Fallimenti del mercato

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fallimenti del mercato"

Transcript

1 Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria informativa

2 Caratteristiche dei beni pubblici (puri) Assenza di rivalità nel consumo del bene: più soggetti possono beneficiare simultaneamente di quel bene senza per questo ridurre l utilità che essi traggono dal consumo. Detto in altri termini, per ciascun livello di produzione, il costo marginale per la sua fornitura ad un consumatore addizionale è nullo. Assenza di escludibilità: singoli individui non possono essere esclusi (o è molto costoso farlo) dal consumo di tale bene e, quindi, non è possibile ripartire i costi di produzione tra i soggetti tramite un prezzo.

3 Caratteristiche dei beni pubblici Esempi di beni non rivali e non escludibili Un faro una volta che è costruito e funzionante, il suo utilizzo da parte di una nave addizionale nulla aggiunge ai costi di gestione né gli individui possono essere esclusi dal suo utilizzo. La difesa nazionale: una volta che un paese ha provveduto alla propria difesa, il costo aggiuntivo è nullo e tutti i cittadini ne godono i benefici Televisione pubblica..

4 Beni pubblici impuri Molti beni considerati beni pubblici potrebbero non soddisfare del tutto le condizioni di non rivalità e non escludibilià: beni esclusivi ma non rivali Un segnale televisivo: una volta che il segnale è trasmesso il costo marginale di diffondere la trasmissione è nullo, ma il segnale può essere reso esclusivo con tecnologie di criptazione

5 Beni pubblici impuri Molti beni considerati beni pubblici potrebbero non soddisfare del tutto le condizioni di non rivalità e non escludibilià: beni non esclusivi ma rivali Un bel panorama è un bene pubblico se non c è affollamento, ma la qualità diminuisce all aumentare del numero di osservatori. Di conseguenza, un panorama può diventare rivale nel consumo. Un autostrada in un ora di scarso traffico: dato che esiste e non vi è congestione, il costo aggiuntivo di percorrerla è nullo ma si può fare pagare un pedaggio e farla così diventare rivale

6 Beni privati possono essere forniti dal settore pubblico Sono chiamati beni privati forniti pubblicamente. Il bene è rivale ed escludibile Esempi: l assistenza sanitaria l istruzione l edilizia popolare: è rivale nel consumo (ciascun nucleo familiare consuma un appartamento) ed escludibile (è facile impedire il consumo).

7 Quale fallimento è associato Sottoconsumo: anche se fosse possibile l esclusione, richiedere il pagamento di un bene non rivale impedisce ad alcuni di godere di tale bene anche se il loro consumo del bene non comporterebbe alcun costo marginale (inefficienza) Offerta insufficiente: se non è possibile imporre un prezzo non vi sarà incentivo a produrlo (inefficienza)

8 Quale fallimento è associato Quindi Se il bene è non rivale l esclusione non è desiderabile perché comporta sottoconsumo Ma senza esclusione l inefficienza prende la forma di offerta insufficiente BISOGNA trovare dei metodi non di mercato per la fornitura di questi beni.

9 Due tipi di problemi Per la proprietà della non rivalità del consumo, sembrerebbe ottimale che l intera collettività possa disporre del bene. Si pone così il problema determinazione della quantità ottima di beni pubblici da produrre Tuttavia, la collettività è chiamata a finanziare il costo di tale bene pubblico. Si pone così il problema del finanziamento.

10 Due tipi di problemi QUINDI, l esistenza di beni pubblici, solleva due tipi di problemi: determinazione della quantità ottima di beni pubblici da produrre, cioè individuazione della quantità di produzione che corrisponde al criterio di efficienza statica (cioè consumo che max utilità di ognuno senza diminuire quella degli altri). modi di finanziamento di tale quantità

11 La fornitura efficiente di beni privati Derivazione della domanda aggregata La curva di domanda di ciascun consumatore rappresenta la sua disponibilità a pagare per un unità aggiuntiva del bene Bene privato: tenendo P costante, sommare le quantità domandate individuali per ottenere Q Somma orizzontale

12

13 Equilibrio nel mercato di un bene privato L equilibrio si trova nel punto in cui la curva di offerta interseca la curva di domanda aggregata Tutti pagano il medesimo prezzo, P Gli individui consumano quantità differenti, Q Pareto efficienza (Vedi Rosen, 2007 p )

14 Fornitura efficiente di un bene pubblico Anche per decidere la fornitura efficiente di bene pubblico occorre confrontare il beneficio marginale con il costo marginale. Tuttavia, per calcolare il BM si deve considerare che non esiste rivalità nel consumo. Pertanto bisogna confrontare la somma delle disponibilità a pagare per un ulteriore unità di bene pubblico con il CM. Per fornire la quantità efficiente di un bene pubblico è necessario che la somma delle disponibilità a pagare dei cittadini per una ulteriore unità sia uguale al costo marginale

15 Fornitura efficiente di un bene pubblico Rappresentazione grafica Bene privato: tenendo P costante, sommiamo le quantità domandate individuali per ottenere Q Perché ogni consumatore consuma diverse quantità a un medesimo prezzo, sommiamo le quantità di bene che consumerebbero in corrispondenza di un certo prezzo (Somma orizzontale) Bene pubblico: tenendo Q constante, sommiamo le singole disponibilità a pagare per ottenere Q. Perché un bene pubblico deve essere consumato in quantità uguali, per ricavare la disponibilità complessiva a pagare sommiamo invece i prezzi che gli individui sono disposti a pagare per una certa quantità La disponibilità complessiva a pagare per un bene pubblico si trova sommando verticalmente le curve di domanda individuali (Somma verticale)

16

17 L efficienza nel mercato dei beni pubblici Simmetria tra beni privati e beni pubblici Nel caso di un bene privato, tutti hanno lo stesso MRS, ma ognuno può consumare quantità diverse (quindi le curve di domanda si sommano orizzontalmente) Nel caso di beni pubblici, tutti consumano la stessa quantità anche se ciascuno ha un suo MRS e per trovare la disponibilità complessiva a pagare si sommano le domande verticalmente

18 L efficienza nel mercato dei beni pubblici Tutti consumano la medesima quantità, Q. Il beneficio marginale del consumo varia da individuo a individuo. L efficienza richiede che la somma dei benefici marginali individuali sia pari al costo marginale.

19 Esempio numerico P P Consideriamo due individui, Adamo ed Eva, che hanno le seguenti curve di domanda e fronteggiano la curva di costo marginale riportata in basso. A E = 100 = 200 MC = Q Q Q E A Q Q A E = 200 2P = 200 P E A

20 Esempio numerico, bene privato Se il bene fosse un bene privato, la curva di domanda aggregata sarebbe: Q = QA + QE = ( 200 2PA) + ( 200 PE ) Con un bene privato, tutti pagano il medesimo prezzo. P = PA = P Q E = 400 3P

21 Esempio numerico, bene privato In un mercato concorrenziale, P = MC Q Q 2 = 400 3( Q) = 133, P = Vengono fornite approssimativamente 133 unità del bene a un prezzo di 88 dollari. Adamo consuma circa 24 unità ed Eva circa 112.

22 Esempio numerico, bene pubblico Supponiamo invece che il bene sia un bene pubblico. La curva di domanda aggregata è: 1 P = PA + PE = ( 100 QA) + ( 200 QE) 2 Con un bene pubblico, tutti consumano la medesima quantità. Q = QA = Q P = 300 E 3 2 Q

23 Esempio numerico, bene pubblico La condizione per la fornitura efficiente del bene pubblico è: P = MC 3 2 P = MC 300 Q = Q 2 3 Q , P Se il bene pubblico è fornito in misura efficiente, Adamo ed Eva consumano circa 138,46 unità del bene pubblico.

24 Determinazione quantità ottima In presenza di beni pubblici e privati, la letteratura fa riferimento condizione di Samuelson (1954, 1955), che stabilisce il criterio efficiente di allocazione delle risorse tra consumi privati e consumi pubblici: la somma dei saggi marginali di sostituzione tra beni pubblici e beni privati (cioè la somma che il consumatore i-esimo è disposto a pagare per poter disporre di una unità aggiuntiva del bene pubblico) deve essere uguale al saggio marginale di trasformazione tra consumi privati e consumi pubblici Σ SMS =SMT (Mentre in quelli privati SMS=SMT per ogni individuo) (Vedi Rosen, 2007 p. 53)

25 Finanziamento del bene Qual è lo schema ottimale di contribuzione? Se ogni consumatore dovesse pagare lo stesso ammontare (CT/numero consumatori, per esempio) allora i consumatori con UM più bassa preferirebbero non consumare il bene pubblico. Questa soluzione è subottimale, poiché il consumo aggiuntivo da parte di un soggetto non aumenta il costo totale. Poiché il consumo di bene pubblico è lo stesso e UM è diversa da consumatore a consumatore, la condizione di ottimalità richiede che ogni consumatore paghi un prezzo pari alla sua valutazione marginale del bene pubblico (condizione di Lindahl).

26 Finanziamento del bene Condizione di Lindahl. Il modello tenta di imitare il funzionamento del mercato nel fornire beni privati. L idea fondamentale di Lindahl è quella di organizzare l offerta di un bene pubblico in modo decentrato: a ciascun individuo viene assegnata un imposta per contribuire a finanziare il bene pubblico. Tale imposta agisce come un prezzo, ma si tratta di un prezzo personalizzato. Lo Stato agisce come banditore proponendo una quantità di bene pubblico e ricevendo in risposta le singole disponibilità a pagare alle quali vengono commisurate le imposte. Questa procedura viene iterata fino a quando tutti gli individui domandano la stessa quantità di bene pubblico.

27 Finanziamento del bene L equilibrio di Lindahl consiste in un insieme di prezzi-imposta (l ammontare che ogni individuo deve pagare se si produce un unità addizionale del bene pubblico) la cui somma è pari al costo marginale di produzione, tale che, dati tali prezzi-imposta, ogni individuo preferisce lo spesso livello di spesa. Dato che in corrispondenza dell equilibrio di Lindahl la somma dei benefici marginali uguaglia il costo marginale, è Pareto-efficiente.

28 Finanziamento del bene Limite della condizione di Lindahl: è difficile determinare la struttura di contribuzione, poiché occorre conoscere tutti i Saggi Marginali di Sostituzione (SMS) tra consumi privati e consumi pubblici per ogni cittadino. Nel caso di beni privati i tassi di sostituzione sono rivelati dal mercato e, nella posizione di ottimo, sono pari al rapporto tra prezzi di ciascuna coppia di beni. Nel caso di bene pubblico, il consumo è lo stesso per tutti gli agenti e non può essere aggiustato individualmente. Questa rigidità esclude la possibilità di stabilire un qualsiasi mercato per l appropriazione di beni pubblici.

29 Finanziamento del bene Per scoprire i SMS, occorrerebbe chiedere a ciascun membro della collettività di rivelare le proprie preferenze e dichiarare la propria disponibilità a contribuire al finanziamento del bene. Tuttavia, vi è un incentivo a non rivelare le vere preferenze ed assumere un comportamento da free rider: il bene pubblico è consumato da tutti nella medesima quantità, perciò la strategia dominante dal punto di vista individuale sarebbe quella di poter disporre del bene pubblico senza contribuire alla sua realizzazione o, comunque, non partecipando adeguatamente al suo finanziamento.

30 Finanziamento del bene Infatti, se i cittadini ritengono che essi saranno tassati sulla base della disponibilità a pagare manifestata, avranno l incentivo a sottovalutare il desiderio di bene pubblico, poiché godranno del bene che gli altri hanno richiesto senza sostenerne i costi. Perciò l offerta di tali beni sarà sottodimensionata rispetto alle reali esigenze di efficienza allocativa. Al contrario, se i cittadini ritengono che il loro contributo non è legato alle preferenze manifestate, allora la domanda di consumi pubblici sarà sovradimensionata rispetto al valore ottimale, poiché ciascuno riterrà che il maggiore onere ricadrà sugli altri. L intervento dell allocation bureau è quindi necessario non solo per produrre il bene pubblico, ma anche per cercare di scoprire le vere preferenze di ciascun cittadino.

31 Metodi per fare rilevare le preferenze Diversi sono i modelli proposti in letteratura finalizzati a conoscere le vere preferenze di ciascun cittadino in modo da determinare l offerta di un bene pubblico. Questi metodi includono: Incentivi meccanismi di tipo autoritario, nel quale un individuo o un gruppo ristretto di individui impone alla collettività di rendere disponibile una determinata quantità di beni pubblici; voto.

32 Incentivi (1) Una prima classe si richiama ai modelli di incentivi il cui scopo è quello di far sì che ogni cittadino abbia come strategia dominante quella di dire la verità (meccanismo di Vickery, quello di Clarke-Groves). Tale meccanismo prevede che a partire da una data quantità di bene pubblico, a ciascun utilizzatore sia richiesto un contributo al finanziamento di una unità aggiuntiva del bene. Tale contributo è pari alla differenza tra il costo marginale e la somma dei contributi di tutti gli altri individui.

33 Incentivi (2) Sia che gli individui abbiano rivelato correttamente sia che abbiamo falsato la loro disponibilità a pagare, il singolo contribuente ha convenienza a dichiarare la propria vera valutazione, al fine di spingere l offerta del bene pubblico verso il livello ottimale. Siccome questo ragionamento si applica a tutti i partecipanti, tutti riveleranno correttamente le proprie preferenze. LIMITE dei meccanismi di rivelazione delle preferenze tramite incentivi: sono molto costosi, cioè il totale dei pagamenti per dare i correttivi può essere molto elevato

34 Voto Il sistema di votazione prevede che gli individui determinino con il voto la quantità da rendere disponibile di beni pubblici. Tra le procedure di votazione per prendere decisioni in merito alla spesa pubblica due sono le principali: Voto all unanimità Voto a maggioranza

35 Voto all unanimità (1) L unanimità implica che una collettività di persone decida di scegliere lo stato sociale X, piuttosto che Y, se e soltanto se tutti i soggetti preferiscono X a Y; Il fondamento delle decisioni unanimi sta nell idea che debba essere difesa la libertà di ogni individuo nei confronti del resto della società: questa sarebbe, pertanto, la procedura democratica ideale per una società liberale; L unanimità sembra adatta a società i cui membri manifestino preferenze sufficientemente omogenee e per decidere su questioni nelle quali gli aspetti di efficienza siano prevalenti su quelli distributivi; Nel caso di differenti graduatorie individuali, la regola dell unanimità ha il significato di un diritto di veto che implica il prevalere dello status quo

36 Voto a maggioranza Nel sistema di votazione a maggioranza la proposta viene approvata se si pronuncia a favore la metà più uno dei votanti Tuttavia, essendo le preferenze sociali non transitive, l esito della votazione sul livello di bene pubblico può non essere definito: qualsiasi livello di spesa pubblica può essere preferito a qualsiasi altro. Se si può votare più volte saranno possibili più scelte, mentre se si può votare una sola volta, l esito della votazione dipenderà dall ordine nel quale le scelte vengono presentate ( paradosso del voto ).

37 Voto a maggioranza Votante Ordine di precedenza Cosimo Eliana Giorgio Primo A C B Secondo B A C Terzo C B A

38 Paradosso del voto Se si vota tra A e B, A vince per 2 voti a 1 Se si vota tra B e C, B vince per 2 a 1 Se si vota tra A e C, C vince 2 a 1 Risultato paradossale! Anche se le preferenze di ogni singolo votante sono coerenti, quelle della comunità non lo sono: dato che si preferisce A rispetto a B e B a C, A dovrebbe essere preferito a C, mentre è vero il contrario!

39 Manipolazione dell ordine del giorno Il risultato finale dipende dall ordine in cui si mettono ai voti le alternative: Se prima si vota tra A e B e poi la proposta vincente (A) si confronta con C, C è la scelta finale Se prima si vota tra B e C, la proposta vincente (B) si confronta con A, A è la scelta finale In questo modo si può organizzare l ordine della votazione per avere un certo risultato

40 Ciclicità del voto Un altro problema è che la collettività può andare avanti all infinito senza prendere una decisione: Tra A e B, vince A Se C viene opposto ad A, vince C Ma se B viene opposto a C, vince B

41 Teorema dell elettore mediano Ponendo alcune restrizioni (quale, per esempio, che le utilità nette abbiano un unico massimo preferenze unimodali) è possibile che il voto abbia un esito definito. Tuttavia, tale esito non è efficiente. Infatti, si dimostra che la regola del voto a maggioranza consente alle preferenze dell elettore mediano di determinare gli esiti del referendum, se le preferenze dell individuo sono unimodali (più un livello di spesa si avvicina al picco dell elettore, più questi lo preferisce).

42 Teorema dell elettore mediano Esempio di come la regola del voto a maggioranza consente alle preferenze dell elettore mediano di determinare gli esiti del referendum Votante Davide Margherita Bruno Alba Luigi Spesa Tutti i votanti preferirebbero una spesa di 5 euro piuttosto di nulla. Un aumento da 5 a 100 sarebbe approvato da Margherita, Bruno, Alba e Luigi Un aumento da 100 a 150 da Bruno, Alba e Luigi Qualsiasi spesa superiore a 150 sarebbe bocciata da Davide, Margherita e Bruno QUINDI la maggioranza voterà 150 che è la spesa preferita da Bruno, che è l elettore mediano

43 Teorema dell elettore mediano Limiti del teorema: non sempre i votanti hanno preferenze unimodali poiché solitamente le alternative di scelta hanno diverse dimensioni di confronto L esito del voto non è necessariamente efficiente, poiché si assegna uguale peso alle preferenze di ciascun cittadino, mentre l esito efficiente dovrebbe pesare ogni voto in base all intensità delle preferenze. Infine, gli individui possono esprimere un voto che non riflette le loro reali preferenze al fine di manipolare il risultato della votazione.

44 In conclusione I due processi attraverso i quali si potrebbero prendere decisioni collettive sui beni pubblici sono il voto a maggioranza e l equilibrio di Lindahl. Tuttavia, il voto può non produrre un equilibrio e quando lo fa non è in generale Pareto-efficiente. L equilibrio di Lindahl è efficiente, tuttavia gli individui non sono incentivati ad essere onesti nel fornire le informazioni necessarie alla sua realizzazione. Quindi non esistono sistemi credibili per organizzare le decisioni collettive che conducano a risultati efficienti e che non presentino i problemi del voto a maggioranza e dell equilibrio di Lindahl

45 In conclusione E possibile costruire un sistema di voto che trasformi l'insieme delle preferenze individuali in un ordinamento globale, accettabile per la società, in cui solo l'ordine, e non l'intensità delle preferenze individuali tra le diverse alternative, è utilizzabile per definire una regola decisionale? Teorema dell impossibilità di Arrow (Arrow Collective Choice and Individual Values, 1951)

46 Teorema dell impossibilità di Arrow Le decisioni sociali sono importanti perché come abbiamo visto non sempre un sistema decentrato (il mercato) risulta compatibile con l efficienza (es. beni pubblici) o ha esiti distributivi desiderabili. Ma decisioni collettive incontrano difficoltà. Poiché gli individui possono avere preferenze differenziate è chiaro che la regola sociale non può accontentare sempre tutti gli individui. A meno che non si supponga che una decisione sociale si possa prendere solo nei casi in cui tutti sono d accordo. Considerazioni di questo tipo spingono ad individuare alcune caratteristiche ( assiomi ), che è ragionevole siano rispettati da un regola di decisione sociale.

47 Teorema dell impossibilità di Arrow Si ipotizzi un mondo in cui esistono n individui e in cui si hanno m alternative oggetto di possibile scelta. Gli individui sono razionali e in grado di ordinare le m alternative (escludendo quindi l ipotesi di cardinalità). Che cosa significa ordinare alternative? Un ordinamento è un profilo di preferenze che rispetti le proprietà di: Riflessività: per ogni individuo l alternativa x è preferita almeno quanto se stessa. Completezza: se ci sono due alternative, x e y: o x>=y o y>=x Transitività: Se x è preferito a y (x>y) e y è preferito a z (y>z), allora x è preferito a z (x>z)] LA REGOLA DI DECISIONE SOCIALE ci deve permettere un ordinamento delle preferenze sociali e quindi deve generare un ordinamento a sua volta riflessivo, completo e transitivo. Questo è un primo e importantissimo assioma che deve essere rispettato.

48 Teorema dell impossibilità di Arrow Arrow ha proposto anche altri assiomi: Dominio non ristretto: la regola deve applicarsi a tutti i possibili profili Non dittatorialità: non è accettata una regola in cui le preferenze collettive coincidono con quelle di un solo individuo Unanimità: Se, con riferimento ad una coppia di alternative, tutti gli individui sono unanimi nel preferire una soluzione, la regola deve conformarsi a tale scelta. Indipendenza delle alternative irrilevanti: l ordinamento che si dà ad una coppia di alternative non deve dipendere dalla valutazione che gli individui hanno su coppie di alternative non considerate, ma dipende solo dagli ordinamenti che gli individui fanno rispetto alla coppia considerata

49 Teorema dell impossibilità di Arrow Arrow dimostra che è impossibile trovare una regola di decisione sociale (da qui il nome del teorema) in cui gli assiomi siano validi contemporaneamente Soluzioni al problema posto dal Teorema di Arrow: indebolimento dei requisiti elencati dal Teorema abbandono dell approccio basato sulle preferenze (cioè sulle utilità individuali) cd approccio welfarista per adottare approcci diversi

50 Riferimenti bibliografici Rosen H.S., 2007, Scienza delle Finanze, McGraw-Hill (capitolo 4 e capitolo 6) Stiglitz J. E., 2003, Economia del settore pubblico. Fondamenti teorici, Hoepli (capitolo 5 e 6)

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) I beni pubblici Alberto Zanardi Fallimenti del

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

I beni pubblici. Fallimenti del mercato

I beni pubblici. Fallimenti del mercato I beni pubblici Fallimenti del mercato Introduzione Esistono beni che non vengono offerti da imprese private ma, in misura ed in modi diversi, vengono offerti dal settore pubblico. Es. la difesa nazionale,

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Teoria delle Votazioni David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Economia pubblica. Alberto Zanardi

Economia pubblica. Alberto Zanardi Università di Bologna Scuola di Economia, Management e Statistica Corso di laurea CLEF Economia pubblica a.a. 2013-14 14 (8 crediti, 60 ore insegnamento) La funzione del benessere sociale Alberto Zanardi

Dettagli

Corso di Politica Economica Teoria delle votazioni

Corso di Politica Economica Teoria delle votazioni Corso di Politica Economica Teoria delle votazioni Prof. Paolo Buonanno Università degli Studi di Bergamo Funzione di Benessere Sociale Problema della scelta di un punto socialmente ottimale lungo la frontiera

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Capitolo 33: Beni Pubblici

Capitolo 33: Beni Pubblici Capitolo 33: Beni Pubblici 33.1: Introduzione In questo capitolo discutiamo le problematiche connesse alla fornitura privata dei beni pubblici, concludendo per l opportunità dell intervento pubblico in

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Equilibrio economico generale e benessere

Equilibrio economico generale e benessere Scambio Equilibrio economico generale e benessere Equilibrio economico generale e benessere (KR 12 + NS 8) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline Scambio 1 Scambio 2 3 4

Dettagli

massimizzazione del benessere sociale

massimizzazione del benessere sociale POLITICA ECONOMICA A.A. 2011-2012 Prof. Francesca Gastaldi TEORIA DELL ECONOMIA DEL BENESSERE (1930-1950) che studia il funzionamento di una economia di produzione e di scambio domandandosi quale debba

Dettagli

I beni pubblici: un problema di rilevazione delle preferenze

I beni pubblici: un problema di rilevazione delle preferenze Università degli Studi di Perugia Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e dell'amministrazione ECONOMIA E FINANZA PUBBLICA Enza Caruso Lezione n. 9-0 I fallimenti del mercato: lo Stato può

Dettagli

Economia del benessere

Economia del benessere Economia del benessere 1 Mercato e Stato Il problema principale che si pone è come e in quali condizioni i risultati economici che possono essere conseguiti attraverso il mercato garantiscono il rispetto

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE Nella Sezione 16.5 abbiamo visto come un regolatore che voglia fissare il prezzo del monopolista in modo da minimizzare la

Dettagli

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino

Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE. Docente: Gatto Antonino Corso di Laurea: Operatori pluridisciplinari e interculturali d'area mediterranea SCIENZA DELLE FINANZE Docente: Gatto Antonino Elaborazione: Dott.ssa Locantro Antonia Lucia I motivi dell intervento dello

Dettagli

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015 Domande a risposta multipla 1) Il primo teorema dell economia del benessere sostiene che: a) L equilibrio competitivo dipende dal potere contrattuale

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA

Corso di POLITICA ECONOMICA Corso di POLITICA ECONOMICA Giuseppe Croce Università La Sapienza - sede di Latina a.a. 2013-14 Queste slides non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati per la preparazione dell esame ma intendono

Dettagli

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA

STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA STATO E RIDISTRIBUZIONE DELLE RISORSE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE, FACOLTÁ DI SOCIOLOGIA A.A. 2008-2009 ANNA TEMPIA 2 LEZIONE LE RAGIONI DELL INTERVENTO PUBBLICO (PARTE SECONDA) BIBLIOGRAFIA: P.

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE ------------------------------------------------------------------------------ 3 2 L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003

F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003 F. Lapecorella E.Longobardi V.Peragine Appunti di Scienza delle finanze a.a. 2002-2003 Appunto n. 1: Il giudizio di efficienza di Ernesto Longobardi 8 ottobre 2002 1 Sovranità del consumatore vs paternalismo

Dettagli

Fallimenti del mercato

Fallimenti del mercato Fallimenti del mercato Il mercato fallisce quando non è in grado di raggiungere un ottimo socialmente soddisfacente in termini di efficienza ed equità Potere di mercato Esternalità Beni pubblici Asimmetria

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI BENEFICI Fondamento dell ANALISI COSTI BENEFICI è l idea che un progetto o una politica possono essere considerati validi dal punto di vista della società se i benefici

Dettagli

Capitolo 5. La teoria della domanda. Soluzioni delle Domande di ripasso

Capitolo 5. La teoria della domanda. Soluzioni delle Domande di ripasso Capitolo 5 La teoria della domanda Soluzioni delle Domande di ripasso 1. La curva prezzo-consumo mostra l insieme dei panieri ottimi di due beni, diciamo X e Y, corrispondenti a diversi livelli del prezzo

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza

Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza Crisi dell eurocentrismo e futuro dell umanesimo europeo: una prospettiva «economica» Michele Grillo Dipartimento di Economia e Finanza 1 Una premessa Sono consapevole di accingermi a uno sforzo temerario:

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

L EQUILIBRIO DEL MERCATO CONCORRENZIALE

L EQUILIBRIO DEL MERCATO CONCORRENZIALE L EQUILIBRIO EL MERCATO CONCORRENZIALE Un mercato concorrenziale è in equilibrio quando la domanda di mercato è uguale all offerta di mercato: p (p) p* (p) q* Il prezzo di equilibrio è tale che ( p* )

Dettagli

Le preferenze e la scelta

Le preferenze e la scelta Capitolo 3: Teoria del consumo Le preferenze e la scelta 1 Argomenti trattati in questo capitolo Usiamo le preferenze dei consumatori per costruire la funzione di domanda individuale e di mercato Studiamo

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Esercitazione 23 maggio 2016

Esercitazione 23 maggio 2016 Esercitazione 5 maggio 016 Esercitazione 3 maggio 016 In questa esercitazione, nei primi tre esercizi, analizzeremo il problema del moral hazard nel mercato. In questo caso prenderemo in considerazione

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

12.4 Risposte alle domande di ripasso

12.4 Risposte alle domande di ripasso Il monopolio 81 12.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Controllo su input fondamentali; economie di scala; brevetti; economie di rete; licenze governative. Nel lungo periodo il controllo sugli input

Dettagli

Esame di scienza delle finanze. Esercizi n.b. arrotondare i risultati alla quarta cifra decimale.

Esame di scienza delle finanze. Esercizi n.b. arrotondare i risultati alla quarta cifra decimale. Esame di scienza delle finanze Corso di laurea in Economia Aziendale prof. Peragine 21-12-2011 Esercizi n.b. arrotondare i risultati alla quarta cifra decimale. 1. (3 punti) Le disponibilità a pagare per

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

Gli strumenti di base della Finanza

Gli strumenti di base della Finanza 27 Gli strumenti di base della Finanza ECONOMIA FINANZIARIA L Economia Finanziaria studia le decisioni degli individui sulla allocazione delle risorse e la gestione del rischio VALORE ATTUALE Con il termine

Dettagli

CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione

CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione CAPITOLO 27 Credibilità e reputazione! La credibilità! La reputazione! Le tribolazioni (e la salvezza) dei monopolisti 1 ! La credibilità (1)! Consideriamo il gioco della minaccia. B combatte A sfida si

Dettagli

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione:

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione: 1 Lastoriadiun impresa Il Signor Isacco, che ormai conosciamo per il suo consumo di caviale, decide di intraprendere l attività di produttore di caviale! (Vuole essere sicuro della qualità del caviale

Dettagli

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere

Equilibrio Economico Generale ed Economia del Benessere Equilibrio Economico Generale ed Economia del enessere lessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 EQUILIRIO ECONOMICO GENERLE E ECONOMI

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Il monopolio (Frank, Capitolo 12)

Il monopolio (Frank, Capitolo 12) Il monopolio (Frank, Capitolo 12) IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza

Dettagli

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici

Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 16 2 Teorema economia benessere. Surplus produttore e consumatore. Esternalità e Beni pubblici Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Economia

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 7. Efficienza e scambio. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 7 Efficienza e scambio Pareto-efficienza L efficienza in senso economico ha una definizione ristretta che prende il nome da un economista italiano (Vilfredo Pareto) una allocazione è efficiente

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8)

Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) Limitazioni cognitive e comportamento del consumatore (Frank, Capitolo 8) RAZIONALITÀ LIMITATA Secondo Herbert Simon, gli individui non sono in grado di comportarsi come i soggetti perfettamente razionali

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Teorie del Benessere Sociale David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 14 Equilibrio economico generale (efficienza nello scambio) e fallimenti del mercato Facoltà di Scienze della Comunicazione

Dettagli

Politica Economica Avanazata. Lezione 17

Politica Economica Avanazata. Lezione 17 Politica Economica Avanazata Lezione 17 Alcune estensioni al modello di BG (Spector, European Economic Review, 48, 2004, 25-38 Due ipotesi importanti del modello di BG: 1. La funzione di produzione Y=N

Dettagli

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica (Gli esercizi sono suddivisi in base ai capitoli del testo di De Vincenti) CAPITOLO 3. IL MERCATO DEI BENI NEL MODELLO REDDITO-SPESA Esercizio.

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità La La rappresenta il canale principale attraverso il quale i consumatori ottengono informazioni sui prodotti. Nel 2006, le spese pubblicitarie in USA sono state pari al 2,2% 2% del PIL. In Italia, nel

Dettagli

9 a Esercitazione: soluzioni

9 a Esercitazione: soluzioni 9 a Esercitazione: soluzioni Corso di Microeconomia K, a.a. 009 00 Monica Bonacina (monica.bonacina@unibocconi.it) Corso di Microeconomia L Z, a.a. 009 00 Stefania Migliavacca (stefania.migliavacca@enicorporateuniversity.eni.it)

Dettagli

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI 30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepito, nel corso del 2008, i seguenti redditi: - Redditi da lavoro dipendente

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

A. Domande a Risposta Multipla (max 12 punti)

A. Domande a Risposta Multipla (max 12 punti) Esame di Politica Economica 2 appello Sessione Estiva A.A. 2010-2011 NOME E MATRICOLA: ISTRUZIONI: Utilizzate gli spazi indicati per le risposte Fogli addizionali possono essere consegnati solo con indicazione

Dettagli

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione CONDIVISIONE DEI RISCHI 1. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione di utilità Von Neumann-Morgenstern (VNM) 500Wi 5W U(W i ) = i 2 per W i 50 12500 per W i 50 : (1) La

Dettagli

Le altre forme di mercato

Le altre forme di mercato CL Medicina Veterinaria Anno Accademico 2014-15 Le altre forme di mercato 1 Critiche alla forma di mercato della concorrenza perfetta La forma di mercato della concorrenza perfetta (che è alla base di

Dettagli

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore Lezione 5 Argomenti Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore 5.1 PREESSA Nonostante le preferenze portino a desiderare quantità crescenti di beni, nella realtà gli individui non sono

Dettagli

Beni pubblici Esternalità

Beni pubblici Esternalità Beni pubblici Esternalità Corso di Politica economica a.a.2013-14 prof. Angelo Quarto 1 Economia e risorse scarse L economia si occupa dell allocazione ottimale delle risorse scarse: ossia tra usi alternativi

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

I ricavi ed i costi di produzione

I ricavi ed i costi di produzione I ricavi ed i costi di produzione Supponiamo che le imprese cerchino di operare secondo comportamenti efficienti, cioè comportamenti che raggiungono i fini desiderati con mezzi minimi (o, che è la stessa

Dettagli

Il mercato dei beni in economia aperta

Il mercato dei beni in economia aperta Il mercato dei beni in economia aperta La differenza tra economia aperta e chiusa In una economia chiusa tutta la produzione viene venduta entro i confini nazionali, la domanda nazionale di beni (la spesa

Dettagli

1.4 Risposte alle domande di ripasso

1.4 Risposte alle domande di ripasso Pensare da economisti 1 1.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Il costo opportunità di leggere un romanzo questa sera consiste nel non poter fare qualsiasi altra cosa avreste voluto fare in alternativa.

Dettagli

Introduzione all economia

Introduzione all economia Introduzione all economia 4.X.2005 Macro e microeconomia La teoria economica è divisa in due sezioni principali: la microeconomia e la macroeconomia La microeconomia studia il comportamento dei singoli

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Economia Pubblica il Monopolio Naturale

Economia Pubblica il Monopolio Naturale Economia Pubblica il Monopolio Naturale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline il Monopolio Naturale Il problema del Monopolio Naturale

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Problema aperto. Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo?

Problema aperto. Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo? Il comportamento dei tassi di cambio nel lungo periodo Problema aperto Come si determina il tasso di cambio atteso? il tasso di cambio di lungo periodo? Il comportamento dei tassi di cambio nel lungo periodo

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

I fallimenti del mercato

I fallimenti del mercato Esternalità I fallimenti del mercato Esternalità Quando una transazione tra un compratore e un venditore condiziona direttamente una terza parte, l effetto che questa subisce viene detto esternalità. In

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale adattamento italiano di Novella Bottini 1 Struttura della presentazione Domanda e offerta relative Benessere e ragioni di scambio Effetti della

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

Lezione n. 6. personale e investimento aziendale

Lezione n. 6. personale e investimento aziendale FINANZA AZIENDALE Lezione n. 6 Il mercato dei capitali fra consumo personale e investimento aziendale 1 SCOPO DELLA LEZIONE Introdurre il concetto cetto di COSTO O DEL TEMPO che è alla base di tutta la

Dettagli

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO

CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO CAPITOLO 1 OFFERTA DI LAVORO 1-1. Quante ore allocherà un individuo alle attività di tempo libero se le sue curve di indifferenza tra consumo e beni sono concave verso l origine? Il lavoratore o lavorerà

Dettagli

Le ragioni dell intervento pubblico

Le ragioni dell intervento pubblico Le ragioni dell intervento pubblico 1. COME VALUTARE GLI ESITI DEL MERCATO PRIVATO E DELL INTERVENTO PUBBLICO (L OTTIMO SOCIALE) 2. QUANDO IL MERCATO REALIZZA L OTTIMO SOCIALE 3. QUANTO IL MERCATO FALLISCE

Dettagli

Il comportamento del consumatore

Il comportamento del consumatore Il comportamento del consumatore Le preferenze del consumatore I vincoli di bilancio La scelta del consumatore Preferenze rivelate Utilità marginale e scelta del consumatore 1 Teoria del comportamento

Dettagli

I costi. Costi economici vs. costi contabili

I costi. Costi economici vs. costi contabili I costi Costi economici vs. costi contabili I costi economici connessi alla produzione di una certa quantità di output Y includono tutte le spese per i fattori produttivi. In altre parole, i costi economici

Dettagli

Concetti introduttivi

Concetti introduttivi Concetti introduttivi L Economia studia come gli individui, le imprese, il governo e le altre organizzazioni nella società, formulino le proprie scelte e come queste scelte determinino l utilizzo delle

Dettagli

Gli aspetti economici di stima

Gli aspetti economici di stima Gli aspetti economici di stima Generalità Per aspetto economico o criterio di stima si intende il tipo di valore che si intende attribuire a un bene economico. Per tipo di valore si intende uno schema

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli