La Sindrome Demenza. U.O. Geriatria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Sindrome Demenza. U.O. Geriatria"

Transcript

1 U.O. Geriatria La Sindrome Demenza Carlo A. Biagini Francesca Bencini Veronica Caleri Claudia Cantini Riccardo Ferretti Rossella Mecacci Elisabetta Tonon CPSD VDN Nicoletta Franchi INFER. Romina Bernazi Fabiola Beninati Paola Ferretti Piera Guglielmi Monica Romani Marzia Romoli PSICOL. Cristiana Barni

2 Studio di Rotterdam: nuovi casi di demenza (n/1000 persone all anno) tra i 60 e i 79 anni [dato aggiustato per età]: -tra il 1990 e il tra il 2000 e il 2005 Schrijvers E.M.C. et al., Neurology, 2012

3 Dati Attesi per la Sindrome Demenza Italia Italia Elaborazione dati ISTAT a cura del Dr. Luigi Tonelli

4 Dati Attesi per la Sindrome Demenza Toscana Elaborazione dati ISTAT a cura del Dr. Luigi Tonelli

5 Incidenza di demenza > 65 aa anno 2010 Toscana valori % Toscana val. assoluti Usl 3 val. assoluti Maschi 1, Femmine 1, Totale 1, Elaborazione dati ARS Toscana

6 Prevalenza di demenza 65 aa Toscana valori % Toscana val. assoluti Usl 3 val. assoluti Maschi 7, Femmine 11, Totale 9, Elaborazione dati ARS Toscana

7 Demenza e Senilità La demenza è spesso impropriamente definita demenza senile In realtà con l avanzare dell età alcune funzioni cognitive mostrano un lieve declino; altre restano invariate; l eventuale declino cognitivo non è comunque tale da interferire significativamente con lo svolgimento dei normali atti della vita quotidiana.

8 Criteri per la diagnosi di demenza (National Institute on Aging and Alzheimer s Association workgroup, 2011) Presenza di disturbi cognitivi o comportamentali che: interferiscono con lo svolgimento delle attività abituali; rappresentano un declino rispetto ad un precedente livello funzionale; non sono spiegati da delirium o patologia psichiatrica maggiore; sono presenti in anamnesi e confermati da una valutazione oggettiva; coinvolgono almeno due delle seguenti aree cognitivocomportamentali: 1. memoria 2. ragionamento e pianificazione 3. funzioni visuo-spaziali 4. linguaggio 5. personalità e comportamento (es. agitazione, apatia, comportamenti ossessivi o socialmente inappropriati)

9 Quadro clinico Declino cognitivo * Perdita di memoria * Disorientamento temporale e spaziale * Afasia * Aprassia * Agnosia * Deficit funzioni esecutive Demenz a Disturbi del Comportamento * Oscillazioni dell umore * Alterazioni della personalità * Psicosi * Agitazione * Wandering * Sintomi neurovegetativi Compromissione funzionale * IADL * ADL

10 Disturbi psichici e comportamentali in demenza Behavioral and Psychological Symptoms of Dementia (BPSD) Definizione: Alterazioni della percezione, del contenuto del pensiero, dell umore o del comportamento, che si osservano frequentemente in pazienti con demenza IPA Consensus Conference, 1996

11 Disturbi psichici e comportamentali nelle demenze Causa più frequente di istituzionalizzazione Causa più frequente di prescrizione farmacologica Causa più frequente di intervento medico Aumento della disabilità Causa di stress grave dei caregiver Ridotta qualità di vita del paziente e del caregiver Aumento dei costi economici della malattia

12 SINTOMI PSICHICI E COMPORTAMENTALI Aggressività Agitazione psicomotoria Apatia Ritiro sociale Mancanza di Interessi/motivazione Oppositività aggressiva Aggressione fisica Aggressione verbale Wandering Pacing Trailing Difficoltà a riposare Azioni ripetitive Vestirsi/Svestirsi Disturbi del sonno Depressione Tristezza Pianto Perdita di speranza Bassa autostima Ansietà Sensi di colpa Allucinazioni Deliri Misidentificazioni Psicosi McShane R. Int Psychogeriatr 2000

13 Processo demenziale Comorbilità Fattori genetici Personalità premorbosa Predisposizione FATTORI BIOLOGICI FATTORI PSICHICI PATOGENESI BIO-PSICO PSICO-SOCIALE SOCIALE BPSD FATTORI INTERPERSONAL I Stress del caregiver Scarse relazioni sociali Finkel, 2000 Manor, 2000 FATTORI AMBIENTALI Trasloco trasferimento Ospedalizzazione

14 Comorbosità e demenza Riserve funzionali Diabete Cofosi Demenza Malnutrizione Demenza Malattie vascolari Politerapia BPCO Ritenzione urinaria Demenze ad esordio presenile Demenze ad esordio senile Senin U., 1999

15 Determinanti del deficit cognitivo nell anziano 100% 50% Deficit uditivo/visivo Scompenso cardiaco/bpco Farmaci/alcool Depressione Fattori metabolici Altri fattori Malattia di Alzheimer 0% Giovane Anziano Resnick NM e Marcantonio ER., Lancet, 1997

16 Forme più comuni di Demenza Malattia di Alzheimer (50-70% di tutte le forme) Altre forme neurodegenerative: Demenze fronto-temporali Demenza a corpi di Lewy Parkinson-Demenza Demenze secondarie Vascolari Idrocefalo normoteso Malattie endocrine e metaboliche Processi espansivi intracranici Malattie infettive ed infiammatorie del SNC

17 Criteri per la diagnosi di demenza dovuta a Malattia di Alzheimer probabile (National Institute on Aging and Alzheimer s Association workgroup, 2011) Presenza di demenza con le seguenti caratteristiche: Esordio graduale dei disturbi (mesi o anni); Peggioramento nel tempo; Deficit cognitivo prevalente all esordio in una delle seguenti categorie: 1. presentazione amnesica (tipica): deficit di apprendimento e richiamo di nuove informazioni 2. presentazione non amnesica: presentazione afasica: deficit preminente nella capacità di trovare le parole presentazione visuo-spaziale: deficit visuo-spaziali preminenti (es. agnosia per oggetti e volti, simultanagnosia, alessia) disfunzione esecutiva: deficit preminenti a carico di ragionamento, giudizio, soluzione di problemi Assenza di caratteristiche tipiche di altre demenze (es. grave malattia cerebrovascolare)

18 Evoluzione temporale dei deficit cognitivi nella M. di Alzheimer

19 Criteri clinici Demenza Fronto-Temporale (FTD) - 1 Insidiosa e precoce comparsa di s. comportamentali: Alterazioni della condotta sociale, aggressività Disinibizione Iperoralità Appiattimento emotivo, apatia Rigidità di comportamento, comportamenti stereotipati e perseveranti Distraibilità, impulsività Comportamenti di utilizzo e di imitazione Assente coscienza di malattia Precoci disturbi del linguaggio Riduzione della produzione verbale fino al mutismo o ecolalia Conservazione relativa della memoria e delle capacità visuospaziali Deficit attenzione e funzioni esecutive ( The Lund and Manchester Groups, 1994)

20 Criteri clinici FTD - 2 Reperti all esame obiettivo riflessi di liberazione corticale possibili segni extrapiramidali (forme legate al cromosoma 17) o da malattia del motoneurone (forme associate a SLA) precoce incontinenza urinaria Reperti strumentali atrofia frontale e temporale anteriore al neuroimaging Ipoperfusione frontale e temporale alla SPECT EEG normale Criteri di supporto alla diagnosi Familiarità (nel 40-50% positiva per parenti di 1 g rado) Insorgenza prima dei 65 anni (The Lund and Manchester Groups, 1994)

21 FTD forme lobari selettive Afasia non fluente progressiva disturbo del linguaggio prevalentemente espressivo; relativa conservazione delle altre funzioni cognitive e dell autonomia Demenza semantica deficit progressivo della denominazione orale e scritta; disturbo della comprensione del significato delle parole e degli oggetti; mantiene la fluenza e la risoluzione dei problemi non verbali

22 ASPETTI NEUROPSICOLOGICI E CLINICI DELLA DEMENZA A CORPI DI LEWY Le principali caratteristiche cliniche e neuropsicologiche consistono nella presenza di: a) disturbi parkinsoniani spontanei o indotti da basse dosi di neurolettici b) fluttuazioni attenzionali importanti c) allucinazioni visive strutturate, almeno in parte criticate dal paziente d) disturbi esecutivo/attenzionali, visuo-costruttivi o visuo-spaziali più gravi di quanto non siano i disturbi mnesici mostrati da questi pazienti (McKeith et al., 1996; Ballard, 2004)

23 Demenza a corpi di Lewy 1. Declino cognitivo progressivo che interferisce con le normali funzioni; preminenza di disturbi di attenzione, abilità frontali e visuo-spaziali, disturbo della memoria secondario 2. Due delle seguenti caratteristiche Fluttuazione della vigilanza, attenzione e capacità cognitive (80%) Allucinazioni visive strutturate (60%) Parkinsonismo (65-70%) 3. Caratteristiche di supporto diagnostico Cadute/Sincopi/Perdite transitorie di coscienza (50%) Ipersensibilità ai neurolettici (50%) Deliri strutturati, allucinazioni non visive (70%) Disturbi del sonno REM (25%) 4. Caratteristiche di esclusione Storia di stroke o segni motori focali o lesioni alla TAC Segni fisici o reperti strumentali indicativi di altre malattie (McKeith, 1996)

24 Parkinson-demenza I soggetti con M. di Parkinson hanno un rischio di sviluppare demenza 3 volte superiore rispetto a soggetti normali di pari età Il 25% dei soggetti affetti da M. di Parkinson presenta un quadro di demenza (65% negli ultra 85enni), mentre deficit cognitivi di intensità non sufficiente a determinare demenza sono presenti in oltre il 90% dei casi. Il quadro di demenza insorge di solito dopo alcuni anni dai sintomi motori

25 Aspetti Clinici della Demenza associata a PD Alterazioni fluttuanti dell attenzione Latenza di risposta Deficit nelle funzioni esecutive Compromissione mnesica (deficit della rievocazione libera che trae beneficio da aiuti esterni) Disturbo delle funzioni visuospaziali Linguaggio largamente preservato (tranne fluenza verbale) Prassia conservata Sintomi comportamentali nell 80% dei casi (disturbi del sonno REM, apatia)

26 Demenze con Parkinsonismo M. Di Parkinson con demenza Demenza a corpi di Lewy Demenza frontotemporale associata al eeeee e cromosoma 17 Paralisi sovranucleare progressiva Degenerazione corticobasale M. di Huntington M. di Creutzfeldt Jakob Demenza vascolare sottocorticale Ematoma subdurale Idrocefalo normoteso

27 DEMENZE VASCOLARI Classificazione Multi-infartuale (MID) Risultante di infarti multipli e completi generalmente nel territorio di distribuzione, corticale o sottocorticale, dei grossi vasi Da singoli infarti strategici Data da singoli infarti in aree cerebrali funzionalmente importanti per le prestazioni cognitive (giro angolare, prosencefalo basale, talamo, etc.) Da coinvolgimento dei piccoli vasi Esito di lesioni ischemiche a carico dei vasi di piccolo calibro che irrorano la corteccia o le strutture sottocorticali Da ipoperfusione Risultante di un danno ipossico acuto o cronico o ripetuto Da emorragia Sequela di lesioni emorragiche intraparenchimali (fra le più frequenti l emorragia intracerebrale a sede capsulare) o extraparenchimale (ematoma subdurale cronico, emorragia subaracnoidea)

28 Idrocefalo normoteso Fino al 6% di demenze accertate, prevalentemente in pazienti tra 50 e 70 anni. Idiopatico in oltre il 50% dei casi. Neuroimaging: ingrandimento dei ventricoli laterali in assenza di ampliamento dei solchi corticali 1. Deficit cognitivo - rallentamento ideo-motorio, latenza di risposta - deficit di attenzione e delle funzioni esecutive - riduzione capacità ideative e logico-deduttive - difetto di memoria lieve o moderato - disturbi comportamentali di tipo frontale 2. Incontinenza urinaria o urgenza minzionale 3. Atassia della marcia (a base allargata, a piccoli passi, magnetica) Dalla comparsa dei sintomi, ingravescente inerzia verbale e motoria fino alla totale

29 Principali obiettivi nella cura del soggetto affetto da demenza Ottimizzazione delle funzioni cognitive Controllo dei sintomi comportamentali Ottimizzazione dello stato funzionale Miglior qualità di vita possibile per il caregiver

30 Tutte le forme di demenza sono curabili, anche quelle irreversibili FARMACOLOGICA TERAPIA NON FARMACOLOGICA Terapia farmacologica malattia di Alzheimer Trattamento dei sintomi cognitivi inibitori delle colinesterasi memantina

31 Inibitori della Colinesterasi Donepezil Aricept/Memac 5-10 mg (23 mg) cpr /cpr orodispers. Rivastigmina Exelon/Prometax mg ,3 mg/die cps cerotto Galantamina mg cpr Reminyl mg cpr a lento rilascio Memantina Memantina Ebixa mg 5 mg / spuzzo cpr soluzione

32 Sinapsi colinergica Terminale nervoso pre-sinaptico ACh N = nicotinico M = muscarinico ACh = acetilcolina AChEI recettore M recettore N Acetilcolinesterasi ACh Terminale nervoso post-sinaptico Aumentata disponibilità di ACh a livello sinaptico (AChE-inibizione)

33 Memantina E un antagonista non-competitivo voltaggio dipendente, di moderata affinità, dei recettori NMDA Blocca gli effetti dell elevato livello di glutammato riducendo l eccessiva neurotrasmissione glutammatergica (riduce il rumore di fondo) Mantiene tuttavia la fisiologica attivazione dei recettori per garantire l apprendimento e la memoria

34 Inibitori acetilcolinesterasi: Donepezil Galantamina Rivastigmina memantina Nota 85 aggiornata G.U La prescrizione a carico del SSN su diagnosi e piano terapeutico delle Unità di Valutazione Alzheimer (UVA) individuate dalle regioni e dalle province Autonome di Trento e Bolzano è limitata ai pazienti con malattia di Alzheimer di grado lieve, con MMSE tra 21 e 26 (donepezil, rivastigmina, galantamina) o moderato con MMSE tra 10 e 20 (donepezil, rivastigmina, galantamina, memantina). Alle UVA è affidato il compito di effettuare o eventualmente, confermare una diagnosi precedente e stabilire il grado di severità in base al punteggio del MMSE Il piano terapeutico deve essere formulato sulla base della diagnosi iniziale di probabile demenza di Alzheimer di grado lieve-moderato La risposta clinica dovrà essere monitorata ad intervalli regolari dall inizio della terapia a 1 mese, per la valutazione degli effetti collaterali e per l aggiustamento del piano terapeutico a 3 mesi, per una prima valutazione della risposta e per il monitoraggio della tollerabilità: deve basarsi sul non peggioramento dello stato cognitivo del paziente valutato tramite MMSE ed esame clinico Ogni 6 mesi per successive valutazioni della risposta e della tollerabilità

35 Mini Mental State Examination (Folstein et al. 1975) Strumento sensibile, semplice, universalmente validato, per lo screening del livello cognitivo. Indaga brevemente (tempo di somministrazione 10 minuti) diverse aree cognitive, fornendo un punteggio complessivo, indicativo della funzione cognitiva globale. Punteggio max: 30. Un punteggio <24/30 viene generalmente considerato suggestivo di deterioramento cognitivo. La prestazione dipende dall età e dalla scolarità (esistono tabelle di correzione validate sulla popolazione italiana). Serve a porre il sospetto di un problema cognitivo, la cui reale esistenza e le cui cause vanno indagate con una successiva valutazione clinica, neuropsicologica e strumentale.

36 MINI MENTAL STATE EXAMINATION (Folstein, 1975) Valuta le funzioni cognitive del soggetto in particolare: l orientamento temporo-spaziale la memoria immediata l attenzione e il calcolo il richiamo il linguaggio la prassia costruttiva

37 MINI MENTAL STATE EXAMINATION (Folstein, 1975) Il paziente sa riferire il giorno del mese, l anno, il mese, il giorno della settimana e la stagione. Orientamento temporale Il paziente sa riferire il luogo in cui si trova, a quale piano, in quale città, regione, stato. Orientamento spaziale L esaminatore pronuncia ad alta voce tre termini (casa, pane, gatto) e chiede al paziente di ripeterli subito. Memoria Far contare per sette all indietro, partendo da 100. Fermarsi dopo le prime 5 risposte. Se il paziente avesse difficoltà di calcolo, far scandire all indietro la parola MONDO una lettera alla volta. Attenzione e calcolo Richiamare i tre termini precedentemente imparati. Richiamo delle tre parole

38 Come si chiama questo? (indicando una matita). Come si chiama questo? (indicando un orologio). Il paziente deve riconoscere due oggetti. Denominazione Invitare il paziente a ripetere la frase tigre contro tigre Ripetizione Invitare il paziente ad eseguire correttamente i seguenti ordini: a) prenda un foglio con la mano destra, b) lo pieghi a metà, c) e lo butti per terra. Esecuzione di un compito su comando orale Presentare al paziente un foglio con la seguente scritta: Chiuda gli occhi. Invitare il paziente ad eseguire il comando indicato. Esecuzione di un compito su comando scritto Far scrivere al paziente una frase formata almeno da soggetto e verbo. Scrittura Far copiare al paziente il disegno indicato. Prassia costruttiva PUNTEGGIO TOTALE /30

39 Frase: Mini Mental State

40

41 Inibitori della Colinesterasi Effetti collaterali più comuni Nausea, vomito, vertigini, diarrea, inappetenza, perdita di peso Generalmente transitori e più frequenti durante la titolazione del farmaco Maggiore tollerabilità se la dose ottimale viene raggiunta lentamente e la somministrazione del farmaco è effettuata al termine del pasto Causa di sospensione del trattamento o di shift ad altro farmaco

42 Inibitori della Colinesterasi Precauzioni Nei pazienti con : ulcera peptica convulsioni bradicardia asma o BPCO epatopatia

43 Memantina Effetti collaterali più comuni (< 1/10) Sonnolenza Vertigini Disturbi dell equilibrio Ipertensione Stipsi Dispnea cefalea

44 Trattamento dei BPSD Ricercare e trattare possibili cause scatenanti: patologie associate, dolore, farmaci, fattori ambientali etc. Sintomi comportamentali lievi-moderati Sintomi comportamentali gravi Approccio non farmacologico come intervento di prima scelta Può essere necessario trattamento farmacologico sintomi psicotici agitazione, aggressività sintomi depressivi ansia sintomi maniacali agitazione, aggressività neurolettici antidepressivi ansiolitici stabilizzatori tono dell umore, neurolettici da Grossberg 2003, modificata

45 Farmacoterapia dei BPSD Antidepressivi Antipsicotici Ansiolitico-sedativi Stabilizzatori umore Antistaminici Colinergici β-bloccanti ECT Light therapy Altre, es. melatonina Manor, 2000

46 Valutazione dei sintomi psicologici e comportamentali in corso di demenza Individuare cluster sintomatologico prevalente.

47 Cluster dei disturbi comportamentali Sintomi psicotici Comportamenti agitati deliri, allucinazioni Agitazione aggressività (fisica, verbale), irritabilità Discontrollo comportamentale Attività motoria aberrante Disinibizione, euforia, ipersessualità Disturbi del sonno Disturbi dell appetito Sintomi affettivi depressione, ansia Apatia McShane R, Int J Geriatr Psychiatry, 2000 Hollingworth et al., J Am Geriatr Soc, 2006

48 Valutazione dei sintomi psicologici e comportamentali in corso di demenza Individuare cluster sintomatologico prevalente. Caratterizzare gravità dei sintomi (livello di sofferenza ed eventuali condizioni di pericolo di paziente/caregiver)

49 NeuroPsychiatric Inventory (NPI) La NPI è una delle scale più frequentemente utilizzate per la valutazione dei disturbi del comportamento in particolare: deliri, allucinazioni, agitazione-aggressività, ansia, euforia, apatia, disinibizione, irritabilità-labilità, comportamento motorio aberrante, disturbi del sonno e dell alimentazione. (Cummings et al., 1994) La valutazione dei disturbi comportamentali è resa difficile dalla coesistenza del decadimento cognitivo per questo si ricorre all intervista del caregiver o all osservazione diretta in caso di operatori (RSA)

50 UCLA Neuropsychiatric Inventory (NPI) A. Deliri item B. Allucinazioni C. Agitazione D. Depressione/disforia E. Ansia F. Euforia/esaltazione G. Apatia H. Disinibizione I. Irritabilità/labilità J. Attività motoria anom. K. Sonno L. Appetito/alimentazione TOTALE Non valutabile Assente F G F x G Distress Frequenza: 1= raramente, 2= talvolta, 3= frequentemente, 4= sempre Gravità: 1= lievi (non producono disturbo, 2= moderati (comportano disturbo), 3= severi (molto disturbanti)

51 Gravità e frequenza dei sintomi comportamentali Gravità:in base al livello di sofferenza e ad eventuali condizioni di pericolo di paziente e caregiver (classificata secondo Neuropsychiatric Inventory NPI) COMPORTAMENTI AGITATI LIEVI (G-NPI)=1 MODERATI (G-NPI)=2 GRAVI (G-NPI)=3 Frequenza:disturbi saltuari o persistenti (plurisettimanali o quotidiani)

52 Valutazione dei sintomi psicologici e comportamentali in corso di demenza Individuare cluster sintomatologico prevalente. Caratterizzare gravità dei sintomi (livello di sofferenza ed eventuali condizioni di pericolo di paziente/caregiver). Ricercare possibili cause scatenanti, di tipo fisico (delirium, condizioni mediche, dolore, depressione, ), farmacologico (farmaci attivi sul SNC) o socio-ambientale (problemi relazionali con il caregiver, situazioni di stress, ) Valutazione della comorbosità (parkinsonismo, obesità, malattia cerebrovascolare, )

53 Trattamento del dolore e disturbi del comportamento RCT: 365 anziani con demenza moderata-grave e disturbi del comportamento randomizzati ad un protocollo di terapia del dolore per 8 settimane + 4 settimane dopo la sospensione * ** *p=0.022 *** ** p=0.012 *** p< step= 1: paracetamolo 2: morfina 3: buprenorfina transdermica 4:pregabalin trattamento e cure usuali Husebo et al., BMJ 2011

54 Comportamenti agitati lievi e/o saltuari Gli approcci comportamentali e psicosociali sono di prima scelta: -valutazione dell adeguatezza del contesto familiare ed ambientale -identificazione dei bisogni non soddisfatti del paziente, di tipo fisico, emozionale, sociale -rimozione di fattori ambientali e relazionali stressanti -identificazione di modalità di comunicazione adeguate -identificazione di attività routinarie adeguate -formazione/counseling familiari e caregiver professionali -valutare l utilizzo di strutture assistenziali dedicate (es. Centro Diurno Alzheimer, nucleo Alzheimer RSA) -interventi specifici (es. musicoterapia) ove praticabili

55 Comportamenti agitati da moderati a gravi: possibile indicazione agli antipsicotici in relazione al cluster Tipo A= antipsicotici non indicati Attività motoria aberrante Scarsa collaborazione senza aggressività Facile irritabilità Disturbi del sonno senza agitazione notturna Tipo B= possibile indicazione agli antipsicotici Deliri e allucinazioni disturbanti Aggressività verbale e fisica Disturbi del sonno con agitazione notturna Mod. da Iowa Geriatric Educatyion Center https://www.healthcare.uiowa.edu/igec/iaadapt/mobile/home/prescribing

56 Comportamenti agitati tipo A (G- NPI=2-3): approccio farmacologico Scarse evidenze di letteratura SSRI/trazodone: particolarmente in presenza di ansia e irritabilità Trazodone o agonisti GABA-ergici: insonnia Mirtazapina a basse dosi: ansia, insonnia, anoressia Antiepilettici: particolarmente in presenza di iperattività, disinibizione, ansia Memantina/inibitori delle colinesterasi: alcuni dati di letteratura, controversi pareri clinici Nessuna evidenza di efficacia della terapia farmacologica nell attività motoria aberrante diurna

57 Comportamenti agitati tipo B (G-NPI=2-3): impostazione del trattamento -1 Mettere in atto approcci psico-sociali e comportamentali, valutando l utilizzo di strutture assistenziali dedicate (es. Centro Diurno Alzheimer, nucleo Alzheimer in RSA). Scelta della terapia farmacologica sulla base della previsione di efficacia (in base a cluster prevalente e gravità dei sintomi) e di tollerabilità (in relazione ad età e comorbosità, soprattutto parkinsonismo).

58 Comportamenti agitati tipo B (G-NPI=2-3): impostazione del trattamento - 2 Iniziare con basse dosi (50% della dose minima efficace nell adulto), incrementare gradualmente nell arco di giorni sulla base di efficacia e tollerabilità, se possibile attendere 2-4 settimane per la piena efficacia. Educare il caregiver a segnalare precocemente la comparsa di effetti collaterali Decidere sulla prosecuzione della terapia bilanciando l efficacia osservata e l entità degli eventuali effetti collaterali Cercare di evitare le associazioni di antipsicotici e di antipsicotici con benzodiazepine.

59 1 livello Comportamenti agitati tipo B (NPI G=2): livelli di efficacia (e rischio) crescenti Trazodone ( mg) 2 livello Quetiapina ( mg) 3 livello Olanzapina Risperidone mg mg Aripiprazolo 5-10 mg 2 scelta : Clozapina mg, quetiapina > 200 mg, antipsicotici classici (aloperidolo, clorpromazina, promazina)

60 Antipsicotici nella demenza: problemi di sicurezza Gli antipsicotici atipici aumentano la mortalità (meta-analisi degli RCT) (Schneider et al., JAMA, 2005) Gli antipsicotici classici aumentano la mortalità più degli atipici (Liperoti al., J Clin Psychiatry, 2009) Tra gli atipici quetiapina ha un minor rischio di mortalità vs. olanzapina e risperidone (Kales HC et al., Am J Psychiatry, 2012) Dati di letteratura riportano per tutti gli antipsicotici (ma tipici>atipici) un aumentato rischio di morte improvvisa ed ictus (Steinberg M & Lyketsos MHS, Am J Psychiatry, 2008 Trifirò et al., Pharm Res, 2009 Laredo L et al., J Am Geriatr Soc, 2011)

61 Antipsicotici, allungamento del tratto QTc e rischio di morte improvvisa Tutti gli antipsicotici, in misura diversa, tendono ad aumentare la lunghezza del tratto QTc, fattore associato ad un aumentato rischio di torsione di punta e morte improvvisa Prima di iniziare una terapia con antipsicotici è consigliabile effettuare ECGper valutare la lunghezza del tratto QTc Liperoti et al., Arch Int Med, 2005 Steinberg M & Lyketsos MHS, Am J Psychiatry, 2008 Liperoti R et al., Arch Intern Med, 2005

62 Antipsicotici e rischio cerebrovascolare Nella meta-analisi dei RCT, il rischio di eventi cerebrovascolari è triplo con olanzapina e risperidone vs. placebo Gli studi osservazionali riportano dati contrastanti nel confronto tra le diverse classi di antipsicotici. Secondo alcuni tale rischio è superiore con gli atipici, secondo studi più recenti è invece confinato ai classici Tale rischio sembra maggiore all inizio della terapia e nei pazienti ad elevato rischio vascolare (es. demenza vascolare) Douglas IJ et al., BMJ, 2008 Trifirò et al., Pharm Res, 2009 Laredo L et al., J Am Geriatr Soc, 2011

63 Comportamenti agitati tipo B (NPI G=3): indicazione preferenziale rispetto al sintomo principale Sintomi gravi (G=3) Psicosi strutturata Disturbo del sonno preminente Risperidone 0,5-2 mg (indicazione autorizzata) Olanzapina 2,5-10 mg Aripiprazolo 5-10 mg Aloperidolo mg (seconda scelta) Risperidone 0,5-2 mg Aripiprazolo 5-10 mg Aloperidolo mg (seconda scelta) Quetiapina mg Olanzapina 2,5-10 mg Promazina mg (seconda scelta)

64 Indicazioni preferenziali rispetto alla comorbosità Parkinsonismo Anoressia, calo ponderale Obesità grave Malattia cerebrovascolare Cardiopatia Quetiapina mg Clozapina 12,5-75 mg Controindicati gli antipsicotici classici Olanzapina mg Aripiprazolo 5-10 mg Aumento di rischio dimostrato per risperidone, olanzapina e antipsicotici classici Minor rischio per antipsicotici atipici Trifirò G et al., Pharmacol Res, 2009

65 Diversa modalità di somministrazione Monodose giornaliera Gocce e cp orosolubili Modalità parenterale Olanzapina Aripiprazolo Quetiapina a rilascio prolungato Olanzapina orosolubile Risperidone soluzione Antipsicotici classici Olanzapina i.m. Aripiprazolo i.m. Antipsicotici classici i.m.

66 Comportamenti agitati tipo B (NPI G=2-3): sospensione della terapia (1) Pazienti in trattamento protratto con antipsicotici hanno un aumentato rischio di eventi avversi, compreso un possibile eccesso di mortalità Ogni 2 mesi è necessario verificare efficacia e tollerabilità della terapia Dopo 3-6 mesi di terapia efficace con antipsicotici dovrebbe essere tentata la graduale sospensione del farmaco, in considerazione della tendenza alla risoluzione spontanea dei sintomi nel tempo (alti tassi di risposta al placebo in tutte le sperimentazioni, mediamente attorno al 40%) Almeno due volte l anno tentare riduzione del dosaggio di antipsicotico, per verificare la reale efficacia Steinberg M, Lyketsos CG, Am J Psychiatry, 2012 Declercq T et al., Cochrane Datab Syst Rev, 2013

67 Comportamenti agitati tipo B (NPI G=2-3): sospensione della terapia (2) Considerare una riduzione del 25% ogni 4-6 settimane come linea guida generale Pazienti con sintomi residui più gravi hanno maggior rischio di recidiva dopo la sospensione. In tali casi il rapporto rischio/beneficio della sospensione della terapia deve essere valutato sul singolo paziente. Se ricompaiono disturbi clinicamente significativi, proseguire l antipsicotico alla dose minima efficace Steinberg M, Lyketsos CG, Am J Psychiatry, 2012 Declercq T et al., Cochrane Datab Syst Rev, 2013

68 Effetti collaterali Antipsicotici atipici nella demenza: sintesi dei dati di efficacia e sicurezza Efficacia Risperidone Olanzapina Quetiapina Aripiprazolo Clozapina Complessiva /- ++? Psicosi ++ +/- +/- +? Aggressività /- +? Risperidone Olanzapina Quetiapina Aripiprazolo Clozapina Segni extrap /- + - Sonnolenza Aumento peso /- ++ Attività anticolinergica Schneider LS et al., Am J Geriatr Psychiatry, 2006 Ballard C et al., Cochrane Datab Syst Rev, 2006 Maglione M et al., Agency for Healthcare Research and Quality Chew et al., J Am Geriatr Soc, 2008

69 Impiego degli antipsicotici - Linee guida Scelta specifici sintomi bersaglio Inizio con dosaggi bassi Lento e graduale aumento dosi Ottimizzazione dosi Monitoraggio effetti collaterali Attenzione ad interazioni farmacologiche Manor, 2000

70 Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n 119 del

71 Roma, 17 Settembre 2013

72 SINDROME DEMENZA PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE (PDTA)

73 Approvata con parere del CSR n. 52/2010 del 5 ottobre

74 Sindrome Demenza - Diagnosi e Trattamento Raccomandazione 1 Il Medico di Medicina Generale conosce il profilo cognitivo/comportamentale dei suoi assistiti e può identificare i segni clinici del decadimento cognitivo al loro insorgere, anche avvalendosi delle segnalazioni dei familiari. Livello di prova I, Forza A

75 Sindrome Demenza - Diagnosi e Trattamento Raccomandazione 2 Quando rileva alterazioni cognitivo- comportamentali, il medico di medicina generale dovrebbe valutare la presenza di sintomi depressivi, eventualmente avvalendosi di strumenti psicometrici e di altre competenze professionali. E consigliabile l uso della Geriatric Depression Scale a 15 item. Livello di prova III, Forza A

76 Geriatric Depression Scale (Yesavage et al. 1983) Strumento di screening per la valutazione dei sintomi psichici della depressione. Questionario con risposte dicotomiche. Ampiamente validata e sufficientemente sensibile e specifica nella popolazione geriatrica (sani e malati, a domicilio o ricoverati). Versioni a 30, 15 e 5 item. Non fa diagnosi di depressione, ma è utile per - porre il sospetto di un disturbo dell umore; - seguire nel tempo la risposta ad un eventuale trattamento. Non utilizzabile in caso di grave decadimento cognitivo.

77 Geriatric Depression Scale (15-item) Sì No In generale è soddisfatto della sua vita? Ha abbandonato molte delle sue attività e divertimenti? Le sembra che la sua vita sia vuota? Si sente spesso annoiato? Si sente di buon umore per la maggior parte del tempo? Teme che le stia per capitare qualcosa di brutto? Si sente felice per la maggior parte del tempo? Si sente spesso privo di aiuto?

78 Geriatric Depression Scale (15-item) Sì No Preferisce stare in casa piuttosto che uscire? Pensa di avere più problemi di memoria della maggior parte della gente? Pensa che sia bello stare al mondo adesso? Le sembra che la sua vita sia inutile così come è oggi? Si sente pieno di energia? Le sembra di essere in una situazione senza speranza? Pensa che la maggior parte delle persone stia meglio di lei? : normale 6-10: sintomatologia depressiva lieve 11-15: sintomatologia depressiva grave

79 Depressione Molto frequente negli anziani A volte può mimare una demenza (pseudodemenza) Spesso depressione e demenza coesistono

80 Pseudodemenza vs Demenza Pseudodemenza I sintomi depressivi compaiono per primi L umore è tendenzialmente disforico Paziente non cooperativo Mancano i disturbi fasici e prassici Anedonia I sintomi cognitivi rispondono agli antidepressivi Demenza I sintomi cognitivi compaiono per primi L umore è labile Paziente cooperativo ma con performance ridotta Presenti i disturbi fasici e prassici Non c è anedonia I sintomi cognitivi non rispondono agli antidepressivi

81 Prevalenza sintomi depressivi Centro UVA - U.O. Geriatria di Pistoia (anno semestre) 50 Non depressi 45 Depressi 40 MMSE > MMSE < DEMENTI n= 111 MCI n= 48 NON DEFICIT COGNITIVI n= 71

82 Sindrome Demenza - Diagnosi e Trattamento Raccomandazione 3 Un delirium è sospettabile nei soggetti che presentano un profilo clinico/comportamentale analogo a quello descritto nei criteri diagnostici del DSM-IV-TR. (OGGI FACCIAMO RIFERIMENTO AL DSM V) Livello di prova III, Forza A

83 Sindrome Demenza - Diagnosi e Trattamento Raccomandazione 4 La demenza è sospettabile nei soggetti che presentano un profilo clinico analogo a quello descritto nei criteri per la definizione di Demenza del DSM-IV. OGGI FACCIAMO RIFERIMENTO AI CRITERI NIA-AA (National Institute on Aging and Alzheimer s Association workgroup, 2011)

84 Criteri per la diagnosi di demenza (National Institute on Aging and Alzheimer s Association workgroup, 2011) Presenza di disturbi cognitivi o comportamentali che: interferiscono con lo svolgimento delle attività abituali; rappresentano un declino rispetto ad un precedente livello funzionale; non sono spiegati da delirium o patologia psichiatrica maggiore; sono presenti in anamnesi e confermati da una valutazione oggettiva; coinvolgono almeno due delle seguenti aree cognitivocomportamentali: 1. memoria 2. ragionamento e pianificazione 3. funzioni visuo-spaziali 4. linguaggio 5. personalità e comportamento (es. agitazione, apatia, comportamenti ossessivi o socialmente inappropriati)

85 Sindrome Demenza - Diagnosi e Trattamento Raccomandazione 5 Il Medico di Medicina Generale formula l ipotesi diagnostica di Demenza attraverso l anamnesi, l esame obiettivo generale, la ricerca di eventuali fattori iatrogeni ed un intervista strutturata, eseguita nell ambito del team multiprofessionale. Livello di prova I, Forza A

86 Check list per diagnosi deterioramento cognitivo da effettuarsi con la persona che conosce meglio il paziente, con riferimento alla situazione degli ultimi anni M. Musicco, C. Caltagirone, S. Sorbi, V. Bonavita for the dementia Study group of the italian Neurogical Society. Italian Neurogical Society Guidelines for the diagnosis of dementia: I revision. Neurol Sci, 25, , 2004

87 Possibile decadimento cognitivo 1. Difficoltà a ricordare recenti conversazioni, eventi ed appuntamenti 2. Difficoltà a ricordare il giorno della settimana o la data attuale (Vuoti di memoria che compromettono la funzionalità di ogni giorno) In vecchiaia si dimenticano gli appuntamenti o i nomi o ci si può confondere con il giorno, ma in genere si ricordano più tardi

88 Possibile decadimento cognitivo 3. Quando si ripone frequentemente gli oggetti in luoghi inappropriati (o insoliti e non si ritrovano e magari si accusa di furto i parenti o amici) In vecchiaia si possono perdere le cose di uso più frequente che però in genere successivamente si ritrovano (non ci sono deliri di latrocinio)

89 Possibile decadimento cognitivo 4. Quando si diventa ripetitivi nel parlare 5. Quando c è difficoltà nel seguire un pensiero complesso o nell eseguire compiti che richiedono numerose azioni In vecchiaia ci può essere difficoltà nell eseguire compiti nuovi che richiedono numerose azioni

90 Possibile decadimento cognitivo 6. Quando insorge incapacità a rispondere a problemi banali insorti a casa o sul lavoro (difficoltà a pianificare le cose o a risolvere i problemi) In vecchiaia si possono compiere errori occasionali non gravi di cui in genere in seguito ci si accorge 7. Quando uno si mostra stranamente poco riguardoso delle regole sociali di comportamento (ovviamente se non lo è sempre stato)

91 Possibile decadimento cognitivo 8. Quando insorgono difficoltà nell orientamento durante la guida dell automobile (problema delle rotonde) 9. Quando uno si perde in luoghi familiari In vecchiaia possiamo avere difficoltà in luoghi non conosciuti

92 Possibile decadimento cognitivo 10. Quando uno diventa passivo, non reagisce adeguatamente alle differenti situazioni e si mostra indifferente e distaccato (ritiro dalla vita sociale) In vecchiaia non si abbandona mai niente del tutto 11. Quando uno interpreta in modo sbagliato stimoli uditivi e visivi In vecchiaia spesso ci sono problemi di deficit visivi ed uditivi ma non di interpretazione, a meno che il deficit sia grave

93 Possibile decadimento cognitivo 12. Quando uno diventa più irritabile e sospettoso del solito (cambiamenti nel tono dell umore e nella personalità) In vecchiaia non c è un significativo cambiamento: si tende magari a costruirsi una routine ed ad irritarsi se la routine viene in qualche modo modificata

94 Possibile decadimento cognitivo 13. Quando uno ha difficoltà sempre maggiori a trovare le parole che esprimono ciò che vuole comunicare ( sulla punta della lingua ) ed a seguire le conversazioni (utilizzo sempre più frequente di parole passe-partout, parafasie, circonlocuzioni ) In vecchiaia si possono sperimentare difficoltà a trovare la parola giusta che però viene in mente più tardi.

95 Possibile decadimento cognitivo Quando c è una perdita di autonomia non legata a disabilità fisica

96 Algoritmo del punteggio Mini-Cog

97 Sindrome Demenza - Diagnosi e Trattamento Raccomandazione 6 Nell ambito delle attività del medico di medicina generale è buona pratica ricercare tutte le condizioni patologiche che possono essere causa di disturbi cognitivi Livello VI, Forza A

98 Sindrome Demenza - Diagnosi e Trattamento Raccomandazione 7 Nel formulare l ipotesi diagnostica di demenza il medico di medicina generale valuta la presenza di comorbilità e identifica elementi di rischio riferibili a isolamento sociale. Livello VI, Forza A

99 Sindrome Demenza - Diagnosi e Trattamento Raccomandazione 8 Nel sospetto di una demenza, il medico di medicina generale propone al paziente esami ematochimici basali. Livello VI, Forza A

100 Sindrome Demenza - Diagnosi e Trattamento Esami di screening: Emocromo con formula Elettroliti (Na, K, Ca) Glicemia Creatininemia, azotemia ALT, AST, gamma GT TSH Acido folico, vitamina B12 in casi individuali, rilevazioni più specifiche, quali i test sierologici per la sifilide, la ricerca di infezioni da HIV o da Borrelia

101 Sindrome Demenza - Diagnosi e Trattamento Raccomandazione 9 Per una definizione diagnostica di demenza, il medico di medicina generale propone al paziente un esame di visualizzazione cerebrale (TC o RM). Livello VI, Forza A

102 Sindrome Demenza - Diagnosi e Trattamento Raccomandazione 10 Per la conferma diagnostica, per la diagnosi differenziale fra le Demenze, per l organizzazione del Piano Terapeutico e per la stabilizzazione di situazioni complesse, il Medico di Medicina Generale può avvalersi dei Servizi Specialistici dedicati alla cura delle Demenze. Livello VI, Forza A

103 Visita specialistica UVA Depressione o delirium? NO SI nella norma: rassicurare Patologie associate scompensate Trattamento e rivalutazione Valutazione cognitivo funzionale e comportamentale di 2 livello SI Ancora presenti sintomi di possibile demenza? Non raggiunti i criteri per la diagnosi di demenza (MCI) Criteri per demenza NO Prosegue terapia Rivalutazione a 6 o 12 mesi Definizione eziologica (con gli esami ritenuti più opportuni al completamento diagnostico) Trattamento farmacologico specifico Controllo dei sintomi comportamentali Pianificazione interventi sociali e di supporto per il caregiver

104

105 Linee Guida -Toscana Algoritmo MINIMO valutazione cognitiva 0-20 STOP Mini Mental State Examination II livello Screening cognitivo avanzato Coordinamento UVA Toscana AIP Progetto UNIVA

106 DEMENZA: un possibile sviluppo di modello per il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Cure Primarie AFT - UVM ADI, CD, RSA Percorso diagnostico-terapeutico Formazione continua Percorso assistenziale Modulo Alzh. in RSA CD Alzheimer UVA Pronto Soccorso Day Hospital Day Service Letti per acuti

107 Il Piano Nazionale Demenze (PND) Pubblicato Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n 9 del

108

109

110

Disturbi comportamentali Aspetti clinici

Disturbi comportamentali Aspetti clinici Disturbi comportamentali Aspetti clinici Dott. ssa Livia Ludovico La Malattia di Alzheimer: gli aspetti clinici e l alleanza terapeutica Hotel Parma & Congressi Via Emilia Ovest, 281/A - Parma 24 settembre

Dettagli

L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD. Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST

L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD. Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST L APPROCCIO PSICHIATRICO: DEPRESSIONE E BPSD Lucio Ghio Clinica Psichiatrica - IRCSS A.O.U. San Martino-IST Approccio psichiatrico nelle Demenze Depressione Behavioral and Psychological Symptoms of Dementia

Dettagli

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC La valutazione comportamentale Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC Ruolo dei disturbi comportamentali nella demenza sono la prima causa di stress nel care-giver (Rabins et al,

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

Proposta per il superamento di criticità nella gestione di pazienti con demenza

Proposta per il superamento di criticità nella gestione di pazienti con demenza Proposta per il superamento di criticità nella gestione di pazienti con demenza Le dimensioni del problema Il dato stimato per demenza in Toscana nell anno 2010 è di 84.212 persone, con un tasso di incidenza

Dettagli

Disturbo della memoria: quando è normale per l età? Quando preoccuparsi? Che fare?

Disturbo della memoria: quando è normale per l età? Quando preoccuparsi? Che fare? Disturbo della memoria: quando è normale per l età? Quando preoccuparsi? Che fare? Dr.ssa Elisabetta Corengia Dr.ssa Caterina Barrilà Ospedale Valduce Como Neurologia da Lo smemorato di Tapiola Arto Paasilinna

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI

I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI Dr. Emiliano Petrò Responsabile Unità Valutativa Alzheimer Policlinico San Marco, Zingonia Importanza della diagnosi precoce Esclude

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Parte IV - TRATTAMENTO PSICO-SOCIALE

Parte IV - TRATTAMENTO PSICO-SOCIALE Parte IV - TRATTAMENTO PSICO-SOCIALE Luc De Vreese, Rabih Chattat, Guido Gori, Elisabetta Mecatti, Anna Maria Mello, Sara De Montis, Pier Luigi Oscari, Silvia Ragni INTRODUZIONE (1) I farmaci oggi a disposizione

Dettagli

DEMENZE Cenni epidemiologici

DEMENZE Cenni epidemiologici DEMENZE Cenni epidemiologici Le demenze, rappresentano la quarta causa di morte negli ultra65enni. La prevalenza aumenta con l età ed è maggiore nel sesso femminile (5,3% Uomini e 7,2% Donne >65aa), specie

Dettagli

LA DEMENZA SENILE: ORIGINE E DIAGNOSI PRECOCE

LA DEMENZA SENILE: ORIGINE E DIAGNOSI PRECOCE LA DEMENZA SENILE: ORIGINE E DIAGNOSI PRECOCE Filippo Bogetto Dipartimento di Neuroscienze, Università degli Studi di Torino Dipartimento Salute Mentale Interaziendale To 1 - Molinette MODIFICAZIONI COGNITIVE

Dettagli

LA MALATTIA DI ALZHEIMER: DAL SOSPETTO CLINICO ALLA DIAGNOSI (Parte II)

LA MALATTIA DI ALZHEIMER: DAL SOSPETTO CLINICO ALLA DIAGNOSI (Parte II) LA MALATTIA DI ALZHEIMER: DAL SOSPETTO CLINICO ALLA DIAGNOSI (Parte II) Dr. Roberto Bombardi Dirigente Medico Neurologia Ospedale San. Bassiano 11 Ottobre 2014 -Bassano del Grappa Eavluationofcognitive

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento.

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. I disturbi mentali dell anziano comprendono tutti i disturbi ritrovabili nei giovani adulti e ad essi

Dettagli

MODULO 01. DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone

MODULO 01. DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone MODULO 01 DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone STATO DEPRESSIVO: dimensione e sintomi 2 Su 10 pazienti che si presentano nello studio di un

Dettagli

IL DELIRIUM: STRATEGIE DI PREVENZIONE E GESTIONE

IL DELIRIUM: STRATEGIE DI PREVENZIONE E GESTIONE IL DELIRIUM: STRATEGIE DI PREVENZIONE E GESTIONE Collegio IPASVI Brescia 24 febbraio 2016 Zani Michele Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Fond. Le Rondini Città di Lumezzane ONLUS IL MESSAGGIO DI OGGI

Dettagli

MMSE. Mini Mental State Examination. Folstein e coll. (1975)

MMSE. Mini Mental State Examination. Folstein e coll. (1975) MMSE Mini Mental State Examination Folstein e coll. (1975) Scopo Il MMSE è un test ampiamente utilizzato nella pratica clinica della valutazione delle funzioni cognitive dei soggetti anziani. E un test

Dettagli

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5

PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA. Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 PDTA Per gestire le demenze dal domicilio all RSA Dr. Guido Barberis SC di Geriatria ASL To5 ASL To5 310.000 cittadini 60.000 > 65 enni 1.000 ricoverati in RSA in convenzione 6.000 progetti UVG in 10 anni,

Dettagli

Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING

Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING Este, sala Fumanelli, sabato 14 settembre 2013 PRINCIPI DI TERAPIA PSICHIATRICA NELL ANZIANO Dott. Lino Pasqui

Dettagli

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno Le demenze Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno LE DEMENZE DEFINIZIONE 1. La demenza definisce uno stato di progressivo decadimento delle funzioni cognitive prodotto da una patologia cerebrale

Dettagli

ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI

ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI 1 CORSO FORMATIVO/INFORMATIVO MESORACA (KR) 24/ 28 MAGGIO ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI DOTT.SSA MARIANTONIA ALTIMARI DIRIGENTE RESPONSABILE CSM MESORACA ASPETTATIVA DI VITA Il miglioramento

Dettagli

Vertova 18-Settembre-2010. La terapia della malattia di Alzheimer Lo stato della ricerca e della terapia oggi.

Vertova 18-Settembre-2010. La terapia della malattia di Alzheimer Lo stato della ricerca e della terapia oggi. Vertova 18-Settembre-2010 La terapia della malattia di Alzheimer Lo stato della ricerca e della terapia oggi. Epidemiologia m.alzheimer Secondo ADI(Alzheimer s disease international) 1) 35 milioni persone

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

La L D eme m nz n a z

La L D eme m nz n a z La Demenza Background La demenza è una delle principali cause di disabilità nel mondo occidentale e rappresenta una priorità assistenziale, soprattutto in termini di costi, che aumenterà nei prossimi anni

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER

MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER Dai primi sintomi alla diagnosi Roberto De Gesu Medico di Med. Generale - Responsabile della attività medica di base e del coordinamento sanitario RSA Cialdini

Dettagli

MALATTIA DI ALZHEIMER

MALATTIA DI ALZHEIMER MALATTIA DI ALZHEIMER FORME FAMILIARI FORME SPORADICHE 5-10% 90-95% Esordio precoce (40-60 aa) (EOFAD) Esordio tardivo (>60 aa) (LOFAD) Esordio precoce (65 aa) (LOAD) (Fattori

Dettagli

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA LE FRAGILITA DELL ANZIANO Motoria FRAGILITA Cerebro-vascolare Cognitiva Ambientale Metabolica STROKE 80 % ISCHEMICO EMORRAGICO 20 % CORTICALE A. cerebrale ant. A. cerebrale media A. cerebrale post. SOTTOCORTICALE

Dettagli

Cosa sono le patologie neurodegenerative. Dr. R. Padoan Neurologia Feltre

Cosa sono le patologie neurodegenerative. Dr. R. Padoan Neurologia Feltre Cosa sono le patologie neurodegenerative Dr. R. Padoan Neurologia Feltre Le malattie neurodegenerative sono un insieme variegato di malattie del cervello, accomunate da un processo cronico e selettivo

Dettagli

Il trattamento farmacologico dei. paziente con demenza. Dott. Belotti Gloria Responsabile Medico Rsa Fondazione Santa Maria Ausiliatrice Bergamo

Il trattamento farmacologico dei. paziente con demenza. Dott. Belotti Gloria Responsabile Medico Rsa Fondazione Santa Maria Ausiliatrice Bergamo Il trattamento farmacologico dei disturbi psico-comportamentali comportamentali nel paziente con demenza Dott. Belotti Gloria Responsabile Medico Rsa Fondazione Santa Maria Ausiliatrice Bergamo BPSD Behavioral

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

Ictus acuto: fase preospedaliera

Ictus acuto: fase preospedaliera Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Ictus Ruolo del Medico di Medicina Generale nell ambito del programma regionale ed aziendale sulla STROKE CARE Arezzo, Ordine dei Medici,

Dettagli

DEMENZE. Demenze secondarie

DEMENZE. Demenze secondarie Prof. Benvenuti DEMENZE La demenza è caratterizzata da un declino cognitivo che si manifesta con uno stato di coscienza normale e in assenza di altre malattie acute o sub-acute che possono causare un declino

Dettagli

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia CONTESTO GENERALE In Italia l 80% circa dei pazienti affetti da demenza è assistita

Dettagli

I disturbi comportamentali nella demenza: approccio e terapia

I disturbi comportamentali nella demenza: approccio e terapia I disturbi comportamentali nella demenza: approccio e terapia SIGG LIGURIA 16 ottobre 2010 Camilla Prete Unità Valutativa Alzheimer Geriatria E.O. Ospedali Galliera RAPPORTO MONDIALE 2010 costi economici

Dettagli

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione resistente alla terapia farmacologica di Salvatore Di Salvo I dati della

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

La palestra per la mente

La palestra per la mente La palestra per la mente Corso rivolto alla terza età Docenti: Dr.sse E. Pasquali, L. Cretella Associazione UmanaMente www.associazioneumanamente.org La palestra per la mente Corso rivolto alla terza età

Dettagli

paziente e della famiglia Maria Paola Barbieri

paziente e della famiglia Maria Paola Barbieri La presa in carico del paziente e della famiglia Maria Paola Barbieri La demenza è una malattia: Frequente: In Italia sono 1.000.000 circa i casi di demenza e circa 3 milioni di familiari sono coinvolti

Dettagli

Indice Autori. 1 Principi generali. Valutazione iniziale. Sintomi bersaglio. Uso di più farmaci. Scelta del farmaco. Sostituzione con farmaci generici

Indice Autori. 1 Principi generali. Valutazione iniziale. Sintomi bersaglio. Uso di più farmaci. Scelta del farmaco. Sostituzione con farmaci generici Indice Autori 1 Principi generali Valutazione iniziale Sintomi bersaglio Uso di più farmaci Scelta del farmaco Sostituzione con farmaci generici Enzimi del citocromo P450 Legame proteico Assorbimento ed

Dettagli

La psicologia come diagnosi e riabilitazione

La psicologia come diagnosi e riabilitazione San Maurizio Canavese, 23/24 Febbraio 2012 Danilo De Gaspari ICP - CTO CENTRO PARKINSON MILANO L INTERVENTO PSICOLOGICO IN 2 FASI 1. LA DIAGNOSI DEI DISTURBI COGNITIVO-COMPORTAMENTALI 2. LA PRESA IN CARICO

Dettagli

Demenze : La sfida del Territorio. Dott. Antonio Colin Responsabile Unità Valutativa Alzheimer ASL NA5 - Distretto 81 - Portici

Demenze : La sfida del Territorio. Dott. Antonio Colin Responsabile Unità Valutativa Alzheimer ASL NA5 - Distretto 81 - Portici Demenze : La sfida del Territorio Dott. Antonio Colin Responsabile Unità Valutativa Alzheimer ASL NA5 - Distretto 81 - Portici Evoluzione Popolazione Italiana - Lori et al. 1995 DEMENZA SENILE QUARTA CAUSA

Dettagli

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco DEMENZA Sindrome clinica caratterizzata dal deterioramento della memoria e delle altre funzioni cognitive rispetto al livello di sviluppo

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it Delirium o sindrome confusionale Presenza di alterazioni della coscienza e delle funzioni i cognitive, ii che si sviluppano in un breve arco di tempo, generalmente ore o giorni, e tendono a fluttuare nell

Dettagli

IL DETERIORAMENTO COGNITIVO MINIMO

IL DETERIORAMENTO COGNITIVO MINIMO Progetto Obiettivi di Piano 2010 per le Demenze Formazione Medici di Medicina Generale IL DETERIORAMENTO COGNITIVO MINIMO MILD COGNITIVE IMPAIRMENT (MCI) Alessandra Clodomiro Centro Regionale di Neurogenetica

Dettagli

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato La Malattia di Alzheimer Manuel Soldato Caratteristiche Più frequente forma di demenza Deterioramento ingravescente delle capacità cognitive Comparsa di disturbi comportamentali e dell affettività Progressiva

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli

La progressione clinica

La progressione clinica La progressione clinica I medici di fronte alla demenza nella donna e nell uomo Milano, 20 settembre 2014 Francesca Clerici Centro per il Trattamento e lo Studio dei Disturbi Cognitivi U.O. Neurologia

Dettagli

CONOSCERE LA DEMENZA PER AFFRONTARLA

CONOSCERE LA DEMENZA PER AFFRONTARLA 1 CORSO FORMATIVO/INFORMATIVO MESORACA 24/ 28 MAGGIO 2016 CONOSCERE LA DEMENZA PER AFFRONTARLA DOTT.SSA ANASTASIA WANDA CARCELLO DOTT.SSA MONICA BACCI COS È LA DEMENZA? GRADUALE COMROMISSIONE DELLE FUNZIONI

Dettagli

I sintomi neuropsichiatrici nelle demenze

I sintomi neuropsichiatrici nelle demenze PERCORSI INTEGRATI TRA LA MEDICINA GENERALE E LE ALTRE SPECIALITÀ NELLA DIAGNOSI E CURA DELLE DEMENZE/ALZHEIMER NELL ASP-CZ I sintomi neuropsichiatrici nelle demenze Dr. Gianfranco Puccio Lamezia Terme

Dettagli

Come cambiano le funzioni cognitive nella terza età: invecchiamento normale e patologico

Come cambiano le funzioni cognitive nella terza età: invecchiamento normale e patologico Come cambiano le funzioni cognitive nella terza età: invecchiamento normale e patologico L età è niente, è un numero che abbiamo addosso Arnoldo Foà Università Ivana Torretta Nerviano Massimiliano Dieci

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

Report definitivo. settembre 2014

Report definitivo. settembre 2014 Report definitivo settembre 2014 Titolo studio Metodologia Campione I Disturbi comportamentali nella demenza in un campione di pazienti ospiti di Residenze Sanitarie Assistenziali e Residenze Protette

Dettagli

IL DOLORE ONCOLOGICO VALUTAZIONE

IL DOLORE ONCOLOGICO VALUTAZIONE IL DOLORE ONCOLOGICO CARATTERISTICHE E VALUTAZIONE 1 LE CURE CONTINUATIVE Il dolore del paziente oncologico varia nel tempo, anche rapidamente, in relazione all evoluzione della malattia Necessità di frequente

Dettagli

LA MALATTIA DI ALZHEIMER: ASPETTI MEDICI E SOCIALI

LA MALATTIA DI ALZHEIMER: ASPETTI MEDICI E SOCIALI SEDE DI VARESE LA MALATTIA DI ALZHEIMER: ASPETTI MEDICI E SOCIALI Dott.ssa Cristina Morelli La malattia di Alzheimer è la più comune forma di demenza: colpisce l 1% della popolazione occidentale, il 6%

Dettagli

Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene

Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene Prof. Roberto Cotrufo 2009 Definizione di demenza La demenza è una sindrome caratterizzata da deterioramento di capacità cognitive

Dettagli

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE

Dettagli

La Valutazione dello Stress del caregiver

La Valutazione dello Stress del caregiver La Valutazione dello Stress del caregiver P.M. Rossini, L. Quintiliani, E. Cassetta AFaR, Ospedale Fatebenefratelli Isola Tiberina, Roma CAREGIVING Insieme di processi assistenziali forniti ad un soggetto

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare. Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it

Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare. Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it Menopausa e depressione: : come riconoscerla e cosa fare Laura Musetti DPNFB Università di Pisa l.musetti@med.unipi.it Epidemiologia Disturbi dell Umore Prevalenza Maschi/ femmine Età di esordio Depressione

Dettagli

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile?

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Studio condotto presso i 5 Istituti di cura per anziani della Città di Lugano. Giornata RAI 2011 Lugano 27

Dettagli

Si riportano di seguito in forma grafica gli esiti della ricerca:

Si riportano di seguito in forma grafica gli esiti della ricerca: UN PROGETTO DI RICERCA IN MATERIA DI TERAPIA E ATTIVITA ASSISTITA DAGLI ANIMALI NEL CENTRO SERVIZI ALZHEIMER DELLA VILLA GIOVANNI XXIII DI BITONTO IN COLLABOTRAZIONE CON L ASSOCIAZIONE WILLIE.IT * Nicola

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

I disturbi della mente

I disturbi della mente a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 I disturbi della mente 16/5/2006 Evoluzione Degenerazione delle capacità cognitive Invecchiamento buono Invecchiamento fisiologico

Dettagli

AVVISO DI CONFERIMENTO DI COLLABORAZIONE

AVVISO DI CONFERIMENTO DI COLLABORAZIONE Prot. 18 del 1/01/016 Avviso n. 5/16 AVVISO DI CONFERIMENTO DI COLLABORAZIONE Visto l art. 5 del Regolamento per l affidamento di incarichi di collaborazione coordinata e continuativa, consulenza professionale

Dettagli

MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da: Con il patrocinio di:

MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da: Con il patrocinio di: PROGRAMMA MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: DIAGNOSI NEUROPSICOLOGICA NELL ADULTO E NELL ANZIANO I EDIZIONE TORINO 19 GENNAIO 2014-14 DICEMBRE 2014 (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da:

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

14.30-15.30 IV SESSIONE: Il contributo dei Centri Diurni-parte II Moderatore: R. Nicoli

14.30-15.30 IV SESSIONE: Il contributo dei Centri Diurni-parte II Moderatore: R. Nicoli 14.30-15.30 IV SESSIONE: Il contributo dei Centri Diurni-parte II Moderatore: R. Nicoli I servizi socio-sanitari della IHG per l Alzheimer: UVA, Reparti di degenza, Centro Diurno, Assistenza domiciliare,

Dettagli

L avversario invisibile

L avversario invisibile L avversario invisibile Riconoscere i segni della depressione www.zentiva.it www.teamsalute.it Cap.1 IL PERICOLO NELL OMBRA Quei passi alle mie spalle quelle ombre davanti a me il mio avversario la depressione

Dettagli

Scheda informativa sulla Malattia di Alzheimer

Scheda informativa sulla Malattia di Alzheimer Che cos è la Malattia di Alzheimer? Quali sono le cause? Quali sono i sintomi? Quali sono i trattamenti? Qual è la prognosi? Cosa sta facendo l AFaR? Scheda informativa sulla Malattia di Alzheimer Che

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Demenze: come prendersene cura Dott. Alessio Gioffredi 25 febbraio 2015 Sala Piccolotto 1 La demenza: una sindrome sociale Aspetti epidemiologici Obiettivi generali

Dettagli

Un introduzione alle demenze: il punto di vista neuropsicologico. Stefano Stefanini Psicologo - Psicoterapeuta Centro Alzheimer Gazzaniga (BG)

Un introduzione alle demenze: il punto di vista neuropsicologico. Stefano Stefanini Psicologo - Psicoterapeuta Centro Alzheimer Gazzaniga (BG) Un introduzione alle demenze: il punto di vista neuropsicologico Stefano Stefanini Psicologo - Psicoterapeuta Centro Alzheimer Gazzaniga (BG) Aspetti Neuropsicologici Orientamento e attenzione Funzioni

Dettagli

PATOLOGIE 3 ALTRE FORME DI DEMENZA

PATOLOGIE 3 ALTRE FORME DI DEMENZA DEMENZA VASCOLARE PATOLOGIE 3 ALTRE FORME DI DEMENZA CRITERI DIAGNOSTICI DEL DSM-IV Esaminiamo adesso i principali quadri di demenza secondaria, iniziando dalle demenze vascolari, le più frequenti, che

Dettagli

Anziani, famigliari e operatori di fronte alla Malattia di Alzheimer

Anziani, famigliari e operatori di fronte alla Malattia di Alzheimer Anziani, famigliari e operatori di fronte alla Malattia di Alzheimer Carlo Alberto Defanti Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga Una malattia che

Dettagli

PARTE II LA FENOMENOLOGIA E LA DIAGNOSI DIFFERENZIALE DEI DISTURBI SENILI DELL UMORE

PARTE II LA FENOMENOLOGIA E LA DIAGNOSI DIFFERENZIALE DEI DISTURBI SENILI DELL UMORE Indice Collaboratori, XIII Introduzione, XVII PARTE I EPIDEMIOLOGIA E CARICO DELLA MALATTIA Epidemiologia dei disturbi depressivi nell età senile, Identificazione del caso, Prevalenza, incidenza e distribuzione,

Dettagli

Complicanze psico- cognitive dell ictus

Complicanze psico- cognitive dell ictus www.fisiokinesiterapia.biz Complicanze psico- cognitive dell ictus Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento Depressione post-ictus L utilizzo di benzodiazepine e neurolettici

Dettagli

Trasmessa via e-mai! Direzioni Generali Aziende Sanitarie e Ospedaliere del SSR. Ep.c.

Trasmessa via e-mai! Direzioni Generali Aziende Sanitarie e Ospedaliere del SSR. Ep.c. REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Settore n. 3 '51reaLEA" Servizio n. 8 ((Politica del Farmaco" Catanzaro Prot. n. 21 /'.1.0 / ~c>-1h 3> ~..-10 ~S _ Trasmessa via

Dettagli

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica

Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Unità 1 Introduzione alla Clinica Psichiatrica Prevalenza e incidenza delle malattie psichiatriche, psichiatriche sistemi di classificazione lassificazione e principi per la valutazione Unità 1 Clinica

Dettagli

MALATTIA DI ALZHEIMER: COME SOSTENERE IL MALATO E LA FAMIGLIA? insorgenza, decorso, terapia; la ricerca e le prospettive future LA MALATTIA:

MALATTIA DI ALZHEIMER: COME SOSTENERE IL MALATO E LA FAMIGLIA? insorgenza, decorso, terapia; la ricerca e le prospettive future LA MALATTIA: MALATTIA DI ALZHEIMER: COME SOSTENERE IL MALATO E LA FAMIGLIA? LA MALATTIA: insorgenza, decorso, terapia; la ricerca e le prospettive future Dott. Francesco Salerno Direttore Sanitario RSA San Camillo

Dettagli

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta Anno Accademico 2013 2014 Argomenti di Medicina Generale e terapia EVOLUZIONE E UOMO: è sempre lotta per l esistenza? LA CRONOBIOLOGIA: occhio all orologio; devo prendere

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE IX Legislatura Proposta di legge "Interventi regionali in favore di soggetti affetti da malattia di Alzheimer e sindromi dementigene ad essa correlate" Proponente Michelangelo

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOFARMACOLOGIA

ELEMENTI DI PSICOFARMACOLOGIA ELEMENTI DI PSICOFARMACOLOGIA (2) Dott. Francesco Matarrese ANTIDEPRESSIVI TRICICLICI 1 Farmaci Antidepressivi AD Triciclici Amitriptilina (adepril, laroxil) Clomipramina (anafranil) Desipramina (nortimil)

Dettagli

LA DEMENZA Dott.ssa Cristina Fonte Neuropsicologa

LA DEMENZA Dott.ssa Cristina Fonte Neuropsicologa LA DEMENZA Dott.ssa Cristina Fonte Neuropsicologa Centro di Ricerca in Riabilitazione Neuromotoria e Cognitiva Dipartimento di Scienze Neurologiche e del Movimento Università degli Studi di Verona DEMENZA

Dettagli

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG Esami ematochimici: emocromo, glicemia, creatinina, ALT, Colesterolo, Trigliceridi, Na, K, Cl, VES, TSH reflex, Dosaggio vit B12

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

1. LA MALATTIA DI ALZHEIMER

1. LA MALATTIA DI ALZHEIMER 1. LA MALATTIA DI ALZHEIMER Il morbo di Alzheimer è una delle maggiori problemi sociali e sanitari, cui andranno incontro i paesi occidentali nei prossimi decenni a causa del progressivo invecchiamento

Dettagli

LINEA VERDE ALZHEIMER 800 679 679

LINEA VERDE ALZHEIMER 800 679 679 LINEA VERDE ALZHEIMER 800 679 679 Rilevazione dalla Linea Verde: 2009/2010 2010/2011 (base: circa 1500 2000) www.alzheimer-aima.it Profilo sociodemografico del caregiver Età del caregiver (media) 56 anni

Dettagli

ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE.

ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE. ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE. Premesse teoriche Nella letteratura recente si trovano

Dettagli

Principi di trattamento dell amputato monolaterale di coscia. www.fisiokinesiterapia.biz

Principi di trattamento dell amputato monolaterale di coscia. www.fisiokinesiterapia.biz Principi di trattamento dell amputato monolaterale di coscia www.fisiokinesiterapia.biz Arteriopatia obliterante periferica Manifestazione della malattia aterosclerotica Restringimento ed occlusione dei

Dettagli

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST Le Malattie dell encefalo comunemente causano modificazioni del comportamento capacitàdi mantenere una

Dettagli

Anche per la demenza un approccio slow. Mosca Massimiliano

Anche per la demenza un approccio slow. Mosca Massimiliano Anche per la demenza un approccio slow Mosca Massimiliano Non si può guarire. Ha un andamento progressivo. È persistente e richiede trattamenti e assistenza protratti Porta ad una ingravescente perdita

Dettagli

Il Delirium nei diversi setting: reparti ospedalieri medici e chirurgici

Il Delirium nei diversi setting: reparti ospedalieri medici e chirurgici Il Delirium nei diversi setting: reparti ospedalieri medici e chirurgici Prof. Marco Zoli Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Alma Mater Studiorum Università di Bologna ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA

Dettagli

Il delirium II/II. Firenze 1 dicembre 2007. 8 Corso Multiprofessionale di Nursing

Il delirium II/II. Firenze 1 dicembre 2007. 8 Corso Multiprofessionale di Nursing Firenze 1 dicembre 2007 8 Corso Multiprofessionale di Nursing Il delirium II/II M.Pozzebon U.O.C. Geriatria U.S.D. Continuità delle Cure P.O. Treviso Delirium: sindrome multifattoriale che deriva dall

Dettagli

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO OSSESSIVO- COMPULSIVO Prof.ssa Lorettu DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO Caratteristica essenziale di questo disturbo

Dettagli

La Demenza come, quando, perché

La Demenza come, quando, perché La Demenza come, quando, perché Si tratta di un disturbo acquisito, e con base organica, delle funzioni intellettive che sono state in precedenza acquisite: memoria (a breve e lungo termine) e almeno una

Dettagli