IMPATTO DEGLI UNGULATI (CINGHIALE Sus scrofa) SULLA BIODIVERSITA dei PARCHI ADERENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPATTO DEGLI UNGULATI (CINGHIALE Sus scrofa) SULLA BIODIVERSITA dei PARCHI ADERENTI"

Transcript

1 PROTOCOLLO D INTESA Progetto per la conservazione della biodiversità denominato: Impatto degli ungulati sulla biodiversità dei parchi italiani Progetto di sistema dei Parchi Nazionali Direttiva Biodiversità Prot Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare AZIONI ANNO 2014 EX CIRCOLARE Prot \GAB del 21/10/2013 Direttiva Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare prot. n del : Direttiva per l impiego prioritario delle risorse finanziarie assegnate ex Cap IMPATTO DEGLI UNGULATI (CINGHIALE Sus scrofa) SULLA BIODIVERSITA dei PARCHI ADERENTI REPORT/RELAZIONE Direttiva 2012 (AZIONI SVOLTE NEL 2013) E PROPOSTE PROGETTUALI Direttiva 2013 (AZIONI DA SVOLGERE NEL 2014) SETTEMBRE 2014 Tecnico Faunistico Responsabile: Dott. Nat. Federico Morimando STUDIO ASSOCIATO P.IVA/C.F Sede legale: Via Uopini Monteriggioni Siena - Italy 1

2 Progetto per la conservazione della biodiversità denominato: Impatto degli ungulati sulla biodiversità dei parchi italiani Progetto di sistema dei Parchi Nazionali Direttiva Biodiversità Prot Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare AZIONI ANNO 2014 EX CIRCOLARE Prot \GAB del 21/10/2013 PREMESSA Il cinghiale (Sus scrofa) è inserito nell elenco redatto dall IUCN delle 100 specie animali e vegetali più invasive al mondo (Lowe S., Browne M., Boudjelas S., De Poorter M. (2000) 100 of the. World's Worst Invasive Alien species). Recentemente, un documento congiunto della IUCN e CBD (Invasive Species Agreement, novembre 2011) individua nelle specie aliene o invasive una grave minaccia per la conservazione della biodiversità sensu latu. Il cinghiale nell'italia continentale è da considerarsi una specie autoctona ma invasiva a causa della sua eccessiva proliferazione: rispetto alla distribuzione e numerosità della specie agli inizi del 900, si sono verificati numerosi e importanti cambiamenti demografici e biogeografici che hanno visto incrementare in maniera considerevole le popolazioni del suide selvatico, anche all interno delle Aree Protette. Benché generalmente l attenzione all interno dei Parchi Nazionali sia focalizzata sul problema dei danni causati dal cinghiale alle colture agricole, a causa delle implicazioni socio economiche del fenomeno, poco o nulla viene affrontato riguardo al problema dei danni causati alla biodiversità dal proliferare delle popolazioni di cinghiale. I Parchi Nazionali e le Aree protette in genere rappresentano il più importante serbatoio nazionale di biodiversità e, paradossalmente, mentre si concentrano risorse e energie per studiare e limitare gli impatti sulla biodiversità da parte di elementi di origine antropica o nei confronti di attività economiche, nulla viene dedicato a limitare la perdita di biodiversità ascrivibile al proliferare della fauna selvatica, in particolare quella causata dalle specie animali invasive, autoctone o alloctone che siano. Il presente progetto si prefigge come scopo principale il mettere a punto un protocollo standard di monitoraggio degli impatti del cinghiale e di alcune altre specie di ungulati selvatici 2

3 sugli habitat ed ecosistemi dei Parchi Nazionali Italiani interessati dal fenomeno dell esplosione demografica di ungulati, attraverso la predisposizione di uno schema tipo di monitoraggio delle specie target (endemismi animali e vegetali o specie rare e localizzate presenti in più Parchi Nazionali) proponendo al contempo possibili soluzioni o specifiche attività di prevenzione del danno agli ecosistemi. In questo modo tutti i Parchi coinvolti nel progetto potranno misurare con gli stessi strumenti l entità degli impatti o della perdita di biodiversità, adottando criteri comuni di mitigazione o prevenzione del fenomeno. Questo progetto potrebbe rappresentare così una sorta di laboratorio o start up per affrontare in maniera sistemica, problemi comuni e complessi che interessano la totalità delle aree protette nazionali. Direttiva Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare prot. n del : Direttiva per l impiego prioritario delle risorse finanziarie assegnate ex Cap

4 PARCO NAZIONALE DELL APPENNINO LUCANO, VAL D AGRI-LAGONEGRESE AZIONI SVOLTE NEL 2013 AZIONE 1) RACCOLTA ED ELABORAZIONE INDICI DI PRESENZA DEL CINGHIALE DISPONIBILI (PERIZIE DANNI, DENUNCE, SEGNALAZIONI, TRANSETTI, STIME O QUANT ALTRO). VALUTAZIONE DEGLI INDICI DI PRESENZA DEL CINGHIALE (IN GENERALE GLI ULTIMI 3-4 ANNI) NEL PARCO NAZIONALE PER STABILIRE IL TREND DEMOGRAFICO DEL SUIDE Dall esame degli indici di presenza sopra descritti si può capire come l entità dei danni e il numero di richieste di rimborso o risarcimento sia in costante e rapido aumento. Il fatto è evidentemente legato a un progressivo reclutamento delle domande e delle Aziende agricole, causato da un plausibile fenomeno di passa parola fra gli agricoltori e da una maggiore informazione degli stessi sulle possibilità di richiesta di risarcimento danni. Tuttavia, alla luce del forte aumento di richieste danni, risulta plausibile anche un reale ed effettivo aumento delle presenze del cinghiale nel territorio del Parco. Se tuttavia andiamo a valutare i Comuni dove i danni sono più concentrati, si può vedere come la maggior parte dei danni (oltre il 50%) sia lamentata e liquidata nei Comuni di San Martino d Agri e S. Chirico Raparo ossia nella porzione meridionale del Parco. Tale zona, non a caso, coincide con il punto di contatto/confine tra il Parco Nazionale dell Appennino Lucano e il Parco Nazionale del Pollino, area protetta caratterizzata da una massiccia presenza di cinghiali e da una forte criticità relativamente al problema danni alle colture agricole. AZIONE 2) INDIVIDUAZIONE DELLE SPECIE TARGET INDICATRICI DI BIODIVERSITA' SUSCETTIBILI ED ESPOSTE AL DANNO DA CINGHIALE Si è proceduto con la raccolta ed elaborazione indici di presenza o studi (ultimi 3-4 anni) sulle specie animali e vegetali sensibili, endemismi etc, al fine di valutare i migliori indicatori di biodiversità riferibili alla realtà territoriale del Parco Nazionale dell Appennino Lucano. Gli studi che il Parco dell Appennino Lucano ha promosso negli ultimi 3-4 anni relativi alla Biodiversità e che sono interessati dagli effetti conseguenti alla eccessiva presenza del cinghiale 4

5 sono stati i seguenti: Il progetto Atlante degli Uccelli nidificanti nel Parco nazionale Appennino Lucano Val d Agri Lagonegrese, i sentieri delle orchidee del Faggeto di Moliterno, la ricerca sulla presenza degli Anfibi nel territorio del Parco, il progetto Biodiversità ed uso sostenibile dei funghi del Parco e infine le produzioni tipiche di prodotti agro alimentari della Val d Agri definiti dal marchio Alto Agri legate agli ambienti e coltivazioni tipiche e uniche della Val d Agri. Per ciascuno di questi studi sono state individuate le specie target indicatrici di biodiversità suscettibili ed esposte al danno da cinghiale. AZIONI PREVISTE PER IL 2014 Con il presente programma di gestione del cinghiale, si prevede di superare la stima per indici di presenza attuando un monitoraggio della specie cinghiale in aree campione del territorio del Parco attraverso il trappolaggio fotografico presso governatoi o punti di alimentazione autorizzati e assistiti nel periodo primaverile o autunnale (mesi di aprile maggio e/o settembre di ogni anno) eseguendo un campionamento mirato ed intensivo, stratificato e calibrato sui vari habitat caratterizzanti il territorio del Parco. A tale fine si prevede di mettere in campo le seguenti attività: 1) Corso di formazione su fototrappolaggio rivolto al personale tecnico del Parco agronomi forestali agrotecnici tecnici faunistici e personale del CTA 2) Corso di formazione relativo alle operazioni di cattura e di selecontrollo del cinghiale nelle aree protette. 3) Monitoraggio del cinghiale in area Parco da effettuarsi mediante il personale formato. 4) Eventuali azioni di cattura e telecontrollo delle popolazioni di cinghiale o delle presenze di cinghiale in esubero accertate attraverso l azione di monitoraggio e di accertamento dei danni. 5

6 6

7 ENTE PARCO NAZIONALE DEL POLLINO AZIONI SVOLTE NEL 2013 Nel corso del 2013, così come negli anni 2011 e 2012, è stata data attuazione al Piano di Controllo del Cinghiale così come previsto dalla DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO N. 30 del 29/04/2011. Il Piano di controllo della specie cinghiale prevede azioni specifiche e mirate atte a ridurre l impatto che la specie ha nei confronti delle colture agricole e sulle biocenosi. Il Piano di controllo del cinghiale nel Parco Nazionale del Pollino approvato nel 2011 ha una durata quinquennale e strutturata per classi di età e sesso, con una consistenza numerica sufficiente a salvaguardare l importantissimo ruolo ecologico svolto dalla specie, che costituisce la principale risorsa trofica Progetto Life Wolfnet di cui L Ente Parco Nazionale del Pollino è partner ed il rapporto tra la presenza di questo carnivoro e quella del cinghiale AZIONI PREVISTE PER IL 2014 Le azioni previste dall Ente Parco proseguono quelle intraprese nel 2013 nell ambito del Piano di Controllo della specie cinghiale adottato con DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO N. 30 del 29/04/2011 e si focalizzano sull indagine relativa alle popolazioni di cinghiale presenti nel Parco. In particolare l attività per il 2014 riguarderà i seguenti aspetti: 7

8 1) Esame della struttura di popolazione del cinghiale e del tasso di natalità della specie attraverso l esame degli uteri e delle ovaie delle femmine prelevate in attività di controllo numerico già intrapresa. 2) Studio della produttività forestale attraverso il monitoraggio della produttività del seme delle essenze forestali in aree campione di foresta. 3) Corso di formazione sul monitoraggio degli impatti del cinghiale sulla biodiversità. 8

9 9

10 PARCO NAZIONALE GRAN SASSO E MONTI DELLA LAGA 10 AZIONI SVOLTE NEL 2013 In seguito all'approvazione del progetto, questo Ente ha provveduto ad avviare le procedure concernenti l'acquisto di sei radiocollari satellitari, per il monitoraggio radio telemetrico/gps del cinghiale. Sono state scelte aree di studio remote e distanti dai centri abitati, in base all'obiettivo del progetto di studiare il comportamento spaziale della specie, in assenza di disturbo antropico. Nell'attesa dei tempi di produzione e spedizione dei sei radiocollari ordinati presso la ditta Vectronic, e delle SIM necessarie al loro funzionamento, questo Ente ha provveduto al riutilizzo di propri radiocollari satellitari, recuperati nell'ambito del progetto di reintroduzione del cervo conclusosi nel Per catturare i cinghiali sono stati posizionati sette recinti di cattura in due distinte aree del Parco. Le procedure di cattura dei primi cinghiali, sono state avviate nel mese di agosto 2013 attivando il recinto di cattura posto nella Val Chiarino, area di studio ritenuta idonea per l'assenza di disturbo antropico. In relazione alla necessità di operare economie di bilancio, come conseguenza del contenimento della spesa pubblica, cui questo Ente si deve attenere, al momento dell'approvazione dei progetti da parte del Ministero, non erano disponibili automezzi da impiegare per il presente progetto. Per trasportare i recinti di cattura nei diversi siti individuati, per effettuare le attività di pasturazione dei recinti, per svolgere le attività di cattura e di monitoraggio dei cinghiali radiocollarati, è stato necessario riattivare (bollo e assicurazione) tre automezzi 4x4. Tre maschi adulti di cinghiale sono stati catturati, sedati e marcati con radiocollari satellitari. Ad ogni cinghiale sono state rilevate le misure biometriche secondo la scheda in allegato D. Due sono state le motivazioni che hanno portato alla scelta di marcare esclusivamente animali adulti: la prima motivazione è stata dettata dalla pericolosità di posizionare un collare su animali che non avessero ancora terminato l'accrescimento, potendone causare così, in futuro, il soffocamento; la seconda è stata la necessità di approfondire le conoscenze in merito all'effettiva importanza che maschi e femmine adulte ricoprono nel controllo del territorio occupato, impedendone l'utilizzo a nuovi individui provenienti da altri branchi e favorendo l'unità del proprio branco. Il radiocollare posto sul primo maschio, denominato e catturato il 10 settembre 2013, non ha mai comunicato via SMS, mentre il segnale VHF non è stato più sentito dopo circa due mesi dalle prime localizzazioni. I radiocollari satellitari applicati agli altri due maschi, denominati rispettivamente e 31373, entrambi muniti di marche auricolari, hanno comunicato ed i dati acquisiti sono stati

11 visualizzati nella mappa di home range. II 21 dicembre 2013, dopo alcuni giorni di ricerca, il maschio è stato ritrovato morto, ma lo stato di conservazione della carcassa ne ha impedito la determinazione della causa di morte. Nell'elenco sottostante è riportata la superficie dell home range dell'animale, le cui localizzazioni sono state acquisite nell'arco di tempo, di circa due mesi, compreso tra l'11 ottobre e il 17 dicembre Nel primo periodo, i tre cinghiali catturati in Val Chiarine hanno mostrato di utilizzare lo stesso home range. L'Home range del cinghiale non è stato calcolato a causa del numero esiguo di triangolazioni realizzate nell'arco di tempo in cui è stato possibile ricevere segnali VHF dal collare. La superfici degli Home range sono le seguenti: cinghiale 31368: Ha 469 cinghiale 31373: Ha 710. II maschio è l'unico animale catturato in Val Chiarine ancora vivo e in data 31/10/2013; dopo circa 20 giorni dal rilascio, si è spostato lungo la Val Vomano, fino alla frazione di Santa Croce, stabilizzandosi fuori dall'area protetta. Verso la fine del mese di ottobre 2013 sono stati catturati tre cinghiali adulti in una seconda area di studio, lungo la Val Leomogna, in un'area compresa tra i Comuni di Isola del Gran Sasso e Castelli. I tre cinghiali catturati, due femmine denominate e ed un maschio, denominato 31378, sono stati marcati e radiocollarati. La femmina ha perso il collare, poco dopo la cattura, a breve distanza dal sito di rilascio. La femmina è probabilmente morta. Le localizzazioni satellitari ricevute dal 17/11/2013 sono risultate tutte concentrate in un'area molto ristretta e non distano l'una dall'altra più di 50 m, che corrisponde, più o meno, all'errore satellitare di rilevamento della posizione geografica. Questo animale non è stato ancora recuperato a causa di un consistente smottamento del versante montuoso dove si trova. Le abbondanti piogge, che continuano a verificarsi rendono la zona insicura e di difficile percorrenza. L'Home range del maschio si estende su una superficie di 480 Ha, unitamente a quello della femmina probabilmente morta. I nuovi radiocollari, acquistati presso la ditta Vectronic sono stati programmati e provati. Le attività di cattura nell'area della Val Chiarine sono già riprese, ma nessun cinghiale è stato ancora catturato. Si prevede la prosecuzione delle attività di cattura, per tutto il periodo primaverile, senza interruzioni, con la finalità di catturare almeno altri sei cinghiali cui applicare i radiocollari satellitari attualmente disponibili. I dati che saranno acquisiti potranno fornire un utile contributo alla comprensione del comportamento spaziale messo in atto dai cinghiali e alla conseguente razionalizzazione dello sforzo di contenimento e di gestione della specie nel Parco. 11

12 AZIONI PREVISTE PER IL 2014 Le azioni previste dall Ente Parco sono il proseguimento delle Azioni intraprese nel corso del 2013 e si focalizzano sull indagine relativa alle popolazioni di cinghiale presenti nel Parco e in particolare riguarderà i seguenti aspetti: 1) Studio sulla dinamica di popolazione, sulla biologia riproduttiva e sullo stato sanitario del cinghiale (Sus scrofa) attraverso l acquisizione dei dati sul peso e sulle misure corporee e numero dei feti nelle scrofe. In particolare saranno approfonditi gli aspetti relativi alla biologia riproduttiva (età e peso in cui le femmine iniziano a riprodursi, numero di feti per femmina e periodi delle nascite). Lo studio consentirà di migliorare la conoscenza dei principali parametri di popolazione dei cinghiali del Parco. 12

13 13

14 14

15 15

16 PARCO NAZIONALE DELLE CINQUE TERRE AZIONI SVOLTE NEL 2013 CARTOGRAFIA DEGLI AMBITI TERRITORIALI A MAGGIORE IMPATTO ANIMALE Le problematiche relative all impatto ambientale causato dai cinghiali riguardano l intero territorio del parco e interessano anche l Area vasta oggetto di studio che si estende da Levanto al Golfo di La Spezia. In particolare tutta la zona del crinale che delimita il Parco delle Cinque Terre è quella generalmente più popolata dagli ungulati che attraversano il confine del parco spinti dalle battute di caccia effettuate al di fuori del parco. Inoltre queste zone, prettamente boschive e poco antropizzate rappresentano l habitat ideale per questa specie, che trova in questi ambienti rifugio e una vasta gamma di frutti ed essenze spontanee con cui alimentarsi. Attraverso l analisi della documentazione relativa agli studi fin ora effettuati nel Parco, con l aiuto di tecnici, Responsabile Faunistico e Guardie Forestali del Parco, e alla luce dei sopralluoghi effettuati, è stato possibile individuare cinque zone, dove il cinghiale ha provocato maggiori danni agli ecosistemi naturali e agli agro ecosistemi. 1. Zona Mesco: è una zona di confine del Parco situata tra i comuni di Monterosso al mare e Levanto. L ambiente è totalmente boschivo (macchia mediterranea), poco antropizzato, scarsa l attività di controllo sulla popolazione animale, sia come prevenzione, per l assenza di recinzioni, sia per la carenza di prelievo venatorio. 2. Zona Monte Albereto: è anch essa una zona di confine del parco, situata a nord-est di 16

17 Monterosso al mare. L elevata densità del cinghiale in questa zona si ritiene dovuta oltre al tipo di habitat boschivo, anche alla presenza di piccoli corsi d acqua che rappresentano elementi di attrazione per questa specie amante delle zone umide ed ombreggiate. 3. Zona Monte Malpertuso: è il monte più alto del crinale delle Cinque Terre (mt. 812), nonchè dell'area vasta (intero arco da Portovenere a Levanto). Anche quest area di confine del parco, completamente boschiva, risulta fortemente danneggiata dalle popolazioni di cinghiali perché difficilmente raggiungibile dall attività di controllo (prelievo venatorio). 4. Zona Albana Tramonti: è una zona di confine tra i due Parchi naturali di Portovenere e delle Cinque Terre costituita da un crinale che percorre l intero promontorio di Portovenere. Quest area comprende delle zone coltivate a quote inferiori (viti e specie orticole) protette da recinzioni metalliche mentre più in alto l ambiente è di tipo boschivo. Nonostante l attività di controllo sia buona, la zona si presenta fortemente degradata per l elevata presenza del cinghiale. 5. Zona Volastra: è una zona situata nel comune di Riomaggiore. Rappresenta una delle zone più coltivate tra quelle soggette all impatto causato dai cinghiali. Il territorio risulta in parte terrazzato con coltivazioni soprattutto di olivo, mentre a quote più elevate è completamente boscato. Il piano di controllo del cinghiale, in quest area, risulta funzionale sia per la presenza di recinzioni metalliche che per una pressione venatoria adeguata. Per queste sue caratteristiche quest area è stata scelta per un indagine preliminare volta a valutare l evoluzione dei danni o l eventuale ripristino ambientale. STATO ATTUALE DELLE ZONE A MAGGIOR IMPATTO Da questa indagine preliminare relativa ai suddetti ambiti è stato possibile osservare che l entità dei danni causati dai cinghiali dipende essenzialmente da 2 fattori. 1.Caratteristiche agro-ambientali del sito (orografia, tipo di vegetazione presente, ecc.) 2.Densità animale. L impatto maggiore è stato riscontrato dove i cinghiali hanno raggiunto una concentrazione molto elevata rispetto alla capacità portante del territorio. Le zone boschive, soprattutto quelle situate ai confini del Parco, sono quelle che hanno subito il 17

18 maggior impatto da parte del cinghiale che trascorre gran parte del suo tempo in questi habitat. Tali zone presentano evidenti segnali di degrado ambientale con modificazione delle caratteristiche vegetazionali che conferiscono al bosco un aspetto del tutto anomalo. La superficie del suolo è quasi sempre completamente rimossa dall azione di grufolamento da parte degli animali e la lettiera superficiale risulta praticamente inesistente. L azione di grufolamento (effetto rooting) ha determinato una sommovimentazione degli strati superficiali del terreno con distruzione degli inerbimenti e di gran parte delle piante arbustive tipiche del sottobosco. Le essenze boschive del sottobosco sono state distrutte anche con l azione di brucatura da parte degli animali; a tale proposito il cinghiale, determina una pressione selettiva sulla vegetazione, consumando le essenze più gradite e scartando quelle meno appetibili (Massai et Genov, 1995). Questo tipo di pressione selettiva può avere un impatto rilevante sulla fitocenosi per la riduzione della ricchezza delle specie vegetali (biodiversità), (Hone, 2001). La scelta delle specie gradite dipende dal contenuto di alcune sostanze repellenti di tipo gustativo (tannini, resine, ecc.) o olfattivo (olii essenziali) o dalla presenza di meccanismi di difesa da parte delle piante (spine) (Massai et Genov, 1995). Un altro tipo di danno causato al suolo e alla vegetazione del sottobosco è quello relativo al compattamento del terreno che può essere generalizzato o lineare (sentieramento) dovuto all abitudine dei cinghiali di passare sempre attraverso percorsi preferenziali (Pagliai et al., 1999; Ballon, 1995; Motta et Quaglino, 1989; Casanova, 1988). Oltre a provocare danni al suolo questo tipo di fenomeno può determinare ulteriori modificazioni alla fitocenosi poiché alcune essenze resistono meglio di altre al calpestamento ed inoltre soltanto alcune piante riescono a vegetare e riprodursi anche su terreni compatti. Nelle zone fortemente degradate sono stati evidenziati danni da scortecciamento alle specie arboree dovuto all abitudine del cinghiale di strofinarsi ripetutamente contro i tronchi degli alberi per liberarsi degli ectoparassiti che si annidano tra le setole. Questo tipo di danno risulta molto grave negli ambienti boschivi con elevata densità animale e può portare al deperimento delle piante fino alla morte. Sono stati osservati inoltre danni agli apparati radicali delle specie arboree a causa dell azione di scavo (insogli) che questi animali operano per effettuare bagni di acqua e di terra. 18

19 Negli agroecosistemi (oliveti e vigneti) i danni osservati erano diversi soprattutto a causa della tipologia del territorio che per questo tipo di coltivazioni si presenta in genere terrazzato e per la maggior presenza dell uomo. Questo tipo di sistemazione idraulica-agraria ha il vantaggio di ridurre la pendenza del suolo, rendendolo quindi più stabile, ma presenta problemi legati alla fragilità dei muri a secco che sono facilmente soggetti a crolli. I muri a secco rappresentano un elemento di fondamentale importanza per la protezione dell ambiente, per la loro funzione di contenere il terreno altrimenti soggetto a rischio di erosione e smottamento soprattutto dove la declività delle superfici è elevata (Branduini, 2009). Il cinghiale è delle maggiori cause del crollo dei muretti a secco, in quanto utilizza il grifo per scalzare le pietre e raggiungere i piccoli animali, insetti o i bulbi di piante poliennali, presenti all'interno del muro, di cui si ciba. Contrariamente a quanto riportato in letteratura in cui si afferma che l attacco ai muri da parte dei cinghiali parte dalla base, è stato da noi osservato come gli animali demoliscano il muro, partendo dall alto verso il basso. Questa constatazione, deriva dall osservazione di zone terrazzate danneggiate, in cui in molti casi era stata rimossa solo la parte superiore del muro a secco, mentre la base era ancora intatta. Ciò può essere spiegato dal fatto che la parte basale dei muri a secco è difficilmente attaccabile dagli animali perché costruita con pietre più grosse infisse in parte nel terreno e molto difficilmente rimovibili per la forte pressione esercitata dalle pietre sovrastanti. La parte superiore del muro, invece, è formata solitamente da pietre più piccole e più facilmente rimovibili dagli animali che utilizzano il grifo a mo di leva per scalzare e sollevare le pietre gettandole verso valle. La distruzione di questi muri a secco può creare grossi problemi idro-geologici, poiché il terreno non più sorretto tende a franare. Inoltre nei punti dove il muro è crollato si creano dei cunei di scorrimento delle acque idrometeoriche che, accelerando i fenomeni di smottamento, determinano il crollo dei muri sottostanti innescando pericolosi meccanismi a catena (effetto domino). Inoltre un altro aspetto importante riguarda la difficoltà ripristino delle strutture danneggiate. La 19

20 ricostruzione dei muri a secco il più delle volte è irrealizzabile, o per la difficoltà di trovare personale specializzato e per il troppo elevato costo della manodopera anche perché le zone colpite sono inaccessibili con mezzi i meccanici necessari per il trasporto delle pietre (Branduini, 2009). I danni alle coltivazioni, osservati nei due agro-ecosistemi oggetto di studio, si diversificano in relazione al tipo di pianta arborea. La vite viene coltivata a pergola bassa e quindi sia le fronde che i frutti sono facilmente raggiungibili dagli animali; gli olivi invece presentano un fusto più resistente ed una chioma troppo alta per gli animali, pertanto i soli danni registrati sono quelli da scortecciamento. I due agro-ecosistemi presentano analoghi danni al suolo ed agli inerbimenti, che non raggiungono l entità di quelli riscontrati negli habitat boschivi a causa della minor permanenza degli animali. Sono stati comunque evidenziati danni da grufolamento che nei periodi di assenza del cinghiale venivano mascherati dalla rinascita dell erba. Le zone sentierate invece rimanevano prive di vegetazione, anche quando la zona restava per un lungo periodo indisturbata. INDAGINE PRELIMINARE E SVOLGIMENTO DEI SOPRALLUOGHI DI VERIFICA Metodologia utilizzata Riguardo alle problematiche relative all impatto del cinghiale nel Parco Nazionale delle Cinque Terre è stato effettuato uno studio, ancora in corso di svolgimento, da parte del nostro Dipartimento nell ambito di una tesi di laurea. Per l indagine è stato utilizzato un territorio adiacente alle località di Manarola e Volastra, scelto perché considerato rappresentativo dell intero Parco poichè all interno erano presenti i tre ecosistemi tipici del territorio (vigneto, oliveto e bosco). I tre siti scelti presentavano evidenti segni di degrado dovuti ad anni di mancata gestione della popolazione di cinghiali dovuto al quadro normativo pregresso che prevedeva il divieto assoluto di attività venatoria. Dopo l istituzione del Parco delle Cinque Terre è stato invece messa a punto un attività di controllo delle popolazioni del cinghiale la cui efficacia è stata testata attraverso quest indagine mediante la valutazione dell evoluzione dei danni o dell eventuale ripristino ambientale. I siti selezionati oggetto dell indagine sono stati: 20

21 agroecosistema vigneto (loc. Manarola) agroecosistema oliveto (loc. Volastra) ecosistema bosco (loc. Volastra) Lo studio si è quindi focalizzato sulla valutazione e caratterizzazione e parametrizzazione (indice di danno) di una serie di danni diretti causati dal cinghiale rivolti: al suolo: grufolamento o effetto rooting, danni da sentieramento e scavi; alla vegetazione: danni da scortecciamento alle specie arboree e danni alle piante in generale; ai muri a secco: causati dal grufolamento o dal sentieramento. La stima dei danni al suolo si basa sulla valutazione della percentuale di superficie alterata, ovvero totalmente rimossa da effetto rooting, scavi e compattamento e priva di copertura vegetale. Fabbio et al. (2004) ha dimostrato una stretta correlazione tra la densità animale e la perdita di copertura vegetale. La stima dei danni alle piante arboree e al sottobosco viene infatti calcolata in base alla percentuale di alberi che presentano danni da scortecciamento al fusto e alla percentuale di superficie di sottobosco distrutta. I danni ai muri a secco vengono valutati mediante la stima della percentuale della superficie di muro danneggiato o crollato rispetto alla superficie totale osservata. Particolare attenzione è stata data inoltre alla valutazione del ripristino ambientale quale reazione degli ecosistemi alla pressione/non pressione del cinghiale, in base all entità della ripresa vegetativa degli inerbimenti e delle diverse specie tipiche del sottobosco. Nei tre ecosistemi considerati sono stati effettuati controlli periodici, tramite sopralluoghi in cui sono stati svolti i seguenti rilievi sperimentali: rilievi fotografici, effuttuati nei medesimi luoghi, per valutare l'evoluzione degli eventuali danni; rilievi riguardanti i danni sulla specie arboree (scortecciamento e scalzamento radicale); valutazioni in merito all'evoluzione floristica del sottobosco, evidenziando la distribuzione 21

22 delle piante esistenti o la rinascita di nuove essenze, mediante opportuna classificazione; valutazione dei danni ai muri a secco e controllo temporale del loro stato di conservazione. Sono stati inoltre contattati i viticoltori locali, proprietari dei siti considerati, per conoscere le problematiche relative ai danni al raccolto evidenziati durante la fase di fruttificazione delle colture. Risultati preliminari Queste osservazioni sono state effettuate nell ambito di uno studio, ancora in corso di svolgimento, relativo alle problematiche in oggetto. Dai primi risultati ottenuti è stato evidenziato come in caso di esclusione del cinghiale, le zone compattate presentino una maggior difficoltà di ripristino ambientale rispetto a quelle sottoposte a grufolamento. Studi analoghi da noi effettuati in precedenza (Macci et al. 2012; Bondi, 2013; Pistoia, 2009), hanno dimostrato che ciò è collegato al peggioramento della qualità del suolo dal punto di vista delle caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche del terreno. Il compattamento infatti determina una riduzione della porosità del suolo che comporta una totale perdita di struttura, inoltre la peggiore capacità di infiltrazione dell acqua, riscontrata nei suoli compattati, può provocare fenomeni di allagamento nei terreni pianeggianti e fenomeni erosivi sui terreni declivi, a causa dello scorrimento verso valle dell acqua piovana carica di detriti (Pagliai et al., 1999; Ballon, 1995; Motta et Quaglino, 1989; Casanova, 1988). Tali fenomeni erosivi determinano l asportazione degli strati superficiali di suolo ricchi di sostanza organica e questo porta ad un peggioramento delle caratteristiche chimiche del suolo. La scomparsa della vegetazione, la mancanza di ossigenazione degli strati superficiali del suolo e la riduzione di quelle forme di sostanza organica direttamente assimilabile dai microrganismi, può provocare un inibizione anche delle attività biochimiche del suolo riducendo di conseguenza la sua fertilità chimica (Macci et al. 2012, Davini 2006, Bondi et al. 2012, Pistoia, 2009; Bennet, 1993). Questi processi risultano accentuati nei territori boschivi particolarmente declivi e soggetti a totale mancanza di inerbimenti e di lettiera (effetto mulching), importanti fattori antierosivi perché riducono l azione battente della pioggia e la velocità di scorrimento dell acqua idrometeorica tramite la parte epigea, e determinano il trattenimento dello strato superficiale del suolo per mezzo 22

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da

Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da CAPITOLO 20 Il recupero delle aree percorse dal fuoco con tecniche di Ingegneria Naturalistica U. Bruschini, P. Cornelini 20.1 Introduzione Il fenomeno degli incendi ha assunto ormai da tempo una drammatica

Dettagli

Art. 1 (Modifiche alla legge regionale n. 69/2012)

Art. 1 (Modifiche alla legge regionale n. 69/2012) Legge regionale 16 ottobre 2014, n. 20 Modifiche ed integrazioni alle leggi regionali 30 ottobre 2012, n. 48, 8 luglio 2002, n. 24, 12 ottobre 2012, n. 45, 7 marzo 2000, n. 10, 17 maggio 1996, n. 9. (BUR

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO

CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO CARTA DEL PAESAGGIO MEDITERRANEO Preambolo Le Regioni dell'andalusia, del Languedoc-Roussillon e della Toscana, agendo nel quadro degli obiettivi del Consiglio d'europa e condividendone l'obiettivo che

Dettagli

La Strategia Nazionale per la Biodiversità

La Strategia Nazionale per la Biodiversità La Strategia Nazionale per la Biodiversità Sommario Premessa... 4 Il percorso della Strategia... 8 L attuazione della Strategia... 9 Durata, monitoraggio e valutazione dell attuazione della Strategia...

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria

La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria REGIONE LIGURIA Dipartimento Pianificazione Territoriale Giovanni Diviacco e Piero Ferrari La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria Genova, Marzo 2009 SETTORE VALUTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Acronimo: CoVAL Ente Proponente: Università degli Studi di Milano,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14

Titolo II. Norme per parti del territorio... 13 Art.7. Inquadramento territoriale... 13 Art.8. Zonizzazione... 14 1 Indice Titolo I. Disposizioni generali....5 Art.1. Finalità ed obbiettivi del Piano del Parco...5 Art.2. Elaborati del Piano del Parco....6 Art.3. Efficacia del Piano e rapporti con gli altri piani e

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto

Lotta biologica per la difesa fitosanitaria del castagneto GAL L ALTRA ROMAGNA S. CONS. A R.L. Via Roma, 24 47027 Sarsina (FC) Tel. 0547.698301 Fax 0547.698345 altrarom@tin.it COD. FISC. e P. IVA 02223700408 www.altraromagna.it PSR ASSE 4 Leader MISURA 412 Azione

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA Escursioni di Educazione Ambientale per la Scuola Media Proposte per l A.S. 2014-2015 Itinerari escursionistici disponibili (eco)sistema della Diga di Gurone.

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it 1 Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Sperimentazione di sistemi di prevenzione dei danni al vigneto. nel Parco Regionale Abbazia di Monteveglio:

Sperimentazione di sistemi di prevenzione dei danni al vigneto. nel Parco Regionale Abbazia di Monteveglio: Sperimentazione di sistemi di prevenzione dei danni al vigneto nel Parco Regionale Abbazia di Monteveglio: recinzioni elettrificate e repellenti olfattivi Relazione conclusiva Marzo 2013 Coordinamento

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

Manuale didattico per gli insegnanti

Manuale didattico per gli insegnanti Manuale didattico per gli insegnanti LIFE08 NAT IT/000325 WOLFNET Development of coordinated protection measures for Wolf in Apennines Sviluppo di misure coordinate di protezione per il lupo in Appennino

Dettagli

Titolo 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 12 gennaio 1994, n. 3 Recepimento della Legge 11 febbraio 1992, n. 157 "Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio". Bollettino Ufficiale n. 4,

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli