CONSERVARE IL DIGITALE UN CONFRONTO INTERNAZIONALE LONG TERM DIGITAL PRESERVATION AN INTERNATIONAL FOCUS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSERVARE IL DIGITALE UN CONFRONTO INTERNAZIONALE LONG TERM DIGITAL PRESERVATION AN INTERNATIONAL FOCUS"

Transcript

1 CONSERVARE IL DIGITALE UN CONFRONTO INTERNAZIONALE LONG TERM DIGITAL PRESERVATION AN INTERNATIONAL FOCUS Atti del Convegno Internazionale Asolo 29 settembre 2006 AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO SANITARIA N. 8 DI ASOLO

2

3 Azienda UL.SS. n. 8 Asolo Direttore Generale: Gino Redigolo Direttore Amministrativo: Mario Po Direttore Sanitario: Annamaria Brosolo Direttore Servizi Sociali: Gian Luigi Bianchin Via Forestuzzo, Asolo (TV) Tel Fax Ha coordinato il Convegno e la pubblicazione di questo volume un Gruppo di lavoro costituito da: Mario Po, Anna Maria Brosolo, Romeo Furlanetto, Simone Tasso, Mario Durigon, Elio Soldano, Michele Lapenna, Vito Lorusso. Ha collaborato all organizzazione del Convegno Alfredo M. Ronchi e EC. MEDICI Framework Secretariat Politecnico di Milano Piazza Leonardo da Vinci, Milano I testi degli interventi pubblicati sono stati oggetto di rilettura e revisione da parte di Mario Durigon e traduzione dall italiano all inglese da parte di: Endar snc, Venezia Studio interpreti traduttori, Treviso Elena Cimenti. Questo volume è stato stampato nel mese di maggio 2007 dalla Tipografia Battagin s.r.l. di S Zenone degli Ezzelini (TV).

4 CONSERVARE IL DIGITALE UN CONFRONTO INTERNAZIONALE Long Term digital preservation AN INTERNATIONAL FOCUS Atti del Convegno Internazionale, che si è tenuto ad Asolo, venerdì 29 settembre 2006

5

6 Azienda UL.SS. n. 8 Asolo Questo volume raccoglie le relazioni presentate al Convegno che si è tenuto ad Asolo il 29 settembre 2006 su Conservare il digitale. Un confronto internazionale, da parte degli studiosi italiani e stranieri che, di fronte ad un numero di partecipanti di quasi quattrocento persone, provenienti dal Nord al Sud Italia, da Aziende pubbliche e private, da Archivi, Biblioteche, Unità Sanitarie Locali, Aziende di Informatica, Università, Istituti di ricerca, hanno portato il loro interessante contributo. Alcuni di questi relatori sono esperti di fama mondiale e tutti comunque sono stati scelti per l originalità e lo spessore del loro lavoro scientifico. La struttura del Convegno si è articolata in quattro parti: - la prima parte dedicata ad argomenti di inquadramento complessivo del tema e ai profili normativi; - la seconda parte rivolta ad aspetti specialistici di interesse generale; - la terza parte riguardante alcune applicazioni e soluzioni digitali in ambienti avanzati; - la quarta parte dedicata ad alcune best pratice italiane. Lo scopo che abbiamo dato al Convegno è stato quello di focalizzare l attenzione su un tema di stringente attualità, cioè gli standards e le garanzie per la conservazione nel lungo periodo del digitale, cercando di cogliere le novità che nel panorama mondiale sono state definite o sono in via di definizione. Ciò non soltanto, evidentemente, negli ambienti sanitari ma, in tutti i possibili ambiti applicativi, dato che questa problematica può essere considerata con soluzioni univoche. Ma cosa ha mosso la nostra Azienda nell organizzare questo Convegno? Siamo partiti dall esperienza maturata negli ultimi anni, con l indispensabile affiancamento della Soprintendenza ai Beni Archivistici del Veneto, nella gestione documentale e in particolar modo nella costituzione dell Archivio unico di Caerano San Marco e del Deposito Digitale Clinico. Questa esperienza ci ha portato responsabilmente e inevitabilmente a interrogarci sulla validità nel tempo dei documenti digitali. L architettura del Convegno è stata suggerita dalla Prof.ssa Guercio che ci ha dato un aiuto preziosissimo nella impostazione scientifica di questa riunione. Ma abbiamo voluto condividere anche il nostro lavoro con il Politecnico di Milano e con Global Forum di Parigi per assicurare all evento quell indispensabile respiro internazionale che il tema deve avere per poter contare sugli apporti scientifici più attuali. Asolo, 8 maggio 2007 Gino Redigolo Direttore Generale

7

8 Ministero per i Beni e le Attività Culturali SOPRINTENDENZA ARCHIVISTICA PER IL VENETO - VENEZIA La Soprintendenza Archivistica ha la vigilanza anche sugli archivi sanitari. Vigilanza è un termine un po pesante, in quanto si tratta piuttosto di collaborazione e di accordi che si prendono vicendevolmente. Per la Soprintendenza spesso è già un grosso risultato riuscire a far conservare gli archivi, a farli ordinare e inventariare. Accade, purtroppo, che molte volte gli enti produttori dopo che hanno ordinato gli archivi, tendono a tenerli chiusi, cioè non consentendone la consultazione. Ma dovrebbero essere percorse anche fasi successive, coltivando non solo l informazione, ma anche la corretta valorizzazione dei documenti ed una cosciente consapevolezza della realtà e della comunicazione. All ULSS di Asolo va senza dubbio, per i risultati ottenuti, un giustificato elogio. La vita dell archivio di questa ULSS e le procedure adottate per la gestione è testimoniata negli atti del fascicolo esistente in Soprintendenza. Esso inizia nel 1986 con una dettagliata relazione scritta a seguito di una visita ispettiva. Esistono poi numerose richieste di collaborazione, di informazioni, soprattutto per quanto riguarda le riproduzioni, e numerose richieste di autorizzazione per il trasferimento anche degli archivi periferici degli ex ospedali che ora si trovano nel nuovo Archivio centrale a Caerano San Marco. In occasione della presentazione e della inaugurazione del Centro Servizi di questa ULSS e del nuovo Archivio centrale nel mese di aprile 2006, la dr.ssa Testa, che in Soprintendenza segue i rapporti con l ULSS di Asolo, ricordava come altre ULSS abbiano affrontato la gestione e la conservazione dei loro archivi in autsourcing. L ULSS di Asolo ha invece preferito risolvere direttamente il problema, utilizzando proprio personale per l ordinamento, conservando in un immobile di proprietà tutto il proprio materiale archivistico e affidando, quindi, a società esterne solo alcune attività. Essa mantiene in tal modo il controllo totale sulla gestione documentale. La conservazione delle cartelle cliniche in particolare è un problema noto e gravissimo per molte ULSS. Qui ad Asolo c è stato, un continuo e proficuo contatto e le soluzioni adottate sono coerenti, anche su questo tema, con quanto prospettato dalla Soprintendenza e suggerito dai migliori specialisti della materia. Venezia, 8 maggio 2007 Giustiniana Migliardi O Riordan Soprintendente Archivistico per il Veneto

9

10 Regione del Veneto Il tema, che con questo Convegno internazionale l ULSS 8 ha toccato, è un tema di grande rilevanza, legato alla diffusione sia nel settore privato, ma ormai molto anche nel settore pubblico, delle tecnologie digitali che pongono però nuove problematiche: corretta conservazione dei dati, quindi preservandoli da eventuale distruzione; profili legati alle questioni di privacy, che rappresentano un complesso di aspetti organizzativi e normativi. Come tutte le cose nuove, anche questa problematica deve essere verificata sul campo e ha necessità di trovare esperienze positive, buone pratiche da diffondere. Per lo sviluppo dell e-government regionale, al quale stiamo lavorando ormai in maniera molto importante da alcuni anni, abbiamo scelto la strada aperta, quella dell interscambio, non solo delle esperienze ma anche dei processi. Questo ha consentito di realizzare una forte crescita del settore digitale nell ambito della pubblica amministrazione. Abbiamo anche pensato che questo settore, in realtà potesse diventare, e in effetti è diventato, un motore legato alla crescita, all innovazione, allo sviluppo economico di un determinato territorio. Per questo il mio stesso incarico è rivolto alle nuove esigenze dello sviluppo, introducendo in questo settore tutti gli aspetti che possono riguardare trasversalmente il settore dell economia locale; quindi non solamente le attività produttive, ma anche la ricerca e l innovazione, l e-goverment, l energia, i fondi strutturali europei. Per avere un effettivo e completo slancio di queste questioni, è però necessario superare il nodo dell accesso alle informazioni, in cui ha una grande importanza la potenzialità della banda larga. Questo è uno dei settori ove il Veneto ha un gap da colmare e pensiamo di farlo nei prossimi due anni e mezzo ricordando che la prossima programmazione europea prevede come obiettivo finale quello della competitività; è evidente che quest aspetto è un fattore di sistema fortemente correlato appunto al raggiungimento della competitività. Da tenere in evidenza c è poi il tema della diffusione di competenze, di cultura innovativa per tutti coloro che devono trovarsi organizzativamente ad operare con questi nuovi sistemi. Sotto questo profilo quindi tutte le esperienze interessanti fatte e quelle prestigiose come quella dell ULSS 8, potranno essere elemento di confronto e di diffusione da parte di altre Amministrazioni come situazioni di eccellenza. Venezia, 8 maggio 2007 Fabio Gava Assessore Regione del Veneto alle Politiche dell Economia, dello Sviluppo, della Ricerca e dell Innovazione e Politiche Istituzionali

11 10

12 Scenari di frontiera del digitale KIM HENRY VELTMAN (Direttore Scientifico Istituto McLuhan Maastricht e Network Europeo dei Centri di eccellenza del patrimonio culturale digitale) Internet sta crescendo: 1 milione di utenti nel 1990, 50 milioni nel 1995, 200 milioni di utenti nel 2000, dal 2000 al miliardo, 86 milioni di nuovi utenti negli ultimi nove mesi. La lingua cinese è attualmente la seconda lingua, fra un anno lo spagnolo sarà la terza lingua. Ci sono più persone che parlano spagnolo adesso che non inglese, il mondo sta cambiando. Questa settimana è stata storica: è stata la prima volta nella storia che un film digitale, ad alta risoluzione, è stato inviato in formato digitale in America. Nel 1993 il più grande computer nel mondo aveva 131 gigaflops, cioè miliardi di operazioni al secondo. Fra tre anni sarà 1 milione 600 mila trilioni di operazioni al secondo. Non è che le cose vanno semplicemente avanti, vanno avanti con una rapidità allucinante. C erano fino a ieri tre reti distinte: il telefono, internet e la televisione. Fra dieci o quindici anni tutto questo sarà insieme in una rete. Questo per spiegare come tutta la sicurezza che vorremmo avere in tutti questi settori non c è ancora. In questo momento ci sono quattro grandi linee di ricerca per i prossimi vent anni: elettronico, biochimico, meccanico e quantum. Dieci anni fa tutto questo era teoria, ma le cose stanno andando avanti; un annuncio della BBC nel 2000 diceva che un grammo di DNA può tenere l informazione di un trilione di Cd-Rom. Già adesso abbiamo questo sticks, questo è solamente un gigabyte; ma sarà possibile contenere in questo più di un trilione di Cd-Rom. Il primo disco fisso in senso filosofico è il cielo. Se pensate alle stelle, esse sono lì e con tutte le loro storie sono il primo disco fisso della storia, perché tutta la nostra mitologia, tutto quello a cui pensiamo è lì sul cielo. Voglio per questo concentrarmi su due giorni: il 21 marzo e il 21 settembre, dunque l equinozio di primavera e d autunno. Il 21 marzo è collegato con i Pesci e i Pesci hanno un nodo; questo nodo si chiama in arabo Alrisha. Questo nodo è precisamente all incrocio di un ciclo, perché c è anche un ciclo di anni, che fa sì che siamo sempre in un altro segno zodiacale. Questo è il simbolo dell inizio della primavera e anche il nodo cruciale in ogni senso. Se pensiamo alle connessioni abbiamo il nodo mistico, che diventa poi la base di questo nodo del 11

13 Kim Henry Veltman pesce, il contenitore dell acquario diventa questo contenitore dell acqua sacra e del soma dell immortalità. Quei segni astronomici del disco fisso del cielo sono gli otto simboli del buddismo e diventano, di fatto, la base di tutto (la religione è anche astronomia); ma questo dunque è un modo per esprimere questo nodo. Un altra maniera di esprimere queste cose è attraverso i serpenti, il drago che va attraverso Polaris. Ecco l esempio del Turkmenistan, la stessa cosa di mandra, di Benzikent, di Ancona, di San Ciriaco, ove si vedono i due serpenti, che nono sono però incrociati. Pensiamo al 21 settembre; possiamo pensare alla libra in latino o alla bilancia e con omega; dunque alfa e omega sono collegate con questo nodo. Abbiamo varie versioni. Noi sappiamo tutto di questo segno, ma è una cosa recente, è stato introdotto da Giulio Cesare nel 42 a.c. E il solo segno zodiacale che è un oggetto e non una persona, un animale. E collegato anche con il ritmo solare e il drago del cielo. Ci sono altre versioni dove la bilancia diventa Irminzul, nel Nord; la Chiesa l ha assunta nella sua simbologia e ci sono i due serpenti nell iconografia del vescovo. Abbiamo vari modi di far vedere la bilancia tra i serpenti celesti; c è una versione medievale della Chiesa, una degli arabi, una dell auramasda. C è poi un altra maniera di farlo, siamo in Egitto, con una fontana. Questi sono i segni zodiacali: Leone, Vergine, Bilancia, Scorpione e Sagittario. Questa bilancia diventa poi un simbolo per la Chiesa, abbiamo Adamo e Eva che fanno la bilancia; ma, tornando un po indietro al cielo, c era un signore che si chiamava Serpentarius in latino, che si chiamava Ofiukus in greco, e che era Asclulapius che sta facendo una bilancia tra questi due grandi serpenti. In Aratus dell XI secolo, lui sta lì e sta precisamente al punto dell equinozio e ha le due parti del serpente. Oltre 2 mila anni prima era lì; dunque era al 21 settembre e faceva la bilancia. Questo diventa interessante perché non c è solamente la bilancia tra giorno e notte, ci sono anche due nodi; questi due serpenti sono anche i due nodi di Rahu e Ketu (un serpentus caput), sono anche la causa dell eclisse. Questa idea di litigare con due serpenti per avere la bilancia diventa una cosa fondamentale nell arte, lo vediamo a Pavia, a San Giovanni in Borgo, a San Giovanni Laterano, dove tutto il giardino è pieno di questi simboli di bilancia tra varie forme. Possiamo pensare che sia una cosa cristiana, ma ecco Cernunno, dunque il Dio celtico precristiano che fa la stessa cosa. Prima degli uomini è sempre così, le donne c erano, 12

14 Scenari di frontiera del digitale e loro facevano la bilancia tra due serpenti. Questo risale a prima di Cristo, a Summeria la donna fa il lavoro, e si potrebbe pensare che è un idea dell ovest; ma ecco Talisman a Baghdad. Se andiamo in India, abbiamo Namascah, abbiamo un signore che si chiama Edumban, che ha un cavadi che è una cosa per portare le cose. Lui ha portato le due grandi montagne Shivaghirie e Sativiri dal nord al sud con un suo amico che si chiamava Agastia, che era il padre dell Ayurveda, la medicina. Questa non è una cosa effettiva perché stiamo andando dal disco fisso virtuale alla realtà, ecco Palani. Io voglio proporre che questa è la vera radice del concetto di libra, che fa la connessione tra la ayurveda dell est, che è una cosa che risale a prima di Cristo, e un altro sacro monte che si chiama Potala. E stata l ispirazione del Potala a Lasha. Da qui parte il Dalai Lama e altre tendenze. Dunque, la cosa affascinante, forse eretica, avendo una storia ricchissima, per noi nell Occidente è pensare che Esculapio ha avuto inizio in Grecia. Nell Est pensano che tutto sia è lì, le radici sono lì. Ma la questione della preservazione a lungo termine non è solamente quella di occuparsi dei nostri fondi locali, che è una cosa fondamentale, ma di far vedere queste connessioni tra le grandi culture mondiali. Questo è il mio messaggio molto semplice, gli esperti vi dicono come funziona, ecc.; io aiuto a far pensare e non solamente per avere qualcosa per la prossima generazione, ma come possiamo mantenere una memoria che combini i diecimila anni della nostra storia scritta e prodotta. 13

15 14

16 Introduzione al Convegno PAOLA CARUCCI (Direttore dell Archivio storico della Presidenza della Repubblica - Roma) Questo Convegno, per l interesse del tema, mette insieme relatori importanti per studi, esperienze, riflessioni teoriche. Si tratta indubbiamente di un tema cruciale per la società contemporanea, quello della conservazione non soltanto a lungo termine, ma anche a medio termine della documentazione digitale che coinvolge i documenti digitali, ma anche quelli che, nati cartacei, vengono poi trasferiti su supporti digitali. E un tema che si lega ad alcune trasformazioni radicali rispetto al documento cartaceo, alle quali nonostante gli studi e molti passi in avanti che sono stati fatti, non siamo ancora riusciti a dare delle risposte totalmente soddisfacenti. Penso alla separazione nel documento elettronico dalla forma dal contenuto, con la forma che dipende da apparecchiature e applicazioni tecnologiche, da nuclei di informazioni di diversa natura logicamente connesse. Penso alla problematicità del concetto di selezione e scarto con decisioni che a volte vengono prese a monte quando si elabora il software, ma che credo nel tempo dovranno essere riproposte quando si dovrà decidere se migrare o meno nuclei di documentazione conservata. La conservazione non più degli originali, ma una conservazione fondata sulla migrazione dei dati attraverso tecnologie in rapida e costante trasformazione, si basa sulla creazione di nuovi documenti che si avvicinano al concetto di copia, ma forse non sono esattamente la stessa cosa di una copia autentica, anche se questo è il concetto che forse meglio rappresenta questa conservazione di copie di copie. Vi è anche una progressiva trasformazione di documenti amministrativi tradizionali a semplice informazione o dato, o complesso di informazioni di dati per gran parte della documentazione interlocutoria, che è la parte che più interessa lo studioso nella ricerca; dall altro c è una necessità di concentrare l attenzione sui caratteri formali e sostanziali dei documenti elettronici che rappresentano gli atti decisionali della Pubblica Amministrazione. La conservazione implica il mantenimento del valore giuridico, dell avere forza di prova o capacità di attestazione di un fatto e anche la possibilità di 15

17 Paola Carucci interrogazione e navigazione in un sistema documentario che dovrebbe essere fedele alla configurazione originaria dei documenti a distanza di tempo per ragioni amministrative, poi anche per ragioni di ricerca. Vi sono implicazioni giuridiche nuove legate alla sicurezza dei dati e spesso al rapporto con soggetti istituzionali esterni alla Pubblica Amministrazione, che produce i documenti in conseguenza della specificità professionale di chi deve intervenire nella formazione e gestione dei documenti elettronici. Questo a mio avviso è un problema delicatissimo, la Pubblica Amministrazione è sempre stata unica conservatrice della propria documentazione, oggi si deve rincorrere a strutture esterne non legate dallo stesso giuramento di fedeltà allo Stato, anche se certamente ci sono dei vincoli. Ci sono implicazioni ovviamente connesse alla evoluzione delle tecnologie dei sistemi di comunicazione, implicazioni archivistiche anche in rapporto alla normativa di tutela. La normativa italiana è ricchissima anche se spesso non di facile interpretazione, vi sono contraddizioni, è direi troppo alluvionale, ma certamente mette a fuoco piuttosto bene in molti casi i problemi degli archivi correnti e della costruzione di reti. Forse vi è un po di distanza tra i problemi trattati dalla normativa e la cultura informatica diffusa nelle Pubbliche Amministrazioni, soprattutto in quella centrale. Ma questo può essere uno stimolo e, quindi, può non essere un dato negativo, in ogni caso molto si è fatto per l aggiornamento professionale. Il codice del documento elettronico parla di banche dati nazionali con possibilità di interrogazione da parte di altri soggetti e questo è in perfetta antitesi con le raccomandazioni del garante della tutela della privacy, che invece è contrario alla forte concentrazione di dati preferendo banche dati più impermeabili e più mirate. La normativa sul documento elettronico è un po vaga per quanto attiene alla conservazione, a volte si parla di possibilità di conservare in maniera cartacea i documenti che abbiano particolare rilevanza storica e archivistica, il che è giusto; poi al tempo stesso, però, si prevede la conservazione elettronica per i documenti che devono essere conservati per legge o per regolamento; in questo caso non siamo più nell ambito della ricerca storica, forse si pensa a documenti di natura fiscale, a documenti contabili, a documenti che servono per l azione pratica e per questi si consente una documentazione cartacea ma semplicemente gestionale. 16

18 Introduzione al Convegno In altro articolo si parla di recupero su supporto informatico di atti cartacei di cui sia obbligatoria o opportuna la conservazione. Sono tutte espressioni che lasciano intendere una non chiara consapevolezza dell esigenza della conservazione dei documenti digitali. La conservazione non interessa anche la amministrazione attiva come dimostra proprio l iniziativa della ULSS che ha organizzato questo convegno, pensiamo alle cartelle cliniche, fascicoli personali, i fascicoli permanenti, in sostanza, la cui durata nel tempo richiederà sicuramente migrazioni di dati o comunque interventi per la conservazione elettronica. Poi, naturalmente, c è la conservazione per fini storici. C è il problema se sia preferibile concentrare queste fonti in sedi, con i tradizionali archivi storici, o mantenerli presso il soggetto produttore, anche se sembra prevalente che sia comunque un soggetto o una organizzazione terza rispetto all ente produttore, anche quando si tratti di archivio storico di una Regione o di un ente pubblico, non necessariamente con la concentrazione in un altro archivio, ma l affidamento a persone che hanno interessi diversi dall amministrazione attiva. Credo che questa sia la migliore garanzia per la conservazione nel tempo. Si tratta di problemi che sono vivissimi, importanti; essi sono una sfida che indubbiamente riguarda gli amministratori, gli archivisti e i ricercatori. 17

19 18

20 La certezza documentaria e le memorie digitali MARIA GUERCIO (Università di Urbino) Non si può parlare di conservazione delle memorie digitali senza fare riferimento innanzitutto (se non soprattutto) a un esigenza di certezza: è questa del resto la peculiarità dei documenti d archivio. Come gli archivisti hanno da tempo ricordato la produzione documentaria è parte integrante di un sistema di certezze giuridiche, a sua volta caratterizzato da equilibri variabili: il bisogno di certezza nei rapporti sociali è legato alle esigenze di integrità e affidabilità della memoria e costituisce il primo impulso alla formalizzazione delle procedure e delle attività giuridicamente rilevanti che si traducono nella produzione di documenti e, soprattutto, di strumenti di controllo per la loro formazione e tenuta. Il rapporto stretto che ha sempre legato la creazione di documenti ai bisogni primari di stabilità delle comunità organizzate ha conseguenze sui modi concreti in cui i documenti (soprattutto quelli pubblici) si formano, si gestiscono, si rendono accessibili, si conservano, al punto da determinare in tutto il mondo e da secoli l esistenza di una rete di istituzioni dedicate, affidate allo Stato o almeno al controllo statale (in Italia la rete degli archivi di Stato, delle soprintendenze e degli archivi storici di tutte le amministrazioni pubbliche oggi obbligate a creare specifici servizi per la gestione degli archivi correnti). I processi di digitalizzazione in atto non solo non possono/non devono indebolire questa struttura, ma devono e in parte è avvenuto, sia pure con qualche evidente contraddizione e in modo insufficiente rafforzarne funzioni e autorevolezza. Parlare di certezza giuridica e memorie digitali vuol dire quindi affrontare in primo luogo il problema complessivo delle responsabilità e delle competenze nazionali e interne ai singoli soggetti per la formazione dei documenti e delle condizioni che ne assicurano la stabilità nel loro ciclo di vita. E questo il compito di questo intervento che non potrà che limitarsi naturalmente all analisi di quegli aspetti critici che dopo dieci anni dall avvio in Italia di specifici provvedimenti normativi ancora rimangono in attesa di soluzione, e talvolta persino di adeguata riflessione. Alcune considerazioni meritano di essere fatte proprio nel momento in cui si chiude un decennio di interventi del legislatore tecnico nazionale (l Aipa creò il primo gruppo di 19

21 Maria Guercio lavoro sul cosiddetto protocollo informatico proprio alla fine del 1996) e di una fase ormai lunga (anche se non sempre felice) di sperimentazione. Per chi ha partecipato attivamente ed è il caso di chi scrive 1 - a questa stagione di riforme del sistema documentario, fare il consuntivo non è un operazione indolore perché si tratta di confrontarsi con una stagione di iniziative di diversa natura purtroppo non sempre coerenti con le esigenze di sviluppo del settore documentario. La mancanza di una linea coerente e organica di interventi normativi e di progettazione (ad esempio nel campo dell e-government) ha spesso ostacolato il necessario processo di approfondimento tecnico-scientifico e ha costretto le istituzioni archivistiche a dedicare molte energie e tanto tempo per impedire che si commettessero errori gravi e fraintendimenti clamorosi. Tempo ed energie che avrebbero potuto essere più proficuamente impiegati per pensare e guidare l innovazione. Nonostante il faticoso e incessante impegno degli archivisti nell attività di sensibilizzazione orientata sia verso l alta amministrazione pubblica che nel campo più frustrante di contenere gli errori e le sviste del legislatore tecnico nella definizione di regole per la produzione di strumenti informatici, ancora oggi molta strada rimane da percorrere anche solo per ampliare la consapevolezza dei portatori di interesse (produttori di documenti, sviluppatori di software, responsabili dei sistemi informativi). Alcuni requisiti essenziali possiamo darli ormai per acquisiti, ma i ritardi sono ancora molti e gli interrogativi sembrano addirittura crescere, anche alla luce di scenari tecnologici e organizzativi in continua evoluzione. E possibile ad esempio segnare nel nostro difficile percorso qualche successo sulla strada di una maggiore e più diffusa consapevolezza della complessità della questione che ancora oggi qualcuno sottovaluta. Innanzi tutto è ormai largamente (sempre con riferimento a una cerchia ristretta di addetti al lavoro) accettato il fatto che i bisogni informativi e documentari (nuovi e vecchi) trovano soluzione e risposte solo se gli schemi organizzativi, le responsabilità e gli strumenti di gestione e conservazione sono definiti non separatamente ma nel riconoscimento e rispetto delle interrelazioni reciproche: i sistemi informativi in generale e quelli documentari in particolare insieme ai modelli organizzativi che è opportuno adottare costituiscono infatti aspetti strettamente collegati e non separabili come dimostra il sostanziale fallimento di molti progetti nazionali e 1 In qualità di rappresentante del Ministero per i beni e le attività culturali ho partecipato dal 1996 al 1998 alla stesura del regolamento sulla gestione informatica dei documenti che fu approvato con dpr 428/1998 poi oggetto di armonizzazione in occasione della stesura del testo unico sul documento amministrativo (dpr 445/2000). 20

22 La certezza documentaria e le memorie digitali internazionali dovuto principalmente proprio al non aver saputo (e in parte voluto) vedere la forza positiva di questi collegamenti e alla incapacità di una visione strategica e insieme realistica dei problemi che l informatica forse è in grado di risolvere, ma solo a patto che non si accettino sconti rispetto alla complessità e ricchezza del mondo reale che si vorrebbe virtualizzare. Il nodo di maggiore criticità al cui scioglimento gli archivisti hanno in questi anni dedicato impegno e attenzione notevoli riguarda tuttavia proprio il difficile (e troppo spesso trascurato o addirittura negato) rapporto tra processi di informatizzazione e garanzie di certezza documentaria: aver sottovalutato le esigenze di stabilità delle memorie rilevanti a fini giuridici ma anche informativi, aver cercato troppe scorciatoie normative per eliminare o ignorare i nodi organizzativi e tecnici della conservazione documentaria, considerata, erroneamente e infelicemente, mero impedimento al pieno dispiegarsi delle forza innovativa e liberatoria delle tecnologie e comunque un peso da lasciare sulle spalle dei responsabili della custodia - hanno avuto effetti negativi rilevanti e hanno, questo sì e più di qualunque altro impedimento, contrastato e rallentato seriamente processi innovativi duraturi e di sostanza. Basta guardare ai modesti risultati dei progetti nazionali di e-government nel settore documentario (non è un caso che Docarea, ovvero l unico progetto che si era realmente occupato degli aspetti organizzativi della funzione documentaria, costituisce una delle poche eccezioni nel panorama piuttosto demoralizzante dei progetti in questione, che nella migliore delle ipotesi si sono limitati a introdurre sistemi di registrazione informatica dei documenti negli enti senza neppure migliorare sensibilmente quelli esistenti). Certamente si è creata una maggiore sensibilità nelle organizzazioni più attente, ma in alcuni casi scelte di esternalizzazione non guidate (nell ambito di un fenomeno sempre più diffuso e imposto da esigenze di risparmio) hanno finito per determinare una rinuncia a qualunque forma di reale innovazione nella gestione della cosa pubblica in questo campo. L innovazione infatti richiede una profonda conoscenza delle routine, un coinvolgimento diretto nei processi che si vogliono cambiare. Non a caso ho fatto riferimento alla funzione documentaria e non semplicemente a quella conservativa. In questa direzione (nel senso cioè di una comunanza di principi, di processi formativi di base e di condivisione di responsabilità), si muovono del resto da tempo ormai gli organismi internazionali di normalizzazione e i gruppi di ricerca più avvertiti: la funzione 21

L archivio di impresa

L archivio di impresa L archivio di impresa Mariella Guercio Università degli studi di Urbino m.guercio@mclink.it Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 premessa L archivistica è una disciplina della complessità, aperta, basata

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA SULL E- GOVERNMENT

LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA SULL E- GOVERNMENT LA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI DIGITALI NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA SULL E- GOVERNMENT (THE PRESERVATION OF THE ELECTRONIC RECORDS WITHIN THE ITALIAN E-GOVERNMENT PROCEDURES) Maria Guercio Il quadro normativo

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Gestione dei documenti e amministrazioni digitali Obblighi antichi e nuove scadenze. 2015 Maria Guercio Sapienza Università di Roma

Gestione dei documenti e amministrazioni digitali Obblighi antichi e nuove scadenze. 2015 Maria Guercio Sapienza Università di Roma Gestione dei documenti e amministrazioni digitali Obblighi antichi e nuove scadenze 2015 Maria Guercio Sapienza Università di Roma documenti e archivi nella legislazione italiana 1900-2000: un secolo di

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

Corso La gestione informatica dei documenti

Corso La gestione informatica dei documenti Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso La gestione informatica dei documenti

Dettagli

24 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

24 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 24 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A...pag. 2 E345 Le regole tecniche per la formazione

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

1. Premessa... 1. 2. Politica per la Qualità... 1. 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2

1. Premessa... 1. 2. Politica per la Qualità... 1. 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2 POLITICA PER LA QUALITÀ E LA RESPONSABILITÀ SOCIALE REV. 4 Indice 1. Premessa... 1 2. Politica per la Qualità... 1 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2 1. Premessa Il presente documento esplicita

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini Assolombarda - Politecnico di Milano - Fondazione Politecnico Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo Dr. Alberto

Dettagli

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM INTERVENTO DELL'ASSESSORE REGIONALE ALLE POLITICHE DEL TURISMO E DELLA MONTAGNA DELLA REGIONE

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Rev. Gen. 2012. Company Profile

Rev. Gen. 2012. Company Profile Rev. Gen. 2012 Company Profile Chi siamo Finint & Wolfson Associati è una giovane e dinamica società di consulenza di Direzione, focalizzata sulla reingegnerizzazione e progettazione dei processi di Innovazione,

Dettagli

AGE MANAGEMENT. Conoscere la propria azienda per farla crescere. 8 giugno 2015 sede Gruppo 24 ORE, Milano. Estratti del Convegno

AGE MANAGEMENT. Conoscere la propria azienda per farla crescere. 8 giugno 2015 sede Gruppo 24 ORE, Milano. Estratti del Convegno AGE MANAGEMENT Conoscere la propria azienda per farla crescere 8 giugno 215 sede Gruppo 24 ORE, Milano Estratti del Convegno UN PATTO TRA GENERAZIONI PER EVITARE LA CRISI Gli equilibri all interno delle

Dettagli

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG

LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008. Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG LAVORO, QUALITA E SICUREZZA Monfalcone, 3 marzo 2008 Intervento di Claudio Hauser, Direttore Confindustria FVG L infortunio è una tragedia e una sconfitta, una tragedia per le conseguenze che trascina,

Dettagli

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23

Mercoledì, 26 novembre 2014. slide 1 di 23 La transizione al digitale per gli enti pubblici locali opportunità e criticità operative sala Zodiaco Sede della Provincia di Bologna Mercoledì, 26 novembre 2014 slide 1 di 23 Gli argomenti Saluti e introduzione

Dettagli

Rev. Gen. 2012. Maggio 2016. Company Profile

Rev. Gen. 2012. Maggio 2016. Company Profile Rev. Gen. 2012 Maggio 2016 Company Profile Chi siamo Finint & Wolfson Associati è una giovane e dinamica società di consulenza di Direzione, focalizzata sulla reingegnerizzazione e progettazione dei processi

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

1. Premesse metodologiche Raccomandazioni

1. Premesse metodologiche Raccomandazioni Il Gruppo di Lavoro Italiano per la definizione dei Criteri di Qualità dei Siti Web della Cultura nella prima riunione tenutasi a Roma l 11 novembre 2002, ha fissato il proprio programma di lavoro come

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato BUON MANAGEMENT = BUONA SANITA La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato Bassano del Grappa, 25 giugno 2012 Questo Convegno nasce dall idea che un confronto

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia

Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia a cura di Vincenzo Russo, Davide Jabes e Cinzia Sciangula dell Università IULM di Milano 1 Premessa

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali. A cura di Maria Grazia Pastura

Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali. A cura di Maria Grazia Pastura 1 Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali A cura di Maria Grazia Pastura Tra cartaceo e digitale: la conservazione degli archivi e il ruolo dei Beni Culturali:

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

MBO - Management by objectives

MBO - Management by objectives DAL 1946, CONSULENTI DI DIREZIONE 10133 TORINO CORSO FIUME 2 - Tel.(011) 6604346 6603826 (fax) Email: consulenti@studiobarale.it MBO - Management by objectives Una breve guida all introduzione in azienda

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Soluzioni per la tua crescita

Soluzioni per la tua crescita Soluzioni per la tua crescita Sviluppiamo il tuo business Una storia di successi Co.Mark nasce a Bergamo nel 1998 come studio di consulenza professionale nel campo dei servizi di temporary management per

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione.

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione. ISO 9001 Con la sigla ISO 9001 si intende lo standard di riferimento internazionalmente riconosciuto per la Gestione della Qualità, che rappresenta quindi un precetto universale applicabile all interno

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

Rev. Gen. 2012. Company Profile

Rev. Gen. 2012. Company Profile Rev. Gen. 2012 Company Profile Agosto 2015 Chi siamo FIWA è una giovane e dinamica società di consulenza direzionale, focalizzata sulla reingegnerizzazione e progettazione dei processi portanti dello

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

ƒ Gli standard e la gestione documentale

ƒ Gli standard e la gestione documentale 81267$1'$5' 3(5/$*(67,21('280(17$/( Giovanni Michetti SC11 Gestione dei documenti d archivio giovanni.michetti@uniroma1.it Strumenti per l informazione e la documentazione: le norme UNI (Roma, 18 giugno

Dettagli

Excursus. Spazio di formazione partecipata LET S GOPP! Metodo e strumenti per un etica dell europrogettazione.

Excursus. Spazio di formazione partecipata LET S GOPP! Metodo e strumenti per un etica dell europrogettazione. Credits foto: Nikolas Kallmorgen Excursus. Spazio di formazione partecipata LET S GOPP! Metodo e strumenti per un etica dell europrogettazione. Corso di formazione di alto livello per professionisti della

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli