Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety"

Transcript

1 Approcci aziendali alla sicurezza sul lavoro Analisi dei rischi di safety dott. Matteo Rossi Le istanze sociali e gli indirizzi strategici La gestione delle problematiche di safety incide sulla redditività e sul valore dell azienda sia attraverso la riduzione dei costi associati al verificarsi di infortuni o malattie professionali, sia nella misura in cui condiziona i rapporti con i diversi stakeholder A tal proposito è possibile classificare i diversi interlocutori aziendali in due grandi categorie: interni (principalmente i lavoratori) esterni (organizzazioni sindacali, clienti, fornitori, finanziatori, associazioni di categoria, opinione pubblica) 2 Gli stakeholder esterni: le organizzazioni sindacali I sindacati hanno avuto un ruolo fondamentale nello sviluppo della maggiore sensibilità al tema della salute. Nel comportamento sindacale è possibile riconoscere due momenti fondamentali, caratterizzati da: monetizzazione del rischio rifiuto della monetizzazione 3 1

2 I sindacati nel periodo della monetizzazione del rischio Questo comportamento nasceva dal fatto che i rischi di infortunio e malattia professionale erano considerati inevitabili Le rivendicazioni sindacali, pertanto, si concentravano nel risarcimento dei lavoratori esposti al rischio I sindacati rinunciavano esplicitamente a richieste di miglioramento dell igiene e della sicurezza sul lavoro 4 I sindacati nel periodo del rifiuto della monetizzazione A partire dal 1968 è mutato l atteggiamento dei sindacati. In questo periodo si assiste ad una crisi della produzione di massa e ad una crisi di legittimazione dell impresa stessa In questo periodo l impegno del sindacato è stato articolato in due direzioni: in uno sforzo di sensibilizzazione dei lavoratori sui problemi relativi alla propria salute in un mutamento delle richieste a livello contrattuale I sindacati individuano quattro categorie di fattori di nocività che vanno da fattori presenti in qualsiasi tipologia di ambiente (lavorativo e non), alle caratteristiche delle mansioni 5 Gli altri stakeholder esterni Opinione pubblica: è possibile notare un accrescimento nel tempo dell interesse verso temi di safety, ma comunque in misura minore rispetto ad altre tematiche come la tutela dell ambiente e alla qualità Clienti e finanziatori: vi sono gruppi di operatori sempre più interessati alla politica di responsabilità sociale dell impresa e tendenzialmente propensi a privilegiare aziende responsabili su questi temi Comunità locale: sempre più spesso le aziende si trovano a dover fronteggiare l ostilità della popolazione locale, dovuta alla rischiosità degli stabilimenti produttivi 6 2

3 Gli stakeholder interni 1/2 Il bisogno di sicurezza ha rappresentato, negli ultimi cinquanta anni, uno dei fattori basilari delle rivendicazioni in materia di soddisfazione dei lavoratori. Sulla esigenza di soddisfare il bisogno di sicurezza, già negli anni 60, furono elaborati alcuni modelli motivazionali (Maslow, 1964; Herzberg, 1966): Maslow individua ai livelli più bassi le condizioni di igiene e sicurezza sul lavoro; Herzberg (1966) ricomprendendo le condizioni fisiche di lavoro fra i fattori igienici, fa discendere l esigenza di garantire livelli accettabili di rischio, innanzitutto quale premessa necessaria ad un positivo rapporto 7 con i lavoratori. Gli stakeholder interni 2/2 Il concetto di soddisfazione per il lavoro, tuttavia, va correlato, positivamente, con quello di motivazione: i lavoratori più soddisfatti tendono ad essere anche i più motivati. Alcuni studi (Tsui, Pearce, Porter e Tripoli, 1997; Lind & Tyler, 1988) hanno evidenziato che i lavoratori delle aziende che investono di più nella sicurezza, hanno una maggiore partecipazione affettiva all organizzazione e tendono ad essere più soddisfatti perchè percepiscono di essere importanti per l impresa. 8 Gli approcci aziendali alla sicurezza del lavoro Come per le problematiche ambientali, anche nella gestione della sicurezza sul lavoro, le imprese possono adottare un approccio di tipo: passivo adattivo reattivo attivo 9 3

4 L approccio alla sicurezza sul lavoro Tipologia Motivazione Aree di Trasformazioni Livelli di Livello di Rischi verso di intervento necessarie sensibilità e organizzazi il business impresa consapevolez one delle e la za verso la funzioni competitivit SSL SSL à di impresa Passiva Normativa Messa a Responsabilità Nulla Nullo Da molto alti Pressione norma ove tecniche aalti pubblica indispensabi le Evasione Adattiva Normativa Messa a Responsabili di Bassa Basso Da alti a Pressione parti norma SSL in medi interessate Tecnologie produzione consolidate di processo Reattiva Regolamentazi Processi e Sistema di Bassa Medio Da medio a one prodotti comunicazione medio bassi Sensibilità di Tecnologie interna/esterna mercato di sicurezza Funzione di SSL Opinione Tecnologie in staff pubblica pulite Attiva Opportunità Tutte le aree Responsabilizza Alta Alto Da bassi a competitive Mktg e R&S zione a tutti i molto bassi Responsabilità livelli sociale Specialisti nelle Sviluppo di diverse attività 10 medio periodo chiave L approccio adattivo si concretizza nella mera osservanza degli obblighi di legge. Gli obiettivi aziendali relativi alla sicurezza sul lavoro coincidono con i vincoli imposti dalla legge. Un tale approccio presenta, però, i seguenti limiti: iti inadeguatezza dei comportamenti rispetto alla continua e rapida evoluzione del quadro normativo di riferimento inadeguatezza dei comportamenti rispetto alle istanze sociali che possono precedere gli interventi di tipo normativo 11 L approccio reattivo può risultare estremamente onerosa poiché richiede continui interventi di tipo tecnico ed organizzativo, ma permette all impresa di rispondere prontamente alle esigenze degli stakeholder aziendali e di essere all avanguardia rispetto alla normativa di riferimento 12 4

5 Il rapporto tra la sicurezza aziendale e le finalità imprenditoriali Se si accetta l impostazione che il fine dell impresa non è la massimizzazione del profitto, ma la creazione di valore, è necessario considerare tre aspetti congiuntamente ai fini della determinazione degli obiettivi strategici: risultati economici risultati competitivi risultati sociali Il comportamento dei lavoratori, dal quale dipendono le performance aziendali, è a sua volta condizionato dalla soddisfazione dei bisogni dei lavoratori stessi, tra i quali quello di sicurezza assume una importanza rilevante. Non bisogna dimenticare che ai rischi di infortunio sono legati costi che, direttamente o indirettamente, gravano sull impresa 13 Il rapporto tra la sicurezza aziendale e la creazione del valore I costi associati alla sicurezza aziendale hanno un impatto notevole sulla determinazione del reddito di impresa. In particolare è possibile distinguere due differenti tipologie di costo: 1. il complesso di costi associati ai rischi di safety e ad eventuali infortuni e malattie 2. i costi ricadono da sostenere per la gestione della sicurezza e per realizzare gli interventi ed il controllo del rischio L impatto delle politiche di safety sui risultati aziendali dipende dalla riduzione di queste due voci di costo 14 La definizione del livello di rischio accettabile Nella realtà vi è l impossibilità concreta (o la mancata convenienza) ad annullare i rischi aziendali. Le politiche aziendali, pertanto, dovranno mirare non all annullamento del rischio, ma al raggiungimento di specifici c obiettivi di sicurezza. Si pone, pertanto, il problema di riuscire a determinare il livello di rischio accettabile che costituisce, da un lato, l output del processo di valutazione (analisi costibenefici) e, dall altro, il punto di partenza per la determinazione delle politiche da adottare. La determinazione del livello di rischi accettabile è, generalmente, frutto di un confronto che può assumere differenti modalità tra l impresa e gli stakeholder. 15 5

6 I criteri di accettabilità legale: il rischio viene ritenuto accettabile sulla base di quanto stabilito dalla legge; manageriale: il rischio viene ritenuto accettabile sulla base degli standard; culturale: il rischio viene ritenuto accettabile sulla base dell accettazione sociale; competitivo: il rischio viene ritenuto accettabile sulla base dell impatto sulla competitività aziendale; politico: il rischio viene ritenuto accettabile sulla base del prezzo politico che bisogna sostenere; pubblico: il rischio viene ritenuto accettabile sulla base delle aspettative e delle richieste dell opinione pubblica. 16 Gli aspetti gestionali Le tematiche attinenti la sicurezza sul lavoro richiedono: la necessità di adottare una politica della sicurezza proattiva, volta ad anticipare l evoluzione normativa, la necessità di un approccio sistemico, che si traduca in un sistema integrato e coerente di procedure, metodologie e soluzioni, il ricorso all analisi costi-benefici, ossia alla identificazione e quantificazione dei costi legati sia agli interventi di safety, sia ai rischi residuali. 17 Il sistema di gestione della sicurezza deve essere integrato nel sistema di gestione aziendale. La struttura dedicata alla safety deve trovare adeguata collocazione nell ambito dell organigramma aziendale, essere coordinata con le altre funzioni e con i differenti livelli gerarchici. Analogamente l attribuzione ai diversi soggetti aziendali di compiti e responsabilità in materia di sicurezza sul lavoro deve necessariamente risultare coerente e integrata con le mansioni, gli obiettivi ed il sistema di valutazione definito per i singoli soggetti. 18 6

7 Gli aspetti organizzativi attribuzione di ruoli, compiti e responsabilità in materia di sicurezza, informazione, formazione e addestramento dei lavoratori, creazione di una cultura aziendale della sicurezza attraverso il coinvolgimento dei dipendenti, l impegno del management nella gestione della sicurezza. 19 L applicazione delle metodologie di risk management alle problematiche di safety Il risk management prevede essenzialmente tre fasi: identificazione i del rischio, Momento di analisi, valutazione del rischio, premessa di ogni decisione. trattamento del rischio. Consta di due momenti: -Processo decisionale relativo alle misure da adottare, - Implementazione 20 L analisi dei rischi di safety Due sono le criticità in questa fase: 1. l identificazione e l individuazione delle concause che possono determinare il verificarsi dell evento, 2. la difficoltà di quantificare la frequenza e la gravità dei rischi dove: R = F x M R = rischio, F = frequenza, M = magnitudo (gravità delle conseguenze) 21 7

8 Scala quali-quantitativa per la valutazione dei rischi 22 Matrice dei rischi 23 8

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese La gestione della safety: l evoluzione del quadro normativo dott. Matteo Rossi Benevento, 26 febbraio 2008 La sicurezza sul lavoro: fra sicurezza sociale e obiettivo aziendale

Dettagli

Il miglioramento dei livelli di sicurezza del lavoro e performance aziendale derivanti dall applicazione di SGSL

Il miglioramento dei livelli di sicurezza del lavoro e performance aziendale derivanti dall applicazione di SGSL LA SCIENZA E LA TECNICA RENDONO SICURO IL LAVORO Il miglioramento dei livelli di sicurezza del lavoro e performance aziendale derivanti dall applicazione di SGSL (Sistemi di gestione della Sicurezza sul

Dettagli

Organizzazione, marketing interno e cultura del servizio

Organizzazione, marketing interno e cultura del servizio Organizzazione, marketing interno e cultura del servizio Principi organizzativi La piramide rovesciata Il marketing interno La cultura del servizio Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento

Dettagli

C41-1. Il Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSL) CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs.

C41-1. Il Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSL) CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Il Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSL) MODULO C Unità didattica C41-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI

Dettagli

FOCUS LA SICUREZZA AZIENDALE NELLE IMPRESE VITIVINICOLE CAMPANE: ASPETTI STRATEGICI E OPERATIVI

FOCUS LA SICUREZZA AZIENDALE NELLE IMPRESE VITIVINICOLE CAMPANE: ASPETTI STRATEGICI E OPERATIVI Vol. 3, n. 4, 61-73 FOCUS LA SICUREZZA AZIENDALE NELLE IMPRESE VITIVINICOLE CAMPANE: ASPETTI STRATEGICI E OPERATIVI Matteo Rossi Università degli studi del Sannio, Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali,

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Gli argomenti del corso

Gli argomenti del corso La gestione integrata HSE dott. Matteo Rossi Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA LA GESTIONE INTEGRATA HSE LA GESTIONE AMBIENTALE LA SICUREZZA AZIENDALE (LEGGE 626/94)

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT. Dott.ssa Lara Maini. Corso di Gestione dei Rischi e delle Assicurazioni Parma, 27 febbraio 2013

IL RISK MANAGEMENT. Dott.ssa Lara Maini. Corso di Gestione dei Rischi e delle Assicurazioni Parma, 27 febbraio 2013 IL RISK MANAGEMENT Dott.ssa Lara Maini Corso di Gestione dei Rischi e delle Assicurazioni Parma, 27 febbraio 2013 1 RIFERIMENTI PER LO STUDIO P. Pignolo, La gestione e la ritenzione del rischio d impresa,

Dettagli

Via Alberto Nota, 5-10122 Torino - Piazzale Biancamano, 8-20121 Milano - Via Roma, 4-33100 Udine

Via Alberto Nota, 5-10122 Torino - Piazzale Biancamano, 8-20121 Milano - Via Roma, 4-33100 Udine Via Alberto Nota, 5-10122 Torino - Piazzale Biancamano, 8-20121 Milano - Via Roma, 4-33100 Udine Tel. 011/5690291 - Fax 011/5690247 - N verde gratuito 800.300.368 info@knetproject.com - www.knetproject.com

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Regione Lombardia. Direzione Generale Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione. Indicatori di Responsabilità sociale d Impresa per le aziende

Regione Lombardia. Direzione Generale Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione. Indicatori di Responsabilità sociale d Impresa per le aziende Regione Lombardia Direzione Generale Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione Indicatori di Responsabilità sociale d Impresa per le aziende 1 Premessa In un contesto che cambia a livello globale,

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N.

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Analisi di Settore Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Il settore è il luogo economico delle imprese che esercitano reciprocamente la concorrenza (Guido, 2000). Il confine settoriale è definito

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

Operations Management GIA-L03

Operations Management GIA-L03 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Operations Management Operations Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione

Dettagli

Certificazioni Sistemi di Gestione Aziendali gestiti dalla UNI EN ISO 9001:2008 - SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

Certificazioni Sistemi di Gestione Aziendali gestiti dalla UNI EN ISO 9001:2008 - SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Certificazioni Sistemi di Gestione Aziendali gestiti dalla SAAS Gestioni Aziendali Srl Unipersonale Sede Legale: 80127 Napoli - Via D. Cimarosa, 89 - P.IVA 06744501211 REA (NA) 837375 Uffici Amministrativi:

Dettagli

Contratto FM. Il Bollino Blu di IFMA Italia

Contratto FM. Il Bollino Blu di IFMA Italia Contratto FM Il Bollino Blu di IFMA Italia AGENDA Premessa Obiettivi Contenuti/Requisiti Conclusioni 2. PREMESSA Introduzione IFMA Italia, interlocutore privilegiato per tutte le tematiche relative al

Dettagli

La valutazione dei rischi nelle PMI: un nuovo sistema integrato di gestione. Benedetti Fabrizio INAIL CONTARP centrale

La valutazione dei rischi nelle PMI: un nuovo sistema integrato di gestione. Benedetti Fabrizio INAIL CONTARP centrale La valutazione dei rischi nelle PMI: un nuovo sistema integrato di gestione In ITALIA Ogni giorno INAIL riceve 2500 denunce di infortunio 3-4 persone muoino al lavoro Ogni anno INAIL riceve 25000 denunce

Dettagli

Il consorzio alberghiero e l integrazione fra tra soggetti pubblici e privati in un STL

Il consorzio alberghiero e l integrazione fra tra soggetti pubblici e privati in un STL Il consorzio alberghiero e l integrazione fra tra soggetti pubblici e privati in un STL ( a cura di Paolo Bonelli) 1) La Legge Regionale 16 Aprile 2004, N 8, Norme per il turismo in Lombardia. La nuova

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza

I Sistemi di Gestione per la Sicurezza I Sistemi di Gestione per la Sicurezza OHSAS 18001, Rischi Rilevanti, Antincendio, Sistemi di Gestione Integrati Luca Fiorentini TECSA Sommario Presentazione... 9 1. INTRODUZIONE 15 2. SCOPO E CAMPO DI

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance

Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance Intervento del Direttore Generale della Banca d Italia Fabrizio Saccomanni 13 giugno 2012 Do il benvenuto a tutti i partecipanti a

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 8 - Capitolo 9 - Capitolo 10 - Capitolo 11 - Capitolo 12 IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE PROGRAMMAZIONE (atti di

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Quality and Health&Safety Management Systems Summary. Rev. 15

Quality and Health&Safety Management Systems Summary. Rev. 15 Quality and Health&Safety Management Systems Summary RS è una filiale del gruppo multinazionale Electrocomponents plc. (con sede nel Regno Unito) che opera, principalmente, dal centro di distribuzione

Dettagli

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Letture di riferimento: Bertinetti, Paragrafo 2.1 Il rischio rilevante per l azienda Rischio =

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese Industriali Avanzato Interventi privatistici

Economia e Gestione delle Imprese Industriali Avanzato Interventi privatistici Economia e Gestione delle Imprese Industriali Avanzato Interventi privatistici Accordi di ristrutturazione dei debiti (Art. 182 bis) Accordo di ristrutturazione con almeno il 60% dei creditori Deposito

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

LAV.I.T. SOC. COOP. DI PROD. E LAV.

LAV.I.T. SOC. COOP. DI PROD. E LAV. Note informative sulla società In data 17 aprile 2008 nasce dal progetto di scissione della Società Cooperativa TRE FIAMMELLE, la Società Cooperativa di Produzione e Lavoro LAV.I.T. LAV.I.T. Soc. Coop.

Dettagli

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI Convegno «D.lgs 231/2001» - Torino, 01 dicembre 2011 Centro Congressi Villa

Dettagli

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE Executive summary DNV GL - BUSINESS ASSURANCE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Sommario Introduzione Metodologia e campione della ricerca Analisi dello scenario attuale Gestione della salute e sicurezza sul

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI

APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI APPENDICE: LA CONTABILITÀ AMBIENTALE E LA RICLASSIFICAZIONE DELLE SPESE AMBIENTALI La contabilità ambientale: uno strumento per la sostenibilità La contabilità ambientale può essere definita come un sistema

Dettagli

Guida alla sicurezza sul posto di lavoro 1 MAGGIO 2016

Guida alla sicurezza sul posto di lavoro 1 MAGGIO 2016 Guida alla sicurezza sul posto di lavoro 1 MAGGIO 2016 www.adhocash.it Adhoc, il cash&carry su misura per te! In occasione della Festa dei Lavoratori Adhoc ha voluto realizzare il presente opuscolo per

Dettagli

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA

PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY 2014-2016 FARE LA DIFFERENZA PEOPLE STRATEGY FARE LA DIFFERENZA 3 4 Marco Polo sta parlando della sua Venezia con il Kan Imperatore della Cina Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra.

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO

LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA ORIENTATA AL MERCATO La pianificazione strategica può essere definita come il processo manageriale volto a mantenere una corrispondenza efficace tra gli obiettivi e le risorse

Dettagli

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Dott. Ing. Matteo Moi Dott. Ing. Matteo Moi 1 ARGOMENTI CONTENUTI Introduzione ai sistemi di controllo di gestione La Pianificazione strategica Il Bilancio

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Prevenzione e promozione della sicurezza Percorso formativo sulla sicurezza per i lavoratori 1 SOMMARIO

Dettagli

La formazione dei capi intermedi (Traduzione e adattamento da Drug-free Wokplace kit SAMHSA http://www.samhsa.gov/workplace/workplace-programs)

La formazione dei capi intermedi (Traduzione e adattamento da Drug-free Wokplace kit SAMHSA http://www.samhsa.gov/workplace/workplace-programs) La formazione dei capi intermedi (Traduzione e adattamento da Drug-free Wokplace kit SAMHSA http://www.samhsa.gov/workplace/workplace-programs) La formazione dedicata alle figure professionali che ricoprono

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme divisionali e i gruppi di imprese Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 Contenuti del capitolo Le caratteristiche di base della forma divisionale Interazioni, interdipendenze

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE

ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE ECONOMIA DEI GRUPPI DELLE IMPRESE TURISTICHE Dott.ssa Francesca Picciaia Università di Perugia Facoltà di Economia LE FORME AGGREGATIVE NELLE IMPRESE TURISTICHE 2 IL CONTESTO DI RIFERIMENTO Globalizzazione

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance www.adapt.it, 10 marzo 2011 Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance di Dimitri Giardino In uno scenario economico sempre più globalizzato e concorrenziale, in cui

Dettagli

Il marketing dei servizi. Il comportamento d acquisto nei servizi

Il marketing dei servizi. Il comportamento d acquisto nei servizi Il marketing dei servizi Il comportamento d acquisto nei servizi Il comportamento d acquisto È sempre rivolto a qualche obiettivo Comporta sempre più attività È un processo a più stadi (pre acquisto, acquisto,

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR. Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR. Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING ISTITUTO SUPERIORE STATALE LEARDI PROGETTO SCUOLE CHE FANNO LA DIFFERENZA CSR Classe 3 B AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno Scolastico 2012-2013 1 LA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY (CSR) Partendo

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI

1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI 1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI Il Cobianchi, Verbania 1993, pp. 20-27 (*) INTRODUZIONE La necessità assoluta di innovazione, e in particolare

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

Ruolo del professionista nel rapporto PMI - banca. Rosso & Partners Srl via G. Garibaldi, 17 31046 Oderzo (TV)

Ruolo del professionista nel rapporto PMI - banca. Rosso & Partners Srl via G. Garibaldi, 17 31046 Oderzo (TV) Ruolo del professionista nel rapporto PMI - banca Rosso & Partners Srl via G. Garibaldi, 17 31046 Oderzo (TV) INTRODUZIONE Gli effetti della crisi sulle imprese sono sintetizzabili in: minori ricavi, tempi

Dettagli

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali IL FUND RAISING PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Principi, strumenti e tecniche Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali Spesso, di fronte al tema delle risorse, chi

Dettagli

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo Indice 1. Premessa 3 2. Il sistema di misurazione e valutazione delle performance 4 3. Criteri per la

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ

1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ 1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ Il controllo di gestione: tecniche e finalità 1. Premessa 1.1. 1.1. PREMESSA I sistemi di programmazione e controllo iniziarono a svilupparsi nel diciannovesimo

Dettagli

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA

POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA COMPLETIAMO IL TUO PROCESSO POLITICA INTEGRATA QUALITÀ, AMBIENTE E SICUREZZA Rifra Masterbatches S.p.A. Via T. Tasso, 8 25080 Molinetto di Mazzano (BS) Tel. +39 030 212171 Fax +39 030 2629757 R.I. 01006560179

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

Introduzione all Insurance & Risk Management e Gestione del Rischio

Introduzione all Insurance & Risk Management e Gestione del Rischio Introduzione all Insurance & Risk Management e Gestione del Rischio A. Battagliola ANRA FATER S.p.A. Socio e membro del Consiglio Direttivo Insurance & Risk Manager Università degli Studi di Teramo 28

Dettagli

Azienda,prodotti e servizi

Azienda,prodotti e servizi Azienda,prodotti e servizi 2013 AZIENDA:MISSION E OBIETTIVI Conoscenza è : potere e libertà. FormaWorld ha interpretato queste parole definendo la propria mission: Fornire strumenti e tecnologie per la

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

Ricompensare le persone. Cap. 13 Costa- Giannecchini, 2009, 2013 Slides docente

Ricompensare le persone. Cap. 13 Costa- Giannecchini, 2009, 2013 Slides docente Ricompensare le persone Cap. 13 Costa- Giannecchini, 2009, 2013 Slides docente Le componenti del sistema di ricompensa Ø Retribuzione nelle sue varie forme: stipendio, salari, premi, stock option, previdenza

Dettagli

Il Sistema di Controllo Interno Indice del contenuto

Il Sistema di Controllo Interno Indice del contenuto Il Sistema di Controllo Interno Indice del contenuto 1. Definizione e Componenti Definizione del Controllo Interno Che cosa ci si può attendere dal Controllo Interno Che cosa non ci si può attendere dal

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese La strategia e la gestione ambientale dott. Matteo Rossi Benevento, 12 febbraio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA LA GESTIONE INTEGRATA

Dettagli

IL SAFETY MANAGEMENT SYSTEM PER I PROVIDER ATM SULLA BASE DEI REQUISITI EUROCONTROL

IL SAFETY MANAGEMENT SYSTEM PER I PROVIDER ATM SULLA BASE DEI REQUISITI EUROCONTROL IL SAFETY MANAGEMENT SYSTEM PER I PROVIDER ATM SULLA BASE DEI REQUISITI EUROCONTROL Natalia Distefano*, Giuseppe Falsaperla**, Salvatore Leonardi*, Salvatore Montessuto*** * D.I.C.A. Università degli Studi

Dettagli

Il Sistema di Valutazione delle Prestazioni del Gruppo Logiche e principali caratteristiche Presentazione alle OO.SS.

Il Sistema di Valutazione delle Prestazioni del Gruppo Logiche e principali caratteristiche Presentazione alle OO.SS. Il Sistema di Valutazione delle Prestazioni del Gruppo Logiche e principali caratteristiche Presentazione alle OO.SS. 1 Direzione Centrale Risorse Umane Ufficio Sviluppo Milano, e Compensation Marzo 2014

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Non Profit: competenze e risposte ai bisogni della comunità

Non Profit: competenze e risposte ai bisogni della comunità Non Profit: competenze e risposte ai bisogni della comunità Proposta formativa per le Organizzazioni non profit della Provincia Autonoma di Bolzano Premessa Con grande piacere presentiamo questo nuovo

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

Il business plan. La New Paper srl. Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a.

Il business plan. La New Paper srl. Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a. Corso di Economia e gestione delle imprese II Il business plan per una nuova impresa: il caso New Paper S.p.a. dott. Matteo Rossi Benevento, 04 febbraio 008 Il business plan E un esercizio che rappresenta

Dettagli

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo

IX Convention ABI. L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo IX Convention ABI L affidabilità dei processi interni come fattore critico di riduzione del Rischio Operativo BPR e BCM: due linee di azione per uno stesso obiettivo Ing. Alessandro Pinzauti Direttore

Dettagli

FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013

FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013 CONFINDUSTRIA ALESSANDRIA Unione Industriale della provincia di Asti FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013 Corsi di alta formazione per dirigenti 1 LEAN MANUFACTURING L intervento formativo persegue l obiettivo

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ESTERNA

LA COMUNICAZIONE ESTERNA LEZIONE COMUNICAZIONE E MARKETING PROF.SSA CARMENCITA GUACCI Indice 1 LA COMUNICAZIONE ESTERNA --------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL MARKETING NELLA

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

UNIVERSITÀ: Politecnico di Milano. FACOLTÀ: Ingegneria dei Sistemi. CORSO DI STUDI: Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale

UNIVERSITÀ: Politecnico di Milano. FACOLTÀ: Ingegneria dei Sistemi. CORSO DI STUDI: Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale UNIVERSITÀ: Politecnico di Milano FACOLTÀ: Ingegneria dei Sistemi CORSO DI STUDI: Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale INSEGNAMENTO: Global Risk Management PROFESSORE: Marco Giorgino ANNO ACCADEMICO

Dettagli

ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI

ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI ANALISI E MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI Cos è un processo aziendale Processo come trasformazione (dal verbo procedere ) Processo aziendale: insieme di attività interdipendenti finalizzate a un obiettivo

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D. Lgs. 231/2001 Rev. 1-20/10/2010 GOVERNANCE ORGANIZZATIVA 1. Sistema di governance organizzativa L assetto organizzativo, amministrativo e contabile

Dettagli

Performance management

Performance management Performance management Valutare i risultati e valorizzare le competenze Una forte leva di sviluppo organizzativo e di gestione dei grandi processi di cambiamento che caratterizzano molte aziende Nicola

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari

Lezioni di economia degli intermediari finanziari Lezioni di economia degli intermediari finanziari Prof.Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo a.berti@econ.uniurb.it Urbino, a.a. 2003-2004 La gestione

Dettagli

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5 Sommario PREMESSA... 2 CAPO I... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Ambito di applicazione e Destinatari 3 Art. 2 - Principi generali... 3 Art. 3 - Comunicazione... 3 Art. 4 - Responsabilità... 3 Art.

Dettagli

INTRODUZIONE. n. 019 - MAGGIO 2013

INTRODUZIONE. n. 019 - MAGGIO 2013 IL DATORE DI LAVORO AFFIDA ALL ESTERNO LE COMPETENZE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) PER ESSERE SUPPORTATO NELL INDIVIDUAZIONE DELLE SOLUZIONI ADOTTABILI AL FINE DI EVITARE

Dettagli

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL Edizione nr. 02 Revisione nr. 01 Data: 26 / 08 / 2010 DALLERA BIGLIERI SRL MANUALE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ E L AMBIENTE DISTRIBUZIONE REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli