI QUANTO FREQUENTI L INFORMAGIOVANI Frequenza % Ogni settimana 15 38,5% Tutti i mesi 17 43,6% Ogni tre mesi 2 5,1% Ogni sei mesi 5 12,8% Totale ,0% CRITICHE, APPREZZAMENTI, SUGGERIMENTI CRITICHE Frequenza Nessuna 0 SUGGERIMENTI Nessuno 0 APPREZZAMENTI E un servizio eccellente 1 Per ora ho notato un buon servizio 1 Molto disponibili 1 Tutto ok! 1 Operatori molto validi e professionali nel loro lavoro Totale 4 Per gli apprezzamenti, non possiamo far altro che ringraziare e promettere che ci impegneremo per un servizio sempre più efficace ed efficiente. Alcuni punti di forza riscontrati durante la rilevazione dei dati di gradimento del servizio 2014: - Si registra un aumento della percezione della qualità delle risposte date dagli operatori. - I tempi di attesa sono molto bassi o inesistenti. - L obiettivo soddisfazione utenza, definito dal Sistema Qualità della Coop. Libra è definito come >= 5 per l 80% degli utenti intervistati. Nel corso dell indagine sono stati compilati complessivamente 83 questionari, come è stato evidenziato sopra, di cui 0 con un valore <5 e 100 con valore uguale >= 5. L indice calcolato è pari al 100 % (+4,9% rispetto al 2013) Obiettivo raggiunto. Possiamo rilevare quindi un alto livello di gradimento del servizio. Elementi del servizio che possono essere potenziati e/o migliorati: - La locazione del servizio non corrisponde ai canoni della visibilità e buona dell accessibilità. I seguenti grafici ci illustrano alcuni dati raccolti nelle tabelle precedenti. 26

27 2 - GRAFICI 27

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

Progetto Insieme si può

Progetto Insieme si può Progetto Insieme si può Network dei servizi sociali Lavoro di cura, badanti, politiche dei servizi Milano, 17 aprile 2007 e.mail insieme.roma@libero.it Sito del progetto www.insiemesipuo.net GLI OBIETTIVI

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

MANUALE PER LO STUDENTE

MANUALE PER LO STUDENTE Università di Bologna Domanda di ammissione alla prova finale laurea MANUALE PER LO STUDENTE In caso di problemi informatici durante la compilazione della domanda on line, manda una mail a help.almawelcome@unibo.it

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI

INFO. BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI INFO BORSA DI STUDIO E SERVIZIO ABITATIVO ANNO ACCADEMICO 2013/14 Step By Step ANNI SUCCESSIVI Le informazioni contenute in questo documento non vanno in alcun modo a sostituire i contenuti dei bandi e

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA

LAUREA TRIENNALE STUDENTI LAUREA MAGISTRALE POST LAUREA Allegato 6 - MOTIVI PRINCIPALI PER CUI GLI UTENTI SI RECANO NELLE BIBLIOTECHE, DOCUMENTI MAGGIORMENTE UTILIZZATI, FATTORI RITENUTI DETERMINANTI PER LA QUALITA DELLE BIBLIOTECHE RISPOSTE PER GRUPPI DI UTENTI

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani 1 Sommario Premessa... 3 Beneficiari: i giovani NEET... 4 Dall adesione alla fine del percorso... 6 Regole di gestione della tracciatura

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Bando Tipologia A (20 tirocini)

Bando Tipologia A (20 tirocini) Bando Tipologia A (20 tirocini) Destinazioni e periodo di realizzazione dei tirocini: Irlanda - 5 tirocini Regno Unito - 2 tirocini Spagna - 8 tirocini Germania - 3 tirocini Francia - 2 tirocini L'esperienza

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Assessorato Politiche per la Salute Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Dicembre 2014 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Agenzia Sanitaria e

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università COS'È TORNO SUBITO Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università finanziata con fondi POR FSE Lazio 2007-2013 Asse II Occupabilità; Asse V Transnazionalità

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli