Rapporto di Sostenibilità SKF in Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapporto di Sostenibilità 2010 2011. SKF in Italia"

Transcript

1 Rapporto di Sostenibilità SKF in Italia

2 The Power of Knowledge Engineering Visione Equipaggiare il mondo con la conoscenza SKF Missione Rafforzare la leadership mondiale della SKF e supportare una crescita redditizia per essere l azienda preferita dai nostri clienti e dai nostri concessionari dai nostri dipendenti dai nostri azionisti Indicatori Profitto Qualità Innovazione Velocità Sostenibilità Valori Responsabilizzazione Etica Apertura Lavoro di gruppo Indice Sustainability: Mario Fanteguzzi Giorgio Bruno Matteo Richiardone Riccardo Napione Tel Fax Per ulteriori informazioni: SKF Industrie S.p.A. Via Pinerolo Airasca (TO) Tel Lettera agli Stakeholders 3 SKF e Sostenibilità 17 Business Care 31 Environmental Care 47 Employee Care 59 Community Care 67 Glossario

3 Lettera agli Stakeholders In un quadro economico che ha registrato una ripresa significativa dopo la repentina caduta dei livelli produttivi verificatasi a partire dalla fine del 2008, SKF esce rafforzata dalla esperienza del biennio precedente. SKF infatti ha reagito agli eventi adottando una strategia di ottimizzazione delle risorse e di coinvolgimento delle maestranze, ottenendone strumenti di ulteriore competitività utili sia per superare lo scenario negativo sia per affrontare e soddisfare più efficacemente le richieste della successiva ripresa. I principi della sostenibilità, ormai parte integrante dei processi decisionali SKF, hanno rappresentato anche in questi frangenti una guida efficace verso gli obiettivi di sviluppo responsabile che il Gruppo persegue da un paio di decenni. Sono così entrati a far parte dei programmi aziendali concetti quali lo Zero Waste (eliminazione sprechi e riduzione dei costi), l Eco Portfolio (sviluppo di prodotti più efficienti e/o dedicati ad applicazioni ecosostenibili), la Background Energy (riduzione consumi elettrici improduttivi), la certificazione LEED (sostenibilità ambientale dei nuovi insediamenti), la Business Excellence (massimo coinvolgimento di tutti nel miglioramento continuo, verso l eccellenza operativa). Tutto ciò si affianca a principi ormai consolidati come il BeyondZero (contributo alle prestazioni ambientali dei clienti), lo Zero Accidents (massima attenzione alla sicurezza dei lavoratori) o la riduzione delle emissioni di CO 2. Una citazione particolare merita l iniziativa Responsible Demand Chain, con la quale il Gruppo SKF ha voluto coinvolgere anche i propri fornitori, ad iniziare dai più significativi, nella condivisione degli stessi principi di etica degli affari e del rispetto dell uomo che tutti coloro che lavorano in azienda sono tenuti a testimoniare giorno dopo giorno in ogni aspetto del proprio comportamento. È proprio l etica, infatti, la solida base sulla quale SKF si impegna a fondare tutte le proprie iniziative e attività, in ossequio ai principi espressi dal Codice di Comportamento adottato già da lungo tempo. Questo Rapporto vuole offrire, come ogni anno, una rassegna su come i temi della sostenibilità o, meglio, delle quattro aree dell SKF Care, siano interpretati nell ambito delle realtà italiane del Gruppo, con particolare attenzione alle persone e alle loro esigenze. A queste sono dedicate, tra l altro, le sempre più numerose proposte di SKF per me, il welfare aziendale. Grazie a tutti coloro che con il loro impegno hanno portato, anche quest anno, l SKF un gradino più in alto nella scala della sostenibilità. Giuseppe Donato Aurelio Nervo Giampaolo Ceva Presidente Amministratore Delegato Direttore Risorse Umane SKF e Sostenibilità 1

4

5 SKF e Sostenibilità 4 Il Gruppo SKF 5 SKF in Italia 5 Variazioni societarie 6 La Sostenibilità per SKF 8 L organizzazione della Sostenibilità 9 L interesse, il coinvolgimento e la comunicazione 9 Gli impegni e i riconoscimenti internazionali 9 La Politica Sociale SKF 10 La Politica SKF Ambiente, Salute e Sicurezza 11 Six Sigma e Sostenibilità 12 Business Excellence e Sostenibilità 13 Mobility management e Company cars 13 La gestione dei rischi (Risk Management) 13 Attività di audit dei rischi e visite di prevenzione sinistri in Italia 14 Progetto SEPTAS edizione Progetto SCH_I edizione SKF Incident Reporting System

6 Il Gruppo SKF Il Gruppo SKF è leader mondiale nella fornitura di prodotti, soluzioni applicative e servizi nei settori dei cuscinetti volventi, degli elementi di tenuta, della meccatronica, dei sistemi di lubrificazione e dei servizi tecnici; questi ultimi comprendono la consulenza tecnica, i servizi di manutenzione e di monitoraggio delle condizioni di lavoro e di usura dei componenti meccanici e la formazione professionale. Fondata a Göteborg, in Svezia, nel 1907, SKF divenne rapidamente una Società di livello mondiale, espandendosi fin dagli Anni Venti in tutti i cinque continenti; oggi è presente in più di 130 Paesi. Il Gruppo SKF conta circa 100 Siti produttivi e una rete commerciale basata su proprie Società di vendita, supportate da circa distributori e da un sistema di e-business efficiente e largamente utilizzato. SKF raggruppa il proprio patrimonio tecnologico in cinque piattaforme: Cuscinetti e unità, Tenute, Meccatronica, Sistemi di lubrificazione e Servizi. Utilizzando le competenze di tali piattaforme, SKF sviluppa soluzioni personalizzate per i propri clienti, aiutandoli a migliorare le prestazioni, ridurre i consumi di energia e contenere i costi, incrementando al contempo il valore aggiunto per SKF. L attività SKF è soprattutto organizzata in tre Divisioni: Industrial Division e Service Division, che curano rispettivamente il mercato OEM (di primo montaggio ) e quello dei ricambi aftermarket del settore industriale, mentre l Automotive Division cura entrambi questi mercati per il settore automobilistico. SKF opera in circa 40 segmenti di mercato, come ad esempio quelli di automobili e autocarri leggeri, energia eolica, ferrovie, macchine utensili, medicale, alimentare e cartario. Il Gruppo SKF nel suo complesso detiene la certificazione globale ISO del Sistema di gestione ambientale e OHSAS del Sistema di gestione salute e sicurezza; tutte le attività sono inoltre coperte da certificazione di qualità secondo lo standard ISO 9001 o gli standard richiesti da specifici settori industriali, come ISO TS (per il settore Automotive), AS 9100 (per il settore dell aviazione) o IRIS (per il settore Railway). L impegno dei settori di ricerca e sviluppo ha dato origine ad innumerevoli innovazioni che sono diventate nuovi prodotti e soluzioni standard nel mondo dei cuscinetti; nel corso del 2010 le domande di registrazione di nuovi brevetti sono state ben 251. Per SKF la sostenibilità è definita SKF Care, e comprende Business Care, Environmental Care, Employee Care e Community Care. Nell ambito di queste quattro aree principali sono definiti progetti e obiettivi specifici per conseguire il miglioramento continuo delle prestazioni. BeyondZero è un impegno, lanciato nel 2005, con il quale SKF si pone l obiettivo di perseguire la minimizzazione degli impatti ambientali negativi dovuti alle proprie attività industriali mentre i clienti ottengono effetti positivi grazie all utilizzo delle soluzioni fornite da SKF, con un bilancio complessivamente positivo. BeyondZero influenza lo sviluppo di tutti i prodotti e di tutte le proposte SKF. L anidride carbonica (CO 2 ) è il più significativo gas a effetto serra prodotto dalle attività SKF. Il Gruppo ha stabilito da alcuni anni l obiettivo di riduzione delle proprie emissioni di CO 2 del 5% all anno, indipendentemente dai volumi produttivi. A fine 2010 i dipendenti erano , mentre il fatturato del Gruppo SKF è stato di milioni di corone svedesi (pari a circa milioni di euro). 4 SKF e Sostenibilità

7 SKF in Italia In Italia, SKF è rappresentata da: SKF Industrie S.p.A., principale consociata italiana del Gruppo, impegnata nella produzione e nella commercializzazione di cuscinetti volventi e di componenti industriali; gli Stabilimenti sono situati ad Airasca (TO), Bari, Cassino (FR), Massa, Torino e Villar Perosa (TO). Ad Airasca si trova anche il Logistics Services Centre, polo logistico SKF in Italia; unità e filiali commerciali si trovano a Torino, Bologna e Milano. I dipendenti sono complessivamente RFT S.p.A., specializzata nel settore dei componenti tecnici in gomma e metallo; RFT opera con i due Stabilimenti di Villanova d Asti e di Gazzada Schianno (VA) e 702 dipendenti. Somecat S.p.A., specializzata nella produzione di cuscinetti di alta precisione, con uno Stabilimento a Pianezza (TO) e 178 dipendenti. SKF Lubrication Systems Italy S.r.l. (già Berger Vogel S.r.l.), con sede a Milano, che opera nel settore dei sistemi di lubrificazione centralizzata, con 17 dipendenti. SKF Economos Italia S.r.l., con sedi a Verona, Milano, Torino e Parma, specializzata nella progettazione e produzione di guarnizioni e sistemi di tenuta su misura, con 30 dipendenti. GLO S.r.l., produttore di giunti omocinetici e semiassi completi per il mercato automobilistico, con uno Stabilimento a Poggio Rusco (MN) e 43 dipendenti. Variazioni societarie OMVP S.p.A. di Villar Perosa è stata ceduta al gruppo Neumayer Tekfor nel mese di Gennaio SKF BSS S.p.A. di Torino ha cessato l attività produttiva a fine 2010; le attività di riparazione mandrini sono confluite in SKF Industrie, mentre la produzione di viti a ricircolo di sfere è stata dismessa. Berger Vogel S.r.l. ha cambiato denominazione sociale in SKF Lubrication Systems Italy S.r.l. ed è passata sotto l intero controllo di SKF Industrie S.p.A. a seguito dell acquisizione del restante 51% delle quote avvenuta a Febbraio Dati economici sulle vendite delle società italiane del Gruppo SKF Dati in milioni di euro SKF Industrie ,3 891,1 SKF BSS* 3 3,8 5,8 OMVP** 80 71,1 121,3 RFT 98 71,7 103,8 SKF Lubrication Systems 4 3,5 5,5 Somecat 26 15,6 28,2 Economos 4 3,2 4,3 GLO 9 8,1 14,6 * Cessata attività a fine 2010 ** Ceduta a Gennaio 2011 SKF e Sostenibilità 5

8 Numero di dipendenti al 31/12/2010: Airasca (TO) SKF Industrie Cuscinetti per mozzi ruota e Logistics Services Centre Bari SKF Industrie Cuscinetti radiali rigidi Bologna SKF Industrie Filiale commerciale Cassino SKF Industrie Cuscinetti radiali rigidi e cam follower Massa SKF Industrie Cuscinetti e supporti per varie applicazioni Milano SKF Lubrication Systems Società commerciale che opera nel campo dei sistemi di lubrificazione centralizzata Milano SKF Industrie Filiale commerciale Pianezza (TO) Somecat Cuscinetti di alta precisione Poggio Rusco (MN) GLO Produzione di giunti omocinetici e semiassi completi Torino SKF BSS* Viti rettificate a ricircolo di sfere e revisione mandrini Torino SKF Industrie Filiale commerciale e SKF Solution Factory Varese RFT Componenti tecnici in gomma e metallo Villanova d Asti RFT Componenti tecnici in gomma e metallo Villar Perosa (TO) OMVP** Anelli forgiati, torniti e rollati Villar Perosa (TO) SKF Industrie (TBU) Cuscinetti per ferrovie Villar Perosa (TO) SKF Industrie (Avio-SuPB) Cuscinetti di alta precisione e cuscinetti per l industria aerospaziale SKF Economos (Verona, Milano, Torino, Parma) Progettazione e produzione di guarnizioni e sistemi di tenuta su misura * Cessata attività a fine 2010 ** Ceduta a Gennaio 2011 La Sostenibilità per SKF In quanto Società globale che opera in ogni parte del mondo, il Gruppo SKF ha una rilevante sfera di influenza in campo ambientale e sociale e ha pertanto scelto di applicare i più elevati standard nel campo della sostenibilità in tutte le sue sedi, indipendentemente dalle leggi e dalle consuetudini di carattere locale. La sostenibilità è considerata dal Gruppo SKF sia come guida indispensabile delle proprie attività sia come fattore di successo per il raggiungimento dei traguardi economico-finanziari e della crescita di lungo periodo, in ottica di sviluppo responsabile; per questo motivo gli indicatori strategici sono ora cinque: profitto, qualità, innovazione, velocità e sostenibilità. La sostenibilità in SKF è identificata in quattro aree, dedicate rispettivamente al business, all ambiente, ai dipendenti e alla comunità. Per ognuna di queste aree sono definiti temi e traguardi sui quali concentrare le attività di miglioramento continuo. Il concetto chiave della Business Care è che SKF deve raggiungere i propri obiettivi finanziari di lungo periodo e garantire un buon ritorno economico agli azionisti investendo nelle persone e nelle iniziative industriali, mantenendo in primo piano l etica degli affari e trasferendo valore ai clienti. SKF richiede l applicazione di alti livelli di integrità morale e di etica di comportamento non solo ai propri manager e dipendenti ma anche ai propri partner commerciali. A tal fine, al Codice di Comportamento destinato ai dipendenti SKF si sono aggiunti negli ultimi tempi il Codice SKF di Comportamento per i distributori autorizzati e il Codice SKF di Comportamento per i fornitori di prodotti e servizi. 6 SKF e Sostenibilità

9 Il concetto BeyondZero coniato da SKF e lanciato nel 2005 definisce la strategia di Gruppo che consiste nel lavorare contemporaneamente per ridurre gli impatti ambientali delle proprie attività e per fornire ai clienti soluzioni tecnologiche e prodotti e servizi innovativi che contribuiscano a loro volta alla riduzione dei loro impatti ambientali. Ciò comporta la verifica e il monitoraggio degli impatti sia diretti che indiretti dovuti ai processi produttivi SKF e la valutazione del miglioramento delle prestazioni ambientali che i clienti conseguono adottando le soluzioni energeticamente ed ambientalmente più efficienti proposte da SKF. Un esempio tangibile di tale contributo all efficienza è costituito dalla famiglia di cuscinetti E2 (SKF Energy Efficient bearings), il cui sviluppo è avvenuto nell ambito del programma europeo EU-Life. L Environmental Care si basa fondamentalmente sul sistema di gestione ambientale secondo lo standard internazionale ISO Tutte le unità SKF sono coperte dal 1998 da un unica certificazione di Gruppo, che comprende attualmente 98 Siti dislocati in 29 Paesi. La certificazione ISO viene progressivamente estesa alle unità di nuova acquisizione. Il Gruppo stabilisce ed aggiorna periodicamente obiettivi ambientali pluriennali, che ogni unità deve recepire e perseguire. Al fine di garantire l applicazione dei più avanzati standard di compatibilità ambientale ai progetti di nuovi insediamenti, il Gruppo SKF ha deciso che ogni nuova costruzione dovrà essere realizzata secondo lo standard internazionale LEED (Leadership in Energy and Environmental Design, sviluppato dall US Green Building Association) o equivalente. certificato comprendeva 98 Siti distribuiti in 29 Paesi. L iniziativa Zero Incidenti, lanciata da SKF oltre dieci anni fa, condensa la visione e l obiettivo-guida del Gruppo in tema di sicurezza, con risultati significativi. Anche la WCA (Working Climate Analysis), il processo di valutazione dell ambiente e del clima lavorativo che coinvolge ogni anno i dipendenti, tende a dare sempre maggiore centralità alle persone e alle loro necessità, migliorando i rapporti e la collaborazione fra colleghi e l applicazione dei valori e dei principi aziendali. La Community Care, che è rivolta al mondo che circonda le realtà SKF, in tutti i 130 Paesi in cui sono presenti, si concretizza in progetti di sostegno a situazioni di difficoltà attraverso incentivi al volontariato, sponsorizzazione di attività sportive, aiuti a scuole e formazione e, in generale, a chi si trova in condizioni di necessità. I valori e i principi etici di comportamento, così come l impegno verso l ambiente e in campo sociale, sono diffusi con vari documenti formali, come l SKF Commitment che comprende il Codice di Comportamento SKF e altre Politiche di Gruppo, che riguardano ogni tipo di attività svolta in ambito SKF e si ispirano a principi internazionalmente riconosciuti come, ad esempio, l UN Global Compact. Employee Care significa attenzione alle persone ed alle condizioni di lavoro, ad iniziare dagli aspetti di sicurezza. Ciò è testimoniato innanzitutto dalla certificazione del sistema di gestione della salute e della sicurezza dei lavoratori, che il Gruppo SKF ha conseguito nel 2005 secondo lo standard internazionale OHSAS A fine 2010 tale SKF e Sostenibilità 7

10 L organizzazione della Sostenibilità Al vertice della sostenibilità SKF si colloca la Direzione denominata SKF Corporate Sustainability, che definisce e diffonde le politiche, le strategie, le linee-guida e gli obiettivi in tema di sviluppo sostenibile. A decorrere dal 2011, tale struttura originariamente compresa nella Direzione Risorse Umane è entrata a far parte della Direzione Affari Legali di Gruppo, alla quale già rispondevano le attività di auditing. L attuazione dei programmi relativi alla sostenibilità fa capo alle strutture organizzative delle Divisioni e a quelle su base nazionale e locale, con compiti ben definiti e integrati fra loro secondo una matrice di competenze. In ogni Divisione è nominato un Sustainability Manager, mentre in ogni Paese in cui si trovano unità produttive o di logistica è nominato un EHS Country Coordinator (Coordinatore nazionale EHS); questi cura i rapporti fra il Gruppo e gli Stabilimenti e sovrintende alla realizzazione a livello locale delle attività riguardanti ambiente, salute e sicurezza. Alcuni EHS Country Coordinator costituiscono l EHS Audit team, che provvede ad effettuare i Group audit di conformità ai requisiti SKF e alle norme di legge in tutti i Siti del Gruppo. A livello italiano, la gestione dei problemi legati ad ambiente, salute e sicurezza è sotto la responsabilità della Direzione Risorse Umane SKF Industrie, cui fa capo il Sustainability Manager, che sovrintende alle attività: dell EHS Country Coordinator sopra citato che diffonde alle realtà locali le direttive, le procedure ed i progetti di Gruppo ed i riferimenti normativi, fornendo supporto e consulenza per la loro applicazione e verificandone i risultati con sessioni di audit; dell Energy Manager, che svolge i compiti di consulenza ai Siti per la corretta gestione delle risorse energetiche come richiesto dalla legge 10/91 e per la contrattualistica del loro approvvigionamento; dei responsabili di progetti specifici, come SKF per me e altri. Anche il Responsabile Sanitario riporta alla Direzione Risorse Umane e coordina l attività dei medici e delle sale mediche dei Siti fornendo le linee-guida della gestione sanitaria e la consulenza di supporto alla sua applicazione. Il coordinamento della prevenzione dei rischi legati a forme di copertura assicurativa primo fra tutti l incendio è invece compito del Risk Manager, che riveste posizione sovranazionale e, pur con sede ad Airasca, è inserito nella struttura organizzativa SKF Reinsurance. A livello di ogni Sito produttivo sono nominati: un Responsabile EHS, che sviluppa il Sistema di gestione ambiente, salute e sicurezza locale e ne coordina l applicazione svolgendo contemporaneamente anche la funzione di Responsabile del servizio di prevenzione e protezione, con i relativi adempimenti di legge; un Energy Coordinator, che programma e gestisce gli interventi di risparmio energetico e di riduzione delle emissioni di CO 2. La Direzione di Gruppo riceve aggiornamenti periodici sull andamento delle prestazioni relative ai temi della sostenibilità attraverso il sistema di reporting Compass, che oggi comprende tutte le informazioni su emissioni di CO 2, infortuni, consumi, smaltimenti, audit e altro ancora. 8 SKF e Sostenibilità

11 L interesse, il coinvolgimento e la comunicazione SKF e le sue prestazioni nel campo della sostenibilità sono oggetto di interesse in ambito internazionale da parte di diversi soggetti (i cosiddetti Stakeholders), come i clienti, gli analisti finanziari, le organizzazioni no-profit, gli studenti, gli investitori (in particolare i fondi di investimento dei settori etico-sociali), gli azionisti, i dipendenti, i fornitori e le autorità e comunità nazionali e locali. SKF mantiene un atteggiamento attivo nell informare gli Stakeholders sulle proprie iniziative e sui risultati in tema di sostenibilità, attraverso periodici comunicati stampa, il sito web, conferenze, meeting e il Sustainability Report di Gruppo, che è verificato da un ente indipendente per garantirne la trasparenza e la correttezza. La comunicazione verso gli Stakeholders è effettuata anche attraverso convegni organizzati per coinvolgere nei principi, negli obiettivi e nei risultati innanzitutto manager e dipendenti, poi investitori, fornitori e clienti. Annualmente si tengono, ad esempio, le assemblee dei due organi di rappresentanza dei dipendenti SKF, il World Works Council (a livello mondiale) e l European Works Council (a livello europeo), durante le quali sono discusse direttamente con il management di Gruppo le problematiche dei lavoratori. Un esempio dell importanza attribuita da SKF al punto di vista e all opinione degli Stakeholders è rappresentato dal lancio dell iniziativa denominata Responsible Demand Chain (vedi pag. 27). L idea iniziale di diffondere la richiesta di adozione di un Codice di Comportamento analogo a quello SKF nella propria catena di fornitura a partire dai cosiddetti Major Suppliers si è poi evoluta in un progetto di coinvolgimento più specifico dei fornitori nel rispetto dei principi etici, grazie anche alla spinta favorevole giunta dal mondo finanziario. Gli impegni e i riconoscimenti internazionali Impegno fondamentale del Gruppo SKF è condurre la propria attività imprenditoriale e raggiungere i propri obiettivi finanziari rispettando al contempo sia le norme di legge che i principi etici universalmente riconosciuti; tale impegno è formalizzato di fronte agli Stakeholders con vari documenti, come il Code of Conduct e una serie di Politiche, che costituiscono le linee-guida di tutti i settori di attività. SKF collabora da Settembre 2006 all iniziativa Global Compact delle Nazioni Unite, che ha lo scopo di diffondere e rafforzare i principi del rispetto dei diritti umani, delle regole del lavoro, della salvaguardia dell ambiente e della lotta alla corruzione; a questa iniziativa partecipano soggetti privati e organizzazioni di carattere sociale, per rispondere alla sfida della globalizzazione promuovendo la realizzazione di un economia sostenibile. SKF aderisce inoltre alla Dichiarazione ILO (Organizzazione Internazionale del Lavoro) e alle linee-guida OECD per le imprese multinazionali, che forniscono indicazioni per il perseguimento dello sviluppo sostenibile attraverso investimenti e iniziative di collaborazione fra clienti e fornitori a livello globale. La Politica Sociale SKF Nel 2006 SKF ha emanato una Politica Sociale per promuovere l impegno dell azienda e dei suoi dipendenti in iniziative a favore di chi ne ha bisogno, come il sostegno all istruzione, alla salute, alle attività sportive e al volontariato. L impegno sociale può essere espresso con attività personali o con contributi economici dell azienda. Per maggiori informazioni e dettagli si rimanda alla sezione Community Care a pag. 60 e seguenti. SKF e Sostenibilità 9

12 La Politica SKF Ambiente, Salute e Sicurezza La prima Politica ambientale SKF è stata pubblicata nel 1989, è stata aggiornata nel 1994 e nel 1999 e infine rivista nel 2002 per diventare Politica EHS (Ambiente, Salute e Sicurezza). La Politica EHS descrive i principi e gli impegni di breve e lungo termine del Gruppo SKF per la salvaguardia dell ambiente, per la prevenzione dei rischi e la protezione della salute dei lavoratori. Obiettivi e programmi EHS Gli obiettivi fissati a livello di Gruppo hanno carattere pluriennale e richiedono il raggiungimento di traguardi progressivi. Il programma attuale prevede: la riduzione delle emissioni di CO 2, nella misura del 5% all anno; la riduzione della background energy, nella misura del 10% rispetto al biennio precedente; la prosecuzione dell iniziativa Zero Incidenti finalizzata alla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali in tutti i Siti SKF del mondo; la riduzione entro il 2012 del 50% di consumo di solventi rispetto ai valori del 2007; coinvolgimento e collaborazione con i Major Suppliers, ai quali è stato richiesto di adottare un Codice di Comportamento contenente gli stessi principi di quello SKF; il riciclo dei fanghi di rettifica, per il quale il Gruppo ha definito l obiettivo di riciclare l 80% dei fanghi di rettifica prodotti entro il 2012; l eliminazione del PCB dalle apparecchiature elettriche; la riduzione dei consumi idrici per alcuni Siti. 10 SKF e Sostenibilità

13 La Carta delle imprese per lo sviluppo sostenibile (o Carta dei sedici principi) è stata pubblicata dalla Camera di Commercio Internazionale (ICC) quasi vent anni fa. SKF fu tra le prime Società a sottoscriverla ed a seguirne i dettami della valutazione preliminare degli impatti ambientali di prodotti, processi e servizi; la valutazione periodica dei rischi e la programmazione delle azioni preventive sono poi diventate parte integrante del Sistema di gestione ambientale di tutti i Siti SKF. In quest ottica si inserisce il progetto di includere fra i principi di progettazione SKF la valutazione dell LCA (Life Cycle Assessment), che analizza l impatto ambientale del prodotto dalla culla alla tomba, a partire dall uso di materie prime e di energia per costruirlo per finire alla sua riciclabilità a fine vita. Non meno importante è l attenzione per la sicurezza dei prodotti SKF, che sono spesso impiegati in applicazioni critiche per l incolumità delle persone. Oltre ad applicare le più avanzate tecniche di calcolo e di sperimentazione ed a seguire gli standard internazionali imposti dai vari settori di mercato, SKF cura la predisposizione di dettagliate procedure di uso e manutenzione, destinate a garantire sia la sicurezza che l efficienza dei prodotti forniti. I risultati ottenuti da SKF nel campo dello sviluppo sostenibile hanno ricevuto anche nel 2010 alcuni riconoscimenti da soggetti internazionali. Il Dow Jones Sustainability Index e l FTSE4Good Index sono due indici di riferimento internazionalmente riconosciuti per la classificazione delle prestazioni delle società multinazionali nei settori economico, ambientale e sociale. Il Gruppo SKF è stato inserito per l undicesimo anno consecutivo nel Dow Jones Sustainability Index, nel settore IEQ Industrial Engineering, e per il decimo anno consecutivo nell FTSE4Good Index Series. SKF è inoltre inserita dal 2005 nell Ethibel PIONEER & EXCELLENCE Investment Registers e viene monitorata per la sua CSR (Corporate Social Responsibility). Six Sigma e Sostenibilità Six Sigma è un approccio metodologico e culturale finalizzato a ridurre le difettosità di un processo o di un prodotto attraverso la diminuzione della varianza. SKF ha iniziato ad utilizzare questo strumento già all inizio degli anni 2000 e da allora lo sta applicando sempre di più in ogni Divisione e Business Unit del Gruppo. I progetti di miglioramento sono sviluppati da due livelli di project leader: il Green Belt, che si focalizza su problemi inerenti il proprio lavoro quotidiano, e il Black Belt, che sviluppa progetti interdivisionali e/o internazionali. A supporto di queste due figure vi è il Master Black Belt, che ha il compito di garantire la corretta applicazione della metodologia, tracciare le linee guida, formare e diffondere in azienda la cultura Six Sigma e guidare i Black Belt nei loro progetti. Six Sigma è rivolto principalmente alla soddisfazione dei clienti senza tuttavia perdere di vista il profitto. Per questo motivo è richiesto che ogni progetto permetta di ottenere dei risparmi attraverso un miglioramento dell efficienza del processo o del prodotto. Six Sigma e Sustainability possono creare un ottima sinergia, in un ottica di sempre maggiore integrazione tra l attenzione per l ambiente e gli strumenti necessari a tal fine. I progetti dedicati a Sustainability ed Energy Saving sono oggetto di una particolare categoria a livello di Six Sigma database proprio per sottolinearne l importanza e per meglio monitorarne l andamento. SKF e Sostenibilità 11

14 Business Excellence e Sostenibilità Nel 2010, la SKF ha lanciato un iniziativa denominata Business Excellence, finalizzata ad apportare valore ai clienti nel modo più efficace ed efficiente possibile, attraverso l utilizzo completo della conoscenza dei dipendenti e dei partner, oltre che del patrimonio tecnologico aziendale. Lo strumento applicativo è rappresentato dal Bridge of Business Excellence illustrato nel box sottostante. All interno del Bridge troviamo degli importanti concetti legati alla sostenibilità, in particolare il principio il nostro impegno (tradotto dall inglese we care ). Infatti, la promozione di una cultura sostenibile è una delle basi per il miglioramento continuo; questo principio del Bridge pone a tutti i dipendenti degli obiettivi legati alla creazione di un ambiente di lavoro sempre più sicuro e focalizzato sull efficienza nell utilizzo delle risorse naturali. Il concetto di Business Excellence va ad integrare le numerose iniziative promosse dal Gruppo SKF nel corso degli anni, quali il consolidato sistema di gestione globale della qualità, l SKF Six Sigma e il Manufacturing Excellence, che hanno già prodotto ottimi risultati. L integrazione dei principi Six Sigma con quelli di Manufacturing Excellence permette di affrontare con successo un numero crescente di casi problematici rilevati all interno del posto di lavoro, nell ambito del programma quotidiano di Manufacturing Excellence. In questa fase si creano proficue opportunità di collaborazione con il Responsabile EHS di Stabilimento, che partecipa ai vari livelli decisionali per l adozione immediata di soluzioni ai problemi rilevati o per la programmazione di azioni correttive e preventive. The Bridge of Business Excellence L SKF Bridge of Business Excellence (il ponte SKF dell eccellenza operativa) rappresenta il ruolo svolto dalla SKF e dai propri clienti e fornitori nei processi che generano flusso di valore, nonché i principi e i valori che lo sostengono. Alla base del ponte, che rappresenta i processi aziendali SKF, ci sono i cinque principi ispirati ai valori SKF e supportati dai metodi che consentono alla SKF di conseguire i propri risultati: Lavoro standardizzato (garantisce che operiamo per soddisfare le esigenze dei clienti in modo efficace ed efficiente). Dipende da me (assicura che i nostri risultati soddisfino le aspettative dei clienti). Il nostro impegno (rispetto reciproco, verso l interno così come verso l ambiente esterno). Flusso guidato dal cliente (punto di partenza per garantire che ogni nostra azione apporti valore per il cliente). Miglioramento continuo (la continua sfida tesa a migliorare il contesto lavorativo abituale, eliminando gli sprechi per aumentare la soddisfazione dei clienti e la competitività). 12 SKF e Sostenibilità

15 I benefici misurabili comprendono soprattutto la riduzione degli sprechi, dei tempi di consegna e dei costi. Meno facilmente misurabili, seppure altrettanto importanti, risultano essere il profondo impegno e il coinvolgimento nelle iniziative di miglioramento continuo dimostrati dai dipendenti SKF. L integrazione fra Business Excellence e attività di miglioramento delle problematiche di ambiente e sicurezza rappresenta un obiettivo portante dei programmi di gestione EHS 2011 a livello di Gruppo. La gestione dei rischi (Risk Management) In sintesi presentiamo qui di seguito le attività effettuate nel corso del 2010 dalla struttura di Risk Management in Italia, d intesa con la Compagnia di Assicurazione Interna del Gruppo SKF, la SKF Reinsurance Co. Ltd. (SKF RE), con sede a Göteborg. Mobility management e Company cars Gli Stabilimenti con oltre 300 dipendenti che si trovano in Comuni ad elevato inquinamento atmosferico appositamente individuati da delibere regionali sono tenuti, in forza del decreto ministeriale del 27 Marzo 1998, a nominare un Mobility Manager che ha il compito di studiare le modalità di trasporto casa-lavoro e proporre soluzioni a minor impatto ambientale. I Siti SKF italiani che rientrano nel campo di applicazione di questa normativa sono: Villar Perosa Avio-SuPB, Airasca, RFT Villanova d Asti, RFT Varese, Cassino e Bari. I principali Stabilimenti, situati fuori da aree urbane, mettono a disposizione, già da molti anni, un servizio di trasporto collettivo su tutti i turni di lavoro. Il Mobility management è uno strumento che dovrà essere sviluppato e applicato per fornire un contributo significativo alla politica della sostenibilità. In conformità alle linee-guida di Gruppo, le auto aziendali in uso a personale SKF devono rispettare alcuni parametri in tema di sicurezza e ambiente, con un limite di emissioni di 185 grammi di CO 2 al chilometro. Dal 2007 tutte le auto aziendali acquisite rispettano questo limite. Attività di audit dei rischi e visite di prevenzione sinistri in Italia Come si verifica da più anni, nel corso del 2010 ogni Sito produttivo e Magazzino in Italia è stato visitato dal Risk Manager di area competente e dai servizi di Risk Engineering della compagnia di assicurazione property del Gruppo SKF (FM Global). A valle di queste visite sono state formalizzate delle raccomandazioni atte a diminuire la frequenza dei sinistri (raccomandazioni di elemento umano o di prevenzione) e delle raccomandazioni atte a diminuire la gravità dei sinistri (raccomandazioni di controllo del rischio o di protezione fisica). Le raccomandazioni di prevenzione insieme a quelle di protezione fisica relative alla gestione di liquidi infiammabili e combustibili sono considerate prioritarie dal Gruppo e la loro implementazione deve essere pianificata a cura delle unità locali ed è soggetta a verifica periodica da parte della struttura di Risk Management su base semestrale. SKF e Sostenibilità 13

16 Le azioni di miglioramento strategiche che normalmente richiedono investimenti consistenti (suggerite per evitare impatti sul cosiddetto business risk ) sono invece analizzate in appositi Loss Prevention Council cui partecipano, oltre a SKF RE, anche i membri del management delle Divisioni. Per l Italia nel corso del 2010 il Gruppo ha approvato l investimento per l installazione di un impianto sprinkler a protezione totale del magazzino internazionale di Airasca, comprensivo di una nuova riserva idrica e di una stazione di pompaggio dedicata. I lavori per l installazione dell impianto inizieranno nel mese di Settembre del 2011 e termineranno nel primo trimestre del Progetto SEPTAS edizione 2010 Nel corso del 2010 la funzione di Area Risk Management è stata impegnata, per il quinto anno consecutivo, nel progetto SEPTAS (SKF Emergency Plan Testing And Simulation) che consiste in una attività di test di scenari di emergenza e simulazioni a tavolino ( table top ) di eventi di crisi. Le simulazioni table top in cui sono stati coinvolti tutti gli Stabilimenti italiani sono stati un interruzione totale della attività produttiva superiore a 24 ore e l implicazione in procedimento penale di un membro del management di Sito. Le simulazioni sul campo hanno considerato scenari di incendio, di spandimento di liquidi pericolosi e di emergenza sanitaria. In ogni caso viene effettuato un contestuale test di evacuazione totale del personale. Grazie alla collaborazione tra Area Risk Management e Comitato Regionale Piemonte di Croce Rossa Italiana (CRI), anche nel 2010 alcuni Monitori volontari della CRI hanno assistito ai test degli Stabilimenti, fornendo supporto attivo nella fase di emergenza sanitaria. L attività SEPTAS è stata documentata attraverso la produzione di un report (in lingua italiana per il management di Sito e in inglese a beneficio di SKF RE) in cui ad ogni Sito è stato assegnato un punteggio di valutazione del test, delle risorse umane e tecniche e della documentazione del piano di emergenza. Varese, il miglior Sito italiano del Progetto SEPTAS edizione 2010, è stato premiato con la consegna di una targa da parte del Country Manager in occasione del meeting annuale dei Responsabili EHS Italia tenutosi a Pianezza ad Aprile Una fase di una simulazione SEPTAS. L Ing. Nervo consegna il premio SEPTAS 2010 ad un rappresentante dello Stabilimento di Varese. 14 SKF e Sostenibilità

17 Progetto SCH_I edizione 2010 Sin dal 2009, secondo quanto previsto dalla Group Communication Policy di SKF, ad integrazione dei Piani di Emergenza di Sito è stato redatto un manuale denominato SCH_I (SKF Crisis Handbook_ Italy) che si prefigge di trattare la tematica della comunicazione all interno dell Azienda e tra quest ultima e ogni soggetto terzo, includendo delle procedure finalizzate ad una valutazione rapida delle situazioni potenzialmente dannose e dei metodi per affrontarle efficacemente. Nel mese di Novembre 2010 per la prima volta il Comitato di Crisi di SKF Italia è stato soggetto ad una attività di test effettuata con il supporto di una società di consulenza esterna (Marsh Risk Consulting Services) che ha verificato l applicazione delle procedure dello SCH_I in un caso di rapimento di un dipendente. SKF Incident Reporting System Sin dal 1994 esiste in SKF un sistema informativo di risk management (RMIS= Risk Management Information System) per il reporting on-line di tutti gli incidenti che causano anche piccoli danni al patrimonio, all ambiente e all attività. Esaminando le statistiche relative agli incidenti riportati dai Siti del Gruppo SKF dal 1998 al sino alla fine del 2010 (circa casi), possiamo notare che l incendio rappresenta la tipologia più frequente di evento dannoso, i danni da spandimento accidentale sono la seconda più frequente tipologia di incidente riportato, ma con una frequenza di gran lunga inferiore, seguiti dalle perdite d acqua e dai danni di natura elettrica, dai furti e infine dai danni da fumo, da evento atmosferico, e dai guasti al macchinario. Queste otto tipologie di incidente costituiscono circa l 82% del totale degli incidenti riportati. In Italia gli incidenti da incendio segnalati nel corso del 2010 sono stati 5 ed hanno fortunatamente avuto impatto assai limitato. L unico danno con impatto significativo è stato causato da un violentissimo temporale abbattutosi il 5 Agosto del 2010 sullo Stabilimento di Massa, che ha causato l allagamento delle aree interrate del fabbricato Impianti, fortunatamente senza conseguenze sull attività produttiva. Guasti al macchinario 2% Altri tipi (specificati) 10% Danni meteo 3% Danni da fumo 3% Furti 4% Altri tipi (non specificati) 8% Incendi 52% Danni di natura elettrica 5% Perdite d acqua 6% Spandimenti 7% La distribuzione storica delle cause di incidente in SKF ( ). SKF e Sostenibilità 15

18

19 Business Care 18 L iniziativa BeyondZero 19 Il cuscinetto, l ambiente e la sicurezza 19 L auto diventa sostenibile 19 SKF Low Weight Hub Bearing Unit 21 Low Friction X-Tracker 21 SKF fornisce servizi tecnologici per la nuova sportiva elettrica Venturi Fétish 22 SKF Drum Support Unit, la lavatrice diventa sostenibile 23 Oltre il cuscinetto: prodotti e servizi SKF a favore dell ambiente e della sicurezza 23 SKF Solution Factory 24 La tecnologia delle cinque piattaforme 24 SKF Solution Factory ed efficienza energetica 25 Attuatori SKF per lo yacht ibrido 26 Il Codice di Comportamento SKF ( Code of Conduct ) 27 Responsible Demand Chain 28 L Organismo di Vigilanza e il decreto legislativo 231/2001

20 La lotta alla corruzione è uno dei pilastri fondamentali su cui si basa una crescita economica etica e consistente : questo principio è stato adottato nel 2004 dall UN Global Compact, la più grande iniziativa mondiale di etica imprenditoriale. SKF applica le linee-guida sia UN Global Compact che OECD per le imprese multinazionali, adottando il principio di inderogabile etica di comportamento nella gestione degli affari societari, delle trattative commerciali, dei contratti di approvvigionamento e di fornitura dei propri prodotti e servizi. Riveste altrettanta importanza la responsabilità di un azienda nello sviluppare, produrre e commercializzare prodotti, soluzioni e servizi che rispondano alle necessità dei clienti e siano assolutamente sicuri per l impiego cui sono destinati; aderendo volontariamente alla Carta delle imprese per lo sviluppo sostenibile (ICC Chart), SKF applica il principio dell approccio precauzionale nella fornitura di prodotti e servizi. L iniziativa BeyondZero Oltre a seguire i principi sopra esposti, SKF si impegna a fornire ai propri clienti prodotti e servizi che costituiscano supporto al miglioramento della loro efficienza energetica; questo è lo spirito del concetto BeyondZero, che è parte del patrimonio culturale del Gruppo. SKF si è impegnata a realizzare i propri obiettivi industriali in modo da minimizzare ogni impatto negativo e contemporaneamente generare effetti positivi sull ambiente, coniando nel 2005 il termine BeyondZero per identificare un iniziativa nata da un idea assolutamente innovativa: utilizzare la conoscenza SKF per fornire anche ai propri clienti gli strumenti per conseguire obiettivi di risparmio energetico e di salvaguardia ambientale, ottenendo un saldo globale di segno positivo dopo aver compensato gli impatti delle attività del Gruppo SKF. Questo impegno porta SKF a sviluppare e porre in commercio prodotti e soluzioni ad alta efficienza energetica così come ad adottare tecnologie e pratiche di risparmio energetico nell ambito dei propri processi produttivi. 0 Attività interne SKF Contributo dei prodotti e dei servizi SKF - + BeyondZero Obiettivo Ridurre gli impatti negativi e aumentare gli impatti positivi interni ed esterni a SKF in modo che il bilancio complessivo sia positivo e in crescita continua. Rappresentazione grafica del concetto BeyondZero. 18 Business Care

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.)

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.) La stazione di rifornimento M. Rea (SOL S.p.A.) Chi è SOL Il Gruppo SOL Fondata nel 1927, SOL è una multinazionale italiana presente in 23 paesi con oltre 2.500 dipendenti. SOL è focalizzata in due aree

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C Maggiore efficienza per i motori elettrici Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C E l e v a t i v a n t a g g i p e r i l C l i e n t e I cuscinetti radiali rigidi a sfere Generation C... 35

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

Mod. Il rivoluzionario ammodernamento per il tuo Ascensore

Mod. Il rivoluzionario ammodernamento per il tuo Ascensore Mod Il rivoluzionario ammodernamento per il tuo Ascensore DIAMO VALORE AL VOSTRO EDIFICIO u v x OTIS presenta l ammodernamento con una tecnologia innovativa ad alta efficienza energetica u w v Azionamento

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB La nostra tecnologia. Il vostro successo. Pompe n Valvole n Service Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB 02 Introduzione Rapidi, affidabili e competenti da oltre 140

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Sistemi di collaudo Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Un Gruppo che offre risposte mirate per tutti i vostri obiettivi di produzione automatizzata e di collaudo ESPERIENZA, RICERCA, INNOVAZIONE

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli