Alimenti privi di glutine e prontuario AIC. Dietista: Francesco Macrì

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alimenti privi di glutine e prontuario AIC. Dietista: Francesco Macrì"

Transcript

1 Alimenti privi di glutine e prontuario AIC Dietista: Francesco Macrì

2 LA CELIACHIA La CELIACHIA è un intolleranza permanente al glutine; Il GLUTINE è una sostanza proteica contenuta in alcuni cereali, farine e loro derivati; Il glutine, proteina povera dal punto di vista nutrizionale, NON È INDISPENSABILE alla nostra alimentazione ma è utile per ottenere impasti più collosi.

3 IL GLUTINE L uomo non si è ancora del tutto adattato a questa proteina: 2,5 M Comparsa uomo sulla terra Per digerire la pasta senza glutine il nostro stomaco impiega un'ora in meno di quanto è necessario per la pasta tradizionale STRAVOLGIMENTO DELLA DIETA Passaggio da nomadi a stazionari Vegetali e, di rado, carni Agricoltura e coltivazione di cereali contenenti glutine

4 I CEREALI E IL GLUTINE CONTENGONO GLUTINE PRIVI DI GLUTINE

5 COME SI CURA LA CELIACHIA? Attualmente l unica terapia efficace è la DIETA PRIVA DI GLUTINE che deve essere: rigorosa; insostituibile; per tutta la vita. La dieta priva di glutine permette: la completa remissione sintomatologica, sierologica ed istologica della malattia; una qualità e aspettative di vita sovrapponibile al resto della popolazione.

6 ALIMENTI E GLUTINE Sono SUFFICIENTI PICCOLE QUANTITÀ di glutine (20 p.p.m. 20 mg/kg) per causare danni e sintomi nel celiaco; Fondamentale prestare attenzione alle composizioni dei comuni alimenti in commercio, per essere sicuri della totale assenza del glutine

7 LEGGE QUADRO 123/05 LA CELIACHIA È RICONOSCIUTA COME MALATTIA SOCIALE Nelle mense erogate nell ambito delle strutture scolastiche e ospedaliere e nelle mense di tutte le strutture pubbliche devono essere somministrati, previa richiesta degli interessati, anche PASTI SENZA GLUTINE; Le Regioni devono provvedere all inserimento di appositi moduli formativi sulla malattia celiachia nell ambito delle attività di FORMAZIONE e AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE rivolto a ristoratori e albergatori. e albergatori.

8 PRODOTTI IDONEI AI CELIACI 1. Alimenti naturalmente privi di glutine; PROGETTI AIC 2. Prodotti con il marchio Spiga Sbarrata ; 3. Prodotti inseriti nel Prontuario AIC; 4. Prodotti notificati (D.L. 111/92); 5. Alimenti con dicitura in etichetta non contiene fonti di glutine ;

9 PRODOTTI IDONEI AI CELIACI 1. Alimenti naturalmente privi di glutine; 2. Prodotti con il marchio Spiga Sbarrata ; 3. Prodotti inseriti nel Prontuario AIC; 4. Prodotti notificati (D.L. 111/92); 5. Alimenti con dicitura in etichetta non contiene fonti di glutine ;

10 PRODOTTI IDONEI AI CELIACI ALIMENTI PERMESSI (comprendono i dietoterapeutici) ALIMENTI A RISCHIO (reperibili sul prontuario AIC) ALIMENTI VIETATI (contenuto di glutine > di 20 p.p.m.)

11 ALIMENTI PERMESSI Alimenti che possono essere consumati liberamente, in quanto naturalmente privi di glutine o appartenenti a categorie alimentari non a rischio di contaminazione: Cereali privi di glutine (es. mais, riso); Patate, legumi e soia; Latte e derivati; Carni, pesce e uova; Oli vegetali; Frutta e verdura.

12 ALIMENTI A RISCHIO Alimenti che possono contenere glutine o alcuni ingredienti contaminati durante il processo di lavorazione; Gli alimenti di questa categoria, che possono essere consumati solo dopo aver accertato l assenza di glutine, sono: Farine e amidi (es. farine di mais, fecola di patate..); Minestre pronte, dadi, sughi e salse; Lievito; Yogurt alla frutta; Insaccati e preparati di carne; Formaggi fusi e a fette.

13 PERICOLO CONTAMINAZIONE Se alimenti privi di glutine vengono preparati in ambienti dove e presente anche il glutine possono essere contaminati e quindi A RISCHIO per il celiaco; Importanza monitoraggio da parte delle aziende del processo produttivo, degli operatori, degli impianti e degli ambienti di lavoro; ESEMPIO: se nel medesimo molino in cui si prepara la farina di mais viene lavorato anche del frumento sussiste un forte rischio di contaminazione. Così da un prodotto sicuro (mais) c è il rischio di ottenere un prodotto a rischio (farina di mais)

14 PERICOLO CONTAMINAZIONE Anche il prodotto finito, se non correttamente e igienicamente manipolato, può andare incontro a contaminazione nelle successive fasi di preparazione; Durante la preparazione di un pasto i momenti a rischio di contaminazione possono essere diversi: l approvvigionamento; lo stoccaggio; la preparazione; la distribuzione. FONDAMENTALE LA FORMAZIONE ADEGUATA DEI RISTORATORI E DEGLI OPERATORI MENSA

15 ALIMENTI VIETATI Sono alimenti da ELIMINARE DALLA DIETA per la presenza di glutine: Cereali e farine contenenti glutine (es. frumento, orzo, malto..) e loro derivati; Prodotti infarinati o impanati; Yogurt al malto, ai cereali e ai biscotti; Piatti pronti a base di formaggio; Surimi; Birra, caffè o surrogati di malto e orzo; Cioccolato con cereali; Besciamella e lievito madre.

16 PRODOTTI IDONEI AI CELIACI 1. Alimenti naturalmente privi di glutine; 2. Prodotti con il marchio Spiga Sbarrata ; 3. Prodotti inseriti nel Prontuario AIC; 4. Prodotti notificati (D.L. 111/92); 5. Alimenti con dicitura in etichetta non contiene fonti di glutine.

17 SPIGA SBARRATA È il marchio di proprietà dell AIC che viene concesso in licenza d uso alle Aziende interessate; L ottenimento del marchio è subordinato al controllo dell intera filiera produttiva Il parametro che si certifica è il glutine < 20 p.p.m.

18 PRODOTTI IDONEI AI CELIACI 1. Alimenti naturalmente privi di glutine; 2. Prodotti con il marchio Spiga Sbarrata ; 3. Prodotti inseriti nel Prontuario AIC; 4. Prodotti notificati (D.L. 111/92); 5. Alimenti con dicitura in etichetta non contiene fonti di glutine.

19 PRONTUARIO AIC Per aiutare e guidare il celiaco nella gestione della dieta e della spesa, l AIC pubblica annualmente un prontuario degli alimenti del commercio sicuri ; Il prontuario garantisce l aggiornamento dei prodotti comuni a minor rischio di contaminazione da glutine (< 20 p.p.m.); Le aziende che vogliono aderire devono produrre la documentazione richiesta da AIC su ingredienti utilizzati e processi produttivi eseguiti.

20 LETTURA DEL PRONTUARIO Nella parte iniziale troviamo la prefazione sulla celiachia, alcuni cenni sulla dieta e alcuni approfondimenti su particolari prodotti; I prodotti del prontuario sono divisi per CATEGORIE (aceti, bevande, crackers, ecc.) ordinate alfabeticamente; In ogni categoria di alimento sono elencate in ordine alfabetico tutte le AZIENDE con il loro prodotto; Esempio: CATEGORIA AZIENDA PRODOTTO Bevande alla frutta Parmalat Santal premium Alla fine del prontuario si trovano i prodotti per la ristorazione collettiva.

21

22 LETTURA DEL PRONTUARIO Se il nome del prodotto non è seguito da nessuna indicazione di peso, di volume o di lotto significa che tutti i formati di quel prodotto sono idonei alla dieta del celiaco Patatine XX: Non sono specificati i formati TUTTI FORMATI OK! Se invece, dopo il nome del prodotto, c è l indicazione di uno o più formati o di un particolare lotto, significa che solo i formati indicati o i lotti specificati sono idonei Patatine XX (sacchetto da 50 g): SOLO SACCHETTO DA 50 G È IDONEO!

23 LIMITI DEL PRONTUARIO Il prontuario presenta alcuni limiti che la AIC non manca di ricordare e sottolineare: Non sono elencati tutti gli alimenti esistenti come quelli naturalmente privi di glutine e quelli non a rischio di contaminazione incrociata (importanza educazione); Non ci sono tutti gli alimenti in commercio perché la pubblicazione è volontaria e non tutte le aziende son interessate ad aderire; Il prontuario non si sostituisce all educazione alimentare che permette di avere una dieta varia e ricca di prodotti privi di glutine.

24 COME RICEVERE IL PRONTUARIO Per ricevere il prontuario è sufficiente l iscrizione all Associazione Italiana Celiachia (AIC); Aggiornamenti sono presenti sul sito internet Televideo Rai (p. 449) e la rivista Celiachia Notizie

25

26 PRODOTTI IDONEI AI CELIACI 1. Alimenti naturalmente privi di glutine; 2. Prodotti con il marchio Spiga Sbarrata ; 3. Prodotti inseriti nel Prontuario AIC; 4. Prodotti notificati (D.L. 111/92); 5. Alimenti con dicitura in etichetta non contiene fonti di glutine.

27 PRODOTTI NOTIFICATI I dietoterapeutci Alimenti SOSTITUTIVI degli alimenti in cui il glutine è parte degli ingredienti caratterizzanti; Sono notificati al Ministero della Salute e pubblicati nel Registro Nazionale degli Alimenti senza glutine; Comprendono pane, pasta, farine, pizza, prodotti da forno, prodotti impanati senza glutine; Sono erogabili attraverso il SSN; Sono gli unici prodotti che possono utilizzare in etichetta la dicitura SENZA GLUTINE.

28 PRODOTTI IDONEI AI CELIACI 1. Alimenti naturalmente privi di glutine; 2. Prodotti con il marchio Spiga Sbarrata ; 3. Prodotti inseriti nel Prontuario AIC; 4. Prodotti notificati (D.L. 111/92); 5. Alimenti con dicitura in etichetta non contiene fonti di glutine.

29 NON CONTIENE FONTI DI GLUTINE Il Ministero della Salute ha stabilito la possibilità di riportare tale dizione in etichetta per i seguenti prodotti: QUESTA NORMATIVA prodotti a base di carne (salumi); SARA PRESTO gelati preconfezionati in vaschette di produzione industriale; Le aziende dovranno adeguare i piani di autocontrollo MODIFICATA (HACCP) relativi ai processi lavorativi interessati; Questi prodotti possono essere utilizzati anche se non presenti nel prontuario AIC degli alimenti.

30 LA NUOVA NORMATIVA REGOLAMENTO CE 41/2009 relativo alla composizione ed etichettatura dei prodotti alimentari adatti alle persone intolleranti al glutine

31 REGOLAMENTO CE 41/2009 OBBLIGATORIA FACOLTATIVA Fino ad oggi non possibile

32 REGOLAMENTO CE 41/2009 (2) Non è ammessa, al fine di non indurre in errore il consumatore, la possibilità di indicare come «senza glutine» alimenti che di per sé non presentino alcun rischio di contaminazione con cereali contenenti glutine o loro derivati (ALIMENTI NATURALMENTE PRIVI DI GLUTINE); Il regolamento si applicherà a decorrere dal 1/1/2012;

33 REGOLAMENTO CE 41/2009 Sarà quindi possibile acquistare un prodotto sicuro solo attraverso la lettura dell etichetta; Fino a quel momento il registro degli prodotti dietetici, il Prontuario AIC degli Alimenti e Marchio Spiga Barrata, rimarranno gli strumenti necessari per poter scegliere con tranquillità prodotti idonei.

34 RIEPILOGANDO I prodotti consentiti sono sempre idonei alla dieta del celiaco; Anche i prodotti consentiti possono però essere contaminati durante la preparazione; Per i prodotti a rischio consultare il prontuario AIC.

35

Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati. Gli alimenti senza glutine in commercio.

Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati. Gli alimenti senza glutine in commercio. Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. NUTRIZIONE Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Azienda USL di Modena DIETISTA DOTT.SSA MARIANGELA CIRILLO Cibi naturalmente privi di glutine e cibi vietati.

Dettagli

NORME VIGENTI. Dott. SILVIO MORETTI ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA

NORME VIGENTI. Dott. SILVIO MORETTI ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA NORME VIGENTI Dott. SILVIO MORETTI ASSOCIAZIONE ITALIANA CELIACHIA LEGISLAZIONE L. 4 luglio 2005, n 123 Norme per la protezione dei soggetti malati di celiachia 1. Celiachia come malattia sociale 2. Diagnosi

Dettagli

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06.2016 ALLEGATO AT04 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI

Dettagli

Nuovo regolamento europeo CE 41/2009 sulla composizione ed etichettatura dei prodotti alimentari adatti alle persone intolleranti al glutine

Nuovo regolamento europeo CE 41/2009 sulla composizione ed etichettatura dei prodotti alimentari adatti alle persone intolleranti al glutine Associazione Italiana Celiachia Onlus Area Food Nuovo regolamento europeo CE 41/2009 sulla composizione ed etichettatura dei prodotti alimentari adatti alle persone intolleranti al glutine Susanna Neuhold

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA. PERIODO 1.9.2012/30.06.2017 INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE Allegato Tecnico n. 4 al Capitolato Speciale

Dettagli

Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica

Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica Mille menùper una grande città Le nuove linee guida dalla teoria alla pratica Paola Boni SIAN AUSL di RE CHE COSA E LA CELIACHIA? La celiachia è una intolleranza permanente al glutine in soggetti geneticamente

Dettagli

! " $ #% &' ) * * + ,, -'./.''' # "

!  $ #% &' ) * * + ,, -'./.''' # ! " $ % &' ( ) * * +,, -'./.'''..'' " , 1! " 2 ( 2 3 $ 4 4! 1 5.6 7 $ 2 $ 8, + " + $ + + La piramide alimentare del celiaco 9 + : / Verdure tal quali o conservate sott olio o sott aceto o surgelate Frutta

Dettagli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli

SCEGLI IL GUSTO. 7 febbraio 2013 Body Worlds. Anna Caroli SCEGLI IL GUSTO 7 febbraio 2013 Body Worlds Anna Caroli Terminato l iter diagnostico esami del sangue biopsia enterica Oggi so di essere celiaco Cosa faccio e cosa mangio Il Medico fornisce le prime e

Dettagli

LE ALLERGIE ALIMENTARI

LE ALLERGIE ALIMENTARI UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 LE ALLERGIE ALIMENTARI Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio ALLERGIE-INTOLLERANZE L allergia alimentare è una reazione di ipersensibilità

Dettagli

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE

ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE ALLEGATO D INDICAZIONI PER DIETE SPECIALI PER MOTIVI DI SALUTE 1.Premessa Nell ambito della ristorazione scolastica è prevista la possibilità di richiedere Diete speciali per motivi di salute per venire

Dettagli

..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità

..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità susanna neuhold responsabile nazionale area food il glutine negli alimenti CONOSCERE:

Dettagli

EXPO Milano 2015 11 ottobre 2015 CELIACHIA. La dieta «in pillole» Donatella Noè SSD Servizio Dietetico

EXPO Milano 2015 11 ottobre 2015 CELIACHIA. La dieta «in pillole» Donatella Noè SSD Servizio Dietetico EXPO Milano 2015 11 ottobre 2015 CELIACHIA La dieta «in pillole» Donatella Noè SSD Servizio Dietetico Esclusione TOTALE del glutine dall alimentazione in modo permanente e rigoroso EDUCAZIONE Evitare trasgressioni

Dettagli

Etichettatura dei prodotti per celiaci

Etichettatura dei prodotti per celiaci Etichettatura dei prodotti per celiaci Elisabetta Toti toti@inran.it Introduzione Nella dieta della popolazione generale, i cereali contribuiscono alla gran parte del consumo energetico giornaliero in

Dettagli

Associazione Italiana Celiachia VENETO

Associazione Italiana Celiachia VENETO Associazione Italiana Celiachia VENETO Verona 13 aprile 2011 M. Friso, F. Lagonia, B. Brun L Associazione Italiana Celiachia AIC è nata nel 1979 Finalità: promuovere l assistenza ai celiaci e alle loro

Dettagli

MENU SCOLASTICI E DIETE SPECIALI: allergie, intolleranze e celiachia

MENU SCOLASTICI E DIETE SPECIALI: allergie, intolleranze e celiachia Dipartimento di Sanità Pubblica Servizo Igiene degli Alimenti e della Nutrizione DIETE SPECIALI E CELIACHIA nei nidi d'infanzia di Modena 24 Marzo 2010 MENU SCOLASTICI E DIETE SPECIALI: allergie, intolleranze

Dettagli

Formulare un offerta ristorativa con il senza glutine

Formulare un offerta ristorativa con il senza glutine Formulare un offerta ristorativa con il senza glutine Formulare un offerta ristorativa con il senza glutine Ma, prima di tutto, perché farlo? In prima analisi I dati di mercato mostrano come il senza glutine

Dettagli

..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf

..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf I progetti dell AIC: Prontuario e Marchio Spiga Barrata, le procedure ambra corsi responsabile marchio Spiga Barrata Firenze,

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

LA DIETA SENZA GLUTINE E UNA ALTERNATIVA POSSIBILE E GUSTOSA, NON UNA RINUNCIA.

LA DIETA SENZA GLUTINE E UNA ALTERNATIVA POSSIBILE E GUSTOSA, NON UNA RINUNCIA. La terapia della intolleranza al glutine consiste solo nella dieta che NON deve contenere alimenti preparati con le farine dei cereali tossici per il paziente celiaco: FRUMENTO, ORZO, SEGALE (e analoghi

Dettagli

COMUNE DI CASALE ESTIVO ANNO SCOLASTICO 2013/2014. Pasta* al pomodoro (mat. Uovo sodo. Pasta* olio e rosmarino. Arrosto di manzo

COMUNE DI CASALE ESTIVO ANNO SCOLASTICO 2013/2014. Pasta* al pomodoro (mat. Uovo sodo. Pasta* olio e rosmarino. Arrosto di manzo COMUNE DI CASALE ESTIVO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Dieta no glutine Pasta* al pomodoro Pasta* olio e rosmarino Pasta * al pesto fresco Pasta* al pomodoro (mat. Milanese di lonza* (impanatura Formaggio spalmabile*

Dettagli

La Dieta Dei Celiaci. Dietista Dott.ssa Monica Ancinelli

La Dieta Dei Celiaci. Dietista Dott.ssa Monica Ancinelli CORSI DI FORMAZIONE-INFORMAZIONE per operatori della ristorazione e albergatori (ex L. 123/05) La Dieta Dei Celiaci Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma 19-25-26/ 10/ 2011 La malattia celiaca (MC)

Dettagli

LA CUCINA SENZA GLUTINE PER PROFESSIONISTI DELLA RISTORAZIONE. Associazione Italiana Celiachia Onlus AIC Piemonte e Valle d Aostad Asti 1 Marzo 2007

LA CUCINA SENZA GLUTINE PER PROFESSIONISTI DELLA RISTORAZIONE. Associazione Italiana Celiachia Onlus AIC Piemonte e Valle d Aostad Asti 1 Marzo 2007 LA CUCINA SENZA GLUTINE PER PROFESSIONISTI DELLA RISTORAZIONE Associazione Italiana Celiachia Onlus AIC Piemonte e Valle d Aostad Asti 1 Marzo 2007 CHE COSA E E LA CELIACHIA E una intolleranza permanente

Dettagli

La produzione artigianale e la somministrazione due regioni a confronto : Az. USL Bologna - Emilia Romagna

La produzione artigianale e la somministrazione due regioni a confronto : Az. USL Bologna - Emilia Romagna MASTERING THE COELIAC CONDITION Celiachia oltre la sicurezza alimentare: ristorazione fuori casa e qualità Firenze 31 marzo 2011 La produzione artigianale e la somministrazione due regioni a confronto

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Etichettatura degli alimenti Il Regolamento (CE) 41/2009 sulla composizione ed etichettatura dei prodotti alimentari adatti alle persone intolleranti al glutine Il Regolamento (CE) 41/2009 è entrato ufficialmente

Dettagli

Quando il frumento è un contaminante: alimenti per celiaci

Quando il frumento è un contaminante: alimenti per celiaci Quando il frumento è un contaminante: alimenti per celiaci Susanna Neuhold Nuovi scenari di mercato dei cereali e il ruolo dei contaminanti Torino - 28 febbraio 2012 1 CHE COSA È LA CELIACHIA? è una condizione

Dettagli

LA CELIACHIA: UN'INTOLLERANZA AL GLUTINE DIFFUSA, POCO CONOSCIUTA, FACILE DA DIAGNOSTICARE. al tuo servizio I CONSIGLI DEL FARMACISTA.

LA CELIACHIA: UN'INTOLLERANZA AL GLUTINE DIFFUSA, POCO CONOSCIUTA, FACILE DA DIAGNOSTICARE. al tuo servizio I CONSIGLI DEL FARMACISTA. In collaborazione con Claudia Koll - Presidentessa Onoraria Associazione Italiana Celiachia Associazione Italiana Celiachia Piemonte - Valle d Aosta I CONSIGLI DEL FARMACISTA. LA CELIACHIA: UN'INTOLLERANZA

Dettagli

INFORMATIVA in merito ai servizi offerti da Milano Ristorazione A.S. 2014-2015

INFORMATIVA in merito ai servizi offerti da Milano Ristorazione A.S. 2014-2015 Milano, luglio 2014 INFORMATIVA in merito ai servizi offerti da Milano Ristorazione A.S. 2014-2015 L Associazione Italiana Celiachia (AIC) Lombardia ONLUS, da alcuni anni ha intrapreso contatti con i referenti

Dettagli

PROGETTO CUCINARE SENZA GLUTINE A.s. 2009-2010 e 2010-2011

PROGETTO CUCINARE SENZA GLUTINE A.s. 2009-2010 e 2010-2011 Associazione Italiana Celiachia Piemonte Valle d Aosta - Onlus Via Guido Reni 96 int. 99 Cap 10136 Torino Tel.: 011 3119902 Fax:011 3010806 segreteria@aicpiemonte.it www.aicpiemonte.it PROGETTO CUCINARE

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI Grammature dei generi alimentari al netto degli scarti (salvo diversa indicazione) per fasce scolari GENERI ALIMENTARI

Dettagli

DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica)

DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica) DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica) DATA della richiesta : DATA scadenza dieta : COGNOME E NOME: pasta o riso o orzo o farro con olio e parmigiano reggiano, con pomodoro o con verdure;

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

La gestione del rischio allergeni negli esercizi di vendita e somministrazione di prodotti alimentari

La gestione del rischio allergeni negli esercizi di vendita e somministrazione di prodotti alimentari La gestione del rischio allergeni negli esercizi di vendita e somministrazione di prodotti alimentari A. Testa, V. Marotta, M. Bassoli, F. Piovesan, R. Goi, R. Sattanino, B. Griglio ASL TO5 CHIERI/Ce.I.R.S.A.

Dettagli

Linee guida per la formulazione di diete per patologie

Linee guida per la formulazione di diete per patologie Linee guida per la formulazione di diete per patologie ALLEGATO 3 DIETE SPECIALI AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA CELIACHIA I pazienti affetti da celiachia non possono assumere

Dettagli

Celiachia: linee guida per la produzione gluten-free e attività AIC rivolte agli OSA

Celiachia: linee guida per la produzione gluten-free e attività AIC rivolte agli OSA Celiachia: linee guida per la produzione gluten-free e attività AIC rivolte agli OSA Dove si trovano i prodotti? Che cos è questa malattia? Cosa si mangia? OLTRE Oggi le persone affette da celiachia trovano

Dettagli

La sanitàpubblica locale e le associazioni pazienti: AIC

La sanitàpubblica locale e le associazioni pazienti: AIC ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Convegno Nazionale SIAN FOCUS SU INTERVENTI EFFICACI E SOSTENIBILI DIPREVENZIONE NUTRIZIONALE NELLA RETE DELLA COMUNITÀ

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

LA DIETA NEL CELIACO il parere del nutrizionista

LA DIETA NEL CELIACO il parere del nutrizionista LA DIETA NEL CELIACO il parere del nutrizionista Dietista LORENZA BENNATI ASL 22 PP.OO Novi Ligure - Ovada STARE A DIETA ma non essere a dieta Dalla dieta come peso e limite A uno stile di vita (alimentare)

Dettagli

Responsabile del progetto Dr. Roberto Puggioni - Direttore del Servizio

Responsabile del progetto Dr. Roberto Puggioni - Direttore del Servizio La celiachia è una intolleranza permanente al glutine, che si manifesta in soggetti geneticamente predisposti con sintomi e segni estremamente variabili che spesso rendono la diagnosi difficile e/o tardiva.

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA Linee guida per la vigilanza sulle imprese alimentari che preparano e/o somministrano alimenti preparati con

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

DIETA SEMILIQUIDA A. Requisiti degli alimenti:

DIETA SEMILIQUIDA A. Requisiti degli alimenti: DIETA SEMILIQUIDA A Questo tipo di dieta è proposto per pazienti incapaci di masticare, deglutire o far giungere allo stomaco cibi solidi e liquidi. E una dieta fluida, omogenea, frullata e setacciata

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Venerdì 09 agosto 2013

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Venerdì 09 agosto 2013 Bollettino Ufficiale 109 D.G. Salute D.d.g. 31 luglio 2013 - n. 7310 Indicazioni alle ASL per il controllo ufficiale delle imprese alimentari che producono e/o somministrano e/o vendono alimenti non confezionati

Dettagli

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI 1 Sede legale : Via Mazzini, 117-28887 Omegna (VB) Tel. +39 0323.5411 0324.4911 fax +39 0323.643020 e-mail: protocollo@pec.aslvco.it -

Dettagli

LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI

LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI Tecnico della Prevenzione Azienda Ulss7 Dott.ssa Carola Lanzilotti Il sistema

Dettagli

Il personale addetto allo stoccaggio dei prodotti senza glutine.

Il personale addetto allo stoccaggio dei prodotti senza glutine. Corsi di formazione per la produzione e / o somministrazione di alimenti senza glutine destinati agli operatori del settore alimentare per la preparazione di pasti per i soggetti celiaci. A chi sono rivolti

Dettagli

L attuale Quadro Normativo

L attuale Quadro Normativo L attuale Quadro Normativo L educazione alimentare per il biologico Centro Congressi di Eatily Roma, 12 Ottobre 2012 Dott.ssa Teresa De Matthaeis Dirigente Ufficio Agricoltura Biologica - PQA V Ministero

Dettagli

MANUALE. per la cucina professionale. senza glutine

MANUALE. per la cucina professionale. senza glutine MANUALE per la cucina professionale senza glutine INDICE La filosofia Gluten Free del Gruppo Lo Conte COS È LA CELIACHIA? La celiachia è una condizione di intolleranza permanente al glutine che può manifestarsi

Dettagli

L ATTIVITA DEL SERVIZIO

L ATTIVITA DEL SERVIZIO Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Area Nutrizione L ATTIVITA DEL SERVIZIO A partire da settembre 2002, l unità operativa Nutrizione del SIAN di Modena ha

Dettagli

LA DIETA SENZA GLUTINE

LA DIETA SENZA GLUTINE LA DIETA SENZA GLUTINE B.Santini,T.Palmas, L.Palma* Dipartimento di Scienze Pediatriche e dell Adolescenza Università degli Studi di Torino * Azienda Ospedaliera Materno Infantile OIRM-S.Anna DIETA SENZA

Dettagli

LA CELIACHIA: GESTIONE DEL RISCHIO NELLA RISTORAZIONE PUBBLICA

LA CELIACHIA: GESTIONE DEL RISCHIO NELLA RISTORAZIONE PUBBLICA LA CELIACHIA: GESTIONE DEL RISCHIO NELLA RISTORAZIONE PUBBLICA ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO ATTRAVERSO L AUTOCONTROLLO E PROCEDURE PER LA NOTIFICA DELL ATTIVITA Carignano 4 febbraio 2013 Corso Base 2013

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 D. LGS. 196/2003

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 D. LGS. 196/2003 INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 D. LGS. 196/2003 Gentile Cliente, desideriamo informarla che il D.Lgs. 196 del 30 giugno 2003 Codice in materia di protezione dati personali prevede la tutela delle persone

Dettagli

ASSOCIAZIONE BANCO ALIMENTARE DEL PIEMONTE ONLUS

ASSOCIAZIONE BANCO ALIMENTARE DEL PIEMONTE ONLUS ASSOCIAZIONE BANCO ALIMENTARE DEL PIEMONTE ONLUS Relazione Attività 2012 Cosa è il Banco Alimentare? Una rete di organizzazioni senza fine di lucro con lo scopo di raccogliere le eccedenze di produzione,

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Più gusto con lo spuntino giusto La fase iniziale: perché mangiamo? Quali sono i principi nutritivi degli alimenti? Insieme all assistente sanitaria Patrizia abbiamo ripreso

Dettagli

a cura di Maria vittoria Giglioli supervisione: Roberto Spigarolo INTRODUZIONE

a cura di Maria vittoria Giglioli supervisione: Roberto Spigarolo INTRODUZIONE Analisi critica dei menù somministrati nel servizio di ristorazione scolastica dei comuni dell Agenda 21 Est Ticino e loro confronto con le linee guida nazionali e regionali. INTRODUZIONE a cura di Maria

Dettagli

Grosseto, 26 febbraio 2015 Allergie ed intolleranze alimentari 2 Le allergie alimentari interessano il 2 4% circa dell intera popolazione generale, con una incidenza maggiore nei bambini, dove raggiunge

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO

OPUSCOLO INFORMATIVO OPUSCOLO INFORMATIVO Mangiare sano...a scuola e a casa Anno scolastico 2012-2013 Comune di Rovello Porro C are Mamme, Papà e giovani rovellesi, questo opuscolo vuole essere un aiuto alle famiglie, non

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Associazione Italiana Celiachia Lombardia Onlus

Associazione Italiana Celiachia Lombardia Onlus INCONTRO INFORMATIVO SULLA CELIACHIA PROGETTO IN FUGA DAL GLUTINE BABY, Anno Scolastico 2012-2013 Associazione Italiana Celiachia (AIC), CHI SIAMO? http://www.celiachia.it/aic/aic.aspx http:/// Linee Guida

Dettagli

susanna neuhold responsabile area food - Firenze 31 marzo 2012

susanna neuhold responsabile area food - Firenze 31 marzo 2012 AIC nell alimentazione fuori casa Celiachia: oltre la sicurezza alimentare, ristorazione fuori casa e qualità susanna neuhold responsabile area food - Firenze 31 marzo 2012 1 alimentarsi non è solo un

Dettagli

IO MANGIO A SCUOLA : IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO

IO MANGIO A SCUOLA : IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO IO MANGIO A SCUOLA : IGIENE E SICUREZZA DEL CIBO Gi aspetti dea sicurea aietare e abit dee diete speciai B.SANTINI-S.FRANCO S.FRANCO SSD Nutrizione Clinica AO Città della Scienza e della Salute Dipartimento

Dettagli

PASTI SPECIALI NELLA REFEZIONE SCOLASTICA Allergie alimentari frequenti. Dieta priva di Glutine per Celiarchia. Dieta leggera o in bianco

PASTI SPECIALI NELLA REFEZIONE SCOLASTICA Allergie alimentari frequenti. Dieta priva di Glutine per Celiarchia. Dieta leggera o in bianco PASTI SPECIALI NELLA REFEZIONE SCOLASTICA Allergie alimentari frequenti. Dieta priva di Glutine per Celiarchia. Dieta leggera o in bianco LE ALLERGIE ALIMENTARI Le Allergie alimentari colpiscono circa

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

MATERIA: SCIENZA E CULTURA DELL ALIMENTAZIONE. Classe: 3 enogastronomia, sala e vendita, pasticceria

MATERIA: SCIENZA E CULTURA DELL ALIMENTAZIONE. Classe: 3 enogastronomia, sala e vendita, pasticceria 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA MATERIA: SCIENZA E CULTURA DELL ALIMENTAZIONE Classe: 3 enogastronomia, sala e vendita, pasticceria Il docente di Scienza e Cultura dell Alimentazione concorre a far conseguire

Dettagli

Bergamo, 15 gennaio 2013

Bergamo, 15 gennaio 2013 2012 Condividere i bisogni per condividere il senso della vita L UOMO FA QUESTO GESTO PER IMPARARE A VIVERE COME CRISTO Cristo ci ha fatto capire il perché profondo di questo gesto svelandoci la legge

Dettagli

ALLEGATO TECNICO N. 7. (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali)

ALLEGATO TECNICO N. 7. (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali) ALLEGATO TECNICO N. 7 (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali) I menù di seguito riportati sono quelli attualmente in vigore ed approvati dal Servizio di Igiene e Nutrizione dell ASL

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Elementi informativi

Dettagli

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA STUDIO DI SETTORE WM21E ATTIVITÀ 46.31.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI ATTIVITÀ 46.32.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA ATTIVITÀ 46.33.10 COMMERCIO ALL INGROSSO

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

Alimentazione e reflusso gastrico

Alimentazione e reflusso gastrico Cause Il reflusso gastrico è causato dal reflusso del contenuto acido dello stomaco nell esofago. Questo succede per esempio con una pressione troppo forte sullo stomaco o perché il muscolo superiore di

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

Mangiare a Pisa Menu Catering per Celiaci

Mangiare a Pisa Menu Catering per Celiaci Mangiare a Pisa Menu Catering per Celiaci by leonardo - domenica, luglio 05, 2015 http://www.happynewlife.it/it/mangiare-a-pisa-menu-catering-celiaci/ Mangiare a Pisa: Menù per Celiaci Abbiamo una linea

Dettagli

settore Socioculturale Ai GENITORI degli ALUNNI Scuole dell Infanzia Scuole Primarie Scuole Secondarie di 1 grado Asili Nido LORO SEDI

settore Socioculturale Ai GENITORI degli ALUNNI Scuole dell Infanzia Scuole Primarie Scuole Secondarie di 1 grado Asili Nido LORO SEDI www.comune.paderno-dugnano.mi.it settore Socioculturale segreteria.socioculturale@comune.paderno-dugnano.mi.it Responsabile procedimento: dott.sa Pina Di Rago Autore: Catania Silvia 10 giugno 2008 - p.1/3

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

Carta del Servizio per la ristorazione scolastica

Carta del Servizio per la ristorazione scolastica In Vigore dal 01 Settembre 2013 Carta del Servizio per la ristorazione scolastica Il servizio di ristorazione scolastica Quando l unione fa la forza A metà del 2004 nasce Melamangio, società a carattere

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

Appalto per la Gestione del Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Pieve di Cento

Appalto per la Gestione del Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Pieve di Cento Appalto per la Gestione del Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Pieve di Cento C.N.S. Consorzio Nazionale Servizi Anno Fatturato Complessivo Fatturato Ristorazione 2008 560 Mln. 67 Mln. 2009

Dettagli

CONOSCERE LA CELIACHIA

CONOSCERE LA CELIACHIA CONOSCERE LA CELIACHIA Igiene e sicurezza alimentare in cucina: procedure e punti chiave per produrre pasti senza glutine Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione DSP - Azienda USL di Modena 24

Dettagli

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Dr.ssa Simona De Stefano Direzione Generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio V Nutrizione - Ministero della Salute Roma,

Dettagli

Come aumentare l apporto calorico alla dieta

Come aumentare l apporto calorico alla dieta Come aumentare l apporto calorico alla dieta Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione

Dettagli

Ristorazione e Celiachia

Ristorazione e Celiachia Dipartimento di Prevenzione U.O. Igiene Alimenti e Nutrizione Ristorazione e Celiachia PREMESSA Ogni cliente ha le sue esigenze e, tra i frequentatori del Suo locale, Le potrebbe capitare un soggetto celiaco,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione. IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù.

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione. IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù. DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione IL PASTO NEGLI ASILI NIDO Come Scegliere e Variare i Menù Manuale d uso MENU INVERNALE La tabella dietetica proposta dall ASL prevede

Dettagli

LA CELIACHIA e NORMATIVA del prodotto senza glutine, E ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA DEL CELIACO

LA CELIACHIA e NORMATIVA del prodotto senza glutine, E ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA DEL CELIACO LA CELIACHIA e NORMATIVA del prodotto senza glutine, E ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA DEL CELIACO Barbara Brun 30 novembre 2015 Celiachia e alimentazione senza glutine Barbara Brun 30 novembre 2015 Celiachia:

Dettagli

Schema della dieta ipoproteica 1

Schema della dieta ipoproteica 1 Schema della dieta ipoproteica 1 Consigli generali: 1. Consumare settimanalmente come secondi piatti: Carne Pesce (fresco e surgelato) Formaggio fresco Prosciutto cotto al naturale Uova Legumi (freschi

Dettagli

DIPARTIMENTO PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione LA RISTORAZIONE SCOLASTICA

DIPARTIMENTO PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione LA RISTORAZIONE SCOLASTICA DIPARTIMENTO PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Direttore: Maurizio Montanelli LA RISTORAZIONE SCOLASTICA Indicazioni per la gestione delle diete speciali nella Ristorazione Scolastica

Dettagli

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO 1 ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO Data: Aprile 2014 Il Documento è composto di n 7 pagine - pag1 di pagine7 - 2 LINEE GUIDA 1. INDICAZIONE PER L ELABORAZIONE DEI

Dettagli

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni)

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO - Servizio Igiene della Nutrizione Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) Per una crescita armoniosa è importante che il bambino assuma i pasti in modo

Dettagli

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia Nell elaborazione del piano dietetico proposto alle scuole della Provincia di Pavia, l U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell A.S.L. tiene conto delle indicazioni riportate da: L.A.R.N. (1996)

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

CORRETTA ALIMENTAZIONE DOTT. VINCENZO DE SIENA

CORRETTA ALIMENTAZIONE DOTT. VINCENZO DE SIENA CORRETTA ALIMENTAZIONE DOTT. VINCENZO DE SIENA Sava, 24-31 ottobre 2013 7-14 novembre 2013 NON SI MANGIA SOLO PER NUTRIRSI Alimentazione ha al centro la fonte del nutrimento cioè la natura e la qualità

Dettagli

LINEE GUIDA DELLA REGIONE VENETO PER LA PREVENZIONE NUTRIZIONALE NELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA SCOLASTICA. Dott. Saverio Chilese

LINEE GUIDA DELLA REGIONE VENETO PER LA PREVENZIONE NUTRIZIONALE NELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA SCOLASTICA. Dott. Saverio Chilese LINEE GUIDA DELLA REGIONE VENETO PER LA PREVENZIONE NUTRIZIONALE NELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA SCOLASTICA Dott. Saverio Chilese DECRETO MINISTERO DELLA SALUTE 16-10-98: LA NUTRIZIONE E DETERMINANTE PER

Dettagli

Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno

Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno Articolazione per UF 1 delle competenze tecnico-professionali Primo Anno conoscenze capacità UF n. Denominazione UF Durata UF (h) Contenuti formativi Discipline comuni e di indirizzo UC 1707 CURA DEGLI

Dettagli

La gliadina è per il soggetto celiaco la sostanza tossica la cui azione non viene modificata dalla pepsina e dalla tripsina.

La gliadina è per il soggetto celiaco la sostanza tossica la cui azione non viene modificata dalla pepsina e dalla tripsina. Cos è la celiachia? La celiachia è una intolleranza permanente al glutine, geneticamente determinata, ad elevata prevalenza nella popolazione (1 caso ogni 180 persone). Nei soggetti celiaci il glutine

Dettagli

- MENU SCUOLE PRIMARIE 2009/2010- approvato dal SIAN - AUSl di MODENA prot. n.90300 del 19.11.2009

- MENU SCUOLE PRIMARIE 2009/2010- approvato dal SIAN - AUSl di MODENA prot. n.90300 del 19.11.2009 - MENU SCUOLE PRIMARIE 2009/2010- approvato dal SIAN - AUSl di MODENA prot. n.90300 del 19.11.2009 NOTE: - I secondi piatti e contorni vengono cotti al con esclusione di alcune diete per le quali si esegue

Dettagli

DGISAN. Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

DGISAN. Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli

Dettagli

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top Questo E-book è di proprietà di Ivan Ianniello. Questo E-book non può essere copiato, venduto o usato come contenuto proprio in nessun caso, salvo previa concessione dell'autore. L'Autore non si assume

Dettagli