La Piattaforma di Surveillance e Fault Management: reti broadband, trasporto e commutazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Piattaforma di Surveillance e Fault Management: reti broadband, trasporto e commutazione"

Transcript

1 PIATTAFORME La Piattaforma di Surveillance e Fault Management: reti broadband, trasporto e commutazione VINCENZO ASARO FRANCESCA MOLA FILIPPO PICCIRILLO ANDREA PINNOLA Introdotta nel 2001 nell ambito del progetto Nuova Piattaforma di Gestione per le reti e i servizi broadband, la Piattaforma di Surveillance e Fault Management costituisce la componente che è stata maggiormente estesa a copertura dei diversi domini tecnologici e dei diversi vendor così da inglobare, sotto un unico framework di riferimento, le diverse componenti di rete, dalle reti BroadBand al BackBone Nazionale, dalle reti in Outsourcing alle Intranet aziendali, dalle reti di Trasporto più innovative, come SDH (Synchronous Digital Hierarchy) e WDM (Wavelength Division Multiplexing) alle legacy PDH (Plesiocronus Digital Hierarchy), sino ad includere la rete di commutazione tradizionale e le nuove reti per i servizi VAS (Value Added Services). L articolo, dopo una breve introduzione di contesto e di definizione delle problematiche generali legate alla Surveillance e Fault Management delle reti, approfondisce le soluzioni adottate da Telecom Italia Wireline nell ambito del BroadBand, del Trasporto e della Commutazione, inclusi i servizi VAS; in un successivo articolo verranno presentati gli ambiti delle Reti Intranet e delle reti in Outsourcing concludendo con un quadro evolutivo della gestione delle future reti IP su ottico ASON/GMPLS (Advanced Switched Optical Network / Generalized MultiProtocol Label Switching). 1. Introduzione La Piattaforma di Surveillance e Fault Management (SFM) della Rete, introdotta nel 2001 nell ambito del progetto Nuova Piattaforma di Gestione per le reti e i servizi broadband [1] copre, con risultati molto incoraggianti [2], l aspetto nevralgico per Telecom Italia Wireline del mantenimento e del ripristino del servizio offerto al cliente. La Piattaforma svolge i compiti di sorveglianza della rete mediante raccolta e gestione degli allarmi dei diversi nodi e segmenti di rete e di gestione della localizzazione dei guasti, mediante la correlazione degli allarmi e gli strumenti specifici di diagnosi. La Piattaforma di SFM ha l obiettivo di fornire strumenti comuni e flessibili per tutti i segmenti di rete e costituisce la componente che è stata maggiormente estesa a copertura dei diversi domini tecnologici, così da inglobare, sotto un unica architettura di riferimento, le diverse tipologie di rete, dal BroadBand al BackBone Nazionale, dalle reti in Outsourcing alle Intranet aziendali, sino ad includere le reti di Trasporto innovative (SDH, WDM) e tradizionali (PDH). L articolo approfondisce le soluzioni adottate da Telecom Italia Wireline per l ambito del BroadBand, del Trasporto e della Commutazione inclusi i servizi Session Based (o VAS). NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 2 - Dicembre

2 2. Architettura generale di Surveillance e Fault Management Obiettivo della Piattaforma di Surveillance e Fault Management è la supervisione della rete mediante meccanismi di raccolta, filtraggio e correlazione degli allarmi e la diagnosi mediante strumenti di analisi del problema, sia a livello di servizio che di rete ed apparato. La figura 1 rappresenta una schematizzazione ad alto livello dell architettura funzionale complessiva della Piattaforma di SFM delle reti pubbliche. L architettura presenta tre livelli funzionalmente specializzati: un livello di raccolta, con componenti specializzate per le tre reti BroadBand, Trasporto e Commutazione; uno strato di correlazione interdominio; uno strato di presentazione agli operatori suddivisi per competenza. Allarmi CX BB LIDO SFM TX Operatori SFM-BB SFM-TX SFM-CX Raccolta BroadBand Rete BroadBand BB RT RC Presentazione Correlazione interdominio Raccolta Trasporto Rete di Trasporto Commutazione Data Base BroadBand Livello Integrato Dati Operazionali Surveillance and Fault Management Trouble Ticket Management Trasporto L architettura prevede l interazione con gli Inventory di Rete [3], per l acquisizione di informazioni rilevanti ai fini della sorveglianza e della correlazione, con un Data Base () allarmi, per la memorizzazione e storicizzazione degli stessi, e con il sistema di (Trouble Ticket Management) per la segnalazione di allarmi che richiedono l intervento manuale e la gestione di un Trouble Ticket. In particolare, la piattaforma di rete pubblica è costituita, nel primo livello, da tre componenti indipendenti che realizzano le funzioni di raccolta degli allarmi, de-duplicazione, filtraggio e correlazione intra-dominio delle reti BroadBand, di Trasporto e Commutata. Raccolta Commutata Rete di Commutazione FIGURA 1 Architettura generale della Piattaforma di Surveillance Fault Management. I successivi due livelli sono realizzati da diverse componenti logicamente condivise per l implementazione delle funzioni di correlazione inter-dominio e la presentazione comune per le tre istanze di Piattaforma, con funzionalità di integrazione con gli altri strumenti della piattaforma (ad esempio l integrazione CIC- per la generazione dei Trouble Ticket), l archiviazione degli allarmi con funzioni di analisi storica dei dati (Data Base Allarmi). La piattaforma di SFM fornisce all operatore di esercizio la visione integrata dei vari domini di rete, la disponibilità di automatismi per correlare le informazioni sullo stato delle risorse di rete e sui servizi forniti, e la disponibilità di Basi Dati per catalogare le risorse, sia fisiche che logiche, associate ai vari servizi (Datawarehouse LIDO). La piattaforma consente di suddividere la gestione delle reti e degli apparati sulla base delle competenze dei diversi centri mediante la gestione delle viste e delle funzioni caratteristiche assegnate ai diversi profili di operatore. Inoltre rende disponibili strumenti a supporto della diagnosi e dell identificazione dei guasti sui servizi, da estremo a estremo, e fornisce ad altri sistemi (ad LIDO esempio, il sistema di Trouble Ticket Management) tutte le informazioni disponibili (ad esempio, i dati degli allarmi) e necessarie per le funzioni che ad essi si riferiscono. L architettura funzionale di riferimento della piattaforma di Surveillance, basata sulla suite CIC (Cisco Information Center) [4], è descritta nella figura 2. Per una descrizione generale si rimanda al riquadro di approfondimento La Piattaforma di Surveillance e Fault Management ; per una descrizione più dettagliata di CISCO Information Center si veda il riquadro L Architettura CISCO Information Center. L'architettura funzionale di gestione degli allarmi è suddivisa su tre livelli: il Domain : implementa le funzionalità di acquisizione e aggregazione degli allarmi (), di correlazione intradominio (Correlation) per i tre domini di Reti BroadBand, di Trasporto e Commutata; l InterDomain implementa le funzionalità di correlazione interdominio (Correlation) degli allarmi (eventualmente filtrati) acquisiti dai domain layer e di dispatching (Routing) al presentation layer, al sottosistema di reportistica e datawarehouse (AL) ed ai sistemi NorthBound (ad esempio ); 82 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 2 - Dicembre 2004

3 il Presentation implementa le funzionalità di supporto alla visualizzazione (Display) gestendo i client degli operatori connessi. Questa architettura permette una forte scalabilità della Piattaforma di SFM tramite suddivisione della rete gestita in domini distinti (domain layer) con un primo livello di correlazione e filtraggio degli allarmi; la suddivisione in più domini di controllo (interdomain layer) in base alla suddivisione delle competenze dei centri di gestione e degli operatori, ognuno dei quali implementa le correlazioni interdominio specifiche; ed infine la suddivisione del carico su più server (display layer) in base al numero di operatori da supportare. Data Base Allarmi Operatori BB Operatori RT Operatori RC Presentation Display Display Display Display Display Display InterDomain Correlation BB Domain RT Domain RC Domain Routing Correlation Correlation Correlation Correlation Correlation probes BB BroadBand RC Rete di Commutazione RT Rete di Trasporto FIGURA 2 Architettura funzionale di riferimento. Routing probes Suite CISCO Information Center Routing probes North Bound Systems (e.g. ) LIDO Reporting Dataware house 3. La Surveillance delle Reti e Servizi BroadBand La piattaforma di SFM per le Reti ed i Servizi BroadBand è rappresentata in figura 3. I componenti di SFM sono divisibili per area funzionale secondo la ripartizione in: moduli di Inventory, necessari a mantenere la descrizione ed il riconoscimento della rete; moduli di Network e Service Surveillance, per la raccolta, elaborazione e presentazione degli allarmi; moduli di diagnostica dei servizi, per l analisi dello stato dei servizi e delle risorse. La componente di Inventory e Operazionale mantiene l inventario degli apparati e dei servizi gestiti e svolge le funzionalità di Database Operazionale a supporto dei sistemi di Assurance. Le informazioni Inventory Operational UNICA Loader/Feeder IN OPB ADSL ATM BBN CDN CIC CPC IDCMON IN THOR sono acquisite tramite download da altri inventari di rete (per esempio LIDO), tramite inserimento manuale o batch da parte degli operatori e tramite upload dagli apparati o dagli Element Manager di rete (discovery). LIDO GBE CPC Service Diagnosis NExT NAS ADSL CIC IDCMON TIBCO Network & Service Surveillance Impact BBN DialUp CDN ATM OpEuropeo Asymmetrical Digital Subscriber Line Asynchronous Transfer Mode BackBone Nazionale Content Delivery Network Cisco Information Center Cisco Provisioning Center IPnet Data Collector Monitoring Integrated Network Data Base Allarmi FIGURA 3 Architettura generale di SFM per il broadband. GBE NAS NExT OPB THOR GigaBit Ethernet Network Access Network Explorer Tool Network Node Manager Optical Packet Backbone Simple Event Correlator Topologic Hierarchic Object Retriver Trouble Ticket Management L inventory è realizzato con il sistema IN ed è alimentato dai due moduli THOR (per la raccolta dalla rete, dagli apparati ed Element Manager) e Feeder/Loader (per la raccolta dagli Inventory esterni). NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 2 - Dicembre

4 LA PIATTAFORMA DI SURVEILLANCE E FAULT MANAGENT La Piattaforma di Surveillance e Fault Management è stata introdotta nel 2001 nell ambito del progetto Sistemi Nuova Piattaforma di Gestione per rispondere all esigenza di gestione delle reti e dei servizi innovativi basati sui dati e tecnologie a larga banda, quali xdsl, ATM ed IP. La Piattaforma è stata quindi estesa agli altri domini di Trasporto e Commutazione quale strumento per la supervisione unica ed indipendente dalla tecnologia. Con la piattaforma di SFM si risponde all obiettivo di disporre di una gestione end to end sia del servizio che della rete. Tale gestione, centrata sul cliente, con disponibilita` di una vista complessiva ed integrata della rete e del servizio, consente la riduzione dei tempi di analisi e di ripristino del servizio. La piattaforma integra gli Element e i Domain Manager dei singoli domini gestiti, con le funzioni di filtraggio, correlazione e presentazione degli allarmi del Surveillance & Fault Manager CIC (Cisco Information Center) e con le funzioni di diagnosi (Next), dei domini attraversati dal servizio in questione. La piattaforma integrata con il sistema di Trouble Ticket Management della rete, è divisibile per area funzionale secondo la ripartizione in: componente di Inventory, necessaria a mantenere la descrizione e il riconoscimento della rete; componente di Network e Surveillance, per la raccolta, elaborazione e presentazione dell allarmistica; componente di Diagnostica dei Servizi per l analisi dello stato dei servizi e delle risorse. La componente di Inventory mantiene l inventario degli apparati e dei servizi gestiti e svolge le funzionalità di Database Operazionale a supporto dei sistemi di Assurance. Per la piattaforma BB, l inventory è realizzato tramite il sistema IN ed alimentato dai due moduli THOR (per la acquisizione di informazioni dalla rete) e Feeder/Loader (per la acquisizione dagli Inventory di Rete esterni). Per le altre componenti TX e CX è costituita da cache prestazionali per i dati acquisiti dagli Inventory di Rete esterni. La parte di Network Surveillance realizza la sorveglianza delle reti e dei servizi mediante le funzionalità di acquisizione, elaborazione, correlazione e presentazione degli allarmi. Le funzionalità di acquisizione consentono il recupero degli allarmi direttamente dagli apparati di rete e dai relativi Element Manager ed il polling periodico dello stato delle risorse e dei servizi della rete e sono ottenuti attraverso moduli di CIC o altri sw, secondo le specificità di ogni singolo dominio. L arricchimento degli allarmi provenienti dalla rete, la loro gestione, correlazione e presentazione in viste configurate su misura sulle singole esigenze dei clienti interni avviene tramite moduli specifici di CIC. Gli stessi moduli sono anche responsabili della gestione del riscontro della presa in carico dell allarme e consentono l apertura e la chiusura da operatore di Trouble Ticket sul sistema. La componente di Diagnostica dei Servizi, attualmente presente solo nelle area BB e VAS, è realizzata con NeXT che rende disponibili le funzionalità di diagnostica inter-dominio dei servizi fornendo una vista complessiva sulla configurazione del servizio (ad esempio circuit layout, configurazione risorse in rete), lo stato runtime delle risorse che supportano il servizio e una interfaccia per la applicazione dei comandi specifici di diagnostica (ad esempio loopback di un interfaccia di apparato, l attivazione ed il rilevamento di contatori di traffico). La parte di Network e Service Surveillance realizza la sorveglianza delle reti e dei servizi mediante le funzionalità di acquisizione, elaborazione, correlazione e presentazione degli allarmi. Le funzionalità di acquisizione, realizzate dai sistemi (Simple Event Correlator), (Network Node Manager) e IDCMON, consentono il recupero degli allarmi dagli apparati di rete o dai relativi Element Manager ed il polling periodico dello stato delle risorse e dei servizi della rete. I sistemi CIC ed Impact, della suite Netcool Omnibus di Micromuse, realizzano l arricchimento degli allarmi provenienti dalla rete, ad esempio con informazioni di localizzazione delle risorse allarmate derivate dall inventory, la correlazione degli allarmi e la gestione degli stessi tramite presentazione di viste dedicate per singolo centro di gestione. Gli stessi sistemi sono anche responsabili della gestione del riscontro della presa in carico dell allarme e consentono l apertura e la chiusura da operatore di Trouble Ticket sul sistema. La componente di Diagnostica Servizi, realizzata con NeXT, rende disponibili le funzionalità di diagnostica inter-dominio dei servizi fornendo una vista complessiva sulla configurazione del servizio (ad esempio circuit layout, configurazione risorse in rete), lo stato runtime delle risorse che supportano il servizio ed una interfaccia per l applicazione dei comandi specifici di diagnostica (ad esempio il loopback di un interfaccia di apparato, l attivazione ed il rilevamento di contatori di traffico). Tra i sistemi esterni, quelli di principale interesse sono i sistemi di Inventory ed aggiornamento della configurazione di rete, che forniscono alla Piattaforma di SFM BroadBand i dati di inventory aggiornati. In particolare si tratta di UNICA/D per il Network/Service Inventory, CPC quale Sistema di Attivazione in rete dei Servizi Dati configurati su UNICA/D ed upload delle configurazioni di rete e LIDO, quale Datawarehouse della configurazione della rete e dei servizi dati, per fornire una vista unificata sui dati di UNICA e CPC (la vista è replicata e aggiornata con frequenza giornaliera). La piattaforma SFM è fortemente integrata con il sistema, per la gestione e l assegnazione dei Network Trouble Ticket, al fine di semplificare e velocizzare la riparazione dei guasti rilevati dalla Piattaforma di SFM. 84 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 2 - Dicembre 2004

5 I domini di rete BroadBand gestiti sono costituiti dalle Reti Backbone IP/MPLS, dai NAS Dial- UP, BRAS e router di edge per l accesso IP narrowband e broadband, dalle reti GBE, ATM e xdsl, dalla Content Delivery Network e dalla rete BroadBand realizzata da Telecom Italia in Francia come Operatore alternativo. Complessivamente la Piattaforma di SFM BroadBand copre più di apparati di diverse tecnologie e costruttori. La capacità della SFM di gestire, in modo omogeneo, la complessa varietà di apparati e tecnologie in rete costituisce un sicuro punto a favore per la stessa Piattaforma. Il Backbone IP/MPLS è costituito dalle reti OPB (Optical Packet Backbone) e DTC (Datacom) in tecnologia Cisco (router e GSR) e Nortel (apparati Shasta di accesso). Gli apparati sono interfacciati in modo diretto alla Piattaforma di SFM e non mediato da Element Manager. I NAS per la Rete Accesso Dialup (in tecnologia Lucent) e per la Rete di accesso xdsl (Cisco e Juniper), connessi al backbone IP, sono anch essi interfacciati direttamente alla piattaforma SFM, così come gli apparati per le Reti metropolitane GBE in tecnologia Cisco (Catalyst) connesse al backbone IP. I nodi della Rete di raccolta ATM sia in tecnologia Cisco (BPX, IGX, e MGX), suddivisa in 5 domini di routing, che in tecnologia Nortel (Passport), sono interfacciati mediante i relativi Element Manager. Per la Content Delivery Network vengono gestiti gli apparati in tecnologia Cisco ed i sistemi che forniscono il servizio di Content Delivery che sono interfacciati sia mediante l element manager (implementato tramite TNG Unicenter) sia direttamente, tramite SNMP (Simple Network Management Protocol) per garantire l acquisizione di tutte le informazioni necessarie alla loro gestione. Data la similarità di apparati e sistemi che implementano i servizi dati e voce realizzati da Telecom Italia in Francia, la gestione della rete di Telecom Italia Francia è stata effettuata semplicemente estendendo le funzionalità esistenti, opportunamente configurate, alla nuova rete, considerandola semplicemente un ulteriore dominio di gestione. 4. La Piattaforma per la Surveillance del trasporto La Piattaforma di SFM del Trasporto integra in un unica architettura (figura 4) la sorveglianza ed il Fault Management dell intera rete trasmissiva di Telecom Italia Wireline, costituita da più di apparati trasmissivi, sia PDH che SDH/WDM e della rete di accesso Allarmi di Equipment SDH RETE SDH ACI AWS CGR DSLAM SDH MASS PDH SFM-CX SFM-BB SDH SGSDH-NM SOA TX dei mux ADSL costituita da più di apparati. La Piattaforma fornisce uno strumento di gestione cross-dominio che rende immediatamente fruibili tutte le informazioni rilevanti per l analisi dei guasti e semplifica drasticamente le attività d integrazione e correlazione di informazioni distribuite su numerosi sistemi (apparati, Element e Domain Manager, Data Base di rete). Le principali linee guida realizzative della piattaforma sono state la ricerca di una soluzione robusta, scalabile, flessibile, indipendente dalla struttura organizzativa aziendale, e con funzionalità a valore aggiunto (rispetto a quelle presenti nelle precedenti soluzioni gestionali) quali l arricchimento dei dati, le viste integrate, la correlazione allarmi e la root cause analysis, oltre alla integrazione con il sistema di Trouble Ticket Management. Con l introduzione della nuova piattaforma del trasporto, grazie all omogeneità della tecnologia e degli strumenti raggiunta, è stata inoltre resa possibile la correlazione interdominio con gli altri segmenti di rete, in particolare con quello BroadBand. La correlazione interdominio costituisce infatti uno degli elementi cruciali ai fini della semplificazione delle analisi di segnalazioni di guasto ridondanti. La correlazione degli allarmi estesa al dominio BroadBand, ambito in cui sono già stati conseguiti significativi risultati, viene trattata dettagliatamente nel capitolo successivo. L introduzione della piattaforma di SFM del Trasporto ha inoltre portato al superamento del precedente sistema di supervisione GIT (Gestione Integrata Trasmissione), garantendo una soluzione funzionalmente più evoluta e tecnologicamente più avanzata. SGSDH-NM LIDO Allarmi di servizio e di Communications SFM-Trasporto RED 1/0 MUX F CGR RETE PDH SFM-CX MASS Contatti di massa (SDH e PDH) dai MASS ACess Integrator ADSL Work Station Centro Gestione RED Digital Subscriber Line Access Multiplexer Ethernet Manager Synchronous Digital Hierarchy Modular Architecture for Supervision System Plesiocronus Digital Hierarchy SFM-Commutazione SFM-BroadBand Synchronous Digital Hierarchy Sistema di Gestione SDH - Network Management Service On Access Trouble Ticket Manager Trasporto FIGURA 4 Architettura per la Surveillance del Trasporto. AWS SFM-BB SOA DSLAM MARCONI DSLAM ALCATEL ACI DSLAM SIENS NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 2 - Dicembre

