PROTOCOLLO DEL PROGRAMMA idiet DI RIEDUCAZIONE ALIMENTARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTOCOLLO DEL PROGRAMMA idiet DI RIEDUCAZIONE ALIMENTARE"

Transcript

1 PROTOCOLLO DEL PROGRAMMA idiet DI RIEDUCAZIONE ALIMENTARE

2 INDICE Come nasce la dieta proteica 3 Concetti metabolici nella dieta proteica 4 Il funzionamento metabolico della dieta proteica 6 Programma IDiet 3 fasi per una alimentazione corretta Il programma IDIET 9 Le 3 fasi del programma IDIET 10 Controindicazioni all'alimentazione aminoacidica 14 Programma IDIET: possibili effetti collaterali 15 L'attività fisica 16 Come proporre il programma IDIET 17 L'alimentazione aminoacidica - Fase 1 18 L'alimentazione proteica - Fase 2 19 L'alimentazione con i carboidrati - Fase 3 20 L'indice glicemico 21 2

3 Come nasce la dieta proteica Il concetto di dieta a bassissimo contenuto calorico, PSMF (Protein Sparing Modified Fast), fu ideata negli anni 70 dal dr. Blackburn. La scarsa quantità dei substrati proteici e della carenza di potassio facilitarono il sorgere di problemi cardiaci che resero la PSMF una preda facile per gli attacchi scientifici. Queste carenze vennero presto risolte e la metodica prese rapidamente piede in Europa e in particolare in Francia dove si capì l importanza delle fonti (caseina, albumina, soja) e delle caratteristiche organolettiche per questo tipo di dieta. Un evoluzione successiva alle proposte di Blackburn e delle diete iperproteiche stile Atkins fu data dal professor Marineau che ideò il jeune Proteinè (digiuno proteico). La dieta viene considerata sicura ed efficace anche dal Ministero della Salute Americano mentre in Europa si continua a testare il suo successo, non solo nel breve periodo ma anche a lungo termine. Il Ministero Finlandese della Salute indica la dieta proteica come giusto mezzo per la prevenzione dell obesità associata a fattori di rischio (diabete tipo 2, dislipidemia, ipertensione, intolleranza al glucosio). Anche nel nostro paese furono verificati gli effetti del dimagrimento, nel miglioramento del trofismo cutaneo, nel trattamento della cellulite e dell adiposità localizzata. 3

4 Concetti metabolici nella dieta proteica La dieta proteica riesce ad essere incisiva anche nei soggetti con adipostià localizzate e con Massa corporea (BMI Body Mass Index) nella norma. Proteine, lipidi e carboidrati sono detti macrocontenuti e vengono utilizzati in maniera massiccia dall organismo; il loro contenuto energetico è esprimibile in calorie. Per sintetizzare le proteine e i lipidi l organismo umano ha bisogno di un corretto apporto di alcuni aminoacidi e alcuni grassi (detti essenziali). Gli ultimi macro contenuti possono essere facilmente sintetizzati e, in caso di un basso livello di carboidrati nella dieta, l organismo è in grado di realizzarli spontaneamente attraverso le vie metaboliche intermedie partendo dalle proteine e/o dai lipidi. Per questo i pazienti sovrappeso possono servirsi di un alimentazione costituita da proteine animali, pochi acidi grassi con un apporto di glucidi semplici per un periodo più o meno lungo. Sostituendo le proteine animali del tutto o in parte con pasti costituiti da proteine ad alto valore biologico, la neoglucogenesi sarà accentuata. Quest ultima è il primo presupposto metabolico delle diete proteiche. Tale meccanismo biochimico avviene nei parenchimi epatico e renale. La dieta proteica Concetti metabolici nella dieta proteica Proteine ad alto valore biologico Riduzione dei Glucidi Riduzione dei Lipidi Interazione Insulina / Glucagone Concetti metabolici nella dieta proteica Proteine ad alto valore biologico Riduzione dei Glucidi Riduzione dei Lipidi 4 Nuovo rapporto Glucagone /Insulina

5 Nella dieta giornaliera è importante anche un apporto, seppur in piccole quantità, di insulina e questo è possibile attraverso l assunzione di carboidrati semplici a basso indice glicemico. In questo modo si evita l abbassamento del metabolismo basale, si favorisce la ritenzione di sodio e potassio e l accumulo di corpi chetonici viene impedito; inoltre i globuli rossi hanno sempre a disposizione una fonte di energia. Una quantità maggiore di glucagone viene rimessa in circolo a causa della concentrazione ematica dell insulina, che in questa fase è notevolmente ridotta. La liposi è un meccanismo messo in atto dal glucagone e avviene nelle cellule del tessuto adiposo. Un diverso rapporto insulina/glucagone da origine alla liposi del tessuto adiposo. La dieta proteica SAZIETÀ + insulina - glucagone = EFFETTO ANABOLICO DIGIUNO + glucagone - insulina = EFFETTO CATABOLICO + ossidazione di glucosio + sintesi di glicogeno + sintesi di lipidi + sintesi proteica + glicogenolisi + gluconeogenesi + lipolisi + chetogenesi 5

6 Il funzionamento metabolico della dieta proteica La glucagonemia induce il catabolismo dei trigliceridi con perdita di peso rapida. La massa magra è salvaguardata dall apporto di proteine ad alto valore biologico. La chetogenesi indotta procura un discreto controllo alla fame. Il modesto apporto di glucidi semplici e la neo-glucogenesi epatorenale proteggono il S.N., la midollare dei surreni e gli eritrociti. Per un buon funzionamento dei tessuti è indispensabile la biodisponibilità del glucosio. Un soggetto adulto, in condizioni normali, necessita di 180g/ die di glucosio per soddisfare i bisogni di energia del Sistema Nervoso e dei globuli rossi. L organismo può trasformare autonomamente alcuni aminoacidi ed il glicerolo in glucosio. Una volta garantito un sufficiente apporto proteico e di trigliceridi diminuisce il bisogno alimentare di carboidrati. Una bilancia calorica negativa (c.a. 800 calorie/die), una protezione della massa muscolare e una bilancia azotata positiva sono gli obiettivi della dieta proteica. Vediamo ora cosa avviene quando un paziente in sovrappeso viene sottoposto a una dieta proteica. 6

7 Programma IDiet 3 FASI PER UNA ALIMENTAZIONE CORRETTA 7

8 Per dimagrire correttamente bisogna perdere il grasso in eccesso mantenendo intatta la massa magra e il tono muscolare. Quest ultimo è spesso compromesso dalle diete tradizionali. Il programma IDiet permette di perdere peso facilmente curando la massa muscolare. Il programma dietetico di alimentazione proteicoaminoacida si differenzia dalle altre terapie dietetiche. Esso si basa sulla quantità e sulla qualità dell apporto proteico e, se opportunamente gestito dal medico, può indirizzare il paziente verso una giusta ed equilibrata nutrizione. Il programma IDiet mira a una riduzione dei glucidi e dei lipidi attraverso il consumo di proteine o, meglio ancora, di aminoacidi. Esso permette, grazie al nuovo bilanciamento dell insulina-glucagone che si instaura nell organismo, la riduzione della massa del tessuto adiposo. 8

9 IL PROGRAMMA idiet Il programma idiet segue tre punti fondamentali che permettono di realizzare risultati estetici: 1. La rieducazione del paziente attraverso un approccio comportamentale severo; 2. La protezione delle strutture nobili dell organismo con l apporto di aminoacidi; 3. Uno studio personalizzato degli apporti alimentari per paziente; Per la riuscita della dieta, idiet propone al paziente prodotti dietetici di sapore e formato sempre nuovi, al fine di soddisfare i gusti di ciascun paziente. B.M.I. (Body Mass Index, ossia l indice di massa corporea) è indicatore dello stato di peso forma ed è dato dalla seguente relazione: B.M.I. = Peso Corporeo Altezza² L indice di massa corporea varia a seconda di alcuni elementi quali età, sesso, fattori genetici, alimentazione ecc.. Situazione peso Min Max Obeso classe III 40,00 Obeso classe II Obeso classe I Sovrappeso Regolare Sottopeso Grave magrezza < Per misurare meglio la percentuale della massa magra sarebbe opportuno utilizzare un impedenziometro, uno strumento medicale utile anche in questo campo. 9

10 LE 3 FASI DEL PROGRAMMA IDIET Il dimagrimento 1 Fase L alimentazione Aminoacidica L alimentazione aminoacidica È consigliabile e semplice ed è ottima per i pazienti motivati Non ha limitazioni nelle quantità di verdure (solamente quelle concesse) In caso di controindicazioni consultare il medico Quantità: minimo 4 preparati al giorno Durata: giorni 2 Fase L alimentazione Proteica È una tappa necessaria dopo il 1 step Può essere alternata con il 1 step Quantità: minimo 3 preparati al giorno Durata: non meno di 20 giorni 10

11 La transizione 3 Fase L alimentazione con i Carboidrati È una dieta ipocalorica che reintroduce progressivamente i carboidrati nei pasti. È necessario favorire l attività motoria. Quantità: 2-3 preparati al giorno. Durata: non meno di 4-6 settimane. 11

12 QUALI SONO LE INDICAZIONI DEL PRO DELL ALIMENTAZIONE AMINOACIDICA Il programma idiet non è rivolto solo a coloro i quali desiderano perdere massa grassa, ma anche a chi deve modificare le cattive abitudini alimentari. È una dieta consigliata poiché tiene conto delle necessità e disponibilità del paziente in funzione dell obiettivo prefissato. INDICAZIONI Obesità: L alimentazione aminoacidica è adatta quando l Indice di Massa Corporea supera i 30. Sovrappeso: Si ha quando l Indice di Massa Corporeo è compreso tra 25 e 30. In questo caso i pazienti che vogliono perdere qualche chilo possono attenersi alle fasi 2 e 3 del PROGRAMMA Idiet I rischi del sovrappeso: La dislipidemia e l intolleranza ai glucidi sono dei parametri biologici che possono essere normalizzati attraverso il programma idiet. Altre problematiche che possono trovare rimedio con questo trattamento sono l ipertensione arteriosa e l insufficienza respiratoria cronica che può causare apnee nel sonno. Conseguenze sull apparato locomotorio: Se la Massa Magra (pelle, muscoli, legamenti, ossa) viene danneggiata si mette a rischio l apparato locomotorio. Il programma idiet aiuta a diminuire la Massa Grassa senza Intaccare la Massa Magra. La menopausa: Durante questo periodo, il peso delle donne tende ad aumentare. Per tenerlo sotto controllo è consigliata l integrazione o l eventuale sostituzione di alcuni pasti. Il peso forma: Il recupero del peso forma è garantito con il programma idiet. La fase pre-operatoria: Questa dieta è consigliata anche a chi deve perdere peso in vista di un operazione di chirurgia generale e chirurgia estetica. Diabete non insulino dipendente tipo 2: Se il paziente dovesse essere affetto da diabete non insulino dipendente di tipo 2 è necessario monitorarlo attentamente. 12

13 GRAMMA IDIET E I VANTAGGI VANTAGGI Rapido dimagrimento: è possibile perdere 3-5 kg e notare una diminuzione volumetrica già nei primi giorni di dieta. Scomparsa del senso di fame: l effetto dei corpi chetonici sul centro encefalico preposto fa sì che la fame scompaia tra le 48 e le 72 ore. In questo modo è facile mantenere un alimentazione ipocalorica senza fare uso di farmaci. Salvaguardia della massa magra: per l azione degli aminoacidi non si corre il pericolo di intaccare la M.M. (Massa Magra) che, al contrario, è incrementata. Tolleranza perfetta: è facile avere successo in questa dieta anche grazie all effetto psicotonico procurato dalla rapidità del risultato. Risultati estetici: i primi risultati visibili sono la riduzione del volume addominale unito alla scomparsa del senso di gonfiore. Benessere ritrovato: le formule dei preparati sono garantiti e certificati e realizzano un ottimo supporto nutrizionale. Facilità d impiego: è disponibile un ampia varietà di scelta nei sapori. È semplice da preparare perché non vi è bisogno di pesare gli alimenti ma le buste possono essere sciolte con un po d acqua e uno shaker. 13

14 CONTROINDICAZIONI ALL ALIMENTAZIONE AMINOACIDICA Una dieta esclusivamente aminoacidica può presentare delle controindicazioni assolute o relative anche gravi. Delle prime fanno parte le malattie cardiache, celebrali e su base vascolare (come infarto, disturbi del ritmo cardiaco o insufficienza cardiaca), diabete insulino-dipendente, insufficienza renale (creatinemia >1,5 mg/dl) o epatica, tumori ed epatie. Non sono da escludere psicosi, disordini comportamentali (soprattutto alimentari come anoressia, bulimia, tossicodipendenza, alcolismo). Tra quelle relative troviamo invece ipokaliemia (da correggere e controllare prima di cominciare le 3 fasi), allergie (ad alcuni alimenti come uova, latte, glutine, soia e aspartame), iperglicemia, colelitiasi (può causare disturbi digestivi nel primo periodo della dieta), nefrolitiasi (è importante che l apporto idrico sia > 2-3 litri al giorno). Per soggetti in periodo di crescita è bene consultare il pediatra. 14

15 PROGRAMMA IDIET: POSSIBILI EFFETTI COLLATERALI Alito acetonico: disturbo correggibile attraverso spray privi di zuccheri. Stipsi/ Dissenteria: possono essere causati dal cambio di alimentazione. È bene controllare che l apporto idrico, di fibre e di sali minerali siano corretti. Mal di testa: è dovuto all aumento improvviso dei corpi chetonici. Non ci sono controindicazioni sull uso di un farmaco antalgico. Nausea, crampi, vertigini e stanchezza: verificare che l apporto i sodio e potassio siano corretti (l apporto di K consigliato è di 3g/die). Ciclo mestruale variabile: potrebbe essere causato dal mutamento improvviso di alimentazione e al nuovo equilibrio endocrino. Fame: presente nei primi 2-3 giorni, durante i quali i corpi chetonici lavorano per bloccare il centro encefalico preposto. Non interrompere la dieta ma in casi di necessità è consentito l inserimento di verdure (solo quelle concesse) e/o un ulteriore preparato. Allergie: rare ma non da escludere. Pelle secche, perdita di capelli e sensazione di freddo: può essere causato dalla carenza di vitamine, minerali o altre componenti. Tenere sotto controllo la tiroide. 15

16 L ATTIVITA FISICA Il dimagrimento Durante la fase chetogenica è importante svolgere dell attività fisica e bere parecchia acqua. Sono fortemente sconsigliate le bevande zuccherine che interferirebbero con la chetogenesi. Le attività fisiche consigliate sono quelle aerobiche, come camminata veloce o bicicletta, e non ci sono controindicazioni per quelle anaerobiche tuttavia è importante svolgere dei controlli medico-sportivi. La transizione e il mantenimento Per consolidare i risultati ottenuti è importante continuare con l attività fisica durante le fasi di transizione e mantenimento. Attraverso l attività atletica non è possibile perdere chili qualora la dieta non fosse adatta, però è possibile mantenere un corpo tonico e allenato che risponderà meglio di un organismo a riposo. Indicazioni utili Un individuo adulto dovrebbe svolgere un attività fisica moderata per almeno 150 minuti la settimana e un attività aerobica più intensa per 75 minuti ogni settimana. Le serie consigliate sono di 10 minuti ciascuna andando ad intensificare l allenamento nel tempo. Lo stretching non è da dimenticare ed è importante coinvolgere tutti i muscoli del corpo. In questo modo è possibile allenare forza e resistenza per un organismo più sano ed efficiente. 16

17 Come proporre il programma idiet : Incontro medico paziente. Durante la prima visita è essenziale analizzare attentamente la storia del paziente, verificare i dati anamnestici per l eventuale presenza di controindicazioni (alle quali si può giungere con una normale visita medica, senza bisogno di effettuare esami particolari), capire come il paziente sia arrivato ad essere sovrappeso, se sono presenti disturbi alimentari e i motivi che lo portano ad affrontare una dieta. Infine misurare spalle, torace, bacino etc. del paziente e calcolare plicometria e il rapporto Massa Grassa / Massa Magra per porre un obiettivo raggiungibile considerando i dati del paziente. Il costo dei pasti giornalieri arriva a 13 euro, più il costo della verdura. Se richiesto è possibile prescrivere alcuni esami quali emocromo, creatinemia, uricemia, elettroliti, GOT/GPT, colesterolo totale/hdl/ldl/t3/ TSH, glicemia e ferritina (nelle donne in età fertile). In presenza di disturbi del ritmo cardiaco è consigliabile sottoporsi a un esame ECG. Durante la dieta è necessario prestare attenzione a tutto ciò che si assume. Sono da evitare, tra le altre cose, farmaci zuccherini (come integratori, bustine effervescenti, sciroppi, vitamine etc.), caramelle e gomme con o senza zucchero, bevande con pezzi di frutta, vegetali in vasetto al naturale, aceto balsamico, hamburger confezionati, orzo, cipolla e cibi/ bevande da distributore di qualsiasi tipo. Per controllare l andamento della dieta è necessario un controllo medico dopo i primi 10 giorni per modificarne eventualmente alcuni aspetti. Tuttavia è difficile che si presentino errori nella scelta degli alimenti; il programma idiet è, oltre che efficace, molto semplice da seguire poiché non si corre il rischio di sbagliare gli alimenti. È essenziale prescrivere alcuni integratori come quelli di potassio, magnesio, vitamine e sale. 17

18 L ALIMENTAZIONE AMINOACIDICA FASE 1 Nel caso in cui un paziente saltasse anche uno dei pasti prescritti rischierebbe di perdere Massa Magra. Questa dieta è in grado di procurare al paziente un addome piatto poiché evita la fermentazione e il rigonfiamento dello stomaco. Può presentarsi una forma di stipsi a cui si può facilmente porre rimedio attraverso un maggiore apporto di fibre. L alimentazione aminoacidica non prevede la frutta e concede limitate qualità di verdure, è importante un ulteriore apporto vitaminico e di potassio per il corretto funzionamento muscolare e salare generosamente i pasti per evitare cali della pressione. Per quanto riguarda l apporto di liquidi è importante bere molta acqua (non meno di 2 litri d acqua al giorno) Ad ogni problema una soluzione Stanchezza: aumentare le dosi di potassio Emicrania: prendere un normale antalgico Stipsi: bere di più Alitosi: utilizzare uno spray. È importante prestare attenzione alla composizione delle sostanze ingerite che non devono contenere zuccheri. I sintomi sopra elencati possono verificarsi nei primi 2-3 giorni e può essere presente anche una sensazione di fame. L alito cattivo è sintomo che si è sulla buona strada. 18

19 L ALIMENTAZIONE PROTEICA FASE 2 Si differenzia dalla prima fase per la sola sostituzione di uno dei pasti principali con un piatto di proteine animali al posto dei preparati idiet. Inoltre questo passaggio è più conviviale e ne permette una durata maggiore. Per ultimo il dimagrimento della Fase 2 è più lento di quello del passaggio precedente. Qualora il dimagrimento fosse già abbondante dopo la prima fase allora è concesso saltare al terzo passaggio senza passare per il secondo. Quando si afferma che la seconda fase è più conviviale della prima si intende che il paziente è libero di sostituire o il pranzo o la cena con il preparato idiet ma non si può sottovalutare l aspetto del consumo di carboidrati. È fondamentale non trasgredire. Consigli per un piatto proteico (grammature variabili): 50 g di prosciutto crudo sgrassato, o bresaola 80 g di prosciutto cotto sgrassato 200/250 g di pesce 120/180 g di carni rosse 150/200 g di carni bianche. Sarà possibile passare alla fase successiva qualora la perdita di peso raggiunta verrà ritenuta più o meno soddisfacente. 19

20 L ALIMENTAZIONE CON I CARBOIDRATI FASE 3 La novità di questa Fase è una maggior convivialità dei pasti e una reintroduzione dei carboidrati. È un passaggio iperproteico e ipocalorico. La Fase 3 può essere introdotta non solo dopo aver concluso la Fase 2 ma anche in occasione di festività o vacanze, occasioni in cui il paziente potrà reintrodurre momentaneamente i carboidrati nell alimentazione. Questa fase può essere affrontata singolarmente qualora il paziente non intenda seguire le prime due Fasi o abbia poca Massa Grassa da eliminare. È di competenza del medico la scelta della quantità dei carboidrati a seconda dei dati del paziente. Non è prescritta nessuna durata fissa per questa fase ma dovrebbe durare tanto quanto la fase chetogenica nel suo insieme; la rapidità nella perdita di Massa Grassa nelle precedenti fasi è direttamente proporzionale alla durata di questa Fase. È consigliabile introdurre i carboidrati progressivamente, iniziando dai glucidi semplici per passare poi a quelli complessi (entrambi per un periodo di 1-3 settimane); infine si possono assumere altri cereali come farro, pasta comune o riso. Come per le fasi precedenti è importante un ampio apporto idrico e il rispetto dei 4 pasti giornalieri. Questa è la tappa più importante della dieta in cui il medico può osservare l effettiva risposta dell organismo alla terapia, rieduca il paziente a una nutrizione più sana e controllata. Le nuove abitudini alimentari permettono di non riprendere peso. 20

21 L INDICE GLICEMICO Glicemia: concentrazione di glucosio nel sangue L indice glicemico di un alimento: velocità con cui aumenta la glicemia in seguito all assunzione di quell alimento. L indice glicemico fa riferimento alla rapidità con cui i carboidrati vengono digeriti dall organismo. Ovviamente si basa sulla glicemia e sulla velocità con cui aumenta dopo l assunzione di un alimento. L indice è espresso in termini percentuali rispetto alla velocità con cui la glicemia aumenta in seguito all assunzione di un alimento di riferimento (che ha indice glicemico 100): un indice glicemico di 50 vuol dire che l alimento innalza la glicemia con una velocità che è pari alla metà di quella dell alimento di riferimento. Alimenti con piccole quantità di carboidrati possono avere indice glicemico molto elevato. È quindi opportuno ovviare alla carenza di carboidrati proposti dalla dieta con un apporto di questi in modo da ristabilire l indice glicemico. 21

22 Note 22

23 Note 23

24 24 Via S. Rosa, Busto Arsizio (VA) Tel Fax

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.

ANUPSA VERONA. Dott.ssa F. «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro. ANUPSA VERONA «Come affrontare il sovrappeso e le sue complicanze. Dimagrire in salute: la dieta Proteica, i pro e i contro.» Circolo Ufficiali di Castelvecchio 13 febbraio 2014 1 Dott.ssa F. Dopo gli

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA

SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI DIETO LOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Il SERVIZIO DI DIETOLOGIA AIED offre: Visite mediche specialistiche Elaborazione diete computerizzate personalizzate

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Dieta chetogenica o very low carbohydrate ketogenic diet (VLCKD)

Dieta chetogenica o very low carbohydrate ketogenic diet (VLCKD) Francesca De Vita Dieta chetogenica o very low carbohydrate ketogenic diet (VLCKD) Drastica riduzione quota glucidica (

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero Qualunque cibo introdotto nel corpo umano viene trasformato, tramite reazioni chimiche, nei suoi costituenti elementari che sono proteine, lipidi, carboidrati, vitamine, minerali e acqua, perché è solo

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

Diabete e attività fisica

Diabete e attività fisica Diabete e attività fisica Dott. Francesco Costantino Clinica Pediatrica Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma Tipologia del Diabete Diabete mellito tipo 1 E caratterizzato dalla

Dettagli

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it

CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE. www.lucapecchioli.it CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO CENTRO PER LA TERAPIA DELLA OBESITÀ E DEL SOVRAPPESO SOVRAPPESO E OBESITÀ CAUSE CONSEGUENZE TERAPIE LE CAUSE DELL OBESITÀ Dall interazione di fattori

Dettagli

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE

Le Dispense di Dietaenutrizione.it LA COLAZIONE IDEALE LA COLAZIONE IDEALE Recenti statistiche attribuiscono ad una alimentazione scorretta la causa principale di diverse patologie nel mondo Noi siamo quello che mangiamo Alcuni fatti... L 86% dei decessi,

Dettagli

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo Alimentazione nel mondo Nord/Sud Una divisione economica più che geografica Situazione mondiale Il 35% dell intera popolazione della terra ha un alimentazione insufficiente, inferiore cioè a 2000 Kcal

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono

Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori: cosa sono e a cosa servono Gli integratori alimentari, nella vita quotidiana, sono prodotti specifici che favoriscono l'assunzione di sostanze quali macronutrienti (carboidrati e proteine)

Dettagli

«Per star bene con te stesso, impara a nutrirti meglio e ad avere cura della tua salute» Team FormaOk

«Per star bene con te stesso, impara a nutrirti meglio e ad avere cura della tua salute» Team FormaOk Corso Alimentare «Per star bene con te stesso, impara a nutrirti meglio e ad avere cura della tua salute» Team FormaOk Programma Introduzione 1. Come deve essere un alimentazione equilibrata? 2. 5 pasti

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente).

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). Alimentazione e Competizione 1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). 2) Alimentazione pre-gara Nelle discipline di lunga durata (> 60-90 minuti),

Dettagli

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010

Lezione di alimentazione. Corso FALC ARG1 2010 Lezione di alimentazione Claudio Caldini i Una corretta alimentazione non è sufficiente per vincere una gara ma un alimentazione insufficiente può sicuramente farla perdere Prof. Giuseppe Masera Responsabile

Dettagli

Nel corso dell ultimo decennio l interesse. Dieta aminoacidica: una vera terapia contro. il grasso

Nel corso dell ultimo decennio l interesse. Dieta aminoacidica: una vera terapia contro. il grasso Dieta aminoacidica: una vera terapia contro Finita la stagione delle diete facili, approssimative, quasi sempre inutili, è ora di fare un discorso serio sull obesità. È una patologia grave, va riconosciuta

Dettagli

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista

ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE. dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista ALIMENTAZIONE NELLE PATOLOGIE CRONICHE dott.ssa Siciliano Italia Grazia biologo nutrizionista DALLA PREISTORIA AD OGGI: STILI DI VITA DIVERSI 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% DALLA PREISTORIA

Dettagli

dr Stefano Sabatella Medicina Estetica & Nutrizione Clinica

dr Stefano Sabatella Medicina Estetica & Nutrizione Clinica DIETA DEL SONDINO SENZA SONDINO Che cosa è. Questo programma dimagrante, detto anche dieta chetogenica o dieta ipoglucidica, è un regime alimentare esclusivamente amino-proteico; ossia è caratterizzato

Dettagli

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica

EVOLUZIONE ED OBESITA. Dott.ssa D Angelo Angelica EVOLUZIONE ED OBESITA Dott.ssa D Angelo Angelica Definizione di obesità Per obesità si intende la presenza di un eccesso della massa corporea. Il grado di obesità si misura con l indice di massa corporea

Dettagli

Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale

Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale Corso Informativo di Nutrizione e di Preparazione degli Alimenti secondo i principi della Bioterapia Nutrizionale Direttore dott. Fausto Aufiero Chef, Naturopata Michele Pentassuglia PROGRAMMA Prima giornata

Dettagli

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO

BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO BREVE SINTESI E GLOSSARIO SUL DIABETE MELLITO 1. Definizione 2. Classificazione 2.1. Diabete mellito di tipo 1 2.2. Diabete mellito di tipo 2 2.3. Diabete gestazionale 2.4. Altre forme di diabete 2.5.

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DELLO SPORTIVO

L ALIMENTAZIONE DELLO SPORTIVO L ALIMENTAZIONE DELLO SPORTIVO Andrea Re Andrea Gornati In collaborazione con Prof. Fulvio Marzatico Direttore Laboratorio di Farmacobiochimica Docente di Alimentazione e Nutrizione Umana (Università di

Dettagli

Valore energetico e calorie

Valore energetico e calorie Valore energetico e calorie Il valore energetico dei cibi viene comunemente espresso in Calorie. In realtà, la cosiddetta Caloria è una Chilocaloria ( = 1.000 calorie) ed indica tecnicamente la quantità

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti

Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti L ALFABETO DELLA CORRETTA NUTRIZIONE Antiossidanti: gli alimenti in grado di svolgere un azione protettiva nei confronti delle membrane cellulari hanno destato negli ultimi anni maggior interesse. E ormai

Dettagli

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo

centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo centro dimagrimento e rieducazione alimentare centro nutrizione dello sportivo se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, nè in difetto nè in eccesso, avremmo

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

Stili di vita. Indagine statistica sugli studenti dell istituto P. Scalcerle

Stili di vita. Indagine statistica sugli studenti dell istituto P. Scalcerle Stili di vita Indagine statistica sugli studenti dell istituto P. Scalcerle Classi 3 e sanitario A.s. 2014-2015 PRESENTAZIONE Nel corso dell anno scolastico 2014/2015, le classi 3 e dell istituto P. Scalcerle

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica

La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica La cfs ovvero : la sindrome da stanchezza cronica Tutti noi abbiamo dei periodi di stanchezza, solitamente transitoria, dovuti a cause conosciute come per esempio lo stress o il superlavoro, questa stanchezza

Dettagli

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA E una dieta ipocalorica, caratterizzata da un modulo alimentare basato su tre pasti principali: colazione, pranzo, cena con due spuntini: mattina e pomeriggi. Mangiare

Dettagli

Istruzioni per l uso

Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Un periodo ristretto nel tempo di restrizioni alimentari per dimagrire o curare / prevenire una patologia Modo di alimentarsi, abitudine alimentare Siamo programmati per ingrassare

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

Benvenuti al training sui Prodotti Herbalife

Benvenuti al training sui Prodotti Herbalife Benvenuti al training sui Prodotti Herbalife Raggiungere una nutrizione equilibrata Nutrizione di Base Lascia che la ruota della nutrizione di base ti aiuti Raggiungi e mantieni la tua forma ideale con

Dettagli

L'alimentazione del giovane praticante corsa

L'alimentazione del giovane praticante corsa L'alimentazione del giovane praticante corsa Prof. Danilo Gambarara L alimentazione è uno dei fattori che incidono più fortemente sull accrescimento, sullo sviluppo fisico e mentale, sull aspetto estetico,

Dettagli

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi:

Contenuto proteico dei legumi: Tipi di legumi: Legumi I legumi sono considerati la carne dei poveri per il loro contenuto proteico. Sono utilissimi ai vegetariani e ai vegani (questi, a differenza dei vegetariani, non utilizzano neanche i latticini

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Sommario. Prefazione 5 Chi è Andrea Biasci 7 Chi siamo 8 A chi si rivolge il libro 8 Una scrittura alternativa 9

Sommario. Prefazione 5 Chi è Andrea Biasci 7 Chi siamo 8 A chi si rivolge il libro 8 Una scrittura alternativa 9 Sommario Prefazione 5 Chi è Andrea Biasci 7 Chi siamo 8 A chi si rivolge il libro 8 Una scrittura alternativa 9 Capire dove siamo 11 I numeri che contano 11 La scala delle priorità 12 Bilancia e circonferenze

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA LEZIONE 16 IGIENE ALIMENTARE PER LO SPORTIVO

IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA LEZIONE 16 IGIENE ALIMENTARE PER LO SPORTIVO IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA LEZIONE 16 IGIENE ALIMENTARE PER LO SPORTIVO Nozioni generali Fin dai tempi dei primi giochi olimpici (776 a.c.) l alimentazione degli atleti era controllata al fine di ottimizzare

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA

CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Lega Friulana per il Cuore CHE COSA FARE DOPO UN INFARTO MIOCARDICO O UNA MALATTIA CORONARICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole LA FENIL CHETO NURIA O PKU Malattie Rare Informazioni per le scuole LA FENILCHETONURIA LA FENILCHETONURIA O PKU E LA PIU FREQUENTE MALATTIA CONGENITA DEL METABOLISMO DELLE PROTEINE GLI ERRORI CONGENITI

Dettagli

Senza il dolce, il cuore è più leggero.

Senza il dolce, il cuore è più leggero. Il diabete Il diabete Opuscolo redatto da Franco Veglio*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*, appartengono anche i seguenti titoli: Senza il dolce, il cuore è più leggero. L attività fisica

Dettagli

PROGRAMMA NUTRIZIONALE

PROGRAMMA NUTRIZIONALE PROGRAMMA ProgrammaNutrizionale NUTRIZIONALE per una duratura riduzione del grasso in eccesso ed il riequilibrio dell alimentazione Benvenuti in LineaMed Risultati positivi che durano nel tempo senza fame

Dettagli

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione

ALIMENTAZIONE. Appunti di lezione ALIMENTAZIONE Appunti di lezione CORRETTA ALIMENTAZIONE Un adolescente (13-15 anni) Ha bisogno per crescere di: Energia e Nutrienti Ossia di alimentarsi, ma con misura nè troppo, ne troppo poco. Il termine

Dettagli

controllo metabolico ottimale

controllo metabolico ottimale IL DIABETE MELLITO Il diabete è una malattia cronica caratterizzata da iperglicemia E dovuto ad una carenza assoluta di insulina dovuta alla distruzione autoimmune delle cellule beta pancreatiche Il diabete

Dettagli

L alimentazione e l allenamento del calciatore

L alimentazione e l allenamento del calciatore L alimentazione e l allenamento del calciatore 1. Come alimentarsi nel precampionato 2. Come alimentarsi durante il campionato 3. L alimentazione del giovane calciatore 4. Differenze tra calciatore professionista

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE 15 L aspettativa di vita.........................................17 La grande illusione.........................................17

Dettagli

NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA. Dott. Adolfo Affuso

NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA. Dott. Adolfo Affuso NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA Dott. Adolfo Affuso La nutrizione artificiale è parte integrante della terapia del paziente Un adeguato apporto nutrizionale migliora l outcome del malato INDICAZIONI ALLA

Dettagli

3 prodotti in sinergia per un esclusivo Programma Nutrizionale e di Controllo Peso. dal risultato straordinario!

3 prodotti in sinergia per un esclusivo Programma Nutrizionale e di Controllo Peso. dal risultato straordinario! 3 prodotti in sinergia per un esclusivo Programma Nutrizionale e di Controllo Peso dal risultato straordinario! Pasto Sostitutivo Pasto Sostitutivo al delizioso sapore di cioccolato o vaniglia francese.

Dettagli

Il controllo del peso controlla la tua salute.

Il controllo del peso controlla la tua salute. Il controllo del peso controlla la tua salute. le BreviGuide PEGASO www.pegaso.eu C è un altro modo per dimagrire È il motivo che ci ha spinto a creare e a proporre questo libretto. Da sempre sosteniamo

Dettagli

Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini

Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini Dieta ipoproteica, dieta vegetariana, dieta vegana: per quali pazienti? Incontro tenuto da Dott.ssa Ilaria De Simone Ospedale Bassini Dal greco diaita Dieta: ieri - modo di vivere volto alla salute - stile

Dettagli

Problemi di linea? Molte cause, molte soluzioni. Guida pratica SOLUZIONI NATURALI

Problemi di linea? Molte cause, molte soluzioni. Guida pratica SOLUZIONI NATURALI Nuova Guida pratica 2014 Problemi di linea? Molte cause, molte soluzioni dalla ESI SOLUZIONI NATURALI FAME ECCESSIVA? TROPPI GRASSI? TROPPI DOLCI? SEDENTARIETÀ? STRESS? RITENZIONE IDRICA? METABOLISMO RALLENTATO?

Dettagli

Sommario. In linea con il carburante giusto. Le ricette proteiche. Le ricette con le alghe. Le ricette con le spezie. Le ricette vegetariane

Sommario. In linea con il carburante giusto. Le ricette proteiche. Le ricette con le alghe. Le ricette con le spezie. Le ricette vegetariane Sommario INTRODUZIONE In linea con il carburante giusto 7 CAPITOLO 1 Le ricette proteiche 25 CAPITOLO 2 Le ricette con le alghe 51 CAPITOLO 3 Le ricette con le spezie 73 CAPITOLO 4 Le ricette vegetariane

Dettagli

Vol. VII Marzo 2012 N 1 BIOCHIMICA E CLINICA DEL TRATTAMENTO AMINOACIDICO

Vol. VII Marzo 2012 N 1 BIOCHIMICA E CLINICA DEL TRATTAMENTO AMINOACIDICO Vol. VII Marzo 2012 N 1 BIOCHIMICA E CLINICA DEL TRATTAMENTO AMINOACIDICO Maurizio Ceccarelli & Coll. International Centre for Study and Research in Aesthetic and Physiological Medicine Con questo temine

Dettagli

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it

I macronutrienti. Nutrizione e Vita di Gallo dr Ubaldo - info@italianutrizione.it I macronutrienti 1 Ogni alimento può essere composto da: Carboidrati Proteine Grassi Questi sono conosciuti come macronutrienti 2 Il cibo va forse valutato solo in funzione del suo apporto calorico? ASSOLUTAMENTE

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Alimentazione, salute e benessere

Alimentazione, salute e benessere Alimentazione, salute e benessere Perché si ingrassa e come fare per dimagrire 1 I motivi per dimagrire Si avvicinano le vacanze... Vorrei indossare quella taglia... C'è uno/una che mi piace... Non mi

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

ALIMENTAZIONE per lo SPORTIVO. Dr. Franco Aliboni Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. 2012 Golfo dei Poeti La Spezia Asd

ALIMENTAZIONE per lo SPORTIVO. Dr. Franco Aliboni Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. 2012 Golfo dei Poeti La Spezia Asd ALIMENTAZIONE per lo SPORTIVO Dr. Franco Aliboni Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione 2012 Golfo dei Poeti La Spezia Asd Indice Obiettivi della presentazione..pag 3 Definizioni...

Dettagli

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi

SUPPORTO NUTRIZIONALE ALLA PREPARAZIONE ATLETICA Silvia Pogliaghi Seminario sul tema: La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Federazione Italiana Rugby Centro Studi FIR Lunedì 14 Gennaio 2008, ore 14.30 Facoltà di Scienze Motorie, Verona Università

Dettagli

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115

Capitolo 4 I menu per ritrovare la linea in 14 giorni 95. Capitolo 5 Cucinare con i cibi che non alzano la glicemia 115 Sommario Introduzione Conosci l indice glicemico e perdi peso senza sacrifici 7 Capitolo 1 La glicemia dei cibi e i meccanismi che fanno ingrassare 13 Capitolo 2 L importanza dell indice glicemico 33 Capitolo

Dettagli

MultiMedica. Prevenire e curare con l Alimentazione. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura. MultiMedica

MultiMedica. Prevenire e curare con l Alimentazione. IRCCS Istituto di Ricovero e Cura. m Istituto di Ricovero e Cura. MultiMedica COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE m IRCCS MultiMedica m Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300 - Sesto S. Giovanni (Mi) MultiMedica Castellanza Viale Piemonte, 70 - Castellanza

Dettagli

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA

CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA CHI PUÒ UTILIZZARE LA BILANCIA IMPEDENZIOMETRICA L uso della bilancia impedenziometrica è consigliato ad adulti di età compresa tra 18 e 99 anni. Bambini tra 5 e 17 anni possono utilizzare la bilancia

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Indice VII Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione XIII XV XVII parte prima Alimentazione, benessere e salute 1. Le regole fondamentali 3 Perché bisogna

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali

HORMONAL PROFILES. Valutazione degli equilibri ormonali HORMONAL PROFILES Valutazione degli equilibri ormonali Quando l organismo è sottoposto a malattie, infiammazione, sforzi fisici, stili di vita scorretti, oppure durante periodi particolari della vita (menopausa,

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport

ALIMENTAZIONE E SPORT. Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport ALIMENTAZIONE E SPORT Dott. MAURIZIO VIGANO Spec. in Medicina dello Sport Argomenti: 1) Il fabbisogno energetico 2) Gli alimenti 3) L acqua 4) Vitamine, sali minerali, integratori 5) La dieta dello sportivo

Dettagli

MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE. dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE. Prof. Dr. Pier Luigi Rossi

MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE. dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE. Prof. Dr. Pier Luigi Rossi ALICONS SCUOLA DI ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE P R E S E N T A N O MASTER DI NUTRIZIONE MOLECOLARE dalla DIETA IPOCALORICA al METODO di ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE Prof. Dr. Pier Luigi Rossi PROGRAMMA 25 CREDITI

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la Dott.ssa Ventriglia. Potrai ricevere una dieta personalizzata e bilanciata con i consigli per dimagrire

Dettagli