PROTOCOLLO DEL PROGRAMMA idiet DI RIEDUCAZIONE ALIMENTARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROTOCOLLO DEL PROGRAMMA idiet DI RIEDUCAZIONE ALIMENTARE"

Transcript

1 PROTOCOLLO DEL PROGRAMMA idiet DI RIEDUCAZIONE ALIMENTARE

2 INDICE Come nasce la dieta proteica 3 Concetti metabolici nella dieta proteica 4 Il funzionamento metabolico della dieta proteica 6 Programma IDiet 3 fasi per una alimentazione corretta Il programma IDIET 9 Le 3 fasi del programma IDIET 10 Controindicazioni all'alimentazione aminoacidica 14 Programma IDIET: possibili effetti collaterali 15 L'attività fisica 16 Come proporre il programma IDIET 17 L'alimentazione aminoacidica - Fase 1 18 L'alimentazione proteica - Fase 2 19 L'alimentazione con i carboidrati - Fase 3 20 L'indice glicemico 21 2

3 Come nasce la dieta proteica Il concetto di dieta a bassissimo contenuto calorico, PSMF (Protein Sparing Modified Fast), fu ideata negli anni 70 dal dr. Blackburn. La scarsa quantità dei substrati proteici e della carenza di potassio facilitarono il sorgere di problemi cardiaci che resero la PSMF una preda facile per gli attacchi scientifici. Queste carenze vennero presto risolte e la metodica prese rapidamente piede in Europa e in particolare in Francia dove si capì l importanza delle fonti (caseina, albumina, soja) e delle caratteristiche organolettiche per questo tipo di dieta. Un evoluzione successiva alle proposte di Blackburn e delle diete iperproteiche stile Atkins fu data dal professor Marineau che ideò il jeune Proteinè (digiuno proteico). La dieta viene considerata sicura ed efficace anche dal Ministero della Salute Americano mentre in Europa si continua a testare il suo successo, non solo nel breve periodo ma anche a lungo termine. Il Ministero Finlandese della Salute indica la dieta proteica come giusto mezzo per la prevenzione dell obesità associata a fattori di rischio (diabete tipo 2, dislipidemia, ipertensione, intolleranza al glucosio). Anche nel nostro paese furono verificati gli effetti del dimagrimento, nel miglioramento del trofismo cutaneo, nel trattamento della cellulite e dell adiposità localizzata. 3

4 Concetti metabolici nella dieta proteica La dieta proteica riesce ad essere incisiva anche nei soggetti con adipostià localizzate e con Massa corporea (BMI Body Mass Index) nella norma. Proteine, lipidi e carboidrati sono detti macrocontenuti e vengono utilizzati in maniera massiccia dall organismo; il loro contenuto energetico è esprimibile in calorie. Per sintetizzare le proteine e i lipidi l organismo umano ha bisogno di un corretto apporto di alcuni aminoacidi e alcuni grassi (detti essenziali). Gli ultimi macro contenuti possono essere facilmente sintetizzati e, in caso di un basso livello di carboidrati nella dieta, l organismo è in grado di realizzarli spontaneamente attraverso le vie metaboliche intermedie partendo dalle proteine e/o dai lipidi. Per questo i pazienti sovrappeso possono servirsi di un alimentazione costituita da proteine animali, pochi acidi grassi con un apporto di glucidi semplici per un periodo più o meno lungo. Sostituendo le proteine animali del tutto o in parte con pasti costituiti da proteine ad alto valore biologico, la neoglucogenesi sarà accentuata. Quest ultima è il primo presupposto metabolico delle diete proteiche. Tale meccanismo biochimico avviene nei parenchimi epatico e renale. La dieta proteica Concetti metabolici nella dieta proteica Proteine ad alto valore biologico Riduzione dei Glucidi Riduzione dei Lipidi Interazione Insulina / Glucagone Concetti metabolici nella dieta proteica Proteine ad alto valore biologico Riduzione dei Glucidi Riduzione dei Lipidi 4 Nuovo rapporto Glucagone /Insulina

5 Nella dieta giornaliera è importante anche un apporto, seppur in piccole quantità, di insulina e questo è possibile attraverso l assunzione di carboidrati semplici a basso indice glicemico. In questo modo si evita l abbassamento del metabolismo basale, si favorisce la ritenzione di sodio e potassio e l accumulo di corpi chetonici viene impedito; inoltre i globuli rossi hanno sempre a disposizione una fonte di energia. Una quantità maggiore di glucagone viene rimessa in circolo a causa della concentrazione ematica dell insulina, che in questa fase è notevolmente ridotta. La liposi è un meccanismo messo in atto dal glucagone e avviene nelle cellule del tessuto adiposo. Un diverso rapporto insulina/glucagone da origine alla liposi del tessuto adiposo. La dieta proteica SAZIETÀ + insulina - glucagone = EFFETTO ANABOLICO DIGIUNO + glucagone - insulina = EFFETTO CATABOLICO + ossidazione di glucosio + sintesi di glicogeno + sintesi di lipidi + sintesi proteica + glicogenolisi + gluconeogenesi + lipolisi + chetogenesi 5

6 Il funzionamento metabolico della dieta proteica La glucagonemia induce il catabolismo dei trigliceridi con perdita di peso rapida. La massa magra è salvaguardata dall apporto di proteine ad alto valore biologico. La chetogenesi indotta procura un discreto controllo alla fame. Il modesto apporto di glucidi semplici e la neo-glucogenesi epatorenale proteggono il S.N., la midollare dei surreni e gli eritrociti. Per un buon funzionamento dei tessuti è indispensabile la biodisponibilità del glucosio. Un soggetto adulto, in condizioni normali, necessita di 180g/ die di glucosio per soddisfare i bisogni di energia del Sistema Nervoso e dei globuli rossi. L organismo può trasformare autonomamente alcuni aminoacidi ed il glicerolo in glucosio. Una volta garantito un sufficiente apporto proteico e di trigliceridi diminuisce il bisogno alimentare di carboidrati. Una bilancia calorica negativa (c.a. 800 calorie/die), una protezione della massa muscolare e una bilancia azotata positiva sono gli obiettivi della dieta proteica. Vediamo ora cosa avviene quando un paziente in sovrappeso viene sottoposto a una dieta proteica. 6

7 Programma IDiet 3 FASI PER UNA ALIMENTAZIONE CORRETTA 7

8 Per dimagrire correttamente bisogna perdere il grasso in eccesso mantenendo intatta la massa magra e il tono muscolare. Quest ultimo è spesso compromesso dalle diete tradizionali. Il programma IDiet permette di perdere peso facilmente curando la massa muscolare. Il programma dietetico di alimentazione proteicoaminoacida si differenzia dalle altre terapie dietetiche. Esso si basa sulla quantità e sulla qualità dell apporto proteico e, se opportunamente gestito dal medico, può indirizzare il paziente verso una giusta ed equilibrata nutrizione. Il programma IDiet mira a una riduzione dei glucidi e dei lipidi attraverso il consumo di proteine o, meglio ancora, di aminoacidi. Esso permette, grazie al nuovo bilanciamento dell insulina-glucagone che si instaura nell organismo, la riduzione della massa del tessuto adiposo. 8

9 IL PROGRAMMA idiet Il programma idiet segue tre punti fondamentali che permettono di realizzare risultati estetici: 1. La rieducazione del paziente attraverso un approccio comportamentale severo; 2. La protezione delle strutture nobili dell organismo con l apporto di aminoacidi; 3. Uno studio personalizzato degli apporti alimentari per paziente; Per la riuscita della dieta, idiet propone al paziente prodotti dietetici di sapore e formato sempre nuovi, al fine di soddisfare i gusti di ciascun paziente. B.M.I. (Body Mass Index, ossia l indice di massa corporea) è indicatore dello stato di peso forma ed è dato dalla seguente relazione: B.M.I. = Peso Corporeo Altezza² L indice di massa corporea varia a seconda di alcuni elementi quali età, sesso, fattori genetici, alimentazione ecc.. Situazione peso Min Max Obeso classe III 40,00 Obeso classe II Obeso classe I Sovrappeso Regolare Sottopeso Grave magrezza < Per misurare meglio la percentuale della massa magra sarebbe opportuno utilizzare un impedenziometro, uno strumento medicale utile anche in questo campo. 9

10 LE 3 FASI DEL PROGRAMMA IDIET Il dimagrimento 1 Fase L alimentazione Aminoacidica L alimentazione aminoacidica È consigliabile e semplice ed è ottima per i pazienti motivati Non ha limitazioni nelle quantità di verdure (solamente quelle concesse) In caso di controindicazioni consultare il medico Quantità: minimo 4 preparati al giorno Durata: giorni 2 Fase L alimentazione Proteica È una tappa necessaria dopo il 1 step Può essere alternata con il 1 step Quantità: minimo 3 preparati al giorno Durata: non meno di 20 giorni 10

11 La transizione 3 Fase L alimentazione con i Carboidrati È una dieta ipocalorica che reintroduce progressivamente i carboidrati nei pasti. È necessario favorire l attività motoria. Quantità: 2-3 preparati al giorno. Durata: non meno di 4-6 settimane. 11

12 QUALI SONO LE INDICAZIONI DEL PRO DELL ALIMENTAZIONE AMINOACIDICA Il programma idiet non è rivolto solo a coloro i quali desiderano perdere massa grassa, ma anche a chi deve modificare le cattive abitudini alimentari. È una dieta consigliata poiché tiene conto delle necessità e disponibilità del paziente in funzione dell obiettivo prefissato. INDICAZIONI Obesità: L alimentazione aminoacidica è adatta quando l Indice di Massa Corporea supera i 30. Sovrappeso: Si ha quando l Indice di Massa Corporeo è compreso tra 25 e 30. In questo caso i pazienti che vogliono perdere qualche chilo possono attenersi alle fasi 2 e 3 del PROGRAMMA Idiet I rischi del sovrappeso: La dislipidemia e l intolleranza ai glucidi sono dei parametri biologici che possono essere normalizzati attraverso il programma idiet. Altre problematiche che possono trovare rimedio con questo trattamento sono l ipertensione arteriosa e l insufficienza respiratoria cronica che può causare apnee nel sonno. Conseguenze sull apparato locomotorio: Se la Massa Magra (pelle, muscoli, legamenti, ossa) viene danneggiata si mette a rischio l apparato locomotorio. Il programma idiet aiuta a diminuire la Massa Grassa senza Intaccare la Massa Magra. La menopausa: Durante questo periodo, il peso delle donne tende ad aumentare. Per tenerlo sotto controllo è consigliata l integrazione o l eventuale sostituzione di alcuni pasti. Il peso forma: Il recupero del peso forma è garantito con il programma idiet. La fase pre-operatoria: Questa dieta è consigliata anche a chi deve perdere peso in vista di un operazione di chirurgia generale e chirurgia estetica. Diabete non insulino dipendente tipo 2: Se il paziente dovesse essere affetto da diabete non insulino dipendente di tipo 2 è necessario monitorarlo attentamente. 12

13 GRAMMA IDIET E I VANTAGGI VANTAGGI Rapido dimagrimento: è possibile perdere 3-5 kg e notare una diminuzione volumetrica già nei primi giorni di dieta. Scomparsa del senso di fame: l effetto dei corpi chetonici sul centro encefalico preposto fa sì che la fame scompaia tra le 48 e le 72 ore. In questo modo è facile mantenere un alimentazione ipocalorica senza fare uso di farmaci. Salvaguardia della massa magra: per l azione degli aminoacidi non si corre il pericolo di intaccare la M.M. (Massa Magra) che, al contrario, è incrementata. Tolleranza perfetta: è facile avere successo in questa dieta anche grazie all effetto psicotonico procurato dalla rapidità del risultato. Risultati estetici: i primi risultati visibili sono la riduzione del volume addominale unito alla scomparsa del senso di gonfiore. Benessere ritrovato: le formule dei preparati sono garantiti e certificati e realizzano un ottimo supporto nutrizionale. Facilità d impiego: è disponibile un ampia varietà di scelta nei sapori. È semplice da preparare perché non vi è bisogno di pesare gli alimenti ma le buste possono essere sciolte con un po d acqua e uno shaker. 13

14 CONTROINDICAZIONI ALL ALIMENTAZIONE AMINOACIDICA Una dieta esclusivamente aminoacidica può presentare delle controindicazioni assolute o relative anche gravi. Delle prime fanno parte le malattie cardiache, celebrali e su base vascolare (come infarto, disturbi del ritmo cardiaco o insufficienza cardiaca), diabete insulino-dipendente, insufficienza renale (creatinemia >1,5 mg/dl) o epatica, tumori ed epatie. Non sono da escludere psicosi, disordini comportamentali (soprattutto alimentari come anoressia, bulimia, tossicodipendenza, alcolismo). Tra quelle relative troviamo invece ipokaliemia (da correggere e controllare prima di cominciare le 3 fasi), allergie (ad alcuni alimenti come uova, latte, glutine, soia e aspartame), iperglicemia, colelitiasi (può causare disturbi digestivi nel primo periodo della dieta), nefrolitiasi (è importante che l apporto idrico sia > 2-3 litri al giorno). Per soggetti in periodo di crescita è bene consultare il pediatra. 14

15 PROGRAMMA IDIET: POSSIBILI EFFETTI COLLATERALI Alito acetonico: disturbo correggibile attraverso spray privi di zuccheri. Stipsi/ Dissenteria: possono essere causati dal cambio di alimentazione. È bene controllare che l apporto idrico, di fibre e di sali minerali siano corretti. Mal di testa: è dovuto all aumento improvviso dei corpi chetonici. Non ci sono controindicazioni sull uso di un farmaco antalgico. Nausea, crampi, vertigini e stanchezza: verificare che l apporto i sodio e potassio siano corretti (l apporto di K consigliato è di 3g/die). Ciclo mestruale variabile: potrebbe essere causato dal mutamento improvviso di alimentazione e al nuovo equilibrio endocrino. Fame: presente nei primi 2-3 giorni, durante i quali i corpi chetonici lavorano per bloccare il centro encefalico preposto. Non interrompere la dieta ma in casi di necessità è consentito l inserimento di verdure (solo quelle concesse) e/o un ulteriore preparato. Allergie: rare ma non da escludere. Pelle secche, perdita di capelli e sensazione di freddo: può essere causato dalla carenza di vitamine, minerali o altre componenti. Tenere sotto controllo la tiroide. 15

16 L ATTIVITA FISICA Il dimagrimento Durante la fase chetogenica è importante svolgere dell attività fisica e bere parecchia acqua. Sono fortemente sconsigliate le bevande zuccherine che interferirebbero con la chetogenesi. Le attività fisiche consigliate sono quelle aerobiche, come camminata veloce o bicicletta, e non ci sono controindicazioni per quelle anaerobiche tuttavia è importante svolgere dei controlli medico-sportivi. La transizione e il mantenimento Per consolidare i risultati ottenuti è importante continuare con l attività fisica durante le fasi di transizione e mantenimento. Attraverso l attività atletica non è possibile perdere chili qualora la dieta non fosse adatta, però è possibile mantenere un corpo tonico e allenato che risponderà meglio di un organismo a riposo. Indicazioni utili Un individuo adulto dovrebbe svolgere un attività fisica moderata per almeno 150 minuti la settimana e un attività aerobica più intensa per 75 minuti ogni settimana. Le serie consigliate sono di 10 minuti ciascuna andando ad intensificare l allenamento nel tempo. Lo stretching non è da dimenticare ed è importante coinvolgere tutti i muscoli del corpo. In questo modo è possibile allenare forza e resistenza per un organismo più sano ed efficiente. 16

17 Come proporre il programma idiet : Incontro medico paziente. Durante la prima visita è essenziale analizzare attentamente la storia del paziente, verificare i dati anamnestici per l eventuale presenza di controindicazioni (alle quali si può giungere con una normale visita medica, senza bisogno di effettuare esami particolari), capire come il paziente sia arrivato ad essere sovrappeso, se sono presenti disturbi alimentari e i motivi che lo portano ad affrontare una dieta. Infine misurare spalle, torace, bacino etc. del paziente e calcolare plicometria e il rapporto Massa Grassa / Massa Magra per porre un obiettivo raggiungibile considerando i dati del paziente. Il costo dei pasti giornalieri arriva a 13 euro, più il costo della verdura. Se richiesto è possibile prescrivere alcuni esami quali emocromo, creatinemia, uricemia, elettroliti, GOT/GPT, colesterolo totale/hdl/ldl/t3/ TSH, glicemia e ferritina (nelle donne in età fertile). In presenza di disturbi del ritmo cardiaco è consigliabile sottoporsi a un esame ECG. Durante la dieta è necessario prestare attenzione a tutto ciò che si assume. Sono da evitare, tra le altre cose, farmaci zuccherini (come integratori, bustine effervescenti, sciroppi, vitamine etc.), caramelle e gomme con o senza zucchero, bevande con pezzi di frutta, vegetali in vasetto al naturale, aceto balsamico, hamburger confezionati, orzo, cipolla e cibi/ bevande da distributore di qualsiasi tipo. Per controllare l andamento della dieta è necessario un controllo medico dopo i primi 10 giorni per modificarne eventualmente alcuni aspetti. Tuttavia è difficile che si presentino errori nella scelta degli alimenti; il programma idiet è, oltre che efficace, molto semplice da seguire poiché non si corre il rischio di sbagliare gli alimenti. È essenziale prescrivere alcuni integratori come quelli di potassio, magnesio, vitamine e sale. 17

18 L ALIMENTAZIONE AMINOACIDICA FASE 1 Nel caso in cui un paziente saltasse anche uno dei pasti prescritti rischierebbe di perdere Massa Magra. Questa dieta è in grado di procurare al paziente un addome piatto poiché evita la fermentazione e il rigonfiamento dello stomaco. Può presentarsi una forma di stipsi a cui si può facilmente porre rimedio attraverso un maggiore apporto di fibre. L alimentazione aminoacidica non prevede la frutta e concede limitate qualità di verdure, è importante un ulteriore apporto vitaminico e di potassio per il corretto funzionamento muscolare e salare generosamente i pasti per evitare cali della pressione. Per quanto riguarda l apporto di liquidi è importante bere molta acqua (non meno di 2 litri d acqua al giorno) Ad ogni problema una soluzione Stanchezza: aumentare le dosi di potassio Emicrania: prendere un normale antalgico Stipsi: bere di più Alitosi: utilizzare uno spray. È importante prestare attenzione alla composizione delle sostanze ingerite che non devono contenere zuccheri. I sintomi sopra elencati possono verificarsi nei primi 2-3 giorni e può essere presente anche una sensazione di fame. L alito cattivo è sintomo che si è sulla buona strada. 18

19 L ALIMENTAZIONE PROTEICA FASE 2 Si differenzia dalla prima fase per la sola sostituzione di uno dei pasti principali con un piatto di proteine animali al posto dei preparati idiet. Inoltre questo passaggio è più conviviale e ne permette una durata maggiore. Per ultimo il dimagrimento della Fase 2 è più lento di quello del passaggio precedente. Qualora il dimagrimento fosse già abbondante dopo la prima fase allora è concesso saltare al terzo passaggio senza passare per il secondo. Quando si afferma che la seconda fase è più conviviale della prima si intende che il paziente è libero di sostituire o il pranzo o la cena con il preparato idiet ma non si può sottovalutare l aspetto del consumo di carboidrati. È fondamentale non trasgredire. Consigli per un piatto proteico (grammature variabili): 50 g di prosciutto crudo sgrassato, o bresaola 80 g di prosciutto cotto sgrassato 200/250 g di pesce 120/180 g di carni rosse 150/200 g di carni bianche. Sarà possibile passare alla fase successiva qualora la perdita di peso raggiunta verrà ritenuta più o meno soddisfacente. 19

20 L ALIMENTAZIONE CON I CARBOIDRATI FASE 3 La novità di questa Fase è una maggior convivialità dei pasti e una reintroduzione dei carboidrati. È un passaggio iperproteico e ipocalorico. La Fase 3 può essere introdotta non solo dopo aver concluso la Fase 2 ma anche in occasione di festività o vacanze, occasioni in cui il paziente potrà reintrodurre momentaneamente i carboidrati nell alimentazione. Questa fase può essere affrontata singolarmente qualora il paziente non intenda seguire le prime due Fasi o abbia poca Massa Grassa da eliminare. È di competenza del medico la scelta della quantità dei carboidrati a seconda dei dati del paziente. Non è prescritta nessuna durata fissa per questa fase ma dovrebbe durare tanto quanto la fase chetogenica nel suo insieme; la rapidità nella perdita di Massa Grassa nelle precedenti fasi è direttamente proporzionale alla durata di questa Fase. È consigliabile introdurre i carboidrati progressivamente, iniziando dai glucidi semplici per passare poi a quelli complessi (entrambi per un periodo di 1-3 settimane); infine si possono assumere altri cereali come farro, pasta comune o riso. Come per le fasi precedenti è importante un ampio apporto idrico e il rispetto dei 4 pasti giornalieri. Questa è la tappa più importante della dieta in cui il medico può osservare l effettiva risposta dell organismo alla terapia, rieduca il paziente a una nutrizione più sana e controllata. Le nuove abitudini alimentari permettono di non riprendere peso. 20

21 L INDICE GLICEMICO Glicemia: concentrazione di glucosio nel sangue L indice glicemico di un alimento: velocità con cui aumenta la glicemia in seguito all assunzione di quell alimento. L indice glicemico fa riferimento alla rapidità con cui i carboidrati vengono digeriti dall organismo. Ovviamente si basa sulla glicemia e sulla velocità con cui aumenta dopo l assunzione di un alimento. L indice è espresso in termini percentuali rispetto alla velocità con cui la glicemia aumenta in seguito all assunzione di un alimento di riferimento (che ha indice glicemico 100): un indice glicemico di 50 vuol dire che l alimento innalza la glicemia con una velocità che è pari alla metà di quella dell alimento di riferimento. Alimenti con piccole quantità di carboidrati possono avere indice glicemico molto elevato. È quindi opportuno ovviare alla carenza di carboidrati proposti dalla dieta con un apporto di questi in modo da ristabilire l indice glicemico. 21

22 Note 22

23 Note 23

24 24 Via S. Rosa, Busto Arsizio (VA) Tel Fax

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO Università degli Studi della Repubblica dii San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA,

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

Linee guida per un corretto stile di vita

Linee guida per un corretto stile di vita Linee guida per un corretto stile di vita 1 Hanno collaborato alla redazione delle Linee guida : Rosanna Barbieri Angela Bardi Antonio Dispenza Maria Naldini Marina Pacetti Maria Rosa Silvestro Corrado

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria

Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria PIÙ ORTAGGI, LEGUMI E FRUTTA Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria Manuale per la formazione dell insegnante Progetto MiPAAF Qualità Alimentare (approvato con D.M. 591/7303/02 del 23/12/2002)

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA On. Ministro Gianni Alemanno Presidente, Prof. Ferdinando Romano Gruppo di esperti costituito presso l Istituto

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA

GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA LA COLONSCOPIA: CHE COS È E PERCHÉ VIENE ESEGUITA La colonscopia è un esame che permette di visualizzare l intestino ed individuare o escludere la

Dettagli

Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012. Dott. Stefano Bianchi Medico Chirurgo Specialista in Medicina dello Sport ASL 3 Toscana

Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012. Dott. Stefano Bianchi Medico Chirurgo Specialista in Medicina dello Sport ASL 3 Toscana Corso Regionale Medicina dello Sport 10 Dicembre 2012 Valutazione funzionale e prescrizione dell esercizio fisico in soggetti portatori di patologie croniche LA BIOIMPEDENZIOMETRIA Dott. Stefano Bianchi

Dettagli

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa 50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa Gruppi di N Domanda Risposta argomenti Sintomi 1. Ho 52 anni e sono iperteso. Ultimamente vedo meno bene e l ottico mi ha prescritto degli occhiali.

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ

TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ TRATTAMENTO RIABILITATIVO OSPEDALIERO DELL OBESITÀ Informazioni per i Pazienti Casa di cura privata Villa Garda Casa di Cura VILLA GARDA Via Monte Baldo, 89-37016 Garda (VR) Tel. 045/6208611 - Fax 045/7256132

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Come ridurre il rischio di cancro Un informazione della Lega contro il cancro Un alimentazione equilibrata rafforza la salute 1 Indice Editoriale 5 Una sana

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Molti diabetici dichiarano con soddisfazione di non avere nessun

Molti diabetici dichiarano con soddisfazione di non avere nessun SORVEGLIARE L ANDAMENTO DEL DIABETE Molti diabetici dichiarano con soddisfazione di non avere nessun disturbo anche quando la glicemia è alta. Hanno l aria di sentirsi privilegiati: è come se la natura

Dettagli