IMPATTO DEGLI UNGULATI (CINGHIALE Sus scrofa) SULLA BIODIVERSITA dei PARCHI ADERENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPATTO DEGLI UNGULATI (CINGHIALE Sus scrofa) SULLA BIODIVERSITA dei PARCHI ADERENTI"

Transcript

1 PROTOCOLLO D INTESA Progetto per la conservazione della biodiversità denominato: Impatto degli ungulati sulla biodiversità dei parchi italiani Progetto di sistema dei Parchi Nazionali Direttiva Biodiversità Prot Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare AZIONI ANNO 2014 EX CIRCOLARE Prot \GAB del 21/10/2013 Direttiva Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare prot. n del : Direttiva per l impiego prioritario delle risorse finanziarie assegnate ex Cap IMPATTO DEGLI UNGULATI (CINGHIALE Sus scrofa) SULLA BIODIVERSITA dei PARCHI ADERENTI REPORT/RELAZIONE Direttiva 2012 (AZIONI SVOLTE NEL 2013) E PROPOSTE PROGETTUALI Direttiva 2013 (AZIONI DA SVOLGERE NEL 2014) SETTEMBRE 2014 Tecnico Faunistico Responsabile: Dott. Nat. Federico Morimando STUDIO ASSOCIATO P.IVA/C.F Sede legale: Via Uopini Monteriggioni Siena - Italy 1

2 Progetto per la conservazione della biodiversità denominato: Impatto degli ungulati sulla biodiversità dei parchi italiani Progetto di sistema dei Parchi Nazionali Direttiva Biodiversità Prot Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare AZIONI ANNO 2014 EX CIRCOLARE Prot \GAB del 21/10/2013 PREMESSA Il cinghiale (Sus scrofa) è inserito nell elenco redatto dall IUCN delle 100 specie animali e vegetali più invasive al mondo (Lowe S., Browne M., Boudjelas S., De Poorter M. (2000) 100 of the. World's Worst Invasive Alien species). Recentemente, un documento congiunto della IUCN e CBD (Invasive Species Agreement, novembre 2011) individua nelle specie aliene o invasive una grave minaccia per la conservazione della biodiversità sensu latu. Il cinghiale nell'italia continentale è da considerarsi una specie autoctona ma invasiva a causa della sua eccessiva proliferazione: rispetto alla distribuzione e numerosità della specie agli inizi del 900, si sono verificati numerosi e importanti cambiamenti demografici e biogeografici che hanno visto incrementare in maniera considerevole le popolazioni del suide selvatico, anche all interno delle Aree Protette. Benché generalmente l attenzione all interno dei Parchi Nazionali sia focalizzata sul problema dei danni causati dal cinghiale alle colture agricole, a causa delle implicazioni socio economiche del fenomeno, poco o nulla viene affrontato riguardo al problema dei danni causati alla biodiversità dal proliferare delle popolazioni di cinghiale. I Parchi Nazionali e le Aree protette in genere rappresentano il più importante serbatoio nazionale di biodiversità e, paradossalmente, mentre si concentrano risorse e energie per studiare e limitare gli impatti sulla biodiversità da parte di elementi di origine antropica o nei confronti di attività economiche, nulla viene dedicato a limitare la perdita di biodiversità ascrivibile al proliferare della fauna selvatica, in particolare quella causata dalle specie animali invasive, autoctone o alloctone che siano. Il presente progetto si prefigge come scopo principale il mettere a punto un protocollo standard di monitoraggio degli impatti del cinghiale e di alcune altre specie di ungulati selvatici 2

3 sugli habitat ed ecosistemi dei Parchi Nazionali Italiani interessati dal fenomeno dell esplosione demografica di ungulati, attraverso la predisposizione di uno schema tipo di monitoraggio delle specie target (endemismi animali e vegetali o specie rare e localizzate presenti in più Parchi Nazionali) proponendo al contempo possibili soluzioni o specifiche attività di prevenzione del danno agli ecosistemi. In questo modo tutti i Parchi coinvolti nel progetto potranno misurare con gli stessi strumenti l entità degli impatti o della perdita di biodiversità, adottando criteri comuni di mitigazione o prevenzione del fenomeno. Questo progetto potrebbe rappresentare così una sorta di laboratorio o start up per affrontare in maniera sistemica, problemi comuni e complessi che interessano la totalità delle aree protette nazionali. Direttiva Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare prot. n del : Direttiva per l impiego prioritario delle risorse finanziarie assegnate ex Cap

4 PARCO NAZIONALE DELL APPENNINO LUCANO, VAL D AGRI-LAGONEGRESE AZIONI SVOLTE NEL 2013 AZIONE 1) RACCOLTA ED ELABORAZIONE INDICI DI PRESENZA DEL CINGHIALE DISPONIBILI (PERIZIE DANNI, DENUNCE, SEGNALAZIONI, TRANSETTI, STIME O QUANT ALTRO). VALUTAZIONE DEGLI INDICI DI PRESENZA DEL CINGHIALE (IN GENERALE GLI ULTIMI 3-4 ANNI) NEL PARCO NAZIONALE PER STABILIRE IL TREND DEMOGRAFICO DEL SUIDE Dall esame degli indici di presenza sopra descritti si può capire come l entità dei danni e il numero di richieste di rimborso o risarcimento sia in costante e rapido aumento. Il fatto è evidentemente legato a un progressivo reclutamento delle domande e delle Aziende agricole, causato da un plausibile fenomeno di passa parola fra gli agricoltori e da una maggiore informazione degli stessi sulle possibilità di richiesta di risarcimento danni. Tuttavia, alla luce del forte aumento di richieste danni, risulta plausibile anche un reale ed effettivo aumento delle presenze del cinghiale nel territorio del Parco. Se tuttavia andiamo a valutare i Comuni dove i danni sono più concentrati, si può vedere come la maggior parte dei danni (oltre il 50%) sia lamentata e liquidata nei Comuni di San Martino d Agri e S. Chirico Raparo ossia nella porzione meridionale del Parco. Tale zona, non a caso, coincide con il punto di contatto/confine tra il Parco Nazionale dell Appennino Lucano e il Parco Nazionale del Pollino, area protetta caratterizzata da una massiccia presenza di cinghiali e da una forte criticità relativamente al problema danni alle colture agricole. AZIONE 2) INDIVIDUAZIONE DELLE SPECIE TARGET INDICATRICI DI BIODIVERSITA' SUSCETTIBILI ED ESPOSTE AL DANNO DA CINGHIALE Si è proceduto con la raccolta ed elaborazione indici di presenza o studi (ultimi 3-4 anni) sulle specie animali e vegetali sensibili, endemismi etc, al fine di valutare i migliori indicatori di biodiversità riferibili alla realtà territoriale del Parco Nazionale dell Appennino Lucano. Gli studi che il Parco dell Appennino Lucano ha promosso negli ultimi 3-4 anni relativi alla Biodiversità e che sono interessati dagli effetti conseguenti alla eccessiva presenza del cinghiale 4

5 sono stati i seguenti: Il progetto Atlante degli Uccelli nidificanti nel Parco nazionale Appennino Lucano Val d Agri Lagonegrese, i sentieri delle orchidee del Faggeto di Moliterno, la ricerca sulla presenza degli Anfibi nel territorio del Parco, il progetto Biodiversità ed uso sostenibile dei funghi del Parco e infine le produzioni tipiche di prodotti agro alimentari della Val d Agri definiti dal marchio Alto Agri legate agli ambienti e coltivazioni tipiche e uniche della Val d Agri. Per ciascuno di questi studi sono state individuate le specie target indicatrici di biodiversità suscettibili ed esposte al danno da cinghiale. AZIONI PREVISTE PER IL 2014 Con il presente programma di gestione del cinghiale, si prevede di superare la stima per indici di presenza attuando un monitoraggio della specie cinghiale in aree campione del territorio del Parco attraverso il trappolaggio fotografico presso governatoi o punti di alimentazione autorizzati e assistiti nel periodo primaverile o autunnale (mesi di aprile maggio e/o settembre di ogni anno) eseguendo un campionamento mirato ed intensivo, stratificato e calibrato sui vari habitat caratterizzanti il territorio del Parco. A tale fine si prevede di mettere in campo le seguenti attività: 1) Corso di formazione su fototrappolaggio rivolto al personale tecnico del Parco agronomi forestali agrotecnici tecnici faunistici e personale del CTA 2) Corso di formazione relativo alle operazioni di cattura e di selecontrollo del cinghiale nelle aree protette. 3) Monitoraggio del cinghiale in area Parco da effettuarsi mediante il personale formato. 4) Eventuali azioni di cattura e telecontrollo delle popolazioni di cinghiale o delle presenze di cinghiale in esubero accertate attraverso l azione di monitoraggio e di accertamento dei danni. 5

6 6

7 ENTE PARCO NAZIONALE DEL POLLINO AZIONI SVOLTE NEL 2013 Nel corso del 2013, così come negli anni 2011 e 2012, è stata data attuazione al Piano di Controllo del Cinghiale così come previsto dalla DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO N. 30 del 29/04/2011. Il Piano di controllo della specie cinghiale prevede azioni specifiche e mirate atte a ridurre l impatto che la specie ha nei confronti delle colture agricole e sulle biocenosi. Il Piano di controllo del cinghiale nel Parco Nazionale del Pollino approvato nel 2011 ha una durata quinquennale e strutturata per classi di età e sesso, con una consistenza numerica sufficiente a salvaguardare l importantissimo ruolo ecologico svolto dalla specie, che costituisce la principale risorsa trofica Progetto Life Wolfnet di cui L Ente Parco Nazionale del Pollino è partner ed il rapporto tra la presenza di questo carnivoro e quella del cinghiale AZIONI PREVISTE PER IL 2014 Le azioni previste dall Ente Parco proseguono quelle intraprese nel 2013 nell ambito del Piano di Controllo della specie cinghiale adottato con DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO N. 30 del 29/04/2011 e si focalizzano sull indagine relativa alle popolazioni di cinghiale presenti nel Parco. In particolare l attività per il 2014 riguarderà i seguenti aspetti: 7

8 1) Esame della struttura di popolazione del cinghiale e del tasso di natalità della specie attraverso l esame degli uteri e delle ovaie delle femmine prelevate in attività di controllo numerico già intrapresa. 2) Studio della produttività forestale attraverso il monitoraggio della produttività del seme delle essenze forestali in aree campione di foresta. 3) Corso di formazione sul monitoraggio degli impatti del cinghiale sulla biodiversità. 8

9 9

10 PARCO NAZIONALE GRAN SASSO E MONTI DELLA LAGA 10 AZIONI SVOLTE NEL 2013 In seguito all'approvazione del progetto, questo Ente ha provveduto ad avviare le procedure concernenti l'acquisto di sei radiocollari satellitari, per il monitoraggio radio telemetrico/gps del cinghiale. Sono state scelte aree di studio remote e distanti dai centri abitati, in base all'obiettivo del progetto di studiare il comportamento spaziale della specie, in assenza di disturbo antropico. Nell'attesa dei tempi di produzione e spedizione dei sei radiocollari ordinati presso la ditta Vectronic, e delle SIM necessarie al loro funzionamento, questo Ente ha provveduto al riutilizzo di propri radiocollari satellitari, recuperati nell'ambito del progetto di reintroduzione del cervo conclusosi nel Per catturare i cinghiali sono stati posizionati sette recinti di cattura in due distinte aree del Parco. Le procedure di cattura dei primi cinghiali, sono state avviate nel mese di agosto 2013 attivando il recinto di cattura posto nella Val Chiarino, area di studio ritenuta idonea per l'assenza di disturbo antropico. In relazione alla necessità di operare economie di bilancio, come conseguenza del contenimento della spesa pubblica, cui questo Ente si deve attenere, al momento dell'approvazione dei progetti da parte del Ministero, non erano disponibili automezzi da impiegare per il presente progetto. Per trasportare i recinti di cattura nei diversi siti individuati, per effettuare le attività di pasturazione dei recinti, per svolgere le attività di cattura e di monitoraggio dei cinghiali radiocollarati, è stato necessario riattivare (bollo e assicurazione) tre automezzi 4x4. Tre maschi adulti di cinghiale sono stati catturati, sedati e marcati con radiocollari satellitari. Ad ogni cinghiale sono state rilevate le misure biometriche secondo la scheda in allegato D. Due sono state le motivazioni che hanno portato alla scelta di marcare esclusivamente animali adulti: la prima motivazione è stata dettata dalla pericolosità di posizionare un collare su animali che non avessero ancora terminato l'accrescimento, potendone causare così, in futuro, il soffocamento; la seconda è stata la necessità di approfondire le conoscenze in merito all'effettiva importanza che maschi e femmine adulte ricoprono nel controllo del territorio occupato, impedendone l'utilizzo a nuovi individui provenienti da altri branchi e favorendo l'unità del proprio branco. Il radiocollare posto sul primo maschio, denominato e catturato il 10 settembre 2013, non ha mai comunicato via SMS, mentre il segnale VHF non è stato più sentito dopo circa due mesi dalle prime localizzazioni. I radiocollari satellitari applicati agli altri due maschi, denominati rispettivamente e 31373, entrambi muniti di marche auricolari, hanno comunicato ed i dati acquisiti sono stati

11 visualizzati nella mappa di home range. II 21 dicembre 2013, dopo alcuni giorni di ricerca, il maschio è stato ritrovato morto, ma lo stato di conservazione della carcassa ne ha impedito la determinazione della causa di morte. Nell'elenco sottostante è riportata la superficie dell home range dell'animale, le cui localizzazioni sono state acquisite nell'arco di tempo, di circa due mesi, compreso tra l'11 ottobre e il 17 dicembre Nel primo periodo, i tre cinghiali catturati in Val Chiarine hanno mostrato di utilizzare lo stesso home range. L'Home range del cinghiale non è stato calcolato a causa del numero esiguo di triangolazioni realizzate nell'arco di tempo in cui è stato possibile ricevere segnali VHF dal collare. La superfici degli Home range sono le seguenti: cinghiale 31368: Ha 469 cinghiale 31373: Ha 710. II maschio è l'unico animale catturato in Val Chiarine ancora vivo e in data 31/10/2013; dopo circa 20 giorni dal rilascio, si è spostato lungo la Val Vomano, fino alla frazione di Santa Croce, stabilizzandosi fuori dall'area protetta. Verso la fine del mese di ottobre 2013 sono stati catturati tre cinghiali adulti in una seconda area di studio, lungo la Val Leomogna, in un'area compresa tra i Comuni di Isola del Gran Sasso e Castelli. I tre cinghiali catturati, due femmine denominate e ed un maschio, denominato 31378, sono stati marcati e radiocollarati. La femmina ha perso il collare, poco dopo la cattura, a breve distanza dal sito di rilascio. La femmina è probabilmente morta. Le localizzazioni satellitari ricevute dal 17/11/2013 sono risultate tutte concentrate in un'area molto ristretta e non distano l'una dall'altra più di 50 m, che corrisponde, più o meno, all'errore satellitare di rilevamento della posizione geografica. Questo animale non è stato ancora recuperato a causa di un consistente smottamento del versante montuoso dove si trova. Le abbondanti piogge, che continuano a verificarsi rendono la zona insicura e di difficile percorrenza. L'Home range del maschio si estende su una superficie di 480 Ha, unitamente a quello della femmina probabilmente morta. I nuovi radiocollari, acquistati presso la ditta Vectronic sono stati programmati e provati. Le attività di cattura nell'area della Val Chiarine sono già riprese, ma nessun cinghiale è stato ancora catturato. Si prevede la prosecuzione delle attività di cattura, per tutto il periodo primaverile, senza interruzioni, con la finalità di catturare almeno altri sei cinghiali cui applicare i radiocollari satellitari attualmente disponibili. I dati che saranno acquisiti potranno fornire un utile contributo alla comprensione del comportamento spaziale messo in atto dai cinghiali e alla conseguente razionalizzazione dello sforzo di contenimento e di gestione della specie nel Parco. 11

12 AZIONI PREVISTE PER IL 2014 Le azioni previste dall Ente Parco sono il proseguimento delle Azioni intraprese nel corso del 2013 e si focalizzano sull indagine relativa alle popolazioni di cinghiale presenti nel Parco e in particolare riguarderà i seguenti aspetti: 1) Studio sulla dinamica di popolazione, sulla biologia riproduttiva e sullo stato sanitario del cinghiale (Sus scrofa) attraverso l acquisizione dei dati sul peso e sulle misure corporee e numero dei feti nelle scrofe. In particolare saranno approfonditi gli aspetti relativi alla biologia riproduttiva (età e peso in cui le femmine iniziano a riprodursi, numero di feti per femmina e periodi delle nascite). Lo studio consentirà di migliorare la conoscenza dei principali parametri di popolazione dei cinghiali del Parco. 12

13 13

14 14

15 15

16 PARCO NAZIONALE DELLE CINQUE TERRE AZIONI SVOLTE NEL 2013 CARTOGRAFIA DEGLI AMBITI TERRITORIALI A MAGGIORE IMPATTO ANIMALE Le problematiche relative all impatto ambientale causato dai cinghiali riguardano l intero territorio del parco e interessano anche l Area vasta oggetto di studio che si estende da Levanto al Golfo di La Spezia. In particolare tutta la zona del crinale che delimita il Parco delle Cinque Terre è quella generalmente più popolata dagli ungulati che attraversano il confine del parco spinti dalle battute di caccia effettuate al di fuori del parco. Inoltre queste zone, prettamente boschive e poco antropizzate rappresentano l habitat ideale per questa specie, che trova in questi ambienti rifugio e una vasta gamma di frutti ed essenze spontanee con cui alimentarsi. Attraverso l analisi della documentazione relativa agli studi fin ora effettuati nel Parco, con l aiuto di tecnici, Responsabile Faunistico e Guardie Forestali del Parco, e alla luce dei sopralluoghi effettuati, è stato possibile individuare cinque zone, dove il cinghiale ha provocato maggiori danni agli ecosistemi naturali e agli agro ecosistemi. 1. Zona Mesco: è una zona di confine del Parco situata tra i comuni di Monterosso al mare e Levanto. L ambiente è totalmente boschivo (macchia mediterranea), poco antropizzato, scarsa l attività di controllo sulla popolazione animale, sia come prevenzione, per l assenza di recinzioni, sia per la carenza di prelievo venatorio. 2. Zona Monte Albereto: è anch essa una zona di confine del parco, situata a nord-est di 16

17 Monterosso al mare. L elevata densità del cinghiale in questa zona si ritiene dovuta oltre al tipo di habitat boschivo, anche alla presenza di piccoli corsi d acqua che rappresentano elementi di attrazione per questa specie amante delle zone umide ed ombreggiate. 3. Zona Monte Malpertuso: è il monte più alto del crinale delle Cinque Terre (mt. 812), nonchè dell'area vasta (intero arco da Portovenere a Levanto). Anche quest area di confine del parco, completamente boschiva, risulta fortemente danneggiata dalle popolazioni di cinghiali perché difficilmente raggiungibile dall attività di controllo (prelievo venatorio). 4. Zona Albana Tramonti: è una zona di confine tra i due Parchi naturali di Portovenere e delle Cinque Terre costituita da un crinale che percorre l intero promontorio di Portovenere. Quest area comprende delle zone coltivate a quote inferiori (viti e specie orticole) protette da recinzioni metalliche mentre più in alto l ambiente è di tipo boschivo. Nonostante l attività di controllo sia buona, la zona si presenta fortemente degradata per l elevata presenza del cinghiale. 5. Zona Volastra: è una zona situata nel comune di Riomaggiore. Rappresenta una delle zone più coltivate tra quelle soggette all impatto causato dai cinghiali. Il territorio risulta in parte terrazzato con coltivazioni soprattutto di olivo, mentre a quote più elevate è completamente boscato. Il piano di controllo del cinghiale, in quest area, risulta funzionale sia per la presenza di recinzioni metalliche che per una pressione venatoria adeguata. Per queste sue caratteristiche quest area è stata scelta per un indagine preliminare volta a valutare l evoluzione dei danni o l eventuale ripristino ambientale. STATO ATTUALE DELLE ZONE A MAGGIOR IMPATTO Da questa indagine preliminare relativa ai suddetti ambiti è stato possibile osservare che l entità dei danni causati dai cinghiali dipende essenzialmente da 2 fattori. 1.Caratteristiche agro-ambientali del sito (orografia, tipo di vegetazione presente, ecc.) 2.Densità animale. L impatto maggiore è stato riscontrato dove i cinghiali hanno raggiunto una concentrazione molto elevata rispetto alla capacità portante del territorio. Le zone boschive, soprattutto quelle situate ai confini del Parco, sono quelle che hanno subito il 17

18 maggior impatto da parte del cinghiale che trascorre gran parte del suo tempo in questi habitat. Tali zone presentano evidenti segnali di degrado ambientale con modificazione delle caratteristiche vegetazionali che conferiscono al bosco un aspetto del tutto anomalo. La superficie del suolo è quasi sempre completamente rimossa dall azione di grufolamento da parte degli animali e la lettiera superficiale risulta praticamente inesistente. L azione di grufolamento (effetto rooting) ha determinato una sommovimentazione degli strati superficiali del terreno con distruzione degli inerbimenti e di gran parte delle piante arbustive tipiche del sottobosco. Le essenze boschive del sottobosco sono state distrutte anche con l azione di brucatura da parte degli animali; a tale proposito il cinghiale, determina una pressione selettiva sulla vegetazione, consumando le essenze più gradite e scartando quelle meno appetibili (Massai et Genov, 1995). Questo tipo di pressione selettiva può avere un impatto rilevante sulla fitocenosi per la riduzione della ricchezza delle specie vegetali (biodiversità), (Hone, 2001). La scelta delle specie gradite dipende dal contenuto di alcune sostanze repellenti di tipo gustativo (tannini, resine, ecc.) o olfattivo (olii essenziali) o dalla presenza di meccanismi di difesa da parte delle piante (spine) (Massai et Genov, 1995). Un altro tipo di danno causato al suolo e alla vegetazione del sottobosco è quello relativo al compattamento del terreno che può essere generalizzato o lineare (sentieramento) dovuto all abitudine dei cinghiali di passare sempre attraverso percorsi preferenziali (Pagliai et al., 1999; Ballon, 1995; Motta et Quaglino, 1989; Casanova, 1988). Oltre a provocare danni al suolo questo tipo di fenomeno può determinare ulteriori modificazioni alla fitocenosi poiché alcune essenze resistono meglio di altre al calpestamento ed inoltre soltanto alcune piante riescono a vegetare e riprodursi anche su terreni compatti. Nelle zone fortemente degradate sono stati evidenziati danni da scortecciamento alle specie arboree dovuto all abitudine del cinghiale di strofinarsi ripetutamente contro i tronchi degli alberi per liberarsi degli ectoparassiti che si annidano tra le setole. Questo tipo di danno risulta molto grave negli ambienti boschivi con elevata densità animale e può portare al deperimento delle piante fino alla morte. Sono stati osservati inoltre danni agli apparati radicali delle specie arboree a causa dell azione di scavo (insogli) che questi animali operano per effettuare bagni di acqua e di terra. 18

19 Negli agroecosistemi (oliveti e vigneti) i danni osservati erano diversi soprattutto a causa della tipologia del territorio che per questo tipo di coltivazioni si presenta in genere terrazzato e per la maggior presenza dell uomo. Questo tipo di sistemazione idraulica-agraria ha il vantaggio di ridurre la pendenza del suolo, rendendolo quindi più stabile, ma presenta problemi legati alla fragilità dei muri a secco che sono facilmente soggetti a crolli. I muri a secco rappresentano un elemento di fondamentale importanza per la protezione dell ambiente, per la loro funzione di contenere il terreno altrimenti soggetto a rischio di erosione e smottamento soprattutto dove la declività delle superfici è elevata (Branduini, 2009). Il cinghiale è delle maggiori cause del crollo dei muretti a secco, in quanto utilizza il grifo per scalzare le pietre e raggiungere i piccoli animali, insetti o i bulbi di piante poliennali, presenti all'interno del muro, di cui si ciba. Contrariamente a quanto riportato in letteratura in cui si afferma che l attacco ai muri da parte dei cinghiali parte dalla base, è stato da noi osservato come gli animali demoliscano il muro, partendo dall alto verso il basso. Questa constatazione, deriva dall osservazione di zone terrazzate danneggiate, in cui in molti casi era stata rimossa solo la parte superiore del muro a secco, mentre la base era ancora intatta. Ciò può essere spiegato dal fatto che la parte basale dei muri a secco è difficilmente attaccabile dagli animali perché costruita con pietre più grosse infisse in parte nel terreno e molto difficilmente rimovibili per la forte pressione esercitata dalle pietre sovrastanti. La parte superiore del muro, invece, è formata solitamente da pietre più piccole e più facilmente rimovibili dagli animali che utilizzano il grifo a mo di leva per scalzare e sollevare le pietre gettandole verso valle. La distruzione di questi muri a secco può creare grossi problemi idro-geologici, poiché il terreno non più sorretto tende a franare. Inoltre nei punti dove il muro è crollato si creano dei cunei di scorrimento delle acque idrometeoriche che, accelerando i fenomeni di smottamento, determinano il crollo dei muri sottostanti innescando pericolosi meccanismi a catena (effetto domino). Inoltre un altro aspetto importante riguarda la difficoltà ripristino delle strutture danneggiate. La 19

20 ricostruzione dei muri a secco il più delle volte è irrealizzabile, o per la difficoltà di trovare personale specializzato e per il troppo elevato costo della manodopera anche perché le zone colpite sono inaccessibili con mezzi i meccanici necessari per il trasporto delle pietre (Branduini, 2009). I danni alle coltivazioni, osservati nei due agro-ecosistemi oggetto di studio, si diversificano in relazione al tipo di pianta arborea. La vite viene coltivata a pergola bassa e quindi sia le fronde che i frutti sono facilmente raggiungibili dagli animali; gli olivi invece presentano un fusto più resistente ed una chioma troppo alta per gli animali, pertanto i soli danni registrati sono quelli da scortecciamento. I due agro-ecosistemi presentano analoghi danni al suolo ed agli inerbimenti, che non raggiungono l entità di quelli riscontrati negli habitat boschivi a causa della minor permanenza degli animali. Sono stati comunque evidenziati danni da grufolamento che nei periodi di assenza del cinghiale venivano mascherati dalla rinascita dell erba. Le zone sentierate invece rimanevano prive di vegetazione, anche quando la zona restava per un lungo periodo indisturbata. INDAGINE PRELIMINARE E SVOLGIMENTO DEI SOPRALLUOGHI DI VERIFICA Metodologia utilizzata Riguardo alle problematiche relative all impatto del cinghiale nel Parco Nazionale delle Cinque Terre è stato effettuato uno studio, ancora in corso di svolgimento, da parte del nostro Dipartimento nell ambito di una tesi di laurea. Per l indagine è stato utilizzato un territorio adiacente alle località di Manarola e Volastra, scelto perché considerato rappresentativo dell intero Parco poichè all interno erano presenti i tre ecosistemi tipici del territorio (vigneto, oliveto e bosco). I tre siti scelti presentavano evidenti segni di degrado dovuti ad anni di mancata gestione della popolazione di cinghiali dovuto al quadro normativo pregresso che prevedeva il divieto assoluto di attività venatoria. Dopo l istituzione del Parco delle Cinque Terre è stato invece messa a punto un attività di controllo delle popolazioni del cinghiale la cui efficacia è stata testata attraverso quest indagine mediante la valutazione dell evoluzione dei danni o dell eventuale ripristino ambientale. I siti selezionati oggetto dell indagine sono stati: 20

21 agroecosistema vigneto (loc. Manarola) agroecosistema oliveto (loc. Volastra) ecosistema bosco (loc. Volastra) Lo studio si è quindi focalizzato sulla valutazione e caratterizzazione e parametrizzazione (indice di danno) di una serie di danni diretti causati dal cinghiale rivolti: al suolo: grufolamento o effetto rooting, danni da sentieramento e scavi; alla vegetazione: danni da scortecciamento alle specie arboree e danni alle piante in generale; ai muri a secco: causati dal grufolamento o dal sentieramento. La stima dei danni al suolo si basa sulla valutazione della percentuale di superficie alterata, ovvero totalmente rimossa da effetto rooting, scavi e compattamento e priva di copertura vegetale. Fabbio et al. (2004) ha dimostrato una stretta correlazione tra la densità animale e la perdita di copertura vegetale. La stima dei danni alle piante arboree e al sottobosco viene infatti calcolata in base alla percentuale di alberi che presentano danni da scortecciamento al fusto e alla percentuale di superficie di sottobosco distrutta. I danni ai muri a secco vengono valutati mediante la stima della percentuale della superficie di muro danneggiato o crollato rispetto alla superficie totale osservata. Particolare attenzione è stata data inoltre alla valutazione del ripristino ambientale quale reazione degli ecosistemi alla pressione/non pressione del cinghiale, in base all entità della ripresa vegetativa degli inerbimenti e delle diverse specie tipiche del sottobosco. Nei tre ecosistemi considerati sono stati effettuati controlli periodici, tramite sopralluoghi in cui sono stati svolti i seguenti rilievi sperimentali: rilievi fotografici, effuttuati nei medesimi luoghi, per valutare l'evoluzione degli eventuali danni; rilievi riguardanti i danni sulla specie arboree (scortecciamento e scalzamento radicale); valutazioni in merito all'evoluzione floristica del sottobosco, evidenziando la distribuzione 21

22 delle piante esistenti o la rinascita di nuove essenze, mediante opportuna classificazione; valutazione dei danni ai muri a secco e controllo temporale del loro stato di conservazione. Sono stati inoltre contattati i viticoltori locali, proprietari dei siti considerati, per conoscere le problematiche relative ai danni al raccolto evidenziati durante la fase di fruttificazione delle colture. Risultati preliminari Queste osservazioni sono state effettuate nell ambito di uno studio, ancora in corso di svolgimento, relativo alle problematiche in oggetto. Dai primi risultati ottenuti è stato evidenziato come in caso di esclusione del cinghiale, le zone compattate presentino una maggior difficoltà di ripristino ambientale rispetto a quelle sottoposte a grufolamento. Studi analoghi da noi effettuati in precedenza (Macci et al. 2012; Bondi, 2013; Pistoia, 2009), hanno dimostrato che ciò è collegato al peggioramento della qualità del suolo dal punto di vista delle caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche del terreno. Il compattamento infatti determina una riduzione della porosità del suolo che comporta una totale perdita di struttura, inoltre la peggiore capacità di infiltrazione dell acqua, riscontrata nei suoli compattati, può provocare fenomeni di allagamento nei terreni pianeggianti e fenomeni erosivi sui terreni declivi, a causa dello scorrimento verso valle dell acqua piovana carica di detriti (Pagliai et al., 1999; Ballon, 1995; Motta et Quaglino, 1989; Casanova, 1988). Tali fenomeni erosivi determinano l asportazione degli strati superficiali di suolo ricchi di sostanza organica e questo porta ad un peggioramento delle caratteristiche chimiche del suolo. La scomparsa della vegetazione, la mancanza di ossigenazione degli strati superficiali del suolo e la riduzione di quelle forme di sostanza organica direttamente assimilabile dai microrganismi, può provocare un inibizione anche delle attività biochimiche del suolo riducendo di conseguenza la sua fertilità chimica (Macci et al. 2012, Davini 2006, Bondi et al. 2012, Pistoia, 2009; Bennet, 1993). Questi processi risultano accentuati nei territori boschivi particolarmente declivi e soggetti a totale mancanza di inerbimenti e di lettiera (effetto mulching), importanti fattori antierosivi perché riducono l azione battente della pioggia e la velocità di scorrimento dell acqua idrometeorica tramite la parte epigea, e determinano il trattenimento dello strato superficiale del suolo per mezzo 22

CRITERI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTENIMENTO DEI DANNI DA CINGHIALE (art. 18 comma 2 L. R. 26/2012 e s.m.i.)

CRITERI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTENIMENTO DEI DANNI DA CINGHIALE (art. 18 comma 2 L. R. 26/2012 e s.m.i.) CRITERI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTENIMENTO DEI DANNI DA CINGHIALE (art. 18 comma 2 L. R. 26/2012 e s.m.i.) Negli ultimi anni la presenza di cinghiali nel territorio regionale è notevolmente aumentata.

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

CAPITOLO I Principi generali. Art.1

CAPITOLO I Principi generali. Art.1 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA PREVENZIONE, L ACCERTAMENTO ED IL RISARCIMENTO DEI DANNI CAUSATI ALLE OPERE ED ALLE COLTURE AGRICOLE E FORESTALI DALLA FAUNA SELVATICA E DALL ATTIVITÀ VENATORIA CAPITOLO

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

Piano di gestione della popolazione di Cinghiale (Sus scrofa) nel Parco Naturale Regionale del Conero

Piano di gestione della popolazione di Cinghiale (Sus scrofa) nel Parco Naturale Regionale del Conero Abbadia di Fiastra 2. 62010 URBISAGLIA (MC) Piano di gestione della popolazione di Cinghiale (Sus scrofa) nel Parco Naturale Regionale del Conero ANNO 2012-2013 Redazione Data: Ottobre 2011 Paolo Perna

Dettagli

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Dipartimento di Scienze Veterinarie TESI DI LAUREA IN AGR/19 ZOOTECNIA

Dettagli

INDENNIZZO DANNI DA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRICOLE - Anno 2012

INDENNIZZO DANNI DA FAUNA SELVATICA ALLE COLTURE AGRICOLE - Anno 2012 Parco nazionale/cta N. di pratiche svolte Specie in % a cui è stato attribuito il danno Superficie interessata (ha) Ammontare complessivo del danno P.N. DELLA VAL GRANDE 1 1% cinghiale,56 257,7 P.N. DELLO

Dettagli

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.)

L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) L ambiente è costituito da: una componente abiotica - (aria, acqua, terra, rocce, ecc.) una componente biotica (esseri viventi) - (batteri, funghi, piante, animali, ecc.) ECOLOGIA (Häckel 1866) Scienza

Dettagli

TITOLO I FINALITA E ASPETTI GENERALI. Art. 1 - Obiettivi

TITOLO I FINALITA E ASPETTI GENERALI. Art. 1 - Obiettivi TITOLO I FINALITA E ASPETTI GENERALI Art. 1 - Obiettivi 1. Il presente Regolamento è finalizzato a definire nel Territorio della Riserva Naturale Statale Gola del Furlo (denominata in seguito Riserva)

Dettagli

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI

RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI RILEVAMENTI ED ANALISI DEI DATI FAUNISTICI ED AMBIENTALI Riferimenti normativi e tecnici. Gli INDIRIZZI REGIONALI PER LA PIANIFICAZIONE FAUNISTICO VENATORIA PROVINCIALE (allegato 6 INDIRIZZI PER LA GESTIONE

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

Regione Lombardia D.G. Qualità dell Ambiente U.O. Pianificazione Ambientale e Gestione Parchi

Regione Lombardia D.G. Qualità dell Ambiente U.O. Pianificazione Ambientale e Gestione Parchi Regione Lombardia D.G. Qualità dell Ambiente U.O. Pianificazione Ambientale e Gestione Parchi Protocollo di attività per gli interventi di reintroduzione Umberto Bressan Protocolli di attività per gli

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione

Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione Il cinghiale specie cacciabile per corretta gestione CINGHIALE Prime segnalazioni nel 1919; forte espansione dalla metà degli anni 60 Tre sottospecie: Centroeuropeo (Sus scrofa scrofa), di dimensioni maggiori;

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole)

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) Riferimenti normativi: Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio, Titolo IV, Asse 2, Articoli 36 (a) (vi) e 41 (a) e (b) Codice

Dettagli

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Scheda operativa n.5 LE COLTIVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Premessa Le piante officinali rappresentano

Dettagli

1 *( Reg.Ce 1750/99 rececepito con D.M.19.04.99 / Indicazioni della Dir. Reg. Agricoltura PSR ABRUZZO 2000-2006 Misure E e F)

1 *( Reg.Ce 1750/99 rececepito con D.M.19.04.99 / Indicazioni della Dir. Reg. Agricoltura PSR ABRUZZO 2000-2006 Misure E e F) REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI RICONDUCIBILI A FAUNA SELVATICA CINGHIALE (Sus scrofa L.); CAPRIOLO (Capreolus capreolus L);CERVO (Cervus elaphus L). ARRECATI AL PATRIMONIO AGRICOLO NEL TERRITORIO

Dettagli

REGOLAMENTO 1. Art. 5 - Danni ammessi ad indennizzo per le opere approntate sui terreni

REGOLAMENTO 1. Art. 5 - Danni ammessi ad indennizzo per le opere approntate sui terreni All. alla del. N 12/2012 TESTO COORDINATO REGOLAMENTO 1 Regolamento per le procedure relative all indennizzo dei danni da fauna selvatica alle colture agro-forestali ed al patrimonio zootecniche ricadenti

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAPRIOLO E CERVO s.v. 2012/2013

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita. RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAPRIOLO E CERVO s.v. 2012/2013 COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita RISULTATI CENSIMENTI ALLE SPECIE CAPRIOLO E CERVO s.v. 2012/2013 - RELAZIONE TECNICA A cura di Omar Giordano Tecnico faunistico C.A. CN2 PREMESSA Nella presente relazione

Dettagli

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS Buone pratiche di gestione e conservazione degli habitat agricoli Stefania Mandrone ISPRA Settore Gestione Agroecosistemi Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS L Aquila 7 Marzo

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Concetti di ecologia applicata. Concetti di base. Concetti di base 19/06/2013

Concetti di ecologia applicata. Concetti di base. Concetti di base 19/06/2013 Concetti di ecologia applicata Un esempio di rete alimentare Concetti di base Un esempio di rete alimentare Concetti di base Alcune definizioni: ecologia, biocenosi, biotopo, etc.. Ecosistema Habitat e

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE AMBIENTALE, FAUNISTICA E VENATORIA DELLE AZIENDE AGRITURISTICHE VENATORIE E FAUNISTICHE VENATORIE

REGOLAMENTO DI GESTIONE AMBIENTALE, FAUNISTICA E VENATORIA DELLE AZIENDE AGRITURISTICHE VENATORIE E FAUNISTICHE VENATORIE REGOLAMENTO DI GESTIONE AMBIENTALE, FAUNISTICA E VENATORIA DELLE AZIENDE AGRITURISTICHE VENATORIE E FAUNISTICHE VENATORIE Approvato con deliberazione Consiliare n. 52 del 21.04.2009 Pag. 1 di 13 TITOLO

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 8 Investimenti nello sviluppo delle aree forestali e nel miglioramento della redditività delle foreste Sottomisura 8.3 Sostegno alla prevenzione dei danni arrecati

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e duna costiera 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata

Dettagli

Analisi dell'impatto del morso degli ungulati selvatici sulla rinnovazione nell'ispettorato Forestale di Silandro

Analisi dell'impatto del morso degli ungulati selvatici sulla rinnovazione nell'ispettorato Forestale di Silandro Analisi dell'impatto del morso degli ungulati selvatici sulla rinnovazione nell'ispettorato Forestale di Silandro 11 Conclusioni I risultati principali ottenuti possono essere così riassunti: dal 1995

Dettagli

(Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive modificazioni)

(Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive modificazioni) AMBITO TERRITORIALE CACCIA ANCONA 2 REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI ARRECATI ALLA PRODUZIONE AGRICOLA DALLA FAUNA SELVATICA (Deliberazione del Comitato di Gestione n. 6 del 17/01/08 e successive

Dettagli

http://servizi-uffici.provincia.fc.it/en/web/flora-e-fauna/danni-invio-web

http://servizi-uffici.provincia.fc.it/en/web/flora-e-fauna/danni-invio-web A.T.C. FO-5 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE MODALITA DI FUNZIONAMENTO DEI FONDI DESTINATI AI CONTRIBUTI PER L INDENNIZZO DEI DANNI PRODOTTI DALLA FAUNA SELVATICA E ALL ACQUISTO DEI MEZZI DI PREVENZIONE DA DARE

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Dipartimento Ambiente

Dipartimento Ambiente Dipartimento Ambiente Arenzano, 20 marzo2015 Così come altrove, il ritorno del lupo in Liguria ha suscitato opinioni e sentimenti contrastanti. Da un lato soddisfazione e dall altro preoccupazione degli

Dettagli

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

oltre i confini L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Workshop AIDAP: Classificare per Innovare la Gestione delle Aree Protette Torino 19 Maggio 2008 Nino Martino Direttore del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Andare oltre i confini L esperienza del Parco

Dettagli

Progetto n. 1. Di seguito viene fornita una descrizione dei singoli progetti.

Progetto n. 1. Di seguito viene fornita una descrizione dei singoli progetti. Ai sensi dell art. 10 della L.R. 3/94, ai fini del finanziamento regionale, le Province presentano alla Giunta Regionale il Programma Annuale di Gestione provinciale che comprende gli interventi per la

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE E FORESTALI ED AL PATRIMONIO ZOOTECNICO NEL TERRITORIO

REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE E FORESTALI ED AL PATRIMONIO ZOOTECNICO NEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI CAUSATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE PRODUZIONI AGRICOLE E FORESTALI ED AL PATRIMONIO ZOOTECNICO NEL TERRITORIO DEL PARCO INDICE Art. 1 Oggetto pag. 1 Art. 2 Ambito

Dettagli

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi (Criteri esaminati dal Cds con procedura scritta n. 2/2012) Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi Azione a) - Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario Ripristino

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

BOSCHI E BIODIVERSITÀ. Rete Natura 2000

BOSCHI E BIODIVERSITÀ. Rete Natura 2000 BOSCHI E BIODIVERSITÀ Introduzione I boschi sono un patrimonio di tutti. Li vediamo, li attraversiamo, li ammiriamo e li utilizziamo. Ma vanno anche tutelati: sono ecosistemi complessi dove molte forme

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art. 1 (Istituzione) 2. Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 11 Istituzione del Parco Marino Regionale Costa dei Gelsomini. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione) 1.

Dettagli

PROGETTO PILOTA DI PREVENZIONE DEI DANNI

PROGETTO PILOTA DI PREVENZIONE DEI DANNI RISERVA DI CACCIA DI TRAVESIO PROGETTO PILOTA DI PREVENZIONE DEI DANNI PROVOCATI DAL CINGHIALE ALLE COLTURE AGRICOLE ED ALLA CIRCOLAZIONE STRADALE Sulla base delle linee guida redatte in attuazione dei

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

DISMISSIONE DELL IMPIANTO

DISMISSIONE DELL IMPIANTO PREMESSA Nell ambito del progetto dell impianto fotovoltaico da 2,5 MWp da realizzare in località Ottaduna nella tipologia di installazione a campo solare, il seguente studio ha per oggetto il progetto

Dettagli

BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI

BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI Università degli Studi di Siena Dipartimento di Biologia Evolutiva BIODIVERSITÀ DEI SUOLI ITALIANI: IL CONTRIBUTO DEGLI ACARI ORIBATEI Massimo MIGLIORINI, Fabio BERNINI Gli Acari sono un gruppo di aracnidi

Dettagli

Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali

Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali Come evidenziato in testa al documento, il modulo raccoglie e schematizza le informazioni

Dettagli

GLI INCIDENTI STRADALI CON COINVOLGIMENTO DI FAUNA

GLI INCIDENTI STRADALI CON COINVOLGIMENTO DI FAUNA GLI INCIDENTI STRADALI CON COINVOLGIMENTO DI FAUNA SELVATICA: UN FENOMENO DA NON SOTTOVALUTARE Il Piemonte è una delle Regioni in cui le popolazioni di fauna selvatica di grossa taglia sono tra le più

Dettagli

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale LEGGE REGIONALE 22/04/2002, N. 11 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale Art. 1 (Finalita ) 1. La Regione autonoma Friuli Venezia Giulia favorisce e promuove, nell ambito

Dettagli

Forest Stewardship Council Gruppo FSC-Italia

Forest Stewardship Council Gruppo FSC-Italia I PRINCIPI E CRITERI DEL FOREST STEWARDSHIP COUNCIL (FSC) PER LA GESTIONE FORESTALE RESPONSABILE 1 Di seguito vengono riportati, liberamente tradotti dal testo inglese, i Principi e Criteri approvati dal

Dettagli

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA La metodologia VASA (Valutazione Storico Ambientale) è stata messa a punto per sopperire alla carenza di criteri di valutazione dell influenza antropica e delle dinamiche temporali,

Dettagli

DETERMINAZIONE DEI COMPRENSORI OMOGENEI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA (L.R. 29/94 ART 6 comma 1)

DETERMINAZIONE DEI COMPRENSORI OMOGENEI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA (L.R. 29/94 ART 6 comma 1) DETERMINAZIONE DEI COMPRENSORI OMOGENEI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA (L.R. 29/94 ART 6 comma 1) 1 DETERMINAZIONE DEI COMPRENSORI OMOGENEI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA (L.R. 29/94 ART 6 comma 1) Il territorio

Dettagli

TITOLO 1 - NORME GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione

TITOLO 1 - NORME GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione DISCIPLINARE PER L INDENNIZZO DEI DANNI PROVOCATI DALLA FAUNA SELVATICA NEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI Approvato con DCD 49/02 e s.m.i. (ultima modifica con D.C.D. n. 37 del 03/07/2015) TITOLO

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Piano di controllo della specie cinghiale per il periodo 2011/2015

Piano di controllo della specie cinghiale per il periodo 2011/2015 CONSORZIO DEL PARCO REGIONALE DEI LAGHI DI SUVIANA E BRASIMONE Piano di controllo della specie cinghiale per il periodo 2011/2015 Piano di controllo della specie cinghiale 2011/2015 1 Inquadramento generale

Dettagli

Bando di accesso ai contributi per interventi di tutela delle produzioni agricole dai danni da selvaggina

Bando di accesso ai contributi per interventi di tutela delle produzioni agricole dai danni da selvaggina AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FIRENZE N. 5 Bando di accesso ai contributi per interventi di tutela delle produzioni agricole dai danni da selvaggina 1. Soggetti beneficiari - Possono accedere al presente

Dettagli

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele.

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea La macchia mediterranea si chiama così perché é formata da vegetazione che ama i terreni asciutti, il sole, molta luce, un

Dettagli

Infestazioni di cavallette in Veneto scheda informativa

Infestazioni di cavallette in Veneto scheda informativa Provincia di Vicenza Settore Agricoltura Università degli Studi di Padova Dipartimento Dafnae Infestazioni di cavallette in Veneto scheda informativa Da qualche anno le esplosioni demografiche di cavallette

Dettagli

Mauro BERNONI SPECIE FAUNISTICHE DI ECOSISTEMI FORESTALI DI PARTICOLARE INTERESSE CONSERVAZIONISTICO : L AVIFAUNA

Mauro BERNONI SPECIE FAUNISTICHE DI ECOSISTEMI FORESTALI DI PARTICOLARE INTERESSE CONSERVAZIONISTICO : L AVIFAUNA Mauro BERNONI SPECIE FAUNISTICHE DI ECOSISTEMI FORESTALI DI PARTICOLARE INTERESSE CONSERVAZIONISTICO : L AVIFAUNA SPECIE IN DIRETTIVA PICCHIO DORSOBIANCO, IN LEGGERO DECLINO NEL PNALM, CON SIGNIFICATIVA

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER LA PROTEZIONE DELLA NATURA E DEL MARE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER LA PROTEZIONE DELLA NATURA E DEL MARE Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER LA PROTEZIONE DELLA NATURA E DEL MARE ANALISI DEI SERVIZI SVOLTI A TUTELA DELL AMBIENTE: SORVEGLIANZA CTA- CFS CON

Dettagli

Corso per Operatori Faunistici Volontari CONTROLLO NUMERICO DEL CINGHIALE NEL PARCO DELL ADAMELLO. a cura di Michela Giacomelli

Corso per Operatori Faunistici Volontari CONTROLLO NUMERICO DEL CINGHIALE NEL PARCO DELL ADAMELLO. a cura di Michela Giacomelli Corso per Operatori Faunistici Volontari CONTROLLO NUMERICO DEL CINGHIALE NEL PARCO DELL ADAMELLO a cura di Michela Giacomelli controllo numerico nelle aree protette Il controllo numerico rappresenta solo

Dettagli

LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39

LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 166 del 17-12-2013 41605 LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario, forestale e zootecnico. IL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI DI RICERCA SCIENTIFICA DA PARTE DELL ENTE PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI DI RICERCA SCIENTIFICA DA PARTE DELL ENTE PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI DI RICERCA SCIENTIFICA DA PARTE DELL ENTE PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO Art.1 Oggetto del regolamento L Ente Parco nei limiti delle

Dettagli

La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero

La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero 27 FRATELLO LUPO L interazione fra l uomo e gli animali selvatici La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero

Dettagli

Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS

Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS Monitoraggio del lupo Slavc in ambiente GRASS GIS Alfredo Altobelli, Katja Mignozzi, Rossella Napolitano Dipartimento di Scienze della Vita Università di Trieste XIV meeting degli utenti italiani GRASS

Dettagli

Principio 10: Realizzazione delle attività di gestione Le attività di gestione condotte da o per conto dell Organizzazione* nell Unità di Gestione*

Principio 10: Realizzazione delle attività di gestione Le attività di gestione condotte da o per conto dell Organizzazione* nell Unità di Gestione* Principio 10: Realizzazione delle attività di gestione Le attività di gestione condotte da o per conto dell Organizzazione* nell Unità di Gestione* devono essere selezionate e realizzate coerentemente

Dettagli

Capitolo 5. Gli Impatti

Capitolo 5. Gli Impatti Relazione sullo Stato dell Ambiente 2004 della Provincia di Pistoia Capitolo 5 Gli Impatti Legenda Con il termine impatto si fa riferimento all effetto dello stato ambientale sulla salute umana e sulla

Dettagli

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza ECOLOGIA I 9 marzo 2013 Mariella Nicastro Parco Regionale della Valle del Lambro CHE COS E L ECOLOGIA Se lo chiedete a tre professori,

Dettagli

Le avversità delle piante ornamentali

Le avversità delle piante ornamentali Seminario Grottammare (AP) Le avversità delle piante ornamentali La gestione delle avversità in ambito urbano Luigi Delloste Per avversità ambientale si intende qualsiasi evento, sia di origine climatica

Dettagli

PREPARAZIONE DEL SITO

PREPARAZIONE DEL SITO Pur essendo un lavoro che richiede molta cura, la realizzazione di un buon prato è alla portata anche di chi, per hobby, si dedica con passione al giardinaggio. Al giardiniere fai da te sono necessarie

Dettagli

LUCA PEDROTTI FINALITA DELLA GESTIONE FAUNISTICA. LE SPECIE PROBLEMATICHE, TRA AREE PROTETTE E AREE VENATORIE

LUCA PEDROTTI FINALITA DELLA GESTIONE FAUNISTICA. LE SPECIE PROBLEMATICHE, TRA AREE PROTETTE E AREE VENATORIE LUCA PEDROTTI FINALITA DELLA GESTIONE FAUNISTICA. LE SPECIE PROBLEMATICHE, TRA AREE PROTETTE E AREE VENATORIE SPECIE (FAUNA) PROBLEMATICHE Popolazioni che esercitano un impatto significativo sull Ambiente

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO DANNI DA ANIMALI SELVATICI

FONDO MUTUALISTICO DANNI DA ANIMALI SELVATICI FONDO MUTUALISTICO DANNI DA ANIMALI SELVATICI PREMESSA La presenza di aree poco antropizzate quali i boschi, i corsi d acqua, le zone umide e quant altro in prossimità delle aree coltivate può determinare

Dettagli

Le Fanerogame del Mediterraneo

Le Fanerogame del Mediterraneo Le Fanerogame del Mediterraneo In Mediterraneo sono presenti cinque specie di fanerogame marine: Cymodocea nodosa (Zosteraceae) si trova soprattutto su sedimenti fini superficiali ed in acque salmastre.

Dettagli

METODI DI CONTENIMENTO DELLA POPOLAZIONE DEI CERVI SIKA

METODI DI CONTENIMENTO DELLA POPOLAZIONE DEI CERVI SIKA METODI DI CONTENIMENTO DELLA POPOLAZIONE DEI CERVI SIKA Nel paesaggio collinare dominato dal castello di Bouzov nella regione di Olomouc (Moravia Settentrionale) prospera il cervo sika. Veduta aerea del

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna Bologna 17 giugno 2014 Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali I NUMERI DELLE AREE PROTETTE 14 PARCHI

Dettagli

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI

ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI - pag. 1 ASPETTI FLORO-VEGETAZIONALI PARTE 1 a - ANALISI 1 FLORA E VEGETAZIONE Dati disponibili che verranno utilizzati per il presente lavoro: Documento anno Note, possibilità

Dettagli

REGIONE LIGURIA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE PER IL PERIODO

REGIONE LIGURIA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE PER IL PERIODO Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali REGIONE LIGURIA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE PER IL PERIODO 2007-2013 ALLEGATO D RIDEFINIZIONE ZONE SVANTAGGIATE La zonizzazione delle

Dettagli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli 5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (b) (i) e 43 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 31 e punto 5.3.2.2.1. dell Allegato II del Reg. (CE)

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 10 Pagamenti agro climatico ambientali Sottomisura 10.1 Pagamenti per impegni agro climatico ambientali Tipo di operazione 10.1.5 Coltivazione delle varietà

Dettagli

Allegato tecnico B DCE n. 20/2011. Progetto Esecutivo WP2 - Attività 2. 28 marzo 2011

Allegato tecnico B DCE n. 20/2011. Progetto Esecutivo WP2 - Attività 2. 28 marzo 2011 Allegato B alla Delibera di Comitato Esecutivo n. 21 del 04/04/2011 Capitolato tecnico - Allegato tecnico B DCE n. 20/2011 Monitoraggio delle popolazioni di uccelli nidificanti, svernanti e migratrici

Dettagli

Molteplici fattori interconnessi influenzano la produttività delle colture

Molteplici fattori interconnessi influenzano la produttività delle colture La fertilità del suolo Molteplici fattori interconnessi influenzano la produttività delle colture Clima e morforilievo Giacitura, esposizione,etc Energia radiante, gas Caratteristiche genetiche e fisiologiche

Dettagli

Ambienti rurali costieri

Ambienti rurali costieri Lo Specchio rurale A cura di Sandro Gentilini Paesaggio rurale Appunti didattici (Coltivi ai margini della laguna di Grado in località Belvedere) Introduzione Aspetti ecologici Aspetti paesaggistici Aspetti

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria Corso per il prelievo del cinghiale con metodi selettivi - ATC PG2 Dott. Luca Convito - Spoleto - 2014 Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria settori per la caccia al cinghiale

Dettagli

Il Decoro della Banchina Stradale

Il Decoro della Banchina Stradale Il Decoro della Banchina Stradale Progetto DBS 1 Problematiche di gestione con il taglio meccanico Efficacia Erbe allergeniche Residui vegetali Cantieri fissi Tempi Essenze arboree Ostacoli in genere (segnalimiti,

Dettagli

4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea

4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea 121 4. Le tipologie di humus in siti a vegetazione spontanea Le esigenze di studio unitario della sostanza organica nel suolo sono state perseguite attraverso l introduzione del concetto di forma di humus

Dettagli

Progetto FA.RE.NA.IT

Progetto FA.RE.NA.IT Progetto FA.RE.NA.IT W kh R i Workshop Regione Molise M li Stato di attuazione delle misure del S di i d ll i d l PSR e prospettive future in Molise p p f Dott. For. Nicola Pavone Dott For Nicola Pavone

Dettagli

Tangenziale Napoli Inserimento di barriere antifoniche nel tratto Fuorigrotta Camaldoli

Tangenziale Napoli Inserimento di barriere antifoniche nel tratto Fuorigrotta Camaldoli Tangenziale Napoli Inserimento di barriere antifoniche nel tratto Fuorigrotta Camaldoli Galleria artificiale tra i cavalcavia di via Piave e via Parva Domus Relazione Agronomica Dott. Claudia Loffredo

Dettagli

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta 1 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 2 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 Art. 1 Istituzione del Parco regionale, finalità e obiettivi gestionali

Dettagli

LIFE11 ENVIT/00243 LIFE RII RIQUALIFICAZIONE INTEGRATA IDRAULICO- AMBIENTALE DEI RII APPARTENENTI ALLA FASCIA PEDEMONTANA DELL EMILIA ROMAGNA

LIFE11 ENVIT/00243 LIFE RII RIQUALIFICAZIONE INTEGRATA IDRAULICO- AMBIENTALE DEI RII APPARTENENTI ALLA FASCIA PEDEMONTANA DELL EMILIA ROMAGNA Progetto: LIFE11 ENVIT/00243 LIFE RII RIQUALIFICAZIONE INTEGRATA IDRAULICO- AMBIENTALE DEI RII APPARTENENTI ALLA FASCIA PEDEMONTANA DELL EMILIA ROMAGNA Metodologia monitoraggio elementi chimico fisici,

Dettagli

Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO

Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO Sin dalla sua costituzione (1994) il Museo fornisce un servizio di consulenza e informazione sui principali aspetti ambientali e naturalistici

Dettagli

Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo

Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo Regione Piemonte Parco Naturale delle Capanne di Marcarolo Relazione illustrativa delle attività di gestione della specie cinghiale: Programmi di ricerca e monitoraggio della specie Attuazione del Piano

Dettagli

PSR e agricoltura conservativa: quali opportunità per le aziende agricole?

PSR e agricoltura conservativa: quali opportunità per le aziende agricole? PSR e agricoltura conservativa: quali opportunità per le aziende agricole? Convegno «Agricoltura conservativa dalla teoria alla pratica Cover crop e fertilità del suolo» Chiara Carasi Regione Lombardia

Dettagli

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE Allegato A alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. 513 del 19.12.2002 PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

Provincia dell'ogliastra Assessorato All Ambiente Servizio Protezione Civile, Caccia, Pesca e Sicurezza

Provincia dell'ogliastra Assessorato All Ambiente Servizio Protezione Civile, Caccia, Pesca e Sicurezza Provincia dell'ogliastra Assessorato All Ambiente Servizio Protezione Civile, Caccia, Pesca e Sicurezza DISCIPLINARE PER L ATTIVAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE PER: COADIUTORI NELL ATTIVITA DI CONTROLLO

Dettagli