6 L architettura della Piattaforma è analoga a quella identificata per il dominio BroadBand per la componente di Network & Service Surveillance, con un'unica differenza: l introduzione di un componente ad hoc per la storicizzazione di allarmi/eventi (Web Alarm Viewer) al posto del CIC Reporter. La componente Inventory è costituita da un che svolge esclusivamente funzioni di cache prestazionale in quanto i dati di Network Inventory sono integralmente acquisiti dagli inventory aziendali (LIDO, UNICA-T). Infine non è presente il modulo di diagnosi. Le funzionalità di SFM sono implementate tramite il sistema CIC che realizza la raccolta e gestione degli allarmi, la memorizzazione e presentazione degli stessi. La soluzione si basa sull interazione di CIC, da un lato, con i Domain Manager e gli Element Manager della rete gestita, ai fini della raccolta degli eventi di rete e, dall altro, con il Network Inventory per il reperimento delle informazioni relative alla topologia di rete ed alle relazioni client server fra risorse logiche ai fini dell arricchimento delle informazioni sugli allarmi. Per quanto riguarda la gestione del dominio SDH/WDM le principali funzionalità consistono nella raccolta, filtering, de-duplicazione ed elaborazione sia degli allarmi esterni, o Communication alarms, veicolati dal Domain Manager SGSDH-NM, che degli allarmi interni, o Equipment alarms, degli apparati della rete SDH tramite interfacciamento agli Element Manager Alcatel, Marconi e Siemens. Per la gestione della rete PDH, la soluzione si basa sulla raccolta e presentazione degli allarmi dal Domain Manager della rete flessibile, CGR (Centro Gestione RED), e delle segnalazioni di allarme relative ai contatti di massa di apparato dagli Elaboratori MASS (rete FAMA), che hanno recentemente sostituito i precedenti elaboratori MARA, ormai tecnologicamente superati. Per la gestione dei mux ADSL gli eventi significativi di rete sono acquisiti tramite gli Element Manager degli apparati di ciascun costruttore. Punto di forza della soluzione realizzata consiste nella molteplicità delle funzionalità di arricchimento degli allarmi trasmissivi tramite l interazione con l Inventory di Rete, ed in particolare con le viste del data base UNICA/T. L insieme dei dati da presentare, ad integrazione delle informazioni di allarmistica veicolate dai sistemi di ordine inferiore, è stato attentamente analizzato con il contributo delle funzioni esercenti, fino ad ottenere una soluzione pienamente rispondente alle esigenze di esercizio. EQUIPMENT CORRELAZIONE CREA DISSERVIZIO AL CLIENTE SI COMMUNICATION Oltre a presentare eventi/allarmi corredati da un insieme molto vasto di informazioni, la postazione CIC si configura come una infrastruttura che consente l accesso semplice ed automatico all interfaccia grafica di diversi sistemi, in particolare gli Element e Domain Manager ed il, sia per approfondire l analisi dei guasti, sia per procedere all azione di apertura di un Trouble Ticket a partire dal fault. Tali integrazioni si basano sul principio di minimizzare l attività dell operatore devoluta alla ricerca e all inserimento ripetuto di dati su più sistemi, favorendo l accesso immediato alle informazioni di interesse; ad esempio, è possibile la visualizzazione dell instradamento di uno specifico servizio di connessione a partire dall allarme relativo. Molte energie sono state investite nel realizzare funzionalità di correlazione mirate ad aggregare gli allarmi secondo criteri topografici e di causalità, con l obiettivo di ridurre il più possibile il numero di segnalazioni e di ottenere quindi una significativa semplificazione del processo di supervisione. A partire dagli allarmi di base veicolati da Domain ed Element Manager e facendo riferimento alle informazioni sulla topologia di rete e sulle caratteristiche dei servizi di connessione, condivise dal Network Inventory, CIC elabora gli Allarmi di rete, caratterizzando gli allarmi correlati come Allarmi origine e Allarmi indotti e fornisce strumenti di analisi che consentono all operatore di valutare l impatto in termini di disservizio del guasto in esame. In figura 5 è riportato, a titolo di esempio, il processo di correlazione degli eventi realizzato nel dominio SDH/WDM, mettendo in evidenza le relazioni tra gli Allarmi di Equipment, gli Allarmi di Communication, le Risorse in Fuori Servizio e gli Allarmi di Rete. In base alle correlazioni implementate, il sistema CORRELAZIONE ALLARMI DI RETE RISORSE IN FUORI SERVIZIO CIC Cisco Information Center FIGURA 5 Relazione delle diverse tipologie di allarmi della rete di Trasporto. ALLARMI DI EQUIPMENT ALLARMI DI COMMUNICATION ALLARMI DI RETE LISTA RISORSE FUORI SERVIZIO CIC SISTA 86 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 2 - Dicembre 2004

7 acquisisce le informazioni che renderà fruibili all operatore per l analisi di impatto. In particolare, a partire dall allarme di rete, potranno essere richieste la visualizzazione degli allarmi di Communication origine, la visualizzazione delle segnalazioni di Fuori Servizio (situazioni di disservizio relative a risorse clienti) corredate dall indicazione dello stato di Affidabilità del Fuori Servizio, la visualizzazione degli allarmi di Equipment relativi ai nodi attraversati dalla risorsa di rete allarmata, infine la visualizzazione degli allarmi di Communication indotti. 5. La Correlazione Interdominio Dati - Trasporto La correlazione degli allarmi rilevati su segmenti di rete non omogenei (BroadBand, Trasporto, Commutazione) costituisce uno degli obiettivi di maggiore rilevanza e complessità affrontati nell inserimento in campo della nuova piattaforma di SFM. Infatti, la propagazione dei guasti trasversalmente a diversi domini è un comportamento della rete particolarmente complesso da gestire e con rilevanti impatti sull operatività: da un lato genera una proliferazione di allarmi indotti, aumentando la complessità dell attività di supervisione, dall altro richiede un analisi molto onerosa, trasversale a differenti strutture organizzative, per la ricerca della causa scatenante. Il problema della correlazione allarmi risiede nella difficoltà di identificare la causa sorgente e di assegnare correttamente ai tecnici competenti la rimozione della stessa. L obiettivo principale della correlazione è quindi di favorire l analisi dei guasti e supportare gli interventi esclusivamente dalle strutture organizzative responsabili del segmento di rete affetto da guasto, evitando inutili interventi sulla porzione di rete in cui si determinano gli allarmi indotti. L architettura impiegata per la correlazione dei due domini BroadBand e Trasporto è riportata in figura 6. Le funzionalità di correlazione inter-dominio fra la piattaforma di SFM del BroadBand e la piattaforma di SFM del Trasporto si basano principalmente sull utilizzo del componente Impact della suite Netcool. L utilizzo di Impact consente l arricchimento degli allarmi, cioè la valorizzazione di attributi e campi significativi degli allarmi (per esempio il Presentation Routing Routing OS Probe IN OS Display OS Impact OS Probe Network Elements Rete Trasporto Data Base Desktop campo Cliente) non generati dagli apparati, ottenute accedendo alle specifiche viste del Data Base esterno, in modo da espandere l informazione contenuta nel record allarme gestito da un Object. Inoltre l Impact è il modulo utilizzato per le correlazioni complesse mediante la definizione di una adeguata policy che descrive quali azioni devono essere intraprese quando si verifica un evento o una classe di eventi. Le informazioni di inventario, di topologia e di stato della rete sono mantenute in IN per il dominio BroadBand ed in un Cache per il dominio trasporto. Ogni database è mantenuto aggiornato tramite allineamenti periodici con il Network Inventory (LIDO), l inserimento dei dati da parte degli operatori e l acquisizione dagli apparati o dagli delle configurazioni di rete e (parzialmente) dello stato delle risorse. In base alla tipologia di allarmi o eventi da trattare, le funzionalità di gestione e correlazione degli allarmi vengono realizzate utilizzando i diversi strumenti disponibili sulla suite quali regole di Automation, Impact Policy ed invio di eventi generati dalle logiche di correlazione. Ad esempio, nel caso di operazioni semplici e periodiche su insiemi di allarmi, si impiegano regole di Automation (statement SQL o invocazione di script esterni), direttamente sull Object. Queste permettono di eseguire azioni quali la rimozione dall Object di allarmi più vecchi di un dato intervallo temporale, l associazione tra eventi di Cache Impact Element Manager Integrated Network Data Base Object Simple Event Correlator Inventory LIDO FIGURA 6 Architettura di correlazione allarmi Dati-Trasporto. IN Inventory Desktop Impact Impact OS Probe Display OS Routing OS Network Elements Rete BroadBand NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 2 - Dicembre

8 L ARCHITETTURA CISCO INFORMATION CENTER Il cuore dell architettura di Surveillance e Fault Management è costituito dalla suite Netcool Omnibus di Micromuse, partner di Cisco, che commercializza il prodotto con il marchio Cisco Information Center (CIC). La grande flessibilità e scalabilità della architettura è legata alla presenza, visibile nella figura A, di più livelli (layer) di raccolta e gestione degli allarmi che consentono operazioni progressive di filtraggio, manipolazione e correlazione degli allarmi presenti, necessari anche per la distribuzione del carico di elaborazione tra i moduli di base della suite, gli Object, specializzati in relazione alle funzioni proprie dei diversi livelli. Nel livello di Element/Domain Manager sono implementate le regole di filtraggio e soppressione degli eventi non considerati di interesse; tipicamente è possibile definire filtri su base tipologia di evento nella complessiva gestione di apparato, rete e servizio. In base alle funzionalità fornite dal Domain Manager specifico, è possibile anche usufruire di un primo livello di correlazione degli eventi. A livello di Probe sono implementate le regole di normalizzazione degli eventi che traducono le informazioni condivise da Element/Domain Manager in strutture dati dalla sintassi comune. Altre regole possono essere definite per implementare un ulteriore livello di filtraggio (eventi discarded) e un primo livello di arricchimento degli allarmi utilizzando le informazioni mantenute nelle lookup tables (tabelle di associazione chiavevalore disponibili alle probe). Gli Object del livello di acquisiscono gli eventi relativi ai singoli domini di rete; su tali eventi vengono implementate elaborazioni e correlazioni intra-dominio tramite meccanismi di automation o tramite il componente Impact. Ad esempio sono possibili: l arricchimento delle informazioni del singolo allarme (ad esempio la localizzazione dell apparato); la gestione del ciclo di vita dell allarme (apertura, chiusura, cancellazione automatica); le correlazioni temporali o relative al singolo apparato. Il livello di Routing instrada e concentra gli allarmi pre-elaborati dagli Object del e alimenta i Display Object del livello di Presentation ed il repository degli allarmi. A questo livello sono implementate le correlazioni interdominio quali ad esempio gli allarmi di servizio sui link interdominio o su servizi end to end implementati su più segmenti di rete. Il livello di Presentation è dedicato alla gestione delle richieste degli operatori (query e refresh dei dati) e realizza quindi elaborazioni di visualizzazione degli allarmi ma non di manipolazione degli stessi. Mediante EventList sono inoltre implementate le integrazioni con le interfacce operatore di altri sistemi, quali ad esempio il Trouble Ticket Manager e NexT. Presentation Desktop Desktop Display OS Display OS Routing Probe Impact Reporter Historical Routing OS IN Inventory Probe PROXY OS Impact PROXY OS Impact PROXY Configuration Manager /Device TNG TNGUnicenter Oracle CWM CWM CWM MS ADSL ATM AWS BBN CDN CWM IBS IN CDN IBS/OPB- NAS ADSL NBO-DialUp Asymmetrical Digital Subscriber Line Asynchronous Transfer Mode ADSL Work Station BackBone Nazionale Content Delivery Network Cisco Wan Manager Data Base Element Manager rete InterBuSiness Integrated Network Data Base Operatore Europeo ATM PoP BBN NAS NBO OPB OS PoP SNMP SOA TNG Network Access Network Based Offering Network Node Manager Optical Packet Backbone Object Point of Presence Simple Event Correlator Simple Network Management Protocol Service On Access The Next Generation FIGURA A Esempio di architettura CIC (dominio Broadband). 88 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 2 - Dicembre 2004

9 Con riferimento alla figura A, per i diversi livelli, si riportano le caratteristiche dei diversi moduli componenti il CIC. L Object (Routing e ) è il repository (in-memory database) su cui vengono mantenuti gli allarmi correnti permettendone l'elaborazione, la visualizzazione e la configurazione del sistema (utenti, profili, viste, ). L Object deve essere in grado di gestire gli allarmi in tempo reale, e, per mantenere i tempi di risposta adeguati alle esigenze operative, presenta necessariamente un limite sul numero massimo di eventi che possono essere memorizzati dipendente da diversi fattori, quali: il tipo di elaborazioni che vengono eseguite; la dimensione del dominio gestito (numero di apparati) e la complessità dell elaborazione. Può quindi essere necessario distribuire il carico elaborativo su più istanze di Object al crescere della rete e della complessità della gestione. Per incrementare la robustezza e l affidabilità dell architettura, le istanze di Object possono inoltre essere ridondate, mediante l introduzione di FailOver Object, garantendo la continuità delle funzionalità di elaborazione e propagazione degli allarmi anche in caso di guasti hardware o interventi programmati. Sull Object è possibile definire l esecuzione automatica di trigger software e regole di automation (statement SQL o esecuzione di script esterni) è possibile cioè pilotare elaborazioni sugli eventi memorizzati se questi soddisfano specifiche condizioni (ad esempio ogni n secondi è possibile rimuovere tutti gli allarmi che presentano determinate caratteristiche). L Object può essere così personalizzato definendo nuovi campi degli allarmi e i trigger/automation. Il Display Object è l istanza di Object che, replicando i dati del Routing Object, gestisce la presentazione degli eventi sulle postazioni client e ne governa l aggiornamento. L Object Gateway è il modulo di CIC che realizza in modo bidirezionale la comunicazione e l'allineamento dei dati tra Primary Object e FailOver Object e tra Object e Display Object (per motivi di visualizzazione all operatore). L Object Gateway permette di configurare le politiche di propagazione delle modifiche degli allarmi per singolo campo dell allarme (ad esempio solo su insert, solo in una direzione, ) e di definire filtri sugli allarmi propagati. Il Multiplexer Proxy è il modulo di CIC che riceve gli eventi da più probe, concentrando le richieste all Object su di un numero limitato di connessioni (limitato tipicamente 10 ad 1) così da convogliare il carico indotto. Le Probe sono i moduli di CIC specializzati per interfacciare i diversi Network Element e Domain Manager e filtrare e normalizzare gli eventi ricevuti inserendoli nel repository dell'object. Le Probe utilizzate per interfacciare i sistemi di rete sono molteplici e costituiscono una delle caratteristiche di interesse del tool consentendo una notevole flessibilità nell integrare differenti segmenti di rete con caratteristiche multi-vendor. Le Probe sono presenti sui diversi domini per i diversi costruttori e possono essere personalizzate per lo specifico apparato o tecnologia definendo le regole di normalizzazione e filtraggio degli eventi. La disponibilità di Probe di tipo Generic, quali, ad esempio, SNMP trapd e TL1, ORACLE e Informix, unitamente a quelle di carattere specifico, consentono di raccogliere dati da fonti eterogenee e di garantire una copertura integrale della rete. L Oracle Gateway è il modulo di CIC che permette l'interazione ed il trasferimento dei dati dall'object verso un database ORACLE per la memorizzazione e storicizzazione degli allarmi. L Event List è l interfaccia utente che permette la visualizzazione in real time degli allarmi, la definizione di viste e filtri personalizzati in base alle esigenze operative, e l interazione con l operatore mediante l esecuzione di comandi. Il Reporter è il modulo che consente la storicizzazione degli allarmi in un esterno tramite l Oracle Gateway e offre funzionalità per l'analisi e il reporting dei dati tramite client Web, mentre il Configuration Manager è il modulo che gestisce l'aggiornamento su base periodica o su richiesta operatore della configurazione delle Probe. Il modulo effettua una copia dei file di configurazione generati da IN e dopo averli elaborati li distribuisce sulle probe. Infine il License è il server per la gestione delle licenze del tool. apertura e chiusura allarme e la chiusura automatica degli allarmi dopo un intervallo di tempo stabilito. L arricchimento degli allarmi è invece realizzato utilizzando le Policy di Impact, cioè procedure di elaborazione degli allarmi attivate in tempo reale dall inserimento o aggiornamento di eventi/allarmi sull Object. Le policy possono eseguire interrogazioni su esterni (per esempio su inventari di rete) arricchendo i campi dell allarme con informazioni di inventario relative alla risorsa a cui l allarme si riferisce e potenziando quindi il contenuto informativo dell allarme. L aggregazione e generazione eventi e allarmi sono anch esse implementate utilizzando Policy di Impact che creano gli eventi o allarmi aggregati a partire da quelli elementari utilizzando le informazioni presenti sull allarme stesso o interrogando i relativi database. Infine, mediante il modulo DSA (Data Source Adaptor), si effettua l invio degli eventi risultanti dalla correlazione alle altre istanze di CIC che usufruiscono della correlazione interdominio. Il processo di correlazione utilizza elementi significativi per la risoluzione degli allarmi. È stato, infatti, necessario: 1) definire nuove tipologie di eventi gestiti che evidenzino la presenza di allarmi presso il dominio adiacente; 2) modificare alcuni degli eventi correntemente gestiti in entrambi i domini; 3) consentire lo scambio di informazioni tra le due piattaforme di SFM; 4) implementare regole, basate su un analisi tecnica puntuale delle tipologie di allarmi, che permettano di definire nel maggior numero di casi possibile ed in modo univoco, l assegnazione della competenza dell allarme agli operatori di Rete Dati o di Rete di Trasporto. In particolare, nell ambito della piattaforma BroadBand, è stato creato l evento AT (Allarme Tx) che fornisce al dominio dati informazioni riguardo la gestione dell allarme nel contesto della rete di trasporto. Analogamente in CIC-TX è generato l evento NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 2 - Dicembre

10 AD (Allarme Dati) che da evidenza della gestione effettuata nel contesto della rete di BroadBand. I due allarmi sono stati corredati anche di una informazione di competenza (Rete, Trasporto, Coda, Rete Dati o non definita ) valorizzato nel caso in cui dalla piattaforma sorgente sia stato possibile discriminare la localizzazione del guasto. Questo è importante in quanto un allarme, caratterizzato come Trasporto su BB, non determina alcuna azione correttiva da parte del centro operativo, in quanto in gestione da parte di un altro centro, mentre un allarme caratterizzato come Dati attiva il processo d intervento per la risoluzione del guasto. 6. La Surveillance delle Reti di Commutazione e dei Servizi VAS Anche per la Rete di Commutazione si persegue l obiettivo di integrare su di un unica piattaforma di gestione gli strumenti di fault management e di surveillance della rete, al fine di estendere i benefici architetturali ed operativi, già sperimentati con le componenti BB e Trasporto e di poter gestire l evoluzione dei servizi, in particolare i servizi VAS di tipo multimediale, tra cui APT (Advanced Personal Telephony), IP-Centrex e di Videocomunicazione. La Piattaforma di SFM per la commutazione (figura 7) fornisce viste allarmi integrate con gli inventory di rete e con, correlate con allarmi relativi ad altri domini (trasporto, BBN). Permette, inoltre, la definizione di allarmi di servizio, consente di storicizzare gli allarmi e fornisce una soluzione scalabile, flessibile, robusta, indipendente dalla struttura organizzativa aziendale. In particolare viene effettuata la raccolta, filtering, de-duplicazione e correlazione degli allarmi provenienti dalle centrali Alcatel, Ericsson ed Italtel (sia che UT100), attraverso i relativi C o MS (per la tecnica Italtel), da nodi di rete del BBN, (centrali 4040 Italtel, MediaGateway (Cisco MGX) e apparati LAN dei PoP (Cisco Catalyst) attraverso i relativi Element Manager. La soluzione introdotta prevede l integrazione con gli Inventory di Rete (LIDO) e con per l invio dei NTT (Network Trouble Ticket) di commutazione, secondo modalità analoghe a quanto precedentemente descritto per le altre componenti. Le funzionalità introdotte permettono, inoltre, di risalire in modo univoco e semplice dall allarme alla risorsa allarmata; arricchire gli allarmi con informazioni di dettaglio; impostarne la severità ed eventuali soglie al numero di allarmi (per esempio sulle porte di utente); introdurre filtri di persistenza e di frequenza. Sono inoltre possibili viste per competenza e la creazione di raggruppamenti di centrali supervisionate in funzione dell OB (Orario Base) o FOB (Fuori Orario Base). C Alcatel Ericsson Siemens AN Siemens Centrali Tradizionali Alcatel Ericsson AN BGW C CWM storico Allarmi La stessa piattaforma di SFM consente la gestione della Network Assurance, dei nuovi servizi VAS (APT, IP-Centrex e VideoComunicaizone su IP) che sono realizzati attraverso la Nuova Piattaforma di Rete Telecom Italia [5], che risponde alla richiesta di nuovi servizi triple play, in grado di trattare unitariamente le comunicazioni dati, voce e video. Gli apparati sono gestiti mediante accesso ai rispettivi Element e Domain Manager; nello specifico gli elementi che interagiscono con la componente di SFM per i VAS sono (figura 8): MS (Multi Service network Element Manager) per la gestione della centrale (moduli e catalyst di centrale) nonchè delle componenti di Proxy ed Application SIP; in particolare MS acquisisce: - allarmi provenienti dall dedicato al servizio APT/IP Centrex; - eventi provenienti dai Catalyst dedicati alla gestione della LAN intermodulo all interno della centrale. CWM (Cisco Wan Manager) per la gestione dell MGX dedicato al servizio APT/IP Centrex; (Network Node Manager) per il monitoraggio del Data Base Utenti Broadband e del BGW (Border GateWay), quest ultimo dedicato al servizio IPCentrex. 7. Conclusioni L evoluzione delle reti e dei relativi servizi richiede strumenti di Nework Assurance flessibili e in grado di consentire sia la gestione dei singoli domini tecnologici che la gestione complessiva di rete e di servizio. La Piattaforma di Surveillance e Fault Management, di cui si è dotata Telecom Italia Wireline, sta dimostrando di poter assorbire le diverse innovazioni di rete e le evoluzioni gestionali fornendo uno strumento uniforme di gestione della allarmistica e della diagnosi. Basata su una piat- LIDO SFM-TX SFM-BB Alcatel AN Alcatel SFM - Commutazione e Servizi VAS Marconi AN Marconi Autocommutatore Numerico Data Base Border GateWay Centro Esercizio e Manutenzione Cisco WAN Manager CL5T UT100 AN imms MGW MS FIGURA 7 Architettura della rete di Commutazione. MS CL4 Catalyst CL5l CWM MGW Catalyst BGW Utenti BB AElement Manager Italtel MultiMedia service Solution Media GateWay Multi Service Network Element Manager Network Node Manager 90 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 2 - Dicembre 2004

11 * ASARO MOLA PICCIRILLO PINNOLA La Piattaforma di Surveillance e Fault Management: reti broadband, trasporto e commutazione IAD WiFi APT BB BBN DECT IAD OPB Cl 5I PoP OPB taforma commerciale adattabile e scalabile, la Piattaforma costituisce la componente gestionale oggi maggiormente estesa a copertura dei diversi domini tecnologici e dei diversi vendor così da inglobare sotto un unico framework di riferimento le diverse componenti di rete dal BroadBand al BackBone Nazionale, dalle reti in Outsourcing alle Intranet aziendali, dalle reti di Trasporto più innovative (SDH, WDM) alle legacy (PDH), sino ad includere sia la rete di commutazione tradizionale che le nuove reti per i servizi VAS. Dotata di strumenti flessibili per la gestione dei fault, la piattaforma di Surveillance permette la gestione interdominio delle reti e dei servizi consentendo l introduzione di funzionalità di correlazione allarmi tra i diversi domini e garantendo l evoluzione sulla base dell esperienza e degli approfondimenti tecnici, maturati nella gestione delle operatività di assurance e dei diversi assetti organizzativi. Il presente articolo si è focalizzato in particolare sulle Piattaforme di SFM per Broadband, Trasporto e Commutazione; in un prossimo articolo si tratteranno le piattaforme di SFM delle reti Intranet e delle reti in outsourcing e si accennerà alle problematiche di gestione delle reti IP su ottico. BIBLIOGRAFIA utenti BB [1] Orlando S., Iorio N., Pietropaolo R., Pinnola A., Versini R.: Gestione delle reti e dei servizi broadband, Notiziario Tecnico Telecom Italia, Anno 11 n. 2, Settembre 2002, pp [2] Pileri S.: Piattaforme abilitanti ed evoluzione della Rete, Notiziario Tecnico Telecom Italia, Anno 13 n.1, Giugno 2004, pp [3] Castaldo D., Iorio N.: Telecom Italia punta su UNICA. Un solo Data Base per la gestione della Rete, Notiziario Tecnico Telecom Italia, Anno 12 n.1, Dicembre 2003, pp [4] [5] De Nitto G., Ferrero U., Marino S.: Le nuove Piattaforme per i servizi multimediali, Notiziario Tecnico Telecom Italia, Anno 13, n.1, Giugno 2004, pp MGW Application APT, VDC SIP Rete di Accesso SIP Rete IP corporate/olo BGW IP PoP OPB PoP OPB Advanced Personal Telephony BroadBand BackBone Nazionale Digital Enhanced Cordless Telecommunications Integrated Access Device Optical Packet Backbone IP Rete di Trasporto IP MGW V Rete di SIP Accesso PBX PoP RTG SIP VDC WiFi Application IP Centrex Cl 5I FIGURA 8 Architettura di rete per i servizi di Advanced Personal Telephony. ACI AD ADSL AN APT ASON AT ATM AWS BB BBN BGW BNAS CA CDN C CGR CIC COS CPC CWM DACON L DECT DMS/NMS DSA DSL DSLAM DTC FR ABBREVIAZIONI PoP BBN MGW Cl 4 Service Platform IAD DECT RTG Private Box exchange Point of Presence Rete Telefonica Generale Session Initiation Protocol Videocomunicazione Wireless Fidelity PBX ACess Integrator Allarme Dati Asymmetrical Digital Subsciber Line Autocommutatore Numerico Advanced Personal Telephony Advanced Switched Optical Network Allarme Trasmissivo Asynchronous Transfer Mode ADSL Work Station BroadBand BackBone Nazionale Border GateWay BroadBand NAS Connection Alarm Content Delivery Network Centro Esercizio e Manutenzione Centro Gestione RED Cisco Information Center Object Cisco Provisioning Center Cisco WAN Manager Data Communication Network Data Base Data Base Digital Enhanced Cordless Telecommunications Domain Management System/ Network Management System Data Source Adaptor Digital Subscriber Line Digital Subscriber Line Acces Multiplexer DaTaCom Element Manager Frame Relay * NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 2 - Dicembre

12 GBE GigaBit Ethernet GMPLS Generalized MultiProtol Label Switching GSR GigaSwitched Router IAD Integrated Access Device IBS rete InterBuSiness IMMS Italtel Multi Media Service Solution IN Integrated Network Data Base LIDO Livello Integrato Dati Operazionali MIB Management Information Base MPLS Multi Protocol Label Switching MS Multi Service Network Element Manager NAS Network Access NBO Network Based Offering NCO NetCool Ominbus NE Network Element NExT Network Explorer Tool Network Node Manager NTT Network Trouble Ticket OPB Optical Packet Backbone OS Object PBX Private Box exchange PDH Plesiocronus Digital Hierarchy PoP Point of Presence POS Presentation Object RC Rete di Commutazione ROS Routing Object RT Rete di Trasporto RTG Rete Telefonica Generale SA Service Assurance SDH Syncronous Digital Hierarchy Simple Event Correlator SFM Surveillance and Fault Management SGF Sistema di Gestione Flussi SGSDH-NM Sistema di Gestione SDH - Network Manager SIP Session Initiation Protocol SLA Service Level Agreement SLO Service Level Objective SMALL Service Manager for AdsL Lines SNMP Simple Network Management Protocol SOA Service On Access THOR Topologic Hierarchic Object Retriever TNG The Next Generation TNT Topology Network Toolkit TT Trouble Ticket Trouble Ticket Management UNICA/C Unique Network Inventory Cooperating Automatisms/ Commutazione UNICA/D UNICA/Dati UNICA/T UNICA/Trasmissione VAS Value Added Services VDC Videocomunicazione VoIP Voice over IP VPN Virtual Private Network WDM Wavelength Division Multiplexing Vincenzo Asaro si è laureato in Ingegneria Elettronica presso l Università di Palermo nel Dal 1996 opera in Telecom Italia, nella Direzione Rete. Dopo una breve esperienza nell ambito dell esercizio della rete IP infrastrutturale dei sistemi di gestione (Dacon), si è occupato della progettazione e dell industrializzazione del backbone della Dacon e delle reti locali dei centri operativi. Dal 2000 al 2002 ha seguito lo sviluppo del sistema di accounting della rete e del datawarehouse dei dati di accounting della Rete (ULISSE). Dal 2001 si è occupato della progettazione e dell industrializzazione della componente di Network Assurance (sistemi di performance e di fault management) della Nuova Piattaforma di Gestione integrata per le reti dati pubbliche, in outsourcing ed Intranet. Dalla fine del 2003 ricopre l incarico di Program Manager per le soluzioni di Network Assurance delle reti di Telecom Italia. Francesca Mola si è laureata in Scienze dell Informazione nel Opera in TILAB dal 1991 dove si è inizialmente occupata di Protocolli OSI e di Conformance Testing, per poi affrontare la tematica della gestione di rete, ambito nel quale si è dedicata all analisi e definizione di requisiti, alla qualificazione funzionale e al governo delle performance. Dal 1997 al 2000 ha contribuito al deployment della piattaforma di gestione della rete SDH/WDM di Telecom Italia, coordinando gruppi operativi indirizzati al collaudo funzionale e prestazionale degli OSS e degli Element Manager. Dal 2001 partecipa al progetto della Nuova Piattaforma di Gestione per le Reti ed i Servizi Broadband di Telecom Italia come responsabile del collaudo dei sistemi di Network Assurance e contribuisce alle evoluzioni della Piattaforma di Assurance orientate alla completa reingegnerizzazione dell ambiente OSS. Filippo Piccirillo si è laureato in Ingegneria Elettrotecnica presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza nel Ha iniziato la sua attività in SIP (oggi Telecom Italia) nel 1982 nel Settore Energia occupandosi degli sviluppi innovativi e della accettazione dei sistemi di alimentazione per le Telecomunicazioni. È stato membro di diversi Comitati Tecnici nazionali collaborando alle attività internazionali del settore fino al Ha curato, dal 1990 nell Ingegneria dei Sistemi di Gestione, la definizione e la gestione dei Piani e dei Programmi, la Pianificazione e Progettazione impiantistica dei Centri Territoriali e la gestione degli ambienti di test e collaudo delle diverse tipologie dei Sistemi. A partire dal 1997 opera in Pianificazione Rete curando, inizialmente al Piano Strategico e successivamente alle Strategie, le valutazioni economico finanziarie delle iniziative strategiche, dell introduzione della tecnologia ADSL e dei Progetti di Work Force e di Trouble&Job Management e la definizione del Piano Economico della Rete. Attualmente alle Architetture, si occupa anche della valutazione dei Piani e dei Progetti Industriali di ottimizzazione delle risorse e della evoluzione Architetturale dei Sistemi di Gestione della Rete. Andrea Pinnola si è laureato in Ingegneria Elettronica presso il Politecnico di Torino (specializzazione in Telecomunicazioni) nel Dal 1987 al 1990 ha lavorato nello sviluppo di strumenti per il test sia funzionale che prestazionale di sistemi informatici e nello sviluppo di software di base e per automazione industriale. Dalla fine del 1990 ha avviato la sua collaborazione con TILAB (già CSELT) dove ha inizialmente lavorato per la qualificazione prestazionale dei sistemi di commutazione e dei nodi STP della Rete Intelligente. Dal 1990 al 1994 si è inoltre occupato delle problematiche di test dei servizi di Rete Intelligente e del sistema radiomobile GSM. Dal 1995 al 2000 ha seguito le problematiche di qualificazione dei sistemi di gestione ed è stato responsabile di Unità di Ricerca e di Centro di Competenza nell ambito della Direzione Gestione di CSELT. Dal 2001 è responsabile di progetti finalizzati verso TI Wireline e IT di Gruppo e si occupa della definizione, realizzazione ed inserimento in esercizio delle Piattaforme di Gestione delle reti e servizi a larga banda ed evolutivi, in particolare per gli aspetti di Delivery e di Network Assurance. 92 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 2 - Dicembre 2004

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO 4 NETWORK IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO Giancarlo Lepidi, Roberto Giuseppe Opilio 5 La rete di Telecom Italia ha un cuore antico e il suo futuro, con la sua capacità di innovarsi e di rimanere

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Comunicazioni video Avaya

Comunicazioni video Avaya Comunicazioni video Avaya Video ad alta definizione per singoli e gruppi a livello aziendale. Facile utilizzo. Ampiezza di banda ridotta. Scelta di endpoint e funzionalità. Le soluzioni video Avaya sfatano

Dettagli

Portfolio Prodotti MarketingDept. Gennaio 2015

Portfolio Prodotti MarketingDept. Gennaio 2015 Portfolio Prodotti Gennaio 2015 L azienda Symbolic Fondata nel 1994, Symbolic è presente da vent'anni sul mercato italiano come Distributore a Valore Aggiunto (VAD) di soluzioni di Data & Network Security.

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli